Il cuore verde. africa DESCRIZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il cuore verde. africa DESCRIZIONE"

Transcript

1 africa Il cuore verde Boog ed Elliot non credono ai loro occhi, lo spettacolo che hanno di fronte e meraviglioso. Alberi giganteschi sostengono il cielo, grandi uccelli azzurri volteggiano sbattendo le ali (Flap-flap-flap!). I due amici si inoltrano nella foresta alla ricerca del loro amico elefante. "Ma non ci saranno pericolosissime tigri?" Domanda Boog preoccupato. "Ma no, intanto la tigre e amica nostra. E poi la incontreremo in Asia, mica vive in Africa". "Pero il leone si che vive in Africa. L'ho visto nei film di Tarzan!" "e vero, ma si sono sbagliati. Infatti, il leone vive nella savana, in questa foresta non si e mai visto. Invece, chi vedremo, e molto presto, e il nostro amico elefante di foresta!" 1 DESCRIZIONE

2 AFRICA DESCRIZIONE 1 La Foresta Africana, si estende attraverso il Camerun, Repubblica Centroafricana, Congo Brazzaville, Repubblica Democratica del Congo,Guinea Equatoriale e Gabon. La sua estensione è seconda solo alla Foresta pluviale Amazzonica ed è la regione più ricca di specie di tutta l'africa. La foresta africana del Bacino del Congo è meravigliosamente ricca.. ospita oltre 1000 Specie di uccelli e 400 Specie di mammiferi, molti dei quali non si trovano in nessun altro luogo del pianeta. Queste foreste sono particolarmente fitte e ricche di specie vegetali proprie di regioni a clima caldo con piogge abbondanti in tutte le stagioni. Queste regioni forestali forniscono una gran quantità d'ossigeno. Il massiccio disboscamento a cui sono sottoposte le foreste pluviali provoca quindi conseguenze molto gravi non solo per le popolazioni locali, ma anche per l'intera umanità, perché si riduce un vero e proprio "polmone della Terra. al cinema dal 7 dicembre 2006 COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

3 africa L'elefante di foresta "E infatti eccolo, e la!!" Nel mezzo di una radura circondata da alberi altissimi, il nostro amico elefante sta avvisando i suoi compagni del pericolo imminente. Sapevo che li avrei trovati tutti qui! -spiega Boog ad Elliot- infatti noi elefanti andiamo pazzi per l'acqua salata di queste pozze. La verdura che mangiamo e senza sale, lo sapete, e quindi integriamo i sali in questo modo. Guarda la quella e la zia Trudy, che bello ha un cucciolo! L'ultima volta che l'ho vista e stato 5 anni fa. Noi elefanti viaggiamo tutto il tempo, ma poi torniamo sulle stesse strade. Abbiamo proprio una memoria da elefanti!! He he he! 2 ANIMALI

4 AFRICA ANIMALI 2 L'Elefante di foresta (Loxodonta africana cyclotis) vive nelle foreste pluviali dell'africa. È una sottospecie più piccola dell'elefante africano (Loxodonta africana africana) che vive nell'africa occidentale e centrale. È più piccolino, perchè deve muoversi in mezzo agli alberi (se fosse grosso grosso non ci passerebbe). Questo animale ha enormi orecchi che oltre ad assicurargli un udito molto fine sono anche utili per la dispersione di calore. La struttura fisica presenta diverse differenze con il parente asiatico. Le dimensioni sono più piccole, le orecchie di forma rotonda e la proboscide presenta due dita, le quali odorano, tastano tirano via foglie ed erba. Le zanne che sono gli incisivi superiori allungati, sono molto grandi e nei maschi superano il metro e mezzo di lunghezza. Il suo nome scientifico "Loxodonta" significa in greco "dente obliquo" e si riferisce proprio a queste poderose appendici. Gli elefanti nutrono un sentimento molto forte per la famiglia. Essi osservano con simpatia i piccoli che con agili movimenti si danno la caccia, si azzuffano e sgambettano. Gli elefanti appena nati inclinano la proboscide lateralmente per succhiare con le labbra il latte della mamma. Da quando è stato proibito il commercio delle sue zanne per ricavarne l'avorio, la maggiore minaccia per elefante viene dalla distruzione delle foreste che abita. La caccia rappresenta un pericolo, favorita dall'apertura di strade nel cuore della foresta, costruite per portare via i tronchi, utilizzate anche da bande organizzate di bracconieri, che possono così raggiungere rapidamente anche aree remote. Nella Foresta Africana vivono anche tanti altri animali. Tra cui i nostri quattro più vicini parenti del regno animale:i grandi primati. Delle cinque specie di grandi Scimmie, solo l'homo Sapiens cioè noi -non rischia l'estinzione. Tre delle altre - il Gorilla, lo Scimpanze e il Bonobo, dipendono dalle foreste pluviali africane (resta l'orango, delle foreste asiatiche). Altri animali della foresta sono l'okapi animale di medie dimensioni che assomiglia alla giraffa per le strisce bianche orizzontali sulle zampe nere. La loro lingua è talmente lunga che è l'unico mammifero in grado di leccare le proprie orecchie COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

5 africa I "Pigmei" Ah! Che caldo, che sete ci vorrebbe un po' di frutta fresca! Vuoi una banana? L'ho raccolta proprio ora dall'albero. Mmmh buona ma la senti anche tu questa voce? La dietro quel grande albero, c'e qualcuno che parla Improvvisamente di fronte a loro compare una figura minuta, un bambino con la pelle color cappuccino. "Che ci fa tutto solo nella foresta? Si e perso? Allora dobbiamo aiutarlo No, non ti preoccupare: e un ragazzo Pigmeo - spiega l'elefante - abita nella foresta e ne custodisce ogni segreto da generazioni e generazioni. Come farebbe a perdersi?" "Ciao, io mi chiamo Elliot, e questo e il mio amico Boog. Che ne dici di fare amicizia? 3 POPOLI

6 AFRICA POPOLI 3 Circa 12 milioni di persone abitano le foreste africane, tra cui i Pigmei, per i quali la foresta è dimora, cibo, medicina, oltre che cultura e vita spirituale. Sono molto probabilmente la popolazione più antica che abiti le foreste equatoriali e tropicali africane. Le popolazioni Pigmee sono distribuite lungo tutta la zona tropicoequatoriale di questi stati: Camerun, Repubblica Centro-Africana, Gabon, Repubblica del Congo (capitale: Brazzaville), Repubblica Democratica del Congo (ex Zaire, capitale: Kinshasa), EST Uganda e EST Ruanda (regione del massiccio del Ruwenzori e dei vulcani che delimitano il confine tra Uganda e Ruanda e la Repubblica Democratica del Congo). Alcune popolazioni Pigmee sono: BAKA (Camerun), BABINGA (Gabon), BAMBUTI-BASHWA-BAEFE, BAPOO, BALESE (Repubblica Democratica del Congo), BATWA (Uganda e Ruanda), Il nome di Pigmeo deriva dalla parola greca "pygmâios" = alto un cubito, cioè piccolo. Infatti gli uomini sono alti in media 140cm e le donne 130cm. Vivono in villaggi di capanne, mentre nella stagione della caccia migrano per alcuni mesi, costruendo degli accampamenti fatti di piccoli igloo di foglie e rami. Ogni villaggio è composto di capanne. In ogni capanna vive una famiglia composta in media da: papà, mamma e almeno 4 figli. Vi sono anche capanne adibite a diversi usi: tribunali, scuola, incontri per racconti popolari e talvolta anche per ospiti di passaggio. Le capanne sono costruite con rami o alberelli e con specie d'alberi resistenti alle termiti. All'interno delle capanne non è presente nessun mobile e il letto si riduce a due grandi foglie di banano a terra. I vestiti sono appesi alle liane tese tra i pali dei muri. Si procurano il cibo direttamente dalla foresta attraverso la caccia, la pesca e la raccolta dei prodotti spontanei. Dalla foresta i Pigmei traggono tutto ciò che è necessario per soddisfare i propri bisogni quotidiani. Lo strumento di caccia che utilizzano è l'arco con frecce di legno imbevute di veleno vegetale. I frutti sono raccolti quotidianamente dalle donne, uomini e bambini. Si raccolgono funghi, radici, erbe e frutti selvatici, piccoli animali e insetti commestibili. La giornata ha inizio al canto del gallo verso le 5:30 del mattino. Il primo a svegliarsi è il capo villaggio che accende il fuoco da una brace al centro del villaggio. Una volta che tutti si sono alzati mangiano il pasto rimasto della sera precedente e la giornata ha inizio. Le donne alla ricerca di frutta nella foresta, gli uomini a caccia o pesca, altri con il capo e altri ancora rimangono al villaggio a rammendare le reti di caccia o a confezionare archi frecce o lance. Di tanto in tanto mangiucchiano una banana,o una radice di manioca arrostita, ma il vero pranzo è alla sera, tra le 18:00 e le 19:00. Dopo cena le donne si preparano per le danze dipingendosi il viso con il succo della frutta, mentre gli uomini occupano il tempo libero con il gioco del pallone insieme a bambini e ragazzi. Alla sera dopo aver mangiato, passano il tempo insieme intorno al fuoco COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

7 africa La vegetazione Mamma mia che caldo sembra di stare dentro una serra.. "Macche serra, pare una sauna. Sono tutto sudato. E poi ad ogni passo bisogna scavalcare un tronco una liana o un cespuglio. Non ce la faccio proprio piu!" "Pero, quando si dice foresta millenaria Questa foresta invece ha milioni di anni. Milioni di anni Riesci a immaginartelo? I resti dei primi uomini (Australopiteco, si chiamava) sono stati trovati proprio in Africa. Non qui, ma in Etiopia. Anche li milioni di anni fa un tempo era pieno di foreste, poi quella regione e diventata secca, e quei primi uomini hanno dovuto adattarsi alla savana, e sono diventati nomadi. Alla fine, cammina cammina, hanno colonizzato tutto il mondo." "Si, e a momenti non colonizzavano anche la nostra foresta Li abbiamo cacciati via giusto in tempo!" 4 APPROFONDIMENTO

8 AFRICA APPROFONDIMENTO 4 Nella foresta africana prosperano alberi giganti fornitori di preziosi legni come ad esempio il sapelli ed il mogano africano (Meliacee). Altre forme vegetali proprio delle foreste sono le epifite. Le liane si sviluppano enormemente in altezza avvolgendo gli alberi e svolgendo in tal modo un importante azione nel sostenerli che avendo radici molto corte sfruttano le liane come ancore. Queste foreste tropicali sono ecosistemi organizzati in strutture stratificate. Il gradiente luminoso che si sviluppa in questa struttura consente la formazione di numerose nicchie ecologiche occupati da differenti gruppi faunistici. Glossario BIODIVERSITÀ L'insieme delle forme di vita sulla Terra, di tutte le specie animali e vegetali. ECOSISTEMA Sistema costituito da una comunità e dall'ambiente circostante con cui si vengono a creare delle interazioni. EPIFITA Piante autotrofe che vivono su un altra pianta, non come parassita ma condividendo uno spazio insieme. GRADIENTE LUMINOSO Variazione della luminosità percepibile lungo una verticale immaginaria dall' alto verso il basso. NICCHIA ECOLOGICA Indica il posto che una specie occupa in un ecosistema determinato dalle condizioni che gli permettono di vivere COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

9 africa I predatori della foresta Le ruspe corrono come impazzite nella foresta buttando giu alberi e terrorizzando tutti gli animali col loro frastuono. Boog ed Elliot si guardano intorno esterrefatti. Ovunque alberi abbattuti, piante morte mentre bande di cacciatori perlustrano la foresta a caccia del loro amico elefante. Nasconditi bene -si raccomandano- Intanto noi cerchiamo di contattare i nostri amici nelle scuole per ottenere aiuto. Ci servono rinforzi!! 5 DENUNCIA

10 AFRICA DENUNCIA 5 Le foreste dell'africa Occidentale Nigeria, Ghana e Costa d'avorio sono state quasi interamente distrutte. Gran parte delle ricche foreste millenarie, che ospitavano l'elefante e i grandi primati, sono perdute per sempre e il futuro di questi animali è incerto. Negli ultimi 30 anni l'africa ha perso due terzi delle proprie foreste tropicali e le foreste millenarie sono ora ridotte all'8% della superficie originaria. La minaccia più grave della foresta tropicale in Africa è il taglio illegale o distruttivo degli alberi. L' industria del legno non riesce a gestire le proprie foreste in modo responsabile. Spesso sono costruite intere strade nel cuore della vegetazione su cui scorazzano buldozzer che portano via i tronchi, o le compagnie del legno attuano un taglio selettivo solo su alcuni alberi: Moabi, Afrormosia, Bubinga, Ayous e Wengè, questi sono ricercati con tanta intensità da correre il rischio d'estinzione. Questo processo è alimentato dalla richiesta sempre più insistente che arriva da Italia, Francia, Spagna e Portogallo. L' Italia in particolare compra legno africano, che trasforma in mobili che successivamente esporta all'estero. L'aspetto più preoccupante è che la distruzione delle foreste nei paesi più poveri aumenta i problemi economici e non aiuta il paese a svilupparsi. I guadagni, infatti, vanno alle aziende multinazionali e agli amministratori corrotti, mentre la foresta muore, con le sue risorse necessarie alla gente del posto. Molti alberi forniscono anche oli, frutti o principi attivi, questi prodotti superano notevolmente il valore del legname: per esempio, in una decina d'anni, un albero di moabi fornisce prezioso olio per un valore più alto di tutto il legno che può fornire una volta abbattuto. In alcuni casi l'industria del legno, è direttamente legata alla guerra. Come accade per il petrolio, i diamanti, l'oro e l'uranio, spesso le ricchezze naturali si rivelano una minaccia per le popolazioni locali, in quanto attirano spietati eserciti desiderosi di appropriarsene. Il legno è scambiato con i carichi d armi trasportati dagli stessi mezzi dei mercanti di legno. Le compagnie del legno, si rendono complici delle guerre e del traffico d'armi senza curarsi delle conseguenze. Dobbiamo fare qualcosa! Glossario TAGLIO ILLEGALE Il taglio illegale è così chiamato quando il legname è estratto, trasportato, acquistato o venduto in violazione alle leggi nazionali. È illegale: usare la corruzione per ottenere l'accesso alla foresta, recidere gli alberi in aree protette, rimuovere specie d alberi in via d'estinzione senza avere un permesso per poterlo fare, estrarre quantità di legno in eccesso rispetto ai limiti consentiti COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

11 africa Proteggere queste foreste "Non posso giocare con voi ora, mi dispiace davvero" dice il bambino pigmeo. "Devo subito avvertire la mia gente che stanno arrivando le ruspe. Dovremo trovare un'altra casa, un'altra foresta intatta, se ce n'e ancora" "No, non puo andare a finire cosi. Non possiamo sempre subire. Dobbiamo fermare la distruzione". "Eh, mica e facile amici miei Quel legno e molto richiesto in tanti paesi lontani, come l'italia, la Cina, la Francia, la Malesia Sono tutti paese che consumano tantissimo legname per produrre mobili e lasciano noi senza casa!" "No, non ci possiamo rassegnare! Avanti Elliot, all'attacco! Dobbiamo difendere la foresta!""si, si, d'accordo, sono pronto. Ma prima di partire all'attacco, dobbiamo pensare alle soluzioni". "Le soluzioni? Uhm non ci avevo pensato. Mi sa che dobbiamo chiedere un consiglio ai nostri amici di Greenpeace.." 6 SOLUZIONI

12 AFRICA SOLUZIONI 6 Greenpeace si batte per fermare l'avanzata delle ruspe e sta da anni investigando per denunciare gli abusi illegali della foresta. L'obiettivo? Nessuna occupazione di foreste primarie! Le foreste primarie sono troppo ricche per metterle a rischio. Per questo e necessario adottare il "Principio Precauzionale" che significa fermare l'espansione del taglio industriale su nuove aree di foresta primaria. le operazioni forestali gia attive devono essere controllate per eliminare davvero gli abusi e i comportamenti illegali. I controlli devono essere rafforzate e le istituzioni aiutate a svolgere il loro compito. Ma questo non basta: le imprese del legno devono impegnarsi a rispettare la foresta e le comunita che la abitano, innanzitutto certificandosi FSC. servono nuove aree protette, dove gli animali possano vivere in pace, e i popoli della foresta come i "Pigmei" possano continuare a condurre il proprio stile di vita, senza paura. Soprattutto nella Repubblica Democratica del Congo, dove vaste aree di foresta primaria sono ancora intatte, e necessario fermare l'espansione dell'industria e sperimentare soluzioni diverse, creando una rete di aree protette, riserve indigene, piccole aree di foresta gestite dalla gente del posto, aree riservate alla raccolta di prodotti alternativi al legno (noci, olii, piante medicinali) e aree dedicate all'ecoturismo che permette di vedere le bellezze naturali senza distruggerle. Glossario PRINCIPIO PRECAUZIONALE Significa che si deve evitare qualsiasi attività che possa danneggiare in modo serio l'ambiente, la salute o la sicurezza. Non è necessario avere le prove degli effetti dannosi di un'attività (un impianto industriale, un'installazione o altro), al contrario, è necessario provare scientificamente che quest'attività non rappresenti nessun rischio. Nel dubbio è meglio non correre rischi. Per esempio, nessuno scienziato 30 anni fa era in grado di provare scientificamente che la distruzione delle foreste avrebbe avuto gravi impatti sul clima del pianeta.oggi sappiamo che è così, ma nel frattempo un grave danno si è già verificato, se allora fosse stato adottato il principio precauzionale, oggi forse avremmo evitato tanti disastri e catastrofi naturali legate al cambiamento climatico. Questo principio è stato riconosciuto dal vertice dei Capi di Stato di tutto il mondo (adottato alla Conferenza delle Nazioni Unite su ambiente e sviluppo di Rio de Janeiro nel 1992) e dovrebbe regolare l'azione dei governi. "Al fine di proteggere l'ambiente, l'approccio precauzionale dovrebbe essere ampiamente utilizzato dagli Stati in relazione alle loro rispettive possibilità COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

13 africa Confrontiamoci obiettivo Familiarizzare con la gestione sostenibile della foresta e avviare una riflessione. eta elaboriamo Per cominciare l'insegnante può leggervi alcune definizioni di sostenibilità per analizzarne il senso del termine e ciò che richiama in ciascuno di voi. Alcune domande sorgeranno spontanee, proprio perché ognuno di voi ha interpretato, capito o forse non ancora, il significato e l'importanza d'alcuni concetti. Cercate di dare voce ad ogni dubbio, perplessità, idee quello che state facendo è un momento molto importante che vi aiuterà a consolidare le vostre conoscenze. Al termine del confronto l'insegnante vi consegnerà un foglietto di carta chiedendo di scrivere tutto ciò che vi è venuto in mente. Tutti i foglietti saranno attaccati su un unico cartellone e saranno appesi in classe o nel corridoio della scuola. Questa attività è molto importante perché vi abitua a prendere confidenza con le vostre opinioni e a renderle visibili agli altri!! Sviluppo Sostenibile: alcune definizioni:..uno sviluppo che va incontro alle necessità del presente senza compromettere la possibilità per le future generazioni di andare incontro alle loro (World Commission on the Environment and Development)..migliorare la qualità della vita umana, rimanendo all'interno della capacità di carico di un ecosistema. (Caring for the Earth) Sviluppo sostenibile è il processo di costruzione di strutture produttive eque e partecipative che siano gestite e controllate dalle comunità locali. (Interfaith Center on Corporate Responsabilità) Una comunità sostenibile: valorizza e rispetta tutti i popoli, favorisce relazioni di rispetto tra i popoli, le organizzazioni e le istituzioni, coopera per il bene comune, favorisce le opportunità di comunicazione e d'insegnamenti, prosegue uno sviluppo e non solamente una crescita economica (MACED Comunities by Choice)

14 AFRICA ELABORIAMO 7 Due giornate a confronto Confrontate tramite la tabella in basso la vostra giornata tipo e quella di un coetaneo Pigmeo. Insieme all'insegnante potrete osservare le varietà di situazioni, analizzarne i fattori in comune e prendere atto delle differenti risorse a disposizione. obiettivo Riflettere su come le azioni per soddisfare i propri bisogni cambino secondo l'ambiente circostante. eta 8-10 La mia giornata Mi alzo alle... La giornata di un ragazzo Pigmeo Mi alzo alle... Mangio... Mangio... Mi lavo... Mi lavo... Vado a scuola... Vado a scuola... Il mio gioco preferito è... Il mio gioco preferito è... In famiglia siamo... In famiglia siamo... Domande: Quali sono le differenze più evidenti che avete riscontrato nel compilare la tabella? Quali i fattori in comune? Riflettete se e come le risorse possono modificare nei diversi ambienti in cui vi trovate COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

15 africa Quanta foresta nella mia camera? Non vorrete mica dormire in un letto fatto con il legno di foresta di uno scimpanze! vero? Il risultato di questa ricerca deve essere presentato in maniera creativa. Ovviamente potete fare questo lavoro anche con tutti gli altri materiali di legno di casa vostra (tavoli, sedie) o addirittura farne un lavoro in classe con diversi gruppi di lavoro. Se scoprite che il legno utilizzato deriva dalle foreste, potete proporre al rivenditore con gentilezza ma anche con fermezza le alternative compatibili con le foreste. 4 obiettivo Scoprire da quale regione arriva il legno con cui sono fatti i mobili della camera da letto, che tipo di legno e stato utilizzato e qual e stato il percorso dall'albero al negozio. eta FORESTA IN CLASSE Disegnate in un fumetto i protagonisti del ciclo del guadagno. Multinazionali, compagnie del legno, popoli indigeni, consumatori finali Indagate con la aiuto dell'insegnante, su chi sono i produttori dei vostri mobili della vostra cameretta e chiedetegli la provenienza del legno su cui lavorano. Dopo aver ricevuto le informazioni richieste, seguendo il tracciato sul mappamondo scoprite quale viaggio ha compiuto il tronco dell''albero dal momento del taglio alla vendita in negozio. Riflettete: chi ci ha guadagnato in quest'operazione e chi invece ci ha perso? Se tu fossi un venditore di mobili quale alternativa proporresti? Spedite il disegno ai produttori del legno e chiedete garanzie che non sia utilizzato legno proveniente da queste foreste. RICORDATE! È IMPORTANTE CHE INFORMIATE TUTTI E CHE FACCIATE PUBBLICITA'DELLA VOSTRA INIZIATIVA! Aprite gli occhi. Se non riuscite a sapere dal rivenditore da dove viene il legno, fermatevi a riflettere: potrebbe provenire da qualsiasi foresta. Ma allora qualcosa non va! Vendere un prodotto senza sapere da dove arriva non garantisce nessun controllo e tutela.

16 AFRICA FORESTA 8 IN CLASSE Salviamo una foresta obiettivo Apprendere come l'ambiente di tutte le forme di vita a causa della distruzione degli alberi, si restringe sempre piu. eta Dopo che insieme all'insegnante avrete discusso del problema della distruzione delle foreste seguite questi piccoli passi: L'insegnante disegna sul suolo un cerchio di circa 6 metri di diametro con alcuni vecchi giornali che avete prima raccolto in classe e che rappresenteranno ognuno di loro un albero. Ognuno di voi sceglierà un essere vivente della foresta da interpretare e si cercherà un posto sopra il cerchio di giornali. Se non ricordate quali animali sono presenti, sfogliate il kit e trascrivetevi su un foglio una lista di nomi. Quando tutti avrete preso posto, l'insegnante ricorderà alcune cause della distruzione della foresta dell'africa Allo stesso tempo allontanerà un giornale dal cerchio. Per ogni causa sarà allontanato un foglio A mano a mano che si enumera le cause della distruzione, il cerchio di giornali si farà sempre più ristretto. Dovrete stringervi sempre di più, fino a, quando non riuscirete più a mantenervi in bilico sui giornali rimasti. 5 6 Il gioco finisce qui. Sarebbe utile discutere in cerchio sulle sensazioni che avete provato, mentre i fogli venivano tolti da sotto i piedi e porvi alcune domande: Come sarebbe per me se le piante scomparissero dalla foresta? Quali animali potrebbero sopravvivere ancora nella foresta rappresentata dai pochi giornali rimasti? Quante possibilità di sopravvivenza hanno gli animali nel lungo periodo? Potreste proporre questo gioco ad altri amici dopo avergli spiegato le conseguenze del taglio illegale in Africa COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

17 africa Aiutaci a salvare la foresta! La cartolina obiettivo eta Dare voce alle proprie opinioni Pensate se tutti i ragazzi e i bambini di tutto il mondo spedissero cartoline a quei furboni dei rivenditori... vorrei proprio vedere le loro facce!! Ha Ha Ha! C' è un modo per far sentire il peso delle vostre opinioni a chi produce mobili con legno non certificato. Non è di certo stando seduti a non far niente che le cose cambiano intorno a noi. Attraverso la costanza, il coinvolgimento e l'azione concreta possiamo migliorare la realtà intorno a noi, diventando consumatori responsabili e decidendo noi cosa comprare o meno. Una buon'idea è quella di spedire ai produttori non certificati una cartolina con un disegno e un breve messaggio che testimoni la vostra disapprovazione alle loro scelte di mercato. Quindi: ATTIVITA' Prendete un cartoncino o un foglio FSC e ritagliate un rettangolo di circa 15 cm per 10 cm. Su un lato disegnate e rappresentate il vostro messaggio. Sull' altro scrivete una frase semplice e immediato tipo: NON VOGLIO ALBERI TAGLIATI ILLEGALMENTE A CASA MIA! Invitate i vostri amici a preparare altre cartoline creando immagini e messaggi nuovi. Spedite!

18 AFRICA ATTIVITA 9 Aiutaci a salvare la foresta! Che fare? Sensibilizzare Informare più persone possibili creando un passa parola, favorisce la comunicazione e diffonde la possibilità e la volontà di scelta sugli acquisti. In che modo? Attraverso un evento specifico Non dobbiamo essere solo spettatori di quello che accade: attraverso il coinvolgimento personale possiamo migliorare le cose. obiettivo Organizzare una giornata dedicata alla protezione della foresta africana. eta Le attivita che potete organizzare durante la giornata di sensibilizzazione sono diverse: Tombola delle foreste Fare una tombola con domande sulla foresta. I premi per esempio possono essere cartoline delle foreste fatte a mano, oppure piccole piantine d'alberi dentro dei vasetti come polmone verde della casa (questi si trovano nei parchi o nella foresta). Organizzate una vostra esposizione della foresta Fate diventare creativi i vostri compagni, facendoli partecipare a giornate a progetto o a singole lezioni. Potete addirittura organizzare un concorso all'interno della scuola quale classe contribuisce con il miglior lavoro alla vostra esposizione sulla foresta?. L'esposizione rimarrà poi nella vostra aula o nel corridoio per tutta la durata del progetto, per catturare l'attenzione di studenti, insegnanti, genitori e stampa. Con quali strumenti? Con una raccolta firme Potete dimostrare e spedire ai produttori del legno che i bambini e ragazzi della vostra scuola sostengono comportamenti ambientali corretti. La lista delle firme deve contenere la vostra richiesta esatta (a chi vi rivolgete e cosa volete) e quattro spazi per la raccolta delle firme: nome e cognome, via e numero civico, CAP, Comune e firma. Ricordatevi di scrivere in maniera chiara e cortese. Teatro della foresta Allestite nel cortile della scuola uno spazio di 50 metri quadrati con un nastro bianco e rosso. Questa è la quantità di foresta che è distrutta ogni decimo di secondo. Fate ascoltare agli studenti i rumori di una motosega e travestitevi da animali. Poi proponete la soluzione: una Scuola per la foresta degli attivisti (con tute bianche che si possono comprare nei negozi specializzati, con una scritta fatta in casa) entrano sulla scena e rimettono in piedi gli alberi. Lo stand informativo serve ad informare tutti del vostro progetto e di come si può contribuire alla preservazione della foresta COLUMBIA TRISTAR MARKETING GROUP, INC. ALL RIGHTS RESERVED.

GLI AUSTRALOPITECHI. Tra gli animali che vedi nelle figure, sai dire quale è una scimmia? Cerchia l animale giusto e collega i nomi ai disegni.

GLI AUSTRALOPITECHI. Tra gli animali che vedi nelle figure, sai dire quale è una scimmia? Cerchia l animale giusto e collega i nomi ai disegni. GLI AUSTRALOPITECHI Prerequisiti: orientarsi nel tempo fra passato, presente e futuro, usare gli strumenti sussidiari al testo (cartine, immagini, tabelle ) Obiettivi: studio dell evoluzione dell uomo

Dettagli

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5 L Africa è il terzo continente della terra per superficie. Ha una forma simile a un triangolo, le coste sono poco articolate. A ovest è bagnata dall Oceano Atlantico, a sud è bagnata dall Oceano Indiano

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza.

Progetto <L Apprendista Cittadino >. Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Le tematiche offerte, gli spunti di riflessione, gli argomenti trattati sono risultati interessanti

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

In viaggio attraverso il pianeta

In viaggio attraverso il pianeta le sette foreste del pianeta In viaggio attraverso il pianeta Boog ed Elliot sono in viaggio. Eh si, si sono informati e ora ne sanno abbastanza: e tempo di agire! Hanno deciso di visitare tutti i propri

Dettagli

Ciao! Il mio nome è Bek e vivo in Etiopia.

Ciao! Il mio nome è Bek e vivo in Etiopia. Ciao! Il mio nome è Bek e vivo in Etiopia. eka 1 L Etiopia è forse il più antico stato africano. E riuscito a restare indipendente durante tutto il periodo coloniale, fatta eccezione per l occupazione

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Raccolta differenziata e rispetto per le risorse ambientali: PARLIAMONE!PER UNA SCUOLA ECO-SOSTENIBILE. SEZIONE 2: scansione operativa

Raccolta differenziata e rispetto per le risorse ambientali: PARLIAMONE!PER UNA SCUOLA ECO-SOSTENIBILE. SEZIONE 2: scansione operativa Raccolta differenziata e rispetto per le risorse ambientali: PARLIAMONE!PER UNA SCUOLA ECO-SOSTENIBILE SEZIONE 2: scansione operativa DI CASA NEL MONDO Classi seconde Scuola primaria di Iseo a.s. 2012-2013

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli

L INTERVISTA IMPOSSIBILE

L INTERVISTA IMPOSSIBILE Rete delle geostorie Istituto Comprensivo Spinea 1 (VE) Scuola primaria Vivaldi Classe 3 Anno scolastico 2013-14 Ins. Nadia Paterno L INTERVISTA IMPOSSIBILE L intervista impossibile : immaginate di intervistare

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO Abbiamo effettuato una sorta di progettazione partecipata per individuare obiettivi ed attività da svolgere durante l esperienza sul campo, stimolando i ragazzi ad individuarli/proporli

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione.

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Destinatario: alunno con deficit cognitivo di grado lieve e sindrome ipercinetica da danno cerebrale lieve

Dettagli

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura MIGRANTI La classe I B incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti Progetto di intercultura Essere giovani nella società globale: in viaggio da me a

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva La

Dettagli

Internet i vostri figli vi spiano! La PAROLA-CHIAVE: cacao Stralci di laboratorio multimediale

Internet i vostri figli vi spiano! La PAROLA-CHIAVE: cacao Stralci di laboratorio multimediale Internet i vostri figli vi spiano! La PAROLA-CHIAVE: cacao Stralci di laboratorio multimediale Ins: nel laboratorio del Libro avevamo detto che qui, nel laboratorio multimediale, avremmo cercato qualcosa

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica guardano cosa c è dentro al bidone poi prendono le bottiglie

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO DIVISI IN TRE PICCOLI GRUPPI I BAMBINI OSSERVANO E COMMENTANO L IMMAGINE A.Ajello -A.S.

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

Le abilità sociali e le regole. La scuola diventa autorevole

Le abilità sociali e le regole. La scuola diventa autorevole Le abilità sociali e le regole La scuola diventa autorevole Il perché delle regole e delle abilità sociali? Le abilità sociali permettono di mettere in atto tutti quei comportamenti che fanno sì che si

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Un fumetto realizzato dai ragazzi per i ragazzi

Un fumetto realizzato dai ragazzi per i ragazzi Un fumetto realizzato dai ragazzi per i ragazzi L Organizzazione delle Nazioni Unite per l alimentazione e l agricoltura (FAO) è stata fondata nel 1945 per sostenere le nazioni nel migliorare nutrizione

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

GLI ALBERI, LE FOGLIE E LE SUE.. Trasformazioni

GLI ALBERI, LE FOGLIE E LE SUE.. Trasformazioni PROGETTO di INTERCULTURA DI SCIENZE GLI ALBERI, LE FOGLIE E LE SUE.. Trasformazioni SCUOLA INFANZIA FRATELLI GRIMM Docenti: Loredana Tavoloni ed Elisa Panfoli Motivazione Portare i bambini ad osservare

Dettagli

GIACOMO BRUNO NETWORK MARKETING 3X PARTE 3

GIACOMO BRUNO NETWORK MARKETING 3X PARTE 3 GIACOMO BRUNO NETWORK MARKETING 3X PARTE 3 I 18 Segreti per Avere Successo nel Multi-Level Marketing 2 Titolo NETWORK MARKETING 3X Autore Giacomo Bruno Editore Bruno Editore Sito internet http://www.brunoeditore.it

Dettagli

Il Burkina Faso è uno dei paesi dell Africa Occidentale che fa parte del Sahel

Il Burkina Faso è uno dei paesi dell Africa Occidentale che fa parte del Sahel Ciao! Il mio nome è Mamadou e vivo nel villaggio di Folonzo, nel sud-ovest del Burkina Faso, vicino ai parchi della Comoè-Leraba. Il Burkina Faso è uno dei paesi dell Africa Occidentale che fa parte del

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Ciao a tutti! Volevo come scritto sul gruppo con questo file spiegarvi cosa è successo perché se non ho scelto la cucciola senza pedigree e controlli (e come sto per spiegare non solo) è anche grazie ai

Dettagli

RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI. a.s. 2006/07. Proposta di lavoro stratificata

RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI. a.s. 2006/07. Proposta di lavoro stratificata RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI 1 a.s. 2006/07 Attività prodotta da: Silvia Fantina- Silvia Larese- Mara Dalle Fratte. Proposta di lavoro stratificata Materiali: test ITALIANO COME LINGUA

Dettagli

2. NUMERO DA INDOVINARE

2. NUMERO DA INDOVINARE 1. L ASINO DI TOBIA (Cat. 3) Tobia è andato in paese ed ha acquistato 6 sacchi di provviste. Li vuole trasportare con il suo asino fino alla sua casa sulla cima del monte. Ecco i sacchi di provviste sui

Dettagli

Eccoci... La partenza...

Eccoci... La partenza... Eccoci... Noi siamo due ragazzi che vogliono esplorare tutti i tipi di natura... dopo lunghi anni di ricerca siamo riusciti ad esplorarla tutta quanta e vi abbiamo portato un riassunto del nostro viaggio...

Dettagli

Livello A2. Unità 10. La costituzione. Chiavi. Lavoriamo sulla comprensione. Testo 1 1. Ascolta il dialogo. Vero o falso?

Livello A2. Unità 10. La costituzione. Chiavi. Lavoriamo sulla comprensione. Testo 1 1. Ascolta il dialogo. Vero o falso? Livello A2 Unità 10 La costituzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione Testo 1 1. Ascolta il dialogo. Vero o falso? - Ciao Carlo, in questi giorni l Italia festeggia i 150 anni di unità e naturalmente

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX. www.ecogiocando.it MESSAGGI ECOLOGICI PER I PIU' PICCOLI. Una favola scritta da Maura

ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX. www.ecogiocando.it MESSAGGI ECOLOGICI PER I PIU' PICCOLI. Una favola scritta da Maura ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX Una favola scritta da Maura Cari bambini, dovete sapere che il Dottor ENERGIX è un simpatico scienziato dall aria un po stralunata, sempre alle

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti:

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti: Cari bambini, l altro giorno ho sentito le vostre voci in cortile, quanto sono stato felice. Vorrei tanto che mi raccontaste dei vostri giochi, dei posti che conoscete e che andrete a conoscere, di quello

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso IL NUTRIMENTO E UNA NECESSITA VITALE PER L UOMO,

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

LE NOSTRE VOCI ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE SANCTIS VIA PERAINE -MOIANO (BN) SITO WEB ICMOIANO.GOV.IT DOCENTE: TOLLERANTE AGNESE.

LE NOSTRE VOCI ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE SANCTIS VIA PERAINE -MOIANO (BN) SITO WEB ICMOIANO.GOV.IT DOCENTE: TOLLERANTE AGNESE. LE NOSTRE VOCI ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE SANCTIS VIA PERAINE -MOIANO (BN) SITO WEB ICMOIANO.GOV.IT DOCENTE: TOLLERANTE AGNESE CLASSI IA e IB RIFLESSIONI SUI DIRITTI DELL INFANZIA 20 NOVEMBRE 2015 1 Avere

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Bukavu (R. D. Congo) Comitati di federazione di solidarietà con l'africa nera http://www.umoya.org

Bukavu (R. D. Congo) Comitati di federazione di solidarietà con l'africa nera http://www.umoya.org Bukavu (R. D. Congo) Comitati di federazione di solidarietà con l'africa nera http://www.umoya.org Africa, Congo, Guerra, COLTÁN e.. IL TUO TELEFONINO Dove si trova la Repubblica Democratica del Congo?

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA OTTOBRE-NOVEMBRE 2009 LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA CAMPO DI ESPERIENZA PRIVILEGIATO: LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE OBIETTIVI Scoprire i colori derivati:(come nascono, le gradazioni,

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano.

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano. SCHEDE infanzia - 2 3-10-2007 16:33 Pagina 1 1 Il tempo passa e le cose cambiano. Quali cambiamenti notiamo in noi e nel mondo che ci circonda? Ad esempio, riusciamo ancora a mettere gli abiti e le scarpine

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Il potere del Rinforzo. Lucia D Amato

Il potere del Rinforzo. Lucia D Amato Il potere del Rinforzo Lucia D Amato Definizione di Rinforzo Il Rinforzo è qualsiasi EVENTO che avviene subito dopo il comportamento e che produce un aumento (nella frequenza, nell intensità, nella quantità)

Dettagli

con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo

con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo da sotto il mango con il patrocinio e il contributo di con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo da sotto il mango... mostra video-fotografica

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Le gru In volo per la felicità

Le gru In volo per la felicità Le gru In volo per la felicità Lenuta Virlan LE GRU In volo per la felicità Racconto www.booksprint Edizioni.it Copyright 2015 Lenuta Virlan Tutti i diritti riservati Ai mei tre figli Alexandru, Andreea

Dettagli

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero.

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero. Prigionieri di ombre Quando il ragionare dei bambini diventa scrittura teatrale. Si tratta di rifare un cammino già fatto. Riprendere quanto già detto, e non soltanto nella forma scritta, bensì nelle espressioni,

Dettagli

Rispettiamo la natura

Rispettiamo la natura Rispettiamo la natura Destinatari Bambini dai 3 ai 5 anni: Attività e 2 Finalità del percorso I più piccoli fra noi conoscono ed hanno già esperienza delle bellezze della natura. Molto meno sanno rispetto

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Traduzione di Maria Pia Secciani

Traduzione di Maria Pia Secciani Julie Sternberg si è specializzata in letteratura per l infanzia alla scuola di scrittura di New York. Per questo suo primo romanzo ha ricevuto recensioni entusiastiche per la scrittura fresca e immediata.

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Obiettivi del laboratorio Il percorso Il percorso in breve Questo progetto sarà occasione per far comprendere ai bambini che cosa significa il

Dettagli

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI FINALITA Sviluppare nei bambini una sensibilità nei confronti dell ambiente, con la consapevolezza che in un ecosistema tutto deve essere in equilibrio

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Documentazione Progetto

Documentazione Progetto Documentazione Progetto Progetto rivolto ai bambini della Scuola dell Infanzia di Molina Anno Scolastico 2009/2010 Docente: Anna Teresa Vitale Il progetto I colori del grigio affronta il tema della diversità

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORETTA DI CASALGRASSO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MAMME E PAPÀ, questa è la prima SCUOLA che incontrate da genitori e sarà un esperienza nuova, per voi e per i vostri bambini. NON

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Storia Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Convegno Cristina Rossi 2012 Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Paolo Guiddi Anna Granata http://www.youtube.com/watch?v=sqflj Wp2EMk&feature=relmfu Donare il sangue Forma di inclusione?

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi UN DISEGNO PER DIRE Terza tappa Il percorso Fiori per dire e raccontare prende avvio dal dono di un fiore che ogni bambino della

Dettagli