IL CAPPERO (Capparis spinosa)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CAPPERO (Capparis spinosa)"

Transcript

1 REGIONE SICILIANA Assessorato dell'agricoltura e Foreste SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA E DIVULGAZIONE AGRICOLA Sezione operativa n Paceco IL CAPPERO (Capparis spinosa) QUADERNI DELL'ASSISTENZA TECNICA

2 Per. Agr. GIUSEPPE FERRARA Funzionario Responsabiie Sezione Operativa n Paceco Dott. Agr. GIOVANNI CUDIA Dirigente Tecnico Sezione Operativa n Paceco IL CAPPERO (CAPPARIS SPINOSA) QUADERNI DELL'ASSISTENZA TECNICA

3 INTRODUZIONE La cottura del cappero in Sicilia ha avuto un significativo sviluppo nell'isola di Pantelleria e di Salina. Nel ventennio passato si è assistito alla trasformazione di tale coltura da spontanea o marginale ad intensiva, costituendo una fonte crescente di reddito in una economia che a causa della carenza idrica aveva stentato a decollare. il Cappero è riuscito a dare, negli anni '70, con una produzione Lorda Vendibile di circa L /Ha, un valido reddito per gli agricoltori consentendo l'utilizzazione della manodapera familiare - diversamente non impiegata che ha costituito un freno per l'esodo dalla campagna. Negli anni '80 con la concorrenza delle produzioni di altri paesi a costi più bassi il prodotto non è stato remunerato come nel passato comportando di conseguenza una P. L. V. di circa L /Ha, fatto che nell'ultimo quinquennio ha indotto a riflettere gli operatori agricoli. La Sezione Operativa N. 83 di Paceco dell'assessorato Regionale Agricoltura e Foreste, in questo contesto, ha trovato un particolare motivo per affrontare la problematica nel suo insieme, organizzando nell'agosto del Ì986 un incontro-conferenza con esperti del settore presso l'isola dì Pantelleria e di cui se ne pubblicano le relazioni con il presente quaderno. Essendo queste pagine dedicate ad operatori agricoli, ci sembra opportuno e doveroso dare alcune notizie sulla coltura del cappero, proponendoci di approfondire e di divulgare nel tempo le tecniche colturali, i risultati della ricerca di nuove varietà, le indagini di mercato, etc. che la Sezione Operativa sta portando avanti di concerto con gli istituti di ricerca delle Università, con il Programma di Ricerca AGRIMED CEE, ed esperti del settore.

4 1. CARATTERISTICHE DELLA PIANTA II cappero è una pianta tipica della flora spontanea del clima mediterraneo, da considerare fra le nobili di questo interessante mondo di vegetali. Appartiene alla famiglia delle Capparidacee, genere Capparis a cui appartengono diverse specie, delle quali, la più diffusa nell'area del bacino del Mediterraneo, risulta la Capparis spinosa accompagnata spesso in Sicilia dal Capparis ovata, con la quale ha dato luogo ad ibridi. La specie «Capparis spinosa», si presenta come un arbusto suffruticoso, ovvero con porzione basale legnosa e parti superiori erbacee, alto mediamente cm., con i rami penduli e striscianti sul suolo. Le foglie si presentano carnose, picciolate alterne, di forma ovale o quasi tonde. Alla base del picciolo si rinvengono stipole, trasformate in aculei, spesso caduche o poco sviluppate. I fiori sono grandi, molto appariscenti ed odorosi, tant'è che la pianta, in questi ultimi anni, comincia ad interessare alcuni vivaisti, come pianta ornamentale per ville e giardini, grazie soprattutto alla caratteristica che ha la pianta di presentarsi fiorita per quasi tutta la stagione estiva. Il fiore è ermafrodita, con quattro petali bianchi e quattro sepali, con stomi violacei, porporini, specialmente verso l'apice. La pianta di cappero è estremamente resistente alla siccità, sia per la conformazione delle foglie che, per la capacità dell'apparato radicale di scendere in profondità nel terreno. Si avvantaggia di una primavera piovosa e di una estate calda ed asciutta; predilige terreni sciolti e ben drenati, tollera il calcare non temendo elevate percentuali, anche se vegeta molto bene su rocce vulcaniche (es. Pantelleria), povere di tale elemento.

5 2. LA TECNICA COLTURALE Le notizie di tecnica colturale che si indicano, vengono fuori dalla nostra conoscenza personale e di quanto appreso visitando aziende cappericole condotte con criteri razionali Preparazione del suolo L'impianto di un cappereto, in coltura intensiva, data la longevità della pianta e la produttività della stessa, richiede una adeguata preparazione del suolo a partire dallo scasso del terreno ad una profondità di cm circa seguito, dove occorre da spietramento e livellamento della superfice in modo da consentire per gli anni successivi tutte le lavorazioni meccaniche del terreno Concimazione II cappero, allo stato attuale, è una coltura in asciutto e la pianta si può considerare poco esigente in fatto di alimentazione minerale, tant'è che si possono notare piante in zone marginali (mai concimate) che vegetano molto bene; ma poiché, si parla di coltura intensiva, anche se non ci sono dei dati concreti relativamente alla asportazione minerale di tale pianta, si può consigliare, al momento attuale sempre tenendo in considerazione il livello di fertilità del terreno, di effettuare la seguente concimazione di preimpianto: Kg. 12/Ha di anidride fosforica (P2O5) e Kg. 120/Ha di ossido di potassio (K 2 O) interrando tali concimi ad una profondità di cm circa e di distribuire successivamente alla messa a dimora delle piante Kg. 40/Ha di azoto (N) interrandolo con una lavorazione superficiale. Quanto detto vale per un nuovo impianto. Per quanto riguarda la concimazione di mantenimento e di produzione i quantitativi di concimi dovranno essere valutati in re-

6 lazione alle asportazioni minerali della coltura, in generale è consigliabile distribuire ql. 5/Ha di un concime complesso tipo o, tra la fine di Gennaio e la prima decade di Febbraio Impianto L'impianto di un cappereto si effettua dalla seconda decade di Gennaio fino alla seconda decade di Febbraio in quanto in tale periodo il suolo presenta una sufficiente umidità, che può garantire con certezza l'attecchimento delle piantine. Il sesto d'impianto di un cappereto varia da mt. 2x2 a mt. 2,50x2,50 e le piante utilizzate per la messa a dimora sono a radice nuda. Relativamente alla messa a dimora, si può dire che bisogna effettuare delle buche profonde cm. 35 circa dove vengono collocate le piantine, dopo aver praticato sulle stesse una sbarbettatura dell'apparato radicale ed una potatura totale della parte aerea a circa cm. 3 al di sopra del colletto; è consigliabile interrare le piantine totalmente coprendo le stesse con circa cm. 1,5 di terra in modo da evitare che le stesse possano essere danneggiate da gelate o bruciate da forti venti sciroccali o di ponente. Le piantine usate per rimpianto, fino ad oggi, sono state piante ottenute da seme, tranne che per qualche appezzamento in cui si sono utilizzate quelle da talee, esclusivamente da qualche agricoltore più all'avanguardia. A tal proposito si può dire che un impianto di cappero effettuato con piantine da seme alla fine si presenterà disforme dal punto di vista varietale e di conseguenza darà il prodotto commerciale «Capperi» non omogenei ed uguali dal punto di vista qualiquantitativo. Per un nuovo impianto di cappero, quindi, si consiglia di utilizzare piante ottenute da talee, avendo l'accortezza di prelevare le stesse da piante che presentino delle caratteristiche quanti-qualitative eccellenti, opportunamente selezionate da occhi di cappericoltori esperti. 10

7 2.4. Lavorazione del terreno o diserbo La tecnica colturale del terreno nel cappereto è di fondamentale importanza in quanto, come detto in precedenza, è coltura in asciutto e teme come altri impianti arborei-arbustivi-ortive la competizione delle infestanti sia dal punto di vista idrico che nutrizionale, quindi è necessario che il terreno sia sottoposto a lavorazioni superficiali ogni qual volta occorra, a partire dal mese di Gennaio-Febbraio fino alla fine di Agosto, periodo in cui finisce la raccolta del prodotto; successivamente a tale periodo è consigliabile fare crescere le infestanti autunnali ed invernali in modo da consentire con l'inizio delle lavorazioni un discreto apporto di sostanza organica nel terreno. Altra tecnica di lavorazione utilizzabile nel cappereto, può essere quella del diserbo non coltura intervenendo nel mese di Gennaio-Febbraio sia con prodotti disseccanti o sistemici specifici per la flora infestante presente al momento del trattamento sia con prodotti residuali che hanno la funzione di antigerminello. Tale tecnica è consigliabile effettuarla valutando di volta in volta il tipo di infestanti, lo stadio di sviluppo delle stesse e del cappero in modo di ottimizzare il momento fra maggiore recettività delle malerbe, apporto di sostanza organica nel terreno con il loro disseccamento ed il dovuto riguardo al cappero. E' consigliabile effettuare la pratica del diserbo sempre dietro la guida di un esperto per evitare sia danni al cappereto che eventuali danni ambientali, evitando inoltre inutile spreco dì denaro. A tal proposito si ricorda che il Servizio di Assistenza Tecnica dell'assessorato Regionale Agricoltura e Foreste fra i vari compiti istituzionali ha anche quello di indirizzare gli agricoltori alle giuste scelte Potatura II cappero fiorisce sui rami di primo anno quindi l'entità di produzione dipende dalla emissione di molti rametti e, di conseguenza, la potatura si effettua lasciando un gran numero di speroni lunghi circa cm. 0,5; il legno secco ed i succhioni vengono eliminati.

8 Nel cappero viene praticata una potatura di produzione corta e ricca, solo nelle piante giovani e vigorose si adotta una potatura più lunga. L'intervento cesorio viene effettuato annualmente in Gennaio, Febbraio Raccolta e conservazione Nelle nostre zone, quali l'isola di Pantelleria, i capperi cominciano ad essere raccolti dalla prima decade di Giugno fino alla seconda e terza decade di Agosto a seconda dell'andamento stagionale. Ciò significa che le piante producono per circa tre mesi e, gli operatori ritornano a raccogliere sulle stesse piante ogni 7-10 giorni circa. La raccolta dei capperi è quella operazione che richiede la maggior parte della manodopera, infatti se si considera che un ettaro di cappereto produce dai 13 ai 18 ql. e che un operatore può raccogliere in una giornata lavorativa Kg. 15 di capperi, si deduce che per la raccolta dei capperi occorrono gg. lavorative ad ettaro. La nobiltà del cappero si fonda sui bocci fiorali, la cui conservazione è affidata al sale oppure all'aceto, purtroppo, quest'ultimo fa perdere gran parte del gusto e del loro caratteristico aroma. I bocci fiorali, raccolti a tempo giusto, conferiscono un caratteristico sapore che bene si armonizza con le salse e con svariati cibi; tale nobiltà si consolida nelle virtù farmacologiche, considerandosi la pianta come diuretica, tonica, stimolante, aperitiva, digestiva, e recentemente anche cosmetologica. 12

9 ASSESSORATO REGIONALE AGRICOLTURA SEZIONE OPERATIVA 83 PACECO ATTI DEL CONVEGNO SUL TEMA «ASPETTI AGRONOMICI, DI MERCATO E PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL CAPPERO» Pantelleria, 2 Agosto 1986 PREMESSA 11 giorno 2 Agosto 1986 si è svolta, nell'aula Consiliare del Comune di Pantelleria, la conferenza sul tema: «Aspetti agronomici, di mercato e prospettive di sviluppo del cappero», sotto il patrocinio della Sezione Operativa di Assistenza Tecnica n. 83 di Paceco, dell'assessorato Regionale Agricoltura e Foreste e del Comune di Pantelleria, con la fattiva collaborazione dell'assessore al ramo Maria Pia Gabriele. La Sezione Operativa di A. T. n. 83, che opera nell'isola da circa un anno, svolge molteplici attività volte a stimolare un miglioramento delle capacità e delle conoscenze degli operatori agricoli. L'organizzazione di un incontro tra studiosi ed operatori agricoli dell'isola senza dubbio assolve il compito divulgativo atto a fornire quelle informazione di base che consentono agli stessi operatori di compiere delle scelte di ordine tecnico-economico e quindi realizzare tali decisioni. Dalle relazioni infatti sono scaturiti non soltanto discorsi ma anche e soprattutto proposte, analisi che partendo da considerazioni di carattere tecnico-economico, relative alla crisi che da qualche anno investe il settore agricolo nell'isola, in particolare per quanto riguarda il comparto viticolo ed ancor più oggi quello 13

10 cappericolo, sono pervenuti a delle risoluzioni attraverso indicazioni su colture alternative e su interventi di carattere pubblico a livello comunitario. Moderatore dei lavori è stato il Prof. Antonino Donia, Ordinario di Economia e Politica agraria dell'università di Palermo, il quale si è ampiamente soffermato su quella che è l'attuale situazione del settore agricolo in generale nell'isola ed in particolare sulle problematiche che investono la coltura del cappero, da quelle più specificatamente tecniche, alle prospettive di sviluppo economico del mercato cappericolo. Lo svolgimento dell'incontro si è articolato attraverso le seguenti relazioni: Dott. Giuseppe Venezia Coordinatore Regionale Gr. VII A. T., prom. agricola e statistica dell'assessorato Regionale Agricoltura e Foreste: «II ruolo dell'assistenza Tecnica per una moderna agricoltura». Dott. Gianfranco Rossetto Responsabile del programma AGRI- MED della CEE: «I servizi di consulenza agricola e la Politica Comunitaria». Prog. Giuseppe Barbera Istituto di Coltivazioni Arboree, Facoltà di Agraria di Palermo: «Aspetti agronomici della coltura del cappero nel bacino del Mediterraneo». Prof. Antonino Caccetta Istituto di Economia e Politica Agraria, Facoltà di Agraria di Catania: «Evoluzione della produzione e del mercato del cappero». L'elaborazione del materiale relativo alla conferenza in esame ha comportato il commento di alcune considerazioni espresse dai relatori, per cui il ricorso ad eventuali omissioni è da ascriversi ad una migliore comprensione dei testi. 14

11 Dott. GIUSEPPE VENEZIA «IL RUOLO DELL'ASSISTENZA TECNICA PER UNA MODERNA AGRICOLTURA >» La Regione Siciliana con la L. R. 73/77 ha anticipato, con una felice intuizione, quanto poi è emerso in sede comunitaria, nazionale e nell'ambito delle altre regioni Italiane dando all'assistenza Tecnica un ruolo fondamentale «al fine di sviluppare e qualificare la base produttiva agricola e di migliorare la condizione professionale ed il reddito dei lavoratori e dei produttori agricoli». La stessa normativa attua la scelta sulla quale altre Regioni ancora devono trovare la soluzione sull'assistenza Tecnica pubblica o privata. La Regione Siciliana ha preferito, molto opportunamente, impostare un'assistenza Tecnica integrata nel senso di avere definito l'assistenza Tecnica pubblica con l'integrazione di una Assistenza Tecnica privata svolta dalle Organizzazioni Professionali. La Sezione Operativa n. 83 di Paceco nel cui ambito territoriale ricade anche Pantelleria proviene da quella Legge e se siamo qui a discutere di problemi colturali e territoriali che interessano Pantelleria ed il suo sviluppo lo dobbiamo a quella felice intuizione. E' logico che una problematica sull'assistenza Tecnica così complessa che comporta interventi e modifiche sostanziali sul modo di intendere i problemi e lo sviluppo non può trovare applicazione con immediatezza, ma abbisogna di un continuo aggiornamento e verifica degli obiettivi della stessa legge e sopratutto dei mezzi per raggiungerli. Infatti pur rimanendo validi gli obiettivi prefissati da più parti si richiede una modifica riguardo ai mezzi per raggiungerli. Non vi è dubbio comunque che una moderna agricoltura che utilizzi per intero le risorse del territorio non può non avere una Assistenza Tecnica professionalmente preparata, aggiornata e at-

12 tenta a ciò che avviene nel mondo al fine di potere offrire il consisiglio necessario ad un ordinato sviluppo. L'agricoltura dell'isola di Pantelleria è caratterizzata dalla viticoltura con circa Ha di zibibbo, la cappericoltura con circa 650 Ha, l'olivicoltura con 19 Ha, ma questi settori stanno vivendo una crisi profonda che non è solamente riflesso di quella italiana, ma provata anche dalle particolari condizioni pedoclimatiche e la posizione geografica dell'isola. Infatti le irregolarità del terreno, trattenuto dai numerosissimi muretti a secco di roccia vulcanica, fa si che gli appezzamenti sono di piccola estensione e poco praticabili dalle macchine agricole, oltre a ciò la presenza quasi continua di forti venti (scirocco e maestrale), la bassissima piovosità e la lontananza dalla terra ferma impediscono che l'agricoltura isolana si sviluppi con una adeguata industrializzazione. Gli alti costi di produzione derivanti dalle difficoltà pedoclimatiche, i disagi dei trasporti, la disorganizzazione commerciale e la stessa indole dell'agricoltore pantesco hanno portato a un lento e progressivo abbandono dell'agricoltura specialmente nelle zone più impervie da raggiungere ed in quelle più costiere dove si è maggiormente diffusa l'edilizia turistica. Lentamente le difficili condizioni dell'agricoltura Pantesca hanno influito all'abbandono, ma ciò è stato accentuato dall'illusione di facili guadagni con il turismo stagionale che ha indotto gli abitanti dell'isola a preferire al faticoso lavoro agricolo l'affitto dei «dammusi» ai turisti. E' impensabile pensare che l'agricoltura col passare del tempo vada scomparendo anche perché fa parte integrale di tutta l'economia Pantesca; si potrebbe dire che senza agricoltura non ci sarebbe più neanche turismo. E' qui che entra il ruolo dell'assistenza Tecnica in particolare della Sezione Operativa n. 83 di Paceco. Da un lato indicando tutte quelle tecniche che potrebbero influire a rendere più moderna e qualificata l'agricoltura come la meccanizzazione, il reimpianto per i vecchi vigneti, la specializzazione degli impianti ecc, dall'altro con l'individuazione di colture alternative come per esempio piante officinali, piante aromatiche o coltivazioni in serra che potrebbero 16

13 essere altre fonti valide di reddito per gli agricoltori. Inoltre incidere e stimolare gli agricoltori e le Cooperative ad organizzarsi per immettersi nel mercato in modo compatto e qualificato valorizzando i propri prodotti come simbolo di una isola che ha molto da offrire al turista. Le risorse del territorio di Pantelleria, come abbiamo visto, sono limitate e quindi difficilmente una singola coltura o attività può raggiungere un reddito sufficiente alle attuali esigenze familiari, allora diventa indispensabile creare una coltura che utilizzi integralmente le risorse del territorio (vite, cappero, dammusi, piante officinali, ecc.) e distribuisca il lavoro nell'arco dell'anno al fine di costituire per famiglia un reddito globale che risponda alle attuali esigenze. Il compito dell'assistenza Tecnica, ma non solo di essa, ma anche del Comune, delle Organizzazioni Professionali, delle Cooperative, diventa quindi la trasformazione culturale oltre che tecnica, migliorando lo spirito associazionistico soltanto attraverso il quale è possibile migliorare le attuali condizioni. Ciò va fatto tenendo presente che il turismo a Pantelleria può risolvere dei problemi a qualche gruppo finanziario ma certamente non risolve i problemi dei Panteschi, mentre l'utilizzo dei dammusi con l'agriturismo, la pesca e una agricoltura rimodernata possono fare superare le attuali difficoltà ir. cui versa l'economia dell'isola di Pantelleria.

14 Dott. GIANFRANCO ROSSETTO «I SERVIZI DI CONSULENZA AGRICOLA E LA POLITICA COMUNITARIA» II programma di ricerca AGRIMED è volto alla valorizzazione delle risorse locali, attraverso l'individuazione di eventuali handicaps, la cui conseguenza immediata è la soluzione di certi problemi che investono il settore agricolo nel complesso, obiettivo non certamente primario, ma primario è lo sforzo per tale risoluzione. Quando si parla di ricerca o di valorizzazione di risorse locali, senza dubbio non ci si riferisce ad una attività autonoma o avulsa da un contesto più ampio, in quanto l'attività di ricerca è legata e collegata a quella che è una politica generale ma sopratutto ad una politica agricola che investe problematiche che esulano dagli obiettivi dei programmi di ricerca, es. la prima domanda formulata dagli agricoltori è : cosa ci consigliate di produrre? Domanda a cui è difficile poter rispondere poiché diverse sono le motivazioni e lontani si è dalle zone operative in termini di distanza fisica per cui non si riesce a comprendere la molteplicità degli aspetti locali. A tale domanda molto imbarazzante ne scaturisce un'altra da parte degli stessi funzionari CEE: Come si andranno a vendere i prodotti? poiché produrre senza sapere dove e quando vendere tali prodotti non ha senso e si provocherebbe più danno che altro. La presenza di un funzionario CEE al convegno è giustificata dal fatto che nel programma AGRIMED esiste una sezione specifica per il cappero creata su sollecitazione del Prof. Giuseppe Barbera in collaborazione con la condotta agraria dell'isola. Si è voluto creare un campo di confronto varietale in modo da poter permettere certe valutazioni del prodotto. 19

15 Il tema della relazione è incentrato particolarmente sulla rivalutazione del ruolo dei servizi di consulenza agricola nel contesto della Politica Agricola Comune. La P.A.C, oggi attraversa uno dei periodi più critici che mai siano esistiti in 25 anni di attività comunitaria. Le eccedenze, per moltissimi prodotti agricoli, sono enormi, responsabili senza dubbio il progresso e l'introduzione di nuove tecnologie agricole. Forse è proprio il successo della P.A.C, che ha creato i presupposti per questa crisi: si è in una fase di sovraproduzione, i tempi sono cambiati per cui anche i metodi di applicazione devono essere cambiati. La P.A.C, deve risolvere oggi un gravissimo dilemma; si tratta di conciliare due obiettivi fondamentali che solo apparentemente sono contraddittori: da un lato esiste un'offerta di prodotti agricoli che deve essere adeguata in funzione dei bisogni del mercato e dall'altra occore portare avanti una politica di ristrutturazione delle strutture agrarie, cioè intendendosi per ristrutturazione aiuti agli investimenti a favore degli agricoltori che devono risolvere i problemi strutturali e le cui aziende, soprattutto quelle a conduzione familiare, hanno ancora possibilità di sviluppo. Trovare una soluzione a tale dilemma è estremamente difficile; il margine di manovra che è rimasto è ridottissimo, non si possono più concepire a livello comunitario aumenti di spese, ma addirittura la Commissione prevede delle diminuzioni, ciò vuol dire avere a disposizione delle somme prima presenti che possono essere devolute per creare nuovi sbocchi per i prodotti agricoli nei settori dell'industria e dell'energia. In ogni caso qualunque siano gli obiettivi della P.A.C., rimangono immutati e rispettati i principi fondamentali che sono quelli del miglioramento del reddito, del miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro della popolazione agricola e comunque rimangono inalterati i principi che sono sanciti dall'art. 39 del Trattato di Roma. Uno degli ultimi documenti stilato dalla Commissione è il «Libro Verde», ma un documento ancora più importante e suc- 20

16 cessivo ad esso è il risultato delle discussioni suscitate dallo stesso «Libro Verde» e portate avanti dalle varie associazioni degli agricoltori, delle associazioni delle cooperative e consorzi, da tutti quanti gli operatori economici che lavorano nel comparto agricolo. In questo nuovo documento dal titolo «Un futuro per l'agricoltura comunitaria» sono stati elencati tutta una serie di orientamenti specifici che riguardano per l'appunto il futuro della P.A.C. Premessa indispensabile è il mantenimento o meglio il riconoscimento della «fondamentalità» dell'azienda agricola a conduzione familiare. Dalle discussioni sorte intorno al «Libro Verde» con le parti interessate è scaturito un fatto nuovo e cioè che gli stessi agricoltori intendono partecipare attivamente ai cambiamenti in atto nei settori tecnico, economico e sociale e considerano con vivo interesse la crescente integrazione con tutte quelle regole che sono tipiche di un sistema economico. Ne scaturisce immediatamente la necessità di stabilire quale sia l'indice di redditività di un'azienda: l'indice di redditività di una azienda oggi ha come parametro o corollario i prezzi e quindi il mercato. La Commissione ha individuato una serie di settori e quindi di punti basilari verso cui la P.A.C, deve indirizzarsi, e questi sono: 1) ridurre gradualmente la produzione nei settori dove esistono delle eccedenze; 2) favorire la diversificazione e migliorare la qualità dei prodotti, tenendo conto delle richeste dei mercati interni ma anche esteri; 3) affrontare con efficacia il problema della vita delle piccole aziende; 4) bisogna favorire l'agricoltura dove essa ha una funzione primaria e fondamentale, dove non è solo agricoltura ma anche fenomeno economico-sociale; Si è parlato di agriturismo: può essere una delle soluzioni ma occorre ancora:

17 5) contribuire allo sviluppo nella Comunità delle industrie di trasformazione dei prodotti agricoli, rendendo in questo modo gii agricoltori partecipi dei benefici della trasformazione. E' chiaro che questa è una guida particolarmente importante non solo per gli agricoltori ma anche e sopratutto per i servizi di consulenza. L'impegno illimitato di favorire l'incremento della produzione agricola che ha caratterizzato la P.A.C, fin dalla sua attuazione, non può essere mantenuto e quindi occorre sottolineare l'importanza del servizio di consulenza per far sì che, tenute presenti queste premesse, il discorso venga trasferito a chi ne dovrà sopportare le conseguenze. Quanto detto finora presuppone una rivalutazione della tradizionale filosofia dell'attività di consulenza che ha fino ad oggi posto l'accento sull'incremento della produzione: è necessario ridefinire l'attività di consulenza stessa per poter risolvere il problema delle eccedenze ed aiutare l'agricoltore ad adeguare la propria azienda mediante le seguenti azioni: 1) riconversione della produzione; 2) miglioramento della qualità dei prodotti; 3) contenimento dei costi di produzione; ed ultima, che diventa sempre più importante, la risoluzione del 4) problema della conservazione dell'ambiente. Dall'esame di questi quattro obiettivi emerge la necessità di sviluppare: 1) nuove o migliori varietà per accrescerne la commercializzazione oppure per promuoverne nuove utilizzazioni sopratutto per il prodotto in questione cioè il cappero. Occorre sottolineare però un altro aspetto: quando si parla di riconversione è chiaro che ci si riferisce all'introduzione di nuove colture che possono essere indirizzate alle piante aromatiche o officinali, prodotti per il turismo, ed inoltre esistono delle altre possibilità, tipiche di quelle zone in cui vi è carenza di terra; bisognerebbe trovare, e lo si sta studiando, per es. dove c'è una unità di S.A.U. limitata si può cercare di sovrapporre ad una produzione di pieno campo, una produzione di serra; ci sono delle sperimentazioni in corso che potrebbero dare degli ottimi risultati. 22

18 Tutto ciò ha però una sua limitazione per certi fattori che non possono essere sottovalutati. Il raggiungimento di questi obiettivi, in particolar modo quello della riconversione della produzione richiede una intensa collaborazione tra Ricerca e Servizi di consulenza per garantire non solo lo sviluppo di nuove e valide linee di produzione ma anche il loro effettivo incremento a livello aziendale. Il secondo aspetto non meno importante, per quanto riguarda la consulenza, è il miglioramento della qualità dei prodotti; 2) più si adegua la produzione a certi standards qualitativi, più si hanno possibilità dì porzioni di mercato: è questo l'obiettivo principale dei servizi di consulenza; infatti il problema delle eccedenze, che grava sull'agricoltura comunitaria, è dovuto sopratutto alla modesta qualità dei prodotti offerti. D'altra parte l'idea intrinseca della qualità può far presupporre la commercializzazione e di conseguenza un prezzo remunerativo che possa salvaguardare i redditi agricoli nella situazione attuale. Quando si parla di qualità oggi ci si riferisce sempre alla qualità dei prodotti, dip rodotti più naturali che tengano conto della salute umana nel quadro di una alimentazione sana, aspetto questo che non deve essere dimenticato. La nozione di qualità naturalmente include la promozione di prodotti tipici regionali, garantiti da un marchio. Per quanto riguarda la riduzione dei costi, purtroppo ci troviamo in una zona in cui non si possono comprimere le spese: 3) una meccanizzazione spinta diventa problematica, anche se la riduzione dei costi non è riferita soltanto alla meccanizzazione, ma anche ai costi derivati da malattie che rappresentano annualmente una spesa abbastanza elevata per gli agricoltori. La riduzione dei costi di produzione derivante da interventi fitosanitari, assume una aspetto rilevante: ecco perché altra attività dei servizi di consulenza è quella del controllo delle malattie la cui eradicazione garantisce il conseguimento dei livelli di qualità che saranno richiesti all'agricoltura nei prossimi anni. 4} Per quanto riguarda la conservazione dell'ambiente, la Commissione ha portato recentemente al Consiglio dei Ministri,

19 a riprova di quanto la Comunità intende fare per garantire il conseguimento di tali obiettivi, una proposta sulla politica strutturale i cui principi fondamentali possono suddividersi in due parti: la prima prevede l'abbandono delle terre; sembrerebbe una proposta assurda ma potrebbe essere una soluzione valida anche per la nostra zona poiché le disposiizoni che vengono prese per coloro i quali abbandonano la produzione agricola, ad es. per dedicare l'azienda al rimboschimento, comportano un certo reddito. Per cui non coltivare la terra non significa abbandono del reddito, ma attraverso tali disposizioni è prevista un'integrazione del reddito stesso. In ogni caso è da tenere sempre in considerazione il regolamento 795/85 che comprende tutta una serie di articoli con conseguenze di capitale importanza per gli agricoltori. Il punto fondamentale sta nella volontà di trovare i metodi e i mezzi per poter ottenere tali facilitazioni. Sono previsti per es. contributi per l'insediamento nell'azienda agricola rivolti ovviamente ai giovani. Altro esempio è l'indennità compensativa per le zone svantaggiate; tali indennità sono maggiorate del 50% rispetto alle altre. E' stato previsto un premio annuale per ettaro a titolo di compensazione per la perdita di reddito nelle zone svantaggiate, per gli agricoltori che adottano sistemi di produzione compatibili con gli obiettivi prima elencati, es. la conservazione dell'ambiente, e tali premi vengono raddoppiati per le zone meridionali svantaggiate. In conclusione i vincoli esistenti in materia di produzione e di prezzi inerenti l'attuale situazione della P.A.C., possono, anzi daranno prossì problemi a moltissimi agricoltori. E' quindi necessario fare in modo che i servizi di consulenza siano perfettamente consapevoli di questi profondi cambiamenti per consigliare gli agricoltori nella scelta dei mezzi più adeguati per risolvere eventuali difficoltà. Per svolgere questa nuova produzione di situazioni benefiche i servizi di consulenza devono rendersi conto che in molti casi è necessario un nuovo orientamento dell'attività di consulenza che 24

20 deve presupporre l'abbandono definitivo della tradizionale filosofia che mirava solo ed esclusivamente all'incremento della produzione. I servizi di consulenza dispongono ancora di un certo margine di manovra per aiutare gli agricoltori a superare le difficoltà del presente. Questi sono i compiti prefissi ed i tentativi di soluzione che si è cercato di presentare. Tutto ciò però viene a scontrarsi con il Super Ministero della Agricoltura per i 12 Paesi, così come viene definita appunto la Commissione della CEE, che finisce per limitare le attività di Assistenza Tecnica, essendo quest'ultima una competenza nazionale prima e poi regionale, definendo una legge quadro entro la quale tutti devono conformarsi.

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Newsletter n.2 La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Presentazione In questa seconda newsletter che accompagna il percorso formativo della nostra Comunità montana sulle opportunità offerte

Dettagli

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 $/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 / DUHDGLSURGX]LRQHELRORJLFD A fianco l uso dell olio di oliva tradizionale, sono cresciute la produzione ed il consumo dell olio biologico, con il conseguente aumento dell

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

La realizzazione di un manufatto in odontoiatria protesica

La realizzazione di un manufatto in odontoiatria protesica La realizzazione di un manufatto in odontoiatria protesica Dott. Michele Rossini Parole chiave: Costo di produzione Valore di produzione Prototipo Lowcost Se neparla molto e il dialogo sembra ancora agli

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive S Studi di Settore PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive L analisi dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore offre molteplici spunti di riflessione in relazione

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese? Il Riutilizzo degli Scarti Verdi dei Vivai Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Centro Sperimentale Vivaismo di Pistoia Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE Il fenomeno dell invecchiamento nella conduzione aziendale 1. I CONDUTTORI AGRICOLI NELL UNIONE EUROPEA Secondo i più recenti dati disponibili

Dettagli

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide Giuseppe Carli, Presidente Sezione colture industriali di ASSOSEMENTI Bergamo, 6 febbraio 2015 Il successo del mais il MAIS

Dettagli

Protezione sociale e agricoltura

Protezione sociale e agricoltura 16 ottobre 2015 Giornata mondiale dell alimentazione Protezione sociale e agricoltura Sasint/Dollar Photo Club Sasint/Dollar Photo Club per spezzare il ciclo della povertà rurale 16 ottobre 2015 Giornata

Dettagli

L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI

L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI Roma 25 luglio -- Nel 2013 il mercato della terra ha continuato a mostrare segnali di cedimento. Secondo gli operatori del settore,

Dettagli

Quale cibo per il futuro?

Quale cibo per il futuro? Quale cibo per il futuro? C. Forni Laboratorio di Botanica e Fitotecnologie Università degli Studi di Roma Tor Vergata forni@uniroma2.it Frascati Scienza 22 9 14 1 Le piante sono costituite da tante molecole

Dettagli

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE Mario Schiano lo Moriello Cesena, 7 ottobre 2011 Report Economico Finanziario Gli obiettivi dell analisi ISMEA IPSOA Il REF è

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

Azienda Agricola biologica Costa Dorothea

Azienda Agricola biologica Costa Dorothea Azienda Agricola biologica Costa Dorothea Qualità e ricerca in una produzione di nicchia 1 L azienda agricola L azienda agricola Dorothea Costa nasce nel 2007 con i fondi del Piano di Sviluppo Rurale 2007/2013

Dettagli

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (MADR) ha trasmesso il 21 marzo alla Commissione

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti La prospettiva dell offerta delle assicurazioni di Sergio Paci Università Bocconi 1 Il tema del pricing è molto complesso e articolato anche

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea. Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale

La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea. Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale La PAC nel nuovo bilancio Ue Congelamento della spesa in valori correnti per entrambi i pilastri

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

COSA SONO GLI O.G.M.?

COSA SONO GLI O.G.M.? COSA SONO GLI O.G.M.? Da secoli l uomo cerca di migliorare le specie animali e vegetali presenti nell ecosistema, per poterle utilizzare in maniera economicamente più vantaggiosa. Come allevatore ed agricoltore,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

1) I modelli rurali teoria del rurale. 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70

1) I modelli rurali teoria del rurale. 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70 1) I modelli rurali teoria del rurale 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70 Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-2011 Università degli studi Milano-Bicocca Sviluppo rurale diverse concezioni dello

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI BIOLOGICO: NON SOLO MERCATO LE REGOLE L'agricoltura biologica rappresenta uno dei comparti dell'agroalimentare di qualità di maggior

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI ***

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** 1. Soggetti Promotori Dipartimento di Scienze Ambientali e Facoltà di Scienze e Tecnologie dell Università di Camerino (UNICAM-DSA e UNICAM-FST)

Dettagli

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Schema dell intervento 1 dati sul contributo dell agricoltura alle emissioni di gas serra;

Dettagli

IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI L ORTO IN TAVOLA

IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI L ORTO IN TAVOLA SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI LA GABBIANELLA L ORTO IN TAVOLA Quattro anni fa la nostra scuola iniziò un progetto di educazione scientifica denominato ORTI E FIORI A SCUOLA che aveva

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

In uno scenario di aumento dei costi

In uno scenario di aumento dei costi analisi dei costi di esercizio Come scegliere il rotolone più adatto alle proprie esigenze di Giuseppe Taglioli, Giulia Villani, Matteo Boscarato In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi

Dettagli

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 slide 1 Introduzione Lo scopo di questo intervento è di presentare un iniziativa che sta muovendo i primi passi in queste settimane e che mira

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Fasi di crescita. Chiara Casadio

Fasi di crescita. Chiara Casadio Fasi di crescita Chiara Casadio condizioni interne ed esterne Le strategie di crescita possono essere influenzate da condizioni interne ed esterne all impresa. Le condizioni esogene principali possono

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Polizza assicurativa Tutela Futuro

Polizza assicurativa Tutela Futuro Polizza assicurativa Tutela Futuro Servizi reali per la non autosufficienza Dai primi anni 90 si è manifestato un crescente interesse per il sostanziale aumento della domanda di prestazioni di lunga durata

Dettagli

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare,

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare, Viene posto quesito inerente all attività agrituristica, con particolare riferimento alle tipologie di locali che possono essere utilizzati per lo svolgimento di tale attività, per meglio comprendere se

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare Del Consiglio Nazionale della green economy Roma, 30 giugno 2015 In occasione di Expo 2015 Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

,/0(5&$72',&216802,/0(5&$72 '(//(25*$1,==$=,21,,7$/,$12(' (67(52(/(/252&$5$77(5,67,&+(

,/0(5&$72',&216802,/0(5&$72 '(//(25*$1,==$=,21,,7$/,$12(' (67(52(/(/252&$5$77(5,67,&+( ,/0(5&$72',&216802,/0(5&$72 '(//(25*$1,==$=,21,,7$/,$12(' (67(52(/(/252&$5$77(5,67,&+( 6(/(=,21('(,3$(6, Nella precedente ricerca si sono distinti, sulla base di indicatori quali la produzione, il consumo

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Congressi: il punto di vista dalle associazioni MEETINGCONSULTANTS

Congressi: il punto di vista dalle associazioni MEETINGCONSULTANTS Congressi: il punto di vista dalle associazioni Le associazioni protagoniste della meeting industry All interno della meeting industry internazionale le associazioni suscitano grande interesse in quanto

Dettagli

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole) Cod. misura Codice tipologia Misura FEOGA Tipologia di progetto Indicatore di realizzazione a a01 Interventi su impianti produttivi aziendali Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

Dettagli

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Ambienti terrestri Ambienti costruiti = aree urbane, industriali, infrastrutture: aree ristrette, ma ad elevato consumo energetico e produttrici

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta?

Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta? Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta? Organizzato da Istituto Superiore di Sanità Impiego di Ogm nella produzione primaria: il punto di vista degli

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Titolo Asparago - Costituzione e diffusione dell ibrido maschile Italo Risultati della Ricerca Descrizione estesa del risultato Italo è il primo ibrido interamente maschile (le piante maschili sono notoriamente

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese?

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Torino, 14 aprile 2006 Indice Considerazioni iniziali...p.3 La non crescita...p.5 In concreto, cosa si può fare?...p.6 Considerazioni

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

I prezzi dei cereali in Italia

I prezzi dei cereali in Italia Workshop Prezzi agricoli ed emergenza alimentare: cause, effetti, implicazioni per le politiche I prezzi dei cereali in Italia Roma, 8 luglio 2008 Angelo Frascarelli Università degli Studi di Perugia angelof@unipg.it

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007 11 luglio 2008 Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007 L Istat rende disponibili i principali risultati dell indagine campionaria sull utilizzo dei prodotti

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Ambiente e produzione di energia da fonti rinnovabili: minaccia o opportunità

Ambiente e produzione di energia da fonti rinnovabili: minaccia o opportunità Ambiente e produzione di energia da fonti rinnovabili: minaccia o opportunità I giovani imprenditori di Confagricoltura credono fermamente nello sviluppo delle energie rinnovabili ed in particolare delle

Dettagli

Lo scenario energetico in Italia

Lo scenario energetico in Italia Lo scenario energetico in Italia Il Bilancio Energetico Nazionale Il Ministero dello Sviluppo Economico pubblica annualmente il Bilancio Energetico Nazionale (BEN) del nostro Paese. Questo ci dà l opportunità

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE ECONOMICA DELLA CUCINA DOCENTE: EXECUTIVE CHEF ALESSANDRO CIRCIELLO

OTTIMIZZAZIONE ECONOMICA DELLA CUCINA DOCENTE: EXECUTIVE CHEF ALESSANDRO CIRCIELLO OTTIMIZZAZIONE ECONOMICA DELLA CUCINA DOCENTE: EXECUTIVE CHEF ALESSANDRO CIRCIELLO IL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO: Pochi piatti di un menù rimangono vincenti per sempre. La maggior parte di essi dovrà essere

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

Il rendimento degli impianti solari:

Il rendimento degli impianti solari: Il rendimento degli impianti solari: Con il termine impianto solare s intendono tutti i sistemi finalizzati alla produzione energetica che sfruttano quella solare, trasformata in altre forme, come energia

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole

Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole Consiglio dell'ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Alberto Giuliani Coordinatore dipartimento Sviluppo Rurale

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati.

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 1 ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 2 Indice generale Abstract...3 Integrare: perché?...3 Le soluzioni attuali...4 Cos'è un ESB...5 GreenVulcano ESB...6 3 Abstract L'integrazione

Dettagli

I risultati economici delle aziende biologiche

I risultati economici delle aziende biologiche I risultati economici delle aziende biologiche di Davide Marino e Alfonso Scardera 1 Analisi economica comparata dei processi produttivi biologici e di quelli convenzionali Sebbene l'attenzione degli economisti

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento MISURA 311 Titolo IV, Capo 1, sezione 3, Articolo 52 lettera a) punto i e sottosezione 1, Articolo 53 del Regolamento

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli