PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S SCUOLA DELL INFANZIA STATALE C. MARX MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA STATALE C. MARX MILANO"

Transcript

1 PERDERE TEMPO PER GUADAGNARE TEMPO! PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S SCUOLA DELL INFANZIA STATALE C. MARX MILANO Docenti coinvolti: Patrizia Cossalter, Barbara Cremonesi, Lina Ercoles, Ivana Invernizzi, Maria Enrico Bontempo, Rosa D Antonio, Marisa Ispano, Paola Bottini, Marina Colombo, Mariagrazia Cammarata, Adonella Ciranni (sostegno), Patrizia Ciani (I.R.C.) Pag. 1 di 14

2 PROGRAMMAZIONE DI PLESSO A.S SCUOLA DELL INFANZIA STATALE C. MARX MILANO Dalle Indicazioni Nazionali per il Curricolo L apprendimento avviene attraverso l azione, l esplorazione, il contatto con gli oggetti, la natura, l arte, il territorio, il territorio, in una dimensione ludica, da intendersi come forma tipica di relazione e di conoscenza. È dunque proprio attraverso questa relazione e questi aspetti che il bambino apprende e, il docente entra a far parte di questo intreccio di relazioni, non come trasmettitore di nozioni senza anima, ma come modello ed esperto di vita. Alla luce di questa premessa nasce e si costruisce la nostra programmazione di plesso, plasmandosi sui punti di forza degli adulti e sulle curiosità e aspettative dei bambini e delle famiglie (alla relazione con quest ultime è dedicato un capitolo delle Indicazioni). Della programmazione degli anni precedenti si mantengono i principi e i percorsi che la compongono, che sono condivisi dal team allargato, e che hanno di fatto anticipato l uscita di queste Nuove Indicazioni Nazionali. Resta saldo il convincimento, a suo tempo dichiarato, che non tutte le attività proposte saranno trattate nelle classi in egual modo, sarà libertà del team di sezione di decidere quelle più adatte alla situazione del gruppo dei bambini con il quale opera. Noi insegnanti della Scuola dell Infanzia Statale C. Marx ci proponiamo con la nostra opera educativa di: o Promuovere lo sviluppo della personalità del bambino nelle sue componenti: cognitiva, affettiva, morale, sociale e religiosa (per i bambini che si avvalgono dell insegnamento della religione Cattolica). o Di formare soggetti liberi e responsabili, attivamente partecipi della vita comunitaria. o Il recupero degli svantaggi Socio culturali e le pari opportunità di sviluppo senza discriminazioni di sesso, razza e religione. o La creazione di un ambiente sereno ed accogliente dove ciascun alunno si senta incluso, riconosciuto ed apprezzato o La programmazione degli obiettivi generali sarà uguale per tutti, mentre gli obiettivi specifici (obiettivi specifici di capacità) saranno divisi in base all età. Pag. 2 di 14

3 LA GIORNATA SCOLASTICA Organizzazione interna delle attività educative Ore 8.00 Ore 8.00 / 8.30 Ore 9.00 / 9.15 Ore 9.15/10.00 Ore 10.00/11.20 Ore 11.20/11.30 Ore 11.30/11.45 Ore 11.45/12.00 Ore 12.00/13.00 Ore 13.00/13.05 Ore 13.05/13.50 Ore 13.50/14.10 Ore 14.10/15.00 Ore 15.00/15.15 Ore 15.15/15.30 Ore 15.30/15.40 Ore 15.40/16.10 Ore 16.10/16.30 Ore 16.30/17.00 Apertura scuola Ingresso/accoglienza in salone per gli iscritti al servizio del prescuola (giochi liberi negli angoli d interesse) Ingresso/accoglienza nella classe di appartenenza Attività di routine e igiene personale Attività di sezione svolgimento dei progetti didattici Riordino materiali Giochi liberi in salone/giardino Preparazione per il pranzo Pranzo in sezione Uscita Giochi liberi in salone/giardino e pulizia aule Igiene personale Attività di sezione svolgimento dei progetti didattici Riordino materiali Uscita Igiene personale Merenda per iscritti al servizio di dopo-scuola Giochi liberi in salone/giardino e pulizia aule Uscita L organizzazione dei tempi di attività è indicativa in quanto suscettibile di variazioni secondo le esigenze dei bambini. Il mantenimento di una certa ritmicità delle attività è comunque auspicabile in quanto favorisce la sicurezza del bambino. Pag. 3 di 14

4 STRUTTURAZIONE DEGLI SPAZI Spazio scuola- spazio sezione - spazio esterno Obiettivo generale: Organizzare uno spazio sereno, stimolante ed accogliente per facilitare l'incontro del bambino con la scuola. Le sezioni sono divise in angoli gioco/attività/routine con caratteristiche di autonomia rispetto alla totalità dell'ambiente e rappresentano precisi punti di riferimento affettivo-relazionale. La predisposizione degli angoli avviene tenendo presente alcuni criteri: L'età dei bambini La possibilità di un utilizzazione non fissa dello spazio, ma articolata e modificabile in funzione degli interessi e dei bisogni degli alunni. L'esplicazione di attività autonome non legata alla conduzione dell'adulto, ma allo scambio interpersonale di piccolo gruppo. La rielaborazione in chiave ludica delle esperienze. Gli angoli sono organizzati in modo da favorire la conversazione, la libera consultazione di libri, giornali ed immagini, l'ascolto ed il racconto di storie, il gioco, le attività di pittura, disegno, gioco libero e di socializzazione. FINALITÀ INDICAZIONI PER IL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA La scuola dell infanzia si pone la finalità di promuovere lo sviluppo dell identità, dell autonomia, della competenza, della cittadinanza. Sviluppare l identità significa imparare a stare bene, a conoscersi, a sentirsi riconosciuti come persona unica ed irripetibile. Sviluppare l autonomia significa avere fiducia in sé e negli altri, provare piacere nel fare da sé e saper chiedere aiuto. Sviluppare la competenza significa imparare a riflettere sull esperienza attraverso l esplorazione, l osservazione e l esercizio al confronto. Sviluppare il senso della cittadinanza significa scoprire gli altri e saper instaurare relazioni positive. Nella scuola dell infanzia il curricolo si articola attraverso i campi di esperienza che sono i luoghi del fare e dell agire del bambino orientati dall azione consapevole degli insegnanti e introducono ai sistemi simbolico-culturali. Al termine della scuola dell infanzia vengono individuati traguardi per lo sviluppo delle competenze che rappresentano riferimenti per gli insegnanti, indicano piste da percorrere e aiutano a finalizzare l azione educativa allo sviluppo integrale dell alunno. Pag. 4 di 14

5 LA PROGRAMMAZIONE La struttura portante della nuova programmazione di plesso, viene costruita su otto percorsi (che integrano, sostituiscono e/o completano quelli della precedente programmazione), che si svolgeranno in tutte le classi, sempre secondo i bisogni e i ritmi dei bambini. Percorso ACCOGLIENZA con l accompagnamento del libro la chiocciola e il vermottolo di R. Piumini Percorso LENTEZZA con l accompagnamento della rivisitazione semplificazione del libro Storia di una lumaca che scoprì l importanza della lentezza di L. Sepùlveda Percorso ALFABETO DEI GATTI finalizzato alle attività di raccordo/continuità Percorso NATALE (tradizioni ed educazione ambientale Percorso CARNEVALE (il maggiolino Cicciaboccia) Percorso VIAGGIO NEGLI ELEMENTI : Acqua, aria, terra, fuoco Percorso ORTO A SCUOLA (continua la collaborazione con il Rotary Club Milano san Siro) Percorso ALIMENTAZIONE (Il draghetto mangiatutto) Percorso SENSORIALE (esperienze sensoriali in supporto ai BES e DVA) Partendo dalla convinzione che un mondo che corre non è fatto per bambini ma a dire il vero nemmeno per gli adulti!...il personaggio di riferimento sarà una lumachina, alla quale sarà dato un nome dopo il primo incontro con i bambini, abiterà all ingresso della nostra scuola per tutto l anno scolastico, e sarà attorniata da altri animali e insetti che popolano l orto; da qui il titolo della nostra programmazione Perdere tempo è guadagnare tempo (dal libro al quale ci siamo ispirate La pedagogia della lumaca per una scuola lenta non violenta di G. Zavalloni). Cardine delle nostre strategie educative di rallentamento (estratte dal libro sopra citato) saranno le seguenti: Perdere tempo ad ascoltare (vogliamo insegnare imparando ad ascoltare e raccogliendo la cultura e le emozioni di ogni bambino) Perdere tempo a parlare insieme (vogliamo parlare con i bambini e non solo dei bambini senza preoccuparci di tagliare i tempi) Perdere tempo nel rispetto di tutti (la ita di gruppo, la conoscenza reciproca, e gli affetti nascono dall ascolto e dal rispetto dei tempi di ognuno) Perdere tempo per darsi tempo (ci piace seguire sentieri inesplorati, linee circolari, indirette, per scoprire e apprezzare le piccole cose) Perdere tempo per condividere le scelte (organizzare a scuola, insieme ai bambini, zone di libertà, dove tutti possono sentire la responsabilità di ciò che hanno scelto) Perdere tempo per giocare (il gioco permette di condividere le regole, di capire il mondo, di entrare in rapporto con gli altri) Perdere tempo a camminare (camminare e muoversi insieme a piedi, aiuta a conoscerci e a vivere meglio il territorio) Perdere tempo per crescere (per preparare il nostro futuro è necessario dare tutto il tempo e lo spazio al nostro presente) Perdere tempo per guadagnare tempo (rallentare perché la velocità s impara dalla lentezza) Pag. 5 di 14

6 (Riflettere sul valore pedagogico del perdere perdere tempo, perdere una partita, perdere un treno, perdere un oggetto, perdere un appuntamento, perdere qualcuno, perdere e basta ) Lo svilupparsi delle attività prenderà forma dagli attuali campi d esperienza ( Il sé e l altro, Il corpo e il movimento, Immagini, suoni e colori, I discorsi e le parole e La conoscenza del mondo ), per i quali si adottano, perché fortemente condivisi, i traguardi pe lo sviluppo delle competenze proposti dalle Indicazioni per il Curricolo che vengono declinati nei seguenti obiettivi: OBIETTIVI GENERALI Star bene a scuola, con se stessi e con gli altri Promuovere l inclusione Promuovere il rallentamento dei ritmi frenetici che la vita moderna impone Promuovere la progressiva conoscenza di sé finalizzata ad un armonico sviluppo Psicomotorio. Promuovere la comunicazione interpersonale e la costruzione di nuove relazioni con compagni e adulti Favorire situazioni che permettano di esprimere emozioni e sentimenti Agevolare l interazione tra lingua orale e approccio ai codici scritti, favorendo l interesse per l ascolto, la narrazione e la produzione di messaggi Avviare il bambino all osservazione, esplorazione e conoscenza dell ambiente naturale, sociale e culturale in cui vive attraverso la narrazione e esperienze dirette Maturare la consapevolezza che l ambiente naturale è una risorsa Nel nostro plesso si perseguono obiettivi, attraverso appositi percorsi mirati per le tre età dei bambini, che fanno riferimento alle quattro aree individuate nel P.O.F. (Scuola dell accoglienza e delle pari opportunità Scuola del sapere, del saper essere, del saper fare Scuola della continuità Scuola dell apertura al territorio) Per i bambini con Bisogni Educativi Speciali si rimanda ai Piani Didattici Personalizzati che, alla luce delle nuove disposizioni per le scuole Inclusive, non identifica percorsi che allontanano i bambini in oggetto dalla classe ma, al contrario, la classe modifica le modalità dell agire didattico e di vita, per agevolare il processo di apprendimento nella sua totalità (competenze, comportamento ) allineandole ai necessità di questi alunni. Pag. 6 di 14

7 OBIETTIVI SPECIFICI DI CAPACITÀ - GRUPPO TRE ANNI Campo di esperienza educativa: IL SE E L ALTRO 1) Controllo del comportamento emotivo 2) Comprendere e rispettare le regole della scuola 3) Partecipare attivamente alla vita della scuola Campo di esperienza educativa: IL CORPO E IL MOVIMENTO 1) Sviluppare l autonomia personale 2) Distinguere le caratteristiche tattili, visive, sonore della realtà ( sensorialità) 3) Rappresentare graficamente la figura umana 4) Controllare gli schemi dinamici generali (camminare, correre, saltare ecc,) 5) Sviluppare la motricità fine (strappare, incollare, usare le forbici) 6) Sviluppare la coordinazione oculo manuale (Percorsi,coloritura) 7) Percepire globalmente lo schema corporeo e ricomporlo Campo di esperienza educativa: IMMAGINI, SUONI E COLORI 1) Sapersi esprimere graficamente 2) Sviluppare la percezione e la produzione musicale e ritmica utilizzando la voce il corpo e gli oggetti 3) Esplorare materiali e tecniche diversi Campo di esperienza educativa: I DISCORSI E LE PAROLE 1) Esprimersi utilizzando frasi di senso compiuto 2) Sviluppare la capacità di ascolto e comprensione 3) Ripetere filastrocche e canzoni Campo di esperienza educativa: LA CONOSCENZA DEL MONDO 1) Conoscere e denominare i colori fondamentali 2) Conoscere e denominare forme geometriche (cerchio, quadrato) 3) Operare semplici classificazioni 4) Saper operare semplici seriazioni 5) Disporre in sequenza temporale eventi o immagini (prima/dopo) 6) Sapersi collocare nello spazio 7) Sviluppare l interesse per l ambiente naturale e coglierne i mutamenti Pag. 7 di 14

8 OBIETTIVI SPECIFICI DI CAPACITÀ - GRUPPO QUATTRO ANNI Campo di esperienza educativa: IL SE E L ALTRO 1) Rafforzare l autonomia personale 2) Saper accettare le regole della scuola 3) Saper controllare il comportamento emotivo 4) Essere disponibili alla collaborazione nel gioco 5) Essere disponibili alla collaborazione nelle attività 6) Esprimere bisogni fisici e psicologici Campo di esperienza educativa: IL CORPO E IL MOVIMENTO 1) Potenziare il controllo motorio, la coordinazione (correre, saltare, superare ostacoli, strisciare) 2) Sviluppare la motricità fine e la coordinazione oculo/manuale (Ritagliare un immagine seguendo il contorno, colorare all interno di figure, seguire percorsi grafici) 3) Rappresentare graficamente la propria immagine corporea composta da: testa con elementi, corpo, arti inf. e sup. mani, piedi. 4) Ricostruire un immagine corporea Campo di esperienza educativa: IMMAGINI, SUONI E COLORI 1) Acquisire la capacità di esprimersi graficamente 2) Acquisire la capacità di esprimersi attraverso i linguaggi del corpo (mimica, gestualità, drammatizzazione) 3) Sperimentare semplici ritmi sonoro musicali Campo di esperienza educativa: I DISCORSI E LE PAROLE 1) Raccontare esperienze vissute utilizzando un lessico appropriato 2) Memorizzare e ripetere poesie, filastrocche e canti 3) Ripetere una storia da poco ascoltata 4) Proprietà di linguaggio, corretta emissione di suoni e fonemi, corretta struttura della frase Pag. 8 di 14

9 Campo di esperienza educativa: LA CONOSCENZA DEL MONDO 1) Discriminare e denominare forme geometriche (cerchio, quadrato, triangolo) e riprodurle graficamente 2) Riconoscere rapporti topologici e spaziali, vicino/ lontano, dentro/fuori aperto/chiuso, davanti /dietro 3) Classificare oggetti 4) Effettuare seriazioni con 4 elementi per grandezza 5) Riconoscere e rapportare quantità: Pochi/ tanti, alcuni/tutti 6) Rispondere alle domande: chi? cos è successo? dove? 7) Saper collocare gli eventi nel tempo (prima, ora, poi) 8) Riconoscere i mutamenti dell ambiente in relazione alle stagioni Pag. 9 di 14

10 OBIETTIVI SPECIFICI DI CAPACITÀ - GRUPPO CINQUE ANNI Campo di esperienza educativa: IL SE E L ALTRO 1) Rispettare regole comuni di gioco 2) Concentrarsi in attività 3) Rafforzare l autonomia, la stima di sé, l identità; 4) Rispettare e aiutare gli altri cercando di capire i loro pensieri, azioni e sentimenti; 5) Lavorare in gruppo discutendo per darsi regole di azione, progettando insieme e imparando a valorizzare la collaborazione, sia ad affrontare eventuali defezioni 6) Conoscere la propria realtà territoriale (luoghi, storie, tradizioni) e quella di altri bambini (vicini e lontani) per confrontare le diverse situazioni 7) Soffermarsi sul senso della nascita, delle origini della vita, del ruolo dell uomo nell universo. Campo di esperienza educativa: IL CORPO E IL MOVIMENTO 1) Maturare la coordinazione oculo/manuale 2) Seguire un percorso motorio complesso 3) Rappresentare graficamente la propria immagine corporea 4) Rappresentare lo schema corporeo in modo completo e strutturato, maturare competenze di motricità fine e globale 5) Muoversi con destrezza nell ambiente e nel gioco, controllando e coordinando i movimenti degli arti e quando possibile la lateralità 6) Muoversi spontaneamente e in modo guidato da soli e in gruppo, esprimendosi in base a suoni, rumori, musica, indicazioni, ecc 7) Curare in autonomia la propria persona, gli oggetti personali, l ambiente e i materiali comuni nella prospettiva della salute e dell ordine 8) Controllare l affettività e le emozioni in maniera adeguata all età. Campo di esperienza educativa: IMMAGINI, SUONI E COLORI 1) Rappresentare la realtà 2) Riprodurre ed elaborare strutture ritmiche (colori, forme) 3) Scoprire linguaggi grafico pittorico plastici, drammatico, gestuali, sonoro musicali e creativi. Pag. 10 di 14

11 Campo di esperienza educativa: I DISCORSI E LE PAROLE 1) Esprimere un pensiero in modo comprensibile 2) Ripetere una storia da poco ascoltata con completezza di particolari 3) Memorizzare poesie, filastrocche canzoni 4) Consolidare le abilità linguistiche già acquisite 5) Arricchire il codice linguistico: pronuncia corretta utilizzo di nuovi termini uso dei tempi e dei verbi frasi di senso compiuto inventare storie e finali Inventare rime e filastrocche 6) Migliorare le relazioni con i pari, gli adulti e gli stimoli provenienti dall ambiente. Campo di esperienza educativa: LA CONOSCENZA DEL MONDO 1) Utilizzare semplici simboli per registrare; compiere misurazioni mediante semplici strumenti 2) Riconoscere l esistenza dei problemi e la possibilità di risolverli; 3) Perseverare nella ricerca e rispettare l ordine nelle procedure; 4) Essere disponibile al confronto; 5) Rispettare gli esseri viventi e conoscere le loro abitudini di vita; 6) Apprezzare gli ambienti naturali e impegnarsi a salvaguardarli. 7) Quantificare, confrontare, numerare, registrare, 8) Riconoscere rapporti topologici: vicino/lontano, in alto/in basso, davanti/dietro dentro/fuori, aperto/chiuso 9) Classificare elementi per caratteristiche comuni 10) Seriare in ordine crescente e decrescente 11) Discriminare, riconoscere e denominare forme geometriche 12) Elaborare sequenze di immagini Sugli obiettivi sopra esplicitati saranno costruite le tabelle dei traguardi raggiunti dai bambini (Profili alunni). Essendo i campi di esperienza, per loro natura, non drasticamente sezionabili, è chiaro che, ogni attività proposta, raggiungerà obiettivi trasversali che toccheranno contemporaneamente più campi d esperienza. Pag. 11 di 14

12 METODOLOGIA o Creazione da parte dell insegnanti di situazioni motivanti e stimolanti ossia capaci di abituare gli alunni a prestar attenzione a se stesso, alle persone, alle cose e all ambiente che li circonda oltre che a vivere emozioni diverse ed anche contrastanti (esplorazione e ricerca). o La narrazione fantastica come stimolo per esplorare e conoscere se stesso agli altri e all ambiente circostante o Il Circle time come momento di conversazione fra i bambini (comunicazioni di esperienze, proposte, emozioni, sentimenti ecc..) o Il gioco simbolico o Il gruppo di drammatizzazione o Il lavoro in piccolo, medio e grande gruppo o L attenzione al contesto relazionale o La positivizzazione dei disagi o La creatività intesa non solo come gioco libero e attività d espressione, ma anche nella comunicazione verbale e nelle attività costruttive o Rielaborazione, da parte dei bambini, delle esperienze e documentazione delle stesse Pag. 12 di 14

13 ATTIVITÀ - Conversazioni - Racconti, storie e favole - Rielaborazione di storie in sequenza - Invenzione di storie - Lettura di immagini - Attività linguistiche - Ricerca: raccolta materiali e conoscenza materiali - Attività grafico/ pittoriche - Attività manipolative e costruttive - Attività logico/matematiche - Percorsi labirinti e mappe - Esercizi orientamento spazio/tempo - Attività psicomotorie - Uscite per l osservazione dell ambiente e raccolta materiali - Ascolto/produzione suoni/rumori - Giochi liberi e guidati - Esperienze sensoriali - Esperienze socio affettive - Attività musicali - Canzoncine, filastrocche e ritmi - Drammatizzazioni - Visione di video - Teatro - Attività di vita pratica - Attività scientifiche - Attività di giardinaggio Pag. 13 di 14

14 STRUMENTI DIDATTICI - Materiali raccolti nelle uscite - Materiali preparati da insegnanti e alunni - Materiali logico-percettivi - Audiovisivi - Materiali manipolativi e costruttivi - Materiale strutturato - Libri giornali riviste - Materiali di recupero - Materiale grafico pittorico - Specchio e arredi - Attrezzi ginnici - Alimenti vari e materiali di cucina - Strumenti musicali - Oggetti occasionali fonte di rumore - Travestimenti e burattini - Attrezzi da lavoro - Attrezzi per giardinaggio VERIFICA Sarà possibile verificare il percorso proposto attraverso l osservazione sistematica del bambino e dei suoi elaborati personali e collettivi. Le docenti: Pag. 14 di 14

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA PROGETTAZIONE ANNUALE UNITARIA TUTTI A BORDO per FARE giocando,

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA Offrire un ambiente educativo e di apprendimento accogliente che riesca a favorire: 1. la crescita dell individuo come persona attraverso i valori culturali e spirituali, cristiani e non; 2. la

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Il progetto educativo-didattico triennale delle scuole dell'infanzia del 2 circolo di Venaria: AMICO AMBIENTE

Il progetto educativo-didattico triennale delle scuole dell'infanzia del 2 circolo di Venaria: AMICO AMBIENTE 1 Premessa Il progetto educativo-didattico triennale delle scuole dell'infanzia del 2 circolo di Venaria: AMICO AMBIENTE nasce con la motivazione di guidare il bambino alla scoperta dell'ambiente che lo

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Progetto Psicomotricità

Progetto Psicomotricità Progetto di Psicomotricità Corpo in movimento, emozioni in gioco Attività psicomotoria per bambini della scuola d infanzia (3-6 anni) Dott. Franceschi Fabio PREMESSA IL SEGUENTE PROGETTO SI SVILUPPA IN

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Premessa. Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Il percorso didattico realizzato è parte integrante di un progetto interculturale, Girotondo intorno al mondo, la cui tematica

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI. Scuola dell infanzia

PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI. Scuola dell infanzia ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO DI MUGELLO MATERIALE PER L INSEGNANTE PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI Scuola dell infanzia DOCENTE REFERENTE: ANNA MARIA BRUNETTO

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Sintesi Progetto Educativo

Sintesi Progetto Educativo Sintesi Progetto Educativo Servizio socio-educativo per la prima infanzia Autorizzato dalla Regione Veneto L.R. 22/2002 Certificato UNI EN ISO 9001:2008 e UNI 11034 per la progettazione ed erogazione di

Dettagli

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Ogni giorno abbiamo modo di osservare come i bambini possiedono intuizioni geometriche, logiche

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO CIRIBIRICOCCOLE s.n.c Via Don Paviolo 3, tel 011-8005349 10036 settimo torinese P.IVA. :10565620019 Asilo.ciribiricoccole@gmail.com ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO ANNO EDUCATIVO 2012-2013

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Breve descrizione dell alunno

Breve descrizione dell alunno Breve descrizione dell alunno M.F. è un bambino di 11 anni che frequenta la classe prima della scuola secondaria di I grado G. Mompiani. È affetto da Encefalopatia mitocondriale, una grave patologia progressiva

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli