PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina"

Transcript

1 PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO Emidio Tribulato Volume Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina 2 Livello 1

2 CENTRO STUDI LOGOS ONLUS CENTRO DI RICERCHE PSICOPEDAGOGICHE VIA PRINCIPE TOMMASO 2 - MESSINA TEL. 090/46920 DIRETTORE: DOTT. EMIDIO TRIBULATO PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO Emidio Tribulato INDICE ASSOCIAZIONE DI IMMAGINI UGUALI O SIMILI I PERCORSI ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI ASSOCIAZIONI LOGICHE C Tutti i diritti riservati. Emidio Tribulato Viale Annunziata 72 Messina Tel E - mail: --- Nuovo sito web: Vol. I Pag Livello 2 2

3 SIGLATURA Per avere una visione immediata di come procede, nel minore, l apprendimento è bene che questo venga evidenziato mediante dei simboli. E fondamentale, infatti, che l educatore abbia presente, in ogni momento, quali schede o attività siano dal bambino conosciute, sconosciute o in via di acquisizione. Ciò per evitare di farlo confrontare con temi troppo complessi senza aver prima consolidato gli apprendimenti più semplici, o di far ripetere inutilmente schede e attività da lui perfettamente conosciute e quindi superate. Si consiglia pertanto di siglare sia le singole schede che le attività globali indicate nell indice sottostante indicando con: un puntino l inizio dell apprendimento; una crocetta, le schede o le attività in cui il bambino dà risposte esatte ma senza il commento verbale minimo richiesto, ad esempio il nome dell oggetto; un cerchio che circonda una crocetta, per indicare le schede o le attività in cui il bambino dà un commento verbale minimo. un quadrato che include un cerchio ed una crocetta, per indicare le schede o le attività di cui il bambino ha completato l apprendimento. LIVELLI DI APPRENDIMENTO ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI O SIMILI I PERCORSI ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI ASSOCIAZIONI LOGICHE 3

4 PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI 4

5 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI La possibilità di stimolazione logica fino ai tre anni, in pratica coincide per lo più con la possibilità dello sviluppo psicomotorio, percettivo e del linguaggio. Il bambino, infatti, manifesta le sue capacità logiche attraverso un attività rivolta soprattutto all analisi, confronto e interpretazione della realtà sensoriale. Nella sua esplorazione del mondo vengono ad essere coinvolti tutti i sensi per cui è importante una molteplicità di stimolazioni. Maggiore attenzione noi diamo alla percezione uditiva e visiva, in quanto è più facile, per gli studiosi e per gli educatori in genere, preparare e somministrare materiale graduato e opportunamente variato composto da immagini, da suoni e parole, piuttosto che da gusti e da odori. Le schede che qui presentiamo sono formate da immagini uguali o simili da riconoscere e da associare che hanno lo scopo di sviluppare nel bambino non solo la percezione visiva ma anche il linguaggio, i primi processi di astrazione e i fondamentali rapporti spaziali. Il bambino viene inoltre arricchito da numerosi elementi culturali. In tali schede sono presenti delle immagini nella parte alta da associare con quelle corrispondenti nella parte bassa. UTILIZZAZIONE Per un corretto uso di tali schede è opportuno seguire due fasi: I fase Inizialmente l educatore dirà il nome dell'immagine di cui chiede l'associazione, ed è sufficiente in questa prima frase che il bambino risponda con un semplice gesto della mano. Nel caso di bambini molto piccoli o inibiti l educatore potrà tenere con la sua la mano del bambino in modo tale da incoraggiarlo e avviarlo al gioco associativo. II fase Quando il bambino avrà acquisito un adeguato sviluppo del linguaggio sarà lui stesso a verbalizzare il nome delle immagini più semplici mentre effettuerà l associazione. ETA' MENTALE DI RIFERIMENTO Due anni. 5

6 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 6

7 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 7

8 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 8

9 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 9

10 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 10

11 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 11

12 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 12

13 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 13

14 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 14

15 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 15

16 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 16

17 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 17

18 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 18

19 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 19

20 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 20

21 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 21

22 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 22

23 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 23

24 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 24

25 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 25

26 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 26

27 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 27

28 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 28

29 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 29

30 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 30

31 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 31

32 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 32

33 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 33

34 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 34

35 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 35

36 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 36

37 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 37

38 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 38

39 ASSOCIAZIONI DIDI IMMAGINI UGUALI ASSOCIAZIONI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate associare le immagini uguali. Dopo averle denominate far far associare le immagini uguali. 39

40 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 40

41 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 41

42 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 42

43 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 43

44 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 44

45 ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI UGUALI Dopo averle denominate far associare le immagini uguali. 45

46 PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO I PERCORSI 46

47 I PERCORSI Il percorrere con il dito una linea che inizialmente è quasi diritta e poi si curva e si piega, comporta uno stimolo notevole alla maturazione di varie funzioni come l orientamento nello spazio, la coordinazione occhio - mano e il pregrafismo. UTILIZZAZIONE Per raggiungere tali obiettivi il tracciato va effettuato seguendo correttamente la linea in tutte le sue evoluzioni con il dito. Per abituare il bambino a controllare in maniera valida i suoi movimenti possiamo inizialmente aiutarlo con la guida manuale o mettendo il nostro dito davanti al suo lungo tutto il percorso. ETÀ MENTALE DI RIFERIMENTO Due anni. 47

48 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 48

49 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 49

50 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 50

51 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 51

52 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 52

53 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 53

54 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 54

55 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 55

56 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 56

57 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 57

58 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 58

59 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 59

60 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 60

61 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 61

62 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 62

63 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 63

64 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 64

65 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 65

66 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 66

67 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 67

68 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 68

69 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 69

70 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 70

71 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 71

72 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 72

73 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 73

74 I PERCORSI I PERCORSI Seguire concon il dito il percorso, partendo dalla freccia. Segui il dito il percorso partendo dalla freccia. 74

75 PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI 75

76 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI La possibilità di stimolazione logica in pratica fino ai tre anni, coincide per lo più con lo sviluppo psicomotorio, percettivo e del linguaggio. Il bambino manifesta infatti le sue capacità intellettive oltre che sul piano motorio, attraverso un attività rivolta soprattutto all analisi, confronto e interpretazione della realtà sensoriale. Nella sua esplorazione del mondo vengono ad essere coinvolti tutti i sensi per cui è importante, una molteplicità di stimolazioni che li coinvolga. Maggiore attenzione in questo lavoro viene data alla percezione visiva. Ciò nasce dal fatto che è più facile per gli studiosi e per gli educatori in genere, preparare materiale graduato e vario composto da immagini, piuttosto che da gusti e da odori. Le schede che presentiamo sono formate da figure geometriche uguali da associare, che hanno lo scopo di sviluppare nel minore non solo la percezione visiva, ma anche il linguaggio, i primi processi di astrazione e i fondamentali rapporti spaziali. Il bambino viene inoltre arricchito da numerosi elementi culturali. UTILIZZAZIONE L educatore indicando la o le figure geometriche poste in alto le denominerà chiedendo al bambino di indicare le figure uguali rappresentate in basso. ETA MENTALE DI RIFERIMENTO Due anni. ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 76

77 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 77

78 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 78

79 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 79

80 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 80

81 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 81

82 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 82

83 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 83

84 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 84

85 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 85

86 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 86

87 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 87

88 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 88

89 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 89

90 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 90

91 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 91

92 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 92

93 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 93

94 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 94

95 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 95

96 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 96

97 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 97

98 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 98

99 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 99

100 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 100

101 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 101

102 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 102

103 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 103

104 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 104

105 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 105

106 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 106

107 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 107

108 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 108

109 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 109

110 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 110

111 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 111

112 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 112

113 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 113

114 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 114

115 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 115

116 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 116

117 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 117

118 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 118

119 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 119

120 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 120

121 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 121

122 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 122

123 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 123

124 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 124

125 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 125

126 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 126

127 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 127

128 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 128

129 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 129

130 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 130

131 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 131

132 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 132

133 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 133

134 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 134

135 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 135

136 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 136

137 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 137

138 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 138

139 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 139

140 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 140

141 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 141

142 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 142

143 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 143

144 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 144

145 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 145

146 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 146

147 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 147

148 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 148

149 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 149

150 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 150

151 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 151

152 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 152

153 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 153

154 ASSOCIAZIONI DI FIGURE GEOMETRICHE UGUALI Far associare le figure geometriche uguali. 154

155 PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO ASSOCIAZIONI DI IMMAGINI IN PARTE CANCELLATE 155

156 ASSOCIAZIONI DI FIGURE IN PARTE CANCELLATE Abbiamo inserito nel nostro programma l associazione di figure in parte cancellate in quanto è importante stimolare e sviluppare i centri deputati al riconoscimento visivo anche se l immagine esaminata dovesse presentarsi confusa o incompleta. Questi centri, presenti nell emisfero sinistro, sono essenziali al riconoscimento delle parole e delle lettere nella scrittura corsiva che è in parte diversa da una persona all altra UTILIZZAZIONE Per utilizzare tali schede basta indicare al bambino l immagine presente nella parte alta della scheda chiedendo di ricercarla nella parte bassa. ETA DI RIFERIMENTO Due anni nello sviluppo logico. 156

157 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 157

158 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 158

159 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 159

160 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 160

161 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 161

162 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 162

163 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 163

164 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 164

165 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 165

166 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 166

167 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 167

168 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 168

169 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 169

170 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 170

171 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 171

172 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 172

173 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 173

174 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 174

175 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 175

176 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 176

177 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 177

178 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 178

179 ASSOCIAZIONI LOGICHE Associa lelesingole parolesecondo all immagine corrispondente. Far associare immagini un legame logico. 179

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume 1. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina ONLUS

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume 1. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina ONLUS PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO Emidio Tribulato Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina ONLUS Volume 1 Livello 1 CENTRO STUDI LOGOS ONLUS CENTRO DI RICERCHE PSICOPEDAGOGICHE VIA PRINCIPE

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume 5. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina ONLUS

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume 5. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina ONLUS PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO Emidio Tribulato Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina ONLUS Volume 5 Livello 1 CENTRO STUDI LOGOS ONLUS CENTRO DI RICERCHE PSICOPEDAGOGICHE VIA PRINCIPE

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume 4. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume 4. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO Emidio Tribulato Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina Volume Livello CENTRO STUDI LOGOS ONLUS CENTRO DI RICERCHE PSICOPEDAGOGICHE VIA PRINCIPE TOMMASO

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO Emidio Tribulato Volume Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina 2 Livello 1 CENTRO STUDI LOGOS ONLUS CENTRO DI RICERCHE PSICOPEDAGOGICHE VIA PRINCIPE TOMMASO

Dettagli

PROGETTO DI PSICOMOTRICITA' FUNZIONALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011

PROGETTO DI PSICOMOTRICITA' FUNZIONALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 PROGETTO DI PSICOMOTRICITA' FUNZIONALE per i bambini che frequentano la scuola dell'infanzia ANNO SCOLASTICO 2010-2011 ELENA SICA A CURA DI La proposta di un progetto di psicomotricità funzionale nasce

Dettagli

Guida per la realizzazione di attività didattiche per bambini con deficit cognitivi e comunicativi Ins. Gabriella Nanni

Guida per la realizzazione di attività didattiche per bambini con deficit cognitivi e comunicativi Ins. Gabriella Nanni I.C. D ANNUNZIO San Vito Chietino Scuola primaria di Rocca San Giovanni Guida per la realizzazione di attività didattiche per bambini con deficit cognitivi e comunicativi Ins. Gabriella Nanni L AGENDA

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (Lista di elementi da considerare come guida minima)

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (Lista di elementi da considerare come guida minima) Allegato B PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (Lista di elementi da considerare come guida minima) PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO (Inserire i dati richiesti) classe. - sezione a favore dell alunno/a.. nato/a

Dettagli

Scuola dell infanzia

Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia II CIRCOLO DIDATTICO Don Bosco plesso GIOVANNI XXIII CARDITO (Na) A.S. 2011/2012 Premessa Il bambino conosce sé stesso e ciò che lo circonda attraverso i cinque sensi. La percezione,infatti,

Dettagli

PROGETTO DAL MOVIMENTO ALLA SCRITTURA: GESTO, SPAZIO E ATTIVITA GRAFICHE

PROGETTO DAL MOVIMENTO ALLA SCRITTURA: GESTO, SPAZIO E ATTIVITA GRAFICHE ISTITUTO COMPRENSIVO U.FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA INFANZIA IL GIRASOLE SAN MARTINO IN BELISETO PROGETTO DAL MOVIMENTO ALLA SCRITTURA: GESTO, SPAZIO E ATTIVITA GRAFICHE ANNO SCOLASTICO 2012/13 MOTIVAZIONE

Dettagli

CORSO DIAVVICINAMENTO ALLA L.I.S. MARIA BUCCI

CORSO DIAVVICINAMENTO ALLA L.I.S. MARIA BUCCI CORSO DIAVVICINAMENTO ALLA L.I.S. MARIA BUCCI e-mail: mariabucci@iol.it COSA E LA LINGUA SCRITTA? I meccanismi coinvolti nella lettosrittura e quelli nella produzione e comprensione del linguaggio orale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MEZZOLOMBARDO PIANI DI STUDIO D ISTITUTO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

ISTITUTO COMPRENSIVO MEZZOLOMBARDO PIANI DI STUDIO D ISTITUTO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Biennio: PRIMO (classe prima e seconda scuola primaria) COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Traguardi di sviluppo della competenza a fine biennio 1. Conoscere e padroneggiare il proprio corpo (consapevolezza

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO Emidio Tribulato Volume Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina 2 Livello 1 CENTRO STUDI LOGOS ONLUS CENTRO DI RICERCHE PSICOPEDAGOGICHE VIA PRINCIPE TOMMASO

Dettagli

Centro studi LOGOS ONLUS - Messina. Emidio Tribulato

Centro studi LOGOS ONLUS - Messina. Emidio Tribulato Centro studi LOGOS ONLUS - Messina Emidio Tribulato Emidio Tribulato Volume sesto Centro studi LOGOS ONLUS - Messina C 2010- Tutti i diritti riservati. Sito web: www.cslogos.it E - mail: postmaster@cslogos.it

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ISTITUZIONE SCOLASTICA ALUNNO PLESSO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Anno Scolastico Classe cognome nome data di nascita luogo di nascita residenza telefono NUMERO DI ALUNNI DELLA CLASSE: NUMERO DI ALUNNI

Dettagli

Competenza : 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

Competenza : 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA DELL INFANZIA IL CORPO E IL MOVIMENTO Identità, autonomia, salute Competenza : 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Descrittori Descrittori 1.1.1 E in grado di comprendere

Dettagli

Competenza : 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

Competenza : 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA DELL INFANZIA IL CORPO E IL MOVIMENTO Identità, autonomia, salute Competenza : 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Descrittori Descrittori 1.1.1 E in grado di comprendere

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO Emidio Tribulato Volume Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina 5 Livello 1 CENTRO STUDI LOGOS ONLUS CENTRO DI RICERCHE PSICOPEDAGOGICHE VIA PRINCIPE TOMMASO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA DENNO PIANO DI STUDIO DI MATEMATICA CLASSE SECONDA. Competenza 1

ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA DENNO PIANO DI STUDIO DI MATEMATICA CLASSE SECONDA. Competenza 1 ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA DENNO PIANO DI STUDIO DI MATEMATICA CLASSE SECONDA Alle fine della CLASSE SECONDA l alunno è in grado di Competenza 1 Competenza 1 Componenti della competenza Abilità

Dettagli

DISCIPLINA: LINGUA INGLESE

DISCIPLINA: LINGUA INGLESE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE Finalità: Esercitare la cittadinanza attiva nel contesto in cui il discente vive, anche oltre i confini del territorio nazionale. Educazione plurilingue e interculturale per

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE INGLESE

SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE INGLESE - L alunno comprende brevi messaggi e semplici istruzioni orali legati alla sua esperienza. - Interagisce nel gioco utilizzando il lessico appreso. - Esegue compiti secondo le indicazioni date in lingua

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO P. E. I.

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO P. E. I. PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO P. E. I. per l integrazione degli alunni diversamente abili (C.M. n 258/83; C.M. n 250/86; D.P.R. 24/02/94) ALUNNO/A... CLASSE.. SEZIONE.... INDIRIZZO... ANNO SCOLASTICO..

Dettagli

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PROFILO DINAMICO FUNZIONALE DI firme degli estensori COGNOME NOME... SCUOLA... CLASSE... NOME QUALIFICA FIRMA Data ASSE 1: AFFETTIVO RELAZIONALE ASSE 2: AUTONOMIA ASSE 3 E ASSE 4 :COMUNICAZIONALE E LINGUISTICO

Dettagli

STRATEGIE PER L AUTONOMIA NEL PAZIENTE ANZIANO CON STROKE. Spalek Renata Terapista Occupazionale Centro di Riabilitazione ONLUS Moncrivello (VC)

STRATEGIE PER L AUTONOMIA NEL PAZIENTE ANZIANO CON STROKE. Spalek Renata Terapista Occupazionale Centro di Riabilitazione ONLUS Moncrivello (VC) STRATEGIE PER L AUTONOMIA NEL PAZIENTE ANZIANO CON STROKE Spalek Renata Terapista Occupazionale Centro di Riabilitazione ONLUS Moncrivello (VC) 1 La Terapia Occupazionale nel Trattamento dei Pazienti con

Dettagli

Laboratorio espressivo Scopriamo il colore

Laboratorio espressivo Scopriamo il colore LABORATORI ASILO NIDO Laboratorio espressivo Scopriamo il colore Il laboratorio di scoperta ed esplorazione del colore fornisce ad ogni bambino l opportunità di esprimersi liberamente secondo le proprie

Dettagli

PSICOMOTRICITA e GIOCOMOTRICITA

PSICOMOTRICITA e GIOCOMOTRICITA Viola 3-6 anni Metodologia: PSICOMOTRICITA e GIOCOMOTRICITA Favorire l integrazione delle abilità motorie con altri aspetti dello sviluppo infantile come il linguaggio, la sfera percettiva e quella cognitiva

Dettagli

Campo di esperienza Ambito didattico Obiettivi I discorsi e le parole Immagini, suoni, colori

Campo di esperienza Ambito didattico Obiettivi I discorsi e le parole Immagini, suoni, colori Campo di esperienza Ambito didattico Obiettivi I discorsi e le parole Linguistico - ascoltare e comunicare con varie modalità esperienze e vissuti - analizzare e descrivere immagini ed eventi - ascoltare,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VIA MONGINEVRO ARCORE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VIA MONGINEVRO ARCORE CURRICOLO MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA A.1. Discriminare ed interpretare eventi sonori A.2. Attribuire significati a segnali sonori e musicali, a semplici sonorità quotidiane ed eventi naturali

Dettagli

Seminario residenziale Bellaria 2008 Proposta di attività didattica

Seminario residenziale Bellaria 2008 Proposta di attività didattica Seminario residenziale Bellaria 2008 Proposta di attività didattica Titolo RICONOSCERE LA MONETA EURO Asse di riferimento (Evidenziare l'asse scelto) Affettivo relazionale Autonomia Comunicazionale linguistico

Dettagli

Jerom Bruner - nasce a New York nel 1915 professore di psicologia alla Harvard University

Jerom Bruner - nasce a New York nel 1915 professore di psicologia alla Harvard University Jerom Bruner - nasce a New York nel 1915 - professore di psicologia alla Harvard University centro sulla natura dell attività cognitiva - insegna ad Oxford Le opere Dopo Dewey: il processo di apprendimento

Dettagli

Progetto Attività Motoria Over 55 ROVERETO 16 Gennaio Strategie Motorie per Contrastare il Decadimento Cognitivo

Progetto Attività Motoria Over 55 ROVERETO 16 Gennaio Strategie Motorie per Contrastare il Decadimento Cognitivo Progetto Attività Motoria Over 55 ROVERETO 16 Gennaio 2014 Strategie Motorie per Contrastare il Decadimento Cognitivo Doriana Rudi doriana.rudi@univr.it INDICAZIONI METODOLOGICHE Inizialmente scegliere

Dettagli

LABORATORIO Corso di Pedagogia speciale Prof.ssa Zappaterra IV anno GRUPPO 1 23 settembre :00/19:00 Dr.ssa Lucia Donata Nepi

LABORATORIO Corso di Pedagogia speciale Prof.ssa Zappaterra IV anno GRUPPO 1 23 settembre :00/19:00 Dr.ssa Lucia Donata Nepi Scuola di Studi Umanistici e della Formazione CdS in Scienze della Formazione Primaria! LABORATORIO Corso di Pedagogia speciale Prof.ssa Zappaterra IV anno GRUPPO 1 23 settembre 2015 16:00/19:00 Dr.ssa

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO D.ALIGHIERI RESCALDINA VIA MATTEOTTI N 2. Anno scolastico 20 /20

SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO D.ALIGHIERI RESCALDINA VIA MATTEOTTI N 2. Anno scolastico 20 /20 SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO D.ALIGHIERI RESCALDINA VIA MATTEOTTI N 2 AGENDA ANNUALE DELL INTEGRAZIONE E DEL SOSTEGNO DIDATTICO CON PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Ai sensi della Legge n. 04 e

Dettagli

VISUO SPAZIALI MAURIZIO GAMBARI BERIO 03/04/2011

VISUO SPAZIALI MAURIZIO GAMBARI BERIO 03/04/2011 VISUO SPAZIALI MAURIZIO GAMBARI BERIO 03/04/2011 DEFINIZIONE I deficit visusopazaili si possono definire come disordini che determinano un'erronea stima degli aspetti spaziali fra diversi oggetti che riguardano

Dettagli

CARATTERISTICHE NEUROPSICOLOGICHE LA COMUNICAZIONE

CARATTERISTICHE NEUROPSICOLOGICHE LA COMUNICAZIONE CARATTERISTICHE NEUROPSICOLOGICHE LA COMUNICAZIONE La capacità comunicativa dell uomo, come si è sviluppata nel corso della sua evoluzione, sembra non essere presente nella persona autistica. Mancano dei

Dettagli

Una scuola speciale a Pavia. Manuela Scarpa 12.5.2016 Voghera

Una scuola speciale a Pavia. Manuela Scarpa 12.5.2016 Voghera Una scuola speciale a Pavia Manuela Scarpa 12.5.2016 Voghera Se piantate la lattuga e la lattuga non cresce, non criticate la lattuga, ma cercate le ragioni per cui non cresce Thich Nhat Hanh Dal Panorama

Dettagli

LE ATTIVITA DEGLI ALUNNI DELLE CLASSi 1^D e 2^D Insegnanti Giulia Cuscusa, M.Rosa Madau SCUOLA PRIMARIA DI PAULILATINO

LE ATTIVITA DEGLI ALUNNI DELLE CLASSi 1^D e 2^D Insegnanti Giulia Cuscusa, M.Rosa Madau SCUOLA PRIMARIA DI PAULILATINO LE ATTIVITA DEGLI ALUNNI DELLE CLASSi 1^D e 2^D Insegnanti Giulia Cuscusa, M.Rosa Madau SCUOLA PRIMARIA DI PAULILATINO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 G1 G2 Diapositiva 2 G1 Giulia; 19/07/2016 G2 Giulia; 19/07/2016

Dettagli

Geografia. Competenze da raggiungere al termine delle classe seconda

Geografia. Competenze da raggiungere al termine delle classe seconda Geografia Competenze da raggiungere al termine delle classe seconda Sa orientarsi nello spazio vissuto e rappresentato utilizzando gli indicatori spaziali adeguati. Sa effettuare e descrivere percorsi

Dettagli

SCUOLA ELEMENTARE. Banchi su misura. tematici coinvolti Il collettivo statistico e suoi elementi. Semplici tabelle di frequenze

SCUOLA ELEMENTARE. Banchi su misura. tematici coinvolti Il collettivo statistico e suoi elementi. Semplici tabelle di frequenze SCUOLA ELEMENTARE Banchi su misura Livello scolare: 1 a - 2 a elementare Competenze interessate Individuare l'obiettivo da raggiungere sia nel caso di problemi proposti dall'insegnante, sia nel vivo di

Dettagli

Due cervelli per una mente

Due cervelli per una mente 28 Febbraio 2007 Corso di Laurea in Informatica Multimediale Facoltà di Scienze MMFFNN Università di Verona Due cervelli per una mente Chiara Della Libera DSNV Università di Verona Sezione di Fisiologia

Dettagli

APPRENDIMENTO DELLA LETTO-SCRITTURA. 4 settembre 2014 Alessandra Scabia

APPRENDIMENTO DELLA LETTO-SCRITTURA. 4 settembre 2014 Alessandra Scabia APPRENDIMENTO DELLA LETTO-SCRITTURA 4 settembre 2014 Alessandra Scabia L apprendimento della letto-scrittura presuppone l acquisizione di: competenze fonologiche: produzione di tutti i suoni, ripetizioni

Dettagli

PLESSO DI VIA NIEVO PROGETTI DI ATTIVITA PSICOMOTORIA. presentati negli ultimi anni nella scuola dell infanzia di via Nievo:

PLESSO DI VIA NIEVO PROGETTI DI ATTIVITA PSICOMOTORIA. presentati negli ultimi anni nella scuola dell infanzia di via Nievo: PLESSO DI VIA NIEVO La scuola si avvale della presenza dell insegnante Anna Paola Sotgiu, specializzata in Psicomotricità Funzionale, secondo il metodo di J.Le Boulch, iscritta all Albo degli Psicomotricisti

Dettagli

ARTE E IMMAGINE NUCLEI FONDANTI DELLA DISCIPLINA. riconoscere ed usare i linguaggi visivi. Produzione e rielaborazione dei messaggi visivi.

ARTE E IMMAGINE NUCLEI FONDANTI DELLA DISCIPLINA. riconoscere ed usare i linguaggi visivi. Produzione e rielaborazione dei messaggi visivi. ARTE E IMMAGINE NUCLEI FONDANTI DELLA DISCIPLINA Capacità di vedere osservare e comprendere riconoscere ed usare i linguaggi visivi. Conoscenza ed uso delle tecniche espressive. Produzione e rielaborazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ANAGNI 2 A.S. 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO ANAGNI 2 A.S. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO ANAGNI 2 A.S. 2015/2016 METODO ANALOGICO di CAMILLO BORTOLATO Teoria dell apprendimento intuitivo della matematica INTRODUZIONE COSA E IL METODO ANALOGICO? Il Metodo Analogico è basato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA : I DISCORSI E LE PAROLE CURRICOLO: ITALIANO. Anno Scolastico: 2016/2017

CAMPO DI ESPERIENZA : I DISCORSI E LE PAROLE CURRICOLO: ITALIANO. Anno Scolastico: 2016/2017 CAMPO DI ESPERIENZA : I DISCORSI E LE PAROLE CURRICOLO: ITALIANO Anno Scolastico: 2016/2017 COMPETENZE BAMBINI DI TRE ANNI ITALIANO Esperienze di apprendimento che preparano allo sviluppo delle competenze

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume. Livello. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume. Livello. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO Emidio Tribulato Volume Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina 1 Livello 1 CENTRO STUDI LOGOS ONLUS CENTRO DI RICERCHE PSICOPEDAGOGICHE VIA PRINCIPE TOMMASO

Dettagli

due parole sul METODO

due parole sul METODO due parole sul METODO Uno dei punti cardine del complesso processo dell insegnamento apprendimento è il problema metodologico. COME INSEGNARE? Come cioè organizzare ed attuare tutte le proposte che serviranno

Dettagli

ATTIVITA :attività e movimenti che permettono di percepire,sentire e conoscere il proprio corpo.

ATTIVITA :attività e movimenti che permettono di percepire,sentire e conoscere il proprio corpo. CLASSE I UdA:schema corporeo PERIODO:settembre-novembre OBIETTIVO FORMATIVO:sviluppare lo schema corporeo. ATTIVITA :attività e movimenti che permettono di percepire,sentire e conoscere il proprio corpo.

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ISTITUTO COMPRENSIVO Nico Pinna Parpaglia POZZOMAGGIORE Via San Pietro, 37/a - 07018 (SS) - tel. 079/801093 - fax 079/800157 C.F. 80008250906 - e-mail ssic80200l@istruzione.it PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

Dettagli

INDICATORI PER IL REGISTRO CLASSI PRIME 2015 2016

INDICATORI PER IL REGISTRO CLASSI PRIME 2015 2016 INDICATORI PER IL REGISTRO CLASSI PRIME 2015 2016 Nell ordine: Italiano, Matematica, Scienze, Tecnologia, Storia, Geografia, Inglese, Arte ed Immagine, Musica e Motoria. ITALIANO ASCOLTO E PARLATO 1)a

Dettagli

l alunno riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza.

l alunno riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza. Studio collettivo delle Indicazioni Nazionali per il curricolo della Sc. dell Infanzia e del 1 ciclo dell istruzione. Sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di 1 grado. ARGOMENTO

Dettagli

Istituzioni di linguistica a.a Federica Da Milano

Istituzioni di linguistica a.a Federica Da Milano Istituzioni di linguistica a.a.2014-2015 Federica Da Milano federica.damilano@unimib.it I processi di lettura, scrittura e calcolo nell età adulta La lettura: la capacità di leggere stringhe di lettere

Dettagli

DISCIPLINA: GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA

DISCIPLINA: GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA Finalità: Costruire il senso dello spazio correlandolo a quello del tempo. Studiare i rapporti tra l uomo e il territorio per comprendere le trasformazioni naturali

Dettagli

I N D I C E Come è strutturata questa guida didattica e come utilizzarla

I N D I C E Come è strutturata questa guida didattica e come utilizzarla I N D I C E Come è strutturata questa guida didattica e come utilizzarla... pag. 3 PARTE INTRODUTTIVA Ragioni che stanno alla base della scelta modulare curricolare, organizzativa, didattica, fin dalla

Dettagli

PREVENIRE I DISTURBI DELLA GRAFIA: L INSEGNAMENTO TEMPESTIVO E CORRETTO DEL CORSIVO. Itala Riccardi Ripamonti 7 aprile 2016

PREVENIRE I DISTURBI DELLA GRAFIA: L INSEGNAMENTO TEMPESTIVO E CORRETTO DEL CORSIVO. Itala Riccardi Ripamonti 7 aprile 2016 PREVENIRE I DISTURBI DELLA GRAFIA: L INSEGNAMENTO TEMPESTIVO E CORRETTO DEL CORSIVO Itala Riccardi Ripamonti 7 aprile 2016 Struttura del webinar Scrivere e leggere: due processi differenti Prevenire le

Dettagli

DIDATTICA DELL ITALIANO (L1-L2) PER LA SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA. Dott.ssa Fallea Floriana

DIDATTICA DELL ITALIANO (L1-L2) PER LA SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA. Dott.ssa Fallea Floriana DIDATTICA DELL ITALIANO (L1-L2) PER LA SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA LE CONDIZIONI PER L'APPRENDIMENTO DELLA LETTURA E DELLA SCRITTURA Tecnicamente saper leggere significa essere capaci di discriminare

Dettagli

A CIRCA 6 ANNI, IL BAMBINO E PRONTO PER LA SCUOLA PRIMARIA? La risposta è SI

A CIRCA 6 ANNI, IL BAMBINO E PRONTO PER LA SCUOLA PRIMARIA? La risposta è SI A CIRCA 6 ANNI, IL BAMBINO E PRONTO PER LA SCUOLA PRIMARIA? La risposta è SI Infatti a 6 anni Maturano le competenze linguistiche Le abilità cognitive La percezione visiva La motricità IL LINGUAGGIO Dai

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE MONOENNIO - ITALIANO OBIETTIVI MINIMI 1.PARLARE/ASCOLTARE: usare il codice verbale orale in modo significativo. a. Mantenere l attenzione sul messaggio orale avvalendosi dei diversi linguaggi verbali e

Dettagli

OSSERVAZIONI SULLO SVILUPPO bambino dai 5 6 anni a metà anno e fine anno.

OSSERVAZIONI SULLO SVILUPPO bambino dai 5 6 anni a metà anno e fine anno. Cognome Nome Età Data OSSERVAZIONI SULLO SVILUPPO bambino dai 5 anni a metà anno e fine anno. COORDINAZIONE FINE OCCHIO MANO: uso matita colori, realizzazione grafica di disegni. (2, 3) 1 Usa mano Prensione

Dettagli

SNADIR. Corso di formazione Psicologia Generale

SNADIR. Corso di formazione Psicologia Generale SNADIR Corso di formazione Psicologia Generale PSICOLOGIA by Donatello Barone Piergiorgio Barone scienza che studia i fenomeni della vita affettiva e mentale dell uomo (emozioni, istinti, memoria, intelligenza,

Dettagli

Spazio, tempo e relazione: strategie di intervento. Disturbo dello Spettro Autistico

Spazio, tempo e relazione: strategie di intervento. Disturbo dello Spettro Autistico Spazio, tempo e relazione: strategie di intervento nei bambini con Disturbo dello Spettro Autistico Mantova, 19 e 21 ottobre 2015 Lucia Nannini - TNPEE Simona Rebecchi - Logopedista Marina Sensati - TNPEE

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO SCUOLA / ISTITUTO I.T. G. C. FALCO (timbro della scuola) PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Anno Scolastico / Cognome nome Nato il a prov. residente a via tel. Scuola I.T. FALCO di Classe sez. REDATTORI

Dettagli

Caratteristiche dei MATERIALI Metodo MONTESSORI

Caratteristiche dei MATERIALI Metodo MONTESSORI Caratteristiche dei MATERIALI Metodo MONTESSORI 3 CONVEGNO NAZIONALE DISLESSIA: dalla teoria alla pratica 23 febbraio 2013 Albieri Elena Casa dei Bambini!- Scuola Montessori Coop.Sociale Onlus!- Scuola

Dettagli

dr.ssa Lorella Gabriele

dr.ssa Lorella Gabriele dr.ssa Lorella Gabriele Obiettivo del corso Fornire metodologie, strategie per riconoscere e decodificare il linguaggio del corpo. Parte teorica Parte laboratoriale Argomenti Linguaggio Linguaggio e Comunicazione

Dettagli

Progettazione curricolare di Musica Ambito Fruizione musicale

Progettazione curricolare di Musica Ambito Fruizione musicale Progettazione curricolare di Musica Ambito Fruizione musicale Dalle Indicazioni nazionali Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di I grado Traguardi sviluppo delle competenze Sviluppare

Dettagli

Normativa DSA e BES il ruolo della Scuola dell Infanzia. Elena Dal Pio Luogo

Normativa DSA e BES il ruolo della Scuola dell Infanzia. Elena Dal Pio Luogo Normativa DSA e BES il ruolo della Scuola dell Infanzia Elena Dal Pio Luogo LEGGE 170 8 ottobre 2010 Art. 1 Riconoscimento e definizione di: Dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia. Garantire

Dettagli

PROGETTO C ERA UNA VOLTA

PROGETTO C ERA UNA VOLTA PROGETTO C ERA UNA VOLTA Scuola dell Infanzia San Giovanni Bosco Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE Il Progetto C era una volta che si propone a Scuola ha lo scopo di aiutare il bambino a scoprire il

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI CLASSE PRIMA

OBIETTIVI FORMATIVI CLASSE PRIMA MUSICA TRAGUARDI DI COMPETENZA L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in riferimento alla loro fonte. Gestisce diverse possibilità espressive della

Dettagli

METODI DI RICERCA E DI VALUTAZIONE IN PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO

METODI DI RICERCA E DI VALUTAZIONE IN PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO METODI DI RICERCA E DI VALUTAZIONE IN PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO LUMSA 2016-17 Dott.ssa Giulia Pecora giulia.pecora@uniroma1.it pensando a ciò che ci siamo detti nelle prime lezioni, dopo la spiegazione

Dettagli

METODOLOGIA DI INSEGNAMENTO DELL ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA

METODOLOGIA DI INSEGNAMENTO DELL ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA METODOLOGIA DI INSEGNAMENTO DELL ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA prof. Mancini Roberto Osimo 25-3 - 2006 Quali metodi di insegnamento conoscete? Metodi di insegnamento Metodo prescrittivo Metodo misto (globale-analitico-globale)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO SCUOLA DELLE SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO-SOCIALI Corso di Studio in Scienze Motorie

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO SCUOLA DELLE SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO-SOCIALI Corso di Studio in Scienze Motorie UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO SCUOLA DELLE SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO-SOCIALI Corso di Studio in Scienze Motorie Lo sviluppo psicomotorio nel bambino non vedente Il ruolo formativo del gioco e

Dettagli

Traguardi per lo sviluppo delle competenze dei campi di esperienza nei bambini di 3 anni.

Traguardi per lo sviluppo delle competenze dei campi di esperienza nei bambini di 3 anni. Traguardi per lo sviluppo delle competenze dei campi di esperienza nei bambini di 3 anni. CAMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE COMPETENZE IL SE E L ALTRO L ambiente sociale Il vivere

Dettagli

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ALUNNO/A.. Nato/a Residente a. IL DIRIGENTE IL/LA NEUROPSICHIATRA I GENITORI GLI INSEGNANTI OSSERVAZIONE DI ASPETTI SENSO- PERCETTIVI Percezione dello stimolo: Percezione uditiva

Dettagli

ABILITÀ. COMPETENZE L'alunno: ( B-H ) L'alunno sa: associare alla quantità il numero ( simbolo e nome ) i numeri ordinali

ABILITÀ. COMPETENZE L'alunno: ( B-H ) L'alunno sa: associare alla quantità il numero ( simbolo e nome ) i numeri ordinali TRAGUARDI DI COMPETENZA L alunno opera con i numeri naturali nel calcolo scritto e mentale NUMERI L'alunno: ( B-H ) la serie numerica fino al 100 associare alla quantità il numero ( simbolo e nome ) i

Dettagli

OSSERVAZIONI SULLO SVILUPPO bambino dai 5 6 anni a metà anno e fine anno.

OSSERVAZIONI SULLO SVILUPPO bambino dai 5 6 anni a metà anno e fine anno. Cognome Nome Età Data OSSERVAZIONI SULLO SVILUPPO bambino dai 5 anni a metà anno e fine anno. COORDINAZIONE FINE OCCHIO MANO: uso matita colori, realizzazione grafica di disegni. (2, 3) 1 Usa mano Prensione

Dettagli

ASSE LINGUISTICO TEMATICHE PORTANTI NUCLEI FONDANTI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

ASSE LINGUISTICO TEMATICHE PORTANTI NUCLEI FONDANTI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA ASSE LINGUISTICO TESTO: Narrativo Descrittivo Regolativo Informativo canale orale canale scritto significato scrittura lessico elementi costitutivi di un racconto fonetiche semantiche temporali spaziali

Dettagli

Pedagogia e Didattica speciale (1) M-PED/03

Pedagogia e Didattica speciale (1) M-PED/03 Corso di Perfezionamento e Aggiornamento professionale / Master in Didattica e Psicopedagogia per alunni con DISTURBO AUTISTICO Primo modulo [20 CFU] MED/9 M-PSI/04 IUS/09 Classificazione, criteri diagnostici

Dettagli

INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE ASCOLTO A.1 - Comprendere ed eseguire istruzioni relative a modalità di comprensione orale

INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE ASCOLTO A.1 - Comprendere ed eseguire istruzioni relative a modalità di comprensione orale INGLESE CLASSI 1^ INGLESE CLASSI 1^ SCUOLA PRIMARIA INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE ASCOLTO A.1 - Comprendere ed eseguire istruzioni relative a modalità di comprensione orale lavoro a

Dettagli

La consapevolezza visiva

La consapevolezza visiva Deficit visivi dopo una lesione cerebrale La consapevolezza visiva Canale dorsale V1 Canale ventrale Area in cui si determina X la consapevolezza visiva 1 Blindsight (visione cieca) Lesioni di V1 causano

Dettagli

Da un pezzetto di legno nasce un pezzetto di felicità. A cura dell Osservatorio Chicco

Da un pezzetto di legno nasce un pezzetto di felicità. A cura dell Osservatorio Chicco Da un pezzetto di legno nasce un pezzetto di felicità. A cura dell Osservatorio Chicco Dall esperienza e dalla professionalità di Chicco, che da oltre 50 anni propone giocattoli studiati per accompagnare

Dettagli

I sottostanti formulari del PDF e del PEI costituiscono l' elaborato che sarà valutato ai fini dell'accreditamento delle ore. di didattica online.

I sottostanti formulari del PDF e del PEI costituiscono l' elaborato che sarà valutato ai fini dell'accreditamento delle ore. di didattica online. I sottostanti formulari del PDF e del PEI costituiscono l' elaborato che sarà valutato ai fini dell'accreditamento delle ore di didattica online. SCUOLA MEDIA INFERIORE Descrizione dell alunno Studio anamnestico

Dettagli

Come ad esempio in questa immagine, l occhio vede 4 gambe, invece ad un osservazione più attenta se ne vedono 8.

Come ad esempio in questa immagine, l occhio vede 4 gambe, invece ad un osservazione più attenta se ne vedono 8. Percezione Visiva Semplicità Il nostro cervello, quando vede un immagine cerca sempre di semplificarla il più possibile. La nostra percezione è sempre disposta ad organizzare ciò che vediamo in un insieme

Dettagli

Emozioni in movimento

Emozioni in movimento Emozioni in movimento Nido d Infanzia Zebri del Comune di Casalecchio di Reno Documentazione a cura di: Graziella Melotti, Elisabetta Masetti in collaborazione con il CDP Centro Documentazione Pedagogico

Dettagli

Asilo nido Filangieri

Asilo nido Filangieri Asilo nido Filangieri Anno scolastico 2010/2011 LA RESPONSABILE EDUCATRICI DE ROSA Carmela BARBATO Zerina CONTE Alessandra DE STEFANO Immacolata FAZIO Matilde GIULIANI Ornella IMBRIANI Concetta LIVIGNI

Dettagli

Politecnico di Milano polo di Mantova. Le mappe mentali. Prof. Mauro Bianconi

Politecnico di Milano polo di Mantova. Le mappe mentali. Prof. Mauro Bianconi Politecnico di Milano polo di Mantova Le mappe mentali Prof. Mauro Bianconi Quella delle mappe mentali è una tecnica di rappresentazione grafica della conoscenza partendo da studi compiuti: sulla possibilità

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL MONDO. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni

LA CONOSCENZA DEL MONDO. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI LA CONOSCENZA DEL MONDO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni Riconoscere la quantità. Ordinare piccole quantità. Riconoscere la quantità. Operare e ordinare piccole

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI CORTE FRANCA LINGUA CLASSE SECONDA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO. Micro- obiettivi

SCUOLA PRIMARIA DI CORTE FRANCA LINGUA CLASSE SECONDA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO. Micro- obiettivi SCUOLA PRIMARIA DI CORTE FRANCA LINGUA CLASSE SECONDA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Nuclei Macro- obiettivi al termine della classe terza Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo,

Dettagli

Come è stato utilizzato?

Come è stato utilizzato? Come è stato utilizzato? dott.ssa Coordinatrice Scuola d Infanzia S. Pio X di Mejaniga di Cadoneghe (PD) 1 Le fasi e i tempi indicativi Presentazione ai genitori e consegna questionario percezione (settembre)

Dettagli

preconoscenze e di eventuali misconoscenze.

preconoscenze e di eventuali misconoscenze. - Discussioni collettive e attività grafiche per la rilevazione delle preconoscenze e di eventuali misconoscenze. - Attività ludiche con cubetti in legno e in cartoncino: gioco libero di costruzione, gioco

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VOLPI Cisterna di Latina. ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Piano di Lavoro per classi parallele Scuola Primaria MATEMATICA

ISTITUTO COMPRENSIVO VOLPI Cisterna di Latina. ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Piano di Lavoro per classi parallele Scuola Primaria MATEMATICA ISTITUTO COMPRENSIVO VOLPI Cisterna di Latina ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Piano di Lavoro per classi parallele Scuola Primaria PROGRAMMAZIONE CLASSI SECONDE MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Istituto Comprensivo G.Lombardo Radice Siracusa. Classe I. Anno scolastico 2010/11

Istituto Comprensivo G.Lombardo Radice Siracusa. Classe I. Anno scolastico 2010/11 Istituto Comprensivo G.Lombardo Radice Siracusa Classe I Anno scolastico 2010/11 Percorso: I Prerequisiti Collocazione di oggetti in un ambiente, avendo come punto di riferimento a se stessi, persone e

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INGLESE CLASSI 1^ INGLESE CLASSI 1^ SCUOLA PRIMARIA INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE ASCOLTO A.1 - Comprendere ed eseguire istruzioni relative a modalità di comprensione

Dettagli

delle schede di corsivo facile - classe 1 a

delle schede di corsivo facile - classe 1 a INDICE delle schede di corsivo facile - Corsivo facile, anche per alunni con DSA Scheda a Scheda b Scheda c Scheda d Scheda e Prima famiglia di lettere: I, U, T, R Lettera i (lettera capostipite ) Lettera

Dettagli

Cosa si intende per produzione del testo?

Cosa si intende per produzione del testo? 1 Cosa si intende per produzione del testo? A partire dagli anni 80 si matura la consapevolezza che la produzione di un testo scritto sia un processo principalmente cognitivo: anche gli aspetti grafo-motori

Dettagli

PRONTI VIA... INSIEME PER CRESCERE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA. Premessa

PRONTI VIA... INSIEME PER CRESCERE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA. Premessa PRONTI VIA... INSIEME PER CRESCERE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA Premessa Vissuta, spesso, da molte insegnanti come un compito burocratico di formalizzazione dell intervento, la programmazione

Dettagli

MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A NUMERI

MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A NUMERI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA NUMERI L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di ricorrere a una calcolatrice. OBIETTIVI

Dettagli

Osservazioni e strumenti

Osservazioni e strumenti Osservazioni e strumenti Centro di Consulenza Psicologica e Pedagogica L Albero Bianco via Matteo degli Organi, 213 Prato 0574/24684 alberobianco@alicecoop.it Prerequisiti per la lettura Sistema di analisi

Dettagli

INGLESE. Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura. Scuola dell Infanzia. Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Per la sezione A

INGLESE. Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura. Scuola dell Infanzia. Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Per la sezione A Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Per la sezione A INGLESE Docente: Stefania Baldasseroni Preliminarmente alla presentazione della Progettazione

Dettagli

COMPETENZA GEOMETRICA. Descrittori Classe I - Scuola Primaria.

COMPETENZA GEOMETRICA. Descrittori Classe I - Scuola Primaria. COMPETENZA GEOMETRICA Macroindicatori di conoscenze/abilità Esplorazione, descrizione e rappresentazione dello spazio Descrittori dei traguardi per lo sviluppo della competenza geometrica Uscita scuola

Dettagli

PROGETTO LOGICO- MATEMATICO

PROGETTO LOGICO- MATEMATICO PROGETTO LOGICO- MATEMATICO Scuola dell Infanzia Santa Famiglia Anno scolastico 2015/2016 PROGETTO LOGICO MATEMATICO: 3, 2, 1 CIAK SI GIRA ANALISI DELLA SITUAZIONE INIZIALE: il progetto nasce dal desiderio

Dettagli

DIDATTICA DELLE ATTIVITA MOTORIE 1^ PARTE : GINNASTICA EDUCATIVA

DIDATTICA DELLE ATTIVITA MOTORIE 1^ PARTE : GINNASTICA EDUCATIVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLE ATTIVITA MOTORIE E SPORTIVE Insegnamento di: DIDATTICA DELLE ATTIVITA MOTORIE 1^ PARTE : GINNASTICA EDUCATIVA ANNO ACCADEMICO 2006-2007

Dettagli