PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S SCUOLA DELL INFANZIA STATALE C. MARX MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA STATALE C. MARX MILANO"

Transcript

1 PERDERE TEMPO PER GUADAGNARE TEMPO! PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S SCUOLA DELL INFANZIA STATALE C. MARX MILANO Docenti coinvolti: Patrizia Cossalter, Barbara Cremonesi, Lina Ercoles, Ivana Invernizzi, Maria Enrico Bontempo, Rosa D Antonio, Marisa Ispano, Paola Bottini, Marina Colombo, Mariagrazia Cammarata, Adonella Ciranni (sostegno), Patrizia Ciani (I.R.C.) Pag. 1 di 14

2 PROGRAMMAZIONE DI PLESSO A.S SCUOLA DELL INFANZIA STATALE C. MARX MILANO Dalle Indicazioni Nazionali per il Curricolo L apprendimento avviene attraverso l azione, l esplorazione, il contatto con gli oggetti, la natura, l arte, il territorio, il territorio, in una dimensione ludica, da intendersi come forma tipica di relazione e di conoscenza. È dunque proprio attraverso questa relazione e questi aspetti che il bambino apprende e, il docente entra a far parte di questo intreccio di relazioni, non come trasmettitore di nozioni senza anima, ma come modello ed esperto di vita. Alla luce di questa premessa nasce e si costruisce la nostra programmazione di plesso, plasmandosi sui punti di forza degli adulti e sulle curiosità e aspettative dei bambini e delle famiglie (alla relazione con quest ultime è dedicato un capitolo delle Indicazioni). Della programmazione degli anni precedenti si mantengono i principi e i percorsi che la compongono, che sono condivisi dal team allargato, e che hanno di fatto anticipato l uscita di queste Nuove Indicazioni Nazionali. Resta saldo il convincimento, a suo tempo dichiarato, che non tutte le attività proposte saranno trattate nelle classi in egual modo, sarà libertà del team di sezione di decidere quelle più adatte alla situazione del gruppo dei bambini con il quale opera. Noi insegnanti della Scuola dell Infanzia Statale C. Marx ci proponiamo con la nostra opera educativa di: o Promuovere lo sviluppo della personalità del bambino nelle sue componenti: cognitiva, affettiva, morale, sociale e religiosa (per i bambini che si avvalgono dell insegnamento della religione Cattolica). o Di formare soggetti liberi e responsabili, attivamente partecipi della vita comunitaria. o Il recupero degli svantaggi Socio culturali e le pari opportunità di sviluppo senza discriminazioni di sesso, razza e religione. o La creazione di un ambiente sereno ed accogliente dove ciascun alunno si senta incluso, riconosciuto ed apprezzato o La programmazione degli obiettivi generali sarà uguale per tutti, mentre gli obiettivi specifici (obiettivi specifici di capacità) saranno divisi in base all età. Pag. 2 di 14

3 LA GIORNATA SCOLASTICA Organizzazione interna delle attività educative Ore 8.00 Ore 8.00 / 8.30 Ore 9.00 / 9.15 Ore 9.15/10.00 Ore 10.00/11.20 Ore 11.20/11.30 Ore 11.30/11.45 Ore 11.45/12.00 Ore 12.00/13.00 Ore 13.00/13.05 Ore 13.05/13.50 Ore 13.50/14.10 Ore 14.10/15.00 Ore 15.00/15.15 Ore 15.15/15.30 Ore 15.30/15.40 Ore 15.40/16.10 Ore 16.10/16.30 Ore 16.30/17.00 Apertura scuola Ingresso/accoglienza in salone per gli iscritti al servizio del prescuola (giochi liberi negli angoli d interesse) Ingresso/accoglienza nella classe di appartenenza Attività di routine e igiene personale Attività di sezione svolgimento dei progetti didattici Riordino materiali Giochi liberi in salone/giardino Preparazione per il pranzo Pranzo in sezione Uscita Giochi liberi in salone/giardino e pulizia aule Igiene personale Attività di sezione svolgimento dei progetti didattici Riordino materiali Uscita Igiene personale Merenda per iscritti al servizio di dopo-scuola Giochi liberi in salone/giardino e pulizia aule Uscita L organizzazione dei tempi di attività è indicativa in quanto suscettibile di variazioni secondo le esigenze dei bambini. Il mantenimento di una certa ritmicità delle attività è comunque auspicabile in quanto favorisce la sicurezza del bambino. Pag. 3 di 14

4 STRUTTURAZIONE DEGLI SPAZI Spazio scuola- spazio sezione - spazio esterno Obiettivo generale: Organizzare uno spazio sereno, stimolante ed accogliente per facilitare l'incontro del bambino con la scuola. Le sezioni sono divise in angoli gioco/attività/routine con caratteristiche di autonomia rispetto alla totalità dell'ambiente e rappresentano precisi punti di riferimento affettivo-relazionale. La predisposizione degli angoli avviene tenendo presente alcuni criteri: L'età dei bambini La possibilità di un utilizzazione non fissa dello spazio, ma articolata e modificabile in funzione degli interessi e dei bisogni degli alunni. L'esplicazione di attività autonome non legata alla conduzione dell'adulto, ma allo scambio interpersonale di piccolo gruppo. La rielaborazione in chiave ludica delle esperienze. Gli angoli sono organizzati in modo da favorire la conversazione, la libera consultazione di libri, giornali ed immagini, l'ascolto ed il racconto di storie, il gioco, le attività di pittura, disegno, gioco libero e di socializzazione. FINALITÀ INDICAZIONI PER IL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA La scuola dell infanzia si pone la finalità di promuovere lo sviluppo dell identità, dell autonomia, della competenza, della cittadinanza. Sviluppare l identità significa imparare a stare bene, a conoscersi, a sentirsi riconosciuti come persona unica ed irripetibile. Sviluppare l autonomia significa avere fiducia in sé e negli altri, provare piacere nel fare da sé e saper chiedere aiuto. Sviluppare la competenza significa imparare a riflettere sull esperienza attraverso l esplorazione, l osservazione e l esercizio al confronto. Sviluppare il senso della cittadinanza significa scoprire gli altri e saper instaurare relazioni positive. Nella scuola dell infanzia il curricolo si articola attraverso i campi di esperienza che sono i luoghi del fare e dell agire del bambino orientati dall azione consapevole degli insegnanti e introducono ai sistemi simbolico-culturali. Al termine della scuola dell infanzia vengono individuati traguardi per lo sviluppo delle competenze che rappresentano riferimenti per gli insegnanti, indicano piste da percorrere e aiutano a finalizzare l azione educativa allo sviluppo integrale dell alunno. Pag. 4 di 14

5 LA PROGRAMMAZIONE La struttura portante della nuova programmazione di plesso, viene costruita su otto percorsi (che integrano, sostituiscono e/o completano quelli della precedente programmazione), che si svolgeranno in tutte le classi, sempre secondo i bisogni e i ritmi dei bambini. Percorso ACCOGLIENZA con l accompagnamento del libro la chiocciola e il vermottolo di R. Piumini Percorso LENTEZZA con l accompagnamento della rivisitazione semplificazione del libro Storia di una lumaca che scoprì l importanza della lentezza di L. Sepùlveda Percorso ALFABETO DEI GATTI finalizzato alle attività di raccordo/continuità Percorso NATALE (tradizioni ed educazione ambientale Percorso CARNEVALE (il maggiolino Cicciaboccia) Percorso VIAGGIO NEGLI ELEMENTI : Acqua, aria, terra, fuoco Percorso ORTO A SCUOLA (continua la collaborazione con il Rotary Club Milano san Siro) Percorso ALIMENTAZIONE (Il draghetto mangiatutto) Percorso SENSORIALE (esperienze sensoriali in supporto ai BES e DVA) Partendo dalla convinzione che un mondo che corre non è fatto per bambini ma a dire il vero nemmeno per gli adulti!...il personaggio di riferimento sarà una lumachina, alla quale sarà dato un nome dopo il primo incontro con i bambini, abiterà all ingresso della nostra scuola per tutto l anno scolastico, e sarà attorniata da altri animali e insetti che popolano l orto; da qui il titolo della nostra programmazione Perdere tempo è guadagnare tempo (dal libro al quale ci siamo ispirate La pedagogia della lumaca per una scuola lenta non violenta di G. Zavalloni). Cardine delle nostre strategie educative di rallentamento (estratte dal libro sopra citato) saranno le seguenti: Perdere tempo ad ascoltare (vogliamo insegnare imparando ad ascoltare e raccogliendo la cultura e le emozioni di ogni bambino) Perdere tempo a parlare insieme (vogliamo parlare con i bambini e non solo dei bambini senza preoccuparci di tagliare i tempi) Perdere tempo nel rispetto di tutti (la ita di gruppo, la conoscenza reciproca, e gli affetti nascono dall ascolto e dal rispetto dei tempi di ognuno) Perdere tempo per darsi tempo (ci piace seguire sentieri inesplorati, linee circolari, indirette, per scoprire e apprezzare le piccole cose) Perdere tempo per condividere le scelte (organizzare a scuola, insieme ai bambini, zone di libertà, dove tutti possono sentire la responsabilità di ciò che hanno scelto) Perdere tempo per giocare (il gioco permette di condividere le regole, di capire il mondo, di entrare in rapporto con gli altri) Perdere tempo a camminare (camminare e muoversi insieme a piedi, aiuta a conoscerci e a vivere meglio il territorio) Perdere tempo per crescere (per preparare il nostro futuro è necessario dare tutto il tempo e lo spazio al nostro presente) Perdere tempo per guadagnare tempo (rallentare perché la velocità s impara dalla lentezza) Pag. 5 di 14

6 (Riflettere sul valore pedagogico del perdere perdere tempo, perdere una partita, perdere un treno, perdere un oggetto, perdere un appuntamento, perdere qualcuno, perdere e basta ) Lo svilupparsi delle attività prenderà forma dagli attuali campi d esperienza ( Il sé e l altro, Il corpo e il movimento, Immagini, suoni e colori, I discorsi e le parole e La conoscenza del mondo ), per i quali si adottano, perché fortemente condivisi, i traguardi pe lo sviluppo delle competenze proposti dalle Indicazioni per il Curricolo che vengono declinati nei seguenti obiettivi: OBIETTIVI GENERALI Star bene a scuola, con se stessi e con gli altri Promuovere l inclusione Promuovere il rallentamento dei ritmi frenetici che la vita moderna impone Promuovere la progressiva conoscenza di sé finalizzata ad un armonico sviluppo Psicomotorio. Promuovere la comunicazione interpersonale e la costruzione di nuove relazioni con compagni e adulti Favorire situazioni che permettano di esprimere emozioni e sentimenti Agevolare l interazione tra lingua orale e approccio ai codici scritti, favorendo l interesse per l ascolto, la narrazione e la produzione di messaggi Avviare il bambino all osservazione, esplorazione e conoscenza dell ambiente naturale, sociale e culturale in cui vive attraverso la narrazione e esperienze dirette Maturare la consapevolezza che l ambiente naturale è una risorsa Nel nostro plesso si perseguono obiettivi, attraverso appositi percorsi mirati per le tre età dei bambini, che fanno riferimento alle quattro aree individuate nel P.O.F. (Scuola dell accoglienza e delle pari opportunità Scuola del sapere, del saper essere, del saper fare Scuola della continuità Scuola dell apertura al territorio) Per i bambini con Bisogni Educativi Speciali si rimanda ai Piani Didattici Personalizzati che, alla luce delle nuove disposizioni per le scuole Inclusive, non identifica percorsi che allontanano i bambini in oggetto dalla classe ma, al contrario, la classe modifica le modalità dell agire didattico e di vita, per agevolare il processo di apprendimento nella sua totalità (competenze, comportamento ) allineandole ai necessità di questi alunni. Pag. 6 di 14

7 OBIETTIVI SPECIFICI DI CAPACITÀ - GRUPPO TRE ANNI Campo di esperienza educativa: IL SE E L ALTRO 1) Controllo del comportamento emotivo 2) Comprendere e rispettare le regole della scuola 3) Partecipare attivamente alla vita della scuola Campo di esperienza educativa: IL CORPO E IL MOVIMENTO 1) Sviluppare l autonomia personale 2) Distinguere le caratteristiche tattili, visive, sonore della realtà ( sensorialità) 3) Rappresentare graficamente la figura umana 4) Controllare gli schemi dinamici generali (camminare, correre, saltare ecc,) 5) Sviluppare la motricità fine (strappare, incollare, usare le forbici) 6) Sviluppare la coordinazione oculo manuale (Percorsi,coloritura) 7) Percepire globalmente lo schema corporeo e ricomporlo Campo di esperienza educativa: IMMAGINI, SUONI E COLORI 1) Sapersi esprimere graficamente 2) Sviluppare la percezione e la produzione musicale e ritmica utilizzando la voce il corpo e gli oggetti 3) Esplorare materiali e tecniche diversi Campo di esperienza educativa: I DISCORSI E LE PAROLE 1) Esprimersi utilizzando frasi di senso compiuto 2) Sviluppare la capacità di ascolto e comprensione 3) Ripetere filastrocche e canzoni Campo di esperienza educativa: LA CONOSCENZA DEL MONDO 1) Conoscere e denominare i colori fondamentali 2) Conoscere e denominare forme geometriche (cerchio, quadrato) 3) Operare semplici classificazioni 4) Saper operare semplici seriazioni 5) Disporre in sequenza temporale eventi o immagini (prima/dopo) 6) Sapersi collocare nello spazio 7) Sviluppare l interesse per l ambiente naturale e coglierne i mutamenti Pag. 7 di 14

8 OBIETTIVI SPECIFICI DI CAPACITÀ - GRUPPO QUATTRO ANNI Campo di esperienza educativa: IL SE E L ALTRO 1) Rafforzare l autonomia personale 2) Saper accettare le regole della scuola 3) Saper controllare il comportamento emotivo 4) Essere disponibili alla collaborazione nel gioco 5) Essere disponibili alla collaborazione nelle attività 6) Esprimere bisogni fisici e psicologici Campo di esperienza educativa: IL CORPO E IL MOVIMENTO 1) Potenziare il controllo motorio, la coordinazione (correre, saltare, superare ostacoli, strisciare) 2) Sviluppare la motricità fine e la coordinazione oculo/manuale (Ritagliare un immagine seguendo il contorno, colorare all interno di figure, seguire percorsi grafici) 3) Rappresentare graficamente la propria immagine corporea composta da: testa con elementi, corpo, arti inf. e sup. mani, piedi. 4) Ricostruire un immagine corporea Campo di esperienza educativa: IMMAGINI, SUONI E COLORI 1) Acquisire la capacità di esprimersi graficamente 2) Acquisire la capacità di esprimersi attraverso i linguaggi del corpo (mimica, gestualità, drammatizzazione) 3) Sperimentare semplici ritmi sonoro musicali Campo di esperienza educativa: I DISCORSI E LE PAROLE 1) Raccontare esperienze vissute utilizzando un lessico appropriato 2) Memorizzare e ripetere poesie, filastrocche e canti 3) Ripetere una storia da poco ascoltata 4) Proprietà di linguaggio, corretta emissione di suoni e fonemi, corretta struttura della frase Pag. 8 di 14

9 Campo di esperienza educativa: LA CONOSCENZA DEL MONDO 1) Discriminare e denominare forme geometriche (cerchio, quadrato, triangolo) e riprodurle graficamente 2) Riconoscere rapporti topologici e spaziali, vicino/ lontano, dentro/fuori aperto/chiuso, davanti /dietro 3) Classificare oggetti 4) Effettuare seriazioni con 4 elementi per grandezza 5) Riconoscere e rapportare quantità: Pochi/ tanti, alcuni/tutti 6) Rispondere alle domande: chi? cos è successo? dove? 7) Saper collocare gli eventi nel tempo (prima, ora, poi) 8) Riconoscere i mutamenti dell ambiente in relazione alle stagioni Pag. 9 di 14

10 OBIETTIVI SPECIFICI DI CAPACITÀ - GRUPPO CINQUE ANNI Campo di esperienza educativa: IL SE E L ALTRO 1) Rispettare regole comuni di gioco 2) Concentrarsi in attività 3) Rafforzare l autonomia, la stima di sé, l identità; 4) Rispettare e aiutare gli altri cercando di capire i loro pensieri, azioni e sentimenti; 5) Lavorare in gruppo discutendo per darsi regole di azione, progettando insieme e imparando a valorizzare la collaborazione, sia ad affrontare eventuali defezioni 6) Conoscere la propria realtà territoriale (luoghi, storie, tradizioni) e quella di altri bambini (vicini e lontani) per confrontare le diverse situazioni 7) Soffermarsi sul senso della nascita, delle origini della vita, del ruolo dell uomo nell universo. Campo di esperienza educativa: IL CORPO E IL MOVIMENTO 1) Maturare la coordinazione oculo/manuale 2) Seguire un percorso motorio complesso 3) Rappresentare graficamente la propria immagine corporea 4) Rappresentare lo schema corporeo in modo completo e strutturato, maturare competenze di motricità fine e globale 5) Muoversi con destrezza nell ambiente e nel gioco, controllando e coordinando i movimenti degli arti e quando possibile la lateralità 6) Muoversi spontaneamente e in modo guidato da soli e in gruppo, esprimendosi in base a suoni, rumori, musica, indicazioni, ecc 7) Curare in autonomia la propria persona, gli oggetti personali, l ambiente e i materiali comuni nella prospettiva della salute e dell ordine 8) Controllare l affettività e le emozioni in maniera adeguata all età. Campo di esperienza educativa: IMMAGINI, SUONI E COLORI 1) Rappresentare la realtà 2) Riprodurre ed elaborare strutture ritmiche (colori, forme) 3) Scoprire linguaggi grafico pittorico plastici, drammatico, gestuali, sonoro musicali e creativi. Pag. 10 di 14

11 Campo di esperienza educativa: I DISCORSI E LE PAROLE 1) Esprimere un pensiero in modo comprensibile 2) Ripetere una storia da poco ascoltata con completezza di particolari 3) Memorizzare poesie, filastrocche canzoni 4) Consolidare le abilità linguistiche già acquisite 5) Arricchire il codice linguistico: pronuncia corretta utilizzo di nuovi termini uso dei tempi e dei verbi frasi di senso compiuto inventare storie e finali Inventare rime e filastrocche 6) Migliorare le relazioni con i pari, gli adulti e gli stimoli provenienti dall ambiente. Campo di esperienza educativa: LA CONOSCENZA DEL MONDO 1) Utilizzare semplici simboli per registrare; compiere misurazioni mediante semplici strumenti 2) Riconoscere l esistenza dei problemi e la possibilità di risolverli; 3) Perseverare nella ricerca e rispettare l ordine nelle procedure; 4) Essere disponibile al confronto; 5) Rispettare gli esseri viventi e conoscere le loro abitudini di vita; 6) Apprezzare gli ambienti naturali e impegnarsi a salvaguardarli. 7) Quantificare, confrontare, numerare, registrare, 8) Riconoscere rapporti topologici: vicino/lontano, in alto/in basso, davanti/dietro dentro/fuori, aperto/chiuso 9) Classificare elementi per caratteristiche comuni 10) Seriare in ordine crescente e decrescente 11) Discriminare, riconoscere e denominare forme geometriche 12) Elaborare sequenze di immagini Sugli obiettivi sopra esplicitati saranno costruite le tabelle dei traguardi raggiunti dai bambini (Profili alunni). Essendo i campi di esperienza, per loro natura, non drasticamente sezionabili, è chiaro che, ogni attività proposta, raggiungerà obiettivi trasversali che toccheranno contemporaneamente più campi d esperienza. Pag. 11 di 14

12 METODOLOGIA o Creazione da parte dell insegnanti di situazioni motivanti e stimolanti ossia capaci di abituare gli alunni a prestar attenzione a se stesso, alle persone, alle cose e all ambiente che li circonda oltre che a vivere emozioni diverse ed anche contrastanti (esplorazione e ricerca). o La narrazione fantastica come stimolo per esplorare e conoscere se stesso agli altri e all ambiente circostante o Il Circle time come momento di conversazione fra i bambini (comunicazioni di esperienze, proposte, emozioni, sentimenti ecc..) o Il gioco simbolico o Il gruppo di drammatizzazione o Il lavoro in piccolo, medio e grande gruppo o L attenzione al contesto relazionale o La positivizzazione dei disagi o La creatività intesa non solo come gioco libero e attività d espressione, ma anche nella comunicazione verbale e nelle attività costruttive o Rielaborazione, da parte dei bambini, delle esperienze e documentazione delle stesse Pag. 12 di 14

13 ATTIVITÀ - Conversazioni - Racconti, storie e favole - Rielaborazione di storie in sequenza - Invenzione di storie - Lettura di immagini - Attività linguistiche - Ricerca: raccolta materiali e conoscenza materiali - Attività grafico/ pittoriche - Attività manipolative e costruttive - Attività logico/matematiche - Percorsi labirinti e mappe - Esercizi orientamento spazio/tempo - Attività psicomotorie - Uscite per l osservazione dell ambiente e raccolta materiali - Ascolto/produzione suoni/rumori - Giochi liberi e guidati - Esperienze sensoriali - Esperienze socio affettive - Attività musicali - Canzoncine, filastrocche e ritmi - Drammatizzazioni - Visione di video - Teatro - Attività di vita pratica - Attività scientifiche - Attività di giardinaggio Pag. 13 di 14

14 STRUMENTI DIDATTICI - Materiali raccolti nelle uscite - Materiali preparati da insegnanti e alunni - Materiali logico-percettivi - Audiovisivi - Materiali manipolativi e costruttivi - Materiale strutturato - Libri giornali riviste - Materiali di recupero - Materiale grafico pittorico - Specchio e arredi - Attrezzi ginnici - Alimenti vari e materiali di cucina - Strumenti musicali - Oggetti occasionali fonte di rumore - Travestimenti e burattini - Attrezzi da lavoro - Attrezzi per giardinaggio VERIFICA Sarà possibile verificare il percorso proposto attraverso l osservazione sistematica del bambino e dei suoi elaborati personali e collettivi. Le docenti: Pag. 14 di 14

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 (G.MAZZINI E. FERMI) AVEZZANO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI CIRCOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DEI BAMBINI DI 3 ANNI

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 (G.MAZZINI E. FERMI) AVEZZANO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI CIRCOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DEI BAMBINI DI 3 ANNI ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 (G.MAZZINI E. FERMI) AVEZZANO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI CIRCOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DEI BAMBINI DI 3 ANNI ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FINALITA La scuola dell Infanzia concorre

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine)

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) 1 Istituto Comprensivo Ferentino 1 Curricolo Verticale 2014/2015 INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) SCUOLA INFANZIA... 3 I DISCORSI E LE PAROLE... 3 I DISCORSI E LE PAROLE LINGUA STRANIERA...

Dettagli

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA PREMESSA La formula dell'istituto comprensivo, in cui si articola oggi la nostra scuola, prevede

Dettagli

Abilita e competenze specifiche dei bambini di 4 anni: OBIETTIVI MINIMI CAMPO DI ESPERIENZA I DISCORSI E LE PAROLE. Saper ascoltare un breve racconto

Abilita e competenze specifiche dei bambini di 4 anni: OBIETTIVI MINIMI CAMPO DI ESPERIENZA I DISCORSI E LE PAROLE. Saper ascoltare un breve racconto Abilita e competenze specifiche dei bambini di 4 anni: OBIETTIVI MINIMI CAMPO DI ESPERIENZA I DISCORSI E LE PAROLE ABILITA' OBIETTIVO MINIMO ESEMPI DI ATTIVITA Concentrazione Comprensione linguistica Saper

Dettagli

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE SCUOLA INFANZIA FONTANELLE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE A.S. 2014/2015 CAMPO D ESPERIENZA : IL SE E L ALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO IMMAGINI,SUONI,COLORI I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO INSEGNANTI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

CURRICOLO d Istituto SCUOLE DELL INFANZIA Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO d Istituto SCUOLE DELL INFANZIA Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO Secondo i campi d esperienza PREMESSA Come si ritroverà nei successivi ordini di Scuola del nostro Istituto Comprensivo, abbiamo tratto dal Sito dell Indire le

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO L. MANARA SCUOLA DELL'INFANZIA C. MARX SEZ. ROSSA PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTI

ISTITUTO COMPRENSIVO L. MANARA SCUOLA DELL'INFANZIA C. MARX SEZ. ROSSA PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTI ISTITUTO COMPRENSIVO L. MANARA SCUOLA DELL'INFANZIA C. MARX SEZ. ROSSA PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTI D'ANTONIO ROSA ENRICO BONTEMPO MARIA PREMESSA L ingresso dei bambini nella scuola

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza Competenze chiave di cittadinanza europee Imparare ad imparare Spirito di iniziativa ed imprenditorialità Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva ETA : 4 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione Ascoltare brani musicali Mimare testi ascoltati grafica, corporea

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti PER LA SCUOLA DELL INFANZIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 IL SE E L ALTRO - Gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie

Dettagli

4. Conosce e rispetta le regole della scuola e fuori dalla scuola (primi approcci

4. Conosce e rispetta le regole della scuola e fuori dalla scuola (primi approcci Indicatori di competenza per i bambini e le bambine che frequentano il primo anno di scuola dell infanzia (3/4 anni) Il sé e l altro Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme 1. Percepisce

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

CURRICULO SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO DI PINEROLO

CURRICULO SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO DI PINEROLO CURRICULO SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO DI PINEROLO Campo di esperienza: IL SÈ E L ALTRO Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme NUCLEI FONDANTI COMPETENZE Esempi di ATTIVITA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

Obiettivi formativi. Età dei bambini

Obiettivi formativi. Età dei bambini È l area di apprendimento nella quale si determina l apertura del bambino all altro, non rinunciando con questo alla propria UNICITA ma affermandola proprio attraverso il processo d interazione con gli

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MANOPPELLO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ELABORATO SULLA BASE DELLE NUOVE INDICAZIONI 2012 CURRICOLO DI SCUOLA SCUOLA DELL INFANZIA SOMMARIO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Picchi Maria Letizia Scuola dell'infanzia Giuseppe Giusti Classe.. Sezione: A.e B. anni 4 Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza I DISCORSI E LE PAROLE Tavola

Dettagli

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2 La comunicazione nella madrelingua Vive pienamente la propria corporeità, ne percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo,matura condotte che gli consentono una buona autonomia nelle gestione della

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA DI MORIGGIA

SCUOLA DELL'INFANZIA DI MORIGGIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI MORIGGIA La scuola dell infanzia di Moriggia ha sede in un edificio sorto agli inizi degli anni 60 nel quartiere Moriggia e statalizzata nei primi anni 80. La struttura si presenta

Dettagli

Scuola dell infanzia G. Siani - Marano

Scuola dell infanzia G. Siani - Marano Scuola dell infanzia G. Siani - Marano a.s. 2015/16..Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono la curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento per favorire

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Masci Francavilla al Mare

Istituto Comprensivo Statale F. Masci Francavilla al Mare Istituto Comprensivo Statale F. Masci Francavilla al Mare CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ALENTO - FONTECHIARO Anno Scolastico 2012/2013 Insegnanti Scuola Infanzia Alento : Bellonio Adelina, Corrado Gabriella,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia gennaio 2009 Presentazione Istituto Comprensivo di Sedegliano Questo opuscolo contiene alcune informazioni

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO BIZIO LONGARE (VI) SCUOLA DELL INFANZIA STATALE SAN G. BOSCO VIA CA SILVESTRE NANTO (VI) CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia è un ambiente educativo che

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AUTONOMO G. GALILEI Via della Libertà, 5-51018 PIEVE A NIEVOLE - Tel. 0572/80445 Fax 0572/950110 - E-mail: ptmm017001@istruzione.it C.F. 81003550472 - C.M. PTIC807009 - www.comprensivo-pieveanievole.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

IL CORPO IN MOVIMENTO

IL CORPO IN MOVIMENTO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI DESULO Anno Scolastico / 3 ANNI COGNOME NOME OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ( R=Raggiunto PR= Parzialmente Raggiunto NR=Non Raggiunto) IL CORPO IN MOVIMENTO Il

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

CONOSCENZE/ESPERIENZE

CONOSCENZE/ESPERIENZE DISCIPLINA CAMPO DI ESPERIENZA DAL CURRICOLO ALLE COMPETENZE / LABORATORIO VERTICALE IN RETE CURRICOLO VERTICALE DI RETE: Ist. Omnicomprensivo Bianchi-Scigliano, IC Rogliano, IC Nocera Terinese, IC Grimaldi

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

Curricolo SCUOLA dell INFANZIA

Curricolo SCUOLA dell INFANZIA Curricolo SCUOLA dell INFANZIA D.M. 31/07/07 Tavolo Asva SCUOLE dell INFANZIA 13 Ottobre 2009 I bambini sono attivi, amano costruire, giocare, comunicare e fin dalla nascita intraprendono una ricerca di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MARIA MATER MEA VIA PUSIANO, 57 MILANO Tel. 02/2722141 Fax 02/2722143 e-mail. Mariamatermea@ libero.it PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO Questo progetto

Dettagli

SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO

SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO PROGETTO DI SEDE Destinatari : Bambini tra i due e i tre anni Tempi : da settembre 2015 a giugno 2016 RESPONSABILE DEL PROGETTO : Cairoli Renata

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bagnolo San Vito Mantova

Istituto Comprensivo di Bagnolo San Vito Mantova PROGRAMMAZIONE ANNUALE CAMPO: il sé e l altro Obiettivi espressi in termini di saper fare 1) si riordina gli indumenti 1 quad. Osservazione 2) indossa, allaccia e toglie semplici indumenti (tipo giubbino,

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

LIBRI IN FILASTROCCA

LIBRI IN FILASTROCCA SST SILENZIO PARLANO I LIBRI MOTIVAZIONE: LIBRI IN FILASTROCCA I miei libri sanno a memoria Qualsiasi storia. Loro sanno tutti i perché: perché la luna c è e non c è, perché il sole scompare in fondo al

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA Raggiungere una buona autonomia personale nell alimentarsi, nel vestirsi e nel prendersi cura di sé. Scoprire e riconoscere il proprio corpo,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Via dei Mitili. campi di esperienza

Scuola dell Infanzia Via dei Mitili. campi di esperienza Scuola dell Infanzia Via dei Mitili campi di esperienza MOTIVAZIONE CAMPI DI ESPERIENZA: Attraverso il gioco il bambino viene stimolato a potenziare le sue abilità: sensoriale, motorio-prassica, cognitiva,

Dettagli

DENOMINAZIONE PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO - DIDATTICA

DENOMINAZIONE PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO - DIDATTICA Edizione N 2 del 30/11/08 Data compilazione:../../ Pagina 1 di PROGRAMMAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA DI AZZIO E CITTIGLIO Anno scolastico Dal 2014/15 Responsabili progetto Tutte le insegnanti Insegnanti

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA TEMATICA PORTANTE: TIPOLOGIA TESTUALE - TESTO NARRATIVO (Testo narrativo - tutte le tipologie affrontate) Saper ascoltare e comprendere le narrazioni. Saper raccontare esperienze personali. Dimostra piacere

Dettagli

I docenti della scuola dell'infanzia del 1 Circolo didattico di Qualiano, dopo aver consultato il P.O.F., concordano che le loro scelte progettuali

I docenti della scuola dell'infanzia del 1 Circolo didattico di Qualiano, dopo aver consultato il P.O.F., concordano che le loro scelte progettuali I docenti della scuola dell'infanzia del 1 Circolo didattico di Qualiano, dopo aver consultato il P.O.F., concordano che le loro scelte progettuali debbano essere attuate in virtù del fatto che al bambino

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14

ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

Ma che musica maestre 2!!!

Ma che musica maestre 2!!! Istituto Comprensivo Nicola D Apolito Cagnano Varano Scuola dell infanzia Progetto di educazione musicale Ma che musica maestre 2!!! Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie sensazioni? Ognuno

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

CONTENUTI:GNOMI E FOLLETTI AMICI PERFETTI!

CONTENUTI:GNOMI E FOLLETTI AMICI PERFETTI! Sezione: A Disciplina: AREA1 Scuola: Infanzia De Amicis Campo d esperienza n 1 : IL SE E L ALTRO Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme Obiettivi 1. Sviluppare il senso dell'identità personale

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA DI CASTREZZATO COSA E' IL CURRICOLO?

CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA DI CASTREZZATO COSA E' IL CURRICOLO? CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA DI CASTREZZATO COSA E' IL CURRICOLO? Le insegnanti della Scuola dell'infanzia dopo attenta discussione sul significato di curricolo condividono che il CURRICOLO E : PERCORSO

Dettagli

Scuola dell Infanzia

Scuola dell Infanzia ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE

Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Consapevolezza ed espressione culturale riguarda l importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 1 Programmazione educativo didattica Premessa Il contesto scolastico rappresenta un ambito formativo

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLE DELL INFANZIA

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLE DELL INFANZIA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MONTEBELLO JONICO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Via Ficarella 89060 Saline Joniche (RC) Telefax

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME Disciplina Indicatori Descrittori Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente Esprimere oralmente le proprie emozioni ed esperienze mediante linguaggi diversi verbali

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA 28 ANNO SCOLASTICO 2008-2009 PARTE PRIMA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA ELABORAZIONE CURATA DALLA FIGURA STRUMENTALE AI CURRICOLI E ALLA VALUTAZIONE D ISTITUTO CON L APPORTO DIDATTICO DEI DOCENTI

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

Intendiamo stimolare la curiosità e la fantasia intrinseche nell essere bambino, l applicazione con creatività e ingegno delle proprie capacità,

Intendiamo stimolare la curiosità e la fantasia intrinseche nell essere bambino, l applicazione con creatività e ingegno delle proprie capacità, SOMMARIO Il Filo Rosso pag. 3 Le finalità educative pag. 5 Giocare per crescere:l importanza del gioco nella scuola dell infanzia pag. 6 Tematiche affrontate pag. 8 Obiettivi d apprendimento pag. 10 Mezzi

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

STORIE DEL BOSCO PER LE QUATTRO STAGIONI

STORIE DEL BOSCO PER LE QUATTRO STAGIONI ISTITUTO COMPRENSIVO PORRETTA TERME ORDINE DI SCUOLA:INFANZIA PLESSO: CASTEL DI CASIO A.S. 2014-2015 SEZIONE UNICA INSEGNANTI: CARBONI MIRANDA, MARTELLI ELEONORA STORIE DEL BOSCO PER LE QUATTRO STAGIONI

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali

TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali Struttura della personalità sociale Affettività sì no data sì no data mostra indifferenza per ciò che sperimenta

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA Direzione Didattica 3 Circolo Gubbio SCUOLA DELL INFANZIA DI BRANCA E TORRE CALZOLARI PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA A.S. 2012/13 PROGETTO CONTINUITÀ - ACCOGLIENZA RITROVARSI INSIEME PER FARE E GIOCARE

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Seconde NUMERO UDA UDA N.1 TITOLO In equilibrio tra arte, musica e movimento PERIODO ORIENTATIVO DI

Dettagli

Istituto Comprensivo Lodi I Scuola Primaria. C u r r i c o l o classe prima

Istituto Comprensivo Lodi I Scuola Primaria. C u r r i c o l o classe prima Istituto Comprensivo Lodi I Scuola Primaria C u r r i c o l o classe prima ITALIANO Classe 1 a INDICATORI OBIETTIVI D APPRENDIMENTO ATTIVITA DIDATTICHE E CONOSCENZE E ABILITA Ascoltare, comprendere e comunicare

Dettagli

Scuola dell Infanzia.

Scuola dell Infanzia. Scuola dell Infanzia. PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA-DIDATTICA a.s. 2014/15 La scuola dell infanzia è un luogo di apprendimento, in quanto tale essa si configura come primo grado del sistema scolastico ed è

Dettagli

a. s. 2011-2012 Laboratorio di attività motoria

a. s. 2011-2012 Laboratorio di attività motoria ISTITUTO COMPRENSIVO ALFANO QUASIMODO SCUOLA DELL INFANZIA a. s. 2011-2012 Laboratorio di attività motoria 1 Motivazione Guido Petter afferma che : L educazione motoria ha un importanza assai maggiore

Dettagli

PROGETTO Percorsi linguistico-espressivi per la scuola dell infanzia (4-5 anni)

PROGETTO Percorsi linguistico-espressivi per la scuola dell infanzia (4-5 anni) PROGETTO Percorsi linguistico-espressivi per la scuola dell infanzia (4-5 anni) Ci sono tante storie raccontate a voi bambini Da un Raccontastorie Perché siete piccolini E poi ce ne sono altre Suonate

Dettagli