Direzione Generale. Gruppo di Coordinamento Aziendale Rischio Clinico. Sommario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Generale. Gruppo di Coordinamento Aziendale Rischio Clinico. Sommario"

Transcript

1 Pag.1 di 12 Sommario 1 Abbreviazioni utilizzate Introduzione Introduzione al clinical risk management Il sistema aziendale di Risk Management Modello organizzativo Comitato per la Qualità e il Risk Management (CQRM) per il Risk Management (GCA-RM) La rete dei referenti aziendale per il Risk Management La rete dei facilitatori L Incident Reporting System Il ruolo del gruppo di coordinamento aziendale nel sistema di incident reporting Strumenti di analisi degli eventi segnalati Processo di analisi degli eventi segnalati Conseguenze della segnalazione e feed-back a chi segnala Integrazione con l URP Il paziente Campagne di comunicazione Fasi del Progetto di incident reporting Matrice delle responsabilità Condivisione protocollo... 12

2 Pag.2 di 12 1 Abbreviazioni utilizzate ASL Azienda Sanitaria Locale CQRM Comitato per la Qualità e il Risk Management DG DIP.TO Dipartimento DS Direzione Sanitaria FMEA Failure Mode and Effect Analysis FMECA Failure Mode and Critical Effect Analysis GCA-RM Risk Management PCS Pianificazione e Controllo Strategico P.O. Presidio Ospedaliero PSN Piano Sanitario Nazionale QRM RCA Root Cause Analysis RM Risk Management SC Struttura Complessa SC PCS QRM Struttura Complessa Pianificazione e Controllo Strategico SSN Servizio Sanitario Nazionale SSD Struttura Semplice Dipartimentale URP Ufficio Relazioni con il Pubblico UUOO Unità Operative

3 Pag.3 di 12 2 Introduzione Il Piano Sanitario Nazionale (PSN) pone la gestione del rischio clinico a salvaguardia e tutela della sicurezza dei pazienti e del personale tra gli elementi determinanti per il successo del Governo Clinico (o Clinical Governance). Esso viene definito quale strumento per il miglioramento della qualità delle cure per i pazienti e per lo sviluppo delle capacità complessive e dei capitali del SSN. Tale approccio ha lo scopo di mantenere standard elevati e migliorare le performance professionali del personale, favorendo lo sviluppo dell eccellenza clinica e rappresenta lo sviluppo di riflessioni sul tema della qualità sul quale da anni molte organizzazioni stanno lavorando, tra cui l Organizzazione Mondiale della Sanità (cfr. PSN , Cap. 4.4). Più in dettaglio, nella sezione dedicata al tema de: Il rischio clinico e la sicurezza dei pazienti si evidenzia il fatto che sulla gestione del rischio clinico esistono iniziative regionali da valorizzare e generalizzare che assumono come obiettivo quello di coniugare il tradizionale punto di vista assicurativo, tipico della responsabilità dei professionisti, a quello più generale della sicurezza del paziente che attiene ai livelli di qualità del sistema dei servizi e che ha pertanto un impatto diretto sulle capacità di offerta dei livelli di assistenza. Nel PSN il rischio clinico è definito come la probabilità che un paziente sia vittima di un evento avverso, cioè subisca un qualsiasi danno o disagio imputabile, anche se in modo involontario, alle cure mediche prestate, durante il periodo di degenza, che causa un prolungamento del periodo di degenza, un peggioramento delle condizioni di salute o la morte 1. Una gestione efficace del rischio clinico presuppone che tutto il personale sia consapevole del problema, che sia incoraggiata la segnalazione degli eventi e che si presti attenzione ai reclami e al punto di vista dei pazienti. Le strategie di gestione del rischio clinico devono utilizzare un approccio pro-attivo, reattivo, multi-disciplinare, di sistema, e devono prevedere attività di formazione e monitoraggio degli eventi avversi. La formazione, che deve prevedere un livello nazionale, regionale ed aziendale, deve consentire a tutti gli operatori di acquisire la consapevolezza del problema del rischio clinico, per favorire la cultura della sicurezza che considera l errore come fonte di apprendimento e come fenomeno organizzativo, evitando la colpevolizzazione del singolo. Le attività di monitoraggio devono essere condotte secondo un criterio graduato di gravità di eventi, prevedendo che i tre livelli, nazionale, regionale ed aziendale, possano promuovere le rispettive azioni, secondo un disegno coerente e praticabile. La sorveglianza degli eventi sentinella eventi avversi di particolare gravità, indicativi di un serio malfunzionamento del sistema, che causano morte o gravi danni al paziente e che determinano una perdita di fiducia dei cittadini nei confronti del Servizio Sanitario 2 costituisce un importante azione di sanità pubblica, rappresentando uno strumento indispensabile per la prevenzione di tali evenienze e per la promozione della sicurezza dei pazienti. Per questa ragione il Ministero della Salute ha elaborato un protocollo per il monitoraggio degli eventi sentinella, con l obiettivo di fornire alle Regioni e alle Aziende sanitarie una modalità univoca di sorveglianza e gestione di tali eventi sul territorio nazionale, a garanzia dei livelli essenziali di assistenza. La funzione di Risk Management in sanità rappresenta l insieme di varie azioni complesse messe in atto per migliorare la qualità delle prestazioni sanitarie e garantire la sicurezza del paziente. 1 Piano Sanitario Nazionale 2006/ Ministero della Salute Osservatorio Nazionale sugli eventi sentinella. Protocollo per il monitoraggio degli eventi sentinella. Marzo 2008

4 Pag.4 di Introduzione al clinical risk management Il clinical risk management, perché sia efficace, deve interessare tutte le aree in cui l errore si può manifestare durante il processo clinico assistenziale del paziente: solo una gestione integrata del rischio può portare a cambiamenti nella pratica clinica, promuovere la crescita di una cultura della salute più attenta e vicina al paziente ed agli operatori, contribuire indirettamente ad una diminuzione dei costi delle prestazioni ed, infine, favorire la destinazione di risorse su interventi tesi a sviluppare organizzazioni e strutture sanitarie sicure, efficaci ed efficienti. 3 Il sistema aziendale di Risk Management Nella ASL di Cagliari, la gestione del rischio clinico si inserisce nella più ampia funzione aziendale del risk management, finalizzata ad identificare i rischi, i quasi eventi ( near miss ) e gli eventi avversi del sistema di erogazione dei servizi sanitari e a costruire i relativi sistemi di governo. In particolare, l azione dell Azienda è rivolta, in questa prima fase, ai rischi per i pazienti direttamente o indirettamente collegati all attività assistenziale e clinica (rischio clinico). L area Risk Management inserita all interno della struttura complessa Pianificazione e Controllo Strategico implementa le politiche di gestione del rischio clinico, volte sia alla prevenzione degli errori evitabili che al contenimento dei loro possibili effetti dannosi, quindi di tutte le politiche volte alla garanzia di sicurezza dei pazienti (safety). Le attività descritte nel presente documento sono pertanto riferite al rischio clinico puro. 3.1 Modello organizzativo Nell ambito delle attività legate al risk management, l Azienda di Cagliari si avvale di diversi organi aziendali dedicati che intervengono ai vari livelli, rappresentati nella figura 1. Il modello è stato definito con la delibera n del 12 dicembre 2008 a cui si rimanda per ulteriori informazioni sull articolazione organizzativa. Direzione Generale SC PCS QRM Direzione Sanitaria di Presidio Ospedaliero Direzione di Area Territoriale Comitato per la Qualità e il Risk Management GCA RM Dipartimenti Farmaco Referenti Q e RM Comitato per la valutazione dei sinistri Prevenzione Unità Operative Servizi Salute Mentale Acquisti Servizi Sanitari Facilitatori Q e RM Figura 1. Modello organizzativo relativo agli organi aziendali coinvolti nel Risk Management

5 Pag.5 di Comitato per la Qualità e il Risk Management (CQRM) Il Comitato per la Qualità e il Risk Management (CQRM) ha funzioni di indirizzo per la costituzione di un modello per il miglioramento continuo della qualità dell assistenza e della gestione del rischio clinico. All interno del Comitato possono essere costituiti gruppi di studio ad hoc. 3.3 per il Risk Management (GCA-RM) Il GCA-RM è un gruppo di lavoro nel quale confluiscono diverse professionalità e aree di specializzazione (medica, chirurgica, area critica, medicina legale, malattie infettive ecc.) che favoriscono una contaminazione culturale e professionale proficua nell ambito del risk management. Il ruolo e le funzioni del gruppo di coordinamento saranno esplicitate nei successivi paragrafi. Il GCA-RM si riunisce con cadenza mensile a seguito di convocazione del Risk Manager aziendale e ogniqualvolta quest ultimo lo ritiene opportuno. Dopo numerosi incontri del GCA-RM si è potuto constatare, nell affrontare diverse tematiche, la necessità di integrare il gruppo con le discipline di radiologia e farmacia. Nei lavori del GCA saranno, inoltre, coinvolti i pazienti attraverso l associazione del tribunale per i diritti del malato quando si affrontano tematiche nelle quali è utile il coinvolgimento del paziente. Si ritiene che il coinvolgimento del paziente passi attraverso l informazione e la conoscenza dei problemi. A ciò si deve aggiungere anche un percorso di partecipazione attraverso l ascolto concreto della voce dei pazienti. 3.4 La rete dei referenti aziendale per il Risk Management La Rete dei referenti è composta da un referente di Area della Dirigenza e da uno del Comparto per ogni Presidio Ospedaliero, per ogni Dipartimento (Farmaco, Salute Mentale, Dipendenze, Prevenzione, Distretti). Fa parte della rete dei referenti anche un componente dell URP. Si allega al presente documento l elenco aggiornato dei referenti) I referenti, in ogni presidio: svolgono il ruolo di facilitatori degli strumenti di audit che coinvolgono in modo trasversale più unità operative dello stesso presidio; hanno un importante funzione di raccordo tra gli organismi aziendali del rischio e la rete dei facilitatori del proprio presidio ai quali forniscono supervisione e supporto; partecipano, attraverso due componenti, al gruppo di coordinamento aziendale del rischio clinico; hanno un ruolo attivo nella creazione e nel mantenimento di una rete di consulenti e nella formazione per la promozione della sicurezza del paziente (safety); facilitano la condivisione di procedure e buone pratiche tra i diversi presidi aziendali.

6 Pag.6 di La rete dei facilitatori La rete dei facilitatori è costituita da un facilitatore per l area dirigenziale e uno per il comparto in ogni unità operativa. I facilitatori hanno le seguenti funzioni: introduzione e manutenzione dell incident reporting system; organizzazione e coordinamento degli audit clinici e l analisi degli eventi avversi, attraverso l applicazione di metodologie e tecniche per l identificazione degli errori; promozione e diffusione della cultura della sicurezza tra gli operatori; supervisione dal punto di vista operativo dei processi per la gestione dei rischi. I Direttori delle UUOO e dei Dipartimenti sono responsabili per il raggiungimento degli obiettivi relativi ai programmi di gestione del rischio clinico che realizzano attraverso le attività dei facilitatori. 3.6 L Incident Reporting System Lo strumento che l ASL di Cagliari ha deciso di adottare per la segnalazione dei quasi eventi e degli eventi avversi è una scheda di segnalazione che verrà sperimentata per un periodo di 3 mesi presso alcuni reparti dell Azienda in cui operano i componenti del GCA-RM. La scheda di segnalazione (allegata al presente documento) presenta le seguenti caratteristiche: è disponibile in formato elettronico presso il sito internet dell Azienda e in formato cartaceo nelle unità operative a cura dei facilitatori. La scelta di privilegiare il formato elettronico pur non escludendo la possibilità della forma cartacea è motivata dalla maggiore efficienza nella compilazione e nella lettura e raccolta dei dati in formato elettronico; attraverso la scheda può essere segnalato un quasi evento o un evento avverso accaduto durante l attività clinico assistenziale che non ha causato morte o gravi danni al paziente; sono da escludersi nella segnalazione gli eventi sentinella in quanto oggetto di specifico intervento secondo le prescrizioni ministeriali 3 ; la sua compilazione è spontanea e può avvenire a cura degli operatori sanitari e/o dei pazienti che si trovino coinvolti nell evento in qualità di diretti interessati o per situazioni a cui si è assistito direttamente o di cui è stato riferito (nella scheda sono specificate queste 3 situazioni). La spontaneità della compilazione è stata classificata da molti autori essenziale per un sistema di segnalazione di successo e le esperienze nazionali e internazionali tendenzialmente confermano questa affermazione. La scelta di estendere la possibilità della segnalazione anche ai pazienti è effettuata nella prospettiva di raccogliere un maggior numero di segnalazioni. Inoltre, i pazienti possono rivelarsi un importante fonte di informazione circa la manifestazione di nuovi effetti avversi connessi all assistenza medica che i sanitari non hanno potuto facilmente riscontrare; la compilazione è facoltativa in ogni sua parte, sono considerati obbligatori solo i campi riferiti all unità operativa in cui si è verificato l evento, indispensabile per poterlo analizzare. La scelta della compilazione facoltativa è supportata dalla prospettiva che in tali condizioni gli operatori sanitari si sentano più liberi e di conseguenza forniscano dati veritieri; sono presenti campi chiusi a cui è sufficiente apporre una crocetta e campi aperti la cui compilazione è libera. La fase sperimentale sarà utile anche per comprendere l efficacia di 3 Ministero della Salute - Marzo 2008

7 Pag.7 di 12 un sistema di segnalazione anonimo, infatti, nella prima fase non si ritiene necessaria l identificazione del segnalatore, al contrario è indispensabile l indicazione del Dipartimento e dell Unità Operativa, il profilo professionale del segnalatore ed il relativo ruolo nell evento segnalato, al fine di consentire un adeguata analisi dell evento. Come altre caratteristiche del sistema di incident reporting che si intende implementare anche l anonimato viene garantito per incoraggiare il personale sanitario a segnalare i quasi eventi e gli eventi avversi. Ancora, l anonimato riduce le preoccupazioni dei sanitari circa eventuali sanzioni, siano esse di tipo materiale o morale, nelle quali sarebbe più facile incorrere qualora la scheda di segnalazione fosse nominativa; il segnalatore può scegliere di consegnare la scheda compilata ad uno dei seguenti interlocutori: facilitatore o referente del Presidio, punto di raccolta dell unità operativa, URP, Direzione Sanitaria, Risk Manager. In una seconda fase, condizionata alla informatizzazione capillare di tutta l Azienda sarà possibile la compilazione e l invio on line delle schede di segnalazione. La sperimentazione avverrà dal 1 settembre al 31 dicembre 2009; al termine di tale periodo sarà effettuata una valutazione sia della scheda utilizzata sia del processo di segnalazione adottato, a cura del GCA-RM. 3.7 Il ruolo del gruppo di coordinamento aziendale nel sistema di incident reporting Il GCA-RM supporta la struttura aziendale di risk management nella definizione del Piano per la gestione del rischio clinico che viene proposto annualmente alla Direzione, al fine di identificare le azioni da implementare. In particolare, nell ambito del suddetto piano sono affrontate le seguenti tematiche: assessment delle aree di rischio: l identificazione delle aree di rischio avviene a seguito dell analisi delle segnalazioni di eventi e/o per aree individuate dalla letteratura, o ritenute rilevanti dal GCA; identificazione di ambiti di intervento in termini di priorità e fattibilità; identificazione di standard di riferimento; promozione di azioni correttive sia puntuali (in risposta ad eventi) sia attraverso la definizione di un Piano (miglioramento continuo della qualità e della sicurezza del paziente e degli operatori); monitoraggio del Piano e delle attività in corso. Il GCA-RM è parte della componente sanitaria e attraverso l integrazione con la rete dei referenti e dei facilitatori favorisce la diffusione della cultura della sicurezza per il paziente, facilitando la segnalazione dei quasi eventi e degli eventi avversi attraverso l introduzione di un sistema di segnalazione spontanea (Incident Reporting System) e l applicazione degli strumenti di analisi (Audit, Root Cause Analysis). Nel caso di un evento avverso grave la SC supporterà la Direzione nella costituzione di unità di crisi nella quale sarà coinvolta l area comunicazione per la gestione dei rapporti con i media. Il GCA-RM o alcuni dei suoi componenti possono essere coinvolti nell unità di crisi a seconda della tipologia di evento. Il GCA-RM formula risposte strutturate alle segnalazioni attraverso un report trimestrale relativo alle aree di segnalazione e agli interventi messi in campo. Questo report verrà diffuso durante le riunioni di Dipartimento o di SC/SSD e potrà essere messo a disposizione nel sito internet aziendale.

8 Pag.8 di Strumenti di analisi degli eventi segnalati Per la gestione del rischio clinico sono stati individuati diversi strumenti di analisi il cui utilizzo sarà in funzione dell evento segnalato e del relativo contesto. Per l individuazione dello strumento più idoneo è stata messa a punto una scheda di analisi degli eventi che si allega al presente documento. AUDIT CLINICO: è uno strumento multidisciplinare e multiprofessionale per lo sviluppo delle competenze professionali e della accountability e costituisce un importante strumento di formazione sul campo. Si tratta di una revisione strutturata tra pari che permette di verificare la capacità di fornire e mantenere cure sicure attraverso la valutazione dell attività clinica e dei risultati raggiunti e misurando le differenze riscontrate nella pratica assistenziale rispetto a standard esplicitamente definiti. Un progetto di audit clinico può essere di tipo retrospettivo o prospettico; l obiettivo è in ogni caso l identificazione delle criticità organizzative e le relative ipotesi di miglioramento. Questo processo si conclude con un alert report. FMEA-FMECA: è uno strumento per la prevenzione dei rischi consiste in una tecnica sistematica per identificare e prevenire problemi nei processi prima che essi insorgano. La FMEA (Failure Mode and Effect Analysis) è un analisi di tipo qualitativo intesa a definire quello che potrebbe succedere (il modo di guasto/errore) se si verificasse un difetto, una omissione, un errore; la FMECA (Failure Mode and Critical Effect Analysis) aggiunge un percorso di tipo quantitativo orientato all assunzione di decisioni operative coerenti. Nell uso comune ormai quando si parla di FMEA si intende la FMECA. ROOT CAUSE ANALYSIS (RCA): è uno strumento di analisi retrospettiva strutturata che ha lo scopo di identificare la causa di un evento e le azioni necessarie ad eliminarla. L obiettivo principale di questa metodologia è arrivare a comprendere in modo approfondito che cosa è successo e perché, cosa si può o deve fare per evitare che si ripeta. RASSEGNA DI MORTALITÀ E MORBILITÀ (M&M): si tratta della discussione di casi la cui gestione è particolarmente difficile e che hanno avuto un esito di mortalità o morbilità. Essa non comporta la stesura di un documento finale ma solo la registrazione dei partecipanti ed è da considerarsi come la discussione del caso preparata accuratamente da un collega che si fa carico di raccogliere le informazioni necessarie e la letteratura di riferimento; si configura come un iniziativa di formazione continua orizzontale e pragmatica, in cui il personale si confronta sugli aspetti clinici e gestionali dei casi in esame. La RCA consente un analisi delle cause degli eventi avversi e si adatta bene ai casi in cui è rilevante la componente organizzativa, è uno strumento però ancora complesso e poco utilizzato per la componente clinica. L audit viceversa è più vicino ai clinici in quanto già utilizzato per le discussioni professionali, risulta quindi di più facile diffusione, tuttavia per essere efficace, occorre che sia standardizzato nel metodo. Gli strumenti descritti consentono un analisi prospettica e una retrospettiva: in particolare la FMECA è uno strumento che viene utilizzato per presidiare alcuni processi che si ritengono critici prima che si verifichino eventi avversi. L Audit può essere utilizzato sia come strumento prospettico che retrospettivo, e la RCA è invece utilizzata a seguito del verificarsi di un evento. Nella prima fase di avvio del sistema si ritiene che ci si avvarrà degli strumenti dell Audit e della RCA in quanto utilizzabili in modo retrospettivo e quindi su eventi o quasi eventi già accaduti. Il GCA ha comunque già individuato degli strumenti prospettici (FMECA e Audit) che consentano l analisi anche di potenziali rischi su scenari futuri.

9 Pag.9 di Processo di analisi degli eventi segnalati A seconda della tipologia dell evento segnalato l analisi sarà effettuata nei diversi livelli: intervento a livello di Unità Operativa (Facilitatori); intervento a livello di Dipartimento (Facilitatori); intervento a livello di Presidio Ospedaliero (Referenti); intervento a livello (Risk Manager). Qualunque sia il livello di intervento a seguito della segnalazione, al gruppo di coordinamento sarà comunicata la modalità di intervento adottato al fine di consentire l aggiornamento continuo del data-base aziendale degli eventi avversi tenuto a cura della struttura aziendale di risk management Conseguenze della segnalazione e feed-back a chi segnala Al termine dell analisi effettuata con uno o più degli strumenti sopraindicati, sarà redatto un alert-report con indicazione delle cause che hanno generato l evento e l individuazione delle opportune azioni correttive nonché le barriere utili a limitare il ripetersi degli eventi. Al segnalatore dell evento (nel caso la segnalazione non sia stata anonima) sarà dato un feedback di avvenuto ricevimento della segnalazione. In ogni caso, sarà prodotto un report trimestrale a cura del GCA-RM sulle segnalazioni esaminate e sugli interventi posti in essere. Nel report verranno anche segnalate le good practices volte alla riduzione degli errori che emergono a seguito delle azioni migliorative, in modo da dare la giusta importanza alle azioni che hanno funzionato Integrazione con l URP È stato progettato un percorso di integrazione con l URP al fine di: garantire una risposta ai pazienti che possa dare conto anche di un percorso di miglioramento eventualmente intrapreso dall Azienda; utilizzare i reclami come segnalazioni che alimentano il sistema di incident reporting su cui effettuare l analisi. L integrazione avviene attraverso la partecipazione alla rete dei referenti di un componente dell URP, e con un percorso del reclamo che prevede la trasmissione dei casi, rilevanti sotto il profilo del rischio, al risk manager e un feedback da parte di quest ultimo all URP Il paziente Il GCA-RM individua nel Piano annuale le modalità per condividere il percorso che l Azienda intende intraprendere per la gestione del rischio clinico con le associazioni dei pazienti. Le Associazioni dei pazienti sono coinvolte negli incontri del gruppo di coordinamento aziendale quando si trattano tematiche per le quali è rilevante il loro coinvolgimento Campagne di comunicazione Il GCA-RM individua nel Piano annuale le campagne di comunicazione da implementare. La realizzazione di campagne incentrate su temi specifici assolve al duplice compito, da una parte di affrontare problemi circoscritti ma comunque significativi per il miglioramento della sicurezza, dall altra di essere un volano per la realizzazione del cambiamento culturale, presupposto fondamentale per la realizzazione degli obiettivi di lungo termine (ad esempio: il Progetto Clean Care; la Campagna Scheda Unica di Terapia).

10 Pag.10 di Fasi del Progetto di incident reporting Il progetto di introduzione del sistema di incident reporting si articola in 4 fasi: 1- progettazione del sistema di incident reporting individuazione e formazione delle unità operative e sperimentazione per 3 mesi; 2- analisi dei casi segnalati e individuazione degli strumenti correttivi; 3- analisi del sistema per una eventuale revisione al termine della sperimentazione; 4- verifica dell applicazione e dell efficacia e messa a regime del sistema. FASE 1 Progettazione e sperimentazione del sistema di incident reporting Il sistema di incident reporting progettato dal GCA con la definizione della scheda di segnalazione, il processo di segnalazione e l analisi dei casi, secondo la metodologia descritta nei paragrafi precedenti, dovrà essere sperimentato nelle seguenti UO: P.O. Marino (H specialistico ortopedico): U.O. Ortopedia; P.O. Businco (H specialistico oncologico): UU.OO. Ematologia e Ginecologia Oncologica; P.O. SS. Trinità (H generale): UU.OO. Anestesia e Rianimazione, Malattie infettive; P.O. Binaghi (H specialistico pneumologico): U.O. Pneumologia; P.O. San Giuseppe (H periferico): U.O. Medicina; Area Distretti: U.O. Poliambulatorio Viale Trieste. Le Unità Operative saranno adeguatamente formate sul contenuto della scheda di segnalazione in appositi incontri presso le loro sedi a cura del risk manager. FASE 2 Introduzione dello strumento Tutti i casi segnalati saranno analizzati a cura del risk manager, della rete dei referenti e dei facilitatori ai diversi livelli e con i diversi strumenti come descritto nei paragrafi precedenti. Per ogni evento sarà valutata l introduzione di correttivi e di possibili barriere che evitino il ripetersi degli stessi errori. FASE 3 Analisi del sistema per eventuale revisione al termine della sperimentazione Al termine dei 3 mesi di sperimentazione saranno valutate tutte le segnalazioni ricevute e sulla base delle informazioni ricevute si valuterà la possibilità di integrare/modificare la scheda e il processo di segnalazione. Ogni scheda ha in allegato una comunicazione nella quale viene chiesto al segnalatore di valutare il grado di comprensione della scheda e di indicare eventuali informazioni mancanti o qualsiasi altro suggerimento che possa essere utile a migliorare il sistema. FASE 4 Verifica dell'applicazione e dell efficacia del sistema Sarà effettuato mensilmente un monitoraggio sul grado di applicazione dello strumento nelle UO sperimentali a cura del risk manager. Al termine dei tre mesi di sperimentazione il GCA-RM curerà la redazione di un report per evidenziare i risultati della sperimentazione e gli interventi correttivi/migliorativi introdotti nel sistema. Si ritiene che un momento per la diffusione di questi report possa essere quello delle riunioni di dipartimento/aree in tutti i presidi dell Azienda. In questa fase viene verificata l applicazione e l efficacia del sistema al fine di estendere la sua applicazione in tutte le UO aziendali.

11 Pag.11 di 12 Matrice delle responsabilità Macro processo Attività DG/DS Comitato Qualità e RM SC PCSQRM GCA-RM Rete dei referenti Rete dei facilitatori Direzione di Presidio/Distretti Direttore di Dipartimento Direttore SC/SSD A. Pianificazione strategica B. Implementazione del Piano di Gestione del rischio C. Gestione Budget Risk Management D. Incident Reporting System A.1. Definizione obiettivi C C R R C C C C C e priorità del Piano di Gestione del rischio A.2. Proposta di una C I R C I I I I I bozza del Piano A.3. Redazione del Piano C I R C I I I I I A.4. Approvazione e R I C C I I I I I diffusione del Piano di Gestione del Rischio B.1. Realizzazione delle I I C C R R R R R azioni previste nel Piano B.2. Monitoraggio delle I I R R I I I I I attività implementate B.3. Valutazione delle I I R R I I I I I attività implementate e identificazione di eventuali misure correttive C.1. Definizione di C I R C C C C C C obiettivi da declinare nel budget delle SC C.2. Proposta e R I C C I I C R R negoziazione del budget D.1. Progettazione Incident Reporting System D.2. Implementazione dell Incident Reporting System D.3. Monitoraggio dell Incident Reporting System ed eventuale individuazione di misure correttive Legenda: R (responsabile); C (coinvolto); I (informato). I I R R C I I I I I I C C R R R R R I I R R R R C C C

12 Pag.12 di 12 Condivisione protocollo Redatto da Ruolo Firma Angelucci Emanuele Angotzi Lucia Argiolas Federico Atzei Francesco Cara Luciano Lai Alberto Masia Massimo Pelliciari Riccardo Pilloni Rita Pisano Francesca Ruda Anna Maria Secci Giovanni Vallese Maria Caterina Direttore del Dipartimento Oncologia Medica; Responsabile della Sicurezza Dirigente Medico di Direzione Sanitaria di P.O. Responsabile SSD Medicina legale Responsabile Divisione Ortopedia e microchirurgia ricostruttiva; Dirigente Medico specialista in Anestesia e Rianimazione Responsabile del Servizio Tecnico Coordinatore Infermieristico di P.O. periferico Risk Manager Dirigente Medico specialista in Malattie Infettive Dirigente Medico di Direzione Sanitaria di P.O. Responsabile del Technology Assessment Infermiera Area Nursing

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE AO Legnano - 14 aprile 2005 Introduzione: Willis Uno dei primi tre gruppi di Brokeraggio Assicurativo e Risk Management a livello mondiale. La migliore performance

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING SERVIZIO: PRODUZIONE, QUALITA, RISK MANAGEMENT -AOU DI SASSARI- IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING E ormai consapevolezza diffusa che per governare l alta complessità delle Aziende Sanitarie e le attività

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE S.I.M.G. LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE Strumenti e metodi di identificazione ed analisi di eventi avversi. L approccio reattivo e proattivo Damiano Parretti Arezzo 26 febbraio

Dettagli

Quality e Risk Management

Quality e Risk Management Lo sviluppo della funzione di Quality e Risk Management nell ASL di Cagliari i Dott.ssa Rita Pilloni Cagliari i 18 marzo 09 La funzione di gestione dei rischi e patient safety nell Asl di Cagliari Direzione

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

Allegato B) PROCEDURA PER LA GESTIONE AZIENDALE DEI CASI DI EVENTI SENTINELLA 1. PREMESSA E INDICAZIONI GENERALI

Allegato B) PROCEDURA PER LA GESTIONE AZIENDALE DEI CASI DI EVENTI SENTINELLA 1. PREMESSA E INDICAZIONI GENERALI Allegato B) PROCEDURA PER LA GESTIONE AZIENDALE DEI CASI DI EVENTI SENTINELLA 1. PREMESSA E INDICAZIONI GENERALI In base alla delibera della Giunta Regionale N 225 del 3/4/2006, la direzione sanitaria

Dettagli

Gli strumenti di gestione del rischio

Gli strumenti di gestione del rischio Gli strumenti di gestione del rischio Patrizio Di Denia Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna patrizio.didenia@ior.it 19 Novembre 2008 Sappiamo che. Gestione del rischio Individuazione del rischio Incident

Dettagli

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

ASL AVELLINO Commissario Straordinario dott. Mario Nicola Vittorio Ferrante TITOLO DEL PROGETTO SVILUPPO DEGLI STRUMENTI DEL GOVERNO CLINICO E DELAL VALUTAZIONE DELLA QUALITA E DSELAL SICUREZZA DELEL PRESTAZIOINI

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale. Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi

Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale. Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Intesa Stato Regioni - 20 marzo 2008

Dettagli

SEGNALAZIONE EVENTI SENTINELLA (ALIMENTAZIONE FLUSSO SIMES) UU.OO. AZIENDALI. A cura di: Responsabile Funzione Aziendale Gestione Rischio Clinico

SEGNALAZIONE EVENTI SENTINELLA (ALIMENTAZIONE FLUSSO SIMES) UU.OO. AZIENDALI. A cura di: Responsabile Funzione Aziendale Gestione Rischio Clinico PRO 2 del 3 3 211 1 di 6 A cura di: Dott. Tommaso Mannone Responsabile Funzione Aziendale Gestione Rischio Clinico INTRODUZIONE Gli eventi avversi sono eventi inattesi correlati al processo assistenziale

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Reporting and Learnig System R.L.S

Reporting and Learnig System R.L.S Pag. 1 di 5 N. Revisione Data Motivo della revisione Redatto Verificato Approvato Rev 0 12.10.2 012 Integrazione contenuti nel campo di approvazione responsabilità Sez. Clinical Auditing AF. Progr. Valut

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING

SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING PROCEDURA SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS GESTIONE RISCHIO CLINICO SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 GENNAIO

Dettagli

Progetto di prevenzione e gestione del Rischio Clinico ASL Roma B. Dott. Egidio Sesti

Progetto di prevenzione e gestione del Rischio Clinico ASL Roma B. Dott. Egidio Sesti Progetto di prevenzione e gestione del Rischio Clinico ASL Roma B Dott. Egidio Sesti Obiettivo generale Strutturazione di flussi informativi atti alla promozione della qualità dei processi organizzativi

Dettagli

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Febbraio 2010 Agenas Sezione Qualità e Accreditamento Osservatorio Buone Pratiche

Dettagli

Progettazione di un software gestionale di supporto ai processi di incident reporting in ambito di gestione del rischio clinico

Progettazione di un software gestionale di supporto ai processi di incident reporting in ambito di gestione del rischio clinico Aldo Armisi Consulente I.T. autore autore Luca Armisi Consulente in ingegneria clinica e sistemi di gestione in ambito sanitario Progettazione di un software gestionale di supporto ai processi di incident

Dettagli

Progetto Gestione Rischio Clinico ASL 3 Bassano del Grappa

Progetto Gestione Rischio Clinico ASL 3 Bassano del Grappa Progetto Gestione Rischio Clinico ASL 3 Bassano del Grappa L ULSS 3 ha sviluppato, a partire dal 2009, un modello organizzativo finalizzato a migliorare la sicurezza del paziente; il punto di partenza

Dettagli

Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella

Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella Allegato 1 Linea di indirizzo 1/2010 Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella 1. Scopo Lo scopo di questa procedura è definire le responsabilità e le modalità di gestione

Dettagli

P001/S501. DIREZIONE GENERALE Distretti Socio Sanitari Risk Management DOCUMENTO DI PROPRIETA DELLA ASL DELLA PROVINCIA DI LECCO

P001/S501. DIREZIONE GENERALE Distretti Socio Sanitari Risk Management DOCUMENTO DI PROPRIETA DELLA ASL DELLA PROVINCIA DI LECCO DIREZIONE GENERALE Distretti Socio Sanitari Risk Management SISTEMA INCIDENT REPORT ING P001/S501 rev data note 0 01/12/12 Prima emissione 1 11/9/2015 Adeguamento a format aziendale REDAZIONE VERIFICA

Dettagli

Il sistema di gestione del rischio clinico

Il sistema di gestione del rischio clinico Il sistema di gestione del rischio clinico Prevenzione dei rischi Riprogettazione organizzativa Valutazione e feedback Analisi dei rischi Audit M&M review RCA Identificazione dei rischi Incident reporting

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio 1. BACKGROUND La mortalità e la morbosità materna grave correlate al travaglio o

Dettagli

Segnalazione e gestione degli eventi sentinella

Segnalazione e gestione degli eventi sentinella AZIENDA SANITARIA LOCALE VCO Viale Mazzini 117 28887 OMEGNA (VB) Struttura: Unità di Gestione Rischio Clinico E-mail: Approvata da: Revisione: 00 Unità di Gestione Rischio Clinico Presidente Unità di Gestione

Dettagli

La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA

La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA Vuillermin Giuliana Berti Pierluigi Ippolito Rita Azienda USL Regione Valle d Aosta Analisi del contesto L Azienda USL della

Dettagli

3. Utilizzo di dati amministrativi (SDO)

3. Utilizzo di dati amministrativi (SDO) 3. Utilizzo di dati amministrativi (SDO) Flussi informativi correnti SDO, prestazioni ambulatoriali, movimento degenti, flussi informativi ministeriali, certificati di assistenza al parto, interruzioni

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA GESIRAD MASTER DI I LIVELLO Scienze tecniche applicate alla gestione dei servizi informativi in diagnostica per immagini dott.ssa

Dettagli

Sicurezza del paziente nelle sale operatorie del PO Nostra Signora della Mercede

Sicurezza del paziente nelle sale operatorie del PO Nostra Signora della Mercede anno 18.05. Pag. 1 di 7 Sommario.1 PREMESSA... 2.2 INTRODUZIONE... 2.3 OBIETTIVO GENERALE... 3.4 OBIETTIVI SPECIFICI... 3.5 DESTINATARI... 3.6 AZIONI E RESPONSABILITÀ... 4.7 TEMPI... 5.8 VALUTAZIONI...

Dettagli

Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie

Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie Problematiche degli Eventi Avversi Silvana Romano Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie Particolare attenzione Ambienti Attrezzature Formazione del personale Le Aziende Sanitarie Programmi di

Dettagli

SIMES. Sistema Informativo Monitoraggio Errori in Sanità. Potenza 22 aprile 2009

SIMES. Sistema Informativo Monitoraggio Errori in Sanità. Potenza 22 aprile 2009 SIMES Sistema Informativo Monitoraggio Errori in Sanità Potenza 22 aprile 2009 Dott.ssa Maria Pia Randazzo Direzione Generale Sistema Informativo Ufficio NSIS Simes - obiettivi Monitoraggio Imparare dall

Dettagli

ATTIVITA CONDOTTE PER RIDURRE IL RISCHIO CLINICO NEL 2010

ATTIVITA CONDOTTE PER RIDURRE IL RISCHIO CLINICO NEL 2010 AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO PAOLO GIACCONE PALERMO ATTIVITA CONDOTTE PER RIDURRE IL RISCHIO CLINICO NEL 2010 REDAZIONE Dr. Luigi Aprea - Dr. Alberto Firenze APPROVAZIONE Dr. Claudio Scaglione

Dettagli

Progetto per la Gestione del Rischio Clinico Azienda ASL 3 Nuoro 2007-2008

Progetto per la Gestione del Rischio Clinico Azienda ASL 3 Nuoro 2007-2008 Progetto per la Gestione del Rischio Clinico Azienda ASL 3 Nuoro 2007-2008 Gennaio 2007 Pagina 1 di 7 RESPONSABILE SCIENTIFICO Dottor Antonio Maria Pinna Clinical Risk Manager ASL 3 Nuoro COORDINATORE

Dettagli

Area Standard Buona pratica Ambito di applicazione

Area Standard Buona pratica Ambito di applicazione Area Standard Buona pratica Ambito di applicazione Sviluppo sistema di gestione del rischio clinico Prevenzione e gestione degli eventi avversi Gestione della relazione e della comunicazione interna e

Dettagli

Percorso di gestione del rischio clinico Allertamento, segnalazione, analisi e controllo degli incidenti

Percorso di gestione del rischio clinico Allertamento, segnalazione, analisi e controllo degli incidenti Allegato A Percorso di gestione del rischio clinico Allertamento,, analisi e controllo degli incidenti Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Diagramma di flusso percorso di

Dettagli

La gestione del rischio al triage

La gestione del rischio al triage Azienda Sanitaria Matera U.O. Pronto Soccorso e Osservazione Breve Responsabile dott. Carmine Sinno Coordinatore Franco Riccardi La gestione del rischio al triage di Bruna Montemurro Secondo corso di triage

Dettagli

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte La Cultura della Sicurezza in sala Operatoria Fondazione A.Pinna Pintor 22 Novembre 2008 Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte Marco Rapellino Coordinatore Scientifico Gruppo Rischio Clinico

Dettagli

Il Percorso continua e si sviluppa. Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA. Necessità di risorse Coinvolgimento singoli

Il Percorso continua e si sviluppa. Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA. Necessità di risorse Coinvolgimento singoli POLITICA AZIENDALE SCELTE E PROSPETTIVE Il Percorso continua e si sviluppa Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA Necessità di risorse Coinvolgimento singoli 2.2 Il controllo della Qualità

Dettagli

Regione Marche. Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano

Regione Marche. Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano Regione Marche Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano Argomento: Qualità e sicurezza del sistema 1 Inquadramento realtà regionale: Qualità

Dettagli

Il Risk Management in Ospedale. Dr. Marco Rapellino Direttore SC Qualità e Risk Management Ospedaliero ASO S.Giovanni Battista,Torino

Il Risk Management in Ospedale. Dr. Marco Rapellino Direttore SC Qualità e Risk Management Ospedaliero ASO S.Giovanni Battista,Torino Il Risk Management in Ospedale Dr. Marco Rapellino Direttore SC Qualità e Risk Management Ospedaliero ASO S.Giovanni Battista,Torino LA GESTIONE DEL RISCHIO: IL CONTESTO 2 Errare humanum est perseverare

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE ATTIVITA DI CLINICAL RISK MANAGEMENT - IV TRIMESTRE

RELAZIONE TRIMESTRALE ATTIVITA DI CLINICAL RISK MANAGEMENT - IV TRIMESTRE RELAZIONE TRIMESTRALE ATTIVITA DI CLINICAL RISK MANAGEMENT - IV TRIMESTRE ott - dic 2013 1 In linea con quanto indicato nel Piano di Previsione delle attività di Clinical Risk Management relative all anno

Dettagli

Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico

Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico Dott. Francesco Venneri Clinical Risk Manager ASL 10 Firenze francesco.venneri@asf.toscana.it Avviso ai naviganti. Signore e Signori,

Dettagli

Il sistema di Incident reporting

Il sistema di Incident reporting Il sistema di Incident reporting L esperienza della Regione Emilia-Romagna Elementi di scenario Forte interesse della letteratura agli errori in Medicina Attenzione dei mass media agli episodi di malasanità

Dettagli

Centro Regionale Trapianti

Centro Regionale Trapianti PROTOCOLLO DI SEGNALAZIONE DI EVENTI AVVERSI Processo di donazione-trapianto (Incident reporting) Redazione AUTORIZZAZIONI Redazione / Aggiornamento Verifica Approvazione 20/07/10 Il Coordinatore del Centro

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO e dei PROCESSI del SERVIZIO Rev. 1 Pag. 1 di 6 1 Mission e Vision Il presente documento ha lo scopo di definire la struttura organizzativa, funzioni e responsabilità del Servizio Infermieristico del Presidio

Dettagli

Piano Annuale di Risk Management Anno 2014

Piano Annuale di Risk Management Anno 2014 Allegato n. 1 alla deliberazione n..del. Piano Annuale di Risk Management Anno 2014 20024 - Garbagnate Milanese - Viale Forlanini, 121 Tel.02.994.301 Cod. Fisc. e Part. IVA 12314450151 posta elettronica

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE ATTIVITA DI CLINICAL RISK MANAGEMENT - III TRIMESTRE

RELAZIONE TRIMESTRALE ATTIVITA DI CLINICAL RISK MANAGEMENT - III TRIMESTRE RELAZIONE TRIMESTRALE ATTIVITA DI CLINICAL RISK MANAGEMENT - III TRIMESTRE lug - set 2013 1 In linea con quanto indicato nel Piano di Previsione delle attività di Clinical Risk Management relative all

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Corso Qualità, Risk Management. Sistema qualità, rischio clinico e accreditamento Dott. Dario Seghezzi

Corso Qualità, Risk Management. Sistema qualità, rischio clinico e accreditamento Dott. Dario Seghezzi RISK MANAGEMENT IN OSPEDALE Corso Qualità, Risk Management. Sistema qualità, rischio 1 La gestione del rischio nel Sistema Sanitario Regionale 2 La gestione del rischio nel Sistema Sanitario Regionale

Dettagli

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione La Regione Toscana riconosce nel contributo delle Associazioni di volontariato e tutela

Dettagli

ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO

ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO 1.INTRODUZIONE Questo documento contiene le finalità e le indicazioni operative

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI EVENTI SENTINELLA SOMMARIO

SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI EVENTI SENTINELLA SOMMARIO Pagina 1 di 6 SOMMAIO 1. Premessa...2 2. Scopo/Obiettivi...2 2.1. Scopo...2 2.2. Obiettivi...2 3. Campo di applicazione...2 4. Modifiche alle revisioni precedenti...3 5. Definizioni...3 6. Lista eventi

Dettagli

Procedura generale sanitaria Segnalazione degli eventi sentinella

Procedura generale sanitaria Segnalazione degli eventi sentinella Pagina di 1/5 ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Scopo...2 2. Campo di applicazione...2 3. Diagramma di flusso...2 4. Responsabilità...2 5. Descrizione delle attività...2 5.1. Definizione di Evento Sentinella...2

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE

GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE Direzione del Servizio Infermieristico e Tecnico GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE Annita Caminati e Roberta Mazzoni RISK MANAGEMENT Insieme di attività coordinate per gestire un organizzazione

Dettagli

Rischio puro: insieme delle possibili minacce che possono det un impatto aziend negativo in seguito a danneggiamento di beni o persone

Rischio puro: insieme delle possibili minacce che possono det un impatto aziend negativo in seguito a danneggiamento di beni o persone Balesatra risk management Definizione joint commission: insieme di attività cliniche e organizzative volte a identificare, valutare, e ridurre il rischio di danno ai pz, staff e visitatori e sull intera

Dettagli

Strumenti operativi di gestione del rischio clinico: l incident reporting

Strumenti operativi di gestione del rischio clinico: l incident reporting Strumenti operativi di gestione del rischio clinico: l incident reporting Sara Albolino Centro regionale Gestione Rischio Clinico e Sicurezza del Paziente Regione Toscana rischio.clinico@regione.toscana.

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione 00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V Indice Autori Introduzione XV XVII Capitolo 1 Il Sistema Qualità Aziendale e il miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari 1 Premessa 1 La Qualità

Dettagli

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con Il sottoscritto BERTOLIN ANNALISA ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara X che negli ultimi due anni NON

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

Dalla carta al bit: Analisi del rischio nelle fasi di sperimentazione del Patient Summary

Dalla carta al bit: Analisi del rischio nelle fasi di sperimentazione del Patient Summary Convegno Nazionale PERCORSI DI INNOVAZIONE Parma 21-22 22 ottobre 2011 Dalla carta al bit: Analisi del rischio nelle fasi di sperimentazione del Patient Summary Nicoletta Bonora*, Aldina Gardellini**,

Dettagli

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCHETTI FEDERICA Indirizzo PIAZZA DELLE VETTOVAGLIE, 35 56126 PISA Telefono cell. 347/3658099 ufficio 050/995751

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.5 BASSA FRIULANA REGOLAMENTO AZIENDALE DI PUBBLICA TUTELA TITOLO I

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.5 BASSA FRIULANA REGOLAMENTO AZIENDALE DI PUBBLICA TUTELA TITOLO I AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.5 BASSA FRIULANA REGOLAMENTO AZIENDALE DI PUBBLICA TUTELA TITOLO I Art. 1 Finalità della Pubblica Tutela L Azienda per i Servizi Sanitari n 5 Bassa Friulana si impegna

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

Fondazione Pinna Pintor sabato 17 novembre 2007

Fondazione Pinna Pintor sabato 17 novembre 2007 Fondazione Pinna Pintor sabato 17 novembre 2007 L errore medico Alla ricerca delle procedure di provata efficacia per prevenirlo Dr.ssa Grace Rabacchi Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari (A.Re.S.S.)

Dettagli

Allegato A. Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale

Allegato A. Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Percorso di gestione del rischio clinico all interno dei servizi sanitari delle carceri toscane Allertamento,, analisi e controllo degli incidenti Allegato A Direzione Generale Diritti di Cittadinanza

Dettagli

Dott.ssa Maria Addolorata Vantaggiato Dirigente Medico Responsabile SSD Rischio Clinico, Edilizia ed Impiantistica Ospedaliera Azienda Ospedaliera di

Dott.ssa Maria Addolorata Vantaggiato Dirigente Medico Responsabile SSD Rischio Clinico, Edilizia ed Impiantistica Ospedaliera Azienda Ospedaliera di Dott.ssa Maria Addolorata Vantaggiato Dirigente Medico Responsabile SSD Rischio Clinico, Edilizia ed Impiantistica Ospedaliera Azienda Ospedaliera di Cosenza - Decreto Presidente della Repubblica 7 Aprile

Dettagli

La prevenzione delle cadute in ospedale

La prevenzione delle cadute in ospedale La prevenzione delle cadute in ospedale Coordinatori: Tommaso Bellandi, Laura Rasero e Donatella Rizzini Supervisori: Stefania Rodella e Riccardo Tartaglia http://www.salute.toscana.it/sst/rischio-clinico.shtml

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Dott.ssa Cristina Matranga Coordinamento Regionale Rischio Clinico INCIDENZA DI PAZIENTI INFETTI 5,2% IN ITALIA

Dettagli

Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010

Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010 REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO PIEMONTE Ctr. Papardo tel.090-3991 Messina Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010 La riduzione del rischio

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità Pag. 1 Data di applicazione 07/04/2008 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 21/03/08 Dirigente QA Dirigente QA Dott.ssa A.M. Priori Dott.ssa M. Medri 31/03/08 Direttore QA Dott. E.

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute

Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute 1. Procedura in paziente sbagliato 2. Procedura chirurgica in parte del corpo sbagliata (lato, organo o parte) 3. Errata procedura 4. Strumento o altro

Dettagli

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE Sviluppare competenze manageriali innovative per il mondo della Sanità Health Care Management School Il Sistema Sanitario rappresenta uno dei settori

Dettagli

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO rev. 03 Data: 04-12-2012 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

La gestione dei gas medicinali e la formazione degli operatori

La gestione dei gas medicinali e la formazione degli operatori SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE La gestione dei gas medicinali e la formazione degli operatori 11 giugno 2007 Annamaria Nicchia - U.O.S.C. di

Dettagli

quale progettazione organizzativa negli ospedali Massimiliano Raponi Direttore Sanitario

quale progettazione organizzativa negli ospedali Massimiliano Raponi Direttore Sanitario Sicurezza dei pazienti e qualità: quale progettazione organizzativa negli ospedali Massimiliano Raponi Direttore Sanitario La cornice per la Qualità Coinvolgimento dei pazienti e della popolazione avversi

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

Direzione Centrale Audit e Sicurezza IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE

Direzione Centrale Audit e Sicurezza IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE Maggio 2006 1 La costituzione dell Audit Interno La rivisitazione del modello per i controlli di regolarità amministrativa e contabile è stata

Dettagli

Ing. Simone Mosconi. Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Ing. Simone Mosconi. Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Ing. Simone Mosconi Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro 1 Obblighi del Datore di Lavoro D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 e s.m.i.: Articolo 17 Obblighi del Datore di Lavoro non

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI Sede Legale Piazza Carlo Forlanini, 1 00151 Roma Azienda con ospedali di rilievo nazionale e di alta specializzazione COMITATO ETICO STATUTO COMITATO ETICO AZIENDA

Dettagli

Direzione Generale Sanità

Direzione Generale Sanità SICUREZZA DEL PAZIENTE E ACCREDITAMENTO IN ITALIA IL PERCORSO DI REGIONE LOMBARDIA Enrico Burato AO Carlo Poma di Mantova Gruppo di lavoro regionale per la programmazione delle attività di risk management

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA SEGNALAZIONE E GESTIONE DEGLI EVENTI SENTINELLA 1. SCOPO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA SEGNALAZIONE E GESTIONE DEGLI EVENTI SENTINELLA 1. SCOPO ZIEND SNITRI PROVINILE TNZRO LINEE DI INDIRIZZO PER L SEGNLZIONE E GESTIONE DEGLI EVENTI SENTINELL 1. SOPO Lo scopo di questa procedura è definire le responsabilità e le modalità di gestione, all interno

Dettagli

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti Dott.ssa Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis Root Cause Analysis è un indagine strutturata che ha lo scopo

Dettagli

1.0 Scopo e campo di applicazione 2. 2.0 Riferimenti 2. 3.0 Terminologia e abbreviazioni 3. 4.0 Responsabilità 4. 5.0 Modalità operative 6

1.0 Scopo e campo di applicazione 2. 2.0 Riferimenti 2. 3.0 Terminologia e abbreviazioni 3. 4.0 Responsabilità 4. 5.0 Modalità operative 6 Pagina 1 di 11 INDICE 1.0 Scopo e campo di applicazione 2 2.0 Riferimenti 2 3.0 Terminologia e abbreviazioni 3 4.0 Responsabilità 4 5.0 Modalità operative 6 5.1 Generalità 6 5.2 Gestione dei reclami, suggerimenti

Dettagli

SVILUPPO DI UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DEL RISCHIO OSPEDALIERO

SVILUPPO DI UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DEL RISCHIO OSPEDALIERO PROGETTO AZIENDALE SVILUPPO DI UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DEL RISCHIO OSPEDALIERO SOMMARIO PIANO DI PROGETTO...2 PREMESSE...3 OBIETTIVI...4 GOVERNO DEL PROGETTO...5 RESPONSABILITÀ...5 RISORSE...5

Dettagli

Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità

Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità Aggiornare la cassetta degli strumenti a disposizione, allineando competenze e metodi di lavoro alle best practice internazionali. Il Risk Manager e il

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli