Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a:"

Transcript

1 Sistema nervoso

2 Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a: Raccolta degli stimoli esterni ed interni Memorizzare i dati della sensibilità Coordinare e sviluppare le attività psichiche Coordinare le attività muscolari volontarie Regolare le funzioni vegetative

3 Suddivisioni del S. NERVOSO in: SIST. NERVOSO CENTRALE (SNC) comprende : Encefalo + Midollo spinale SIST. NERVOSO AUTONOMO (o vegetativo) comprende Gangli e Nervi che collegano organi viscerali e SNC SIST. NERVOSO PERIFERICO (SNP) comprende: Nervi che collegano SNC e organi periferici (es. muscoli, cute..) NB. tutte le parti sono in reciproca relazione strutturale e funzionale

4 Sistema nervoso centrale: costituito dall'encefalo e dal midollo spinale che elabora, memorizza, integra informazioni sensitive in entrata e produce una risposta agli stimoli. Sistema nervoso autonomo o sistema vegetativo: comprende il simpatico e il parasimpatico costituito da gangli e nervi e controlla l attività dei visceri Sistema nervoso periferico comprende una rete di nervi esterni al SNC che comprende i nervi cranici e i nervi spinali, raggiunge ogni parte del corpo, mette in relazione i sensori ampiamente distribuiti con strutture nervose che elaborano gli stimoli e producono ordini. Un sistema di sensori: i recettori, registrano e permettono l'interazione fra l'ambiente esterno ed interno.

5 NEURULAZIONE e differenziamento del neuroectoderma 1 - piastra neurale 2- doccia neurale, le cui pliche (frecce) si chiudono per formare 3 tubo neurale SNC 4- creste neurali SNA

6 Il sistema nervoso centrale dei vertebrati si sviluppa dal tubo neurale. Il diametro del tubo neurale da subito mostra delle differenze: la parte anteriore è dilatata e ha una cavità più ampia rispetto alla parte posteriore, esse daranno origine rispettivamente all encefalo al midollo spinale costituiti da neuroni e cellule della glia

7 *NEURONI Unità funzionali situate nella Corteccia Cerebrale e nei Nuclei dell Encefalo e del Midollo Spinale; hanno limitatissime capacità rigenerative (^) *CELL. GLIALI = NEUROGLIA sono cellule di sostegno e sussidio per le funzioni nervose; sono distribuite in tutto il tessuto nervoso; possono rigenerarsi

8 Le sinapsi sono zone di contatto che consentono la trasmissione dell impulso nervoso da un neurone all altro distinguendosi in sinapsi: assosomatiche assoassoniche assodendritiche dendrodendritiche oppure da un neurone ad un organo effettore. Il sistema nervoso contiene milioni di cellule nervose ciascuna delle quali stabilisce numerosi contatti con altre cellule nervose attraverso le sinapsi Gli assoni dei neuroni costituiscono i nervi che si estendono al di fuori del SNC e formano il sistema nervoso periferico (SNP)

9 Nell encefalo si formano delle costrizioni che definiranno le vescicole encefaliche o cerebrali: Le pareti delle vescicole sono formate da cellule nervose e cellule della glia. L interno delle vescicole è rivestito da cellule che formano l epitelio ependimale I neuroni dell encefalo sono organizzati in forma di nuclei e corteccia con organizzazione, funzione e connessioni differenti. L organizzazione di nuclei e della corteccia cerebrale e la complessità dei rapporti fra aree diverse del tubo neurale varia: tra tratti diversidel tubo neurale tra classi diverse di Vertebrati tra specie diverse della stessa classe

10 L encefalo e il midollo spinale sono avvolti da 1 o più guaine di tessuto connettivo chiamati meningi con funzione protettiva e di sostegno: una (meninge primitiva) nei pesci, due (dura madre + pia-aracnoide) in anfibi e rettili; tre (dura madre, pia e aracnoide) in uccelli e mammiferi. INVOLUCRI DELL'ENCEFALO LE MENINGI di Ucceli e Mammiferi Dall esterno verso l interno esse sono: 1. DURA MADRE connettivo fibroso denso a fasci intrecciati, 2. ARACNOIDE con l'aspetto di una ragnatela in cui passano vasi sanguigni 3. PIA MADRE sottile e trasparente aderisce alla superficie dell'encefalo e del midollo spinale. Responsabile della vascolarizzazione del SNC; i capillari sono continui

11 La barriera emato-encefalica Il tessuto nervoso del SNC è isolato dalla circolazione ematica generale da questa barriera -E costituita dalle cellule endoteliali dei capillari del SNC, strettamente adese tra loro tramite giunzioni serrate nantenendo un ambiente costante - Possono attraversare la barriera solo composti sotto il controllo selettivo degli astrociti con specifici meccanismi attivi o passivi Liquido cerebrospinale Circola nelle cavità del SNC e nello spazio submeningeo; si forma per filtrazione del sangue che circola nei capillari che arrivano al SNC, forma un cuscinetto fluido intorno all encefalo e al midollo spinale con funzione di sostegno (scambi metabolici) e protezione da traumi meccanici. La sua formazione è controllata dalle cellule ependimali che formano l epitelio monostratificato cubico che riveste i ventricoli e il canale spinale, sono provviste di cilia che muovono il liquido cefalo-rachidiano

12 Vascolarizzazione dell encefalo Il sangue giunge al cervello attraverso le arterie carotidi interne (metà anteriore del cervello) e le arterie vertebrali ed esce tramite le vene giugulari interne Nei mammiferi i rami delle arterie che arrivano all encefalo sono interconnesse da un circolo anastomotico ad anello, il circolo di Willis. In tal modo il cervello può ricevere sangue sia dalle arterie carotidi che dalle arterie vertebrali garantendone l irrorazione

13 L encefalo in tutti gli embrioni di vertebrati è formato dalle vescicole encefaliche Stadio a 3 vescicole stadio a 5 vescicole Prosencefalo telencefalo diencefalo Mesencefalo Rombencefalo metencefalo mielencefalo

14 5 vescicole 3 vescicole

15 Cavità interne - Ventricoli encefalici Sono cavità dell encefalo piene di liquido cerebro-spinale (LCS) in numero di 4: - 1 e 2 negli emisferi cerebrali - 3 ventricolo nel diencefalo - il canale (di Silvio) del mesencefalo - 4 ventricolo tra ponte e cervelletto (derivati dal rombencefalo) Vi è una continua circolazione di liquido LCS tra i ventricoli e lo spazio sub-aracnoideo tramite fori posti sul tetto del quarto ventricolo

16 La prima vescicola encefalica, il prosencefalo, dà origine: 1- anteriormente al telencefalo, che, successivamente sviluppa due protuberanze in senso anterolaterale, gli emisferi cerebrali, al cui interno si formano due cavità che costituiranno il 1 e il 2 ventricolo dell encefalo. Il telencefalo, si sviluppa in associazione con le capsule olfattive, (organo dell olfatto) e comprende il rinencefalo. 2- posteriormente al diencefalo, formato da talamo, epitalamo ed ipotalamo; la sua cavità costituirà il 3 ventricolo Prosencefalo telencefalo emisferi cerebrali rinencefalo diencefalo epitalamo talamo ipotalamo

17 Telencefalo Il telencefalo dei bassi vertebrati è il centro primario del senso dell olfatto connesso con gli organi olfattivi Le fibre nervose, provenienti dalle cellule dell organo dell olfatto, penetrano nel telencefalo in corrispondenza dei bulbi olfattivi, la cui grandezza è in relazione all importanza dell olfatto nella vita dell animale; le fibre nervose che partono dai bulbi olfattivi arrivano ai lobi olfattivi inseriti negli emisferi cerebrali Gli emisferi cerebrali sono formati da una parete esterna, la corteccia (pallio) e da una porzione ventrale : il corpo striato Entrambe le componenti vanno incontro a cambiamenti evolutivi

18 In generale, le pareti degli emisferi cerebrali sono moderatamente spesse nei bassi vertebrati, ma diventano via via più spesse e convolute in particolare nei Mammiferi formando una spessa corteccia di sostanza grigia. Tuttavia variazioni sono presenti fra specie diverse della stessa classe. La corteccia dgli emisferi cerebrali è costituita da: paleopallio in rapporto soprattutto con il senso dell olfatto (ciclostomi e pesci); archipallio, già distinguibile in pesci e anfibi neopallio, compare nei Rettili e diventa più cospicua nei Mammiferi soprattutto in alcuni forma delle complesse circonvoluzioni La corteccia cerebrale in generale riceve impulsi sensitivi da elaborare; è il centro dal quale può iniziare l attività motoria, anche indotta dalla ricezione di stimoli olfattivi; nei Mammiferi svolge funzioni molto importanti relative ad es. a fenomeni di apprendimento e memoria (ippocampo) ed elaborazione dei dati, e fenomeni discriminativi (es piccole differenze di temperatura e di peso degli oggetti)

19 EVOLUZIONE DELLA CORTECCIA CEREBRALE

20 DIENCEFALO Ha una cavità piuttosto ampia che prende il nome di 3 ventricolo. Il diencefalo ha tre componenti fondamentali: il talamo, l epitalamo, e l ipotalamo. Il talamo è la parte più vistosa del diencefalo costituita da numerosi nuclei; è un centro di coordinamento di impulsi sensoriali provenienti da diverse parti del corpo e di trasmissione agli emisferi cerebrali. Dal tetto o epitalamo si formano delle evaginazioni dorsali che formeranno l epifisi (ghiandola endocrina) e l organo parietale (o 3 occhio). Dal pavimento o ipotalamo si forma l infundibolo il cui peduncolo forma la neuroipofisi, struttura che insieme alla adenoiposi (di origine stomodeale) formerà l ipofisi (ghiandola endocrina). Dal diencefalo si formano i calici ottici che daranno la retina dell occhio e il nervo ottico

21 Dal diencefalo si formano delle evaginazioni laterali,le vescicole ottiche che assumeranno una conformazione a coppa diventando i calici ottici provvisti di una doppia parete. Essi daranno origine alla retina dell occhio e al nervo ottico. Dal diencefalo hanno origine componenti endocrine rappresentate da: ipotalamo, neuroipofisi, epifisi La neuroipofisi si forma dal pavimento del diencefalo, l ipotalamo a partire da un evaginazione chiamata infundibolo a cui rimane unito attraverso il peduncolo ipofisario. Comprende una parte anteriore chiamata eminenza mediana e una posteriore chiamata pars nervosa. E prevalentemente costituita da lunghe fibre nervose i cui corpi cellulari posti nell ipotalamo sintetizzano neurosecreti (ormoni) che fluiscono nell assone e vengono riversati direttamente nei capillari sanguigni, è quindi definito organo neuroemale.

22 Origine dell ipofisi: D Dal pavimento del diencefalo si forma l infundibolo che originerà la neuroipofisi; dalla volta dello stomodeo (ispessimento dell ectoderma) si forma la tasca di Rathke che originerà l adenoipofisi NEUROIPOFISI + ADENOIPOFISI IPOFISI

23 Gli ormoni della neuroipofisi vengono: A) rilasciati nel circolo sanguigno generale (vasopressina o ADH e ossitocina) B) inviati attraverso il sistema portale ipofisario all adenoipofisi i fattori di rilascio o inibenti modulandone l attività Alcuni ormoni prodotti dalla neuroipofisi releasing factors vengono inviati attraverso il sistema portale ipofisario all adenoipofisi, e ne modulano l attività secretoria. L adenoipofisi sintetizza diversi ormoni detti tropine che regolano l attività di altre ghiandole endocrine e l ormone intermedina o melanotropo che regola la sintesi e la distribuzione dei granuli di melanina nei melanofori.

24 Dal tetto del diencefalo si formano due evaginazioni un organo parietale e un organo pineale o epifisi: sono presenti entrambi in alcuni Vertebrati (es, alcuni osteitti, Lacertilii) e sono sensibili alla luce, l organo parietale è considerato un 3 occhio; in Uccelli e Mammiferi si forma solo l epifisi con funzione di ghiandola endocrina L epifisi è una sorta di orologio biologico che con il suo secreto regola i ritmi stagionali e circadiani e regola le risposte dell apparato riproduttivo in relazione ai cambiamenti della durata del giorno L epifisi produce la melatonina con ritmi circadiani variabili nei diversi gruppi di vertebrati la melatonina regola: -i cicli biologici e riproduttivi -i ritmi circadiani sonno-veglia -la distribuzione dei granuli di melanina del tegumento

25 MESENCEFALO Forma la sezione mediana compresa fra cervello e cervelletto Presenta -i corpi quadrigemini, 4 nuclei sensoriali, centri di integrazione di riflessi visivi e acustici -i peduncoli cerebrali, 2 masse divergenti di sostanza bianca, -la calotta o tegmento, con nuclei di sostanza grigia coinvolti nel controllo di attività motorie - una cavità acquedotto di Silvio- in comunicazione con i ventricoli Nel tetto mesencefalo sono localizzati i lobi ottici ben rilevati che ricevono impulsi dalla retina attraverso il nervo ottico e posteriormente ad essi si trovano i lobi uditivi che ricevono soprattutto stimoli dal labirinto membranoso (orecchio interno); insieme formano i corpi quadrigemini (mammiferi). I lobi ottici sono molto sviluppati negli Uccelli

26 Il rombencefalo dà origine a metencefalo, e mielencefalo, o midollo allungato la sua cavità costituisce il 4 ventricolo. ROMBENCEFALO La struttura più evidente che deriva dal metencefalo è il cervelletto, importante centro di coordinamento dell attività dei muscoli scheletrici (controllo motorio) in risposta a stimoli provenienti ad es dal labirinto membranoso e dalla linea laterale dei pesci. Le sue dimensioni aumentano in relazione alla complessità dei movimenti dell organismo, indipendentemente dalla classe di appartenenza. Nel midollo allungato si trovano i nuclei della maggior parte dei nervi cranici

27 FUNZIONI del CERVELLETTO Funziona per controllare il coordinamento motorio e mantenere l equilibrio e quindi svolge un azione di tipo statocinetico, strettamente correlata con la corteccia cerebrale Una parte del cervelletto è in relazione con l'apparato vestibolare dell'orecchio interno che invia segnali che il cervelletto utilizza per il mantenimento dell'equilibrio e l orientamento nello spazio. Danni al cervelletto comportano movimenti impacciati e scoordinati

28 EVOLUZIONE DEL CERVELLETTO

29 Gattuccio (elasmobranco) Rana BO TL CV BO TL LO CV Piccione Ratto TL LO CV BO BO TL CV I lobi ottici sono in parte coperti dagli emisferi cerebrali TL: telencefalo, BO: bulbi olfattivi, LO: lobi ottici, CV: cervelletto

30 Collegati all encefalo sono i nervi cranici 10 negli anamni, 12 negli amnioti suddivisi su base funzionale in sensitivi: I, II, VIII motori: III, IV, VI, XI,XII misti: V, VII, IX, X

31 1- N. olfattivo 2- N. ottico 3- N. oculomotore 4- N. trocleare 5- N. trigemino 6- N. abducente 7- N. faciale 8- N. statoacustico 9- N. glossofaringeo 10- N. vago 11- N. accessorio 12- N. ipoglosso Azzurro = Sensitivo Rosso = Motore A/R= misto

32 Generalità sui nervi cranici A parte la prima coppia, dal III al XII paio tutti emergono dal tronco cerebrale (III e IV, mesencefalo, gli altri dal rombencefalo); i nervi con fibre sensitive sono provvisti di gangli sensitivi; il loro decorso è sempre complesso e tortuoso; tutti si portano a formazioni site nel blocco facciale o nel collo, ad eccezione del X, n. vago, che si porta anche nelle cavità toracica e addominale.

33 Sezioni dell encefalo e rispettive funzioni

34 Il Midollo Spinale macroscopicamente conserva più di qualunque altra regione del SNC l aspetto del tubo neurale A fine sviluppo nel midollo spinale i neuroni si localizzano formando la sostanza grigia, intorno al canale neurale le fibre nervose formano la sostanza bianca La complessità del midollo spinale sia morfologica che funzionale e quindi il grado di controllo dell attività spinale del cervello sono però variabili e aumentano con l evoluzione In generale negli amnioti nel midollo spinale si riconosce: -la sostanza grigia che comprende i corpi dei neuroni di solito a forma di farfalla in cui si distinguono lamine dorsali e lamine basali, -la sostanza bianca formata da tratti di fibre nervose afferenti, sensitive ed efferenti, motrici. Lo spessore del MS varia nella sua lunghezza Il midollo spinale è protetto all interno del canale vertebrale e rivestito da meningi

35 Le fibre nervose afferenti e efferenti formano i nervi spinali che costituiscono (insieme ai nervi cranici) il Sistema Nervoso Periferico (SNP) e che servono alla comunicazione fra midollo spinale e vari organi Il midollo spinale riceve impulsi sensoriali che vengono trasmessi e integrati con altre parti del SNC, e invia appropriati impulsi motori.. Il midollo spinale e la risposta motoria Il midollo spinale esercita un ruolo cruciale nel sistema neuromuscolare. Il midollo spinale contiene i circuiti neurali che sono necessari per la locomozione e per l attività riflessa. L interazione dei neuroni all interno del midollo spinale coordina l attivazione di gruppi muscolari per l esecuzione di movimenti volontari e dei movimenti riflessi evocati da recettori sensoriali. L inizio conscio del movimento deriva dal flusso di informazioni provenienti da varie parti del cervello verso il midollo spinale.

36 SISTEMA NERVOSO AUTONOMO ( SNA o VEGETATIVO) Il SNA si suddivide in: 1. Sistema Simpatico 2. Sistema Parasimpatico - Diversi effettori viscerali hanno innervazione vegetativa duplice; - Solitamente gli effetti di questi 2 sistemi sono antagonisti: Simpatico stimola gli effettori Parasimpatico inibisce gli effettori (si attua in tal modo un controllo di precisione)

37 Neurotrasmettitori del parasimpatico: acetilcolina del simpatico : adrenalina e noradrenalina

38 FUNZIONE DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO Simpatico e parasimpatico inviano continuamente impulsi agli effettori viscerali; regolano il funzionamento di organi per mantenere o restaurare rapidamente l'omeostasi. Spesso esercitano azione antagonista: gli impulsi del simpatico tendono a stimolare, il parasimpatico tende a inibire ( per gli effettori che hanno duplice innervazione viscerale); es. sul cuore: simpatico accelera il ritmo cardiaco; parasimpatico rallenta Il Sistema Nervoso Autonomo, è continuamente sotto il controllo di impulsi provenienti da centri autonomi del S.N.C. situati a vari livelli dell encefalo (corteccia del lobo frontale, sistema limbico).

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it IPOTALAMO-FUNZIONI Termoregolazione Nel corpo, il calore viene prodotto dalla contrazione muscolare, dall assimilazione degli alimenti e da tutti i processi vitali che contribuiscono al metabolismo basale.

Dettagli

Centro B.R.A.I.N per le Neuroscienze Università degli Studi di Trieste. Neuroscienze..per iniziare. Con il contributo di

Centro B.R.A.I.N per le Neuroscienze Università degli Studi di Trieste. Neuroscienze..per iniziare. Con il contributo di Centro B.R.A.I.N per le Neuroscienze Università degli Studi di Trieste Neuroscienze..per iniziare Con il contributo di 1 Indice Contributi...3 Prefazione...4 Il centro B.R.A.I.N...7 Il sistema nervoso...10

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

È incredibile! Calcola il tempo. che impieghi per risolvere correttamente la seguente moltiplicazione: 25 x 20 x 52 x 12 x 365 x 0 =?

È incredibile! Calcola il tempo. che impieghi per risolvere correttamente la seguente moltiplicazione: 25 x 20 x 52 x 12 x 365 x 0 =? In un bar rumoroso le tue orecchie trasmettono al cervello un carico eccessivo di segnali. Com è possibile che tu riesca ad udire il tuo nome usato in una conversazione (non diretta a te) dall altra parte

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Dai dinosauri ai mammiferi: i passi evolutivi verso la moderna Neocorteccia

Dai dinosauri ai mammiferi: i passi evolutivi verso la moderna Neocorteccia Dai dinosauri ai mammiferi: i passi evolutivi verso la moderna Neocorteccia di Elia Magrinelli Editor: Irene Cristofori Revisori esperti: Giulia Caglio, Zuccotti Annalisa Revisori naive: Francesco Sulla,

Dettagli

FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE POST-OPERATORIO

FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE POST-OPERATORIO FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE POST-OPERATORIO Dr. Girardi Guido INTRODUZIONE Il concetto di dolore è universale, ma la sua definizione è difficile da formulare. Tutti sappiamo cos è il dolore, ma quando si

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Capacità Cognitive - Parte I

Capacità Cognitive - Parte I In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

CONCLUSIONI 138 APPENDICI 140 BIBLIOGRAFIA 143

CONCLUSIONI 138 APPENDICI 140 BIBLIOGRAFIA 143 INDICE Introduzione CAPITOLO 1 - STRUTTURA CEREBRALE 8 1.1. Dalle prime speculazioni sulla struttura cerebrale alla mappa corticale di Brodmann 8 1.2. La scoperta del neurone come unità costitutiva del

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Tumori cerebrali e tumori del sistema nervoso centrale. Un informazione della Lega contro il cancro per malati e familiari

Tumori cerebrali e tumori del sistema nervoso centrale. Un informazione della Lega contro il cancro per malati e familiari Tumori cerebrali e tumori del sistema nervoso centrale Un informazione della Lega contro il cancro per malati e familiari Impressum _Editrice Lega svizzera contro il cancro Effingerstrasse 40 casella postale

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI

I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI ( )Il progetto del Dott. Jay Giedd, alla divisione di psichiatria infantile del National Institute of Mental Health di Bethesda, Maryland ha lo scopo di determinare

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO

FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO Grazyna Ptak, PhD, DSc Dipartimento di Scienze Biomediche Comparate Università degli Studi di Teramo Il ciclo della vita: gli stadi dello sviluppo animale 1. specificazione

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

LA RIABILITAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA DEMENZA: UN APPROCCIO PRATICO PER LE R.S.A.

LA RIABILITAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA DEMENZA: UN APPROCCIO PRATICO PER LE R.S.A. Laboratorio di Epidemiologia e Neuroimaging e UO Alzheimer IRCCS San Giovanni di Dio - FBF LA RIABILITAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA DEMENZA: UN APPROCCIO PRATICO PER LE R.S.A. Marina Boccardi

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio SEZIONE O «ONDE Cornea Umore acqueo Muscolo ciliare Retina Nervo ottico A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio umano. La luce entra nell'occhio attraverso la cornea e il cristallino. Viene fecalizzata

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Attenzione ed Emozione

Attenzione ed Emozione Capitolo 3 Attenzione ed Emozione 3.1 Processi cognitivi ed emozione Recentemente, la relazione tra processi cognitivi ed emozionali è stata al centro di un dibattito che ha coinvolto numerosi studiosi

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA IN PSICOLOGIA IL RUOLO DELLE EMOZIONI NELL APPRENDIMENTO IN AMBITO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA IN PSICOLOGIA IL RUOLO DELLE EMOZIONI NELL APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA IN PSICOLOGIA IL RUOLO DELLE EMOZIONI NELL APPRENDIMENTO IN AMBITO EVOLUTIVO Relatore: Chiar.ma Prof.ssa Maria Assunta Zanetti

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore.

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Tecnica chirurgica Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Sommario Principi AO ASIF 4 Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

NATURA E CAUSE SVILUPPO

NATURA E CAUSE SVILUPPO NATURA E CAUSE SVILUPPO 1) Natura del cambiamento? Quantitativa -> graduale cambiamento nel tempo -> COMPORTAMENTISMO: b. è organismo plasmato da esperienze e apprendimento Qualitativa -> comparsa di nuove

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente.

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente. Handöl 26 Magnifici focolari Handöl 26T e Handöl 26K sono le prime stufe di grandi dimensioni della serie Handöl 20. Un magnifico focolare di produzione svedese per tutti coloro che sono alla ricerca di

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

TUTTO CIO' CHE E' NECESSARIO SAPERE SUI PESCI.

TUTTO CIO' CHE E' NECESSARIO SAPERE SUI PESCI. Testi di anatomia e fisiologia dei pesci non sono molto diffusi nella letteratura scientifica italiana. E necessario allora ricorrere alla letteratura inglese ove è possibile trovare opere approfondite

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Document Name: RIF. MonoMotronic MA 3.0 512 15/54 30 15 A 10 A 10 M 1 234

Document Name: RIF. MonoMotronic MA 3.0 512 15/54 30 15 A 10 A 10 M 1 234 MonoMotronic MA.0 6 7 8 9 / 0 8 7 6 0 9 A B A L K 7 8 6 9 0 8 0 A 0 0 C E D 6 7 7 M - 6 0 9 7-9 LEGENDA Document Name: MonoMotronic MA.0 ) Centralina ( nel vano motore ) ) Sensore di giri e P.M.S. ) Attuatore

Dettagli

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo PSICOPEDAGOGIA FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo Le fasi

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI CORSO PER CHI VUOLE CAMBIARE LA PROPRIA VITA Questo corso si proporne di insegnare e cambiare. Alterna conoscenza e applicazione. Ha come obiettivo la trasformazione. Perché sono malato? Perché proprio

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Dispense di Esercitazioni Pratiche classe 1D A.S.2009/10. Effetti di una scarica elettrica su un corpo umano

Dispense di Esercitazioni Pratiche classe 1D A.S.2009/10. Effetti di una scarica elettrica su un corpo umano Premessa I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e d i S t a t o p e r l I n d u s t r i a e l A r t i g i a n a t o CAVOUR-MARCONI Loc. Piscille Via Assisana, 40/d-06154 PERUGIA Tel. 075/5838322 Fax 075/32371

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Che cosa occorre sapere sull alopecia.

Che cosa occorre sapere sull alopecia. 01/ 2014 Sandoz Pharmaceuticals S.A. Suurstoffi 14 Casella postale 6343 Rotkreuz Tel. 0800 858 885 Fax 0800 858 888 www.generici.ch Che cosa occorre sapere sull alopecia. Struttura dei capelli 4 Ciclo

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volemia Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere o sottrarre

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

ANATOMIA E FISIOLOGIA DEL DOLORE

ANATOMIA E FISIOLOGIA DEL DOLORE COS E IL DOLORE In termini fisiopatologici moderni il dolore corrisponde ad una "sensazione spiacevole e ad una esperienza emozionale ed affettiva associata a danno dei tessuti o descritto nei termini

Dettagli