Guida per la redazione del Piano di Salute Scolastico. Scuola primaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida per la redazione del Piano di Salute Scolastico. Scuola primaria"

Transcript

1 Guida per la redazione del Piano di Salute Scolastico Scuola primaria

2 Uno dei contenuti educativi più importanti della scuola è la scuola stessa (J. Bruner) Il curricolo nascosto è più incisivo del curricolo manifesto (L. Kohlberg) Guida per la redazione del Piano di Salute Scolastico Scuola Primaria Numerose ricerche hanno dimostrato che il curricolo nascosto, cioè l insieme dei messaggi che lo studente percepisce nel contesto scolastico fuori dall attività didattica programmata, incide educativamente molto più del curricolo manifesto (cioè dell attività didattica programmata, quali lezioni, esercitazioni ecc.). E come se lo studente recepisse che durante il curricolo manifesto l educatore invia determinati messaggi perché lo impone il suo ruolo e aspettasse conferma da quanto dice e fa l'educatore fuori dal suo ruolo. Tali messaggi, quindi, possono essere confermati o contraddetti. Nel primo caso essi saranno rinforzati, nel secondo caso lo studente riterrà falsi i messaggi inviati col curricolo manifesto e veri quelli inviati nel curricolo nascosto (penserà: Nemmeno il professore crede a quel che dice, infatti non si comporta di conseguenza; ma dice quel che dice perché non può fare altrimenti ). La stessa cosa succede se i messaggi inviati dall educatore sono contraddetti dal contesto scolastico (p.es. si insegna il rispetto della legge, ma nella scuola è prassi normale fumare). Per questo motivo l impegno di tanti docenti e dirigenti viene spesso affievolito o anche annullato dal non avere prestato attenzione al curricolo nascosto e da non avere cercato di agire sul contesto scolastico per renderlo coerente con i messaggi inviati nel curricolo manifesto. Cambiare il curricolo nascosto è difficile (sicuramente più difficile di adottare un nuovo progetto didattico), ma di estrema importanza. Per questo abbiamo steso questa piccola guida per rendere un poco più facile questo compito. Ovviamente ci siamo limitati a quanto di nostra competenza (la promozione della salute e di un ambiente salutare). Attività fisica L'attività fisica è di grande importanza per la salute, il benessere e lo sviluppo fisico, psichico e sociale. Una quotidiana e adeguata attività fisica è di grande importanza per la promozione del benessere, il mantenimento della salute e la prevenzione di numerose patologie. Il nostro organismo è programmato geneticamente per fare lunghe camminate, per correre, per arrampicarsi, per lottare e per molte altre attività motorie, perché per milioni di anni sono stati gli strumenti indispensabili per procacciarsi il cibo, fuggire dai predatori, difendersi. Si è così selezionato un patrimonio genetico funzionale ad una frequente e anche intensa attività motoria. Per questo motivo un insufficiente attività fisica è tra le cause di numerosissime patologie: obesità, arteriosclerosi, diabete, infarto, ictus, cancro del colon, colecistopatie, osteoporosi, lombaggine ecc. Un adeguata attività fisica, invece, rafforza i muscoli, i tendini e le ossa, aumenta la capacità respiratoria, tiene pulite le arterie, migliora l umore e aiuta a dormire meglio. Inoltre l'attività motoria svolge un'importantissima funzione nello sviluppo cognitivo, affettivo e sociale di bambini e ragazzi. Per le motivazioni su esposte l'educazione fisica è materia obbligatoria per tutte le scuole di ogni ordine e grado. Quanta attività fisica. Gli adulti dovrebbero fare: - almeno 1 ora al giorno di attività non particolarmente impegnative (camminare a passo svelto, andare in bicicletta in piano, ecc.) - almeno 1 ora alla settimana di attività impegnative (salire le scale, nuoto, ginnastica, atletica, ballare, correre, andare in bici). Bambini e ragazzi dovrebbero fare: - almeno 1 ora al giorno di attività non particolarmente impegnative (camminare a passo svelto,

3 andare in bicicletta in piano, ecc.) - almeno 1 ora al giorno di attività impegnative (salire le scale, giochi di squadra, correre, ginnastica, atletica, nuoto, ballare, andare in bici). E preferibile un attività fisica quotidiana (anche frazionata) ad un attività fisica di pari durata ma concentrata in pochi giorni della settimana. La situazione italiana è drammatica Purtroppo oggi la maggioranza degli italiani svolge un'attività motoria del tutto inadeguata. Il 90-95% degli adulti e l 89% dei bambini napoletani non svolge un'attività fisica adeguata. Solo il 32% pratica un attività sportiva due volte la settimana, ma in media solo un terzo del tempo passato nelle strutture sportive viene impiegato nell'attività fisica. Il 50% dei bambini va a scuola in auto, moto o pulmino. Il 16% dei bambini sta per almeno 5 ore al giorno a vedere la TV o la playstation, il 38% per almeno 3 ore al giorno. E indispensabile quindi che nelle ore di educazione fisica previste dalla normativa i ragazzi facciano sempre un attività motoria adeguata, che la scuola promuova uno stile di vita attivo, che favorisca l attività sportiva e che sia essa stessa un contesto che faciliti un stile di vita attivo. Analizzare le criticità e le opportunità della propria scuola rispetto alla promozione dell attività fisica Per rendere più facile alla scuola svolgere i compiti prima indicati proponiamo questo strumento di analisi della propria realtà scolastica (check-list) per individuare le opportunità e le criticità del proprio contesto scolastico. Per ogni criticità/opportunità riscontrata invitiamo a leggere la sezione Alcuni suggerimenti e buone pratiche, che illustra cosa le scuole possono fare per sopperire a tale criticità e sfruttare al meglio le proprie opportunità (per tale motivo nella prima colonna della check-list è indicata la nota con il relativo numero dei suggerimenti per quella criticità/opportunità). Check-list su opportunità e criticità rispetto alla promozione dell attività fisica Sugg. 1 Gli studenti fanno sempre attività motoria nelle ore di educazione fisica? SI NO 1 La scuola è dotata di palestra? SI NO 1 La palestra è adeguata? SI NO 1 La palestra è utilizzata anche fuori dall'orario di lezione? SI NO 1 La scuola è dotata di cortile? SI NO 1 Se SI, come è utilizzato? parcheggio palestra Altro 1 Il cortile è utilizzabile in parte o in toto per svolgere attività fisica? SI NO 1 La scuola è dotata di giardino? SI NO 1 Il giardino è utilizzabile per svolgere attività fisica? SI NO 2 Nella scuola c è un servizio piedibus? SI NO 3 Nella scuola ci sono rastrelliere per bici? SI NO 4 La scuola ha ascensori? SI NO 5 La scuola prevede crediti formativi per chi pratica uno sport? SI NO 6 La scuola partecipa a iniziative di promozione dell'attività sportiva (es. Giochi SI NO della Gioventù)? 7 La scuola divulga e favorisce la partecipazione ad iniziative di promozione dell'attività motoria (es. escursioni a piedi o in bici, iniziative di sostegno alla pedonalità e di contrasto all'uso del trasporto privato ecc.)? SI NO Suggerimenti e buone pratiche 1) Palestra assente o inadeguata. In tal caso si può sopperire: a) utilizzando una palestra di un Centro sportivo vicino o di un'altra scuola (stipulando apposito accordo) b) utilizzando il cortile della scuola (in toto o in parte) per attività fisiche adatte a tale contesto. Se il cortile è occupato da auto e moto, utilizzandolo per l attività motoria si dà anche un segnale di favorire la pedonalità e l uso dei mezzi pubblici di trasporto o di uso collettivo del mezzo di trasporto privato (car

4 pooling). Si veda l esperienza del 3 Istituto Comprensivo di Conegliano in provincia di Treviso c) utilizzando il giardino della scuola (in toto o in parte) per attività fisiche adatte a tale contesto (es. corsa, salti, alcuni esercizi ginnici e giochi di squadra, giardinaggio ecc.). Si veda l esperienza del 3 Istituto Comprensivo di Conegliano in provincia di Treviso d) chiedendo al Comune di pedonalizzare la strada adiacente alla scuola negli orari scolastici e di utilizzarla per attività fisiche adatte a tale contesto (rivolgersi a Ufficio Viabilità e Traffico: Palazzo S. Giacomo, Piazza Municipio, tel.fax ). Si veda anche il file Varare un piano degli spostamenti casa-lavoro nella cartella Scuola Ecosostenilile del cd. e) utilizzando un area verde vicino alla scuola. In tal caso si può chiedere al Comune di garantire la sicurezza del percorso per raggiungere l area verde (rivolgersi a Ufficio Viabilità e Traffico: Palazzo S. Giacomo, Piazza Municipio, tel.fax ). Si veda l esperienza della SMS Fiorelli di Napoli. f) In aggiunta ai suggerimenti precedenti è bene sottolineare che è possibile far svolgere agli studenti esercizi fisici sul posto, nella propria aula. Tale modalità viene spesso poco considerata ma è invece di grande importanza e di facile realizzabilità. Basta far eseguire esercizi come accovacciarsi e alzarsi, flettersi ed estendersi, marciare sul posto ecc.; basta farli praticare anche per solo 5 minuti, più volte nel corso della giornata a scuola (per esempio ogni ora). Dopo 5 minuti di attività fisica gli studenti, inoltre, sono più svegli e più attenti e quindi rendono di più. Segnaliamo che alcuni Paesi, come la Svizzera, hanno fatto di tale modalità una delle principali strategie per aumentare l attività fisica svolta giornalmente dagli studenti e promuovere uno stile di vita attivo, con buoni risultati (si veda 2) Assenza di un servizio piedibus a) promuovere i piedibus. Presso l ANEA c è un albo di accompagnatori (www.anea.eu): contattare gli accompagnatori più vicini alla scuola e chiedere se vogliono organizzare una o più linee di piedibus. Si veda l esperienza del 61 e 91 CD di Napoli b) organizzare in proprio una o più linee di piedibus. Si veda il file Come organizzare un piedibus nella cartella Attività fisica ; si visiti anche 3) Assenza di rastrelliere per bici a) l installazione di una rastrelliera può essere richiesta al Comune o acquisita con fondi scolastici. Il costo va dai 65 euro (rastrelliera da 5 posti) in su. Per informazioni 4) Favorire l uso delle scale invece degli ascensori a) apporre vicino all ascensore il cartello che invita a preferire le scale (un fac simile è nella cartella Attività fisica). Questo semplice intervento è di provata efficacia per aumentare l attività fisica e, per questo, lo proponiamo per la sua valenza educativa a tutte le scuole, anche se l uso dell ascensore è interdetto agli studenti. Inoltre è utile sottolineare che si potrebbe suggerire agli insegnanti di fare le scale perché l esempio è molto più efficace di qualsiasi consiglio: gli insegnati spesso sottovalutano quanto il loro ruolo costituisca un modello per gli studenti. 5) Dare crediti formativi o prevedere altre forme di promozione dell attività sportiva a) Dare crediti formativi a chi pratica uno sport (al fine di evitare abusi si consiglia di prevederlo solo per chi pratica un minimo di ore di attività sportiva settimanale e partecipa a gare) b) concedere permessi (di non seguire alcune ore di lezione per partecipare a gare o allenamenti, di non essere interrogati il giorno dopo le gare ecc.). E importante creare un contesto favorevole alla cultura dell attività sportiva incitando i bambini a trovare il tempo per studiare e nello stesso tempo a praticare uno sport. 6) Partecipare ai Giochi della Gioventù o altre iniziative similari I Giochi della Gioventù sono organizzati dal CONI, ma anche altri enti sportivi organizzano attività ed eventi per gli studenti. Per informazioni oppure contattare la Segreteria Organizzativa Centrale (tel. 06/ , 7) Divulgare e favorire la partecipazione ad iniziative di promozione dell'attività motoria a) Contattare le seguenti associazioni che organizzano escursioni a piedi o in bici, e pubblicizzare le loro iniziative: - Associazione Marco Mascagna: - Lerka Minerka: - Agrifoglio:

5 - Asfodelo: - CAI (Club Alpino Italiano): - Cicloverdi: b) Contattare i seguenti enti impegnati nella promozione della pedonalità/ciclabilità e nel contrasto all'uso del trasporto privato: ANEA: tel WWF: tel Legambiente: tel Associazione Marco Mascagna: Cicloverdi: Alimentazione A Napoli il 19% dei bambini di 8-9 anni è obeso e il 29% in soprappeso, il 93% e il 74% dei bambini mangia quantità inadeguate rispettivamente di verdure e frutta, il 15% non fa colazione la mattina, il 31% mangia a colazione almeno una merendina, il 57% mangia almeno una merendina al giorno. Tutte le ricerche ci dicono che in Italia si mangia troppo: troppe proteine (90g in media, invece dei consigliati), troppi grassi (85g in media, invece dei consigliati), troppo sale (12 g in media, invece dei 3-5 consigliati). L alimentazione abbondante e l eccessiva assunzione di grassi saturi (tipologia di grassi presenti negli alimenti preconfezionati, nei formaggi, salumi, dolci, carni grasse, margarina, burro) sono la principale causa dell arteriosclerosi e delle sue complicanze (infarto, ictus). L eccessiva assunzione di calorie, proteine, grassi e l insufficiente assunzione di frutta e verdura sono le principali cause dei tumori dovuti all alimentazione. Gli obiettivi per promuovere un alimentazione corretta Per questi motivi i principali obiettivi da perseguire possono essere sintetizzati così: mangiare meno (soprattutto meno snack, formaggi, salumi, dolci, carni grasse), mangiare più frutta e verdura. Per fare una corretta alimentazione si possono seguire questi consigli: latte o yogurt: 1-3 bicchieri al giorno (preferire il latte fresco parzialmente scremato) cereali (pasta, riso, pane ecc.): 2-3 porzioni al giorno verdura: 2 porzioni al giorno, di cui possibilmente una cruda (ovviamente verdura fresca di stagione) frutta: 2-3 porzioni al giorno (ovviamente frutta di stagione) alimenti ricchi di proteine (legumi, formaggi, carne, pesce, salumi): 1 porzione al giorno (i legumi 2-4 volte la settimana e altrettanto il pesce) uova: 2-3 alla settimana (1 se si ha il colesterolo alto) oli e grassi: preferire l olio extravergine d oliva anche per cuocere snack (patatine, merendine ecc.): il meno possibile! Poiché le abitudini alimentari s instaurano durante l età evolutiva e, oltre alla famiglia, ha una grande importanza il gruppo di pari e il contesto di vita, è necessario che la scuola, oltre a svolgere programmi di educazione alimentare che favoriscano scelte alimentari corrette, sia anche un contesto che non contraddica quanto si afferma in tali programmi. Analizzare le criticità e le opportunità della propria scuola rispetto alla promozione di una corretta alimentazione Per rendere più facile alla scuola di essere un contesto che favorisce un alimentazione corretta, proponiamo questo strumento di analisi della propria realtà scolastica (check-list). Per ogni criticità/opportunità riscontrata invitiamo a leggere la sezione Alcuni suggerimenti e buone pratiche, che illustra cosa le scuole possono fare per sopperire a tale criticità e sfruttare al meglio le proprie opportunità (per tale motivo nella prima colonna della check-list è indicata la nota con il relativo numero dei suggerimenti per quella criticità/opportunità).

6 Check-list su opportunità e criticità rispetto alla promozione della corretta alimentazione note 1 La scuola ha un servizio di refezione? SI NO 1 Il menù è stato stabilito dal SIAN (Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione)? SI NO 2 Il menù prevede solo alimenti di stagione? SI NO 3 Il capitolato favorisce i prodotti locali (in particolare frutta e verdura)? SI NO 4 Nella scuola c è un bar o altro soggetto che vende prodotti alimentari (esclusi SI NO distributori automatici)? 5 La scuola partecipa ad iniziative di promozione del consumo di frutta o altri alimenti salutari SI NO 6 Nella scuola vi sono distributori di alimenti? SI NO 7 Gli alunni portano da casa il pasto da consumare a scuola? SI NO Suggerimenti e buone pratiche 1) Se è presente un servizio di refezione Se la scuola ha un servizio di refezione bisogna che il pasto sia equilibrato e coerente con gli obiettivi e i consigli di educazione alimentare prima indicati. a) I capitolati per l affidamento dei servizi mensa delle scuole pubbliche sono redatti sulla base delle indicazioni del SIAN (Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell ASL). Anche le scuole private possono chiedere il supporto del SIAN ed è bene che ciò avvenga. b) Varie ricerche hanno evidenziato che l alimentazione cambia in maniera anche consistente a seconda dell ordine col quale vengono proposte le varie pietanze e di come sono presentate. Per tali motivi sarebbe opportuno far iniziare il pasto con la frutta o la verdura, a cui far seguire il primo e poi il secondo. c) Ricordiamo che per ridurre la produzione di rifiuti vi sono precise normative da rispettare. I prodotti usa e getta (piatti, bicchieri, bottiglie) sono da evitare. Gli alimenti non consumati ancora integri dovrebbero essere destinati alle mense dei non abbienti (contattare La Ronda del Cuore Si veda il file Legge buon samaritano nella cartella Scuola ecosostenibile. 2) Frutta e verdura fresca e di stagione Poiché la frutta e le verdure fresche e di stagione sono più ricche di nutrienti, più saporite e con minore probabilità di residui di pesticidi, bisogna pretendere che siano fornite solo frutta e verdure con tali caratteristiche. Si veda il Calendario della maturazione di verdura e frutta nella cartella Alimentazione. 3) Prodotti locali a Km zero I prodotti locali sono da preferire perché più facilmente freschi e perché hanno un impatto ambientale ridotto (è inutile consumare petrolio, col conseguente inquinamento, per trasportare per migliaia di Km cibi che sono prodotti anche a solo pochi chilometri da qui). Per informazioni contattare Coldiretti- Campagna Amica (www.campania.coldiretti.it/campagna-amica.aspx, 4) Se c è un bar o altro soggetto che vende prodotti alimentari Se c è un bar o altro soggetto che vende prodotti alimentari, è opportuno sottoscrivere un accordo affinché si vendano prodotti in linea con gli obiettivi di educazione alimentare perseguiti dalla scuola. Si veda nella cartella Alimentazione il file Bozza di accordo col bar. a) Per quanto riguarda gli snack (merendine ecc.) si può concordare di avere a disposizione solo quelle più in linea con gli obiettivi di educazione alimentare perseguiti dalla scuola. Si veda il file Snackometro nella cartella Alimentazione. b) Per favorire il consumo di acqua del rubinetto (più economica, più controllata e, a differenza di alcune acque in bottiglia, sicuramente adatta ad un consumo quotidiano), nonché per ridurre la produzione di rifiuti, il bar deve garantire la disponibilità di acqua non imbottigliata a tutti gli studenti e docenti che la richiedono. Si veda nella cartella Alimentazione il file Bozza di accordo col bar. c) Ricordiamo che per ridurre la produzione di rifiuti e favorire il riciclaggio vi sono precise normative da rispettare. I prodotti usa e getta (piatti, bicchieri, bottiglie) sono da evitare, i rifiuti devono essere raccolti in maniera differenziata e il gestore del bar è responsabile anche dei rifiuti dei fruitori del bar. 5) Partecipare ad iniziative di promozione del consumo di frutta e altri alimenti salutari Il Ministero delle politiche agricole organizza ogni anno il progetto Frutta nelle Scuola, che prevede anche la distribuzione di frutta come merenda. Per informazioni

7 6) Distributori di alimenti Nella scuola non dovrebbero esserci distributori di merendine e snack che i programmi di educazione alimentare svolti a scuola invitano a non assumere, perché sarebbe un evidente contraddizione che invaliderebbe l attività educativa dei docenti e della scuola stessa come istituzione. Vi sono aziende che forniscono distributori di alimenti più salutari (yogurt, frutta, fette biscottate ecc.). Si veda CONFIDA tel. 02/ , Bon Fruit Se non fosse possibile servirsi di queste aziende è possibile concordare che siano disponibili nei distributori già presenti a scuola solo quegli snack più in linea con gli obiettivi educativi perseguiti. Si veda il file Snackometro presente nella cartella Alimentazione. 6) Gli alunni portano da casa la merenda o il pasto da consumare a scuola Se la scuola non ha un servizio di refezione (o se esso non offre l intero pasto) e gli alunni portano a scuola tutto o parte del pasto, o la merenda di metà mattina bisogna dare precise indicazioni e consigli ai genitori sugli alimenti da portare, per garantire i requisiti igienici e il perseguimento degli obiettivi educativi. Si veda il file Indicazioni per la refezione nella cartella Alimentazione. Igiene orale Una cattiva igiene orale è la principale causa della carie, della parodontosi, della piorrea e dell alitosi. A 12 anni d età il 43% dei bambini italiani presenta un dente cariato, otturato o mancante, il 29% ha depositi di tartaro e il 24% segni di malattia gengivale (sanguinamento ecc.). Tutto ciò è dovuto ad una cattiva igiene orale e alla conseguente presenza di placca batterica. Per una corretta igiene orale è necessario lavarsi i denti dopo ogni pasto con uno spazzolino a manico diritto, con una testa di 2,5 cm di lunghezza (3 cm dopo la pubertà), con setole di nylon con testa arrotondata, morbide per i bambini (finché non sanno lavarsi correttamente i denti), di media durezza dopo. Devono essere spazzolate accuratamente tutte le superfici dei denti, la qualcosa richiede almeno 3 minuti. Il movimento corretto è quello di far ruotare il manico dello spazzolino sul proprio asse, in modo da portare le setole più volte dal margine gengivale al margine libero del dente, come se si spazzasse sulla superficie del dente, dal rosso (gengiva) al bianco (dente). E' errato quindi lavare i denti con movimento dello spazzolino orizzontale ( ), che non garantisce la pulizia dei solchi interdentari e può traumatizzare le papille gengivali, o verticale ( ) che, oltre a traumatizzare le gengive, può portare la placca nel solco gengivo-dentale determinando gengiviti e retrazione gengivale. Le superfici interne degli incisivi vanno lavate tenendo lo spazzolino verticalmente. Per rimuovere adeguatamente la placca presente tra un dente e l altro è necessario utilizzare il filo interdentale e lo scovolino. A scuola, inoltre, sono frequenti i traumi dei denti con conseguente frattura, espulsione totale del dente o sua lussazione. E molto importante non sottovalutare i traumi dei denti e agire con molta solerzia, perché, se si interviene subito, è possibile una totale restituito ad integrum. Nelle fratture dei denti è importante recuperare e conservare i frammenti, perché possono essere riutilizzati nella ricostruzione del dente. Nel caso di perdita completa del dente, è possibile rimetterlo al suo posto. In entrambi i casi è fondamentale conservare i frammenti o il dente in un poco di saliva o di latte e andare subito dal dentista (entro le prime 2 ore, al massimo entro 4 ore). Analizzare criticità e opportunità della propria scuola rispetto alla salute dei denti Proponiamo questa breve analisi della propria realtà scolastica. Per ogni criticità/opportunità riscontrata invitiamo a leggere la sezione Alcuni suggerimenti e buone pratiche, che illustra cosa le scuole possono fare per sopperire a tale criticità e sfruttare al meglio le proprie opportunità. Check-list su opportunità e criticità rispetto alla promozione della salute dei denti note 1 Tutto il personale della scuola è informato su cosa fare in caso di un trauma dentale? SI NO 2 La scuola permette/favorisce che gli studenti possano lavarsi i denti dopo il pasto a scuola? SI NO 3 E permesso agli studenti di lasciare un proprio spazzolino a scuola? SI NO

8 Suggerimenti e buone pratiche 1) Informare il personale della scuola su cosa fare in caso di trauma dentale E importante che tutto il personale della scuola sappia cosa fare in caso di trauma dentale. Si veda il file Cosa fare in caso di trauma dei denti nella cartella Igiene orale. Al Servizio Comunicazione Pubblica Sanitaria-Settore dell ASL può essere richiesto un manifesto che illustra cosa fare in caso di trauma (tel , fax , mail 2) Permettere agli studenti di lavarsi i denti dopo il pasto scuola. Poiché a scuola si insegna a lavare i denti dopo ogni pasto, bisogna rendere possibile lavarsi i denti a scuola dopo aver mangiato. Se la struttura dei bagni lo permette, può essere utile portare l intera classe a lavarsi i denti, impiegando così meno tempo e facendo diventare questo momento un occasione educativa (spiegando le modalità corrette, l importanza dell igiene orale, elogiando i bambini che si lavano bene, correggendo chi usa modalità errate ecc.). Se i bambini, lavandosi i denti, si bagnano il grembiule, si può dire ai genitori di mettere nello zainetto un tovagliolo a tipo bavaglino con laccetto chiuso elasticizzato, in modo che il bambino può infilarselo da solo senza che il personale della scuola debba annodarlo. Nel caso fosse molto difficile portare i bambini in bagno a lavarsi i denti, si può ripiegare sul lavaggio a secco dei denti (col solo spazzolino senza acqua), da fare stesso in classe. Tale modalità, non ottimale, comunque rimuove buona parte dei residui di cibo e della placca e contribuisce a formare l abitudine a lavarsi i denti dopo ogni pasto. Ovviamente in tal caso va detto ai genitori di lavare lo spazzolino appena il bambino ritorna a casa. 3) Permettere agli studenti di lasciare un proprio spazzolino a scuola Invece di far portare ogni giorno lo spazzolino da casa, si può dire ai genitori di contrassegnare col nome del figlio lo spazzolino (basta mettere una striscia di cerotto intorno allo spazzolino e scrivere le iniziali del nome e cognome), in modo che possa essere lasciato a scuola. Gli spazzolini dovrebbero essere raccolti in diversi bicchieri contrassegnati con le lettere dell alfabeto (spazzolini di alunni con nomi che iniziano con lettere dalla A alla F, dalla G alla P, dalla Q alla Z), per velocizzare i tempi. Fumo di tabacco Il fumo è tra le principali cause di malattia, invalidità e morte Numerosissime sono le ricerche sul fumo di tabacco che ne dimostrano in maniera inoppugnabile i gravi effetti negativi sul nostro organismo e le numerose patologie che favorisce. Il fumo, infatti, paralizza le microciglia vibratili della mucosa dell apparato respiratorio (con conseguente deficit della depurazione da agenti nocivi), determina un iperproduzione di muco denso (favorendo l enfisema) e, a lungo andare, scompagina l epitelio. Tali alterazioni sono dovute alle molte sostanze irritanti, presenti nel fumo di tabacco, che sono le responsabili della maggiore frequenza di mal di gola, bronchite, asma, enfisema e insufficienza respiratoria nei fumatori. Nel fumo sono presenti molte sostanze cancerogene, mutagene, tossiche che sono la causa della maggiore incidenza di tumori, infarto, arteriopatie periferiche, ictus. Rispetto a un non fumatore chi fuma 20 sigarette al giorno ha 15 volte più probabilità di andare incontro a bronchite cronica, 10 volte più probabilità di avere un cancro del polmone, 10 volte più probabilità di soffrire di ulcera, 3 volte più probabilità di avere un infarto e il doppio delle probabilità di essere colpito da ictus cerebrale. E ormai accertato che anche il fumo passivo ha le stesse potenzialità nocive del fumo attivo. La principale differenza è solo nella minore quantità che viene inalata dal fumatore passivo rispetto al fumatore attivo. Fumare è vietato quasi dappertutto La legge 584 dell'11/11/75 dispone il divieto tassativo di fumare nelle aule scolastiche. Il DPCM 15/12/1995 vieta il fumo di tabacco in tutti locali della pubblica amministrazione (comprese le scuole) nei quali gli utenti possono accedere senza particolari permessi. La legge 3/2003 stabilisce che è vietato fumare in tutti i luoghi di lavoro chiusi e in tutti i locali chiusi aperti al pubblico o accessibili agli utenti, tranne che nelle zone specificamente destinate ai fumatori. Quindi a scuola è vietato fumare nelle aule (compresa la palestra), nei corridoi e nelle scale, nei bagni, nella sala professori, nonché in segreteria e in presidenza (in quanto anche in tali locali viene ricevuto il pubblico e, per questioni di lavoro, è tenuto

9 ad entrare personale amministrativo e docente). La scuola può destinare un locale ai fumatori, contrassegnandolo con apposito cartello. La magistratura da vari anni ha applicato l'art del Codice Civile per obbligare i datori di lavoro al risarcimento dei danni dovuti al fumo passivo, in quanto tale articolo pone al datore di lavoro (o suo delegato) l'obbligo di adottare tutte le misure necessarie a tutelare l'integrità fisica dei prestatori di lavoro. I dirigenti scolastici hanno tale responsabilità non solo nei confronti dei lavoratori della scuola ma anche nei riguardi degli studenti. Analizzare le criticità e le opportunità della propria scuola rispetto al contrasto al fumo Per rendere più facile alla scuola di essere un contesto che contrasta l iniziazione e l abitudine al fumo proponiamo questo strumento di analisi della propria realtà scolastica (check-list). Per ogni criticità/opportunità riscontrata invitiamo a leggere la sezione Alcuni suggerimenti e buone pratiche, che illustra cosa le scuole possono fare per sopperire a tale criticità e sfruttare al meglio le proprie opportunità (per tale motivo nella prima colonna della check-list è indicata la nota con il relativo numero dei suggerimenti per quella criticità/opportunità). Check-list su opportunità e criticità rispetto alla contrasto al fumo note 1 La scuola ha nominato i responsabili del rispetto del divieto di fumare? SI NO 2 I responsabili del divieto di fumo hanno ricevuto adeguata informazione sulla SI NO normativa e sui loro compiti e responsabilità? 3 Sono affissi i cartelli di divieto di fumo nei locali della scuola (corridoi, bagni, ecc.)? SI NO 3 I cartelli, oltre a sancire il divieto, informano sui danni del fumo e valorizzano la SI NO figura del non-fumatore? 4 Il divieto di fumo viene rispettato da tutti i soggetti presenti a scuola (in primis dirigente ed educatori)? SI NO Suggerimenti e buone pratiche 1) Nominare i responsabili del rispetto del divieto di fumo. La legge obbliga il dirigente scolastico a nominare uno o più responsabili del rispetto del divieto di fumare. E bene scegliere per tale compito persone che diano garanzia di svolgerlo con scrupolosità ed efficacia. 2) Formare i responsabili. I responsabili del rispetto del divieto devono ricevere tutte le informazioni necessarie per svolgere efficacemente il proprio compito. Noi consigliamo di fornire loro la normativa (legge 584/1975, DMCM 1995, legge 3/2003, art del Codice Civile), materiale sui danni del fumo e, in particolare, del fumo passivo e i modelli per elevare le multe. Nella cartella Fumo sono presenti i file Informazioni sul fumo di tabacco e Modello per le multe sul fumo, nonché la normativa vigente. 3) Affiggere cartelli di divieto e per contrastare l abitudine al fumo. a) La legge obbliga il dirigente a far affiggere cartelli che indicano il divieto di fumare. E importante che tali cartelli siano affissi anche nei bagni, corridoi, sala professori, segreteria e presidenza. Un fac simile di cartello di divieto è nella cartella Fumo. b) E bene che i cartelli di divieto informino anche sui danni del fumo e promuovano l immagine del nonfumatore oppure che, oltre ai cartelli di divieto, siano presenti locandine o manifesti contro il fumo. Tale materiale può essere richiesto alla Lega Tumori (tel , mail oppure scaricato dai seguenti siti 4) Il divieto di fumo non è rispettato. Purtroppo nella maggioranza delle scuole il divieto di fumo non è rispettato. E molto grave che la scuola, che dovrebbe insegnare il rispetto della legge, la considerazione dei diritti dell altro (e il diritto alla salute è diritto inderogabile) e la loro tutela, sia così in contraddizione con tali suoi compiti primari. La cosa più grave, forse, è ignorare questa contraddizione e far finta di niente, perché dà il messaggio agli studenti che è accettabile non rispettare la legge ed essere passivi quando non si rispettano i diritti. Se il divieto di fumo non viene rispettato è opportuno mettere questo tema all ordine del giorno, chiamando a rapporto i responsabili del rispetto della normativa e analizzando insieme la situazione per

10 evidenziare problemi e possibilità. Se vi sono docenti che non rispettano la legge è opportuno che si abbia un colloquio con loro per ricordare dove si può fumare (nel locale ad hoc), richiamare la contraddizione con la funzione educante e pretendere il rispetto della legge. Una scuola ecosostenibile Il degrado dell ambiente non è solo una minaccia per i catastrofici effetti che possono verificarsi a causa dell effetto serra, del buco d ozono, delle piogge acide. Già qui ed ora esso determina morti, malattie, disabilità, danni economici ingenti e una scadente qualità della vita. L inquinamento atmosferico a Napoli determina ogni anno circa morti, attacchi acuti di asma negli adulti e nei bambini; il perenne problema rifiuti ha causato danni enormi all economia della nostra regione, ha avvelenato terreni tra i più fertili presenti sulla Terra, è stato l emblema di una qualità della vita scadente; il livello di inquinamento acustico in quasi tutte le vie di Napoli è tra i db di giorno e tra i 68 e i 78 db di notte (i limiti massimi ammessi dalla legge per le zone non industriali variano tra i 50 e i 65 db di giorno e tra i 40 e i 65 db di notte). E necessario quindi un deciso mutamento del nostro stile di vita, dei nostri comportamenti, del modo in cui sono organizzate la società e la nostra economia e tutti i soggetti, pubblici e privati, devono dare il proprio contributo. La scuola come principale agenzia educativa e come istituzione che prepara i cittadini del futuro deve essere in prima fila in questo impegno. Analizzare le criticità e le opportunità della propria scuola rispetto all impegno per un ambiente sano e una società ecosostenibile Proponiamo questo breve strumento di analisi della propria realtà scolastica (check-list). Per ogni criticità/opportunità riscontrata invitiamo a leggere la sezione Alcuni suggerimenti e buone pratiche, che illustra cosa le scuole possono fare per sopperire a tale criticità e sfruttare al meglio le proprie opportunità. Per tale motivo nella prima colonna della check-list è indicata la nota con il relativo numero dei suggerimenti per quella criticità/opportunità. Check-list su opportunità e criticità rispetto all impegno per l ambiente note 1 La scuola partecipa al sistema di raccolta differenziata dei rifiuti? SI NO 1 La raccolta dei rifiuti avviene in maniera ottimale, con una scrupolosa SI NO differenziazione e un puntuale conferimento all ASIA? 2 La scuola rispetta la normativa e tutte le accortezze necessarie per limitare la produzione SI NO di rifiuti (contrasto ai prodotti usa e getta, riuso di materiale riutilizzabile ecc.)? 3 Le lampade e gli apparecchi elettrici della scuola sono solo del tipo ad alta efficienza? SI NO 4 Tutte le componenti della scuola sono attente a non sprecare energia (lasciare luci o SI NO apparecchi accesi, uso eccessivo dei condizionatori d aria o uso con infissi aperti ecc.)? 5 Vi sono nella scuola perdite d acqua (rubinetti, sciacquoni ecc.)? SI NO 6 I rubinetti sono dotati di filtri frangiflusso per il risparmio dell acqua SI NO 7 La scuola ha adottato interventi di mobility managment (riduzione dei posti auto e SI NO moto presenti a scuola, disponibilità di parcheggio solo per le auto con almeno 1 o 2 passeggeri oltre il conducente, installazione di rastrelliere per bici ecc.)? 8 La scuola cura adeguatamente le aree verdi di sua competenza? SI NO 9 Il regolamento scolastico prevede una sezione dedicata a comportamenti SI NO ecologicamente corretti (non fare chiasso, differenziare i rifiuti ecc.)? 10 La scuola è coibentata termicamente e acusticamente? SI NO 11 La scuola è dotata di accorgimenti che impediscano il riverbero dei suoni (rimbombo)? SI NO Suggerimenti e buone pratiche 1) Raccogliere i rifiuti in maniera differenziata a) L ASIA propone alle scuole di attuare la raccolta differenziata di carta, vetro, plastica, rifiuti organici

11 e pile. E opportuno che nelle aule ci sia solo il contenitore per la carta e che altre frazioni merceologiche (plastica, metalli, indifferenziato ecc.) siano depositate negli appositi contenitori presenti nei corridoi. Per informazioni ASIA b) Non basta certo mettere contenitori per la raccolta differenziata per gestire correttamente i rifiuti prodotti a scuola. Infatti questi potrebbero non essere messi negli appositi contenitori, oppure i rifiuti raccolti potrebbero non essere consegnati all ASIA nelle modalità e nei tempi previsti. E necessario quindi verificare periodicamente che la raccolta differenziata funzioni a dovere, eventualmente delegando tale compito a un dipendente della scuola o a una piccola commissione formata da persone motivate. Se la differenziazione dei rifiuti non è fatta come si deve, bisogna scoprirne le cause per porre i necessari rimedi (mancanza di chiarezza su dove mettere alcuni rifiuti, lontananza del contenitore, non rispetto delle regole ecc.). Se studenti o docenti non rispettano le regole non è assolutamente il caso di desistere, ma occorre anzi insistere ancor più, per inculcare quello che è il fondamento della convivenza civile: il rispetto delle regole che una comunità si dà. La scuola non può abdicare a tale ruolo, che è tra i suoi principali. In tale opera la scuola può chiedere sostegno all ASIA (www.asianapoli.it), alle associazioni ambientaliste (CORERI Ass. Marco Mascagna WWF all ASL 2) Produrre meno rifiuti Esistono precise norme per ridurre la produzione di rifiuti e alcuni provvedimenti dovrebbero diventare prassi consolidate. L uso di prodotti usa e getta (bicchieri, piatti, posate ecc.) deve essere contrastato, le cartucce dei toner di fotocopiatrici e stampanti possono essere ricaricate, i fogli di carta stampati su una sola facciata possono essere utilizzati nell altra pagina, le vaschette di cibo non consumate possono essere date ad organizzazioni che si interessano degli indigenti. Dai rifiuti si può anche produrre concime (dalla sola frazione umida), attività molto più facile di quanto solitamente si ritiene e che ha anche valenza didattica (di chimica e biologia) e educativa. Si veda il file Come fare il compost nella cartella Scuola ecosostenibile. 3) Lampade e apparecchi ad alta efficienza energetica Le lampade e gli apparecchi ad alta efficienza energetica consentono consistenti risparmi di elettricità (alla lunga anche economicamente vantaggiosi). Nell acquisto di lampade e apparecchi bisognerebbe sempre verificarne il grado di efficienza energetica e preferire quelli più efficienti (che sono anche quelli con più lunga durata di vita). 4) Comportamenti ecosostenibili Se si vuole educare gli studenti a adottare comportamenti ecosostenibili bisogna che tutto il personale della scuola e in primis quello docente, abbia comportamenti coerenti con tale finalità. Purtroppo non è infrequente vedere luci accese senza necessità, apparecchi non utilizzati accesi o in stand-by e altri comportamenti che determinano spreco di energia. In alcune scuole la creazione di una commissione mista (docenti, studenti e personale ATA) con l incarico di verificare gli sprechi energetici e proporre opportuni provvedimenti (campagne di informazione, colloqui mirati, disposizioni del dirigente, istituzione di sentinelle ecologiche ecc.) ha conseguito consistenti risparmi di energia. Si veda il file Ridurre l'impronta ecologica della scuola nella cartella Scuola ecosostenibile. 5) Eliminare le perdite d acqua da rubinetti e sciacquoni Un rubinetto guasto può far perdere oltre litri di acqua al mese, uno sciacquone anche litri (pari ad un costo che può variare da 4,6 a 9,2 euro al mese). Poiché prima o poi deve essere riparato, meglio ripararlo subito: si risparmiano così acqua e soldi e si evita di insegnare con i fatti agli studenti che l acqua e i soldi possono essere sprecati. 6) Dotare i rubinetti di filtri frangigetto per il risparmio dell acqua I filtri rompigetto determinano una significativa riduzione del consumo di acqua nelle attività di lavaggio (la pressione e l area interessata dal getto d acqua rimangono identiche mentre la quantità d acqua erogata, a parità di tempo, si riduce del 40-50%). Costano poco (tra i 3 e i 15 euro) e si applicano con grande facilità. Vanno sostituiti ogni 5 anni. 7) Contrastare l uso di mezzi di trasporto inquinanti, favorire le persone che arrivano a scuola a piedi, in bici o con i mezzi pubblici La normativa vigente obbliga le aziende e gli enti pubblici con più di 300 dipendenti a nominare un responsabile della mobilità per contrastare l uso di mezzi di trasporto inquinanti per gli spostamenti

12 casa-lavoro e favorire chi si sposta a piedi, in bici o con i mezzi pubblici. Le scuole non raggiungono tali numeri di addetti, ma solo perché non si considerano tali gli studenti. Non bisogna certo essere urbanisti o esperti di mobilità per capire che le scuole, nella nostra realtà, sono tra le più importanti cause di traffico. Quando le scuole sono chiuse il traffico è, infatti, sensibilmente inferiore e negli orari di entrata e uscita solitamente si congestiona in tutte le vie circostanti l edificio. La legge invita però anche gli enti con un minore numero di addetti a nominare il responsabile e a varare il piano, obbligando i Comuni a ricevere tali piani e a dare tutta la collaborazione e il supporto come se fossero aziende tenute a tali provvedimenti. Il dirigente della scuola può chiedere al Comune di interdire al traffico privato il tratto di strada su cui è situato l ingresso della scuola (garantendo così maggiore sicurezza a studenti e docenti, liberando il cortile della scuola che può così essere utilizzato per altri scopi, quali attività fisica, trasformazione in giardino, attività didattiche all aperto ecc.); può decidere di abolire o ridurre i posti auto/moto nel cortile della scuola; può permettere il parcheggio delle sole auto con almeno 1-2 persone oltre al guidatore; può far installare rastrelliere per le bici (o chiedere al Comune di farlo); può favorire l uso collettivo dell auto (car pooling) promuovendo un elenco di persone che sono disponibili a offrire ospitalità sulla propria auto o che chiedono ospitalità per recarsi a scuola. Si veda il file Varare un piano degli spostamenti casa-lavoro nella cartella Scuola Ecosostenilile. 8) Curare adeguatamente le aree verdi della scuola Le aree a verde di pertinenza della scuola possono essere utilizzate come laboratorio didattico di giardinaggio/orticultura, oppure essere affidate alla gestione di un associazione (stipulando apposita convenzione) o, ancora, essere utilizzate come spazio per lo svolgimento di attività motorie adatte a tale contesto (es. corsa, salti, alcuni esercizi ginnici e giochi di squadra, giardinaggio ecc.). Se si ritiene non utile realizzare queste proposte, è consigliabile coltivare le aree verdi con piante poco esigenti, capaci di resistere a lunghi periodi senza essere innaffiate e che non richiedono frequenti potature, concimature ecc. Consigliamo di consultare il testo: Bifulco A. Il giardino del liceo ed. Qualevita ) Inserire nel regolamento scolastico una sezione dedicata a comportamenti ecologicamente corretti E bene proporre di inserire nel regolamento della scuola una sezione dedicata a comportamenti ecologici (non fare chiasso, differenziare i rifiuti, non sprecare energia ecc.). In tale maniera le varie componenti della scuola sono portate a discutere di tali argomenti, a prendere posizione e impegni. 10) Una scuola coibentata termicamente e acusticamente Un luogo destinato all apprendimento dovrebbe essere silenzioso e confortevole (non troppo caldo né troppo freddo). La presenza di buoni infissi con vetri isolanti riesce a ridurre notevolmente il rumore proveniente dall esterno (anche di 40 db) e riduce nettamente la dispersione di calore (con conseguente risparmio energetico e, alla lunga, anche economico). Ovviamente almeno ogni ora bisogna aprire le finestre per cambiare l aria. 11) Accorgimenti per impedire il riverbero dei suoni (rimbombo) La maggioranza delle scuole ha aule e corridoi privi di qualsiasi accorgimento per impedire il riverbero del suono, per cui i suoni si amplificano e diventano meno distinti, disturbando l insegnamento e l apprendimento. Per intervenire adeguatamente dovrebbero essere eseguiti appositi lavori edili (applicazione di pannelli sul soffitto o sulle pareti ecc.). Sono possibili però anche piccoli accorgimenti come posizionare mobiletti, scaffalature, appendiabiti, pannelli di stoffa, prodotti artistici tridimensionali lungo le pareti (ovviamente fissandoli al muro secondo le norme sulla sicurezza). Bibliografia - Focusing on obesity through a health equity lens %20Focusing%20on%20Obesity%20through%20a%20Health%20Equity%20Lens%20- %20Edition%202.pdf - Branca F, Nikogosian H, Lobstein T. La sfida dell obesità nella Regione europea dell OMS e le strategie di risposta. WHO; i%20risposta%20ccm%20sinu.pdf. - OKkio alla Salute: Risultati dell indagine pdf

13 - Studio HBSC Italia 2010: - PASSI (Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia): risultati Roma: Istituto Superiore di Sanità; (Rapporti ISTISAN 09/31) - Brown T, Summerbell C. Systematic review of school-based interventions that focus on changing dietary intake and physical activity levels to prevent childhood obesity: an update to the obesity guidance produced by the National Institute for Health and Clinical Excellence. Obes Rev 2009;10: Dobbins M. et al. School-based physical activity programs for promoting physical activity and fitness in children and adolescents aged 6-18 (Review), The Cochrane Library Beets MW. et al. After-school program impact on physical activity and fitness: a meta-analysis. Am J Prev Med 2009;36: Condon EM. et al. School meals: types of foods offered to and consumed by children at lunch and breakfast. J Am Diet Assoc 2009;109:S Gonzalez W. et al. Restricting snacks in U.S. elementary schools is associated with higher frequency of fruit and vegetable consumption. J Nutr 2009;139: Nutrition-Friendly Schools Initiative (NFSI), WHO, - Creating an Environment for Emotional and Social Well-Being, Information Series on School Health Document 10, WHO - CDC, Guidelines for School and Community Programs to Promote Lifelong Physical Activity Among Young People / 46(RR-6); Campus G, et Al: Studio esplorativo sulla salute orale dei ragazzi di 12 anni in Italia, Rivista di Odontoiatria, 2, XXVII, Linee guida nazionali per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie orali in età evolutiva - Cochrane Tobacco Addiction Group, Centro, Cochrane Italiano, Prevenzione dell abitudine al fumo nei giovani, Effective Health Care, edizione italiana, Zadig editore, vol.4 n.3 maggio-giugno Cochrane Tobacco Addiction Group, School-based programmes for preventing smoking 2002, - Regione Veneto: Verso una scuola libera dal fumo 4D15-A1BE-B4CD013BD959/0/libroscuolapersito.pdf - Lister-Sharp, D., Chapman, S., Stewart-Brown, S. & Sowden, A. Health promoting schools and health promotion in schools: Two systematic reviews, Health Technology Assessment, 3, 1: Young, I. (2005). Health promotion in schools a historical perspective. Promotion & Education, XII (3-5): Stewart-Brown, S. What is the evidence on school health promotion in improving school health or preventing disease and specifically what is the effectiveness of the health promoting schools approach? World Health Organization, West, P., Sweeting, H. & Leyland, L. School effects on pupils health behaviours: evidence in support of the health promoting school. Research Papers in Education, 19, 31: , Viganò R: Psicologia ed educazione in Kohlberg, Vita e Pensiero Wackernagel M, Rees WE: L impronta ecologica: come ridurre l impatto dell uomo sulla Terra, Ed. Ambiente, Milano, Wines J: Il pianeta lo salvo io! In 101 mosse, Edt, Ministero della Salute: Linee guida per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie orali in età evolutiva.

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli