Il cuore verde. africa DESCRIZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il cuore verde. africa DESCRIZIONE"

Transcript

1 africa Il cuore verde Boog ed Elliot non credono ai loro occhi, lo spettacolo che hanno di fronte e meraviglioso. Alberi giganteschi sostengono il cielo, grandi uccelli azzurri volteggiano sbattendo le ali (Flap-flap-flap!). I due amici si inoltrano nella foresta alla ricerca del loro amico elefante. "Ma non ci saranno pericolosissime tigri?" Domanda Boog preoccupato. "Ma no, intanto la tigre e amica nostra. E poi la incontreremo in Asia, mica vive in Africa". "Pero il leone si che vive in Africa. L'ho visto nei film di Tarzan!" "e vero, ma si sono sbagliati. Infatti, il leone vive nella savana, in questa foresta non si e mai visto. Invece, chi vedremo, e molto presto, e il nostro amico elefante di foresta!" 1 DESCRIZIONE

2 AFRICA DESCRIZIONE 1 La Foresta Africana, si estende attraverso il Camerun, Repubblica Centroafricana, Congo Brazzaville, Repubblica Democratica del Congo,Guinea Equatoriale e Gabon. La sua estensione è seconda solo alla Foresta pluviale Amazzonica ed è la regione più ricca di specie di tutta l'africa. La foresta africana del Bacino del Congo è meravigliosamente ricca.. ospita oltre 1000 Specie di uccelli e 400 Specie di mammiferi, molti dei quali non si trovano in nessun altro luogo del pianeta. Queste foreste sono particolarmente fitte e ricche di specie vegetali proprie di regioni a clima caldo con piogge abbondanti in tutte le stagioni. Queste regioni forestali forniscono una gran quantità d'ossigeno. Il massiccio disboscamento a cui sono sottoposte le foreste pluviali provoca quindi conseguenze molto gravi non solo per le popolazioni locali, ma anche per l'intera umanità, perché si riduce un vero e proprio "polmone della Terra. al cinema dal 7 dicembre 2006 COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

3 africa L'elefante di foresta "E infatti eccolo, e la!!" Nel mezzo di una radura circondata da alberi altissimi, il nostro amico elefante sta avvisando i suoi compagni del pericolo imminente. Sapevo che li avrei trovati tutti qui! -spiega Boog ad Elliot- infatti noi elefanti andiamo pazzi per l'acqua salata di queste pozze. La verdura che mangiamo e senza sale, lo sapete, e quindi integriamo i sali in questo modo. Guarda la quella e la zia Trudy, che bello ha un cucciolo! L'ultima volta che l'ho vista e stato 5 anni fa. Noi elefanti viaggiamo tutto il tempo, ma poi torniamo sulle stesse strade. Abbiamo proprio una memoria da elefanti!! He he he! 2 ANIMALI

4 AFRICA ANIMALI 2 L'Elefante di foresta (Loxodonta africana cyclotis) vive nelle foreste pluviali dell'africa. È una sottospecie più piccola dell'elefante africano (Loxodonta africana africana) che vive nell'africa occidentale e centrale. È più piccolino, perchè deve muoversi in mezzo agli alberi (se fosse grosso grosso non ci passerebbe). Questo animale ha enormi orecchi che oltre ad assicurargli un udito molto fine sono anche utili per la dispersione di calore. La struttura fisica presenta diverse differenze con il parente asiatico. Le dimensioni sono più piccole, le orecchie di forma rotonda e la proboscide presenta due dita, le quali odorano, tastano tirano via foglie ed erba. Le zanne che sono gli incisivi superiori allungati, sono molto grandi e nei maschi superano il metro e mezzo di lunghezza. Il suo nome scientifico "Loxodonta" significa in greco "dente obliquo" e si riferisce proprio a queste poderose appendici. Gli elefanti nutrono un sentimento molto forte per la famiglia. Essi osservano con simpatia i piccoli che con agili movimenti si danno la caccia, si azzuffano e sgambettano. Gli elefanti appena nati inclinano la proboscide lateralmente per succhiare con le labbra il latte della mamma. Da quando è stato proibito il commercio delle sue zanne per ricavarne l'avorio, la maggiore minaccia per elefante viene dalla distruzione delle foreste che abita. La caccia rappresenta un pericolo, favorita dall'apertura di strade nel cuore della foresta, costruite per portare via i tronchi, utilizzate anche da bande organizzate di bracconieri, che possono così raggiungere rapidamente anche aree remote. Nella Foresta Africana vivono anche tanti altri animali. Tra cui i nostri quattro più vicini parenti del regno animale:i grandi primati. Delle cinque specie di grandi Scimmie, solo l'homo Sapiens cioè noi -non rischia l'estinzione. Tre delle altre - il Gorilla, lo Scimpanze e il Bonobo, dipendono dalle foreste pluviali africane (resta l'orango, delle foreste asiatiche). Altri animali della foresta sono l'okapi animale di medie dimensioni che assomiglia alla giraffa per le strisce bianche orizzontali sulle zampe nere. La loro lingua è talmente lunga che è l'unico mammifero in grado di leccare le proprie orecchie COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

5 africa I "Pigmei" Ah! Che caldo, che sete ci vorrebbe un po' di frutta fresca! Vuoi una banana? L'ho raccolta proprio ora dall'albero. Mmmh buona ma la senti anche tu questa voce? La dietro quel grande albero, c'e qualcuno che parla Improvvisamente di fronte a loro compare una figura minuta, un bambino con la pelle color cappuccino. "Che ci fa tutto solo nella foresta? Si e perso? Allora dobbiamo aiutarlo No, non ti preoccupare: e un ragazzo Pigmeo - spiega l'elefante - abita nella foresta e ne custodisce ogni segreto da generazioni e generazioni. Come farebbe a perdersi?" "Ciao, io mi chiamo Elliot, e questo e il mio amico Boog. Che ne dici di fare amicizia? 3 POPOLI

6 AFRICA POPOLI 3 Circa 12 milioni di persone abitano le foreste africane, tra cui i Pigmei, per i quali la foresta è dimora, cibo, medicina, oltre che cultura e vita spirituale. Sono molto probabilmente la popolazione più antica che abiti le foreste equatoriali e tropicali africane. Le popolazioni Pigmee sono distribuite lungo tutta la zona tropicoequatoriale di questi stati: Camerun, Repubblica Centro-Africana, Gabon, Repubblica del Congo (capitale: Brazzaville), Repubblica Democratica del Congo (ex Zaire, capitale: Kinshasa), EST Uganda e EST Ruanda (regione del massiccio del Ruwenzori e dei vulcani che delimitano il confine tra Uganda e Ruanda e la Repubblica Democratica del Congo). Alcune popolazioni Pigmee sono: BAKA (Camerun), BABINGA (Gabon), BAMBUTI-BASHWA-BAEFE, BAPOO, BALESE (Repubblica Democratica del Congo), BATWA (Uganda e Ruanda), Il nome di Pigmeo deriva dalla parola greca "pygmâios" = alto un cubito, cioè piccolo. Infatti gli uomini sono alti in media 140cm e le donne 130cm. Vivono in villaggi di capanne, mentre nella stagione della caccia migrano per alcuni mesi, costruendo degli accampamenti fatti di piccoli igloo di foglie e rami. Ogni villaggio è composto di capanne. In ogni capanna vive una famiglia composta in media da: papà, mamma e almeno 4 figli. Vi sono anche capanne adibite a diversi usi: tribunali, scuola, incontri per racconti popolari e talvolta anche per ospiti di passaggio. Le capanne sono costruite con rami o alberelli e con specie d'alberi resistenti alle termiti. All'interno delle capanne non è presente nessun mobile e il letto si riduce a due grandi foglie di banano a terra. I vestiti sono appesi alle liane tese tra i pali dei muri. Si procurano il cibo direttamente dalla foresta attraverso la caccia, la pesca e la raccolta dei prodotti spontanei. Dalla foresta i Pigmei traggono tutto ciò che è necessario per soddisfare i propri bisogni quotidiani. Lo strumento di caccia che utilizzano è l'arco con frecce di legno imbevute di veleno vegetale. I frutti sono raccolti quotidianamente dalle donne, uomini e bambini. Si raccolgono funghi, radici, erbe e frutti selvatici, piccoli animali e insetti commestibili. La giornata ha inizio al canto del gallo verso le 5:30 del mattino. Il primo a svegliarsi è il capo villaggio che accende il fuoco da una brace al centro del villaggio. Una volta che tutti si sono alzati mangiano il pasto rimasto della sera precedente e la giornata ha inizio. Le donne alla ricerca di frutta nella foresta, gli uomini a caccia o pesca, altri con il capo e altri ancora rimangono al villaggio a rammendare le reti di caccia o a confezionare archi frecce o lance. Di tanto in tanto mangiucchiano una banana,o una radice di manioca arrostita, ma il vero pranzo è alla sera, tra le 18:00 e le 19:00. Dopo cena le donne si preparano per le danze dipingendosi il viso con il succo della frutta, mentre gli uomini occupano il tempo libero con il gioco del pallone insieme a bambini e ragazzi. Alla sera dopo aver mangiato, passano il tempo insieme intorno al fuoco COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

7 africa La vegetazione Mamma mia che caldo sembra di stare dentro una serra.. "Macche serra, pare una sauna. Sono tutto sudato. E poi ad ogni passo bisogna scavalcare un tronco una liana o un cespuglio. Non ce la faccio proprio piu!" "Pero, quando si dice foresta millenaria Questa foresta invece ha milioni di anni. Milioni di anni Riesci a immaginartelo? I resti dei primi uomini (Australopiteco, si chiamava) sono stati trovati proprio in Africa. Non qui, ma in Etiopia. Anche li milioni di anni fa un tempo era pieno di foreste, poi quella regione e diventata secca, e quei primi uomini hanno dovuto adattarsi alla savana, e sono diventati nomadi. Alla fine, cammina cammina, hanno colonizzato tutto il mondo." "Si, e a momenti non colonizzavano anche la nostra foresta Li abbiamo cacciati via giusto in tempo!" 4 APPROFONDIMENTO

8 AFRICA APPROFONDIMENTO 4 Nella foresta africana prosperano alberi giganti fornitori di preziosi legni come ad esempio il sapelli ed il mogano africano (Meliacee). Altre forme vegetali proprio delle foreste sono le epifite. Le liane si sviluppano enormemente in altezza avvolgendo gli alberi e svolgendo in tal modo un importante azione nel sostenerli che avendo radici molto corte sfruttano le liane come ancore. Queste foreste tropicali sono ecosistemi organizzati in strutture stratificate. Il gradiente luminoso che si sviluppa in questa struttura consente la formazione di numerose nicchie ecologiche occupati da differenti gruppi faunistici. Glossario BIODIVERSITÀ L'insieme delle forme di vita sulla Terra, di tutte le specie animali e vegetali. ECOSISTEMA Sistema costituito da una comunità e dall'ambiente circostante con cui si vengono a creare delle interazioni. EPIFITA Piante autotrofe che vivono su un altra pianta, non come parassita ma condividendo uno spazio insieme. GRADIENTE LUMINOSO Variazione della luminosità percepibile lungo una verticale immaginaria dall' alto verso il basso. NICCHIA ECOLOGICA Indica il posto che una specie occupa in un ecosistema determinato dalle condizioni che gli permettono di vivere COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

9 africa I predatori della foresta Le ruspe corrono come impazzite nella foresta buttando giu alberi e terrorizzando tutti gli animali col loro frastuono. Boog ed Elliot si guardano intorno esterrefatti. Ovunque alberi abbattuti, piante morte mentre bande di cacciatori perlustrano la foresta a caccia del loro amico elefante. Nasconditi bene -si raccomandano- Intanto noi cerchiamo di contattare i nostri amici nelle scuole per ottenere aiuto. Ci servono rinforzi!! 5 DENUNCIA

10 AFRICA DENUNCIA 5 Le foreste dell'africa Occidentale Nigeria, Ghana e Costa d'avorio sono state quasi interamente distrutte. Gran parte delle ricche foreste millenarie, che ospitavano l'elefante e i grandi primati, sono perdute per sempre e il futuro di questi animali è incerto. Negli ultimi 30 anni l'africa ha perso due terzi delle proprie foreste tropicali e le foreste millenarie sono ora ridotte all'8% della superficie originaria. La minaccia più grave della foresta tropicale in Africa è il taglio illegale o distruttivo degli alberi. L' industria del legno non riesce a gestire le proprie foreste in modo responsabile. Spesso sono costruite intere strade nel cuore della vegetazione su cui scorazzano buldozzer che portano via i tronchi, o le compagnie del legno attuano un taglio selettivo solo su alcuni alberi: Moabi, Afrormosia, Bubinga, Ayous e Wengè, questi sono ricercati con tanta intensità da correre il rischio d'estinzione. Questo processo è alimentato dalla richiesta sempre più insistente che arriva da Italia, Francia, Spagna e Portogallo. L' Italia in particolare compra legno africano, che trasforma in mobili che successivamente esporta all'estero. L'aspetto più preoccupante è che la distruzione delle foreste nei paesi più poveri aumenta i problemi economici e non aiuta il paese a svilupparsi. I guadagni, infatti, vanno alle aziende multinazionali e agli amministratori corrotti, mentre la foresta muore, con le sue risorse necessarie alla gente del posto. Molti alberi forniscono anche oli, frutti o principi attivi, questi prodotti superano notevolmente il valore del legname: per esempio, in una decina d'anni, un albero di moabi fornisce prezioso olio per un valore più alto di tutto il legno che può fornire una volta abbattuto. In alcuni casi l'industria del legno, è direttamente legata alla guerra. Come accade per il petrolio, i diamanti, l'oro e l'uranio, spesso le ricchezze naturali si rivelano una minaccia per le popolazioni locali, in quanto attirano spietati eserciti desiderosi di appropriarsene. Il legno è scambiato con i carichi d armi trasportati dagli stessi mezzi dei mercanti di legno. Le compagnie del legno, si rendono complici delle guerre e del traffico d'armi senza curarsi delle conseguenze. Dobbiamo fare qualcosa! Glossario TAGLIO ILLEGALE Il taglio illegale è così chiamato quando il legname è estratto, trasportato, acquistato o venduto in violazione alle leggi nazionali. È illegale: usare la corruzione per ottenere l'accesso alla foresta, recidere gli alberi in aree protette, rimuovere specie d alberi in via d'estinzione senza avere un permesso per poterlo fare, estrarre quantità di legno in eccesso rispetto ai limiti consentiti COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

11 africa Proteggere queste foreste "Non posso giocare con voi ora, mi dispiace davvero" dice il bambino pigmeo. "Devo subito avvertire la mia gente che stanno arrivando le ruspe. Dovremo trovare un'altra casa, un'altra foresta intatta, se ce n'e ancora" "No, non puo andare a finire cosi. Non possiamo sempre subire. Dobbiamo fermare la distruzione". "Eh, mica e facile amici miei Quel legno e molto richiesto in tanti paesi lontani, come l'italia, la Cina, la Francia, la Malesia Sono tutti paese che consumano tantissimo legname per produrre mobili e lasciano noi senza casa!" "No, non ci possiamo rassegnare! Avanti Elliot, all'attacco! Dobbiamo difendere la foresta!""si, si, d'accordo, sono pronto. Ma prima di partire all'attacco, dobbiamo pensare alle soluzioni". "Le soluzioni? Uhm non ci avevo pensato. Mi sa che dobbiamo chiedere un consiglio ai nostri amici di Greenpeace.." 6 SOLUZIONI

12 AFRICA SOLUZIONI 6 Greenpeace si batte per fermare l'avanzata delle ruspe e sta da anni investigando per denunciare gli abusi illegali della foresta. L'obiettivo? Nessuna occupazione di foreste primarie! Le foreste primarie sono troppo ricche per metterle a rischio. Per questo e necessario adottare il "Principio Precauzionale" che significa fermare l'espansione del taglio industriale su nuove aree di foresta primaria. le operazioni forestali gia attive devono essere controllate per eliminare davvero gli abusi e i comportamenti illegali. I controlli devono essere rafforzate e le istituzioni aiutate a svolgere il loro compito. Ma questo non basta: le imprese del legno devono impegnarsi a rispettare la foresta e le comunita che la abitano, innanzitutto certificandosi FSC. servono nuove aree protette, dove gli animali possano vivere in pace, e i popoli della foresta come i "Pigmei" possano continuare a condurre il proprio stile di vita, senza paura. Soprattutto nella Repubblica Democratica del Congo, dove vaste aree di foresta primaria sono ancora intatte, e necessario fermare l'espansione dell'industria e sperimentare soluzioni diverse, creando una rete di aree protette, riserve indigene, piccole aree di foresta gestite dalla gente del posto, aree riservate alla raccolta di prodotti alternativi al legno (noci, olii, piante medicinali) e aree dedicate all'ecoturismo che permette di vedere le bellezze naturali senza distruggerle. Glossario PRINCIPIO PRECAUZIONALE Significa che si deve evitare qualsiasi attività che possa danneggiare in modo serio l'ambiente, la salute o la sicurezza. Non è necessario avere le prove degli effetti dannosi di un'attività (un impianto industriale, un'installazione o altro), al contrario, è necessario provare scientificamente che quest'attività non rappresenti nessun rischio. Nel dubbio è meglio non correre rischi. Per esempio, nessuno scienziato 30 anni fa era in grado di provare scientificamente che la distruzione delle foreste avrebbe avuto gravi impatti sul clima del pianeta.oggi sappiamo che è così, ma nel frattempo un grave danno si è già verificato, se allora fosse stato adottato il principio precauzionale, oggi forse avremmo evitato tanti disastri e catastrofi naturali legate al cambiamento climatico. Questo principio è stato riconosciuto dal vertice dei Capi di Stato di tutto il mondo (adottato alla Conferenza delle Nazioni Unite su ambiente e sviluppo di Rio de Janeiro nel 1992) e dovrebbe regolare l'azione dei governi. "Al fine di proteggere l'ambiente, l'approccio precauzionale dovrebbe essere ampiamente utilizzato dagli Stati in relazione alle loro rispettive possibilità COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

13 africa Confrontiamoci obiettivo Familiarizzare con la gestione sostenibile della foresta e avviare una riflessione. eta elaboriamo Per cominciare l'insegnante può leggervi alcune definizioni di sostenibilità per analizzarne il senso del termine e ciò che richiama in ciascuno di voi. Alcune domande sorgeranno spontanee, proprio perché ognuno di voi ha interpretato, capito o forse non ancora, il significato e l'importanza d'alcuni concetti. Cercate di dare voce ad ogni dubbio, perplessità, idee quello che state facendo è un momento molto importante che vi aiuterà a consolidare le vostre conoscenze. Al termine del confronto l'insegnante vi consegnerà un foglietto di carta chiedendo di scrivere tutto ciò che vi è venuto in mente. Tutti i foglietti saranno attaccati su un unico cartellone e saranno appesi in classe o nel corridoio della scuola. Questa attività è molto importante perché vi abitua a prendere confidenza con le vostre opinioni e a renderle visibili agli altri!! Sviluppo Sostenibile: alcune definizioni:..uno sviluppo che va incontro alle necessità del presente senza compromettere la possibilità per le future generazioni di andare incontro alle loro (World Commission on the Environment and Development)..migliorare la qualità della vita umana, rimanendo all'interno della capacità di carico di un ecosistema. (Caring for the Earth) Sviluppo sostenibile è il processo di costruzione di strutture produttive eque e partecipative che siano gestite e controllate dalle comunità locali. (Interfaith Center on Corporate Responsabilità) Una comunità sostenibile: valorizza e rispetta tutti i popoli, favorisce relazioni di rispetto tra i popoli, le organizzazioni e le istituzioni, coopera per il bene comune, favorisce le opportunità di comunicazione e d'insegnamenti, prosegue uno sviluppo e non solamente una crescita economica (MACED Comunities by Choice)

14 AFRICA ELABORIAMO 7 Due giornate a confronto Confrontate tramite la tabella in basso la vostra giornata tipo e quella di un coetaneo Pigmeo. Insieme all'insegnante potrete osservare le varietà di situazioni, analizzarne i fattori in comune e prendere atto delle differenti risorse a disposizione. obiettivo Riflettere su come le azioni per soddisfare i propri bisogni cambino secondo l'ambiente circostante. eta 8-10 La mia giornata Mi alzo alle... La giornata di un ragazzo Pigmeo Mi alzo alle... Mangio... Mangio... Mi lavo... Mi lavo... Vado a scuola... Vado a scuola... Il mio gioco preferito è... Il mio gioco preferito è... In famiglia siamo... In famiglia siamo... Domande: Quali sono le differenze più evidenti che avete riscontrato nel compilare la tabella? Quali i fattori in comune? Riflettete se e come le risorse possono modificare nei diversi ambienti in cui vi trovate COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

15 africa Quanta foresta nella mia camera? Non vorrete mica dormire in un letto fatto con il legno di foresta di uno scimpanze! vero? Il risultato di questa ricerca deve essere presentato in maniera creativa. Ovviamente potete fare questo lavoro anche con tutti gli altri materiali di legno di casa vostra (tavoli, sedie) o addirittura farne un lavoro in classe con diversi gruppi di lavoro. Se scoprite che il legno utilizzato deriva dalle foreste, potete proporre al rivenditore con gentilezza ma anche con fermezza le alternative compatibili con le foreste. 4 obiettivo Scoprire da quale regione arriva il legno con cui sono fatti i mobili della camera da letto, che tipo di legno e stato utilizzato e qual e stato il percorso dall'albero al negozio. eta FORESTA IN CLASSE Disegnate in un fumetto i protagonisti del ciclo del guadagno. Multinazionali, compagnie del legno, popoli indigeni, consumatori finali Indagate con la aiuto dell'insegnante, su chi sono i produttori dei vostri mobili della vostra cameretta e chiedetegli la provenienza del legno su cui lavorano. Dopo aver ricevuto le informazioni richieste, seguendo il tracciato sul mappamondo scoprite quale viaggio ha compiuto il tronco dell''albero dal momento del taglio alla vendita in negozio. Riflettete: chi ci ha guadagnato in quest'operazione e chi invece ci ha perso? Se tu fossi un venditore di mobili quale alternativa proporresti? Spedite il disegno ai produttori del legno e chiedete garanzie che non sia utilizzato legno proveniente da queste foreste. RICORDATE! È IMPORTANTE CHE INFORMIATE TUTTI E CHE FACCIATE PUBBLICITA'DELLA VOSTRA INIZIATIVA! Aprite gli occhi. Se non riuscite a sapere dal rivenditore da dove viene il legno, fermatevi a riflettere: potrebbe provenire da qualsiasi foresta. Ma allora qualcosa non va! Vendere un prodotto senza sapere da dove arriva non garantisce nessun controllo e tutela.

16 AFRICA FORESTA 8 IN CLASSE Salviamo una foresta obiettivo Apprendere come l'ambiente di tutte le forme di vita a causa della distruzione degli alberi, si restringe sempre piu. eta Dopo che insieme all'insegnante avrete discusso del problema della distruzione delle foreste seguite questi piccoli passi: L'insegnante disegna sul suolo un cerchio di circa 6 metri di diametro con alcuni vecchi giornali che avete prima raccolto in classe e che rappresenteranno ognuno di loro un albero. Ognuno di voi sceglierà un essere vivente della foresta da interpretare e si cercherà un posto sopra il cerchio di giornali. Se non ricordate quali animali sono presenti, sfogliate il kit e trascrivetevi su un foglio una lista di nomi. Quando tutti avrete preso posto, l'insegnante ricorderà alcune cause della distruzione della foresta dell'africa Allo stesso tempo allontanerà un giornale dal cerchio. Per ogni causa sarà allontanato un foglio A mano a mano che si enumera le cause della distruzione, il cerchio di giornali si farà sempre più ristretto. Dovrete stringervi sempre di più, fino a, quando non riuscirete più a mantenervi in bilico sui giornali rimasti. 5 6 Il gioco finisce qui. Sarebbe utile discutere in cerchio sulle sensazioni che avete provato, mentre i fogli venivano tolti da sotto i piedi e porvi alcune domande: Come sarebbe per me se le piante scomparissero dalla foresta? Quali animali potrebbero sopravvivere ancora nella foresta rappresentata dai pochi giornali rimasti? Quante possibilità di sopravvivenza hanno gli animali nel lungo periodo? Potreste proporre questo gioco ad altri amici dopo avergli spiegato le conseguenze del taglio illegale in Africa COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

17 africa Aiutaci a salvare la foresta! La cartolina obiettivo eta Dare voce alle proprie opinioni Pensate se tutti i ragazzi e i bambini di tutto il mondo spedissero cartoline a quei furboni dei rivenditori... vorrei proprio vedere le loro facce!! Ha Ha Ha! C' è un modo per far sentire il peso delle vostre opinioni a chi produce mobili con legno non certificato. Non è di certo stando seduti a non far niente che le cose cambiano intorno a noi. Attraverso la costanza, il coinvolgimento e l'azione concreta possiamo migliorare la realtà intorno a noi, diventando consumatori responsabili e decidendo noi cosa comprare o meno. Una buon'idea è quella di spedire ai produttori non certificati una cartolina con un disegno e un breve messaggio che testimoni la vostra disapprovazione alle loro scelte di mercato. Quindi: ATTIVITA' Prendete un cartoncino o un foglio FSC e ritagliate un rettangolo di circa 15 cm per 10 cm. Su un lato disegnate e rappresentate il vostro messaggio. Sull' altro scrivete una frase semplice e immediato tipo: NON VOGLIO ALBERI TAGLIATI ILLEGALMENTE A CASA MIA! Invitate i vostri amici a preparare altre cartoline creando immagini e messaggi nuovi. Spedite!

18 AFRICA ATTIVITA 9 Aiutaci a salvare la foresta! Che fare? Sensibilizzare Informare più persone possibili creando un passa parola, favorisce la comunicazione e diffonde la possibilità e la volontà di scelta sugli acquisti. In che modo? Attraverso un evento specifico Non dobbiamo essere solo spettatori di quello che accade: attraverso il coinvolgimento personale possiamo migliorare le cose. obiettivo Organizzare una giornata dedicata alla protezione della foresta africana. eta Le attivita che potete organizzare durante la giornata di sensibilizzazione sono diverse: Tombola delle foreste Fare una tombola con domande sulla foresta. I premi per esempio possono essere cartoline delle foreste fatte a mano, oppure piccole piantine d'alberi dentro dei vasetti come polmone verde della casa (questi si trovano nei parchi o nella foresta). Organizzate una vostra esposizione della foresta Fate diventare creativi i vostri compagni, facendoli partecipare a giornate a progetto o a singole lezioni. Potete addirittura organizzare un concorso all'interno della scuola quale classe contribuisce con il miglior lavoro alla vostra esposizione sulla foresta?. L'esposizione rimarrà poi nella vostra aula o nel corridoio per tutta la durata del progetto, per catturare l'attenzione di studenti, insegnanti, genitori e stampa. Con quali strumenti? Con una raccolta firme Potete dimostrare e spedire ai produttori del legno che i bambini e ragazzi della vostra scuola sostengono comportamenti ambientali corretti. La lista delle firme deve contenere la vostra richiesta esatta (a chi vi rivolgete e cosa volete) e quattro spazi per la raccolta delle firme: nome e cognome, via e numero civico, CAP, Comune e firma. Ricordatevi di scrivere in maniera chiara e cortese. Teatro della foresta Allestite nel cortile della scuola uno spazio di 50 metri quadrati con un nastro bianco e rosso. Questa è la quantità di foresta che è distrutta ogni decimo di secondo. Fate ascoltare agli studenti i rumori di una motosega e travestitevi da animali. Poi proponete la soluzione: una Scuola per la foresta degli attivisti (con tute bianche che si possono comprare nei negozi specializzati, con una scritta fatta in casa) entrano sulla scena e rimettono in piedi gli alberi. Lo stand informativo serve ad informare tutti del vostro progetto e di come si può contribuire alla preservazione della foresta COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

GLI ANIMALI SI NUTRONO

GLI ANIMALI SI NUTRONO Azione 1 Italiano come L2 La lingua per studiare DISCIPLINA: SCIENZE Livello : A 2 GLI ANIMALI SI NUTRONO Gruppo 5 Autori: CRETI MARIELLA - GIONTI FRANCA Destinatari: alunni 1 biennio - scuola primaria

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli