Vini Doc, Docg e Igt Osservatorio Ismea-Mipaaf sui prodotti Marzo 2011 a denominazione di origine

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vini Doc, Docg e Igt Osservatorio Ismea-Mipaaf sui prodotti Marzo 2011 a denominazione di origine"

Transcript

1 Vini Doc, Docg e Igt Osservatorio Ismea-Mipaaf sui prodotti a denominazione di origine Marzo 2011 Marzo

2 Sommario Le denominazioni di origine e le indicazioni geografiche riconosciute in Italia 5 2. La struttura produttiva del comparto dei vini Doc-Docg e Igt nel Una visione di insieme delle principali denominazioni e indicazioni geografiche italiane L analisi delle principali variabili strutturali dei vini Doc-Docg Le denunce, le superfici in produzione e la produzione di uva La produzione di vini Doc-Docg L analisi delle principali variabili strutturali relative ai vini Igt Le denunce, le superfici in produzione e la produzione di uva La produzione di vino Igt L andamento dei prezzi all origine nel Il mercato delle Doc-Docg Il mercato dei vini Igt La domanda I consumi domestici di vini Doc, Docg e Igt nel L export dei vini Doc-Docg ASA Mercati Responsabile di redazione: Fabio Del Bravo Redazione a cura di: Enrico De Ruvo (Capitoli 1 e 2 e par. 4.1) e Tiziana Sarnari (Capitolo 3 e par. 4.2) 2

3 Sommario Il comparto continua ad evidenziare una tendenza espansiva, anche attraverso il numero di denominazioni, che, a fine 2010, hanno oltrepassato il ragguardevole numero di 500, con quasi 20 nuovi riconoscimenti rispetto all inizio dell anno. Le aziende interessate sono risultate circa 166 mila per quanto riguarda le Doc-Docg e più di 163 mila per le Igt, con una produzione di quasi 30 milioni di ettolitri nel complesso. I risultati presentati nel presente rapporto provengono dall Osservatorio Ismea-Mipaaf sui prodotti a denominazione d origine che rappresenta, per quanto concerne i vini, l unico momento di composizione a livello nazionale di questo fondamentale e variegato mondo. I dati raccolti riguardano l anno 2009 nel corso del quale si era rilevata una crescita del numero di riconoscimenti più contenuta (sei nuove denominazioni) accompagnata da un incremento delle aziende e delle superfici destinate a vini Doc e Docg, rispettivamente del 5 e dell 1 per cento. Qualora servisse, un ulteriore segnale della intensa polverizzazione strutturale delle imprese agricole coinvolte anche in questo segmento. Sempre nel 2009, anche la produzione di vini Doc e Docg ha registrato una crescita che è risultata superiore all 8%, per un ammontare che ha oltrepassato i 14 milioni di ettolitri, pari a circa 1/3 della produzione complessiva di vino. A contribuire all incremento significativo della produzione di vino a denominazione di origine non sono stati solo i risultati di campagna ma anche le modifiche avvenute sulla carta: è il caso del Prosecco, passato nel frattempo da Igt a Doc. Ma aumenti importanti si registrano anche per la Doc Trentino e Valpolicella e in misura minore per Chianti e Asti. In flessione invece la produzione di Montepulciano d Abruzzo. In riferimento ai vini Igt, ad un aumento del numero di aziende denuncianti (+3% circa) è corrisposto un calo quasi della stessa entità delle superfici, con una diminuzione quindi delle dimensioni medie aziendali ed un segnale, anche in questo caso, del frazionamento della struttura. In questo senso appare significativo il dato che emerge dalle denunce presentate dalle aziende agricole e dalle relative superfici destinate a Doc-Docg, pari a 1,3 ettari in media per azienda e a 0,9 ettari come media per i vigneti destinati a produzioni Igt. In coerenza con il calo delle superfici, conseguente anche alla promozione di alcune aree importanti come quelle del Prosecco verso la Doc, la produzione di vino Igt ha fatto segnare un generale arretramento, anche se localmente non mancano sensibili incrementi come nel caso dell Igt Emilia o Toscana. In flessione, invece, i quantitativi di Marca Trevigiana, ma soltanto a causa dello spostamento di parte della produzione verso la denominazione Prosecco. Al di là delle oltre 500 denominazioni riconosciute in Italia, sia nel caso delle Doc-Docg che delle Igt è forte la concentrazione della produzione su poche di esse. Le prime dieci Doc-Docg rappresentano circa il 42% del totale di questo segmento, mentre tale percentuale sale addirittura ad oltre il 74% nel caso delle Igt. Dal punto di vista dell organizzazione, l indagine mette in evidenza che le uve destinate a vini Doc-Docg sono state conferite, nel 2009, per la metà a strutture di tipo cooperativo, per un altro 28% circa vinificate in proprio e per quasi il 22% vendute ad altri soggetti. È evidente quindi come la struttura cooperativa tenda ad assolvere il ruolo di elemento aggregatore per aggirare i limiti strutturali. Il confronto tra numero di Doc-Docg e la effettiva produzione condotto a livello regionale evidenzia come esistano tre differenti profili. Da un lato, regioni come Veneto, Emilia Romagna, Abruzzo e Trentino Alto Adige che presentano un incidenza percentuale notevolmente superiore della produzione rispetto all incidenza regionale dei riconoscimenti; dall altro lato, regioni come Marche e Lazio che hanno un incidenza in termini di numero dei riconoscimenti ben superiore a quella della produzione; un area di mezzo, costituita da Piemonte, Toscana e Lombardia in cui si rileva un sostanziale equilibrio tra incidenza della produzione ed incidenza dei riconoscimenti. Per quanto riguarda invece le Igt, si osserva che in molti casi e tra le principali regioni l incidenza produttiva è molto più elevata di quella delle denominazioni (Veneto, Sicilia, Emilia Romagna, Puglia), cosa che accadeva di meno nell ambito delle Doc-Docg. Il caso opposto (comunque poco frequente) si riscontra invece in Lombardia ed Abruzzo. 3

4 Sul fronte dei prezzi, la crisi che ha investito l intera economia degli ultimi anni ha lasciato segni anche nella fase alla produzione. Il 2009, in particolare, ha registrato perdite piuttosto consistenti soprattutto nel segmento dei vini rossi (- 17% sul 2008), mentre più contenuta è stata la riduzione dei bianchi. E la discesa dei listini si è consolidata anche nel 2010, questa volta determinata più dal contributo dei bianchi. I vini a denominazione hanno perso un ulteriore 4%, a fronte di una sostanziale tenuta dei vini nel complesso. Il 2009 ed il 2010 sono stati anni difficili anche per il mercato delle Igt: il 2009, in particolare, ha visto riduzioni a due cifre, peraltro più accentuate nel segmento dei bianchi che dei rossi, seguendo in questo più l andamento dei vini comuni che delle denominazioni di origine. A fronte di un generalizzato calo dei consumi che ormai caratterizza il mercato italiano del vino, limitatamente agli acquisti domestici, nel 2010 i vini Doc, Docg e Igt hanno mostrato una buona tenuta (-0,2% i vini Doc-Docg) a fronte di flessioni, sia pur non consistenti, per i vini fermi nel complesso, compresi quindi i vini comuni, e per gli spumanti. D altronde in termini di incidenza di consumo dei vini a marchio di origine sul totale vini l analisi dei dati dal 2006 al 2010 mostra che il peso dei vini di pregio è in continua crescita sia in volume che in valore, grazie al contributo sia delle Doc e Docg che delle Igt, anche se queste ultime sembrano crescere lievemente di più. Nel 2010 il peso dei consumi di vini Doc-Docg-Igt sul totale dei vini è risultato pari al 49,3% in quantità e al 68,5% in valore. Analizzando i consumi domestici di vini a denominazione per area geografica, il Nord Ovest è l area dove si consuma maggiormente vino a marchio di origine, ma il peso è molto più elevato per le Doc-Docg che non per le Igt (43% contro 34%). Al contrario l incidenza delle Igt è più elevata al Sud (25% circa contro 13%), area dove sono presenti più indicazioni geografiche tipiche. Pressoché identico è invece il peso nel Centro, mentre nel Nord Est un incidenza maggiore si ha per le Doc-Docg. Effettuando un confronto tra il peso dei vari canali distributivi nelle due tipologie di vini che qui si esaminano, nel 2010 si nota innanzitutto che è maggiore il peso delle Igt rispetto ai Doc-Docg negli Iper e Supermercati, che sono di gran lunga i canali più utilizzati per gli acquisti di vino a marchio di origine (39-40% del totale per le Igt e 33-37% per le Doc-Docg). Si osserva inoltre che prevale anche nei discount l incidenza dei vini Igt, mentre nei restanti canali predominano nettamente le Doc-Docg. Molto articolata infine sembra essere la lettura dei dati inerenti le tendenze della domanda estera di vini Doc-Docg la cui quota in valore ha sfiorato mediamente nell ultimo quinquennio il 40% delle esportazioni di vino.. Nel 2009 mentre il vino nel suo complesso ha registrato un incremento dell export del 6%, i vini Doc-Docg hanno mostrato una flessione del 5% in quantità, coerentemente al contesto internazionale segnato significativamente dalla crisi economico-finanziaria che, evidentemente ha colpito in maniera pesante il mercato dei vini. Tuttavia, i dati, peraltro ancora parziali, del 2010 sembrano indicare una ripresa delle consegne di vino Doc-Docg piuttosto consistente, sia in volume che in valore in grado di restituire non solo ossigeno ma anche fiducia agli operatori del settore. 4

5 1. Le denominazioni di origine e le indicazioni geografiche riconosciute in Italia Al 31 dicembre 2010 le denominazioni di origine relative ai vini registrate in Italia sono risultate pari a 504, con oltre 20 nuovi riconoscimenti rispetto all inizio dell anno. Le denominazioni più numerose sono le Doc (330), che costituiscono quasi i 2/3 del totale, seguite dalle Igt (118, pari ad oltre il 23%); il rimanente 11% è costituito da Docg (56 denominazioni) che sono cresciute di 10 unità nel corso dell anno appena concluso. Se si osserva inoltre il numero delle denominazioni dal punto di vista della nuova normativa 1, si hanno attualmente in Italia 386 vini Dop e 118 Igp. Per semplicità, comunque, si continua a fare riferimento alle definizioni Docg-Doc-Igt. Sotto il profilo della distribuzione geografica (Figura 1) permane la forte presenza delle denominazioni 2 nel Nord Italia, con il 42% del totale, seguite da quelle del Centro e del Sud che presentano un peso analogo (22-24%) e delle Isole (12%). 1 Reg. CE 479 del 29 aprile 2008 e Decreto legislativo n. 61 dell 8 aprile In particolare la riforma dell OCM vino prevede l estensione della protezione delle Dop e Igp anche ai vini a denominazione geografica. Una delle principali novità è che tali vini non possono più essere controllati dai Consorzi di tutela precedentemente incaricati dal Mipaaf ma subentrano organismi terzi, al fine di garantire la necessaria imparzialità. I paesi membri hanno tempo sino al 31 dicembre 2011 per esaminare le richieste di riconoscimento di nuove denominazioni con le vecchie procedure nazionali, a patto che siano state inoltrate allo Stato Membro entro il 1 agosto Totale delle Doc, Docg e Igt. 5

6 Figura 1 - Distribuzione % del numero di denominazioni* di origine italiane per area geografica (dati al 31/12/2010) Sud 22% Isole 12% Nord 42% Centro 24% *Totale Doc+Docg+Igt Fonte: Elaborazioni Ismea su dati Mipaaf Figura 2 - Composizione % del numero di denominazioni per area geografica (dati al 31/12/2010) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Nord Centro Sud Isole Docg Doc Igt Fonte: Elaborazioni Ismea su dati Mipaaf 6

7 Nel dettaglio delle tre tipologie di denominazioni, il peso delle Docg è maggiore nelle aree Centrosettentrionali, mentre al Sud e nelle Isole vi è una maggiore incidenza di Igt. Per le Doc, invece, il peso più elevato si ha nel Centro (Figura 2). Per quanto concerne il contributo delle singole regioni, quella che vanta il maggior numero di denominazioni (Doc+Docg+Igt) è il Piemonte (59), cui seguono la Toscana con 51 e il Veneto con 48 (Figura 3). Vi è poi la Lombardia con 40 denominazioni e, con oltre 30, Sardegna, Emilia Romagna, Puglia e Lazio. Figura 3 - Distribuzione del numero di Doc, Docg e Igt per le prime dieci regioni italiane (dati al 31/12/2010) Piemonte 59 Toscana 51 Veneto 48 Lombardia 40 Sardegna 35 Emilia Romagna 33 Puglia 32 Lazio 32 Campania 29 Sicilia 29 Fonte: Elaborazioni Ismea su dati Mipaaf Infine, se si considera la composizione interna ad ogni regione tra le diverse tipologie di denominazioni (Figura 4), emerge che è ancora il Piemonte la regione in cui è più elevato il peso delle Docg (oltre il 25% del totale regionale). Un incidenza rilevante per le Docg è riscontrata anche in Veneto (23% circa), nelle Marche (20%) e in Basilicata (17% circa). Il peso delle Doc a livello regionale è relativamente maggiore invece nel Lazio e in Puglia (81,3%) e in Sicilia (76%). Le Igt sono infine maggiormente diffuse in alcune regioni del Sud come l Abruzzo (53% circa) e la Calabria (52%). 7

8 Figura 4 - Distribuzione delle denominazioni per tipologia per le prime dieci regioni italiane (dati al 31/12/2010, in n di denominazioni) Piemonte Toscana Veneto Lombardia Sardegna Emilia Romagna Puglia 26 6 Lazio Sicilia Campania Fonte: Elaborazioni Ismea su dati Mipaaf 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Docg Doc Igt 2. La struttura produttiva del comparto dei vini Doc- Docg e Igt nel 2009 I dati esposti ed analizzati in questo paragrafo provengono dalla consueta indagine Ismea, svolta presso InfoCamere ed alcune Camere di Commercio provinciali che detengono gli albi dei vigneti DOC e DOCG, gli elenchi delle vigne IGT e gli albi degli imbottigliatori, attraverso la somministrazione di un questionario opportunamente redatto. La disponibilità dei dati di tale indagine, che mette a disposizione informazioni anche molto dettagliate, insieme a quelli inerenti la domanda di vini a denominazione di origine, consente quindi ad Ismea di svolgere l importante ruolo di Ente di riferimento a livello istituzionale per tali prodotti. La raccolta dei dati proveniente dall indagine sulla struttura produttiva ha consentito di evidenziare la distribuzione delle aziende, delle superfici e della produzione nel comparto nel I dati raccolti sulle denominazioni e sulle relative menzioni, si riferiscono alle seguenti variabili: superficie iscritta all albo (superficie che viene iscritta dalle aziende presso le Camere di Commercio e che potenzialmente può produrre vino di una determinata denominazione); 8

9 superficie effettivamente in produzione (superficie rivendicata dalle aziende anno per anno che effettivamente viene destinata alla produzione di una determinata denominazione); numero di aziende iscritte all albo; numero di aziende denuncianti la produzione di uva; produzione denunciata di uva; produzione potenziale di vino (calcolata dalle Camere di Commercio applicando il coefficiente di resa in vinificazione da disciplinare alla produzione denunciata di uva); produzione certificata (produzione di vino che dopo esami organolettici ottiene la definitiva certificazione); prezzi del prodotto sfuso e imbottigliato, all origine; numero di imbottigliatori e quantità effettivamente imbottigliata. 2.1 Una visione di insieme delle principali denominazioni e indicazioni geografiche italiane Le tabelle da 1 a 4 illustrano un quadro riepilogativo delle più importanti variabili strutturali riguardanti le principali denominazioni e i relativi indicatori che ne derivano. Tabella 1 - Le principali variabili strutturali per i primi dieci vini Doc-Docg nel 2009 (ordinamento per produzione potenziale*) N. denunce Superfici in produz. (ha) Uva prodotta (q.li) Produzione potenziale (hl) Produzione certificata (hl) (A) (B) (C) (D) (E) Totale comparto vini Doc-Docg di cui: Montepulciano d'abruzzo Prosecco Chianti Asti Trentino Valpolicella Soave Oltrepo' Pavese Conegliano Valdobbiadene Chianti Classico * produzione ottenibile dalle uve rivendicate 9

10 Tabella 2 - Alcuni indicatori sulla produzione di vino Doc-Docg nel 2009 Superficie media (ha) Resa uve (q.li/ha) Resa in vinificazione (hl/ql) B/A C/B D/C Totale comparto vini Doc-Docg 1,3 94,4 0,70 di cui: Montepulciano d'abruzzo 1,6 109,1 0,70 Prosecco 1,0 158,8 0,70 Chianti 4,0 77,0 0,70 Asti 2,0 93,4 0,75 Trentino 0,5 127,6 0,70 Valpolicella 1,4 116,5 0,61 Soave 1,6 127,1 0,70 Oltrepo' Pavese 1,2 86,5 0,70 Conegliano Valdobbiadene 1,3 130,1 0,70 Chianti Classico 7,1 65,7 0,70 Le aziende che hanno effettuato denunce di raccolta uva destinata a vini Doc-Docg presso le Camere di Commercio nel 2009 sono state quasi 166 mila, mentre le corrispondenti superfici denunciate sono risultate poco più di 215 mila ettari. Pertanto la superficie media aziendale si è attestata su un valore di 1,3 ettari, con un estensione ben superiore alla media per le Docg Chianti e Chianti Classico. L uva ottenuta dalle superfici in produzione ha oltrepassato i 20 milioni di quintali, con una resa quindi che si è attestata sui 94 quintali per ettaro. Quest ultima è risultata molto più elevata della media per le denominazioni Prosecco 3 e Conegliano Valdobbiadene. Dalla produzione di uva si sono ottenuti nel 2009 oltre 14 milioni di ettolitri di vino Doc-Docg, per una resa in vinificazione di 0,70 ettolitri per quintale. Nel 2009, inoltre, è stato certificato 4 un ammontare di vino Doc-Docg pari a poco più di 10 milioni di ettolitri. In riferimento ai vini Igt, le aziende che hanno effettuato denunce di produzione nel 2009 sono risultate più di 163 mila, mentre le corrispondenti superfici denunciate sono ammontate a circa 147 mila ettari un numero inferiore a quello delle Doc-Docg. La superficie media per denuncia è risultata quindi più bassa di quella delle Doc-Docg e si è attestata su un valore di circa un ettaro. Un estensione doppia rispetto alla media in termini di superfici medie aziendali si registra invece per l Igt Sicilia. L uva ottenuta dalle superfici in produzione è ammontata nel 2009 a circa 18,5 milioni di quintali. La corrispondente resa delle uve destinate alle Igt (125,6 quintali per ettaro), inoltre, si è attestata su un valore ben superiore rispetto alle denominazioni di origine. Molto più elevata della media è risultata la resa per le Igt Provincia di Verona, Ravenna ed Emilia. Dalla produzione di uva si sono ottenuti nel ,8 milioni di ettolitri di Igt, per una resa in vinificazione di 0,80 ettolitri per quintale. 3 Riconosciuta con Decreto 17 luglio La produzione certificata si riferisce a quanto si certifica in un determinato anno indipendentemente dall annata di produzione. 10

11 Tabella 3 - Le principali variabili strutturali per le prime dieci Igt nel 2009 (ordinamento in base alla produzione potenziale) N. denunce Superfici in produz. (ha) * produzione ottenibile dalle uve rivendicate Uva prodotta (q.li) Produzione potenziale* (hl) (A) (B) (C) (D) Totale comparto vini Igt di cui: Sicilia Veneto Emilia o dell' Emilia Marca Trevigiana Ravenna Toscano o Toscana Rubicone Salento Delle Venezie Provincia di Verona o Veronese Tabella 4 - Alcuni indicatori sulla produzione di Igt nel 2009 Superficie media (ha) Resa uve (q.li/ha) Resa in vinificazione (hl/ql) B/A C/B D/C Totale comparto vini Igt 0,9 125,6 0,80 di cui: Sicilia 1,8 83,9 0,80 Veneto 0,5 170,1 0,80 Emilia o dell' Emilia 0,7 216,3 0,80 Marca Trevigiana 0,4 202,4 0,80 Ravenna 1,3 223,7 0,80 Toscano o Toscana 1,3 88,5 0,80 Rubicone 1,0 196,1 0,80 Salento 1,5 81,2 0,77 Delle Venezie 0,7 170,7 0,80 Provincia di Verona o Veronese 0,3 294,6 0, L analisi delle principali variabili strutturali dei vini Doc-Docg Le denunce, le superfici in produzione e la produzione di uva Riguardo al numero di aziende denuncianti produzioni Doc e Docg, si evidenzia la loro crescita di oltre il 5% rispetto al 2008 e la forte concentrazione delle denunce su poche denominazioni: le prime trenta coprono circa 2/3 del totale (Tabella 5). La prima denominazione in termini di numerosità di aziende denun- 11

12 cianti è il Trentino Doc, con circa aziende nel 2009 e con un peso sul totale di quasi l 8%. Segue l altra Doc del Trentino Alto Adige, l Alto Adige, con un peso del 5,6% e il Prosecco con il 4,7%. Nel 2009 rispetto al 2008 si registrano tra le più importanti denominazioni sempre discreti tassi di crescita, ad eccezione dell Asti e del Friuli Grave. Tabella 5 - Tendenze e peso dei primi trenta vini Doc-Docg per numero di denunce all'albo nel 2009 Vino Doc-Docg Var. % '09/08 Peso % su tot Trentino ,9 7,9 Alto Adige ,2 5,6 Prosecco ,7 Montepulciano d Abruzzo ,8 4,4 Oltrepo' Pavese ,4 3,4 Piemonte ,5 3,0 Asti ,0 3,0 Valpolicella ,4 2,7 Friuli Grave ,4 2,3 Chianti ,1 2,2 Conegliano Valdobbiadene ,4 2,1 Colli Piacentini ,6 2,0 Barbera D'asti (Docg) ,3 2,0 Soave ,7 1,9 Sangiovese di Romagna ,3 1,5 Langhe ,2 1,5 Trebbiano d Abruzzo ,0 1,5 Monferrato ,6 1,2 Barbera d'alba ,4 1,1 Colli Orientali del Friuli ,2 1,1 Piave ,6 1,0 Valdadige ,5 1,0 Garda ,1 0,9 Collio Goriziano ,1 0,9 Primitivo di Manduria ,2 0,9 Dolcetto d Alba ,5 0,9 Lago di Caldaro ,8 0,8 Sannio ,4 0,8 Colli Euganei ,6 0,8 Salice Salentino ,9 0,8 Cannonau di Sardegna ,5 0,8 Bardolino ,9 0,8 Altre Doc-docg ,3 34,5 Totale Doc-Docg ,3 100,0 Anche in riferimento alle superfici in produzione, si osserva una concentrazione analoga alle aziende denuncianti per le prime trenta denominazioni di origine. Vi è però una differenza di peso nel caso di alcune Doc che rivestono una notevole o comunque discreta importanza in termini di denunce (Trentino, Alto Adige, Friuli Grave, Piemonte) e una minor incidenza in termini di superfici. Ciò è evidentemente riconducibile ad una dimensione media rivendicata per azienda più bassa e al di sotto della media nazionale. Un caso del tutto opposto si ha invece per la Docg Chianti, che è al primo posto per superfici denunciate e al decimo per numero di denunce. La superficie media rivendicata per azienda riconducibile alla denomina- 12

13 zione è infatti molto più alta (4 ettari per azienda) della media nazionale e la più elevata (dopo il Chianti Classico) tra le più importanti Doc-Docg. Nel 2009 sono cresciute dell 1,2% le superfici in produzione complessive ma le prime tre denominazioni registrano delle flessioni sia pur lievi, a fronte di un incremento ben superiore alla media per la Doc Trentino (Tabella 6). Come si osserva dalla Tabella, in termini di superfici rivendicate il Chianti è la denominazione a maggior peso sul totale (6,8%), seguita dal Montepulciano di Abruzzo e dall Asti (5,5 e 4,6% rispettivamente). Da rilevare anche l immediata ascesa della Doc Prosecco che ora figura al quarto posto con un peso di circa il 4% sul totale. Tabella 6 - Tendenze e peso dei primi trenta vini Doc-Docg per superfici denunciate nel 2009 (ha) Peso % su tot. Vino Doc-Docg Var. % '09/ Chianti ,5 6,8 Montepulciano d Abruzzo ,9 5,5 Asti ,2 4,6 Prosecco ,8 Oltrepo' Pavese ,7 3,3 Trentino ,9 3,2 Chianti Classico ,5 3,0 Valpolicella ,6 3,0 Soave ,0 2,3 Piemonte ,5 2,1 Conegliano Valdobbiadene ,9 2,1 Barbera d'asti (Docg) ,6 2,0 Alto Adige ,2 2,0 Friuli Grave ,0 1,8 Colli Piacentini ,6 1,7 Sangiovese di Romagna ,2 1,7 Trebbiano d'abruzzo ,0 1,3 Bardolino ,4 1,3 Verdicchio dei Castelli di Jesi ,6 1,1 Franciacorta ,3 1,1 Orvieto ,0 1,0 Cannonau di Sardegna ,1 1,0 Castelli Romani ,6 0,9 Colli Orientali del Friuli ,6 0,9 Primitivo di Manduria ,3 0,9 Brunello di Montalcino ,0 0,9 Salice Salentino ,3 0,8 Rosso Piceno ,4 0,8 Barolo ,9 0,8 Piave ,7 0,8 Marsala ,4 0,8 Barbera del Monferrato ,6 0,7 Altre Doc-docg ,8 36,0 Totale Doc-Docg ,2 100,0 13

14 Facendo riferimento alla produzione di uva ottenibile dalla superficie denunciata, la concentrazione delle più importanti denominazioni è maggiore di quella osservata dal punto di vista delle denunce e delle superfici: le prime trenta Doc-Docg coprono oltre il 68% del totale. Tabella 7 - Tendenze e peso dei primi trenta vini Doc-Docg per produzione di uva nel 2009 (q.li) Peso % su tot. Vino Doc-Docg Var. % '09/ Montepulciano d Abruzzo ,4 6,4 Prosecco ,3 Chianti ,9 5,5 Asti ,8 4,5 Trentino ,5 4,3 Valpolicella ,8 3,7 Soave ,5 3,1 Oltrepo' Pavese ,1 3,0 Conegliano Valdobbiadene ,1 2,9 Chianti Classico ,2 2,1 Alto Adige ,3 2,1 Friuli Grave ,1 1,9 Piemonte ,3 1,8 Bardolino ,7 1,7 Barbera d Asti ,4 1,6 Colli Piacentini ,7 1,6 Sangiovese di Romagna ,3 1,5 Trebbiano d Abruzzo ,2 1,4 Castelli Romani ,6 1,3 Verdicchio dei Castelli di Jesi ,6 1,3 Lambrusco Salamino di Santa Croce ,1 1,1 Reggiano ,6 1,1 Franciacorta ,0 1,0 Orvieto ,5 0,9 Bianco di Custoza ,7 0,9 Piave ,3 0,8 Frascati ,7 0,8 Lambrusco Grasparossa di Castelvetro ,1 0,8 Lambrusco di Sorbara ,1 0,8 Vermentino di Sardegna ,9 0,7 Valdadige ,3 0,7 Barolo ,3 0,7 Altre Doc-docg ,8 31,6 Totale Doc-Docg ,3 100,0 Nel corso del 2009 la produzione di uva destinata a vini Doc-Docg è cresciuta di oltre l 8%. A fronte di tale risultato complessivo, aumenta a tassi inferiori alla media la produzione di uva destinata a Chianti ed Asti, mentre cala di oltre il 5% quella atta a divenire Montepulciano d Abruzzo (Tabella 7). Quest ultima denominazione è quella con il volume maggiore ed un peso sul totale pari al 6,4%, seguita a breve distanza dal Prosecco e dal Chianti con il 5,5%. Le uve destinate a vini Doc-Docg sono state conferite nel 2009 per la metà a strutture di tipo cooperativo, per un altro 28% circa vinificate in proprio e per quasi il 22% vendute ad altri soggetti. Una quota pari quasi a zero è andata invece in conto lavorazione. 14

15 Figura 5 - Destinazione delle uve per la produzione di vini Doc-Docg nel 2009 (dati relativi ad oltre il 93% del totale delle uve denunciate) Conferimento ad altre strutture (es. coop. ecc.) 50,1% Vendita 21,8% Vinificato in proprio 27,5% Conto lavorazione 0,5% La produzione di vini Doc-Docg Anche per quanto riguarda la produzione di vini Doc-Docg ottenuta nel 2009 si rileva una forte concentrazione su poche denominazioni. Come si osserva dalla Tabella 8, le quote dei principali vini per produzione riflettono sostanzialmente quelle relative alla produzione di uva, già messe in evidenza in precedenza. Anche le prime dieci denominazioni, inoltre, rappresentano una quota importante del totale, come si evidenzia dalla Figura 6. 15

16 Figura 6 Distribuzione della produzione potenziale* di vini Doc-Docg in Italia nel 2009 Altri Doc-Docg 58% Mont. d'abruzzo 7% Prosecco 6% Chianti 6% Asti 5% Trentino 4% Valpolicella 3% Soave 3% Oltrepo' Pavese 3% Conegliano Valdobbiadene 3% Chianti Classico 2% * produzione ottenibile dalle uve rivendicate 16

17 Tabella 8 - Tendenze e peso dei primi trenta vini Doc-Docg per produzione potenziale* di vino nel 2009 (hl) Peso % su tot. Vino Doc-Docg Var. % '09/ Montepulciano d'abruzzo ,4 6,4 Prosecco ,4 Chianti ,2 5,6 Asti ,8 4,9 Trentino ,5 4,4 Valpolicella ,3 3,2 Soave ,5 3,1 Oltrepo' Pavese ,0 3,0 Conegliano Valdobbiadene ,1 2,9 Chianti Classico ,5 2,1 Alto Adige ,3 2,1 Friuli Grave ,2 2,0 Piemonte ,4 1,8 Bardolino ,7 1,7 Barbera d'asti ,4 1,6 Colli Piacentini ,8 1,6 Trebbiano d'abruzzo ,2 1,4 Castelli Romani ,6 1,4 Sangiovese di Romagna ,3 1,4 Verdicchio dei Castelli di Jesi ,6 1,3 Lambrusco Salamino di Santa Croce ,1 1,1 Reggiano ,6 1,1 Franciacorta ,0 1,0 Orvieto ,5 0,9 Piave ,3 0,8 Bianco di Custoza ,7 0,8 Frascati ,6 0,8 Lambrusco Grasparossa di Castelvetro ,1 0,8 Lambrusco di Sorbara ,1 0,8 Valdadige ,3 0,7 Barolo ,3 0,7 Barbera d'alba ,6 0,7 Altre Doc-docg ,7 31,6 Totale Doc-Docg ,4 100,0 * produzione ottenibile dalle uve rivendicate Anche la graduatoria delle principali denominazioni e le tendenze 2009/2008 sono pressoché invariate, rispetto a quanto già messo in evidenza per la produzione di uva. E interessante anche mettere a confronto il peso percentuale regionale sul totale Italia delle Doc-Docg in termini di denominazioni e di produzione potenziale. Ciò consente di verificare se ad una rilevanza regionale teorica dei vini corrisponde anche un effettiva e di pari peso incidenza della quantità prodotta. La Figura 7 a tal proposito mette in evidenza che in molti casi e tra le principali regioni non vi è grande differenza tra l incidenza delle denominazioni e quella della produzione. In un numero di casi altrettanto frequente il peso della produzione è molto più elevato di quello del numero di denominazioni. Ciò accade in modo particolare in Veneto, Abruzzo e Trentino Alto Adige. Il caso opposto (comunque poco frequente) appare più evidente nel Lazio. 17

18 Figura 7 Confronto tra peso % del numero di denominazioni e della produzione potenziale* di Doc-Docg per le principali regioni italiane (ordinamento in base al peso produttivo) Veneto 9,6 22,1 Piemonte 14,9 14,9 Toscana 11,3 11,1 Emilia Romagna 6,1 9,1 Abruzzo Trentino Alto Adige 1,8 2,0 7,9 7,8 Lombardia 5,5 6,3 Friuli Venezia Giulia Lazio 4,3 3,3 3,7 6,8 Marche 3,0 4,8 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 peso % produzione doc-docg peso % denominazioni sul totale Italia * produzione ottenibile dalle uve rivendicate Se si considera la produzione certificata, la concentrazione nel 2009 delle più importanti produzioni è in questo caso ancora più accentuata rispetto alla produzione potenziale di vino. 18

19 Tabella 9 - Tendenze e peso dei primi trenta vini Doc-Docg per produzione certificata di vino nel 2009 (hl) Vino Doc-Docg Var. % '09/08 Peso % su tot Montepulciano d Abruzzo ,3 7,8 Chianti ,8 7,3 Asti ,4 6,2 Conegliano Valdobbiadene ,0 4,5 Soave ,3 3,9 Valpolicella ,8 3,8 Oltrepo' Pavese ,5 3,6 Alto Adige ,5 3,1 Trentino ,5 3,1 Bardolino ,4 2,5 Piemonte ,2 2,4 Chianti Classico ,4 2,2 Colli Piacentini ,8 2,0 Friuli Grave ,9 1,9 Verdicchio dei Castelli di Jesi ,7 1,7 Castelli Romani ,9 1,5 Trebbiano d Abruzzo ,6 1,4 Sangiovese di Romagna ,3 1,2 Frascati ,6 1,1 Lambrusco Salamino di Santa Croce ,4 1,1 Bianco di Custoza ,3 1,1 Valdadige ,6 1,1 Prosecco ,0 Gavi o Cortese di Gavi ,0 1,0 Langhe ,3 1,0 Reggiano* ,9 Morellino di Scansano* ,8 Barbera d'asti (Docg)* ,8 Barbera d'alba ,2 0,7 Franciacorta ,4 0,7 Barolo ,5 0,7 Vermentino di Sardegna ,9 0,7 Altre Doc-docg ,9 27,2 Totale Doc-Docg ,8** 100,0 * i dati relativi al 2008 sono incompleti e pertanto non è possibile effettuare un confronto omogeneo tra il 2009 e il 2008 ** La var. % '09/08 è sovrastimata in quanto si sono registrate delle carenze di rilevazione per alcuni prodotti nel 2008 Nel 2009 la produzione certificata di vini Doc-Docg è diminuita di circa un 3%. Tra le principali denominazioni, flessioni dal 4% circa ad oltre il 7% si registrano per Montepulciano d Abruzzo, Chianti ed Asti, mentre più consistente è il calo per il Soave (-15,3%). In discreta crescita invece la produzione certificata di Alto Adige e Valpolicella, a fronte di incrementi più contenuti per Conegliano Valdobbiadene ed Oltrepò Pavese (Tabella 9). In termini di produzione certificata, il Montepulciano d Abruzzo risulta al primo posto nella graduatoria con un peso del 7,8%, seguito sempre dal Chianti con il 7,3% e dall Asti con il 6,2%. In riferimento infine al vino imbottigliato, si nota un livello di concentrazione molto diverso tra numero di imbottigliatori e quantità di vino imbottigliato. Nel primo caso le prime trenta denominazioni coprono il 19

20 50% del totale, nel secondo oltre l 80%. Ciò quindi evidenzia la presenza di un relativamente contenuto numero di imbottigliatori per ottenere la produzione complessiva imbottigliata. Per entrambe le variabili nel 2009 si registra una crescita che è risultata più che doppia per quanto riguarda la produzione imbottigliata rispetto a quella del numero di imbottigliatori. Come si può osservare dalle Tabelle 10 e 11, le principali denominazioni che compongono le due graduatorie non coincidono quasi per nulla, evidenziando una produzione media imbottigliata molto diversa da denominazione a denominazione. Tabella 10 - Tendenze e peso dei primi trenta vini Doc-Docg per n. di imbottigliatori nel 2009 Vino Doc-Docg Var. % '09/08 Peso % su tot Chianti ,8 3,5 Piemonte ,6 3,4 Barbera d Asti (Docg) ,2 3,0 Barbera d Asti ,2 2,9 Valpolicella ,8 2,4 Soave ,5 2,2 Monferrato ,6 2,2 Langhe ,6 2,1 Alto Adige ,0 2,1 Barbera del Monferrato ,1 2,0 Roero ,8 1,9 Barbera d Alba ,4 1,8 Dolcetto d Alba ,4 1,6 Bardolino ,3 1,5 Oltrepo' Pavese ,4 1,4 Nebbiolo d Alba ,8 1,3 Vin Santo del Chianti ,9 1,3 Conegliano Valdobbiadene ,6 1,2 Asti ,6 1,2 Garda ,2 1,1 Montepulciano d Abruzzo ,6 1,1 Barolo ,7 1,0 Grignolino d Asti ,2 1,0 Cortese dell'alto Monferrato ,5 1,0 Barbaresco ,0 0,9 Piave ,4 0,8 Chianti Classico ,4 0,8 Friuli Grave ,6 0,8 Colli Orientali del Friuli ,7 0,8 Colli Piacentini ,6 0,8 Freisa d Asti ,4 0,7 Lison Pramaggiore ,7 0,7 Altre Doc-docg ,1 49,8 Totale Doc-Docg ,7 100,0 20

21 Tabella 11 - Tendenze e peso dei primi trenta vini Doc-Docg per produzione imbottigliata nel 2009 (hl) Vino Doc-Docg Var. % '09/08 Peso % su tot Marsala ,2 Montepulciano d Abruzzo ,0 6,4 Asti ,2 5,8 Castel del Monte* ,6 Chianti ,8 5,6 Pantelleria* ,1 Conegliano Valdobbiadene ,1 4,6 Soave ,8 3,4 Valpolicella ,2 3,0 Oltrepo' Pavese ,3 2,4 Alcamo* ,3 Trentino ,2 2,3 Alto Adige ,5 2,2 Bardolino ,8 2,0 Piemonte ,4 2,0 Chianti Classico ,6 1,6 Friuli Grave ,9 1,5 Verdicchio dei Castelli di Jesi ,8 1,2 Castelli Romani ,6 1,2 Barbera d Asti ,2 Trebbiano d Abruzzo ,3 1,1 Orvieto ,1 1,0 Valdadige ,8 1,0 Colli Piacentini ,4 1,0 Bianco di Custoza ,5 1,0 Sangiovese di Romagna ,4 1,0 Frascati ,4 0,9 Langhe ,7 0,8 Reggiano ,4 0,7 Barbera d Alba ,0 0,6 Vermentino di Sardegna ,8 0,6 Barbera del Monferrato ,5 0,6 Altre Doc-docg ,4 19,2 Totale Doc-Docg ,3** 100,0 * Nel 2008 mancava l'imbottigliato di Bari e Trapani relativo a questi prodotti e pertanto non è possibile effettuare un confronto omogeneo tra il 2009 e il 2008 ** La var. % '09/08 è sovrastimata in quanto si sono registrate delle carenze di rilevazione per alcuni prodotti nel

22 2.3 L analisi delle principali variabili strutturali relative ai vini Igt Le denunce, le superfici in produzione e la produzione di uva Il numero complessivo di aziende denuncianti la produzione di uva destinata alle Igt è fortemente concentrato su poche denominazioni. Le prime trenta coprono circa il 97% del totale, una percentuale ben superiore anche a quella corrispondente, pur elevata, registrata dalle Doc-Docg (Tabella 12). La prima indicazione geografica in termini di numerosità di aziende denuncianti è quella del Veneto, con quasi 26 mila aziende nel 2009 e con un peso sul totale del 16% circa. Segue l Igt Sicilia, con un peso del 15% e la Marca Trevigiana con il 9,5%. In riferimento alle variazione del numero di denunce nel 2009 rispetto al 2008 si registra una crescita complessiva del 2,7%; rispetto al dato medio complessivo, crescono molto di più le rivendicazioni per le Indicazioni geografiche Vigneti delle Dolomiti ed Emilia. Più contenuto è l incremento per l Igt Sicilia, mentre si rileva un calo per Veneto e Marca Trevigiana. 22

23 Tabella 12 - Tendenze e peso dei primi trenta vini Igt per numero di denunce nel 2009 Vino Igt Var. % '09/08 Peso % su tot Veneto ,4 15,9 Sicilia ,2 15,0 Marca Trevigiana ,0 9,5 Vigneti delle Dolomiti ,9 5,7 Emilia o dell' Emilia ,5 5,4 Toscano o Toscana ,1 4,9 Provincia di Verona o Veronese ,8 4,5 Salento ,5 4,4 Delle Venezie ,5 3,9 Provincia di Pavia ,0 2,7 Venezia Giulia ,7 2,7 Rubicone ,6 2,6 Colli Trevigiani ,0 2,3 Terre di Chieti ,8 2,2 Ravenna ,5 2,1 Marche ,0 1,9 Umbria ,4 1,7 Puglia ,3 1,7 Vallagarina ,5 1,6 Beneventano ,1 1,0 Daunia ,3 0,9 Maremma Toscana ,3 0,8 Forli ,3 0,8 Lazio ,5 0,7 Tarantino ,5 0,6 Isola dei Nuraghi ,4 0,4 Sillaro o Bianco del Sillaro ,6 0,3 Mitterberg ,3 0,3 Osco o Terre degli Osci ,4 0,3 Campania ,3 0,3 Provincia di Mantova o Mantova ,0 0,2 Colli Cimini ,4 0,2 Altre Igt ,2 2,7 Totale Igt ,7 100,0 In riferimento alle superfici in produzione, si osserva una concentrazione coincidente con quella delle aziende denuncianti per le principali Igt. Vi è però una differenza di peso nel caso di alcune Igt che rivestono una discreta importanza in termini di denunce (Provincia di Verona, Vigneti delle Dolomiti) e una minor incidenza in termini di superfici. Ciò è evidentemente riconducibile ad una dimensione media rivendicata più bassa (inferiore all ettaro). Un caso in un certo senso opposto si ha invece per l Igt Salento, che ha un peso maggiore in termini di superfici denunciate e minore come numero di denunce. La superficie media rivendicata riconducibile alla denominazione è infatti più alta (1,5 ettari per azienda) della media nazionale e tra le più elevate nell ambito delle più importanti Igt. In termini di superfici in produzione, l Igt Sicilia è di gran lunga l indicazione geografica a maggior peso sul totale (29,8%), seguita da quella Veneto e Salento con un peso rispettivamente del 9,3 e 7,3%. 23

24 Tabella 13 - Tendenze e peso dei primi trenta vini Igt per superfici denunciate nel 2009 (ha) Peso % su tot. Vino Igt Var. % '09/ Sicilia ,5 29,8 Veneto ,8 9,3 Salento ,8 7,3 Toscano o Toscana ,3 7,3 Marca Trevigiana ,9 4,4 Emilia o dell' Emilia ,2 4,3 Puglia ,5 3,3 Ravenna ,5 3,1 Marche ,2 3,0 Delle Venezie ,0 2,9 Rubicone ,5 2,9 Provincia di Pavia ,1 2,7 Venezia Giulia ,1 2,2 Lazio ,9 2,0 Umbria ,0 1,7 Daunia ,7 1,6 Provincia di Verona ,1 1,5 Maremma Toscana ,1 1,4 Terre di Chieti ,5 1,0 Forli ,0 1,0 Beneventano ,7 0,9 Tarantino ,7 0,8 Isola dei Nuraghi ,4 0,8 Vigneti delle Dolomiti ,9 0,2 Osco o Terre degli Osci ,1 0,5 Campania ,0 0,3 Colli Trevigiani ,7 0,2 Basilicata ,8 0,2 Murgia ,3 0,2 Sillaro o Bianco del Sillaro ,0 0,2 Colli del Limbara ,9 0,2 Vallagarina ,2 0,2 Altre Igt ,7 2,7 Totale Igt ,2 100,0 Nel complesso le superfici denunciate sono scese nel 2009, il che dimostra una diminuzione della superficie media aziendale. Tra le più importanti denominazioni si rileva il forte calo registrato dalla Marca Trevigiana, probabilmente a causa dello spostamento della produzione verso la Doc Prosecco e la flessione molto più contenuta della Igt Veneto. In controtendenza il trend di Sicilia, Salento e Toscana. Facendo riferimento alla produzione di uva ottenibile dalla superficie denunciata, la concentrazione delle principali Igt è simile a quella osservata dal punto di vista delle denunce e delle superfici. 24

25 Tabella 14 - Tendenze e peso dei primi trenta vini Igt per produzione di uva nel 2009 (q.li) Peso % su tot. Vino Igt Var. % '09/ Sicilia ,6 19,9 Veneto ,7 12,6 Emilia o dell' Emilia ,2 7,4 Marca Trevigiana ,3 7,0 Ravenna ,1 5,4 Toscano o Toscana ,5 5,1 Salento ,1 4,7 Rubicone ,6 4,6 Delle Venezie ,0 4,0 Provincia di Verona o Veronese ,3 3,5 Puglia ,1 3,4 Provincia di Pavia ,1 2,7 Venezia Giulia ,1 2,2 Marche ,3 1,8 Daunia ,7 1,8 Lazio ,4 1,6 Umbria ,0 1,4 Terre di Chieti ,4 1,4 Vigneti delle Dolomiti ,3 1,2 Forli ,2 1,1 Maremma Toscana ,4 0,9 Colli Trevigiani ,4 0,9 Beneventano ,2 0,7 Tarantino ,2 0,6 Osco o Terre degli Osci ,5 0,4 Isola dei Nuraghi ,7 0,4 Vallagarina ,7 0,4 Provincia di Mantova o Mantova ,5 0,2 Bianco di Castelfranco Emilia ,5 0,2 Murgia ,9 0,2 Sillaro o Bianco del Sillaro ,9 0,2 Campania ,1 0,2 Altre Igt ,9 1,8 Totale Igt ,0 100,0 In termini di uva prodotta è ancora l Igt Sicilia a costituire la denominazione su cui gravita la maggiore produzione, con un peso sul totale del 19,9%, seguita dal Veneto con il 12,6% e dall Emilia con il 7,4%. Nel 2009 la produzione di uva destinata ad Igt è diminuita del 3%, ma tra le principali denominazioni si registrano variazioni anche consistenti come si osserva dalla Tabella La produzione di vino Igt La produzione di vino Igt ottenuta nel 2009 è risultata pari a 14,7 milioni di ettolitri, anche in questo caso con una forte concentrazione su poche denominazioni. Soltanto le prime dieci coprono il 74% del totale, come si osserva dalla Figura 8. 25

26 Figura 8 Distribuzione della produzione potenziale* di vini Doc-Docg in Italia nel 2009 Altre Igt 26% Sicilia 20% Provincia di Verona 3% Veneto 13% Delle Venezie 4% Salento 5% Emilia o dell' Emilia 7% Rubicone 5% Toscano o Toscana 5% Ravenna 5% * produzione ottenibile dalle uve rivendicate Marca Trevigiana 7% 26

27 Tabella 15 - Tendenze e peso dei primi trenta vini Igt per produzione potenziale* di vino nel 2009 (hl) Vino Igt Var. % '09/08 Peso % su tot Sicilia ,5 19,9 Veneto ,0 12,6 Emilia o dell' Emilia ,9 7,3 Marca Trevigiana ,3 7,1 Ravenna ,1 5,5 Toscano o Toscana ,5 5,1 Rubicone ,6 4,6 Salento ,3 4,5 Delle Venezie ,3 4,0 Provincia di Verona o Veronese ,2 3,5 Puglia ,6 3,4 Provincia di Pavia ,1 2,7 Venezia Giulia ,4 2,2 Marche ,3 1,9 Daunia ,7 1,8 Lazio ,9 1,6 Umbria ,0 1,4 Terre di Chieti ,4 1,4 Vigneti delle Dolomiti ,3 1,2 Forli ,2 1,1 Maremma ,4 0,9 Colli Trevigiani ,4 0,9 Beneventano ,2 0,7 Tarantino ,3 0,6 Osco o Terre degli Osci ,6 0,4 Isola dei Nuraghi ,7 0,4 Vallagarina ,7 0,4 Provincia di Mantova o Mantova ,6 0,2 Bianco di Castelfranco Emilia ,5 0,2 Sillaro o Bianco del Sillaro ,9 0,2 Murgia ,8 0,2 Campania ,1 0,2 Altre Igt ,5 1,9 Totale Igt ,2 100,0 * produzione ottenibile dalle uve rivendicate Come si nota dalla Tabella, le quote delle principali Igt per produzione di vino riflettono all incirca quelle relative alla produzione di uva, già messe in evidenza poco sopra. Anche la graduatoria delle prime dieci denominazioni è sostanzialmente invariata. Nel 2009 la produzione è lievemente diminuita, con incrementi tuttavia anche importanti per alcune Igt regionali come Emilia, Toscana o, in misura minore, per quella del Veneto. Analogamente a quanto già visto per le Doc-Docg, la Figura 9 mette a confronto il peso percentuale regionale sul totale Italia delle Igt in termini di denominazioni e di produzione potenziale. 27

28 Dalla Figura si osserva che in molti casi e tra le principali regioni l incidenza produttiva è molto più elevata di quella delle denominazioni (Veneto, Sicilia, Emilia Romagna, Puglia), cosa che accadeva di meno nell ambito delle Doc-Docg. Il caso opposto (comunque poco frequente) si riscontra invece in Lombardia ed Abruzzo. Figura 9 Confronto tra peso % del numero di indicazioni geografiche e della produzione potenziale* di vini Igt per le principali regioni italiane (ordinamento in base al peso produttivo) Veneto 8,1 25,4 Sicilia 4,9 19,9 Emilia Romagna 7,3 19,2 Puglia Toscana 4,9 6,1 5,7 10,6 Friuli Venezia Giulia 2,4 5,2 Lombardia 3,3 12,2 Marche Lazio 1,9 0,8 1,8 4,1 Abruzzo 1,8 6,5 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 peso % produzione Igt peso % indicazioni geografiche sul totale Italia * produzione ottenibile dalle uve rivendicate 28

29 3. L andamento dei prezzi all origine nel Il mercato delle Doc-Docg La crisi che ha investito l intera economia degli ultimi anni ha lasciato segni anche nella fase alla produzione del settore dei vini a denominazione di origine. Il 2009, in particolare, ha registrato perdite piuttosto consistenti soprattutto nel segmento dei vini rossi (- 17% sul 2008), mentre più contenuta è stata la riduzione dei bianchi. E la discesa dei listini si è consolidata anche nel 2010, questa volta determinata più dal contributo dei bianchi. I vini a denominazione hanno perso un ulteriore 4%, a fronte di una sostanziale tenuta dei vini nel complesso. Tabella 16 - Indice dei prezzi all'origine dei vini Doc-Docg (2000=100) Fonte: Ismea Doc-Docg bianchi Doc-Docg rossi Totale Doc- Docg Totale vino ,14 78,72 90,12 86, ,39 94,76 103,46 102, ,79 97,55 107,47 110, ,97 80,80 93,96 86, ,52 78,96 90,43 86,95 Var. % 2009/2008-8,3-17,2-12,6-21,5 Var. % 2010/2009-5,0-2,3-3,8 0,0 Nel 2009, peraltro, la flessione dei rossi è stata abbastanza generalizzata, mentre nel 2010 la situazione è apparsa più eterogenea. Tanto per fare un esempio, la differenza si evince già analizzando due tra i rossi più blasonati: Brunello e Barolo. Mentre il 2009 ha segnato per entrambi una flessione, rispettivamente del 17% e 31%, nel 2010 gli andamenti sono stati molto differenti. Il primo, infatti, ha registrato un discreto rialzo (+11%), sebbene non sufficiente a recuperare le perdite accumulate l anno prima. Male invece il Barolo che ha perso un ulteriore 34%. Gli imbottigliatori, per evitare di perdere quote di mercato soprattutto all estero, hanno preferito arginare la crisi cedendo sui prezzi di vendita. Solo a fine 2010 si sono registrati segnali di ripresa che hanno riportato lentamente le quotazioni sulla soglia dei 500 euro al quintale. Una tendenza analoga si registra per il Barbaresco. Altro vino che ha vissuto un periodo difficile è il Chianti, che ha sopportato flessioni considerevoli sia nel 2009 che nel Dopo le perdite del 2009, per i Lambruschi il 2010 ha segnato un lieve recupero, contenuto peraltro tra l 1% del Salamino e del Grasparossa ed il 5% del Reggiano. Tale ripresa è attribuibile ad una serie di eventi legati da una parte alla domanda e dall altra all offerta. Ha tenuto, infatti, molto bene la richiesta estera, mentre sul fronte produttivo si è assistito ad un importante operazione di acquisizione che ha in qualche modo reso l offerta più concentrata. Passando ad esaminare il segmento dei bianchi si osserva che nel 2009 la flessione è stata generalizzata, sebbene non si riscontri un filo rosso che unisca denominazioni, regioni o vitigni. Tra i Pinot grigi, ad esempio, si evidenzia una flessione di oltre il 20% della Doc Friuli Grave e della Doc Trentino, mentre sono risultate più contenute quelle delle Doc altoatesine. Anche tra le bollicine più famose i risultati sono stati diversi. Il Moscato d Asti, ad esempio, ha perso appena l 1%, mentre il Prosecco ha accusato una riduzione di oltre il 20%. Tra gli Chardonnay, invece, al lieve aumento della Doc Alto Adige, si è contrapposto il -12% della Doc Trentino ed il -29% del Friuli Gra- 29

30 ve. Quest ultimo peraltro sembra aver recuperato piuttosto bene nel 2010 (+21%) ed è uno dei pochi vini bianchi ad aver beneficiato di un rialzo dei prezzi, nell ultimo anno in esame. Scorrendo infatti la lista si evidenzia che le variazioni positive sono molto limitate ed una di queste è quella relativa al Pinot bianco Friuli Grave e al Prosecco Docg. Il 2010 sarà archiviato come molto negativo, ad esempio, per le Doc laziali. Le perdite sono comprese tra il -11% della Doc Marino ed il -24% della Doc Castelli Romani. Tabella 17 - Prezzi all'origine dei vini rossi Doc-Docg* (euro/quintale) Var. % 10/09 Barbaresco 308,13 359,09 388,75 257,71 207,71-19,4 Barbera d'alba 109,22 121,15 116,54 99,72 105,74 6,0 Barbera d'asti 57,79 60,00 75,00 81,50 73,52-9,8 Barbera del Monferrato 55,00 57,5 72,50 68,75 65,21-5,2 Barbera Oltrepò pavese 59,36 55,67 61,54 64,85 62,19-4,1 Bardolino 50,26 49,76 55,03 56,37 61,89 9,8 Bardolino Classico 57,52 58,50 64,67 66,03 71,71 8,6 Barolo 625,51 736,60 753,56 518,02 342,40-33,9 Bonarda Oltrepò pavese 89,93 72,53 72,50 74,39 64,38-13,5 Brunello di Montalcino 650,00 543,75 648,33 540,88 600,00 10,9 Cabernet Franc Sauvignon Friuli Grave 45,00 50,42 54,79 45,00 44,06-2,1 Castelli romani rosso 38,00 42,56 44,71 38,38 33,90-11,7 Chianti 90,48 125,00 127,50 93,30 90,00-3,5 Chianti Classico 232,02 305,19 297,50 266,89 259,71-2,7 Chianti Colli Senesi 95,00 125,00 127,50 92,69 90,00-2,9 Dolcetti d'alba e Diano 109,51 114,62 119,13 92,92 105,49 13,5 Grignolino d'asti 100,00 100,00 105,00 100,00 142,08 42,1 Gutturnio Colli Piacentini 82,50 75,00 75,67 87,92 74,58-15,2 Lago di Caldaro Classico dell'alto Adige 123,80 132,90 128,51 124,75 127,25 2,0 Lago di Caldaro (Trentino) 115,00 115,5 114,58 112,50 107,78-4,2 Lambrusco Grasparossa 47,04 55,47 56,74 43,20 43,53 0,8 Lambrusco Reggiano 35,73 41,73 43,94 39,11 41,23 5,4 Lambrusco Salamino 38,44 43,54 46,61 40,64 41,03 1,0 Lambrusco Sorbara 43,59 51,63 51,37 42,12 43,36 3,0 Merlot del Piave 42,72 44,46 48,88 46,87 45,46-3,0 Merlot Friuli Grave 43,42 50,00 53,51 43,96 42,71-2,8 Montepulciano d'abruzzo 42,48 56,27 58,92 40,53 39,84-1,7 Nebbiolo d'alba 136,67 156,67 158,75 116,88 113,75-2,7 Piemonte Barbera 50, ,00 58,75 54,38-7,4 Sangiovese di Romagna 45,99 42,09 43,91 43,30 43,66 0,8 Schiava dell'alto Adige 123,47 134,25 133,15 129,85 129,76-0,1 Teroldego Rotaliano 165,42 160,25 161,04 152,08 147,92-2,7 Trentino Merlot 97,92 96,00 108,33 83,33 92,75 11,3 Valpolicella 66,41 75,94 75,94 75,94 121,10 59,5 Valpolicella Classico 79,96 81,56 81,56 81,56 149,19 82,9 Velletri rosso 104,6 102, ,25 78,54-26,1 Vino Nobile di Montepulciano 222,92 221,25 245,00 232,08 241,25 3,9 * Iva esclusa. Franco partenza cantine produttori, in cisterne Fonte: Ismea 30

31 Tabella 18 - Prezzi all'origine dei vini bianchi Doc-Docg* (euro/quintale) Var. % 10/09 Bianco di Custoza 64,15 68,43 70,39 68,39 66,43-2,9 Castelli romani bianco 31,96 37,81 41,25 38,38 29,31-23,6 Chardonnay dell'alto Adige 185,87 210,05 225,75 229,50 231,17 0,7 Chardonnay Friuli Grave 59,48 66,25 68,75 49,00 59,38 21,2 Colli Albani 34,28 41,41 46,03 43,51 35,43-18,6 Colli Lanuvini 34,40 40,90 46,04 43,50 35,46-18,5 Cortese dell'alto Monferrato 56,00 57,63 63,13 65,91 55,00-16,6 Frascati 69,96 73,67 75,00 71,70 57,30-20,1 Gambellara 64,69 64,69 64,29 61,50 60,75-1,2 Gavi Cortese 162,69 177,82 214,10 188,22 153,92-18,2 Malvasia Colli Piacentini 56,88 58,13 61,67 90,00 73,75-18,1 Marino 34,63 43,99 47,48 43,51 38,69-11,1 Moscato d'asti 138,08 147,50 155,00 153,20 150,00-2,1 Moscato Oltrepò pavese 53,67 70,28 100,75 90,44 106,23 17,4 Orvieto 40,02 45,29 53,52 57,39 56,50-1,5 Orvieto classico 59,48 70,03 74,24 76,33 75,00-1,7 Piemonte Moscato 69,38 95,00 110,00 110,00 n.d. - Pinot bianco Friuli Grave 68,75 76,25 77,92 61,25 65,42 6,8 Pinot grigio dell'alto Adige 251,25 259,38 266,89 256,82 249,57-2,8 Pinot grigio Friuli Grave 108,83 117,02 127,02 94,10 91,44-2,8 Pinot nero Oltrepò pavese 96,32 112,93 132,21 126,46 99,34-21,4 Prosecco di Conegliano Valdobbiadene 152,91 190,93 191,06 143,54 146,76 2,2 Riesling Oltrepò pavese 61,82 75,84 84,49 74,86 64,11-14,4 Roero Arneis 223,75 247,86 287,06 237,71 226,67-4,6 Soave 67,63 66,79 66,05 64,09 63,00-1,7 Soave Classico 92,81 92,81 91,46 81,01 79,88-1,4 Terlano Pinot bianco dell'alto Adige 187,08 207,28 220,58 221,00 221,37 0,2 Trebbiano d'abruzzo 29,72 40,57 43,59 32,55 30,89-5,1 Trebbiano di Romagna 37,36 37,89 44,07 39,20 35,73-8,9 Trentino Chardonnay 120,43 129,78 138,75 121,41 113,53-6,5 Trentino Müller Thurgau 135,00 138,00 143,33 129,50 120,00-7,3 Trentino Pinot grigio 205,21 204,13 205,21 162,50 158,13-2,7 Valdadige Pinot grigio 183,61 190,00 187,50 160,83 n.d. - Velletri bianco 34,31 41,76 46,03 43,51 35,43-18,6 Verdicchio Castelli di Jesi Classico 74,81 63,94 67,50 67,50 67,50 0,0 Verdicchio Castelli di Jesi 69,79 58,33 62,50 62,50 62,50 0,0 Vernaccia di San Gimignano 106,73 131,63 153,27 115,15 112,84-2,0 Docg con DM del 17/7/2009 * Iva esclusa. Franco partenza cantine produttori, in cisterne Fonte: Ismea 3.2 Il mercato dei vini Igt Sul fronte dei prezzi alla produzione il 2009 ed il 2010 sono stati anni difficili anche per il mercato delle Igt. Il 2009, in particolare, ha visto riduzioni a due cifre, peraltro più accentuate nel segmento dei bianchi che dei rossi, seguendo in questo più l andamento dei vini comuni che delle denominazioni di origine. Nel 2010, invece, ci sono state tendenze opposte tra le Igt bianche e rosse. Mentre le prime sono ulteriormente diminuite, le seconde hanno mostrato un lieve incremento. L ultimo anno in esame, comunque, non si è differenziato solo per le performance in base al colore, ma anche per il diverso andamento dei li- 31

32 stini nel corso dei mesi. I prezzi all origine, infatti, hanno cominciato a risalire soprattutto con l estate e quindi con l inizio della nuova campagna. Caratteristica questa che ha accomunato, peraltro, tutto il settore vinicolo. Tabella 19 - Prezzi medi dei vini Igt (euro/ettogrado) Var. % 10/09 Igt bianche Pinot grigio* 6,23 8,98 10,36 7,61 6,30-17,2 Verduzzo* 3,77 4,51 8,3 6,9 4,87-29,6 Chardonnay* 3,86 5,06 5,86 4,84 4,40-9,0 Modena Trebbiano 2,66 3,43 3,91 3,09 3,04-1,5 Bianco Lazio 2,43 3,07 3,4 2,5 2,15-14,0 Igt rosse Merlot * 3,08 3,32 3,4 2,9 3,12 7,3 Rosso Lazio 2,91 3,30 3,5 2,8 2,4-12,8 Lambrusco Emilia 3,16 3,71 3,8 3,3 3,47 4,3 Sangiovese Ravenna 2,80 2,99 3,2 2,5 2,67 4,7 Sangiovese Toscana 4,04 4,48 4,7 4,5 4,46 0,3 Rosso Salento 2,38 2,77 3,4 2,8 2,85 1,3 * Sono comprese le IGT: Marca Trevigiana, Veneto e Delle Venezie Fonte: Ismea 4. La domanda 4.1 I consumi domestici di vini Doc, Docg e Igt nel 2010 Sul fronte della domanda interna, secondo i dati del Panel famiglie Ismea 5, l indice Ismea delle quantità acquistate dalle famiglie italiane di vini a denominazione di origine ha registrato una sostanziale stabilità rispetto al 2009, mentre il relativo indice dei prezzi al consumo dei prodotti acquistati ha segnato un - 1,4%. La tendenza dei consumi domestici di vini Doc-Docg è risultata più favorevole di quella dei vini in generale, dei vini e degli spumanti e dei vini da tavola e Igt, tutti in flessione rispetto al 2009 (Tabella 20). Tale ultimo trend negativo è dovuto comunque esclusivamente ai vini da tavola. I dati del Panel famiglie Ismea infatti evidenziano per le Igt una crescita degli acquisti, forse favorita da un calo dei prezzi al consumo, che nel complesso sono scesi di oltre il 2%. Le Igt, tuttavia, sono in generale associate ad un peso sul totale dei vini di qualità meno rilevante, soprattutto in valore (Figure 10A e 10B). 5 Il Panel si basa su rilevazioni di acquisto a cadenza settimanale effettuate da famiglie, stratificate in base a variabili socio-demografiche e territoriali, rappresentative dell intera realtà italiana. Restano escluse le collettività nonché i consumi effettuati dalle famiglie al di fuori dell abitazione principale. 32

33 Tabella 20 - Andamento degli acquisti domestici e dei prezzi al consumo dei vini nel 2010 Fonte: Panel famiglie Ismea Var. % '10/'09 Peso % sul totale vini e spumanti (2010) Indice quantità Indice prezzi In quantità In valore Totale vini e spumanti -3,4-1,4 100,0 100,0 Totale vini -1,3-2,1 95,4 88,7 di cui: - Vini Doc/Docg -0,2-1,4 25,9 39,4 - Vini da tavola e Igt -2,1-2,2 69,5 49,2 Figure 10A-10B - Ripartizione dei consumi di vini a marchio di origine tra vini Doc-Docg e Igt nel 2010 In quantità In valore IGT; 44,8% IGT; 35,1% DOC/DOCG ; 55,2% DOC/DOCG; 64,9% Fonte: Panel famiglie Ismea I dati finora esposti dimostrano quindi che, nonostante la crisi economica, il consumatore italiano continua a consumare vini di qualità, ma si orienta maggiormente verso quelli che sono a più buon mercato come gli Igt. Del resto il prezzo di questi ultimi non è così distante da quello dei vini da tavola, con la conseguenza che il consumatore tende, quasi a parità di prezzo, ad orientarsi verso il prodotto di maggiore qualità. In termini di incidenza di consumo dei vini a denominazione di origine l analisi dei dati dal 2006 al 2010 mostra che il peso dei vini di maggiore pregio è in continua crescita sia in volume che in valore, grazie al contributo sia delle Doc e Docg che delle Igt, anche se queste ultime sembrano crescere lievemente di più. 33

ANTEPRIMA :: Vino - News e analisi - News mercati - Settimana n. 8/2016

ANTEPRIMA :: Vino - News e analisi - News mercati - Settimana n. 8/2016 Pagina 1 di 9 settimana n.8/2016 Vini - News mercati il settimanale Ismea di informazione sui prodotti agricoli e agroalimentari n. 7/2016 - settimana n.8, dal 22 al 28 febbraio 2016 La rete di rilevazione

Dettagli

ANTEPRIMA :: Vino - News e analisi - News mercati - Settimana n. 26/2016

ANTEPRIMA :: Vino - News e analisi - News mercati - Settimana n. 26/2016 Pagina 1 di 9 settimana n.26/2016 Vini - News mercati il settimanale Ismea di informazione sui prodotti agricoli e agroalimentari n. 21/2016 - settimana n.26, dal 27 giugno al 3 luglio 2016 La rete di

Dettagli

ANTEPRIMA :: Vino - News e analisi - News mercati - Settimana n. 23/2016

ANTEPRIMA :: Vino - News e analisi - News mercati - Settimana n. 23/2016 Pagina 1 di 9 settimana n.23/2016 Vini - News mercati il settimanale Ismea di informazione sui prodotti agricoli e agroalimentari n. 19/2016 - settimana n.23, dal 6 al 12 giugno 2016 La rete di rilevazione

Dettagli

Bianchi comuni - Andamento prezzi medi

Bianchi comuni - Andamento prezzi medi Page 1 of 9 Vini - News mercati il settimanale Ismea di informazione sui prodotti agricoli e agroalimentari n. 20/2016 - settimana n.24, dal 13 al 19 giugno 2016 6 Bianchi comuni - Andamento prezzi medi

Dettagli

ANTEPRIMA :: Vino - News e analisi - News mercati - Settimana n. 36/2016

ANTEPRIMA :: Vino - News e analisi - News mercati - Settimana n. 36/2016 Pagina 1 di 9 settimana n.36/2016 Vini - News mercati il settimanale Ismea di informazione sui prodotti agricoli e agroalimentari n. 26/2016 - settimana n.36, dal 5 all'11 settembre 2016 La rete di rilevazione

Dettagli

ANTEPRIMA :: Vino - News e analisi - News mercati - Settimana n. 4/2017

ANTEPRIMA :: Vino - News e analisi - News mercati - Settimana n. 4/2017 Pagina 1 di 9 settimana n.4/2017 Vini - News mercati il settimanale Ismea di informazione sui prodotti agricoli e agroalimentari n. 4/2017 - settimana n.4, dal 23 al 29 gennaio 2017 La rete di rilevazione

Dettagli

ANTEPRIMA :: Vino - News e analisi - News mercati - Settimana n. 1/2017

ANTEPRIMA :: Vino - News e analisi - News mercati - Settimana n. 1/2017 Pagina 1 di 8 settimana n.1/2017 Vini - News mercati il settimanale Ismea di informazione sui prodotti agricoli e agroalimentari n. 1/2017 - settimana n.1, dal 2 all'8 gennaio 2017 La rete di rilevazione

Dettagli

Dal settimanale Ismea di informazione sui prodotti agricoli e agroalimentari. Prezzo 4,87 /Ettogrado

Dal settimanale Ismea di informazione sui prodotti agricoli e agroalimentari. Prezzo 4,87 /Ettogrado Dal settimanale Ismea di informazione sui prodotti agricoli e agroalimentari n. 33/2012 - settimana n. 37, dal 10 al 16 settembre 2012 Mercato nazionale dei vini comuni vini bianchi comuni Vini bianchi

Dettagli

ANTEPRIMA :: Vino - News e analisi - News mercati - Settimana n. 35/2017

ANTEPRIMA :: Vino - News e analisi - News mercati - Settimana n. 35/2017 Pagina 1 di 8 settimana n.35/2017 Vini - News mercati il settimanale Ismea di informazione sui prodotti agricoli e agroalimentari n. 24/2017 - settimana n.35, dal 28 agosto al 3 settembre 2017 Bianchi

Dettagli

VINI DOP E IGP DATI ECONOMICI E STRUTTURA DEL SISTEMA DELLA VITICOLTURA DI QUALITÀ IN ITALIA

VINI DOP E IGP DATI ECONOMICI E STRUTTURA DEL SISTEMA DELLA VITICOLTURA DI QUALITÀ IN ITALIA VINI DOP E IGP DATI ECONOMICI E STRUTTURA DEL SISTEMA DELLA VITICOLTURA DI QUALITÀ IN ITALIA www.ismea.it www.ismeaservizi.it L UNIVERSO DI RIFERIMENTO DELL ANALISI IL NUMERO DEI RICONOSCIMENTI TOTALI:

Dettagli

ANTEPRIMA :: Vino - News e analisi - News mercati - Settimana n. 10/2015

ANTEPRIMA :: Vino - News e analisi - News mercati - Settimana n. 10/2015 Pagina 1 di 9 settimana n. 10/2015 Vini - News mercati il settimanale Ismea di informazione sui prodotti agricoli e agroalimentari n. 9/2015 - settimana n.10, dal 2 all'8 marzo 2015 La rete di rilevazione

Dettagli

NUMERI E VALORI DEL SETTORE DOP-IGP AGROALIMENTARE E

NUMERI E VALORI DEL SETTORE DOP-IGP AGROALIMENTARE E NUMERI E VALORI DEL SETTORE DOP-IGP AGROALIMENTARE E VITIVINICOLO EZIO CASTIGLIONE - PRESIDENTE ISMEA 15 giugno 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it I RICONOSCIMENTI DELLE DOP-IGP-STG AGROALIMENTARI 1.277

Dettagli

In sintesi. Struttura e produzioni. Mercato all origine. Domanda interna ed estera. 2. Il mercato. all origine. 1. La struttura s.

In sintesi. Struttura e produzioni. Mercato all origine. Domanda interna ed estera. 2. Il mercato. all origine. 1. La struttura s. Aprile 2012 In sintesi Struttura e produzioni Accanto alla forte crescita del numero di riconoscimenti dei vini a denominazione di origine ed indicazione geografica, nel 2010 è aumentata anche la produzione

Dettagli

Vini. N. 30 Settimana n dal 3 al 9 settembre 2007

Vini. N. 30 Settimana n dal 3 al 9 settembre 2007 Vini N. 30 Settimana n. 36 - dal 3 al 9 settembre Indice dei prezzi all origine - Mercato nazionale vini da tavola - Mercato nazionale denominazioni di origine Indice dei prezzi all origine 130,00 120,00

Dettagli

Vino: tendenze e dinamiche recenti 4 agosto 2017

Vino: tendenze e dinamiche recenti 4 agosto 2017 Vino: tendenze e dinamiche recenti 4 agosto 2017 Dopo Freddo, gelate primaverili e siccità estiva, il vigneto Italia pronto per la vendemmia 2017 Con luglio si è chiusa la campagna 2016/2017 che ha visto

Dettagli

Estrazione dal sistema informativo di AVEPA - 16 dicembre 2016

Estrazione dal sistema informativo di AVEPA - 16 dicembre 2016 anteprima della vendemmia 2016 nel Veneto produzione uve certificazione vini Luca Furegon AVEPA Alessandra Muffato Estrazione dal sistema informativo di AVEPA - 16 dicembre 2016 1 Direzione agroalimentare

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2004

La produzione di uva e di vino Anno 2004 3 febbraio 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2004 L Istat presenta i principali risultati provvisori 1 della vendemmia 2004, ottenuti mediante stime regionali. Dopo gli anomali andamenti climatici

Dettagli

Pagina 1 di 9 Vini da tavola - Prezzi medi all'origine settimanali (euro/ettogrado) settimana settimana settimana variazioni 18-24/09/2006 11-17/09/2006 19-25/09/2005 sett att/sett prec sett att/sett 05

Dettagli

Vini. N. 38 Settimana n dal 29 ottobre al 4 novembre 2007

Vini. N. 38 Settimana n dal 29 ottobre al 4 novembre 2007 Vini N. 38 Settimana n. 44 - dal 29 ottobre al 4 novembre Mercato nazionale vini tavola Mercato nazionale vini a denominazione d origine - Mercati esteri: Francia Consumi domestici Mercato nazionale vini

Dettagli

TARIFFE DELLE DENOMINAZIONI DI ORIGINE

TARIFFE DELLE DENOMINAZIONI DI ORIGINE TARIFFE DELLE DENOMINAZIONI DI ORIGINE Tariffe Piano dei Controlli Tariffe Certificazione DENOMINAZIONE VITICOLTORI /100 Kg Uva + IVA Rivendicata alla D.O. INTERMEDIARIO UVE /100 Kg + IVA di uva movimentata

Dettagli

VINO NEI SUPERMERCATI: AUMENTANO LE VENDITE DELLE BOTTIGLIE DI FASCIA ALTA

VINO NEI SUPERMERCATI: AUMENTANO LE VENDITE DELLE BOTTIGLIE DI FASCIA ALTA Comunicato stampa VINO NEI SUPERMERCATI: AUMENTANO LE VENDITE DELLE BOTTIGLIE DI FASCIA ALTA Federdistribuzione: sostengono la crescita dell intero mercato in Gdo SymphonyIRI: i più venduti Lambrusco,

Dettagli

CONFRONTI DELLA DISTRIBUZIONE GROCERY IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA CON ALTRE REGIONI E ALTRE NAZIONI EUROPEE

CONFRONTI DELLA DISTRIBUZIONE GROCERY IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA CON ALTRE REGIONI E ALTRE NAZIONI EUROPEE Osservatorio regionale del commercio CONFRONTI DELLA DISTRIBUZIONE GROCERY IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA CON ALTRE REGIONI E ALTRE NAZIONI EUROPEE Aprile 2015 Andamento della rete al dettaglio alimentare e

Dettagli

IL SISTEMA VITIVINICOLO PUGLIESE NELLO SCENARIO DI. Il futuro è già presente. DENIS PANTINI Project leader WM - Nomisma. Vinitaly, 8 aprile 2013

IL SISTEMA VITIVINICOLO PUGLIESE NELLO SCENARIO DI. Il futuro è già presente. DENIS PANTINI Project leader WM - Nomisma. Vinitaly, 8 aprile 2013 IL SISTEMA VITIVINICOLO PUGLIESE NELLO SCENARIO DI MERCATO. Il futuro è già presente Vinitaly, 8 aprile 2013 DENIS PANTINI Project leader WM - Nomisma I TEMI DI APPROFONDIMENTO Una sintesi dello scenario

Dettagli

Vino: tendenze e dinamiche recenti Dicembre 2016

Vino: tendenze e dinamiche recenti Dicembre 2016 gen-14 feb-14 mar-14 apr-14 mag-14 giu-14 lug-14 ago-14 set-14 ott-14 nov-14 dic-14 gen-15 feb-15 mar-15 apr-15 mag-15 giu-15 lug-15 ago-15 set-15 ott-15 nov-15 dic-15 gen-16 feb-16 mar-16 apr-16 mag-16

Dettagli

Le sette Tabelle. Dimensioni e Trend del Mercato Denominazione vs Non Denominazione Variazione % Variazione %

Le sette Tabelle. Dimensioni e Trend del Mercato Denominazione vs Non Denominazione Variazione % Variazione % Le sette Tabelle Tab. 1 Andamento totale Denominazioni Dimensioni e Trend del Mercato Denominazione vs Non Denominazione Var. % Prezzo Prezzo Valore vs Anno Volume vs Medio Lt vaerso Valore (euro) Volume

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO In sintesi Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Continua la crescita della domanda di prodotti biologici confezionati nella GDO. Secondo i dati del Panel delle

Dettagli

Le disponibilità della campagna

Le disponibilità della campagna Il punto sul mercato PREVISIONI Campagna di 2014/2015 PRODUZIONE Sommario 9 settembre 2015 Le disponibilità della campagna 2014-2015... 1 Il mercato: prezzi internazionali dei vini comuni a confronto...

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA CRISI SULLE IMPRESE DI COSTRUZIONI

GLI EFFETTI DELLA CRISI SULLE IMPRESE DI COSTRUZIONI GLI EFFETTI DELLA CRISI SULLE IMPRESE DI COSTRUZIONI Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 2016 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi ESTRATTO

Dettagli

Mercato immobili non residenziali: compravendite e leasing più 16%

Mercato immobili non residenziali: compravendite e leasing più 16% Pubblicata su FiscoOggi.it (http://www.fiscooggi.it) Dati e statistiche Mercato immobili non residenziali: compravendite e leasing più 16% Piazza in crescente fermento per negozi, uffici e capannoni industriali

Dettagli

I PUBBLICI ESERCIZI IN ITALIA Distribuzione dei p.e. (valori assoluti - giugno 2006)

I PUBBLICI ESERCIZI IN ITALIA Distribuzione dei p.e. (valori assoluti - giugno 2006) I PUBBLICI ESERCIZI IN ITALIA Distribuzione dei p.e. (valori assoluti - giugno 2006) Regioni Ristoranti (U.L.) Bar (U.L.) Piemonte 7.544 12.708 Valle d'aosta 589 646 Lombardia 13.165 27.552 Trentino 2.635

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PRODOTTI AGROALIMENTARI PROTETTI

OSSERVATORIO SUI PRODOTTI AGROALIMENTARI PROTETTI Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di Area S.r.l. e del destinatario del documento. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti orali che le hanno accompagnate,

Dettagli

VENDEMMIA 2012 PRODUZIONI UVA E VINO IN VENETO

VENDEMMIA 2012 PRODUZIONI UVA E VINO IN VENETO VENDEMMIA 0 PRODUZIONI UVA E VINO IN VENETO * estrazione dal sistema informativo di AVEPA 6 gennaio 0 Regione Veneto quintali di uva prodotti dichiarati nella vendemmia 0 DO IG VINO VINO VARIETALE TOTALE

Dettagli

ANALISI DI COMPETITIVITA DEL VINO SPUMANTE ANNO 2012 CANALI DI VENDITA: GD DO

ANALISI DI COMPETITIVITA DEL VINO SPUMANTE ANNO 2012 CANALI DI VENDITA: GD DO ANALISI DI COMPETITIVITA DEL VINO SPUMANTE ANNO 2012 CANALI DI VENDITA: GD DO In collaborazione con Caratteristiche strumento di analisi GDO per Metodo Classico nazionale e dettaglio aziende trentine produttrici

Dettagli

Vini Dop e Igp: i numeri della produzione e del mercato

Vini Dop e Igp: i numeri della produzione e del mercato Vini Dop e Igp: i numeri della produzione e del mercato Struttura e produzioni Secondo uno studio della Commissione Europea, nel 2010 il valore delle vendite dei prodotti a denominazione di origine dei

Dettagli

PREZZI BLOCCATI DAL 3 MARZO AL 31 AGOSTO 2016 ESCLUSIVA VENETO CAMPANIA. bott. 75 cl imballo vendita. cod ESCLUSIVA ABRUZZO

PREZZI BLOCCATI DAL 3 MARZO AL 31 AGOSTO 2016 ESCLUSIVA VENETO CAMPANIA. bott. 75 cl imballo vendita. cod ESCLUSIVA ABRUZZO I NOSTRI VINI AL PREZZO PIÙ BASSO PREZZI BLOCCATI DAL 3 MARZO AL 31 AGOSTO 201 Pinot Grigio delle Venezie IGT LE COLLINE DEI FILARI cod. 12535 1, 95 CAMPANIA Falanghina Benevento IGP SOLOPACA cod. 157911

Dettagli

Vini Dop e Igp: i numeri della produzione e del mercato

Vini Dop e Igp: i numeri della produzione e del mercato Vini Dop e Igp: i numeri della produzione e del mercato Struttura e produzioni Le statistiche strutturali relative ai vini Dop e Igp utilizzate nella presente analisi si basano sui dati provenienti dagli

Dettagli

Comunicato stampa. Ufficio stampa Consiglio nazionale dei commercialisti Mauro Parracino

Comunicato stampa. Ufficio stampa Consiglio nazionale dei commercialisti Mauro Parracino Comunicato stampa PROFESSIONI, COMMERCIALISTI: IN DIECI ANNI REDDITI GIU DEL 14% SECONDO IL RAPPORTO 2017 SULLA CATEGORIA QUELLO MEDIO DEL 2016 È PARI A 58MILA EURO (+2,2 SULL ANNO PRECEDENTE). MA QUASI

Dettagli

CONFRONTI DELLA DISTRIBUZIONE GROCERY IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA CON ALTRE REGIONI E ALTRE NAZIONI EUROPEE

CONFRONTI DELLA DISTRIBUZIONE GROCERY IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA CON ALTRE REGIONI E ALTRE NAZIONI EUROPEE Osservatorio regionale del commercio CONFRONTI DELLA DISTRIBUZIONE GROCERY IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA CON ALTRE REGIONI E ALTRE NAZIONI EUROPEE GENNAIO 2013 Osservatorio Commercio N IT 231513 Confronti

Dettagli

C A R T A D E I V I N I

C A R T A D E I V I N I CARTA DEI VINI VINI BIANCHI VINI BIANCHI BIOLOGICI Curtefranca bianco doc, 2014, Clarabella 16,00 Cirò doc, 2013, SantaVenere, Calabria 24,00 Gavi La Raia docg, 2013, La Raia, Piemonte 22,00 Godot Bianco

Dettagli

Dipartimento Mercato del Lavoro Osservatorio Cassa Integrazione Agosto

Dipartimento Mercato del Lavoro Osservatorio Cassa Integrazione Agosto Dipartimento Mercato del Lavoro Osservatorio Cassa Integrazione Agosto 2009 1 L INPS ha reso noto i dati di luglio e agosto sulle ore di cassa integrazione. Rispetto all ultimo aggiornamento dell osservatorio

Dettagli

Edifici e abitazioni

Edifici e abitazioni 11 agosto 2014 Edifici e abitazioni L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi sugli edifici. Il censimento degli edifici è avvenuto nel 2011 con modalità e tecnologie profondamente rinnovate rispetto

Dettagli

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente)

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente) Le esportazioni delle regioni italiane estre 3 13/6/3 CONGIUNTURA TERRITORIALE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE I Trimestre 3 Giugno 3 La dinamica delle esportazioni in valore nel estre 3 registra un

Dettagli

Enogastronomia e agroalimentare: quale futuro? Analisi del settore. Vasco Boatto Università di Padova

Enogastronomia e agroalimentare: quale futuro? Analisi del settore. Vasco Boatto Università di Padova Enogastronomia e agroalimentare: quale futuro? Analisi del settore Vasco Boatto Università di Padova Evoluzione del mercato agroalimentare (prospettive a medio termine) Economia nel suo complesso: continuità

Dettagli

LA SPESA FARMACEUTICA NEL 2015

LA SPESA FARMACEUTICA NEL 2015 Pagina 1 FEDERFARMA LA SPESA FARMACEUTICA NEL 2015 Sommario: In rilievo: Mercato italiano p. 1 Dati nazionali p. 6 Dati regionali: Piemonte p. 10 Liguria p. 11 Valle d Aosta p. 12 Lombardia p. 13 Veneto

Dettagli

Le consistenze e la natimortalità

Le consistenze e la natimortalità Rete carburanti, contrazione di imprese,consumi in rosso per la rete, perdita secca in autostrada. 2014 da dimenticare. Le consistenze e la natimortalità Nei primi dieci mesi del 2014 le imprese che operano

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 03/05/2017

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 03/05/2017 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 03/05/2017 La situazione in Veneto Nel 2015 i reati di truffa, rapina e furto hanno interessato 276.287 vittime di 66 anni e oltre, di cui

Dettagli

La vite e il vino in Toscana

La vite e il vino in Toscana La vite e il vino in Toscana Campagna viticola 2012/2013 DATI STRUTTURALI E PRODUTTIVI DEL SETTORE VITIVINICOLO IN REGIONE TOSCANA Tabella n. 1: : potenziale viticolo regionale, superficie vitata, aziende

Dettagli

La congiuntura in sintesi

La congiuntura in sintesi numero 1/13 28 gennaio 2013 La congiuntura in sintesi LE TENDENZE DEL PERIODO L indice di clima di fiducia degli operatori della GDA si è attestato, nel quarto trimestre 2012, su un valore di nuovo negativo,

Dettagli

Le dichiarazioni Ires e Irap in FVG

Le dichiarazioni Ires e Irap in FVG 14 marzo #economia Rassegna stampa Messaggero Veneto 13mar2016 Le dichiarazioni Ires e Irap in FVG Il Ministero dell Economia e delle Finanze ha recentemente pubblicato le statistiche sulle dichiarazioni

Dettagli

Il saldo della bilancia commerciale risulta positivo ed è pari a 18 miliardi e 454 milioni di euro.

Il saldo della bilancia commerciale risulta positivo ed è pari a 18 miliardi e 454 milioni di euro. I SEMESTRE 2015: CRESCITA DELL EXPORT IN LIGURIA DEL 7% Nel primo semestre 2015, rispetto allo stesso periodo del 2014, in Italia le vendite di beni sui mercati esteri risultano in sensibile espansione

Dettagli

DELLE ESPORTAZIONI. La provincia di Modena ha esportato merci per 10,7 miliardi, con un aumento del 2,6%

DELLE ESPORTAZIONI. La provincia di Modena ha esportato merci per 10,7 miliardi, con un aumento del 2,6% indicatori 35 In positivo indicatori il bilancio DELLE ESPORTAZIONI 2013 La provincia di ha esportato merci per 10,7 miliardi, con un aumento del 2,6% MAURA MONARI Sia Prometeia sia il Bollettino Economico

Dettagli

Le imprese straniere 1 in Piemonte

Le imprese straniere 1 in Piemonte Le imprese straniere 1 in Piemonte A fine 2016, le imprese straniere registrate in Italia hanno raggiunto le 571.255 unità, il 9,4% delle imprese complessivamente censite presso i Registri delle Camere

Dettagli

Le esportazioni del vino veneto Maria Teresa Coronella Regione del Veneto Direzione Sistema Statistico Regionale

Le esportazioni del vino veneto Maria Teresa Coronella Regione del Veneto Direzione Sistema Statistico Regionale Le esportazioni del vino veneto Regione del Veneto Direzione Sistema Statistico Regionale Vino veneto Strumenti per la competitività I contenuti della trattazione Il contesto socio-economico Le esportazioni

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 14 marzo 2003 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2002 Nel 2002 le esportazioni italiane hanno registrato una diminuzione in valore del 2,8 per cento rispetto al 2001. La contrazione, pur interessando

Dettagli

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Tecnoborsa torna ad affrontare i temi dell ultimo Censimento

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL VALORE MASSIMO DEL SOSTEGNO PER LA MISURA DELLA VENDEMMIA VERDE (ARTICOLO 103 NOVODECIES, PARAGRAFO 3, COMMA 2, REGOLAMENTO (CE) N

DETERMINAZIONE DEL VALORE MASSIMO DEL SOSTEGNO PER LA MISURA DELLA VENDEMMIA VERDE (ARTICOLO 103 NOVODECIES, PARAGRAFO 3, COMMA 2, REGOLAMENTO (CE) N ALLEGATO B DETERMINAZIONE DEL VALORE MASSIMO DEL SOSTEGNO PER LA MISURA DELLA VENDEMMIA VERDE (ARTICOLO 103 NOVODECIES, PARAGRAFO 3, COMMA 2, REGOLAMENTO (CE) N. 1234/2007 E ARTICOLO 14 REGOLAMENTO (CE)

Dettagli

METODO CHARMAT (spumante)

METODO CHARMAT (spumante) METODO CHARMAT (spumante) Prosecco Valdobbiadene DOCG Sup. millesimato Prosecco DOC Treviso extra Dry Venegazzù 23,00 Venegazzù 15,00 METODO CLASSICO Bellavista brut Alma Az. Bellavista 50,00 Franciacorta

Dettagli

ANTEPRIMA VENDEMMIA Valoritalia nella filiera vitivinicola. Castagnito (CN), 13/02/2017. Pelissetti Ezio

ANTEPRIMA VENDEMMIA Valoritalia nella filiera vitivinicola. Castagnito (CN), 13/02/2017. Pelissetti Ezio Castagnito (CN), 13/02/2017 Pelissetti Ezio I SETTORI DELLA CERTIFICAZIONE - Certificazione Vini DOP e IGP; - Certificazione Vini Varietali; - Certificazione Produzioni biologiche; - Certificazione Produzione

Dettagli

Gli infortuni dei lavoratori interinali nel Rapporto INAIL Una prima analisi dei dati a cura dell Osservatorio Centro Studi.

Gli infortuni dei lavoratori interinali nel Rapporto INAIL Una prima analisi dei dati a cura dell Osservatorio Centro Studi. Gli infortuni dei lavoratori interinali nel Rapporto INAIL 2004. Una prima analisi dei dati a cura dell Osservatorio Centro Studi. Il 14 luglio 2005 l INAIL ha pubblicato il Rapporto annuale 2004 che riporta,

Dettagli

39. IL LAVORO NELL ACCOGLIENZA TURISTICA

39. IL LAVORO NELL ACCOGLIENZA TURISTICA 39. IL LAVORO NELL ACCOGLIENZA TURISTICA Il turismo costituisce per l economia italiana un importante bacino occupazionale, tanto più in quanto negli ultimi anni l offerta turistica del Paese è andata

Dettagli

COMMERCIO ESTERO DEL VINO SICILIANO

COMMERCIO ESTERO DEL VINO SICILIANO COMMERCIO ESTERO DEL VINO SICILIANO A cura Ufficio Studi IRVV Graf. 1-Produzioni regionali di vino e mosto in Italia in quantità (anno 2006) 8.000.000 7.000.000 7.396.628 7.207.587 6.974.406 6.767.816

Dettagli

REPORT VINO Scambi internazionali I trimestre 2014

REPORT VINO Scambi internazionali I trimestre 2014 REPORT VINO Scambi internazionali I trimestre 2014 Il punto del primo trimestre 2014 sul commercio internazionale 16 luglio 2014 Battuta d arresto per gli scambi in volume e valore Il primo trimestre del

Dettagli

IMPRESE: IN CALO GLI IMPIEGHI BANCARI, AUMENTA IL RISCHIO USURA

IMPRESE: IN CALO GLI IMPIEGHI BANCARI, AUMENTA IL RISCHIO USURA IMPRESE: IN CALO GLI IMPIEGHI BANCARI, AUMENTA IL RISCHIO USURA A seguito delle difficoltà in cui versano molte banche italiane, nell ultimo anno (maggio 2016 sullo stesso mese del 2015) gli impieghi bancari

Dettagli

Vino: tendenze e dinamiche recenti 25 gennaio 2016

Vino: tendenze e dinamiche recenti 25 gennaio 2016 Vino: tendenze e dinamiche recenti 25 gennaio 2016 Ue: Stock di inizio campagna a 162 milioni di ettolitri E del dicembre scorso il documento con il quale la Commissione europea ha reso noto il dato complessivo

Dettagli

L avvocatura italiana: Alcuni dati statistici al 2013

L avvocatura italiana: Alcuni dati statistici al 2013 L avvocatura italiana: Alcuni dati statistici al 2013 1 La dinamica evolutiva del numero degli avvocati e confronto con popolazione italiana Distribuzione territoriale degli avvocati I nuovi ingressi alla

Dettagli

Infortuni sul lavoro Anni

Infortuni sul lavoro Anni Statistica e Osservatori NOTIZIESTATISTICHE STATISTICA E OSSERVATORI N. 2 - Luglio 2008 L INAIL produce annualmente un rapporto sulle denunce di infortuni sul lavoro. I dati sono derivati da archivi gestionali

Dettagli

CASSA INTEGRAZIONE METALMECCANICI GENNAIO 2010 E CONFRONTO TRA VOLUMI TOTALI 2009 E 2008

CASSA INTEGRAZIONE METALMECCANICI GENNAIO 2010 E CONFRONTO TRA VOLUMI TOTALI 2009 E 2008 Federazione Impiegati Operai Metallurgici nazionale corso Trieste, 36-00198 Roma - tel. +39 06 852621 - fax +39 06 85303079 www.fiom.cgil.it - e-mail: protocollo@fiom.cgil.it UFFICIO SINDACALE CASSA INTEGRAZIONE

Dettagli

EXPORT 2016: CRESCONO LE VENDITE ALL ESTERO DELLA LIGURIA

EXPORT 2016: CRESCONO LE VENDITE ALL ESTERO DELLA LIGURIA EXPORT 2016: CRESCONO LE VENDITE ALL ESTERO DELLA LIGURIA Nei primi 9 mesi del 2016 in Italia si è registrata una crescita tendenziale dell export pari allo 0,5%, sintesi del contributo positivo dell Italia

Dettagli

L industria alimentare

L industria alimentare Il valore aggiunto dell industria alimentare italiana è aumentato del 2,3%, in misura superiore a quanto avvenuto per l insieme del manifatturiero (+0,9%). Nel 2014 il fatturato ha raggiunto un valore

Dettagli

La popolazione toscana al 1 gennaio marzo 2014

La popolazione toscana al 1 gennaio marzo 2014 La popolazione toscana al 1 gennaio 2013 marzo 2014 Il contesto nazionale La popolazione residente in Italia nell ultimo decennio è cresciuta sensibilmente. Complessivamente la variazione è stata pari

Dettagli

Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese

Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese Fonte: Istat Ricerca e Sviluppo in Italia (anno 2014) Le rilevazioni sulla Ricerca e lo sviluppo sperimentale,

Dettagli

La vite e il vino in Toscana

La vite e il vino in Toscana La vite e il vino in Toscana Campagna viticola 2014/2015 DATI STRUTTURALI E PRODUTTIVI Tabella n. 1: potenziale viticolo regionale, superficie vitata, aziende con vite e superficie media di vigneto per

Dettagli

INDAGINE ESTIMATIVA SULLE PRINCIPALI COLTIVAZIONI AGRARIE:

INDAGINE ESTIMATIVA SULLE PRINCIPALI COLTIVAZIONI AGRARIE: on lliine REGIONE SICILIANA Servizio Statistica INDAGINE ESTIMATIVA SULLE PRINCIPALI COLTIVAZIONI AGRARIE: I RISULTATI REGIONALI DELL ULTIMO DECENNIO Nel campo delle statistiche agrarie, l ISTAT esegue

Dettagli

I NUMERI DEL LATTE BIO

I NUMERI DEL LATTE BIO I NUMERI DEL LATTE BIO ENRICO DE RUVO ISMEA Bologna, 2 febbraio 2016 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Inumeristrutturalidelbio Il valore del mercato bio e le dinamicherecenti La struttura e la domanda

Dettagli

Un futuro di sfide. Dal metanolo alla conquista dei mercati. VINITALY, Veronafiere 6 aprile Simone Vieri

Un futuro di sfide. Dal metanolo alla conquista dei mercati. VINITALY, Veronafiere 6 aprile Simone Vieri Un futuro di sfide. Dal metanolo alla conquista dei mercati. VINITALY, Veronafiere 6 aprile 2006 I fattori condizionanti. Le risposte della vitivinicoltura italiana. I risultati presenti, le sfide future.

Dettagli

UFFICIO PQA IV. OGGETTO DELL'ATTO DESCRIZIONE DEL PROCEDIMENTO Unità Organizzativa Reg. (CE) 1234/07 - Art.118 octodecies 1 D.M.

UFFICIO PQA IV. OGGETTO DELL'ATTO DESCRIZIONE DEL PROCEDIMENTO Unità Organizzativa Reg. (CE) 1234/07 - Art.118 octodecies 1 D.M. UFFICIO Tabella generale provvedimenti emessi A (all 1) ART. 23, 32 e 35 DLgs 14 marzo, n. 33 (Gennaio Giugno ) Vini DOP ed IGP - Procedura nazionale valutazione domande di riconoscimento e modifica disciplinari

Dettagli

La vite e il vino in Toscana

La vite e il vino in Toscana La vite e il vino in Toscana Campagna viticola 2013/2014 1 DATI STRUTTURALI E PRODUTTIVI Tabella n. 1: potenziale viticolo regionale, superficie vitata, aziende con vite e superficie media di vigneto per

Dettagli

Centro Studi Gianfranco Imperatori. Visitatori e introiti dei musei, monumenti ed aree archeologiche statali. Sintesi 2008

Centro Studi Gianfranco Imperatori. Visitatori e introiti dei musei, monumenti ed aree archeologiche statali. Sintesi 2008 Centro Studi Gianfranco Imperatori Visitatori e introiti dei musei, monumenti ed aree archeologiche statali Sintesi 2008 Luglio 2009 Le elaborazioni presentate nelle tavole e nei grafici che seguono descrivono

Dettagli

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE Luca Romano Direttore di Local Area Network Martedi 8 Aprile 2014 Auditorium del Lavoro ROMA L INVECCHIAMENTO DEMOGRAFICO 1/6 65 ANNI E PIU' TOTALE ANDAMENTO

Dettagli

Tipologia Variaz.% Variaz.%

Tipologia Variaz.% Variaz.% TURISMO IN LIGURIA Analisi provinciale nel periodo gennaio-luglio 2017 GENOVA Nel mese di luglio (dati ancora provvisori, con un indice di rispondenza da parte delle strutture pari al 96,8%) la provincia

Dettagli

SCHEDA LEGUMI PER L ALIMENTAZIONE UMANA.

SCHEDA LEGUMI PER L ALIMENTAZIONE UMANA. SCHEDA LEGUMI PER L ALIMENTAZIONE UMANA www.ismea.it www.ismeaservizi.it Aggiornata al 15/04/2016 SCHEDA: LEGUMI PER L ALIMENTAZIONE UMANA Prodotti osservati: Pisello da granella Fagiolo Lenticchia Cece

Dettagli

DATI STRUTTURALI E PRODUTTIVI DEL SETTORE VITIVINICOLO IN REGIONE TOSCANA

DATI STRUTTURALI E PRODUTTIVI DEL SETTORE VITIVINICOLO IN REGIONE TOSCANA DATI STRUTTURALI E PRODUTTIVI DEL SETTORE VITIVINICOLO IN REGIONE TOSCANA Tabella n. 1: superficie vitata, aziende con vite e superficie media di vigneto per azienda, totali regionali e suddivisi per provincia

Dettagli

Vini Rossi PUGLIA. 14,00 Brindisi Rosso Ris. Dop Vigna Flaminio Agricole Vallone. 17,00 Salento Rosso Vigna Castello Igp Agricole Vallone

Vini Rossi PUGLIA. 14,00 Brindisi Rosso Ris. Dop Vigna Flaminio Agricole Vallone. 17,00 Salento Rosso Vigna Castello Igp Agricole Vallone PUGLIA Salento Negramaro Versante Igp Agricole Vallone 14,00 Brindisi Rosso Ris. Dop Vigna Flaminio Agricole Vallone 17,00 Salento Rosso Vigna Castello Igp Agricole Vallone Salento Rosso Graticciaia Igp

Dettagli

VINI ROSSI TRENTINO ALTO ADIGE. Lagrein D.O.C. J.Hofstatter 18,00 Lagrein Rosè D.O.C. Marco Donati 13,50 Pinot Nero

VINI ROSSI TRENTINO ALTO ADIGE. Lagrein D.O.C. J.Hofstatter 18,00 Lagrein Rosè D.O.C. Marco Donati 13,50 Pinot Nero VINI ROSSI TRENTINO ALTO ADIGE Lagrein D.O.C. Franz Haas 22,00 Lagrein D.O.C. J.Hofstatter 18,00 Lagrein Rosè D.O.C. Marco Donati 13,50 Pinot Nero Franz Haas 25,00 Meczan ( Pinot Nero ) J.Hofstatter 18,00

Dettagli

Vino: tendenze e dinamiche recenti 30 luglio 2015

Vino: tendenze e dinamiche recenti 30 luglio 2015 Vino: tendenze e dinamiche recenti 30 luglio 2015 E già tempo di pensare alla prossima vendemmia: chi sale e chi scende Ordini inferiori alle attese trascinano verso il basso il clima di fiducia A Luglio

Dettagli

Il mercato del Prosecco DOC: tendenze recenti

Il mercato del Prosecco DOC: tendenze recenti Il mercato del Prosecco DOC: tendenze recenti Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Viticoltura ed Enologia (CIRVE) Osservatorio Economico dei Vini Veneti Prof. Vasco Boatto Treviso, 26 maggio 2015

Dettagli

Potenziale vitivinicolo pugliese e prime

Potenziale vitivinicolo pugliese e prime Potenziale vitivinicolo pugliese e prime indicazioni per la vendemmia 2013 Settembre 2013 Centro studi Confagricoltura Puglia Via Amendola 166/5 Executive Center 70126 Bari Tel/fax +39 080 5484573 centrostudi@confagricolturapuglia.it

Dettagli

CONSORZI INCARICATI AI SENSI DELL' ART. 17 DEL D.LGS. 61/2010

CONSORZI INCARICATI AI SENSI DELL' ART. 17 DEL D.LGS. 61/2010 CONSORZI INCARICATI AI SENSI DELL' ART. 17 DEL D.LGS. 61/2010 N. Consorzio di tutela Indirizzi Provvedimenti incarichi Pubblicazione G.U. vini tutelati tipologia incarico 1 1 2 2 Consorzio Vino Chianti

Dettagli

Vino e territorio: posizionamento competitivo, tendenze e scenari di mercato per le grandi denominazioni italiane

Vino e territorio: posizionamento competitivo, tendenze e scenari di mercato per le grandi denominazioni italiane Tenuta S.Anna, 8 giugno 2017 Vino e territorio: posizionamento competitivo, tendenze e scenari di mercato per le grandi denominazioni italiane DENIS PANTINI Responsabile Wine Monitor Direttore Area Agroalimentare

Dettagli

Lingua italiana e dialetti in Italia

Lingua italiana e dialetti in Italia Statistiche in breve del 12 marzo 2002 Lingua italiana e dialetti in Italia Anno 2000 Si consolida l, diminuisce l uso esclusivo del, aumenta l uso alternato Continua a crescere l uso dell nei confronti

Dettagli

CASA.IT : Nota Congiunturale Mercato immobiliare residenziale

CASA.IT : Nota Congiunturale Mercato immobiliare residenziale CASA.IT : Nota Congiunturale Mercato immobiliare residenziale A cura del Centro Studi di Casa.it Maggio 2013 OVERVIEW: Highlights Alla fine del 2012 gli scambi di abitazioni in Italia hanno fatto registrare

Dettagli

L andamento nel tempo dei risultati PISA in Provincia di Bolzano

L andamento nel tempo dei risultati PISA in Provincia di Bolzano L andamento nel tempo dei risultati PISA in Provincia di Bolzano Stefania Pozio, Roberto Ricci Dalla seconda edizione della ricerca PISA, ossia dal 2003, la Provincia Autonoma di Bolzano partecipa con

Dettagli

VINISUD HALL B3 BOOTH C44

VINISUD HALL B3 BOOTH C44 VINISUD 2016 15.-17.02.2016 HALL B3 BOOTH C44 Abruzzo Torre Raone white still dry IGT 2015 Pecorino Colline Pescaresi Raone Bianco red still dry DOC 2014 Montepulciano d'abruzzo Lucanto red still dry IGT

Dettagli

Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa

Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Settembre 212 Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Secondo Trimestre 212 Nei primi sei mesi del 212 il numero di fallimenti si attesta sui livelli elevati dell anno precedente Secondo gli archivi

Dettagli

SITUAZIONE DELLA RETE AL E CONFRONTI 1998 / 2007 / 2010 / 2011

SITUAZIONE DELLA RETE AL E CONFRONTI 1998 / 2007 / 2010 / 2011 Osservatorio regionale del commercio SITUAZIONE DELLA RETE AL 31.12.2011 E CONFRONTI 1998 / 2007 / 2010 / 2011 marzo 2013 Osservatorio Commercio N IT 231513 SOMMARIO 1 IL QUADRO GENERALE 1.1 Il numero

Dettagli

COMPRAVENDITE DI IMMOBILI A USO ABITATIVO IN CAMPANIA numero

COMPRAVENDITE DI IMMOBILI A USO ABITATIVO IN CAMPANIA numero IL MERCATO IMMOBILIARE IN CAMPANIA Le compravendite. Il mercato immobiliare residenziale della Campania mostra nel 2007 una flessione degli immobili scambiati che si aggiunge a quella, più contenuta, già

Dettagli

IL MERCATO DELLE DOP E IGP IN ITALIA

IL MERCATO DELLE DOP E IGP IN ITALIA Direzione Mercati e Supporto alle Decisioni IL MERCATO DELLE DOP E IGP IN ITALIA Estratto dalla relazione ISMEA nell ambito del Convegno Dop, Igp, Stg: i numeri della qualità Settembre 2010 Introduzione

Dettagli

INVALSI 2016: I RISULTATI DEL PIEMONTE

INVALSI 2016: I RISULTATI DEL PIEMONTE INVALSI 2016: I RISULTATI DEL PIEMONTE Sintesi estratta dal rapporto INVALSI 2016 a cura dell Osservatorio sul Sistema formativo piemontese SISFORM realizzato da IRES Piemonte e Regione Piemonte ARTICOLO

Dettagli

NOTA Le assunzioni a tempo indeterminato. Le tendenze nazionali 2014-2015

NOTA Le assunzioni a tempo indeterminato. Le tendenze nazionali 2014-2015 Fvg prima regione per crescita di assunzioni a (+110%). Voucher boom: ne sono stati venduti 5 milioni nel 2015 Elaborazione Ires Fvg Nel 2015 il Friuli Venezia Giulia è la regione in cui si è registrata

Dettagli

6 RAPPORTO 2014 UIL (GIUGNO 2014) LA CASSA INTEGRAZIONE PER MACRO AREE, REGIONI E PROVINCE

6 RAPPORTO 2014 UIL (GIUGNO 2014) LA CASSA INTEGRAZIONE PER MACRO AREE, REGIONI E PROVINCE Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione 6 RAPPORTO 2014 UIL (GIUGNO 2014) LA CASSA INTEGRAZIONE PER MACRO AREE, REGIONI E PROVINCE ORE AUTORIZZATE GIUGNO 2014 dati per regioni e province autonome

Dettagli