MANAGEMENT PLAN. SITO DI PROGETTO: SIC IT Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANAGEMENT PLAN. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia"

Transcript

1 MANAGEMENT PLAN TITOLO PROGETTO: Petromyzon And River Continuity ACRONIMO: P.A.R.C. SITO DI PROGETTO: SIC IT Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia BENEFICIARIO COORDINATORE: Ente Parco di Montemarcello- Magra BENEFICIARI ASSOCIATI: Regione Liguria, Provincia della Spezia, DIP.TE.RIS. Università degli Studi di Genova, LEGAMBIENTE COFINANZIATORI:Tirreno Power S.p.a. DURATA: inizio12/01/ fine: 31/12/2011 SPECIE TARGET: Lampreda di mare (Petromyzon marinus), Cheppia (Alosa fallax), Vairone (Leuciscus souffia), Rovella (Rutilus rubilio) e Barbo (Barbus plebejus). OBIETTIVO PRINCIPALE DEL PROGETTO: miglioramento dello stato di conservanzione di Lampreda di mare (Petromyzon marinus), Cheppia (Alosa fallax), Vairone (Leuciscus souffia), Rovella (Rutilus rubilio) e Barbo (Barbus plebejus). MINACCE ALLA CONSERVAZIONE DELLEOBIETTIVI SPECIFICI SPECIE TARGET Presenza di sbarramenti trasversali nel corsoripristino della continuità fluviale ed ecologica dei dei fiumi Magra e Vara fiumi Magra e Vara Realizzazione di interventi in alveo Sensibilizzazione delle amministrazioni locali che generano impatti sull ecosistema fluviale Bracconaggio Sensibilizzazione delle popolazioni locali e intensificazione delle attività di sorveglianza RISCHI POTENZIALI GESTIONE DEL RISCHIO Allungamenti tempi burocratici per l ottenimento delle necessarie autorizzazioni Anticipo, rispetto al cronoprogramma di progetto, nell affidamento della progettazione delle opere. Allungamento tempi di realizzazione degli interventi a causa di fattori climatici avversi (esondazioni, eventi alluvionali ecc.) Indizione di conferenze di servizi per il rilascio delle autorizzazioni necessarie Anticipo, rispetto al cronoprogramma di progetto, nell affidamento incarico di realizzazione opere

2 Modificazione dello stato dei luoghi a seguito di Rimodulazione delle priorità di intervento nell ottica eventi alluvionali del raggiungimento degli obiettivi di progetto Danneggiamenti dei cantieri e delle opere a causa di fattori climatici avversi (esondazioni, eventi alluvionali ecc.) Costanti rapporti con gli Enti deputati alla manutenzione delle opere idrauliche anche attraverso il coinvolgimento degli stessi nel Comitato Tecnico Scientifico del progetto in modo da garantire il coordinamento e la coerenza con il progetto degli interventi previsti nell alveo fluviale Progettazione e realizzazione delle opere in modo da resistere e/o non essere interessato da eventi di piena eccezionali secondo la vigente normativa in materia di difesa idrogeologica QUADRO ECONOMICO: - Contributo UE richiesto: ,00 - Ente Parco: ,00 - Contributo privato Tirreno Power S.p.A.: ,00 - Regione Liguria: ,00 - Provincia della Spezia: ,00 - DIP.TE.RIS.: ,00 - LEGAMBIENTE: 6.000,00 - Totale cofinanziamento Beneficiari associati: ,00 - Budget totale: ,00 INDICATORI: Ricostituzione della continuità idraulica e biologica dei fiumi Magra e Vara attraverso la realizzazione di n 9 passaggi per pesci Incremento delle aree idonee alla frega di Petromyzon marinus, Alosa fallax, Leuciscus souffia, Rutilus rubilio, Barbus plebejus per 59 ettari; Incremento della superficie per 14,75 ettari e dello stato di conservazione dell habitat idoneo alla sviluppo degli ammoceti d Petromizon marinus (1095); possibilità per Alosa fallax di raggiungere aree di frega situate nella bassa Val di Vara.

3 AZIONI PREPARATORIE: ACTION A.1: Progettazione esecutiva per interventi di realizzazione di passaggi per pesci e miglioramento ecologico Durata: inizio: gennaio 2009 fine marzo 2010 Obiettivo: predisposizione della documentazione tecnica esecutiva e ottenimento delle autorizzazioni occorrenti per l avvio dell azione C1 Pubblicazione Avviso per la formazione di un elenco di soggetti idonei per il conferimento di un incarico di progettazione definitiva ed esecutiva, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione e prestazioni specialistiche relative al progetto LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity 17 febbraio 2009 Formazione elenco di soggetti idonei per il 18 marzo 2009 conferimento di un incarico di progettazione definitiva ed esecutiva, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione e prestazioni specialistiche relative al progetto LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity Trasmissione invito a presentare offerta a 5 9 aprile 2009 professionisti presenti nell elenco Espletamento gara 20 aprile 2009 Affidamento incarico progettazione 30 aprile 2009 Predisposizione progetto definitivo lotto n maggio 2009 Conferenze dei servizi/ottenimento autorizzazioni e 15 luglio 2009 approvazione progetto definitivo lotto n. 1 Approvazione progetto esecutivo lotto n luglio 2009 Predisposizione progetto definitivo lotto n agosto 2009 Conferenze dei servizi/ottenimento autorizzazioni e 15 ottobre 2009 approvazione progetto definitivo lotto n. 2 Approvazione progetto esecutivo lotto n novembre 2009 Responsabile per l attuazione:ente Parco di Montemarcello-Magra Costi previsti: ,00 Fondi life Ente totale Parco , , ,00 Progetto esecutivo per la realizzazione di passaggi per pesci e per interventi di miglioramento ecologico. Progetto esecutivo lotto n. 1 Progetto esecutivo lotto n. 2

4 ACTION A.2: Progetti per la realizzazione di aree di osservazione fluviale per la sensibilizzazione delle popolazioni e per le operazioni di monitoraggio e sorveglianza. Durata: inizio: gennaio 2009 fine marzo 2010 Obiettivo: predisposizione della documentazione tecnica esecutiva e ottenimento delle autorizzazioni occorrenti per l avvio dell azione C1 Predisposizione progetto definitivo 31 dicembre 2009 Conferenze dei servizi/ottenimento autorizzazioni e 15 marzo 2010 approvazione progetto definitivo Approvazione progetto esecutivo 30 marzo 2010 Responsabile per l attuazione:provincia della Spezia Costi previsti: 5.000,00 Fondi life totale Provincia della Spezia , ,00 Progetto esecutivo per la realizzazione di passaggi per pesci e per interventi di miglioramento ecologico. Progetto esecutivo aree di osservazione ACTION A.3: Predisposizione di un piano della comunicazione Obiettivo: definizione e organizzazione degli indirizzi e delle strategie per le realizzazione delle azioni relative alla comunicazione e divulgazione dei risultati: D1, D2 e D3 Durata: inizio: gennaio 2009 fine settembre 2009 Predisposizione bozza piano di comunicazione 30 giugno 2009 Predisposizione e approvazione piano di 30 settembre 2009 comunicazione Responsabile per l attuazione: Legambiente Costi previsti: 4.000,00 Fondi life totale Legambiente 2.000, , ,00 Piano della comunicazione Bozza piano di comunicazione Piano di comunicazione definitivo

5 AZIONI CONCRETE: ACTION C.1: interventi di realizzazione di passaggi per pesci e miglioramento ecologico; Durata: inizio: marzo 2010 fine: settembre 2011 Obiettivo: ripristino della continuità fluviale ed ecologica dei fiumi Magra e Vara. Pubblicazione avviso per la formazione di un elenco di soggetti idonei per il conferimento di un incarico per la realizzazione degli interventi Formazione elenco di soggetti idonei per l affidamento dei lavori di realizzazione passaggi per pesci e miglioramento ambientale Trasmissione invito a presentare offerta ad almeno 5 30 maggio giugno luglio 2009 soggetti presenti nell elenco (lotto n. 1) Affidamento e inizio lavori (lotto n. 1) 1 settembre 2009 Ultimazione opere (lotto n. 1) 31 dicembre 2009 Pubblicazione bando di gara (lotto n. 2) 1 dicembre 2009 Espletamento gara 20 gennaio 2010 Affidamento e inizio lavori (lotto n. 2) 25 febbraio 2010 Ultimazione opere (lotto n. 2) 30 settembre 2011 Responsabile per l attuazione:ente Parco di Montemarcello-Magra Costi previsti: ,00 Fondi life Contributo totale Ente Parco Provincia della Spezia Tirreno Power , , , , ,00 realizzazione di n 9 passaggi per pesci. numero di passaggi per pesci realizzati; metri lineari di fiume interessati da interventi di miglioramento ambientale ACTION C.2: Realizzazione di aree di osservazione fluviale per la sensibilizzazione delle popolazioni e per le operazioni di monitoraggio e sorveglianza Durata: inizio: aprile 2010 fine: settembre 2011 Obiettivo: sensibilizzazione delle popolazioni locali e più in generale dei fruitori del fiume verso la tutela delle specie obiettivo del progetto e dei loro habitat Trasmissione invito a presentare offerta ad almeno 5 30 maggio 2010 soggetti per acquisto forniture Affidamento forniture 15 settembre 2010 Trasmissione invito a presentare offerta ad almeno 5 30 maggio 2010 soggetti per prestazioni di servizi Affidamento lavori 15 settembre 2010 Realizzazione aree di osservazione 30 settembre 2011

6 Responsabile per l attuazione:provincia della Spezia Costi previsti: ,00 Fondi life totale Provincia della Spezia , , ,00 Realizzazione di n. 6 aree di osservazione fluviale attrezzate per la sensibilizzazione delle popolazioni locali e per le operazioni di monitoraggio e sorveglianza mq di aree di osservazione fluviale realizzate Km di percorsi realizzati

7 AZIONI DI COMUNICAZIONE: ACTION D.1: iniziative per la promozione e divulgazione del sostegno Comunitario Durata: inizio: ottobre 2009; fine: dicembre Obiettivo: far conoscere l importanza dei SIC, il ruolo della Comunità Europea nella conservazione della natura, dare massima pubblicità al progetto realizzato, agli obiettivi e al valore della Rete Natura organizzazione conferenza stampa 18 giugno 2009 attivazione sito web 30 giugno 2009 Progettazione pannelli informativi (notice board) 30 giugno 2009 Realizzazione pannelli informativi (notice board) 31 dicembre 2009 Progettazione n. 10 pannelli illustrativi (di cui 30 giugno 2010 all azione C2) progettazione e realizzazione pieghevoli a carattere 30 giugno 2011 divulgativo(15000 copie) realizzazione CD-ROM del progetto (n copie) 30 giugno 2011 progettazione e realizzazione layman's report 30 giugno 2011 organizzazione seminario conclusivo 31 dicembre 2011 Responsabile per l attuazione:legambiente Costi previsti: ,00 Fondi life totale , ,00 conferenza stampa sito web di progetto n. 8 pannelli informativi (notice board) n pieghevoli divulgativi progetto per n. 10 pannelli illustrativi da mettere in opera nel corso dell azione C2 n layman s report n CD ROM n. 1 seminario conclusivo numero articoli pubblicati a seguito della conferenza stampa numero visitatori del sito web numero copie consegnate per punto di distribuzione (pieghevoli, layman s report) numero CD inviati numero pannelli realizzati numero partecipanti (seminario) ACTION D.2: iniziative per la consapevolezza locale dell importanza del SIC e delle specie target del progetto e degli ambienti alluvionali. Durata: inizio: ottobre 2009; fine: dicembre 2011.

8 Obiettivo: miglioramento della consapevolezza nelle comunità locali dell importanza del SIC e della conservazione delle specie target del progetto Realizzazione di un programma di visite guidate 31 dicembre 2009 Progettazione di n. 1 modulo di educazione 31 marzo 2010 ambientale Realizzazione di mostra educativa con n. 8 pannelli 31 dicembre 2010 informativi Realizzazione di n. 1 modulo di educazione 31 dicembre 2011 ambientale Realizzazione di n. 30 visite guidate 30 settembre 2011 Responsabile per l attuazione:ente Parco di Montemarcello-Magra Costi previsti: ,00 Fondi life totale , ,00 n.1 modulo di educazione ambientale n 1 programma di visite guidate n. 1 mostra educativa con n. 8 pannelli informativi numero partecipanti (visite guidate) numero scolaresche partecipanti (modulo di educazione ambientale) numero richieste per utilizzo mostra didattica ACTION D.3: Produzione di pubblicazioni per la diffusione di buone pratiche gestionali dei corsi d'acqua dei SIC e la conservazione delle specie naturali presenti Durata: inizio: ottobre 2009; fine: dicembre 2011 Obiettivo: 1) Creare maggior consapevolezza negli stakeholders e negli utilizzatori e gestori del territorio circa l importanza e le problematiche legate alla conservazione delle specie target e diffondere buone pratiche per la gestione dei corsi d acqua in area rete natura 2000 e/o Aree protette 2) fornire uno schema delle buone pratiche da seguire per integrare le problematiche di sviluppo territoriale con quelle della conservazione della biodiversità imposta dalle normative vigenti. Progettazione e realizzazione di n opuscoli informativi Progettazione e realizzazione di n 1000 copie di pubblicazione 31 dicembre marzo 2010 Responsabile per l attuazione: Regione Liguria Costi previsti: ,00

9 Fondi life Regione Liguria Regione Liguria DIP.TE.RIS totale , , , ,00 n opuscoli informativi n copie di pubblicazioni numero copie consegnate per punto di distribuzione (opuscoli) numero copie di pubblicazioni spedite

10 AZIONI DI GESTIONE E MONITORAGGIO PROGETTO: ACTION E.1: Project managment by Parco Montemarcello-Magra Durata: inizio: gennaio 2009; fine: dicembre 2011 Obiettivo: organizzazione del progetto e coordinamento dei beneficiari associati : Affidamento incarico project manager 30 gennaio 2009 predisposizione del management plan 31 marzo 2009 Trasmissione 1 relazione 30 giugno 2009 predisposizione convenzioni con i beneficiari 30 giugno 2009 associati e trasmissione alla CE Trasmissione 2 relazione 31 gennaio 2009 Affidamento incarico esperto in materia naturalistica 31 gennaio 2010 ambientale Trasmissione 3 relazione 30 giugno 2010 Trasmissione 4 relazione 31 gennaio 2011 Trasmissione 5 relazione 30 giugno 2011 Trasmissione relazione finale con richiesta di 28 febbraio 2012 pagamento Responsabile per l attuazione: Ente Parco di Montemarcello-Magra Costi previsti: ,00 Fondi life Ente totale Parco , , ,00 management plan relazioni sullo stato di avanzamento tecnico e finanziario trasmissione delle relazioni nei tempi previsti dal cronoprogramma; Contenuti delle relazioni coerenti con il cronoprogramma di progetto ACTION E.2: Istituzione e riunione del Comitato di Pilotaggio e del Comitato tecnico-scientifico Durata: inizio: gennaio 2009; fine: dicembre Obiettivo: ottimizzare la gestione del progetto, garantire il coordinamento tra i beneficiari, verificare il corretto andamento e la validità scientifica del progetto. Istituzione Comitato di Pilotaggio 30 gennaio 2009 Istituzione Comitato Tecnico Scientifico 30 gennaio 2009 Riunioni del Comitato di Pilotaggio Ogni 3 mesi (data 1 riunione: 27/2/09) Riunioni del Comitato Tecnico Scientifico Ogni 4 mesi

11 (data 1 riunione: 4/3/09) Responsabile per l attuazione: Ente Parco di Montemarcello-Magra Costi previsti: ,00 Fondi life Ente Parco Beneficiari associati Totale 1.125, , , ,00 Dettaglio Beneficiari associati: Provincia della Spezia Regione Liguria Regione Liguria DIPTERIS Legambiente 4.821, , , , ,00 300,00 Legambiente totale n. 18 verbali del Comitato di Pilotaggio n. 12 verbali del comitato Tecnico Scientifico numero verbali del Comitato di Pilotaggio numero verbali del Comitato Tecnico Scientifico ACTION E.3: Monitoraggio habitat e specie e gestione scientifica del progetto Durata: inizio: gennaio 2009; fine: settembre Obiettivo: misurare e valutare i benefici derivanti dall attuazione delle azioni concrete C1 e C2 e dalle altre azioni di progetto. Periodo Monitoraggio Petromyzon marinus aprile-giugno ottobre-dicembre settembre 2011 monitoraggio Alosa fallax aprile-giugno monitoraggio B.plebejus, L. souffia, R.rubilio giugno-agosto Responsabile per l attuazione: DIP.TE.RIS. Costi previsti:63.249,00 Fondi life Regione Liguria DIP.TE.RIS DIP.TE.RIS totale ,00 461,00 600, , ,00 Rapporti periodici

12 rapporto finale monitoraggio. numero uscite di campionamento per monitoraggio Petromyzon marinus numero uscite di campionamento per monitoraggio Alosa fallax numero uscite di campionamento per monitoraggio Barbus plebejus, Leuciscus souffia, Rutilus rubilio ACTION E.4: Collaborazione alle attività di monitoraggio e sorveglianza dei fiumi Durata: inizio: gennaio 2009; fine: settembre 2011 Obiettivo: misurare e valutare i benefici derivanti dall attuazione delle azioni concrete C1 e C2 e dalle altre azioni di progetto; incrementare la vigilanza sul territorio per prevenire azioni di bracconaggio e di alterazione degli habitat. Periodo monitoraggio e sorveglianza di Petromyzon marinus febbraio-luglio ottobre-dicembre monitoraggio e sorveglianza di Alosa fallax febbraio-luglio monitoraggio e sorveglianza di B.plebejus, L. souffia, R.rubilio febbraio-agosto Responsabile per l attuazione: Provincia della Spezia Costi previsti: ,00 Fondi life Provincia della Spezia Provincia della Spezia totale , , ,00 Convenzione tra Provincia della Spezia e Associazioni di pesca. Rapporto finale di sorveglianza numero uscite di campionamento per monitoraggio Petromyzon marinus numero uscite di campionamento per monitoraggio Alosa fallax numero uscite di campionamento per monitoraggio Barbus plebejus, Leuciscus souffia, Rutilus rubilio ACTION E.5: Collaudo e verifica della funzionalità ecologica delle opere realizzate Durata: inizio: gennaio 2010; fine: dicembre 2011 Obiettivo: verificare la funzionalità ecologica delle opere realizzate al fine di controllare in corso d opera la reale efficacia dei passaggi per pesci e apportare, se necessario, correttivi volti a rettificare eventuali malfunzionamenti delle opere

13 Periodi predisposizione bando per affidamento collaudo monitoraggio di Petromyzon marinus febbraio-luglio monitoraggio di Alosa fallax febbraio-luglio monitoraggio di B.plebejus, L. souffia, R.rubilio febbraio-agosto certificato di collaudo 31/12/2011 Responsabile per l attuazione: Ente Parco di Montemarcello-Magra Costi previsti: ,00 Fondi life Ente totale Parco , ,00 n. 1 certificato di collaudo delle opere realizzate nell ambito dell azione C1. numero uscite di campionamento per monitoraggio Petromyzon marinus numero uscite di campionamento per monitoraggio Alosa fallax numero uscite di campionamento per monitoraggio Barbus plebejus, Leuciscus souffia, Rutilus rubilio ACTION E.6: External Audit Durata: inizio: aprile 2009; fine: dicembre 2011 Obiettivo: garantire il rispetto delle legislazioni nazionali e delle norme contabili e la conformità alle norme amministrative standard del programma LIFE predisposizione bando per affidamento nomina di 15 maggio 2009 revisore dei conti Nomina revisore dei conti 30 Giugno 2009 Responsabile per l attuazione: Ente Parco di Montemarcello-Magra Costi previsti: ,00 Fondi life Ente totale Parco ,00 832, ,00 certificazioni dei resoconti delle spese e delle entrate forniti alla commissione numero controlli contabili effettuati ACTION E.7: After-LIFE Conservation Plan Durata: inizio: gennaio 2011; fine: dicembre 2011

14 Obiettivo: Continuare e sviluppare le azioni attuate nel progetto LIFE, gestire a lungo termine la biodiversità nel sito oggetto di intervento predisposizione After Life Conservation Plan 28/02/2012 Responsabile per l attuazione: Ente Parco di Montemarcello-Magra Costi previsti: 0 n. 1 After Life Conservation Plan in lingua italiana e inglese inserito quale capitolo separato del Final report. numero rapporti effettuati in attuazione del After Life Conservation Plan

LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity

LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity Foto: Borrini Il sito di progetto è il SIC IT 1343502 Parco della Magra Vara che coincide per gran parte con il territorio del Parco di Montemarcello-Magra

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO LIFE+07 NAT IT000413 Petromyzon And River Continuity (P.A.R.C)

PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO LIFE+07 NAT IT000413 Petromyzon And River Continuity (P.A.R.C) PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO LIFE+07 NAT IT000413 Petromyzon And River Continuity (P.A.R.C) 1 1. PREMESSA Attraverso studi ed indagini effettuati nel 2004 nell area del SIC IT1343502 Parco Magra- Vara

Dettagli

Offerta educativa del Parco Naturale Regionale Di Montemarcello-Magra

Offerta educativa del Parco Naturale Regionale Di Montemarcello-Magra Offerta educativa del Parco Naturale Regionale Di Montemarcello-Magra 2010 2011 A tutti i docenti e gli alunni La consapevolezza che l ambiente non può essere considerato uno spazio illimitato e che le

Dettagli

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Sommario - esigenze della fauna ittica reofila - il valore di un patrimonio straordinario - esigenze dei produttori di energia - le azioni attuali per

Dettagli

INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE E DEGLI HABITAT NELLA VALLE DEL LAMBRO LIFE11 ENV/IT/004 «Lambrovivo»

INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE E DEGLI HABITAT NELLA VALLE DEL LAMBRO LIFE11 ENV/IT/004 «Lambrovivo» INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE E DEGLI HABITAT NELLA VALLE DEL LAMBRO LIFE11 ENV/IT/004 «Lambrovivo» Ing. Stefano Minà Dipartimento di Riqualificazione Fluviale 00 IL PROGETTO LIFE - Nasce

Dettagli

ACTION D.1: Piano di comunicazione del progetto e materiale divulgativo

ACTION D.1: Piano di comunicazione del progetto e materiale divulgativo D. Public awareness and dissemination of results ACTION D.1: Piano di comunicazione del progetto e materiale divulgativo Il piano di comunicazione definirà la grafica da adottare nei vari strumenti di

Dettagli

PROGRAMMA LIFE+ http://ec.europa.eu/life

PROGRAMMA LIFE+ http://ec.europa.eu/life PROGRAMMA LIFE+ http://ec.europa.eu/life Benvenuti! Antonio De Rose 1 PROGRAMMA DELLA GIORNATA Presentazione LIFE+ Coffee break Sessione Domande e Risposte Lunch Working group 09:00 11:00 11:20 13:00 14:30

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE LIFE09 NAT/IT/000095 Progetto finanziato dalla Commissione Europea tramite lo strumento finanziario LIFE+

Dettagli

Giornata informativa sui programmi tematici UE 2014-2020 nel settore Ambiente, Energia e Protezione civile

Giornata informativa sui programmi tematici UE 2014-2020 nel settore Ambiente, Energia e Protezione civile Giornata informativa sui programmi tematici UE 2014-2020 nel settore Ambiente, Energia e Protezione civile L esperienza del Coordinamento Creia: i progetti Life Mo.Re.& Mo.Re. e Go Park Marco Gentilini,

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE LIFE+_Climate change-r

PIANO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE LIFE+_Climate change-r BOZZA VERSIONE ZERO (29/11/2013_fp) PIANO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE LIFE+_Climate change-r LIFE12 ENV/IT/000404 Summary 1. Premessa 2. Scopo del piano di comunicazione e diffusione (PCD) 3. Principali

Dettagli

LIFE+ PROGRAMME http://ec.europa.eu/life SEMINARIO INFORMATIVO 2011 ITALIA 25 MARZO. 2011 Presentazione LIFE+ 1

LIFE+ PROGRAMME http://ec.europa.eu/life SEMINARIO INFORMATIVO 2011 ITALIA 25 MARZO. 2011 Presentazione LIFE+ 1 LIFE+ PROGRAMME http://ec.europa.eu/life SEMINARIO INFORMATIVO 2011 ITALIA 25 MARZO 2011 Presentazione LIFE+ 1 PROGRAMMA LIFE+ PRESENTAZIONE Benvenuti! Paola Bacchi Il contenuto di questa presentazione

Dettagli

LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+

LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+ LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+ FARENAIT: Fare Rete per Natura 2000 in Italia LIFE+10 INF/IT/000272 Panoramica delle attività di progetto Roma, 28 giugno 2012 Hotel Quirinale Via Nazionale,

Dettagli

La gestione Rete Natura 2000. in Liguria. Paola Carnevale Regione Liguria - Settore Progetti e programmi per la tutela e la valorizzazione ambientale

La gestione Rete Natura 2000. in Liguria. Paola Carnevale Regione Liguria - Settore Progetti e programmi per la tutela e la valorizzazione ambientale La gestione Rete Natura 2000 in Liguria Paola Carnevale Regione Liguria - Settore Progetti e programmi per la tutela e la valorizzazione ambientale La Rete Natura 2000 in Liguria 1 r. b. alpina (14 siti

Dettagli

Kickoff meeting progetti LIFE+ 2007 Questionario

Kickoff meeting progetti LIFE+ 2007 Questionario Domanda 1. Il costo per adempimenti burocratico - amministrativi può essere rendicontato sul LIFE; se sì, in quale categoria di spesa? Kickoff meeting progetti LIFE+ 2007 Questionario 2. Se è prevista

Dettagli

Con il patrocinio di: C. Lenti, Foto Archivio P.F.Po vc al MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

Con il patrocinio di: C. Lenti, Foto Archivio P.F.Po vc al MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Le risaie del vercellese: programma integrato per la riqualificazione ambientale e la gestione sostenibile dell agroecosistema risicolo Martedì 29 Novembre 2011 C. Lenti, Foto Archivio P.F.Po vc al Con

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Procedura di Valutazione Interna

Procedura di Valutazione Interna LIFE Project Number Inception Report - ANNEX Covering the project activities from 01/01/2012 to 31/08/2012 Reporting Date LIFE+ PROJECT NAME or Acronym

Dettagli

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Programma UE LIFE 2014-2020 Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Regolamento UE n. 1293/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 dicembre 2013 istituisce il Programma per l ambiente

Dettagli

Conferenza informativa LIFE 2006 Pisa 30 gennaio 2007

Conferenza informativa LIFE 2006 Pisa 30 gennaio 2007 Conferenza informativa LIFE 2006 Pisa 30 gennaio 2007 Gli aspetti specifici dei progetti LIFE Natura, Alberto Cozzi ASTRALE GEIE - Timesis srl Argomenti trattati: 1. Coordinamento del progetto 2. Gestione

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 NAT/IT/000279 Beneficiario Coordinatore: CTS - Centro Turistico Studentesco e Giovanile Via Albalonga n. 3 00183 Roma (RM) Tel.: 06-64960300/1/2 Fax: 06-64960366 Contatto:

Dettagli

Progetto Life INF/2010/272 FARENAIT - FARE RETE PER NATURA 2000 IN ITALIA

Progetto Life INF/2010/272 FARENAIT - FARE RETE PER NATURA 2000 IN ITALIA Progetto Life INF/2010/272 FARENAIT - FARE RETE PER NATURA 2000 IN ITALIA Campagna di educazione ambientale LA MIA TERRA VALE! Gli studenti adottano il loro territorio Seconda edizione 2013-2014 Premessa

Dettagli

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi:

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi: Piano di monitoraggio socio economico del progetto LIFE Ripristino degli habitat dunali nel paesaggio serricolo del golfo di Gela per la salvaguardia di Leopoldia gussonei L azione D.3 Monitoraggio socio

Dettagli

LOWaste. Local Waste Market for second life products. Incontro Ferrara, settembre 2011

LOWaste. Local Waste Market for second life products. Incontro Ferrara, settembre 2011 LOWaste Local Waste Market for second life products Incontro Ferrara, settembre 2011 Contenuti dell incontro Che cos è il Programma LIFE+ Introduzione progetto LOWaste Gli obiettivi Le azioni previste

Dettagli

PARTECIPA AL CONCORSO fa.re.na.it. E VINCI UN SOGGIORNO IN UN'AREA PROTETTA

PARTECIPA AL CONCORSO fa.re.na.it. E VINCI UN SOGGIORNO IN UN'AREA PROTETTA PARTECIPA AL CONCORSO fa.re.na.it. E VINCI UN SOGGIORNO IN UN'AREA PROTETTA Vuoi sapere cos è la Rete Natura 2000? Vuoi conoscere meglio la biodiversità del territorio italiano ed europeo? Vuoi promuovere

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE Azione A.3 Predisposizione e sviluppo di un piano di comunicazione e informazione indirizzato ai cittadini e agli amministratori locali PREMESSA Il progetto, realizzato grazie allo

Dettagli

PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I

PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I Azione D.4 Realizzazione e collocazione di Pannelli informativi Accettura, 17 maggio 2012 OBIETTIVI Gli obiettivi generali dell azione sono: Promozione e sensibilizzazione al rispetto

Dettagli

1. Premessa 2. Obiettivi Generali

1. Premessa 2. Obiettivi Generali 1. Premessa Il Progetto riguarda la creazione di un Laboratorio ambientale da realizzare sul territorio della Comunità Montana Versante Tirrenico Meridionale diffuso sul territorio montano, a partire dalle

Dettagli

I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici

I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici Direttiva Habitat (92/43/CEE) 220 tipi di habitat (Al.I) e oltre 800 specie (Al.II)

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE09 NAT/IT/000190 Beneficiario coordinatore: Università degli Studi di Genova Via Balbi, 5 16126 Genova (GE) Referente progetto: Mauro Taiuti Tel.: +39 01020991 Fax: +39 010

Dettagli

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Il PSR Marche e le aree Natura 2000 Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Workshop provinciale - 16 aprile 2013 Sede Provincia di Macerata - Sala Convegni Località Piediripa

Dettagli

PIANO OPERATIVO ANNO 2015 (SCHEDA N. 1 SASP) RESPONSABILE: dott.ssa Silvia de Paulis

PIANO OPERATIVO ANNO 2015 (SCHEDA N. 1 SASP) RESPONSABILE: dott.ssa Silvia de Paulis INDICATORE RETE PER LA BIODIVERSITA' AGRICOLA E ZOOTECNICA TARGET: Mantenimento del numero di aderenti alla RETE FINANZIARIE Servizio Agro Silvo Pastorale C4 DE PAULIS SILVIA Progetto SAPIENS 5150/2009

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 3.2.1 Titolo Azione

Dettagli

Finanziare la rete ecologica?

Finanziare la rete ecologica? Finanziare la rete ecologica? Panoramica sulle principali fonti di finanziamento Varese, 19 marzo 2015 Tipologie dei finanziamenti europei Fondi indiretti la cui gestione è demandata agli Stati membri

Dettagli

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Le risorse forestali nazionali e i servizi eco-sistemici Il ruolo delle istituzioni ROMA - 6 dicembre 2011 Il ruolo delle foreste nella Strategia

Dettagli

ASSESSORADU DE SA DEFENSA DE S AMBIENTE ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE

ASSESSORADU DE SA DEFENSA DE S AMBIENTE ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE PROGETTO ZOUMATE ZONE UMIDE: AMBIENTE, TUTELA, EDUCAZIONE (CUP E53J13000820007). MANIFESTAZIONE D INTERESSE PER PROGETTI D EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITÀ RIVOLTO AI CEAS REGIONALI, CHE OPERANO

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell Abbadessa Parchi e Riserve dell Emilia Romagna David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Che cosa fa un Parco naturale?

Dettagli

ENTE TUTELA PESCA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

ENTE TUTELA PESCA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ENTE TUTELA PESCA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA DECRETO n. 474 /DIR. Udine, 18/09/2014 Oggetto: Progetto LIFE10NAT/IT/000239 ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI REALIZZAZIONE E GESTIONE DELL EVENTO CONCLUSIVO DEL

Dettagli

LA MITIGAZIONE DELLA FRAMMENTAZIONE FLUVIALE MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI PASSAGGI PER PESCI

LA MITIGAZIONE DELLA FRAMMENTAZIONE FLUVIALE MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI PASSAGGI PER PESCI LA MITIGAZIONE DELLA FRAMMENTAZIONE FLUVIALE MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI PASSAGGI PER PESCI Claudio Comoglio Politecnico di Torino Dipartimento di Ingegneria del Territorio, dell Ambiente e delle Geotecnologie

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Avviso Pubblico per la selezione di esperti per il Segretariato Tecnico Congiunto presso la Regione Abruzzo del Programma IPA-Adriatic

Avviso Pubblico per la selezione di esperti per il Segretariato Tecnico Congiunto presso la Regione Abruzzo del Programma IPA-Adriatic Avviso Pubblico per la selezione di esperti per il Segretariato Tecnico Congiunto presso la Regione Abruzzo del Programma IPA-Adriatic Allegato A Profilo, competenze richieste e requisiti di partecipazione

Dettagli

Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto

Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto Giuseppe Caruso Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune

Dettagli

OPERATIVE MANUAL. Guida alla rendicontazione del progetto LIFE+ NO.WA No Waste

OPERATIVE MANUAL. Guida alla rendicontazione del progetto LIFE+ NO.WA No Waste OPERATIVE MANUAL Guida alla rendicontazione del progetto LIFE+ NO.WA No Waste 23/02/2012 2 Introduzione... 4 1. Documenti di riferimento... 5 2. Costi ammissibili... 5 Personnel costs (Costi di personale)...

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORT-LIST DI ESPERTI PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E/O DI COLLABORAZIONE

AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORT-LIST DI ESPERTI PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E/O DI COLLABORAZIONE AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORT-LIST DI ESPERTI PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E/O DI COLLABORAZIONE Art. 1 Obiettivi generali delle attività oggetto del presente avviso

Dettagli

LIFE+ comunicazione. Presentazione al LIFE+11 Kick-off meeting. LIFE2011 Kick-off Meeting, Roma, 7 novembre 2012 Joaquim Capitão, Unità LIFE-ENV CE 1

LIFE+ comunicazione. Presentazione al LIFE+11 Kick-off meeting. LIFE2011 Kick-off Meeting, Roma, 7 novembre 2012 Joaquim Capitão, Unità LIFE-ENV CE 1 LIFE+ comunicazione Presentazione al LIFE+11 Kick-off meeting LIFE2011 Kick-off Meeting, Roma, 7 novembre 2012 Joaquim Capitão, Unità LIFE-ENV CE 1 Contenuti della presentazione Gruppo esterno di comunicazione

Dettagli

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT.

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. Cod. Figure professionali q.tà gg.uu. Riepilogo di Progetto 1.092 SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. 001 Comitato

Dettagli

Considerazioni generali sui progetti LIFE NATURA in Italia e in Provincia autonoma di Trento. Alberto Cozzi, Astrale Timesis

Considerazioni generali sui progetti LIFE NATURA in Italia e in Provincia autonoma di Trento. Alberto Cozzi, Astrale Timesis Considerazioni generali sui progetti LIFE NATURA in Italia e in Provincia autonoma di Trento Alberto Cozzi Astrale-Timesis LIFE11/NAT/IT/000187 TEN, Trento Marzo 2014 Il Gruppo esterno di monitoraggio

Dettagli

La CETS e la nuova programmazione 2014-2020

La CETS e la nuova programmazione 2014-2020 La CETS e la nuova programmazione 2014-2020 LA SCHEDA DEI PIANI D AZIONE DELLA CETS SCHEDA PAF - Prioritized Action Framework Tipo di attività Soggetto realizzatore Descrizione della misura Obiettivi Target

Dettagli

Deliberazione del Consiglio di Gestione

Deliberazione del Consiglio di Gestione Deliberazione del Consiglio di Gestione Numero 17 del 28-04-2015 Oggetto: APPROVAZIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PER L'AN= NO 2015 L'anno duemilaquindici il giorno ventotto del mese di aprile alle ore

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BUZZETTI ITALO Indirizzo Telefono 0342605585 - mobile 3387276718 Fax 0342605599 E-mail italo.buzzetti@ersaf.lombardia.it

Dettagli

PROGETTO LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000

PROGETTO LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000 IL IL PROGETTO PROGETTO LIFE+ LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000 AZIONI AZIONI DI DI CONSERVAZIONE, CONSERVAZIONE, MIGLIORAMENTO MIGLIORAMENTO DEGLI DEGLI HABITAT HABITAT EE DELLE DELLE SPECIE SPECIE EE SALVAGUARDIA

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

1. Oggetto del contratto Le premesse costituiscono parte integrante del presente atto e pertanto si intendono esplicitamente

1. Oggetto del contratto Le premesse costituiscono parte integrante del presente atto e pertanto si intendono esplicitamente 1. Oggetto del contratto Le premesse costituiscono parte integrante del presente atto e pertanto si intendono esplicitamente richiamate. ERVET conferisce al Collaboratore l incarico di realizzare i seguenti

Dettagli

Progetto FA.RE.NA.IT

Progetto FA.RE.NA.IT Progetto FA.RE.NA.IT W kh R i Workshop Regione Molise M li Stato di attuazione delle misure del S di i d ll i d l PSR e prospettive future in Molise p p f Dott. For. Nicola Pavone Dott For Nicola Pavone

Dettagli

Attività di sensibilizzazione e informazione su ECORICE e Rete Natura 2000

Attività di sensibilizzazione e informazione su ECORICE e Rete Natura 2000 Progetto LIFE NAT/IT/000093 «ECORICE» Le risaie del Vercellese: i risultati del progetto ECORICE e le prospettive future Attività di sensibilizzazione e informazione su ECORICE e Rete Natura 2000 C. Lenti,

Dettagli

Rapporto sullo stato di conservazione della biodiversità in Sardegna: dalla conoscenza alla programmazione

Rapporto sullo stato di conservazione della biodiversità in Sardegna: dalla conoscenza alla programmazione Rapporto sullo stato di conservazione della biodiversità in Sardegna: dalla conoscenza alla programmazione Servizio Tutela della Natura Assessorato Difesa Ambiente Roma, 28 febbraio 2014 SOMMARIO: Il monitoraggio

Dettagli

Formazione Ambientale: le esperienze del progetto LIFE MAESTRALE

Formazione Ambientale: le esperienze del progetto LIFE MAESTRALE XXIII Congresso della S.It.E. Ancona, 16-18 settembre 2013 Formazione Ambientale: le esperienze del progetto LIFE MAESTRALE Fusco S. 1, Iannotta F. 1, Izzi F. 2, Stanisci A. 1 1 Dipartimento di Bioscienze

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

BANDO PER IL COFINANZIAMENTO DI PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA PER I CEAS NON ACCREDITATI

BANDO PER IL COFINANZIAMENTO DI PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA PER I CEAS NON ACCREDITATI BANDO PER IL COFINANZIAMENTO DI PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA PER I CEAS NON ACCREDITATI ART. 1 - OGGETTO E FINALITÀ L Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sostenibilità

Dettagli

1. Servizio / Ufficio! Politiche Ambientali. 2. Dirigente! Viviana De Podestà. 4. Referente per la comunicazione!

1. Servizio / Ufficio! Politiche Ambientali. 2. Dirigente! Viviana De Podestà. 4. Referente per la comunicazione! [13] 1. Servizio / Ufficio! Politiche Ambientali 2. Dirigente! Viviana De Podestà 3. Account! Vincenzo Terlizzi 4. Referente per la comunicazione! Maria Carla Cuccu 5. Referente sito web! Davide Lombardelli

Dettagli

PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12

PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 COMUNE DI PORTALBERA PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 2f Fascicolo Valutazione Ambientale StrategicaVAS del DdP RAPPORTO AMBIENTALE

Dettagli

Sito di Interesse Comunitario ITB040019 Stagni di Colostrai e delle Saline

Sito di Interesse Comunitario ITB040019 Stagni di Colostrai e delle Saline Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale per la Sardegna 2007/2013. Asse 4 Attuazione dell approccio Leader. Misura a regia regionale 323, azione 1, sottoazione 1 Tutela

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. OLIVA CARLO Data di nascita 17/06/1969. Dirigente - S.C. Gestione delle Risorse Umane

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. OLIVA CARLO Data di nascita 17/06/1969. Dirigente - S.C. Gestione delle Risorse Umane INFORMAZIONI PERSONALI Nome OLIVA CARLO Data di nascita 17/06/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI SPEZZINO Dirigente - S.C. Gestione delle Risorse

Dettagli

Allegato 1. Descrizione dei dati da detenere e trasmettere alla Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche

Allegato 1. Descrizione dei dati da detenere e trasmettere alla Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche Allegato 1 Descrizione dei dati da detenere e trasmettere alla Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DATI DA detenere e TRASMETTERE ALLA BANCA DATI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE...

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI MOBILITÀ

AVVISO PUBBLICO DI MOBILITÀ Allegato alla determinazione n. 91 del 07.08.2009 AVVISO PUBBLICO DI MOBILITÀ 1. PREMESSA L Agenzia regionale denominata Conservatoria delle Coste della Sardegna è stata istituita con l art. 16 della legge

Dettagli

Come preparare una buona proposta progettuale evitando gli errori più comuni

Come preparare una buona proposta progettuale evitando gli errori più comuni Come preparare una buona proposta progettuale evitando gli errori più comuni Roma, 22 giugno 2015 Michele Lischi Neemo GEIE - Timesis Alcuni dati dal LIFE+ 1) Il livello di competizione per ottenere un

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PSR 2007-20132013 Nuova programmazione 2014-20202020 La Spezia, 14 dicembre 2012 - Sede della Provincia (Via Vittorio Veneto, 2) SETTORE POLITICHE AGRICOLE E DELLA PESCA NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

Dettagli

Viaggo studio FIUMI INCISI E RIQUALIFICAZIONE MORFOLOGICA Italia e Austria, 25-28 Ottobre 2011

Viaggo studio FIUMI INCISI E RIQUALIFICAZIONE MORFOLOGICA Italia e Austria, 25-28 Ottobre 2011 Viaggo studio FIUMI INCISI E RIQUALIFICAZIONE MORFOLOGICA Italia e Austria, 25-28 Ottobre 2011 L alterazione morfologica e del trasporto solido sono problemi comuni alla maggior parte dei fiumi europei.

Dettagli

Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance

Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance CONVEGNO INTERNAZIONALE DARE VALORE ALLA NATURA I Servizi ecosistemici per nutrire il pianeta venerdì 12 giugno 2015 EXPO 2015 - MILANO Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance Prof. GIUSEPPE

Dettagli

A. AZIONI PREPARATORIE

A. AZIONI PREPARATORIE LIFE TIB - Elenco Azioni A. AZIONI PREPARATORIE AZIONE A.1: AUTORIZZAZIONI PER ESEGUIRE LE AZIONI DI DEFRAMMENTAZIONE IN CORRISPONDENZA DELLE STRADE Richiesta di autorizzazione per eseguire gli interventi

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI AZIONI DI EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITÀ RIVOLTO ALLE SCUOLE PUBBLICHE

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI AZIONI DI EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITÀ RIVOLTO ALLE SCUOLE PUBBLICHE BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI AZIONI DI EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITÀ RIVOLTO ALLE SCUOLE PUBBLICHE ART. 1 - OGGETTO E FINALITÀ L Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sostenibilità

Dettagli

Provincia di Piacenza

Provincia di Piacenza Provincia di Piacenza STRUMENTO FINANZIARIO PER L AMBIENTEL Maggio 2013 Maggio 2013 Programmi a gestione decentrata Programmi a gestione diretta Le tipologie di finanziamento UE OGGI Fondi Strutturali

Dettagli

Consulenza ambientale. Febbraio 2009

Consulenza ambientale. Febbraio 2009 Febbraio 2009 e l ambiente Don't blow it - good planets are hard to find. Time Magazine ha una visione globale e trasversale delle problematiche ambientali e supporta i propri clienti in diverse aree strategiche:

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

I programmi di gestione della rete Natura 2000 e i nuovi progetti integrati. Daniela Zaghi

I programmi di gestione della rete Natura 2000 e i nuovi progetti integrati. Daniela Zaghi I programmi di gestione della rete Natura 2000 e i nuovi progetti integrati Daniela Zaghi Workshop per pubbliche amministrazioni Regione Friuli Venezia Giulia Udine, Palazzo della Regione 13-14 febbraio

Dettagli

Figure di Presidio Richieste dall All.II.2: Responsabile Unità Operativa Sede Principale del Sistema di gestione della Qualità Aziendale

Figure di Presidio Richieste dall All.II.2: Responsabile Unità Operativa Sede Principale del Sistema di gestione della Qualità Aziendale Allocazione delle Attività dei responsabili posti a presidio dei processi Aziendali e delle sedi operative di Roma e Cassino, secondo quanto richiesto dalla DGR 968/07 e dall All.II.2, all interno del

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

AZIONI DI COMUNICAZIONE

AZIONI DI COMUNICAZIONE AZIONI DI COMUNICAZIONE OBIETTIVI E ATTIVITA' A cura di Anna Maria Calabrese Con la collaborazione di Donato Sileo e Katia Gioscio Coordinamento di Donato Pafundi e Pasquale Salerno Indice 1 PREMESSA...pag.

Dettagli

La tabella è finalizzata alla rilevazione di un set minimo di informazioni anagrafiche che consentono di definire alcune caratteristiche dell opera,

La tabella è finalizzata alla rilevazione di un set minimo di informazioni anagrafiche che consentono di definire alcune caratteristiche dell opera, 2 DATI DA DETENERE E TRASMETTERE ALLA BANCA DATI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 2.1 ANAGRAFICA DEI PROGETTI L inserimento dei dati anagrafici, finalizzato ad identificare le singole opere pubbliche, rappresenta

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE

VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE Aula Consiliare Contursi Terme (SA), 30 luglio 2014 Geologo Rocco Lafratta referente CIRF Campania www.cirf.org r.lafratta@cirf.org - 3386996022 Cos

Dettagli

Piano della performance dell Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale per gli anni 2012-2014

Piano della performance dell Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale per gli anni 2012-2014 Piano della performance dell Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale per gli anni 2012-2014 ai sensi dell art. 10 del D.Lgs. n.150/2009 8.1 Scheda di analisi SWOT 2 OPPORTUNITÀ Valorizzare

Dettagli

Il Piano d Azione Nazionale per il GPP

Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Aalborg Commitments e Turismo Sostenibile: idee progetti iniziative delle destinazioni turistiche italiane Venerdì 6 giugno 2008 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Direzione Salvaguardia Ambientale

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO DI RAFFORZAMENTO AMMINISTRATIVO (PRA)

LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO DI RAFFORZAMENTO AMMINISTRATIVO (PRA) LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO DI RAFFORZAMENTO AMMINISTRATIVO (PRA) SOMMARIO 1 Necessità di cambiamento tempestivo nella capacità amministrativa: PERCHÉ il Piano di Rafforzamento Amministrativo

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 ADVISORING PER LO SVILUPPO DEGLI STUDI DI FATTIBILITA E SUPPORTO ALLA COMMITTENZA PUBBLICA PIANO DEGLI INTERVENTI ALLEGATO 1

Dettagli

PON SICUREZZA 2007-2013 - FAQ -

PON SICUREZZA 2007-2013 - FAQ - PON SICUREZZA 20072013 FAQ 1. Quale è la procedura di presentazione dei progetti aventi valenza territoriale? La procedura di presentazione delle proposte progettuali nell ambito del PON è sempre aperta

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

COMITATO di SORVEGLIANZA

COMITATO di SORVEGLIANZA Reg. (CE) n. 1698/2005 del Consiglio PROGRAMMA regionale di SVILUPPO RURALE 2007-2013 COMITATO di SORVEGLIANZA Genova, 23 Giugno 2015 - Regione Liguria - Sala Rappresentanza SETTORE POLITICHE AGRICOLE

Dettagli

Val.Ma.Co. Val.Ma.Co.

Val.Ma.Co. Val.Ma.Co. La gestione delle aree prative È stato redatto un Piano di Gestione agro-silvo-pastorale, coerente con le esigenze di tutela delle specie di uccelli e degli habitat di interesse comunitario, basato sui

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

u Politiche di miglioramento della marginalità, valutazione dei costi aziendali e riduzione degli oneri per la crescita della redditività aziendale;

u Politiche di miglioramento della marginalità, valutazione dei costi aziendali e riduzione degli oneri per la crescita della redditività aziendale; I Servizi che TETRIS CONSULTING s.r.l. offre nel settore di Direzionale comprendono: u Implementazione di sistemi di Controllo di Gestione, Reporting, analisi degli scostamenti, politiche di adjustment,

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEI PIEGHEVOLI INFORMATIVI NEI SITI DELLA RETE NATURA

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEI PIEGHEVOLI INFORMATIVI NEI SITI DELLA RETE NATURA LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEI PIEGHEVOLI INFORMATIVI NEI SITI DELLA RETE NATURA 2000 Pagina 1 di 7 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Le presenti direttive trovano applicazione nelle aree SIC della rete Natura

Dettagli

Gestione forestale e mantenimento di uno stato di conservazione soddisfacente nei siti Natura 2000

Gestione forestale e mantenimento di uno stato di conservazione soddisfacente nei siti Natura 2000 Accademia Italiana di Scienze Forestali - Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Valutazione ambientale dei progetti di interventi selvicolturali e dei piani di gestione forestale AMATRICE -

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli