N componente 5 N azione Realizzazione di campagne di comunicazione. Analisi Azioni sperimentali nei Comuni di Pietra Ligure e Laigueglia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N componente 5 N azione 5.2.1 Realizzazione di campagne di comunicazione. Analisi Azioni sperimentali nei Comuni di Pietra Ligure e Laigueglia"

Transcript

1 N componente 5 N azione Realizzazione di campagne di comunicazione Analisi Azioni sperimentali nei Comuni di Pietra Ligure e Laigueglia AZIONE DI SISTEMA D Partner responsabile Regione Liguria 1

2 PREMESSA: Contesto dell'opera di informazione e comunicazione Nell'ambito della definizione di Linee guida per la gestione integrata dei rifiuti in ambiti costieri ad alta pressione turistica sono state implementate azioni di comunicazione ambientale finalizzate all'incremento della partecipazione delle utenze domestiche e non domestiche agli obiettivi di raccolta differenziata, specie nel periodo di alta stagione turistica. Il Comune di Pietra Ligure ed il Comune di Laigueglia, nell'ambito della Azione di Sistema D Modello di governo delle problematiche di conferimento dei rifiuti da escursioni stagionali (nautica, turismo) nei sistemi insidiativi e produttivi, sono stati individuati dalla Regione Liguria con D.D. n.98/2012 quali Aree Pilota presso le quali sono state sviluppate Campagne di Comunicazione Ambientale con lo scopo di incrementare i risultati di Raccolta Differenziata dei sistemi già presenti. I Comuni suddetti hanno caratteristiche differenti e sono stati scelti tra i comuni costieri come rappresentativi dei comuni di piccole e medie dimensioni interessati da elevati flussi turistici. Abitanti residenti Utenze Tarsu stabili Utenze Non domestiche Laigueglia Pietra Ligure Tabella 1: Comuni, abitanti ed utenze Beneficiari Nelle tabelle seguenti, a titolo d esempio, vengono quantificati i flussi turistici in termini di presenze dell anno La misura presenze, che rappresenta la somma delle giornate trascorse dai non residenti nei comuni oggetto di studio, oltre a rendere un idea dell importanza dei flussi turistici in questi territori, ci fornisce un dato comparabile alle informazioni anagrafiche dei comuni arrivando ad una definizione del numero di abitanti equivalenti presenti nel territorio in esame. Struture Alberghiere Laigueglia Pietra Ligure Alberghi Residenze turistico alberghiere Totale Tabella 2: presenze turistiche in Strutture Alberghiere 2

3 Struture extra-alberghiere Laigueglia Pietra Ligure Affittacamere Bed & Breakfast Campeggi Case e appartamenti per vacanze Case per ferie Parchi vacanze Agriturismo Totale Tabella 3: Presenze turistiche Strutture Extra-Alberghiere Per rendere meglio l idea dell influenza dei flussi turistici sulla popolazione di questi comuni si riporta la nella tabella seguente il valore degli abitanti equivalenti ed il rapporto rispetto alla popolazione residente. Laigueglia Pietra Ligure Abitanti residenti Abitanti equivalenti Variazione percentuale 125% 115% Tabella 4: Abitanti equivalenti nei comuni di Laigueglia e Pietra Ligure In seguito all analisi dei dati relativi alla pressione turistica, i Comuni di Laigueglia e Pietra Ligure sono stati individuati come i beneficiari delle campagne sperimentali di Comunicazione per l incremento delle raccolte differenziate. Nel corso dell estate 2012 le Campagne, progettate e bandite dai Comuni, sono state messe in atto dall Appaltatore tramite la costante condivisione degli obiettivi e dei contenuti con le rispettive Amministrazioni Comunali e il Soggetto Gestore del servizio di Igiene Urbana secondo le linee guida stabilite dalla Regione Liguria. Seppure con obiettivi e contenuti simili, il Soggetto Appaltatore, ERICA Soc.Coop., che si è aggiudicato gli appalti in entrambi i Comuni, ha svolto progettazione ed implementazione delle due Campagne in maniera indipendente per costruire in collaborazione con i Comuni un sistema comunicativo specifico delle rispettive realtà. L'obiettivo principale della campagna di comunicazione è di raggiungere in maniera incisiva e diffusa la popolazione turistica e le utenze non domestiche caratterizzate da picchi di produzione di 3

4 rifiuti nel periodo estivo al fine di mantenere elevata la quantità e qualità dei rifiuti raccolti in maniera differenziata. Nella relazione che segue vengono analizzati gli obiettivi, la coerenza dei continuti con quanto richiesto dal bando di gara, ed i risultati ottenuti dalle campagne di comunicazione. 4

5 1. CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FINALIZZATA ALLA MASSIMIZZAZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E ALLA DIFFUSIONE DEL SISTEMA DOMICILIARE 1.1 SINTESI DEGLI OBIETTIVI La strategia informativa di entrambi i Comuni, espressa nel progetto preliminare e nei documenti di gara, poggia le sue basi sulla realizzazione di elementi di comunicazione integrata, prevedendo: - interventi tipici delle campagne informative con vettori classici e materiali di visibilità (brochure, manifesti, locandine, striscioni, espositori etc.); - contatti diretti e incontri pubblici; - programmi di formazione interna; - mailing con distribuzione/cassettaggio postale suddiviso in utenze domestiche e utenze non domestiche; - attività di Ufficio Stampa e Relazioni Pubbliche. Gli obiettivi specifici Le finalità fondamentali delle azioni sperimentali di comunicazione sono state le seguenti:! anticipare ed accompagnare l attivazione dei servizi aggiuntivi rivolti alle utenze non domestiche;! coniugare le attività di comunicazione con quelle di monitoraggio del servizio;! coinvolgere in modo attivo i cittadini, le utenze selezionate e la popolazione turistica nello sviluppo delle raccolte differenziate;! coinvolgere in modo attivo le categorie che, a vario titolo svolgono una funzione di contatto tra l'amministrazione Comunale e le utenze saltuarie (turisti), quali gli amministratori condominiali e le agenzie immobiliari 5

6 ! aumentare la consapevolezza dei cittadini in merito al valore sociale, economico e ambientale della proprie scelte in materia di acquisto e di corretto smaltimento dei rifiuti;! ridurre la quantità di rifiuti conferiti in discarica, attraverso la riduzione dell acquisto di imballaggi e l aumento della raccolta differenziata! coinvolgere i turisti e i non residenti incrementando la consapevolezza, l'informazione e la partecipazione in relazione al sistema di raccolta differenziata in atto. Gli obiettivi specifici che si sono posti entrambi i Comuni e che dovevano essere trasmessi all'interno di due distinte attività di comunicazione sono: Aumentare la raccolta differenziata tramite la realizzazione di isole ecologiche stradali per facilitare il conferimento da parte di residenti e non residenti in orari diversi rispetto al calendario di raccolta domiciliare, Introdurre la raccolta differenziata del rifiuto organico con preventiva analisi dei bisogni delle utenze non domestiche, Migliorare la qualità dei rifiuti differenziati attraverso il monitoraggio delle isole ecologiche stradali e corretto conferimento degli utenti a seguito di interventi di formazione e coordinamento con gli Eco-vigili (corpo di Polizia Municipale), Incrementare la partecipazione della popolazione turistica e l'informazione circa le modalità del servizio attraverso: Campagna di Comunicazione tabellare e cartacea presso utenze non domestiche turistiche quali lidi balneari, ristoranti, campeggi, altre strutture ricettive Iniziative rivolte a proprietari di Seconde case e residenti, ad amministratori condominiale e agenzie immobiliari Punti informativi territoriali rivolti principalmente ai turisti per la diffusione delle modalità di raccolta, modalità di ritiro della dotazione kit per la raccolta differenziata 6

7 Incrementare l'informazione delle utenze turistiche anche attraverso il coinvolgimento di bambini e ragazzi in attività ludico-formative, Diffondere le finalità e gli obiettivi della campagna di comunicazione attraverso i media locali mediante comunicati stampa e conferenze stampa. Per quanto riguarda il Comune di Laigueglia, le attività di comunicazione dovevano essere finalizzate, in particolare, ad informare la popolazione degli interventi migliorativi del servizio che l'amministrazione Comunale ha messo in atto a partire dall estate, in particolare l incremento (da 2 a 7) delle isole ecologiche e l introduzione del servizio di raccolta domiciliare dei rifiuti organici per le Utenze non domestiche. Il Comune di Pietra Ligure, avendo già attivo sul suo territorio un servizio specifico per utenze non domestiche ed un sistema porta a porta avviato, non ha apportato modifiche radicali al servizio di raccolta, preferendo dedicarsi ad una accurata attività di sensibilizzazione che vede coinvolte soprattutto le utenze non domestiche turistiche. 1.2 TARGET I Target di riferimento per le due campagne di comunicazione sono le intere popolazioni residenti e non, dei due Comuni (nuclei familiari, esercizi commerciali, turisti e proprietari di seconde case non residenti). Come richiesto dal bando, nella predisposizione degli strumenti di comunicazione si è dovuto tener conto dei dati messi a disposizioni dalle Stazioni Appaltanti: Utenze Tarsu stabili Utenze Non domestiche Laigueglia (75 porta a porta organico) Pietra Ligure Tabella 5: Utenze beneficiarie 7

8 1.3 ATTIVITÀ E MATERIALI PREVISTI Di seguito si riporta sinteticamente la descrizione di tutti i materiali, gli strumenti informativi e le attività previsti dal Bando per i due Comuni: Materiali Previsti Numero previsto dal Bando Laigueglia Pietra Ligure Manifesti 70x100cm Locandine informative spazi pubblici (A3) Locandine informatve per spazi condominiali (A3) Striscioni (2x1m) 2 2 Pieghevoli (A4) espositori con tasca Posaceneri da spiaggia T-Shirt o Cappellini parasole per eventi animazione 300 o Cartelloni informativi forex o lamierino (70x100) 6 - Cartelloni informativi forex o lamierino (50 x 70) 10 - Cartelloni informativi forex o lamierino (per lidi) 50? Cartelloni informativi forex o lamierino (40x60) -? Pieghevole A4 per mailing Tabella 6: Materiali Previsti Attività di comunicazione previste Numero previsto dal Bando Laigueglia Pietra Ligure Info point iineranti (4 h) Conferenze stampa 1 1 Redazione di comunicati stampa 1 1 Incontri di educazione ambientale per bambini da 2 ore 16 - Incontri di formazione con VV.UU. 1 o 2?!? 1 Incontri con amministratori condominiali e Agenzie Immobiliari 1 1 Convegno regionale - 1 materiale ecovolontari - 60 Incontri di formazione con i volontari di scuole e associazioni - 2 Tabella 7: Attivitàdi comunicazione previste 8

9 Attività previste in fase di avvio Numero previsto dal Bando Laigueglia Pietra Ligure Censimento utenze non domestiche 80 utenze 100 utenze Distribuzione Kit per Porta a Porta 80 utenze 100 utenze Tabella 8: Attività previste in fase di avvio 9

10 2. ATTIVITÀ SPERIMENTALI SVOLTE NEL COMUNE DI LAIGUEGLIA Erica Soc. Coop. Si è aggiudicata la gara d appalto per l esecuzione delle suddette attività di comunicazione. Nel presente capitolo si riporta una sintetica descrizione delle attività realizzate e dei materiali prodotti per l implementazione delle attività progettate MATERIALE REALIZZATO IMMAGINE GRAFICA PROPOSTA Il primo passo per la progettazione dei materiali di comunicazione è l ideazione di un immagine coordinata e di un Head line concertato con l Amministrazione, il più possibile coerente con gli obiettivi della campagna: trasmettere l importanza di praticare correttamente la raccolta differenziata e sfruttare bene il servizio di raccolta ponendo più attenzione alla separazione dei materiali. Dalle proposte di Erica Soc. Coop. e dalle osservazioni degli Amministratori Comunali, è nato l Head line definitivo: Figura 1: Laigiueglia, immagine grafica campagna informativa 10

11 MATERIALE REALIZZATO Una volta stabilita l immagine grafica della campagna, si è proceduto alla stampa ed alla consegna dei seguenti materiali: N 150 MANIFESTI f.to 70 x 100 cm, stampa 4 coll. solo b Figura 2: Laigueglia, layout manifesti 11

12 N 200 LOCANDINE f.to 24 x 48 cm, stampa 4 coll. solo b Figura 3: Laigueglia, layout locandine 12

13 n. 200 ESPOSITORI da banco per pieghevoli Figura 4: Laigueglia, layout espositori a tasche 13

14 CARTELLONI PER SPIAGGE ED ISOLE ECOLOGICHE N.10 pannelli in forex f.to 50x70 per le spiagge libere (consegnati direttamente al Comune) N.50 pannelli in forex f.to A3 per i lidi balneari (distribuiti dal personale ERICA) N.6 pannelli in forex con f.to 70x100 per le isole ecologiche della città (consegnati al Comune) Figura 5: Laigueglia, layout cartelloni per spiagge ed isole ecologiche 14

15 PIEGHEVOLE INFORMATIVO SULLE MODALITÀ DI RACCOLTA f.to 21 x 29,7, 4 coll., 2 pieghe, 3 ante stampa b/v, su carta riciclata FSC N in italiano N in tedesco N in inglese Figura 6: Laigueglia, layout pieghevoli informativi 15

16 N 2 STRISCIONI f.to 200x100 cm per allestimento gazebo per animazione territoriale Figura 7: Laigueglia, layout striscioni N POSACENERI da spiaggia in plastica riciclata, per animazione territoriale Figura 8: Laigueglia, layout posaceneri da spiaggia 16

17 N 600 T-shirt bimbo, stampate sul fronte, per animazione territoriale Figura 9: Laigueglia, immagine per T-Shirt 17

18 VERIFICA COERENZA MATERIALE REALIZZATO Quantità Si riportano sinteticamente, nella tabella seguente i materiali previsti e le quantità effettivamente realizzate: Materiali Previsti Laigueglia N.previsto N. realizzati Manifesti 70x100cm Locandine informative spazi pubblici (A3) Locandine informatve per spazi condominiali (A3) 300 Striscioni (2x1m) 2 Pieghevoli (A4) espositori con tasca Posaceneri da spiaggia T-Shirt o Cappellini parasole per eventi animazione 300 o T-shirt Cartelloni informativi forex o lamierino (70x100) 6 6 Cartelloni informativi forex o lamierino (50 x 70) Cartelloni informativi forex o lamierino (per lidi) Tabella 9: verifica materiali forniti Mancano 300 Locandine per spazi pubblici, 300 locandine per condomini e 6000 pieghevoli Contenuti Dall analisi dei materiali e delle metodologie applicate per la progettazione ed la realizzazione, si può affermare che i contenuti e l immagine coordinata scelta per le pubblicazioni sono coerenti con gli obiettivi richiesti dal bando. I contenuti, concordati con l Amministrazione, rispecchiano le finalità descritte in precedenza:! anticipare ed accompagnare l attivazione dei servizi aggiuntivi rivolti alle utenze non domestiche;! coinvolgere in modo attivo i cittadini, le utenze selezionate e la popolazione turistica nello sviluppo delle raccolte differenziate;! aumentare la consapevolezza dei cittadini in merito al valore sociale, economico e ambientale della proprie scelte in materia di acquisto e di corretto smaltimento dei rifiuti;! ridurre la quantità di rifiuti conferiti in discarica, attraverso la riduzione dell acquisto di imballaggi e l aumento della raccolta differenziata 18

19 ! coinvolgere i turisti e i non residenti incrementando la consapevolezza, l'informazione e la partecipazione in relazione al sistema di raccolta differenziata in atto.! informare la popolazione degli interventi migliorativi del servizio che l'amministrazione Comunale ha messo in atto a partire dall estate, in particolare l incremento (da 2 a 7) delle isole ecologiche e l introduzione del servizio di raccolta domiciliare dei rifiuti organici per le Utenze non domestiche. Per poter misurare l efficacia di tali azioni, gli unici indicatori oggettivi possono essere le quantità di rifiuti differenziati raccolti, con particolare attenzione al rapporto con i risultati degli anni precedenti. (vedi Cap. 4) 2.2. ATTIVITÀ REALIZZATE NEL COMUNE DI LAIGUEGLIA DISTRIBUZIONE KIT PER RACCOLTA ORGANICO PRESSO UTENZE NON DOMESTICHE Oltre alla comunicazione effettuata attraverso manifesti, lettere alla cittadinanza, brochure, assemblee, e gli altri media pianificati, la consegna dei kit per le raccolte domiciliari rappresenta un'utile opportunità di contatto tra i responsabili del servizio (rappresentati dagli operatori) e i cittadini. Come previsto dal progetto, il Comune di Laigueglia ha effettuato presso le Utenze non Domestiche che partecipano la raccolta domiciliare dell'organico, la distribuzione dei materiali necessari. La consegna è avvenuta presso le 75 utenze ritenute grandi produttrici i primi giorni di Giugno e nel corso di questa attività gli operatori addetti hanno compiuto un vero e proprio censimento di tutte le utenze, aggiornando così la banca dati dei ruoli Tarsu e raccogliendo informazioni utili alla gestione ed al miglioramento del servizio. Le informazioni raccolte sono state gestite come previsto dal progetto: trasferimento su supporto telematico dei dati raccolti. aggiornamento del database sulla base delle evidenze raccolte in fase di consegna kit e avvio del servizio 19

20 In questo modo gli uffici tecnici comunali possono disporre di uno strumento aggiornato utile al contro dell attuale servizio ma anche alla progettazione ed alla gestione di servizi dedicati alle Utenze non domestiche produttrici di rifiuti organici. In un secondo momento Erica ha effettuato visite di verifica e controllo presso le 75 utenze come descritto al Cap ANIMAZIONE TERRITORIALE Tra il 10 agosto ed il 23 settembre 2012, in accordo con l amministrazione comunale, e come richiesto dal Bando, Erica Soc. Coop. ha programmato e svolto una serie interventi di comunicazione diretta tramite punti informativi sul territorio che avevano lo scopo di informare la cittadinanza e i turisti circa i servizi di raccolta rifiuti e di dare spiegazioni più in generale sulle raccolte differenziate attive sul territorio. Durante il corso della prima metà degli appuntamenti si è rilevata una buona affluenza di utenza, la cui buona parte attratta e incuriosita dai gadgets esposti (portacenere da spiaggia). La richiesta di informazioni si è rivelata conseguente all approccio curioso e, se in alcuni casi le domande sono state mirate e specifiche (dove ritirare i sacchetti, dove conferire alcuni tipi di rifiuti), nella maggior parte dei casi si è trattato di lamentele, spesso ripetitive. L utenza, sia residente sia turistica, lamenta infatti la tipologia di raccolta (porta a porta), per motivi diversi. I turisti criticano principalmente gli orari del ritiro, considerati poco adatti agli orari consueti di arrivo e di partenza, e la conseguente mancanza di piccoli o medi punti di raccolta ove conferire i rifiuti, senza doversi necessariamente recare all ecocentro o alle isole ecologiche. Si critica anche il metodo di ritiro dei sacchetti, dal momento che, qualora il padrone di casa non provveda a ritirarli e lasciarli a disposizione, in caso di case in affitto ci si trova sprovvisti, a rischio di multa e senza la possibilità di poter provvedere. I residenti criticano invece la tipologia, considerata poco igienica, della raccolta porta a porta attraverso sacchetti: numerosissime risultano infatti le lamentele per i gabbiani che rompono i sacchetti con il becco spargendo la spazzatura per il quartiere. Semplici avventori e alcuni titolari di stabilimenti balneari hanno criticato altresì la mancanza di sufficienti contenitori per il vetro, e la tipologia dei raccoglitori urbani divisi in due parti, 20

21 considerati poco utili (la gente non osserva attentamente la ripartizione e conferisce ogni tipo di rifiuto casuale senza suddividere). Sebbene sia stato oggetto di spiegazione come il ritiro del materiale sia ben differenziato, si nota il persistere dell osservazione vedo ritirare tutto insieme : alcuni cittadini hanno inoltre riferito di avere filmati e fotografie che potrebbero consegnare come documentazione (una signora ha addirittura affermato di voler chiamare Striscia la Notizia). Alcuni utenti hanno sottolineato anche la mancanza di posacenere urbani. In generale pare di riscontrare, più che interesse e avvicinamento alla proposta di raccolta, malcontento e diffidenza diffusi, sia da parte dei residenti sia da parte dei turisti, questi ultimi abituati a un organizzazione capillare e sistematica della raccolta differenziata nelle proprie città. Si segnala anche la scarsa e sporadica affluenza ai laboratori didattici, e una generica e maggiore affluenza di utenti durante l orario serale rispetto a quello giornaliero. 21

22 I punti informativi sono stati attivi nel periodo suddetto seguendo il seguente calendario: Tabella 10: Laigueglia, elenco attività di Info-point 22

23 Figura 10: Info-point a Laigueglia Figura 11: Info-point a Laigueglia 23

24 DISTRIBUZIONE MATERIALI INFORMATIVI PORTA A PORTA l attività di distribuzione porta a porta prevedeva, come da gara, tre fasi: - distribuzione di depliant informativi alle utenze domestiche - affissione cartelloni e distribuzione depliant informativi presso lidi balneari e utenze non domestiche - visite presso utenze non domestiche che aderiscono alla raccolta domiciliare dell organico Distribuzione di depliant informativi alle utenze domestiche Nel periodo compreso tra la metà di agosto e la prima metà di settembre 2012 si sono svolte le animazioni territoriali porta a porta nei confronti delle utenze domestiche residenti e non residenti. Come previsto da gara, ERICA ha utilizzato due squadre composte da 2 persone ciascuna per formare ed informare le famiglie circa i servizi di raccolta attivi sul territorio comunale oggetto del lavoro. In ogni giornata è stato possibile effettuare un elevato numero di consegne grazie al fatto che la densità abitativa è molto elevata. Il lavoro è stato eseguito da animatori territoriali debitamente formati e supervisionato da personale della E.R.I.C.A. soc. coop con esperienza pluriennale. Questo ha reso le consegne e le indagini più agevoli soprattutto per la conoscenza del territorio e del bacino d utenza del personale impiegato. Le consegne sono state effettuate recandosi presso gli utenti durante il giorno in modo da riuscire a contattare durante i pasti più gente possibile in casa. Affissione cartelloni e distribuzione depliant informativi presso lidi balneari e utenze non domestiche Sono stati distribuiti i pieghevoli con i relativi espositori a tutti gli stabilimenti balneari e alle attività turistiche del centro storico (ristoranti, panetterie, bar, negozi) e parte degli hotel sulla Via Aurelia. In particolare, in data 8 Agosto, sono stati distribuiti 49 pannelli in forex f.to A3 nei 43 lidi Balneari, uno è stato consegnato al Comune. 24

25 Visite presso utenze non domestiche che aderiscono alla raccolta domiciliare dell organico Sono state effettuate anche le visite one-to-one rivolte alle 75 utenze non domestiche che a inizio giugno 2012 avevano attivato il servizio di raccolta dell organico. Figura 12: Distribuzione materiali informativi porta a porta Figura 13: Materiali informativi distribuiti porta a porta 25

26 INCONTRI DI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE Come previsto da gara, Erica ha tenuto alcuni incontri di formazione con alcuni stakeholders: - Vigili Urbani - Amministratori di condominio Sono stati realizzati due incontri nei giorni 20 e 27 Novembre 2012 della durata di 2 ore con i rappresentanti dei Vigili Urbani ed un incontro il 27 Novembre con gli Amministratori Condominiali e le agenzie immobiliari in cui, gli esperti di Erica, con il supporto di presentazioni Power Point e dispense appositamente approntate hanno illustrato la normativa attuale a livello comunitario e nazionale e le scelte compiute dal Comune nell ambito della gestione ambientale. Nell ambito di queste riunioni oltre allo scambio di nozioni e di informazioni relative alle nuove misure apportate dal Comune di Laigueglia è stato possibile raccogliere molte osservazioni da parte dei partecipanti sull andamento dell attuale servizio. In particolare sono sorte alcune problematiche relative all organizzazione del nuovo servizio di raccolta porta a porta ATTIVITÀ DI UFFICIO STAMPA E RELAZIONI PUBBLICHE Erica Soc. Coop. Ha portato avanti le attività di Ufficio Stampa previste, in particolare: - La redazione di comunicati stampa - l organizzazione e la gestione di conferenze stampa (inviti, cartelle stampa, resoconti) Durante la conferenza sono state illustrate per la prima volta ai media locali le iniziative previste dal progetto, i materiali di comunicazione, la strategia e la pianificazione e dei tempi della campagna di comunicazione. Nel corso della campagna di comunicazione sono stati realizzati ulteriori comunicati stampa ad uso dell'amministrazione Comunale. 26

27 !"#$%&'()!*+*,'$!,$%*+*')-(,.%&'()!*+*$(.#)'$%&'()!*+*%./'!)0%1!* * Figura! 14: Risultati "#$$%&'#($)#*+#( delle attività di Ufficio Stampa * Figura 15: Risultati delle attività di Ufficio Stampa * * * 27

28 3. MATERIALI FORNITI ED ATTIVITÀ SVOLTE NEL COMUNE DI PIETRA LIGURE Erica Soc. Coop. Si è aggiudicata la gara d appalto per l esecuzione delle suddette attività sperimentali e di comunicazione ambientale. Nel presente capitolo si riporta una sintetica descrizione delle attività realizzate e dei materiali prodotti presso il Comune di Pietra Ligure MATERIALE REALIZZATO IMMAGINE GRAFICA PROPOSTA Il primo passo per la progettazione dei materiali di comunicazione è l ideazione di un immagine coordinata e di un Head line concertato con l Amministrazione, il più possibile coerente con gli obiettivi della campagna: trasmettere l importanza di praticare correttamente la raccolta differenziata e sfruttare bene il servizio di raccolta ponendo più attenzione alla separazione dei materiali. Relativamente alle due diverse opzioni grafiche proposte da Erica, una più incentrata sulla pulizia della città (e delle spiagge in particolare), l altra focalizzata sulla raccolta differenziata, i tecnici comunali hanno scelto quest ultima, più rispondente alle finalità sopra espresse. Ecco dunque l Head line definitivo: Figura 16: Pietra Ligure, immagine grafica campagna informativa 28

29 MATERIALE REALIZZATO Una volta stabilita l immagine grafica della campagna, si è proceduto alla stampa ed alla consegna dei seguenti materiali: N 150 MANIFESTI f.to 70 x 100 cm, stampa 4 coll. solo b Figura 17: Pietra Ligure, Layout manifesti 29

30 N 400 LOCANDINE f.to 24 x 48 cm, stampa 4 coll. solo b Figura 18: Pietra Ligure, layout locandine 30

31 n. 250 ESPOSITORI da banco per pieghevoli Figura 19: Pietra Ligure, Layout Espositori 31

32 PIEGHEVOLE INFORMATIVO SULLE MODALITÀ DI RACCOLTA f.to 21 x 29,7, 4 coll., 2 pieghe, 3 ante stampa b/v, su carta riciclata FSC N Multilingue In accordo con l Amministrazione Comunale nelle prime fasi di implementazione della campagna, si è scelto di produrre pieghevoli informativi multilingua (Italiano, Inglese e Francese) rispetto a quanto previsto dal progetto originario in cui si ipotizzava volantini in italiano, in inglese e in francese. Figura 20: Pietra Ligure, Layout pieghevoli informatvi 32

33 N 2 TOTEM/ROLL-UP per allestimento gazebo per animazione territoriale In accordo con l Amministrazione Comunale le parti hanno scelto di produrre in luogo dei due striscioni previsti due manifesti tipo Roll-up da utilizzare presso i gazebo dei punti informativi. Figura 21: Pietra Ligure, Layout Roll-up 33

34 N POSACENERI da spiaggia in plastica riciclata, per animazione territoriale Figura 22: Pietra Ligure, Layout posaceneri da spiaggia 34

35 VERIFICA COERENZA MATERIALE REALIZZATO Quantità Si riportano sinteticamente, nella tabella seguente i materiali previsti e le quantità effettivamente realizzate: Materiali Previsti N.previsto Pietra Ligure N. realizzati Manifesti 70x100cm Locandine informative spazi pubblici (A3) Locandine informatve per spazi condominiali (A3) Striscioni (2x1m) (Roll-Up) 2 2 Pieghevoli (A4) espositori con tasca Posaceneri da spiaggia Tabella 11: verifica materiali forniti Contenuti Dall analisi dei materiali e delle metodologie applicate per la progettazione ed la realizzazione, si può affermare che i contenuti e l immagine coordinata scelta per le pubblicazioni sono coerenti con gli obiettivi richiesti dal bando. I contenuti, concordati con l Amministrazione, rispecchiano le finalità descritte in precedenza:! anticipare ed accompagnare l attivazione dei servizi aggiuntivi rivolti alle utenze non domestiche;! coinvolgere in modo attivo i cittadini, le utenze selezionate e la popolazione turistica nello sviluppo delle raccolte differenziate;! aumentare la consapevolezza dei cittadini in merito al valore sociale, economico e ambientale della proprie scelte in materia di acquisto e di corretto smaltimento dei rifiuti;! ridurre la quantità di rifiuti conferiti in discarica, attraverso la riduzione dell acquisto di imballaggi e l aumento della raccolta differenziata! coinvolgere i turisti e i non residenti incrementando la consapevolezza, l'informazione e la partecipazione in relazione al sistema di raccolta differenziata in atto.! informare la popolazione degli interventi migliorativi del servizio che l'amministrazione Comunale ha messo in atto a partire dall estate, in particolare l incremento (da 2 a 7) delle isole 35

36 ecologiche e l introduzione del servizio di raccolta domiciliare dei rifiuti organici per le Utenze non domestiche. Per poter misurare l efficacia di tali azioni, gli unici indicatori oggettivi possono essere le quantità di rifiuti differenziati raccolti, con particolare attenzione al rapporto con i risultati degli anni precedenti. (vedi Cap. 4) 3.2. ATTIVITÀ REALIZZATE NEL COMUNE DI PIETRA LIGURE ANIMAZIONE TERRITORIALE A partire dal 10 agosto u.s. e fino al 19 agosto 2012, in accordo con l amministrazione comunale Erica ha programmato e svolto una serie di punti informativi sul territorio con lo scopo di informare la cittadinanza e i turisti circa i servizi di raccolta rifiuti e di dare spiegazioni più in generale sulle raccolte differenziate attive sul territorio. I punti informativi si sono svolti secondo il seguente calendario: Data Orario Luogo Intervenuti 10-ago Ranzi ago 9-13 Mercato - Piazza S. Nicolò ago 9-13; Centro Storico - Ranzi ago Centro Storico ago San Nicolò ago Centro Storico ago Fiera dell'assunta ago 9-13; Mercato - Piazza S. Nicolò ago Centro Storico ago Lungomare 250 Tabella 12: Elenco attività di Infopoint Sommando tutte le attività di info-point svolte è stata registrata la presenza di circa persone intervenute durante tali appuntamenti. Il contatto diretto con il pubblico è sempre un momento privilegiato di scambio di informazioni, richieste, dubbi e reclami. Nel corso degli incontri con la cittadinanza presso gli info-point le domande e le osservazioni più frequenti rivolte agli animatori ambientali sono state: - Come si può richiedere una compostiera? 36

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Profili di affiliazione

Profili di affiliazione Profili di affiliazione - 2 - Che cosa è? Il profilo di affiliazione Agency permette di diventare partner di Millemotivi Franchising senza dover affittare o acquistare locali commerciali o macchinari.

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

SETTORE VIII SVILUPPO ECONOMICO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE RESPONSABILE : GEOM. O. CANNIZZARO

SETTORE VIII SVILUPPO ECONOMICO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE RESPONSABILE : GEOM. O. CANNIZZARO SETTORE VIII SVILUPPO ECONOMICO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE RESPONSABILE : GEOM. O. CANNIZZARO AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE Lo Sportello Unico Produttive è un servizio istituito dai

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 Sommario 1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 1 1. QUADRO ECONOMICO In base al computo metrico dei servizi si è desunto un costo complessivo del servizio

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo.

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. L.R. 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. INDICE Titolo I - IL SISTEMA ORGANIZZATIVO DEL TURISMO Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Funzioni

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli