Direzione Generale. Gruppo di Coordinamento Aziendale Rischio Clinico. Sommario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Generale. Gruppo di Coordinamento Aziendale Rischio Clinico. Sommario"

Transcript

1 Pag.1 di 12 Sommario 1 Abbreviazioni utilizzate Introduzione Introduzione al clinical risk management Il sistema aziendale di Risk Management Modello organizzativo Comitato per la Qualità e il Risk Management (CQRM) per il Risk Management (GCA-RM) La rete dei referenti aziendale per il Risk Management La rete dei facilitatori L Incident Reporting System Il ruolo del gruppo di coordinamento aziendale nel sistema di incident reporting Strumenti di analisi degli eventi segnalati Processo di analisi degli eventi segnalati Conseguenze della segnalazione e feed-back a chi segnala Integrazione con l URP Il paziente Campagne di comunicazione Fasi del Progetto di incident reporting Matrice delle responsabilità Condivisione protocollo... 12

2 Pag.2 di 12 1 Abbreviazioni utilizzate ASL Azienda Sanitaria Locale CQRM Comitato per la Qualità e il Risk Management DG DIP.TO Dipartimento DS Direzione Sanitaria FMEA Failure Mode and Effect Analysis FMECA Failure Mode and Critical Effect Analysis GCA-RM Risk Management PCS Pianificazione e Controllo Strategico P.O. Presidio Ospedaliero PSN Piano Sanitario Nazionale QRM RCA Root Cause Analysis RM Risk Management SC Struttura Complessa SC PCS QRM Struttura Complessa Pianificazione e Controllo Strategico SSN Servizio Sanitario Nazionale SSD Struttura Semplice Dipartimentale URP Ufficio Relazioni con il Pubblico UUOO Unità Operative

3 Pag.3 di 12 2 Introduzione Il Piano Sanitario Nazionale (PSN) pone la gestione del rischio clinico a salvaguardia e tutela della sicurezza dei pazienti e del personale tra gli elementi determinanti per il successo del Governo Clinico (o Clinical Governance). Esso viene definito quale strumento per il miglioramento della qualità delle cure per i pazienti e per lo sviluppo delle capacità complessive e dei capitali del SSN. Tale approccio ha lo scopo di mantenere standard elevati e migliorare le performance professionali del personale, favorendo lo sviluppo dell eccellenza clinica e rappresenta lo sviluppo di riflessioni sul tema della qualità sul quale da anni molte organizzazioni stanno lavorando, tra cui l Organizzazione Mondiale della Sanità (cfr. PSN , Cap. 4.4). Più in dettaglio, nella sezione dedicata al tema de: Il rischio clinico e la sicurezza dei pazienti si evidenzia il fatto che sulla gestione del rischio clinico esistono iniziative regionali da valorizzare e generalizzare che assumono come obiettivo quello di coniugare il tradizionale punto di vista assicurativo, tipico della responsabilità dei professionisti, a quello più generale della sicurezza del paziente che attiene ai livelli di qualità del sistema dei servizi e che ha pertanto un impatto diretto sulle capacità di offerta dei livelli di assistenza. Nel PSN il rischio clinico è definito come la probabilità che un paziente sia vittima di un evento avverso, cioè subisca un qualsiasi danno o disagio imputabile, anche se in modo involontario, alle cure mediche prestate, durante il periodo di degenza, che causa un prolungamento del periodo di degenza, un peggioramento delle condizioni di salute o la morte 1. Una gestione efficace del rischio clinico presuppone che tutto il personale sia consapevole del problema, che sia incoraggiata la segnalazione degli eventi e che si presti attenzione ai reclami e al punto di vista dei pazienti. Le strategie di gestione del rischio clinico devono utilizzare un approccio pro-attivo, reattivo, multi-disciplinare, di sistema, e devono prevedere attività di formazione e monitoraggio degli eventi avversi. La formazione, che deve prevedere un livello nazionale, regionale ed aziendale, deve consentire a tutti gli operatori di acquisire la consapevolezza del problema del rischio clinico, per favorire la cultura della sicurezza che considera l errore come fonte di apprendimento e come fenomeno organizzativo, evitando la colpevolizzazione del singolo. Le attività di monitoraggio devono essere condotte secondo un criterio graduato di gravità di eventi, prevedendo che i tre livelli, nazionale, regionale ed aziendale, possano promuovere le rispettive azioni, secondo un disegno coerente e praticabile. La sorveglianza degli eventi sentinella eventi avversi di particolare gravità, indicativi di un serio malfunzionamento del sistema, che causano morte o gravi danni al paziente e che determinano una perdita di fiducia dei cittadini nei confronti del Servizio Sanitario 2 costituisce un importante azione di sanità pubblica, rappresentando uno strumento indispensabile per la prevenzione di tali evenienze e per la promozione della sicurezza dei pazienti. Per questa ragione il Ministero della Salute ha elaborato un protocollo per il monitoraggio degli eventi sentinella, con l obiettivo di fornire alle Regioni e alle Aziende sanitarie una modalità univoca di sorveglianza e gestione di tali eventi sul territorio nazionale, a garanzia dei livelli essenziali di assistenza. La funzione di Risk Management in sanità rappresenta l insieme di varie azioni complesse messe in atto per migliorare la qualità delle prestazioni sanitarie e garantire la sicurezza del paziente. 1 Piano Sanitario Nazionale 2006/ Ministero della Salute Osservatorio Nazionale sugli eventi sentinella. Protocollo per il monitoraggio degli eventi sentinella. Marzo 2008

4 Pag.4 di Introduzione al clinical risk management Il clinical risk management, perché sia efficace, deve interessare tutte le aree in cui l errore si può manifestare durante il processo clinico assistenziale del paziente: solo una gestione integrata del rischio può portare a cambiamenti nella pratica clinica, promuovere la crescita di una cultura della salute più attenta e vicina al paziente ed agli operatori, contribuire indirettamente ad una diminuzione dei costi delle prestazioni ed, infine, favorire la destinazione di risorse su interventi tesi a sviluppare organizzazioni e strutture sanitarie sicure, efficaci ed efficienti. 3 Il sistema aziendale di Risk Management Nella ASL di Cagliari, la gestione del rischio clinico si inserisce nella più ampia funzione aziendale del risk management, finalizzata ad identificare i rischi, i quasi eventi ( near miss ) e gli eventi avversi del sistema di erogazione dei servizi sanitari e a costruire i relativi sistemi di governo. In particolare, l azione dell Azienda è rivolta, in questa prima fase, ai rischi per i pazienti direttamente o indirettamente collegati all attività assistenziale e clinica (rischio clinico). L area Risk Management inserita all interno della struttura complessa Pianificazione e Controllo Strategico implementa le politiche di gestione del rischio clinico, volte sia alla prevenzione degli errori evitabili che al contenimento dei loro possibili effetti dannosi, quindi di tutte le politiche volte alla garanzia di sicurezza dei pazienti (safety). Le attività descritte nel presente documento sono pertanto riferite al rischio clinico puro. 3.1 Modello organizzativo Nell ambito delle attività legate al risk management, l Azienda di Cagliari si avvale di diversi organi aziendali dedicati che intervengono ai vari livelli, rappresentati nella figura 1. Il modello è stato definito con la delibera n del 12 dicembre 2008 a cui si rimanda per ulteriori informazioni sull articolazione organizzativa. Direzione Generale SC PCS QRM Direzione Sanitaria di Presidio Ospedaliero Direzione di Area Territoriale Comitato per la Qualità e il Risk Management GCA RM Dipartimenti Farmaco Referenti Q e RM Comitato per la valutazione dei sinistri Prevenzione Unità Operative Servizi Salute Mentale Acquisti Servizi Sanitari Facilitatori Q e RM Figura 1. Modello organizzativo relativo agli organi aziendali coinvolti nel Risk Management

5 Pag.5 di Comitato per la Qualità e il Risk Management (CQRM) Il Comitato per la Qualità e il Risk Management (CQRM) ha funzioni di indirizzo per la costituzione di un modello per il miglioramento continuo della qualità dell assistenza e della gestione del rischio clinico. All interno del Comitato possono essere costituiti gruppi di studio ad hoc. 3.3 per il Risk Management (GCA-RM) Il GCA-RM è un gruppo di lavoro nel quale confluiscono diverse professionalità e aree di specializzazione (medica, chirurgica, area critica, medicina legale, malattie infettive ecc.) che favoriscono una contaminazione culturale e professionale proficua nell ambito del risk management. Il ruolo e le funzioni del gruppo di coordinamento saranno esplicitate nei successivi paragrafi. Il GCA-RM si riunisce con cadenza mensile a seguito di convocazione del Risk Manager aziendale e ogniqualvolta quest ultimo lo ritiene opportuno. Dopo numerosi incontri del GCA-RM si è potuto constatare, nell affrontare diverse tematiche, la necessità di integrare il gruppo con le discipline di radiologia e farmacia. Nei lavori del GCA saranno, inoltre, coinvolti i pazienti attraverso l associazione del tribunale per i diritti del malato quando si affrontano tematiche nelle quali è utile il coinvolgimento del paziente. Si ritiene che il coinvolgimento del paziente passi attraverso l informazione e la conoscenza dei problemi. A ciò si deve aggiungere anche un percorso di partecipazione attraverso l ascolto concreto della voce dei pazienti. 3.4 La rete dei referenti aziendale per il Risk Management La Rete dei referenti è composta da un referente di Area della Dirigenza e da uno del Comparto per ogni Presidio Ospedaliero, per ogni Dipartimento (Farmaco, Salute Mentale, Dipendenze, Prevenzione, Distretti). Fa parte della rete dei referenti anche un componente dell URP. Si allega al presente documento l elenco aggiornato dei referenti) I referenti, in ogni presidio: svolgono il ruolo di facilitatori degli strumenti di audit che coinvolgono in modo trasversale più unità operative dello stesso presidio; hanno un importante funzione di raccordo tra gli organismi aziendali del rischio e la rete dei facilitatori del proprio presidio ai quali forniscono supervisione e supporto; partecipano, attraverso due componenti, al gruppo di coordinamento aziendale del rischio clinico; hanno un ruolo attivo nella creazione e nel mantenimento di una rete di consulenti e nella formazione per la promozione della sicurezza del paziente (safety); facilitano la condivisione di procedure e buone pratiche tra i diversi presidi aziendali.

6 Pag.6 di La rete dei facilitatori La rete dei facilitatori è costituita da un facilitatore per l area dirigenziale e uno per il comparto in ogni unità operativa. I facilitatori hanno le seguenti funzioni: introduzione e manutenzione dell incident reporting system; organizzazione e coordinamento degli audit clinici e l analisi degli eventi avversi, attraverso l applicazione di metodologie e tecniche per l identificazione degli errori; promozione e diffusione della cultura della sicurezza tra gli operatori; supervisione dal punto di vista operativo dei processi per la gestione dei rischi. I Direttori delle UUOO e dei Dipartimenti sono responsabili per il raggiungimento degli obiettivi relativi ai programmi di gestione del rischio clinico che realizzano attraverso le attività dei facilitatori. 3.6 L Incident Reporting System Lo strumento che l ASL di Cagliari ha deciso di adottare per la segnalazione dei quasi eventi e degli eventi avversi è una scheda di segnalazione che verrà sperimentata per un periodo di 3 mesi presso alcuni reparti dell Azienda in cui operano i componenti del GCA-RM. La scheda di segnalazione (allegata al presente documento) presenta le seguenti caratteristiche: è disponibile in formato elettronico presso il sito internet dell Azienda e in formato cartaceo nelle unità operative a cura dei facilitatori. La scelta di privilegiare il formato elettronico pur non escludendo la possibilità della forma cartacea è motivata dalla maggiore efficienza nella compilazione e nella lettura e raccolta dei dati in formato elettronico; attraverso la scheda può essere segnalato un quasi evento o un evento avverso accaduto durante l attività clinico assistenziale che non ha causato morte o gravi danni al paziente; sono da escludersi nella segnalazione gli eventi sentinella in quanto oggetto di specifico intervento secondo le prescrizioni ministeriali 3 ; la sua compilazione è spontanea e può avvenire a cura degli operatori sanitari e/o dei pazienti che si trovino coinvolti nell evento in qualità di diretti interessati o per situazioni a cui si è assistito direttamente o di cui è stato riferito (nella scheda sono specificate queste 3 situazioni). La spontaneità della compilazione è stata classificata da molti autori essenziale per un sistema di segnalazione di successo e le esperienze nazionali e internazionali tendenzialmente confermano questa affermazione. La scelta di estendere la possibilità della segnalazione anche ai pazienti è effettuata nella prospettiva di raccogliere un maggior numero di segnalazioni. Inoltre, i pazienti possono rivelarsi un importante fonte di informazione circa la manifestazione di nuovi effetti avversi connessi all assistenza medica che i sanitari non hanno potuto facilmente riscontrare; la compilazione è facoltativa in ogni sua parte, sono considerati obbligatori solo i campi riferiti all unità operativa in cui si è verificato l evento, indispensabile per poterlo analizzare. La scelta della compilazione facoltativa è supportata dalla prospettiva che in tali condizioni gli operatori sanitari si sentano più liberi e di conseguenza forniscano dati veritieri; sono presenti campi chiusi a cui è sufficiente apporre una crocetta e campi aperti la cui compilazione è libera. La fase sperimentale sarà utile anche per comprendere l efficacia di 3 Ministero della Salute - Marzo 2008

7 Pag.7 di 12 un sistema di segnalazione anonimo, infatti, nella prima fase non si ritiene necessaria l identificazione del segnalatore, al contrario è indispensabile l indicazione del Dipartimento e dell Unità Operativa, il profilo professionale del segnalatore ed il relativo ruolo nell evento segnalato, al fine di consentire un adeguata analisi dell evento. Come altre caratteristiche del sistema di incident reporting che si intende implementare anche l anonimato viene garantito per incoraggiare il personale sanitario a segnalare i quasi eventi e gli eventi avversi. Ancora, l anonimato riduce le preoccupazioni dei sanitari circa eventuali sanzioni, siano esse di tipo materiale o morale, nelle quali sarebbe più facile incorrere qualora la scheda di segnalazione fosse nominativa; il segnalatore può scegliere di consegnare la scheda compilata ad uno dei seguenti interlocutori: facilitatore o referente del Presidio, punto di raccolta dell unità operativa, URP, Direzione Sanitaria, Risk Manager. In una seconda fase, condizionata alla informatizzazione capillare di tutta l Azienda sarà possibile la compilazione e l invio on line delle schede di segnalazione. La sperimentazione avverrà dal 1 settembre al 31 dicembre 2009; al termine di tale periodo sarà effettuata una valutazione sia della scheda utilizzata sia del processo di segnalazione adottato, a cura del GCA-RM. 3.7 Il ruolo del gruppo di coordinamento aziendale nel sistema di incident reporting Il GCA-RM supporta la struttura aziendale di risk management nella definizione del Piano per la gestione del rischio clinico che viene proposto annualmente alla Direzione, al fine di identificare le azioni da implementare. In particolare, nell ambito del suddetto piano sono affrontate le seguenti tematiche: assessment delle aree di rischio: l identificazione delle aree di rischio avviene a seguito dell analisi delle segnalazioni di eventi e/o per aree individuate dalla letteratura, o ritenute rilevanti dal GCA; identificazione di ambiti di intervento in termini di priorità e fattibilità; identificazione di standard di riferimento; promozione di azioni correttive sia puntuali (in risposta ad eventi) sia attraverso la definizione di un Piano (miglioramento continuo della qualità e della sicurezza del paziente e degli operatori); monitoraggio del Piano e delle attività in corso. Il GCA-RM è parte della componente sanitaria e attraverso l integrazione con la rete dei referenti e dei facilitatori favorisce la diffusione della cultura della sicurezza per il paziente, facilitando la segnalazione dei quasi eventi e degli eventi avversi attraverso l introduzione di un sistema di segnalazione spontanea (Incident Reporting System) e l applicazione degli strumenti di analisi (Audit, Root Cause Analysis). Nel caso di un evento avverso grave la SC supporterà la Direzione nella costituzione di unità di crisi nella quale sarà coinvolta l area comunicazione per la gestione dei rapporti con i media. Il GCA-RM o alcuni dei suoi componenti possono essere coinvolti nell unità di crisi a seconda della tipologia di evento. Il GCA-RM formula risposte strutturate alle segnalazioni attraverso un report trimestrale relativo alle aree di segnalazione e agli interventi messi in campo. Questo report verrà diffuso durante le riunioni di Dipartimento o di SC/SSD e potrà essere messo a disposizione nel sito internet aziendale.

8 Pag.8 di Strumenti di analisi degli eventi segnalati Per la gestione del rischio clinico sono stati individuati diversi strumenti di analisi il cui utilizzo sarà in funzione dell evento segnalato e del relativo contesto. Per l individuazione dello strumento più idoneo è stata messa a punto una scheda di analisi degli eventi che si allega al presente documento. AUDIT CLINICO: è uno strumento multidisciplinare e multiprofessionale per lo sviluppo delle competenze professionali e della accountability e costituisce un importante strumento di formazione sul campo. Si tratta di una revisione strutturata tra pari che permette di verificare la capacità di fornire e mantenere cure sicure attraverso la valutazione dell attività clinica e dei risultati raggiunti e misurando le differenze riscontrate nella pratica assistenziale rispetto a standard esplicitamente definiti. Un progetto di audit clinico può essere di tipo retrospettivo o prospettico; l obiettivo è in ogni caso l identificazione delle criticità organizzative e le relative ipotesi di miglioramento. Questo processo si conclude con un alert report. FMEA-FMECA: è uno strumento per la prevenzione dei rischi consiste in una tecnica sistematica per identificare e prevenire problemi nei processi prima che essi insorgano. La FMEA (Failure Mode and Effect Analysis) è un analisi di tipo qualitativo intesa a definire quello che potrebbe succedere (il modo di guasto/errore) se si verificasse un difetto, una omissione, un errore; la FMECA (Failure Mode and Critical Effect Analysis) aggiunge un percorso di tipo quantitativo orientato all assunzione di decisioni operative coerenti. Nell uso comune ormai quando si parla di FMEA si intende la FMECA. ROOT CAUSE ANALYSIS (RCA): è uno strumento di analisi retrospettiva strutturata che ha lo scopo di identificare la causa di un evento e le azioni necessarie ad eliminarla. L obiettivo principale di questa metodologia è arrivare a comprendere in modo approfondito che cosa è successo e perché, cosa si può o deve fare per evitare che si ripeta. RASSEGNA DI MORTALITÀ E MORBILITÀ (M&M): si tratta della discussione di casi la cui gestione è particolarmente difficile e che hanno avuto un esito di mortalità o morbilità. Essa non comporta la stesura di un documento finale ma solo la registrazione dei partecipanti ed è da considerarsi come la discussione del caso preparata accuratamente da un collega che si fa carico di raccogliere le informazioni necessarie e la letteratura di riferimento; si configura come un iniziativa di formazione continua orizzontale e pragmatica, in cui il personale si confronta sugli aspetti clinici e gestionali dei casi in esame. La RCA consente un analisi delle cause degli eventi avversi e si adatta bene ai casi in cui è rilevante la componente organizzativa, è uno strumento però ancora complesso e poco utilizzato per la componente clinica. L audit viceversa è più vicino ai clinici in quanto già utilizzato per le discussioni professionali, risulta quindi di più facile diffusione, tuttavia per essere efficace, occorre che sia standardizzato nel metodo. Gli strumenti descritti consentono un analisi prospettica e una retrospettiva: in particolare la FMECA è uno strumento che viene utilizzato per presidiare alcuni processi che si ritengono critici prima che si verifichino eventi avversi. L Audit può essere utilizzato sia come strumento prospettico che retrospettivo, e la RCA è invece utilizzata a seguito del verificarsi di un evento. Nella prima fase di avvio del sistema si ritiene che ci si avvarrà degli strumenti dell Audit e della RCA in quanto utilizzabili in modo retrospettivo e quindi su eventi o quasi eventi già accaduti. Il GCA ha comunque già individuato degli strumenti prospettici (FMECA e Audit) che consentano l analisi anche di potenziali rischi su scenari futuri.

9 Pag.9 di Processo di analisi degli eventi segnalati A seconda della tipologia dell evento segnalato l analisi sarà effettuata nei diversi livelli: intervento a livello di Unità Operativa (Facilitatori); intervento a livello di Dipartimento (Facilitatori); intervento a livello di Presidio Ospedaliero (Referenti); intervento a livello (Risk Manager). Qualunque sia il livello di intervento a seguito della segnalazione, al gruppo di coordinamento sarà comunicata la modalità di intervento adottato al fine di consentire l aggiornamento continuo del data-base aziendale degli eventi avversi tenuto a cura della struttura aziendale di risk management Conseguenze della segnalazione e feed-back a chi segnala Al termine dell analisi effettuata con uno o più degli strumenti sopraindicati, sarà redatto un alert-report con indicazione delle cause che hanno generato l evento e l individuazione delle opportune azioni correttive nonché le barriere utili a limitare il ripetersi degli eventi. Al segnalatore dell evento (nel caso la segnalazione non sia stata anonima) sarà dato un feedback di avvenuto ricevimento della segnalazione. In ogni caso, sarà prodotto un report trimestrale a cura del GCA-RM sulle segnalazioni esaminate e sugli interventi posti in essere. Nel report verranno anche segnalate le good practices volte alla riduzione degli errori che emergono a seguito delle azioni migliorative, in modo da dare la giusta importanza alle azioni che hanno funzionato Integrazione con l URP È stato progettato un percorso di integrazione con l URP al fine di: garantire una risposta ai pazienti che possa dare conto anche di un percorso di miglioramento eventualmente intrapreso dall Azienda; utilizzare i reclami come segnalazioni che alimentano il sistema di incident reporting su cui effettuare l analisi. L integrazione avviene attraverso la partecipazione alla rete dei referenti di un componente dell URP, e con un percorso del reclamo che prevede la trasmissione dei casi, rilevanti sotto il profilo del rischio, al risk manager e un feedback da parte di quest ultimo all URP Il paziente Il GCA-RM individua nel Piano annuale le modalità per condividere il percorso che l Azienda intende intraprendere per la gestione del rischio clinico con le associazioni dei pazienti. Le Associazioni dei pazienti sono coinvolte negli incontri del gruppo di coordinamento aziendale quando si trattano tematiche per le quali è rilevante il loro coinvolgimento Campagne di comunicazione Il GCA-RM individua nel Piano annuale le campagne di comunicazione da implementare. La realizzazione di campagne incentrate su temi specifici assolve al duplice compito, da una parte di affrontare problemi circoscritti ma comunque significativi per il miglioramento della sicurezza, dall altra di essere un volano per la realizzazione del cambiamento culturale, presupposto fondamentale per la realizzazione degli obiettivi di lungo termine (ad esempio: il Progetto Clean Care; la Campagna Scheda Unica di Terapia).

10 Pag.10 di Fasi del Progetto di incident reporting Il progetto di introduzione del sistema di incident reporting si articola in 4 fasi: 1- progettazione del sistema di incident reporting individuazione e formazione delle unità operative e sperimentazione per 3 mesi; 2- analisi dei casi segnalati e individuazione degli strumenti correttivi; 3- analisi del sistema per una eventuale revisione al termine della sperimentazione; 4- verifica dell applicazione e dell efficacia e messa a regime del sistema. FASE 1 Progettazione e sperimentazione del sistema di incident reporting Il sistema di incident reporting progettato dal GCA con la definizione della scheda di segnalazione, il processo di segnalazione e l analisi dei casi, secondo la metodologia descritta nei paragrafi precedenti, dovrà essere sperimentato nelle seguenti UO: P.O. Marino (H specialistico ortopedico): U.O. Ortopedia; P.O. Businco (H specialistico oncologico): UU.OO. Ematologia e Ginecologia Oncologica; P.O. SS. Trinità (H generale): UU.OO. Anestesia e Rianimazione, Malattie infettive; P.O. Binaghi (H specialistico pneumologico): U.O. Pneumologia; P.O. San Giuseppe (H periferico): U.O. Medicina; Area Distretti: U.O. Poliambulatorio Viale Trieste. Le Unità Operative saranno adeguatamente formate sul contenuto della scheda di segnalazione in appositi incontri presso le loro sedi a cura del risk manager. FASE 2 Introduzione dello strumento Tutti i casi segnalati saranno analizzati a cura del risk manager, della rete dei referenti e dei facilitatori ai diversi livelli e con i diversi strumenti come descritto nei paragrafi precedenti. Per ogni evento sarà valutata l introduzione di correttivi e di possibili barriere che evitino il ripetersi degli stessi errori. FASE 3 Analisi del sistema per eventuale revisione al termine della sperimentazione Al termine dei 3 mesi di sperimentazione saranno valutate tutte le segnalazioni ricevute e sulla base delle informazioni ricevute si valuterà la possibilità di integrare/modificare la scheda e il processo di segnalazione. Ogni scheda ha in allegato una comunicazione nella quale viene chiesto al segnalatore di valutare il grado di comprensione della scheda e di indicare eventuali informazioni mancanti o qualsiasi altro suggerimento che possa essere utile a migliorare il sistema. FASE 4 Verifica dell'applicazione e dell efficacia del sistema Sarà effettuato mensilmente un monitoraggio sul grado di applicazione dello strumento nelle UO sperimentali a cura del risk manager. Al termine dei tre mesi di sperimentazione il GCA-RM curerà la redazione di un report per evidenziare i risultati della sperimentazione e gli interventi correttivi/migliorativi introdotti nel sistema. Si ritiene che un momento per la diffusione di questi report possa essere quello delle riunioni di dipartimento/aree in tutti i presidi dell Azienda. In questa fase viene verificata l applicazione e l efficacia del sistema al fine di estendere la sua applicazione in tutte le UO aziendali.

11 Pag.11 di 12 Matrice delle responsabilità Macro processo Attività DG/DS Comitato Qualità e RM SC PCSQRM GCA-RM Rete dei referenti Rete dei facilitatori Direzione di Presidio/Distretti Direttore di Dipartimento Direttore SC/SSD A. Pianificazione strategica B. Implementazione del Piano di Gestione del rischio C. Gestione Budget Risk Management D. Incident Reporting System A.1. Definizione obiettivi C C R R C C C C C e priorità del Piano di Gestione del rischio A.2. Proposta di una C I R C I I I I I bozza del Piano A.3. Redazione del Piano C I R C I I I I I A.4. Approvazione e R I C C I I I I I diffusione del Piano di Gestione del Rischio B.1. Realizzazione delle I I C C R R R R R azioni previste nel Piano B.2. Monitoraggio delle I I R R I I I I I attività implementate B.3. Valutazione delle I I R R I I I I I attività implementate e identificazione di eventuali misure correttive C.1. Definizione di C I R C C C C C C obiettivi da declinare nel budget delle SC C.2. Proposta e R I C C I I C R R negoziazione del budget D.1. Progettazione Incident Reporting System D.2. Implementazione dell Incident Reporting System D.3. Monitoraggio dell Incident Reporting System ed eventuale individuazione di misure correttive Legenda: R (responsabile); C (coinvolto); I (informato). I I R R C I I I I I I C C R R R R R I I R R R R C C C

12 Pag.12 di 12 Condivisione protocollo Redatto da Ruolo Firma Angelucci Emanuele Angotzi Lucia Argiolas Federico Atzei Francesco Cara Luciano Lai Alberto Masia Massimo Pelliciari Riccardo Pilloni Rita Pisano Francesca Ruda Anna Maria Secci Giovanni Vallese Maria Caterina Direttore del Dipartimento Oncologia Medica; Responsabile della Sicurezza Dirigente Medico di Direzione Sanitaria di P.O. Responsabile SSD Medicina legale Responsabile Divisione Ortopedia e microchirurgia ricostruttiva; Dirigente Medico specialista in Anestesia e Rianimazione Responsabile del Servizio Tecnico Coordinatore Infermieristico di P.O. periferico Risk Manager Dirigente Medico specialista in Malattie Infettive Dirigente Medico di Direzione Sanitaria di P.O. Responsabile del Technology Assessment Infermiera Area Nursing

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti A.S.L. TO4 Piano della performance ed obiettivi - S.C. Affari Generali Direttore: Dott.ssa Carla CIAMPORCERO FOR Sviluppare le attività di formazione su appropriatez prescrittiva farmaci e prestazioni

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

Risk management in Sanità Il problema degli errori

Risk management in Sanità Il problema degli errori Risk management in Sanità Il problema degli errori Attualmente il tema del rischio clinico si pone come argomento di rilevante severità che interessa vari settori della sanità ed ha un forte impatto sociale.

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

Master in Hospital Risk Management

Master in Hospital Risk Management Master in Hospital Risk Management XII Edizione (2014-2015) in memoria di Leonardo la Pietra con il patrocinio di* SIC SIOT * i patrocini sono in fase di aggiornamento. Master Destinatari Il master è rivolto

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli