N componente 5 N azione Realizzazione di campagne di comunicazione. Analisi Azioni sperimentali nei Comuni di Pietra Ligure e Laigueglia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N componente 5 N azione 5.2.1 Realizzazione di campagne di comunicazione. Analisi Azioni sperimentali nei Comuni di Pietra Ligure e Laigueglia"

Transcript

1 N componente 5 N azione Realizzazione di campagne di comunicazione Analisi Azioni sperimentali nei Comuni di Pietra Ligure e Laigueglia AZIONE DI SISTEMA D Partner responsabile Regione Liguria 1

2 PREMESSA: Contesto dell'opera di informazione e comunicazione Nell'ambito della definizione di Linee guida per la gestione integrata dei rifiuti in ambiti costieri ad alta pressione turistica sono state implementate azioni di comunicazione ambientale finalizzate all'incremento della partecipazione delle utenze domestiche e non domestiche agli obiettivi di raccolta differenziata, specie nel periodo di alta stagione turistica. Il Comune di Pietra Ligure ed il Comune di Laigueglia, nell'ambito della Azione di Sistema D Modello di governo delle problematiche di conferimento dei rifiuti da escursioni stagionali (nautica, turismo) nei sistemi insidiativi e produttivi, sono stati individuati dalla Regione Liguria con D.D. n.98/2012 quali Aree Pilota presso le quali sono state sviluppate Campagne di Comunicazione Ambientale con lo scopo di incrementare i risultati di Raccolta Differenziata dei sistemi già presenti. I Comuni suddetti hanno caratteristiche differenti e sono stati scelti tra i comuni costieri come rappresentativi dei comuni di piccole e medie dimensioni interessati da elevati flussi turistici. Abitanti residenti Utenze Tarsu stabili Utenze Non domestiche Laigueglia Pietra Ligure Tabella 1: Comuni, abitanti ed utenze Beneficiari Nelle tabelle seguenti, a titolo d esempio, vengono quantificati i flussi turistici in termini di presenze dell anno La misura presenze, che rappresenta la somma delle giornate trascorse dai non residenti nei comuni oggetto di studio, oltre a rendere un idea dell importanza dei flussi turistici in questi territori, ci fornisce un dato comparabile alle informazioni anagrafiche dei comuni arrivando ad una definizione del numero di abitanti equivalenti presenti nel territorio in esame. Struture Alberghiere Laigueglia Pietra Ligure Alberghi Residenze turistico alberghiere Totale Tabella 2: presenze turistiche in Strutture Alberghiere 2

3 Struture extra-alberghiere Laigueglia Pietra Ligure Affittacamere Bed & Breakfast Campeggi Case e appartamenti per vacanze Case per ferie Parchi vacanze Agriturismo Totale Tabella 3: Presenze turistiche Strutture Extra-Alberghiere Per rendere meglio l idea dell influenza dei flussi turistici sulla popolazione di questi comuni si riporta la nella tabella seguente il valore degli abitanti equivalenti ed il rapporto rispetto alla popolazione residente. Laigueglia Pietra Ligure Abitanti residenti Abitanti equivalenti Variazione percentuale 125% 115% Tabella 4: Abitanti equivalenti nei comuni di Laigueglia e Pietra Ligure In seguito all analisi dei dati relativi alla pressione turistica, i Comuni di Laigueglia e Pietra Ligure sono stati individuati come i beneficiari delle campagne sperimentali di Comunicazione per l incremento delle raccolte differenziate. Nel corso dell estate 2012 le Campagne, progettate e bandite dai Comuni, sono state messe in atto dall Appaltatore tramite la costante condivisione degli obiettivi e dei contenuti con le rispettive Amministrazioni Comunali e il Soggetto Gestore del servizio di Igiene Urbana secondo le linee guida stabilite dalla Regione Liguria. Seppure con obiettivi e contenuti simili, il Soggetto Appaltatore, ERICA Soc.Coop., che si è aggiudicato gli appalti in entrambi i Comuni, ha svolto progettazione ed implementazione delle due Campagne in maniera indipendente per costruire in collaborazione con i Comuni un sistema comunicativo specifico delle rispettive realtà. L'obiettivo principale della campagna di comunicazione è di raggiungere in maniera incisiva e diffusa la popolazione turistica e le utenze non domestiche caratterizzate da picchi di produzione di 3

4 rifiuti nel periodo estivo al fine di mantenere elevata la quantità e qualità dei rifiuti raccolti in maniera differenziata. Nella relazione che segue vengono analizzati gli obiettivi, la coerenza dei continuti con quanto richiesto dal bando di gara, ed i risultati ottenuti dalle campagne di comunicazione. 4

5 1. CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FINALIZZATA ALLA MASSIMIZZAZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E ALLA DIFFUSIONE DEL SISTEMA DOMICILIARE 1.1 SINTESI DEGLI OBIETTIVI La strategia informativa di entrambi i Comuni, espressa nel progetto preliminare e nei documenti di gara, poggia le sue basi sulla realizzazione di elementi di comunicazione integrata, prevedendo: - interventi tipici delle campagne informative con vettori classici e materiali di visibilità (brochure, manifesti, locandine, striscioni, espositori etc.); - contatti diretti e incontri pubblici; - programmi di formazione interna; - mailing con distribuzione/cassettaggio postale suddiviso in utenze domestiche e utenze non domestiche; - attività di Ufficio Stampa e Relazioni Pubbliche. Gli obiettivi specifici Le finalità fondamentali delle azioni sperimentali di comunicazione sono state le seguenti:! anticipare ed accompagnare l attivazione dei servizi aggiuntivi rivolti alle utenze non domestiche;! coniugare le attività di comunicazione con quelle di monitoraggio del servizio;! coinvolgere in modo attivo i cittadini, le utenze selezionate e la popolazione turistica nello sviluppo delle raccolte differenziate;! coinvolgere in modo attivo le categorie che, a vario titolo svolgono una funzione di contatto tra l'amministrazione Comunale e le utenze saltuarie (turisti), quali gli amministratori condominiali e le agenzie immobiliari 5

6 ! aumentare la consapevolezza dei cittadini in merito al valore sociale, economico e ambientale della proprie scelte in materia di acquisto e di corretto smaltimento dei rifiuti;! ridurre la quantità di rifiuti conferiti in discarica, attraverso la riduzione dell acquisto di imballaggi e l aumento della raccolta differenziata! coinvolgere i turisti e i non residenti incrementando la consapevolezza, l'informazione e la partecipazione in relazione al sistema di raccolta differenziata in atto. Gli obiettivi specifici che si sono posti entrambi i Comuni e che dovevano essere trasmessi all'interno di due distinte attività di comunicazione sono: Aumentare la raccolta differenziata tramite la realizzazione di isole ecologiche stradali per facilitare il conferimento da parte di residenti e non residenti in orari diversi rispetto al calendario di raccolta domiciliare, Introdurre la raccolta differenziata del rifiuto organico con preventiva analisi dei bisogni delle utenze non domestiche, Migliorare la qualità dei rifiuti differenziati attraverso il monitoraggio delle isole ecologiche stradali e corretto conferimento degli utenti a seguito di interventi di formazione e coordinamento con gli Eco-vigili (corpo di Polizia Municipale), Incrementare la partecipazione della popolazione turistica e l'informazione circa le modalità del servizio attraverso: Campagna di Comunicazione tabellare e cartacea presso utenze non domestiche turistiche quali lidi balneari, ristoranti, campeggi, altre strutture ricettive Iniziative rivolte a proprietari di Seconde case e residenti, ad amministratori condominiale e agenzie immobiliari Punti informativi territoriali rivolti principalmente ai turisti per la diffusione delle modalità di raccolta, modalità di ritiro della dotazione kit per la raccolta differenziata 6

7 Incrementare l'informazione delle utenze turistiche anche attraverso il coinvolgimento di bambini e ragazzi in attività ludico-formative, Diffondere le finalità e gli obiettivi della campagna di comunicazione attraverso i media locali mediante comunicati stampa e conferenze stampa. Per quanto riguarda il Comune di Laigueglia, le attività di comunicazione dovevano essere finalizzate, in particolare, ad informare la popolazione degli interventi migliorativi del servizio che l'amministrazione Comunale ha messo in atto a partire dall estate, in particolare l incremento (da 2 a 7) delle isole ecologiche e l introduzione del servizio di raccolta domiciliare dei rifiuti organici per le Utenze non domestiche. Il Comune di Pietra Ligure, avendo già attivo sul suo territorio un servizio specifico per utenze non domestiche ed un sistema porta a porta avviato, non ha apportato modifiche radicali al servizio di raccolta, preferendo dedicarsi ad una accurata attività di sensibilizzazione che vede coinvolte soprattutto le utenze non domestiche turistiche. 1.2 TARGET I Target di riferimento per le due campagne di comunicazione sono le intere popolazioni residenti e non, dei due Comuni (nuclei familiari, esercizi commerciali, turisti e proprietari di seconde case non residenti). Come richiesto dal bando, nella predisposizione degli strumenti di comunicazione si è dovuto tener conto dei dati messi a disposizioni dalle Stazioni Appaltanti: Utenze Tarsu stabili Utenze Non domestiche Laigueglia (75 porta a porta organico) Pietra Ligure Tabella 5: Utenze beneficiarie 7

8 1.3 ATTIVITÀ E MATERIALI PREVISTI Di seguito si riporta sinteticamente la descrizione di tutti i materiali, gli strumenti informativi e le attività previsti dal Bando per i due Comuni: Materiali Previsti Numero previsto dal Bando Laigueglia Pietra Ligure Manifesti 70x100cm Locandine informative spazi pubblici (A3) Locandine informatve per spazi condominiali (A3) Striscioni (2x1m) 2 2 Pieghevoli (A4) espositori con tasca Posaceneri da spiaggia T-Shirt o Cappellini parasole per eventi animazione 300 o Cartelloni informativi forex o lamierino (70x100) 6 - Cartelloni informativi forex o lamierino (50 x 70) 10 - Cartelloni informativi forex o lamierino (per lidi) 50? Cartelloni informativi forex o lamierino (40x60) -? Pieghevole A4 per mailing Tabella 6: Materiali Previsti Attività di comunicazione previste Numero previsto dal Bando Laigueglia Pietra Ligure Info point iineranti (4 h) Conferenze stampa 1 1 Redazione di comunicati stampa 1 1 Incontri di educazione ambientale per bambini da 2 ore 16 - Incontri di formazione con VV.UU. 1 o 2?!? 1 Incontri con amministratori condominiali e Agenzie Immobiliari 1 1 Convegno regionale - 1 materiale ecovolontari - 60 Incontri di formazione con i volontari di scuole e associazioni - 2 Tabella 7: Attivitàdi comunicazione previste 8

9 Attività previste in fase di avvio Numero previsto dal Bando Laigueglia Pietra Ligure Censimento utenze non domestiche 80 utenze 100 utenze Distribuzione Kit per Porta a Porta 80 utenze 100 utenze Tabella 8: Attività previste in fase di avvio 9

10 2. ATTIVITÀ SPERIMENTALI SVOLTE NEL COMUNE DI LAIGUEGLIA Erica Soc. Coop. Si è aggiudicata la gara d appalto per l esecuzione delle suddette attività di comunicazione. Nel presente capitolo si riporta una sintetica descrizione delle attività realizzate e dei materiali prodotti per l implementazione delle attività progettate MATERIALE REALIZZATO IMMAGINE GRAFICA PROPOSTA Il primo passo per la progettazione dei materiali di comunicazione è l ideazione di un immagine coordinata e di un Head line concertato con l Amministrazione, il più possibile coerente con gli obiettivi della campagna: trasmettere l importanza di praticare correttamente la raccolta differenziata e sfruttare bene il servizio di raccolta ponendo più attenzione alla separazione dei materiali. Dalle proposte di Erica Soc. Coop. e dalle osservazioni degli Amministratori Comunali, è nato l Head line definitivo: Figura 1: Laigiueglia, immagine grafica campagna informativa 10

11 MATERIALE REALIZZATO Una volta stabilita l immagine grafica della campagna, si è proceduto alla stampa ed alla consegna dei seguenti materiali: N 150 MANIFESTI f.to 70 x 100 cm, stampa 4 coll. solo b Figura 2: Laigueglia, layout manifesti 11

12 N 200 LOCANDINE f.to 24 x 48 cm, stampa 4 coll. solo b Figura 3: Laigueglia, layout locandine 12

13 n. 200 ESPOSITORI da banco per pieghevoli Figura 4: Laigueglia, layout espositori a tasche 13

14 CARTELLONI PER SPIAGGE ED ISOLE ECOLOGICHE N.10 pannelli in forex f.to 50x70 per le spiagge libere (consegnati direttamente al Comune) N.50 pannelli in forex f.to A3 per i lidi balneari (distribuiti dal personale ERICA) N.6 pannelli in forex con f.to 70x100 per le isole ecologiche della città (consegnati al Comune) Figura 5: Laigueglia, layout cartelloni per spiagge ed isole ecologiche 14

15 PIEGHEVOLE INFORMATIVO SULLE MODALITÀ DI RACCOLTA f.to 21 x 29,7, 4 coll., 2 pieghe, 3 ante stampa b/v, su carta riciclata FSC N in italiano N in tedesco N in inglese Figura 6: Laigueglia, layout pieghevoli informativi 15

16 N 2 STRISCIONI f.to 200x100 cm per allestimento gazebo per animazione territoriale Figura 7: Laigueglia, layout striscioni N POSACENERI da spiaggia in plastica riciclata, per animazione territoriale Figura 8: Laigueglia, layout posaceneri da spiaggia 16

17 N 600 T-shirt bimbo, stampate sul fronte, per animazione territoriale Figura 9: Laigueglia, immagine per T-Shirt 17

18 VERIFICA COERENZA MATERIALE REALIZZATO Quantità Si riportano sinteticamente, nella tabella seguente i materiali previsti e le quantità effettivamente realizzate: Materiali Previsti Laigueglia N.previsto N. realizzati Manifesti 70x100cm Locandine informative spazi pubblici (A3) Locandine informatve per spazi condominiali (A3) 300 Striscioni (2x1m) 2 Pieghevoli (A4) espositori con tasca Posaceneri da spiaggia T-Shirt o Cappellini parasole per eventi animazione 300 o T-shirt Cartelloni informativi forex o lamierino (70x100) 6 6 Cartelloni informativi forex o lamierino (50 x 70) Cartelloni informativi forex o lamierino (per lidi) Tabella 9: verifica materiali forniti Mancano 300 Locandine per spazi pubblici, 300 locandine per condomini e 6000 pieghevoli Contenuti Dall analisi dei materiali e delle metodologie applicate per la progettazione ed la realizzazione, si può affermare che i contenuti e l immagine coordinata scelta per le pubblicazioni sono coerenti con gli obiettivi richiesti dal bando. I contenuti, concordati con l Amministrazione, rispecchiano le finalità descritte in precedenza:! anticipare ed accompagnare l attivazione dei servizi aggiuntivi rivolti alle utenze non domestiche;! coinvolgere in modo attivo i cittadini, le utenze selezionate e la popolazione turistica nello sviluppo delle raccolte differenziate;! aumentare la consapevolezza dei cittadini in merito al valore sociale, economico e ambientale della proprie scelte in materia di acquisto e di corretto smaltimento dei rifiuti;! ridurre la quantità di rifiuti conferiti in discarica, attraverso la riduzione dell acquisto di imballaggi e l aumento della raccolta differenziata 18

19 ! coinvolgere i turisti e i non residenti incrementando la consapevolezza, l'informazione e la partecipazione in relazione al sistema di raccolta differenziata in atto.! informare la popolazione degli interventi migliorativi del servizio che l'amministrazione Comunale ha messo in atto a partire dall estate, in particolare l incremento (da 2 a 7) delle isole ecologiche e l introduzione del servizio di raccolta domiciliare dei rifiuti organici per le Utenze non domestiche. Per poter misurare l efficacia di tali azioni, gli unici indicatori oggettivi possono essere le quantità di rifiuti differenziati raccolti, con particolare attenzione al rapporto con i risultati degli anni precedenti. (vedi Cap. 4) 2.2. ATTIVITÀ REALIZZATE NEL COMUNE DI LAIGUEGLIA DISTRIBUZIONE KIT PER RACCOLTA ORGANICO PRESSO UTENZE NON DOMESTICHE Oltre alla comunicazione effettuata attraverso manifesti, lettere alla cittadinanza, brochure, assemblee, e gli altri media pianificati, la consegna dei kit per le raccolte domiciliari rappresenta un'utile opportunità di contatto tra i responsabili del servizio (rappresentati dagli operatori) e i cittadini. Come previsto dal progetto, il Comune di Laigueglia ha effettuato presso le Utenze non Domestiche che partecipano la raccolta domiciliare dell'organico, la distribuzione dei materiali necessari. La consegna è avvenuta presso le 75 utenze ritenute grandi produttrici i primi giorni di Giugno e nel corso di questa attività gli operatori addetti hanno compiuto un vero e proprio censimento di tutte le utenze, aggiornando così la banca dati dei ruoli Tarsu e raccogliendo informazioni utili alla gestione ed al miglioramento del servizio. Le informazioni raccolte sono state gestite come previsto dal progetto: trasferimento su supporto telematico dei dati raccolti. aggiornamento del database sulla base delle evidenze raccolte in fase di consegna kit e avvio del servizio 19

20 In questo modo gli uffici tecnici comunali possono disporre di uno strumento aggiornato utile al contro dell attuale servizio ma anche alla progettazione ed alla gestione di servizi dedicati alle Utenze non domestiche produttrici di rifiuti organici. In un secondo momento Erica ha effettuato visite di verifica e controllo presso le 75 utenze come descritto al Cap ANIMAZIONE TERRITORIALE Tra il 10 agosto ed il 23 settembre 2012, in accordo con l amministrazione comunale, e come richiesto dal Bando, Erica Soc. Coop. ha programmato e svolto una serie interventi di comunicazione diretta tramite punti informativi sul territorio che avevano lo scopo di informare la cittadinanza e i turisti circa i servizi di raccolta rifiuti e di dare spiegazioni più in generale sulle raccolte differenziate attive sul territorio. Durante il corso della prima metà degli appuntamenti si è rilevata una buona affluenza di utenza, la cui buona parte attratta e incuriosita dai gadgets esposti (portacenere da spiaggia). La richiesta di informazioni si è rivelata conseguente all approccio curioso e, se in alcuni casi le domande sono state mirate e specifiche (dove ritirare i sacchetti, dove conferire alcuni tipi di rifiuti), nella maggior parte dei casi si è trattato di lamentele, spesso ripetitive. L utenza, sia residente sia turistica, lamenta infatti la tipologia di raccolta (porta a porta), per motivi diversi. I turisti criticano principalmente gli orari del ritiro, considerati poco adatti agli orari consueti di arrivo e di partenza, e la conseguente mancanza di piccoli o medi punti di raccolta ove conferire i rifiuti, senza doversi necessariamente recare all ecocentro o alle isole ecologiche. Si critica anche il metodo di ritiro dei sacchetti, dal momento che, qualora il padrone di casa non provveda a ritirarli e lasciarli a disposizione, in caso di case in affitto ci si trova sprovvisti, a rischio di multa e senza la possibilità di poter provvedere. I residenti criticano invece la tipologia, considerata poco igienica, della raccolta porta a porta attraverso sacchetti: numerosissime risultano infatti le lamentele per i gabbiani che rompono i sacchetti con il becco spargendo la spazzatura per il quartiere. Semplici avventori e alcuni titolari di stabilimenti balneari hanno criticato altresì la mancanza di sufficienti contenitori per il vetro, e la tipologia dei raccoglitori urbani divisi in due parti, 20

21 considerati poco utili (la gente non osserva attentamente la ripartizione e conferisce ogni tipo di rifiuto casuale senza suddividere). Sebbene sia stato oggetto di spiegazione come il ritiro del materiale sia ben differenziato, si nota il persistere dell osservazione vedo ritirare tutto insieme : alcuni cittadini hanno inoltre riferito di avere filmati e fotografie che potrebbero consegnare come documentazione (una signora ha addirittura affermato di voler chiamare Striscia la Notizia). Alcuni utenti hanno sottolineato anche la mancanza di posacenere urbani. In generale pare di riscontrare, più che interesse e avvicinamento alla proposta di raccolta, malcontento e diffidenza diffusi, sia da parte dei residenti sia da parte dei turisti, questi ultimi abituati a un organizzazione capillare e sistematica della raccolta differenziata nelle proprie città. Si segnala anche la scarsa e sporadica affluenza ai laboratori didattici, e una generica e maggiore affluenza di utenti durante l orario serale rispetto a quello giornaliero. 21

22 I punti informativi sono stati attivi nel periodo suddetto seguendo il seguente calendario: Tabella 10: Laigueglia, elenco attività di Info-point 22

23 Figura 10: Info-point a Laigueglia Figura 11: Info-point a Laigueglia 23

24 DISTRIBUZIONE MATERIALI INFORMATIVI PORTA A PORTA l attività di distribuzione porta a porta prevedeva, come da gara, tre fasi: - distribuzione di depliant informativi alle utenze domestiche - affissione cartelloni e distribuzione depliant informativi presso lidi balneari e utenze non domestiche - visite presso utenze non domestiche che aderiscono alla raccolta domiciliare dell organico Distribuzione di depliant informativi alle utenze domestiche Nel periodo compreso tra la metà di agosto e la prima metà di settembre 2012 si sono svolte le animazioni territoriali porta a porta nei confronti delle utenze domestiche residenti e non residenti. Come previsto da gara, ERICA ha utilizzato due squadre composte da 2 persone ciascuna per formare ed informare le famiglie circa i servizi di raccolta attivi sul territorio comunale oggetto del lavoro. In ogni giornata è stato possibile effettuare un elevato numero di consegne grazie al fatto che la densità abitativa è molto elevata. Il lavoro è stato eseguito da animatori territoriali debitamente formati e supervisionato da personale della E.R.I.C.A. soc. coop con esperienza pluriennale. Questo ha reso le consegne e le indagini più agevoli soprattutto per la conoscenza del territorio e del bacino d utenza del personale impiegato. Le consegne sono state effettuate recandosi presso gli utenti durante il giorno in modo da riuscire a contattare durante i pasti più gente possibile in casa. Affissione cartelloni e distribuzione depliant informativi presso lidi balneari e utenze non domestiche Sono stati distribuiti i pieghevoli con i relativi espositori a tutti gli stabilimenti balneari e alle attività turistiche del centro storico (ristoranti, panetterie, bar, negozi) e parte degli hotel sulla Via Aurelia. In particolare, in data 8 Agosto, sono stati distribuiti 49 pannelli in forex f.to A3 nei 43 lidi Balneari, uno è stato consegnato al Comune. 24

25 Visite presso utenze non domestiche che aderiscono alla raccolta domiciliare dell organico Sono state effettuate anche le visite one-to-one rivolte alle 75 utenze non domestiche che a inizio giugno 2012 avevano attivato il servizio di raccolta dell organico. Figura 12: Distribuzione materiali informativi porta a porta Figura 13: Materiali informativi distribuiti porta a porta 25

26 INCONTRI DI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE Come previsto da gara, Erica ha tenuto alcuni incontri di formazione con alcuni stakeholders: - Vigili Urbani - Amministratori di condominio Sono stati realizzati due incontri nei giorni 20 e 27 Novembre 2012 della durata di 2 ore con i rappresentanti dei Vigili Urbani ed un incontro il 27 Novembre con gli Amministratori Condominiali e le agenzie immobiliari in cui, gli esperti di Erica, con il supporto di presentazioni Power Point e dispense appositamente approntate hanno illustrato la normativa attuale a livello comunitario e nazionale e le scelte compiute dal Comune nell ambito della gestione ambientale. Nell ambito di queste riunioni oltre allo scambio di nozioni e di informazioni relative alle nuove misure apportate dal Comune di Laigueglia è stato possibile raccogliere molte osservazioni da parte dei partecipanti sull andamento dell attuale servizio. In particolare sono sorte alcune problematiche relative all organizzazione del nuovo servizio di raccolta porta a porta ATTIVITÀ DI UFFICIO STAMPA E RELAZIONI PUBBLICHE Erica Soc. Coop. Ha portato avanti le attività di Ufficio Stampa previste, in particolare: - La redazione di comunicati stampa - l organizzazione e la gestione di conferenze stampa (inviti, cartelle stampa, resoconti) Durante la conferenza sono state illustrate per la prima volta ai media locali le iniziative previste dal progetto, i materiali di comunicazione, la strategia e la pianificazione e dei tempi della campagna di comunicazione. Nel corso della campagna di comunicazione sono stati realizzati ulteriori comunicati stampa ad uso dell'amministrazione Comunale. 26

27 !"#$%&'()!*+*,'$!,$%*+*')-(,.%&'()!*+*$(.#)'$%&'()!*+*%./'!)0%1!* * Figura! 14: Risultati "#$$%&'#($)#*+#( delle attività di Ufficio Stampa * Figura 15: Risultati delle attività di Ufficio Stampa * * * 27

28 3. MATERIALI FORNITI ED ATTIVITÀ SVOLTE NEL COMUNE DI PIETRA LIGURE Erica Soc. Coop. Si è aggiudicata la gara d appalto per l esecuzione delle suddette attività sperimentali e di comunicazione ambientale. Nel presente capitolo si riporta una sintetica descrizione delle attività realizzate e dei materiali prodotti presso il Comune di Pietra Ligure MATERIALE REALIZZATO IMMAGINE GRAFICA PROPOSTA Il primo passo per la progettazione dei materiali di comunicazione è l ideazione di un immagine coordinata e di un Head line concertato con l Amministrazione, il più possibile coerente con gli obiettivi della campagna: trasmettere l importanza di praticare correttamente la raccolta differenziata e sfruttare bene il servizio di raccolta ponendo più attenzione alla separazione dei materiali. Relativamente alle due diverse opzioni grafiche proposte da Erica, una più incentrata sulla pulizia della città (e delle spiagge in particolare), l altra focalizzata sulla raccolta differenziata, i tecnici comunali hanno scelto quest ultima, più rispondente alle finalità sopra espresse. Ecco dunque l Head line definitivo: Figura 16: Pietra Ligure, immagine grafica campagna informativa 28

29 MATERIALE REALIZZATO Una volta stabilita l immagine grafica della campagna, si è proceduto alla stampa ed alla consegna dei seguenti materiali: N 150 MANIFESTI f.to 70 x 100 cm, stampa 4 coll. solo b Figura 17: Pietra Ligure, Layout manifesti 29

30 N 400 LOCANDINE f.to 24 x 48 cm, stampa 4 coll. solo b Figura 18: Pietra Ligure, layout locandine 30

31 n. 250 ESPOSITORI da banco per pieghevoli Figura 19: Pietra Ligure, Layout Espositori 31

32 PIEGHEVOLE INFORMATIVO SULLE MODALITÀ DI RACCOLTA f.to 21 x 29,7, 4 coll., 2 pieghe, 3 ante stampa b/v, su carta riciclata FSC N Multilingue In accordo con l Amministrazione Comunale nelle prime fasi di implementazione della campagna, si è scelto di produrre pieghevoli informativi multilingua (Italiano, Inglese e Francese) rispetto a quanto previsto dal progetto originario in cui si ipotizzava volantini in italiano, in inglese e in francese. Figura 20: Pietra Ligure, Layout pieghevoli informatvi 32

33 N 2 TOTEM/ROLL-UP per allestimento gazebo per animazione territoriale In accordo con l Amministrazione Comunale le parti hanno scelto di produrre in luogo dei due striscioni previsti due manifesti tipo Roll-up da utilizzare presso i gazebo dei punti informativi. Figura 21: Pietra Ligure, Layout Roll-up 33

34 N POSACENERI da spiaggia in plastica riciclata, per animazione territoriale Figura 22: Pietra Ligure, Layout posaceneri da spiaggia 34

35 VERIFICA COERENZA MATERIALE REALIZZATO Quantità Si riportano sinteticamente, nella tabella seguente i materiali previsti e le quantità effettivamente realizzate: Materiali Previsti N.previsto Pietra Ligure N. realizzati Manifesti 70x100cm Locandine informative spazi pubblici (A3) Locandine informatve per spazi condominiali (A3) Striscioni (2x1m) (Roll-Up) 2 2 Pieghevoli (A4) espositori con tasca Posaceneri da spiaggia Tabella 11: verifica materiali forniti Contenuti Dall analisi dei materiali e delle metodologie applicate per la progettazione ed la realizzazione, si può affermare che i contenuti e l immagine coordinata scelta per le pubblicazioni sono coerenti con gli obiettivi richiesti dal bando. I contenuti, concordati con l Amministrazione, rispecchiano le finalità descritte in precedenza:! anticipare ed accompagnare l attivazione dei servizi aggiuntivi rivolti alle utenze non domestiche;! coinvolgere in modo attivo i cittadini, le utenze selezionate e la popolazione turistica nello sviluppo delle raccolte differenziate;! aumentare la consapevolezza dei cittadini in merito al valore sociale, economico e ambientale della proprie scelte in materia di acquisto e di corretto smaltimento dei rifiuti;! ridurre la quantità di rifiuti conferiti in discarica, attraverso la riduzione dell acquisto di imballaggi e l aumento della raccolta differenziata! coinvolgere i turisti e i non residenti incrementando la consapevolezza, l'informazione e la partecipazione in relazione al sistema di raccolta differenziata in atto.! informare la popolazione degli interventi migliorativi del servizio che l'amministrazione Comunale ha messo in atto a partire dall estate, in particolare l incremento (da 2 a 7) delle isole 35

36 ecologiche e l introduzione del servizio di raccolta domiciliare dei rifiuti organici per le Utenze non domestiche. Per poter misurare l efficacia di tali azioni, gli unici indicatori oggettivi possono essere le quantità di rifiuti differenziati raccolti, con particolare attenzione al rapporto con i risultati degli anni precedenti. (vedi Cap. 4) 3.2. ATTIVITÀ REALIZZATE NEL COMUNE DI PIETRA LIGURE ANIMAZIONE TERRITORIALE A partire dal 10 agosto u.s. e fino al 19 agosto 2012, in accordo con l amministrazione comunale Erica ha programmato e svolto una serie di punti informativi sul territorio con lo scopo di informare la cittadinanza e i turisti circa i servizi di raccolta rifiuti e di dare spiegazioni più in generale sulle raccolte differenziate attive sul territorio. I punti informativi si sono svolti secondo il seguente calendario: Data Orario Luogo Intervenuti 10-ago Ranzi ago 9-13 Mercato - Piazza S. Nicolò ago 9-13; Centro Storico - Ranzi ago Centro Storico ago San Nicolò ago Centro Storico ago Fiera dell'assunta ago 9-13; Mercato - Piazza S. Nicolò ago Centro Storico ago Lungomare 250 Tabella 12: Elenco attività di Infopoint Sommando tutte le attività di info-point svolte è stata registrata la presenza di circa persone intervenute durante tali appuntamenti. Il contatto diretto con il pubblico è sempre un momento privilegiato di scambio di informazioni, richieste, dubbi e reclami. Nel corso degli incontri con la cittadinanza presso gli info-point le domande e le osservazioni più frequenti rivolte agli animatori ambientali sono state: - Come si può richiedere una compostiera? 36

N componente 5 N azione 5.2.1 Realizzazione di campagne di comunicazione COMUNE DI PIETRA LIGURE

N componente 5 N azione 5.2.1 Realizzazione di campagne di comunicazione COMUNE DI PIETRA LIGURE N componente 5 N azione 5.2.1 Realizzazione di campagne di comunicazione COMUNE DI PIETRA LIGURE AZIONE DI SISTEMA D Partner responsabile Regione Liguria PREMESSA: Contesto dell'opera di informazione e

Dettagli

N componente 5 N azione 5.2.1 Realizzazione di campagne di comunicazione COMUNE DI LAIGUEGLIA

N componente 5 N azione 5.2.1 Realizzazione di campagne di comunicazione COMUNE DI LAIGUEGLIA N componente 5 N azione 5.2.1 Realizzazione di campagne di comunicazione COMUNE DI LAIGUEGLIA AZIONE DI SISTEMA D Partner responsabile Regione Liguria PREMESSA: Contesto dell'opera di informazione e comunicazione

Dettagli

- FONDI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DELLE RISORSE.

- FONDI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DELLE RISORSE. Allegato 1 alla Det. Dir. n 387/2015 BANDO Potenziamento della raccolta differenziata e prevenzione e riutilizzo dei rifiuti urbani D.G.R. Lazio 406/2012 risorse anno 2013 e D.G.R. Lazio 547/2014 risorse

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Linee guida generali

PIANO DI COMUNICAZIONE PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Linee guida generali COMUNE DI REGGIO EMILIA PIANO DI COMUNICAZIONE PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Linee guida generali 1. Inquadramento teorico del piano di comunicazione La gestione dei

Dettagli

IL NUOVO PROGETTO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI E LE AZIONI RELATIVE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO E COMUNITARIO

IL NUOVO PROGETTO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI E LE AZIONI RELATIVE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO E COMUNITARIO IL NUOVO PROGETTO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI E LE AZIONI RELATIVE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO E COMUNITARIO Il nuovo progetto di raccolta i numeri numero Abitanti 2.340 Famiglie 1.125 Utenze non

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

La campagna di comunicazione a sostegno dei progetti di raccolta differenziata 2006

La campagna di comunicazione a sostegno dei progetti di raccolta differenziata 2006 La campagna di comunicazione a sostegno dei progetti di raccolta differenziata 2006 Il logo e lo slogan della campagna Obiettivi della campagna: promuovere la raccolta differenziata ed ottenere il corretto

Dettagli

SETTORE AMBIENTE Ufficio Via Roma, 88-58022 Follonica (GR) Tel. 0566-59418 - Fax 0566-59213 mmontanari@comune.follonica.gr.it

SETTORE AMBIENTE Ufficio Via Roma, 88-58022 Follonica (GR) Tel. 0566-59418 - Fax 0566-59213 mmontanari@comune.follonica.gr.it PROGETTO PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI PRODOTTI NEL QUARTIERE 167 OVEST COMUNE DI FOLLONICA RELAZIONE TECNICA-ILLUSTRATIVA 1 PROGETTO DI RACCOLTA RIFIUTI PORTA A PORTA

Dettagli

Progetto pilota per la raccolta differenziata Liceo Scientifico G. Galilei di Lanciano

Progetto pilota per la raccolta differenziata Liceo Scientifico G. Galilei di Lanciano Progetto pilota per la raccolta differenziata Liceo Scientifico G. Galilei di Lanciano Sommario PREMESSA... 2 OBIETTIVI... 2 DESTINATARI... 2 METODOLOGIA... 3 SISTEMA PREMIANTE... 4 DETTAGLIO PROGETTO...

Dettagli

GRUPPO DI AZIONE COSTIERA JONICO SALENTINO scarl

GRUPPO DI AZIONE COSTIERA JONICO SALENTINO scarl CAPITOLATO TECNICO GARA D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE, ORGANIZZAZIONE E REALIZZAZIONE DI UNA CAMPAGNA DI ANIMAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DEL PRODOTTO ITTICO E DELLA DIVERSIFICAZIONE

Dettagli

Verso l ottimizzazione della differenziata

Verso l ottimizzazione della differenziata COMUN GENERAL DE FASCIA PROPOSTA PROGETTUALE Verso l ottimizzazione della differenziata BANDO PER LE INIZIATIVE E GLI INTERVENTI DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE DELL AMBIENTE a.2012 RIVOLTO ALLE

Dettagli

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO 1. OGGETTO: Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO Nell ambito dell Accordo Quadro ANCI-CONAI, siglato il 01/04/2014 il presente Allegato Tecnico definisce le modalità di gestione dei

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA

COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA Danilo VISMARA Responsabile Marketing Milano, 7 OTTOBRE 2014 Il sistema milanese di gestione integrata dei rifiuti Amsa, azienda del

Dettagli

LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PROVINCIA DI PAVIA Divisione Territorio Settore Tutela Ambientale PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI AZIONI DI ATTUAZIONE LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

Offerta migliorativa 1

Offerta migliorativa 1 Offerta migliorativa 1 Offerte migliorative Istituzione servizi integrativi per i produttori di rifiuti speciali non assimilabili agli urbani. Nel generale interesse della salvaguardia ambientale e al

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.

STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p. STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA MSA S.p.A 11 GENNAIO 2012 1 Premesse e obiettivi Il piano prevede la revisione

Dettagli

La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole

La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole www.certificazione.info autore: Dr. Matteo Rapparini La certificazione di qualità nelle scuole La certificazione di qualità ISO 9001:2000 ha avuto recentemente

Dettagli

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE SULLA NUOVA RACCOLTA DIFFERENZIATA

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE SULLA NUOVA RACCOLTA DIFFERENZIATA Città di Andria Provincia BAT CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE SULLA NUOVA RACCOLTA DIFFERENZIATA Sintesi grafica dei principali vettori utilizzati nella fase di start up (stampati, allestimenti, spot, prodotti

Dettagli

RINNOVO PROTOCOLLO D INTESA tra REGIONE PIEMONTE e CONSORZIO NAZIONALE IMBALLAGGI

RINNOVO PROTOCOLLO D INTESA tra REGIONE PIEMONTE e CONSORZIO NAZIONALE IMBALLAGGI RINNOVO PROTOCOLLO D INTESA tra REGIONE PIEMONTE e CONSORZIO NAZIONALE IMBALLAGGI Il CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi, con sede in Roma, Via Tomacelli 132, in persona del Vice Direttore Generale,

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO E MONITORAGGIO CITTÀ METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE Osservatorio Provinciale Rifiuti Vincenza Di Malta

COMPOSTAGGIO DOMESTICO E MONITORAGGIO CITTÀ METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE Osservatorio Provinciale Rifiuti Vincenza Di Malta COMPOSTAGGIO DOMESTICO E MONITORAGGIO CITTÀ METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE Osservatorio Provinciale Rifiuti Vincenza Di Malta IL COMPOSTAGGIO NELLA REGIONE LAZIO COMUNE DI SANT ANGELO ROMANO,17 APRILE

Dettagli

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici Scuola Agraria del Parco di Monza 1 Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici MASSIMO CENTEMERO, SANDRO DI SCERNI, MARCO RICCI, VALENTINA CAIMI

Dettagli

LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI

LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI MENO RIFIUTI: ESPERIENZE A CONFRONTO LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI Terra Futura, 21 maggio 2011 Firenze, Fortezza da Basso Sala

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO il Regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi della Giunta regionale, 6 settembre 2002, n.1 e s.m.i.

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO il Regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi della Giunta regionale, 6 settembre 2002, n.1 e s.m.i. DGR. Del 30.04.2009, n. 291 OGGETTO: Programmazione delle risorse finanziarie per gli anni 2009 2011 destinate al potenziamento della Raccolta Differenziata e modifiche ed integrazioni alla D.G.R. 296/2008.

Dettagli

L impegno del Gruppo di Lavoro Turismo Sostenibile del Coordinamento Nazionale delle Agende 21 italiane: risultati raggiunti e azioni future.

L impegno del Gruppo di Lavoro Turismo Sostenibile del Coordinamento Nazionale delle Agende 21 italiane: risultati raggiunti e azioni future. Aalborg Commitments e Protocollo di Kyoto: idee progetti iniziative delle destinazioni turistiche italiane per la prevenzione dei cambiamenti climatici L impegno del Gruppo di Lavoro Turismo Sostenibile

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO. Approvato con Delibera GR n. 349 del 03/05/2010 Sottoscritto in data 17 giugno 2010-07-29

PROTOCOLLO D INTESA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO. Approvato con Delibera GR n. 349 del 03/05/2010 Sottoscritto in data 17 giugno 2010-07-29 REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO Approvato con Delibera GR n. 349 del 03/05/2010 Sottoscritto in data 17 giugno 2010-07-29 Progetto sperimentale per la promozione

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: WASTELESS IN CHIANTI Promotore/i: Provincia di Firenze Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

Servizio di Raccolta differenziata Porta a Porta al CENTRO STORICO

Servizio di Raccolta differenziata Porta a Porta al CENTRO STORICO Comune di Perugia Ass. Ambiente Servizio di Raccolta differenziata Porta a Porta al CENTRO STORICO Venerdì 25 marzo 2011 ore 21,00 Sala San Tommaso (ex circoscrizione) ZONE DI ATTIVAZIONE 2 1. ATTIVITA

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO CONSUNTIVO 2013 TARES PREVENTIVO 2014-2016 TARI CITTA DI ARESE

RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO CONSUNTIVO 2013 TARES PREVENTIVO 2014-2016 TARI CITTA DI ARESE RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO CONSUNTIVO 2013 TARES PREVENTIVO 2014-2016 TARI CITTA DI ARESE PIANO ECONOMICO FINANZIARIO TARES 2013 TARI 2014-2016 1 1. PREMESSA Il presente documento contiene la relazione

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE A cura di: ORR - Segreteria tecnico-ammistrativa Informazioni su news, eventi, corsi di formazione,

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

Progetto di massima per la valorizzazione e la promozione del turismo religioso nella Regione Basilicata:

Progetto di massima per la valorizzazione e la promozione del turismo religioso nella Regione Basilicata: Progetto di massima per la valorizzazione e la promozione del turismo religioso nella Regione Basilicata: Predisposto da Don Pierluigi Vignola e Patrizio Pinnarò Introduzione Il turismo religioso in Regione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani & Giovani SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale Settore E 11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE INTRODUZIONE Il Piano per la comunicazione e la partecipazione è uno strumento flessibile e quindi in condizione

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE LOCALE LOCAL COMMUNICATION PLAN Aggiornamento Gennaio 2013 Update January 2013

PIANO DI COMUNICAZIONE LOCALE LOCAL COMMUNICATION PLAN Aggiornamento Gennaio 2013 Update January 2013 PIANO DI COMUNICAZIONE LOCALE LOCAL COMMUNICATION PLAN Aggiornamento Gennaio 2013 Update January 2013 LIFE09 ENV/IT/000068 WASTELESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti

Dettagli

Progetto porta a porta

Progetto porta a porta Progetto porta a porta Il presente progetto intende sperimentare su differenti aree campione differenti sistemi organizzativi del servizio per sviluppare la Raccolta Differenziata La base del nuovo sistema

Dettagli

ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO. 1) Ente proponente il progetto:

ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO. 1) Ente proponente il progetto: ENTE 1) Ente proponente il progetto: Ente Capofila: COMUNE DI CELLOLE Enti partecipanti: NZ0316 COMUNE DI PIETRAMELARA NZ007 COMUNE DI MARZANO APPIO NZ0492 CONSORZIO TURISTICO BALNEARE BAIA DOMIZIA NZ04736

Dettagli

Sintetica descrizione del progetto: azioni previste, strumenti, metodologie e destinatari

Sintetica descrizione del progetto: azioni previste, strumenti, metodologie e destinatari Scheda riepilogativa del programma finalizzato Centri per l adattamento dell ambiente domestico per anziani e disabili - Anno 2004 in attuazione della Delibera del Consiglio regionale n. 615/2004 Riferimenti:

Dettagli

Comune di Eboli SETTORE AMBIENTE E MANUTENZIONE. Il Responsabile REGISTRO GENERALE. N 1086 del 01/07/2014 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE

Comune di Eboli SETTORE AMBIENTE E MANUTENZIONE. Il Responsabile REGISTRO GENERALE. N 1086 del 01/07/2014 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE REGISTRO GENERALE N 1086 del 01/07/2014 SETTORE AMBIENTE E MANUTENZIONE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE REGISTRO SETTORE N 248 DEL 01/07/2014 CORSO TEORICO-PRATICO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE DI ISPETTORI

Dettagli

TipTap Progetto ecosolidale per la raccolta di tappi di plastica

TipTap Progetto ecosolidale per la raccolta di tappi di plastica TipTap Progetto ecosolidale per la raccolta di tappi di plastica 1- PREMESSA: come nasce e come si realizza il progetto Il progetto "TipTap" è stato ideato dall Associazione Officina Trentatre Onlus in

Dettagli

Strumenti e modelli per la raccolta differenziata nelle aree urbane. Il caso di Torino

Strumenti e modelli per la raccolta differenziata nelle aree urbane. Il caso di Torino Strumenti e modelli per la raccolta differenziata nelle aree urbane. Il caso di Torino TORINO IN CIFRE (anno 2012) 906.900 abitanti residenti 72.900 attività non domestiche produttrici di rifiuti urbani

Dettagli

Piano di comunicazione esterna

Piano di comunicazione esterna Piano di comunicazione esterna Azioni di co-marketing per la promozione del territorio e attivazione azione pilota- Metrò del Mare Comune di Porto Torres 1 INDICE 1.INTRODUZIONE..3 1.1 SINTESI DELL AZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO 3.3 CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE ED INFORMAZIONE INDICE

PROVINCIA DI VITERBO 3.3 CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE ED INFORMAZIONE INDICE INDICE 1. CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE ED 2 1.1 Struttura della campagna di comunicazione nel territorio 6 1.2 Campagna di comunicazione per avvio servizi 9 1.3 Campagna di comunicazione a regime nel territorio

Dettagli

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure Esempi di applicazione della certificazione ambientale La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure 1 I riconoscimenti ottenuti 2 La dichiarazione ambientale 3 La dichiarazione

Dettagli

La raccolta differenziata e il compostaggio domestico. Assessorato all Ambiente Comune di Anguillara Sabazia

La raccolta differenziata e il compostaggio domestico. Assessorato all Ambiente Comune di Anguillara Sabazia La raccolta differenziata e il compostaggio domestico Assessorato all Ambiente Comune di Anguillara Sabazia La RD ad Anguillara: un po di storia progetto sperimentale avviato nel 2006 in collaborazione

Dettagli

CARTONIADI ABRUZZO GIUGNO 2013. Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica

CARTONIADI ABRUZZO GIUGNO 2013. Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica CARTONIADI ABRUZZO GIUGNO 2013 0 PREMESSA Comieco ha attivato uno studio di consulenza, esperto di tematiche ambientali e raccolta differenziata, in particolare, per verificare lo stato del servizio nei

Dettagli

STRUMENTI ED AZIONI PER EDUCARE ALLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI ATTRAVERSO LA RACCOLTA DIFFERENZIA- TAED IL CONSUMO CONSAPEVOLE.

STRUMENTI ED AZIONI PER EDUCARE ALLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI ATTRAVERSO LA RACCOLTA DIFFERENZIA- TAED IL CONSUMO CONSAPEVOLE. STRUMENTI ED AZIONI PER EDUCARE ALLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI ATTRAVERSO LA RACCOLTA DIFFERENZIA- TAED IL CONSUMO CONSAPEVOLE. IL PROGETTO ERREDÌ è un progetto pluriennale che si fonda sul riconoscimento

Dettagli

Piano annuale della comunicazione

Piano annuale della comunicazione Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza Piano annuale della comunicazione 2014 Approvato con verbale di determinazione dell amministratore unico n. 30 del 15/11/2013 SOMMARIO Premessa

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO

DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO Modello 2 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO BARGO AI GIOVANI SOGGETTO PROPONENTE/TITOLARE Associazione di volontariato I GIULLARI EVENTUALI SOGGETTI PARTNER O ATS AREA DI INTERVENTO

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI NELLE AREE AD ALTA INTENSITA ABITATIVA

COMUNE DI CORCIANO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI NELLE AREE AD ALTA INTENSITA ABITATIVA COMUNE DI CORCIANO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI NELLE AREE AD ALTA INTENSITA ABITATIVA Aprile 2011 Premessa Il servizio di raccolta differenziata nel Comune di Corciano ha iniziato ad operare in

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia Comune di Imperia Comune di Sanremo Comune di Ventimiglia In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia *** E-state IN SALUTE! *** 1 di 5 Obiettivo generale Realizzazione

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità :

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità : Direttore Operativo Il Direttore Operativo ha la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la continuità dei servizi ambientali di raccolta e smaltimento rifiuti nel contesto territoriale di competenza,

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

Avvio CETS Parchi Ossola Carta Europea del Turismo Sostenibile: l esperienza del Parco delle Alpi Marittime

Avvio CETS Parchi Ossola Carta Europea del Turismo Sostenibile: l esperienza del Parco delle Alpi Marittime Avvio CETS Parchi Ossola Carta Europea del Turismo Sostenibile: l esperienza del Parco delle Alpi Marittime Nanni Villani Responsabile Sviluppo Sostenibile e Comunicazione Parco Naturale delle Alpi Marittime

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 - Sviluppo Locale 4. Descrizione della

Dettagli

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Gennaio 2014 Il 28 novembre 2012, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è entrata in vigore la L. 6 novembre 2012 n.

Dettagli

La raccolta differenziata in Provincia di Rieti

La raccolta differenziata in Provincia di Rieti La raccolta differenziata in Provincia di Rieti 25 settembre 2014 parte II Società S.A.PRO.DI.R. e Rimodulazione Programma Finanziamenti 2012-2016 Provincia di Rieti Settore III Programmazione e Pianificazione

Dettagli

TRAVELPLAN.IT PRODOTTI E SERVIZI IL PORTALE DEDICATO AL TURISMO IN ITALIA INFORMAZIONI DI QUALITÀ, VENDITA E GRANDE VISIBILITÀ INTERNAZIONALE

TRAVELPLAN.IT PRODOTTI E SERVIZI IL PORTALE DEDICATO AL TURISMO IN ITALIA INFORMAZIONI DI QUALITÀ, VENDITA E GRANDE VISIBILITÀ INTERNAZIONALE www.travelplan.it IL PORTALE DEDICATO AL TURISMO IN ITALIA TRAVELPLAN.IT Travelplan.it : strumento indispensabile per tutti gli utenti Internet che sono alla ricerca di informazioni turistiche sull Italia.

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

1. REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE

1. REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE 1. REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE 1.1 Il presente regolamento contiene i criteri per la programmazione e l'attuazione dei viaggi d'istruzione. Per l organizzazione e lo svolgimento dei viaggi si fa riferimento

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

Start up di un nuovo sistema di. urbani

Start up di un nuovo sistema di. urbani Start up di un nuovo sistema di raccolta differenziata dei rifiuti urbani START UP DI UN SISTEMA DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI Lo START UP è quell insieme di azioni necessarie ad avviare correttamente

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 ENV/IT/000307 Beneficiario coordinatore: Comune di Reggio Emilia Via Emilia San Pietro, 12 42121 Reggio Emilia Referente progetto: Laura Montanari Tel. 0522-456251 Email

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 TITOLO DEL PROGETTO: ZINZUL USAMI ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore D 03 Valorizzazione storie e culture locali OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivi generali:

Dettagli

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi:

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi: Piano di monitoraggio socio economico del progetto LIFE Ripristino degli habitat dunali nel paesaggio serricolo del golfo di Gela per la salvaguardia di Leopoldia gussonei L azione D.3 Monitoraggio socio

Dettagli

ALLEGATO 2 PG 05.01 Gestione del servizio pubblico di raccolta

ALLEGATO 2 PG 05.01 Gestione del servizio pubblico di raccolta ALLEGATO 2 PG 05.01 SCOPO La presente procedura ha lo scopo di definire le modalità operative per la gestione dei servizi di raccolta pubblica pianificati da Fiemme Servizi SpA con riferimento alle singole

Dettagli

PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO

PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO È ormai noto che la base per orientare le future generazioni verso lo sviluppo sostenibile è l educazione

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: ELBA PLASTIC FREE Promotore/i: Provincia di Livorno Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO. 1) Ripartizione delle somme

DOCUMENTO TECNICO. 1) Ripartizione delle somme DOCUMENTO TECNICO Programmazione delle risorse finanziarie per gli anni 2014-2016 stanziate sul bilancio regionale - cap. E31900, cap. E32510 e cap. E32501, destinate alla Raccolta Differenziata. Le risorse

Dettagli

IGENIO UN SISTEMA INNOVATIVO PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA. Ing. Christian Amico 3939760603

IGENIO UN SISTEMA INNOVATIVO PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA. Ing. Christian Amico 3939760603 UN SISTEMA INNOVATIVO PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA IGENIO ATTREZZATURA MOBILE/SCARRABILE MULTIVASCA RIBALTABILE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI MARCHIO IGENIO denominativo No. 008913642 Ing.

Dettagli

Analisi gestione 2015 Uffici turistici Val di Cornia

Analisi gestione 2015 Uffici turistici Val di Cornia Analisi gestione 2015 Uffici turistici Val di Cornia ANALISI DELLE UTENZE PER UFFICIO UFFICIO INFORMAZIONI TURISTICHE PIOMBINO mese utenti Prime 3 nazionalità in ordine di % Principali 5 materiali richiesti

Dettagli

Progetto di Educazione allo Sviluppo Sostenibile e Sensibilizzazione alla Raccolta Differenziata Anno 2014/2015

Progetto di Educazione allo Sviluppo Sostenibile e Sensibilizzazione alla Raccolta Differenziata Anno 2014/2015 C I T T A' D I G A L A T I N A Provincia di Lecce ********** DIREZIONE TERRITORIO ED AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE TURISMO E MARKETING TERRITORIALE Progetto di Educazione allo Sviluppo Sostenibile e Sensibilizzazione

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA Educazione alla Sostenibilità a Tavola nella Scuola Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA PREMESSA Le società moderne vivono in una situazione di sazietà e i dati relativi allo spreco

Dettagli

PROGETTO DEL SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DELLA PROVINCIA DI GROSSETO

PROGETTO DEL SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DELLA PROVINCIA DI GROSSETO PROVINCIA DI GROSSETO Grosseto PROGETTO DEL SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DELLA PROVINCIA DI GROSSETO (Del. 1245 del 22/11/96) UHF\FOHG UHF\FODEOH Con la collaborazione di: Siena Ambiente SpA Strada

Dettagli

PIANO TERRITORIALE FAMIGLIA SOSTENIBILE per la promozione di pannolini lavabili e coppette mestruali

PIANO TERRITORIALE FAMIGLIA SOSTENIBILE per la promozione di pannolini lavabili e coppette mestruali PIANO TERRITORIALE FAMIGLIA SOSTENIBILE per la promozione di pannolini lavabili e coppette mestruali PROGETTO PRELIMINARE Aprile 2011 Il piano persegue l obiettivo principale di sensibilizzare il pubblico,

Dettagli

1. IL SERVIZIO I.L.CO.M.

1. IL SERVIZIO I.L.CO.M. REPORT ATTIVITÀ SERVIZIO I.L.Co.M. 2012 1. IL SERVIZIO I.L.CO.M. Il servizio I.L.Co.M., realizzato dalla Società Pubblica Zona Ovest di Torino Srl su incarico dei Comuni di Grugliasco e Collegno in convenzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE Art. 1 - Oggetto, finalità, tipologia Per viaggi d istruzione si intendono i viaggi organizzati dalla scuola che presentano come caratteristica essenziale

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII

REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.Lgs N. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DEL Servizio

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LIGURIA CUP LIGURIA CENTRO UNIFICATO DI PRENOTAZIONI SANITARIE DELLA REGIONE LIGURIA

REGIONANDO 2000 REGIONE LIGURIA CUP LIGURIA CENTRO UNIFICATO DI PRENOTAZIONI SANITARIE DELLA REGIONE LIGURIA REGIONANDO 2000 REGIONE LIGURIA CUP LIGURIA CENTRO UNIFICATO DI PRENOTAZIONI SANITARIE DELLA REGIONE LIGURIA Descrizione del progetto Il progetto prevede la realizzazione di un Centro unico di prenotazione

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

CALENDARI E SONDAGGI PER L ANNO NUOVO

CALENDARI E SONDAGGI PER L ANNO NUOVO CALENDARI E SONDAGGI PER L ANNO NUOVO È iniziata la distribuzione dei calendari per l anno nuovo realizzati dall Ufficio Ecologia del Comune di Saronno in collaborazione con Econord. L importante appuntamento

Dettagli

ORDINANZA N. 2389/07 PROT. N. 10529 / VI.8.8 DEL 30 MAGGIO 07 IL DIRETTORE. Premesso che:

ORDINANZA N. 2389/07 PROT. N. 10529 / VI.8.8 DEL 30 MAGGIO 07 IL DIRETTORE. Premesso che: DIVISIONE AMBIENTE E VERDE SETTORE CICLO DEI RIFIUTI ORDINANZA N. 2389/07 PROT. N. 10529 / VI.8.8 DEL 30 MAGGIO 07 IL DIRETTORE Premesso che: Il Consiglio Provinciale con deliberazione n. 367482 del 28

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data 29.01.2015 con Deliberazione di Consiglio Direttivo n.03 Pubblicato

Dettagli

ART. 2 COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE...2 ART. 3 PRESIDENZA E MODALITA DI CONVOCAZIONE...3

ART. 2 COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE...2 ART. 3 PRESIDENZA E MODALITA DI CONVOCAZIONE...3 REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E SOCIALE INDICE SOMMARIO: ART. 1 FINALITA...2 ART. 2 COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE...2 ART. 3 PRESIDENZA

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia PROGETTO UTENZE TARGET Allegato A: Scheda tecnica del progetto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA PAGINA: 1 DI 5 PREMESSA L obiettivo principale di questo progetto consiste nell incremento

Dettagli

PROGETTO RACCOLTA DIFFERENZIATA CENTRO STORICO

PROGETTO RACCOLTA DIFFERENZIATA CENTRO STORICO PROGETTO RACCOLTA DIFFERENZIATA CENTRO STORICO Riqualificazione dell area UNESCO attraverso un moderno sistema di raccolta differenziata domiciliare Napoli, 2 ottobre 2015 Palazzo San Giacomo 2 IL TERRITORIO

Dettagli

IPSSEOA Michelangelo Buonarroti - Fiuggi -

IPSSEOA Michelangelo Buonarroti - Fiuggi - IPSSEOA Michelangelo Buonarroti - Fiuggi - Procedure del Sistema di Gestione della Qualità PSI 04 Rev. 00 del 18/03/2013 Procedura : VIAGGI DI ISTRUZIONE ELENCO REVISIONI REVIS DATA MOTIVO RESPONSABILE

Dettagli

Provincia di Savona PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARI) PER L ANNO 2014

Provincia di Savona PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARI) PER L ANNO 2014 Comune di Boissano Provincia di Savona PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARI) PER L ANNO 2014 Legge di stabilità 2014 Legge 147/2013 e successive modifiche

Dettagli