PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO"

Transcript

1 PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO - DELIBERATO dal Collegio dei Docenti riunitosi in sede congiunta in data 22 giugno 2015, con delibera n. 28; - APPROVATO dal Consiglio d Istituto nella seduta del 23 giugno 2015, con delibera n

2 S T R U T T U R A La scuola è aperta a tutti. L'istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita. I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. (...) Costituzione della Repubblica Italiana, art. 34 Il diritto alla studio è assicurato mediante interventi diretti a facilitare la frequenza nelle scuole materne e dell obbligo; a consentire l inserimento nelle strutture scolastiche e la socializzazione dei minori disadattati o in difficoltà di sviluppo e di apprendimento; ad eliminare i casi di evasione e di inadempienze dell obbligo scolastico; a favorire le innovazioni educative e didattiche che consentano una ininterrotta esperienza educativa in stretto collegamento tra i vari ordini di scuola, tra scuola, strutture parascolastiche e società; a fornire un adeguato supporto per l orientamento scolastico e per le scelte degli indirizzi dopo il compimento dell obbligo di studio; a favorire la prosecuzione degli studi ai capaci e meritevoli anche se privi di mezzi, nonché il completamento dell obbligo scolastico e la frequenza di scuole secondarie superiori da parte di adulti e lavoratori studenti. Legge regionale del 20 marzo 1980 n.31 "Diritto allo studio - Norme di attuazione", art.2 La responsabilità della formazione e dell educazione dei minori è propria di tutti gli adulti, promuovendo la collaborazione tra scuola e famiglia, ma anche tra queste e le agenzie educative territoriali ed enti locali, attraverso una forma di alleanza per l educazione che coinvolge e unifica quanti hanno l obiettivo comune della crescita e dello sviluppo dei nostri giovani e di un paese civile. L'attuale contesto storico è caratterizzato dalla sofferenza finanziaria delle Pubbliche Amministrazioni, da cui non si può prescindere e alla quale consegue un calo delle risorse. Innegabilmente, la situazione economica da una parte, le leggi nazionali di contenimento della spesa pubblica e la riduzione dei trasferimenti statali dall altra, ma anche l'incessante aumento della domanda di servizi per la tutela delle fasce deboli, hanno fatto sì che le Amministrazioni abbiano avviato un percorso di razionalizzazione e di valutazione dei propri interventi. Paradossalmente, se da un lato sono aumentate le esigenze in campo educativo e, più ampiamente, in ambito sociale, dall altro si sono ridotte le entrate economiche per farvi fronte. Nonostante questo scenario carico di difficoltà e problemi, l'amministrazione Comunale si impegna a mantenere lo stesso livello di investimenti degli anni scorsi, mettendo in campo complessivi ,00, finalizzati allo sviluppo di azioni volte a favorire l accesso e l inclusione scolastica di tutti i bambini/e, creando condizioni di pari opportunità, anche attraverso interventi perequativi: la gestione dei servizi di trasporto scolastico, la ristorazione scolastica, i buoni scuola per l acquisto dei libri e del materiale didattico ecc. vanno in questa direzione e sono garantiti a tutti i richiedenti attraverso la valutazione del reddito familiare ISEE. Il percorso che ha portato alla redazione del presente Piano diritto allo Studio è stato notevolmente arricchito dall'apporto di tutti gli attori interessati sulla base della necessità di "fare sistema" intorno alla scuola. Il rapporto di collaborazione fra la nostra Istituzione scolastica e l Amministrazione Comunale deve essere costantemente dialettico e si realizza attraverso la concertazione degli indirizzi e delle iniziative da adottare. In particolare, si segnalano le azioni volte allo star bene a scuola, alle buone relazioni e alla prevenzione del disagio, presupposti indispensabili per apprendere contenuti, capacità, competenze e valori. Impegnativi sono gli interventi per l inclusione scolastica dei bambini/e di altre culture e nazionalità, assolutamente indispensabili data la crescente presenza di immigrati nel nostro territorio (alfabetizzazione degli alunni/e stranieri, mediazione linguistica e culturale); i valori di convivenza e di reciproco rispetto passano prima di tutto dalla scuola, fucina di relazioni e costruzione di tolleranza e interazione. Massima è l attenzione per assicurare servizi adeguati agli alunni/e disabili, a studenti/studentesse in condizioni di disagio e a rischio di dispersione scolastica. Il supporto garantito dall Amministrazione Comunale a progetti particolarmente significativi, consente di attuare un Piano per l Offerta Formativa Territoriale che mette in dialogo le scuole fra loro e queste con altri soggetti del Territorio. In questo ambito, vengono promossi e sostenuti direttamente dall Ente Locale progetti di educazione alla lettura, educazione ambientale, motoria e di conoscenza del territorio, didattica digitale, digitalizzazione dei documenti e l acquisizione degli otto ambiti delle competenze chiave europee per l apprendimento permanente. 2

3 Gli interventi descritti, i dati e le cifre indicative delle tabelle allegate quantificano l importanza anche economica, ancora da definire in termini di gestione, del Piano per il diritto allo Studio e testimoniano l attenzione che l Amministrazione Comunale riserva al mondo della Scuola. FINALITÀ Il Piano per il Diritto allo Studio è il documento annuale attraverso il quale l'amministrazione Comunale programma i servizi e la distribuzione delle risorse destinate alla Scuola. È lo strumento di progettazione attraverso cui l'amministrazione delinea gli interventi che intende attivare per: - supportare l'autonomia dell'istituzione scolastica - favorire il funzionamento della stessa - potenziare e migliorare l'offerta formativa - garantire il diritto di accesso ai servizi scolastici - offrire le migliori condizioni possibili per un offerta formativa di qualità - promuovere il successo scolastico dei bambini/e e dei ragazzi/e, valorizzando al meglio le potenzialità di ciascun alunno/a - sostenere il ruolo educativo e formativo della scuola con spirito di collaborazione reciproca tra l istituzione scolastica e l Amministrazione Comunale, portavoce dell'intera comunità, che pongono al centro l'alunno/a e lo sostengono nel suo percorso di crescita, fondamentale investimento per il futuro della nostra comunità - garantire interventi finalizzati a sostenere: a. INFRASTRUTTURE STRUTTURE DELL ISTITUTO - assegnazione in via esclusiva dei locali scolastici all Istituto: delibera della Giunta - assegnazione in via esclusiva dei locali ubicati sopra la sala di ristorazione scolastica e cucina: delibera della Giunta - controllo periodico dei soffitti controsoffitti degli edifici scolastici - connettività nelle tre scuole, banda ADSL per digitalizzazione e didattica - implementazione di una seconda ADSL riservata agli Uffici amministrativi - collocazione di un centralino telefonico presso gli Uffici amministrativi - Insegne e bacheche da collocare all esterno degli edifici scolastici - linee telefoniche, canoni vari, web, adsl, luce, riscaldamento, - manutenzioni ordinarie e straordinarie sicurezza a scuola nuovi interventi alle strutture dei tre plessi - arredi; b. SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE - servizio trasporti, - assistenza alunni pre-scuola - ristorazione scolastica - servizio assistenza alunni/e disabili e/o con problemi - servizio di inclusione scolastica per alunni/e immigrati (mediatori culturali, ) - supporto informativo e assistenza alla compilazione delle richieste di contributo della Regione Lombardia (Dote Scuola) - fornitura libri di testo per alunni/e della scuola Primaria residenti - contributo comunale per acquisto libri di testo per scuola Secondaria di Primo Grado agli alunni/e residenti delle classi prime - contributo per l acquisto di materiale sanitario, di pulizia, sapone, carta igienica,... Salvo nuove disposizioni e/o accordi di gestione amministrativa, al fine di monitorare le fasi attuative di spesa, si trasmetteranno i prospetti riassuntivi aggiornati delle spese sostenute dalle due Amministrazioni relativi agli stanziamenti del Piano per il Diritto allo Studio, anno scolastico 2015/

4 PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO Anno scolastico 2015 / ,00 4

5 1. CONTRIBUTO ALL ISTITUTO COMPRENSIVO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO: gestione e funzionamento amministrativo-didattico. TOTALE GENERALE ,00 5

6 DESCRIZIONE INDICATIVA 1.1 Figura amministratore di sistema e assistenza uffici. PREVENTIVO SPESA FUNZIONAMENTO AMMINISTRATIVO UFFICI DI SEGRETERIA DIREZIONE 1.2 Noleggio fotocopiatrice uffici amministrativi Sede Istituto Comprensivo. 1.3 Contratto di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine, pc, stampanti, copertura fili impianto elettrico e telefonico nell ufficio Segreteria con mobile su misura, rifacimento impianto di rete dei pc a norma di legge, 1.4 Acquisto modulistica e cancelleria varia; acquisto materiale di consumo vario: toner, cartucce, carta, matrici, 1.5 Acquisto libretti scolastici alunni/e scuola Secondaria di Primo Grado. 1.6 Implementazione p.c. a livello di Istituto Totale parziale 7.945,00 SCUOLA DELL INFANZIA 1.7 Fotocopiatrice: contratto di noleggio annuale. 600, Cartucce - stampante 200, Materiale di facile consumo finalizzato per l attività didattica: 600,00 x sezione ,00 FUNZIONAMENTO DIDATTICO PLESSI Totale parziale 4.400,00 SCUOLA PRIMARIA 1.10 Fotocopiatrice: contratto di noleggio annuale , Funzionamento macchine laboratorio informatica , Facile consumo (carta, toner, cartucce, matrici, ) , Progettualità trasversale (alunni/e immigrati, disabili) , Materiale di facile consumo finalizzato all attività didattica di ogni gruppo classe: 100,00 x 21 classi 2.100, Materiale didattico per attuazione progetti. 100, Laboratorio di MUSICA 400, Sussidi palestra (palloni, attrezzi, ) 200,00 Totale parziale 8.000,00 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 1.18 Fotocopiatrice: contratto di noleggio annuale. 800, Funzionamento macchine laboratorio d informatica , Cancelleria varia (carta, toner, matrici, ) 1.200, MUSICA ( 150,00) - TECNICA ( 100,00) - ARTISTICA ( 150,00) - SCIENZE 550,00 ( 150,00) 1.22 Sport (medaglie, trasporto per gare, attrezzi, ) 500, Implementazione di n. 2 videoproiettori interattivi ,00 Totale parziale 7.550,00 Gli importi sopraindicati sono indicativi e soggetti, in base alle necessità, a flessibilità all interno del capitolo. 6

7 2. SERVIZI PER LA QUALITÀ DELL ISTRUZIONE: interventi volti ad ampliare l offerta formativa ,00 7

8 SCUOLA DELL I N F A N Z I A POPOLAZIONE SCOLASTICA RESIDENTI n. alunni/e NON RESIDENTI di cui n. alunni/e immigrati di cui n. alunni/e disabili N. sezioni formalizzate Bambini/e anticipatari Bambini/e nuovi iscritti di anni Bambini/e iscritti di anni Bambini/e iscritti di anni TOTALE ORGANIZZAZIONE INIZIO FINE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 (Delibera n. 31 del Consiglio d Istituto del ) FREQUENZA SETTIMANALE DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ Per i bambini/e di anni 3 e nuovi iscritti non anticipatari - Da LU a VE dalle ore 9.30 alle ore 11.30, salvo diversi accordi con le docenti di sezione. - Da LU a VE dalle ore 9.00 alle ore (con eventuale anticipo, su personale richiesta, dalle ore 7.45 alle ore 8.00), salvo diversi accordi con le docenti di sezione, inclusi i servizi a pagamento di ristorazione scolastica. Il servizio di trasporto scolastico entrerà in vigore a decorrere da LU Per tutti i bambini/e - Da LU a VE dalle ore 8.00 alle ore (con l anticipo, su personale richiesta, dalle ore 7.45 alle ore 8.00), inclusi i servizi a pagamento di ristorazione scolastica. Il servizio di trasporto scolastico entrerà in vigore a decorrere da LU Per tutti i bambini/e - Da LU a VE dalle ore 8.00 alle ore (con l anticipo, su personale richiesta, dalle ore 7.45 alle ore 8.00), inclusi i servizi a pagamento di ristorazione scolastica e di trasporto; il prolungamento unico d orario obbligatorio (dalle ore alle ore 17.00) solo per coloro che hanno inoltrato richiesta. (Vedasi Art. 49 del Regolamento d Istituto) Per tutti i bambini/e - Da LU a MA dalle ore 8.00 alle ore (con l anticipo, su personale richiesta, dalle ore 7.45 alle ore 8.00), inclusi i servizi a pagamento di ristorazione scolastica e di trasporto. Si chiede all Amministrazione Comunale di garantire l effettuazione del servizio trasporto anche nell orario indicato nel primo periodo di scuola. 8

9 I bambini di 3 anni nel periodo da LU 07 settembre a VE 11 settembre 2015 saranno accompagnati dai genitori. DESCRIZIONE PREVENTIVO SPESA PROGETTI FORMATIVO - DIDATTICI 2.1 ATTIVITÀ DI PSICOMOTRICITÀ (da gennaio 2016) Bambini/e di anni 3/4/5 - n. 84 ore totali 4.150, SERVIZIO PSICO PEDAGOGICO (da gennaio - maggio 2016) n. 15 ore totali 660,00 Totale parziale 4.810,00 ASSISTENTI EDUCATORI 2.a Si richiedono n. 01 assistente educatore per sostegno alunni/e disabili a copertura dell orario non effettuato dagli insegnanti di sostegno: 1. n. 25 ore settimanali (tempo pieno) per un alunna di sezione VERDE. Vedasi richiesta trasmessa al Servizio Sociale del Comune di Verdello, Prot. n. 2930/A.36, del MEDIATORE CULTURALE 2.b Richiesta di Mediatori culturali per gli alunni/e immigrati in base alla Legge 285/97. 9

10 SCUOLA P R I M A R I A (SEDE DELL ISTITUTO) classi n. alunni/e 30 ORE 40 ORE POPOLAZIONE SCOLASTICA n. alunni/e NON residenti di cui n. alunni/e immigrati di cui n. alunni/e disabili N. sezioni formalizzate CLASSI 1^ CLASSI 2^ CLASSI 3^ CLASSI 4^ CLASSI 5^ TOTALE ORGANIZZAZIONE INIZIO FINE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 (Delibera n. 31 del Consiglio d Istituto del ) FREQUENZA SETTIMANALE DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ Solo per gli alunni/e delle classi 1^ - Da LU a VE dalle ore 8.05 alle ore (sabato escluso), inclusi i servizi a pagamento di anticipo (dalle ore 7.45) e di trasporto solo per coloro che hanno inoltrato richiesta. - Da LU a VE dalle ore 8.05 alle ore (sabati esclusi), inclusi i servizi a pagamento di anticipo (dalle ore 7.45), di ristorazione scolastica e di trasporto solo per coloro che hanno inoltrato richiesta. Per gli alunni/e delle classi 2^ - 3^ - 4^ e 5^ - LUNEDÌ dalle ore 8.05 alle ore (sabato escluso), inclusi i servizi a pagamento di anticipo (dalle ore 7.45) e di trasporto solo per coloro che hanno inoltrato richiesta. - Da MA a VE dalle ore 8.05 alle ore (sabati esclusi), inclusi i servizi a pagamento di anticipo (dalle ore 7.45), di ristorazione scolastica e di trasporto solo per coloro che hanno inoltrato richiesta. Per tutti gli alunni/e - Da LU a MER dalle ore 8.05 alle ore (sabato escluso), inclusi i servizi a pagamento di anticipo (dalle ore 7.45) e di trasporto solo per coloro che hanno inoltrato richiesta; è escluso il servizio di ristorazione scolastica. Si chiede all Amministrazione Comunale di garantire l effettuazione del servizio trasporto nei primi giorni di scuola differenziato secondo gli orari di frequenza degli alunni/e di classe 1^ e degli alunni/e di classe 2^ - 3^ - 4^ - 5^. 10

11 PROGETTI FORMATIVO - DIDATTICI DESCRIZIONE 2.3 ATTIVITÀ GIOCO-SPORT (da gennaio 2016) a. Classi 1^ - MUSICANDO MOTORIAMENTE (12 ore x 4 classi = 48 ore) 1.540,00 b. Classi 2^ - YOGA (12 ore x 4 classi = 48 ore) 1.540,00 c. Classi 3^ - MINIBASKET (12 ore x 4 classi = 48 ore) 1.100,00 d. Classi 4^ - MINIVOLLEY (12 ore x 5 classi = 60 ore) 1.325,00 e. Classi 5^ - MINIRUGBY BASEBALL HOCKEY (12 ore x 4 classi = 48 ore) 1.450,00 PREVENTIVO SPESA 6.955, Classi 1^ - PSICOMOTRICITÀ (da ottobre 2015) n. 10 ore X n. 4 classi= 1.610, Classi 2^ - Ed. PSICOESPRESSIVA / Educazione alla teatralità (da ottobre 2015) n. 10 ore X n. 4 classi= 1.610, Classi 4^ - INCONTRO L ARTE IL RITRATTO FIGURATIVO (da gennaio 2016) n. 6 ore x 5 classi = 1.750, , SERVIZIO PSICO PEDAGOGICO (da gennaio - maggio 2016) n. 25 ore totali 1.095, PROGETTI IN COLLABORAZIONE CON ASSESSORATI VARI a. CONTINUITÀ - SPETTACOLO TEATRALE SCUOLA DELL INFANZIA (anni 5) TUTTE CLASSI PRIMARIA - Proposta culturale teatrale finanziata Ass.to Cultura - GIORNATA INSIEME - eventuale finanziamento pasti incontro e trasporto, in caso di maltempo, durante gli incontri di continuità con la Scuola Primaria da parte degli alunni/e di anni 5 delle scuole dell Infanzia presenti sul territorio. b. Classi 3^ - STUDIO DEL TERRITORIO - Proposta culturale finanziata Ass.to Cultura (da concordare con i Docenti) c. Classi 5^- ED. STRADALE - Polizia Locale (da concordare con i Docenti) d. GIORNATA DELLO SPORT organizzazione finanziata dall Ass.to Sport ( 600,00) Totale parziale ,00 2.c Si richiedono n. 09 assistenti educatori per sostegno alunni/e disabili a copertura dell orario non effettuato dagli insegnanti di sostegno: ASSISTENTI EDUCATORI 1. n. 25 ore settimanali (tempo pieno) per un alunno di classe 1^ 2. n. 25 ore settimanali (tempo pieno) per un alunno di classe 2^ C 3. n. 15 ore settimanali (tempo parziale) per un alunno di classe 3^ B 4. n. 15 ore settimanali (tempo parziale) per un alunno di classe 4^ A 5. n. 25 ore settimanali (tempo pieno) per un alunno di classe 4^ B 6. n. 25 ore settimanali (tempo pieno) per un alunna di classe 4^ C 7. n. 12 ore settimanali (tempo parziale) per un alunno di classe 5^ A 8. n. 12 ore settimanali (tempo parziale) per un alunno di classe 5^ B 9. n. 25 ore settimanali (tempo pieno) per un alunna di classe 5^ D. Vedasi richiesta trasmessa al Servizio Sociale del Comune di Verdello, Prot. n. 2930/A.36, del MEDIATORE CULTURALE 2.d Richiesta di Mediatori culturali per gli alunni/e immigrati in base alla Legge 285/97. 11

12 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO classi n. alunni/e 30 ORE POPOLAZIONE SCOLASTICA n. alunni/e NON residenti di cui n. alunni/e immigrati di cui n. alunni/e disabili N. sezioni formalizzate CLASSI 1^ CLASSI 2^ CLASSI 3^ TOTALE ORGANIZZAZIONE INIZIO FINE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 (Delibera n. 31 del Consiglio d Istituto del ) FREQUENZA SETTIMANALE DAL LUNEDÌ AL SABATO Per tutti gli studenti/studentesse - Da LUNEDÌ a SA dalle ore 8.10 alle ore Da LU a MA dalle ore 8.10 alle ore 13.10, dal lunedì al sabato. - MERCOLEDÌ (ultimo giorno di scuola) - dalle ore 8.10 alle ore Il funzionamento della scuola Secondaria di Primo Grado è a tempo normale, modello organizzativo a 30 ore settimanali in orario antimeridiano, dal lunedì al sabato. ORARIO SCOLASTICO QUOTIDIANO INGRESSO ALUNNI E DOCENTI ore ª ORA ore 8.10 ore ª ORA ore 9.10 ore ª ORA ore ore INTERVALLO ore ore ª ORA ore ore ª ORA ore ore Si chiede all Amministrazione Comunale di garantire l effettuazione del servizio trasporto studenti/studentesse negli orari d ingresso e d uscita, nonché la presenza di un agente della Polizia Locale per la vigilanza. 12

13 PROGETTI FORMATIVO - DIDATTICI DESCRIZIONE Classi 1^ (da gennaio 2016) 2.9 CONTINUITÀ con alunni/e classi 5^ scuola Primaria 500,00 PREVENTIVO SPESA 2.10 INTERCULTURA n. 6 ore X 3 classi = 18 ore + 2 ore di programmazione 400,00 900,00 Classi 2^ 2.11 INVITO ALLA LETTURA (da dicembre 2015) n. 6 ore x 3 classi = 18 ore 1.275, ORIENTAMENTO Parte 1 (da gennaio 2016) n. 4 ore x 3 classi = 12 ore + 2 ore di progr. 850, CONVERSAZIONE IN LS/ INGLESE (da gennaio 2016) n. 8 ore x 3 classi = 24 ore 3.085,00 960,00 Classi 3^ 2.14 ORIENTAMENTO Parte 2 (da ottobre 2015) n. 8 ore x 4 classi = 32 ore + 8 ore 2.100, ED. DEGLI AFFETTI & SESSUALITÀ (da gennaio 2016) n. 8 ore x 4 classi = 32 ore + 6 ore 3.540, , SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (da novembre 2015) n. 40 ore 1.750, PROGETTO DI SERVIZIO Finanziamento pasti a un gruppo di studenti delle classi 3^ per incontro con i bambini/e della scuola dell Infanzia. Totale parziale 9.275,00 2.e Si richiede n. 05 assistenti educatori per sostegno alunni/e disabili a copertura dell orario non effettuato dagli insegnanti di sostegno: ASSISTENTI EDUCATORI 1. n. 12 ore settimanali (tempo parziale) per un alunno di classe 2^ A 2. n. 18 ore settimanali (tempo parziale) per un alunno di classe 2^ B 3. n. 25 ore settimanali (tempo pieno) per un alunna di classe 3^ A 4. n. 18 ore settimanali (tempo parziale) per un alunno di classe 3^ D 5. n. 18 ore settimanali (tempo parziale) per un alunno di classe 3^. Vedasi richiesta trasmessa al Servizio Sociale del Comune di Verdello, Prot. n. 2930/A.36, del MEDIATORE CULTURALE 2.f Richiesta di Mediatori culturali per gli alunni/e immigrati in base alla Legge 285/97. Gli importi sopraindicati sono indicativi e soggetti, in base alle necessità, a flessibilità all interno del capitolo. 13

14 3. INTERVENTI DI SUPPORTO AI PLESSI: - ARREDI - MANUTENZIONE - SICUREZZA 14

15 Si premette che le sottoelencate richieste evidenziate in rosso sono state ritenute prioritarie in termini di intervento. 15

16 SCUOLA DELL INFANZIA ARREDI LAVORI DI MANUTENZIONE NUOVI INTERVENTI ALLE STRUTTURE ATTREZZATURA PER LOCALI INTERNI 3.1 Acquisto di materiale per psicomotricità: carrello completo con accessori, nuove scaffalature e barre per collocazione di materiali vari. 3.2 Acquisto di n. 50 sedie per bambini/e e di almeno n. 2 pc portatili. 3.3 AULA BLINDATA: acquisto di un armadio munito di chiavi. 3.4 Installazione segnale acustico automatico per inizio delle attività didattiche. 3.5 Acquisto di n. 01 armadio basso a due ante chiuse e n. 04 tavolini per arredare lo spazio laboratorio intercultura. 3.6 Sezione AZZURRA: n. 01 armadietto (28 posti) per riporre: scarpe, zainetti, cappotti Acquisto lettore CD musicassette per eventi organizzati all esterno con: uscita audio per cuffie ed amplificatore, con relativo microfono. ATTREZZATURA PER AMBIENTE ESTERNO 3.8 Acquisto di appositi contenitori per la raccolta differenziata e predisposizione di uno spazio per la collocazione. 3.9 Acquisto di n. 05 panchine per arredo giardino Implementazione di acquisto e installazione altri nuovi giochi c/o aree laterali. LOCALI INTERNI 3.11 Installazione adsl, rete wireless Manutenzione periodica dei lucernari delle sezioni (infiltrazioni di acqua piovana) Sistemazione dello zoccolino pareti in alcuni spazi e sezioni Controllo e manutenzione dei servizi igienici e dell impianto idraulico Contratto di noleggio e manutenzione della fotocopiatrice e di altre attrezzature (telefoni, fax, ) Manutenzione periodica del sistema di riscaldamento ed elettrico. AMBIENTE ESTERNO 3.17 AREA GIARDINO: rifacimento del fondo e del manto erboso, con collocazione di nuove siepi e piante AREA GIARDINO: taglio regolare dell erba, manutenzione e/o sostituzione di siepi e alberi con potatura degli stessi da effettuarsi in orario extrascolastico per motivi di sicurezza, irrigazione del manto erboso AREA GIARDINO: collocazione di una recinzione protettiva alle siepi lungo il perimetro del giardino Sistemazione della pavimentazione in prossimità dei cancelli: lo scarico per l acqua piovana è insufficiente Tinteggiatura del cancello principale ubicato presso la via Palma il Vecchio e rimozione della cassetta che conteneva l impianto elettrico del cancello stesso, in quanto rotta e pericolosa Manutenzione dei cancelli principali e secondari, compreso il funzionamento dei campanelli e citofoni Tinteggiatura completa dell interno edificio o, almeno, l ingresso e le pareti già tinteggiate Realizzazione di un locale chiuso (tipo guardiola) ubicato presso l ingresso dell edificio scolastico, per permettere al personale ausiliario di sorvegliare l entrata e l uscita dei bambini/e (si propone di chiudere lo spazio attualmente occupato da una piccola aiuola antistante le due porte d ingresso principale della scuola), con relativi impianti. SICUREZZA A SCUOLA LOCALI INTERNI 3.25 PORTE SCORREVOLI in tutte le sezioni: sostituzione Completamento segnaletica di sicurezza: installazione segnale acustico nel salone PAVIMENTO: sistemazione del linoleum in quanto in alcuni punti è staccato e si solleva BAGNI: la protezione gommosa si stacca dalle pareti; controllo periodico Controllo periodico dell impianto idrico: eventuali perdite dai lavandini delle sezioni, 3.30 Rimozione, per motivi igienici, del rivestimento morbido collocato sulle pareti della sezione AZZURRA Applicazione della cartellonistica luminosa per la sicurezza. AMBIENTE ESTERNO 3.32 Controllo periodico dell impianto elettrico, dell impianto del gas, dell impianto termico e antincendio, come previsto dalla normativa vigente; controllo periodico estintori e idranti Controllo, manutenzione e tinteggiatura dei giochi in giardino (altalene, castello in legno, ) con sostituzione delle parti usurate in quanto pericolose Controllo periodico trappole per topi (spazi interni ed esterni) Controllo periodico di idranti e pozzetti d acqua nel giardino della scuola. Per maggiori dettagli e ulteriori opere, vedasi il Piano degli interventi di adeguamento (DVR) predisposto dal RSPP dell Istituto. 16

17 SCUOLA PRIMARIA ARREDI LAVORI DI MANUTENZIONE ATTREZZATURA PER LOCALI INTERNI 3.36 Installazione di uno scivolo per accesso persone disabili presso gli uffici amministrativi (abbattimento barriera architettonica) Completamento fornitura di cattedre dotate di poltroncina e fornite di cassetti con chiusura a chiave Verifica linea telefonica: acquisto ed installazione di n. 3 cordless con centralino telefonico e installazione di citofoni sui piani dell edificio, inclusa la cucina Acquisto N. 3 armadi, N. 1 lavagna, N. 3 scaffali con ripiani Fornitura di macchina lava pavimenti per pulitura e disinfezione grandi spazi n. 50 sedie per aule classi PRIME, in polipropilene color BEIGE (40x40X42), tubolare rosso (Ditta I.L.L.S.A.) 3.42 n. 50 BANCHI per aule classi PRIME, modello quadro piano con conglomerato AVORIO bordo color faggio (65X65X70), tubolare rosso (Ditta I.L.L.S.A.) 3.43 Acquisto di n. 02 armadi per riporre costumi di teatro, n. 03 scaffali per aule e un armadio con chiusura Tende oscuranti per locali dove sono ubicate le lavagne multimediali e per l aula teatro. ATTREZZATURA PER AMBIENTE ESTERNO 3.45 Scivolo mobile per alunno/a disabile da utilizzare agli accessi provvisti solo di gradini. LOCALI INTERNI 3.46 UFFICI AMMINISTRATIVI e ARCHIVIO: messa a norma ed ampliamento dei locali (vedasi richiesta già trasmessa) e manutenzione periodica impianto di condizionatore CLASSI 1^ Sostituzione: armadio a muro, controllo serratura dell armadio bianco di legno e armadio di metallo, serratura cassetto cattedra. Tinteggiatura CLASSI 2^ - Sostituzione: serratura dell armadio bianco di legno e armadio di metallo, controllo serratura cassetto cattedra. Tinteggiatura CLASSI 3^ Sostituzione: cerniera anta armadio a muro, controllo serratura dell armadio bianco di legno e armadio di metallo, serratura cassetto cattedra. Tinteggiatura CLASSI 4^ Sostituzione: cerniera anta armadio a muro, controllo serratura dell armadio bianco di legno e armadio di metallo. Tinteggiatura CLASSI 5^ Sostituzione: cerniera anta armadio a muro, controllo serratura dell armadio bianco di legno e serratura cassetto cattedra. Tinteggiatura PALESTRA manutenzione Smaltimento periodica di materiali ingombranti e di vecchi pc Revisione generale delle chiusure di tutte le finestre e le porte dell edificio scolastico Sostituzione di tutte le veneziane presenti nell edificio scolastico Fissaggio di occhielli a tassello ai soffitti di tutte le aule per potervi attaccare festoni e decori vari Revisione di tutti i banchi: controllo viti di fissaggio, 3.58 Revisione e acquisto di nuovi appendi-abiti per docenti e alunni/e Rifacimento quadrettatura delle lavagne classi 3^ - 4^ - 5^ Completamento delle fasce di legno paracolpi ala ovest SERVIZI IGIENICI: revisione dei sanitari, rubinetteria, sifoni e sostituzione materiali rotti; valutazione per rifacimento completo servizi igienici ala est e ovest; dotazione alle finestre di paraspigoli SALA RISTORAZIONE: controllo dei vetri nel bagno e zanzariere zona cucina. Tinteggiatura Eventuale spostamento di alcune lavagne multimediali nelle varie aule Predisposizione di canaline elettriche nelle aule dotate di lavagne multimediali Aule/laboratori seminterrato: insonorizzazione dell aula di musica. AMBIENTE ESTERNO 3.66 AREA GIARDINO: revisione barriera di recinzione e tinteggiatura AREA GIARDINO: regolare falciatura dell erba da effettuarsi in orario extrascolastico per ragioni di sicurezza e potatura/sostituzione delle siepi Risanamento completo ex locale caldaia (si avvertono forti esalazioni di gasolio, pavimento untuoso, ): rifacimento pavimento, imbiancatura pareti, sostituzione serratura della porta di accesso Revisione canale tetto reparti classi 3^ e 2^ Revisione periodica pulizia vetrate esterne dell edificio a cura di un apposita impresa. 17

18 SICUREZZA A SCUOLA LOCALI INTERNI 3.71 UFFICI AMMINISTRATIVI: verifica impianto di rete dei pc a norma di legge e installazione linea ADSL riservata Revisione allarmi installati presso tutto l edificio scolastico e installazione di nuovi sensori nelle aule LOCALE SEMINTERRATO: installazione di un sensore per diramazione allarme per evacuazione e di un apparecchio sonoro per chiamata collaboratore scolastico direttamente presso l atrio dell edificio Predisposizione di ripari per gli spigoli vivi ai davanzali delle finestre Controllo periodico e revisione impianto termico, elettrico e antincendio come previsto dalla normativa vigente Controllo periodico ascensore e installazione di antiscivolo lungo i gradini scale adiacenti Controllo periodico attrezzature palestra Infiltrazione acqua locale ripostiglio materiale teatro: verifica periodica Intervento di tecnici qualificati che possano accertare le cause delle emissioni nauseabonde che rendono inagibili i locali siti sopra la cucina (scuola civica di musica) e bagni: eliminazione problema Sistemazione a parete delle prese elettriche multiple attigue alle lavagne multimediali, cablaggio dei cavi elettrici e dati per il collegamento ai computer portatili: si richiede l intervento della ditta abilitata Predisposizione di ripari per i caloriferi sporgenti nelle aule, nei corridoi e nei bagni Applicazione cartellonistica luminosa per la sicurezza e controllo di tutta la segnaletica. AMBIENTE ESTERNO 3.83 Servizio di vigilanza per l ingresso e l uscita degli alunni/e da parte di un agente della Polizia locale Predisposizione di barriere ai gradini esterni, per l accesso ai cortili da tutte le aule piano terra Nuova asfaltatura dei cortili d ingresso alla scuola (in via Don Giavazzi) e sul retro dell edificio scolastico AREA GIARDINO: revisione ed eventuale sistemazione dei pozzetti rotti o sporgenti AREA GIARDINO: rifacimento di tutto il manto erboso del giardino e sostituzione piante Rimozione dislivello sito ingresso principale (porta) Dotazione della segnaletica di divieto di accesso anche agli animali da apporre ai cancelli d ingresso dell edificio scolastico Chiusura dello spazio posto sotto la scala di emergenza sita nel giardino nell ala est della scuola Sistemazione tubo di scarico a tempi, situato nel vano caldaia, lo stesso scarica nel giardino nord/est della scuola dove i bambini durante l intervallo giocano, quindi l improvvisa fuoriuscita di acqua potrebbe essere causa di infortunio. Per maggiori dettagli e ulteriori opere, vedasi Piano degli interventi di adeguamento (DVR) predisposto dal RSPP dell Istituto. RETE WEB CONTRATTI 3.92 Controllo periodico rete wireless in tutti gli ambienti scolastici Connettività nelle tre scuole, banda ADSL per digitalizzazione e didattica Implementazione di una seconda ADSL riservata agli Uffici amministrativi Contratto di noleggio e manutenzione delle fotocopiatrici e di altre attrezzature. 18

19 ARREDI ATTREZZATURA PER LOCALI INTERNI 3.96 Dotazione di oscuranti idonei per le finestre delle aule Sostituzione serramenti finestre (dispersione di calore e infiltrazione acqua piovana) e porta d ingresso principale Collocazione nelle aule di listelli di legno per affiggere cartelloni. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA A SCUOLA LOCALI INTERNI 3.99 Edificazione/Ripristino di un bagno riservato ai docenti Controllo periodico di veneziane (e meccanismo) presenti in tutte le aule (con sostituzione di quelle rotte) PALESTRA - Revisione del meccanismo di chiusura dei finestroni in palestra (lato sinistro): si aprono solo parzialmente, non tutte le finestre sono collegate al meccanismo e quelle chiuse rimangono aperte 3 o 4 centimetri causando forte dispersione di calore Regolare tinteggiatura di tutti i locali e ripristino delle parti murarie rovinate NUOVA STRUTTURA AMPLIATA: installazione segnale acustico (campana) Contratto di noleggio della fotocopiatrice e altre attrezzature Smaltimento di materiale ingombrante Installazione campana automatica per cambio ora NUOVA STRUTTURA AMPLIATA: collegamento dell edificio scolastico esistente con il seminterrato - percorso riparato ed eliminazione delle barriere architettoniche PIANO SEMINTERRATO: agibilità, collegamento acqua e installazione del lavandino Controllo e manutenzione dei serramenti: eventuale sostituzione delle maniglie delle finestre, porte e infissi rotti, nonché zoccolini Sostituzione sistema di illuminazione aula informatica per poter avere adeguata luminosità per riunioni serali Revisione generale dei caloriferi Riparazione spigoli, installazione paracolpi e ritocchi di muro nei vari spazi scolastici Verifica SERVIZI IGIENICI della scuola e della palestra: sostituzione di tubi, guarnizioni ed eventuali rubinetti - lavandini rotti PALESTRA Riparazione e/o sostituzione porte e apertura finestre degli spogliatoi PALESTRA - BAGNI: controllo periodico sanitari PALESTRA - Revisione della pavimentazione. AMBIENTE ESTERNO Rifacimento del manto di asfalto del cortile ingresso scuola AREA GIARDINO: regolare taglio dell erba, controllo, manutenzione e/o sostituzione delle piante da effettuarsi in orario extrascolastico per ragioni di sicurezza. LOCALI INTERNI Revisione allarmi installati presso tutto l edificio scolastico e installazione di nuovi sensori nelle aule Collocazione corrimano barriera scala all ingresso dell edificio Collocazione nuovo dispositivo di allarme: il suono non viene percepito se si è in palestra e nell ala nuova Controllo periodico dell impianto termico, elettrico e antincendio come previsto dalla normativa vigente Controllo periodico ascensore e montascale per alunni/e disabili Installazione sistemi protettivi sugli spigoli delle finestre delle aule del secondo piano che hanno apertura all interno della classe Revisione prese di corrente e interruttori Applicazione cartellonistica luminosa e nuova segnaletica di sicurezza (estintori e idranti). AMBIENTE ESTERNO Servizio di vigilanza per l ingresso e l uscita degli alunni/e da parte di un agente della Polizia locale Manutenzione fossa per salto in lungo Presa in esame di un secondo ingresso dell utenza. Per maggiori dettagli e ulteriori opere, vedasi Piano degli interventi di adeguamento (DVR) predisposto dal RSPP dell Istituto. RETE WEB Potenziamento e controllo periodico rete wireless e ADSL in tutti gli ambienti scolastici. 19

20 4. PRESENTAZIONE PROGETTI - SCHEDE TECNICHE: 1. DENOMINAZIONE DEL PROGETTO 2. REFERENTE PROGETTO DESTINATARI 3. COERENZA CON IL POF 4. AMBITI DISCIPLINARI INTERESSATI OBIETTIVI CONTENUTI 5. DURATA 6. RISORSE UMANE E FINANZIARIE 7. MATERIALI RICHIESTI, BENI E SERVIZI. ALLEGATI 20

PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO

PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO (Consiglio d Istituto, seduta del 24 giugno 2014 - Delibera n. 14) 1 S T R U T T U R A Con il Piano per il Diritto allo Studio per l anno scolastico 2014/2015 ci si impegna

Dettagli

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 LE SCUOLE PRIMARIE SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 La scuola primaria B. Ferrari è ospitata in un edificio storico di pregio la cui costruzione risale all anno 1927

Dettagli

Il contributo volontario delle famiglie

Il contributo volontario delle famiglie Il contributo volontario delle famiglie Il contributo delle famiglie sostiene l offerta formativa dell istituto. Si descrive l offerta formativa della scuola e come sono stati usati i contributi dello

Dettagli

OGGETTO: Adempimenti previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 in materia di sicurezza e salute durante il lavoro.

OGGETTO: Adempimenti previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 in materia di sicurezza e salute durante il lavoro. CIRCOLARE N 3 Prot. n.2882 del 05 settembre 2013 Al Sig.Sindaco del Comune di Dragoni OGGETTO: Adempimenti previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 in materia di sicurezza e salute durante il lavoro. Il sottoscritto

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CAROLI STEZZANO. ALLEGATO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Anno scolastico 2014/2015

SCUOLA PRIMARIA CAROLI STEZZANO. ALLEGATO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Anno scolastico 2014/2015 M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l a R i c e r c a e d e l l U n i v e r s i t à Istituto Comprensivo CAROLI Via Vallini n. 23 24040 STEZZANO (BG) Tel: 035 591529 - Fax: 035 592335

Dettagli

Locarno, 11 luglio 2008. Al Consiglio Comunale. Locarno. Signori Presidente e Consiglieri Comunali, Premessa

Locarno, 11 luglio 2008. Al Consiglio Comunale. Locarno. Signori Presidente e Consiglieri Comunali, Premessa M.M. no. 7 riguardante la richiesta di un credito di fr. 73'000.-- per l arredamento relativo all ampliamento della scuola elementare sede di Locarno_Monti Locarno, 11 luglio 2008 Al Consiglio Comunale

Dettagli

-SCHEDE SCUOLE -STRUTTURE EDILIZIE

-SCHEDE SCUOLE -STRUTTURE EDILIZIE Allegato 1 al POF Istituto Comprensivo N.Tommaseo di Conselve a.scol. 2012-13 -SCHEDE SCUOLE -STRUTTURE EDILIZIE CONSELVE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE GIRASOLE Via L.Traverso, 3 e 2 (sez.staccata -ala

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA La scuola dell infanzia promuove l educazione armonica e integrale dei bambini da 3 a 6 anni ( REGOLAMENTO Titolo I art.2- art.4), proponendosi come ambiente

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

Comune di Cermenate Provincia di Como. ASSESSORATO AI SERVIZI EDUCATIVI Servizio Istruzione

Comune di Cermenate Provincia di Como. ASSESSORATO AI SERVIZI EDUCATIVI Servizio Istruzione Comune di Cermenate Provincia di Como ASSESSORATO AI SERVIZI EDUCATIVI Servizio Istruzione ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SEDE DIREZIONALE SCOLASTICA : Via Alfieri DIRIGENTE: Prof.ssa Ada De Santis SCUOLA

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

Organizzazione del plesso

Organizzazione del plesso Istituto Comprensivo statale di Malo Scuola Primaria E. De Amicis Case di Malo Organizzazione del plesso Anno scolastico 2014/2015 PROGRAMMAZIONE ORGANIZZATIVA DI PLESSO CASE DI MALO A.S. 2014/2015 1.

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE MODALITA DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

PIANO DI EVACUAZIONE MODALITA DI GESTIONE DELLE EMERGENZE PIANO DI EVACUAZIONE MODALITA DI GESTIONE DELLE EMERGENZE 2012/ 2013 Il piano di evacuazione nasce dalla necessità di gestire le emergenze che possono insorgere durante l orario di lezione. Le emergenze

Dettagli

Comitato Genitori Lamarmora Lainate

Comitato Genitori Lamarmora Lainate Doc. 1/2013 Relazione Stato Interventi Scuola Infanzia Via Lamarmora Lainate, 5 Ottobre 2013 Addì, 5 Ottobre 2013 si sono riuniti presso i locali della scuola dell Infanzia per sopralluogo i Componenti

Dettagli

Istituto Comprensivo Kennedy Ovest 3 Brescia 2015-2016

Istituto Comprensivo Kennedy Ovest 3 Brescia 2015-2016 Brescia 2015-2016 LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE definiscono nel POF le articolazioni del tempo-scuola le Famiglie potranno RICHIEDERE Uno dei modelli a richiesta Tempo 30 ore Tempo Pieno 40 ore Scuola primaria

Dettagli

SEZIONE 4 IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA

SEZIONE 4 IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA Pag. 2 di 15 4.1 UNITA OPERATIVA 1 - PRIMARIA, XXV APRILE - SEDE DESCRIZIONE DELL UNITA

Dettagli

Istituto Comprensivo Kennedy Ovest 3 Brescia 2015-2016

Istituto Comprensivo Kennedy Ovest 3 Brescia 2015-2016 Brescia 2015-2016 LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE definiscono nel POF le articolazioni del tempo-scuola le Famiglie potranno RICHIEDERE Uno dei modelli a richiesta IL TEMPO SCUOLA ORDINARIO 30 ORE SETTIMANALI

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE Allo scopo di ottenere una più adeguata conoscenza dell ambiente di lavoro/studio, soprattutto per i nuovi allievi, e di attivare i necessari automatismi nelle operazioni

Dettagli

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI PARTE SECONDA 5. LA SCUOLA PRIMARIA DELL'ISTITUTO 5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI La scuola Primaria promuove il benessere dei bambini e si impegna ad educarli tenendo conto delle diverse dimensioni

Dettagli

Comune di Monte San Vito Provincia di Ancona

Comune di Monte San Vito Provincia di Ancona Ambito Territoriale Sociale 12 Falconara Marittima, Chiaravalle, Montemarciano, Monte San Vito, Agugliano, Camerata Picena, Polverigi CARTA DEI SERVIZI DI AMBITO CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

Edizione 2016. Il termine per presentare le richieste di contributo complete di tutti gli allegati è il 31 maggio 2016.

Edizione 2016. Il termine per presentare le richieste di contributo complete di tutti gli allegati è il 31 maggio 2016. Edizione 2016 Bando per interventi di messa in sicurezza, ristrutturazione e riqualificazione degli edifici scolastici e per la formazione professionale. Il Bando è suddiviso in due misure: Misura 1) Interventi

Dettagli

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 Scuola di cittadinanza attiva SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 settembre 2002 1 PREMESSA Poiché il tema della sicurezza

Dettagli

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro (Carta intestata dell Istituzione Scolastica) Al Provincia/ Comune/ Municipio ) (il destinatario deve essere il soggetto tenuto alla fornitura e manutenzione dell immobile)... data... oggetto: Adeguamenti

Dettagli

La 1^ A (coordinata dai docenti Pezzotta e Dumassi) Vi invita a un tour (virtuale) nella Scuola Secondaria di 1 Grado Giovanni XXIII di Castelveccana

La 1^ A (coordinata dai docenti Pezzotta e Dumassi) Vi invita a un tour (virtuale) nella Scuola Secondaria di 1 Grado Giovanni XXIII di Castelveccana La 1^ A (coordinata dai docenti Pezzotta e Dumassi) Vi invita a un tour (virtuale) nella Scuola Secondaria di 1 Grado Giovanni XXIII di Castelveccana Anno scolastico 2013/2014 La vecchia targa all ingresso

Dettagli

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro (Carta intestata dell Istituzione Scolastica) Al Provincia/ Comune/ Municipio ) (il destinatario deve essere il soggetto tenuto alla fornitura e manutenzione dell immobile)... data... oggetto: Adeguamenti

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO 3.1.1.IMPIANTO TERMICO CENTRALE -E presente all interno dell edificio nel piano seminterrato il locale caldaie. Ciascuna delle due caldaie

Dettagli

PLESSI ORARI SERVIZI DOTAZIONI BIBLIOTECHE

PLESSI ORARI SERVIZI DOTAZIONI BIBLIOTECHE 3_DESCRIZIONE SCUOLE DI CADEO PLESSI ORARI SERVIZI DOTAZIONI BIBLIOTECHE SCUOLA DELL INFANZIA DI ROVELETO Via Liberazione, 4 0523 509796 INGRESSO dalle ore 8 alle ore 9 USCITA La scuola prevede tre fasce

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI

4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Pag. 1 di 8 4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Nell ambito della struttura scolastica operano, oltre alle varie mansioni già individuate

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI 5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI FUNZIONI STRUMENTALI: Sono funzioni strategiche nell organizzazione della scuola autonoma, che vengono assunte da docenti incaricati i quali, oltre alla

Dettagli

LA NOSTRA PEDAGOGIA. Obiettivo primario: IMPARARE AD IMPARARE! Obiettivi formativi: ESSERE E DIVENTARE

LA NOSTRA PEDAGOGIA. Obiettivo primario: IMPARARE AD IMPARARE! Obiettivi formativi: ESSERE E DIVENTARE LA NOSTRA PEDAGOGIA Obiettivo primario: IMPARARE AD IMPARARE! Obiettivi formativi: ESSERE E DIVENTARE Obiettivi specifici: SAPERE E SAPER FARE AUTONOMAMENTE Il contesto educativo: LA SCUOLA E UN ALTRA

Dettagli

SCUOLA MATERNA MARY POPPINS Via Pesaro - Rivalta

SCUOLA MATERNA MARY POPPINS Via Pesaro - Rivalta PER TUTTE LE SCUOLE 1. Fornire di TARGHE TUTTE LE SCUOLE con il relativo nome 2. Individuare un responsabile che faccia la manutenzione delle aree verdi (sostituzione sabbia nelle sabbiere) e perlustri

Dettagli

TEL. 0781/670230. Gruppo Folk della Scuola - Processione di S.Ponziano

TEL. 0781/670230. Gruppo Folk della Scuola - Processione di S.Ponziano Gruppo Folk della Scuola - Processione di S.Ponziano ISCRIZIONI Le iscrizioni alla Scuola Primaria F. Ciusa per l A.S. 2016-2017, si effettueranno in modalità on-line o presso gli Uffici della Segreteria

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA COMUNE DI COSSIGNANO Gara per l affidamento del servizio di mensa scolastica per la scuola dell infanzia e la scuola primaria anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

Ripartizione delle spese accessorie e dei servizi a carico dei singoli assegnatari e dell autogestione.

Ripartizione delle spese accessorie e dei servizi a carico dei singoli assegnatari e dell autogestione. ALLEGATO A Ripartizione delle spese accessorie e dei servizi a carico dei singoli assegnatari e dell autogestione. A) Ascensore: 1) forza motrice e illuminazione; 2) manutenzione ordinaria e piccole riparazioni;

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE CENTRO DI ALFABETIZZAZIONE IN ITALIANO L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria di II grado Scuola Secondaria di I grado Scuola

Dettagli

COMUNE DI BUSTO GAROLFO

COMUNE DI BUSTO GAROLFO COMUNE DI BUSTO GAROLFO PROVINCIA DI MILANO O R I G I N A L E DETERMINAZIONE DEL SETTORE 6 : Area Tecnica OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DA ESEGUIRE PRESSO DI STABILI SCOLASTICI DI PROPRIETÀ COMUNALE:

Dettagli

LA CIVICA SCUOLA PRIMARIA PER L EDUCAZIONE ALLO SPORT E ALLA MUSICA SAN GIUSTO

LA CIVICA SCUOLA PRIMARIA PER L EDUCAZIONE ALLO SPORT E ALLA MUSICA SAN GIUSTO LA CIVICA SCUOLA PRIMARIA PER L EDUCAZIONE ALLO SPORT E ALLA MUSICA SAN GIUSTO COMMISSIONE EDUCAZIONE 10 APRILE 2013 1 LA SCUOLA PRIMARIA DI VIA S.GIUSTO La Scuola Civica Primaria è stata istituita con

Dettagli

Edilizia Scolastica. Interventi finanziati dalla Regione Piemonte in Provincia di Novara

Edilizia Scolastica. Interventi finanziati dalla Regione Piemonte in Provincia di Novara Edilizia Scolastica Interventi finanziati dalla Regione Piemonte in Provincia di Novara I Comuni Agrate Conturbia Borgo Ticino Borgolavezzaro Dormelletto Carpignano Sesia Casalino Fara N.se Grignasco Lesa

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA

ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA Per il corrente a.s., l organico docente, dopo le operazioni di assegnazione in Organico di Fatto, risulta così composto: N. 29 posti comuni e N. 4 posti e 11 ore

Dettagli

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese Il concetto di sicurezza a scuola è quasi sempre associato a situazioni di rischio connesse alla vulnerabilità degli edifici scolastici e alle questioni inerenti la loro sicurezza strutturale, igienica

Dettagli

Comune di Reggello. ALLEGATO A al disciplinare dell Albo dei fornitori di beni e servizi (approvato con determinazione n. del )

Comune di Reggello. ALLEGATO A al disciplinare dell Albo dei fornitori di beni e servizi (approvato con determinazione n. del ) Comune di Reggello ALLEGATO A al disciplinare dell Albo dei fornitori di beni e servizi (approvato con determinazione n. del ) Categorie di Servizi (sez. I) Servizi assicurativi Servizi di brokeraggio

Dettagli

COMUNE DI MARANELLO (PROVINCIA DI MODENA)

COMUNE DI MARANELLO (PROVINCIA DI MODENA) COMUNE DI MARANELLO (PROVINCIA DI MODENA) CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA RELAZIONE Presentazione delle scelte progettuali La progettazione della nuova biblioteca

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 4 del 20/12/2012 Premessa Le uscite didattiche,

Dettagli

3_DESCRIZIONE DELLE SCUOLE DI CADEO

3_DESCRIZIONE DELLE SCUOLE DI CADEO 3_DESCRIZIONE DELLE SCUOLE DI CADEO PLESSI ORARI SERVIZI DOTAZIONI BIBLIOTECHE SCUOLA DELL INFANZIA DI ROVELETO Via Liberazione, 4 Roveleto di Cadeo (PC) 0523 509796 INGRESSO dalle ore 8 alle ore 9 USCITA

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

Progetto Esecutivo. ELABORATO: RE_ Relazione opere edili. IL PROGETTISTA Arch. Mariangela Cimma

Progetto Esecutivo. ELABORATO: RE_ Relazione opere edili. IL PROGETTISTA Arch. Mariangela Cimma Progetto Esecutivo PON FESR Ambienti per l Apprendimento Asse II Qualità degli ambienti scolastici Obiettivo C Bando Prot. AOODGAI/7667 del 15/06/2010 I.S.I.S. Gaetano Filangieri Via Sen. Pezzullo,7 FRATTAMAGGIORE

Dettagli

1992 DM 26/08/92 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica Legge 11/01/96 n. 23 Norme per l edilizia scolastica

1992 DM 26/08/92 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica Legge 11/01/96 n. 23 Norme per l edilizia scolastica 1. Premessa La presente relazione è parte integrante del progetto preliminare dei Lavori di adeguamento per la divisione del plesso scolastico di via Segni in due parti: scuola per l'infanzia al piano

Dettagli

Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI

Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI 5.1. Ambienti didattici 5.2. Aree per attività fisiche 5.3. Laboratori 5.4. Uffici Capitolo 5 - Rev. 02 26/09/2014 - pag. 1 di 5 5.1. AMBIENTI DIDATTICI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G.Rodari Via Aquileia, 1 20021 Baranzate (MI) Tel/fax 02-3561839 Cod. Fiscale 80126410150 Cod. meccanografico MIIC8A900C

Dettagli

LE ATTIVITA E I SERVIZI OFFERTI

LE ATTIVITA E I SERVIZI OFFERTI SERVIZI SCOLASTICI L ufficio Pubblica Istruzione si trova in Piazza XXVI Aprile, n. 16. L ufficio è aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 Telefono 030 7479225 - E-mail:

Dettagli

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale «ALESSANDRO VOLTA» Sintesi del Piano dell Offerta Formativa SCUOLA PRIMARIA Dirigente Scolastico Prof. Incoronata

Dettagli

SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA - SCUOLA PRIMARIA. Capo d Istituto: Bussandri Deanna Vicario: Pavoni Cristina

SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA - SCUOLA PRIMARIA. Capo d Istituto: Bussandri Deanna Vicario: Pavoni Cristina 1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELL ARQUATO PCIC81500R Via Roma, 1 29014 Castell Arquato (PC) e.mail : pcic81500r@istruzione.it tel. e fax 0523/805167 http://wwwiccastellarquato.gov.it/ Ai genitori degli

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 UFFICIO TECNICO SETTORE DELL EDILIZIA Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 4061 - fax n 0372/406474 e-mail: edilizia@provincia.cremona.it ITIS G. GALILEI CREMA.

Dettagli

Oggetto: riepilogo circolare

Oggetto: riepilogo circolare Oggetto: riepilogo circolare Direzione Generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l istruzione e per l innovazione digitale. Avviso pubblico rivolto

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Aula Digitale per Tutti

Aula Digitale per Tutti Premessa Progetto Aula digitale per tutti Il progetto si inserisce nella fase attuale di introduzione delle Lavagne Interattive Multimediali nelle scuole. Con la sua attuazione intende promuovere interventi

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

LINEE GUIDA SCUOLA DELL INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA, SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

LINEE GUIDA SCUOLA DELL INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA, SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO LINEE GUIDA SCUOLA DELL INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA, SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Classi coinvolte - Gruppo 4/5 anni Scuola dell Infanzia; IVA/IVC Scuola Primaria; IA/IC/IIA Scuola Sec.I Grado N.totale ragazzi

Dettagli

VIGILANZA ALUNNI ORGANIZZAZIONE ENTRATA ED USCITA DEGLI ALUNNI, CAMBIO ORA, INTERVALLO.

VIGILANZA ALUNNI ORGANIZZAZIONE ENTRATA ED USCITA DEGLI ALUNNI, CAMBIO ORA, INTERVALLO. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale A.Moro di SERIATE Corso Roma, 37 24068 SERIATE (BG) Tel. 035.295297 Fax 035.4240539 @-mail: bgic876002@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

Documento di Valutazione del Rischio Incendio ai sensi dell art. 2 del D.M. 10/03/98 DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO - FORLI

Documento di Valutazione del Rischio Incendio ai sensi dell art. 2 del D.M. 10/03/98 DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO - FORLI Documento di Valutazione del Rischio Incendio ai sensi dell art. 2 del D.M. 10/03/98 DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO - FORLI SCUOLA PRIMARIA A. MELLINI e SCUOLA DELL INFANZIA IL PAPAVERO Redatto dal Datore

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "L. EINAUDI"

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI L. EINAUDI PROPOSTA ATTIVITA A.S. 2008-09 M1/PA08 CURRICOLARE EXTRACURRICOLARE ALTRO Titolo del Progetto Accoglienza- Alfabetizzazione,- Educazione interculturale Responsabile del Progetto Prof. ssa Colombo Lidia

Dettagli

PIANO PER L ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015

PIANO PER L ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015 PIANO PER L ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015 1 L azione amministrativa a favore della scuola: Servizio di trasporto scolastico Servizio di refezione scolastica Sostegno alle Scuole d Infanzia

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA STUDIO DI FATTIBILITA PER LA RISTRUTTURAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE DELLA SCUOLA MEDIA AZZARITA RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA L immobile oggetto dello studio di fattibilità è ubicato in Via Barisano

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995)

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) La Carta dei servizi è il documento, espressione dell autonomia progettuale della scuola, che definisce e rende noti all utenza le finalità,

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

SCHEDA A ALLEGATA AL CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DI LOCALI DI PROPRIETÀ COMUNALE

SCHEDA A ALLEGATA AL CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DI LOCALI DI PROPRIETÀ COMUNALE SCHEDA A ALLEGATA AL CAPITOLATO DI APPALTO PER IL PALAZZO COMUNALE sito in Piazza Cons. T. Manlio, 7 ORARIO DI ENTRATA PER LE PULIZIE: dal lunedì al venerdì dalle ore 6.00 alle ore 8.00 e dalle ore 19.30

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Asilo Nido Marina di Pisa Il tecnico

Dettagli

Preparazione Verifica Approvazione

Preparazione Verifica Approvazione Pag. 1 di pag. 5 NORME UNI EN ISO 9001 : 2008 GESTIONE LE PULIZIE E LA MANUTENZIONE INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. PROCEDURA 4.1 Pulizia 4.2 Manutenzione ordinaria e straordinaria

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua.

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua. SCUOLA PRIMARIA Denominazione progetto Priorità cui si riferisce (L.107/2015)e Traguardi di risultato Obiettivo di processo CLIL SCIENCE Sviluppare e potenziare le competenze chiave di cittadinanza. Rispondere

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI MANUTENZIONE

PIANO OPERATIVO DI MANUTENZIONE ALLEGATO N. A 2-1 PIANO OPERATIVO DI MANUTENZIONE Il programma di manutenzione ordinaria contempera controlli e periodiche preventive che dovranno rispettare i tempi e le procedure sottoindicate Intervento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI PLESSO

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA C. COLLODI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 20012/ 13 NORME ANNO SCOLASTICO 20012/2013 1. La divisa regolamentare della Scuola è il grembiule nero (per le femmine), la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n.

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n. ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n. 0332400737 e-mail scuolavo@libero.it C è qualcosa di più

Dettagli

RELAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA PER IL PROGRAMMA ANNUALE

RELAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA PER IL PROGRAMMA ANNUALE 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GROSSI TREVIGLIO SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIA DI PRIMO GRADO RELAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA PER IL PROGRAMMA ANNUALE Esercizio finanziario 2015 2 Dirigente Scolastico:

Dettagli

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila ============================= Area Amministrativa, Sociale e Culturale

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila ============================= Area Amministrativa, Sociale e Culturale COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila ============================= Area Amministrativa, Sociale e Culturale AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONI D INTERESSE FINALIZZATE ALL'AFFIDAMENTO DI GESTIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA PROTOCOLLO D'INTESA RELATIVO AL SERVIZIO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO- CULTURALE NEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI E DIREZIONI DIDATTICHE DELL UNIONE TERRE D ARGINE tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO,

Dettagli

I.S.I.S. GIOSUE CARDUCCI DANTE ALIGHIERI. Liceo Classico; Liceo Linguistico; Liceo Musicale

I.S.I.S. GIOSUE CARDUCCI DANTE ALIGHIERI. Liceo Classico; Liceo Linguistico; Liceo Musicale I.S.I.S. GIOSUE CARDUCCI DANTE ALIGHIERI Liceo Classico; Liceo Linguistico; Liceo Musicale Liceo delle Scienze Umane; delle Scienze Umane opzione Economico Sociale;. Ex I. M.: Liceo Socio Psico-Pedagogico

Dettagli

L IMPEGNO DELLA PROVINCIA PER LE SCUOLE SUPERIORI

L IMPEGNO DELLA PROVINCIA PER LE SCUOLE SUPERIORI Assessorato Infrastrutture, Mobilità sostenibile, Patrimonio ed Edilizia Assessorato Scuola, Università, Ricerca e Formazione professionale L IMPEGNO DELLA PROVINCIA PER LE SCUOLE SUPERIORI Interventi,

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI 1. PREMESSA DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le azioni

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. Premessa

RELAZIONE GENERALE. Premessa RELAZIONE GENERALE Premessa La scuola dell infanzia con il Nido Integrato persegue la formazione integrale di bambini dai 12 ai 36 mesi offrendo opportunità per il raggiungimento di capacità e competenze

Dettagli

Istituto Comprensivo Paolo Borsellino di Montecompatri PROGETTO ACCOGLIENZA FELICI DI STARE INSIEME

Istituto Comprensivo Paolo Borsellino di Montecompatri PROGETTO ACCOGLIENZA FELICI DI STARE INSIEME Istituto Comprensivo Paolo Borsellino di Montecompatri PROGETTO ACCOGLIENZA FELICI DI STARE INSIEME Il progetto accoglienza è condotto all'interno di tutto l'istituto con le stesse finalità, diversificandosi,

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE

COMUNE DI PREGNANA MILANESE 5. ALLEGATI ALLEGATO 1 - ELENCO STRUTTURE 1. Campo di calcetto Trattasi di struttura coperta, con pavimentazione in erba sintetica e copertura costituita da campate e arcarecci in legno lamellare e telo

Dettagli

1 0 Fino a 7.580,00 10,00 1,50 40 2 7.580,01 12.000,00 25.00 2,50 75 3 12.000,01 15.457,99 55,00 2.50 105 4 15.458,00 20.000,00 65,00 2,50 115

1 0 Fino a 7.580,00 10,00 1,50 40 2 7.580,01 12.000,00 25.00 2,50 75 3 12.000,01 15.457,99 55,00 2.50 105 4 15.458,00 20.000,00 65,00 2,50 115 Servizio Prescuola scuola Primaria E. de Amicis. Il servizio riservato agli alunni della scuola Primaria E. De Amicis (per minimo di 15 iscritti), è in funzione dalle ore 07:15 fino all ora di apertura

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Sintesi del Piano Dell offerta Formativa A.S. 2014-2015 16 gennaio 2015: presentazione delle scelte educativo-didattiche ai genitori (ore 18.00) 17 gennaio 2015: scuola

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO 3.1.1.IMPIANTO TERMICO CENTRALE -E presente all interno dell edificio nel piano seminterrato il locale caldaie. Ciascuna delle due caldaie

Dettagli

Prot n.4230/a22 Brembate, 23/09/2015. e p.c. Al Consiglio d Istituto Ai genitori al DSGA al personale ATA Atti Sito web

Prot n.4230/a22 Brembate, 23/09/2015. e p.c. Al Consiglio d Istituto Ai genitori al DSGA al personale ATA Atti Sito web Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Brembate Sotto Via Oratorio n. 14 24041 BREMBATE (BG) Tel: 035 801047 035 801447 - Fax: 035 4874731 info@icbrembate.it

Dettagli

LINEE GUIDA del Progetto Spazio Educativo

LINEE GUIDA del Progetto Spazio Educativo LINEE GUIDA del Progetto Spazio Educativo La riflessione del gruppo che si occupa dello Spazio educativo è iniziata con l individuazione delle procedure, che hanno portato a modificare il contesto, e delle

Dettagli