RESOCONTO SENATO ACCADEMICO del 7 maggio 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESOCONTO SENATO ACCADEMICO del 7 maggio 2012"

Transcript

1 RESOCONTO SENATO ACCADEMICO del 7 maggio 2012 All inizio della seduta è intervenuta una delegazione dei lavoratori riuniti in assemblea in Aula Magna, per chiedere al Senato accademico di essere coinvolti nelle importanti decisioni che l Ateneo dovrà prendere in merito alla riorganizzazione del personale tecnico-amministrativo. In particolare, le questioni ancora aperte riguardano la definizione dei modelli organizzativi, che si auspica siano omogenei e condivisi per dipartimenti e scuole, la difesa dell autonomia dei dipartimenti contro spinte eccessivamente centralistiche, la definizione del ruolo del Direttore di Dipartimento, le modalità di assegnazione del personale, il futuro delle biblioteche, la gestione degli spazi comuni (aule e servizi legati alla didattica), la rappresentanza TA nei nuovi dipartimenti. Il Senato prende atto delle richieste dei lavoratori. COMUNICAZIONI Viene distribuita al tavolo la risposta del Rettore alla richiesta di chiarimento sul calendario degli adempimenti statutari dei prossimi mesi, pervenuta venerdì a firma di alcuni senatori. Tale risposta sarà trasmessa nei prossimi giorni a tutti coloro che operano nell Ateneo. Il Rettore segnala che è stato pubblicato sulla GU n 102 del 3 maggio 2012 il D.Lgs.n. 49, relativo alla Disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e reclutamento degli Atenei. Il decreto prevede: 1. l adozione del piano economico-finanziario triennale, al fine di garantire la sostenibilità di tutte le attività dell Ateneo e la definizione dei principi di riferimento per la predisposizione dei suddetti piani triennali; 2. la definizione dei limiti massimi dell incidenza del personale di ruolo e a tempo determinato, inclusi gli oneri della contrattazione integrativa, nonché delle spese per l indebitamento degli Atenei; 3. l introduzione del costo standard unitario di formazione per studente in corso, a cui si collega l attribuzione di una percentuale del FFO; 4. l introduzione di un sistema di valutazione ex-post delle politiche di reclutamento degli Atenei, sulla base di criteri definiti ex-ante. Questo decreto è stato successivamente ripreso dal prof. Conte nelle comunicazioni inerenti alla Commissione organico. È preoccupante soprattutto la parte (alquanto sibillina) che riguarda i limiti per l assunzione del personale. Ad oggi, gli Atenei che non superavano il 90% nel rapporto assegni fissi/ffo potevano contare su un turnover del 50%. Con il nuovo decreto, è previsto un turnover al 20% solo per chi non supera l 80% del complesso delle entrate non vincolate (FFO, contribuzione studentesca, ecc ), a cui si può aggiungere una percentuale (minima) derivante da un calcolo molto complicato, che tiene conto, fra l altro, dell indebitamento dell Ateneo. Anche nel caso degli Atenei più virtuosi, siamo molto lontani dal 50% attuale, e questo comporterà grossi problemi nel prossimo futuro con il pensionamento di molti docenti. 1

2 I rappresentanti degli studenti chiedono che il Senato approvi una mozione che esprima viva preoccupazione riguardo a questa ulteriore stretta al turnover ed auspichi che il Ministero riveda tale decreto. Il Senato approva all unanimità. PROPOSTA DI INCARICO DI DIRETTORE GENERALE - ex art. 57 dello Statuto dell Università degli Studi di Torino. Il Rettore propone di conferire l incarico di Direttore generale per tre anni all attuale Direttore amministrativo, dott.ssa Loredana Segreto. Il Senato deve esprimere un parere, che sarà poi portato in CdA per l attribuzione definitiva. Alcuni senatori esprimono perplessità sulla procedura utilizzata, in quanto la proposta era già stata presentata in CdA il 23 aprile scorso, per cui di fatto Rettore e CdA hanno già deciso. Sarebbe auspicabile che il Senato mantenesse un ruolo più centrale in queste decisioni. La proposta viene comunque messa ai voti e il Senato approva il conferimento dell incarico alla dott.ssa Segreto. REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL DIRETTORE E DELLE RAPPRESENTANZE NEGLI ORGANI DI DIPARTIMENTO, presentato dal prof. Ajani, presidente della Commissione Modifiche di Statuto. Il regolamento è frutto di un ampia discussione in sottocommissione, nella commissione plenaria e anche nella commissione allargata a tutti i senatori, consiglieri ed uditori. Restano due punti controversi: 1. L opportunità di comprendere nella nozione di afferente temporaneo anche i professori a contratto di cui all art. 23 della L. 240/10; [e il] personale comandato o distaccato presso il Dipartimento. Si decide di escludere queste figure in prima applicazione, ma di lasciare liberi i singoli Dipartimenti, in sede di definizione del proprio regolamento, di attribuire l afferenza temporanea di diritto ad ulteriori categorie. 2. La composizione della parte elettiva del Consiglio di Dipartimento (di cui tutti i docenti e ricercatori fanno parte di diritto). La proposta portata in Senato a maggioranza prevede: a) una rappresentanza del personale tecnico-amministrativo, equivalente al 25% della componente dei docenti e ricercatori, con arrotondamento all unità superiore oppure tutto il personale tecnicoamministrativo, se inferiore al 25% della componente dei docenti e ricercatori; b) una rappresentanza degli studenti iscritti ai corsi di dottorato che svolgono attività di studio e ricerca presso il Dipartimento, pari a un terzo dei dottorandi con arrotondamento in eccesso, purché in misura non superiore al 10% della componente dei docenti e ricercatori, con arrotondamento in eccesso; nel caso di dottorati in consorzio la dichiarazione di afferenza è presupposto per la rappresentanza; 2

3 c) una rappresentanza di assegnisti di ricerca e di borsisti post-dottorato che fanno capo al Dipartimento e degli altri afferenti temporanei che svolgono attività didattica o di ricerca, individuati dal Regolamento del Dipartimento, pari a un terzo con arrotondamento in eccesso delle tre componenti in misura non superiore al 20% della componente dei docenti e ricercatori, con arrotondamento in eccesso; d) una rappresentanza degli studenti dei corsi di laurea e laurea specialistica o magistrale in misura non inferiore al 15% della composizione totale dell organo. Esiste, tuttavia, una proposta di minoranza, che prevede di ridurre al 15 % la rappresentanza del personale TA, al 10% quella al punto c) e di unire in un unico punto le rappresentanze di dottorandi e studenti (punti b e d). Sono state, inoltre, discusse anche altre proposte intermedie. Dopo ampia discussione, si è passati al voto sull ipotesi di maggioranza, che è stata approvata con 19 voti favorevoli e 12 contrari. Si è discusso anche su come definire i criteri per le competenze differenziate di tipo didattico, organizzativo e tecnico-scientifico che, secondo Statuto, devono avere i tre rappresentanti del personale TA nelle giunte di dipartimento. Si è, infine, deciso di aggiungere [competenze] dichiarate all atto della candidatura. L intero regolamento è stato quindi approvato all unanimità. CRITERI ATTUATIVI della deliberazione del Senato accademico n. 17/2011/II/2 del 30 settembre 2011, in merito alla designazione dei componenti del Consiglio di Amministrazione - ex art. 55, comma 1, lett. c dello Statuto dell Università degli Studi di Torino: Testo deliberazione del : Il Senato Accademico, 1) all unanimità, si impegna a definire in sede di regolamento i criteri di designazione da parte del rettore dei componenti esterni del CDA secondo le indicazioni che verranno da tutte le componenti della comunità accademica, rappresentata in Senato Accademico; Per quanto riguarda i componenti interni: 2) a maggioranza, si impegna ad inserire nel medesimo regolamento modalità elettive che garantiscano pienamente le esigenze di democraticità e la rappresentatività delle diverse componenti della comunità accademica anche in coerenza con quanto deliberato dal Senato stesso il 29 luglio u.s. La presente deliberazione è approvata seduta stante. La Commissione Modifiche di Statuto ha previsto un ipotesi di attuazione della precedente deliberazione, articolata in tre punti: 1. consultazione delle componenti della comunità accademica successiva all individuazione della rosa dei candidati; 2. consultazione da tenersi in occasione della seconda tornata elettorale del Senato accademico; 3

4 3. onere di motivazione, in caso di decisione difforme da parte del Senato accademico rispetto all esito della consultazione. Tale ipotesi sarà inserita nell apposito Regolamento, che sarà comunque ancora sottoposto a discussione e approvazione da parte degli organi competenti. CODICE ETICO della Comunità Universitaria ex art. 2, comma 4 Legge 240/2010 Espressione parere al testo elaborato dalla Commissione Interateneo. Approvato. PROPOSTE di COSTITUZIONE dei nuovi DIPARTIMENTI È approvata la costituzione dei seguenti Dipartimenti: 1. Biotecnologie molecolari e scienze della salute n.docenti afferenti: Chimica Culture, politica e società Economia Cognetti De Martiis Filosofia e scienze dell educazione Fisica Giurisprudenza Informatica Interateneo di scienze, progetto e politiche del territorio Lingue e letterature straniere e culture moderne Management Matematica Giuseppe Peano Neuroscienze Oncologia Psicologia Scienza e tecnologia del farmaco Scienze agrarie, forestali e alimentari Scienze chirurgiche Scienze cliniche e biologiche Scienze della sanità pubblica e pediatriche Scienze della terra Scienze della vita e biologia dei sistemi Scienze economico-sociali e matematico-statistiche Scienze mediche Scienze veterinarie Studi storici Studi umanistici 130 4

5 69 docenti non hanno presentato opzione di afferenza: a questi verranno dati ulteriori 6 giorni per manifestare la propria volontà, trascorsi i quali saranno assegnati d ufficio dal Rettore ad un dipartimento in base al SSD. I Dipartimenti avranno facoltà di rivedere i propri progetti, in sede di definizione dei propri Regolamenti di funzionamento. DIDATTICA Comunicazioni Vi è stato un incontro per definire la questione della costituzione della SAA in società consortile a responsabilità limitata, durante il quale è stato conferito al prof. Roberto Cavallo Perin, coadiuvato da altri docenti, l incarico di modificare il testo dello Statuto e della convenzione secondo le indicazioni della commissione. Data l urgenza, verrà poi emanato un Decreto Rettorale per l approvazione. TFA (Tirocinio Formativo Attivo): per consentire l iscrizione al test entro la scadenza ministeriale del 4 giugno a chi ha bisogno di CFU integrativi, le Facoltà devono prevedere una sessione d esame straordinaria entro il 15 maggio. Il Decreto Rettorale d Urgenza n.9 del 3 maggio prevede una quota di 120 per la partecipazione al test e di per l iscrizione al TFA stesso, secondo le indicazioni ministeriali. Il MIUR, con nota del , ha richiamato l attenzione circa le modalità di proposta delle lauree honoris causa, sottoposte ad approvazione ministeriale. È stato previsto un numero massimo per anno solare: 1 se l Ateneo ha meno di 500 docenti, 2 tra 500 e 1000, 3 tra 1000 e 1500, 4 tra 1500 e 2000, 5 per Atenei (come il nostro) che hanno più di 2000 docenti. ORGANICO Comunicazioni IL MIUR ha rifinanziato la chiamata dei docenti dall estero (cofinanziamento al 50%): le delibere devono essere fatte entro il 30 giugno. RICERCA SCIENTIFICA Comunicazioni Nel corso della seduta della Commissione è stato audito il prof. Geuna, coordinatore dell'osservatorio per la ricerca, che ha presentato una prima bozza di tipologie dei prodotti della ricerca, che verrà approvata nel prossimo Senato accademico. PRIN e FIRB: la commissione per la valutazione dei progetti si è riunita e ha stabilito a priori i criteri di massima per la formazione delle graduatorie: 1. punteggi espressi dai referee, previa verifica dell omogeneità tra punteggio e giudizio; 2. in caso di punteggi simili, appartenenza ad aree diverse; 3. in caso di punteggi simili nella stessa area, progetti con argomenti diversi; 4. modelli B. Questo per far sì che il maggior numero possibile di progetti venga poi scelto dal MIUR per il finanziamento. 5

6 SUDDIVISIONE BORSE DI DOTTORATO XXVIII ciclo Si approva la suddivisione delle borse di cui alla quota fissa e alla quota MIUR secondo la seguente tabella: Scuola Dottorato Quota fissa residua 2012 Quota valutativa MIUR Fisica e Astrofisica 2 Informatica 1 Matematica 1 Scienze della Natura e Tecnologie Innovative Scienze Agrarie, Forestali ed Agroalimentari 3 Scienze Biologiche e Biotecnologie applicate 2 Scienze Chimiche e dei Materiali 2 Scienze della Terra 1 Scienze Farmaceutiche e Biomolecolari 2 Scienze della Natura e Tecnologie Innovative Totale 5 14 Fisiopatologia Medica 1 Medicina e Terapia Sperimentale 1 Scienze della Vita e della Salute Medicina Molecolare 3 Neuroscienze 2 Scienze Biomediche ed Oncologia 2 Scienze Veterinarie per la Salute Animale e la Sicurezza Alimentare 1 Sistemi Complessi per le Scienze della Vita 1 Tecnologie Applicate alle Scienze Chirurgiche 0 Scienze della Vita e della Salute Totale 3 11 Scienze Umane e Sociali Analisi Comparata del Diritto, dell'economia e delle Istituzioni 1 Business and Management 0 Diritti e Istituzioni 1 Diritto, Persone e Mercato 1 Economia "Vilfredo Pareto" 2 Scienze Psicologiche, Antropologiche e dell'educazione 2 Sociologia e Studi Politici 2 Scienze Umane e Sociali Totale 5 9 Culture Classiche e Moderne 1 Filosofia 1 Lingue e Letterature Straniere Moderne 1 Studi Umanistici Scienze del Linguaggio e della Comunicazione 0 Spettacolo e Musica 0 Storia del Patrimonio Archeologico e Artistico 1 Studi Euro-Asiatici: Indologia, Linguistica, Onomastica 1 Studi Storici 1 Studi Umanistici Totale 6 6 Totale complessivo

7 Si approva la suddivisione delle borse di cui al Fondo Giovani secondo la seguente tabella: salute uomo (a) rilancio industria (b) nuove applicaz.(c) AMBITI DI INDAGINE materiali avanzati (d) valorizzazione prod.(e) ICT (f) risparmio energ. (g) Dottorato di Ricerca Fisiopatologia medica medicina e terapia sperimentale 1 medicina molecolare 1 neuroscienze 1 scienze biomediche e oncologia 1 1 scienze veterinarie per la salute animale e la sicurezza elementare sistemi complessi per le scienze della vita 1 scienze biologiche e biotecnologie applicate 1 scienze chimiche e dei materiali 1 1 scienze farmaceutiche e biomolecolari 1 1 scienze della terra fisica e astrofisica 1 scienze agrarie, forestali ed agroalimentari 1 matematica 1 informatica 2 scienze psicologiche,antropologiche e dell'educazione BORSE DISTRIBUITE Totale borse distribuite 16 Le borse del Fondo Giovani hanno una copertura finanziaria triennale, pertanto, per i Dottorati di quattro anni, sarà necessario garantire il quarto anno di copertura finanziaria della borsa con oneri a carico dei Dipartimenti interessati; Si autorizza la Commissione Ricerca Scientifica, non appena acquisito il giudizio del Nucleo in ordine alle proposte di istituzione e rinnovo dei dottorati, a procedere con la ripartizione della quota NUV (40 borse) alle Scuole per consentire agli uffici di ultimare le procedure per la pubblicazione del bando di concorso (30 giugno p.v.), fermo restando che la proposta di ripartizione dovrà essere approvata dal Senato Accademico il 4 giugno

8 RICERCA FINANZIATA dall Università anno 2012 Si approva la suddivisione del finanziamento per la Ricerca finanziata dall Università (ex 60%) anno 2012 fra le aree scientifico-disciplinari come indicato nella tabella di seguito riportata. Le aree distribuiranno al proprio interno la quota assegnata sulla base di progetti di ricerca. I rappresentanti delle aree dovranno trasmettere agli uffici della Divisione Ricerca Scientifica, entro e non oltre il 18 maggio 2012, i propri criteri per la valutazione dei progetti al fine di predisporre il bando. AREA Suddivisone 50% sulla numerosità docenti per area Suddivisione 50% sulla produttività docenti per area Totale Suddivisione per Area Debito Aree per valutazione PRIN Debito Aree per valutazione FIRB Totale Assegnazione per Area 1 - Scienze Matematiche e Informatiche , , , , , , Scienze Fisiche , , , , , , Scienze Chimiche , , , , , , Scienze Agrarie , , , , , , Scienze della Terra , , , , , , Scienze Biologiche , , , , , , Scienze Mediche sperimentali , , , , , , Scienze Ant., Filol.- Lett., Stor. - Art , , , , , , Scienze Storico-Filosofiche , , , , , , Scienze Pedagogico- Psicologiche , , , , , , Scienze Giuridiche , , , , , , Scienze Economiche e Statistiche , , , , , , Scienze Politiche , , , , , , Scienze Farmaceutiche , , ,82 0, , , Scienze Veterinarie , , , , , , Scienze mediche cliniche , , , , , ,76 Totali , , , , , ,00 8

9 FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO DIPARTIMENTI Il Senato Accademico, nella seduta del 29 marzo 2012, aveva deliberato di adottare, per la suddivisione del Fondo di Finanziamento Ordinario 2012 per i Dipartimenti ( ), i seguenti criteri: 1. il 50% del FFO (quota gestione personale) calcolata senza variazioni rispetto allo scorso anno, con attribuzione del personale tecnico-amministrativo del CSO ai Dipartimenti di provenienza; 2. il 50% del FFO (quota ricerca scientifica) calcolata con la stessa procedura utilizzata lo scorso anno, con le seguenti modifiche: il periodo di rilevamento è riferito agli anni e le fasce di produttività scientifica dei docenti sono 5; 3. calcoli eseguiti considerando i dati del personale al e l afferenza al Il Fondo di Finanziamento Ordinario 2012 per i Dipartimenti risulta perciò suddiviso come segue: FFO Dipartimenti 2012 FFO 2012 Dip. AGRONOMIA, SELVICOLTURA E GESTIONE TERRITORIO Dip. ANATOMIA,FARMACOLOGIA E MEDICINA LEGALE Dip. CHIMICA Dip. COLTURE ARBOREE Dip. CULTURE, POLITICA E SOCIETA' Dip. DIRITTO DELL'ECONOMIA Dip. DISCIPLINE GINECOLOGICHE E OSTETRICHE Dip. DISCIPLINE MEDICO CHIRURGICHE Dip. ECONOMIA Dip. ECONOMIA E INGEGNERIA AGRARIA, FORESTALE E AMBIENTALE Dip. FILOSOFIA E SCIENZE DELL'EDUCAZIONE Dip. FISICA Dip. FISIOPATOLOGIA CLINICA Dip. GENETICA, BIOLOGIA E BIOCHIMICA Dip. GIURISPRUDENZA Dip. INFORMATICA Dip. INTERATENEO DI SCIENZE, PROGETTO E POLITICHE DEL TERRITORIO Dip. LINGUE E LETTERATURE STRANIERE E CULTURE MODERNE Dip. MANAGEMENT Dip. MATEMATICA "Giuseppe Peano" Dip. MEDICINA ED ONCOLOGIA SPERIMENTALE Dip. MEDICINA INTERNA Dip. MORFOFISIOLOGIA VETERINARIA Dip. NEUROSCIENZE Dip. PATOLOGIA ANIMALE Dip. PROD. ANIMALI/EPIDEMIOL.ED ECOLOGIA Dip. PSICOLOGIA Dip. SANITA' PUBBLICA E DI MICROBIOLOGIA Dip. SCIENZA E TECNOLOGIA DEL FARMACO Dip. SCIENZE BIOMEDICHE ED ONCOLOGIA UMANA Dip. SCIENZE CLINICHE E BIOLOGICHE Dip. SCIENZE DELLA TERRA Dip. SCIENZE DELLA VITA E BIOLOGIA DEI SISTEMI - LIFE SCIENCES AND SYSTEMS BIOLOGY Dip. SCIENZE ECONOMICO-SOCIALI E MATEMATICO-STATISTICHE Dip. SCIENZE MERCEOLOGICHE Dip. SCIENZE ONCOLOGICHE - Candiolo Dip. SCIENZE PEDIATRICHE E DELL'ADOLESCENZA Dip. SCIENZE ZOOTECNICHE Dip. STUDI STORICI Dip. STUDI UMANISTICI Dip. TRAUMAT.,ORTOPEDIA E MEDICINA DEL LAVORO Dip. VALORIZZAZIONE E PROTEZIONE DELLE RISORSE AGROFORESTALI Totali

10 ALTRI PROVVEDIMENTI APPROVATI Verbale delle sedute del Senato accademico del 5 marzo 2012 DIDATTICA Scadenze amministrative anno accademico Si deliberano per l anno accademico le scadenze amministrative di seguito riportate, che devono essere osservate necessariamente per tutti i corsi di studio tenendo conto del periodo di chiusura compreso tra il 6 e il 17 agosto 2012 delle Segreterie Studenti, Settore Tasse e Rimborsi, Esami di Stato, Settore Studenti Stranieri e Traduzioni e del periodo di chiusura compreso tra il 13 e il 17 agosto 2012 delle altre strutture afferenti alla Divisione Didattica e Segreterie Studenti: a) le domande di partecipazione ai concorsi di ammissione ai corsi di studio a numero programmato devono essere presentate nel periodo dal 16 luglio al 24 agosto 2012 con la sola modalità on line; b) le prove di ammissione, salvo diverse disposizioni ministeriali, si svolgono evitando le sovrapposizioni. I risultati delle prove di ammissione sono pubblicati sul sito di Ateneo, all indirizzo entro le ore 9.30 del giorno previsto da ciascun bando. La pubblicazione delle graduatorie sul sito di Ateneo è sostitutiva di ogni altra comunicazione personale. c) gli studenti ammessi, previa compilazione on-line dell immatricolazione e pagamento delle tasse relative, devono obbligatoriamente confermare l immatricolazione presso il Centro Immatricolazioni con la consegna della documentazione richiesta, entro e non oltre i quattro giorni consecutivi dalla data di pubblicazione delle graduatorie (esclusi sabato e domenica) all Albo Ufficiale di Ateneo sul sito NB: nel computo dei quattro giorni deve essere ricompreso il giorno di pubblicazione delle graduatorie; le operazioni di riassegnazione, susseguenti alle rinunce e alle mancate iscrizioni, devono essere effettuate secondo le indicazioni riportate all interno dei singoli bandi. Lo studente utilmente collocato in graduatoria (ammesso) che non ottemperi all immatricolazione entro il termine e le modalità stabilite nei singoli bandi è considerato rinunciatario e NON può in alcun modo essere ripescato, fatti salvi i casi in cui residuino posti vacanti alla chiusura delle operazioni di ripescaggio. Le operazioni di ripescaggio si concludono al raggiungimento della copertura dei posti disponibili e comunque entro e non oltre il 31 ottobre Nel periodo compreso tra la chiusura del Centro Immatricolazioni e la scadenza del 31 ottobre 2012, i ripescaggi saranno gestiti presso le rispettive Segreterie Studenti. Sulla base dell esperienza degli scorsi anni e considerate le problematiche determinate da immatricolazioni effettuate troppo oltre la data di inizio dei corsi, si precisa che non verranno attivate procedure straordinarie di ripescaggio per gli studenti idonei in graduatoria, anche qualora al termine delle operazioni, fissato al 31 ottobre 2012, residuino posti vacanti non assegnati. d) 1. le domande di immatricolazione a corsi di laurea di primo livello e laurea a ciclo unico, devono essere compilate on line dal 27 agosto 2012 al 12 ottobre 2012 e devono essere presentate, debitamente firmate e corredate dei documenti richiesti, dal 3 settembre 2012 al 12 ottobre 2012, presso il Centro Immatricolazioni, Corso Regio Parco 134/A Torino, per confermare l immatricolazione, esclusi i corsi di studio a numero programmato, per i quali valgono le indicazioni riportate nei singoli bandi. A seguito della chiusura dl Centro Immatricolazioni tutte le tipologie di immatricolazione saranno gestite dalle 10

11 segreterie studenti di competenza; 2. le domande di iscrizione ai corsi di laurea specialistica devono essere compilate on line dal 27 agosto 2012 al 21 dicembre 2012 e devono essere presentate, debitamente firmate e corredate dei documenti richiesti, dal 3 settembre 2012 al 21 dicembre 2012, presso le rispettive segreterie studenti, per confermare l immatricolazione, esclusi i corsi di studio a numero programmato per i quali valgono le indicazioni riportate nei singoli bandi; 3. per i casi di iscrizione a corsi di laurea magistrale, gli studenti devono presentare domanda di ammissione preliminare alla struttura didattica di riferimento secondo i calendari e le modalità rese note agli studenti sui siti delle medesime nel rispetto delle scadenze amministrative di Ateneo. Le strutture didattiche comunicano gli esiti delle domande di ammissione preliminare agli studenti e fissano, se necessario, i colloqui per la verifica della preparazione personale. Gli studenti per i quali l esito della domanda di ammissione preliminare sia positivo possono compilare la domanda di iscrizione on line dal 27 agosto 2012 al 21 dicembre 2012 e consegnarla, debitamente firmata e corredata dei documenti richiesti, dal 3 settembre 2012 al 21 dicembre 2012, presso le segreterie studenti di appartenenza, esclusi i corsi di studio a numero programmato per i quali valgono le indicazioni riportate nei singoli bandi. Al fine di consentire l iscrizione ai corsi di laurea magistrale entro i termini, gli studenti possono presentare istanza di verifica dei requisiti curriculari (domanda di ammissione preliminare) anche prima di aver conseguito il titolo triennale. Tutte le strutture didattiche devono inoltre garantire una seduta di laurea tra il mese di novembre e il mese di dicembre e) per tutti gli studenti, iscritti a qualsiasi corso di laurea, le tasse di iscrizione agli anni successivi al primo devono essere versate entro il termine del 12 ottobre Il versamento effettuato oltre tale termine è gravato dal pagamento della sanzione amministrativa: il pagamento della tassa costituisce iscrizione al nuovo anno accademico; f) tutte le domande: 1. di passaggio, interne alle singole Facoltà e da una Facoltà all altra, 2. di passaggio da un ordinamento all altro; 3. di trasferimento, sia in arrivo sia in uscita, devono essere presentate dal 3 settembre 2012 al 12 ottobre 2012; g) domande tardive: dal 15 ottobre 2012 al 21 dicembre 2012, possono essere accolte domande di passaggio e di trasferimento tardive mediante il pagamento della sanzione amministrativa. Dal 15 ottobre 2012 al 21 dicembre 2012 possono essere accolte domande di immatricolazione tardive esclusivamente per i corsi ad accesso libero, mediante il pagamento della sanzione amministrativa; h) gli studenti iscritti sia a tempo pieno sia a tempo parziale devono presentare il piano carriera dal mese di ottobre 2012 al 31 gennaio 2013, secondo la disponibilità delle offerte didattiche elaborate dalle Facoltà. Dal 1/02/2013 al 28/02/2013 sarà possibile presentare, modificare ed integrare il piano carriera previo pagamento della prevista sanzione amministrativa. Per gli studenti iscritti al Vecchio Ordinamento (ante D.M. 509/1999) eventuali ulteriori scadenze sono stabilite autonomamente dalle singole strutture didattiche; i) gli studenti che intendono beneficiare dell'inserimento nelle fasce contributive ridotte, sono tenuti a rispettare le seguenti scadenze: dal 27 agosto 2012 al 31 gennaio Le modalità di presentazione saranno definite in apposito Regolamento. Per tutti gli studenti, iscritti sia a tempo pieno sia a tempo parziale, la seconda rata deve essere pagata entro il 2 aprile Il versamento della seconda rata effettuato dopo tale data è gravato da sanzione amministrativa. Lo studente può essere ammesso agli esami di profitto che si svolgono prima del 2 aprile 2013, se in regola con il pagamento della prima rata delle tasse e con il piano carriera. Immatricolazioni, iscrizioni, passaggi e trasferimenti effettuati in ritardo, previo pagamento della sanzione amministrativa, 11

12 non possono in alcun caso configurarsi come deroghe agli adempimenti didattici stabiliti dalle Facoltà e dai corsi di studio per l ammissione agli esami di profitto; j) le presenti disposizioni non si applicano agli studenti iscritti alle Scuole di Specializzazione, ai Corsi di Perfezionamento, ai Master e ai Dottorati di ricerca, per i quali si fa riferimento a specifiche disposizioni; k) l iscrizione a singoli insegnamenti (corsi singoli) per i corsi di studio ad accesso libero avviene contestualmente al pagamento della tassa prevista e può essere effettuata per un massimo di 30 cfu per anno accademico. Lo studente che consegua il titolo di laurea triennale oltre la data del 21/12/2012 ed entro e non oltre la sessione straordinaria (gennaio-aprile) dell a.a , può successivamente acquisire fino a 30 cfu attraverso il sostenimento di corsi singoli. I crediti acquisiti con il superamento degli esami dei singoli insegnamenti (corsi singoli) possono essere riconosciuti allo studente che si iscrive successivamente ad un corso di studio dell Università, se congruenti con il progetto formativo e secondo criteri stabiliti dal competente Consiglio di Corso di studio. Per i corsi di studio ad accesso programmato la domanda di iscrizione a singoli insegnamenti (corsi singoli) deve essere autorizzata, per un massimo di 30 cfu per anno accademico, dalla struttura didattica di riferimento nel rispetto dei limiti previsti dalla programmazione ed esclusivamente fino al raggiungimento, e NON oltre, del numero di posti disponili. l) è prevista la chiusura al pubblico dal 6 al 17 agosto 2012 delle Segreterie Studenti, Settore Tasse e Rimborsi, Esami di Stato, Settore Studenti Stranieri e Traduzioni e dal 13 al 17 agosto 2012 di tutte le altre strutture afferenti alla Divisione Didattica e Segreterie Studenti. Inoltre è prevista la chiusura degli uffici della Divisione Didattica e Segreterie Studenti nei giorni: 2 novembre 2012, 24 dicembre 2012, dal 31 dicembre 2012 al 4 gennaio 2013, 26 aprile GUIDE Le Facoltà o le altre Strutture Didattiche competenti hanno l obbligo di curare la pubblicazione (che può avvenire anche in formato telematico attraverso la pubblicazione sul sito di Facoltà e sul sito di Ateneo) delle guide composte di due sezioni, la prima delle quali, che rappresenta il MANIFESTO DEGLI STUDI, deve essere obbligatoriamente disponibile ed aggiornata prima dell inizio dell a.a La seconda parte delle guide, pubblicata prima dell inizio delle lezioni, deve contenere tutti i programmi degli insegnamenti offerti per la coorte e deve essere indicata l obbligatorietà della prenotazione on line ai singoli appelli d esame. Modifica del Regolamento per la disciplina dei corsi di perfezionamento e altri servizi didattici integrativi e dei corsi di master: art. 3 comma 3 Corsi di formazione e aggiornamento professionale a.a È vietata la contemporanea iscrizione ad un corso di studio universitario e a un corso di formazione e aggiornamento professionale poiché quest ultimo prevede l acquisizione di CFU; eccezionalmente, per l a.a , è possibile la contemporanea iscrizione a più corsi di formazione e aggiornamento professionale con il limite dei 30 CFU acquisibili annualmente previsto per i corsi singoli. I CFU così acquisiti potranno essere riconosciuti per un eventuale iscrizione ad un corso di laurea di I livello dalla competente struttura didattica, tra le attività altre, entro i limiti stabiliti dalla legge 240/2010; 12

13 a decorrere dall a.a , non potranno più essere istituiti corsi di formazione e di aggiornamento professionale che prevedono l acquisizione di CFU, e di conseguenza viene a cadere il divieto di contemporanea iscrizione. Pertanto, l art. 3 comma 3 del Regolamento per la disciplina dei Corsi di Perfezionamento e altri servizi didattici e integrativi e dei Corsi di Master di cui al Decreto Rettorale n del 16 dicembre 2011, è così modificato: Al termine del corso il Direttore rilascia ai partecipanti che ne fanno richiesta un attestato delle competenze acquisite e/o della relativa partecipazione. Nel caso in cui sia previsto un esame o altra forma di verifica del profitto l attestato riporta esclusivamente il giudizio finale di idoneità del candidato. Banca Dati dell Offerta Formativa: Corsi di Studio a numero programmato a livello locale ai sensi degli art 2.1 lettera a) o b) della legge 2 agosto 1999, n. 264 Norme in materia di accesso ai corsi universitari a.a I Consigli delle Facoltà interessate hanno approvato i dati e le schede relative ai Corsi di Studio che intendono attivare con numero programmato a livello locale. Tali dati, approvati dal Senato, saranno inseriti nella banca dati dell offerta formativa, dopo l approvazione del Nucleo di Valutazione. Facoltà di Economia L-18 Banca, borsa e assicurazione (180 posti) L-18 Economia aziendale (1120 posti) L-33 Economia e commercio (390 posti) Facoltà di Farmacia L-29 Tecniche erboristiche (85 posti) LM-13 Chimica e tecnologie farmaceutiche (85 posti) LM-13 Farmacia (180 posti) Facoltà di Lettere e Filosofia L-20 Scienze della comunicazione(188posti) Facoltà di Psicologia L-24 Scienze e Tecniche psicologiche (409 posti) Facoltà di Scienze MFN L-13 Scienze Biologiche ( 254 posti) L-27 Chimica e tecnologie chimiche ( 237 posti) L-30 Ottica e optometria ( 33 posti) L-32 Scienze naturali ( 134 posti) Corsi di Studio ex D.M. 270/2004 LM-61 Scienze degli alimenti e della nutrizione umana (20 posti) 13

14 LMR/02 Conservazione e restauro dei beni culturali (25 posti) Facoltà di Scienze Politiche L-39 Servizio sociale Sede Torino (160 posti) Scuola Universitaria Interfacoltà per le Biotecnologie L-2 Biotecnologie (148 posti) Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie L-22 Scienze delle attività motorie e sportive (400 posti) LM-67 Scienze dell educazione motoria e delle attività adattate (100 posti) LM-68 Scienze e tecniche avanzate dello sport (100 posti) Corsi di Studio ex D.M. 509/99 Scuola Universitaria Interfacoltà per le Scienze Strategiche DS/1 Corso di Laurea triennale interfacoltà in Scienze strategiche ( 44 posti) Master di I e di II livello della Facoltà di Medicina e Chirurgia San Luigi Gonzaga di Orbassano: istituzione e/o attivazione - a.a Master in Cure palliative (biennale) I livello in collaborazione con ASL CUNEO 1 e IRCCS AOU San Martino IST (Istituto nazionale per la Ricerca sul cancro) di Genova 2. Master in Mindfulness Clinica strumenti per l applicazione della mindfulness alla riduzione della sofferenza umana individuale e relazionale (biennale) I livello in collaborazione con Associazione Esperienze di Mindfulness 3. Master in Riabilitazione psicosociale I livello in collaborazione con ASL TO3, Universidade Federal de Pelotas UFPEL, Universidade Estadual de Ciências da Saúde de Alagoas - UNICISAL 4. Master in Medicina orale e cure odontoiatriche in pazienti a rischio II livello in collaborazione con il Dipartimento di Scienze cliniche e biologiche - AOU San Luigi Gonzaga di Orbassano - Società Italiana di Patologia e Medicina Orale - Associazione Italiana Odontoiatri (AIO)- Associazione Nazionale Dentisti Italiani (ANDI) - Commissione Albo Odontoiatri (CAO) Provincia di Torino Istituzione e attivazione del Master universitario di I livello in Public procurement management for sustainable development (in Rwanda) tra le Facoltà di Giurisprudenza e di Economia, in collaborazione con il Centro Internazionale di Formazione dell OIL e la School of Finance and Banking, Kigali (Rwanda) - a.a Istituzione e attivazione del Master universitario di II livello in Professione formatore in Didattica della Matematica (biennale) della Facoltà di Scienze MFN- a.a

15 Istituzione e attivazione del Master di I livello in Didattica e psicopedagogia per i disturbi specifici di apprendimento della Facoltà di Scienze della Formazione in collaborazione con l Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte. l a.a Aumento numero massimo di studenti iscrivibili ai Master di I livello della Scuola di Amministrazione Aziendale in Business Administration biennale (da 50 a 120 studenti), Gestione dei servizi bancari e finanziari biennale, ed (da 220 a 320 studenti) e ed (da 250 a 350 studenti). NULLA OSTA Residenza fuori sede: proff. R. Carosi, E. D Alessandro, F. Montobbio, dott. S.C. Vinciguerra, E. Morreale, T. Braccini, E. Marinai, R.Regis, C.L. Cagliero, M.R. Gualano, E. Frediani, M.Lupano. Supplenze o affidamenti fuori sede: dott. C. Bendazzoli (c/o Università di Bologna) e prof. R. Russo (c/o Università Cattolica del Sacro Cuore Roma) VARIE Attribuzione contratti per attività di insegnamento ai sensi del comma 3 dell art. 23 della Legge 240/2010 docenti, studiosi o professionisti stranieri di chiara fama. Facoltà di Economia: Mary Ryan Epstein Facoltà di Scienze Politiche Real Collegio Carlo Alberto: Steefan de Rynck, Bruno Palier, Martin Rhodes. DECRETI RETTORALI D URGENZA Decreto Rettorale d urgenza n. 3/SA del 26/04/ Adeguamento degli ordinamenti didattici dei corsi di laurea e dei corsi di laurea magistrale modificati, secondo il parere espresso dal Consiglio Universitario Nazionale nella seduta del , presenti nel Regolamento Didattico di Ateneo, ai sensi del D.M. n. 270 del 22 ottobre 2004 e dei successivi Decreti Ministeriali del 16 marzo L-1 - Beni culturali BENI CULTURALI - Archeologia, Storia dell'arte, Archivistica e Biblioteconomia L-10 - Lettere Culture e letterature del mondo moderno Lettere L-11 - Lingue e culture moderne Lingue e letterature moderne L-18 - Scienze dell'economia e della gestione aziendale ECONOMIA AZIENDALE L-33 - Scienze economiche ECONOMIA E COMMERCIO LMG/01 - Classe delle lauree magistrali in giurisprudenza GIURISPRUDENZA LM-2 - Archeologia ARCHEOLOGIA E STORIA ANTICA 15

16 LM-56 - Scienze dell'economia ECONOMIA E MANAGEMENT INTERNAZIONALE LM-63 - Scienze delle pubbliche amministrazioni Scienze giuridiche per le amministrazioni pubbliche e private (già Governo delle imprese e delle amministrazioni pubbliche) LM-83 - Scienze statistiche attuariali e finanziarie QUANTITATIVE FINANCE AND INSURANCE - FINANZA QUANTITATIVA E ASSICURAZIONI LM-89 - Storia dell'arte STORIA DELL'ARTE LM-90 - Studi europei Studi giuridici europei Le proposte di modifica degli ordinamenti didattici dei sopra indicati corsi di studio saranno nuovamente sottoposte all approvazione del M.I.U.R. CUN mediante la Banca Dati dell Offerta Formativa Sezione Regolamento Didattico di Ateneo e, previa approvazione da parte del competente Ministero, tali ordinamenti didattici sostituiranno le precedenti versioni inserite nel RAD stesso. Decreto Rettorale d Urgenza n. 4/SA del 26 aprile Potenziale formativo corsi programmati a livello nazionale: Facoltà di Medicina e Chirurgia di Torino, Seconda Facoltà di Medicina e Chirurgia San Luigi Gonzaga di Orbassano e Facoltà di Medicina veterinaria. A.A Ratifica. Decreto Rettorale d Urgenza n. 5/SA del 26 aprile Attivazione del primo anno delle Scuole di Specializzazione di Area Sanitaria, adeguate al Decreto Ministeriale del 1 Agosto 2005 e s.m.i. e riservate ai laureati non medici, in Farmacia ospedaliera (Facoltà di Farmacia), e in Fisica medica (Facoltà di Medicina e Chirurgia di Torino). A.A RICERCA SCIENTIFICA Attribuzione di una borsa di studio, finanziata dall Università degli Studi di Cagliari, al Dottorato di Ricerca in Medicina e Terapia Sperimentale ciclo XXVII. Approvazione dell attività svolta dagli Assegnisti nell ambito delle Azioni A, B, e C di cui all Accordo tra la Regione Piemonte e gli Atenei Piemontesi. Approvazione dell attività svolta dagli Assegnisti titolari di assegni attivati d intesa con ASP nell ambito dell Azione A di cui all Atto Integrativo all Accordo tra la Regione Piemonte e gli Atenei Piemontesi anno ACCORDI, CONVENZIONI, CENTRI E FONDAZIONI Convenzione tra l Università degli Studi di Torino e l ASL CN1 di Cuneo per l utilizzazione di strutture dell ASL CN1 da parte delle Scuole di Specializzazione afferenti alla Facoltà di Medicina Veterinaria (Igiene e tecnologia delle carni, Ispezione degli alimenti di origine animale e Patologia suina). Protocollo d Intesa tra la Regione Piemonte e l Università degli Studi di Torino per l attivazione del Corso di Laurea in Educazione Professionale abilitante alla professione di Educatore Professionale (anno accademico 2011/2012). 16

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Scadenze amministrative per l anno accademico 2012-2013 Per l anno accademico 2012-2013 le scadenze amministrative di seguito riportate che devono essere osservate necessariamente per tutti i corsi di

Dettagli

DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E SCIENZE PER LA SALUTE CORSI DI STUDIO EX D.M. 270/2004

DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E SCIENZE PER LA SALUTE CORSI DI STUDIO EX D.M. 270/2004 ELENCO CORSI ATTIVATI A.A. 2015-2016 DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E SCIENZE PER LA SALUTE 1. 056701 Biotecnologie (Classe L-2) Dipartimenti: Biotecnologie molecolari e scienze per la salute,

Dettagli

Master Universitario Interfacoltà di I livello in. RESPONSABILITA E GESTIONE DELLA QUALITA NELL IMPRESA ALIMENTARE (ReGIA)

Master Universitario Interfacoltà di I livello in. RESPONSABILITA E GESTIONE DELLA QUALITA NELL IMPRESA ALIMENTARE (ReGIA) Master Universitario Interfacoltà di I livello in RESPONSABILITA E GESTIONE DELLA QUALITA NELL IMPRESA ALIMENTARE (ReGIA) Anno accademico 011-01 E istituito presso le Facoltà di Agraria, Giurisprudenza

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2013/14 Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 18 giugno 2013 INDICE >OFFERTA FORMATIVA< TEST E PROVE DI ACCESSO IMMATRICOLAZIONI

Dettagli

Area Affari Istituzionali, Internazionali e Formazione Divisione Formazione Universitaria e Formazione Permanente

Area Affari Istituzionali, Internazionali e Formazione Divisione Formazione Universitaria e Formazione Permanente FUFP/3 ET IL RETTORE visto il DPR 10 marzo 1982, n. 162, e in particolare gli artt. 1 (comma 2, lettera c), 16 e 17, relativi ai corsi di perfezionamento; visto l art. 6 della legge 19 novembre 1990, n.

Dettagli

Art. 18 - NUMERO DEGLI ELIGENDI (allegato n 1 del Decreto di Indizione delle Elezioni) GRANDI ORGANI

Art. 18 - NUMERO DEGLI ELIGENDI (allegato n 1 del Decreto di Indizione delle Elezioni) GRANDI ORGANI Art. 18 - NUMERO DEGLI ELIGENDI (allegato n 1 del Decreto di Indizione delle Elezioni) GRANDI ORGANI NUMERO POSTI PREFE RENZE TOTALE STUDENTI SENATO ACCADEMICO: GRUPPO 1: GIURISPRUDENZA. SCIENZE POLITICHE,

Dettagli

Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006

Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006 Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006 Procedura di valutazione della preparazione di base finalizzata all iscrizione ai corsi speciali di cui all art. 2, comma 1-c bis e comma 1 ter della Legge 143/2004,

Dettagli

Anno accademico 2013/2014

Anno accademico 2013/2014 Anno accademico 2013/2014 Procedure e termini per iscrizioni, immatricolazioni, passaggi, trasferimenti e ricongiunzioni delle carriere di studenti dei corsi di laurea e laurea magistrale (Delibera del

Dettagli

TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO

TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO 2. TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO Il Tirocinio Formativo Attivo (TFA) è un corso abilitante all insegnamento istituito dalle università. Esso ha durata annuale e attribuisce, tramite un esame finale sostenuto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA E MEDICINA VETERINARIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE PER L ALIMENTAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA E MEDICINA VETERINARIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE PER L ALIMENTAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA E MEDICINA VETERINARIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE PER L ALIMENTAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

Art.2 - Domanda di ammissione -

Art.2 - Domanda di ammissione - Avviso ammissione Master - Anno accademico 2013/2014 Art.1 Ammissione - Per l'anno accademico 2013/2014 è indetta la procedura per l ammissione al master. La scheda, contenente gli elementi utili per l

Dettagli

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 Art. 1 Attivazione Presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali per l A.A. 2014/2015 è attivato, in conformità a quanto

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

I test di valutazione/ammissione ai corsi triennali e a ciclo unico dell Ateneo di Cagliari A.A. 2009/2010

I test di valutazione/ammissione ai corsi triennali e a ciclo unico dell Ateneo di Cagliari A.A. 2009/2010 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per la Didattica e le Attività Post Lauream SENATO DEL 28/09/2009 I test di valutazione/ammissione ai corsi triennali e a ciclo unico dell Ateneo di Cagliari

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2011/2012 IL RETTORE. la legge 29.12.2000 n. 401 (norme sull organizzazione e sul personale del settore sanitario);

ANNO ACCADEMICO 2011/2012 IL RETTORE. la legge 29.12.2000 n. 401 (norme sull organizzazione e sul personale del settore sanitario); BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL PRIMO ANNO DELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELL AREA SANITARIA (non medici) ADEGUATE AL D.M. N. 176 DEL 1.8.2005 ANNO ACCADEMICO 2011/2012 IL RETTORE VISTO D.P.R.

Dettagli

ALLEGATO B PROGRAMMA ERASMUS+ - SMS MOBILITÁ PER STUDIO Anno Accademico 2016/2017 CRITERI DI SELEZIONE

ALLEGATO B PROGRAMMA ERASMUS+ - SMS MOBILITÁ PER STUDIO Anno Accademico 2016/2017 CRITERI DI SELEZIONE ALLEGATO B PROGRAMMA ERASMUS+ - SMS MOBILITÁ PER STUDIO Anno Accademico 2016/2017 CRITERI DI SELEZIONE Indice Dipartimento di Antichistica, Lingue, Educazione, Filosofia A.L.E.F.... 2 Dipartimento di Bioscienze...

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015

CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015 CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2014 (mercoledì). Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2014 (mercoledì). Nel rispetto delle scadenze

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari D i s c i p l i n a C o r s i d i l a u r e a m a g i s t r a l i Art. 1 1. Il presente decreto definisce, ai sensi dell'articolo 4 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270, le classi dei corsi

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE DEI LAUREATI NON MEDICI ALLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA A

BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE DEI LAUREATI NON MEDICI ALLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA A All. A BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE DEI LAUREATI NON MEDICI ALLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE - SEDE DI ROMA È

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016 Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale Anno accademico 2015/2016 Delibera Senato Accademico n. 122 del 24 giugno 2015 Procedure e termini relativi

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi Documento contenente le linee guida per l attivazione dei Corsi di studio delle professioni sanitarie (DM 8 gennaio 2009 e DI 19 febbraio 2009) a partire dall offerta formativa dell a.a. 2011-2012 In attesa

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Biologia Agro-alimentare e della Nutrizione Facoltà di Scienze mm. ff. nn Classe 6/S delle Lauree Specialistiche in Biologia Art. 1 Definizioni

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Regolamento per il conferimento di Borse e Premi di studio nel campo della formazione con esclusione dei progetti comunitari o di internazionalizzazione Senato Accademico

Dettagli

BANDO DI AMMISSIONE MASTER di I e II livello CORSI di AGGIORNAMENTO, PERFEZIONAMENTO e FORMAZIONE PROFESSIONALE a.a. 2013/2014

BANDO DI AMMISSIONE MASTER di I e II livello CORSI di AGGIORNAMENTO, PERFEZIONAMENTO e FORMAZIONE PROFESSIONALE a.a. 2013/2014 BANDO DI AMMISSIONE MASTER di I e II livello CORSI di AGGIORNAMENTO, PERFEZIONAMENTO e FORMAZIONE PROFESSIONALE a.a. 2013/2014 L Università degli Studi di Teramo, in convenzione con la Fondazione Università

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2015. Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2015. Per motivi di organizzazione ed efficacia della didattica,

Dettagli

Decreto n. 65468 (997) Anno 2011. Il Rettore

Decreto n. 65468 (997) Anno 2011. Il Rettore Area dei Servizi alla Didattica e alla Ricerca Ufficio Convenzioni e Rapporti con le Istituzioni e con il Territorio Il Rettore Decreto n. 65468 (997) Anno 2011 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Prot. n 10549 del 19/05/2014 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA IL PRESIDENTE il vigente Statuto di questo Ateneo; VISTA la Legge del 30 dicembre 2010, n. 240, in particolare

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico (14 dicembre 2010) Art. 1 - Autonomia didattica 1. Il presente regolamento, conformemente a quanto previsto dallo Statuto

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2010/2011 IL RETTORE. la legge 29.12.2000 n. 401 (norme sull organizzazione e sul personale del settore sanitario);

ANNO ACCADEMICO 2010/2011 IL RETTORE. la legge 29.12.2000 n. 401 (norme sull organizzazione e sul personale del settore sanitario); BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL PRIMO ANNO DELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELL AREA SANITARIA (non medici) ADEGUATE AL D.M. N. 176 DEL 1.8.2005 ANNO ACCADEMICO 2010/2011 IL RETTORE VISTO D.P.R.

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni;; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

Art. 1 Posti disponibili

Art. 1 Posti disponibili REGOLAMENTO PER IL TRASFERIMENTO DAL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN MEDICINA E CHIRURGIA E IN ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA E DAL CORSO DI LAUREA IN IGIENE DENTALE, DI ALTRO ATENEO ALLO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina, nel rispetto di quanto disposto dallo Statuto e dal

Dettagli

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c;

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; U.S.R. Decreto n. 1226 IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA RITENUTO il Decreto del M.I.U.R. 22 ottobre 2004, n. 270, ed in

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DIDATTICA ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI LAUREA, LAUREA MAGISTRALE E DI SPECIALIZZAZIONE Capo I

Dettagli

ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE

ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO DI ATENEO A STUDENTI ISCRITTI AI CORSI DI LAUREA, LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO E LAUREA MAGISTRALE ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE Visto il Decreto

Dettagli

REGOLAMENTO TRASFERIMENTI DA ALTRI ATENEI AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA

REGOLAMENTO TRASFERIMENTI DA ALTRI ATENEI AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO TRASFERIMENTI DA ALTRI ATENEI AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA Approvato dal Consiglio di corso di laurea in Medicina e Chirurgia nella seduta del 20/07/2015 Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

Presa visione del Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di

Presa visione del Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI D INSEGNAMENTO DELLE DISCIPLINE DEI CORSI DI LAUREA PER L ANNO ACCADEMICO 2013-2014

Dettagli

Scienza dell Alimentazione

Scienza dell Alimentazione Università degli Studi di Palermo Titolo VI Classe 4 Fascicolo n 38101 del 17/05/2012 UOR formav CC RPA Lo Presti Decreto n 2052/2012 IL RETTORE VISTA VISTA il D.P.R. 10 Marzo 1982, n. 162, concernente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO SENATO ACCADEMICO SEDUTA DEL 31 MAGGIO 2011 OMISSIS N. 10 - Modalità attuative delle delibere 18 gennaio 2011 e 5 Aprile 2011 inerenti la "Decadenza dallo status di studente":passaggi ai percorsi formativi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA Art. 1 (Finalità) 1 Emanato con D.D. n. 630 del 27/09/2011; modificato con D.R. n. 214 del 07/05/2014. 1. Il

Dettagli

- Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche

- Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche - Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche MANIFESTO DEGLI STUDI - Anno Accademico 2015/2016 Valido per gli studenti immatricolati nell a.a. 2015/2016 Corso di Laurea in SCIENZE

Dettagli

Dottorato di ricerca e Scuole di Dottorato in Italia Legge 3-7-1998 n 210 Decreto 30 aprile 1999, n 224 Regolamento in materia di dottorato di ricerca

Dottorato di ricerca e Scuole di Dottorato in Italia Legge 3-7-1998 n 210 Decreto 30 aprile 1999, n 224 Regolamento in materia di dottorato di ricerca Dottorato di ricerca e Scuole di Dottorato in Italia Legge 3-7-1998 n 210 Decreto 30 aprile 1999, n 224 Regolamento in materia di dottorato di ricerca La formazione del dottore di ricerca, comprensiva

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 Il Rettore Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento Didattico

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SCIENZE GIURIDICHE, POLITICHE ED ECONOMICO-SOCIALI Art. 1 Definizione e attribuzioni Art. 2 Compiti della Scuola Art. 3 Organi della Scuola Art. 4 Compiti del Consiglio della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Segreterie Studenti Avviso di selezione per l assegnazione di contratti per attività di tutorato (tutor junior) presso le Facoltà dell

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 10.05.2013 n. 300/5609

Dettagli

Scuola di Agraria e Medicina veterinaria

Scuola di Agraria e Medicina veterinaria Scuola di Agraria e Medicina veterinaria Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Medicina Veterinaria Parte Normativa Sito web del corso di studio: http://corsi.unibo.it/magistralecu/medicinaveterinaria/pagine/default.aspx

Dettagli

* * * - Corso di Laurea magistrale in Scienze Pedagogiche I e II anno ex D.M. 270/04; ex D.M. 270/04; II anno ex D.M. 270/04;

* * * - Corso di Laurea magistrale in Scienze Pedagogiche I e II anno ex D.M. 270/04; ex D.M. 270/04; II anno ex D.M. 270/04; UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA *** 1. OFFERTA FORMATIVA 2014/2015 Nell anno accademico 2014/2015 sono attivati, presso il Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Allegato al D.R. n. 172 del 23.12.2011 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione nelle rispettive sedute del

Dettagli

Sezione 17 - ALTRE CONTRIBUZIONI UNIVERSITARIE

Sezione 17 - ALTRE CONTRIBUZIONI UNIVERSITARIE Sezione 17 - ALTRE CONTRIBUZIONI UNIVERSITARIE STUDENTI CHE SI LAUREANO IN MENO ANNI In base all art. 10 del Regolamento studenti dell Università di Ferrara, lo studente può laurearsi anche in meno tempo

Dettagli

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari. Art.1

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari. Art.1 D i s c i p l i n a d e l l e c l a s s i d i l a u r e a t r i e n n a l i Art.1 1. Il presente decreto definisce, ai sensi dell'articolo 4 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270, le classi

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4. REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.2015) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le procedure

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI PROFESSORI STRAORDINARI E DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 12 DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. 230 E DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Ingegneria meccanica afferisce

Dettagli

Facoltà di Farmacia e Medicina Facoltà di Medicina e Odontoiatria Facoltà di Medicina e Psicologia ANNO ACCADEMICO 2015-2016

Facoltà di Farmacia e Medicina Facoltà di Medicina e Odontoiatria Facoltà di Medicina e Psicologia ANNO ACCADEMICO 2015-2016 Facoltà di Farmacia e Medicina Facoltà di Medicina e Odontoiatria Facoltà di Medicina e Psicologia ANNO ACCADEMICO 2015-2016 AVVISO PER POSTI LIBERI SU ANNI SUCCESSIVI AL PRIMO DEI CORSI DI LAUREA MAGISTRALE

Dettagli

Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento presso l Università degli Studi di Siena Art. 1 - Definizioni - per corsi di studio

Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento presso l Università degli Studi di Siena Art. 1 - Definizioni - per corsi di studio Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento presso l Università degli Studi di Siena (Emanato con D.R. n. 1529 del 17.10.2012, pubblicato all Albo on line di Ateneo in data 18.10.2012

Dettagli

Bando per l ammissione al corso di laurea magistrale in Biotecnologie Cellulari e Molecolari. Anno accademico 2016/2017

Bando per l ammissione al corso di laurea magistrale in Biotecnologie Cellulari e Molecolari. Anno accademico 2016/2017 Bando per l ammissione al corso di laurea magistrale in Biotecnologie Cellulari e Molecolari Classe di laurea LM-9 Biotecnologie Mediche, Veterinarie e Farmaceutiche Anno accademico 2016/2017 Scadenze

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO GIORNATE DI ORIENTAMENTO dal 22 al 26 febbraio 2016 presso il Campus Luigi Einaudi (CLE) in Lungo Dora Siena, 100/A Torino Lunedì 22 febbraio Martedì 23 febbraio Mercoledì

Dettagli

TRASFERIMENTI DA ALTRI ATENEI A.A. 2015/16 NORME DI CARATTERE GENERALE

TRASFERIMENTI DA ALTRI ATENEI A.A. 2015/16 NORME DI CARATTERE GENERALE TRASFERIMENTI DA ALTRI ATENEI A.A. 2015/16 NORME DI CARATTERE GENERALE Per i trasferimenti ad anni successivi al primo a corsi di studio a numero programmato NAZIONALE o LOCALE è necessario che l interessato

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Allegato 1-bis Requisiti minimi - docenza di ruolo I requisiti minimi di docenza di ruolo sono stabiliti in relazione ai criteri, appresso indicati, sulla base dei documenti del Comitato doc. 17/01, doc.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Prot. n 23091 del 02/07/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE MARIO ARESU IL DIRETTORE il vigente Statuto di questo Ateneo; VISTA la Legge del 30 dicembre 2010, n. 240,

Dettagli

COORDINAMENTO GENERALE SEGRETERIE STUDENTI 2.5) DETERMINAZIONE DELLE TASSE E DEI CONTRIBUTI UNIVERSITARI PER L ANNO ACCADEMICO 2015/2016 INVITA

COORDINAMENTO GENERALE SEGRETERIE STUDENTI 2.5) DETERMINAZIONE DELLE TASSE E DEI CONTRIBUTI UNIVERSITARI PER L ANNO ACCADEMICO 2015/2016 INVITA COORDINAMENTO GENERALE SEGRETERIE STUDENTI 2.5) DETERMINAZIONE DELLE TASSE E DEI CONTRIBUTI UNIVERSITARI PER L ANNO ACCADEMICO 2015/2016.OMISSIS. INVITA il Rettore e l Amministrazione a verificare la possibilità

Dettagli

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato Art. 1 Modalità assunzione personale docente 1. L assunzione del personale docente a

Dettagli

8481 - IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (L)

8481 - IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (L) Page 1 of 5 Facoltà: Corso: Ordinamento: DM270 MEDICINA E CHIRURGIA 8481 - IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (L) Titolo: IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE. (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01.

REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE. (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01. REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01.2015) Articolo 1 Ambito del Regolamento 1. In attuazione dell articolo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA SEDE DI MODENA (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA PIAZZA DELL ATENEO NUOVO, 1 20126 - MILANO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA PIAZZA DELL ATENEO NUOVO, 1 20126 - MILANO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA PIAZZA DELL ATENEO NUOVO, 06 - MILANO VALUTAZIONE DELLA CARRIERA PREGRESSA AI FINI DEL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA IN TERAPIA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITÀ DELL ETÀ

Dettagli

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Manifesto annuale degli studi ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Offerta formativa Il Corso di Laurea in Ottica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE. Art. 1. (Ambito di applicazione)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE. Art. 1. (Ambito di applicazione) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente Regolamento disciplina le finalità, l organizzazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia)

Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia) 1 Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia) Art 1. Denominazione È istituito presso l Università di Firenze il Corso di Laurea

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Vice Presidenza di Bologna

Alma Mater Studiorum Università di Bologna Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Vice Presidenza di Bologna Decreto rep. n. 73/2015 Prot. n. 929 Alma Mater Studiorum Università di Bologna Allegato A IL VICEPRESIDENTE VISTO l art. 23 co. 2 della L. 240/2010; VISTO il Decreto Rettorale n 418/2011 Regolamento di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Emanato con decreto rettorale n. 9 del 12 novembre 2013 N.B. - Sostituisce

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

unità di studenti N. Dipartimento tipologia di attività modulo di ore Totale

unità di studenti N. Dipartimento tipologia di attività modulo di ore Totale Bando di selezione per titoli concernente l'affidamento a studenti di forme di collaborazione ad attività universitarie ex art. 13 L. 390/91, formulato ai sensi del vigente Regolamento in materia ART.

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 27 giugno 2012 SENATO ACCADEMICO 17 luglio 2012 DECRETO RETTORALE DI EMANAZIONE:

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 27 giugno 2012 SENATO ACCADEMICO 17 luglio 2012 DECRETO RETTORALE DI EMANAZIONE: Università degli Studi di Ferrara REGOLAMENTO DIDATTICO DI MEDICINA E CHIRURGIA E DEI CORSI DI STUDIO AFFERENTI Regolamento per i corsi di studio attivi in base al D.M. 270/04 ANNO ACCADEMICO 2012-2013

Dettagli

DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI

DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI Ufficio Dottorati di Ricerca e Scuole di Specializzazione AT/fm Decreto del Rettore Repertorio n. 354-2006 Prot. n. 18687 del 26.07.2006 Tit. III cl. 2 Oggetto: Istituzione

Dettagli

Banca dati dell offerta e verifica del possesso dei requisiti minimi

Banca dati dell offerta e verifica del possesso dei requisiti minimi Dal sito del Ministero dell'istruzione, Universita' e Ricerca Decreto Ministeriale 27 gennaio 2005 prot. n. 15/2005 Banca dati dell offerta e verifica del possesso dei requisiti minimi VISTO il decreto

Dettagli

Bando per il Master Universitario di II livello in Nutrizione, Nutraceutica e Dietetica Applicata

Bando per il Master Universitario di II livello in Nutrizione, Nutraceutica e Dietetica Applicata Bando per il Master Universitario di II livello in Nutrizione, Nutraceutica e Dietetica Applicata Anno accademico 2013/2014 L Università degli Studi di Camerino, VISTO lo Statuto di Ateneo, emanato con

Dettagli

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O Rep. n. 2012 Prot. n. 24679 Data 30 aprile 2015 Titolo I Classe 3 UOR AG P O L I T E C N I C O D I M I L A N O I L R E T T O R E VISTO il D.P.R. 11.07.1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria,

Dettagli

BANDO DI AMMISSIONE CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO PER MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN. Tecnologie Farmaceutiche ed Attività Regolatorie

BANDO DI AMMISSIONE CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO PER MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN. Tecnologie Farmaceutiche ed Attività Regolatorie BANDO DI AMMISSIONE CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO PER MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN Tecnologie Farmaceutiche ed Attività Regolatorie Istituito ai sensi del D.M. 22/10/2004 n. 270, realizzato

Dettagli

TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (AB. ALLA PROF. SANITARIA DI TECNICO DELLA PREV. NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO)

TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (AB. ALLA PROF. SANITARIA DI TECNICO DELLA PREV. NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO) Page 1 of 5 Facoltà: Corso: Ordinamento: DM270 MEDICINA E CHIRURGIA 8487 - TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DELLA PREVENZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Regolamento Didattico di Ateneo e Certificazione dell Offerta Formativa DECRETO Rep. n.... - Prot. n.... Anno... Tit.... Cl.... Fasc....

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 163651 (1611) Anno 2015

Il Rettore. Decreto n. 163651 (1611) Anno 2015 Il Rettore Decreto n. 163651 (1611) Anno 2015 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 417 del 24 marzo 2015) INDICE Pag. Art. 1 Oggetto 2 Art. 2 Caratteristiche dei corsi 2 Art. 3 Istituzione - attivazione - rinnovo 2 Art.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Amministrazione centrale Area uffici didattica Settore master DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Amministrazione centrale Area uffici didattica Settore master DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Amministrazione centrale Area uffici didattica Settore master Rep. n. 189-013 - Prot. n. 31 del 19/09/013 Allegati / Anno 013 tit. III cl. 5 fasc.9 DIPARTIMENTO DI SCIENZE

Dettagli

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Page 1 of 5 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Testo: LAUREA MAGISTRALE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Relazioni internazionali

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: DAMS - DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO Testo: LAUREA IN DAMS Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo CLASSE L- 3 REGOLAMENTO

Dettagli