Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita"

Transcript

1 G GERONTOL 2004;52: ODONTOIATRIA GERIATRICA Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Oral health in the elderly: a determinant factor for the quality of life M.L. LUNARDELLI, S. PIZZI * Unità Operativa di Geriatria, Azienda Ospedaliera e Universitaria di Parma; * Unità Operativa di Odontostomatologia, Azienda Ospedaliera e Universitaria di Parma Oral health is one of the most influencing condition on elderly quality of life. Particularly frail elderly, often significantly affected by poor oral hygiene levels, develop difficulties in the access to dental cares due to the physical limitation and autonomy loss. Geriatric assistance needs to improve in order to increase oral health care in elderly, considering the importance of the oral pathologies on different aspects of the quality of life, such as nutrition and social and psychological wellbeing. The strict operative collaboration between geriatrics and dentists is essential as well as the training of assistance-team and the creation of specific intervention projects on different care-settings for elderly. Key words: Elderly Oral health Quality of life Functional assessment Introduzione La qualità della vita attesa dopo i 65 anni, un periodo che può raggiungere i 19 anni per le donne e circa 16 per gli uomini in alcuni paesi sviluppati, dipende in larga parte dalla prevenzione e dal controllo di molte malattie e condizioni di salute di tipo cronico. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita è quella orale. A questo proposito due esperti di odontoiatria geriatrica (Ettinger e Beck) nel 1984 introdussero come criterio distintivo per la definizione funzionale degli anziani, la capacità fisica di rivolgersi ad un servizio odontoiatrico 1. Gli anziani che incontrano maggiori ostacoli all accesso alle cure dentali per limitazioni fisiche e perdita dell autonomia sono infatti gli anziani cosiddetti fragili. Un documento del National Center for Health Statistics e del National Institute on Aging sui determinanti dello stato di salute degli anziani americani, ha enfatizzato il ruolo della salute orale, evidenziando i seguenti aspetti: 1) l influenza sulla qualità di vita della persona; 2) le malattie correlate al cavo orale come fattore cumulativo con le altre patologie 2. Influenza dello stato di salute orale sulla qualità della vita Il concetto di salute orale correlato con la qualità della vita prende spunto dalla definizione di salute che l OMS diede nel Per salute si intende uno stato di PACINIeditore Corrispondenza: dott. M.L. Lunardelli, Unità Operativa di Geriatria, Azienda Ospedaliera di Parma, via Don Bosco 2, Parma, Italy - Tel. e Fax

2 SALUTE ORALE DELL ANZIANO 237 completo benessere fisico, psichico e sociale e non solo l assenza di malattia od infermità. Salute orale, quindi, non vuole dire solamente assenza di malattia cariosa o parodontale, ma è indispensabile considerarne gli effetti su tutti gli aspetti della vita di una persona ed il conseguente benessere in relazione a: 1) fattori funzionali (mangiare e masticare); 2) fattori psicologici (connessi con l aspetto della persona e con la propria autostima); 3) fattori sociali (rapporti interpersonali); 4) l esperienza di dolore o disagio 3. Nel 1993 l OMS ha ampliato il concetto di salute correlandola alla qualità di vita, intesa come la percezione che gli individui hanno della loro posizione nella vita, nel contesto culturale e nel sistema nei quali vivono ed in relazione ai loro obiettivi, aspettative, pretese ed interessi. Successivamente nel 2001 l OMS, con la classificazione ICF: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità, della Salute, ha associato lo stato di salute di un individuo non solo a funzioni e strutture del corpo umano ma anche ad attività a livello individuale o di partecipazione sociale 4. Quindi rispetto alla classificazione ICDH (1980) che individuava le cause di disabilità, l ICF puntualizza gli effetti delle patologie nell individuo. Ne è dimostrazione quanto avviene nell anziano in cui, la perdita dei denti può comportare da un lato, una riduzione della capacità masticatoria, con mutamento delle abitudini alimentari, disfagia e difficoltà digestive, dall altro un isolamento autoimposto per riluttanza a parlare, sorridere, mangiare. Il momento del pasto ha una grandissima importanza per l anziano che viene gratificato dalla presenza dei familiari o degli altri commensali: la forzata rinuncia a questa quotidiana occasione di comunicazione assume un forte impatto nei confronti della qualità di vita. La salute orale contribuisce indiscutibilmente alla salute generale della persona anziana 5, incidendo sulla qualità di vita, e alla capacità di mantenere le normali attività di vita quotidiane 6, come: nutrirsi in modo congruo e soddisfacente; parlare in maniera fluente e corretta; sorridere; ridere mostrando i denti senza imbarazzo; mantenere l usuale stato emotivo; continuare a svolgere la propria attività; mantenere rapporti familiari e sociali gratificanti 7. Per valutare l impatto della salute orale nella vita quotidiana individuale, è stato proposto il Dental Impact on Daily Living (DIDL), strumento che considera cinque dimensioni (Comfort, Aspetto, Dolore, Performance e Restrizione alimentare). Il DIDL differisce dagli altri indicatori socio-dentali in quanto introduce il concetto della percezione che l individuo ha della propria salute orale. Combinato con indici comunitari di malattia il DIDL può rappresentare un valido strumento per valutare il bisogno di cure e per impostare i programmi di prevenzione 8. Le malattie correlate al cavo orale cumulative con le altre patologie e con impatto sulla salute generale La popolazione anziana ha una maggiore prevalenza di problemi orali e dentali, non tanto per l invecchiamento fisiologico in sé, quanto per la maggiore incidenza di alcune patologie che interessano direttamente il cavo orale. Se da un lato esistono infatti casi di invecchiamento in buona salute in cui è mantenuto una condizione orale soddisfacente, dall altro sono frequenti la perdita di denti, le lesioni della mucosa di natura neoplastica o infettiva, i sanguinamenti. A questa condizione si aggiungono gli effetti cumulativi delle malattie sistemiche. La tipica comorbidità dell anziano predispone agli effetti secondari della polifarmacoterapia, di cui il cavo orale è un bersaglio frequente (xerostomia, infezioni da Candida), e a limitazioni funzionali. La coesistenza di questi problemi con le difficoltà economiche e di accesso ai servizi riduce drasticamente la possibilità di prevenire e curare le patologie orali. La bocca rappresenta inoltre una porta di entrata per infezioni che possono divenire sistemiche (per aspirazione polmonare o per diffusione ematica), con gravi conseguenze ed aumentato rischio di mortalità. A testimonianza della enorme influenza della cura orale sullo stato di salute, recenti ricerche hanno indicato una possibile associazione tra infezioni orali croniche (parodontopatia) e diabete, malattie cardiovascolari, respiratorie e stroke 9. Attuali criticità Le due grandi criticità da affrontare per migliorare la salute orale dell anziano e quindi la sua qualità della vita sono rappresentate dal cattivo stato di salute e di igiene della bocca e dalla negligenza nelle misure preventive e terapeutiche, come documentato da numerose evidenze di letteratura.

3 238 M.L. LUNARDELLI, S. PIZZI Le principali patologie dell anziano che predispongono a problemi odontostomatologici sono: demenza di Alzheimer ed altre forme di demenza; malattia di Parkinson e altre malattie degenerative del SNC; esiti di ictus cerebrale con grave disabilità e disfagia; comorbilità grave con limitazione funzionale; patologie neoplastiche; fragilità (malnutrizione, disturbi dell equilibrio, cadute, sarcopenia, osteopenia, disabilità etc.) attraverso meccanismi multipli e interagenti 10. Tra i meccanismi con cui le malattie dell età geriatrica favoriscono le malattie del cavo orale, i principali sono rappresentati da: polifarmacoterapia responsabile di: xerostomia, stati confusionali, effetti collaterali a carico del cavo orale; deterioramento cognitivo e sintomi comportamentali che interferiscono con l igiene orale (trascuratezza, rifiuto e negativismo) e con la produzione di saliva (xerostomia o scialorrea); disturbi della deglutizione e della masticazione (malattie neurologiche vascolari e degenerative); riduzione dell autonomia nelle attività della vita quotidiana (ADL). Gli anziani che vivono in strutture protette sono particolarmente a rischio, non solo perché più fragili e disabili, ma anche perché l igiene orale, in tali ambienti di vita e di assistenza, non è considerata una priorità né una misura di prevenzione Fino a poco tempo fa, infatti, i pazienti in struttura erano quasi del tutto edentuli e di conseguenza vi era meno necessità di ricorrere a cure odontostomatologiche. La soluzione, in caso di problemi, consisteva spesso nella rimozione delle protesi e il passaggio ad una dieta semiliquida 15. Attualmente l aumento del numero di ospiti con denti naturali, determina una maggiore necessità di attenzione e cure per il cavo orale. In particolare la xerostomia (marcata secchezza del cavo orale) sembra avere una influenza determinante sulla qualità della vita in anziani istituzionalizzati; lo stato dentale (numero di denti residui fino all edentulia) in questi anziani sarebbe invece associato essenzialmente alla capacità di masticare 16. L edentulia rimane comunque uno dei principali problemi nella popolazione anziana: in uno studio finlandese del 1999, è risultata presente nel 66,3% degli anziani ospedalizzati e nel 42,1% dei non ospedalizzati 17. I principali fattori di rischio di edentulia in entrambi i gruppi sono risultati: l età avanzata (tra anni), il sesso femminile e il numero di farmaci assunti (quest ultimo in particolare nel gruppo degli ospedalizzati). Questi risultati confermano che i pazienti anziani ospedalizzati, affetti da più malattie concomitanti e che assumono molti farmaci, hanno una salute orale più scadente di quelli che vivono a domicilio. Inoltre da uno studio su 468 pazienti anziani ricoverati in reparti per acuti, è risultato che il 65,3% necessitava di assistenza diretta nell igiene orale, il 16,4% era capace di collaborare e seguire le istruzioni, il 6,6% necessitava di un trattamento protesico. Considerando la ridotta autonomia di questi pazienti fragili e disabili, si rende necessario mettere in atto programmi di screening per prevenire le infezioni orali, in particolare da Candida, e incentivare una stretta collaborazione tra gli odontoiatri e lo staff del reparto per sviluppare e promuovere una buona igiene orale 18. A fronte della maggiore predisposizione a sviluppare malattie del cavo orale e alla difficoltà di mantenere una buona igiene, queste ultime negli anziani sono in generale neglette per due ordini di motivi: a) scarsa conoscenza del problema da parte dei sanitari e del personale di assistenza; b) problemi di accesso alle cure per motivi economici e per difficoltà correlate alla disabilità. Per quanto riguarda la scarsa conoscenza del problema da parte dei sanitari un lavoro svolto in ambito ospedaliero ha evidenziato che tra i medici ospedalieri pochi esaminano di routine la bocca e pochi ritengono di avere una formazione sufficiente per eseguire un buon esame del cavo orale 19. Un studio analogo ha coinvolto invece personale infermieristico e di assistenza (58 infermieri professionali e 42 assistenti alla persona) in servizio da almeno due anni presso reparti geriatrici acuti e di riabilitazione. È risultato che solo il 50% era in grado di fornire assistenza per l igiene orale e che comunque la loro conoscenza delle ragioni di questa pratica spesso non era corretta 20. In ambito infermieristico vi sarebbe un gap tra conoscenze teoriche e applicazione pratiche che riconosce cause diverse e potrebbe essere superato da progetti finalizzati 21. Un aspetto interessante emerso da questo studio e confermato in altre ricerche è la correlazione positiva tra l attitudine verso la propria cura orodentale e il grado di attenzione per l igiene orale dei pazienti anziani che avevano in cura 22. È documentata una diffusa difficoltà di accesso alle cure dentarie da parte della popolazione disabile in generale e di quella anziana in particolare. Per ovviare a questo, nel Regno Unito fin dal 1996 so-

4 SALUTE ORALE DELL ANZIANO 239 no state pubblicate specifiche Linee guida per garantire l accesso alle cure dentali da parte delle persone disabili, ulteriormente aggiornate nel La stessa esigenza è stata avvertita anche in Italia. La normativa nazionale in materia è costituita principalmente dal d.lgs. 229/99 che definisce i criteri per la determinazione dei livelli essenziali di assistenza LEA e disciplina il funzionamento dei Fondi integrativi del SSN, e dal DPCM 29/11/2001 Definizione dei livelli essenziali di assistenza 24. Tali indicazioni nazionali limitano la competenza del SSN ai programmi di tutela della salute odontoiatrica in età evolutiva e l assistenza odontoiatrica e protesica verso soggetti in condizione di particolare vulnerabilità, affidando ai fondi integrativi del SSN l assistenza odontoiatrica per i servizi complementari. La Regione Emilia-Romagna intende definire la tipologia delle prestazioni e dei servizi che devono essere garantiti ai suoi cittadini, con l obiettivo tra gli altri, di sviluppare prioritariamente la rete dei servizi rivolti a categorie di persone in condizione di vulnerabilità sanitaria e sociale nonché le forme di partecipazione alla spesa da parte degli utenti ed il pagamento dei relativi manufatti. Inoltre, è in fase di sviluppo un programma speciale, sociale e sanitario, per l assistenza protesica alla popolazione anziana e per la popolazione in condizioni di povertà. Il paziente anziano può avere oggettive difficoltà fisiche a recarsi presso un ambulatorio odontoiatrico. Vi sono alcuni accorgimenti che possono rendere l accesso e la fruibilità delle cure odontoiatriche molto più agevoli. Il primo punto è rappresentato dall accesso vero e proprio all ambulatorio. Devono essere evitate tutte le possibili barriere architettoniche che possano rendere difficoltoso l accesso a carrozzine o comunque a persone con difficoltà alla deambulazione. In alcuni casi il problema dell accesso può essere superato curando il paziente nel luogo di vita. Quando invece l anziano può recarsi o essere accompagnato ad un servizio odontoiatrico si devono prevedere degli adattamenti ambientali quali una reception arredata in modo da facilitare e rendere il più possibile confortevole una eventuale attesa. Vi deve essere una corretta illuminazione e non vi devono essere scritte e stampati difficilmente leggibili. Altro aspetto di grande importanza è la comunicazione tra medico e paziente. L approccio al paziente anziano deve essere affrontato in modo da minimizzare le difficoltà di comprensione da parte dell anziano a causa di deficit sensoriali. Oltre a favorire il contato visivo è necessario tenere in considerazione eventuali diminuzioni dell udito del paziente, quindi usare un tono della voce abbastanza alto, togliersi la mascherina mentre si parla ed eliminare eccessivi rumori ambientali 25. Che fare? Di fronte a questo enorme problema di cui si incominciano a focalizzare le implicazioni sanitarie e sociali, anche in considerazione dei prevedibili costi, gli interventi da sviluppare sono diversificati, sinergici e interdipendenti e richiedono una programmazione temporale in modo da coordinare le varie azioni. Secondo l autorevole review di Helgeson et al. del per raggiungere un buon livello di prevenzione e cura devono essere previsti steps specifici: 1) quello epidemiologico con particolare attenzione alla rilevazione del bisogno spesso scarsamente percepito dall anziano o dalle persone che lo assistono; 2) l adeguamento del curriculum formativo degli specialisti odontoiatri e la formazione degli operatori sanitari di assistenza in tutti gli ambienti di cura geriatrici ; 3) l introduzione di strumenti di assessment sia di tipo oggettivo che soggettivo ; 4) lo sviluppo di programmi di screening e di assistenza che prevedono la collaborazione interdisciplinare e multiprofessionale ; 5) l adeguamento delle politiche sociosanitarie ai nuovi bisogni 35. Negli Stati Uniti la salute orale degli anziani negli ultimi anni è stata oggetto di un interesse crescente a livello politico e lo stesso Senato ha costituito apposite commissioni di studio. In Italia si stanno sviluppando, a seguito dell istituzione dei LEA, progetti di odontoiatria sociale a carattere regionale mentre sul piano clinico-assistenziale le esperienze sono ancora limitate e poco divulgate. Su questo versante sono particolarmente degne di nota le linee guida americane National Guideline Clearinghouse: Oral hygiene care for functionally dependent and cognitively impaired older adult pubblicate nel , in cui vengono indicate accurate e precise raccomandazioni di tipo assistenziale e di nursing per affrontare i principali problemi di igiene e trattamento di problemi orali in persone con caratteristiche funzionali e cognitive compromesse. La redazione di Linee guida di questo tipo ha il merito di rappresentare un punto di riferimento per lo sviluppo di qualsiasi progetto

5 240 M.L. LUNARDELLI, S. PIZZI di intervento personalizzato e di essere una base per la formazione del personale di assistenza. Allo scopo di affrontare i due principali aspetti assistenziali: 1. le infezioni del cavo orale, in particolare di tipo micotico, con conseguenti problemi di nutrizione; 2. la difficoltà di gestione delle problematiche odontostomatologiche a causa della compromissione dell autonomia nell igiene orale associata a comorbidità e disabilità, abbiamo sviluppato il progetto Prevenzione e cura del cavo orale del paziente ricoverato in reparto geriatrico per acuti 37. Questo intervento si colloca nell ambito di un programma di miglioramento della qualità della vita del paziente anziano in quanto si propone una duplice finalità: da una parte quella di migliorare la qualità assistenziale e ridurre i rischi da ricovero (infezioni locali e sistemiche, miglioramento dello stato nutrizionale); dall altra di intercettare durante la degenza ospedaliera un bisogno, come quello delle cure odontostomatologiche, largamente ignorato e trascurato. Per attuare questo progetto era necessario stabilire una modalità di collaborazione continuativa tra le Unità Operative di Geriatria e Odontostomatologia attraverso un protocollo condiviso per la realizzazione degli obiettivi di tipo assistenziale (miglioramento della cura delle patologie del cavo orale) e organizzativo-gestionale (applicazione LEA in ambito geriatrico). ESIGENZE AFFRONTATE DAL PROGETTO 1. valorizzazione degli aspetti di igiene e cura orale nella cultura assistenziale geriatrica; 2. addestramento al lavoro in équipe multidisciplinare e multiprofessionale; 3. introduzione di strumenti per rilevare il bisogno di cure odontoiatriche nell anziano ricoverato in reparto per acuti; 4. educazione sanitaria al paziente e al caregiver. OBIETTIVI SPECIFICI DEL PROGETTO 1. prevenire e trattare le patologie del cavo orale che nel paziente anziano fragile ricoverato possono compromettere il recupero e la qualità della vita; 2. individuazione del bisogno di interventi odontostomatologici nel reparto di geriatria; 3. sviluppare una metodologia di lavoro in équipe multidisciplinare e multiprofessionale; 4. apprendimento da parte del paziente in grado di collaborare e del caregiver delle misure di prevenzione delle malattie odontostomatologiche. APPROCCIO ALLE SOLUZIONI DEL PROBLEMA In primo luogo è stata affrontata la Formazione specifica del personale articolandola in due diversi momenti: a) un corso teorico rivolto a medici, infermieri, OTA, OSS dell U.O. Geriatria; b) un periodo di formazione sul campo (FSC) che rappresenta una modalità innovativa in cui sono valorizzati gli aspetti di lavoro in équipe e la capacità di produrre protocolli condivisi e attuabili. È stato scelto un approccio interdisciplinare e multiprofessionale per garantire l apprendimento teorico-pratico e la capacità di mettere in atto il percorso assistenziale. Per quanto riguarda invece la implementazione e la continuità, è stata adottata la modalità organizzativa della consulenza programmata dello specialista odontoiatra nel reparto geriatrico per creare una sufficiente esperienza che consenta di standardizzare il percorso. L obiettivo è quello di mettere a regime un programma di assistenza e di cura orale integrato tra le diverse professionalità. RISULTATI ATTESI I risultati di tipo clinico sono: la riduzione delle infezioni del cavo orale, del ricorso all alimentazione parenterale ed enterale e delle loro complicanze con conseguente accorciamento della durata della degenza. Dal punto di vista organizzativo questa esperienza consente di raccogliere ulteriori indicazioni per l attuazione dei LEA odontoiatrici in ambito geriatrico. I Risultati finora conseguiti sono essenzialmente: - la creazione di un gruppo di lavoro tra le due Unità Operative coinvolte; - l attivazione del processo di Formazione del personale sanitario e di assistenza. Quest ultimo rappresenta un elemento di indubbia innovatività insieme al riconoscimento di un bisogno fondamentale per la qualità della vita delle persone anziane spesso inespresso e trascurato. Per quanto riguarda la trasferibilità del progetto, la metodologia di collaborazione interdisciplinare e interprofessionale, benché nata nell ambito delle cure per acuti, può essere trasferita in altri ambienti assistenziali quali le strutture residenziali per anziani non autosufficienti. I VANTAGGI/BENEFICI PER I DESTINATARI FINALI DEL PROGETTO 1. miglioramento dello stato di salute del cavo orale, dello stato nutrizionale e conseguente migliore capacità di recupero dalle malattie acute

6 SALUTE ORALE DELL ANZIANO 241 e croniche riacutizzate per le quali questi pazienti sono stati ospedalizzati; 2. riduzione della permanenza in ospedale; 3. apprendimento di misure di igiene orale da proseguire a domicilio; 4. miglioramento della qualità della vita. OUTPUT DELLA RICERCA Gli strumenti messi a punto nel corso della fase di formazione e utilizzati nella implementazione sul campo sono: scheda di valutazione per la rilevazione dei problemi orali del paziente ricoverato comprensiva di alcuni dati funzionali (autonomia nelle ADL, stato cognitivo), e sullo stato di salute generale e sulle terapie in atto; piano individualizzato di intervento per la cura e l igiene orale che viene messo a punto con la consulenza dello specialista odontoiatra utilizzando una cartella odontoiatrica adattata all utenza geriatrica; protocollo Igiene del cavo orale: prevenzione e cura delle infezioni e delle complicanze che verrà stilato a conclusione dell esperienza. Collateralmente al progetto, dalla collaborazione di tipo interdisciplinare tra geriatri e odontoiatri, è nato uno strumento a carattere epidemiologico per la rilevazione dei bisogni orali non espressi, in ambito geriatrico. Lo strumento: Questionario sui bisogni di cure dentali nel paziente anziano è stato messo a punto sulla scorta di esperienze simili nel campo della disabilità infantile ed è composto di 11 domande rivolte a familiari di anziani affetti da disabilità fisica o cognitiva. Vengono esplorati i seguenti domini: anagrafico-sociale; patologie prevalenti; sintomi a carico del cavo orale; ricorso alle cure dentali (frequenza e tipologia degli interventi); difficoltà di accesso ai servizi e alle cure; conoscenza delle misure di prevenzione e utilizzo di pratiche igieniche; implicazioni sulla qualità della vita (masticare, parlare, sorridere, relazionare con gli altri, tono dell umore). Finora è stato somministrato a tre diversi campioni di anziani: ricoverati in reparto geriatrico per acuti, in day hospital ed a quelli afferenti al Consultorio per la diagnosi del deterioramento cognitivo. Il questionario potrebbe trovare applicazione su campioni più estesi di popolazione anziana sia a domicilio che in strutture residenziali. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella orale. In particolare gli anziani fragili, oltre a risentire in modo significativo delle scarse condizioni di salute del cavo orale, incontrano maggiori ostacoli nell accesso alle cure dentali a causa di limitazioni fisiche e perdita dell autonomia. In considerazione delle importanti ripercussioni su alcuni aspetti della qualità della vita quali la nutrizione e il benessere psicologico e sociale, si pone la necessità di colmare le attuali carenze culturali sulle patologie e la cura del cavo orale nell ambito dell assistenza geriatrica. Le azioni da mettere in atto sono una collaborazione operativa tra specialisti odontoiatri e geriatri, la formazione del personale di assistenza e la creazione di specifici progetti di intervento in vari setting di cura dell anziano. Parole chiave: Anziani Salute orale Qualità della vita Assessment funzionale BIBLIOGRAFIA 1 Ettinger RL, Beck JD. Geriatric dental curriculum and the needs of the elderly. Spec Care Dentist 1984;4: Vargas CM, Kramarow EA, Yellowitz JA. The Oral Health of Older Americans. Aging Trends. N. 3. Hyattsville, Maryland: National Center for Health Statistics Inglehart MR, Bagramian RA. Oral Health-Related Quality of Life. Quintessence Publishing Co, Inc OMS - ICF. Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità, della Salute. Ginevra 2001 (Ed. it. Trento: Erikson 2002). 5 Chen M, Andersen RM, Barmes DE, et al. Comparing oral health care systems. WHO 1997: Robinson PG, Gibson B, Kan FA, Birnbaum WA. Comparison on OHIP 14 and OIDP as interviews and questionnaires. Comm Dent Health 2001;18: Strohmenger L, Ferro R. Odontoiatria di comunità. Milano: Masson spa Leao A, Sheiham A. The development of a socio-dental measure of dental impacts on daily living. Community Dent Health 1996;13: Beck JD, Offenbacher S, Williams R, Gibbs P, Garcia R. Periodontitis: a risk factor for coronary heart disease? Ann Peridontol 1998;3: Chiappelli F, Bauer, Spackman S, Prolo P, Edgerton M, Armenian C, et al. Dental needs of the elderly in the 21 st century. Gen Dent 2002;50: Fitzpatrick J. Oral health care needs of dependent older people: responsibilities of nurses and care staff. J Adv Nurs 2000;32: Pyle MA, Nelson S, Sawyer DR. Nursing assistants opinions of oral health care provision. Spec Care Dentist 1999;19: Chalmers JM, Carter KD, Fuss JM, Spencer AJ, Hodge CP. Caries experience in existing and new nursing home residents in Adelaide, Australia. Gerodontology 2002;19:30-40.

7 242 M.L. LUNARDELLI, S. PIZZI 14 Simons D, Kidd EAM, Beighton D. Oral health of elderly occupants in residential homes. Lancet 1999;353: Jokstrad A, Ambjornsen E, Eide KE. Oral health in institutionalised elderly people in 1993 compared with Acta Odont Scand 1996;54: Locker D. Dental status, xerostomia and the oral health related qualità of life of an elderly instituzionalized population. Spec Care Dentist 2003;23: Pajukoski H, Meurman JH, Snellman-Grohn S, Sulkava R. Oral health in hospitalized and nonhospitalized community-dwelling elderly patients. Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol Endod 1999;88: Mersel A, Babayof I, Rosin A. Oral health needs of elderly short-term patients in a geriatric department of a general hospital. Spec Care Dentist 2000;20: Morgan R, Tsang J, Harington N, Fook L. Survey of hospital doctors attitudes and knowledge of oral conditions in older patients. Postgrad Med J 2001;77: Preston AJ, Punekar S, Gosney MA. Oral care of elderly patients: nurses knowledge and views. Postgrad Med J 2000;76: Rak OS, Warren K. An assessment of the level of dental and mouthcare knowledge amongst nurses working with elderly patients. Community Dental Health 1990;7: Wardh I, Andersson L, Sorensen S. Staff attitudes to oral health care. A comparative study of registered nurses, nursing assistants and home care aides. Gerodontology 1997;14: Guidelines for standards of dental care for people with disabilities. British Society of Dentistry for the Handicapped, DPCM 29/11/2001. Definizione dei livelli essenziali di assistenza. Gazzetta Ufficiale n. 33 dell 8 febbraio 2002, supplemento ordinario n Helgeson MJ, Smith BJ, Johnsen M, Ebert C. Dental considerations for the frail elderly. Spec Care Dentist 2002;22(Suppl 3):40S-55S. 26 Walsh LJ. Preventive dentistry for the general dental practitioner. Aust Dent J 2000;45: Brown LF. Research in dental health education and health promotion: A review of the literature. Health Educ Q 1994;21: Glassman P, Miller C, Wozniak T, Jones C. A preventive dentistry training program for caretakers of persons with disabilities residing in community residential facilities. Special Care Dent 1994;14: Simons D, Baker P, Jones B, Kidd EAM, Beighton D. An evaluation of an oral health training programme for carers of the elderly in residential homes. Br Dent J 2000;188: Boyle S. Assessing mouth care. Nursing Times 1992;88: Kajser-Jones J, Bird WF, Paul SM, Long L, Schell ES. An instrument to assess the oral health status of nursing home residents. Gerontologist 1995;35: Ettinger R. Oral health programs for homebound elderly. In: Textbook of Gerodontology. Copenhagen: Munksgaard 1997: Peltola P, Vehkalahti MM, Wuolijoki-Saaristo K. Oral health and treatment needs of the long-term hospitalised elderly. Gerodontology 2004;21: De Baat C, Kalk W, Schuil GRE. The effectiveness of oral hygiene programmes for elderly people a review. Gerodontology 1993;10: Watt R, Sheiham A. Inequalities in oral health: a review of the evidence and recommendations for action. Br Dent J 1999;187: National Guideline Clearinghouse (www.guideline.gov). Oral hygiene care for functionally dependent and cognitively impaired older adult. Iowa City, IA: University of Iowa Gerontological Nursing Interventions Research Center Forum PA 04 5 edizione del premio per le eccellenze nei servizi sanitari. Prevenzione e cura del cavo orale del paziente ricoverato in reparto geriatrico per acuti.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella

Dettagli

Obiettivi dell intervento

Obiettivi dell intervento Alessandro Dr Vitali Guido Dr Benedetti Centro di Collaborazione OMS Epidemiologia e Odontoiatria di Comunità Università degli Studi di Milano Nuove prospettive in odontoiatria geriatrica: la ricerca della

Dettagli

L infermiere casemanager

L infermiere casemanager L infermiere casemanager Valentina Sangiorgi U.C.S.C. di Roma Policlinico Universitario A.Gemelli Firenze 29-11/1-12-2007 La riorganizzazione delle cure primarie e l integrazione del sistema L aumento

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Epidemiologia della salute orale nell anziano ed interventi di salute pubblica

Epidemiologia della salute orale nell anziano ed interventi di salute pubblica G GERONTOL 2006;LIV:110-114 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria ARTICOLO DI AGGIORNAMENTO REVIEW Epidemiologia della salute orale nell anziano ed interventi di salute pubblica Oral health epidemiology

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

IL GOVERNO CLINICO IN RSA. Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014

IL GOVERNO CLINICO IN RSA. Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014 IL GOVERNO CLINICO IN RSA Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014 IL GOVERNO CLINICO in RSA definizione di RSA -SIGG Struttura del territorio destinata ad accogliere gli anziani

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

Attitudini e atteggiamento degli infermieri nei confronti dell'assistenza nutrizionale nell'anziano

Attitudini e atteggiamento degli infermieri nei confronti dell'assistenza nutrizionale nell'anziano LA RICERCA INFERMIERISTICA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE FUTURE Attitudini e atteggiamento degli infermieri nei confronti dell'assistenza nutrizionale nell'anziano BACKGROUND La malnutrizione nella persona

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI

SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI A. ASPETTI ANAGRAFICI A 1 - U.O. coinvolte: A 2 -Ambito di appartenenza: (selezionare) A 3 - Responsabile Buona Prassi: CURE PRIMARIE : MEDICINA DELLO SPORT DIPARTIMENTO

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

INRCA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DIREZIONE SCIENTIFICA EVENTO FORMATIVO

INRCA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DIREZIONE SCIENTIFICA EVENTO FORMATIVO INRCA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DIREZIONE SCIENTIFICA EVENTO FORMATIVO Le visite infermieristiche domiciliari preventive per il paziente affetto da malattia di Alzheimer e del

Dettagli

L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali. Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma

L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali. Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma Disabilità e malnutrizione Limitazioni funzionali frequenti nell anziano sono associate

Dettagli

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI PROF.SSA LUISA BARTORELLI Direttore Centro Alzheimer della Fondazione Roma CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI La sfida che la crescita esplosiva della popolazione anziana pone

Dettagli

Il medico di medicina generale, le cure domiciliari ed i bisogni non corrisposti. Ovidio Brignoli Mmg Brescia

Il medico di medicina generale, le cure domiciliari ed i bisogni non corrisposti. Ovidio Brignoli Mmg Brescia Il medico di medicina generale, le cure domiciliari ed i bisogni non corrisposti Ovidio Brignoli Mmg Brescia Se andiamo a vedere il dato anagrafico della popolazione assistita a domicilio nell ASL

Dettagli

La predisposizione e organizzazione di un Servizio i di Ristorazione, i soprattutto quando rivolto ad una utenza sensibile come

La predisposizione e organizzazione di un Servizio i di Ristorazione, i soprattutto quando rivolto ad una utenza sensibile come Convegno P.A.N. II La Ristorazione Collettiva in Italia - Roma 4 febbraio 09 La Ristorazione per Anziani un importante occasione di prevenzione Emilia Guberti Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento INFERMIERISTICA CLINICA IN AREE SPECIALISTICHE - INTEGRATIVO INFERMIERISTICA IN AREA GERIATRICA A. A. 2009/2010 Dott. ssa Margherita Andrigo Portogruaro APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE IN ODONTOSTOMATOLOGIA GERIATRICA: focus sulle strutture residenziali

LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE IN ODONTOSTOMATOLOGIA GERIATRICA: focus sulle strutture residenziali LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE IN ODONTOSTOMATOLOGIA GERIATRICA: focus sulle strutture residenziali 49 Congresso della SIGG Firenze 3-7 novembre 2004 Fernando Anzivino Direttore UU. OO. di Geriatria

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli

Catalogo Welfare. Attività formative e servizi

Catalogo Welfare. Attività formative e servizi Catalogo Welfare Attività formative e servizi Irecoop Emilia Romagna, in qualità di ente di formazione di emanazione di Confcooperative Emilia Romagna, dal 1979 sviluppa progetti di formazione a servizio

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE.

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE. DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente disegno di legge nasce dalla triste

Dettagli

Medicina di famiglia e UVA. Un rapporto complesso da intensificare ovvero Il futuro della continuità assistenziale per le persone affette da demenza

Medicina di famiglia e UVA. Un rapporto complesso da intensificare ovvero Il futuro della continuità assistenziale per le persone affette da demenza 52 Congresso Nazionale SIGG Paese vecchio, assistenza nuova: il caso Italia Firenze, 1 dicembre 2007 Medicina di famiglia e UVA. Un rapporto complesso da intensificare ovvero Il futuro della continuità

Dettagli

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità?

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? 25 novembre 2011 L ospedale organizzato per livelli di assistenza e i

Dettagli

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare Centro Di Riabilitazione Vaclav Vojta Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare Pagina2 VEC Sommario UNITÀ DI RIABILITAZIONE DOMICILIARE 3 Destinatari 4 Capacità ricettiva e Prestazioni 4 Funzionamento

Dettagli

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Capo I Articolo 2 L'assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si

Dettagli

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO 23 Congresso Nazionale Aniarti Jesolo, 03 05 novembre 2004 Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO (La risposta corretta è

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

Franca Savia Coordinatore Infermieristico SOC Oncologia ASL VCO Torino 2 Aprile 2014

Franca Savia Coordinatore Infermieristico SOC Oncologia ASL VCO Torino 2 Aprile 2014 Franca Savia Coordinatore Infermieristico SOC Oncologia ASL VCO Torino 2 Aprile 2014 Il cancro uno tzunami Percorsi assistenziali che coinvolgono tutto il processo di accompagnamento al paziente e alla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI Allegato parte integrante Programmazione della formazione ASSESSORATO ALLA SALUTE E POLITICHE SOCIALI Organizzazione e Qualità delle sanitarie Ufficio formazione e sviluppo delle risorse umane PROGRAMMAZIONE

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

Cura dell igiene orale per adulti con demenza nelle case di cura per anziani

Cura dell igiene orale per adulti con demenza nelle case di cura per anziani Traduzione a cura di: infermiera CINZIA MAZZINI Centro studi EBN - Direzione Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Ospedaliera di Bologna Policlinico S.Orsola-Malpighi Via Massarenti, 9-40138 Bologna,

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione Dott. Gianni Vicario - Laziosanità ASP Contesto ELEVATA COMPLESSITA ASSISTENZIALE

Dettagli

La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra

La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra INTRODUZIONE Negli ultimi anni il sistema sanitario italiano ha subito profonde modificazioni:

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Nuove forme di presa in carico infermieristica per accogliere

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE TRA SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E ABITATIVE COMUNITA DELLA VAL DI NON AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DISTRETTO SANITARIO OVEST STRUTTURA OSPEDALIERA CONTESTO

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 CARTA DEI SERVIZI Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre ad

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

La rete dei servizi. Proposta di un progetto per la Regione Lazio

La rete dei servizi. Proposta di un progetto per la Regione Lazio La rete dei servizi Proposta di un progetto per la Regione Lazio Global prevalence of dementia: a Delphi consensus study Ferri CP, Prince M, Brayne C, Brodaty H, Fratiglioni L et al. Alzheimer s disease

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio

La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio Dott. Gianfranco Conati U.O.C. Geriatria Ospedale Civile

Dettagli

ANALISI RILEVAZIONE PUNTEGGIO AGED

ANALISI RILEVAZIONE PUNTEGGIO AGED ANALISI RILEVAZIONE PUNTEGGIO AGED ANNO 2014 PREMESSA Il crescente numero di pazienti anziani con importanti bisogni medici e sociali impone una maggiore attenzione nella valutazione e nella scelta dei

Dettagli

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE Che cosa è - perché è importante - come funziona obiettivo dei trattamenti COS E LA TERAPIA OCCUPAZIONALE E un trattamento per le persone che sono state colpite da:

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Autore: Dott.ssa Caterina Ardito Razionale La xerostomia è definita come una denuncia soggettiva di secchezza della bocca derivante da una diminuzione della

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per l assistenza globale dei pazienti

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE

COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE Al COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE Dott.ssa Marisa Prezza DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTERAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA Area servizi assistenza ospedaliera Background(1)

Dettagli

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI TRIAGE NEI PAZIENTI Infermiere Az. Osp. Univ. Policlinico di Modena Consigliere Gruppo Formazione Triage TRIAGE: Definizione delle priorità di trattamento dei pazienti sulla base della loro gravità clinica,

Dettagli

Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010. A. Zagari 1

Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010. A. Zagari 1 Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010 A. Zagari 1 Dimissione protetta Definizione È la dimissione di un utente che necessita di prestazioni sanitarie o socio-sanitarie erogabili

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE: Infermiera Luisa Valleise Cardiologia- Utic Aosta

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE: Infermiera Luisa Valleise Cardiologia- Utic Aosta LA CONTINUITA ASSISTENZIALE: La LETTERA di DIMISSIONE INFERMIERISTICA Infermiera Luisa Valleise Cardiologia- Utic Aosta PARLIAMO DI DIMISSIONE A DOMICILIO A.D.I. Quali possibilità ha il paziente anziano

Dettagli

Cure palliative in Geriatria: la sedazione terminale? Morire a casa: realtà e prospettive

Cure palliative in Geriatria: la sedazione terminale? Morire a casa: realtà e prospettive Cure palliative in Geriatria: la sedazione terminale? Morire a casa: realtà e prospettive Alberto Marsilio Medico di Famiglia Geriatra Mira Venezia Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA

Dettagli

LA DEMENZA DI ALZHEIMER: LE NUOVE FRONTIERE DELL APPROCCIO INTEGRATO

LA DEMENZA DI ALZHEIMER: LE NUOVE FRONTIERE DELL APPROCCIO INTEGRATO LA DEMENZA DI ALZHEIMER: LE NUOVE FRONTIERE DELL APPROCCIO INTEGRATO PRENDERSI CURA DEL MALATO E DELLA SUA FAMIGLIA ALZHEIMER CAFE una proposta di realizzazione, una risposta a chi ha bisogno. DR. ALESSANDRO

Dettagli

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione Ministero della Salute Piano di indirizzo per la Riabilitazione La riabilitazione è disciplina medica - scientificamente certa - socialmente congrua - economicamente sostenibile I numeri della riabilitazione

Dettagli

Marisa Arpesella. Dipartimento di Sanità pubblica Cattedra di Igiene Università degli Studi di Pavia

Marisa Arpesella. Dipartimento di Sanità pubblica Cattedra di Igiene Università degli Studi di Pavia CORSO di IGIENE Marisa Arpesella Dipartimento di Sanità pubblica Cattedra di Igiene Università degli Studi di Pavia MEDICINA PREVENTIVA Branca della Medicina che, mediante il potenziamento dei fattori

Dettagli

La PEG nel paziente anziano demente: il punto di vista del Geriatra

La PEG nel paziente anziano demente: il punto di vista del Geriatra La PEG nel paziente anziano demente: il punto di vista del Geriatra Dr. A. Zurlo U.O. Geriatria e Ortogeriatria AOUFE Convegno L Appropriatezza in Endoscopia Digestiva Ferrara 25/11/2011 La letteratura

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PROCESSO DI NURSING. Prof. Loreto Lancia A.A. 2012/2013

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PROCESSO DI NURSING. Prof. Loreto Lancia A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PROCESSO DI NURSING Prof. Loreto Lancia A.A. 2012/2013 DM 739/94 Rabilitazione Palliazione CRONICITA ACUZIE Famiglia Residenze Country Hospital Hospice CASE MANAGEMENT

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

Ruolo dell infermiere di ricerca nello sviluppo di nuovi farmaci e possibili sfide future Dr.ssa Alessandra Milani Coordinatore Area della Ricerca

Ruolo dell infermiere di ricerca nello sviluppo di nuovi farmaci e possibili sfide future Dr.ssa Alessandra Milani Coordinatore Area della Ricerca Ruolo dell infermiere di ricerca nello sviluppo di nuovi farmaci e possibili sfide future Dr.ssa Alessandra Milani Coordinatore Area della Ricerca 1 Fasi sperimentazione nuovi farmaci Fase I :per avviare

Dettagli

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Conferenza Stampa Cure intermedie: attivi 6 posti all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Mercoledì 17 settembre 2014 - ore 11.30 Sala riunioni Servizio Attività Tecniche AUSL di Parma Via Spalato

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

L assistenza al malato e all anziano in casa

L assistenza al malato e all anziano in casa L assistenza al malato e all anziano in casa Prima edizione 2014 PRENDIAMOCENE CURA CON CROCE ROSSA ITALIANA DESIO e NUCLEO BRIANTEO - ASSOCIAZIONE REGIONALE LOMBARDIA INFERMIERE/I L AMORE PER I PROPRI

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC L esperienza della ASL RMC Mariella Masselli Responsabile U.O.S.D Tutela Salute Riabilitazione Disabili Adulti d. 12 - ASL RMC Roma, 11 settembre 2013 Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione

Dettagli

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo AZIENDA USL 2 LUCCA Corso di aggiornamento La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo Capannori, 25 maggio 2013 I percorsi di valutazione dell anziano Dott. Marco Farnè Responsabile

Dettagli