PROGRAMMA DEL CORSO: Evoluzione, struttura e regolamentazione del Sistema dei Pagamenti in Italia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DEL CORSO: Evoluzione, struttura e regolamentazione del Sistema dei Pagamenti in Italia"

Transcript

1 PROGRAMMA DEL CORSO: Evoluzione, struttura e regolamentazione del Sistema dei Pagamenti in Italia 1-Introduzione Obiettivi del corso Concetto di pagamento L origine delle banche centrali e il central banking Le funzioni della moneta 2-L evoluzione dei sistemi di pagamento Il sistema dei pagamenti Gli strumenti di pagamento I rischi nei sistemi di pagamento interbancari La tecnologia di pagamento e la sua evoluzione Gli attori del sistema dei pagamenti 3-Cooperazione e competizione nel sistema dei pagamenti Necessità di un bilanciamento La cooperazione in Italia Il ruolo dell Eurosistema 1

2 4-Il ruolo delle banche centrali nel sistema dei pagamenti Gli obiettivi Il nesso tra sistema dei pagamenti e politica monetaria Il nesso tra sistema dei pagamenti e vigilanza Modalità di intervento 5-La riforma del sistema dei pagamenti in Italia La situazione pre-riforma Le iniziative intraprese L evoluzione della riforma fino ai giorni nostri Le misure di controllo del rischio adottate 6-La sorveglianza del sistema dei pagamenti in Italia Il fondamento giuridico della funzione Modalità e criteri di esercizio Gli interventi effettuati Il nesso tra sorveglianza e vigilanza degli intermediari finanziari 7-La struttura del sistema dei pagamenti italiano Il ciclo negoziazione-compensazione-regolamento Le infrastrutture tecnologiche del sistema Il sistema dei pagamenti italiano nel sistema europeo 2

3 8-Il nuovo sistema di regolamento lordo europeo TARGET 2 Da Target a Target2 I principi, la struttura e le funzionalità di Target2 La proposta di Italia, Francia e Germania e il ruolo della Banca d Italia Il ruolo degli operatori La governance di Target2 Lo stato del progetto 9-La realizzazione di un area unica dei pagamenti al dettaglio in Europa Il progetto SEPA (Single euro payment area) La SEPA e l Eurosistema Le componenti della SEPA : strumenti di pagamento, infrastrutture, standardizzazione e cornice giuridica L organizzazione del progetto in Italia 10-I fattori evolutivi Il consolidamento degli intermediari e delle infrastrutture di mercato Il processo di rimozione delle barriere Giovannini Le esigenze dell integrazione finanziaria in Europa La nuova cornice giuridica del settore dei pagamenti in Europa Le opportunità di integrazione offerte da Target2 : alcuni progetti in corso di approfondimento 3

4 1. Introduzione Obiettivi del corso (1) Oggetto - approfondimento dei fondamenti logici e teorici del SDP; la sua struttura (partecipanti, strumenti, procedure); riforme realizzate; ruolo del mercato e delle BC; nessi tra SDP, vigilanza e politica monetaria. Rilevanza - SDP è una delle infrastrutture di base per il corretto funzionamento delle economie di mercato; è una componente essenziale del meccanismo di trasmissione della politica monetaria;il loro buon funzionamento è condizione necessaria per la stabilità della moneta. Teoria - la teoria monetaria oggi prevalente privilegia la funzione di riserva di valore della moneta a scapito di quella di mezzo di pagamento che la moneta svolge nel SDP : assumono quindi rilevanza i rapporti di sostituzione tra strumenti finanziari e moneta. Fatti stilizzati - la finanziarizzazione dell economia di questi ultimi decenni non si è accompagnata con instabilità nel mercato della base monetaria: anche gli aggregati monetari a carattere transattivo come M1 sono rimasti stabili in rapporto al PIL, contraddicendo la rilevanza dei rapporti di sostituzione tra moneta e strumenti finanziari. Tesi - lo sviluppo della struttura finanziaria produce nei confronti della moneta detenuta a scopi transattivi, oltre ad un ovvio effetto di sostituzione un meno ovvio effetto di complementarietà, riconducibile all aumento dei rischi connesso con il forte incremento delle transazioni finanziarie e del loro regolamento nel SDP. Riportare al centro dell analisi il SDP (dove la moneta svolge la funzione di mezzo di pagamento) consente di cogliere adeguatamente i nessi tra finanza e moneta. 4

5 1. Introduzione Obiettivi del corso (2) 5

6 1. Introduzione Obiettivi del corso (3) 6

7 1. Introduzione Concetto di pagamento (1) Il concetto di pagamento è strettamente legato a quello dello scambio Pagamento : l atto mediante il quale un operatore si libera dell obbligazione relativa alla acquisizione di un bene/servizio, atto attraverso il quale la moneta passa dalla mano del compratore a quella del venditore. Proprietà essenziali : atto finale-presenza di un mezzo di scambio Moneta legale e moneta bancaria Bene/oggetto qualsiasi Potere liberatorio e accettabilità generale Potere liberatorio,non accettabilità generale Economia monetaria Multilateralismo Relazione trilaterale : Compratore Venditore Economia di baratto Doppia coincidenza dei desideri Relazione bilaterale : Compratore Venditore Altri che accettano la moneta 7

8 1. Introduzione Concetto di pagamento (2) Pagamento : un servizio reso ai due scambisti da un terzo, colui per il quale la moneta fiduciaria ( moneta legale e moneta bancaria) costituisce una passività a vista. Presupposti: moneta legale e moneta bancaria coesistono; assetto monetario in atto in Italia dagli anni 30; accettabilità universale fondata sulla fiducia dei creditori nella possibilità di reimpiego della moneta in altri scambi; capacità della banca centrale di mantenere il valore dello stock di moneta nel suo complesso (non solo quella che emette direttamente), cioè di mantenere la stabilità dei prezzi. Implicazioni : la banca centrale è per sua natura al centro del SDP. 8

9 1. Introduzione L origine delle BC e il central banking (1) Per capire la BC bisogna prima capire la moneta Per studiare la moneta è necessario: partire da strutture di scambio decentrate ipotizzare l esistenza del rischio ipotizzare informazione imperfetta ipotizzare l esistenza di costi di transazione Teoria neoclassica : scambi accentrati (banditore) perfetta informazione costi di transazione nulli o trascurabili perfetta fiducia In un modello di equilibrio generale la moneta non avrebbe alcuna ragione di essere : è inessenziale e inefficiente; il ponte tra presente e futuro può essere svolto meglio da qualunque bene durevole La moneta non va considerata alla stregua di un bene : è una istituzione che per sorreggersi ha bisogno di fiducia nel suo potere di acquisto futuro e nella persistenza della convenzione sociale su cui si poggia la circolazione monetaria In questa convenzione va compreso anche il SDP 9

10 1. Introduzione L origine delle BC e il central banking (2) Le banche centrali, secondo l interpretazione della scuola neo-istituzionalista (O. Williamson), si sono sviluppate intorno alla funzione di assicurare la fiducia nella moneta,dando anche una risposta istituzionale alla evoluzione delle tecnologie di pagamento in funzione della natura del mezzo di pagamento utilizzato (moneta merce, moneta fiduciaria) L essenza del ruolo del central banking è di creare moneta definitiva La missione delle banche centrali : - controllare l offerta di base monetaria - sorvegliare il funzionamento del SDP - vigilare sul sistema bancario per garantire la fiducia nella moneta Politica monetaria, sistema dei pagamenti, vigilanza sugli intermediari sono tre aspetti complementari e interconnessi dell attività di central banking. 10

11 1. Introduzione Le funzioni della moneta La teoria economica individua tre distinte funzioni della moneta : - unità di conto (numerario) - riserva di valore - mezzo di scambio La funzione di mezzo di pagamento è stata considerata di primo piano fino agli anni 30 del secolo scorso (Jevons, Wicksell, Keynes), poi l oblio. Su raccomandazione di Hicks (1935), l analisi monetaria si è spostata dal ruolo della moneta quale mezzo di scambio a quello di riserva di valore. Si è finito con il trascurare i problemi connessi con la circolazione della moneta, per concentrarsi su quelli relativi alla sua detenzione. I problemi connessi con il funzionamento dei sistemi di pagamento sono scaduti al rango di mere questioni tecniche : financial plumbing del sistema monetario. Recentemente l applicazione delle tecnologie elettroniche alla trasmissione della moneta fa riscoprire il ruolo centrale della funzione della moneta come mezzo di pagamento. 11

12 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento Il sistema dei pagamenti (1) Il sistema dei pagamenti: un industria con la finalità di rendere possibile il regolamento in moneta degli scambi Condizione necessaria : esistenza di almeno un bene da impiegare come mezzo di scambio in tutti i possibili rapporti bilaterali, con costi minimi di: -informazione -detenzione -transazione Moneta fiduciaria : - dotata di universale accettabilità - difficoltà di mantenere nel tempo questa sua qualità - costi di informazione superiori a quelli della moneta merce Il raggiungimento di uno stabile equilibrio basato sulla moneta fiduciaria richiede un assetto istituzionale che generi fiducia nel rispetto dei contratti o delle convenzioni sociali (Hicks- 1967, Gale-1982) 12

13 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento Il sistema dei pagamenti (2) nei moderni SDP questo assetto istituzionale si poggia sull intervento nelle attività di scambio di: Terze parti : terze parti che rendono possibile il decentramento delle transazioni pur in assenza della doppia coincidenza dei desideri. Intervento : tre le forme che l intervento delle terze parti ha generalmente assunto : - produzione di informazione - assunzione diretta della responsabilità della gestione della moneta fiduciaria - predisposizione di una normativa Definizione SDP : un sistema dei pagamenti moderno consiste in un complesso apparato istituzionale composto di intermediari, strumenti, procedure e norme su cui si fonda la circolazione della moneta in una data area geografica ( BRI 1992). Perché il SDP possa configurarsi in tal modo, storicamente si sono andate affermando due funzioni chiave : - la funzione di intermediazione, assicurata dagli intermediari finanziari - la funzione di garanzia, assicurata dalle banche centrali 13

14 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento Il sistema dei pagamenti (3) A) Pagamento con moneta legale A Debitore Debitore banconote B Creditore Creditore B) Pagamento con moneta scritturale Banca centrale A Debitore Debitore Banca di A Banca di B B Creditore Creditore Legenda: Regolamento della gamba pagamento gamba pagamento gamba consegna Sistema dei pagamenti interbancari 14

15 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento Il sistema dei pagamenti (4) Ogni transazione si compone di due azioni concettualmente separate : - il pagamento (payment leg) libera il debitore dalla sua obbligazione - la consegna (delivery leg), di un bene/servizio/asset finanziario al creditore i Nel caso della moneta legale (slide 11A), il pagamento si compie con il semplice passaggio di mano della banconota i i Nel caso della moneta bancaria (slide 11B), il pagamento avviene attraverso l utilizzo di strumenti e di servizi di pagamento: - diversità del momento e del luogo in cui avviene la transazione da quelli in cui avviene il regolamento - implicitamente o esplicitamente vi è un estensione di credito Ruolo cruciale dell Agente di regolamento (Banca centrale) e degli intermediari del creditore e del debitore che devono essere partecipanti diretti al SDP interbancario, aprendo conti specifici presso la BC Il pagamento è dunque un servizio reso ai due scambisti da un terzo, colui per il quale la moneta costituisce una passività a vista 15

16 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento Il sistema dei pagamenti (5) 16

17 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento Gli strumenti di pagamento (1) Principali strumenti : contante strumenti bancari cartacei strumenti bancari non cartacei strumenti postali cartacei strumenti postali non cartacei L utilizzo di strumenti bancari/postali cartacei implica in generale una dissociazione tra mezzo di scambio (assegno o bonifico) e strumento di pagamento (trasferimento di fondi dal deposito bancario o postale del debitore a quello del creditore). Caratteristiche : - strumenti bancari (assegno) :incorpora un elemento di natura creditizia e quindi un rischio di credito - strumenti bancari non cartacei (bonifico) :consiste in un trasferimento diretto di fondi dal conto del debitore, quindi non comporta rischi di credito - strumenti di pagamento innovativi : carte di debito (bancomat), c.d. moneta elettronica, racchiudono in sé le caratteristiche della moneta legale e di quella bancaria, offrendo i vantaggi di entrambe; carte di credito, consentono di acquisire beni e servizi con pagamento posticipato; 17

18 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento Gli strumenti di pagamento (2) Indicatori della velocità di circolazione della moneta( ) 18

19 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento Gli strumenti di pagamento (3) Utilizzo degli strumenti di pagamento diversi dal contante (in % del numero totale delle operazioni nel 1987) Paesi Assegni Carte Bonifici Addebiti diretti Operazioni pro-capite ITALIA GERMANIA FRANCIA BELGIO PAESI BASSI SPAGNA REGNO UNITO SVEZIA SVIZZERA GIAPPONE STATI UNITI Fonte: BRI Payment Systems in eleven developed countries, Basilea

20 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento I rischi nei SDP interbancari (1) L incertezza è caratteristica fondamentale del mondo economico-finanziario (complessità dei rapporti e interrelazioni tra agenti economici, casualità degli eventi esogeni) Rischi finanziari Rischi operativi Intervallo temporale tra scambio e regolamento - di credito: obbligazione non viene mai assolta - di liquidità: obbligazione non viene assolta alla scadenza possibili configurazioni: - di controparte/di corrispondente: nei confronti di una singola controparte - di regolamento: nei confronti del sistema - sistemico: inadempienza provoca effetti a catena (effetto domino) malfunzionamenti delle apparecchiature frodi tramite criminalità tecnologica attacchi terroristici disastri naturali Altra classificazione utile Importanza di elevati standard di sicurezza nei SDP Pre-settlement risk: Settlement risk: rischio di una perdita economica prima della scadenza del contratto i rischi finanziari di cui sopra Post settlement risk: rischi di perdite connessi con la solidità della struttura legale del SDP 20

21 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento I rischi nei SDP interbancari (2) 21

22 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento (1) Le determinanti INNOVAZIONE TECNOLOGICA FINANZIARIZZAZIONE DELL ECONOMIA GLOBALIZZAZIONE DEI MERCATI INTEGRAZIONE EUROPEA E AMPLIAMENTO DELL AREA INTEGRAZIONE DEI MERCATI MAGGIORE CONCORRENZA AUMENTO E CONCENTRAZIONE DEI PAGAMENTI DA REGOLARE NUOVI OPERATORI NUOVI PRODOTTI E SERVIZI DI PAGAMENTO MAGGIORI RISCHI DI INSTABILITÀ FINANZIARIA MAGGIORE DOMANDA DI DEFINITIVITA DEI PAGAMENTI 22

23 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento(2) Le tecnologie Nei paesi moderni, i pagamenti interbancari tradizionalmente vengono trattati utilizzando tre diverse tecnologie di pagamento : 1. Compensazione bilaterale (bilateral netting) con regolamento sui conti reciproci di corrispondenza (utilizzata in gran parte nei pagamenti cross border) 2. Compensazione multilaterale (multilateral netting) con regolamento in moneta di B.C. a fine giornata 3. Regolamento bilaterale su base lorda (bilateral netting on gross basis-real time gross settlement system-rtgs) in moneta di B.C. RTGS puro RTGS con liquidità infragiornaliera RTGS con liste di attesa centralizzate 4. Sistemi ibridi sono il frutto degli sforzi volti a ridurre i costi associati al trade-off tra efficienza e sicurezza nei sistemi lordi e netti: sono soluzioni intermedie. 23

24 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento (3) Le tecnologie Vantaggi gestione rapporti su base bilaterale massima flessibilità condizioni su base di reciprocità assicura finalità a fine giornata risparmio di liquidità regole/convenzioni certe Compensazione bilaterale Compensazione multilaterale Svantaggi scarsa trasparenza competizione a favore delle grandi banche rischio di conflitto di interessi scarso ricorso alla moneta di BC riduzione efficacia politica monetaria possibilità di rischi sistemici il sys non chiude se c è anche un solo incapiente possibilità di moral hazard rischio di perdita controllo monetario finalità dei pagamenti a fine giornata gestione rapporti su base bilaterale assicura la finalità immediata minimizzazione rischi finanziari Il sistema è sempre in grado di chiudere sensibilizzazione degli operatori sul rischio di controparte Regolamento bilaterale su base lorda necessità di disponibilità di liquidità infragiornaliera rischio di gridlock cancellazione a fine giornata 24

25 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento: Le tecnologie (4) Accordi di compensazione e regolamento : Implicazioni BANCA A BANCA B BANCA C COMPENSAZIONE BILATERALE COMPENSAZIONE MULTILATERALE RTGS SALDI SALDI PAGAMENTI Debito Credito Debito Credito Debito Credito B C TOT A B TOT n VAL. n VAL. n VAL. n VAL. BANCA A BANCA B BANCA C TOTALE

26 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento (5) Esiste un assetto ottimale del SDP? Vi è un interesse sociale all individuazione dell assetto ottimale da dare al sistema dei pagamenti L assetto ottimale è funzione delle caratteristiche, diverse da paese a paese, della struttura finanziaria, dell organizzazione dei mercati, del ruolo dei pubblici poteri, delle caratteristiche della tecnologia La configurazione ottimale non può essere valutata in astratto : richiede una verifica periodica dei costi e dei benefici derivanti dalla tecnologia applicata ai sistemi (Small Value Transfer Systems-SVTS, Large Value Transfer Systems-LVTS) Vanno valutati i trade-off rischio/costo e rischio/efficienza e la presenza di esternalità 26

27 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento (6) Confronto tra tecnologie di pagamento in termini di: efficienza, rischio, costi ed esternalità TAV. 2 Compensazione bilaterale sui conti di corrispondenza Compensazione multilaterale in moneta di banca centrale Senza misure di controllo rischi Con misure di controllo rischi Sistema di regolamento lordo in moneta di BC-RTGS Credito infragiornaliero non collateralizzato Credito infragiornaliero collateralizzato EFFICIENZA Bassa/Media Alta Media Alta Bassa/Media RISCHIO PER I PARTECIPANTI LIQUIDITA Medio/Alto Alto Basso Nullo Medio CREDITO Medio/Alto Alto Medio Nullo Nullo RISCHIO PER GLI OPERATORI n.a n.a n.a Alto Nullo COSTI Medi Bassi Medi Bassi Alti/Medi ESTERNALITA PERDITE Rischio Sistemico Medio Rischio Sistemico Alto Rischio Sistemico Medio Nullo Nullo PUNTUALITA Gridlock Basso Nullo Gridlock Basso Nullo Gridlock Medio 27

28 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento(7) Elementi qualificanti della strategia seguita dalle BC e dalle autorità pubbliche nel disegno dei SDP in Europa: 1. Introduzione di modifiche della regolamentazione miranti a limitare i rischi nei sistemi 2. Introduzione di sistemi di regolamento lordo in tempo reale 3. Adozione nei principali mercati finanziari di schemi di consegna contro pagamento (DVP delivery versus payment) per le transazioni in titoli e pagamento contro pagamento (PVP payment versus payment) per le operazioni in cambi 4. Sviluppo di una autonoma funzione di sorveglianza del SDP da parte delle BC Vediamo più da vicino ogni singolo punto 28

29 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento(8) PUNTO 1 : Introduzione di modifiche della regolamentazione miranti a limitare i rischi nei sistemi è il portato delle indicazioni di policy formulate dalle BC, come presupposto della : - stabilità del sistema finanziario - possibilità di svolgere la funzione di prestatore di ultima istanza - efficacia nella conduzione della politica monetaria Il Rapporto Lamfalussy (1990) fissa i requisiti minimi di affidabilità per i sistemi di netting internazionali; due (I e IV) appaiono di particolare rilievo: I Criterio fissare un legame tra prassi operativa e principi giuridici: dare valore legale ai saldi rivenienti dalla compensazione rispetto alle singole operazioni di pagamento (c.d. compensazione per novazione IV Criterio nel richiedere che ogni procedura sia in grado di completare il regolamento pur in presenza di inadempienze, invoca implicitamente l adozione di meccanismi per la ripartizione delle perdite e di fondi o garanzie precostituiti (per gli altri criteri si veda la slide seguente) 29

30 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento(9) Principi di Lamfalussy : 30

31 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento(10) L approvazione a livello europeo di una serie di direttive miranti a ridurre il rischio nei SDP ha dato importante supporto all azione delle banche centrali Settlement finality directive (1998) fornisce protezione dagli effetti delle procedure d insolvenza Directive on financial collateral arrangements (2000) disciplina alcuni aspetti della legge sul collaterale, ad es. la possibilità di utilizzare il collaterale al di fuori del paese di emissione, e le regole sui conflitti di legge Winding up directive for credit institutions (2001) introduce il principio del controllo da parte del paese della casa madre per le insolvenze delle istituzioni creditizie con filiali di altri stati membri, al fine di assicurare l applicazione di un unica procedura fallimentare e di una sola legge fallimentare 31

32 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento(11) PUNTO 2 : Introduzione di sistemi di regolamento lordo in tempo reale lo sviluppo di sistemi RTGS è una delle linee di azione indicate nel Rapporto Le caratteristiche minime comuni per i sistemi di pagamento nazionali, fissate dal Comitato dei Governatori nel 1993, quale strategia da seguire nella prospettiva dell avvio dell Unione monetaria e della transizione all euro il Rapporto espone i principi relativi alla armonizzazione dei sistemi nazionali in sei aree: accesso controllo dei rischi caratteristiche legali standard tecnici e le infrastrutture politiche di prezzo orari operativi Vedi le 4 slide seguenti 32

33 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento(12) 33

34 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento(13) 34

35 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento(14) 35

36 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento(15) PUNTO 3 : Adozione di schemi DVP e PVP l adozione di tali schemi è resa possibile proprio dalla presenza di un sistema RTGS per il regolamento della gamba contante Tre i modelli elaborati (BRI 1992) : ognuno ipotizza un legame tra il sistema nel quale avviene il regolamento dei titoli ( consegna ) e quello in cui avviene il trasferimento dei relativi fondi ( pagamento ) DVP modello 1 (gross-gross) i titoli vengono depositati su un conto bloccato presso il gestore del sistema e vengono liberati contestualmente al versamento del corrispettivo DVP modello 2 (gross-net) la gamba titoli viene regolata su base lorda, la gamba contante, invece su base netta a fine giornata DVP modello 3 (net-net) ambedue le gambe dell operazione vengono regolate su base netta multilaterale 36

37 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento(16) PUNTO 4 : Sviluppo di un autonoma funzione di sorveglianza del SDP da parte delle banche centrali (SSP) la definizione e lo sviluppo di questa funzione prende corpo già con il Rapporto Lamfalussy (1990) fino ad allora le banche centrali consideravano tale attività come implicita nelle loro funzioni istituzionali l esistenza di rilevanti esternalità nel SDP (sia negative che positive) portano al riconoscimento di un interesse pubblico nel buon funzionamento del sistema il Trattato di Maastricht (1992) assegna al futuro SEBC il compito di assicurare il buon funzionamento del sistema dei pagamenti nel 1993 il Comitato dei Governatori fissa i principi di sorveglianza cooperativa per i casi di partecipazione cross-border ai SDP domestici e definisce le regole di sorveglianza per il sistema di clearing dell ECU (il primo sistema ad essere valutato sulla base degli standard Lamfalussy) nel 2001 il G10 adotta i Core Principles for Sistemically Important Payment Systems (SIPS): soprattutto infrastrutture operative destinate a trattare i pagamenti d importo rilevante e servire i mercati finanziari ma anche quelli rilevanti nel settore del dettaglio) 37

38 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento(17) I. Il sistema dovrebbe avere una solida base giuridica in tutte le giurisdizioni interessate II. Le regole e le procedure del sistema dovrebbero consentire ai partecipanti di avere una chiara cognizione dei rischi finanziari nei quali incorrono attraverso la loro partecipazione III. Il sistema dovrebbe prevedere procedure chiaramente definite per la gestione dei rischi di credito e di liquidità, le quali specifichino le responsabilità rispettive del gestore e dei partecipanti e forniscano appropriati incentivi per gestire e contenere tali rischi IV. Il sistema dovrebbe assicurare un pronto regolamento definitivo alla data di valuta, di preferenza nel corso della giornata operativa o, al più tardi, in chiusura di giornata V. Un sistema di compensazione multilaterale dovrebbe, come minimo, poter assicurare la tempestiva esecuzione dei regolamenti giornalieri nel caso in cui il partecipante con la più elevata posizione debitoria netta non siain gradodieffettuareilregolamento VI. L attività utilizzata per il regolamento dovrebbe rappresentare, di preferenza, un credito nei confronti della banca centrale o, se sono impiegate altre attività, queste dovrebbero comportare rischi di credito e di liquidità bassi o nulli VII. Il sistema dovrebbe assicurare un elevato grado di sicurezza e di affidabilità operativa e prevedere dispositivi di emergenza per il tempestivo perfezionamento del ciclo di trattamento giornaliero VIII.Il sistema dovrebbe fornire servizi di pagamento che siano pratici per gli utenti ed efficienti per l economia IX. I Core Principles Il sistema dovrebbe prevedere criteri di partecipazione obiettivi e palesi, che consentano un accesso su base equa e non discriminatoria X. L assetto di governo del sistema dovrebbe ispirarsi ai principi di efficacia, responsabilità e trasparenza 38

39 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento(18) I Core Principles : Le responsabilità della banca centrale nell applicazione dei princìpi fondamentali A. La banca centrale definisce chiaramente i suoi obiettivi in materia di sistema dei pagamenti e rende noti il proprio ruolo e le politiche adottate riguardo ai sistemi di pagamento di importanza sistemica B. La banca centrale assicura che i sistemi da essa gestiti siano conformi ai princìpi fondamentali C. La banca centrale sorveglia sulla conformità ai princìpi fondamentali dei sistemi gestiti da terzi D. Nel promuovere la sicurezza e l efficienza dei sistemi di pagamento attraverso i princìpi fondamentali, la banca centrale coopera con altre banche centrali e con ogni altra autorità competente, nazionale o estera. 39

40 2.L evoluzione dei sistemi di pagamento La tecnologia di pagamento(19) La piramide del SDP BANCA CENTRALE SISTEMI DI REGOLAMENTO (Conti di regolamento) SISTEMI DI COMPENSAZIONE BANCA A BANCA B BANCA C BANCA D POSTE INTERMEDIARIO E INTERMEDIARIO F INTERMEDIARIO G INTERMEDIARIO H INTERMEDIARIO I Legenda: = = Clienti = Procedure di scambio interbancarie Relazioni bilaterali 40

41 2. L evoluzione dei sistemi di pagamento Gli attori del Sistema dei pagamenti Nella rappresentazione della piramide dei SDP sono implicitamente considerati i mercati (monetari e finanziari) dove i singoli soggetti operano; non lo sono, invece, i provider tecnici (c.d. centri applicativi) CENTRI APPLICATIVI (C.A.) Entità che svolgono una funzione di supporto all operare del SDP e dei mercati C.A. Specializzati C.A. Standardizzati Organismi che sviluppano e gestiscono specifiche applicazioni rivolte alla generalità degli intermediari: SIA (Società Interbancaria per l Automazione) - Gestione della Rete Nazionale Interbancaria (RNI) - Gestione della piattaforma tecnologica dei mercati finanziari italiani Monte Titoli - depositario centrale e gestore della Liquid. Titoli Cassa di Compensazione e Garanzia - gestisce il Fondo di garanzia dei contratti Società che gestiscono in competizione, sulla base di standard definiti su base cooperativa, le applicazioni informatiche attraverso cui avviene il trasferimento delle informazioni contabili relative alle operazioni disposte dalla clientela: SSB (Società per i Servizi Bancari) SECETI (Servizi centralizzati) ICCREA (Istituto centrale delle Banche di Credito Cooperativo) - gestisce il Fondo di garanzia delle liquidazioni 41

42 3. Cooperazione e competizione nel SDP Necessità di un bilanciamento (1) Qual è il ruolo della cooperazione e della competizione nel perseguire gli obiettivi di efficienza e stabilità del sistema dei pagamenti? Nel perseguire gli obiettivi richiamati, la minimizzazione dei costi e la minimizzazione dei rischi del trasferimento monetario sono i due strumenti in conflitto la complessità degli assetti del SDP e la molteplicità degli attori coinvolti possono determinare: - difetti di coordinamento (coordination failures) - carenze di mercato (market failures) la presenza di esternalità negative: - asimmetria informativa - imperfezioni nell organizzazione del mercato dei servizi di pagamento - il SDP come economia di rete - conflitti di interesse 42

43 3. Cooperazione e competizione nel SDP Necessità di un bilanciamento (2) La presenza delle esternalità negative richiamate può impedire il raggiungimento spontaneo della massima utilità sociale nell offerta di servizi necessario un giusto mix tra concorrenza e cooperazione - per la singola banca : ottimizzazione di obiettivi di reddito e di crescita aziendali nel medio-lungo periodo - per l autorità monetaria : obiettivi di stabilità, sicurezza ed efficienza di sistema - per l industria dei servizi di pagamento : competizione di prezzo e di prodotto e cooperazione nella progettazione e realizzazione delle infrastrutture di supporto 43

Spin 2002: verso un mercato europeo dei pagamenti SWIFTNet: : nuova rete, nuovi servizi

Spin 2002: verso un mercato europeo dei pagamenti SWIFTNet: : nuova rete, nuovi servizi Spin 2002: verso un mercato europeo dei pagamenti SWIFTNet: : nuova rete, nuovi servizi Il nuovo Birel: : evoluzione nel contesto di armonizzazione europea e di innovazione tecnologica (Giorgio Giorgio

Dettagli

I pagamenti al dettaglio: Il quadro europeo e i servizi offerti dalla Banca d Italia

I pagamenti al dettaglio: Il quadro europeo e i servizi offerti dalla Banca d Italia 1 I pagamenti al dettaglio: Il quadro europeo e i servizi offerti dalla Banca d Italia 24 gennaio 2014 Servizio Sistema dei pagamenti Marco Piccinini - 1 - 2 Sommario Il Sistema dei pagamenti: definizione,

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

SEPA Single Euro Payments Area. FAQ SEPA Banca d Italia

SEPA Single Euro Payments Area. FAQ SEPA Banca d Italia SEPA Single Euro Payments Area FAQ SEPA Banca d Italia Che cosa è la SEPA? SEPA è l acronimo che identifica la Single Euro Payments Area (l Area unica dei pagamenti in euro), ovvero un area nella quale

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Il sistema dei pagamenti e le altre reti di compensazione. Giuseppe G. Santorsola 1

Il sistema dei pagamenti e le altre reti di compensazione. Giuseppe G. Santorsola 1 Il sistema dei pagamenti e le altre reti di compensazione Giuseppe G. Santorsola 1 TIPOLOGIE DI SISTEMI DI COMPENSAZIONE E REGOLAMENTO a) Sistema dei conti correnti di corrispondenza: compensazione e regolamento

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A.

Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A. Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A. Salerno, 18 giugno 2014 Palazzo di Città, Salone dei Marmi Domenico Gammaldi Banca d Italia

Dettagli

Nuove regole nel mercato dei servizi di pagamento: concorrenza, cooperazione e ruolo della banca centrale

Nuove regole nel mercato dei servizi di pagamento: concorrenza, cooperazione e ruolo della banca centrale Nuove regole nel mercato dei servizi di pagamento: concorrenza, cooperazione e ruolo della banca centrale Torino, 30 settembre 2011 Gino Giambelluca- Banca d Italia Servizio Supervisione sui mercati e

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Prospettive di sviluppo del mercato delle carte di pagamento: opportunità e fattori di rischio

Prospettive di sviluppo del mercato delle carte di pagamento: opportunità e fattori di rischio Prospettive di sviluppo del mercato delle carte di pagamento: opportunità e fattori di rischio Roma, 3 novembre 2011 Massimo Doria 1 Ø L obiettivo di riduzione del contante Ø Il framework regolatorio delle

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 6

Economia Monetaria - Slide 6 Economia Monetaria - Slide 6 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Interoperability, reachability, competitiveness, a coherent and efficient choice for the full realisation of the Single Euro Payments Area

Interoperability, reachability, competitiveness, a coherent and efficient choice for the full realisation of the Single Euro Payments Area Interoperability, reachability, competitiveness, a coherent and efficient choice for the full realisation of the Single Euro Payments Area Milano, Centro Convegni ICBPI, 14 ottobre 2011 Intervento di Franco

Dettagli

Le funzioni della banca. Lezione 1 1

Le funzioni della banca. Lezione 1 1 Le funzioni della banca Lezione 1 1 Le principali funzioni svolte dalle banche sono: Funzione monetaria; Funzione creditizia; Funzione di mobilizzazione del risparmio; Funzione di trasmissione degli impulsi

Dettagli

CARTE E PAGAMENTI ELETTRONICI: OBIETTIVI E AZIONI PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE

CARTE E PAGAMENTI ELETTRONICI: OBIETTIVI E AZIONI PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE CARTE E PAGAMENTI ELETTRONICI: OBIETTIVI E AZIONI PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE Roma, 15 novembre 2012 Gino Giambelluca- Banca d Italia Servizio Supervisione sui mercati e sul sistema dei pagamenti 1 Divisione

Dettagli

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed.

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed. Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS 1 Anteprima Con il termine politica monetaria si intende la gestione dell offerta di moneta. Sebbene il concetto possa apparire semplice,

Dettagli

Verso un mercato europeo dei pagamenti SWIFTNET: nuova rete nuovi servizi Convegno SPIN 2002 - Roma, 18/19 Aprile

Verso un mercato europeo dei pagamenti SWIFTNET: nuova rete nuovi servizi Convegno SPIN 2002 - Roma, 18/19 Aprile Giuseppe Lazzari Responsabile Servizio Accentramento e Settlement Capo Progetto Express II La nuova procedura di liquidazione netta di EXPRESS II Verso un mercato europeo dei pagamenti SWIFTNET: nuova

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

LA CONVERGENZA DEI SERVIZI DI CASSA DELLE BANCHE CENTRALI E NELLE OPERAZIONI DI RICIRCOLO DEL CONTANTE

LA CONVERGENZA DEI SERVIZI DI CASSA DELLE BANCHE CENTRALI E NELLE OPERAZIONI DI RICIRCOLO DEL CONTANTE LA CONVERGENZA DEI SERVIZI DI CASSA DELLE BANCHE CENTRALI E NELLE OPERAZIONI DI RICIRCOLO DEL CONTANTE Maria Agnese Gaeta ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA ROMA 26 maggio 2008 Sommario REGIME DI EMISSIONE,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

Gli strumenti della Banca Centrale Europea

Gli strumenti della Banca Centrale Europea Gli strumenti della Banca Centrale Europea Strumenti della BCE Operazioni di Politica Monetaria Tipologie di Transazioni Immissione di Liquidità Assorbimento di Liquidità Operazioni di Mercato Aperto Operazioni

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

SEPA PE-ACH/CSM Framework 01-12-2007

SEPA PE-ACH/CSM Framework 01-12-2007 01-12-2007 Principali tipologie di infrastrutture: definizioni ACH - Automated Clearing House (Stanza di compensazione automatizzata) L ACH è una piattaforma tecnologica che consente alle banche utenti

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO

IL SISTEMA FINANZIARIO IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

2 Classificazione dei sistemi di pagamento al dettaglio in euro

2 Classificazione dei sistemi di pagamento al dettaglio in euro BANCA CENTRALE EUROPEA STANDARD DI SORVEGLIANZA PER SISTEMI DI PAGAMENTO AL DETTAGLIO IN EURO 1 Introduzione La sorveglianza sui sistemi di pagamento, una delle attività basilari delle banche centrali,

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1 IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO Capitolo 11 MEF Lezione 5 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Nella relazione annuale di Microsoft per il 2009, si poteva

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

5. RECENTI SVILUPPI NEI SISTEMI DI REGOLAMENTO INTERBANCARIO *

5. RECENTI SVILUPPI NEI SISTEMI DI REGOLAMENTO INTERBANCARIO * 47 5. RECENTI SVILUPPI NEI SISTEMI DI REGOLAMENTO INTERBANCARIO * I due principali sistemi di regolamento (per pagamenti di importo elevato) in Europa TARGET e Euro1 1 gestiscono insieme un flusso giornaliero

Dettagli

SEPA: impatti sulle aziende, benefici e rischi dell area unica dei pagamenti in euro.

SEPA: impatti sulle aziende, benefici e rischi dell area unica dei pagamenti in euro. SEPA: impatti sulle aziende, benefici e rischi dell area unica dei pagamenti in euro. Milano, 6 febbraio 2009 SEPA Credit Transfer: BIC, IBAN e Allineamento Elettronico Archivi IBAN Servizi di Amministrazione

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

I differenti ruoli nel progetto SEPA (Single Euro Payments Area)

I differenti ruoli nel progetto SEPA (Single Euro Payments Area) ABI SPIN 2006 SWIFT ITALY I fattori del cambiamento Regolamentazione e competizione I differenti ruoli nel progetto SEPA (Single Euro Payments Area) Antonio Finocchiaro Vice Direttore generale della Banca

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 8

Economia Monetaria - Slide 8 Economia Monetaria - Slide 8 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO. Reggio Emilia, 25 marzo 2015. Relatore: Rodolfo Baroni

PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO. Reggio Emilia, 25 marzo 2015. Relatore: Rodolfo Baroni PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO Reggio Emilia, 25 marzo 2015 Relatore: Rodolfo Baroni Export In un contesto domestico con prospettive incerte vendere sui mercati esteri continua ad essere

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Finalità del processo di gestione del patrimonio Fondo stabilizzazione

Dettagli

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI AL SERVIZIO DI CENTRALIZZAZIONE DEI RISCHI GESTITO DALLA BANCA D ITALIA Documento per la consultazione e analisi

Dettagli

Innovazione e Creazione di Valore nei Servizi Banca Impresa P.A.

Innovazione e Creazione di Valore nei Servizi Banca Impresa P.A. Innovazione e Creazione di Valore nei Servizi Banca Impresa P.A. Arnaldo Cis, Direttore Commerciale Istituto Centrale delle Banche Popolari Roma, 02 dicembre 2010 Il Gruppo ICBPI oggi G O V E R N A N C

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO APPROVATO DAL CONSIGLIO GENERALE NELL ADUNANZA DEL 28/06/2013 Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

TLTRO. Banca Centrale Europea Targeted Longer-Term Refinancing Operations. Intervento del dr. M. Proietti Resp. Soluzioni Finanziarie Iccrea Banca

TLTRO. Banca Centrale Europea Targeted Longer-Term Refinancing Operations. Intervento del dr. M. Proietti Resp. Soluzioni Finanziarie Iccrea Banca Titoli di Stato italiani indicizzati all inflazione TLTRO Banca Centrale Europea Targeted Longer-Term Refinancing Intervento del dr. M. Proietti Resp. Soluzioni Finanziarie Iccrea Banca 14 maggio 2015

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

Sistemi di pagamento per consumatori consapevoli

Sistemi di pagamento per consumatori consapevoli Sistemi di pagamento per consumatori consapevoli Domenico Gammaldi Servizio Supervisione sui mercati e sul sistema dei pagamenti Roma, 24 ottobre 2012 1 Pagamenti senza contante in Europa (numero pagamenti

Dettagli

Il factoring nel 2014 e le previsioni per il 2015

Il factoring nel 2014 e le previsioni per il 2015 Milano17 marzo 2015 2 Il factoring nel 2014 e le previsioni per il 2015 Mercato del factoring in Italia Turnover 2014: 178 mld euro Lo scenario: PIL Italia -0,4% nel 2014 PIL area Euro +0,9% nel 2014 +0,4%

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico L Associazione Bancaria Italiana (ABI) Il Presidente dell ABI La CONFINDUSTRIA Il Presidente di CONFINDUSTRIA La Conferenza dei

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

8. I progetti in corso : Le esigenze di integrazione finanziaria in Europa (1) Definizione di integrazione

8. I progetti in corso : Le esigenze di integrazione finanziaria in Europa (1) Definizione di integrazione 8. I progetti in corso : Le esigenze di integrazione finanziaria in Europa (1) L integrazione delle infrastrutture finanziarie è uno degli obiettivi di policy basilari per poter sfruttare tutti i vantaggi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 22 La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea In questa lezione La moneta e le sue funzioni: come si misurano gli aggregati monetari banche commerciali e creazione di moneta Il ruolo della

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Express II. Maggio 2008Giugno 2010. Express II Comunicazioni di Servizio (art. 10, c. 1, R. SdL)

Express II. Maggio 2008Giugno 2010. Express II Comunicazioni di Servizio (art. 10, c. 1, R. SdL) Express II Comunicazioni di Servizio ai sensi dell art. 10, comma 1 del Regolamento dei Servizi di liquidazione (Express II) e delle attività accessorie Maggio 2008Giugno 2010 Express II Comunicazioni

Dettagli

Le banche e la moneta bancaria. Il conto corrente

Le banche e la moneta bancaria. Il conto corrente LA MONETA BANCARIA Banca d Italia AGENDA Le banche e la moneta bancaria Il conto corrente Ancora sul concetto di moneta Insieme di mezzi generalmente accettati come strumento di pagamento: Banconote e

Dettagli

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche (Maggio 1983) I. Introduzione Il presente documento 1 delinea alcuni principi ai quali il Comitato ritiene dovrebbe essere informata la

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE Emittente Rating Emittente Denominazione delle Obbligazioni Codice ISIN Grado di Subordinazione del Prestito Autorizzazione all emissione Ammontare totale del prestito Valore Nominale e Taglio Minimo Periodo

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

* Il sistema finanziario

* Il sistema finanziario * Il sistema finanziario e le banche Prof.ssa Valeria Roncone 1 *Argomenti chiave: L attività della banca e sue specificità Le funzioni della banca Il Sistema Europeo di Banche Centrali e la Banca Centrale

Dettagli

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici Rischi non sistematici I rischi non sistematici sono rischi specifici Tipologie di rischi specifico più frequenti:

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

Tavolo Tecnico Interassociativo per. Comuni

Tavolo Tecnico Interassociativo per. Comuni Tavolo Tecnico Interassociativo per la Tavolo Standardizzazione Tecnico Interassociativo dei Fondi per la standardizzazione dei fondi Comuni Presentazione delle LINEE GUIDA INTERASSOCIATIVE PER LA STANDARDIZZAZIONE

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Rete di sportelli bancari e sistema dei pagamenti

Rete di sportelli bancari e sistema dei pagamenti Rete di sportelli bancari e sistema dei pagamenti * Struttura e funzionamento della rete bancaria *Rocco Corigliano è Docente di Economia degli intermediari finanziari, Università degli Studi di Bologna.

Dettagli