Entra nel capitale sociale CSC Di Vittorio.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Entra nel capitale sociale CSC Di Vittorio."

Transcript

1 61 Identità e storia Principali tappe storiche di Assicoop Modena Fu dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell autorizzazione all esercizio dell attività assicurativa da parte di Unipol (26 Marzo 1963) che Modena, insieme ad altre Federcoop dell Emilia Romagna, iniziò la sua storia. L attività di questi anni si focalizzò soprattutto sul piano commerciale, di divulgazione ed informazione, per trasmettere al movimento cooperativo e a tutte le organizzazioni democratiche, sindacati e mondo contadino, una nuova visione di Compagnia di Assicurazione. Questa nuova idea era basata sulla serietà dell attività, anche per contribuire, con la copertura dei rischi, a creare un Assicurazione e uno strumento finanziario coerenti con i valori e la missione del movimento stesso. Il mandato agenziale, che fino ad allora era intestato al sig. Ilmo Pedrazzi, funzionario di Legacoop Modena, passò in questi anni da una persona fisica ad una società, che si scelse poi di denominare CASA: Cooperativa Assistenza Servizi Assicurativi, cooperativa di secondo livello i cui soci sono alcune cooperative modenesi. La scelta del nome deriva da un evento particolare: accadde infatti che la data convenuta con il notaio per la costituzione della cooperativa coincidesse con lo sciopero nazionale per la casa, si decise quindi che CASA potesse anche essere il nome di una cooperativa dedicata alla tutela dei cittadini. In questo periodo furono aperte le prime agenzie periferiche e territoriali, precisamente a Carpi e Mirandola, a cui fecero seguito, in un secondo momento, Vignola, Sassuolo e Pavullo e poi altre Agenzie sulla città. Nel mese di marzo CASA cambia la propria ragione sociale in Assicoop Modena Scarl, rimanendo cooperativa di secondo livello. Il 1 gennaio si trasforma in SpA, assumendo la ragione sociale di Assicoop Modena SpA, nella cui base sociale compaiono la Compagnia di Assicurazione, Legacoop Modena e CIA. Entra nel capitale sociale CSC Di Vittorio. Assicoop Modena SpA effettua una fusione per incorporazione di ARCO SpA (Agenzia Unipol presente sul territorio modenese, partecipata da CNA e CESCON) e SAFIn (Agenzia Unipol operante sul territorio dell Appennino modenese) partecipata da Assicoop ed ARCO. Per effetto delle fusioni, CNA e CESCON diventano azioniste di Assicoop Modena SpA.

2 Principali tappe storiche di Assicoop Ferrara Viene costituita la Società Cooperativa a.r.l. Assicoop, aderente alla Lega Nazionale delle Cooperative e Mutue, che nel 1976, su mandato dell Agenzia Unipol di Ferrara (Agente privato Angelo Padovani), opera in veste di Subagenzia gestendo direttamente il portafoglio del movimento cooperativo ferrarese, degli enti oltre che dei privati. Assicoop assume il mandato di Agenzia Speciale, continuando ad operare prevalentemente nel settore delle cooperative ed enti. Assicoop diventa Agenzia Generale per tutta la provincia di Ferrara rilevando il portafoglio dell Agenzia privata di Angelo Padovani. Viene rilevata l Agenzia di Cento dagli agenti Ruggero Prampolini e Gino Battilana. In aprile Assicoop Scarl si trasforma in Assicoop SpA. Entra tra i soci anche Assicoop Sicura SpA con il 4,52% del capitale. Le principali tappe storiche Assicoop Modena&Ferrara SpA 2010 La Compagnia lancia un ipotesi di aggregazione tra Assicoop di diverse dimensioni come strumento per arrivare ad avere strutture con dimensioni tali da poter affrontare i repentini cambiamenti che il settore avrebbe dovuto gestire negli anni successivi, senza però dimenticare i legami con il territorio e il mondo di provenienza. Nascono le ipotesi di unificazione tra le Assicoop di Reggio Emilia con Parma, Modena con Ferrara e Ravenna con la Romagna. Nella seconda metà dell esercizio, Assicoop Modena SpA e Assicoop Ferrara SpA danno forma ad un progetto di fusione tra le due realtà, redigendo un business plan ed un piano triennale. Sul finire dell esercizio 2010 i rispettivi Consigli di Amministrazione approvano il progetto. Le Assemblee dei soci, tenutesi a bilancio chiuso, ovvero nel mese di aprile, convalidano definitivamente la fusione definendone anche il futuro assetto di governance. Il 30 giugno, con effetto retroattivo all inizio dell anno, le due realtà si fondono (tecnicamente si è trattato di fusione per incorporazione di Assicoop Ferrara SpA in Assicoop Modena SpA) in un unica società che assume la denominazione di Assicoop Modena&Ferrara SpA. Viene definito ed approvato il nuovo statuto, con riconferma di tutti gli azionisti, eccezione fatta per Assicoop Sicura SpA (già azionista di Assicoop Ferrara SpA) che, non avendo più motivo di mantenere una propria presenza, aliena le proprie quote. A seguito della fusione la società si dota di una nuovo assetto organizzativo: da subito, oltre a redistribuire i territori di competenza, laddove le due provincie confinano tra di loro (territorio della bassa modenese), vengono unificati i servizi (Amministrazione, Paghe, Call-Center, Sviluppo Commerciale, funzione di Auditing) e la Struttura Grandi Clienti. Dal un punto di vista dell organizzazione commerciale, vengono mantenute due aree (Modena e Ferrara) per i canali Banco, Diretto e Middle Corporate, mentre viene unificata, come già preannunciato, l area Grandi Clienti. Viene istituita la figura del Direttore Operativo a sintesi dei due territori.

3 Ferrara 63 LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA al Presidente Amministratore Delegato M. Pacchioni Segreteria e Affari Legali A. Pederzoli Direttore Operativo F. Baraldi Auditing L. Virna Patrimonio A. Artioli Amm.ne Fin. e Controllo M. Giovanardi CST A. Graziosi C.C. Banco/Diretto A. D Antuoni C.C. Middle Corporate Interim U. Rimondi C.C. Diretto N. Ghibellini C.C. Sub-Agenti P. Savino Personale e Selezione Formazione R. Cavedoni Resp. Comm.le Area Modena G. Girotti Sviluppo Commerciale E. Fornasari C.C. Grandi Clienti U. Rimondi Area Modena Area Ferrara Sistemi Informativi G. Soragni C.C. Prom. Fin. e Banca W. Galliani Resp. Comm.le Area Ferrara C. Testa Direzione Operativa Presidente (invit. permanente) Direttore Operativo Resp.le Comm.le Modena Resp.le Comm.le Ferrara C.C. Banco/Diretto D. Mari C.C. Sub-Agenti M. Bianchi C.C. Middle Corporate A. Gardinali MODENA

4 64 Assetto istituzionale e organizzativo L organizzazione aziendale prevede quattro aree principali. à Area Commerciale: suddivisa in due aree pressoché coincidenti geograficamente con il territorio di Modena e Ferrara, la cui organizzazione è articolata nei canali, Banco, Diretto, Subagenti e Middle Corporate; qui sono presenti quindi due Responsabili Commerciali che, su indicazione del Presidente e del Direttore Operativo, organizzano con i Capi Canale il raggiungimento dei budget assicurativi e bancari annuali; à Area Grandi Clienti: gestisce le grandi aziende e le cooperative con un unico responsabile per tutto il territorio; à Area Amministrativa: affidata al responsabile dell amministrazione, finanza e controllo che coordina l attività dell Ufficio Amministrazione; à Area Auditing: affidata al responsabile auditing, sotto il diretto controllo del Presidente, si occupa della verifica della corretta applicazione delle procedure aziendali e di Compagnia. Di seguito le cariche sociali e direttive di Assicoop Modena&Ferrara SpA: Presidente Milo Pacchioni Vicepresidenti Andrea Benini, Claudia Zagni Amministratore Delegato Milo Pacchioni Consiglieri di Amministrazione Diego Benati, Berardino Gallotta, Alessandro Osti, Emanuele Pasquesi, Massimo Silingardi, Maurizio Rinaldi, Giorgio Chiarini, Simone Tarchiani, Paolo Trigari, Gianni Razzano Collegio Sindacale Remo Zuccoli, Salvatore Petrillo, Nadia Monari Modena Storia, identità, strategie. La responsabilità sociale nel sistema Assicoop

5 65 Dopo la fusione con Assicoop Ferrara SpA, l Assemblea del 13 aprile ha rinnovato il Consiglio di Amministrazione, composto oggi da 13 membri rappresentativi delle organizzazioni socie. Altre cariche sociali e direttive sono: il Presidente ed Amministratore Delegato, che rappresenta la Società nei limiti previsti dallo Statuto; i due Vicepresidenti che sostituiscono il Presidente in caso di sua assenza o impedimento; il Collegio Sindacale, organo di controllo a cui sono demandati i compiti di vigilanza sull adeguatezza dell assetto amministrativo, organizzativo e contabile, ed infine il Direttore Operativo. Compagine Sociale Le Organizzazioni Socie di Assicoop Modena&Ferrara SpA rappresentano, a livello locale, il mondo del lavoro dipendente (CGIL e CSC) ed il mondo dell imprenditoria, dell artigianato, del commercio, dell agricoltura, del turismo e dei servizi (Legacoop, Cia, CNA, Confesercenti, Cescon): ognuna delle suddette ha una propria sede nelle zone limitrofe al territorio in cui Assicoop opera. Smallpart SpA è invece la società finanziaria del Gruppo Unipol. Struttura dell azionariato: quote detenute da ciascun azionista SMALLPART SPA 43,75% SOFINCO SPA (Legacoop) 41,40% CNA SERVIZI MODENA 5,56% CIA 4,12% CESCON 3,00% CSC DI VITTORIO 0,82% COOPIM (Legacoop) 0,79% CONFCOLTIVATORI 0,21% CGIL FERRARA 0,14% CNA DI FERRARA 0,14% FED. ESERCENTI FERRARA 0,06% Azioni e Dividendo Azioni ordinarie (valore capitale in ) Utile distribuito (dividendo) Payout 63% 55% Dividendo unitario ordinarie 0,200 0,175 Gli importanti risultati economici raggiunti quest anno hanno permesso di procedere alla distribuzione di un dividendo unitario pari a 0,2 euro per azione, con un aumento di circa il 15% rispetto all anno precedente, per un utile distribuito totale pari a ,00 euro Governance e sistemi di gestione e controllo Assicoop Modena&Ferrara SpA, in coerenza con le proprie politiche aziendali e ravvisando la necessità di sempre maggior correttezza e trasparenza nella conduzione di tutte le attività aziendali, ha presentato nel e aggiornato nel - il proprio Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo (MOG) che, oltre a rappresentare la volontà della Società di adeguarsi alle normative del D.Lgs. 231/2001, costituisce anche un efficace sistema di informazione e sensibilizzazione di tutti gli operatori. L adozione e l efficace attuazione del Modello consentono inoltre alla Società di beneficiare dell esimente prevista dal D.Lgs. 231/2001 limitando il rischio di commissione dei reati. Scopo del Modello è pertanto la predisposizione di un sistema strutturato ed organico di prevenzione, dissuasione e controllo, finalizzato da un lato a sviluppare nei soggetti che operano nell ambito delle attività sensibili una maggiore consapevolezza e, dall altro, a consentire di prevenire o di reagire tempestivamente per impedire la commissione di reati. Nella predisposizione del Modello si è inoltre potuto tenere conto delle procedure e dei sistemi di controllo esistenti e già

6 66 ampiamente operanti all interno del sistema Assicoop Modena&Ferrara SpA e si è palesato come le regole, procedure e principi emersi ed esaminati durante le fasi di definizione del Modello, facciano in realtà già parte di un ampio e strutturato sistema di organizzazione e controllo presente all interno della Società, di cui, ad esempio, fa parte anche il Regolamento Interno Aziendale. Assicoop Modena&Ferrara SpA inoltre controlla e garantisce un servizio ottimale, caratterizzato da onestà, trasparenza, affidabilità e competenza attraverso la funzione di auditing. In particolare, l attività di controllo viene portata avanti in affiancamento e sinergia con l auditing del Gruppo Unipol. La procedura, infatti, prevede che all inizio di ogni anno si concordi con quest ultimo, e sulla base degli indicatori da loro estrapolati, un piano di lavoro in merito alle verifiche da svolgere sulla rete agenziale nell arco dell anno che potranno poi essere messe in atto sia autonomamente da Assicoop Modena&Ferrara SpA sia attraverso il coinvolgimento diretto dei referenti del Gruppo Unipol. Gli interventi effettuati dall Internal Audit nel hanno interessato, come da pianificazione, 6 agenzie e 8 subagenzie, con l obiettivo di verificare l efficacia e l efficienza delle agenzie figlie e delle subagenzie e, in particolare, si sono focalizzati sul rispetto delle regole operative ed amministrative (da parte dei collaboratori interni ed esterni) e sull espletamento dei compiti svolti in nome e per conto della stessa Assicoop. Le verifiche effettuate hanno interessato l area finanziaria (rischio di mancato incasso di premi, reputazionale, finanziario ed economico), quella tecnico-assuntiva (rischio assuntivo/liquidativo, reputazionale ed economico), e la compliance (rischio sanzionatorio e reputazionale per il mancato rispetto della normativa vigente). Sintesi dei dati economici più significativi Il 30 giugno, con effetto retroattivo dall inizio dell anno, le Assicoop Modena e Assicoop Ferrara si fondono per incorporazione in un unica società. I dati di seguito sono stati aggregati. Sintesi dei dati più significativi (valori in euro) 2010 Incassi netti Provvigioni attive Rappels tecnici Altri rappels e contributi Proventi attività bancaria Totale Ricavi Costo personale dipendente Provvigioni passive Sost. Rete di vendita non dipendente Totale Costi diretti Margine Lordo Totale Spese Generali Reddito operativo Gestione finanziaria Gestioni diverse Imposte d esercizio Utile Netto Rivalsa portafoglio Risultato d esercizio L esercizio ha evidenziato un andamento positivo della gestione nonostante il perdurare di una crisi economica che sta deprimendo l economia reale del Paese e della conseguente contrazione anche del mercato assicurativo. Come è possibile notare osservando la tabella, gli incassi netti sono in diminuzione rispetto al per minori contratti vita direzionali per Storia, identità, strategie. La responsabilità sociale nel sistema Assicoop

7 67 26 milioni di euro. I ricavi totali e le spese generali, non subiscono riduzioni per effetto di minori incassi vita e risultano in aumento per maggiori incassi di rappels derivanti dal nuovo integrativo impresa/agenzia (il nuovo integrativo modifica i tempi di erogazione dei rappels determinando per gli esercizi e 2013 una sovrapposizione di erogazione). Parimenti nei costi e nelle gestioni diverse l azienda ha provveduto ad effettuare ammortamenti ed accantonamenti straordinari. La relazione con i nostri dipendenti e collaboratori Assicoop Modena&Ferrara SpA, in virtù della forte integrazione nel tessuto economico e sociale del territorio in cui opera, si impegna con costanza a garantire un rapporto improntato sull equità di trattamento, sulla valorizzazione delle professionalità, sulla formazione, sul dialogo e sulla sicurezza del luogo di lavoro. Per quanto riguarda il reclutamento del personale con mansioni commerciali, fino al, si è puntato ad inserire nella compagine aziendale neoconsulenti attraverso uno specifico corso di formazione, mentre dal, la ricerca si è indirizzata principalmente verso professionisti già presenti sul mercato e con un proprio portafoglio clienti. La ricerca dei dipendenti, affidata all ufficio interno di selezione del personale, si è invece realizzata attraverso l analisi dei curricula pervenuti in agenzia ed attraverso la sezione Lavora con noi del portale dedicato. Le Risorse umane impiegate in Assicoop Modena&Ferrara SpA sono complessivamente 227, di cui 170 dipendenti e 57 collaboratori. DIPENDENTI PER TIPOLOGIA DI CONTRATTO INDETERMINATO DETERMINATO APPRENDISTI I lavoratori a tempo indeterminato della società sono oltre il 97% del totale, un dato assolutamente di valore per un impresa MO&FE di queste dimensioni, espressione di quanto sia importante per Assicoop instaurare un rapporto stabile e di lungo periodo con i propri dipendenti. I dipendenti a tempo determinato, di conseguenza, rappresentano circa il 3% del totale. I dipendenti con laurea sono 13, quelli con diploma superiore e licenza media o elementare sono, rispettivamente, 133 e 24. I lavoratori part time sono 34, rappresentati principalmente da donne (32), 8 gli assunti appartenenti alle categorie protette, il 61% dei dipendenti è iscritto al sindacato e le adesioni al fondo pensione ammontano per il a 137 unità. Risorse per canale Risorse canale Banco Risorse canale Subagenti Risorse canale Produttori di cui canale Promotori 3 3 Risorse canale Aziende e Grandi Clienti Il canale che richiede l attività del maggior numero di dipendenti e collaboratori è il canale Banco (83), i canali Subagenti e Produttori occupano circa lo stesso numero di lavoratori, 57 il primo e 60 il secondo, di cui 3 sono Promotori finanziari. Il canale Aziende e Grandi Clienti occupa stabilmente 27 unità.

8 68 DIPENDENTI PER INQUADRAMENTO E GENERE DIRIGENTI QUADRI IMPIEGATI TOTALE DIRIGENTI TOTALE QUADRI TOTALE IMPIEGATI MO&FE DIPENDENTI PER FASCIA DI ETÀ 12% 34% < 30 anni 20% anni anni 34% > 50 anni MO&FE Nella lettura dei dati dei dipendenti divisi per fascia di età e per inquadramento e genere possiamo evidenziare che quasi il 66% dei lavoratori ha meno di 50 anni (il 32% meno di 40) e che le donne rappresentano oltre il 70% del totale dipendenti, dato coerente con l immagine di un impresa giovane, equa e in sviluppo. Ferrara Storia, identità, strategie. La responsabilità sociale nel sistema Assicoop

9 69 La formazione dei nostri dipendenti e collaboratori Gli obblighi di formazione per la sicurezza, privacy, antiriciclaggio, normativa IVASS sono tra le priorità della politica di gestione delle risorse umane. Anche nel Assicoop Modena&Ferrara SpA ha assolto gli obblighi previsti dal D.L. n.209/2005 e Regolamento ISVAP n. 5/2006 attivando 19 corsi differenti per un totale di ore di formazione complessive. Attività di formazione Totale ore di formazione Corsi per tipologia di programma Formazione Tecnico Specialistica 10 8 Formazione manageriale 3 2 Formazione commerciale 6 6 Formazione rete commerciale Corsi di formazione per la rete commerciale 6 6 Partecipanti alla formazione per la rete commerciale Nel complesso, sia in termini qualitativi che quantitativi, l impegno profuso nella progettazione e realizzazione di interventi formativi si è mantenuto su standard elevati e, come viene evidenziato dalla tabella, ha superato per quanto riguarda le ore complessive quanto fatto nel. Per quanto riguarda il sistema incentivante, i Contratto Integrativo Aziendale (CIA) prevede due livelli di salario variabile. Il primo, riparametrato sulla mansione, prevede incentivi al raggiungimento degli obiettivi di carattere commerciale tenendo in considerazione l apporto individuale; tali obiettivi possono essere sia di carattere quantitativo (volumi di vendita) che qualitativo (rapporto sinistri/premi). Il secondo livello è rappresentato da una quota del Margine Operativo Lordo che viene suddiviso tra i dipendenti in relazione al loro livello contrattuale; la quota di MOL distribuita aumenta all aumentare dello stesso e si azzera qualora non si raggiunga il limite minimo di 2 milioni di euro. Il coinvolgimento dei nostri dipendenti e collaboratori Sono previsti vari momenti di coinvolgimento e partecipazione attiva dei dipendenti,ma anche e soprattutto della rete di vendita intesa come dipendenti, commerciali, subagenti e consulenti. Dopo l approvazione in Assemblea del Bilancio, viene convocato un incontro con tutti i lavoratori durante il quale vengono esposti i risultati economici raggiunti nell anno precedente, presentati gli importi, ruolo per ruolo, del premio di produzione ed infine discussi i parametri da adottare per la determinazione del premio di produzione per l esercizio già in corso. Infine, ogni anno, varie sono le occasioni in cui condividere i valori del sistema Assicoop e rafforzare i rapporti interpersonali di tutto il Gruppo, quali la Cena di Natale e la cena all osteria gestita da Aseop e dai volontari di Assicoop Modena&Ferrara SpA presso la Festa Provinciale del PD di Modena. Inoltre, dal, è attivo Assieme, il nuovo intranet aziendale comune al sistema Assicoop, che permette a tutti i dipendenti sia di essere informati in tempo reale di ogni iniziativa importante sia di consultare direttamente online i dati di produzione, i fascicoli personali e, più in generale, di condividere progetti di varia natura.

10 70 La relazione con i nostri clienti I clienti nel sono , si evidenzia dunque un calo inferiore all 1% rispetto al. NUMERO CLIENTI MO&FE La rete di vendita Punti vendita diretti di cui con filiali integrate 9 9 di cui con filiali di prossimità 3 3 Subagenzie assicurative di cui con filiali integrate 1 1 Produttori/Subag. NO appalto Promotori finanziari 3 3 COMPOSIZIONE RACCOLTA DIRETTA PER CANALE DI VENDITA scala in euro BANCO SUBAGENTI GRANDI CLIENTI PRODUTTORI DIREZIONE AZIENDE Come mostrato dalla tabella, per quanto riguarda la raccolta diretta, è il canale Banco che registra la performance migliore, seguito poi dai canali Subagenti e Grandi Clienti. Si rileva infine un deciso calo dell importanza del canale Direzione mentre si mantiene nulla, così come era accaduto nel, la raccolta diretta del canale Produttori. L obiettivo primario che Assicoop si prefigge è essere riconosciuto come soggetto imprenditoriale affidabile e autorevole, capace di offrire e di ricevere fiducia, rispondere efficacemente ai bisogni di sicurezza, di prevenzione dei rischi e di tutela del patrimonio espresso dai suoi Clienti e di crescere grazie alla sua capacità di confrontarsi e di rispondere ad un mercato in continua evoluzione. Al fine di raggiungere questo obiettivo Assicoop Modena&Ferrara SpA ritiene essenziale aprire e mantenere importanti canali di dialogo con i propri clienti; per questo motivo, oltre alla possibilità di contattare il proprio Storia, identità, strategie. La responsabilità sociale nel sistema Assicoop

11 71 personale direttamente presso i punti vendita, 31 diretti e ben 26 Subagenzie diffusi su tutto il territorio di competenza, è attivo un call center con numero verde gratuito ed è stato realizzato un sito internet attraverso cui è possibile richiedere informazioni, chiarimenti tecnici su prodotti o su problemi legati ai sinistri, inviare reclami o suggerimenti. Espressione del rapporto con i propri clienti è anche numero di contratti in Convenzione, come mostra la tabella. Convenzioni Convenzioni attive 267 Incassi in convenzione Contratti in convenzione Verso gli azionisti, e più precisamente verso i soci e dipendenti di queste, sono operative già da alcuni anni le Convenzioni Luoghi di Lavoro attraverso le quali gli aventi diritto possono godere di forti sconti e condizioni vantaggiose nell acquisizione di prodotti sia assicurativi che bancari. Nel corso dell ultimo biennio, con le maggiori realtà cooperative, Assicoop ha attivato la convenzione con trattenuta a busta paga, al fine di agevolare ulteriormente i soci. Oltre a queste convenzioni a carattere locale sono comunque operative anche tutte le Convezioni nazionali concordate dalla Mandante con le Direzioni nazionali delle Associazioni ed Organizzazioni. La relazione con i nostri fornitori Assicoop Modena&Ferrara SpA è fortemente convinta che la qualità del servizio offerto al cliente sia influenzata anche dell attività svolta dai fornitori. Per tale ragione grande attenzione viene dato all accertamento delle loro capacità a realizzare il servizio o consegnare il prodotto oggetto della fornitura, al fine di garantire la soddisfazione delle esigenze qualitative richieste. Modena

12 72 Fornitori per tipologia Servizi di intermediazione (Broker e Coassicuratrici) Fornitura Energia, Gas, Acqua 7 7 Servizi di pulizia 4 4 Postali e Telefoniche 3 3 Locazione apparecchiature elettroniche 1 1 Manutenzione 9 2 Professionisti per incarichi specifici Cancelleria, stampati ed altro 6 4 Totale fornitori Come è evidente, la categoria più numerosa è quella dei servizi di intermediazione (broker e coassicuratrici) seguita dai professionisti per incarichi specifici. I tempi medi di pagamento sono di 60 giorni La relazione con il territorio e l attenzione per l ambiente Le caratteristiche peculiari che permettono di distinguere Assicoop Modena&Ferrara SpA dai propri concorrenti sono lo stretto rapporto con il territorio e il suo impegno nella promozione dello sviluppo locale. Infatti, nel, così come negli anni precedenti, l Assicoop ha dato vita a molteplici iniziative volte a sostenere il territorio in cui opera. È inoltre importante sottolineare come tra i principali contributi non si annoverino soltanto quelli rivolti alle Associazioni Socie ma anche tutte quelle iniziative che hanno come principali beneficiari altre importanti organizzazioni sociali e, più in generale, tutto il territorio di competenza. In particolare, Assicoop Modena&Ferrara SpA è particolarmente attiva nel campo dell arte di cui da parecchi anni si propone di tutelare e valorizzare il patrimonio locale. Attraverso una mirata campagna di acquisti, sul filone del collezionismo d im- Ferrara Storia, identità, strategie. La responsabilità sociale nel sistema Assicoop

13 73 presa, l azienda ha curato negli anni un importante raccolta che oggi ammonta a circa cinquecento opere di pittura, scultura e grafica, riferibile a più di cento artisti modenesi per nascita, formazione o ambito di attività e operanti dai primi decenni dell Ottocento ai nostri giorni. Negli ultimi due anni, a seguito della fusione, sono state acquisite opere anche di artisti del territorio ferrarese. La raccolta si fonda su un progetto di valorizzazione e restituzione dell eredità artistica alla città, attraverso il recupero di opere disperse in diverse collezioni private, studiate attraverso ricerche plurime tra le fonti otto-novecentesche grazie alla collaborazione con il Museo Civico d Arte di Modena che ha conferito all attività collezionistica di Assicoop un preciso rigore metodologico. La collezione occupa una sezione del sito internet aziendale (www.assicoop.com) ed una selezione di opere è menzionata e documentata all interno dell Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia Romagna. Di rilievo è anche la partecipazione di Assicoop al Progetto Rete Ricostruzione. Legacoop Ferrara, il cui presidente Andrea Benini è anche vicepresidente di Assicoop, ha promosso una rete formata da diverse cooperative che operano nel settore delle costruzioni, dei servizi e della cooperazione sociale, con lo scopo di fornire un supporto ai cittadini e agli imprenditori che vivono e lavorano nelle aree della provincia di Ferrara colpite dal terremoto. Rete Ricostruzione offre informazioni, assistenza nel disbrigo delle procedure complesse in rapporto ad enti amministrativi o banche, riferimenti utili di aziende che possono intervenire e tutti gli interventi a più ampia portata per servire piccole comunità (asili, immigrati, anziani). Per quanto riguarda i progetti di solidarietà, nel Assicoop Modena&Ferrara SpA ha deciso di sostenere i progetti di alcune associazioni particolarmente attive sul territorio di competenza: ASEOP (Associazione Sostegno Ematologia Oncologia Pediatrica) e ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo); AIDO (Associazione Italiana Donatori Organi); Angela Serra di Modena (ricerca sul cancro); Curare il Dolore Onlus (iniziative e progetti solidali per rendere generale il livello minimo di cura del dolore); Anziani in Rete (gruppo di anziani riuniti per fornire alle fasce deboli della popolazioni servizi di assistenza organizzativa e supporto affettivo); Pettirosso (tutela e salvaguardia di animali domestici e selvatici feriti). Sono inoltre stati devoluti euro ( euro dall azienda euro dai dipendenti) a favore di un progetto di ricostruzione post-terremoto di una casa di assistenza nel comune di Finale Emila. Come tutti gli anni Assicoop è sostenitore dei teatri della città di Modena e di Ferrara. Il valore complessivo delle attività di solidarietà per il si attesta sui euro. Nel corso del l attività di sponsorizzazione effettuata da Asicoop Modena & Ferrara SpA è stata molto ampia e diversificata e ha visto l ammontare delle sponsorizzazioni superare i euro. Questo tipo di attività ha sostenuto iniziative di particolare rilevanza come, ad esempio, il Festival Internazionale a Ferrara, una manifestazione che promuove incontri e dibattiti con i rappresentanti più significativi del giornalismo mondiale insieme a scrittori, economisti e fumettisti. Altre sponsorizzazioni di particolare rilievo sono quelle dell ARCI Provinciale, Museo Casa Enzo Ferrari (di cui Assicoop è aderente alla Fondazione) e i festeggiamenti per l Anniversario della Liberazione d Italia. Importante è anche l impegno dell azienda nel sostenere molte associazioni sportive e di volontariato annoverate tra i propri Clienti. Assicoop si premura inoltre di comunicare all esterno la sua attenzione verso il territorio in cui opera e ha dunque istituito specifiche occasioni per esporre ai vari stakeholder la propria attività. Tra i diversi eventi, il più importante è probabilmente il meeting annuale nel quale, alla presenza di tutti i dipendenti e collaboratori, del CdA e del collegio sindacale, dei rappresentanti di clienti e cooperative e di molte altre figure importanti della società modenese e ferrarese, viene presentato il bilancio dell anno precedente. Quest ultimo viene anche presentato in due speciali trasmessi su TRC e Telestense. Inoltre, nei comuni dove sono presenti le nostre Agenzie, vengono istituite mostre periodiche per fare conoscere la vasta collezione di opere di pittori e scultori modenesi di 800 e 900. Infine, in occasione di particolari eventi o nel caso siano stati sviluppati nuovi prodotti, vengono effettuate campagne pubblicitarie a mezzo stampa, radio e televisione. In aggiunta, quest anno, Assicoop Modena&Ferrara SpA è stata citata in un articolo di Italia Più, rivista de Il Sole 24 Ore, sulle cooperative dell Emilia Romagna. L attenzione di Assicoop Modena&Ferrara SpA verso il proprio territorio di appartenenza si esplicita inoltre in una particolare diligenza nel tentativo di ridurre con costanza gli impatti ambientali. Proprio in quest ottica, nei comuni di Carpi e Mirandola e nella sede di Modena e Ferrara viene effettuata già da tempo la raccolta differenziata e nella nuova sede di Sassuolo è stato installato un impianto fotovoltaico.

14 74 Modena Materiali utilizzati Udm * Totale carta utilizzata (kg) Toner e cartucce: pezzi acquistati (num) Toner e cartucce: valore dell acquisto (euro) * per il i dati sono riferiti alla sola Assicoop Modena SpA Per quanto riguarda le iniziative estese a tutte le agenzie, si segnala l utilizzo di salviette asciugamani in carta riciclata e lo smaltimento dei toner usati e materiale cartaceo attraverso ditte specializzate che ne certificano il trattamento. In particolare, nel tentativo di minimizzare il quantitativo di carta utilizzata, Assicoop Modena&Ferrara SpA sta proseguendo il processo di digitalizzazione dei supporti Amministrativi Interni iniziato nel Si tratta di un processo che coinvolge tutti quei documenti che supportano l attività giornaliera di ogni punto vendita e che confluivano, fotocopiati più volte, all ufficio amministrazione centrale per essere poi utilizzati a supporto delle verifiche (distinta di versamento in Banca, prima nota cassa cartacea, chiusura di cassa di ogni operatrice di Front-Office, distinta contante in cassa, ecc.). Anche il nuovo intranet aziendale Assieme attivo dal svolge un ruolo importante nel diminuire il consumo della carta poiché permette ai dipendenti di tutte le Assicoop di consultare direttamente online i dati di produzione, i fascicoli personali e, più in generale, di condividere progetti di varia natura. Consumo di energia elettrica Consumo di energia elettrica Udm * Consumi totali energia elettrica (kwh) Consumi per m 2 di energia elettrica (kwh/m 2 ) 128,35 126,10 Consumi energia elettrica pro capite (kwh/dip) * per il i dati sono riferiti alla sola Assicoop Modena SpA Per quanto riguarda i consumi energetici, molti punti vendita sono situati all interno di strutture condominiali dove il reperimento dell energia è regolato dall Assemblea dei condomini. Assicoop è comunque aperta e disponibile alla ricerca e al reperimento di fonti energetiche alternative che possano salvaguardare l ambiente, valutando anche il trasferimento in nuove strutture commerciali dove ciò sia possibile come è avvenuto, ad esempio, nel caso della nuova sede di Sassuolo. Storia, identità, strategie. La responsabilità sociale nel sistema Assicoop

L Agenzia Unipol inizia la propria attività a Reggio Emilia. Le principali tappe storiche di Assicoop Parma (A.P.A. SpA) Nasce APACOOP scrl.

L Agenzia Unipol inizia la propria attività a Reggio Emilia. Le principali tappe storiche di Assicoop Parma (A.P.A. SpA) Nasce APACOOP scrl. 75 Identità e storia Le principali tappe storiche di Assicoop Reggio Emilia (Assicura SpA Reggio Emilia) 1963 1964 1997 1999 Il 23 settembre, come espressione di Federcoop, nasce A.G.A.R., Agenzia Generale

Dettagli

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA Identità e storia 1973 2004 2006 2010 Mario Zolfanelli, uomo vicino alla Cooperazione Fiorentina, riceve il mandato da Unipol e fonda la prima Agenzia. Scorpori successivi di portafoglio hanno dato origine

Dettagli

STORIA, IDENTITÀ E STRATEGIE

STORIA, IDENTITÀ E STRATEGIE STORIA, IDENTITÀ E STRATEGIE La Responsabilità Sociale nel Sistema Assicoop made in assicoop gente di valore per una rete di valori Identità e storia Anni 70 1971 Il 20 luglio 1970, su iniziativa della

Dettagli

Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo

Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo Il profilo Fondiaria-Sai è una compagnia assicurativa specializzata nel settore Danni, con una posizione di rilievo nei rami Auto. È frutto della

Dettagli

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Le verifiche periodiche del revisore legale trovano una loro disciplina

Dettagli

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E GIL UNIPOL CGIL Le finalita della Convenzione Alla luce della proficua esperienza maturata in oltre vent anni di collaborazione, CGIL ed Unipol intendono procedere

Dettagli

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI MODENA, GIUGNO 2006 Pagina 1 di 6 Premessa Questo documento nasce dalla volontà di formalizzare l avvio di una rete di soggetti operanti, a vario titolo,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione La Società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da un numero di membri non inferiore a sette e

Dettagli

soggetti in condizioni di povertà e limitato reddito, secondo il principio di universalità e di inclusione sociale.

soggetti in condizioni di povertà e limitato reddito, secondo il principio di universalità e di inclusione sociale. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 85 del 21-06-2013 20905 votazione ed unico voto espresso per ciascun consigliere ; Segretario: funzionario del Comune. Art. 73 Pubblicità delle spese elettorali

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2009-2010

BILANCIO SOCIALE 2009-2010 BILANCIO SOCIALE 20092010 83 Sobrietà come modo di vivere il rapporto con gli altri e con le cose, rifiutando nell acquistare, nel mangiare e bere, nel consumare quel possesso e quell arbitrio chiusi in

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

FUSIONE TRA CONDIFESA DELL EMILIA ROMAGNA

FUSIONE TRA CONDIFESA DELL EMILIA ROMAGNA FUSIONE TRA CONDIFESA DELL EMILIA ROMAGNA RAGIONI STRATEGICO-ECONOMICHE RAVENNA MODENA PARMA PIACENZA 1 PREMESSA Le motivazioni che spingono verso un processo di aggregazione sono di natura strategica

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2012 GRUPPO BANCARIO CASSA DI RISPARMIO DI SAN MINIATO.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2012 GRUPPO BANCARIO CASSA DI RISPARMIO DI SAN MINIATO. 225 GRUPPO BANCARIO CASSA DI RISPARMIO DI SAN MINIATO RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2012 2012 VENTUNESIMO ESERCIZIO Silvio Bicchi (Livorno 1874 - Firenze

Dettagli

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E NA UNIPOL Sommario 03 Convenzione Nazionale fra CNA e Compagnia Assicuratrice Unipol 09 Allegato 1 Prodotti e Condizioni per le Imprese associate, gli Imprenditori

Dettagli

gruppo Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità PTTI - 2015-2017

gruppo Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità PTTI - 2015-2017 gruppo Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità PTTI - 2015-2017 Sommario: gruppo gruppo Con il Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2015-2017 (PTTI) la Società intende rendere

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

COMUNICATO DELL EMITTENTE AI SENSI DELL ARTICOLO 103, TERZO COMMA, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DELL ARTICOLO 39 DEL REGOLAMENTO CONSOB 11971/1999

COMUNICATO DELL EMITTENTE AI SENSI DELL ARTICOLO 103, TERZO COMMA, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DELL ARTICOLO 39 DEL REGOLAMENTO CONSOB 11971/1999 COMUNICATO DELL EMITTENTE AI SENSI DELL ARTICOLO 103, TERZO COMMA, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DELL ARTICOLO 39 DEL REGOLAMENTO CONSOB 11971/1999 Il consiglio di amministrazione di Società Azionaria

Dettagli

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani NOVEMBRE 2010 S ommario Premessa pag. 4 Un impegno che ha una storia pag. 6 La proposta 2010/2011 pag. 8 Concittadini pag. 10 Fasi

Dettagli

NON COME ONERE DA SUBIRE MA COME OPPORTUNITÀ DA COGLIERE

NON COME ONERE DA SUBIRE MA COME OPPORTUNITÀ DA COGLIERE IL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 NON COME ONERE DA SUBIRE MA COME OPPORTUNITÀ DA COGLIERE PER CREARE UN VANTAGGIO IN GRADO DI GESTIRE L IMPRESA CON UN APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE

Dettagli

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 PROT. 5585/2015 Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 ARCA S.p.a. Organigramma Presidenza Relazioni Istituzionali e Comunicazione Segreteria Generale e Affari Societari Program Management e Internal

Dettagli

III.A.1. CODICE ETICO

III.A.1. CODICE ETICO III.A.1. CODICE ETICO 1. FINALITA' La Casa di Cura Villa Aurora S.p.a., al fine di definire con chiarezza e trasparenza l insieme dei valori ai quali l'ente si ispira per raggiungere i propri obiettivi,

Dettagli

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E ISL UNIPOL Sommario 02 Convenzione Nazionale fra CISL e Compagnia Assicuratrice Unipol 09 Allegato 1 Prodotti e Condizioni per gli iscritti 09 Linea rischi auto

Dettagli

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012)

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) INDICE - PREMESSA -... 2 CAPO I... 3 - DISPOSIZIONI GENERALI -... 3 1. I Destinatari... 3 CAPO II...

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

La figura del socio lavoratore nella cooperazione di servizi. Bellacoopia Impresa University Reggio Emilia, 10 febbraio 2014

La figura del socio lavoratore nella cooperazione di servizi. Bellacoopia Impresa University Reggio Emilia, 10 febbraio 2014 La figura del socio lavoratore nella cooperazione di servizi Bellacoopia Impresa University Reggio Emilia, 10 febbraio 2014 1 CHI SIAMO Coopservice nasce nel 1991 dalla fusione di due cooperative reggiane

Dettagli

CODICE ETICO. DI ACI Informatica SPA

CODICE ETICO. DI ACI Informatica SPA CODICE ETICO DI ACI Informatica SPA Versione 2 approvata dal Consiglio di Amministrazione di ACI Informatica S.p.A. il 16/11/2009. I riferimenti del Codice Etico a ACI Informatica o Società o Azienda si

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A.

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. 1. Ruolo del consiglio di amministrazione 2. Composizione del consiglio di amministrazione

Dettagli

Bilancio e Relazioni 2010

Bilancio e Relazioni 2010 Bilancio e Relazioni 2010 Bilancio e Relazioni 2010 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Lipari Maurizio Vice Presidente Iannello Mariangela Consiglieri Benanti Giuseppe Freiherr von Freyberg-Eisenberg

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI NAPOLI Dirigente - AREA AFFARI GENERALI E PROGRAMMAZIONE

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI NAPOLI Dirigente - AREA AFFARI GENERALI E PROGRAMMAZIONE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PARISIO ROBERTO Data di nascita 13/05/1963 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

Dettagli

CODICE ETICO. ANFFAS onlus di Varese. ANFFAS Onlus di VARESE CODICE ETICO

CODICE ETICO. ANFFAS onlus di Varese. ANFFAS Onlus di VARESE CODICE ETICO ANFFAS Onlus di VARESE CODICE ETICO Contenuti 1. INTRODUZIONE 3 2. IL CODICE ETICO 3 3. I DESTINATARI 4 4. EMANAZIONE, VERIFICA E SANZIONI 4 5. PRINCIPI DI CONDOTTA 8 5.1 RELAZIONI CON IL PERSONALE DIPENDENTE

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI

PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI PROVINCIA DI RAVENNA: I POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E PREMESSA Il tema dei costi della politica e della qualità della spesa pubblica assume una importanza strategica, in momento come quello attuale

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

UNICO 2014. Modello VG91U. ntrate. genzia. Studi di settore. Imprese. QUADRO A Personale addetto all attività

UNICO 2014. Modello VG91U. ntrate. genzia. Studi di settore. Imprese. QUADRO A Personale addetto all attività 04 Modello VG9U 64.9.0 - Attività dei consorzi di garanzia collettiva fidi 66.9. - Promotori finanziari 66.9. - Agenti, mediatori e procacciatori in prodotti finanziari 66.9.40 - Attività di Bancoposta

Dettagli

DOCUMENTI DI BILANCIO DELL ESERCIZIO 2010

DOCUMENTI DI BILANCIO DELL ESERCIZIO 2010 DOCUMENTI DI BILANCIO DELL ESERCIZIO 2010 (01/01/2010-31/12/2010) Roccia di Fuoco Onlus Organizzazione Umanitaria Internazionale Via dell Albanella 26 00169 Roma C.F. 97516580582 pag.1 Il presente elaborato

Dettagli

I soci di AUDITA sono orientati ad un profondo rispetto dei valori della deontologia professionale.

I soci di AUDITA sono orientati ad un profondo rispetto dei valori della deontologia professionale. P R E S E N TA Z I O N E AUDITA è una Società di Revisione e Organizzazione Contabile nata nel 2011 su iniziativa di sei professionisti del settore. Opera su tutto il territorio nazionale con la priorità

Dettagli

SUBAGENTE ASSICURATIVA e SUBAGENTE ASSICURATIVO

SUBAGENTE ASSICURATIVA e SUBAGENTE ASSICURATIVO SUBAGENTE ASSICURATIVA e SUBAGENTE ASSICURATIVO Aggiornato il 9 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze

Dettagli

Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA. Principi. Fonti (aggiornate al 31 dicembre 2005)

Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA. Principi. Fonti (aggiornate al 31 dicembre 2005) Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA Principi Il Sistema di Corporate Governance Brembo ha assicurato, anche nel corso dell esercizio 2005, l integrale adesione alle disposizioni

Dettagli

RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 2013. Abstract

RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 2013. Abstract RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 203 Abstract Il 203 è stato un anno ancora pesantemente influenzato da una profonda crisi economica e finanziaria, i cui effetti hanno minato la stabilità di molte famiglie e

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

,00 3 Altre attività soggette a studi

,00 3 Altre attività soggette a studi 03 Modello UG9U 64.9.0 - Attività dei consorzi di garanzia collettiva fidi 66.9. - Promotori finanziari 66.9. - Agenti, mediatori e procacciatori in prodotti finanziari 66.9.40 - Attività di Bancoposta

Dettagli

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS Art. 1 - Promotore FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS 1 AVVISO ANNO 2015 Scuole aperte e promozione della cittadinanza attiva La Fondazione della

Dettagli

ABBONAMENTI A PERIODICI, BANCHE DATI E SERVIZI CONNESSI PER LE BIBLIOTECHE DELLE AMMINISTRAZIONI E AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

ABBONAMENTI A PERIODICI, BANCHE DATI E SERVIZI CONNESSI PER LE BIBLIOTECHE DELLE AMMINISTRAZIONI E AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA ABBONAMENTI A PERIODICI, BANCHE DATI E SERVIZI CONNESSI PER LE BIBLIOTECHE DELLE AMMINISTRAZIONI E AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA GUIDA ALLA CONVENZIONE Premessa La presente Guida contiene

Dettagli

RELAZIONE DI MISSIONE DELL ESERCIZIO 2012

RELAZIONE DI MISSIONE DELL ESERCIZIO 2012 RELAZIONE DI MISSIONE DELL ESERCIZIO 2012 1. LA COMPOSIZIONE DEGLI ORGANI SOCIALI AL 31.12.2012 PRESIDENTE ONORARIO Salvatore Settis CONSIGLIO DIRETTIVO Paolo Cavaglione Presidente Silvia Mascheroni Vicepresidente

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

Gli obblighi di bilancio

Gli obblighi di bilancio IL BILANCIO DELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO di Massimo Avincola e Giorgio Gentili Premessa Negli ultimi anni sono state costituite numerose Società di Mutuo Soccorso, molte delle quali, sono state promosse

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

,00 3 Altre attività soggette a studi. giornate retribuite Personale

,00 3 Altre attività soggette a studi. giornate retribuite Personale 03 Modello UG9U DOMICILIO FISCALE ALTRI DATI A06 A07 A08 A09 64.9.0 - Attività dei consorzi di garanzia collettiva fidi 66.9. - Promotori finanziari 66.9. - Agenti, mediatori e procacciatori in prodotti

Dettagli

Fondo Attività Servizi Sociali per i Lavoratori delle Aziende del Settore Energia ENI STATUTO

Fondo Attività Servizi Sociali per i Lavoratori delle Aziende del Settore Energia ENI STATUTO Fondo Attività Servizi Sociali per i Lavoratori delle Aziende del Settore Energia ENI STATUTO 2004 STATUTO DEL FONDO Art. 1 COSTITUZIONE In attuazione degli accordi sindacali del 9-3-1970 e successivi,

Dettagli

PIATTAFORMA RINNOVO CCNL LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE

PIATTAFORMA RINNOVO CCNL LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE PIATTAFORMA RINNOVO CCNL LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE Premessa Quanto realizzato fino ad oggi ha reso evidente come sia difficile affrontare in maniera separata i temi contrattuali rendendo, invece,

Dettagli

UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014. Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1

UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014. Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1 Bologna, 11 febbraio 2015 UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014 Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1 Raccolta assicurativa diretta a 16.008

Dettagli

Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Consiglio di Amministrazione del 18 marzo 2013 PREMESSA Mediolanum Vita S.p.A. (di seguito anche "l impresa o la compagnia

Dettagli

SECONDO REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLE RELAZIONI ESTERNE SEZIONE I

SECONDO REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLE RELAZIONI ESTERNE SEZIONE I CODICE ETICO CODICE ETICO SOMMARIO CAPO PRIMO Valori Aziendali Principi Etici CAPO SECONDO REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLE RELAZIONI ESTERNE SEZIONE I - Rapporti con i clienti SEZIONE II - Rapporti con i

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. In Arte Lab. Associazione Culturale

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. In Arte Lab. Associazione Culturale STATUTO DELL ASSOCIAZIONE In Arte Lab Associazione Culturale Articolo 1 - E costituita l Associazione denominata In Arte Lab, libera associazione di fatto, apartitica, apolitica e aconfessionale, con durata

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di: Esaminare i prospetti economico/finanziari che compongono un Business Plan. Per rendere

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. PANORAMICA SUGLI ARTICOLI DEL C.C... 2 3. IL CONTO CORRENTE CONDOMINIALE... 3 4. IL RENDICONTO CONDOMINIALE...

1. PREMESSA... 2 2. PANORAMICA SUGLI ARTICOLI DEL C.C... 2 3. IL CONTO CORRENTE CONDOMINIALE... 3 4. IL RENDICONTO CONDOMINIALE... 1. PREMESSA... 2 2. PANORAMICA SUGLI ARTICOLI DEL C.C... 2 3. IL CONTO CORRENTE CONDOMINIALE... 3 4. IL RENDICONTO CONDOMINIALE... 3 Il Registro di contabilità... 4 Il Riepilogo Finanziario... 4 La nota

Dettagli

CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO

CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO REVISIONE DICEMBRE 2011 INDICE PREMESSA..... pag. 4 A) REGOLE DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI GESTORI DI UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO S.p.A...... pag. 6 A.1 CONSIGLIO

Dettagli

POR FESR Emilia Romagna 2014-2020. Decisione C(2015) 928, Codice CCI n. 2014IT16RFOP008

POR FESR Emilia Romagna 2014-2020. Decisione C(2015) 928, Codice CCI n. 2014IT16RFOP008 POR FESR Emilia Romagna 2014-2020 Decisione C(2015) 928, Codice CCI n. 2014IT16RFOP008 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA Approvato dal Comitato di Sorveglianza del 31 marzo 2015 1 Il Comitato

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE WOMEN (Women of Mediterranean, east and south European Network)

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE WOMEN (Women of Mediterranean, east and south European Network) STATUTO DELL ASSOCIAZIONE WOMEN (Women of Mediterranean, east and south European Network) PREMESSA Il 26 marzo 1999 veniva sottoscritto a Forlì il protocollo d intesa per la realizzazione di una rete delle

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI

POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE ai sensi del Regolamento ISVAP n. 39 del 9 giugno 2011 Definite nella seduta del Consiglio di Amministrazione del: 31 / 03 / 2015

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Valore della produzione di Primi sui Motori SpA 2013 pari a Euro 11,5 milioni, +9,4% rispetto al 2012 (Euro 10,5 milioni)

Dettagli

L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo. Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso

L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo. Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso Paradigma - 24 maggio 2013 L esperienza di Intesa Sanpaolo Problemi applicativi

Dettagli

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO Sommario DESTINATARI DEL CODICE... 3 ETICITA DEL LAVORO... 4 ETICITA VERSO IL MERCATO... 5 ETICITA VERSO L AMBIENTE... 7 ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO... 8 DESTINATARI DEL CODICE

Dettagli

Atto costitutivo e Statuto dell'organizzazione di Volontariato AGRIAMBIENTE Sezione territoriale provinciale di Milano

Atto costitutivo e Statuto dell'organizzazione di Volontariato AGRIAMBIENTE Sezione territoriale provinciale di Milano Esente da imposta di bollo e tassa di registro a sensi dell art. 8 legge 266/91 Atto costitutivo e Statuto dell'organizzazione di Volontariato AGRIAMBIENTE Sezione territoriale provinciale di Milano Art.

Dettagli

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete.

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete. ALLEGATO A BANDO 2014 PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEI PROGETTI PRESENTATI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ISCRITTE ALLA SEZIONE REGIONALE E ALLE SEZIONI PROVINCIALI DEL REGISTRO GENERALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE Brindisi Multiservizi S.r.l. Pagina 1 INDICE Introduzione... 3 1 - Principi generali... 3 2 - Regole generali

Dettagli

8. PERSONALE, GESTIONE FINANZIARIA E ORGANIZZAZIONE

8. PERSONALE, GESTIONE FINANZIARIA E ORGANIZZAZIONE 8. PERSONALE, GESTIONE FINANZIARIA E ORGANIZZAZIONE PERSONALE Processo di acquisizione La legge istitutiva, all articolo 2, comma 29, ha previsto, che, in sede di prima attuazione, l Autorità provvedesse

Dettagli

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni Il nuovo Consiglio di amministrazione della Banca Popolare delle Province Calabre, eletto nell assemblea degli azionisti del 14 ottobre p.v., sarà impegnato nell immediato futuro a redigere il nuovo piano

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA (Approvato con deliberazione n. 5 del 1 febbraio 2013) Azienda Speciale Comunale CREMONA SOLIDALE Settore Affari Generali PREMESSA INTRODUTTIVA La trasparenza è intesa come

Dettagli

POLITICHE DI REMUNERAZIONE E INCENTIVAZIONE

POLITICHE DI REMUNERAZIONE E INCENTIVAZIONE POLITICHE DI REMUNERAZIONE E INCENTIVAZIONE 1 Indice 1. Premessa... 3 2. Definizioni... 3 3. Normativa di Riferimento... 4 4. Principi generali... 4 5. Ruoli e Responsabilità nella definizione delle Politiche

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 29 ottobre 2010 Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

Gestore Unico del Servizio Idrico Integrato A.T.O. N 1 Toscana Nord

Gestore Unico del Servizio Idrico Integrato A.T.O. N 1 Toscana Nord Gestore Unico del Servizio Idrico Integrato A.T.O. N 1 Toscana Nord 59 60 Gestore Unico del Servizio Idrico Integrato A.T.O. N 1 Toscana Nord RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL Bilancio CHIUSO AL 31.12.2006

Dettagli

Statuto associazione promozione sociale OLTRE IL DIABETE

Statuto associazione promozione sociale OLTRE IL DIABETE Statuto associazione promozione sociale OLTRE IL DIABETE ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in materia, l associazione

Dettagli

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza. 3) Corradi Roberto Consigliere Segretario

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza. 3) Corradi Roberto Consigliere Segretario IX Legislatura Progr.Num. 133/2013 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza Questo giorno mercoledì 25 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunito nella residenza

Dettagli

RENDICONTO FINANZIARIO GESTIONALE

RENDICONTO FINANZIARIO GESTIONALE NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE DEL TESORIERE SUL BILANCIO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO 2014 E SUL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2015 BILANCIO CONSUNTIVO AL 31 DICEMBRE 2014 Egregi Colleghi, il bilancio

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Indice Premessa e contesto normativo... 3 Valutazione della composizione qualitativa... 4 Profili generali... 4 Richiami normativi...

Dettagli

Company Profile. BLU Consulting Srl

Company Profile. BLU Consulting Srl Company Profile Forniamo, prevalentemente a Banche, Compagnie di Assicurazione e Società di Gestione del Risparmio, servizi di consulenza aziendale correlati alla pianificazione, gestione e revisione di

Dettagli

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E LEGACOOP UNIPOL Sommario 02 Convenzione Nazionale fra LEGACOOP e Compagnia Assicuratrice Unipol 07 Allegato 1 Prodotti e Condizioni per i Soci e i Dipendenti delle

Dettagli

Fondo Pensione Gruppo Intesa Sanpaolo Aggiornato al 19/04/2012. Fondo Pensione per il Personale delle Aziende del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo

Fondo Pensione Gruppo Intesa Sanpaolo Aggiornato al 19/04/2012. Fondo Pensione per il Personale delle Aziende del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo Fondo Pensione per il Personale delle Aziende del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo CODICE ETICO Premessa Scopo esclusivo del Fondo è l erogazione di trattamenti pensionistici complementari del sistema obbligatorio

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

Metodologie per l identificazione e la qualificazione del rischio nell attività del Collegio Sindacale

Metodologie per l identificazione e la qualificazione del rischio nell attività del Collegio Sindacale Metodologie per l identificazione e la qualificazione del rischio nell attività del Collegio Sindacale Prof. Valter Cantino Università degli Studi di Torino 1 IL RIFERIMENTO ALLA GESTIONE DEL RISCHIO NELLE

Dettagli

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni A. SVILUPPO STORICO: NORMA COMUNITARIA LA IV a DIRETTIVA 25/7/1978 N. 78/660 Art. 1 Art. 11 Art. 51 comma 1: Art. 51 comma 2: i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni in cosa consiste

Dettagli

REGOLAMENTO FINANZIARIO REGIONALE

REGOLAMENTO FINANZIARIO REGIONALE Partito Democratico di Basilicata REGOLAMENTO FINANZIARIO REGIONALE Testo modificato ed approvato dalla Direzione Regionale del 23/01/2010 1 Principi ispiratori Il Regolamento Finanziario del partito ha

Dettagli

UNA NOTTE AL MUSEO - GG

UNA NOTTE AL MUSEO - GG SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel.

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

Codice Etico. FIAMM. Italian Passion. Global Energy

Codice Etico. FIAMM. Italian Passion. Global Energy Codice Etico FIAMM. Italian Passion. Global Energy I riferimenti del Codice Etico a FIAMM o Società o Azienda o Gruppo si intendono alla società Capogruppo FIAMM S.p.A. e/o alle società controllate dalla

Dettagli

AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA

AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA Come sarà il business della mia azienda fra 5 anni? Quali sono

Dettagli

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit ENTI NON PROFIT Linee guida e schemi di redazione dei D I L U C A P A G L I O T T A 1. Introduzione Dopo aver esaminato in un recente intervento (vedi Notizie Sintesi n. 265 di Dicembre 2008, pag. 2) gli

Dettagli