Clara Valli* Il sistema universitario e la cooperazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Clara Valli* Il sistema universitario e la cooperazione"

Transcript

1 Clara Valli* Il sistema universitario e la cooperazione «Le Università possono diventare un luogo privilegiato per la cooperazione con l Africa» è questo il messaggio conclusivo di un Convegno che si è tenuto a Roma nel mese di ottobre 2009 in materia di Nuova cultura dello sviluppo in Africa e ruolo della cooperazione universitaria 1. Oggi l istruzione superiore e tutto il sistema universitario emergono come un fattore chiave, ampiamente riconosciuto, per lo sviluppo economico e sociale di un Paese, e i governi di tutti gli Stati devono proteggere i settori dell istruzione superiore, dell università e della ricerca dai grandi tagli economici indotti dalla necessità di fronteggiare la crisi che si è affacciata lo scorso anno a livello globale. È importante, infatti, che l educazione e la formazione delle future generazioni siano una priorità ed è necessario sviluppare insieme agli Stati africani un ventaglio di opportunità che facciano dell istituzione universitaria e della formazione una via prioritaria per il sostegno allo sviluppo. Il ruolo della ricerca e della didattica nelle università africane è particolarmente importante, sia per il significato che ricopre in sé, sia per rafforzare la capacità d internazionalizzazione degli atenei, attualmente un tema molto sentito all interno del dibattito sul ruolo dell università in Africa. L Africa è un continente che ha ben presente il concetto di università quale strumento utile per la crescita economica e sociale, tuttavia l università vive in una situazione di assenza di un quadro strutturale di sviluppo, per cui c è una preoccupante tendenza all abbandono da parte degli studenti, dovuta anche alle difficoltà di attuazione di politiche di investimento sui giovani, sulla mobilità, sulle infrastrutture e i servizi per gli studenti. I Paesi africani devono investire per una comunità globale della conoscenza per poter essere partner paritari degli altri Paesi, rivoluzionando il proprio sistema di ricerca, educazione e formazione e incrementando i rapporti tra le università, che possono e devono produrre percorsi di partnership attraverso l organizzazione di programmi d insegnamento e di ricerca in aree disciplinari prioritarie, sia scientifiche sia umanistiche. * Responsabile settore Università e Ricerca S.E.I.-Ugl 80

2 Questo significa che il solo apporto di maggiori finanziamenti, pur elevando il profilo delle singole università o istituti di ricerca, potrebbe non essere sufficiente per migliorare il sistema nel suo complesso. Piuttosto, la chiave giusta sarebbe quella di promuovere e sostenere una rete che diffonda la conoscenza e incoraggi lo studente creativo, il ricercatore e il sostegno ad una politica di welfare in favore degli studenti per contrastare l abbandono degli studi. In Sudafrica, ad esempio, il 40% degli studenti abbandona l università nel primo anno di studi a causa di difficoltà finanziarie, trattandosi per la maggior parte di studenti provenienti da famiglie poco istruite e a basso reddito. L abbandono degli studi è un grave problema per un Paese con risorse statali limitate e la necessità impellente di aumentare i livelli di reddito tra i più poveri. Occorre infatti considerare come nel continente africano sussista un tasso di povertà tra i più alti al mondo: secondo i dati ONU sullo sviluppo del pianeta tra i 50 Paesi più poveri al mondo 35 sono africani. Uno studio rivela che in media solo il 15% degli studenti neri si laurea nei tempi previsti, nonostante il Sudafrica abbia attivato con successo il National Student Financial Aid Scheme, un fondo che supporta circa dei studenti universitari, con prestiti e borse di studio che però non coprono tutte le spese, per cui gli studenti più poveri continuano a lottare per far fronte alla vita. Eppure il Sudafrica è certamente un Paese che offre una solida istruzione superiore e un sistema di ricerca che include ben cinque università riconosciute nelle classifiche internazionali, ma che non riesce a emergere come punto di forza per fare leva e sostenere gli sforzi degli altri Paesi. Soprattutto il Sudafrica, dunque, deve continuare a mantenere aperte le sue frontiere per gli studenti, i giovani laureati e i ricercatori africani per essere un alternativa per coloro che decidono di partire per studiare in Europa o negli Stati Uniti. Particolarmente sentito, infatti, è il problema della fuga dei cervelli : un terzo degli intellettuali africani vive all estero e almeno 23mila universitari lasciano il continente ogni anno. Secondo quanto riferisce l agenzia giornalistica MISNA, la fuga di cervelli negli ultimi anni mostra un accelerazione preoccupante che minaccia lo sviluppo di settori peculiari come la sanità, l economia e l istruzione. Nel campo della sanità 300 infermieri specializzati ogni mese lasciano il Sudafrica, in Nigeria su 300 medici formati ogni anno, meno di una decina rimane nel Paese, mentre la città americana di Chicago conta più medici etiopici di quanti ce ne siano nel loro Paese d origine. La preoccupazione è forte anche per gli effetti che questa emigrazione produce: da una parte la perdita del patrimonio intellettuale, delle risorse umane e, dall altra, il danno finanziario per l investimento economico sostenuto per la formazione di queste persone. Le perdite sono enormi e l Organizzazione Internazionale per le Migrazioni osserva come a lasciare l Africa subsahariana ogni anno siano per lo più persone istruite: i dati IOM stimano che su emigrati che lasciano l Africa circa il 75% è istruita e ha frequentato l università e circa il 10% è laureato. Questo fenomeno rappresenta una perdita finanziaria valutata 1 miliardo di dollari l anno per un sistema che richiederebbe circa 10 miliardi di finanziamenti supplementari. 81

3 Alcune strategie sono state proposte e discusse sul piano politico per trovare un sistema che compensi l università pubblica per l emigrazione dei propri laureati, promuovendo lo sviluppo. Le proposte prevedono: l obbligo e l assunzione di responsabilità da parte dei datori di lavoro dell erogazione di prestiti agli studenti per il rafforzamento dei programmi di finanziamento e delle borse di studio dei loro Paesi di origine; l istituzione di una imposta da parte dei datori di lavoro finalizzata al finanziamento pubblico per gli studenti laureati assunti, destinata al sistema educativo del Paese d origine; una soprattassa sul reddito degli emigrati che viene destinata al sistema di istruzione del Paese di origine (in sostanza: l imposta sulla laurea proposta in precedenza, solo dopo la laurea, se si emigra). Ognuna di queste opzioni avrebbe fornito alle università africane le entrate necessarie alla formazione di professionisti in sostituzione di quelli che emigrano, ma nessuna di queste proposte fino ad oggi è stata adottata. L Africa, dunque, è il continente maggiormente colpito dal fenomeno migratorio e, per i giovani, particolarmente coinvolti in questo fenomeno, occorre favorire e sostenere, a livello istituzionale, una migrazione di ritorno affinché si facciano protagonisti dello sviluppo del loro Paese. L università africana Agli inizi degli anni 90, solo il 2% dei giovani africani studiava all università. Si trattava di persone nel 1975, passate a nel Nello stesso anno i Paesi dell Africa destinavano per l insegnamento superiore lo 0,7 del PIL e i finanziamenti destinati alla ricerca variavano dallo 0,1% allo 0,9% dei bilanci dei singoli Atenei. Negli anni 90 ci fu una crescita delle iscrizioni alla quale le università africane si trovarono impreparate. L Università di Dakar, costruita per studenti, nel 93 ne contava oltre , ma l 87% delle matricole non andava oltre primo anno di corso, la biblioteca universitaria aveva a disposizione per oltre studenti solo 27 testi di economia, di cui il più recente risaliva al Alcune università chiusero per mancanza di fondi, e, dalla fine degli anni 80, le università dello Zaire, della Nigeria, del Mali, quella di Dakar, di N Djamena e di Nairobi furono chiuse per periodi variabili da qualche settimana a un anno, a causa di scioperi, proteste o manifestazioni politiche. Il Ghana, nel 1993, poteva offrire lavoro solo a 500 dei suoi laureati. Da Nord a Sud nell intero continente il problema diventava crescente. Oggi occorre conciliare l università con la vita dell Africa, attuando un sistema di riforme sempre più urgente per tessere reti regionali fra gli atenei, oltre che coordinamenti su direttrici trasversali. L Unesco e la Banca Mondiale hanno proposto misure economiche come l introduzione di finanziamenti privati e l incremento di attività conto terzi per l autofinanziamento, la riduzione delle borse di studio e l aumento delle tasse di iscrizione, a cui deve corrispon- 82

4 dere una riorganizzazione per una gestione più seria, attraverso la maggiore severità degli esami di ammissione, il rafforzamento dei servizi agli studenti, il ripristino delle biblioteche e dei laboratori e l istituzione di lauree brevi, di tipo tecnico in funzione della crescente richiesta di competenze specifiche. Ma la difficoltà di attuazione delle riforme deriva da una mancanza di volontà, visti gli interessi in gioco: interessi degli studenti che, per nulla motivati, preferiscono la borsa di studio e i servizi universitari alla disoccupazione, nonostante i governi stiano lottando per risolvere il problema dell abbandono finanziando l aumento dei prestiti e delle borse di studio, così da alleviare la pressione finanziaria sugli studenti bisognosi. La mancanza di finanziamenti è dunque il principale ostacolo per lo sviluppo delle università, cui si aggiunge lo scontento dei docenti, che sono mal pagati, aggravato dall insufficienza del personale tecnico-amministrativo, che rende difficile proporre un programma, realizzare un progetto. A questo scopo, con lungimiranza, si costituì l Associazione delle Università Africane (AAU) che è organizzazione di vertice e forum per la consultazione, lo scambio di informazioni e la cooperazione tra gli istituti di istruzione superiore in Africa. L Associazione rappresenta l istituzione dell educazione superiore all interno degli organismi regionali e internazionali e si struttura come una rete tra l istruzione e la ricerca, per lo scambio e la diffusione di informazioni. L AAU, la cui sede è ad Accra, in Ghana, è stata fondata a Rabat, in Marocco, nel 1967, in seguito alle raccomandazioni di una precedente conferenza dell Unesco tenutasi ad Antanarivo, in Madagascar, nel settembre del 1962, per la formazione di un organizzazione di vertice. Le raccomandazioni di Antananarivo furono recepite da un Comitato costituitosi nel 1963 che emanò la Costituzione Fondativa dell Associazione. Con una adesione iniziale di 34 membri, l Associazione ha oggi 199 membri provenienti da 45 Paesi africani. Cooperazione interuniversitaria In quasi tutti gli Stati africani sono presenti atenei universitari, i quali però difficilmente partecipano a programmi internazionali che permettono di svolgere una parte dei percorsi di studi o di formazione in università di altri Paesi attraverso accordi bilaterali. Fanno eccezione solo alcune realtà, come gli atenei del Marocco e dell Algeria, che hanno partnership di studio con le università francesi In Italia, modelli operativi di collaborazione e cooperazione sono già in fase di attuazione tra le università italiane, gli Stati membri dell Africa subsaharaiana e le università del Mediterraneo, specie dopo gli accordi dell Italia con la Libia, e permettono non solo lo scambio scientifico e culturale, ma soprattutto l inserimento a pieno titolo nella comunità scientifica internazionale degli atenei africani. Purtroppo i programmi di mobilità non sono ancora del tutto consolidati e le iniziative sono spesso discontinue. I mezzi di realizzazione sono: l elaborazione di progetti scientifico-disciplinari comuni, coordinati per aree, temi e per zone geografiche. I pilastri di questo modello sono il coinvolgimento degli studenti e dei docenti e la costituzione di rapporti stabili e proficui nel tempo tra università e Paesi. Con queste pre- 83

5 messe, c è l opportunità di un dialogo progettuale per l interscambio e l attivazione di curricula formativi, sia per il conseguimento dei titoli accademici che per la partecipazione a progetti di ricerca comuni, estesi anche ai dottorandi e specializzandi. Altrettanto importante è incentivare i dottorati di ricerca e invertire la forte riduzione della formazione post-laurea, così come avviene da diversi anni a questa parte. Il nostro Ministero degli Affari Esteri contribuisce all internazionalizzazione del sistema universitario dei Paesi africani attraverso convenzioni e progetti specifici, con il finanziamento della mobilità dei ricercatori, l assegnazione di borse di studio per studi universitari e post-universitari e l assegnazione di contributi per iniziative scientifiche inserite in programmi bilaterali intergovernativi. Lo scopo principale è quello di incentivare la formazione universitaria e specialistica della futura classe dirigente africana, rafforzando le relazioni culturali. Analogamente è importante tessere rapporti culturali, oltre che tra le università stesse, anche tra queste e le aziende, come in qualche caso è già stato attuato da aziende europee che hanno avviato con successo processi formativi con benefici reciproci per l Europa e per l Africa, dando priorità ad alcuni Paesi come il Camerun, il Senegal, il Monzambico, lo Zambia, il Malawi, Capo Verde, il Ghana, l Angola, l Etiopia, l Uganda e il Marocco. In Europa la formazione europea della futura classe dirigente africana offre ricadute positive per l allargamento del networking delle università attraverso la creazione di progetti congiunti e l ampliamento dei contatti tra i centri di ricerca. Di contro, si crea un ampia rete per la formazione qualificata della classe dirigente dei Paesi africani, dove la formazione delle risorse umane attraverso l accesso a percorsi qualificati di istruzione post-universitaria è cruciale per la creazione di una forza lavoro qualificata che contribuisca allo sviluppo generale dell Africa. Il vantaggio è tale anche per le aziende, che, volendo investire in territorio africano, troverebbero personale qualificato direttamente sul posto con opportunità reciproche. Studenti stranieri universitari in Italia Il totale degli studenti stranieri iscritti alle università italiane nell anno accademico 2007/2008, secondo i dati del MIUR (Ufficio di Statistica), è di circa persone, pari al 2,9% degli iscritti totali. Le immatricolazioni sono più che raddoppiate negli ultimi dieci anni e, nello stesso anno accademico, sono state , per poco meno del 60% relative a donne. Si è modificata anche la composizione per genere tra i laureati stranieri, in tutto quasi nell a.a. 2007/2008, il 63% dei quali donne. Per quello che riguarda i campi di studio, i corsi di maggiore attrazione sono quelli dell area medica, circa il 20%, seguita da quella economica (15,4%), sociale (14,1%) e umanistica (12,7%). Secondo un indagine condotta da Alma Mater, 68 studenti stranieri su 100 frequentano regolarmente i tre quarti degli insegnamenti previsti e i laureati provenienti dall Africa si dichiarano soddisfatti per il sostegno al diritto allo studio. Per quello che riguarda gli studenti africani in Italia risultano sempre per l anno accademico 2007/ immatricolati (16,4% del totale degli stranieri), iscritti (11,1%), 505 laureati (8,6%). 84

6 ITALIA. Universitari stranieri e africani immatricolati, iscritti e laureati, v.a. e % (a.a. 2007/08) IMMATRICOLATI ISCRITTI LAUREATI v.a. % v.a. % v.a. % AFRICA , , ,6 di cui: Camerun 519 4, , ,7 Marocco 382 3, ,2 73 1,3 Totale str , , ,0 FONTE: Elaborazioni su dati MIUR Ufficio di Statistica Il sistema universitario e la cooperazione I principali Paesi di provenienza sono il Camerun e il Marocco, seguiti da Tunisia, Egitto e Congo. Gli altri Paesi africani hanno una presenza studentesca universitaria in Italia molto variabile. Anche i Paesi africani sono in linea con la tendenza dell aumento della popolazione femminile e in molte istituzioni si raggiunge la parità di genere tra gli iscritti e i laureati che annualmente escono dalle università italiane. Diversamente, per quello che riguarda i titoli post laurea, a parte il Sudafrica, il resto del continente africano è caratterizzato dal predominio maschile. Pur nella considerazione che il dato delle iscrizioni ai corsi post-laurea rimane relativamente basso in tutti i Paesi, molte università africane hanno visto una riduzione considerevole della presenza femminile nella distribuzione di genere, alcune università riportano dati di riduzione anche del 54%, solo l università del Ghana ha visto una crescita nel 2008 del 33%. L Italia rispecchia questa tendenza di scarsa partecipazione femminile ai corsi post-laurea. ITALIA. Studenti universatari africani iscritti e diplomati ai corsi post-laurea per genere, v.a. (a.a. 2005/06) ISCRITTI DIPLOMATI M F Tot. M F Tot. Specializzazione Dottorato Master Totale * Gli studenti africani rappresentano il 10,4% degli studenti stranieri iscritti ai corsi post-laurea in Italia e il 10,5% degli studenti stranieri diplomati in Italia. FONTE: Elaborazioni su dati MIUR Ufficio di Statistica Gli studenti sono una fonte indispensabile per colmare il divario di relazioni culturali esistente tra l Italia e l Africa e il flusso ridotto di studenti africani che vengono a studiare in Italia è indice di questo stesso divario da colmare per rafforzare le relazioni sia economiche che di scambio culturale e formativo. Gli studenti africani che si stanno formando all estero sono quasi , di cui studiano in Europa (circa il 53% dei talenti africani all estero). In Europa, i flussi sono diretti principalmente verso quattro Paesi (Francia 43%; Gran Bretagna 25%; Portogallo e Germania con 10% dei flussi ciascuno). 85

7 L Italia risulta ancora poco attrattiva per gli studenti africani, accogliendo presso le proprie università solo l 1,5% di quei flussi, indirizzati verso i corsi di ingegneria, di medicina e chirurgia, di economia e di farmacia. La creazione di una rete L istruzione superiore e la ricerca in Africa sono state fino ad oggi sottovalutate dai governi dei vari Stati africani e priorità, come la creazione e la promozione di una rete tra ricercatori africani attivi nei vari settori, non sono state recepite quanto alla capacità di fare sistema per l accreditamento universitario. Solo recentemente nell East African l introduzione del riconoscimento del titolo di studio ha aperto la strada ad un sistema di accreditamento universitario che può essere usato come modello in tutta l Unione Africana. È importante, inoltre, incoraggiare gli Stati ad impegnarsi a livello locale, come già avviene in alcuni Paesi, come l Uganda che ha istituito il Consiglio Nazionale per la Scienza e la Tecnologia per la cooperazione con i ricercatori in Sudafrica e la cui iniziativa Millennium Science è di stimolo per il miglioramento e l innovazione delle relazioni tra le due comunità attraverso l istituzione di un premio scientifico di ricerca comune. Molte iniziative in tal senso si stanno adottando, soprattutto in quest ultimo periodo, anche con l attivazione di una rete di Riviste Scientifiche localmente rilevanti, l istituzione di nuovi corsi di dottorato e il coinvolgimento dei ricercatori che si sono trasferiti per lavorare all estero, col fine di promuovere l interazione nel mondo dell Accademia africana. Gli sforzi, però, non devono essere limitati solo all interno del continente. Azioni specifiche a breve termine devono essere condotte affinché possano produrre cambiamenti a lungo termine, ma necessitano di un ampia mobilitazione per la diffusione delle esperienze fatte e delle competenze acquisite attraverso riviste di rilevante interesse scientifico e l utilizzo della rete internet. L accesso alla conoscenza attraverso internet solo dieci anni fa non sarebbe stato possibile, data la lentezza del trasferimento dei dati, e anche attualmente la situazione presenta alcuni problemi. L accesso a internet è ormai possibile in tutti i Paesi africani e molte università africane hanno i propri siti web, ma la sfida oggi è quella di allargare l accesso a tutti, anche sul piano dei costi. L uso, infatti, è ancora basso e le spese di comunicazione sono spesso da 10 a 100 volte più alte rispetto ai Paesi a sviluppo avanzato, principalmente a causa della mancanza di infrastrutture a fibre ottiche e delle limitazioni di accesso poste in molti Paesi dal mercato. In questo contesto molte università non possono permettersi la banda larga per un uso efficiente delle risorse culturali on-line. Alti costi che, purtroppo, vanno di pari passo con una ridotta capacità; si pensi solamente che nell Africa subsahariana vi è attualmente la più bassa banda larga di trasmissione di dati del mondo (record negativo al pari delle steppe dell Asia centrale) e la sua portata sta crescendo più lentamente che in qualsiasi altra regione. Una relazione del 2006 dall Associazione per le Comunicazioni Progressive (APC) afferma: la diffusione della banda larga è la linfa vitale per la conoscenza nell economia mondiale, ma è più scarsa laddove è più necessaria. 86

8 L obiettivo principale è quello di indicizzare le ricerche di scienziati africani pubblicate, su riviste nazionali ed internazionali, attraverso efficienti canali di diffusione. I ricercatori africani hanno infatti scarsa visibilità negli indici internazionali e, a tale scopo, è nato il progetto Africa Science Trackers (AST) che ha già raccolto informazioni su oltre 200 riviste elettroniche e cartacee pubblicate nel continente africano, la maggior parte delle quali proviene dalla Nigeria e dal Sudafrica. Il database, su cui stanno lavorando come volontari numerosi ricercatori sudafricani, sarà disponibile gratuitamente per gli scienziati e gli istituti di ricerca dell Africa entro il Il problema non è la qualità delle pubblicazioni, che in molti casi è di ottimo livello, bensì il fatto che la scienza africana, per vari motivi, non è visibile. Vasti settori della ricerca non superano mai i confini degli istituti che li hanno generati. Questa invisibilità rischia di compromettere anche il futuro del continente africano. Eppure, nonostante la scarsa visibilità internazionale, la ricerca scientifica e tecnologica in Africa produce i suoi frutti. Secondo i dati resi noti nel giugno 2009 a Cape Town durante il Forum economico mondiale sulla competitività dell Africa, Kenya, Sudafrica e Tunisia si piazzano ai primi posti nella scala dell innovazione, raggiungendo il livello di Paesi come il Brasile e l India. La Tunisia si trova al tredicesimo posto sulla scala globale dell innovazione ed è la prima in Africa, mentre Sudafrica e Kenya sono rispettivamente al secondo e al terzo posto nella classifica dei Paesi africani. Nello studio si legge che questi tre Paesi hanno istituti di ricerca di alta qualità, investono in ricerca e sviluppo e sono caratterizzati da una forte collaborazione fra mercato e università. L innovazione dunque è uno dei fattori-chiave per misurare la competitività di un Paese, ma questo parametro diventa cruciale solo a partire da una certa fase di sviluppo. Nessuno dei Paesi africani, secondo i risultati dell indagine, ha raggiunto questa fase, e la stessa economia di Stati come l Algeria, la Namibia, il Sudafrica e la Tunisia è all insegna dell efficienza, ma non è ancora entrata nell era dell innovazione. In conclusione, per un sistema di formazione valido e vibrante occorre progettare strategie valide per il sostegno alle carriere degli studenti e per la formazione post-laurea, e questo se si vuole rigenerare il mondo accademico africano, creando la prossima generazione di studiosi e rafforzando le istituzioni terziarie in Africa. Note Il sistema universitario e la cooperazione 1 Il Convegno è stato organizzato dalla Pastorale Universitaria del Vicariato di Roma, la Cooperazione Italiana del Ministero Affari Esteri, con la partecipazione del Ministro degli Esteri e dell Istruzione, Università e Ricerca, così come ha visto la presenza qualificata di rettori e professori di università statali, private e pontificie, sia italiane che africane. 87

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS

L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS Da circa venti anni si confrontano due teorie relative alle migrazioni altamente qualificate. Secondo l approccio circolazionista attualmente

Dettagli

INNOVAZIONE E BUONE PRATICHE www.unibo.it

INNOVAZIONE E BUONE PRATICHE www.unibo.it ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Ufficio Programmazione Edilizia INNOVAZIONE E BUONE PRATICHE www.unibo.it BOLOGNA, FEBBRAIO 2008 L ALMA MATER IN CIFRE Oltre 100.000 studenti hanno scelto di

Dettagli

Il questionario è stato preparato

Il questionario è stato preparato PRIMO CONFRONTO DEGLI INDICATORI DEMOGRAFICI, FINANZIARI E DEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROFESSIONE Indagine Fve sulla professione medico veterinaria in Europa Le opinioni di oltre 13.000 veterinari provenienti

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

VERSIONE NON UFFICIALE

VERSIONE NON UFFICIALE VERSIONE NON UFFICIALE DICHIARAZIONE CONGIUNTA DEI MINISTRI DELL ENERGIA, DEL COMMISSARIO EUROPEO E DEI MINISTRI DELL ENERGIA DI ALGERIA, AUSTRALIA, BRASILE, CINA, EGITTO, INDIA, INDONESIA, COREA, LIBIA,

Dettagli

Dati e Progetti INTRODUZIONE

Dati e Progetti INTRODUZIONE INTRODUZIONE Obiettivo di questa sezione è mettere in evidenza i dati aggregati di tutte le voci rilevanti per descrivere le molteplici attività dei Collegi. Si è scelto di presentarle secondo la ripartizione

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

INIZIATIVE NAZIONALI A SUPPORTO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE UNIVERSITA

INIZIATIVE NAZIONALI A SUPPORTO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE UNIVERSITA INIZIATIVE NAZIONALI A SUPPORTO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE UNIVERSITA Marzia Foroni Direzione Generale per l Università, lo Studente e il Diritto allo Studio Universitario Ufficio IV Ministero dell

Dettagli

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 INTRODUZIONE L Ateneo per gestire al meglio la complessità del momento presente e sfruttare le opportunità del futuro,

Dettagli

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 L Impatto della Crisi Economica sull Educazione Superiore in Turchia Anno Numero di Università Pubbliche

Dettagli

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti LAURA PAPALEO Sempre più donne risultano attive nel settore dell information technology e la salvaguardia dei loro diritti e delle

Dettagli

Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010

Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010 Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010 Fonte: Decimo rapporto sullo stato del sistema universitario (dicembre 2009) Studenti immatricolati Maturi anno 2007 Immatricolati a.a.

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO Per diventare professionisti del microcredito Perché un Master in Finanza per lo Sviluppo? Per offrire un percorso di specializzazione che mette insieme due mondi apparentemente

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Gli adulti all università

Gli adulti all università 13. Gli adulti all università La riforma universitaria ha allargato soprattutto nei primi anni di applicazione - la presenza degli studenti universitari immatricolati dopo i 19 anni. I laureati immatricolati

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale Corso di Laurea Magistrale LM59 Scienze della comunicazione pubblica e sociale Insegnamento: Cooperazione sanitaria internazionale Conoscenze e abilità da conseguire L evoluzione degli scenari economici

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Articolo 1 (Definizioni)

Articolo 1 (Definizioni) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI: MASTER UNIVERSITARI, CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Articolo 1 (Definizioni) Ai sensi del presente

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4)

MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4) 1. Progetti ammissibili e durata dei progetti MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4) Per la realizzazione delle azioni previste

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

LA CONDIZIONE DEL DOTTORATO DI RICERCA A BOLOGNA NEL 2000

LA CONDIZIONE DEL DOTTORATO DI RICERCA A BOLOGNA NEL 2000 ASSOCIAZIONE DOTTORANDI E DOTTORI DI RICERCA ITALIANI LA CONDIZIONE DEL DOTTORATO DI RICERCA A BOLOGNA NEL Nel dicembre del la sezione di Bologna dell ADI ha condotto un questionario tra gli iscritti ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 35 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca PREFAZIONE Nel marzo del 2005, i leader dell UE hanno rilanciato la strategia di Lisbona con un nuovo partenariato per la crescita e l occupazione. La costruzione della società della conoscenza e una crescita

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ DI RICERCA, DI FORMAZIONE E DI TRASFERIMENTO TECNOLOGICO (L. 1/2009 * ) - ANNO 2014 - * Ex art.3 quater D.L. n. 180/2008 convertito con legge 1/2009. Disposizioni urgenti per il

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

LA FORMAZIONE POST-LAUREA 1

LA FORMAZIONE POST-LAUREA 1 Università Ricerca AFAM Numero 10 LA FORMAZIONE POST-LAUREA 1 Gli studenti che dopo aver conseguito la laurea proseguono nella loro formazione sono in costante crescita e si aggirano attualmente intorno

Dettagli

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione Schede tipo per la Redazione dei Rapporti di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : Storia e Civiltà Europee Classe : LM 84 Sede: Potenza, Dipartimento di Scienze Umane Primo anno accademico

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

I giovani non demordono e cercano di resistere e di adattarsi

I giovani non demordono e cercano di resistere e di adattarsi Giovani e lavoro Data: 31 luglio 2012 La crisi economica ha aggravato la condizione dei giovani italiani peggiorando le opportunità di trovare un occupazione, di stabilizzare il percorso lavorativo, di

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI, PORTA, TIDEI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI, PORTA, TIDEI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2190 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI,

Dettagli

UNIVERSITÀ E RICERCA

UNIVERSITÀ E RICERCA UNIVERSITÀ E RICERCA PILASTRI SU CUI FONDARE LO SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO DEL PAESE L istruzione universitaria arreca non solo benefici individuali Per i giovani che la frequentano: oltre all acquisizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali

Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali ECONOMIA DELL'ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE a.a. 2012/2013 - Prof. G. Favretto Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali Serena Cubico Ricercatore

Dettagli

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO CAPITOLO 2 indagine QuAntitAtivA Maria Teresa Morana 1. INTRODUZIONE Gli studenti stranieri che decidono di studiare nel Comune di per un breve o lungo periodo possono scegliere tra i corsi di istruzione

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Nota tecnica 2 a) i corsi di studio da istituire e attivare nel rispetto dei requisiti minimi essenziali in termini di risorse strutturali ed umane, nonché quelli da sopprimere a.1 Proporzione di corsi

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015

Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015 Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015 (ai sensi dell art. 14 del Regolamento dei corsi di dottorato di ricerca emanato con D.R. n. 1548 del 7 agosto 2013)

Dettagli

A. Tarsia in Curia/Turismo e Psicologia 2 (2009) 365-372

A. Tarsia in Curia/Turismo e Psicologia 2 (2009) 365-372 La formazione turistica universitaria in Italia 365 Amedeo Tarsia in Curia Touring Club Italiano Abstract: Il boom dei corsi di laurea in turismo sembra essersi esaurito. Dopo anni di entusiasmo, l attuale

Dettagli

5. Il Finanziamento ministeriale e gli effetti del processo di riequilibrio dal 1995 al 2000

5. Il Finanziamento ministeriale e gli effetti del processo di riequilibrio dal 1995 al 2000 5. Il Finanziamento ministeriale e gli effetti del processo di riequilibrio dal 1995 al 2000 La legge collegata alla manovra finanziaria del 1994 (legge 24 dicembre 1993, n.537) ha avviato il processo

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

ISTITUZIONI E SVILUPPO La programmazione dei fondi strutturali 2007-2013 2013 in Calabria e le politiche per i giovani

ISTITUZIONI E SVILUPPO La programmazione dei fondi strutturali 2007-2013 2013 in Calabria e le politiche per i giovani ISTITUZIONI E SVILUPPO La programmazione dei fondi strutturali 2007-2013 2013 in Calabria e le politiche per i giovani Università della Calabria 25 marzo 2008 Dott. Alfredo Fortunato Quarta Parte Le politiche

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Undicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Undicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Undicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2009 EXECUTIVE SUMMARY L undicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si articola in due parti

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

Università: Ricerca e Innovazione

Università: Ricerca e Innovazione 7 Intervento dal titolo Università: Ricerca e Innovazione A cura di Prof. Silverio Bolognani Prorettore con delega per la Ricerca dell Università di Padova 8 9 Premessa Si coglie l occasione di questo

Dettagli

DL 112 (legge 133) Una cronistoria

DL 112 (legge 133) Una cronistoria DL 112 (legge 133) Una cronistoria - Il 25 giugno 2008, su proposta del Ministro del Tesoro On. Tremonti, il Consiglio dei Ministri approva (all unanimità, Ministro dell Università On. Gelmini compresa!)

Dettagli

Gli accordi di mobilità extra-ue - finanziamento della mobilità studenti

Gli accordi di mobilità extra-ue - finanziamento della mobilità studenti Gli accordi di mobilità extra-ue - finanziamento della mobilità studenti Questa presentazione sarà divisa in due parti: 1. Dedicata all Azione 2 del programma Erasmus Mundus 2. Dedicata alla negoziazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

PROGRAMMA ERASMUS MUNDUS II 2009/2013 Programma di mobilità e cooperazione nel settore dell istruzione superiore. Call 2012 Azioni 1, 2 e 3

PROGRAMMA ERASMUS MUNDUS II 2009/2013 Programma di mobilità e cooperazione nel settore dell istruzione superiore. Call 2012 Azioni 1, 2 e 3 PROGRAMMA ERAUS MUNDUS II 2009/2013 Programma di mobilità e cooperazione nel settore dell istruzione superiore Call 2012 Azioni 1, 2 e 3 Scadenze presentazione progetti: 30/04/2012 Scadenze presentazione

Dettagli

La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità

La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità Venezia, 27 aprile 2015 Raffaele de Lutio Direttore Centrale per i Paesi dell Africa sub-sahariana Attenzione del MAECI verso l Africa

Dettagli

Intervento del Sottosegretario Giuseppe Pizza CONVEGNO SULLA COOPERAZIONE UNIVERSITARIA TRA ITALIA E AMERICA LATINA

Intervento del Sottosegretario Giuseppe Pizza CONVEGNO SULLA COOPERAZIONE UNIVERSITARIA TRA ITALIA E AMERICA LATINA Intervento del Sottosegretario Giuseppe Pizza CONVEGNO SULLA COOPERAZIONE UNIVERSITARIA TRA ITALIA E AMERICA LATINA Ministero degli Affari Esteri, Roma Sala C. Nigra Martedì 4 ottobre 2011 Consentitemi

Dettagli

Con l occasione si porgono cordiali saluti.

Con l occasione si porgono cordiali saluti. Roma, 23 maggio 2007 Prot. n. 1517/2007 Al Ministro on. Fabio Mussi Al Sottosegretario on. Luciano Modica Ministero dell Università e Ricerca LORO SEDI OGGETTO: Consultazione telematica. Gentile Ministro,

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici FoRAGS FORUM REGIONALE ASSOCIAZIONI GENITORI SCUOLA Rimettere

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

Cesar Via Cottinelli,22-25062 CONCESIO (BS) t. 030 2180654 - info@cesarsudan.org www.cesarsudan.org

Cesar Via Cottinelli,22-25062 CONCESIO (BS) t. 030 2180654 - info@cesarsudan.org www.cesarsudan.org LA CHIAVE DELLO SVILUPPO Formiamo nuovi insegnanti per dare un domani al Sud Sudan Aggiungi un posto in classe c è un compagno in più! Concorso nazionale per scuole primarie e secondarie di I e II grado

Dettagli

Programma Vinci Bando 2013

Programma Vinci Bando 2013 Programma Vinci Bando 2013 Apertura della procedura di registrazione online: 14/1/2013 Termine per la registrazione online della candidatura: 4/03/2013 (ore 12.00 ) Termine per l invio della documentazione

Dettagli

II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO

II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO LO STATO DELLA RICERCA II.3.1 - IL DIMENSIONAMENTO DELLA RICERCA IN ITALIA E NEL CONFRONTO INTERNAZIONALE: RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali

Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali Firenze, 18 dicembre 2012 Prot. n. 127477 - Ai Presidi di Facoltà - Ai Direttori di Dipartimento e p.c. Ai Segretari Amministrativi

Dettagli

Si inverte la rotta TRA LE MISURE PREVISTE:

Si inverte la rotta TRA LE MISURE PREVISTE: RIPARTE LA SCUOLA, RIPARTE IL FUTURO Dopo la mortificazione dei tagli di risorse finanziarie e professionali degli ultimi anni, Si inverte la rotta A regime il decreto restituisce a istruzione università

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO Cenni storici e aspetti generali 1. Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), con sede a Roma, è stato creato nel 1977 a seguito di una

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

Art. 1. Le università come comunità di insegnamento e di ricerca. Art. 2. Diritto allo studio

Art. 1. Le università come comunità di insegnamento e di ricerca. Art. 2. Diritto allo studio Per la valorizzazione della responsabilità educativa e sociale, della capacità e del merito nell università e nella ricerca Art. 1. Le università come comunità di insegnamento e di ricerca. 1. La missione

Dettagli

I MODI DI ABITARE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI IN ITALIA E IN EUROPA OSSERVATI ATTRAVERSO L INDAGINE EUROSTUDENT

I MODI DI ABITARE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI IN ITALIA E IN EUROPA OSSERVATI ATTRAVERSO L INDAGINE EUROSTUDENT I MODI DI ABITARE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI IN ITALIA E IN EUROPA OSSERVATI ATTRAVERSO L INDAGINE EUROSTUDENT (Domenico Lovecchio) L Indagine Eurostudent sulle condizioni di vita e di studio degli studenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO. Politecnico di Bari

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO. Politecnico di Bari REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO Politecnico di Bari Decreto di emanazione D.R. n. 307 del 24/05/2002 D.R. n. 307 IL RETTORE VISTO VISTO lo Statuto di questo Politecnico; il Regolamento

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA di Liana Verzicco L UNIVERSITÀ Il contesto internazionale: lo spazio europeo dell istruzione superiore Nel XXI secolo sarà la conoscenza

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA VISTO il decreto del Ministro dell Istruzione dell Università e della Ricerca 11 aprile 2006, n. 217; VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233, istitutivo

Dettagli

Bicocca Plus: International University. Agnese Cofler, Settore Affari Internazionali Varenna, 8 novembre 2014

Bicocca Plus: International University. Agnese Cofler, Settore Affari Internazionali Varenna, 8 novembre 2014 Bicocca Plus: International University Agnese Cofler, Settore Affari Internazionali Varenna, 8 novembre 2014 Oggi un ateneo gioca la sua battaglia per l eccellenza nella capacità di internazionalizzarsi.

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli