Comune di San Pietro in Gu

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di San Pietro in Gu"

Transcript

1 Comune di San Pietro in Gu Realizzato con la collaborazione del Consorzio di Bonifica Brenta, dell Amministrazione provinciale di Padova, della L.I.P.U. sezione di Padova, dell associazione ornitologica Il Gheppio di Villafranca Padovana. 1

2 Presentazione Le risorgive: una risorsa da tutelare, valorizzare e far conoscere Il paese di San Pietro in Gu, come del resto tutto il territorio del Destra Brenta, è caratterizzato dall abbondanza dell acqua che scorre in numerosi fossi, rogge, ruscelli e canali. L acqua è soprattutto abbondante nel sottosuolo da cui in molte zone scaturisce, dando così origine alle risorgive. La ricchezza dell acqua contribuisce a rendere particolarmente fertile il terreno, favorendo la rigogliosa presenza dei cosiddetti prati stabili. Grazie proprio ai prati stabili si è consolidata una fiorentissima economia legata all allevamento dei bovini da latte e all industria lattiero-casearia, rinomata in tutto il mondo per i suoi pregiati prodotti. La vitalità dell economia unita alle suggestive immagini del paesaggio hanno fatto sì che questo territorio divenisse una tra le zone più belle e di pregio non solo d Italia, ma anche d Europa. Consapevoli della responsabilità e del dovere di tutelare e valorizzare questo patrimonio, l Amministrazione comunale di San Pietro in Gu assieme al Consorzio di Bonifica Brenta ha dato avvio a questo progetto, il quale da una parte riguarda l allestimento di un museo dedicato alle risorgive e dall altra prevede di istituire un parco didattico e alcuni percorsi turistici. Attraverso il Museo ci si propone di sensibilizzare e di far conoscere la bellezza e l importanza delle risorgive, dell acqua e dell ambiente, alla cittadinanza ed in particolare agli studenti, quali eredi di questo prezioso patrimonio naturale, invitando tutti ad aver sempre rispetto per questi beni. Ci adopereremo anche per promuovere ed incentivare la visita delle risorgive e del nostro paese in generale, auspicando che San Pietro in Gu possa in futuro essere meta di una nuova forma di turismo, cioè del turismo ambientale e paesaggistico. A conclusione di questa breve presentazione desidero ringraziare tutti coloro che hanno collaborato e contribuito sotto ogni forma all allestimento del museo. In particolare il nostro più sentito ringraziamento va al sig. Giuseppe Sartori, il prezioso esperto incaricato dall Amministrazione comunale che ha seguito le varie fasi dei lavori, al Consorzio di Bonifica Brenta per il suo diretto coinvolgimento, all Assessorato all Ambiente della Regione Veneto per il finanziamento, all Amministrazione Provinciale di Padova, alla L.I.P.U. Sezione di Padova e all Associazione ornitologica Il Gheppio di Villafranca Padovana per la loro collaborazione. Un sincero grazie va anche ai tassidermisti, alle associazioni e alle ditte coinvolte nella fornitura del materiale e nell esecuzione dei lavori. Desidero infine esprimere un particolare ed affettuoso ringraziamento a tutto il personale dell Amministrazione comunale che con il proprio impegno e lavoro si è adoperato, affinché questo museo venisse allestito, istituendo così un nuovo servizio permanente a disposizione della cittadinanza. Invito, calorosamente, i cittadini a visitarlo nella speranza che lo possano trovare interessante e anche utile! Il Sindaco Gabriella Bassi 2

3 Ci fa molto piacere presentare questa pubblicazione, frutto della collaborazione di molti anni con il Comune di San Pietro in Gu, a cui si deve riconoscere il merito di aver avuto la magnifica idea di realizzare un Museo delle risorgive. I fontanili ed i relativi corsi d acqua hanno costituito per secoli una vera e propria ricchezza per il nostro territorio. Ancora oggi essi sono fondamentali per garantire la fertilità della terra e la bellezza della natura. Il nostro sottosuolo racchiude, infatti, un valore eccezionale: le sue acque di ottima qualità, oltre a essere usate localmente a fini irrigui, sono fonte acquedottistica per migliaia di persone di altri territori. Negli ultimi decenni, tuttavia, le falde si sono abbassate e molte risorgive sono scomparse, con gravissime conseguenze. E questo il motivo per cui abbiamo attivato vari interventi per la ricarica degli acquiferi, che si spera di poter ulteriormente incrementare in futuro con l aiuto della Regione Veneto; d altra parte, siamo lieti di partecipare ad ogni iniziativa a cui veniamo chiamati per sensibilizzare la popolazione sui temi dell acqua e sull importanza di preservarla. Nel caso specifico di San Pietro in Gu, abbiamo riscontrato entrambe le valenze: sia con concrete azioni per il recupero dei capifonte e per la creazione di percorsi alla loro riscoperta, sia con iniziative di divulgazione che trovano nel Museo un significativo punto di riferimento. E stato quindi per noi un onore poter partecipare a tutto questo. Formuliamo quindi i migliori auspici affinché si possa proficuamente proseguire sulla strada intrapresa. il Presidente Danilo Cuman il Direttore ing. Umberto Niceforo 3

4 L allestimento del Museo: una nuova affascinante esperienza In questi anni ho preso parte attivamente a diverse mostre, fiere, esposizioni, convegni e manifestazioni aventi come tematiche l ambiente, gli uccelli e le piante, ma non mi era mai capitato di essere coinvolto nell allestimento di un museo. Ho accettato l incarico di collaborare con l Amministrazione comunale con tutto l entusiasmo di chi sta per intraprendere una nuova esperienza, affascinante, ma con delle incognite, poiché iniziative di questo tipo non mi risulta ve ne siano, o almeno non credo che siano numerose. Ho accettato l incarico con il pensiero soprattutto rivolto alle nuove generazioni ed in particolare ai ragazzi delle scuole che potranno grazie al museo conoscere le bellezze della natura e del nostro territorio. Mi ha spinto inoltre il desiderio di trasmettere nei giovani l amore per la conoscenza della natura e di renderli partecipi di questa passione. Si è cercato di realizzare un lavoro semplice e che fosse nello stesso tempo facilmente fruibile da parte di ogni visitatore. Non c è la pretesa di essere stati esaustivi, poiché questo non è un museo di scienze naturali, ci si è sforzati però di fornire una visione d insieme dell ambiente delle risorgive il più completo e soddisfacente possibile. Forte è la speranza che questo lavoro, pur nella sua semplicità, possa invogliare chiunque a riscoprire, rispettare ed amare l acqua e la natura. Sarebbe bello ed auspicabile che tutti nel visitare il museo potessero almeno per qualche momento ritrovare la serenità, la pace e la tranquillità di una volta che la vita di ogni giorno con il suo ritmo frenetico ormai ci hanno fatto dimenticare. Giuseppe Sartori 4

5 Introduzione Le motivazioni che hanno dato origine alla volontà di approvare un progetto che prevedesse l istituzione e l allestimento di un Museo dedicato alle risorgive e di conseguenza la realizzazione di un Parco Didattico e di alcuni percorsi turistici sono diverse. Alla base di tutto però sta l intenzione di valorizzare le poche risorgive attive rimaste a San Pietro in Gu e la convinzione che anche la presenza di un Museo comunale ad esse dedicato potesse risultare uno strumento valido e concreto per conseguire questo risultato. Origini e motivazioni del progetto Innanzitutto vanno ricondotte in modo particolare alle ricerche realizzate e divulgate rispettivamente negli anni scolastici e dagli alunni dell Istituto Comprensivo Statale di San Pietro in Gu e alla pubblicazione sulle risorgive pubblicato nel 2008 dall Amministrazione comunale e redatto sempre dall Istituto Comprensivo in collaborazione con il Consorzio di Bonifica Pedemontano- Brenta. Inoltre Le motivazioni per cui si è pensato di istituire ed allestire il Museo sono dettate dalla volontà di realizzare qualcosa di concreto per far conoscere, valorizzare e salvaguardare le risorgive, peculiare caratteristica del nostro territorio. L interesse per il Museo trova riscontro anche nella Legge Regionale n. 23/2009 intitolata Iniziative a tutela dei corsi d'acqua di risorgiva, la quale all art. 1, comma 1, recita: La Regione, in armonia con il Programma regionale di sviluppo (PRS) di cui alla legge regionale 9 marzo 2007, n. 5 e successive modificazioni, e con la pianificazione di settore di tutela delle acque, promuove e sostiene azioni specifiche per la conservazione dei corsi d'acqua di risorgiva e dei capodifonti. Caratteristiche ambientali del territorio comunale di San Pietro in Gu e del destra Brenta A questo punto risulta fondamentale soffermarsi brevemente a riflettere sulle caratteristiche ambientali del territorio comunale di San Pietro in Gu e del destra Brenta per poter comprendere l importanza delle risorgive. Il Comune di San Pietro in Gu come del resto tutto il territorio del Destra Brenta si trova in una zona caratterizzata dall abbondanza dell acqua e di conseguenza dalla presenza di molti prati stabili, assai fertili e particolarmente adatti per l allevamento del bestiame da latte. Grazie alla numerosa presenza di bovini da latte, si è sviluppata una fiorentissima industria lattiero-casearia. I prodotti tipici di questa industria sono soprattutto i formaggi Grana Padano e Montasio, esportati ed assai apprezzati in tutto il mondo. Questo territorio è particolarmente rinomato non solo per la sua economia, ma anche per il suo paesaggio; infatti è una tra le zone più belle e di pregio non solo d Italia, ma anche d Europa. Il merito principale di questo valore è dovuto all acqua, presente in superficie nei numerosi fossi, canali, rogge e ruscelli. L acqua però è soprattutto abbondante nel sottosuolo da cui in molte zone scaturisce dando origine alle cosiddette risorgive. Le risorgive un tempo non molto lontano erano assai numerose, oggi purtroppo per molteplici ragioni quelle attive sono poche e con ridotti gettiti d emissione dell acqua. Soggetti coinvolti nell attuazione del progetto L Amministrazione comunale per poter concretizzare questo progetto ha chiesto ed ottenuto la preziosa collaborazione e disponibilità del Consorzio di Bonifica Brenta. 5

6 Anche la Regione Veneto è stata coinvolta e grazie alla sensibilità e all interessamento dell Assessorato all Ambiente ha contribuito alla sua attuazione con un finanziamento. Un sensibile aiuto ci è stato fornito anche dall Amministrazione provinciale di Padova, settore ambiente, dalla L.I.P.U. sezione di Padova e dall associazione il Gheppio di Villafranca Padovana che ci hanno messo a disposizione diversi esemplari di animali da noi fatti poi imbalsamare. Fondamentale e prezioso è stato il ruolo svolto da Giuseppe Sartori, l esperto incaricato a seguire l allestimento ed il reperimento del materiale per il museo. Altre persone, associazioni e ditte hanno dato il loro contributo per l attuazione di questo progetto. L elenco è riportato nella parte di questa guida dedicata ai ringraziamenti. Scopi del Museo e interventi a tutela delle risorgive in sinergia con il Consorzio di Bonifica Brenta Gli scopi per cui il Museo viene istituito sono: a) - esporre gli elementi più significativi della flora e della fauna che caratterizzano l ambiente delle risorgive; b) - far conoscere le risorgive più caratteristiche presenti a San Pietro in Gu attraverso le fotografie; c) - esporre le mappe ed i pannelli delle risorgive del paese in modo da avere delle stesse un quadro ben definito; d) - esporre le mappe storiche del paese e del territorio in modo da inserire le risorgive nel proprio contesto storico-geografico; e) - riprodurre il modello di una risorgiva attraverso un plastico in modo da averne una visione concreta e verosimile; f) - far conoscere e diffondere la bellezza e l importanza delle risorgive e dell acqua a tutti ed in particolare agli studenti, quali eredi di questo prezioso patrimonio naturale, attraverso il Museo ed altri strumenti informativi adeguati; g) - promuovere e sensibilizzare la cittadinanza ed in particolare i giovani sul rispetto per l acqua e l ambiente, grazie alla presenza del Museo; h) - monitorare la situazione delle risorgive attive, un tempo numerose, oggi ridotte nel numero e nella consistenza, attraverso un periodico aggiornamento delle mappe in collaborazione con il Consorzio di Bonifica Brenta. A completamento dell azione di sensibilizzazione e di valorizzazione delle risorgive, dell acqua e dell ambiente operata grazie alla presenza del Museo, risultano utili anche i seguenti interventi in sinergia con il Consorzio di Bonifica Brenta: a) - recupero e rimessa in funzione delle risorgive non più attive o parzialmente attive da parte del Consorzio di Bonifica Brenta e collaborazione con lo stesso per la tutela di quelle esistenti attraverso una pulizia ed un controllo continui e costanti; b) posizionamento, assieme al Consorzio di Bonifica Brenta, di tabelle didattiche presso le risorgive, predisponendo possibilmente dei percorsi turistici. Gli scopi e gli interventi precedentemente citati rientrano tra le azioni a tutela delle risorgive previste in particolare al comma 1 e al comma 2 punti c e d, art. 2, della L. R. 23/2009, i quali affermano: 6

7 Art. 2 - Azioni a tutela delle risorgive 1. Ai sensi della presente legge s'intendono per azioni a tutela dei corsi d'acqua di risorgiva e dei capodifonti, gli interventi volti a contenere il fenomeno fisico della scomparsa delle risorgive ed a sostenere il valore naturalistico, paesaggistico e ricreativo. 2. Fra le azioni a tutela dei fiumi di risorgiva si collocano, in particolare: c) i progetti di recupero e valorizzazione dei corsi d'acqua di risorgiva e dei singoli fontanili, mediante la riqualificazione morfologica, la ricostituzione della vegetazione ripariale, il ripopolamento faunistico, la realizzazione e la gestione di percorsi didattici lungo i fiumi di risorgiva ed i capodifonte; d) le attività di tipo divulgativo ed informativo dirette a diffondere la conoscenza del fenomeno delle risorgive e della loro peculiarità e a sensibilizzare il pubblico rispetto alla problematica della riduzione della portata complessiva dei corsi d'acqua di risorgiva ed alla progressiva riduzione dei capodifonti. Obiettivi da conseguire con il Museo Grazie alla presenza del Museo, ci si propone di conseguire i seguenti obiettivi: a) - rendere permanente la fruizione di un nuovo servizio pubblico alla cittadinanza; b) contribuire alla valorizzare e alla tutela dell acqua, delle risorgive e del territorio del Comune di San Pietro in Gu e del Destra Brenta, anche grazie all attività di sensibilizzazione e di informazione svolta attraverso il Museo; c) promuovere ed incentivare la visita delle risorgive e del paese. Avvertenze La presente guida è suddivisa in tre parti. La prima e più consistente è dedicata al Museo comunale delle Risorgive, la seconda al Parco Didattico di Via Mazzini e la terza ai Percorsi Turistici riguardanti alcune risorgive attive particolarmente significative. Ci preme soprattutto evidenziare che nell allestimento del Museo si è cercato come inizio di esporre il materiale più caratteristico riguardante la flora e la fauna delle risorgive, sforzandoci comunque di offrirne una visione il più possibile soddisfacente e completa. In futuro sicuramente il materiale esposto nel Museo potrà essere aggiornato e incrementato, compatibilmente con lo spazio dei locali e con le disponibilità economiche dell Amministrazione comunale. Analogamente anche lo Spazio multimediale, lo Spazio Informativo e lo Spazio per il Laboratorio-Didattico nel corso del tempo verranno implementati ed assumeranno sempre maggiore importanza, grazie anche alla collaborazione e disponibilità già manifestate da alcuni Enti ed Associazioni che hanno in comune l amore e l interesse per l ambiente e la natura. Le parti dedicate al Parco Didattico di Via Mazzini e ai Percorsi Turistici non occupano molto spazio, poiché questa guida si propone di invitare e stimolare i lettori alla loro visita e conoscenza diretta. La parte conclusiva della Guida è riservata ai doverosi ringraziamenti rivolti a tutti coloro che hanno contribuito in qualche modo a concretizzare il progetto nelle sue parti. 7

8 Parte Prima Capitolo 1 - IL MUSEO COMUNALE DELLE RISORGIVE Intitolazione: con delibera di Giunta comunale n. 85 del 24 giugno 2011 è stata assegnata al museo la seguente denominazione: Museo Comunale delle Risorgive. Sede: La sede del Museo comunale delle Risorgive si trova a San Pietro in Gu (PD), al secondo piano del Centro culturale comunale, edificio di proprietà dell Amministrazione comunale, sito in Piazza Prandina, n. 34, ristrutturato nel 2003 grazie anche al contributo della Regione Veneto. Superficie: Il museo occupa due stanze la cui superficie complessiva è di metri quadrati 132,31; ognuna delle quali ha le seguenti dimensioni: Stanza 1, metri quadrati 82,19; Stanza 2, metri quadrati 50,12. La planimetria dei locali del museo è riportata nella foto. Accessibilità del museo: L edificio è provvisto di strutture che ne permettono l accesso e l utilizzo anche da parte degli utenti con disabilità, in conformità con le normative vigenti in materia di abbattimento delle barriere architettoniche. Inoltre, grazie alla sua ubicazione assai favorevole e centrale nella Piazza del paese, è servito da un ampio parcheggio con posti riservati ai disabili. Destinatari del museo: Il museo viene istituito, allestito e gestito per essere fruibile da parte di tutti gli utenti a tempo indeterminato, ma soprattutto è rivolto ai giovani e agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado. Gestori del museo: Il museo viene gestito dall Amministrazione comunale attraverso proprio personale o attraverso dei volontari incaricati dall Amministrazione stessa. Orari e modalità per visitare il museo: Gli orari di apertura, le modalità di accesso ed altri aspetti organizzativi vengono stabiliti dall Amministrazione comunale. Per visitare il museo occorre prenotarsi telefonando al personale della Biblioteca comunale o all Ufficio Segreteria del Comune. Biblioteca comunale, tel.: 049/ Ufficio Segreteria, tel.:049/ L ingresso al museo è gratuito. 8

9 Capitolo 2 - STANZA 1 La Stanza 1 costituisce la parte principale del Museo; essa è suddivisa nei sei seguenti spazi: spazio multimediale riservato agli strumenti audiovisivi; area espositiva per la fauna; area espositiva per la flora; area espositiva per le fotografie delle risorgive del paese; spazio per il plastico di una risorgiva; laboratorio-didattico e informativo. 2.1 Spazio multimediale riservato agli strumenti audiovisivi; Per la visione di documentari audiovisivi e mappe riguardanti le risorgive ed il territorio è stato predisposto uno spazio apposito lungo la parete est nella stanza 1 con strumenti idonei che ne favoriscono una rapida ed agevole consultazione. Gli strumenti a disposizione sono un televisore digitale da cinquantuno pollici appeso alla parete, un hard disk esterno collegato al televisore, un telecomando per la selezione del materiale audiovisivo da visionare, un tavolo con sedia. Per quanto riguarda il materiale audiovisivo, una parte è già in possesso dell Amministrazione comunale ed una parte è stata fornita da altri Enti e Associazioni, quali la L.I.P.U. sezione di Padova e dall Associazione ornitologica Il Gheppio di Villafranca Padovana. Oltre a documenti audiovisivi riguardanti l ambiente, la natura e le risorgive, attraverso gli strumenti multimediali si possono consultare documentari riguardanti il paese ed il territorio, nonché le mappe storiche le cui fonti sono citate nel prossimo capitolo dedicato alla Stanza 2. In ogni caso questo settore è destinato nel tempo ad accrescersi e ad incrementare il proprio materiale multimediale, possibilmente adeguandolo anche alle novità tecnologiche ed informatiche. 9

10 2.2 Area espositiva per la Fauna La fauna più significativa e caratteristica che frequenta, talvolta occasionalmente, il territorio delle risorgive è esposta lungo la parete sud in diverse vetrine e teche. Le vetrine hanno al loro interno un sistema di illuminazione a led che ne rende ottimale la visione. Questa parte del museo è suddivisa nelle due seguenti sezioni: Prima animali invertebrati; Seconda - animali vertebrati; PRIMA SEZIONE: ANIMALI INVERTEBRATI Gli animali invertebrati sono posti in una teca e sono riprodotti in modelli di resina con accanto ad ognuno la propria didascalia, nella quale è riportato il nome in italiano e il nome in latino. Gli animali invertebrati sono disposti secondo la tradizionale classificazione nei tre gruppi che si trovano nell ambiente delle risorgive: A) anellidi o vermi; B) artropodi; C) molluschi. Ognuno dei tre gruppi è caratterizzato dal colore di un bollino applicato alle targhette delle didascalie, che ne permette l identificazione. I colori rosso, bianco e giallo indicano rispettivamente gli anellidi, gli artropodi ed i molluschi. In particolare gli artropodi sono ulteriormente suddivisi nei raggruppamenti: aracnidi insetti crostacei. Elenco Animali invertebrati (è qui citato anche il nome dello studioso che ha classificato l invertebrato) Anellidi: 1. Tubifex tubifex Muller VERME DEI LIQUAMI 2. Lumbricus terrestris L. LOMBRICO Artropodi: a) Aracnidi 1. Dolomedes fimbriatus Clerck RAGNO DOLOMEDE b) Crostacei 2. Austropotamobius pallipes Lereboullet GAMBERO DI FIUME 3. Daphnia pulex L. PULCE D'ACQUA c) Insetti Coleotteri: 4. Dyctiscus marginalis L. DITISCO 5. Coccinella septempunctata L. COCCINELLA 6. Melolontha melolontha L. MAGGIOLINO 7. Luciola italica L. LUCCIOLA Ditteri: 8. Musca domestica L. MOSCA DOMESTICA 9. Tabanus bovinus L. TAFANO 10. Culex pipiens L. ZANZARA 10

11 Emitteri: 11. Gerris gibbifer Leach GERRIDE 12. Hydrometra stagnorum L. IDROMETRA 13. Lyristes plebejus Scopoli CICALA Imenotteri: 14. Apis mellifica L. APE 15. Bombus terrestris L. BOMBO 16. Vespa crabro L. CALABRONE 17. Tetramorium caespitum L. FORMICA DELLE ZOLLE 18. Polistes gallicus L. POLISTE Lepidotteri: 19. Pieris brassicae L. CAVOLAIA 20. BRUCO di CAVOLAIA 21. Iphiclides podalirius L. PODALIRIO 22. BRUCO di PODALIRIO Odonati: 23. Calopteryx virgo L. CALOPTERIGIDE DALLE ALI AZZURRE 24. Aeshna cyanea Muller LIBELLULA GRANDE 25. Anax imperator Leach LIBELLULA REGINA Ortotteri: 26. Tettigonia viridissima L. CAVALLETTA VERDE 27. Gryllus campestris L. GRILLO DEI CAMPI Rincoti: 28. Nepa rubra L. SCORPIONE D'ACQUA Molluschi: 1. Helix pomatia L. CHIOCCIOLA 2. Lymnaea stagnalis L. CHIOCCIOLA D'ACQUA 3. Cepaea nemoralis L. CHIOCCIOLA FASCIATA 4. Planorbis corneus L. PLANORBIS 5. Arion hortensis Férussac LIMACCIA 6. Arion rufus L. ARIONIDE ROSSO 11

12 SECONDA SEZIONE: ANIMALI VERTEBRATI Gli animali vertebrati esposti nelle vetrine possono essere o imbalsamati o calchi; in particolare i pesci, gli anfibi ed i rettili sono riprodotti sotto forma di calco e/o imbalsamati, mentre gli uccelli ed i mammiferi sono imbalsamati. All inizio di ogni sezione e suddivisione della fauna e vicino ad ogni animale è posta una didascalìa stampata su forex che ne indica il nome in latino,in italiano e in dialetto veneto. Gli animali vertebrati sono disposti secondo la seguente tradizionale classificazione: a) - pesci; b) - anfibi; c) - rettili; d) - uccelli; e) - mammiferi. Elenco Animali vertebrati (è qui citato anche il nome dello studioso che ha classificato l animale) Pesci: 1. Anguilla anguilla L. ANGUILLA bisata 2. Lampetra zanandreai Vladykov LAMPREDA DI RUSCELLO lanprèa 3. Esox lucius L. LUCCIO lusso 4. Phoxinus phoxinus L. SANGUINEROLA salgaréla 5. Cottus gobio L. SCAZZONE marsòn 6. Gasterosteus aculeatus L. SPINARELLO spinòsa 7. Salmo trutta fario L. TROTA FARIO truta Anfibi: 1. Hyla arborea L. RAGANELLA raganèla 2. Rana latastei Boulenger RANA DI LATASTE saltafòssi 3. Rana esculenta RANA VERDE rana 4. Bufo bufo L. ROSPO cròte 5. Triturus vulgaris L. TRITONE COMUNE Rettili: 1. Natrix natrix L. BISCIA D'ACQUA bissa ranèra 2. Anguis fragilis L. ORBETTINO bissaòrbola 3. Lacerta viridis Laurenti RAMARRO ligaore Uccelli: 1. Ardea cinerea L. AIRONE CENERINO airòn 2. Strix aluco L. ALLOCCO alòco 3. Alauda arvensis L. ALLODOLA lòdola 4. Delichon urbica L. BALUESTRUCCIO còa bianca 5.Tyto alba Scopoli BARBAGIANNI barbagiani 6. Carduelis carduelis L. CARDELLINO gardelìn 7. Athene noctua Scopoli CIVETTA soéta 8. Columba palumbus L. COLOMBACCIO colonbasso 9. Corvus corone cornix L. CORNACCHIA GRIGIA cornàcia 10. Phasianus colchicus L. FAGIANO fajàn (maschio e femmina) 11. Fringilla coelebs L. FRINGUELLO finco 12. Larus ridibundus L. GABBIANO COMUNE gabiàn 12

13 13. Gallinula chloropus L. GALLINELLA D'ACQUA viatara 14. Egretta garzetta L. GARZETTA sgarzo 15. Pica pica L. GAZZA chéca 16. Anas platyrhynchos L. GERMANO REALE arna salvàdega 17. Falco tinnunculus L. GHEPPIO storèla 18. Asio otus L. GUFO COMUNE gufo 19. Alcedo atthis L. MARTIN PESCATORE pionbìn 20. Turdus merula L. MERLO mèrlo 21. Passer domesticus L. PASSERO selegòto 22. Erithacus rubecula L. PETTIROSSO petarèlo 23. Picus viridis L. PICCHIO VERDE pigòsso vèrde 24. Coturnix coturnix L. QUAGLIA quàja 25. Accipiter nisus L. SPARVIERE Storèla, Storèa, Falchéto 26. Apus apus L. RONDONE rondòn 27. Sturnus vulgaris L. STORNO striòlo 28. Turdus philomelos C.L. Brehm TORDO BOTTACCIO tordo ciupìn 29. Streptopelia decaocto Frivaldszky TORTORA DAL COLLARE ORIENTALE 30. Upupa epops L. UPUPA galéto de montagna Mammiferi: 1. Mustela nivalis L. DONNOLA donòla 2. Martes foina Erxleben FAINA fuìn 3. Lepus europaeus Pallas LEPRE COMUNE liòre 4. Myocastor coypus Molina NUTRIA 5. Pipistrellus kuhlii Kuhl PIPISTRELLO ALBOLIMBATO barbastrìjo 6. Hypsugo savii Bonaparte PIPISTRELLO DI SAVI barbastrìjo 7. Erinaceus europaeus L. RICCIO mas-cio risso 8. Talpa europaea L. TALPA ciupinara 9. Rattus norvegicus Berchenhout RATTO DELLE CHIAVICHE pantegàn 10. Vulpes vulpes L. VOLPE bòlpe 13

14 Gufo Reale La stanza 1 ospita anche un esemplare maschio di Gufo Reale posizionato sopra una base in legno. Accanto al Gufo reale è posta la seguente didascalìa: Gufo reale, bubo bubo, barbagiani grando Il Gufo Reale è un uccello rapace non proprio caratteristico delle risorgive, anche se alcune coppie risultano essere state avvistate lungo il fiume Brenta. L esemplare qui esposto è un maschio, rinvenuto vicino alle mura di Cittadella dalla Polizia provinciale di Padova nel 2008 ferito all ala destra e consegnato all Associazione Il Gheppio di Villafranca Padovana. Dopo il suo decesso avvenuto nel maggio 2012, è stato donato all Amministrazione comunale di San Pietro in Gu, affinché venisse collocato nel Museo delle Risorgive. In Italia vive solo qualche centinaio di esemplari sparsi un po ovunque, soprattutto nelle zone montane e boscose. 2.3 Area espositiva per la Flora Le specie arboree, arbustive, erbacee ed acquatiche più importanti e caratteristiche che si possono trovare nelle risorgive del nostro territorio sono riprodotte in fotografie a colori, sono stampate su forex e sono appese orizzontalmente in cinque file alla parete ovest della stanza 1. Ogni pannello in cui sono riprodotte le fotografie misura cm 20 x cm 30. Sotto ad ogni fotografia è riportata una didascalia in cui è indicato il nome e la specie di appartenenza. Il nome di ogni esemplare è stampato su tre righe; nella prima c è il nome in latino, nella seconda il nome è in italiano e nella terza il nome in dialetto veneto, se esistente. Le fotografie sono appese a partire dall altezza di circa cm 100 dal pavimento e poste una vicino all altra; sono suddivise nelle sette sezioni sotto riportate, ognuna delle quali è contraddistinta da un colore specifico. Le sigle o i nomi posti tra nome latino e nome italiano delle specie vegetali nell elenco che segue, si riferiscono allo studioso che le ha classificate. PRIMA SEZIONE Elenco Flora arborea 1. Acer campestris L. ACERO CAMPESTRE òpio 2. Prunus avium L. CILIEGIO SELVATICO siaresara 3. Carpinus betulus L. CARPINO BIANCO càrpane 4. Quercus robur L. FARNIA ròvare 5. Fraxinus excelsior L. FRASSINO MAGGIORE fràssene 6. Morus alba L. GELSO BIANCO moraro 7. Morus nigra L. GELSO NERO moraro 8. Juglans regia L. NOCE nogara 9. Ulmus minor Miller OLMO òlmo 10. Alnus glutinosa L. ONTANO COMUNE onaro 11. Populus nigra L. PIOPPO NERO àlbara 12. Platanus hibrida Brot. PLATANO platano 13. Robinia pseudacacia L. ROBINIA càssia 14. Salix alba L. SALICE BIANCO salgaro Tot. 42 foto 14

15 SECONDA SEZIONE Elenco Flora arbustiva 1. Euonymus europaeus L. BERRETTA DEL PRETE ciopéte 2. Crataegus monogyna L. BIANCOSPINO spin bianco 3. Cornus mas L. CORNIOLO cornolaro 4. Hedera helix L. EDERA èrina 5. Frangula alnus Mill. FRANGOLA 6. Ligustrum vulgare L. LIGUSTRO quajastrèlo 7. Corylus avellana L. NOCCIOLO noselaro 8. Viburnum opulus L. PALLON DI MAGGIO puine 9. Prunus spinosa L. PRUGNOLO spin nero 10. Rosa canina L. ROSA SELVATICA rosaro salbègo 11. Rubus caesius L. ROVO BLUASTRO russa 12. Rubus fruticosus L. ROVO COMUNE russa 13. Salix caprea L. SALICE DELLE CAPRE gatolaro 14. Sambucus nigra L. SAMBUCO sambugaro 15. Cornus sanguinea L. SANGUINELLA sanguanèla Tot. 45 foto TERZA SEZIONE Elenco Flora erbacea ripariale 1. Anemone nemorosa L. ANEMONE DEI BOSCHI 2. Bryonia dioica Jaq. BRIONIA COMUNE 3. Equisetum arvense L. CODA DI CAVALLO èrba cavalina 4. Lamium maculatum L. DOLCIMELE ciùci 5. Glechoma hederacea L. EDERA TERRESTRE gràbene 6. Lamium orvala L. FALSA ORTICA ciùci 7. Caltha palustris L. FARFERUGINE 8. Ficaria verna L. FAVAGELLO èrba patatèla 9. Phytolacca decandra L. FITOLACCA 10. Duchesnea indica Andrews FRAGOLA MATTA 11. Fragaria vesca L. FRAGOLA SELVATICA fròla 12. Lamium album L. LAMIO BIANCO 13. Lamium purpureum L. LAMIO PURPUREO ciùci 14. Humulus lupulus L. LUPPOLO bruscandolo 15. Urtica dioica L. ORTICA COMUNE ortiga 16. Lysimachia nummularis L. QUATTRINELLA 17. Veronica persica VERONICA PERSICA 18. Parietaria officinalis L. VETRIOLA COMUNE èrba dele bòsse Tot. 23 foto 15

16 QUARTA SEZIONE Elenco Flora acquatica (Lemneto) 1. Lemna minor L. LENTICCHIA D'ACQUA smòrciara Tot. 1 foto QUINTA SEZIONE Elenco Flora acquatica (Potameto) 1. Potamogeton crispus L. BRASCA 2. Callitriche palustris L. ERBA GAMBERAIA 3. Ranunculus tricophyllus Chaix RANUNCOLO A FOGLIE CAPILLARI 4. Vallisneria spiralis L. VALLISNERIA Tot. 4 foto SESTA SEZIONE Elenco Flora emergente dall'acqua presso le rive o dove l'acqua è meno profonda 1. Phragmytes australis Cav. Trin. CANNUCCIA PALUSTRE canèlo 2. Sparganium erectum L. COLTELLACCIO MAGGIORE 3. Nasturtium officinale L. CRESCIONE èrba arna 4. Iris pseudacorus L. GIGLIO D'ACQUA èrba dei bissi 5. Lysimachia vulgaris L. MAZZA D'ORO 6. Typha latifolia L. MAZZA SORDA papagno 7. Alisma plantago-aquatica L. MESTOLACCIA 8. Myosotis palustris L. Hill NON TI SCORDAR DI ME océti dela madòna 9. Lythrum salicaria L. SALCERELLA 10. Apium nodiflorum L. SEDANO D'ACQUA Tot. 11 foto SETTIMA SEZIONE Elenco Funghi 1. Armillaria mellea Vahl P. Kumm CHIODINO ciodìn 2. Marasmius oreades Bolton Fr. GAMBESECCHE ganbeséche 3. Agrocybe aegerita V. Brig. Singer PIOPPINO fungo da àlbara 4. Laetiporus sulphureus Bull. Murrill POLIPORO SULFUREO 5. Agaricus campestris L. Fr. PRATAIOLO fungo da prà 16

17 2.4 Area espositiva per le fotografie a colori delle risorgive del paese Lungo la parete nord della stanza1, sono appese quattordici fotografie a colori delle risorgive attive più significative del paese ed una mappa riassuntiva delle risorgive messeci a disposizione dal Consorzio di Bonifica Brenta. Sono anch esse stampate su forex e la loro dimensione è cm. 30xcm. 40; nel lato inferiore c è un ulteriore bordo di cinque cm. circa, in quanto sotto ad ogni fotografia è stampata una didascalìa con il nome della risorgiva, il luogo in cui si trova ed una piccola mappa cartografica. Le fotografie sono appese a partire dall altezza di cm. 100 dal pavimento e poste una vicino all altra, suddivise in due file. Ogni fila comprende sette fotografie. A sinistra delle quattordici fotografie è appesa la mappa riassuntiva delle risorgive. Elenco delle risorgive attive riprodotte nelle fotografie Prima fila in alto, a partire da sinistra: 1 Risorgiva Fontanon; 2 Risorgiva Pedron; 3 Risorgiva Regazzo alto; 4 Risorgiva Gollina; 5 Risorgiva di Armedola; 6 Risorgiva Cumana; 7 Risorgiva Rigon; Seconda fila,, a partire da sinistra: 8 Risorgiva Finco; 9 Risorgiva Canelli; 10 Risorgiva Monella; 11 Risorgiva Contessa Marca; 12 Risorgiva Ceresina; 13 Risorgiva Cumanella Sette Cappelle; 14 Risorgiva Boschetti. 17

18 2.5 Spazio per il plastico di una risorgiva Lungo la parete ovest, sotto le fotografie della flora e l albero dipinto al centro del muro, è stato riservato uno spazio da destinare ad un plastico di una risorgiva in via di realizzazione. Le dimensioni del plastico potranno variare in base alla scala in cui il materiale da inserire sarà reperito sul mercato. Lo scopo fondamentale del plastico è quello di riprodurre come una polla d acqua scaturisca dal sottosuolo dando origine ad una risorgiva; inoltre saranno rappresentati alcuni elementi che caratterizzano in generale l ambiente delle risorgive, ad esempio siepi, specie arboree ed arbustive, animali, stagno ecc. in modo da fornire ai visitatori un immagine concreta di questo paesaggio tipico del nostro territorio. 2.6 Spazio Laboratorio didattico e informativo Per il materiale informativo e pubblicitario e per il laboratorio didattico viene riservato uno spazio apposito. Sull ampio tavolo provvisto di comode sedie, sono inoltre consultabili diversi libri, studi e documenti riguardanti la fauna, la flora ed altri aspetti delle risorgive. I depliants ed opuscoli informativi sono stampati a colori e in bianco e nero e sono realizzati in collaborazione con il Consorzio di Bonifica Brenta; riguardano il museo, il parco didattico e i due percorsi turistici. I libri messi a disposizione in questo spazio hanno lo scopo di aiutare gli studenti nelle loro ricerche e di fornire le informazioni desiderate a tutti i visitatori. Ci preme in particolare segnalare i seguenti studi curati dall Istituto Comprensivo Statale di San Pietro in Gu che hanno trattato per primi tematiche riguardanti le risorgive: 1. Alla scoperta di San Pietro in Gu, Laboratorio di educazione ambientale, anno , Classe terza A e terza B, fascicoli 1 e 2; 18

19 2. Le risorgive, anno scolastico , Classe quarta dell Istituto Comprensivo di San Pietro in Gu; 3. Le Risorgive di San Pietro in Gu, a cura dell Istituto Comprensivo di San Pietro in Gu in collaborazione con il Consorzio di Bonifica Pedemontano-Brenta, Tipografia Postumia di San Martino di Lupari, anno 2008, pubblicato dall Amministrazione comunale. 19

20 Capitolo 3 STANZA 2 La stanza 2 è riservata all esposizione di mappe e pannelli; essa è strutturata nei tre seguenti settori, ognuno dei quali occupa uno spazio proprio ben definito: 1. Mappe storiche del paese e del territorio; 2. Pannelli sulle risorgive; 3. Mappe di risorgive Mappe storiche del paese e del territorio Lungo i lati ovest ed est della stanza, sono appese alle pareti dieci mappe storiche del paese e del territorio. Le mappe sono disposte in ordine cronologico dalle più antiche alle più recenti, partendo dal centro del paese alle zone periferiche. Sono esposte le mappe storiche più significative tratte dalla seguente documentazione: a) - Carta del Ducato di Venezia di Anton von Zach ( ); b) - Catasto Napoleonico Archivio di Stato di Venezia (1811); c) - Catasto Austriaco Archivio di Stato di Padova (1831); d) - Catasto Austro-Italiano Archivio di Stato di Padova (1846); e) - Catasto Italiano Archivio di Stato di Padova (1894); Altre mappe contenute nella documentazione sopra citata che non sono esposte nella Stanza 2 si possono vedere attraverso gli strumenti multimediali della Stanza 1. Sotto ad ognuna delle dieci mappe è posta una breve didascalia stampata su forex il cui testo viene di seguito riportato. Parete ovest, tre mappe, a partire da sinistra: Mappa 1 - Il Ducato di Venezia nella carta di Anton von Zach ( ) - Mappa 2 - Tavola X.14 del territorio di San Pietro in Gu e dintorni (Dalla carta del Ducato di Venezia di Anton von Zach ) Mappa 3 - Mappa originale del territorio di San Pietro in Gu ed aggregati Distretto di Vicenza, Cantone di Camisano, Dipartimento del Bacchiglione, 14 ottobre 1811 (Dal Catasto napoleonico 1811 dell Archivio di Stato di Venezia) Parete est, sette mappe, a partire da sinistra: Mappa 4 - Foglio 12 del territorio di San Pietro in Gu, zona centro-ovest, Strada Comunale della Vecchia Postale e Strada comunale interna di della Chiesa, attuale Centro del paese e Vie Garibaldi e Molinetto (Dal Catasto Austro-Italiano 1846 dell Archivio di Stato di Padova) Mappa 5 - Foglio 13 del territorio di San Pietro in Gu, zona centro, Strada comunale Rebezza e Strada comunale della Pila, attuali Via Tasca, Via Capello, Via Rebecca e Via Zanchetta (Dal Catasto Austro-Italiano 1846 dell Archivio di Stato di Padova) Mappa 6 - Foglio 8 del territorio di San Pietro ingu, zona nord-ovest, Strada comunale della Levà, attuale Via Levà (Dal Catasto Austro-Italiano 1846 dell Archivio di Stato di Padova) 20

COMUNE DI CALCIO. PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AT12 a destinazione logistico-produttiva

COMUNE DI CALCIO. PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AT12 a destinazione logistico-produttiva 1 COMUNE DI CALCIO allegato H PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AT12 a destinazione logistico-produttiva Via Covo (SP 102) nuova SP 98 Calciana conforme al PGT (Artt. 12 e 14, legge regionale 11

Dettagli

Gli ecosistemi naturali del Tevere.

Gli ecosistemi naturali del Tevere. Gli ecosistemi naturali del Tevere. Il tratto Marconi Ostiense San Paolo Alessia Cerqua In questo tratto fluviale, caratterizzato dalla presenza di sponde naturali, la vegetazione ripariale presente appare

Dettagli

RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO ELEMENTI DELLA RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO

RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO ELEMENTI DELLA RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO DATABASE DELLA RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO Forum Plenario di Agenda 21 Locale 18 Giugno 2007 Castello Estense Provincia di Ferrara Centro Agricoltura e Ambiente G.Nicoli ELEMENTI DELLA

Dettagli

gennaio DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER MAR GIO VEN SAB DOM LUN

gennaio DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER MAR GIO VEN SAB DOM LUN gennaio Fratino (charadrius alexandrinus) Piro piro piccolo (actitis hypoleucos) Piviere dorato (pluvialis apricaria) Ragno minatore (segestria florentina) 0 FEBBRAIO Codirosso spazzacamino (phoenicurus

Dettagli

PRONTUARIO DI MITIGAZIONE AMBIENTALE (modalità per la realizzazione di siepi e filari alberati)

PRONTUARIO DI MITIGAZIONE AMBIENTALE (modalità per la realizzazione di siepi e filari alberati) Via Lago di Como 88/2-36100 Vicenza - Tel./ fax: 0444 920083 e-mail: rugiorio@libero.it PRONTUARIO DI MITIGAZIONE AMBIENTALE (modalità per la realizzazione di siepi e filari alberati) Ottobre 2011 Dr.

Dettagli

IL CAPOFONTE ONLUS Associazione di Volontariato

IL CAPOFONTE ONLUS Associazione di Volontariato Progetto Nidi - pag. 1 Reg. Trieste 06/09/2006 N. 4730 C.F. 90111960325 Via alle Cave n. 43-34128 TRIESTE (TS) Tel. +39 040/571623 Fax +39 040/4519594 PROGETTO NIDI Progetto Nidi - pag. 2 PROGETTO NIDI

Dettagli

ISTITUZIONE DEL C.E.A. Centro di Educazione Ambientale Giancarlo Pellay Legambiente Miranese

ISTITUZIONE DEL C.E.A. Centro di Educazione Ambientale Giancarlo Pellay Legambiente Miranese ISTITUZIONE DEL C.E.A. Centro di Educazione Ambientale Giancarlo Pellay Legambiente Miranese Il CEA che si istituisce è una tappa del lavoro di riqualificazione ambientale dell area fluviale del Muson.

Dettagli

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo AMICI DEL PARCO DEL ROCCOLO Organizzazione di volontariato - C.F. : 93034320163 Sede Legale: via San Martino 11, 24047 Treviglio (BG). Sede operativa: Parco del Roccolo, Via del Bosco, Treviglio (BG).

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 26/05/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 26/05/2014 Deliberazione n. 35 del 26/05/2014 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE Seduta del 26/05/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE STUDIO DI FATTIBILITÀ DEL PROGETTO: "INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

PROPOSTA PER. PROGETTO DI VALORIZZAZIONE OASI DI PROTEZIONE FAUNA SELVATICA Oasi FOCE VIBRATA Oasi FOCE TRONTO

PROPOSTA PER. PROGETTO DI VALORIZZAZIONE OASI DI PROTEZIONE FAUNA SELVATICA Oasi FOCE VIBRATA Oasi FOCE TRONTO Premessa Assessorato Cultura Sport Caccia Pesca Micologia Assessorato Politiche Sociali e Giovanili Servizio Caccia Pesca Micologia PROPOSTA PER PROGETTO DI VALORIZZAZIONE OASI DI PROTEZIONE FAUNA SELVATICA

Dettagli

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono)

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) Progetto per la creazione di un bosco planiziale, di uno stagno per la riproduzione degli anfibi e di siepi, con valenza di corridoio ecologico,

Dettagli

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività:

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: visite guidate, laboratori didattici, filmati, conferenze, convegni, mostre, eventi artistici, ma anche: soggiorni per

Dettagli

Parma, 28 Maggio 2006

Parma, 28 Maggio 2006 Parma, 28 Maggio 2006 Oggetto: Invito di partecipazione alla mostra ICAR 14 / COMPOSIZIONE ARCHITETTONICA E URBANA Raccolta/Indagine sulla didattica dei Laboratori di Progettazione delle Facoltà di Architettura

Dettagli

INDICE. L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti...

INDICE. L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti... INDICE L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti... Impatti ambientali delle attività forestali del 2015... Quantità di legno

Dettagli

Verso l Ecomuseo del paesaggio. Report

Verso l Ecomuseo del paesaggio. Report Comune di Parabiago Azione 2 Dai vita ai parchi - Report ABCittà Villa Corvini Azione Breve descrizione dei programmi e degli obiettivi Azioni locali Assemblea non convenzionale (Workshop) finalizzata

Dettagli

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche BILANCIO PREVENTIVO 2015 Linee programmatiche Il 2014 ha rappresentato, così come nelle intenzioni del Consiglio, un anno di forte rilancio delle attività della Fondazione e conseguentemente di ampliata

Dettagli

IMMAGINE. L anno duemilaquattordici addì. del mese di febbraio, in esecuzione della deliberazione della Giunta Comunale n. del..

IMMAGINE. L anno duemilaquattordici addì. del mese di febbraio, in esecuzione della deliberazione della Giunta Comunale n. del.. CONVENZIONE PER L ACCOGLIENZA A FINI EDUCATIVI E CULTURALI SUL TERRITORIO COMUNALE DA PARTE DEI VOLONTARI dell ARCHEOCLUB D ITALIA SEDE DI MONDOLFO PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO COMUNALE ECOMUSEO DI MONDOLFO

Dettagli

PROPOSTE PER L EDUCAZIONE

PROPOSTE PER L EDUCAZIONE CONSORZIO PARCO REGIONALEDEI LAGHI DI SUVIANA EBRAS PROPOSTE PER L EDUCAZIONE AMBIENTALE DEL PARCO REGIONALE DEI LAGHI DI SUVIANA E BRASIMONE PER L ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Le proposte del Parco dei Laghi

Dettagli

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 44/19 del 29.9.2009 Direttiva per il funzionamento, aggiornamento e accesso al Catasto Speleologico Regionale in attuazione dell art. 9, comma 8, della L.R. n. 4/2007 recante

Dettagli

LE PINETE DEMANIALI RAVENNATI STORIA E PROSPETTIVE

LE PINETE DEMANIALI RAVENNATI STORIA E PROSPETTIVE LE PINETE DEMANIALI RAVENNATI STORIA E PROSPETTIVE Relatore: Primo Dirigente del CFS Dr. Giovanni NACCARATO Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato per la Provincia di Ravenna I terreni

Dettagli

DESCRIZIONE ATTIVITÀ La visita dei boschi del Belgiardino, con l ausilio della cartina dell area, ha la durata massima di tre ore, al mattino.

DESCRIZIONE ATTIVITÀ La visita dei boschi del Belgiardino, con l ausilio della cartina dell area, ha la durata massima di tre ore, al mattino. ENTE PROPONENTE Parco Adda Sud AMBIENTI DEL PARCO - Proiezione di diapositive Conoscere le diverse tipologie degli ambienti presenti nel territorio del Parco, nonché la loro flora e/o fauna. È previsto

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Birdgarden Un giardino biologico

Birdgarden Un giardino biologico Birdgarden Un giardino biologico - Progettazione del giardino - Scelta delle piante ed essenze vegetali - Creazione di laghetti e/o piccoli stagni - Installazione di nidi e mangiatoie - Come attirare le

Dettagli

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca MUSEO STORICO DELLA RESISTENZA Sant Anna di Stazzema COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca PARCO NAZIONALE DELL A PACE Parco nazion Alla cortese attenzione di: Dirigenti

Dettagli

Giosue Carducci: audioguida on line per smartphone

Giosue Carducci: audioguida on line per smartphone Giosue Carducci: audioguida on line per smartphone Istituzione scolastica capofila: Istituto comprensivo 12 di Bologna Scuola secondaria di primo grado Luigi Carlo Farini Museo: Biblioteca-archivio Casa

Dettagli

COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO

COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO ASSOCIAZIONE PRO LOCO SANLURI ASSOCIAZIONE PRO LOCO VILLANOVAFORRU COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO RESTAURO E RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO VALORIZZAZIONE AMBIENTALE DELL

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LETTURA LA SCUOLA VA IN BIBLIOTECA: ATTIVITA' DI PROMOZIONE ALLA LETTURA RISERVATA ALLA SCUOLA DELL'INFANZIA RIVOLTO A alunni della scuola dell infanzia e loro insegnanti. POSTI DISPONIBILI

Dettagli

Con il patrocinio di. Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016

Con il patrocinio di. Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016 Con il patrocinio di Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016 Gentile insegnante, anche per il presente anno scolastico il Centro di Educazione alla

Dettagli

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA Regolamento concorso Scuole e Studenti Zero Emissioni Anno scolastico 2015-2016 Acqua: risorsa infinita? Informazioni preliminari Per l anno scolastico 2015-2016 il

Dettagli

Un antica casa che non ha patito nella ristrutturazione. In basso: la storia di Langa è passata da

Un antica casa che non ha patito nella ristrutturazione. In basso: la storia di Langa è passata da 1 Un antica casa che non ha patito nella ristrutturazione. In basso: la storia di Langa è passata da questi ciabot, quando i nostri nonni li adoperavano per riempirli di foraggi o forse anche come umile

Dettagli

Per un sistema informativo delle cave del Veneto, MASSIMO ROSSI

Per un sistema informativo delle cave del Veneto, MASSIMO ROSSI Ricerche e proposte sulle cave del Veneto Convegno: auditorium di palazzo Bomben, via Cornarotta 7, Treviso; 10 marzo 2006. Esposizione: palazzo Caotorta, via Cornarotta 9, Treviso; dal 10 marzo al 19

Dettagli

INCONTRI CON IL MARE

INCONTRI CON IL MARE INCONTRI CON IL MARE Progetti didattici per le scuole 2011-2012 2012 Fondazione Cetacea Onlus Centro di Educazione Ambientale Via Torino 7/A- 47838 Riccione Tel.0541/691557-fax 0541/475830 www.fondazionecetacea.org

Dettagli

ogg.: PULIZIA MURA VENETE PROGETTO 2015/2017

ogg.: PULIZIA MURA VENETE PROGETTO 2015/2017 Gentile Sponsor, cara amica, caro amico, ogg.: PULIZIA MURA VENETE PROGETTO 2015/2017 con il Patrocinio del Comune di Bergamo In questi ultimi mesi molti passi avanti sono stati fatti in merito al progetto

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

RISORSA ACQUA Le risorse idriche del nostro territorio

RISORSA ACQUA Le risorse idriche del nostro territorio RISORSA ACQUA Le risorse idriche del nostro territorio Chi & dove Scuola Elementare di Manerbio Via Galliano, 10 25025 Manerbio Brescia manerbiodoc@ddmanerbio.it Classi coinvolte : Scuola Primaria - Classe

Dettagli

VIVAI NATURA. Azienda Florovivaistica - Fattoria Didattica PROGETTI PER LE SCUOLE

VIVAI NATURA. Azienda Florovivaistica - Fattoria Didattica PROGETTI PER LE SCUOLE VIVAI NATURA Azienda Florovivaistica - Fattoria Didattica PROGETTI PER LE SCUOLE anno scolastico 2009-2010 VIVAI NATURA Vivai Natura è un azienda agricola a indirizzo florovivaistico situata a Basiglio,

Dettagli

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO Dott. Agr. Alessandra Bazzocchi L area verde oggetto di studio,

Dettagli

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa Cari Oratori, ci stiamo avvicinando alla settimana diocesana degli Oratori, un momento forte che ci permette di concentrare l attenzione sulle nostre realtà educative.

Dettagli

MA TU QUANTO SEI FAI?

MA TU QUANTO SEI FAI? MA TU QUANTO SEI FAI? 1. VALORIZZARE IL PASSATO PER UN FUTURO MIGLIORE a. Quante volte al mese vai a cercare notizie sulla storia del tuo paese/città nella biblioteca comunale? o 3 volte o 1 volta b. Ti

Dettagli

INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI

INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI VILLAGGI In questa azione il concetto di accesso a un bene patrimoniale viene esteso ad una più ampia valorizzazione della vita

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE, STRUTTURE E IMPIANTI PUBBLICI INTERVENTI A FAVORE DEGLI ENTI LOCALI DANNEGGIATI DA EVENTI CALAMITOSI DEL 30.08.2007 INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

REGIONANDO 2001. Studio e analisi del paesaggio e del territoriorurale della Lombardia

REGIONANDO 2001. Studio e analisi del paesaggio e del territoriorurale della Lombardia REGIONANDO 2001 Regione Lombardia - Direzione Generale Agricoltura Gestione Ambiente Rurale e Foreste Struttura Ambiente Rurale e Fauna Studio e analisi del paesaggio e del territoriorurale della Lombardia

Dettagli

1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica

1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica 1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica 2) Procedere GRADUALMENTE alla riattivazione idraulica e paesaggistica del SISTEMA DEI NAVIGLI 3) Attraverso un PROGETTO DI FATTIBILITÀ

Dettagli

CONOSCI LA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA

CONOSCI LA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA CONOSCI LA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA Quaderno del birdwatching di: Data del rilevamento: / / Ora (inizio rilevamento) : (fine rilevamento) : Descrizione area rilevamento: Località Provincia Condizioni

Dettagli

RELAZIONE DEL PROFESSOR GIUSEPPE PATRIGNANI ORTO BOTANICO DIDATTICO SPERIMENTALE CASCINA ROSA DI MILANO

RELAZIONE DEL PROFESSOR GIUSEPPE PATRIGNANI ORTO BOTANICO DIDATTICO SPERIMENTALE CASCINA ROSA DI MILANO RELAZIONE DEL PROFESSOR GIUSEPPE PATRIGNANI ORTO BOTANICO DIDATTICO SPERIMENTALE CASCINA ROSA DI MILANO CENSIMENTO BOTANICO DEL MAGGIO 2010 SULLA DARSENA Darsena Pioniera 1 La zona parzialmente allagata

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 11/10/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 11/10/2014 Deliberazione n. 71 del 11/10/2014 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE Seduta del 11/10/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE DELLO STUDIO PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE

Dettagli

Bando di Concorso Balconi Fioriti 2014 Città di Matera

Bando di Concorso Balconi Fioriti 2014 Città di Matera 1 Bando di Concorso Balconi Fioriti 2014 Città di Matera I fiori sono gioielli della natura, con la loro ricchezza, ella, veste la sua bellezza estiva. George Croly I fiori e il sole sono la sola bellezza

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

L occasione che possiamo offrire per questo è la partecipazione ad un Concorso Trismoka, Concorso biennale dal titolo Visioni di vita nuova.

L occasione che possiamo offrire per questo è la partecipazione ad un Concorso Trismoka, Concorso biennale dal titolo Visioni di vita nuova. Spett.le Preside, Trismoka s.r.l., azienda bresciana dedita dal 1962 alla torrefazione e alla fornitura di miscele di caffè di pregio nelle province di Brescia e Bergamo, è da anni impegnata in attività

Dettagli

Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana.

Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana. I NOTIZIARI DEL DUCE. Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana. I - Sintesi del progetto I notiziari, redatti dall Ufficio I sezione situazione del Comando

Dettagli

Prot. 35/2015/Segr. Padova, 12 maggio 2015. Ai Dirigenti Scolastici delle scuole secondarie di secondo grado del Veneto

Prot. 35/2015/Segr. Padova, 12 maggio 2015. Ai Dirigenti Scolastici delle scuole secondarie di secondo grado del Veneto Prot. 35/2015/Segr. Padova, 12 maggio 2015 Ai Dirigenti Scolastici delle scuole secondarie di secondo grado del Veneto Oggetto: Partecipazione al percorso sperimentale propedeutico alla formale organizzazione

Dettagli

ICONA PROGETTO SCUOLA. Linee guida

ICONA PROGETTO SCUOLA. Linee guida ICONA Linee guida 5 ELEMENTI COSTITUTIVI 6 costruzione 7 area di rispetto 8 DIMENSIONE MINIMA 9 PALETTE CROMATICA 10 CARATTERI TIPOGRAFICI 11 VERSIONE A COLORI 12 VERSIONE IN SCALA DI GRIGIO 13 CO-BRANDING

Dettagli

PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PARTIRE DAI BANCHI DI SCUOLA

PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PARTIRE DAI BANCHI DI SCUOLA ORDINE INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CATANIA E ASSESSORATO REGIONALE ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE AZIENDA USL 3 DI CATANIA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SCOLASTICHE DEL

Dettagli

Dall Oriente a Torino

Dall Oriente a Torino Dall Oriente a Torino Negli anni Trenta del Settecento, Villa della Regina venne arricchita di preziosi gabinetti decorati alla China, piccoli ambienti che ospitavano servizi da tè, caffè e cioccolata

Dettagli

LA PARTECIPANZA AGRARIA DI NONANTOLA: MILLE ANNI DI STORIA TRA ARCHEOLOGIA E AMBIENTE

LA PARTECIPANZA AGRARIA DI NONANTOLA: MILLE ANNI DI STORIA TRA ARCHEOLOGIA E AMBIENTE LA PARTECIPANZA AGRARIA DI NONANTOLA: MILLE ANNI DI STORIA TRA ARCHEOLOGIA E AMBIENTE Scuola: Istituto comprensivo Fratelli Cervi - Scuola secondaria di I grado Dante Alighieri di Nonantola (Modena) MUSEO:

Dettagli

Circolo Alexander Langer - Monza. Da un incisione della prima metà del 1700

Circolo Alexander Langer - Monza. Da un incisione della prima metà del 1700 Da un incisione della prima metà del 1700 OASI AMBIENTALE DI PIAZZA Dove siamo All intersezione del fiume Lambro con il Lambretto. Di fianco alla Stazione FS di Monza ed al capolinea di molti autobus.

Dettagli

In visita al Parco: il territorio organizzato. IC Petritoli Scuola Primaria di Monte Giberto Classe Quinta Ins. Clara Rossi 2à parte

In visita al Parco: il territorio organizzato. IC Petritoli Scuola Primaria di Monte Giberto Classe Quinta Ins. Clara Rossi 2à parte In visita al Parco: il territorio organizzato IC Petritoli Scuola Primaria di Monte Giberto Classe Quinta Ins. Clara Rossi 2à parte Obiettivo Promuovere lo studio e la conoscenza dei parchi regionali e

Dettagli

L Atlante degli Uccelli nidificanti nella Riserva naturale del Lago di Vico

L Atlante degli Uccelli nidificanti nella Riserva naturale del Lago di Vico Giornata Romana di Ornitologia Metodi, strumenti e approcci nell ornitologia di base e applicata Roma, Università degli Studi Roma Tre 24 Novembre 2012 L Atlante degli Uccelli nidificanti nella Riserva

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

L investimento progettuale dei CSV Veneti a favore delle associazioni di volontariato nel 2013

L investimento progettuale dei CSV Veneti a favore delle associazioni di volontariato nel 2013 Padova 5 dicembre 2014 I Centri Servizio Volontariato del Veneto l sette Centri Servizi Volontariato - CSV gestiti dai coordinamenti provinciali del volontariato (Enti gestori), sono enti che raggruppano

Dettagli

LAZIO 5 Aprile 1988, n. 18 TUTELA DI ALCUNE SPECIE DELLA FAUNA MINORE

LAZIO 5 Aprile 1988, n. 18 TUTELA DI ALCUNE SPECIE DELLA FAUNA MINORE LAZIO 5 Aprile 1988, n. 18 TUTELA DI ALCUNE SPECIE DELLA FAUNA MINORE Art. 1 La Regione persegue il fine di assicurare la conservazione della flora e della fauna selvatica minore e del loro habitat con

Dettagli

Azienda Agricola Francesco da Schio Via Casalini, 20 Cambio 45010 Villadose (Rovigo)

Azienda Agricola Francesco da Schio Via Casalini, 20 Cambio 45010 Villadose (Rovigo) EVENTO SULL'AGROFORESTAZIONE (AGROFORESTRY) A EXPO 2015 SABATO 12 SETTEMBRE 2015, (EU PAVILION), MILANO. Azienda Agricola Francesco da Schio Via Casalini, 20 Cambio 45010 Villadose (Rovigo) EVENTO SULL'AGROFORESTAZIONE

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

CENTRO CULTURALE VALENTINIANO

CENTRO CULTURALE VALENTINIANO SAN VALENTINO ED I GIOVANI VII edizione Concorso Artistico Letterario Anno 2016 PREMESSA: - L Associazione Centro Culturale Valentiniano, in collaborazione con la Basilica San Valentino in Terni, con il

Dettagli

2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA

2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA INDICE DEI CONTENUTI 1. PREMESSA 2 2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA 2 3. PROPOSTE DI INTERVENTO 6 DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA 9 1 1. PREMESSA Come indicato nell Allegato A Relazione tecnica

Dettagli

OASI WWF BOSCO VILLORESI CENSIMENTO FLORISTICO ARBOREO-ARBUSTIVO. Dott. Nat. Giuseppe Stablum

OASI WWF BOSCO VILLORESI CENSIMENTO FLORISTICO ARBOREO-ARBUSTIVO. Dott. Nat. Giuseppe Stablum OASI WWF BOSCO VILLORESI CENSIMENTO FLORISTICO ARBOREO-ARBUSTIVO Dott. Nat. Giuseppe Stablum MARZO 2012/ FEBBRAIO 2013 Si illustra di seguito il censimento delle specie arboree ed arbustive della seconda

Dettagli

I Centri Servizio Volontariato del Veneto

I Centri Servizio Volontariato del Veneto I Centri Servizio Volontariato del Veneto l sette Centri Servizi Volontariato - CSV gestiti dai coordinamenti provinciali del volontariato (Enti gestori), sono enti che raggruppano 1.716 associazioni,

Dettagli

NATURSIMUL MACERATI GLICERINATI

NATURSIMUL MACERATI GLICERINATI Macerati glicerinati Natursimul www.natursimul.it ABIES PECTINATA gemme (Abete bianco gemme) - MG - 1DH Vol. Alc. 30 % (idrato anidro 15 ml) Ingredienti: acqua, alcol etilico*, stabilizzante: glicerina

Dettagli

Natura da vivere! PROPOSTE DIDATTICHE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E ALLA SOSTENIBILITA' a.s. 2014/15

Natura da vivere! PROPOSTE DIDATTICHE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E ALLA SOSTENIBILITA' a.s. 2014/15 Natura da vivere! PROPOSTE DIDATTICHE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E ALLA SOSTENIBILITA' a.s. 2014/15 in collaborazione con ASSOCIAZIONE CULTURALE LE LIBELLULE CHI SIAMO? Siamo un gruppo di persone che lavorano

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

Emilia Romagna: 2014, l anno della formazione

Emilia Romagna: 2014, l anno della formazione Emilia Romagna: 2014, l anno della formazione FOCUS La formazione dei volontari di Protezione civile, settore che dal 2002 è in continua crescita ed evoluzione, rappresenta il fiore all occhiello dell

Dettagli

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Premessa Il MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE di Schilpario successivamente indicato solamente come MUSEO ETNOGRAFICO

Dettagli

GUIDA PER L INSEGNANTE

GUIDA PER L INSEGNANTE LEGGO IO CONCORSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Progetto didattico: Maria Corno Progetto grafico e realizzazione editoriale: Noesis - Milano Illustrazioni: Archivio Piemme 2015 - Edizioni Piemme S.p.A., Milano

Dettagli

Concorso fotografico Scatta al Parco! - Prima Edizione

Concorso fotografico Scatta al Parco! - Prima Edizione Concorso fotografico Scatta al Parco! - Prima Edizione REGOLAMENTO CONCORSO FOTOGRAFICO SCATTA AL PARCO! Il Parco Naturale Regionale Molentargius-Saline organizza per la prima volta, con il supporto delle

Dettagli

Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali

Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali Dott. Massimo Lazzarini Direttore Area Programmazione ---- Padova 20 marzo 2013 Le acque del Comprensorio di

Dettagli

CERVARA. Scuola. nell DI QUINTO TREVISO FONDAZIONE CASSAMARCA. Parco Naturale Regionale del Fiume Sile. Comune di Quinto di Treviso

CERVARA. Scuola. nell DI QUINTO TREVISO FONDAZIONE CASSAMARCA. Parco Naturale Regionale del Fiume Sile. Comune di Quinto di Treviso a Scuola CRISTINA DI QUINTO TREVISO nell OASISANTA CERVARA Alla scoperta del PALUDARIUM DEL PARCO DEL SILE In collaborazione con Parco Naturale Regionale del Fiume Sile Comune di Quinto di Treviso FONDAZIONE

Dettagli

ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI

ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI Bando progetti speciali a.s. 2014-2015 INDICE I. ELENCO DEI PARTNER DI PROGETTO... 2 II. PERIODO

Dettagli

PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA

PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA Il progetto prevede la valorizzazione delle strutture del CEA Pelobates e degli aspetti naturalistici ed ambientali dell

Dettagli

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa Siglato a Milano il 17 Maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA TRA Associazione fra le Banche Estere in Italia (di seguito AIBE ), con sede in Milano in Piazzale Cadorna

Dettagli

IL VERDE PUBBLICO 2.0

IL VERDE PUBBLICO 2.0 IL VERDE PUBBLICO 2.0 Approcci innovativi alla gestione del verde 21 novembre 2014, Brindisi Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani, L. n 10/2013: cosa significa per i Comuni? Dott.ssa for. Francesca

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

PROGETTO DI CARTOGRAFIA PER LA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2014/15

PROGETTO DI CARTOGRAFIA PER LA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2014/15 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD PROGETTO DI CARTOGRAFIA PER LA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014/15 INSEGNANTE REFERENTE: Ferrari Elisa SASSUOLO E LA CARTOGRAFIA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Scuola

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

- che attualmente il Lazio è interessato da 6 aree protette nazionali e da 69 aree protette regionali

- che attualmente il Lazio è interessato da 6 aree protette nazionali e da 69 aree protette regionali OGGETTO: PROPOSTA DI ISTITUZIONE DEL MONUMENTO NATURALE ''LAGHETTO IN LOC. SEMBLERA MONTEROTONDO SCALO'' AI SENSI DELL'ART. 6 DELLA LEGGE REGIONALE 6 OTTOBRE 1997 N. 29 E SS.MM.II. - APPROVAZIONE DELLA

Dettagli

Regolamento Visite e Viaggi

Regolamento Visite e Viaggi Regolamento Visite e Viaggi Regolamento Visite e Viaggi Premessa Come è noto sono state a tutt'oggi emanate numerose circolari in materia di visite guidate e viaggi di istruzione. Alla luce dell'esperienza

Dettagli

PROGETTO DI CARTOGRAFIA PER LA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/16

PROGETTO DI CARTOGRAFIA PER LA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/16 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD PROGETTO DI CARTOGRAFIA PER LA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/16 INSEGNANTE REFERENTE: Ferrari Elisa SASSUOLO E LA CARTOGRAFIA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Scuola

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione di CARSOLI Sandro Iacuitti

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione di CARSOLI Sandro Iacuitti Mostra fotografica Arboreto salvatico alberi e boschi naturali delle montagne italiane omaggio a Mario Rigoni Stern RELAZIONE SULL EVENTO Il Presidente e il Consiglio Direttivo della Sezione hanno espresso

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER LA MOSTRA FOTOGRAFICA BORGHI E PAESAGGI DELLA TUSCIA

BANDO DI CONCORSO PER LA MOSTRA FOTOGRAFICA BORGHI E PAESAGGI DELLA TUSCIA BANDO DI CONCORSO PER LA MOSTRA FOTOGRAFICA BORGHI E PAESAGGI DELLA TUSCIA La provincia di Viterbo vanta un patrimonio artistico ambientale che merita di essere promosso e valorizzato, al fine di garantire

Dettagli

PIANO ATTUATIVO Atr2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE RESIDENZIALE

PIANO ATTUATIVO Atr2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE RESIDENZIALE CITTA' DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII Provincia di Bergamo Committenti: Avv. Gabriele Terzi Gestimont srl Ghisleni Alberto e Belotti Emanuela Costruzioni Agazzi srl Rossi Luca Opera Diocesana San Narno

Dettagli

CODICE REGIONALE N AATVNU19

CODICE REGIONALE N AATVNU19 AZIENDA VENATORIA AGRO-TURISTICO- ISALLE/ORRULE CODICE REGIONALE N AATVNU19 REGOLAMENTO ATTIVITA VENATORIA E LISTINO PREZZI ANNO 2011-2012 Art.1 Nell ambito dell Azienda Agro-Turistico-Venatoria Isalle/Orrule,

Dettagli

Comitato Libro Parlato San Vito sezione staccata dell Associazione Centro Internazionale del Libro Parlato A.Sernagiotto Relazione giugno 2009

Comitato Libro Parlato San Vito sezione staccata dell Associazione Centro Internazionale del Libro Parlato A.Sernagiotto Relazione giugno 2009 Comitato LibroParlato SanVito sezionestaccatadell Associazione CentroInternazionaledelLibroParlato A.Sernagiotto Relazionegiugno2009 Quest anno,oltreadivulgaregliargomentiprincipalilegatialladonazionedivoce,

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI

NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI Il Comitato Direttivo dell AUSER nazionale riunito a Roma in data 24 giugno 2015 - valutando

Dettagli

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 Area Protetta Provinciale GIARDINO BOTANICO MONTANO PRATORONDANINO Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 2 PRESENTAZIONE Il Giardino Botanico di Pratorondanino, ideato nel 1979

Dettagli

STRUMENTI ED AZIONI PER EDUCARE ALLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI ATTRAVERSO LA RACCOLTA DIFFERENZIA- TAED IL CONSUMO CONSAPEVOLE.

STRUMENTI ED AZIONI PER EDUCARE ALLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI ATTRAVERSO LA RACCOLTA DIFFERENZIA- TAED IL CONSUMO CONSAPEVOLE. STRUMENTI ED AZIONI PER EDUCARE ALLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI ATTRAVERSO LA RACCOLTA DIFFERENZIA- TAED IL CONSUMO CONSAPEVOLE. IL PROGETTO ERREDÌ è un progetto pluriennale che si fonda sul riconoscimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "EUROPA" 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2. telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE EUROPA 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2. telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "EUROPA" 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2 telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816 http://www.iceuropa.it - e-mail: raic809002@istruzione.it PEC: raic809002@pec.istruzione.it

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione

ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione PROVINCIA DI POTENZA Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Home PIANO D AZIONE ENEPOLIS Indice ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione L attività E comprende tre azioni specifiche;

Dettagli

CURRICOLI DELLE ATTIVITA ALTERNATIVE ALLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. spiga di Lucia somatico e della

CURRICOLI DELLE ATTIVITA ALTERNATIVE ALLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. spiga di Lucia somatico e della SAPERI OBIETTIVI CONTENUTI STRUMENTI -La carta d identità. -sussidio didattico conoscenza della propria collana I quaderni identità sotto l aspetto spiga di Lucia somatico e della Russo, Cittadinanza e

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO PROGRAMMA AMMINISTRATIVO (Art. 71, comma 2, del D. Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) AI CITTADINI DEL COMUNE DI ROGHUDI La lista dei candidati al Consiglio comunale e la collegata candidatura alla carica di

Dettagli