La Struttura sanitaria nel suo complesso

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Struttura sanitaria nel suo complesso"

Transcript

1 AGGIORNAMENTO CONOSCENZE MEDICHE RICERCA CLINICA Profilo di Cura Prognosi prevista; dimissione; Outcome Dati Clinici Significativi Richieste delle Risorse previste FLUSSI INFORMATIVI PER IL MANAGEMENT Processo di Cura Risultati: output Dati Paziente Risorse Impiegate MANAGEMENT AUDIT MEDICO CONTROLLO DI QUALITA ORGANIZZAZIONE DELLE RISORSE, DEI PROFILI E DEI PROGRAMMI DI CURA HTA CONTROLLO DI GESTIONE Livello organizzativo Livello governativo centrale e di coordinamento Dati elementari ed aggregati strutturati secondo criteri e formati standard Livello territoriale Livello di trattamento del paziente La Struttura sanitaria nel suo complesso Osservatori epidemiologici Anziani Ospedali Interazione e collaborazione diversi presidi operanti sul territorio Centri di gestione e coordinamento Dati elementari ed aggregati strutturati secondo criteri e formati standard Medici di base Ambulatori Laboratori Accettaz. Insieme di unità Degenza funzionali preposte alla erogazione di specifici servizi Servizi Diagnosi Amminis. 1

2 L evoluzione nella struttura dei sistemi informativi sanitari I GENERAZIONE da un ambiente rigido, composto da diverse procedure autonome, essenzialmente mirate agli aspetti amministrativi II GENERAZIONE al supporto alle principali attività di gestione del paziente, con limitate possibilità di integrazione ed interazione fra le diverse procedure Personale Personale Magazzini Laboratori Contabilità.. Contabilità Magazzini Accettaz. III GENERAZIONE L evoluzione nella struttura dei sistemi informativi sanitari ad un ambiente modulare, incentrato sul paziente e sulle attività professionali, in grado di integrare procedure ed applicazioni eterogenee di diversi fornitori Pazienti Amministrazione e controllo Gestione del Paz. Attiv. mediche Att. Infermieristiche Servizi ausiliari Altre strutture Serv. diagnostici e sanitari 2

3 Data-Flow in Primary Health Care LABORATORY X-RAY --- Other PHC-workers Pharmacist Community Care Home care GP Medical Record HOSPITAL SECONDARY CARE Health Administration INSURANCE, FINANCE RESEARCH e.g. epidemiology Public Health Social Services Patient SUPPORT e.g. databases I differenti livelli di responsabilità che devono essere supportati dal sistema informativo: Integrazione Tecnologica e Integrazione Funzionale ed Informatica Responsabilità locali Funzionamento delle singole unità operative secondo i requisiti e le esigenze locali REPARTI LABORATORI ACCETTAZIONE/ DIMISSIONE... DIAGNOSTICA AMMINISTRAZ.NE Responsabilità Complessive Funzionamento integrato e sinergico dell intera struttura Interazioni con le strutture esterne Informazioni ed attività rilevanti per l intera organizzazione interazioni fra le diverse unità operative 3

4 I differenti livelli di responsabilità che devono essere supportati dal sistema informativo Responsabilità locali Funzionamento delle singole unità operative secondo i requisiti e le esigenze locali Responsabilità Complessive Funzionamento integrato e sinergico dell intera struttura REPARTI LABORATORI ACCETTAZIONE/ DIMISSIONE... DIAGNOSTICA AMMINISTRAZ.NE Servizi standardizzati e stabili per la gestione di: Interazioni con le strutture esterne Informazioni ed attività rilevanti per l intera organizzazione interazioni fra le diverse unità operative Singole applicazioni, a supporto delle diverse unità operative Piattaforma applicativa comune in grado di assicurare l integrazione funzionale ed informativa delle diverse applicazioni I due livelli funzionali del sistema informativo Accettazione Controllo gestione Diagnostica Reparti... Amministrazione Applicazioni Responsabili di fornire un supporto ottimizzato alle attività delle singole unità operative Piattaforma applicativa di integrazione Utenti e criteri di abilitazione Interazioni tra le varie unità operative... Dati sintetici sui pazienti Piattaforma applicativa standard, che fornisce alle applicazioni un insieme di funzionalità di utilità generale per tutto il sistema, tali da assicurare l integrazione funzionale ed informativa dei diversi moduli 4

5 Modello esteso per la schematizzazione dei livelli funzionali del sistema informativo Accettazione Reparti Controllo gestione Diagnostica... Amministrazione Applicazioni Responsabili di fornire un supporto ottimizzato alle attività delle singole unità operative Piattaforma applicativa di integrazione Utenti e criteri di abilitazione Interazioni tra le varie unità operative... Dati sintetici sui pazienti Piattaforma applicativa standard, che fornisce alle applicazioni un insieme di funzionalità di utilità generale per tutto il sistema, tali da assicurare l integrazione funzionale ed informativa dei diversi moduli Piattaforma tecnologica Rete Locale Rete Geografica Rete Locale Responsabile di consentire il collegamento dei vari componenti dei sistema attraverso diversi ambienti tecnologici Telematics in Health Care TRASNATIONAL BACKBONE NATIONAL BACKBONE 5

6 Telematics and Informatics in Health Care Commission of the European Communities DG XIII/C-4 AIM Office Advanced Informatics in Medicine Common Service Infrastructure and V.A. Services in Health Care Commission of the European Communities DG XIII/C-4 AIM Office Advanced Informatics in Medicine 6

7 Organigramma dell Azienda Sanitaria Locale Direttore Amministrativo Direttore Sanitario Direttore Generale Coordinatore Sociale Responsabile dipartimento di prevenzione Affari generali Assistenza sanitaria di base Area socio-assistenziale Igiene e sanità pubblica Personale Assistenza specialistica ambulatoriale Prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro Economato Assistenza ospedaliera Igiene alimenti e nutrizione Provveditorato Assistenza farmaceutica Veterinaria Economicofinanziario Sanità animale Gestione convenzioni Tecnico Igiene alimenti Igiene Allevamenti 7

8 Livello organizzativo Livello governativo centrale e di coordinamento Dati elementari ed aggregati strutturati secondo criteri e formati standard Livello territoriale Livello di trattamento del paziente La Struttura sanitaria nel suo complesso Osservatori epidemiologici Anziani Ospedali Interazione e collaborazione diversi presidi operanti sul territorio Centri di gestione e coordinamento Dati elementari ed aggregati strutturati secondo criteri e formati standard Medici di base Ambulatori Laboratori Accettaz. Insieme di unità Degenza funzionali preposte alla erogazione di specifici servizi Servizi Diagnosi Amminis. Utenti Anagrafe sanitaria Autorizzazioni Vaccinazioni Prescrizioni Schede utenti Cartelle cliniche Schema Logico del S.I.S. dell ASL Servizi Accettazione ricoveri Prenotazioni Gestione laboratori Gest. radiodiagnostica Gestione emoteca Direzione Dati sintesi attività Dati sintesi utenza Rendiconto economico Flussi trimestrali Relazioni Supporto Ambiente Igiene industriale Igiene alimenti Acque potabili Sicurezza ambienti Lavoro Igiene allevamenti Delibere Protocollo Archivio Gestione Prof. Marcello BRACALE - testi Risorse Personale dipendente Convenzioni Acquisti Contabilità 8

9 Organigramma dell area amministrativa e principali collegamenti con le strutture periferiche Direttore Amministrativo Affari generali Personale Economati Provveditorato Economicofinanziario Tecnico Gestione convenzioni Ufficio delibere Ufficio giuridico Gestione magazzini Gestione acquisti Gestione bilancio Manutenzione ordinaria Ufficio protocollo Uff. trattamento economico Inventario beni mobili Gestione gare Gestione incentivi Manutenzione straordinaria Ufficio concorsi gestione delibere gestione protocollo gestione personale dipendente Strutture periferiche Distretto Dipartimento di prevenzione Ambulatori Consultori gestione magazzini Presidio Ospedaliero Tecnologie dell informazione e della comunicazione, 3/3 sistemi informativi automatizzati e processi aziendali Deriva da questa analisi preliminare una prima considerazione di fondo sul ruolo della tecnologia dell'informazione: la stessa assume rilevanza manageriale e supporta in modo significativo la gestione dell'azienda solo se è applicata in modo coerente a sistemi informativi specificamente disegnati per il supporto di ben definiti processi aziendali (o di parti di questi ultimi). Un ricorso acritico, standardizzato e non ponderato alle nuove tecnologie dell'informazione non costituisce dunque per l'azienda una fonte di "creazione di valore" (in senso strettamente economico per le aziende private, in senso lato per quelle pubbliche) se non è accompagnato da un'attenta analisi e revisione dei processi aziendali supportati dai nuovi sistemi informativi automatizzati. 9

10 Teorie di management e dei sistemi informativi 6/9 L approccio di business administration Simon, estendendo le considerazioni di Anthony, evidenzia che anche i processi decisionali, che pur vengono assunti a ognuno dei tre livelli della piramide aziendale, si distinguono in base al grado di"strutturazione" dei processi organizzativi esistenti e quindi in base alla programmabilità delle procedure operative (Simon, 1960): ne consegue che a livello operativo sono maggiormente presenti processi caratterizzati da una discreta strutturazione e programmabilità mentre, al contrario, la direzione aziendale si confronta con processi poco strutturati e difficilmente programmabili proprio in ragione delle peculiarità delle funzioni di governo tipiche della direzione aziendale. La figura che segue sintetizza l approccio di Simon e quello di Anthony Attività aziendali suddivise in base al grado di strutturabilità (da: Simon, 1960) 10

11 Teorie di management e dei sistemi informativi 7/9 L approccio di business administration L'insieme delle due teorie rafforza l'approccio secondo il quale la pianificazione del sistema informativo aziendale deve essere fatta considerando sinteticamente che: ogni azienda è macroscopicamente articolata in tre macroaree organizzative; ciascuna area svolge una specifica funzione aziendale; ciascuna area, per svolgere le attività peculiari della propria funzione, necessita di un particolare e specifico supporto informativo; ogni livello informativo deve "fornire" informazioni al livello superiore (integrazione informativa tra le tre aree). Teorie di management e dei sistemi informativi L approccio di business administration Le teorie di Anthony e Simon rappresentano tuttora un caposaldo nella definizione di una strutturazione "unitaria" del sistema informativo aziendale. Le moderne tecnologie oggi consentono, come rappresentato nella figura che segue, la realizzazione di un unico e unitario sistema informativo aziendale, pur consentendo, attraverso l'utilizzo di specifici strumenti tecnologici, di supportare adeguatamente ciascuno dei livelli organizzativi di seguito elencati: 8/9 11

12 Teorie di management e dei sistemi informativi L approccio di business administration 9/9 il livello operativo supportato dai sistemi informativi gestionali (electronic data processing, EDP); il livello delle direzioni intermedie supportato da specifici strumenti di programmazione e controllo a fini di reporting direzionale (management information system, MIS); il livello dell'alta direzione supportato da strumenti che consentono analisi multidimensionali e on-line delle performance aziendali (decision support system, DSS). Sistema informativo autorizzato differenziato in base alle diverse tipologie di attività.. DSS, decision support system; MIS, management information system; Edp electronic data processing (da Camussone 1998) 12

13 IL MODELLO DELL HOSPITAL RESOURCE PLANNING Il modello di Analisi 1/15 I sistemi informativi delle Aziende sanitarie possono essere analizzati attraverso una preliminare scomposizione delle attività aziendali in macroaree alle quali tendono a corrispondere esigenze informative particolari, legate alle caratteristiche delle attività svolte e delle finalità perseguite da ciascuna area. 13

14 Il modello di Analisi 2/15 Può dunque rivelarsi utile introdurre una distinzione tra le seguenti cinque aree del sistema informativo aziendale, i cui contenuti specifici saranno successivamente illustrati in dettaglio: area amministrativa; area ospedaliera; area dei servizi al territorio; area direzionale; area delle relazioni esterne (front office). Il modello di Analisi L'area ospedaliera e l'area dei servizi al territorio rappresentano, insieme, la cosiddetta area "della produzione" del sistema informativo automatizzato delle Aziende sanitarie. Occorre notare che sovente nella prassi operativa delle Aziende sanitarie si suole far riferimento a ciascuna delle cinque aree come a uno specifico e autonomo "sistema informativo" (per esempio, il "sistema informativo amministrativo" oppure il "sistema informativo ospedaliero" o quello "direzionale"), evidenziando in tal modo una piena autonomia di funzioni e contenuti specifici, ma sottolineando, nel contempo, una debole e marginale interconnessione con gli altri sistemi. 3/15 14

15 Il modello di Analisi Lo schema proposto nella che segue intende rappresentare una prima visione semplificata di un sistema HRP, evocativo tanto della realtà dell' azienda sanitaria territoriale (dove l area servizi al territorio rappresenta evidentemente una componente essenziale del sistema, eventualmente integrata da un area ospedaliera qualora l Azienda sanitaria includa uno o più presidi ospedalieri) quanto della realtà dell Azienda ospedaliera (in cui è assente o assai limitata l area servizi al territorio con le relative problematiche). 4/15 Il modello di Analisi 5/15 In particolare, la figura che segue identifica i principali flussi informativi esistenti tra gli elementi del sistema denominati convenzionalmente: "moduli" (o sottosistemi), coincidenti con determinate attività di gestione e/o processi dell'azienda (per esempio, "acquisto di beni e servizi", "gestione cespiti", "gestione radiologia" eccetera); attività direzionali; attività di interscambio dati/informazioni/beni/servizi con soggetti esterni; "database nodali", che, per il numero e la rilevanza dei dati e delle informazioni che raccolgono e sintetizzano, si rivelano "cerniere" cruciali nella circolazione e nell'integrazione dei flussi. 15

16 Il modello di Analisi 6/15 Si può osservare che si è optato per l'identificazione di "moduli" coincidenti con specifiche attività di gestione o con processi anziché con unità organizzative (per esempio, "provveditorato" o "ragioneria"), intendendo con ciò focalizzare l'analisi proprio sulle informazioni generate dai diversi processi attuati, a prescindere dalle diverse soluzioni organizzati v e adottate dalle diverse aziende. Il modello di Analisi In sintesi, per realizzare un efficiente "sistema complessivo delle informazioni", l'azienda sanitaria deve costruire un sistema informativo unitario che produca informazioni disponibili e utilizzabili da tutte le componenti dell'azienda stessa. Nella costruzione e nella progettazione del sistema generale in grado di produrre le informazioni per tutta l'azienda non si può prescindere dalla conoscenza specifica delle caratteristiche dei processi di ogni singola macroarea né tantomeno dalla conoscenza dei fabbisogni di integrazione tra le diverse aree. 7/15 16

17 Sistema HRP AREA RELAZIONI ESTERNE AREA DIREZIONALE AREA AMMINISTRATIVA AREA OSPEDALIERA AREA SERVIZI AL TERRITORIO 17

18 Il modello di Analisi 8/15 Ancora debole è, in definitiva, la capacità di percepire le proprie esigenze informative e informatiche complessive, progettando un sistema informativo integrato (adatto a gestire i principali flussi informativi minimizzando le ridondanze) e aperto (cioè provvisto di un' area per il governo delle relazioni esterne di front office). Il modello di Analisi La lettura dello schema riportato nella figura precedente consente di cogliere alcune logiche generali che caratterizzano la progettazione di un sistema di tipo HRP. In primo luogo, il sistema HRP si fonda chiaramente sulla realizzazione di due "database nodali", rappresentati dal sistema contabile (contabilità generale e analitica) nell'area amministrativa e dalla base dati dell'epr (electronic patient record) nell' area ospedaliera e territoriale, come rappresentato graficamente nella figura successiva, che evidenzia peraltro la necessità di creazione di un "tessuto connettivo" tra i due fulcri del sistema. 9/15 18

19 I due database nodali dell Azienda sanitaria. del sistema informativo Il modello di Analisi In altri termini, mentre nell' approccio tradizionale il sistema era progettato partendo dai fabbisogni gestionali delle singole unità organizzative (amministrative e cliniche), con un obiettivo successivo di alimentazione delle procedure contabili ed eventualmente di creazione delle cartelle cliniche elettroniche, un sistema HRP risulta progettato con lo specifico obiettivo di supportare: come finalità primaria le basi dati contabili e quelle di gestione integrata dei dati del paziente; come finalità di secondo livello di derivare dalle basi dati nodali i dati necessari alla gestione di specifiche attività o processi (gestione magazzino, gestione reparti eccetera). 10/15 19

20 Il modello di Analisi 11/15 Evidentemente tale regola progettuale non può estendersi a tutte le procedure gestionali del sistema, alcune delle quali, in virtù delle loro specificità, continueranno a essere gestite con piena autonomia e mediante la strutturazione di autonome basi dati. Come principio generale alla base del disegno progettuale di un HRP, quest ultimo è concepito quale strumento di gestione di un ospedale che si caratterizza: Il modello di Analisi per un'assoluta centralità del paziente e dei "processi" di carattere diagnostico e terapeutico che lo riguardano, necessariamente "trasversali" rispetto alle unità organizzative coinvolte; per un'interpretazione del sistema contabile quale unica base dati idonea ad accogliere, univocamente e senza ridondanze, tutti i valori economici delle risorse utilizzate e delle attività svolte; per una nativa valorizzazione economica delle attività cliniche svolte rispetto al trattamento del singolo paziente e dunque per la necessaria integrazione tra area amministrativa e area della "produzione". 12/15 20

21 Il modello di Analisi Sotto il profilo delle architetture del sistema, il modello di HRP qui sinteticamente descritto può essere il risultato: dell integrazione nativa del sistema, progettato e implementato con l immediata condivisione delle due basi dati nodali da parte di tutti i moduli e con la definizione di processi aziendali di riferimento che presiedono alla condivisione del database unico (si tratta in sintesi delle logiche progettuali tipiche dei sistemi di enterprise resource planning o ERP, che si caratterizzano per la reingegnerizzazione e la formalizzazione dei processi aziendali e per l'unicità del database); 13/15 Il modello di Analisi 14/15 oppure, soprattutto qualora il grado di specificità dei diversi moduli sia elevato e il valore dei cosiddetti sistemi legacy non ne consenta in alcun modo la rapida dismissione (evidenza riscontrabile soprattutto con riferimento ai moduli informativi che integrano rilevanti tecnologie diagnostiche), dell'integrazione ex-post dei moduli preesistenti, attraverso la creazione di strati di software di tipo middleware. 21

22 Il modello di Analisi 15/15 La figura seguente propone dunque un possibile modello di integrazione dei moduli clinici che individua tre distinti livelli del sistema: il livello delle applicazioni: include i gestionali in uso a supporto dei diversi moduli informativi (i cosiddetti sistemi verticali clinici); il livello delle comunicazioni: è costituito dal cosiddetto middleware, ossia da un insieme di moduli software che interagiscono con le varie applicazioni e garantiscono l'integrazione, l'interoperabilità e la coerenza dei dati scambiati, fungendo da "tessuto connettivo" fra le diverse applicazioni e alimentando una base dati esterna rispetto a quelle gestionali per l'integrazione degli electronic patient record; il livello degli utenti web per l'alimentazione dei principali flussi informativi esterni. L integrazione dei sistemi dell area ospedaliera Sistemi orizzontali Sistemi verticali Medici ospedalieri Accettazione Medici di base Direzione Ospedaliera Electronic patient record Middleware di integrazione Pazienti HL7 HL7 HL7 DICOM Standard LAB RIS PACS Sistemi Radiologici Best Of breed Livello Relazioni esterne Livello di Comunicazione Livello delle Applicazioni 22

ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009

ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009 ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009 Il progetto di sviluppo del sistema informativo nell Azienda Ospedaliera di Legnano Claudio Caccia Responsabile Staff Sistemi Informativi

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? Esistono diverse prospettive tecnica, organizzativa, della comunicazione e quindi

Dettagli

E-health. 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi. L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati del paziente

E-health. 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi. L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati del paziente CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale E-health 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda Giovedì 2 ottobre 2008 Obiettivo Il progetto Sistema informativo sanitario

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di neoplasia i italia (asr-eu 366,6 escluso ca. cute)

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014 Oggetto: POR FESR 2007-2013 Linee di attività 1.2.1.a., b. e c. Rimodulazione e incremento della dotazione finanziaria per l attuazione degli interventi relativi alla dematerializzazione della prescrizione

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

Implementare una Cartella Clinica Elettronica

Implementare una Cartella Clinica Elettronica Implementare una Cartella Clinica Elettronica Francesco Pensalfini Responsabile Sistemi Informativi Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Cartella

Dettagli

Convegno Annuale AISIS. Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile

Convegno Annuale AISIS. Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile Convegno Annuale AISIS Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile Milano, 23 novembre 2012 Nhow Hotel Accenture negli anni ha sviluppato un importante presenza in

Dettagli

Analisi di un capitolato di gara: ASL Roma C. Sergio Tedeschi Corso di Sistemi Informativi Prof. Paolo Atzeni A. A. 2007-2008

Analisi di un capitolato di gara: ASL Roma C. Sergio Tedeschi Corso di Sistemi Informativi Prof. Paolo Atzeni A. A. 2007-2008 Analisi di un capitolato di gara: ASL Roma C Sergio Tedeschi Corso di Sistemi Informativi Prof. Paolo Atzeni A. A. 2007-2008 Indice 1. Glossario 2. Premessa 3. Assetto organizzativo 4. Oggetto della gara

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

1 Premessa. Allegato al capitolato speciale di gara

1 Premessa. Allegato al capitolato speciale di gara Allegato al capitolato speciale di gara Specifiche Funzionali di Integrazione con il Sistema Informativo dell APSS Il presente documento definisce le specifiche funzionali che devono essere soddisfatte

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE E DI ALTA SPECIALIZZAZIONE ci Catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati

AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE E DI ALTA SPECIALIZZAZIONE ci Catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati Catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati Di seguito viene riportata la tabella che elenca le banche dati in uso presso l'arna Ospedali Civico Di Cristina Benfratelli. Per ogni banca

Dettagli

La centralità del paziente tra MMG Distretto e Ospedale: il Fascicolo Sanitario Elettronico. Daniele Donato Azienda ULSS 16 - Padova

La centralità del paziente tra MMG Distretto e Ospedale: il Fascicolo Sanitario Elettronico. Daniele Donato Azienda ULSS 16 - Padova La centralità del paziente tra MMG Distretto e Ospedale: il Fascicolo Sanitario Elettronico Daniele Donato Azienda ULSS 16 - Padova Premesse 2010 Centralità del paziente Continuità delle cure Appropriatezza

Dettagli

IL REPORTING DIREZIONALE

IL REPORTING DIREZIONALE IL REPORTING DIREZIONALE Il Reporting Direzionale è uno degli strumenti chiave necessari al management per governare l azienda e rappresenta il momento di sintesi delle rilevazioni contabili che permettono

Dettagli

LA CARTELLA INFORMATIZZATA UNICA IN AMBIENTE PENITENZIARIO

LA CARTELLA INFORMATIZZATA UNICA IN AMBIENTE PENITENZIARIO LA CARTELLA INFORMATIZZATA UNICA IN AMBIENTE PENITENZIARIO PERCHE Una cartella Informatizzata Unica Il Progetto Ulisse Delibera G.R.T. n. 817/2002 Delibera G.R.T. n. 1344/2003 Delibera G.R.T. n. 1250/2005

Dettagli

Sistemi Informativi e Sistemi ERP

Sistemi Informativi e Sistemi ERP Sistemi Informativi e Sistemi Trasformare i dati in conoscenza per supportare le decisioni CAPODAGLIO E ASSOCIATI 1 I SISTEMI INFORMATIVI LI - E IMPRESA SISTEMA DI OPERAZIONI ECONOMICHE SVOLTE DA UN DATO

Dettagli

Ruolo organizzativo del coordinatore

Ruolo organizzativo del coordinatore Ruolo organizzativo del coordinatore C orrado De S anctis Direttore Breast Unit, C ittà della salute e della scienza di Torino I CENTRI DI S ENOLOGIA IN RETE: per migliorare la qualità delle cure. Torino,

Dettagli

Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino

Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino Affrontare le sfide del sistema socio-sanitario I sistemi socio-sanitari sono

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

Informatizzazione delle strutture:

Informatizzazione delle strutture: Informatizzazione delle strutture: 9 anni di esperienza e Rete Oncologica Trentina Enzo Galligioni Oncologia Medica, Trento 1 Assistenza sanitaria in Trentino: Peculiarità organizzative Provincia Autonoma

Dettagli

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

La gestione documentale digitale NON E TELEMEDICINA ma è uno dei requisiti fondamentali per dare valore ai dati scambiati tramite le applicazioni di

La gestione documentale digitale NON E TELEMEDICINA ma è uno dei requisiti fondamentali per dare valore ai dati scambiati tramite le applicazioni di La gestione documentale digitale NON E TELEMEDICINA ma è uno dei requisiti fondamentali per dare valore ai dati scambiati tramite le applicazioni di telemedicina. Aziende Sanitarie di Treviso, Venezia,

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CL. 5ATP - A.S. 2006/2007 L azienda e i suoi elementi PERSONE AZIENDA BENI ECONOMICI ORGANIZZAZIONE L azienda è un insieme di beni organizzati e coordinati dall imprenditore

Dettagli

Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed evoluzione

Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed evoluzione Verso la cartella clinica elettronica: standard internazionali e piattaforme aperte in informatica sanitaria Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

Il Sistema Informativo Aziendale nei processi gestionali/organizzativi e di supporto alle decisioni

Il Sistema Informativo Aziendale nei processi gestionali/organizzativi e di supporto alle decisioni Il Sistema Informativo Aziendale nei processi gestionali/organizzativi e di supporto alle decisioni Il SIA sotto il profilo gestionale, direzionale e di supporto ai processi decisionali, clinici ed organizzativi.

Dettagli

Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie

Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie Master EMSS VIII edizione Lugo, 15 Aprile 2010 Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie Prof.ssa Monia Castellini Monia Castellini Università di Ferrara 1 Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Dettagli

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) STRATEGIA E FUNZIONALITÀ L INTEGRAZIONE DELLE ATTIVITÀ LA COMUNICAZIONE TRA LE UNITA AZIENDALI I PROCESSI DECISIONALI RILEVANZA

Dettagli

LA SOLUZIONE MICROSOFT E AVANADE PER IL PATIENT RELATIONSHIP MANAGEMENT

LA SOLUZIONE MICROSOFT E AVANADE PER IL PATIENT RELATIONSHIP MANAGEMENT LA SOLUZIONE MICROSOFT E AVANADE PER IL PATIENT RELATIONSHIP MANAGEMENT Il paziente al centro è uno dei concetti più popolari in sanità che tuttavia, nella maggioranza dei casi, rimane soltanto un buon

Dettagli

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 Ettore Turra Innovazione Organizzativa e Gestione del Cambiamento

Dettagli

Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila

Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila Assetti di Governance dei Servizi Territoriali Le cure primarie: Il caso della Introduzione Profilo Aziendale Indice Il Governo dei servizi territoriali: la scelta dell Il modello di Programmazione e Controllo

Dettagli

Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica

Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica Iniziative in atto: L attività istituzionale dell Assessorato e la partecipazione ai progetti e ai tavoli nazionali Le iniziative in atto con le

Dettagli

PARTE C: MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO

PARTE C: MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO PARTE C: MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO AREASCOA s.r.l. 1 INDICE PARTE C: MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO...1 V-1 CRITERI DI DEFINIZIONE DEL MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO...3 V-1.1 CRITERI

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING)

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) L IMPATTO SULLA GESTIONE LA MISURAZIONE DELL IMPATTO IL SUPPORTO ALLA CREAZIONE DEL VALORE L INTEGRAZIONE ESIGENZE DEL BUSINESS

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Premessa PERCORSO FORMATIVO Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Il presente percorso formativo nasce come supporto alla riorganizzazione del sistema sanitario

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

Sistemi Informativi I Lezioni di Sistemi Informativi

Sistemi Informativi I Lezioni di Sistemi Informativi 1 INTRODUZIONE AI SISTEMI INFORMATIVI....2 2 IL SISTEMA INFORMATIVO ED IL SISTEMA DELLE INFORMAZIONI...3 2.1 COMPONENTI DEL SISTEMA INFORMATIVO...5 2.2 CONCETTO DI SISTEMA INFORMATIVO...6 2.3 SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE Elisabetta Borello SISTEMA RIS-PACS Il sistema RIS-PACS costituisce, attraverso la sua integrazione

Dettagli

ICT per la Sanità in Emilia Romagna

ICT per la Sanità in Emilia Romagna ICT per la Sanità in Emilia Romagna Roma, 18 maggio 2012 L innovazione digitale per la sostenibilità del SSN 2 giornata nazionale della sanità elettronica Cabina di Regia 22 Maggio 2008 0 Sommario Vision,

Dettagli

L esperienza ligure del FSE: il Conto Corrente Salute

L esperienza ligure del FSE: il Conto Corrente Salute Regione Liguria L esperienza ligure del FSE: il Conto Corrente Salute Roma, 24 febbraio 2010 Maria Franca Tomassi La strategia Il Sistema Informativo Regionale Integrato per lo sviluppo della società dell

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DONETTI DANIELA Nazionalità Italiana Data di nascita 16/01/1969 Luogo di nascita PARMA (PR) ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

La Business Intelligence Ready to go Ready to work

La Business Intelligence Ready to go Ready to work SIDI SpA Soluzione KPI S La Business Intelligence Ready to go Ready to work Monitoring KPI s Monitoring KPI s è una Soluzione che fornisce, nella modalità sintetica e di maggior dettaglio, informazioni

Dettagli

Disciplinare di gara - allegato 2 Scheda di Offerta Economica. Azienda USL ROMA A. Allegato 2 al Disciplinare di gara Schema di Offerta Economica

Disciplinare di gara - allegato 2 Scheda di Offerta Economica. Azienda USL ROMA A. Allegato 2 al Disciplinare di gara Schema di Offerta Economica Azienda USL ROMA A Allegato 2 al Disciplinare di gara Schema di Economica GARA a PROCEDURA aperta per la progettazione, realizzazione e gestione in regime di outsourcing del sistema informativo-informatico

Dettagli

Per capire meglio l ambito di applicazione di un DWhouse consideriamo la piramide di Anthony, L. Direzionale. L. Manageriale. L.

Per capire meglio l ambito di applicazione di un DWhouse consideriamo la piramide di Anthony, L. Direzionale. L. Manageriale. L. DATA WAREHOUSE Un Dataware House può essere definito come una base di dati di database. In molte aziende ad esempio ci potrebbero essere molti DB, per effettuare ricerche di diverso tipo, in funzione del

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER LA RICERCA DI PERSONALE TECNICO INFORMATICO A TEMPO DETERMINATO IN AMBITO SANITARIO

AVVISO DI SELEZIONE PER LA RICERCA DI PERSONALE TECNICO INFORMATICO A TEMPO DETERMINATO IN AMBITO SANITARIO AVVISO DI SELEZIONE PER LA RICERCA DI PERSONALE TECNICO INFORMATICO A TEMPO DETERMINATO IN AMBITO SANITARIO IN.VA. S.p.A., Società in house della Regione Autonoma Valle d'aosta, del Comune di Aosta e dell'azienda

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale

Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale I dati da cui partire: Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale Tutti i cittadini lombardi hanno ricevuto la loro CRS-SISS oltre IL 90

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM Alice Pavarani Un ERP rappresenta la maggiore espressione dell inseparabilità tra business ed information technology: è un mega-package di applicazioni

Dettagli

Allegato G): Sistema Informativo-Informatico

Allegato G): Sistema Informativo-Informatico Allegato G): Sistema Informativo-Informatico Impostazione generale La gestione del centro logistico richiede un sistema informativo e informatico capace di gestire il magazzino con elevata produttività,

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO Premessa ALLEGATO A del Capitolato Speciale d Appalto DISCIPLINARE TECNICO L Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro (di seguito anche ), con la presente procedura intende dotarsi di un Sistema

Dettagli

Sanitarie per il progetto Sistema Informativo Sanitario Regionale (SISaR) della Regione Autonoma della Sardegna Bologna 30 03 2009

Sanitarie per il progetto Sistema Informativo Sanitario Regionale (SISaR) della Regione Autonoma della Sardegna Bologna 30 03 2009 ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Il modello di collaborazione Regione - Aziende Sanitarie per il progetto Sistema Informativo Sanitario Regionale (SISaR) della Regione Autonoma

Dettagli

C è aria di cambiamento nel mondo dell assistenza sanitaria integrativa!

C è aria di cambiamento nel mondo dell assistenza sanitaria integrativa! C è aria di cambiamento nel mondo dell assistenza sanitaria integrativa! EC CONSULTING Via A. Grandi, 21 20090 Vimodrone (MI) TEL.: 02.27408094 FAX: 02.27409150 e-mail info@ecconsulting.it web www.ecconsulting.it

Dettagli

Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016

Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016 Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza Il Direttore Generale Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016 Il Direttore Generale Dott. Gianfranco Scarpelli RELAZIONE AL BILANCIO PLURIENNALE

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale organizzativo Enterprise Resource Planner Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/ Informatica

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Le soluzioni: La Piattaforma ERP modulare, parametrica e flessibile rivolta ad Ospedali, Ambulatori ed Enti che, in collaborazione con le Aziende Sanitarie e Ospedaliere italiane, erogano servizi sanitari

Dettagli

Contabilità Analitica Premessa

Contabilità Analitica Premessa Contabilità Analitica Premessa La funzione di programmazione aziendale e controllo presso l'aou San Luigi si sviluppa tramite una suite di cruscotti aziendali Abaco per l analisi dell andamento della produzione

Dettagli

L infermiere al Controllo di Gestione

L infermiere al Controllo di Gestione L infermiere al Controllo di Gestione Una definizione da manuale del Controllo di gestione, lo delinea come l insieme delle attività attraverso le quali i manager guidano il processo di allocazione e di

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 1 a) L organizzazione: concetti generali b) La struttura organizzativa c) I principali modelli di struttura organizzativa a) La struttura plurifunzionale b) La struttura

Dettagli

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR Le reti per il miglioramento della qualità e dell efficienza dell assistenza Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR il sistema sanitario non è un sistema non è un sistema

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

suite Sistema Ris Pacs

suite Sistema Ris Pacs 3D suite 2D 4D Sistema Ris Pacs Sistema Ris Pacs per l archiviazione di immagini diagnostiche digitali I sistemi informativi sono il pilastro sul quale si basa l organizzazione delle strutture che operano

Dettagli

Udine, 30 ottobre 2015

Udine, 30 ottobre 2015 Udine, 30 ottobre 2015 2 CONVEGNO INTERREGIONALE CARD La Prevenzione nel distretto DIREZIONI TECNICHE REGIONALI: Stato dell arte nelle Regioni del Triveneto, della realizzazione delle leggi di riforma

Dettagli

Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia

Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia ing. Vito Bavaro email: v.bavaro@regione.puglia.it Ufficio Sistemi Informativi e Flussi Informativi Servizio Accreditamento

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Investing f or Growth

Investing f or Growth Investing for Growth Open Business Solution Software integrato e modulare per la gestione aziendale, OB One permette di soddisfare in maniera semplice ed intuitiva tutte le esigenze contabili, amministrative

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Direzione Sanitaria, Dipartimento Attività Socio Sanitarie Integrate (A.S.S.I.) Dipartimento Servizi Sanitari di Base, Staff Educazione

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

Pianificazione e gestione delle emergenze informatiche in una Azienda Sanitaria: l esperienza dell Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

Pianificazione e gestione delle emergenze informatiche in una Azienda Sanitaria: l esperienza dell Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Pianificazione e gestione delle emergenze informatiche in una Azienda Sanitaria: l esperienza dell Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Achille Rizzo Responsabile Area Informatica Gestionale Direzione Sistemi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

IL SISTEMA AMMINISTRATIVO PER LE AZIENDE SANITARIE dal controllo dei costi al governo della spesa

IL SISTEMA AMMINISTRATIVO PER LE AZIENDE SANITARIE dal controllo dei costi al governo della spesa IL SISTEMA AMMINISTRATIVO PER LE AZIENDE SANITARIE dal controllo dei costi al governo della spesa L ESIGENZA Il controllo della spesa e un efficiente gestione finanziaria del sistema socio-sanitario, dipendono

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema Gara Medir Pubblicazione del bando: Agosto Settembre

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING)

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) EVOLUZIONE DEFINIZIONI SISTEMI INFORMATIVI E SISTEMI ERP I SISTEMI TRADIZIONALI I SISTEMI AD INTEGRAZIONE DI CICLO I SISTEMI

Dettagli

INFORMATICA. Prof. MARCO CASTIGLIONE ISTITUTO TECNICO STATALE TITO ACERBO - PESCARA

INFORMATICA. Prof. MARCO CASTIGLIONE ISTITUTO TECNICO STATALE TITO ACERBO - PESCARA INFORMATICA Prof. MARCO CASTIGLIONE ISTITUTO TECNICO STATALE TITO ACERBO - PESCARA Informatica per AFM 1. SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE E SISTEMA INFORMATICO ITS Tito Acerbo - PE INFORMATICA Prof. MARCO

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli