Scuola di Economia e Management. Relazione Annuale Commissione Paritetica Docenti-Studenti (CP-DS) Anno 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scuola di Economia e Management. Relazione Annuale Commissione Paritetica Docenti-Studenti (CP-DS) Anno 2014"

Transcript

1 Scuola di Economia e Management Relazione Annuale Commissione Paritetica Docenti-Studenti (CP-DS) Anno

2 Parte I Premessa: composizione e funzioni La composizione e le funzioni delle Commissioni paritetiche docenti studenti (CP) dell Ateneo di Siena sono disciplinate dall art. 16 dello Statuto, e dall art. 14 del Regolamento didattico d Ateneo. Ai sensi della normativa interna sono membri delle Commissioni paritetiche i Presidenti dei Comitati per la didattica dei Corsi di studio della Scuola di Economia e Management (SEM), istituita come struttura di raccordo fra il Dipartimento di Economia Politica e Statistica (DEPS) e il Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici (DiSAG), o da loro delegati, ed un ugual numero di rappresentanti degli studenti iscritti ai medesimi Corsi di studio. Con Delibera dell 8 Luglio 2014 il Senato Accademico ha ritenuto sufficiente, ove necessario, che per la prima attivazione le CP possono avere una composizione che consenta almeno di raggiungere il quorum della maggioranza assoluta dei componenti. Il Regolamento della Scuola può integrarne la composizione. COMPOSIZIONE NOME E COGNOME CDS Coordinatore CP Claudio Pacati c.d.l.m. Finance-Finanza Docenti Lucio Barabesi c.d.l.m. Scienze Stat. per le Indagini Campionarie Federico Barnabè c.d.l.m. Management e Governance Salvatore Bimonte c.d.l. Economia e Sviluppo Territoriale Luigi Bosco c.d.l. Economia e Commercio Ciro Gennaro Corvese c.d.l. Scienze Economiche e Bancarie Massimo Andrea D Antoni c.d.l.m. Economia/Economics Caterina Pisani C.d.l. Economia Maurizio Pompella c.d.l. Economia e Gest. degli Intermediari Finanziari Ernesto Screpanti Dottorato di ricerca in Economics (delegato) Studenti Leonardo Ciambezi Amalia Di Cianni Luca Fontanelli Carmine Gaeta Davide Muscio La CP-DS è stata istituita in data 4 dicembre 2014 La CP-DS si è riunita nelle seguenti date (Indicare le date e le modalità di svolgimento delle riunioni (alla presenza dei componenti o telematica) 1) 9 dicembre 2014 (riunione in presenza) 2) 18 dicembre 2014 (riunione telematica) Breve sintesi dei lavori svolti in ciascuna delle sedute della Commissione paritetica: Riunione 1: Elezione del presidente, nella persona del prof. Claudio Pacati. Presa visione delle indicazioni del Presidio della Qualità di Ateneo sulla compilazione della relazione annuale. Breve discussione. Suddivisione del lavoro preparatorio da svolgere per la compilazione della relazione annuale. 2

3 Riunione 2: Raccolta della materiale preparato dai vari incaricati nella riunione precedente. Discussione, compilazione e approvazione della relazione annuale. Parte II: descrizione dell'offerta didattica di riferimento della Commissione Paritetica. La commissione, seguendo le indicazioni del Presidio di Qualità di Ateneo, ha effettuato l analisi riferendosi ai CdS attivi della SEM, che sono: c.d.l. Economia e Commercio L-18 (riferimento: DiSAG), c.d.l. Scienze Economiche e Bancarie L-33 (riferimento: DEPS), c.d.l. Economia e Gestione degli Intermediari Finanziari LM-77 (riferimento: DiSAG), c.d.l.m. Economia/Economics LM-56 (riferimento: DEPS), c.d.l.m. Finance-Finanza LM-16 (riferimento: DEPS), c.d.l.m. Management e Governance LM-77 (riferimento: DiSAG), c.d.l.m. Scienze Statistiche per le Indagini Campionarie LM-56 (riferimento: DEPS). Non ha quindi preso in considerazione i due corsi di laurea ad esaurimento né la c.d.l. Economia L-33 (riferimento: DEPS), c.d.l. Economia e Sviluppo territoriale L-33 (riferimento: DEPS), scuola di dottorato in Economics (DEPS). Parte III Analisi dei punti previsti dalla scheda per la relazione annuale per le CP di cui all'all. V del documento ANVUR-AVA Autovalutazione, Valutazione e Accreditamento del Sistema Universitario Italiano SEZIONE a.] Nel redigere la Relazione annuale dell'anno 2014, coerentemente con le indicazioni fornite per quest'anno dal Presidio della Qualità di Ateneo, la Commissione Paritetica si è concentrata nell'analisi dei punti A, E, F indicati nella scheda di cui all'all. V del documento ANVUR-AVA. I punti A, E, F sono infatti di prioritaria importanza al fine dell'analisi della qualità dell'offerta didattica e dei Corsi di Studio, in quanto consentono di raccogliere evidenze dirette circa la considerazione delle parti interessate sull offerta formativa e sulla didattica erogata (esigenze del sistema economico e produttivo, opinione degli studenti, pratica del riesame annuale dei CdS). L analisi 3

4 Punto A) Competenze richieste dalle prospettive occupazionali e di sviluppo personale e professionale, tenuto conto delle esigenze del sistema economico e produttivo. A.1) Corsi di laurea triennale Premessa. La valutazione del punto in esame può iniziare innanzitutto da una considerazione preliminare. Nel 2007 la Facoltà di Economia a cui il corso afferiva si era dotata di un Comitato Consultivo di Indirizzo al fine di favorire la periodica consultazione con i rappresentanti dell'economia e della produzione. Il Comitato di indirizzo era composto da personalità esterne alla Facoltà: manager di imprese industriali e bancarie nazionali e multinazionali, esponenti del Banca d'italia, dell'abi, dirigenti pubblici, rappresentanti del mondo economico locale. Su questa base, le consultazioni con il mondo del lavoro, integrative rispetto a quelle svolte a livello di Ateneo, hanno poi utilizzato anche canali informali ma non meno efficaci. Le modifiche apportate all'iniziale progetto formativo dei corsi di studio triennali hanno infatti tenuto conto di indicazioni e segnalazioni pervenute dal mondo professionale specie in occasione dell'attivazione di stage e tirocini per cui venivano richieste competenze specifiche. La conoscenza dei fabbisogni di competenze del mercato del lavoro a cui si indirizzano i laureati dei corsi di studio viene inoltre periodicamente aggiornata grazie alla partecipazione ad occasioni di confronto con il mondo professionale in occasioni di convegni ed eventi specifici sia in Italia sia all'estero. In vista della ricostituzione di un Comitato di indirizzo nell'ambito dei due Dipartimenti contitolari dei corsi di studio, sono stati attivati di recente contatti con la pubblica amministrazione, imprese pubbliche e private, istituzioni finanziarie (banche e assicurazioni) ed ordini professionali. Le prospettive occupazionali con riferimento alle funzioni e alle competenze acquisite dal laureato. Le funzioni e le competenze acquisite dal laureato non sono variate e sono quelle richieste per le prospettive occupazionali e professionali così come emerge dalla SUA nei quadri A.2.a e A.2.b. Suggerimenti Dall'esame dei dati messi a disposizione degli uffici emerge abbastanza chiaramente che la vocazione professionalizzante dei corsi di laurea triennali non viene esattamente percepita come tale dagli studenti. La maggior parte di questi infatti sceglie di proseguire gli studi al fine di acquisire una formazione specialistica. La circostanza, comune a molte delle triennali dell'ateneo, e certamente a quelle delle classi cui appartengono i CdS in esame, non pare corrispondere ad una criticità, in special modo se incrociata con i dati circa le ragioni per le quali lo studente sceglie di intraprendere un corso di laurea specialistico: la percentuale infatti di coloro che si iscrive al percorso successivo per il fatto di avere cercato ma non avere trovato un lavoro dopo la laurea triennale è molto bassa per i laureati delle classi. La possibilità di trovare lavoro rimane certamente, tuttavia, la preoccupazione fondamentale dello studente in uscita; circa il 50% infatti degli studenti che decidono di iscriversi ad una laurea specialistica lo fa per migliorare la possibilità di trovare lavoro. Ciò nonostante, si riscontra una sensibile differenza fra il tempo che normalmente intercorre dalla laurea alla data di reperimento del primo lavoro e quello che invece va dal tempo di inizio della ricerca al reperimento. La commissione paritetica concorda, a questo proposito, che una qualche criticità possa essere riscontrata - nonostante le attività organizzate negli anni per consolidare i contatti con il mondo del lavoro e delle imprese (in forma ad esempio di Career Day ) nella mancata attitudine di questi contatti a tradursi sistematicamente in opportunità di lavoro per gli studenti in uscita. Nondimeno, 4

5 occorre tenere conto dell'influenza negativa che il periodo di crisi prolungata esercita tanto sulle concrete opportunità di lavoro che sulla motivazione dei neolaureati. Gli studenti sono d accordo nel ritenere che la congiuntura avversa rappresenti un incoraggiamento, se pure si tratti di una strada quasi obbligata, ad investire nella propria formazione proseguendo gli studi. Si osserva, ad ogni modo, che coloro che si mettono fattivamente alla ricerca di un lavoro immediatamente dopo la laurea conseguono l'obiettivo in un tempo ragionevole, si stima di poco superiore all'anno, e con assunzione a tempo indeterminato, o comunque non precaria. I corsi di studi favoriscono in ogni modo la stipula di convenzioni con l ambito lavorativo connaturato agli studi, cioè con intermediari finanziari e imprese, nonché con enti pubblici e studi professionali. Inoltre i Corsi di studi ed i Dipartimenti ai quali i due corsi afferiscono sono attivi anche nell'organizzare convegni, seminari informativi su prospettive occupazionali con attori del territorio (es. imprese) destinate anche agli studenti. Infine, è stata recentemente costituita un associazione alumni dell Università di Siena formata prevalentemente da studenti della ex Facoltà di Economia ed i rappresentanti dei due Corsi di Studio hanno iniziato un confronto con detta associazione per verificare i punti di debolezza dei percorsi formativi al fine di valutare gli opportuni aggiustamenti. A.2) Corsi di laurea magistrale Premessa. Nel 2007, in occasione della riforma dei cicli di studio, la Facoltà di Economia, da cui dipendeva l'organizzazione della didattica che attualmente è di competenza della Scuola di Economia e Management, si dotò di un Comitato Consultivo di Indirizzo. L'obiettivo era quello di favorire la periodica consultazione con i rappresentanti dell'economia e della produzione. Il Comitato di indirizzo era composto esclusivamente di personalità esterne alla Facoltà: di essa fanno parte manager di imprese industriali e bancarie nazionali e multinazionali, esponenti del Banca d'italia, dell'abi, dirigenti pubblici, rappresentanti del mondo economico locale. Nel corso della riunione tenutasi il 21 gennaio 2008 la Facoltà presentò al Comitato Consultivo di Indirizzo le caratteristiche dei nuovi corsi di studio in progettazione, con particolare riferimento agli obiettivi formativi, agli sbocchi professionali e ai criteri adottati nell'organizzazione dei percorsi e nella revisione delle metodologie didattiche. Le consultazioni con il mondo del lavoro hanno poi utilizzato anche canali informali, che risultano piuttosto frequenti nel caso delle discipline economiche e aziendali. Dei giudizi e le osservazioni emersi anche in tali contatti si è cercato di tenere conto nella messa a punto dei progetti formativi, che nel tempo sono stati oggetti di revisione e di adattamento. La conoscenza dei fabbisogni di competenze del mercato del lavoro a cui si indirizzano i laureati del corso di studio viene inoltre periodicamente aggiornata grazie alla partecipazione ad occasioni di confronto con il mondo professionale in occasioni di convegni ed eventi specifici sia in Italia sia all'estero. Anche l'attivazione di stage rappresenta un'utile occasione di scambio con il mondo del lavoro e della produzione, che consente di verificare indirettamente l'adeguatezza delle competenze fornite. Profili di competenza e sbocchi professionali La definizione dei profili di competenze e degli sbocchi professionali dei corsi attivati risulta nella maggior parte dei casi precisa e definita. Tali sbocchi sono facilmente identificabili sia dagli studenti che dagli operatori esterni all'università. Laddove il percorso risulta meno specifico con riferimento allo sbocco professionale, come ad esempio per il curriculum in Economics la laurea magistrale in Economia/Economics, ciò è dovuto al carattere delle competenze fornite, più orientate all'acquisizione di tecniche di analisi e strumenti interpretativi di carattere generale. Tale difficoltà non è tuttavia motivo di preoccupazione, visto che il percorso si ispira agli standard internazionali per corsi di indirizzo analogo (compreso il fatto che il 5

6 curriculum è svolto interamente in lingua inglese), e questo rende il curriculum facilmente riconoscibile e i risultati facilmente verificabili. Suggerimenti Potrebbe essere utile in prospettiva prevedere nuove riunioni del comitato di indirizzo per verificare, a distanza di alcuni anni dall'attivazione, la rispondenza dei percorsi di studio agli obiettivi e alle aspettative iniziali. Fonti di dati/informazioni Quadri della SUA-CdS (ed a.a. 2014/2015 ) A1 Consultazione con le organizzazioni rappresentative beni servizi e professioni ; per i Cds di nuova istituzione nell a.a. 2014/2015 vd. anche Quadro D.6. Eventuali altri documenti utili per motivare l attivazione del CdS. A2 Profilo professionale e sbocchi occupazionali e A.4. Risultati apprendimento Dati: Indagini Alma Laurea sulla Situazione occupazionale a 1 e 3 anni dalla laurea (dati già pubblicati nel Quadro della SUA - C2 Efficacia esterna ) Punto E) Completezza ed efficacia del Riesame e dei conseguenti interventi di miglioramento. E.1) Corsi di laurea triennale I RAR dei due corsi di laurea triennale hanno individuato una serie di dati positivi e alcune criticità. I dati positivi riguardano la costante, forte attrattiva di entrambi i corsi di laurea e un ottimo livello di soddisfazione dichiarato dai laureati e una buona occupabilità degli stessi come testimoniato dai dati Almalaurea. Le criticità riguardano principalmente i dati sull abbandono e sui tempi di conseguimento del titolo e, come suggerito dagli studenti, una non perfetta distribuzione degli insegnamenti fra i due periodi, un non sempre efficace coordinamento fra i due corsi di laurea, un flusso di informazioni rivolte agli iscritti e ai potenziali studenti non sempre adeguato, un maggior coordinamento dei contenuti didattici del corso quando questi sono divisi per lettera o per matricola, una dotazione di infrastrutture non sempre congrua alle necessità. Sia le positività che gli elementi critici appaiono del tutto in linea con i dati disponibili. Nei RAR sono individuate alcune delle cause che hanno portato alle criticità: una non sempre efficace attività di orientamento all entrata, una non idonea attività di assistenza e tutoraggio agli studenti del primo anno, una certo grado di disorganizzazione e confusione dovuto alla scomparsa delle Facoltà e della loro attività di direzione e coordinamento, una dotazione di risorse del tutto inadeguata alle necessita. I RAR hanno evidenziato in modo ragionevolmente convincente le cause dei problemi riscontrati. Uno sforzo ulteriore può essere effettuato nelle comprensione delle ragioni per le quali continuino ad esistere disomogeneità fra gli insegnamenti quando divisi per matricola. Le azioni correttive sono risultate adeguate alla natura dei problemi riscontrati. L azione più efficace è stata sicuramente la nascita della Scuola di Economia e Management che ha colmato il vuoto lasciato dalla Facoltà coordinando e gestendo una serie di attività comuni ai due dipartimenti e fornendo agli studenti già iscritti e ai potenziali immatricolandi un unico riferimento normativo e informativo. La seconda azione correttiva meritevole di attenzione riguarda l attività di tutoraggio rivolta agli studenti del primo anno. La sua reale efficacia, tuttavia, dovrà essere monitorata nel tempo. Alcuni problemi evidenziati, come ad esempio, la carenza delle infrastrutture, non sono di competenza del corso di laurea che si può solo limitare ad informare gli organi di ateneo. 6

7 E.2) Corsi di laurea magistrale I RAR dei vari corsi di laurea magistrale evidenziano un contenuto informativo esauriente, soddisfacente e chiaro in relazione alla individuazione sia dei principali punti di forza dei corsi di studio sia delle maggiori criticità degli stessi. In questa direzione, le informazioni utilizzate per la identificazione dei punti di forza e delle problematiche sono state primariamente ottenute tramite la somministrazione dei questionari agli studenti, nonché tramite l analisi dei dati trasmessi dall Ufficio Quality Assurance ed infine, tramite altre modalità, tipicamente grazie all opera degli organi collegiali (es. Comitati per la Didattica e Consigli di Dipartimento) ed attraverso colloqui individuali con i docenti impegnati sui vari insegnamenti dei diversi corsi di studio. Nel complesso, sia i dati messi a disposizione dall Ateneo sia le consultazioni con le componenti studentesche hanno permesso di raccogliere informazioni e segnalazioni relative ad un ampio spettro di caratteristiche didattiche e dell offerta formativa, comprendenti i profili organizzativi degli insegnamenti all interno dei diversi corsi di studio (e degli eventuali curricula in essi previsti), il grado di soddisfazione palesato dagli studenti nei confronti dei vari insegnamenti o relativo all adeguatezza delle aule e delle strutture, il giudizio degli studenti in merito all orario ed agli esami intermedi e finali. Altre informazioni più strettamente attinenti all erogazione di servizi di supporto alla didattica, sono inoltre state raccolte ed analizzate. Nei vari RAR, sono altresì state esaminate le statistiche relative a rinunce, passaggi, trasferimenti, abbandoni e ripetenti, nonché quelle relative ai valori medi di conseguimento dei CFU per anno di corso e quelle relative ai voti di profitto e di laurea. Tutto ciò ha consentito non solo una estensiva analisi ma anche e soprattutto l identificazione di una serie di problematiche da affrontare, tra le quali: - il livello di soddisfazione nei confronti delle modalità di erogazione di alcuni specifici insegnamenti mostra un tendenza al lieve peggioramento nel corso degli anni; - il livello di soddisfazione nei confronti dell organizzazione dei corsi, in termini di orari di lezione e di calendario degli esami di profitto, palesa alcune criticità, dovute soprattutto al verificarsi di sovrapposizioni; - il voto medio di superamento degli esami di profitto è elevato nella maggior parte dei corsi magistrali, con un conseguente impatto anche sul voto di laurea finale. Il rischio che ne deriva è di tipo reputazionale sia per i corsi in questione sia per gli studenti nel momento del loro ingresso nel mondo del lavoro; - viene rilevata da parte degli studenti la necessità di una più coerente corrispondenza tra programmi svolti e CFU assegnati agli insegnamenti, nonché di un maggior coordinamento tra insegnamenti; - viene altresì rilevata la necessità di rafforzare le competenze trasversali, con particolare riferimento a quelle linguistiche avanzate; - è talvolta rilevata qualche difficoltà degli studenti nell apprendimento, difficoltà soprattutto legate ad una insufficiente padronanza delle conoscenze preliminari inerenti ad alcune specifiche discipline; - viene inoltre rilevata qualche criticità in relazione alla capienza delle aule, questo in relazione ai corsi più numerosi, nonché con attinenza al numero delle postazioni informatiche disponibili; - un dato a parte è relativo alla flessione del numero di studenti che entrano velocemente nel mercato del lavoro, fatto che deve essere analizzato non solo valutando la validità formativa dei corsi di laurea ma anche alla luce della situazione economica e congiunturale generale. La numerosità e l estensione delle informazioni a disposizione, come rilevato nel precedente paragrafo, ha permesso all interno dei RAR e dei documenti analizzati non solo di identificare le principali problematiche, ma assai spesso anche di individuare le sottostanti cause. Nello specifico, alcune di esse sono attinenti alla sfera prettamente organizzativa delle attività didattiche, mentre altre sono da ricollegarsi agli sforzi individuali dei docenti impegnati sui corsi ed 7

8 all interno dei vari insegnamenti. Alcune cause, infine, sono di tipo strutturale (es. capienza aule). In generale, nei RAR per ogni problematica individuata appare ben evidenziata la/e sottostante/i causa/e. Sulla base delle informazioni e delle considerazioni riportate nei RAR è chiaramente esplicitata una serie di interventi correttivi volti ad affrontare in modo programmatico e con risorse adeguate ciascuna delle problematiche in precedenza identificate. Nella maggior parte dei casi, i Comitati per la Didattica sono indicati come il soggetto/organo deputato all implementazione delle azioni correttive e/o al controllo della corretta e tempestiva implementazione di tali azioni quando non ad essi competenti. In ogni caso, nella larga maggioranza dei casi è indicata e sottolineata la funzione dei Comitati per la Didattica come soggetti/organi che procederanno nel tempo e con cadenza periodica alla verifica ed al monitoraggio degli esiti delle azioni correttive così delineate. In alcuni casi, i RAR indicano che le azioni correttive devono essere effettuate a cura di uffici centrali dell Ateneo (es. gestione dei siti web ed informativa generale di Ateneo agli studenti) ed in quanto tale anche di loro competenza da un punto di vista operativo. In senso generale, in tutti i RAR è chiaramente riportata sia l analisi della situazione, sia l individuazione di problematiche su cui porre l attenzione (con le relative principali cause sottostanti) e, infine, la proposta di adeguate e plausibili azioni correttive. Fonti di dati/informazioni: Documento: Rapporto Annuale di Riesame (RAR) a.a. 2013/2014 (reperibile nella SUA CdS, Quadro D.4. Riesame annuale Dati ingresso, percorso uscita forniti in occasione del Riesame a.a. 2013/2014 (reperibili nella SUA Cds, Quadro C.1. Dati di ingresso, di percorso, uscita Segnalazioni/osservazioni degli studenti Punto F) Gestione e utilizzo dei questionari relativi alla soddisfazione degli studenti. I dati relativi ai questionari di valutazione della didattica sono resi pubblici nel sito web di Ateneo, sia in forma di tabelle di sintesi a livello di CdS, sia in modo dettagliato per ogni singolo insegnamento, con l eccezione dei casi in cui il docente dell insegnamento nega l assenso alla pubblicazione del dettaglio del suo insegnamento. Quest eventualità è peraltro rara nei corsi di studio della SEM. I risultati dei questionari di valutazione sono stati analizzati criticamente e discussi nei comitati per la didattica dei CdS e sono stati una delle fonti primarie di informazione per la redazione della Parte II, Opinione studenti dei RAR annuali e per l individuazione delle criticità nella didattica dei CdS. I RAR, che contengono l indicazione delle criticità e le azioni da intraprendere per risolverle, sono stati discussi e approvati dai comitati per la didattica di tutti i CdS e dai consigli dei due dipartimenti contitolari dei CdS della SEM. Le criticità individuate sono state generalmente affrontate con interventi tesi a risolverle o, più in generale, con interventi finalizzati al miglioramento dell esperienza degli studenti. Fonti di dati/informazioni: Dati: Risultati dei Questionari di valutazione della didattica a.a. 2012/2013 (reperibili sul sito di Ateneo oppure nel Quadro B.6. Opinioni studenti A.A. 2013/2014) Documentazione: analisi dei risultati dei Questionari di valutazione della didattica da parte CdS e Dip.ti ; Rapporto di Riesame 2013/2014 (Parte II, Opinione studenti) 8

9 SEZIONE b.] Considerata la recente costituzione delle CP e i conseguenti ristretti tempi di realizzazione delle relazioni annuali, il Presidio di Qualità dell Ateneo ha suggerito di dedicare la sezione b) di questo primo esercizio di redazione della relazione annuale ad una sommaria trattazione dei punti B; C e D della scheda V AVA_ANVUR e qui di seguito elencati. Per questo primo anno si suggerisce di non prendere in considerazione il punto G. Analisi Punto B I requisiti di ammissione ai CdS (quadri A3 SUA-CdS) appaiono efficaci e coerenti con gli obiettivi formativi. Va segnalato come, sulla base dell esperienza maturata negli anni precedenti, abbiano subito in alcuni CdS delle modifiche tese a migliorarne l efficacia. Gli obiettivi formativi specifici (quadri A4.a SUA-CdS) sono chiaramente delineati e i risultati di apprendimento attesi (quadri A4.b e A4.c SUA-CdS) esposti in maniera dettagliata e verificabile e appaiono efficaci in relazione alle funzioni di competenza di riferimento. Le attività formative programmate appaiono globalmente coerenti con gli specifici obiettivi formativi dei CdS e con i risultati di apprendimento attesi. Fonti di dati/informazioni: SUA-CdS quadri: A3, A4 Schede dei singoli insegnamenti Punto C La qualificazione dei docenti a cui sono affidati gli insegnamenti appare adeguata: - I docenti strutturati sono impiegati generalmente in insegnamenti del loro SSD di inquadramento o, in qualche caso, in SSD affini o comunque contigui. - I docenti a contratto, che sono impiegati con moderazione, appaiono da adeguati a estremamente adeguati agli insegnamenti che ricoprono. I metodi di trasmissione della conoscenza e delle abilità sono prevalentemente di tipo tradizionale. Nei corsi di laurea magistrale, specialmente nei curricula in lingua inglese, la didattica di alcuni insegnamenti prevede parti meno convenzionali e più improntante agli standard dei corsi di studio internazionali competitori (lavori di gruppo, role-playing, case studies, ). In ogni caso, i metodi di tutti gli insegnamenti appaiono adeguati agli obiettivi formativi che si prefiggono. Sono presenti laboratori didattici sia linguistici (gestiti dal Centro linguistico di Ateneo) che informatici (gestiti da Presidio di S. Francesco), che complessivamente sono sufficienti. Per meglio rispondere alle esigenze crescenti della didattica delle discipline informatiche o che usano strumenti informatici, se sarebbe auspicabile un potenziato dei laboratori informatici, sia dal punto di vista del numero dei posti disponibili che da quello delle attrezzature informatiche. Gli ausili didattici presenti nelle aule a disposizione dei corsi di studio sono adeguati: in tutte le aule è presente un proiettore ed è in fase di completamento il programma di potenziamento della disponibilità di lavagne multimediali (LIM). Anche il progetto di teledidattica verso le sedi di Arezzo e Grosseto, che riguarda gli insegnamenti dei CdS triennali, è dotato di attrezzature adeguate e si sta rivelando adeguato al raggiungimento degli obiettivi di apprendimento al livello desiderato. L unica criticità che si rileva e che è anche generalmente segnalata nei rapporti di riesame, riguarda la capienza delle aule, che nel plesso di S. Francesco risulta insufficiente per gli insegnamenti con più 9

10 di 100 studenti frequentanti. Sono in atto azioni per superarla, anche se non è chiaro se ci si possa riuscire in tempi brevi. Fonti di dati/informazioni: SUA-CdS quadri: B1, B3, B4, B6, B7, C1, Didattica Programmata, Didattica Erogata Dati di percorso studenti Schede dei singoli insegnamenti (SUA CdS) Questionari di valutazione della didattica/questionari Alma Laurea Punto D I metodi di accertamento delle conoscenze e abilità acquisite dagli studenti sono definiti dai docenti dei singoli insegnamenti ed appaiono sostanzialmente validi nella misurazione di quanto acquisito in relazione ai risultati di apprendimento attesi. Ogni docente svolge almeno una prova intermedia (in molti casi due o anche tre), con valore ai fini della valutazione finale che è fissato dal docente, in modo generalmente adeguato. Nelle lauree magistrali si segnala una tendenza diffusa all inflazione dei voti negli esami di profitto, che si traduce in inflazione dei voti di laurea. Il problema dei voti elevati negli esami di profitto appare comunque in miglioramento rispetto agli anni precedenti, grazie soprattutto ad azioni di moral suasion da parte dei presidenti dei corsi di laurea magistrale. La conseguente criticità dei voti di laurea elevati è pertanto anch essa in miglioramento, dovuto anche alla recente modifica del regolamento SEM sulla prova di esame di laurea magistrale, che lo rende meno generoso in termini di punteggio finale e rende più stringenti i requisiti di merito necessari ad ottenere la lode. Fonti di dati/informazioni: SUA-CdS quadri: A5, B1.b, C3 Schede dei singoli insegnamenti (ESSE3/Portale Ateneo-CdS) Questionari di valutazione della didattica 10

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SUA-CDS OSSERVAZIONI GENERALI

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SUA-CDS OSSERVAZIONI GENERALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA PRESIDIO PER LA QUALITA DELLA FORMAZIONE LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SUA-CDS OSSERVAZIONI GENERALI 1) La Scheda Unica Annuale del (SUA-) e in particolare la sezione

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO Documento approvato dal Consiglio Direttivo dell ANVUR il 09 gennaio 2013 FINALITA DEL DOCUMENTO Questo documento riassume

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna Gualtiero Gandini Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna membro del tavolo tecnico ANVUR

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo.

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. Le risposte negative vengono memorizzate con i valori 1 e 2. Le risposte positive

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento Emanuela Stefani - Fondazione CRUI f Vincenzo Zara - Università del Salento LA RIFORMA UNIVERSITARIA LA NORMATIVA NAZIONALE La normativa nazionale Riferimenti normativi Corsi di Laurea Corsi di Laurea

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Indice 1. Le basi normative e aspetti generali 2. Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza.

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza. REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALLE LAUREE MAGISTRALI IN INGEGNERIA 14/15 (Approvato dal CCSA di ingegneria Industriale del 17/7/2014) 1. PREMESSA E NORME GENERALI 1.1. Norme e principi di riferimento Il

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto " ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'UNIVERSITA' DI SCIENZE GASTRONOMICHE E L'UNIVERSIT A' DEGLI STUDI DI TORINO. L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con sede legale

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233 ed in particolare l articolo 1, comma 8; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Università degli Studi di Milano - Bicocca Nucleo di Valutazione Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Alessandra Caserini

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04

Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04 Roma, ottobre 2009 Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04 Interazioni con il processo di autovalutazione GUIDA PRATICA ALLA PROGETTAZIONE DI UN CORSO DI STUDIO

Dettagli

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Il giorno 23 del mese di aprile dell anno 2013,

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli