comune di trieste PROGETTO POLO INFANZIA DI BORGO S.SERGIO Tre Casette

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "comune di trieste PROGETTO POLO INFANZIA DI BORGO S.SERGIO Tre Casette"

Transcript

1 comune di trieste PROGETTO POLO INFANZIA DI BORGO S.SERGIO Tre Casette

2 Un nido d infanzia e una scuola dell infanzia, due strutture che hanno un importanza fondamentale per la crescita e la formazione dei bambini e delle bambine. L edificio, piacevole e funzionale, è stato progettato e realizzato in stretta collaborazione con i coordinatori pedagogici, futuri responsabili della gestione di questi servizi, che hanno curato anche la scelta e la disposizione dell arredo interno ed esterno. Il nuovo Polo Infanzia, inserito nel rione periferico di Borgo San Sergio, oggetto, negli ultimi anni, di altre opere di riqualificazione che lo hanno reso sempre più accogliente e vivibile, è adiacente alla nuova biblioteca di quartiere ed è vicino ad altre strutture educative e scolastiche quali il Ricreatorio Ricceri, il nuovo Polo di Aggregazione Giovanile, l Istituto comprensivo Roli con la scuola primaria e la media, la scuola dell infanzia comunale La Capriola. Una collocazione quindi privilegiata che facilita la continuità ed il lavoro in rete fra le varie realtà educative e scolastiche presenti a favore di bambini, adolescenti, giovani e famiglie e consente di attuare un forte intervento educativo e di prevenzione del disagio. Il nuovo Polo Infanzia dunque, come opportunità, per i cittadini di Borgo San Sergio, di usufruire di nuovi servizi educativi che possono offrire una esperienza profondamente significativa per bambini e adulti ed agevolare le famiglie nel difficile e delicato compito dell educare. IL DIRETTORE DEI SERVIZI PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA Dott. Maria Rosa Manià

3 Un sereno confronto tra le coordinatrici che hanno curato il presente progetto vuole aprire la strada alla futura collaborazione tra insegnanti, educatori, operatori che a diverso titolo daranno vita al polo infanzia attraverso la loro opera costante, ricca e complessa, assieme ai bambini, ai giovani e alle famiglie. Il presente progetto è stato steso dalla coordinatrice delle scuole dell infanzia Arcobaleno e La Capriola, Sig.ra Manuela Vascotto per le parti riguardanti gli ambienti della scuola dell infanzia e dalla coordinatrice dei nidi d infanzia Colibrì e Bosco Magico, dott.ssa Irene Fontanot, per le parti riguardanti la presentazione, gli ambienti del nido, le zone di passaggio interno e l ambiente esterno. Le parti riguardanti la premessa e le considerazioni finali su Polo infanzia tra continuità e progetti speciali sono state scritte a quattro mani. Comune di Trieste,

4

5 Dalle Indicazioni Nazionali riferite alla scuola dell infanzia emerge che questa, ambiente di tutti, vero e proprio laboratorio sociale di osservazione e di prevenzione dei fenomeni di disagio, dev essere altresì ambiente motivante, con gli obiettivi riferiti al bambino. Attraverso il personale delle strutture sarà garantito quell impegno professionale sorretto da uno stile relazionale guidato da saperi, attitudini, competenze, abilità, motivazioni che, nel rispetto e nella valorizzazione dei ruoli e delle diversità e nella comune presa in carico delle responsabilità, farà da garante alla promozione dello sviluppo della personalità di ciascuno nel rispetto dei diritti di tutti. Le tre casette, destinate rispettivamente a nido d infanzia, scuola dell infanzia e servizi, vogliono porsi nella prospettiva di offrire opportunità di crescita alla comunità anche aprendosi ad incontri, scambi di esperienze e sperimentazioni volte a produrre innovazione e miglioramento. 2

6 PRESENTAZIONE DELLE CASETTE Emerge da una vasta letteratura, derivante da più ambiti disciplinari, l importanza assunta dallo spazio, inteso come ambiente, quale elemento determinante la qualità della vita 3. Per passare dagli assunti alla concretezza dei fatti e realizzare un progetto, qual è quello del polo infanzia, è importante che siano compresenti e compartecipi attori di ambiti istituzionalmente separati, quali l urbanistica, il territorio, l edilizia scolastica, l educazione/istruzione, ma che si ritrovano, nella logica delle cose e della natura, uniti nell impegno volto alla realizzazione di un prodotto unico. Quanto più e laddove dai diversi ambiti si riescono a superare i vincoli di settore, tanto più e proprio lì, si può trovare la migliore riuscita del prodotto, quale esito originale e coerente di un processo svoltosi in modo unitario. Le esigenze pedagogiche devono sapersi articolare con quelle architettoniche 4, rispondendo anche agli indirizzi emergenti dalle politiche educative che richiedono l attivazione di nuove tipologie di servizi educativi e formativi, per poter rispondere ai nuovi bisogni dei bambini e delle famiglie. È in questa logica, dunque, che è nata l esigenza di dare un organizzazione flessibile agli spazi del polo infanzia. Spazi che includono ambienti esterni ed interni di quattro casette che, collegate tra loro da percorsi interni, ospiteranno un nido d infanzia di sessanta bambini, una scuola dell infanzia di cinquanta, una zona servizi e, in prospettiva, una biblioteca ed altre tipologie di servizi integrativi aperti al territorio. Tale spazio perciò sarà adattabile a destinazioni d uso molteplici, utilizzabile in fasce orarie distinte ed aperto a diverse tipologie d utenza anche in collaborazione con altri servizi. Particolare attenzione verrà posta verso una concertazione che vedrà partecipi tutte le realtà educative del territorio, al fine di realizzare iniziative pensate per/da e assieme a tutte le fasce di età più giovani, dai 0 ai 24 anni. In tale prospettiva, accanto a spazi destinati alle specifiche attività istituzionali, saranno predisposti spazi polivalenti per adulti e bambini, spazi attrezzati per attività specifiche di tipo artistico, multisensoriale, fantastico, motorio, ludico, d incontro, di rappresentazione, di documentazione ecc... In questo senso, lo spazio diventa una risorsa che sostiene e qualifica le intenzioni educative se: - promuove la sicurezza (1) e il benessere emotivo dei bambini e del personale; - tiene conto delle caratteristiche evolutive dei bambini, in quanto esistono modi diversi di vivere, pensare e costruire lo spazio tra diverse età: cambiano i bisogni, le motivazioni e le competenze cognitive, motorie e sociali; 3 Tale assunto si pone guardando allo spazio attraverso le lenti di un pensiero ecologico che lo coglie nel suo insieme come unitas multiplex (E. Morin Il Metodo. Ordine disordine organizzazione. Feltrinelli, Milano 1988). 4 cfr.: Spazi: Luoghi di vita per l infanzia, supplemento al n.10 (dicembre, 2005) della rivista Bambini, edizioni Junior, Bergamo, anno XXI. 3

7 - assume l'idea di bambino attivo, esploratore e ricercatore, che apprende nell interazione con l ambiente fisico e sociale; - permette il costituirsi di un'identità personale, il lasciare traccia di sé, il "ritrovarsi", ed anche l espandersi della fantasia, dell immaginazione e del pensiero; - propone una diversificazione dello spazio in una pluralità di zone con specifica valenza educativa ed affettiva (2); - si dimensiona in rapporto al numero ottimale di bambini previsto per lo svolgimento di una data attività, alla tipologia d attività che in essi si svolge ponendo attenzione a modalità d accesso (libera, guidata dall adulto), e modalità di comportamento (di grande movimento, statica) agli arredi e alle attrezzature necessari; - favorisce la partecipazione e l'incontro in ogni loro forma non solo tra bambini, ma anche tra bambini e adulti e tra scuola e famiglia; - rende compatibile la convivenza di più gruppi impegnati in attività diverse; - pone l'attenzione alla dimensione estetica, educa lo sguardo "al bello", al gusto cromatico, al senso della forma; - identifica e caratterizza ciascun ambiente consentendo al bambino di comprenderne le proposte e i comportamenti conseguenti; - accompagna il vissuto di familiarità riconoscibilità con il mutamento, l imprevedibilità che sollecitano vissuti di scoperta, curiosità, entusiasmo partecipativo, slancio comunicativo e attentivo; - svolge una funzione narrativa: parla", racconta, esplicita ciò che "si fa" e lascia traccia nella nostra memoria 5 Note 1) Non ci riferiamo qui, esclusivamente, all'applicazione della normativa vigente. Realizzare spazi di libero movimento, inteso sia in senso fisico sia psicologico, comporta da parte dell adulto, la messa in sicurezza dell ambiente e una sollecitazione al riconoscimento, da parte dei bambini, degli elementi di pericolosità e di rischio affinché questi non diventino una condizione limitante. 5 M. A. Nunnari, Direttrice Didattica, Città di Torino. Pubblicazione-dossier apparsa su L organizzazione degli spazi interni negli asili nido e nelle scuole dell infanzia: la proposta della città di Torino. Da cui si è tratta ispirazione per la scrittura del presente documento progettuale. 4

8 2) L idea vygotskijana di area prossimale di sviluppo, assume particolare significato se riferita ad un ambiente che fornisce molti più stimoli di quelli immediatamente fruibili dai bambini. 5

9 PRIMA CASETTA Ingresso/accoglienza La casetta destinata ad accogliere prevalentemente bambini di età mesi, sarà provvista di un entrata ampia, con disimpegno che s inframmezza da un lato ad una stanzetta di deposito per passeggini e dall altro ad una stanza d accoglimento. L insieme sarà attentamente arredato per garantire una comunicazione immediata con chi entra. Albi informazioni; cassette delle lettere, reclami, messaggi; portariviste e libri per bambini ed adulti, poltroncine e panche per l attesa, ma anche per favorire momenti di comune relax prima del saluto dei familiari o dell uscita, saranno disposte attorno ad un oasi di libri e riviste. Allineati alle pareti verranno disposti armadietti personalizzati su cui ciascun bambino, solitamente, ri-trova la propria foto e le immagini di alcuni familiari; negli armadietti si depositano gli abiti, i propri oggetti, e spesso un pezzettino di quel mondo affettivo che è il segno e la promessa del ricongiungimento e del ritorno a casa. Un fasciatoio ed un lavandino favoriranno le azioni di cura anche nei momenti di entrata ed uscita. Documentazioni della vita del Nido potranno essere esposte 6 negli spazi rimanenti (foto, cartelloni, elaborati dei bambini, degli educatori e dei familiari). Il tutto sarà attentamente curato in modo tale da rendere gradevole la prima accoglienza, del bambino e della sua famiglia, garantendo da subito la trasparenza del Servizio che intende accoglierli; da qui, l importanza riservata all informazione come via privilegiata di partecipazione delle famiglie che potranno servirsi degli spazi previsti, proponendone ed inventandone di nuovi. 6 Ai sensi del D.Lvo.n.196/2003 6

10 Salone Dall entrata si accede ad un salone attorno al quale si orientano tutte le stanze del nido. L utilizzo del salone è stato pensato all insegna della flessibilità, per favorire un uso plurifunzionale del polo infanzia. Un salone dunque che permetta la realizzazione dei momenti di attività istituzionalmente programmata dal Nido ed allo stesso tempo che accolga attività integrate con l adiacente scuola dell infanzia e gli altri servizi del territorio; spazio che diventi luogo facilitante le attività di formazione del personale, luogo per interventi di sostegno alla genitorialità e punto di riferimento per le famiglie. L ampiezza del salone e la pavimentazione, realizzata in legno, favorirà le attività motorie, e l impiego di attrezzature e strutture predisposte per l esercizio grosso- motorio. La presenza di uno spazio libero e sufficientemente ampio offrirà ai bambini la possibilità di sperimentarsi in una dimensione, sempre più ricercata nei nostri contesti di vita, connotati da ambienti ristretti, delimitati, compatti e ridondanti di oggetti, suoni, rumori, divieti e vere e proprie insidie per cittadini fuori misura. Questo spazio potrà essere vissuto e valorizzato nella sua forma vuota, cercando di allontanare la tentazione di considerarlo un posto ulteriore da riempire con degli oggetti pre-confezionati (tanto facilmente reperibili, quanto discutibilmente costosi). Questo spazio potrà essere un qualcosa che diventa e si trasforma attraverso la semplice presenza delle persone, dei grandi e dei piccoli, dei loro corpi, dei loro movimenti, delle loro voci, dei loro pensieri e delle relazioni che così emergeranno in un luogo, appunto, che di volta in volta s inventerà, farà conoscere, farà giocare e farà crescere, perché lo spazio avvolge, unisce, separa, libera, racchiude, spaventa, diverte, accoglie, respinge,ecc... In sintesi il salone si presenterà come un luogo capace di diventare tanto ricco quanto lo sarà chi andrà ad occupare i suoi spazi. Il salone, nella sua veste polifunzionale sarà utilizzato per ospitare spettacoli, esposizioni e conferenze di dimensioni ridotte; a questo proposito saranno predisposti dei proiettori di luci a spot, un impianto stereofonico e dispositivi a soffitto per videoproiezioni. Riunioni, incontri e feste per genitori di bambini della fascia 0-6 anni potranno trovare qui la loro migliore collocazione. 7

11 Stanze laboratorio Le stanze- laboratorio rispondono all esigenza di allestire spazi che possano offrire sollecitazioni ad una pluralità d esperienze mirate: esplorazione, ricerca, ideazione, costruzione e produzione, che necessitano per la loro realizzazione di particolari condizioni strutturali come presenza d acqua, possibilità d oscuramento, isolamento acustico, attrezzature. In tali spazi verrà favorito sia l'incontro d intergruppo, con relazioni allargate a bambini appartenenti a gruppi diversi (si pensa anche a gruppi misti con la presenza dei bambini della scuola dell infanzia), sia la proposta di attività dirette a fasce di età omogenee e gruppi consolidati. I laboratori sono spazi fortemente stimolanti e connotati, per dimensioni, arredi, attrezzature e materiali dall attività che vi si svolge; pertanto, richiedono una certa fissità nel tempo, tale da consentire ai bambini di cogliere il messaggio che lo spazio vuol trasmettere e attivare comportamenti conseguenti. 7 Inoltre, esiste la possibilità che questi spazi vengano utilizzati per attività di tipo integrato di formazione o proposte rivolte alle famiglie. Stanza Atelier E una stanza dedicata ad interventi educativi che impiegano l utilizzo di materiali particolari per attività quali pittura, disegno, grafica, stampa, modellamento, scultura, lavorazione di materiali e manipolazione, ideazione di esperimenti scientifici e oggetti della fantasia, sperimentazione e soluzione di problemi, costruzione. La stanza riceve la luce da nord, sarà perciò priva d insolazione diretta, e sarà dotata di: una vasca per il lavaggio delle attrezzature, un uscita all esterno, mobili con scaffali, contenitori, mobili con ripiani ad altezza bambini che consentono di accedere direttamente ai materiali e agli strumenti, carrelli porta colori, tavoli e banchi da lavoro, ampi spazi per poter stendere fogli di grandi dimensioni, cavalletti mobili che consentono un maggior grado di flessibilità interna, specchi, tavolo con superficie vetrata ed illuminazione dal basso. 7 M. A. Nunnari, op.cit. Richiamiamo qui l idea di schemi ambientali costituiti da quattro componenti: - Componenti cognitive, che forniscono indicazioni sul " che cosa è, come è, dove è " di un ambiente, in altre parole sulla categorizzazione ambientale, sul contenuto e sulla localizzazione; - Componenti comportamentali, vale a dire " cosa ci si fa", considerando che ogni ambiente possiede almeno una funzione e che le conoscenze in quest ambito si strutturano in modo gerarchico; - Componenti affettivo/emotive, che indicano "cosa un ambiente suscita nel soggetto" e propongono una distinzione tra emozioni suscitate da; - Componenti valutative, ossia "che giudizio dà il soggetto" su uno o più degli aspetti accennati. (E. Mainardi Pweron, S. Falchero " Ambiente e conoscenza" La Nuova Italia Scientifica, Roma, 1994). 8

12 Per le attività scientifiche, l atelier raccoglierà oggetti di diverso materiale, dimensione, forma, spessore, ecc. per permettere ai bambini di giocare con il pensiero familiarizzando con differenti materiali e dimensioni degli stessi attraverso l osservazione, il contatto, la combinazione, la giustapposizione, la trasformazione, la separazione (ed altro ancora), dei diversi elementi (preferibilmente naturali) messi a loro disposizione, in forma strutturata, da parte degli educatori ed insegnanti. Stanza sensoriale È stata pensata come spazio per attività finalizzate a: stimolare la funzione di alcuni sensi come l udito e la vista, il tatto, la propriocezione; per favorire la conoscenza del sé; per promuovere la creazione ed elaborazione di vissuti reali e immaginari; per organizzare momenti di relax. Nella stanza, oltre alla predisposizione di tracciati e percorsi sensoriali, si collocherà una piscina sensoriale, che potrà essere riempita da materiali di diverso tipo: le classiche palline colorate sono solo uno dei possibili contenuti, altri saranno dettati dalla fantasia e dai saperi degli educatori che possono impiegare davvero di tutto (altri tipi di palline, di grana, materiali e dimensioni diverse, cuscini di diverse forme e colori, temperature, sacchi in stoffa riempiti a loro volta con, carte, foglie, gommapiuma, biglie, sonagli, ecc ). La piscina potrà essere circondata da un telo multicolore garzato appeso al soffitto e diventare un luogo protetto, morbido e sicuro per un gruppo ristretto di bambini. All interno si potrà prestare ascolto non solo alle proprie percezioni sensoriali, ma anche alle sensazioni ed emozioni evocate da storie, racconti, suoni, musiche, ecc. La stanza conterrà un angolo particolare strutturato da specchi piani e deformanti attraverso i quali il bambino potrà riconoscere se stesso ed osservarsi giocando con il proprio corpo e la propria immagine in modi sempre diversi e curiosi. Al soffitto saranno posizionati proiettori di luci colorate, per favorire esperienze di percezione del colore attraverso l emissione luminosa. Giochi di ombre e luci potranno stimolare il bambino a sperimentare la percezione della realtà, vivendo le diverse modalità in cui uno stesso ambiente od oggetto può essere percepito in base al cambiamento 9

13 delle condizioni luminose (buio, assenza di colore, varietà del colore, ombra, ). I bambini potranno toccare i fasci luminosi, spezzarli e ricomporli, rispecchiarsi nelle proprie ombre, proiettarne altre su parete o altrove e combinare l esperienza alla fantasia producendo ed esprimendo anche in queste occasioni, pensieri, emozioni, narrazioni e nuovi giochi. La stanza sarà inoltre predisposta per l ascolto e la produzione musicale. Il locale disporrà di un impianto elettrico particolare con dotazione di più prese, per alimentare registratore, impianto hi-fi, PC, apparati multimediali in genere. Il suono accompagna lo sviluppo del bambino sin da prima della nascita. Attraverso l ascolto e la conoscenza dei rumori, dei suoni, dei ritmi che lo circonda, il bambino sviluppa le proprie potenzialità cognitive, emotive e relazionali oltre a quelle motorie. Il paesaggio sonoro 8 che l ambiente educativo propone diventa allora indispensabile supporto allo sviluppo del bambino. L acquisizione delle competenze sonore e musicali sarà stimolata attraverso la presentazione di diverse tipologie di attività che prevedono l esplorazione e la scoperta del proprio ambiente acustico, rumori, produzioni vocali e percezione di sonorità e di ritmi diversi, ascolto di materiali musicali, strumenti e composizioni ritmiche e sonore. Il corredo musicale, conservato dagli educatori in appositi armadi, valige ( le più interessanti sono quelle costruite personalmente dagli educatori) e carrelli appositi, viene presentato ai bambini attraverso l impiego di un metodo condiviso dagli educatori in situazioni di stage ed altri contesti formativi. Stanze formazione/pranzo Gli educatori condividono un comune progetto educativo e si fanno garanti della programmazione educativa e dei singoli progetti educativi e didattici che riguardano la totalità dei bambini accolti. I bambini saranno inizialmente accolti in due gruppi (ciascun gruppo potrebbe comprendere indicativamente 20 / 24 bambini; quindi si tratta di grandi gruppi ) 9. L iniziale suddivisione è mirata a garantire un contesto sociale sufficientemente ampio e diversificato ma, nel contempo, adeguatamente dimensionato, per favorire la reciproca conoscenza e familiarità, trattandosi appunto di grandi gruppi. Il team degli educatori condividerà l osservazione e la conoscenza di tutti i bambini del Nido e programmerà in base alle osservazioni del primo mese la formazione dei gruppi di bambini. Il tutto per favorire al massimo risposte adeguate ai bisogni dei bambini, bisogni che si sviluppano e si modificano anche in misura dell evoluzione dei contesti. 8 Cfr. R. Murray Scafer, Il paesaggio sonoro, Milano Ricordi Unicopli, V.Iori Lo spazio vissuto La Nuova Italia L inserimento si svolgerà comunque seguendo la prassi consolidata dell accoglienza a piccoli gruppi. 10

14 Le due stanze formazione/pranzo saranno affiancate e comunicanti ed accoglieranno i due gruppi di bambini, tendenzialmente stabili ad inizio anno, in fase di inserimento e di consolidamento dello stesso: ciò significa che ciascuna stanza per le prime settimane risulterà essere un punto di riferimento per i bambini, per quanto riguarda l accoglienza, i momenti dedicati al pasto ed i momenti di organizzazione delle attività di routine del cambio e del sonno. Una volta acquisita la familiarità con tutti gli ambienti e le persone del Nido, i bambini potranno occupare gli spazi con tempi e modalità più flessibili, più adatte ai loro bisogni e rispondenti alle loro richieste. Alcuni angoli delle stanze potranno variare in corso d anno per adattarsi ai gruppi di bambini (omogenei o misti) che di volta in volta potranno formarsi. L'osservazione del comportamento dei bambini di età diverse nelle loro relazioni con coetanei ed adulto, nei loro tempi di attenzione, nelle loro modalità di comunicazione porterà a definire dei raggruppamenti ideali per lo svolgimento delle diverse attività. Nei momenti dedicati alle attività, all accoglienza, al saluto, le due stanze saranno di norma utilizzate in modo permeabile permettendo ai bambini di fruire dei diversi angoli, scegliendo spontaneamente le situazioni di gioco più rispondenti alle proprie esigenze ed entrando in relazione con tutti gli adulti e bambini del nido. Le due stanze hanno una disposizione speculare e ciascuna di esse disporrà di una zona comprendente tavolini di diversa dimensione e seduta, una parete con ampia scaffalatura e cassetti ad uso educatori (anche se non esclusivo), numerosi angoli che si differenzieranno nella proposta per ciascuna stanza. Le zone con i tavolini potranno essere utilizzate, oltre che nella routine del pasto, per favorire attività che privilegiano la motricità fine, impegnando i bambini in attività di tipo strutturato (ad es. utilizzo di materiale plastico per favorire la manipolazione) e stimolando lo sviluppo cognitivo, (ad es. attraverso la composizione di puzzles, la presentazione di giochi di regole, ecc.) Angoli Stanza 1 Angolo per il gioco simbolico ed imitativo della cucina: è un angolo che potrà essere modificato grazie alla struttura modulare dei mobiletti. 11

15 Angolo dell ascolto: è un angolo morbido, fisso, fornito di cuscini, materassi e tende oscuranti in cui, di volta in volta, poter trovare rifugio, ascoltare, far viaggiare la fantasia, consolarsi, parlare Mobile libreria: a fianco dell angolo dell ascolto è disposto un mobile ben fornito di libri sia alla portata dei bambini, sia ad esclusiva portata dell adulto. Specchi: due specchi saranno disposti a lato rispettivamente del mobile libreria e dell angolo dell ascolto. A fianco del mobile libreria potrà trovare collocazione tutto l occorrente per il gioco del travestimento: abiti, oggetti, trucchi che possono richiamare il mondo delle fiabe e della narrazione. I bambini potranno così elaborare attraverso il travestimento le emozioni vissute attraverso le letture rivivendole e trasformandole da protagonisti. Un siparietto ed una ricca scelta di marionette, potranno offrire ai bambini la possibilità di estendere ulteriormente le proprie capacità simboliche, immaginative, narrative, linguistiche, ecc. Verrà data molta importanza alla proposta di esperienze teatrali, a riconoscimento del valore da queste apportato nello sviluppo delle diverse sfere della personalità. Se si da per acquisito l assunto che diverse forme di pensiero operano nella rappresentazione teatrale: un pensiero verbale, un pensiero spaziale, cinestesico e ritmico-musicale, un pensiero auto-osservante, un pensiero relazionale e interpersonale 10 ; allora, un collegamento spontaneo ci porta a considerare l attività teatrale come un occasione per permettere all educatore di adeguare l intervento educativo a ciò che H. Gardner ha chiamato intelligenza multipla 11 e all "intelligenza emotiva" come intesa da D. Goleman 12. Tali esperienze possono svilupparsi ed articolarsi in progetti educativi che trovano applicazione nei diversi spazi del Nido (es: costruzione di burattini, maschere e personaggi, libri e trasformazione fantastica di oggetti nell atelier, lettura ed invenzione di fiabe nell angolo dell ascolto, drammatizzazione nella stanza sensoriale o nel salone, ecc ). Angoli Stanza 2 Angolo del gioco costruttivo: il luogo in cui il pavimento è la superficie privilegiata, su cui sdraiarsi per costruire, fare la pista delle macchinine, impilare torri di forme diverse, realizzare 10 Cfr. M. Cavallo, Teatro come tecnologia del sé pubblicato in: Informazione in psicologia, psicoterapia, psichiatria, n. 27, Roma, 1996, pp H. Gardner, L'educazione delle intelligenze multiple. Dalla teoria alla prassi pedagogica, Milano, Anabasi, D.Goleman, Intelligenza emotiva, Rizzoli, Milano, 1996, p. 64 1) conoscenza delle proprie emozioni, 2) controllo delle emozioni, 3) motivazione di se stessi, 4) riconoscimento delle emozioni altrui, 5) gestione delle relazioni. 12

16 giochi di equilibrio e stabilità di oggetti. Due o più armadietti-contenitori permetteranno di conservare i materiali di costruzione ed allo stesso tempo delimitare lo spazio di gioco. Un tappeto di idoneo materiale potrà essere utilizzato per rendere più confortevole la seduta dei bambini. Angolo del gioco simbolico e imitativo: Si tratta di un angolo strutturato, fisso, dotato di una ricca disposizione modulare dell arredo, ideato allo scopo di creare momenti di gioco raccolti all interno di una zona delimitata (che risulta visibile all adulto che resta, però, all esterno). Vi si entra attraverso una porticina e la particolare disposizione dei moduli permette il gioco interattivo di scambio e comunicazione con lo spazio esterno. In tale angolo i bambini potranno trovare arredi e situazioni che richiamano quelle domestiche ed evocare, rielaborandole, le proprie esperienze quotidiane di vita: zona per il cambio dei pannolini munita di fasciatoio, carrozzine e bambolotti, lettini per il sonno, zona per la toilette e il trucco con travestimento. Gioco del supermercato con spazio per compravendita rivolto all esterno. Angolo raccolto Per venire incontro all esigenza del bambino di trovare uno spazio silenzioso, raccolto, rassicurante in cui rifugiarsi durante la giornata, per uscire dalla dimensione del grande gruppo, le educatrici, in modo creativo (attraverso l uso di teli, scatoloni, tavolini, e altri materiali), potranno predisporre curate nicchie in zone della stanza che di volta in volta si presteranno ad accoglierle. Servizi igienici La casetta ha due spazi riservati ai servizi igienici; tali spazi assumono un importanza non meno rilevante rispetto alle altre stanze, sia per le azioni di cura che vi si svolgono, sia per l uso versatile cui si prestano nella quotidiana prassi educativa. E importante che i locali igienici possano essere raggiungibili autonomamente dal bambino; la localizzazione è adiacente alle stanze riposo- relax, ed uno dei due bagni si aprirà frontalmente alle stanze formazione/pranzo. I locali igienici si prestano molto bene ad essere utilizzati per: - dedicare momenti di cura personalizzata, favorendo la relazione adultobambino fondata sull attivazione di canali comunicativi di contatto fisico, tattile, oculare, verbale e non verbale; 13

17 - stimolare l autonomia: incoraggiando i bambini a prendersi cura del proprio corpo (lavarsi da soli le mani, asciugarsi, ) e sostenendo adeguatamente il processo di maturazione del controllo sfinterico, nel rispetto dei ritmi di sviluppo di ciascun bambino; - far apprendere il rispetto dovuto allo spazio ed ai tempi degli altri: quando si usa il bagno in gruppo bisogna saper aspettare il proprio turno. - proporre attività rivolte alla conoscenza del sé corporeo attraverso la proposta di giochi che prevedono, anche attraverso l uso di vasche ed idonei contenitori e strumenti, il contatto/immersione con acqua e altri materiali (farine, paste, colori naturali, ); a questo fine, in ciascun bagno sarà collocato uno specchio di grandi dimensioni. I bagni saranno provvisti di: lavabi ad altezza bambini (con miscelatore ad esclusivo controllo adulto), lavabi per adulti, vasi fissi, fasciatoi a due posti con scaletta laterale, muniti di ante e ripiani per riporre i pannolini ed i materiali di pulizia. Imbottitura del piano in poliuretano rivestito in tessuto vinilico. Contenitori igienici per pannolini usati. Mensole, armadietti a più caselle, appendiabiti, per riporre i ricambi dei bambini. Spazi per il riposo/relax Il sonnellino ed i momenti di relax troveranno principale collocazione in due stanze, una delle stanze sarà collegata alla stanza sensoriale, entrambe saranno attigue ai bagni, collocate a nord per evitare la luce diretta e provviste di tendaggi oscuranti e di luci a diffusione regolabile. Il pavimento sarà in legno ed alle pareti (soffitto) potranno essere appesi mobiles e lampade ad effetto speciale. Saranno inoltre previste delle prese elettriche per l uso di apparecchi stereo HiFi. e piccoli scaffali o ceste con libri: la combinazione di un sottofondo musicale adeguato, luci soffuse ed una voce narrante conosciuta e rassicurante, offrirà ai bambini l ambiente ottimale per abbandonarsi fiduciosi ad un sonno tranquillo. La routine del sonno, occupando un tempo limitato nell arco della giornata, non dovrà costituire limite ad un uso delle stanze funzionale ad altre attività. Le brandine, costruite in materiale plastico, leggero, igienico e traspirante, saranno dotate di congegni che permetteranno una loro disposizione verticale in rispetto della sicurezza; ciò consentirà di acquisire ulteriori spazi a favore di attività mirate per piccoli gruppi. Nelle stanze dovranno esserci dei capienti armadi per conservare la biancheria dei bambini (lenzuola e coperte). Altre zone servizio La prima casetta è servita di un bagno per adulti diversamente abili e di un ripostiglio di 8 m 2 in cui andranno depositati i materiali di pulizia e le scorte di materiale igienico-sanitario. 14

18 SECONDA CASETTA Il gruppo tecnico che inizialmente aveva dato avvio al progetto di ristrutturazione aveva considerato di poter sfruttare la posizione centrale della seconda casetta per attribuirne una destinazione d uso prevalentemente funzionale alle altre casette; perciò troveranno qui ubicazione: le direzioni; gli spogliatoi ed i servizi igienici per il personale; la lavanderia e il deposito; la cucina. Questi spazi sono da ritenersi essenziali ai fini del buon funzionamento del Servizio: l adeguata organizzazione degli spazi riservati al personale ha una ricaduta immediata sull efficacia dell azione educativa. La sezione rivolta a sud-est sarà invece adibita a nido per bambini di età 3-12 mesi. Zona servizi Locali direzione/operatori Sono due stanze rispettivamente riservate alla scuola dell infanzia ed al nido d infanzia, l accesso sarà collocato lungo il corridoio interno ed ospiteranno gli uffici di direzione delle due strutture. Sono spazi deputati non solo alla conservazione di materiale riguardante le pratiche d ufficio, luoghi di raccordo con gli uffici centrali e punto di riferimento amministrativo per il personale e per l utenza; bensì veri e propri spazi operativi in cui il lavoro del gruppo assume il suo carattere collegiale, in cui si rielaborano le esperienze, per favorire la nascita di progetti ed interventi sempre più pertinenti ed adeguati. Un lungo tavolo centrale permetterà al team di riunirsi comodamente e si presterà ad ospitare incontri con gli Organi Collegiali. Un discreto numero di albi e bacheche garantirà una comunicazione continua ed una circolarità delle informazioni, indispensabile per dare maggior funzionalità ad un organizzazione già si per sé molto complessa ed articolata. Sempre a tale scopo è stato predisposto un sistema di telefonia e citofonia interna in grado di collegare tra loro i diversi locali del polo infanzia. Nella direzione della scuola dell infanzia saranno organizzate riunioni comprensive del personale della scuola dell infanzia La Capriola di via Curiel, 10. I gruppi di lavoro delle due scuole troveranno nella direzione il luogo della progettazione e della documentazione dove confrontarsi, elaborare progetti comuni, scambiarsi esperienze, elaborare percorsi paralleli. 15

19 Sarà anche il luogo di incontro con gli enti preposti all assistenza, con il ricreatorio, con le insegnanti della scuola primaria, con la scuola statale, incontri individuali o di piccolo gruppo con i genitori dei bambini frequentanti ecc. La direzione è provvista di capienti armadi dove verranno conservate copie delle documentazioni, dei progetti, a testimonianza dei percorsi didattici e delle esperienze vissute dai bambini, durante il periodo di permanenza nella scuola. Sarà d uso consegnare ad ogni famiglia, alla fine dell anno scolastico la documentazione esplicativa delle esperienze più significative, accompagnate da semplici testi, con gli elaborati dei singoli bambini e con fotografie del lavoro di gruppo. Un ricordo, un modo per raccontarsi, rendendo visibile e condividendo l esperienza scolastica dei bambini con le famiglie. Spazio per documentazione e progetti speciali L ufficio di direzione/operatori del nido sarà provvisto di due terminali, uno ad uso esclusivo del coordinatore ed uno per il personale, che ne disporrà per realizzare le programmazioni e per curare la documentazione dei progetti. Il secondo terminale potrà essere utilizzato anche da soggetti terzi che collaboreranno con il polo-infanzia alla realizzazione di progetti speciali in collaborazione con il territorio: es. attivazione di un collegamento con banca del tempo, prestiti a distanza attraverso la costruzione di un emeroteca e/o biblioteca e/o ludoteca virtuale, ecc Lo spazio sarà anche punto di riferimento per l articolazione di un lavoro di rete con altre agenzie del territorio; a titolo di esempio, si possono considerare le attivazioni di progetti con alcune UOBA (unità operative bambini e adolescenti) dell Azienda Sanitaria per concordare assieme interventi di promozione alla salute, ed altre iniziative che possano svolgersi nei locali del Nido (incontri con educatori, operatori, specialisti, neo-mamme e neo-famiglie, per affrontare tematiche quali: promozione dell allattamento al seno, alimentazione nella prima infanzia, sviluppo motorio, ecc.); altre iniziative si potranno coinvolgere l Università, e altri centri di ricerca e sperimentazione. Capienti armadi saranno disposti lungo le pareti con il preciso scopo di conservare i documenti. Documentare vuol dire, costruire una storia, raccontare, e perciò conferire delle identità ad un certo processo o percorso personale e/o collettivo; ma può anche significare ricerca dell identità da parte dei soggetti coinvolti, una ricerca volta a ritrovare i significati delle proprie appartenenze individuali e di gruppo. Il processo del documentare assume così una rilevanza particolare nel proporsi come uno strumento privilegiato di costruzione e co-costruzione dei significati condivisi e quindi uno strumento produttore di cultura (da intendersi nella sua accezione antropologica) e quindi di società 13. Si agisce come gruppo di lavoro partendo dalla convinzione che la documentazione riveste una pluralità di funzioni secondo i diversi fruitori: adulti (genitori, educatori, cittadini ) o bambini. Per i bambini in particolare significa dare importanza allo sviluppo armonico della loro personalità, attivando in essi quel lungo processo di costruzione delle conoscenze, di sviluppo dell autonomia 13 Cfr. J.S..Bruner, La ricerca del significto, Torino, Bollati Boringhieri, S.Bruner, La cultura dell educazione, Milano, Feltrinelli,

20 personale, d incremento dell autostima, di costruzione della propria identità, e del proprio essere sociale. La documentazione che raffigura l esperienza vissuta fisicamente ed emotivamente da parte del bambino nel contesto educativo, e più in la scolastico, contribuisce a sviluppare l autonomia, l identità, e la capacità di formarsi delle rappresentazioni mentali dei propri vissuti, articolate sulle dimensioni spaziotemporali proprie del mondo adulto. Inoltre, il poter vedere documentata la propria esperienza gratifica e rassicura emotivamente il bambino rafforzandone lo sviluppo di un io forte. 14 Locali di servizio Lungo il corridoio di passaggio si aprono le stanze adibite a: Lavanderia La lavanderia è un ambiente utilizzato durante tutto l arco della giornata, in esso si fa fronte ad un rilevante numero di cicli di lavaggio, asciugatura e stiratura della biancheria e dei giochi dei bambini. Il personale d appoggio la usa, inoltre, per interventi rivolti alla conservazione e riparazione di materiali in stoffa (cuscini, coperte, giochi, ) e per la realizzazione occasionale di giochi e decorazioni al fine di realizzare specifici percorsi educativi. Bagni e Spogliatoi Di fianco alla lavanderia una successione di porte lungo il corridoio daranno accesso a: - tre piccoli locali igienici per il personale, di cui uno riservato alle persone diversamente abili. I locali saranno attrezzati di tazza e lavandino; - due spogliatoi dotati rispettivamente di doccia, lavandini con comando a pedale, appendiabiti a parete ed a stelo, armadietti a scomparti con chiusura di sicurezza ad uso del personale educativo e di appoggio e armadietti più grandi, a doppio scomparto, ad esclusivo uso del personale di cucina. Deposito Di fronte agli spogliatoi del personale ci sarà un deposito, dotato di ampie scaffalature, per la conservazione di materiale igienico e di pulizia. Cucina Sarà attrezzata di tutto l idoneo materiale previsto dalla Normativa e di quanto di più adeguato il mercato offre in termini tecnologici per gli ambienti di cucina. Confezionerà e servirà tutti i pasti necessari al nido d infanzia ed alla scuola dell infanzia del polo. 14 Cfr., C. Balsamo (a cura di), Dai fatti alle parole. Riflessioni a più voci sulla documentazione educativa, Bergamo, Edizioni Junior, 1998, p

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI)

NIDO D'INFANZIA CARLO MARIA SPADA PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PRESENTAZIONE DELLA SEZIONE EDUCATRICI: SANGIORGI LINDA VENTURA MARIA ANGELA PASINI

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO CIRIBIRICOCCOLE s.n.c Via Don Paviolo 3, tel 011-8005349 10036 settimo torinese P.IVA. :10565620019 Asilo.ciribiricoccole@gmail.com ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO ANNO EDUCATIVO 2012-2013

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero

Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero INTRODUZIONE E PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO La scelta di redigere una Carta del Servizio significa far conoscere il servizio, garantire trasparenza

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Idee bagno. Nuove. idee. per il vostro bagno.

Idee bagno. Nuove. idee. per il vostro bagno. Idee bagno Nuove idee per il vostro bagno. I 1 La formula INSIDE di wedi Prima della ristrutturazione State pensando a un bagno nuovo o volete semplicemente modernizzarlo? Allora la formula INSIDE di wedi

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

A SCUOLA DELL INFANZIA A 2 ANNI E MEZZO?

A SCUOLA DELL INFANZIA A 2 ANNI E MEZZO? 1 Diana Penso A SCUOLA DELL INFANZIA A 2 ANNI E MEZZO? Di fronte all idea di anticipo scolastico introdotto dalla Legge Moratti sia per la scuola dell infanzia che per la scuola primaria, l orientamento

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA Offrire un ambiente educativo e di apprendimento accogliente che riesca a favorire: 1. la crescita dell individuo come persona attraverso i valori culturali e spirituali, cristiani e non; 2. la

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli