Dialogo nel medicale. un percorso sperimentale per la valutazione dell appropriatezza QUADERNI. Galileo MED

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dialogo nel medicale. un percorso sperimentale per la valutazione dell appropriatezza QUADERNI. Galileo MED"

Transcript

1 QUADERNI di innovazione MED DIPARTIMENTO INGEGNERIA INDUSTRIALE Dialogo nel medicale un percorso sperimentale per la valutazione dell appropriatezza Ass.I.O.S. Ve n e z i e Associazione Imprese Ortopediche e Sanitarie delle Venezie Galileo PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO A cura di: Sandro Storelli, Nicola Petrone, Renzo Andrich

2

3 QUADERNI di innovazione MED DIPARTIMENTO INGEGNERIA INDUSTRIALE Dialogo nel medicale un percorso sperimentale per la valutazione dell appropriatezza Ass.I.O.S. Ve n e z i e Associazione Imprese Ortopediche e Sanitarie delle Venezie A cura di: Sandro Storelli, Nicola Petrone, Renzo Andrich Galileo PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO

4 La pubblicazione Dialogo nel medicale, un percorso sperimentale per la valutazione dell'appropriatezza è stata realizzata nell'ambito del progetto Med, valutazione dell'appropriatezza nel medicale, della CNA di Padova con il contributo della Camera di Commercio di Padova. A cura di Sandro Storelli, CNA di Padova, innovazione & ricerca Nicola Petrone, Dip. Ingegneria Industriale Università di Padova Renzo Andrich, Polo tecnologico Fondazione Don Gnocchi CTS del progetto: Renzo Andrich, Coordinatore Area Tecnologie Assistive - Polo Tecnol. Fond. Don Gnocchi, Vassilli Berto, Direttore Vassilli srl, Lorenzo Cavinato, Direttore Mondial srl, Marco Franchin, Coordinatore Matech - PST Galileo, Antonio Gaiani, Tecnico Ortopedico Tonus srl, Filippo Ghiraldo, Professore di Project Management - Università di Padova, Loretta Gomiero, Maestro ortopedico Officina Ortopedica Gomiero srl, Luca Malimpensa, Esperto professionale di prodotto, Dino Paladin, Direttore AB Analitica srl, Nicola Petrone, Ricercatore DII Dip. Ingegneria Industriale - Università di Padova, Pivato Gianfranco, Direttore Rehateam srl, Federico Polo, Consulente Centro Studi OBV - Osservatorio Biomedicale Veneto, Antonino Russo, Presidente F.I.S.H. Veneto, Salvatore Russo, Ricercatore Dip. Management - Università Cà Foscari di Venezia, Piergiorgio Silvestrin, Direttore Lydda Wear Taglieria San Giorgio, Francesco Simionato, Presidente Accademia Italiana Materiali Dentali, Sandro Storelli, Coordinatore Centro Studi OBV - Osservatorio Biomedicale Veneto, Domenico Tosello, Consulente Centro Studi OBV - Osservatorio Biomedicale Veneto, Andrea Trevisan, Direttore Prometeo srl, Danilo Volpato, Direttore Tecnico Off Car srl, Angela Zuppa, Direttore Tecnico Clini-Lab srl Coordinamento del progetto: CNA di Padova Area innovazione & ricerca Via Croce Rossa, Padova Tel Grafica di Gianni Plebani Stampato a cura di Il Prato Tutti i diritti sono riservati. L'utilizzo anche parziale del testo della presente pubblicazione dovrà essere autorizzato dalla CNA provinciale di Padova dicembre 2012

5 La Camera di Commercio di Padova e le Associazioni specializzate delle imprese hanno negli ultimi anni investito in modo significativo per promuovere le attività economiche nel biomedicale, un settore particolarmente propenso all'innovazione, che comprende l'insieme delle tecnologie e dei prodotti che afferiscono alla sanità e, in una accezione più ambia, alla salute ed al benessere. Proseguendo nella promozione dell'innovazione, anche nel corso del 2012 sono stati realizzati progetti d'interesse del settore, con azioni coordinate e tra loro integrate. Nell'ambito del progetto MED, valutazione dell'appropriatezza nel medicale, sono state sviluppate azioni in collaborazione tra imprese, ricercatori, utilizzatori, con percorsi sperimentali di dialogo finalizzato al miglioramento di prodotto e servizio. Sono state anche definite linee di proposta per attivare quelle sinergie tra pubblica amministrazione ed imprese private, sempre più indispensabili per l'ottimizzazione delle risorse, la semplificazione e il miglior accesso degli utenti ai servizi per la salute. Ciò in particolare con riferimento agli ausili tecnici per disabili e all'ortoprotesica, alle attrezzature medicali, realizzando e utilizzando sperimentalmente strumenti utili alla valutazione dell'appropriatezza dei dispositivi, per misurare non solo la loro efficacia, ma anche la loro usabilità e utilità percepita dall'utilizzatore. Obiettivo principale è quello di supportare la competitività, realizzando una collaborazione virtuosa tra impresa, ricerca, sanità, puntando alla condivisione di strumenti e metodi operativi. Le attività sviluppate, in integrazione con il progetto camerale Osservatorio Biomedicale Veneto 2012, hanno consentito anche l'attivazione sperimentale di Dialogo nel medicale su sito web. La pubblicazione Dialogo nel medicale, un percorso sperimentale per la valutazione dell'appropriatezza propone diversi contenuti di approfondimento e di sintesi delle attività, che auguriamo possano ulteriormente svilupparsi ed essere apprezzate da chi opera nel settore, agisce sul mercato, programma e gestisce il governo dell'economia e della sanità. Il Presidente C.C.I.A.A di Padova Roberto Furlan Il Presidente CNA di Padova Guerrino Gastaldi

6 Indice 4 Presentazione 3 Indice 4 1. Linee di sperimentazione per la valutazione degli ausili 7 Note introduttive 8 Le nuove linee della programmazione regionale veneta sull'assistenza protesica Disabilità e popolazione empowerment 9 L'appropriatezza Appropriatezza degli ausili ed L'abbandono dell'ausilio Ottimizzazione e integrazione del servizio Misura del risultato Dialogo per il miglioramento di servizio e prodotto Il progetto sperimentale Dialogo nel medicale Dialogo nel medicale 14 Esempio di Questionario di valutazione Assistenza protesica e ausili Le persone con disabilità La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Ausili, protesi e tecnologie assistive Classificazione di Ausili e Tecnologie Assistive Tecnologie assistive, mercato e società inclusiva L'approccio dei costi sociali agli ausili La domanda di assistenza protesica e di ausili L'evoluzione del bisogno della persona con disabilità: dall'ausilio al progetto personale Allungamento della vita, disabilità e non autosufficienza in Italia Elementi di possibile discontinuità nell'evoluzione della domanda L'assistenza protesica pubblica tra appropriatezza e contenimento della spesa L'assistenza protesica e la revisione del quadro normativo nazionale L'attuale Nomenclatore Tariffario Le modalità di erogazione dell'assistenza protesica L'evoluzione normativa Contributi per il miglioramento della normativa sull'assistenza protesica Modalità di acquisto e di gestione dell'assistenza protesica Evoluzione dell'offerta nel settore degli ausili e protesi I cambiamenti della struttura produttiva nel settore degli ausili Analisi dell efficienza degli ausili: esperienze e metodi 53 Obiettivi dello Studio 54 Valutazione dell'efficacia percepita 55 Valutazione del Costo Sociale 60 Analisi dell'efficienza produttiva

7 Dialogo nel medicale un percorso sperimentale per la valutazione dell appropriatezza Conclusioni APPENDICE 65 Sistemi di assistenza protesica in Europa: indicazioni e proposte 66 Sintesi 66 Indice 68 Introduzione 69 La necessità di sistemi pubblici di assistenza protesica efficienti e basati su evidenza 69 Il Workshop di Copenhagen 70 Il precedente report HEART sull'assistenza Protesica 71 Ambito di intervento dei sistemi di assistenza protesica 72 Le Tecnologie Assistive: base per la realizzazione di Soluzioni Assistive individuali 72 Altri termini correlati 73 Le Tecnologie Assistive quali facilitatori ambientali Accessibilità: l'altra faccia della medaglia Caratteristiche basilari di un sistema di assistenza protesica 77 Perché c'è l'esigenza di sistemi pubblici di assistenza protesica 77 Modelli di assistenza protesica 79 Processi e indicatori di qualità nei sistemi di assistenza protesica 80 Raccomandazioni 84 Proposte per introdurre dei miglioramenti a livello nazionale o locale 84 Suggerimenti per azioni a livello europeo che incoraggino il miglioramento 89 Ringraziamenti 93 5

8 6

9 Dialogo nel medicale un percorso sperimentale per la valutazione dell appropriatezza 1 Linee di sperimentazione per la valutazione degli ausili 7

10 parte prima Linee di sperimentazione per la valutazione degli ausili 1 Note introduttive Le nuove linee della programmazione regionale veneta sull'assistenza protesica 8 Il Piano socio sanitario regionale per il triennio così espone l'indirizzo della Regione veneto in materia di assistenza protesica: L'area dell'assistenza protesica, sia per l'impatto in termini di supporto al percorso assistenziale del paziente che in termini di impatto economico, costituisce un ambito di rilevante importanza. Si rende pertanto necessario individuare alcuni indirizzi che migliorino l'appropriatezza prescrittiva ed uniformino le prestazioni su tutto il territorio nel rispetto dei bisogni degli assistiti. L'assistenza protesica è un processo complesso che inizia con la prescrizione specialistica, viene validata a livello distrettuale e deve essere monitorata costantemente. Persegue l'obiettivo di prevenire, correggere o compensare una menomazione o una disabilità, potenziando le abilità residue, nonché promuovendo l'autonomia dell'assistito. Rappresentano, dunque, indirizzi della programmazione regionale: - la predisposizione di protocolli regionali, in ottemperanza al DM n.332/1999, che disciplinino i principi per l'erogazione degli ausili e presidi nelle diverse menomazioni o disabilità, che individuino gli strumenti di verifica dell'appropriatezza prescrittiva e che consentano di valutare gli ausili assegnati nel progetto riabilitativo; - l'attribuzione della competenza di verifica e di controllo dell'assistenza protesica alle Aziende ULSS; - l'individuazione di modalità uniformi su tutto il territorio regionale relativamente alla manutenzione ed al ripristino del materiale protesico; - l'implementazione di un sistema informativo adeguatamente alimentato a livello aziendale, che consenta un monitoraggio sia a livello di Azienda ULSS che a livello regionale. Come recita il Piano socio sanitario regionale, quindi, occorrono protocolli «. che individuino gli strumenti di verifica dell'appropriatezza prescrittiva e che consentano di valutare gli ausili assegnati nel progetto riabilitativo». Nelle more di concrete attività di pianificazione e di ottimizzazione del processo, ma prima ancora di una revisione dei modelli per centrarli sull'utente, è in crescita anche nella realtà regionale il fenomeno di abbandono e disuso di ausili, con conseguente sperpero di risorse economiche e insoddisfazione degli utenti. Disabilità e popolazione Secondo l'oms, circa il 10 per cento della popolazione mondiale vive con una disabilità. Il dato è in aumento con la crescita della popolazione, i progressi della medicina e il processo di invecchiamento. Nei paesi con un'aspettativa di vita superiore a 70 anni, gli individui trascorrono in media 8 anni, o l'11,5% della vita, con disabilità. In Italia secondo i dati Istat le persone disabili sono oltre 2 milioni e 600 mila e costituiscono il 4,8% della popolazione. La disabilità è un problema che coinvolge soprattutto gli anziani. Infatti, quasi la metà delle persone con disabilità, un milione e 200 mila, ha più di ottanta anni. Le differenze di genere evidenziano uno svantaggio tutto al femminile. Il 66,2 per cento delle persone con disabilità sono donne, 1 milione 700 mila, che corrisponde al 6,1 per cento delle donne italiane. Tra gli uomini la percentuale è pari al 3,3 per cento, valore quasi dimezzato rispetto alle donne. 1 A cura di Sandro Storelli, coordinatore del Centro Studi Osservatorio Biomedicale Veneto

11 Dialogo nel medicale un percorso sperimentale per la valutazione dell appropriatezza I dati sulla disabilità, però, possono essere censiti e considerati con approcci differenti, per essere maggiormente rispondenti alla realtà oggettiva. Ad esempio, secondo i dati US Census, negli USA il 18,7% della popolazione ha qualche disabilità, e il 12% ha almeno una grave disabilità. Il 16,5% degli individui dai 21 ai 64 anni ha almeno una disabilità. L 11,0% degli individui dai 21 ai 64 anni ha una disabilità grave. Il 51,8% degli individui dai 65 anni in su ha almeno una disabilità. Il 36,9% degli individui anziani di 65 anni e più ha una disabilità grave. Secondo i soli dati riportati dalla Banca dati disabili dell'istituto Nazionale per l'assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) nel 2011 la popolazione di soggetti disabili in Veneto è stata pari a soggetti, di cui maschi e femmine. La popolazione di soggetti con disabilità motorie nella regione è stata pari a soggetti, di cui maschi e femmine. L'appropriatezza VENETO DISABILI TITOLARI DI RENDITA INAIL AL 31/12/2011 (TOTALE COMPLESSIVO) TIPO DISABILITÀ TOTALE DISABILITÀ MOTORIA DISABILITÀ PSICO-SENSORIALE DISABILITÀ CARDIO-RESPIRATORIA ALTRE DISABILITÀ TOTALE VENETO Secondo la medicina dell'evidenza ( evidence-based medicine - EBM) un intervento sanitario viene definito appropriato secondo le prospettive complementari di: - appropriatezza clinica, che in senso stretto fa riferimento ai criteri di efficacia e sicurezza che implicano che la scelta fatta comporti benefici al paziente, con il minor numero di effetti negativi. Le prove di efficacia e sicurezza sono alla base di linee guida cliniche e protocolli diagnostico-terapeutici condivisi dai professionisti della sanità responsabili della scelta. La validità delle prove di efficacia e sicurezza non è assoluta, bensì statistica. Vi è in ogni caso una grande variabilità da paziente a paziente sulla risposta alla terapia applicata. - appropriatezza prescrittiva, che si verifica quando la prescrizione è coerente alle indicazioni terapeutiche contenute in scheda tecnica. Le indicazioni terapeutiche indicate in scheda tecnica derivano da studi anche in sperimentazione clinica controllata per verificare specificamente l'efficacia e la tollerabilità. Per quella particolare indicazione terapeutica, pertanto, è stato ottenuto il riconoscimento della comunità scientifica e l'immissione in commercio autorizzata. Il sistema sanitario nazionale autorizza e rimborsa solo le prescrizioni appropriate. - appropriatezza amministrativa, che misura l'erogazione delle prestazioni sanitarie secondo il criterio di efficienza, utilizzando al meglio le risorse disponibili, rispetto al caso clinico in trattamento. L'appropriatezza amministrativa è un concetto dinamico, essendo strettamente correlato al contesto organizzativo e socioeconomico e, in definitiva, alla compatibilità con le risorse disponibili. 9 Appropriatezza degli ausili ed empowerment Il processo di razionalizzazione della spesa in sanità spinge ad un'attenta valutazione dell'appropriatezza prescrittiva. Infatti, via via che matura la coscienza del ruolo delle tecnologie assistive per la qualità della vita, l'autonomia e l'indipendenza delle persone disabili, si evidenziano i vincoli e i limiti imposti dalla compatibilità economica. Le evidenze di costo-efficacia e di efficienza organizzativa dell'assistenza sanitaria sono piuttosto scarse e difficilmente trasferibili tra i diversi contesti. Quindi la valutazione dell'appropriatezza dei diversi interventi, prestazioni e servizi sanitari non può corrispondere a una strategia di riduzione dei costi ma, correttamente, all'ottimizzazione delle risorse. Queste criticità si evidenziamo nel processo di assegnazione e nel mercato degli ausili.

12 Partiamo comunque dall'assunto che l'ausilio è parte integrante del programma riabilitativo individuale e che, per un buon risultato, la scelta dell'ausilio deve discendere dal dialogo tra specialista, terapista, tecnico ortopedico, che valutano in modo integrato come l'ausilio possa compensare il deficit o la disabilità e migliorare la qualità e la durata della vita della persona interessata. Allo stesso tempo, è indispensabile puntare al coinvolgimento delle persone disabili nelle scelte e nelle azioni che le riguardano. Anche se in Italia si stima una percentuale di abbandono degli ausili minore che a livello internazionale (media del 33%), la tendenza all'abbandono è comunque un indice significativo. Le evidenze dimostrano che il fenomeno di abbandono si riduce quando l'ausilio viene assegnato nell'ambito di un progetto riabilitativo. Viceversa, il dato aumenta quando consideriamo ausili per cui si prevede l'addestramento all'uso, ma non un percorso riabilitativo (come ad esempio i montascale o le protesi acustiche). Una bassa soddisfazione rispetto ai servizi post erogazione è fortemente correlata alla pratica dell'abbandono dall'ausilio da parte dell'utente. Sul territorio non esiste un servizio di valutazione post erogazione ( follow-up) in grado di gestire le problematiche d'uso e incanalare le frustrazioni degli utenti. Solamente in caso di progetto riabilitativo, l'utente è supportato dal servizio di riabilitazione in caso di problemi legati all'uso dell'ausilio. In ogni caso vi sono alcuni punti fermi: responsabile della prescrizione è lo specialista. La guida e l'assistenza per un uso efficace derivano da un'attività integrata di specialista, terapista e tecnico. Ma la scelta, alla fine, spetta alla persona disabile. Da qui si sviluppa un processo, chiamato empowerment, verso l'autonomia del soggetto disabile. L'abbandono dell'ausilio 10 L'abbandono di un ausilio è di norma l'esito di un processo di assegnazione che non ha portato a una reale soluzione assistiva in grado di incontrare i bisogni dell'utente considerando non solo il match fra l'utente e la tecnologia ma anche la relazione con il contesto d'uso. Nell'ambito della progettazione per riorganizzare e ottimizzare i servizi territoriali, ha un particolare significato indagare sull'abbandono o disuso degli ausili e sui processi di scelta e assegnazione degli ausili puntando a rilevare il coinvolgimento, la soddisfazione oimotivi di insoddisfazione dell'utente. I principali fattori che potenzialmente portano all'abbandono degli ausili sono: - differenti bisogni dell'utente e abilità per l'utilizzo dell'ausilio, - prestazioni funzionali dell'ausilio percepite dall'utente, nonché vantaggi oggettivi nell'uso dell'ausilio (utilità percepita), - misura del coinvolgimento dell'utente nella scelta dell'ausilio e dei servizi post-assegnazione. Solo se coinvolto nel processo di valutazione e scelta/assegnazione dell'ausilio l'utente potrà percepire e apprezzare dall'inizio l'utilità dell'ausilio per una maggiore autonomia e qualità di vita. Ottimizzazione e integrazione del servizio In un percorso di riorganizzazione dell'assistenza territoriale, diviene di particolare interesse rilevare la percentuale di abbandono degli ausili nel Veneto. Il dato in ogni caso diminuisce sensibilmente quando l'ausilio viene assegnato all'interno di un progetto riabilitativo. I dati della rilevazione costituirebbero indicatori da un lato della qualità delle prestazioni di assistenza del servizio sanitario e dall'altro della dispersione economica. Un'analisi dei fattori di soddisfazione e/o insoddisfazione dell'utente, inoltre, potrebbe consentire una comparazione delle esperienze e delle pratiche differenziate dei servizi sul territorio, per trovare una integrazione e condivisione di schemi e azioni operative utili all'ottimizzazione. Un'analisi comparativa delle esperienze e pratiche di valutazione e assegnazione nel territorio può consentire la definizione di strategie e azioni in grado di produrre maggiori efficacia ed efficienza nel rapporto utente-servizio, con vantaggi significativi anche nel rapporto costi/benefici. Nella riorganizzazione dei servizi potrebbe essere determinante una nuova sinergia a rete tra servizio pubblico e imprese erogatrici.

13 Dialogo nel medicale un percorso sperimentale per la valutazione dell appropriatezza Si potrebbe così costruire un modello regionale pubblico/privato per meglio promuovere e integrare le persone disabili, sostenerle nelle pratiche burocratiche e nei servizi post erogazione e fornitura ausili, monitorare i flussi di abbandono e i livelli di soddisfazione degli utenti, promuovendo l'integrazione dei servizi. Un nuovo approccio, che consideri le strette connessioni servizio-prodotto-mercato, dovrebbe attribuire al cittadino il ruolo di utente, non più di paziente. Così, in uno scenario positivo e mantenendo centrale la persona, un sistema pubblico - privato avrà l'obiettivo di passare da sistema della sanità a sistema della salute, da sistema della salute a quello del benessere. Nella prospettiva della riorganizzazione dei servizi territoriali e nella logica di sinergia e di sussidiarietà, quindi, il sistema dovrebbe trovare efficacia in una rete integrata, dove l'impresa privata possa acquisire nuove funzioni di agenzia, provider di servizi. Ciò potrebbe meglio rispondere agli obiettivi di ottimizzazione, semplificazione e miglior accesso per il cittadino utente. Misura del risultato sanità persona benessere Flusso: dalla sanità al benessere elab. OBV salute In un sistema ove sempre più le risorse disponibili diminuiscono e l'equità sociale resta al contempo presupposto e obiettivo, diviene indispensabile introdurre strumenti di misura adeguati, per una verifica obiettiva dell'appropriatezza. La letteratura della medicina dell'evidenza offre diverse informazioni sull'efficacia dell'ausilio, attraverso lo studio dei percorsi riabilitativi e la misura della riduzione della disabilita. Non vi è però molta letteratura su quanto l'ausilio abbia inciso sulla qualità di vita del paziente: cioè sulla sua usabilità. In effetti, sono stati proposti vari strumenti di misura del risultato orientati all'utilità dell'ausilio, basati sulla verifica della soddisfazione percepita, dell'adattabilita e altro. Tra questi vanno citati il QUEST ( Quebec User Evaluation of Satisfaction with Assistite echnology), il PIADS ( Psycosocial Impact of assistite Devices Scale) e l'ippa ( Individually Prioritsed Problem Assessment). requisiti accreditamento impresa pubblico - privato nel territorio rete integrata provider impresa sociale Flusso: innovazione di servizio nel territorio elab. OBV La motivazione di questi strumenti sta nel dato di abbandono da parte di persone insoddisfatte degli ausili prescritti. 2 QUEST è un questionario, compilato direttamente dall'utente, che pone quesiti sul grado di soddisfazione rispetto all'ausilio, rispetto ai servizi associati alla fornitura e rispetto alla soddisfazione complessiva Demers L, Weiss Lambrou R, Ska B. The Quebec User Evaluation of Satisfaction with Assistive Technology (Quest 2.0): an overview and recent progress. Technology and Disability 2002

14 12 L'utente risponde alle domande con punteggio da 1a5epuòinserire commenti. Il punteggio viene assegnato per tre dimensioni: soddisfazione verso il prodotto, soddisfazione verso il servizio, soddisfazione complessiva. 3 PIADS è un questionario che viene compilato dall'utente dopo aver acquisito un certo grado di familiarità con l'ausilio. Comprende 26 domande, cui è data risposta su una scala da -3 a +3. Questo test rileva il vissuto dell'utente in relazione all'ausilio e, comparato con QUEST, risulta più raffinato. Pone però domande sensibili su cui si può suscitare resistenza da parte dell'utente. In ogni caso, l'interpretazione dei risultati richiede anche una specifica competenza in psicologia. 4 IPPA prevede due interviste: la prima effettuata alla scelta dell'ausilio, ma prima dell'acquisto, la seconda dopo l'acquisto e la familiarizzazione con l'ausilio. Questo strumento chiede all'utente di valutare 7 problemi che, con l'ausilio, ritiene di poter migliorare o risolvere. La valutazione avviene su una scala da 1a5, inordinediimportanza in relazione alla vita quotidiana. Un miglioramento rilevato rispetto alla prima intervista è indice di efficacia dell'ausilio ed è definito indice IPPA. Gli ausili sono anche tecnologie, non solo dispositivi. L'ausilio viene utilizzato per facilitare la vita indipendente e comprende tecnologie diverse che, organizzate opportunamente, possono diventare un ausilio. Le tecnologie spesso consentono di migliorare la pratica clinica fornendo informazioni oggettive agli operatori su condizioni e comportamenti dei pazienti. Esistono però notevoli riserve verso questo approccio, anche perché gli strumenti non sono ancora così completi e validati da portare a conclusioni univoche. In ogni caso, un adeguato utilizzo di linee guida cliniche dell'audit clinico e della medicina delle evidenze proporrebbe un governo clinico con un diverso orientamento della struttura organizzativa delle aziende sanitarie anche nella prescrizione degli ausili. Dialogo per il miglioramento di servizio e prodotto Il progetto sperimentale Dialogo nel medicale L'integrazione tra le attività di due progetti di innovazione, dall'ottobre 2012 ha reso possibile l'attivazione sperimentale di un dialogo on line tra produttori e utilizzatori. Concorrono infatti allo sviluppo di Dialogo nel medicale: - Osservatorio Biomedicale Veneto 2012, progetto della Camera di Commercio di Padova: - MED, Valutazione dell'appropriatezza nel medicale, progetto della CNA di Padova con il contributo della Camera di Commercio di Padova. Il dialogo interessa sperimentalmente diversi prodotti e dispositivi delle imprese che partecipano al progetto. Dialogo nel medicale offre la possibilità - in particolare agli utilizzatori finali e professionali dei dispositivi e prodotti proposti - di partecipare a un dialogo con i progettisti e fabbricanti, guidato da una terza parte (OBV), con la supervisione di un Comitato Tecnico Scientifico. Il progetto prevede la raccolta e lo studio delle valutazioni dei partecipanti su funzionalità e criticità dei prodotti, che avverranno previa registrazione e su griglie predefinite, in particolare su: aspetti tecnici, di usabilità e funzionalità dei prodotti, nei diversi contesti di utilizzo soddisfazione complessiva aspetti di possibile miglioramento esigenze ancora non soddisfatte. Inoltre, per una miglior valutazione sui prodotti d'interesse, Dialogo nel medicale rende disponibile sul sito una opportuna documentazione tecnica di riferimento. 3 Jutai J, Day H. Psychosocial impact of assistive devices (PIADS). Technology and Disability Wessels R, de Witte L, Andrich R, et al. IPPA a usercentred approach to assess effectiveness of assistive technology prevision. Technology and Disability 2000

15 Dialogo nel medicale un percorso sperimentale per la valutazione dell appropriatezza I partecipanti potranno attribuire punteggi su diversi temi e, se del caso, specificare criticità e proposte. Saranno rilevate le idee migliorative e verranno attivati Gruppi di lavoro per ogni prodotto considerato. I risultati e la loro analisi verranno quindi presentati e discussi in incontri di merito aperti a tutti gli interessati. Infine, attraverso i dati di web analytics monitorati, sarà possibile avere anche indicazioni sull'utilizzo e sul gradimento del sito da parte degli utenti. Nel caso ad esempio di acquisizione di dispositivi attraverso gara, Dialogo nel medicale potrebbe essere efficacemente utilizzato, pur a titolo sperimentale, in un circolo virtuoso azienda sanitaria - professionisti - utilizzatori - produttori, per misurare il livello di soddisfazione dell'utente e l'utilità reale, oltre all'appropriatezza dell'ausilio fornito. 13

16 14

17 Dialogo nel medicale un percorso sperimentale per la valutazione dell appropriatezza Benvenuti in Dialogo nel medicale Osservatorio Biomedicale Veneto 2012 e MED, valutazione dell appropriatezza nel medicale, propongono un laboratorio di dialogo nella filiera tra produttori e utilizzatori di dispositivi medici. SCOPO Il dialogo, ovvero la possibilità di confrontarsi per esprimere valutazioni e idee, è uno strumento importante per il miglioramento. Lo scopo di Dialogo nel medicale è creare un confronto che sia presupposto per il miglioramento delle caratteristiche tecniche e di usabilità dei prodotti e di qualità dei servizi. 15 CHI PUO' PARTECIPARE Al percorso sperimentale possono partecipare tutti gli interessati a dare un contributo per il miglioramento dei prodotti per il benessere e la salute, in un filo logico tra produttori e utilizzatori. COME PUOI PARTECIPARE Per aderire ad un Gruppo di lavoro di valutazione prodotto devi registrarti, compilando l apposito modulo nella sezione "Registrati". In questo modo avrai accesso alle schede di valutazione dei prodotti. Cliccando sull icona del prodotto, hai a disposizione una specifica documentazione tecnica. Le valutazioni e le proposte verranno raccolte ed analizzate, per ricavarne indicazioni. I risultati del lavoro verranno quindi discussi in incontri di merito, cui sarai invitato.

18 Percorso sperimentale Osservatorio Biomedicale Veneto 2012, e MED valutazione dell appropriatezza nel medicale - presentano un laboratorio di dialogo in un filo logico tra produttori e utilizzatori di prodotti per la salute e il benessere, finalizzato al miglioramento. Tale iniziativa, cui in prospettiva si vorrebbe dare continuità, interessa sperimentalmente alcuni prodotti-dispositivi delle imprese del Distretto Biomedicale Veneto. Su questo sito web verrà sviluppato un dialogo guidato con la supervisione del Comitato Tecnico Scientifico del progetto. Si intendono così rilevare valutazioni funzionali e prestazionali, criticità e idee per il miglioramento. Previa registrazione dei partecipanti, le rilevazioni avverranno su griglie predefinite che consentiranno di attribuire punteggio e, in caso di criticità, di specificarle. Saranno rilevate inoltre le idee propositive e verranno attivati Gruppi di lavoro per ogni prodotto considerato. Nella prima fase, che si concluderà a dicembre 2012, è ammesso alla partecipazione un numero massimo di 10 imprese, attive nel Distretto Biomedicale Veneto. L impresa partecipante dovrà garantire disponibilità di adeguate competenze aziendali a supporto del dialogo, relativamente ad ogni prodotto proposto. Ogni impresa partecipante potrà proporre un massimo di quattro tipologie di prodotto. Salvo la verifica dei prerequisiti, l ammissione delle imprese partecipanti avverrà in base alla data di presentazione a OBV della richiesta di partecipazione al percorso sperimentale. La partecipazione al dialogo è aperta a tutti i soggetti interessati ad esprimere un contributo valutativo per il miglioramento dei prodotti-dispositivi. I risultati del progetto saranno presentati in occasione di incontri pubblici a partecipazione libera. 16

19 Dialogo nel medicale un percorso sperimentale per la valutazione dell appropriatezza Comitato Tecnico Scientifico Il Comitato Tecnico Scientifico - CTS di Dialogo online nel medicale è composto da esperti di prodotto e della sua valutazione di usabilità in ambito medicale. Potrà essere integrato nel corso del percorso sperimentale. Al CTS compete la supervisione dell'attività di progetto, che si svilupperà nei Gruppi di lavoro per specifico prodotto. Il CTS è composto da: Renzo Andrich, Coordinatore Area Tecnologie Assistive - Polo Tecnol. Fond. Don Gnocchi Vassilli Berto, Direttore Vassilli srl Lorenzo Cavinato, Direttore Mondial srl Marco Franchin, Coordinatore Matech - PST Galileo Filippo Ghiraldo, Professore di Project Management - Università di Padova Loretta Gomiero, Maestro ortopedico Officina Ortopedica Gomiero srl Luca Malimpensa, Esperto professionale di prodotto Dino Paladin, Direttore AB Analitica srl Nicola Petrone, Ricercatore DII Dip. Ingegneria Industriale - Università di Padova Pivato Gianfranco, Direttore Rehateam srl Federico Polo, Consulente Centro Studi OBV - Osservatorio Biomedicale Veneto Antonino Russo, Presidente F.I.S.H. Veneto Salvatore Russo, Ricercatore Dip. Management - Università Cà Foscari di Venezia Piergiorgio Silvestrin, Direttore Lydda Wear Taglieria San Giorgio Francesco Simionato, Presidente Accademia Italiana Materiali Dentali Sandro Storelli, Coordinatore Centro Studi OBV - Osservatorio Biomedicale Veneto Domenico Tosello, Consulente Centro Studi OBV - Osservatorio Biomedicale Veneto Andrea Trevisan, Direttore Prometeo srl Danilo Volpato, Direttore Tecnico Off Car srl Angela Zuppa, Direttore Tecnico Clini-Lab srl 17

20 Coordinamento organizzativo Il Coordinamento organizzativo di Dialogo nel medicale è svolto da TECNA soc. cons. a r.l., che gestisce il Centro Studi OBV - Osservatorio Biomedicale Veneto. Indirizzo: TECNA Soc. Cons a r.l., Via Croce Rossa, Padova Tel Fax Coordinatore OBV: Sandro Storelli 18

Coordinamento tra le Associazioni della disabilità, dei consumatori, delle imprese nel Veneto

Coordinamento tra le Associazioni della disabilità, dei consumatori, delle imprese nel Veneto piattaforma propositiva UNA POSSIBILE RIORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA PROTESICA I processi di acquisizione, gestione ed erogazione dell'assistenza protesica sono profondamente interrelati tra loro e con

Dettagli

Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER)

Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER) Ricerca corrente 2014 Titolo: Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER) Anagrafica progetto: Responsabile Progetto:

Dettagli

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona PROGRAMMA Ausili ortesi protesi (definizione e concetti generali) Nomenclatore tariffario (concetti generali) Ausili: per la deambulazione, antidecubito Carrozzina e sistemi di postura (componenti e criteri

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO

ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO Linea ID 0: La presa in carico della disabilità: percorsi e strutture TITOLO: Messa a regime nelle regioni italiane di un sistema di monitoraggio sullo stato di salute della popolazione anziana in particolare

Dettagli

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI REGIONE ABRUZZO Azienda Sanitaria Locale di Teramo DIPARTIMENTO ASSISTENZA SANITARIA TERRITORIALE Direttore: Dott. Valerio F. Profeta SERVIZIO TERRITORIALE DI RIABILITAZIONE Dirigente Responsabile: Dott.sa

Dettagli

Prospettive nell assistenza protesica. degli ausili. e mercato. Galileo. Prospettive dell assistenza protesica e mercato degli ausili

Prospettive nell assistenza protesica. degli ausili. e mercato. Galileo. Prospettive dell assistenza protesica e mercato degli ausili Prospettive dell assistenza protesica e mercato degli ausili Prospettive nell assistenza protesica e mercato degli ausili Galileo PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO Confederazione Nazionale dell Artigianato

Dettagli

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico.

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Introduzione La ricerca condotta nell'ambito del progetto

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

PROCESSO DI SVILUPPO DELL HANDICAP E APPROCCIO RIABILITATIVO. www.ilfisiatra.it

PROCESSO DI SVILUPPO DELL HANDICAP E APPROCCIO RIABILITATIVO. www.ilfisiatra.it PROCESSO DI SVILUPPO DELL HANDICAP E APPROCCIO RIABILITATIVO www.ilfisiatra.it 1 MODELLO TRADIZIONALE DELLA MEDICINA Il modello medico classico e tradizionale della medicina basa la sua azione su un concetto

Dettagli

La norma ISO 9001 nel settore sanitario.. obbligo o opportunità? una prima analisi.

La norma ISO 9001 nel settore sanitario.. obbligo o opportunità? una prima analisi. La norma ISO 9001 nel settore sanitario.. obbligo o opportunità? una prima analisi. Il concetto di qualità in sanità è stato introdotto in Italia con il D. Lgs. 502 del 30 dicembre 1992, Riordino della

Dettagli

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS Dott. Maurizio Ricci U. O. Medicina Riabilitativa Azienda Ospedaliero- Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona

Dettagli

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it I BISOGNI DEL PAZIENTE AUDIOLESO, TRA SALUTE E DISABILITA A cura del Prof. Antonio Pignatto ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it ICF Un nuovo membro della famiglia

Dettagli

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica è una delle tecnologie che hanno come fine il miglioramento

Dettagli

Revisione del D.M.332/99, Regolamento per l assistenza protesica.

Revisione del D.M.332/99, Regolamento per l assistenza protesica. Roma, 02 ottobre 2014 Senato della Repubblica XII Commissione: Igiene e sanità "Indagine conoscitiva sulla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale, con particolare riferimento alla garanzia dei

Dettagli

MODULI FORMAZIONE A DISTANZA 2004 Area Comunicazione e Promozione della Salute Modulo Educazione Sanitaria e Promozione della Salute Unità 1

MODULI FORMAZIONE A DISTANZA 2004 Area Comunicazione e Promozione della Salute Modulo Educazione Sanitaria e Promozione della Salute Unità 1 La dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21secolo, 4 a Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute, nuovi attori per una nuova era: introdurre la promozione della salute

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia oggi: i risultati dell Osservatorio Tematiche esplorate Cittadini No Profilo campionatura del rispondente

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

Maria Teresa Agati, presidente C.S.R.

Maria Teresa Agati, presidente C.S.R. Maria Teresa Agati, presidente C.S.R. 4/27/2015 1 Il C.S.R. ha lo scopo statutario di studiare i sistemi istituzionali di erogazione di ausili, destinati a facilitare l assistenza domiciliare, aumentare

Dettagli

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità S.It.I. Milano 8 febbraio 2012 Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità 16-02-2012 1 Nomenclatore Tariffario delle Protesi DECRETO MINISTERIALE n. 332. 27 agosto

Dettagli

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE - 1 - Il SSN è un valore per tutti gli italiani. Concorrere a migliorarlo continuamente è un impegno di tutti: Medici, Pazienti,

Dettagli

Modulo III. Funzioni e attività dell'assistente. per assistenti educativi

Modulo III. Funzioni e attività dell'assistente. per assistenti educativi Modulo III Funzioni e attività dell'assistente per assistenti educativi Modulo Curriculum Sommario Titolo del modulo Scopo Livello d ingresso preferibile Requisiti speciali Propositi generali Unità Risultati

Dettagli

La qualitàdel accoglienza turistica

La qualitàdel accoglienza turistica La qualitàdel accoglienza turistica Turismopertutti: l accoglienzadiqualitàel eccelenzadeiservizi Ciclodiseminariinfo-formativi Roma Febbraio-Luglio2014 Laqualitàpercepitadaicitadininelvivereilteritorio

Dettagli

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE) Allegato n. 2 Circ. 61/2011 1. Titolo Intervento Schema Intervento Titolo IV PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

Dettagli

LA GESTIONE PER LA QUALITÁ NELLE AZIENDE SANITARIE

LA GESTIONE PER LA QUALITÁ NELLE AZIENDE SANITARIE LA GESTIONE PER LA QUALITÁ NELLE AZIENDE SANITARIE CARLO FAVARETTI Direttore Generale - Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari - Trento PAOLO DE PIERI Staff del Direttore Generale - Azienda Provinciale

Dettagli

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA L invecchiamento della popolazione rappresenta una dei fenomeni più importanti che riguardano la popolazione dell intera Regione Veneto e del

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

Disabilità. vita quotidiana

Disabilità. vita quotidiana Disabilità e vita quotidiana Caracciolo Antonio Fisioterapista Coordinatore Servizio DAT (Domotica, Ausili, Terapia occupazionale) IRCCS Fondazione Don Carlo Gnocchi, Milano Di chi parliamo. Handiccappati

Dettagli

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Sostenibilitàdel Sistema Sanitario e Dispositivi Medici: obiettivi e strategie Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Dott.ssa Marcella Marletta Direttore Direzione Generale

Dettagli

Bur n. 66 del 12/08/2008

Bur n. 66 del 12/08/2008 Bur n. 66 del 12/08/2008 Sanità e igiene pubblica Deliberazioni della Giunta Regionale N. 1831 del 01 luglio 2008 Attuazione della D.G.R. n. 4445 del 28.12.2006. Adozione del modello organizzativo per

Dettagli

Congresso regionale SIGG 2012

Congresso regionale SIGG 2012 Congresso regionale SIGG 2012 15 dicembre 2012, Brescia Università degli Studi di Brescia - Facoltà di Medicina e Chirurgia LE CURE DOMICILIARI ALL ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Servizio di Adattamento degli

Dettagli

Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa. Differenze principali tra Fondi Sanitari e Compagnie assicurative

Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa. Differenze principali tra Fondi Sanitari e Compagnie assicurative Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa Differenze principali tra Fondi Sanitari e Compagnie assicurative Nuovo welfare e sviluppo dell assistenza sanitaria integrativa Il crescente invecchiamento

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 2015 ALLEGATI

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 2015 ALLEGATI Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 201 6173 ALLEGATI 617 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 201 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

Riepilogo del progetto

Riepilogo del progetto Riepilogo del progetto 1. Contesto e scopo della agenda strategica Le malattie neurodegenerative (MN) sono condizioni debilitanti e in gran parte incurabili, strettamente legate all'invecchiamento. Tra

Dettagli

Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità

Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità Corso di Alta Formazione Milano, Centro IRCCS S.Maria Nascente, via Capecelatro 66 Febbraio Aprile 2014 Organizzato dal CeFOS

Dettagli

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica ASL Taranto La figura dell OSS Nasce dall accordo sancito

Dettagli

Assistenza Sanitaria Integrativa Generalità

Assistenza Sanitaria Integrativa Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa Generalità Generalità assistenza sanitaria integrativa Slide 3-4 Fondi sanitari: generalità Slide 5-7 Normativa Assistenza sanitaria integrativa Fondi sanitari Slide 8-12

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO su un'azione nel settore delle malattie rare

ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO su un'azione nel settore delle malattie rare CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 5 giugno 2009 (OR. en) 10122/09 Fascicolo interistituzionale: 2008/0218 (CNS) LIMITE SAN 142 RECH 167 MI 219 ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI Oggetto: RACCOMANDAZIONE

Dettagli

L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI

L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI DISABILITA E ACCOMODAMENTO RAGIONEVOLE:DAGLI AMBIENTI DI VITA AI LUOGHI DI LAVORO L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI

Dettagli

PROGETTO CINQUE PETALI

PROGETTO CINQUE PETALI PROGETTO CINQUE PETALI RESPONSABILE DIRETTORE DSMDP-UONPIA DR. GIULIANO LIMONTA Dott.ssa R. Baroni, Dott. L. Brambatti, Dr. M. Rossetti Piacenza, 1 ottobre 2014 I cinque petali Famiglia UONPIA - AUSL Scuola

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

SISTEMA DI SICUREZZA SOCIALE MEDICINA LEGALE DELL ASSISTENZA SOCIALE

SISTEMA DI SICUREZZA SOCIALE MEDICINA LEGALE DELL ASSISTENZA SOCIALE SISTEMA DI SICUREZZA SOCIALE Art. 38 Costituzione Comma I e III Comma II Comma V Assistenza Sociale -Invalidità civile -Ciechi civili -Sordi -Portatori di handicap Assicurazioni Sociali -INAIL -INPS (invalidità,

Dettagli

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB L ICF e la sua filosofia Bolzano 18 novembre 2004 Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB IRCCS Istituto

Dettagli

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali di erogazione delle prestazioni di assistenza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

CARTA DEI SERVIZI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE CARTA DEI SERVIZI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE Approvata dalla Sede Operativa sita in Latina via Mario Siciliano n.1 in data 26 giugno 2009 Uffici S.O.: presso I.P.A.A.S. San Benedetto - Latina, via

Dettagli

PROGETTO VELA PER DISABILI

PROGETTO VELA PER DISABILI 2006 VELA PER DISABILI Entrarono tutti nell onda..gli altri surfisti lo seguirono zigzagando L onda più perfetta che avesse mai visto, prese ad avvolgerli lentamente arrotolandosi intorno a loro fino ad

Dettagli

Quadro degli Interventi dell IC9 di Bologna per gli alunni con BES

Quadro degli Interventi dell IC9 di Bologna per gli alunni con BES Per ciascuna materia o ambito di studio sono state individuate le abilità e le conoscenze fondamentali che l allievo deve acquisire, affinché sia mantenuta la validità effettiva del corso di studi, ma

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA.

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA. FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA di concerto con IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA SOCIALE VISTO il decreto

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale

Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale CARTA DEI SERVIZI Pagina 1 di 11 Questa CARTA DEI SERVIZI è una guida,un impegno scritto nei confronti dei cittadini che vengono messi a conoscenza

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici

La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici Fulvio Moirano Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali 1 Introduzione Il ruolo dei dispositivi

Dettagli

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011).

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). http://www.apogeonline.com/libri/9788850329847/scheda

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI DOTT.SSA MARIA TERESA MENZANO Corso di formazione e aggiornamento per referenti ed operatori Diamoci una mossa e Pronti, partenza, via

Dettagli

La Biblioteca ambientale dell ARPA Lazio e l utenza esterna.

La Biblioteca ambientale dell ARPA Lazio e l utenza esterna. La Biblioteca ambientale dell ARPA Lazio e l utenza esterna. Rilevazione della qualità del servizio e individuazione delle azioni da intraprendere per migliorarla. 20 Indice Introduzione... 3 La diffusione

Dettagli

Ripartizione delle risorse finanziarie affluenti al Fondo per le non autosufficienze, per l'anno 2015.

Ripartizione delle risorse finanziarie affluenti al Fondo per le non autosufficienze, per l'anno 2015. Decreto Ministeriale 14 maggio 2015 Ripartizione delle risorse finanziarie affluenti al Fondo per le non autosufficienze, per l'anno 2015. (G.U. 3 agosto 2015, n. 178) IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

L esperienza dei C.T.S.:

L esperienza dei C.T.S.: IX mostra - convegno nazionale DISABILITA E TECNOLOGIE ICT L esperienza dei C.T.S.: la sfida dell inclusione per gli studenti disabili rinnova la ricerca pedagogico/didattica per la scuola di tutti Ins.

Dettagli

Finalità dell iniziativa

Finalità dell iniziativa Avviso Pubblico PROV-BR 04/2012 AZIONE 3 Azioni di sostegno alla qualificazione professionale di persone diversamente abili POR Puglia 2007-2013 Asse II OCCUPABILITA Multiazione Formativa per inserimento-reinserimento

Dettagli

SIMPOSIO L ERRORE MEDICO Alla ricerca delle Procedure di Provata Efficacia per prevenirlo

SIMPOSIO L ERRORE MEDICO Alla ricerca delle Procedure di Provata Efficacia per prevenirlo SIMPOSIO L ERRORE MEDICO Alla ricerca delle Procedure di Provata Efficacia per prevenirlo FONDAZIONE ARTURO PINNA PINTOR Torino 17/11/2007 EVENTO EVENTUM (latino : part. Pass. di evenire) Fatto che si

Dettagli

La metodologia di valutazione dei siti Web della Pubblica Amministrazione. La metodologia di valutazione

La metodologia di valutazione dei siti Web della Pubblica Amministrazione. La metodologia di valutazione La metodologia di valutazione dei siti Web della Pubblica Amministrazione P. Atzeni, P. Merialdo, P. Russo, G. Sindoni, G. Sissa Paolo Merialdo Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma

Dettagli

LEGGE DI STABILITÀ: CGIL, ZERO FINANZIAMENTI PER MONDO DISABILITÀ

LEGGE DI STABILITÀ: CGIL, ZERO FINANZIAMENTI PER MONDO DISABILITÀ Estratto Nota Disabilità Riportiamo di seguito una serie di documenti sui temi della disabilità: Legge di Stabilità: Cgil, zero finanziamenti per mondo disabilità Jobs Act, il Governo metterà mano alla

Dettagli

DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA

DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA Un percorso di professionalizzazione dei Dirigenti sportivi Modenesi Bando di Indizione Programma Scheda di iscrizione Il Contesto di riferimento Il movimento

Dettagli

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001 LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001 Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. e' individuata la figura professionale dell'operatore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Allegato alla delibera di C.C. n. 127 del 13/12/2001 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art.1 Principi generali e finalità Il Servizio di Assistenza domiciliare ha come finalità

Dettagli

SINTESI SUL TEMA DELL ICF

SINTESI SUL TEMA DELL ICF STRUMENTI E TECNICHE DI INTERVENTI RIABILITATIVI Corso di Laurea in EDUCATORE PROFESSIONALE SANITARIO a.a. 2011/2012 - TERZO ANNO Facoltà di Scienze Cognitive Corso Bettini, 84 - Rovereto SINTESI SUL TEMA

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale dei sistemi Informativi, dell innovazione tecnologica e della comunicazione Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Redatto ai sensi

Dettagli

COMUNITA' ALLOGGIO DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO

COMUNITA' ALLOGGIO DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO COMUNITA' ALLOGGIO DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio per disabili di Strada Torino 32 a Moncalieri denominata "C O2 Case" costituisce una reale e concreta alternativa al ricovero

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 Allegato alla Deliberazione Azienda USL 2 Lucca n. 505 del 08/08/2007 REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 PREMESSA Il presente regolamento

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili «Ripartiamo dal territorio 2015 Lavori in corso» Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili Dott. Giuseppe Coluzzi Azienda ASL LATINA DISTRETTO 2 ASSISTENZA RIABILITATIVA SONO UTILIZZATI, A SECONDA

Dettagli

Osservazioni al testo Rete territoriale. I principi per la definizione degli assetti organizzativi delle ASL 7 aprile 2015

Osservazioni al testo Rete territoriale. I principi per la definizione degli assetti organizzativi delle ASL 7 aprile 2015 Ai fini di dare i riscontri utili per lo sviluppo del nostro SSR procediamo nell'analisi del documento identificando, sulla base delle ipotesi da noi formulate, quali proposte possono essere d'interesse

Dettagli

Manifesto di Agrigento PRINCIPI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA TURISTICO PER TUTTI

Manifesto di Agrigento PRINCIPI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA TURISTICO PER TUTTI Manifesto di Agrigento PRINCIPI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA TURISTICO PER TUTTI 1 Il presente documento è il frutto delle giornate di lavoro del convegno " Per Tutti Una Valle Incantata...- Prospettive

Dettagli

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE Massimo Fabi (Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma) Innanzitutto grazie agli organizzatori di questo convegno: è davvero molto utile confrontare

Dettagli

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI

Dettagli

CENTRE FOR INNOVATION AND TECHNOLOGY TRANSFER FONDAZIONE DON CARLO GNOCCHI ONLUS

CENTRE FOR INNOVATION AND TECHNOLOGY TRANSFER FONDAZIONE DON CARLO GNOCCHI ONLUS I Portali Internet SIVA ed EASTIN: il mondo degli ausili in un click Una rete europea di informazione sugli ausili Il Portale SIVA (www.portale.siva.it) della Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus rappresenta

Dettagli

ANAGRAFICA DEL CORSO - A. Periodo di svolgimento: Data inizio Corso Gennaio/2015 Data fine Corso Dicembre/2015

ANAGRAFICA DEL CORSO - A. Periodo di svolgimento: Data inizio Corso Gennaio/2015 Data fine Corso Dicembre/2015 UNIVERTÀ DEGLI STUDI DI VERONA MASTER UNIVERTARIO IN LA VALUTAZIONE (PATIENT-ORIENTED) COME STRUMENTO DECIONALE IN NEUROLOGIA E NEUROCHIRURGIA (TUMORI, EPILESA, DISTURBI DEL MOVIMENTO) (I edizione) A.A.

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI POLITICHE SUI BES/SEN IN INGHILTERRA THE EDUCATION ACT, 1944 11 CATEGORIE DI DISABILITÀ WARNOCK REPORT, 1978 INTRODUCE IL TERMINE SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS (SEN) ANNI 2000

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS)

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) Una scelta di vita al servizio della persona Ci sono almeno 5 buoni motivi per diventare OSS Hai sempre desiderato un lavoro che non fosse

Dettagli

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich Attività Adattata Lezione 1 a.a. 2013-2014 Monica Emma Liubicich Secondo le Nazioni Unite i disabili nel mondo sono 650 milioni: 10% della popolazione In Italia circa 3.000.000, il 4,8% della popolazione

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

Le sfide di un utenza in continua evoluzione

Le sfide di un utenza in continua evoluzione SENIORnet Le sfide di un utenza in continua evoluzione Venezia Mestre 8/4/2014 Dott.sa Emma Nardin Coordinatore tecnico Servizio Adulti Anziani GLI SCENARI DEMOGRAFICI LE FAMIGLIE DEGLI ANZIANI LE DOMANDE

Dettagli

Il nuovo modello di assistenza protesica dell INAIL, alla luce dell ICF

Il nuovo modello di assistenza protesica dell INAIL, alla luce dell ICF Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo Tecnologico Milano Corso di Perfezionamento Tecnologie per l autonomia e l integrazione

Dettagli

Presidente V. Presidente Assessori. Segretario

Presidente V. Presidente Assessori. Segretario 8^ legislatura Deliberazione della Giunta n. 1/DDL del 19 gennaio 2010 Presidente V. Presidente Assessori Segretario Giancarlo Franco Renato Giancarlo Marialuisa Oscar Elena Massimo Renzo Sandro Vendemiano

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA PROTOCOLLO D INTESA PER L ASSISTENZA SCOLASTICA AGLI ALUNNI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI ALBANO LAZIALE (RM) 1 PROTOCOLLO D'INTESA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA

Dettagli

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete 1 - I bisogni e lo sviluppo della rete In Italia muoiono ogni anno oltre 159.000 persone a causa di una malattia neoplastica (ISTAT, 1998) e la maggior parte di esse, il 90% (143.100), necessita di un

Dettagli

SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS

SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS Il governo della salute è oggi una politica di gestione obbligata per conciliare i vincoli di bilancio, sempre più stringenti, con la domanda di salute dei cittadini. L ICT

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ

LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ DOCUMENTO IN SINTESI a cura del Gruppo H di Istituto Anno scolastico 2012-2013 LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI

Dettagli

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE Il primo testo del Codice Deontologico venne approvato nel febbraio 1999 dalla Federazione Nazionale dei Collegi Ipasvi. Il 17 gennaio 2009 il consiglio Nazionale

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

Strumenti per il progetto individuale in Unità Spinale Dal bisogno di cura, alla cura del bisogno

Strumenti per il progetto individuale in Unità Spinale Dal bisogno di cura, alla cura del bisogno Strumenti per il progetto individuale in Unità Spinale Dal bisogno di cura, alla cura del bisogno Studio e comparazione dei costi sociali dell ausilio Luigi Reale lreale@istud.it Ostia, 12 Novembre 2010

Dettagli

Piano di Formazione per docenti neoimmessi in ruolo a.s. 2014-15. D.T. Paola Di Natale U.S.R. per la Campania

Piano di Formazione per docenti neoimmessi in ruolo a.s. 2014-15. D.T. Paola Di Natale U.S.R. per la Campania Piano di Formazione per docenti neoimmessi in ruolo a.s. 2014-15 D.T. Paola Di Natale U.S.R. per la Campania Le Indicazioni europee Comunicazione della Commissione del marzo 2010 Una strategia per una

Dettagli