Dichiarazione IVA 2012: ravvedimento operoso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dichiarazione IVA 2012: ravvedimento operoso"

Transcript

1 Dichiarazione IVA 2012: ravvedimento operoso di Roberto Fanelli (*) L ADEMPIMENTO Il contribuente puo` regolarizzare le violazioni commesse nel corso del 2011 entro il termine di presentazione della dichiarazione annuale relativa allo stesso anno (1º ottobre 2012). In tal caso, ai fini della compilazione della dichiarazione IVA, occorre osservare alcune specifiche disposizioni. " Riferimenti D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472, art. 13 D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322, art. 8 Agenzia delle Entrate, Provvedimento 16 gennaio 2012 Quadro normativo Il ravvedimento operoso è disciplinato dall art. 13 del D.Lgs. n. 472/1997 e consente all autore della violazione ed ai soggetti solidamente obbligati di rimediare spontaneamente, secondo modalità ed entro precisi limiti temporali stabiliti dalla norma, alle omissioni e alle irregolarità commesse (omesso o tardivo versamento, violazioni degli obblighi di fatturazione e/o di registrazione, irregolarità della dichiarazione annuale, ecc.), beneficiando così di una consistente riduzione delle sanzioni. Il ravvedimento comporta la riduzione delle sanzioni sempreché la violazione non sia stata già constatata e comunque non siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento delle quali l autore o i soggetti solidalmente obbligati, abbiano avuto formale conoscenza. La regolarizzazione dell inadempimento consiste: a) nella rimozione formale della violazione, cioè nell effettuazione dell adempimento omesso o nella correzione di quello irregolarmente eseguito; b) nel versamento dell imposta e degli interessi moratori (calcolati al tasso legale con maturazione giorno per giorno); c) nel versamento delle sanzioni in misura ridotta. Tutti i predetti adempimenti devono essere effettuati contestualmente entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno nel corso del quale è stata commessa la violazione. Pertanto, le violazioni IVA commesse nel corso dell anno 2011, possono essere regolarizzate entro il 1º ottobre 2012 (data ultima di presentazione della dichiarazione annuale). Attenzione Questo termine vale per tutte le violazioni regolarizzabili, ad eccezione dell omessa dichiarazione che può essere sanata solo entro il più ristretto termine di 90 giorni dalla scadenza del termine di presentazione. Pertanto: i termini per la regolarizzazione mediante ravvedimento dell omessa dichiarazione IVA/2011, relativa all anno 2010, sono scaduti; i termini per la regolarizzazione mediante ravvedimento dell omessa dichiarazione IVA/2012, relativa all anno 2011, scadono il 30 dicembre Il contribuente, quindi, ha tempo fino al prossimo 1º ottobre per sanare, ad esempio, le irregolarità agli obblighi di fatturazione commesse nel 2011 (omessa fatturazione, errori di aliquota) le indebite detrazioni effettuate nelle liquidazioni periodiche del 2011, le irregolarità contenute nella dichiarazione IVA/2011, relativa all anno 2010 (dichiarazione infedele). Attenzione Perché il ravvedimento sia completo, è necessario includere la maggiore imposta derivante dalla regolarizzazione, nella dichiarazione annuale di competenza. Così, ad esempio, nell ipotesi di omessa o irregolare fatturazione di una operazione effettuata nel corso del 2011, il contribuente deve includere la maggiore imposta nella dichiarazione IVA/2012. In caso contrario, infatti, egli sanerebbe la violazione degli obblighi di fatturazione ma presenterebbe una dichiarazione infedele. L Amministrazione finanziaria ha precisato che il termine contestualmente che si rinviene nel comma 2 dell art. 13 non deve essere inteso nel senso che tutte le incombenze previste ai fini del ravvedimento (rimozione formale della violazione e pagamento delle somme dovute) debbano avvenire nel medesimo giorno ma entro lo stesso limite temporale previsto dalla norma» (C.M. n. 180/E del 10 luglio 1998; risoluzione n. 165/E dell 11 luglio 2007). (*) Pubblicista PRATICA FISCALE e Professionale 25 n. 15 del 9 APRILE 2012

2 Una violazione dell obbligo di fatturazione commessa nel mese di ottobre 2011 può essere regolarizzata emettendo la fattura nel mese di aprile 2012 (rimozione formale della violazione) ed effettuando i versamenti entro il mese di settembre Resta fermo che se nelle more del completamento della regolarizzazione (ad esempio, nel periodo aprile - settembre 2012) la violazione venisse constatata ovvero iniziassero accessi, ispezioni o verifiche ovvero altre attività amministrative di accertamento, il ravvedimento sarebbe precluso. Modalità di regolarizzazione e dichiarazione annuale A seconda della tipologia di violazione che si intende regolarizzare mediante ravvedimento, cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione annuale IVA/2012. Tavola n. 1 - Tipologia di violazione e compilazione della dichiarazione IVA 2012 In quest ultimo caso, la maggiore imposta derivante dalla regolarizzazione della dichiarazione IVA/2011 deve essere inclusa nella stessa dichiarazione IVA/2011 ripresentata e non nella dichiarazione IVA/2012. Si tratta, infatti, di una maggiore imposta di competenza dell annualità Se la irregolarità deriva da omesse o infedele fatturazioni/registrazioni, l Ufficio potrà applicare in misura piena le relative sanzioni, trattandosi di violazioni commesse nell anno 2010, per le quali il relativo termine di regolarizzazione è scaduto il 30 settembre Se la irregolarità deriva da indebite detrazioni effettuate nel corso dell anno 2010 e riprodotte nella originaria dichiarazione annuale IVA/2011, l Ufficio potrà applicare la sanzione prevista dall art. 6, comma 6, del D.Lgs. n. 471/1997 in misura piena, trattandosi di violazione commessa nell anno 2010, per la quale il relativo termine di regolarizzazione è scaduto il 30 settembre Nel caso di correzione di errori formali contenuti nella dichiarazione IVA/2011, il ravvedimento si sostanzia nella ripresentazione della dichiarazione IVA/2011 e con il versamento della sanzione prevista dall art. 8, comma 1, del D.Lgs. n. 471/1997, ridotta ad 1/8 del minimo (258/8 = 32 euro). La dichiarazione si considera presentata nel giorno in cui è trasmessa mediante procedure telematiche e precisamente nel giorno in cui è conclusa la ricezione dei dati da parte dell Agenzia delle Entrate (cfr. circolare n. 6/E del 25 gennaio 2002). Ai sensi degli artt. 2 e 8 del D.P.R. n. 322/1998, le dichiarazioni presentate con ritardo superiore a 90 giorni si considerano omesse, ma costituiscono titolo per la riscossione dell imposta che ne risulti dovuta. PRATICA FISCALE e Professionale 26 n. 15 del 9 APRILE 2012

3 Compilazione della dichiarazione Violazioni degli obblighi di fatturazione/registrazione Le operazioni imponibili effettuate nel 2011 e non fatturate e/o non registrate nei termini, possono essere regolarizzate entro il 1 ottobre 2012, in base alle regole sul ravvedimento (art. 13 del D.Lgs. n. 472/ 1997). A tal fine, il contribuente deve porre in essere, ora per allora, l adempimento omesso o irregolarmente eseguito (emettendo, quindi, la fattura ed annotandola nel registro IVA delle vendite) e deve versare il tributo, maggiorandolo degli interessi moratori, mediante modello F24, unitamente alla sanzione ridotta ad 1/8 del minimo. Quadro VE Le operazioni effettuate nel 2011 devono essere indicate nel Quadro VE della dichiarazione IVA/2012 anche se non annotate nei registri IVA relativi a tale annualità ovvero annotate in ritardo. Se le omissioni relative all anno 2011 sono state regolarizzate, mediante ravvedimento, entro la stessa annualità, le operazioni risultano dai registri IVA; invece, se la regolarizzazione viene compiuta nel 2012, le operazioni saranno annotate nei registri IVA relativi al Nel primo caso, l ammontare imponibile delle operazioni da indicare nel Quadro VE coincide con quello risultante dai registri IVA. Nel secondo caso, l ammontare imponibile delle operazioni da indicare nel Quadro VE deve essere integrato delle operazioni regolarizzate mediante ravvedimento. Attenzione In questo secondo caso, ove cioè l operazione effettuata nel 2011 sia regolarizzata mediante ravvedimento nel corso del poiché la stessa confluisce nella dichiarazione relativa all anno il contribuente dovrà espungerla dalla dichiarazione relativa al 2012, da presentare nel 2013, anche se l operazione risulta annotata nei registri IVA relativi al Quadro VH Il Quadro VH deve essere compilato per l indicazione dei dati (IVA a credito ovvero IVA a debito) risultanti dalle liquidazioni periodiche eseguite. Le Istruzioni per la compilazione della dichiarazione precisano che l importo da indicare nel campo debiti di ogni rigo del presente quadro corrisponde all IVA dovuta per ciascun periodo (anche se non effettivamente versata) (Cfr. C.M. n. 192/E del 23 luglio 1998, par ). Inoltre, in caso di regolarizzazione di un omesso FISCO versamento d imposta relativo ad una precedente liquidazione periodica, il contribuente non deve tener conto nel rigo del quadro VH corrispondente al periodo in cui viene effettuata la regolarizzazione, degli importi versati a tale titolo. Ciò in quanto, in corrispondenza di ogni periodo (mese o trimestre) deve essere indicato, come sopra già chiarito, l importo da versare di competenza di quel periodo, ancorché il versamento non sia stato poi effettuato nei termini prescritti. In presenza di versamenti effettuati a seguito di ravvedimento di cui all articolo 13 del d.lgs. n. 472 del 1997, occorre barrare la relativa casella nel rigo corrispondente al periodo di liquidazione per il quale il contribuente si è avvalso del predetto istituto. Si evidenzia, inoltre, che gli interessi da ravvedimento non devono essere compresi negli importi indicati nel presente quadro (cfr. Istruzioni IVA/2012, par ). Quadro VL L imposta versata a seguito di ravvedimento per la regolarizzazione di operazioni effettuate nel 2011 deve essere indicata nel Rigo VL29, campo 1, unitamente a tutti i versamenti periodici (compreso l acconto IVA e gli interessi trimestrali dei soggetti che hanno optato per l effettuazione delle liquidazioni con tale cadenza). Infatti, l ammontare complessivo dei versamenti periodici da indicare nel predetto Rigo VL29 risulta dalla somma dei dati IVA riportati nella colonna Importi a debito versati della Sezione erario dei modelli di pagamento F24, anche se non effettivamente versati a seguito di compensazione con crediti relativi ad altri tributi (o anche ad IVA), contributi e premi e anche se versati a titolo di ravvedimento. PRATICA FISCALE e Professionale 27 n. 15 del 9 APRILE 2012

4 Nel mese di marzo 2011 il contribuente ha effettuato una cessione di beni, per un ammontare imponibile di ed un imposta di La fattura è stata erroneamente emessa per un imponibile di ed un IVA di Nel mese di ottobre 2011 lo stesso soggetto ha effettuato una operazione per un importo di 7.000, applicando erroneamente l aliquota del 10% in luogo di quella ordinaria del 21%. Nel mese di gennaio 2012, il soggetto ha regolarizzato le violazioni: 1. ha emesso fattura integrativa per più IVA di 800; 2. ha emesso nota integrativa per IVA di 770; 3. ha registrato tali operazioni (il sistema di elaborazione ha automaticamente annotato le operazioni nel mese di gennaio 2012, con apposito codice di registrazione); 4. ha versato la maggiore IVA di con modello F24: a) indicando il codice tributo 6003 per il versamento di 800 (relativo a marzo 2011); b) indicando il codice tributo 6010 per il versamento di 770 (relativo a ottobre 2011); c) in entrambi i casi, indicando quale anno di riferimento del versamento 2011 ; 5. ha versato gli interessi moratori con il codice tributo 1991 (anno di riferimento 2011 ), calcolati dal giorno in cui l imposta avrebbe dovuto essere versata (se l operazione fosse stata regolarmente documentata) fino a quello in cui viene effettivamente pagata; 6. ha versato la sanzione prevista dall art. 6, comma 1, del D.Lgs. n. 471/1997, nella misura di 1/8 del minimo, con il codice tributo 8904 (anno di riferimento 2011 ); 7. ha versato la sanzione prevista dall art. 13 del D.Lgs. n. 471/1997, per l omesso versamento dell IVA risultante dalla liquidazione periodica dei mesi di marzo e di ottobre (in quanto, nell esempio, chiusi a debito ), nella misura di 3,75% (1/8 del 30%), secondo quanto prevede la C.M. n. 192/E del 23 luglio 1998, par Compilazione del Quadro VE: L operazione effettuata a marzo deve essere indicata nel rigo VE22 per il suo importo complessivo ( nel campo 1. Imponibile e nel campo 2. Imposta ). L operazione effettuata ad ottobre deve essere indicata nel Rigo VE23 (e non nel Rigo VE21), per il suo importo complessivo (7.000 nel campo 1. Imponibile e nel campo 2. Imposta ). Compilazione del Quadro VH: Nel Rigo VH3 deve essere indicato l importo complessivo dell operazione effettuata a marzo, anche se l IVA non è stata versata integralmente. Ad esempio, se a marzo fosse stata effettuata solo l operazione in esame, senza registrazione di acquisti, nel Rigo VH3, Campo 2, dovrebbe essere indicato l importo di 2.000, anche se l imposta versata entro il 16 aprile è pari a Gli interessi da ravvedimento non devono essere compresi negli importi indicati nel presente quadro. Inoltre, il contribuente deve barrare la casella 3 Ravvedimento, per segnalare che parte del tributo è stato versato in sede di regolarizzazione mediante ravvedimento (anche se il versamento è avvenuto a gennaio del 2012). PRATICA FISCALE e Professionale 28 n. 15 del 9 APRILE 2012

5 Compilazione del Quadro VL Per quanto riguarda il Quadro VL, l ammontare complessivo dei versamenti da F24, compreso quello eseguito a gennaio (ma relativo all anno 2011), deve essere indicato nel Rigo VL29, Campo 1. Violazioni degli obblighi di versamento L IVA non versata nel corso del 2011 può essere regolarizzata entro il 1 ottobre 2012, in base alle regole sul ravvedimento (art. 13 del D.Lgs. n. 472/ 1997). A tal fine, il contribuente deve porre in essere, ora per allora, l adempimento omesso o irregolarmente eseguito (effettuando, quindi, il versamento omesso o inferiore al dovuto, maggiorato degli interessi moratori) e deve versare anche la sanzione del 30% ridotta ad 1/8 (3,75%). La sanzione è ridotta ad 1/ 10 (3%) se il versamento è regolarizzato entro 30 giorni dalla scadenza. Quadro VH Anche in questo caso, come si è giàdettopiùsopra, il contribuente deve ricomprendere l imposta oggetto di regolarizzazione nella liquidazione mensile di competenza, anche se il tributo non è stato effettivamente versato, barrando la casella Ravvedimento. Quadro VL L imposta versata a seguito di ravvedimento per la regolarizzazione di operazioni effettuate nel 2011 deve essere indicata nel Rigo VL29, campo 1, unitamente a tutti i versamenti periodici (compreso l acconto IVA e gli interessi trimestrali dei soggetti che hanno optato per l effettuazione delle liquidazioni con tale cadenza). Il contribuente non ha versato l IVA a debito del mese di ottobre 2011 (scadenza: 16 novembre 2011). L ammontare del tributo non versato è pari a euro. In data 25 gennaio 2012, il soggetto ha regolarizzato la violazione, mediante F24: 1. ha versato l importo di 4.500, indicando il codice tributo 6010 (relativo al mese di ottobre); 2. ha versato gli interessi moratori, con il codice tributo 1991; 3. ha versato la sanzione pari al 3,75% di 4.500, con il codice tributo Violazioni degli obblighi di detrazione L IVA indebitamente detratta in sede di liquidazioni periodiche effettuate nel corso del 2011 integra la violazione prevista dall art. 6, comma 6, del D.Lgs. n. 471/1997, secondo cui chi computa illegittimamente in detrazione l imposta assolta, dovuta o addebitatagli in via di rivalsa, è punito con la sanzione amministrativa uguale all ammontare della detrazione compiuta. Se la illegittima detrazione viene ripetuta in sede di dichiarazione annuale, tale sanzione trova applicazione congiuntamente con quella di dichiarazione infedele, ferme restando le norme sulla pregressione di cui all art. 12 del D.Lgs. n. 472/1997 (C.M. 25 gennaio 1999, n. 23/E, par. 2.8.). Pertanto, il soggetto che regolarizzi la violazione di detrazione indebita relativa al 2011, prima della presentazione della dichiarazione IVA/2012 avrà sanato completamente la propria posizione. Quadro VF L operazione deve essere indicata nel Quadro VF tra quelle a detrazione esclusa, ridotta o non spettante. Quadro VH Il contribuente deve ricomprendere l imposta oggetto di regolarizzazione nella liquidazione mensile di competenza, anche se il tributo non è stato effettivamente versato, barrando la casella Ravvedimento. Quadro VL L imposta versata a seguito di ravvedimento per la regolarizzazione di operazioni effettuate nel 2011 deve essere indicata nel Rigo VL29, campo 1, unitamente a tutti i versamenti periodici. PRATICA FISCALE e Professionale 29 n. 15 del 9 APRILE 2012

6 Nel corso dell anno 2011 l impresa ha sostenuto spese di rappresentanza per un importo pari a euro, portando erroneamente in detrazione l imposta di euro. In sede di revisione interna delle operazioni l impresa si avvede di questo errore ed intende sanarlo prima della presentazione della dichiarazione annuale. Il soggetto: 1. deve versare l imposta erroneamente detratta; 2. deve versare anche gli interessi moratori e la sanzione in misura ridotta (1/8 del 100%). Si ritiene che così facendo il soggetto abbia completamente sanato la propria posizione e non sia, quindi, tenuto a regolarizzare anche i versamenti mensili che risultano inferiori al dovuto, per effetto delle illegittime detrazioni derivanti dalle fatture passive annotate nei singoli mesi. SUL MOD. IVA 2012 Pratica Fiscale R. Fanelli, Dichiarazione IVA 2012: ravvedimento operoso, N. 15/2012 R. Fanelli, Dichiarazione IVA 2012: modello VR, n. N. 11/2012 R. Fanelli, La dichiarazione IVA 2012, N. 9/2012 PRATICA FISCALE e Professionale 30 n. 15 del 9 APRILE 2012

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 331 03.11.2016 Omesso versamento Iva e possibile compensazione Categoria: Iva Sottocategoria: Varie A cura di Paola Sabatino Nel caso di omesso

Dettagli

L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO Circolare N. 06 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 25 gennaio 2011 L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO La Legge di stabilità 2011 ha aumentato la misura delle sanzioni

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 3/2011

NOTA OPERATIVA N. 3/2011 NOTA OPERATIVA N. 3/2011 OGGETTO: OMESSA FATTURAZIONE DI OPERAZIONI IMPONIBILI E RAVVEDIMENTO OPEROSO - Premessa L Agenzia delle entrate ha recentemente fornito una serie di chiarimenti relativi alla disciplina

Dettagli

20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento

20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 36 20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento Categoria: Sottocategoria: Ravvedimento I sostituti d imposta tenuti alla presentazione del

Dettagli

COME SI PAGA PER LA REGOLARIZZAZIONE VIOLAZIONI DI NATURA FORMALE

COME SI PAGA PER LA REGOLARIZZAZIONE VIOLAZIONI DI NATURA FORMALE XIII. XIII. Il Il ravvedimento ravvedimento operoso operoso Come si paga per la regolarizzazione violazione di natura formale Come si paga per la regolarizzazione - violazione di natura formale - omesso

Dettagli

Bologna, 29 maggio Circolare n. 17/2017. Oggetto: Comunicazioni periodiche IVA: le FAQ dell Agenzia delle Entrate

Bologna, 29 maggio Circolare n. 17/2017. Oggetto: Comunicazioni periodiche IVA: le FAQ dell Agenzia delle Entrate Oggetto: Comunicazioni periodiche IVA: le FAQ dell Agenzia delle Entrate Bologna, 29 maggio 2017 Circolare n. 17/2017 Gentile Cliente, Il D.L. 193/2016 ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA,

Dettagli

Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso

Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Guida al Lavoro I SUPPLEMENTI Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso La dichiarazione dei sostituti d imposta è articolata in due parti: a) Il mod. 770 Semplificato deve essere utilizzato dai

Dettagli

Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Nardia Parducci Dottore commercialista in Lucca

Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Nardia Parducci Dottore commercialista in Lucca Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Nardia Parducci Dottore commercialista in Lucca 86 La dichiarazione dei sostituti d imposta è articolata in due parti: a) Il mod. 770 semplificato utilizzato

Dettagli

Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo

Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo Entro il prossimo 25 ottobre il contribuente, in caso di errori nella compilazione della dichiarazione, può presentare al CAF o al professionista

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 334 21.12.2015 Unico tardivo entro il 29.12 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Ravvedimento La mancata presentazione di Unico 2015 può essere

Dettagli

CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1704 6 SETTEMBRE 2011 IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DAL 1 FEBBRAIO 2011

CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1704 6 SETTEMBRE 2011 IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DAL 1 FEBBRAIO 2011 CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1704 6 SETTEMBRE 2011 IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DAL 1 FEBBRAIO 2011 Dal 6 luglio 2011 il nuovo ravvedimento sprint di Stefano Setti La manovra correttiva 2011 ha stabilito che a

Dettagli

L acconto I.V.A. per l anno 2002

L acconto I.V.A. per l anno 2002 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 33/2002 L acconto I.V.A. per l anno 2002 Copyright 2002 Acerbi & Associati ASSOCIAZIONE

Dettagli

SPECIALE RAVVEDIMENTO OPEROSO

SPECIALE RAVVEDIMENTO OPEROSO Dr. Bartali Claudio Dr. Bartali Luca Dr. Barsottini Claudio Dr. Maltomini Antonio Dr. Turini Stefano Dr. Grossi Simone Dr. Scannerini Daniele Dr. Silvestri Alessio SPECIALE RAVVEDIMENTO OPEROSO IL RAVVEDIMENTO

Dettagli

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA Nel corso del 2015 il Legislatore ha modificato: l istituto del ravvedimento operoso; il regime sanzionatorio, la cui decorrenza è

Dettagli

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 249 26.09.2013 Unico 2012: integrativa entro il 30.09 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti Il termine del 30.09.2013 incide anche

Dettagli

Anno 2010 N. RF 30. La Nuova Redazione Fiscale SPLAFONAMENTO E RAVVEDIMENTO OPEROSO

Anno 2010 N. RF 30. La Nuova Redazione Fiscale SPLAFONAMENTO E RAVVEDIMENTO OPEROSO ODCEC VASTO Anno 2010 N. RF 30 La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 5 OGGETTO SPLAFONAMENTO E RAVVEDIMENTO OPEROSO RIFERIMENTI CM 12/2008 - CM 50/2002 CM 98/2000 CIRCOLARE DEL 22/02/2010

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 340 14.11.2016 Dichiarazione integrativa e mancata indicazione di un reddito da locazione L immobile ad uso non abitativo A cura di Andrea Amantea

Dettagli

Istituti deflattivi e Contenzioso Fiscale di Valerio Cirimbilla e Alberto Giannone

Istituti deflattivi e Contenzioso Fiscale di Valerio Cirimbilla e Alberto Giannone Istituti deflattivi e Contenzioso Fiscale di Valerio Cirimbilla e Alberto Giannone Omessa regolarizzazione del cessionario in caso di omessa fatturazione o fatturazione irregolare da parte del cedente

Dettagli

CIRCOLARE n. 16 del 09/12/2013 IL VERSAMENTO DELL ACCONTO IVA 2013

CIRCOLARE n. 16 del 09/12/2013 IL VERSAMENTO DELL ACCONTO IVA 2013 CIRCOLARE n. 16 del 09/12/2013 IL VERSAMENTO DELL ACCONTO IVA 2013 INDICE 1. PREMESSA 2. METODO STORICO 3. METODO PREVISIONALE 4. METODO DELLE OPERAZIONI EFFETTUATE 5. SOGGETTI ESONERATI DAL VERSAMENTO

Dettagli

Agenzia delle Entrate FAQ Liquidazioni Periodiche IVA

Agenzia delle Entrate FAQ Liquidazioni Periodiche IVA Agenzia delle Entrate FAQ Liquidazioni Periodiche IVA Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione? Il rigo

Dettagli

LE REGOLE DEL RAVVEDIMENTO DI OMESSI O PARZIALI VERSAMENTI

LE REGOLE DEL RAVVEDIMENTO DI OMESSI O PARZIALI VERSAMENTI LE REGOLE DEL RAVVEDIMENTO DI OMESSI O PARZIALI VERSAMENTI Con il presente contributo si intende riepilogare le regole per l utilizzo del ravvedimento operoso, istituto che permette di sanare (con l applicazione

Dettagli

Le società che nel 2008 hanno partecipato ad

Le società che nel 2008 hanno partecipato ad DICHIARAZIONI IVA di gruppo di Ciro D Ardia (*) Le società che nel 2008 hanno partecipato ad una procedura di gruppo in base a quanto previsto dall articolo 73, ultimo comma del D.P.R. n. 633/1972 e dal

Dettagli

Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione?

Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione? Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione? L'imponibile delle operazioni passive per le quali, in base a

Dettagli

CONTROLLO delle DICHIARAZIONI CHIARIMENTI della C.M. 18/E/2011

CONTROLLO delle DICHIARAZIONI CHIARIMENTI della C.M. 18/E/2011 Circolare informativa per la clientela n. 28/2011 del 15 settembre 2011 CONTROLLO delle DICHIARAZIONI CHIARIMENTI della C.M. 18/E/2011 In questa Circolare 1. Controllo automatico delle dichiarazioni Comunicazione

Dettagli

Circolare N.128 del 30 settembre 2011. Partite IVA inattive: per la chiusura agevolata l appuntamento è al 4 ottobre

Circolare N.128 del 30 settembre 2011. Partite IVA inattive: per la chiusura agevolata l appuntamento è al 4 ottobre Circolare N.128 del 30 settembre 2011 Partite IVA inattive: per la chiusura agevolata l appuntamento è al 4 ottobre Partite IVA inattive: per la chiusura agevolata l appuntamento è al 4 ottobre Gentile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 114/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 114/E QUESITO RISOLUZIONE N. 114/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 maggio 2007 OGGETTO: Istanza di interpello d.p.r. 131/1986 disciplina ai fini dell imposta di registro della regolarizzazione della

Dettagli

DATI ICI 2006 RICHIESTI NEL MODELLO 730/2007

DATI ICI 2006 RICHIESTI NEL MODELLO 730/2007 Servizio INFORMATIVA 730 INFORMATIVA N. 26 Prot. 2974 DATA 10.04.2007 Settore: Oggetto: Riferimenti: IMPOSTE SUI REDDITI ICI dovuta per il 2006 e possibilità di ravvedimento operoso D.L. n. 223/2006; Modello

Dettagli

N. 75 FISCAL NEWS. Saldo Iva

N. 75 FISCAL NEWS. Saldo Iva a cura di Antonio Gigliotti N. 75 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale Saldo Iva 2009 25.02.2010 Categoria Sottocategoria Entro il prossimo 16.3 i soggetti tenuti alla presentazione

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 57 14.07.2014 Sanzioni tributarie e ravvedimento operoso Il sistema sanzionatorio previsto per errori e omissioni collegate alla dichiarazione

Dettagli

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu L agenda di Unico, Imu e degli altri pagamenti del Pag. n. 1 L agenda dei pagamenti di Unico, Irap, Iva e della prima rata Imu A CURA DI SALVINA MORINA E TONINO MORINA Persone fisiche, società di persone,

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 380 13.12.2016 Operazioni soggette a reverse charge: il regime sanzionatorio A cura di Diana Pérez Corradini Categoria: Iva Sottocategoria: Reverse

Dettagli

L ACCONTO IVA L acconto IVA per il 2016, da versare entro il , va determinato utilizzando uno dei seguenti metodi.

L ACCONTO IVA L acconto IVA per il 2016, da versare entro il , va determinato utilizzando uno dei seguenti metodi. Lecco, 1 dicembre 2016 Alla Spettabile Clientela L ACCONTO IVA 2016 L acconto IVA per il 2016, da versare entro il 27.12.2016, va determinato utilizzando uno dei seguenti metodi. DETERMINAZIONE ACCONTO

Dettagli

Il nuovo ravvedimento operoso

Il nuovo ravvedimento operoso Il nuovo ravvedimento operoso RIFERIMENTI: Art. 13, d.lgs. 18 dicembre 1997, n. 472 Disposizioni generali in materia di sanzioni amministrative per le violazioni di norme tributarie - Art. 1, comma 637,

Dettagli

Come regolarizzare lo splafonamento Iva

Come regolarizzare lo splafonamento Iva Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 87 24.03.2014 Come regolarizzare lo splafonamento Iva L utilizzo del plafond in maniera eccedente rispetto all ammontare disponibile, va regolarizzato

Dettagli

Via Kennedy, Favara (AG) tel fax IL DIRITTO CAMERALE

Via Kennedy, Favara (AG) tel fax IL DIRITTO CAMERALE IL DIRITTO CAMERALE Che cosa è? Il diritto camerale è il tributo che ogni impresa, iscritta o annotata nel Registro delle imprese, è tenuta a versare alla Camera di Commercio di riferimento (art. 18 della

Dettagli

IVA. Acconto del Alla cassa entro il

IVA. Acconto del Alla cassa entro il Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 364 10.12.2014 IVA. Acconto del 29.12. Alla cassa entro il 29.12.2014. Categoria: Iva Sottocategoria: Adempimenti Entro il 27.12 di ogni anno

Dettagli

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015 IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015 IL NUOVO CORSO COLLABORATIVO (1) IL QUADRO NORMATIVO CAMBIA Si punta su un modello di cooperazione tra AF e contribuente Obiettivo: perseguire il

Dettagli

LE SANZIONI TRIBUTARIE

LE SANZIONI TRIBUTARIE LE SANZIONI TRIBUTARIE Laura Rossi Dufour Dottore Commercialista Revisore Contabile Via San Gregorio 53 Milano Via D.Fiasella 3/14 Genova Tel.010542196 laura.rossi@studiorossidufour.it 1 Le sanzioni La

Dettagli

Fiscal Flash La notizia in breve

Fiscal Flash La notizia in breve Fiscal Flash La notizia in breve N. 201 17.12.2014 IMU/TASI: i rimedi dopo il 16 dicembre 2014 Come comportarsi per sanare eventuali omissioni od errori legati al saldo IMU e TASI, anche alla luce delle

Dettagli

- ASPETTI GENERALI DELLA DICHIARAZIONE IVA

- ASPETTI GENERALI DELLA DICHIARAZIONE IVA INDICE Novità dei Modelli IVA 2012... pag. 9 Novità nella dichiarazione IVA annuale...» 9 Mod. IVA BASE 2012... pag. 12 Il Modello IVA BASE...» 12 Soggetti interessati...» 12 Soggetti esclusi...» 13 Caratteristiche

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16 /E

RISOLUZIONE N. 16 /E RISOLUZIONE N. 16 /E ROMA, 06/02/2017 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212- Acquisti senza applicazione dell Iva oltre i limiti del plafond. Regolarizzazione

Dettagli

Ravvedimento della mini - IMU 2013

Ravvedimento della mini - IMU 2013 Periodico informativo n. 15/2014 Ravvedimento della mini - IMU 2013 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che, se entro lo scorso

Dettagli

4.2.9 QUADRO VL LIQUIDAZIONE DELL IMPOSTA ANNUALE. SEZIONE 2 - Credito anno precedente

4.2.9 QUADRO VL LIQUIDAZIONE DELL IMPOSTA ANNUALE. SEZIONE 2 - Credito anno precedente 4.2.9 QUADRO VL LIQUIDAZIONE DELL IMPOSTA ANNUALE Il quadro VL è composto di tre sezioni. Nel caso di compilazione di più moduli per effetto di contabilità separate (art. 36), le sezioni 2 e 3 del presente

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 15.07.2014 Adeguamento agli studi di settore in Unico Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Al fine di evitare il rischio di

Dettagli

Come sanare il mancato versamento della mini-imu

Come sanare il mancato versamento della mini-imu Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 30 28.01.2014 Come sanare il mancato versamento della mini-imu Passata la scadenza del 24 gennaio 2014, è ancora possibile utilizzare il ravvedimento

Dettagli

Quadro VL del Mod. IVA 2013: liquidazione dell imposta annuale

Quadro VL del Mod. IVA 2013: liquidazione dell imposta annuale Quadro VL del Mod. IVA 2013: liquidazione dell imposta annuale di Roberto Fanelli (*) L ADEMPIMENTO Nel Quadro VL della dichiarazione IVA annuale sono riportati gli elementi relativi alla liquidazione

Dettagli

BriaConsulting Commercialisti Associati Consulenza Societaria - Fiscale - del Lavoro

BriaConsulting Commercialisti Associati Consulenza Societaria - Fiscale - del Lavoro A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Monza, 10 Dicembre 2015 ACCONTO IVA 2015 Scade il 28 dicembre il versamento dell acconto IVA per il 2015, atteso che il termine di legge del 27 dicembre cade di domenica. L

Dettagli

Quadro VH LIQUIDAZIONI PERIODICHE

Quadro VH LIQUIDAZIONI PERIODICHE Quadro VH LIQUIDAZIONI PERIODICHE ADEMPIMENTO SOGGETTI ESONERATI COME SI COMPILA LIQUIDAZIONI PERIODICHE VERSAMENTI IMMATRICOLAZIONE AUTO UE Il Quadro VH deve essere compilato da tutti i contribuenti che

Dettagli

L ACCONTO IVA modalità alternative di calcolo e peculiarità in caso di modifica dei regimi contabili adottati. Relatore Guido BERARDO, Commercialista

L ACCONTO IVA modalità alternative di calcolo e peculiarità in caso di modifica dei regimi contabili adottati. Relatore Guido BERARDO, Commercialista L ACCONTO IVA modalità alternative di calcolo e peculiarità in caso di modifica dei regimi contabili adottati Relatore Guido BERARDO, Commercialista Coordina i lavori Salvatore REGALBUTO, Commercialista

Dettagli

Oggetto: LE REGOLE DEL RAVVEDIMENTO DI OMESSI O PARZIALI VERSAMENTI

Oggetto: LE REGOLE DEL RAVVEDIMENTO DI OMESSI O PARZIALI VERSAMENTI www..com posta@.com Altavilla Vicentina, 7 luglio 2010 associati dottori commercialisti pierpaolo baldinato gabriele pantaleoni collaboratori dottori commercialisti sabrina gasparotto viviana gentile gaia

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 33/2016. Parma, 31 Ottobre 2016

CIRCOLARE DI STUDIO 33/2016. Parma, 31 Ottobre 2016 CIRCOLARE DI STUDIO 33/2016 Parma, 31 Ottobre 2016 OGGETTO: Chiarimenti in materia di ravvedimento operoso Di seguito si fornisce un breve riepilogo dei chiarimenti forniti dall Agenzia delle entrate con

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 33 del 25 Febbraio 2011 Ai gentili clienti Loro sedi Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 16 marzo 2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle

Dettagli

Oggetto: Obbligo di comunicazione telematica delle operazioni rilevanti ai fini Iva

Oggetto: Obbligo di comunicazione telematica delle operazioni rilevanti ai fini Iva CIRCOLARE N. 2/2011 Oggetto: Obbligo di comunicazione telematica delle operazioni rilevanti ai fini Iva Premessa L art. 21 del Decreto Legge 78/2010, conv. con modif. con L. 30 luglio 2010, n. 122, ha

Dettagli

OGGETTO: Sanzioni in materia di riscossione - articoli 13 e 14 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471 QUESITO

OGGETTO: Sanzioni in materia di riscossione - articoli 13 e 14 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471 QUESITO RISOLUZIONE N. 165/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 luglio 2007 OGGETTO: Sanzioni in materia di riscossione - articoli 13 e 14 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471 Con

Dettagli

Forlì, 25 febbraio Dott. Enrico Zambianchi & PARTNERS STUDIO ANTONELLI

Forlì, 25 febbraio Dott. Enrico Zambianchi & PARTNERS STUDIO ANTONELLI NUOVE POSSIBILITA DI AVVALERSI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 E NOVITA DEGLI ISTITUTI DEFLATTIVI DAL 2016 (Art. 1, commi 637-640 Legge di Stabilità 2015) Forlì, 25 febbraio 2015

Dettagli

1 - L INVIO DEL MOD. IRE PER I LAVORI DI RISPARMIO ENERGETICO A CAVALLO D ANNO

1 - L INVIO DEL MOD. IRE PER I LAVORI DI RISPARMIO ENERGETICO A CAVALLO D ANNO Pesaro, lì 26 marzo 2012 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE n. 05/2012 1- Invio Modello IRE per lavori di risparmio energetico del 55% a cavallo d anno; 2 Nuove regole iva dal 17-03-2012 per i servizi

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione dati Dichiarazione Iva Elenco dei clienti e dei fornitori relativi all anno 2006

OGGETTO: Comunicazione dati Dichiarazione Iva Elenco dei clienti e dei fornitori relativi all anno 2006 Dott. Carlo Agosta Dott. Enrico Pogolotti Dott. Davide Mancardo Dott.ssa Chiara Valente Dott.ssa Stefania Neirotti Torino, lì 30 gennaio 2007 Circolare n. 10/2007 OGGETTO: Comunicazione dati Dichiarazione

Dettagli

IVA 2012: fusione di societa`

IVA 2012: fusione di societa` IVA 2012: fusione di societa` di Roberto Fanelli (*) L ADEMPIMENTO La fusione di societa` comporta l estinzione della societa` fusa o incorporata. Le disposizioni in materia di dichiarazione annuale prevedono

Dettagli

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Artt. 1, 8 e 13, D.Lgs. n. 471/97 Art. 13, D.Lgs. n. 472/97 Circolare Agenzia Entrate 12.10.2016, n. 42/E Recentemente l Agenzia

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 124 30.03.2017 Controlli Operazioni IVA 2014 e spesometro Le comunicazioni dell Agenzia delle Entrate A cura di: Pasquale Pirone Categoria: Contribuenti

Dettagli

15/2015 Febbraio/2/2015 (*) Napoli 4 Febbraio 2015

15/2015 Febbraio/2/2015 (*) Napoli 4 Febbraio 2015 Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 15/2015 Febbraio/2/2015 (*) Napoli 4 Febbraio 2015 La Legge 190/2014, (Stabilità 2015) pubblicata sulla G.U. n. 300 del 29 dicembre 2014,

Dettagli

Acconto IVA 2013 e aumento aliquota IVA

Acconto IVA 2013 e aumento aliquota IVA Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 349 18.12.2013 Acconto IVA 2013 e aumento Effetti penalizzanti con metodo previsionale e metodo analitico Categoria: Versamento Sottocategoria:

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 321 21.10.2016 Omesso canone cedolare secca in dichiarazione: il ravvedimento Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico A cura di Pasquale

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO:REGOLE DI COMPILAZIONE DELL F24 E SANATORIA PER LA MANCATA PRESENTAZIONE

RAVVEDIMENTO OPEROSO:REGOLE DI COMPILAZIONE DELL F24 E SANATORIA PER LA MANCATA PRESENTAZIONE RAVVEDIMENTO OPEROSO:REGOLE DI COMPILAZIONE DELL F24 E SANATORIA PER LA MANCATA PRESENTAZIONE Il ricorso allo strumento del cosiddetto ravvedimento operoso per regolarizzare violazioni quali: l omesso

Dettagli

R O S S I & A S S O C I A T I C o r p o r a t e A d v i s o r s

R O S S I & A S S O C I A T I C o r p o r a t e A d v i s o r s R O S S I & A S S O C I A T I C o r p o r a t e A d v i s o r s Main Office: Via S. Radegonda, 8 - Milano www.rossiassociati.it Tel +39 02.874271 Fax +39 02.72099377 NEWS SETTIMANALE Febbraio 2015 nr.

Dettagli

STRUMENTI DI LAVORO ACCONTO IVA 2015

STRUMENTI DI LAVORO ACCONTO IVA 2015 STRUMENTI DI LAVORO ACCONTO IVA 2015 I METODI A DISPOSIZIONE, LA BASE IMPONIBILE E LE MODALITA DI VERSAMENTO Soggetti esclusi dal versamento I contribuenti che hanno iniziato l attività nel corso del 2015;

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO VIOLAZIONI IN TEMA DI REVERSE CHARGE ED ESPORTAZIONI LE NUOVE MISURE DELLE SANZIONI

RAVVEDIMENTO OPEROSO VIOLAZIONI IN TEMA DI REVERSE CHARGE ED ESPORTAZIONI LE NUOVE MISURE DELLE SANZIONI Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Dottore Commercialista Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dottore

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT: ENTRO IL 20 LUGLIO LA SANATORIA DELLE VIOLAZIONI

ELENCHI INTRASTAT: ENTRO IL 20 LUGLIO LA SANATORIA DELLE VIOLAZIONI Circolare N. 55 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 16 luglio 2010 ELENCHI INTRASTAT: ENTRO IL 20 LUGLIO LA SANATORIA DELLE VIOLAZIONI Entro il prossimo 20 luglio, i contribuenti che in sede di

Dettagli

SALDO IVA 2013 VERSAMENTO ENTRO il 17 MARZO 2014

SALDO IVA 2013 VERSAMENTO ENTRO il 17 MARZO 2014 Circolare informativa per la clientela n. 6/2014 del 20 febbraio 2014 SALDO IVA 2013 VERSAMENTO ENTRO il 17 MARZO 2014 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

Sanzioni amministrative

Sanzioni amministrative Sanzioni amministrative Dichiarazione redditi e Irap omessa: NUOVE PREVI Sanzione base: dal 120 al 240% delle imposte dovute, con minimo di 250 euro Sanzione base in assenza di imposte dovute: da 250 a

Dettagli

Sommario PREMESSA 1 1. IL NUOVO RAVVEDIMENTO - ASPETTI GENERALI 7

Sommario PREMESSA 1 1. IL NUOVO RAVVEDIMENTO - ASPETTI GENERALI 7 Sommario PREMESSA 1 1. IL NUOVO RAVVEDIMENTO - ASPETTI GENERALI 7 1.1 Ambito d applicazione 7 1.2 Condizioni per fruire del ravvedimento 11 1.3 Tipologie di ravvedimento 15 1.4 Gli effetti del ravvedimento

Dettagli

Circolare N. 34 del 5 Marzo 2015

Circolare N. 34 del 5 Marzo 2015 Circolare N. 34 del 5 Marzo 2015 Saldo IVA 2014: alla cassa il prossimo 16.03.2015 per chi presenta la dichiarazione in forma autonoma Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che i soggetti

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA RISOLUZIONE N. 452/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 compensazione orizzontale del credito Iva in

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t Circ. n. 7 del 30 marzo 2009 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: RAVVEDIMENTO OPEROSO: NUOVE REGOLE Il ricorso allo strumento del cosiddetto ravvedimento operoso per regolarizzare violazioni quali:

Dettagli

Trasmissione telematica fatture e corrispettivi - Comunicazioni trimestrali IVA

Trasmissione telematica fatture e corrispettivi - Comunicazioni trimestrali IVA Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, Coordinatore scientifico MAP) Trasmissione telematica fatture e corrispettivi - Comunicazioni trimestrali IVA 1 Fatturazione elettronica e trasmissione telematica

Dettagli

REGOLE DI RIFERIMENTO

REGOLE DI RIFERIMENTO Saluzzo, lì 28 gennaio 2016 Egr. CLIENTE Prot. n. 06/16/FISC REGISTRAZIONE DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI REGOLE DI RIFERIMENTO Ambito oggettivo La Legge finanziaria 2013 (Legge n. 228/2012), nel recepire

Dettagli

SUPERAMENTO DEL PLAFOND IVA Procedura consigliata. la violazione. Indicazioni nel modello unificato F24

SUPERAMENTO DEL PLAFOND IVA Procedura consigliata. la violazione. Indicazioni nel modello unificato F24 SUPERAMENTO DEL PLAFOND IVA Procedura consigliata EMISSIONE DI AUTOFATTURA IN DUPLICE ESEMPLARE Contenente: estremi del fornitore; numero di protocollo della fattura ricevuta; ammontare eccedente il plafond

Dettagli

Anno 2014 N. RF262. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2014 N. RF262. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2014 N. RF262 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO CORREZIONE DEL 730 MODELLO INTEGRATIVO ENTRO IL 27/10 RIFERIMENTI ISTRUZIONI MODELLO 730/2014 CIRCOLARE

Dettagli

Le modifiche al sistema delle sanzioni nei confronti degli intermediari per la trasmissione telematica

Le modifiche al sistema delle sanzioni nei confronti degli intermediari per la trasmissione telematica Le modifiche al sistema delle sanzioni nei confronti degli intermediari per la trasmissione telematica Riflessi delle modifiche introdotte dalla finanziaria 2007 alla luce delle circolari 52/2007 e 11/2008

Dettagli

TITOLO: Remissione in bonis Primi chiarimenti Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 38/E del 28 settembre Contenuto in sintesi

TITOLO: Remissione in bonis Primi chiarimenti Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 38/E del 28 settembre Contenuto in sintesi DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 97 04.10.2012-97/FS/om TITOLO: Remissione in bonis Primi chiarimenti Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 38/E del 28 settembre 2012. Contenuto in sintesi

Dettagli

Periodico informativo n. 50/2016

Periodico informativo n. 50/2016 Periodico informativo n. 50/2016 Omessa/tardiva registrazione contratto di locazione: nuove sanzioni Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo informarla in merito al sistema sanzionatorio

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: MODELLI INTRASTAT - NUOVI CHIARIMENTI DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Premessa Di seguito, a completamento delle nostre precedenti

Dettagli

Pro-memoria dei dati e documenti per la redazione della: Comunicazione annuale dati IVA

Pro-memoria dei dati e documenti per la redazione della: Comunicazione annuale dati IVA Pro-memoria dei dati e documenti per la redazione della: Comunicazione annuale dati IVA (da presentare entro il 29 febbraio 2012) Dichiarazione IVA per l anno 2011 Qualora dalla dichiarazione IVA per il

Dettagli

Oggetto: ACCONTO IVA ANNO 2014 SCADENZA

Oggetto: ACCONTO IVA ANNO 2014 SCADENZA INFORMATIVA N. 18 / 2014 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: ACCONTO IVA ANNO 2014 SCADENZA 29.12.2014 Riferimenti: ART.6 L.29.12.1990 N.405 ; Risoluzione n. 157/E del 23.12.2004. Entro il 27 dicembre

Dettagli

NOVITÀ della DICHIARAZIONE IVA 2011 ACQUISIZIONE della DOCUMENTAZIONE per la sua PREDISPOSIZIONE

NOVITÀ della DICHIARAZIONE IVA 2011 ACQUISIZIONE della DOCUMENTAZIONE per la sua PREDISPOSIZIONE Circolare informativa per la clientela n. 4/2011 del 3 febbraio 2011 VITÀ della DICHIARAZIONE IVA 2011 ACQUISIZIONE della DOCUMENTAZIONE per la sua PREDISPOSIZIONE In questa Circolare 1. Modello Iva 2011

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. dispone PROT. 112072/2016 Attuazione dell articolo 1, commi da 634 a 636, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 Comunicazione per la promozione dell adempimento spontaneo nei confronti dei soggetti destinatari

Dettagli

Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (c.d. Legge di stabilità 2015), art. 13

Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (c.d. Legge di stabilità 2015), art. 13 Ravvedimento: riscritte modalità di calcolo di interessi e sanzioni Roberta Bianchi - Associazione italiana Dottori Commercialisti ADEMPIMENTO " NOVITÀ " Il ravvedimento operoso è un istituto che permette

Dettagli

La gestione degli acquisti intracomunitari

La gestione degli acquisti intracomunitari Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 267 02.10.2014 La gestione degli acquisti intracomunitari Categoria: IVA Sottocategoria: Operazioni intracomunitarie In caso di acquisto intracomunitario,

Dettagli

L IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO

L IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO L IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO E un imposta generale sui consumi che si applica in modo proporzionale con aliquote differenziate sulle cessione di beni e sulle prestazioni di servizi. caratteri operazioni

Dettagli

Dichiarazione IVA 2014: la scissione di società Roberto Fanelli - Revisore contabile in Roma

Dichiarazione IVA 2014: la scissione di società Roberto Fanelli - Revisore contabile in Roma Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. MODELLO IVA 2014 Dichiarazione IVA 2014: la scissione di società Roberto Fanelli - Revisore contabile in Roma ADEMPIMENTO " FISCO La dichiarazione

Dettagli

VERSAMENTO TASSA ANNUALE SUI LIBRI SOCIALI ENTRO IL 18 MARZO 2013

VERSAMENTO TASSA ANNUALE SUI LIBRI SOCIALI ENTRO IL 18 MARZO 2013 FABIO BETTONI LAURA LOCATELLI RACHELE DENEGRI Circolare n. 09 del 1 marzo 2013 VERSAMENTO TASSA ANNUALE SUI LIBRI SOCIALI ENTRO IL 18 MARZO 2013 PREMESSA La tassa annuale per la numerazione e bollatura

Dettagli

Fiscal News N. 25. Nuovo ravvedimento: chiarimenti del Videoforum. La circolare di aggiornamento professionale Legge di Stabilità 2015

Fiscal News N. 25. Nuovo ravvedimento: chiarimenti del Videoforum. La circolare di aggiornamento professionale Legge di Stabilità 2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 25 27.01.2015 Nuovo ravvedimento: chiarimenti del Videoforum Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2015 La Legge di Stabilità 2015 è intervenuta

Dettagli

Informativa n. 48. Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo INDICE. del 26 novembre 2012

Informativa n. 48. Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo INDICE. del 26 novembre 2012 Informativa n. 48 del 26 novembre 2012 Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo INDICE 1 Premessa... 2 1.1 Provvedimenti attuativi... 2 1.2 Decorrenza... 2 1.3 Abrogazione dell attuale

Dettagli

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t Circolare n.12 del 6 marzo 2013 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: TASSA ANNUALE DI VIDIMAZIONE LIBRI SOCIALI VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO Le società di capitali, anche se in fase di liquidazione,

Dettagli

Scadenzario fiscale Agosto 2016

Scadenzario fiscale Agosto 2016 Scadenzario fiscale Agosto 2016 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Scadenze con data variabile Nel corso del mese scade: Tutti i termini di versamento

Dettagli

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO.

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO. . Prot. n 1554 Circolare N 7/MAGGIO 2015 MAGGIO 2015 A tutti i colleghi (*) IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO. Come noto, attraverso l istituto del ravvedimento operoso, regolato dall articolo 13 del D.lgs.

Dettagli

Il bilancio 2016 e i nuovi principi contabili Le principali novità del Area Fiscale dott. Marco Meloncelli 17 Febbraio 2017

Il bilancio 2016 e i nuovi principi contabili Le principali novità del Area Fiscale dott. Marco Meloncelli 17 Febbraio 2017 Il bilancio 2016 e i nuovi principi contabili Le principali novità del 2017 17 Febbraio 2017 DICHIARAZIONE IVA TERMINI DI PRESENTAZIONE ANNO 2017 Dichiarazione IVA relativa al 2016 entro il 28/02/2017

Dettagli

Sanzioni tributarie: le modalità di calcolo per l applicazione del cumulo giuridico in caso di concorso o progressione di violazioni

Sanzioni tributarie: le modalità di calcolo per l applicazione del cumulo giuridico in caso di concorso o progressione di violazioni n. 38/2000 Pag. 4729 Sanzioni tributarie: le modalità di calcolo per l applicazione del cumulo giuridico in caso di concorso o progressione di violazioni Nota del Ministero delle Finanze - (RIS) prot.

Dettagli

Scadenzario fiscale Luglio 2016

Scadenzario fiscale Luglio 2016 Scadenzario fiscale Luglio 20 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Scadenze con data variabile Nel corso del mese scade: Tutti i termini di versamento e

Dettagli