Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti Politiche della Salute. Guadagnare Salute. rendere facili le scelte salutari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti Politiche della Salute. Guadagnare Salute. rendere facili le scelte salutari"

Transcript

1 Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti Politiche della Salute Guadagnare Salute rendere facili le scelte salutari I Protocolli d Intesa del 3 maggio 2007 tra il Ministro della Salute e CGIL CISL UIL Associazioni dei Consumatori e degli Utenti Associazioni Imprenditoriali della filiera alimentare Unipro (associazione italiana delle imprese cosmetiche) Associazione Slow Food Associazione Altro Consumo Il parere della Conferenza Unificata (Regioni - Enti Locali)

2

3

4

5 Ministero della Salute PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministro della Salute e le Associazioni dei Consumatori e degli Utenti CONSIDERATO che il Programma Guadagnare salute: rendere facili le scelte salutari, approvato dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 16 febbraio 2007, è finalizzato a promuovere e facilitare l'assunzione di abitudini salutari da parte della popolazione nell'ottica della prevenzione delle principali patologie croniche (malattie cardiovascolari, tumori, diabete mellito, malattie respiratorie croniche, problemi di salute mentale e disturbi muscolo-scheletrici ) che hanno in comune fattori di rischio modificabili, quali il fumo di tabacco, l obesità e sovrappeso, l abuso di alcol e la sedentarietà; CONSIDERATO che la diffusione dei citati fattori di rischio è influenzata da comportamenti individuali ma anche fortemente sostenuta dall ambiente di vita, di lavoro e da quello sociale, dai condizionamenti del mercato e dalle politiche commerciali relativamente a disponibilità di prodotti, prezzi praticati e caratteristiche dell attività pubblicitaria, nonché dal consumo di pasti all interno dei luoghi di lavoro o nelle immediate vicinanze CONSIDERATO che i dati esistenti indicano che ampie fasce di popolazione, in particolare i bambini, hanno scorretti stili di vita caratterizzati da un insufficiente attività fisica e un alimentazione non equilibrata e difforme dalle raccomandazioni internazionali e dalle linee guida nazionali, e tenuto conto della continua evoluzione delle conoscenze scientifiche circa il ruolo dell attività motoria, delle diete, dei singoli nutrienti CONSIDERATO che, in particolare, nell alimentazione della popolazione italiana si rilevano eccessi per quanto riguarda l apporto calorico complessivo e introiti eccessivi di carboidrati semplici, grassi in particolare grassi saturi -, sodio e di contro scarsa assunzione di frutta e verdura CONSIDERATA la necessità di dedicare particolare attenzione ai problemi peculiari dell alimentazione di alcuni gruppi di popolazione, caratterizzati da esigenze nutrizionali specifiche, e per questo motivo più vulnerabili, quali in particolare bambini, adolescenti, gestanti, nutrici, donne in menopausa, anziani CONSIDERATO che sono necessarie strategie intersettoriali a livello nazionale e locale per sviluppare azioni mirate a favorire un cambiamento nei comportamenti e nell ambiente di vita delle persone, per il conseguimento degli obiettivi del Programma Guadagnare salute: rendere facili le scelte salutari RITENUTO che le Associazioni dei Consumatori ed Utenti, nell ambito delle specifiche prerogative, possono svolgere un ruolo fondamentale nel favorire i comportamenti salutari, orientando una scelta

6 consapevole e promuovendo tipologie di alimentazione in linea con le raccomandazioni citate, soprattutto di quei prodotti e diete che richiedono una particolare consapevolezza dei consumatori per i possibili effetti sulla salute VISTO il decreto del Ministro della Salute in data 27 aprile 2007 di costituzione della Piattaforma nazionale sull alimentazione, l attività fisica e il tabagismo avente il compito di formulare proposte ed attuare iniziative per favorire in tutta la popolazione una sana alimentazione, una maggiore attività fisica, per contrastare l abuso di alcol e per ridurre il fumo di tabacco, allo scopo di limitare il rischio di numerose malattie e di favorire il miglioramento della qualità della vita, secondo le indicazioni del citato Programma Guadagnare salute VISTO il D.L.gs 6 settembre 2005, n. 206, recante il codice del consumo e in particolare l art. 137 che prevede che presso il Ministero delle Attività Produttive sia istituito l elenco delle associazioni dei consumatori e degli utenti rappresentative a livello nazionale ; VISTO il D.D. 2 dicembre 2005, di aggiornamento dell elenco delle associazioni dei consumatori e degli utenti rappresentative a livello nazionale, così come modificato dal D.D. 30 maggio 2006 ; CONSIDERATO che l Associazione Consumatori Utenti ACU, l Associazione Difesa Consumatori e Ambiente ADICONSUM, l Associazione per la Difesa e l Orientamento dei Consumatori ADOC, Coordinamento delle Associazioni per la Difesa Ambientale e dei Diritti degli Utenti e Consumatori CODACONS, la Confederazione Generale dei Consumatori CONFCONSUMATORI, la Federazione Nazionale Consumatori e Utenti FEDERCONSUMATORI, la Lega Consumatori, condividono le finalità generali del Programma Guadagnare Salute: rendere facili le scelte salutari e che il Ministro della Salute intende procedere con le stesse Associazioni dei Consumatori ed Utenti, in un ottica di sinergia e piena collaborazione, alla definizione di azioni specifiche nell ambito del Programma stesso CONSIDERATO, infine, che il comune interesse a rendere operativo il Programma sopra citato pone la necessità di avviare un programma di collaborazione e di concordare le modalità di collaborazione tra il Ministero della Salute e le Associazioni citate IL MINISTRO DELLA SALUTE E ACU, ADICONSUM, ADOC, CODACONS, CONFCONSUMATORI, FEDERCONSUMATORI, LEGA CONSUMATORI CONCORDANO QUANTO SEGUE Art. 1 Il Ministero della Salute e l Associazione Consumatori Utenti ACU, l Associazione Difesa Consumatori e Ambiente ADICONSUM, l Associazione per la Difesa e l Orientamento dei Consumatori ADOC, Coordinamento delle Associazioni per la Difesa Ambientale e dei Diritti degli Utenti e Consumatori CODACONS, la Confederazione Generale dei Consumatori CONFCONSUMATORI, la Federazione Nazionale Consumatori e Utenti FEDERCONSUMATORI, la Lega Consumatori nel quadro delle finalità di cui in premessa, nei limiti delle rispettive prerogative, si impegnano a definire sostenere e realizzare un programma di collaborazione per il conseguimento di obiettivi specifici tra cui : - promuovere la disponibilità e la diffusione tra i consumatori e gli utenti dei dati sull alimentazione e sui consumi alimentari della popolazione e sulle relazioni con la condizione di obesità e sovrappeso

7 - sviluppare una collaborazione per la divulgazione di una appropriata campagna informativa per il consumo consapevole di alimenti in linea con le esigenze dei consumatori e gli utenti interessati ad attuare cambiamenti significativi e salutari della dieta. - sostenere politiche commerciali orientate a favorire nei consumatori e gli utenti comportamenti salutari - collaborare alla vigilanza della corretta applicazione dei codici di autoregolamentazione della pubblicità approvati a livello nazionale ed internazionale finalizzati a: migliorare la qualità dell informazione pubblicitaria diretta ai consumatori ridurre l impatto della comunicazione commerciale sui consumatori più vulnerabili, in particolare sui bambini, per evitare che venga sfruttata in alcun modo la credulità e la carenza di capacità critica dei minori fornire informazioni dettagliate e specifiche per i consumatori a rischio in quanto portatori di patologie eliminare l uso di espressioni che possano indurre in inganno i consumatori circa eventuali effetti benefici per la salute di alcuni alimenti - sostenere la divulgazione di una appropriata campagna informativa per promuovere un aumento dei consumi di prodotti ortofrutticoli freschi tra i consumatori e gli utenti - sostenere il rapporto fiduciario tra i consumatori e gli utenti e le Associazioni di categoria rappresentative della filiera alimentare che si impegnano a fornire al pubblico, nel rispetto delle vigenti regole comunitarie sull etichettatura dei generi alimentari, informazioni coerenti e comprensibili sul contenuto nutritivo degli alimenti che consentano di effettuare scelte alimentari informate e oculate - concordare criteri di valutazione e misurazione dell efficacia delle iniziative e delle azioni intraprese e strumenti di verifica dell implementazione degli accordi presi Art. 2 Le Associazioni dei Consumatori ed Utenti si impegnano, entro 60 giorni dalla sottoscrizione del presente accordo, a far conoscere al Ministero della salute un programma dettagliato delle iniziative che intendono porre in essere relativamente agli obiettivi di cui all articolo 1, con l indicazione dei tempi e delle modalità di attuazione, a recepire eventuali ulteriori indicazioni e suggerimenti del Ministero della salute e a dar luogo a uno o più protocolli di intesa. Art. 3 Il monitoraggio e la valutazione delle iniziative intraprese in attuazione del presente accordo sarà effettuato in periodici incontri tra il Ministro della salute o un suo delegato, e i Rappresentanti delle Associazioni dei Consumatori ed Utenti. Roma, li Il Ministro della Salute Sen. Livia TURCO Le Associazioni dei Consumatori ed Utenti ACU ADICONSUM ADOC CODACONS

8 CONFCONSUMATORI FEDERCONSUMATORI LEGA CONSUMATORI

9 Ministero della Salute PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministro della Salute e le Associazioni di categoria rappresentative della filiera alimentare CONSIDERATO che il Programma Guadagnare salute: rendere facili le scelte salutari, approvato dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 16 febbraio 2007, è finalizzato a promuovere e facilitare l'assunzione di abitudini salutari da parte della popolazione nell'ottica della prevenzione delle principali patologie croniche (malattie cardiovascolari, tumori, diabete mellito, malattie respiratorie croniche, problemi di salute mentale e disturbi muscolo-scheletrici ) che hanno in comune fattori di rischio modificabili, quali il fumo di tabacco, l obesità e sovrappeso, l abuso di alcol e la sedentarietà; CONSIDERATO che la diffusione dei citati fattori di rischio è influenzata da comportamenti individuali ma anche fortemente sostenuta dall ambiente di vita e da quello sociale, dai condizionamenti del mercato e dalle politiche commerciali relativamente a disponibilità di prodotti, prezzi praticati e caratteristiche dell attività pubblicitaria CONSIDERATO che i dati esistenti indicano che ampie fasce di popolazione, in particolare i bambini, hanno scorretti stili di vita caratterizzati da un insufficiente attività fisica e un alimentazione non equilibrata e difforme dalle raccomandazioni internazionali e dalle linee guida nazionali, e tenuto conto della continua evoluzione delle conoscenze scientifiche circa il ruolo dell attività motoria, delle diete, dei singoli nutrienti e dei relativi fabbisogni CONSIDERATO che, in particolare, nell alimentazione della popolazione italiana si rilevano eccessi per quanto riguarda l apporto calorico complessivo e introiti eccessivi di carboidrati semplici, grassi in particolare grassi saturi -, sodio e di contro scarsa assunzione di frutta e verdura CONSIDERATA la necessità di dedicare particolare attenzione ai problemi peculiari dell alimentazione di alcuni gruppi di popolazione, caratterizzati da esigenze nutrizionali specifiche, e per questo motivo più vulnerabili, quali, in particolare, bambini, adolescenti, gestanti, nutrici, donne in menopausa, anziani CONSIDERATO che sono necessarie strategie intersettoriali a livello nazionale e locale per sviluppare azioni mirate a favorire un cambiamento nei comportamenti e nell ambiente di vita delle persone, in linea con gli obiettivi del Programma Guadagnare salute: rendere facili le scelte salutari RITENUTO che le Associazioni di categoria rappresentative della filiera alimentare, nell ambito delle specifiche competenze, possono svolgere un ruolo fondamentale nel favorire i comportamenti salutari,

10 orientando l offerta e promuovendo tipologie di alimentazione in linea con le raccomandazioni citate, soprattutto di quei prodotti e diete che richiedono una particolare consapevolezza dei consumatori per i possibili effetti sulla salute VISTO il decreto del Ministro della Salute in data 26 aprile 2007 di costituzione della Piattaforma nazionale sull alimentazione, l attività fisica e il tabagismo avente il compito di formulare proposte ed attuare iniziative per favorire in tutta la popolazione una sana alimentazione, una maggiore attività fisica, per contrastare l abuso di alcol e per ridurre il fumo di tabacco, allo scopo di limitare il rischio di numerose malattie e di favorire il miglioramento della qualità della vita, secondo le indicazioni del citato Programma Guadagnare salute CONSIDERATO che Coldiretti, Confagricoltura, Confcommercio, Confcooperative, Confederazione Italiana Agricoltori, Confesercenti, COPAGRI Confederazione Produttori agricoli, Federalimentare e Legacoop condividono le finalità generali del Programma Guadagnare Salute: rendere facili le scelte salutari e che il Ministro della Salute intende procedere con le stesse Associazioni di categoria rappresentative della filiera alimentare, in un ottica di sinergia e piena collaborazione, alla definizione di azioni specifiche nell ambito del Programma stesso CONSIDERATO, infine, che l interesse a rendere operativo il Programma sopra citato pone la necessità di avviare un programma di collaborazione e di disciplinare le modalità di collaborazione tra il Ministero della Salute e le Associazioni citate IL MINISTRO DELLA SALUTE E COLDIRETTI, CONFAGRICOLTURA, CONFCOMMERCIO, CONFCOOPERATIVE, CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI, CONFESERCENTI, COPAGRI CONFEDERAZIONE PRODUTTORI AGRICOLI, FEDERALIMENTARE E LEGACOOP CONCORDANO QUANTO SEGUE Art. 1 Il Ministero della Salute e Coldiretti, Confagricoltura, Confcommercio, Confcooperative, Confederazione Italiana Agricoltori, Confesercenti, COPAGRI Confederazione Produttori agricoli, Federalimentare e Legacoop nel quadro delle finalità di cui in premessa, nei limiti delle rispettive competenze, si impegnano a definire sostenere e realizzare un programma di interventi per il conseguimento di obiettivi specifici tra cui: - promuovere la disponibilità e la diffusione dei dati sull alimentazione e sui consumi alimentari della popolazione e sulle relazioni con la condizione di obesità e sovrappeso - sviluppare la ricerca tecnologica per innovazioni di prodotto e di processo che permettano di ampliare sempre di più la diffusione sul mercato di alimenti in linea con le esigenze dei consumatori interessati ad attuare cambiamenti significativi e salutari della dieta. - sostenere politiche commerciali orientate a favorire nei consumatori comportamenti salutari attraverso interventi sulle dinamiche dell offerta (tipologia di prodotti, prezzi) - promuovere la diffusione e l applicazione dei codici di autoregolamentazione della pubblicità approvati a livello nazionale ed internazionale finalizzati a: migliorare la qualità dell informazione pubblicitaria diretta ai consumatori

11 ridurre l impatto della comunicazione commerciale sui consumatori più vulnerabili, in particolare sui bambini, per evitare che venga sfruttata in alcun modo la credulità e la carenza di capacità critica dei minori fornire informazioni dettagliate e specifiche per i consumatori a rischio in quanto portatori di patologie eliminare l uso di espressioni che possano indurre in inganno i consumatori circa eventuali effetti benefici per la salute di alcuni alimenti - sostenere strategie per promuovere un aumento dei consumi di prodotti ortofrutticoli freschi, anche attraverso una ottimizzazione dei canali di distribuzione, ivi compresa una migliore offerta nella distribuzione automatica - sviluppare il rapporto fiduciario con i consumatori, fornendo al pubblico, nel rispetto delle vigenti regole comunitarie sull etichettatura dei generi alimentari, informazioni coerenti e comprensibili sul contenuto nutritivo degli alimenti che consentano di effettuare scelte alimentari informate e oculate - stabilire criteri di valutazione e misurazione dell efficacia delle iniziative e delle azioni intraprese e strumenti di verifica dell implementazione degli accordi presi Art. 2 Le Associazioni di categoria rappresentative della filiera alimentare si impegnano, entro 60 giorni dalla stipula del presente accordo, a trasmettere al Ministero della salute un programma dettagliato delle iniziative che intendono porre in essere relativamente agli obiettivi di cui all articolo 1, con l indicazione dei tempi e delle modalità di attuazione, a prendere in considerazione eventuali ulteriori indicazioni e suggerimenti del Ministero della salute per dar luogo a uno o più ulteriori protocolli di intesa. Art. 3 Il monitoraggio e la valutazione delle iniziative intraprese in attuazione del presente accordo, sarà svolto nell ambito delle attività della costituenda Piattaforma nazionale sull alimentazione, l attività fisica e il tabagismo. Roma, li Il Ministro della Salute Le Associazioni di categoria rappresentative della filiera alimentare Sen. Livia TURCO Coldiretti Confagricoltura Confcommercio Confcooperative Conf. Italiana Agricoltori

12 Confesercenti COPAGRI Conf. Produttori agricoli Federalimentare Legacoop

13 Ministero della Salute PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministro della Salute e UNIPRO -Associazione italiana delle imprese cosmetiche CONSIDERATO che il programma Guadagnare salute:rendere facili le scelte salutari, approvato dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 16 febbraio 2007, è finalizzato a rendere più facili le scelte salutari e a promuovere campagne informative che mirino a modificare comportamenti inadeguati che favoriscono l insorgere di patologie; CONSIDERATO che il 22 settembre 2006 la Commissione europea ha emanato una raccomandazione sull efficacia dei prodotti per la protezione solare e sulle relative indicazioni; TENUTO CONTO che la sezione 5 della suindicata raccomandazione stabilisce che: I consumatori dovrebbero essere informati dei rischi legati a un esposizione eccessiva ai raggi UV e della categoria di prodotti per la protezione solare richiesta per un certo grado di esposizione al sole e per un determinato tipo di pelle ; CONSIDERATO che gli Stati membri destinatari di detta raccomandazione debbono, pertanto, attivarsi per garantire la realizzazione di tali finalità anche mediante informazioni su siti Web nazionali, opuscoli o comunicati stampa; RIENUTO che le citate azioni possono collocarsi a pieno titolo nell ambito delle finalità del programma Guadagnare Salute: rendere facili le scelte salutari ; CONSIDERATO che, per favorire la promozione e la divulgazione dei contenuti della Raccomandazione CE, sono necessarie strategie intersettoriali per sviluppare azioni mirate a favorire un cambiamento nei comportamenti delle persone al fine di sostenere comportamenti corretti e in linea con gli obiettivi del programma Guadagnare salute: rendere facili le scelte salutari ; RITENUTO che l Associazione italiana delle imprese cosmetiche nell ambito delle proprie specifiche competenze, può svolgere un ruolo fondamentale nel favorire abitudini e stili di vita salutari, orientando l offerta e promuovendo la divulgazione dei contenuti della Raccomandazione CE, in base alla quale l esposizione al sole e l uso dei prodotti solari richiedono una particolare consapevolezza dei consumatori per i possibili effetti sulla salute;

14 CONSIDERATO che, con la medesima Associazione, si intendono avviare progetti divulgativi per lo sviluppo di iniziative da intraprendere nell ambito del Programma Guadagnare salute: rendere facili le scelte salutari, volte alla promozione della corretta igiene orale e dell uso consapevole dei prodotti cosmetici ; CONSIDERATO, infine, che l interesse a rendere operativi i progetti sopra citati pone la necessità di avviare un programma di collaborazione e di disciplinare le modalità di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Associazione italiana delle imprese cosmetiche; IL MINISTRO DELLA SALUTE e UNIPRO - Associazione italiana delle imprese cosmetiche CONCORDANO QUANTO SEGUE Art. 1 Il Ministero della Salute e UNIPRO, nel quadro delle finalità di cui in premessa, nei limiti delle rispettive competenze, si impegnano a definire sostenere e realizzare un programma di interventi per il conseguimento di obiettivi specifici tra cui: - promuovere una campagna d informazione per la corretta esposizione al sole, attraverso la realizzazione e distribuzione alle aziende associate, alle farmacie ai centri di estetica, alle profumerie e alle erboristerie, di materiale informativo (leaflet / poster) riportante le indicazioni fornite dalla raccomandazione CE sui solari e mediante la diffusione su siti web e reti televisive di spot pubblicitari; - promuovere la diffusione e l applicazione dei codici di autoregolamentazione della pubblicità approvati a livello nazionale ed internazionale finalizzati a: migliorare la qualità dell informazione pubblicitaria diretta ai consumatori eliminare l uso di espressioni che possano indurre in inganno i consumatori - collaborare per la realizzazione di campagne d informazione relativamente ai temi della corretta igiene orale e dell uso consapevole dei prodotti cosmetici; - stabilire criteri di valutazione e misurazione dell efficacia delle iniziative e delle azioni intraprese e strumenti di verifica dell implementazione degli accordi presi. Art. 2 L UNIPRO -Associazione italiana delle imprese cosmetiche si impegna, entro 60 giorni dalla stipula del presente accordo, a trasmettere al Ministero della salute un programma dettagliato delle iniziative che intende porre in essere relativamente agli obiettivi di cui all articolo 1, con l indicazione dei tempi e delle modalità di attuazione, a prendere in considerazione eventuali ulteriori indicazioni e suggerimenti del Ministero della salute per dar luogo a uno o più ulteriori protocolli di intesa. Art. 3

15 Il monitoraggio e la valutazione delle iniziative intraprese in attuazione del presente accordo sarà effettuato in periodici incontri tra il Ministro della salute o un suo delegato, e un Rappresentante di Associazione italiana delle imprese cosmetiche. Roma, li Il Ministro della Salute Associazione UNIPRO Sen. Livia TURCO

16 Ministero della Salute PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministro della Salute e l Associazione Slow Food Italia CONSIDERATO che il programma Guadagnare salute: rendere facili le scelte salutari, approvato dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 16 febbraio 2007, è finalizzato a promuovere e facilitare l assunzione di abitudini salutari da parte della popolazione nell ottica della prevenzione delle principali patologie croniche (malattie cardiovascolari, tumori, diabete mellito, malattie respiratorie croniche, problemi di salute mentale e disturbi muscoloscheletrici) che hanno in comune fattori di rischio modificabili, quali il fumo di tabacco, l obesità e sovrappeso, l abuso di alcool e la sedentarietà; CONSIDERATO che la diffusione dei citati fattori di rischio è influenzata da comportamenti individuali ma anche fortemente sostenuta dall ambiente di vita, di lavoro e da quello sociale, dai condizionamenti del mercato e dalle politiche commerciali relativamente a disponibilità di prodotti, prezzi praticati e caratteristiche dell attività pubblicitaria, nonché dal consumo di pasti all interno dei luoghi di lavoro o nelle immediate vicinanze, delle scuole e degli ospedali; CONSIDERATO che i dati esistenti indicano che ampie fasce di popolazione, in particolare i bambini, hanno scorretti stili di vita caratterizzati da un insufficiente attività fisica e un alimentazione non equilibrata e difforme dalle raccomandazioni internazionali e dalle linee guida nazionali, tenuto conto della continua evoluzione delle conoscenze scientifiche circa il ruolo dell attività motoria, delle diete, dei singoli nutrienti; CONSIDERATO che, in particolare, nell alimentazione della popolazione italiana si rilevano eccessi per quanto riguarda l apporto calorico complessivo e introiti eccessivi di carboidrati semplici, grassi in particolare grassi saturi -, sodio e di contro scarsa assunzione di frutta e verdura; CONSIDERATA la necessità di dedicare particolare attenzione ai problemi peculiari dell alimentazione di alcuni gruppi di popolazione, caratterizzati da esigenze nutrizionali specifiche, e per questo motivo più vulnerabili, quali in particolare bambini, adolescenti, gestanti, nutrici, donne in menopausa, anziani; CONSIDERATO che sono necessarie strategie intersettoriali a livello nazionale e locale per sviluppare azioni mirate a favorire un cambiamento nei comportamenti e nell ambiente di vita delle persone, per il conseguimento degli obiettivi del Programma Guadagnare salute:

17 rendere facili le scelte salutari ; RITENUTO che l Associazione Slow Food Italia, nell ambito delle specifiche prerogative, possa svolgere un ruolo fondamentale nel favorire comportamenti alimentari corretti, contribuendo ad orientare scelte consapevoli e a promuovere tipologie di alimentazione in linea con le raccomandazioni citate, soprattutto riguardo a quei prodotti e quegli stili alimentari che richiedono una particolare consapevolezza dei consumatori per i possibili effetti sulla salute; VISTO il decreto del Ministro della Salute in data 26 aprile 2007 di costituzione della Piattaforma nazionale sull alimentazione, l attività fisica e il tabagismo avente il compito di formulare proposte ed attuare iniziative per favorire in tutta la popolazione una sana alimentazione, una maggiore attività fisica, per contrastare l abuso di alcool e per ridurre il fumo di tabacco, allo scopo di limitare il rischio di numerose malattie e di favorire il miglioramento della qualità della vita, secondo le indicazioni del citato Programma Guadagnare salute ; VISTO che Slow Food ha ottenuto l'accreditamento del Ministero della Pubblica Istruzione per la formazione e l'aggiornamento del personale della scuola sull'educazione sensoriale, alimentare e del gusto (D.M. n. 177/ elenco definitivo con decreto del 23/05/2002 e 5/07/2005) e sta definendo con il Ministero della Salute una collaborazione per migliorare l'alimentazione in ospedale istituendo un tavolo di lavoro dal titolo "La guarigione vien mangiando" che sarà operativo sia sui modelli di ristorazione ospedaliera, sia sui meccanismi di valorizzazione dei prodotti di qualità del territorio; CONSIDERATO che l associazione Slow Food Italia condivide le finalità generali del Programma Guadagnare salute: rendere facili le scelte salutari e che il Ministro della Salute intende procedere con l Associazione Slow Food Italia, in un ottica di sinergia e piena collaborazione, alla definizione di azioni specifiche nell ambito del Programma stesso; CONSIDERATO, infine, che il comune interesse a rendere operativo il Programma sopra citato pone la necessità di avviare un programma di collaborazione e di concordare le modalità di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Associazione Slow Food Italia IL MINISTRO DELLA SALUTE E SLOW FOOD ITALIA CONCORDANO QUANTO SEGUE Art. 1 Il Ministero della Salute e l Associazione Slow Food Italia nel quadro delle finalità di cui in premessa, nei limiti delle rispettive prerogative, si impegnano a definire, sostenere e realizzare un programma di collaborazione per il conseguimento di obiettivi specifici tra cui: - avviare attività educative e di informazione per promuovere nella popolazione, in particolare in quella in età scolare, corretti comportamenti alimentari e atteggiamenti di consumo consapevole - promuovere progetti di educazione alimentare e del gusto atti a diffondere una cultura alimentare fondata sui principi del vivere sano, del rispetto dell ambiente, della qualità dei prodotti, della consapevolezza dell identità culturale

18 - promuovere azioni di sensibilizzazione nell ambito della ristorazione collettiva tendenti a favorire il consumo di alimenti salubri, di qualità e provenienti da filiere alimentari corte - promuovere azioni di sensibilizzazione rivolte al mondo della ristorazione tese ad aumentare l offerta di preparazioni a base di verdura e frutta fresca - promuovere azioni di sensibilizzazione tendenti a favorire la messa in vendita, dai mercati di prossimità alla grande distribuzione, di alimenti salubri, di qualità e provenienti da filiere alimentari corte - concordare criteri di valutazione e misurazione dell efficacia delle iniziative e delle azioni intraprese e strumenti di verifica dell implementazione degli accordi presi Art. 2 L Associazione Slow Food Italia si impegna entro 60 giorni dalla sottoscrizione del presente accordo, a far conoscere al Ministero della salute un programma dettagliato delle iniziative che intende porre in essere relativamente agli obiettivi di cui all articolo 1, con l indicazione dei tempi e delle modalità di attuazione, a recepire eventuali ulteriori indicazioni e suggerimenti del Ministero della salute e a dar luogo a uno o più protocolli di intesa. Art. 3 Il monitoraggio e la valutazione delle iniziative intraprese in attuazione del presente accordo sarà effettuato in periodici incontri tra il Ministro della salute o un suo delegato e un rappresentante dell associazione Slow Food Italia. Roma, li Il Ministro della Salute Slow Food Italia Sen. Livia TURCO

19 Ministero della Salute PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministro della Salute e Altroconsumo CONSIDERATO che il Programma Guadagnare salute: rendere facili le scelte salutari, approvato dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 16 febbraio 2007, è finalizzato a promuovere e facilitare l'assunzione di abitudini salutari da parte della popolazione nell'ottica della prevenzione delle principali patologie croniche (malattie cardiovascolari, tumori, diabete mellito, malattie respiratorie croniche, problemi di salute mentale e disturbi muscolo-scheletrici) che hanno in comune fattori di rischio modificabili, quali il fumo di tabacco, l obesità e sovrappeso, l abuso di alcol e la sedentarietà; CONSIDERATO che la diffusione dei citati fattori di rischio è influenzata da comportamenti individuali, ma anche fortemente sostenuta dall ambiente di vita, di lavoro e da quello sociale, dai condizionamenti del mercato e dalle politiche commerciali relativamente a disponibilità di prodotti, prezzi praticati e caratteristiche dell attività pubblicitaria, nonché dal consumo di pasti all interno dei luoghi di lavoro o nelle immediate vicinanze; CONSIDERATO che i dati esistenti indicano che ampie fasce di popolazione, in particolare i bambini, hanno scorretti stili di vita caratterizzati da un insufficiente attività fisica e un alimentazione non equilibrata e difforme dalle raccomandazioni internazionali e dalle linee guida nazionali, e tenuto conto della continua evoluzione delle conoscenze scientifiche circa il ruolo dell attività motoria, delle diete, dei singoli nutrienti; CONSIDERATO che, in particolare, nell alimentazione della popolazione italiana si rilevano eccessi per quanto riguarda l apporto calorico complessivo e introiti eccessivi di carboidrati semplici, grassi in particolare grassi saturi -, sodio e di contro scarsa assunzione di frutta e verdura; CONSIDERATA la necessità di dedicare particolare attenzione ai problemi peculiari dell alimentazione di alcuni gruppi di popolazione, caratterizzati da esigenze nutrizionali specifiche, e per questo motivo più vulnerabili, quali in particolare bambini, adolescenti, gestanti, nutrici, donne in menopausa, anziani; CONSIDERATO che sono necessarie strategie intersettoriali a livello nazionale e locale per sviluppare azioni mirate a favorire un cambiamento nei comportamenti e nell ambiente di vita delle persone, per il conseguimento degli obiettivi del Programma Guadagnare salute: rendere facili le scelte salutari ; RITENUTO che Altroconsumo, associazione indipendente di consumatori, possa svolgere una attività di monitoraggio e d informazione critica sulle pratiche commerciali cui sono esposti i consumatori, grazie anche alle segnalazioni spontanee dei suoi soci, nonchè possa svolgere un ruolo fondamentale

20 nel favorire i comportamenti salutari, orientando una scelta consapevole e promuovendo tipologie di alimentazione in linea con le raccomandazioni citate, soprattutto di quei prodotti e diete che richiedono una particolare consapevolezza dei consumatori per i possibili effetti sulla salute; VISTO il decreto del Ministro della Salute in data 26 aprile 2007 di costituzione della Piattaforma nazionale sull alimentazione, l attività fisica e il tabagismo avente il compito di formulare proposte ed attuare iniziative per favorire in tutta la popolazione una sana alimentazione, una maggiore attività fisica, per contrastare l abuso di alcol e per ridurre il fumo di tabacco, allo scopo di limitare il rischio di numerose malattie e di favorire il miglioramento della qualità della vita, secondo le indicazioni del citato Programma Guadagnare salute CONSIDERATO che Altroconsumo, associazione indipendente di consumatori, condivide le finalità generali del Programma Guadagnare Salute: rendere facili le scelte salutari e che il Ministro della Salute intende procedere con la stessa, in un ottica di sinergia e piena collaborazione, alla definizione di azioni specifiche nell ambito del Programma sopra menzionato; CONSIDERATO, infine, che il comune interesse a rendere operativo il Programma sopra citato pone la necessità di avviare un programma di collaborazione e di concordare le modalità di collaborazione tra il Ministero della Salute e la succitata associazione, IL MINISTRO DELLA SALUTE E ALTROCONSUMO CONCORDANO QUANTO SEGUE Art. 1 Il Ministero della Salute e Altroconsumo, associazione indipendente di consumatori, nel quadro delle finalità di cui in premessa, nei limiti delle rispettive prerogative, si impegnano a definire, sostenere e realizzare un programma di collaborazione per il conseguimento di obiettivi specifici tra cui: - divulgare tra i consumatori i dati e le evidenze scientifiche che dimostrano le relazioni tra la condizione di obesità e sovrappeso e l alimentazione e i consumi alimentari; - sviluppare una collaborazione per la divulgazione di un appropriata campagna informativa per il consumo consapevole di alimenti che rispondono alle esigenze dei consumatori interessati ad attuare cambiamenti significativi e salutari della dieta; - sostenere politiche commerciali orientate a favorire nei consumatori scelte alimentari e comportamenti salutari; - collaborare alla vigilanza della corretta applicazione dei codici di autoregolamentazione della pubblicità, approvati a livello nazionale ed internazionale, finalizzati a: migliorare la qualità dell informazione pubblicitaria diretta ai consumatori ridurre l impatto della comunicazione commerciale sui consumatori più vulnerabili, in particolare sui bambini, per evitare che venga sfruttata in alcun modo la credulità e la carenza di capacità critica dei minori fornire informazioni dettagliate e specifiche per i consumatori a rischio in quanto portatori di patologie eliminare l uso di espressioni che possano indurre in inganno i consumatori circa eventuali effetti benefici per la salute di alcuni alimenti

Il programma guadagnare salute

Il programma guadagnare salute Ministero della Salute Il programma guadagnare salute Donato Greco Roma 6 12 2007 STRATEGIE INTERNAZIONALI Convenzione Quadro OMS per il controllo del tabacco 2003 Strategia Globale dell OMS su Dieta,

Dettagli

Guadagnare salute e Territorio. Daniela Galeone

Guadagnare salute e Territorio. Daniela Galeone Guadagnare salute e Territorio Daniela Galeone Fattori di rischio di malattia e morte prematura in Europa Decessi DALY* 1. Ipertensione 22% 1. Tabacco 12% 2. Tabacco 19% 2. Ipertensione 9% 3. Colesterolo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO DELLA SALUTE E IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITÀ SPORTIVE VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 29 marzo 2003, n. 129, e successive modificazioni

Dettagli

- Anche Adiconsum firma il protocollo Guadagnare

- Anche Adiconsum firma il protocollo Guadagnare Coordinato da Claudio Lucchetta Agenzia Adiconsum - anno XIX - n. 28-7 maggio 2007 Stampato in proprio in maggio 2007 In questo numero: Anche Adiconsum firma il protocollo Guadagnare Salute In primo piano

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute Dott.ssa M. Teresa Scotti Bologna, 15 ottobre 2009 La promozione della salute è il processo che

Dettagli

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Obiettivo ambizioso Incidere del 20% sugli stili di vita delle persone nei prossimi 10 15 anni Programma Europeo Programma nazionale 1. Alimentazione

Dettagli

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento Protocollo n. 26/DDA/2012 Oggetto: progettualità per la valutazione, formazione, educazione alimentare e motoria Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Dettagli

Allegato alla deliberazione giuntale n. 265 del 28/10/2010 PROGETTO MERENDA PER TUTTI PROTOCOLLO D INTESA TRA IL SINDACO DEL COMUNE DI CODROIPO

Allegato alla deliberazione giuntale n. 265 del 28/10/2010 PROGETTO MERENDA PER TUTTI PROTOCOLLO D INTESA TRA IL SINDACO DEL COMUNE DI CODROIPO Allegato alla deliberazione giuntale n. 265 del 28/10/2010 Città di AREA ISTRUZIONE, CULTURA, TEMPO LIBERO E SPORT 3^ Unita Operativa: Servizi Pubblica Istruzione CODROIPO PROGETTO MERENDA PER TUTTI PROTOCOLLO

Dettagli

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA SANITA : OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE DEDICATA ALLA SICUREZZA ALIMENTARE. LE INIZIATIVE DELLA REGIONE. OBESO IL 10% DEI VENETI TRA 18 E 69 ANNI. NELLA MEDIA NAZIONALE. MOLTO MEGLIO

Dettagli

Guadagnare salute. Il Programma. Fausta Ortu medico SISP. Dipartimento di Prevenzione. Azienda Ulss 15. Dipartimento di Prevenzione

Guadagnare salute. Il Programma. Fausta Ortu medico SISP. Dipartimento di Prevenzione. Azienda Ulss 15. Dipartimento di Prevenzione Dipartimento di Prevenzione Il Programma Guadagnare salute Fausta Ortu medico SISP Dipartimento di Prevenzione Azienda Ulss 15 Che cos è il programma Guadagnare salute? Perché è nato? Dove è nato? E un

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA U.O. IGIENE E SANITÁ PUBBLICA ASP- Potenza EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA Percorsi per guadagnare salute 2015-2016 1 PREMESSA Il concetto della salute è un concetto che necessita di molteplici azioni

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Guadagnare salute Rendere facili le scelte salutari Ministero della Salute Premessa Il programma Guadagnare Salute nasce dall esigenza di rendere più facili le scelte salutari e

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Guadagnare salute Rendere facili le scelte salutari Ministero della Salute Premessa Il programma Guadagnare Salute nasce dall esigenza di rendere più facili le scelte salutari e

Dettagli

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI Friuli Venezia Giulia Protocollo d intesa REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AUSER FVG FEDERSANITA ANCI FVG ANCI FVG PER L INVECCHIAMENTO ATTIVO E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Guadagnare salute Rendere facili le scelte salutari Ministero della Salute Premessa Il programma Guadagnare Salute nasce dallʼesigenza di rendere più facili le scelte salutari e

Dettagli

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Menù partecipato Il progetto il menù l ho fatto io Un modello

Dettagli

Protocollo d Intesa. tra

Protocollo d Intesa. tra Allegato 1 delib. As n. 2_2015 Protocollo d Intesa tra l Associazione ONLUS La vita oltre lo specchio, il Comune di Pisa, la Società della Salute di Pisa e l Azienda USL 5 di Pisa. PREMESSO - che nel Gennaio

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

L esperienza della Survey HBSC Italia 2014

L esperienza della Survey HBSC Italia 2014 Stili di vita e salute degli adolescenti. I risultati della sorveglianza HBSC Liguria 2014 Genova 1 dicembre 2015 L esperienza della Survey HBSC Italia 2014 liberamente tratta dalle presentazioni di Daniela

Dettagli

Campobasso. E, p.c. Alla Dott.ssa Loredana Paolozzi Responsabile della Gestione Amministrativo -Contabile del Progetto Obesità

Campobasso. E, p.c. Alla Dott.ssa Loredana Paolozzi Responsabile della Gestione Amministrativo -Contabile del Progetto Obesità Campobasso Dipartimento di Prevenzione lì, 13/4/2010 U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Prot: 3324 Rif. Nota n. Oggetto: Piano Regionale della Prevenzione: Relazione sintetica, con riferimento

Dettagli

Francesca Russo Annarosa Pettenò. Verona, 12 gennaio 2011

Francesca Russo Annarosa Pettenò. Verona, 12 gennaio 2011 Francesca Russo Annarosa Pettenò Verona, 12 gennaio 2011 Determinanti della Salute McKeown (1976) dimostra che il ridursi della mortalità, osservato nel periodo 18701970, è da attribuirsi per il: - 40%

Dettagli

La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale

La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale Assistente Sanitaria Giuliana Faccini Referente Regionale Antifumo SPISAL Dipartimento di Prevenzione Az ULSS 21 Di cosa parleremo Premessa

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

ALIMENTAZIONE, MOVIMENTO, STILI DI VITA: ISTRUZIONI PER L USO

ALIMENTAZIONE, MOVIMENTO, STILI DI VITA: ISTRUZIONI PER L USO ALIMENTAZIONE, MOVIMENTO, STILI DI VITA: ISTRUZIONI PER L USO la scuola che aderisce progetta ed organizza l attività dei propri studenti in modo da garantire una pratica quotidiana e/o iniziative ed attività

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 I BAMBINI E L ATTIVITA MOTORIA: IL PIEDIBUS Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 PER IMMAGINARE IL NOSTRO FUTURO DOBBIAMO

Dettagli

La Promozione della Salute e lo sport

La Promozione della Salute e lo sport La Promozione della Salute e lo sport Dott.ssa Chiara Tunini, Referente Pedagogico, Ass 2 Isontina Gorizia Festa dello Sport Monfalcone, 30 maggio 2009 1 La SALUTE è un bene di tutti! SALUTE applicare

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

DOTT.SSA DANIELA GALEONE. Dip. Prevenzione e Comunicazione, Ministero della Salute GUADAGNARE SALUTE

DOTT.SSA DANIELA GALEONE. Dip. Prevenzione e Comunicazione, Ministero della Salute GUADAGNARE SALUTE DOTT.SSA DANIELA GALEONE Dip. Prevenzione e Comunicazione, Ministero della Salute GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari è l obiettivo del programma Guadagnare salute, per prevenire le principali

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Angela Spinelli e Barbara De Mei Istituto Superiore di Sanità angela.spinelli@iss.it barbara.demei@iss.it OKkio alla SALUTE E

Dettagli

Comitato regionale per l Europa

Comitato regionale per l Europa Comitato regionale per l Europa Organizzazione mondiale della sanità Ufficio regionale per l Europa Guadagnare salute : la strategia europea per la prevenzione e il controllo delle malattie croniche malattie

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

Francesca Russo Bibione, 13 settembre 2013

Francesca Russo Bibione, 13 settembre 2013 Tavola rotonda Le politiche regionali che promuovono stili di vita sani negli ambiti del turismo, dell ambiente e della sanità Francesca Russo Bibione, 13 settembre 2013 Piano socio-sanitario regionale

Dettagli

Stili di vita e salute

Stili di vita e salute Stili di vita e salute Ragazzinsieme - Esperienze in movimento tra salute, ambiente, cultura e tradizioni Annamaria Giannoni in collaborazione con Sandro Tacconi Direzione generale diritti di cittadinanza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Riflessioni su Percorsi comuni di Progettazione Integrata La rete dei servizi sanitari

Riflessioni su Percorsi comuni di Progettazione Integrata La rete dei servizi sanitari 2 Convegno Nazionale Ospedale Città e Territorio Verona, 13-15 Settembre 2007 Riflessioni su Percorsi comuni di Progettazione Integrata La rete dei servizi sanitari Le strutture Sanitarie territoriali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Programma nazionale di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare salute (PinC)

Programma nazionale di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare salute (PinC) 11 Meeting Italiano Rete Città Sane OMS Comunicazione e partecipazione per la promozione della salute 2013 Anno europeo dei cittadini 16 17 maggio 2013, Milano Programma nazionale di informazione e comunicazione

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari

GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari Protocollo di Intesa tra il Ministro della Salute e il Ministro per le Politiche giovanili e le attività sportive Le iniziative da finanziare nell ambito

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana Dall evidenza all azione Politiche di governance per una scuola sana Un mandato impegnativo Risulta ormai evidente che per conciliare e soddisfare i bisogni di salute nel contesto scolastico, gli orientamenti

Dettagli

CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Premessa Dalle rilevazioni effettuate negli ultimi anni sulla popolazione giovanile è emerso un aumento di problemi legati alle cattive abitudini alimentari e alla pratica

Dettagli

Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI

Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI Regione Toscana 2011-2014 Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI Coordinamento regionale PASSI Giorgio Garofalo, Franca Mazzoli, Rossella Cecconi Firenze, 24 Novembre 2015 PASSI in breve -

Dettagli

Le competenze del Mipaaf

Le competenze del Mipaaf SANIT 25 GIUGNO 2008 IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE E IL CCM PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CRONICHE Gli accordi interistituzionali: obiettivi e sviluppo Le competenze del Mipaaf Il Mipaaf ha tra le

Dettagli

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati TERZA CONVENTION NAZIONALE DEI DIRETTORI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DELLE AZIENDE ULSS Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati Dott. Rocco Sciarrone Direttore del Dipartimento

Dettagli

Presentazione del progetto

Presentazione del progetto Laboratorio di marketing sociale Presentazione del progetto Soggetto ideatore e organizzatore: Azienda Sanitaria Locale DEFINIZIONE DEL PROBLEMA Sovrappeso ed obesità in età infantile La nuova emergenza

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI DOTT.SSA MARIA TERESA MENZANO Corso di formazione e aggiornamento per referenti ed operatori Diamoci una mossa e Pronti, partenza, via

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola. Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy

Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola. Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy Nel passato sono stati molti e forse troppi i soggetti che hanno promosso un educazione

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE:

PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE: Allegato A PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE: - l Amministrazione Comunale di Carbonera da alcuni mesi sta collaborando con l'istituto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005 2007 (parte seconda) REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

LA CORRETTA ALIMENTAZIONE ÈDONNA

LA CORRETTA ALIMENTAZIONE ÈDONNA LA CORRETTA ALIMENTAZIONE ÈDONNA Ente Promotore: Assessorato alle politiche della Salute del Comune di Bologna Oggetto: Piano di Comunicazione per una Cultura della Corretta Alimentazione 1 DEFINIZIONE

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

VALORE INDICATORE A INIZIO PROGETTO (GENNAIO 2011) Valore di base prima dell inizio del progetto. Almeno 12 gruppi. Almeno il 60% dei gruppi attivati

VALORE INDICATORE A INIZIO PROGETTO (GENNAIO 2011) Valore di base prima dell inizio del progetto. Almeno 12 gruppi. Almeno il 60% dei gruppi attivati 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del programma: Gruppi di cammino nelle ASL liguri (2.3.1 2.9.5-4.2.1.2) 3) Identificativo delle linee di intervento generali: Macroarea 2 Prevenzione universale 2.3

Dettagli

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

I.C. 1 ( 15) : - I.C.

I.C. 1 ( 15) : - I.C. Seminario Provinciale La scuola che promuove la salute Fossano 23 marzo 2009 PROGETTO Il farmaco : bene di consumo o risorsa per la salute? Un percorso in rete per la informazione e l educazione della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 143 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BIONDELLI, ANTEZZA, BINI, BOCCIA, CARRA, COCCIA, COVA, D INCECCO, FEDI, FIANO, CINZIA MARIA

Dettagli

DISTRIBUIRE SALUTE: LET S MOVE

DISTRIBUIRE SALUTE: LET S MOVE Associazione "Giuseppe Dossetti: : i Valori - Sviluppo e Tutela dei Diritti" Sala delle Conferenze di Palazzo Marini Camera dei Deputati Roma 25 febbraio 2011 Vending Responsabile per un Alimentazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA tra

PROTOCOLLO D INTESA tra PROTOCOLLO D INTESA tra la Regione Piemonte la Regione Sardegna il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTA la legge 17 maggio 1999 n.144,

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

SALUTE E BENESSERE: percorsi di salute nella città di Firenze. Promozione della salute nei Quartieri 1, 2, 3, 4 e 5 della città

SALUTE E BENESSERE: percorsi di salute nella città di Firenze. Promozione della salute nei Quartieri 1, 2, 3, 4 e 5 della città TIPO DI PROGETTO Promozione della salute AREA TEMATICA SALUTE E BENESSERE: percorsi di salute nella città di Firenze Promozione della salute nei Quartieri 1, 2, 3, 4 e 5 della città Stili di vita Alimentazione,

Dettagli

Il Progetto Oltrebampe

Il Progetto Oltrebampe Il Progetto in sintesi Il Progetto Oltrebampe Oltre bambini e prodotti agricoli di eccellenza Descrizione del progetto OltreBampè affronta il tema dello sviluppo sostenibile dei sistemi urbani, facendo

Dettagli

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 3 Piano nazionale della prevenzione 2005-2007 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 13 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche Con l avvio del Piano nazionale della prevenzione è emersa

Dettagli

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit obesità Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia PERCORSO Linee operative del Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie del Ministero

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

Il presente bando si divide in due sezioni

Il presente bando si divide in due sezioni BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI FINALIZZATI ALLA PREVENZIONE DELL'OBESITA' E PATOLOGIE CORRELATE ALLA CATTIVA ALIMENTAZIONE, ALLA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA STRADALE, ALLA

Dettagli

Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano

Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano Premesso che il PNP individua tra gli obiettivi di salute la promozione di uno stile di vita attivo da

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

PROTOCOLLO D INTESA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO PROTOCOLLO D INTESA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO PROTOCOLLO D INTESA tra MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA (di seguito

Dettagli

Il risultato atteso è quello di attivare forme di virtuosa cooperazione e sinergia tra le diverse anime scientifiche del Paese per mettere a punto

Il risultato atteso è quello di attivare forme di virtuosa cooperazione e sinergia tra le diverse anime scientifiche del Paese per mettere a punto Documento d intesa tra SIMLII, SItI e AIDII per l'elaborazione di strumenti scientifici, normativi e applicativi per la tutela e la promozione della salute e la sicurezza e qualità negli ambienti di lavoro

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE CON LA PROMOZIONE DELL ESERCIZIO FISICO

GUADAGNARE SALUTE CON LA PROMOZIONE DELL ESERCIZIO FISICO GUADAGNARE SALUTE CON LA PROMOZIONE DELL ESERCIZIO FISICO È il nostro progetto migliore. È un progetto per promuovere nella popolazione l esercizio fisico per la salute, con particolare riguardo per i

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

Orientamento dei consumi ed educazione alimentare:

Orientamento dei consumi ed educazione alimentare: Bruxelles, 23.11.2007 Orientamento dei consumi ed educazione alimentare: - una strada da percorrere - TRENTINI Luciano - presidente presidente AREFLH - direttore CSO 1 Il quadro di contesto 2 L Organizzazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: ATTIVITÀ FISICA Traduzione non ufficiale a cura di

Dettagli

Salute ed invecchiamento attivo nel Lazio. 06.02.2014

Salute ed invecchiamento attivo nel Lazio. 06.02.2014 Salute ed invecchiamento attivo nel Lazio. 06.02.2014 Politiche e strategie di prevenzione in risposta all invecchiamento di popolazione: la prospettiva italiana Dr. Pietro Malara- Dr.ssa Stefania Borghi

Dettagli

Guadagnare salute in Toscana Rendere facili le scelte salutari LE AZIONI REGIONALI. Emanuela Balocchini

Guadagnare salute in Toscana Rendere facili le scelte salutari LE AZIONI REGIONALI. Emanuela Balocchini Guadagnare salute in Toscana Rendere facili le scelte salutari LE AZIONI REGIONALI Emanuela Balocchini Regione Toscana Regione Campania Regione Marche Regione Puglia Ministero della Salute - Roma, 25 Ottobre

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA Provincia di Roma Dipartimento III - Servizio I Politiche del Lavoro e Servizi per l Impiego - SILD e Dipartimenti di Salute Mentale della ASL della Provincia di Roma e Associazioni

Dettagli

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà civili e l immigrazione Direzione Centrale per lo Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Ufficio I - Pianificazione delle Politiche dell Immigrazione

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli