IL CINEMA, DISPOSITIVO PEDAGOGICO PER VIAGGI VIRTUALI IN AFRICA. Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CINEMA, DISPOSITIVO PEDAGOGICO PER VIAGGI VIRTUALI IN AFRICA. Introduzione"

Transcript

1 IL CINEMA, DISPOSITIVO PEDAGOGICO PER VIAGGI VIRTUALI IN AFRICA Introduzione Allora, ecco come si fa il cinema. A partire da stasera, per fare un film si chiudono gli occhi: si chiudono bene gli occhi e dentro, dentro al nero ci sono delle scintilline, c è luce. Si inventano storie, delle belle storie. Il nero diventa lo schermo bianco con la nostra bella storia del film e quando si riaprono gli occhi il film è già qui e si invitano le persone a vederlo. Allora grazie, sono stato al cinema con voi stasera. Il grande regista senegalese Dijbril Diop Mambéty, durante una pausa al festival del cinema africano che si svolge a Ouagadougou nel Burkina Faso, racconta così a un gruppo di bambini raccolti intorno a lui, con leggera e intensa poesia, cos è il cinema e come si può creare un film con il solo dono dell immaginazione. Paradossale che per re-imparare a guardare meglio sia necessario chiudere gli occhi? No, se si pensa che nello scenario contemporaneo (caratterizzato da forme di comunicazione multicanalizzate e sempre più articolate su base iconica e audio-visiva), la tendenza più diffusa è quella dell assorbimento acritico di ciò che l universo mediatizzato offre, soprattutto tra le giovani generazioni. La digital generation è sempre più disponibile ad attraversare le frontiere elettroniche e le autostrade informatiche, a navigare nel web, a transitare nelle agorà telematiche, a nutrirsi di realtà virtuali, a consumare con gli occhi mondi ed esperienze narrati dentro la cornice dello schermo televisivo o cinematografico, ma spesso lo fa senza capacità selettiva, critica, analitica, estetica e la conseguenza più evidente e immediata di ciò è lo sviluppo di un immaginario sempre più convergente e omologato e una sempre più diffusa tendenza a guardare «di sfuggita», a non cogliere l essenza, a trattenere solo schegge, frammenti, piccoli particolari Ecco perché una delle sfide più interessanti che ci si dovrebbe giocare oggi in ambito educativo è quella di insegnare a chiudere gli occhi per re-imparare a guardare meglio, per ritrovare il piacere di emozionarsi di ciò che compare dentro una visione nera, per cercare nella propria immaginazione nuove visioni e nuove forme di rappresentazione del reale. Una sfida che può essere giocata impegnandosi a fornire agli studenti degli occhiali e delle chiavi un po speciali Occhiali selettivi, in grado di aiutarli a guardare meglio, più in profondità, con maggiore attenzione per cogliere le strutture celate, i particolari nascosti, i punti di vista inaspettati, trasgressivi, divergenti della rappresentazione visiva. E chiavi capaci di dar loro la possibilità di oltrepassare la prima porta, quella della superficie, della prima impressione, dello sguardo distratto, per andare oltre, per entrare dentro i meccanismi su cui si fonda il grande mondo delle immagini, per conoscerli, comprenderli e, perché no, utilizzarli in una prospettiva nuova in cui essi stessi non siano più solo fruitori passivi di immagini preconfezionate da altri, ma diventino autori attivi capaci di inventare creativamente le proprie immagini, magari proprio andando a cercarle dentro ai loro occhi chiusi, in quel buio in cui tutto può nascere e prendere forma proprio come ben ci insegna il regista Mambéty. Rifondare dunque un etica e un estetica dello sguardo: questo credo sia il paradigma dal quale partire per cercare di sviluppare pensieri divergenti, multiprospettici, poliedrici. Per imparare a guardare dentro i territori di uno schermo con gli occhi del cuore e della mente. Per ascoltare le proprie emozioni e trovare nuove forme per narrarle.

2 LA RAPPRESENTAZIONE DELL «ALTRO E DELL ALTROVE» NEL CINEMA OCCIDENTALE Il cinema catapultando spesso lo spettatore «dentro» luoghi esotici e sconosciuti, facendogli assaporare il gusto e il piacere di esplorare con lo sguardo altri mondi, di «viverci in mezzo», di essere protagonista e di attraversare limiti, confini e frontiere contribuisce molto spesso a creare infinite rappresentazioni dell «altrove». Dato, questo, che si amplifica enormemente laddove l «altro» e l «altrove» non sono spazialmente vicini e quindi esperibili e condivisibili in modo diretto. Così facendo succede però che certe rappresentazioni virtuali del mondo siano a volte quanto meno parziali, se non addirittura inadeguate e stereotipate. Rappresentate e descritte con le parole, le immagini e gli scopi funzionali e utili a chi le produce, in certi casi sono proprio tali «messe in scena del villaggio globale» a creare un fertile terreno nel quale proliferano gli stereotipi e si pongono le radici dei pregiudizi (che hanno come ovvia conseguenza la negazione di corrette relazioni con l altro da sé ). Se la rappresentazione poi riguarda il Sud del mondo, è molto facile che certe immagini offerte illustrino solo alcuni aspetti, alcune categorie, a discapito delle vera essenza, molto spesso assolutamente ignorata, di quelle complesse realtà geografiche e antropologiche. Ed è proprio alla luce di tali considerazioni e a partire dalla consapevolezza che un certo cinema, ma ancor più i mass media con i quali entriamo in relazione quotidianamente, tendono per la maggior parte (con qualche debita eccezione) a fornire all Occidente una rappresentazione del Sud del mondo piuttosto parziale e spesso scorretta, che risulta importante, anzi necessario, promuovere in ambito educativo percorsi di «educazione allo schermo» secondo un ottica interculturale. Percorsi cioè attraverso i quali offrire altre possibili «visioni», altri sguardi, altre immagini dell «altrove». Ovviamente per sviluppare un itinerario di lavoro che sappia assumere il dubbio e la riflessione critica come punti forti e non si muova per apriorismi e luoghi comuni, credo sia necessario partire dalle preconoscenze e dalle rappresentazioni mentali di ciascuno. L interrogativo di partenza potrebbe allora proprio essere questo: di quanta televisione e di quanto cinema siamo fatti? Quanto le immagini dell «altrove» che il cinema e la tv ci offrono influiscono sui nostri comportamenti, sulle nostre idee? Per rispondere a queste domande, la prima operazione da fare potrebbe essere quella di analizzare criticamente un certo tipo di cinema e di informazione televisiva, decostruirli, smontarli pezzo per pezzo per guidare gli sguardi, per renderli sempre più capaci di leggere con attenzione e in grado di sottrarsi a facili condizionamenti e sviluppi di immaginari «indistinti». Per fare ciò, le attività e le strategie metodologiche potrebbero essere molteplici. Come esempio di un possibile percorso di analisi-riflessione sulla messa in scena del Sud del mondo da parte del cinema d Occidente, mi soffermerò sulla rappresentazione dell Africa, in quanto parte del Sud del mondo spazialmente (e non solo!) molto vicina alla nostra realtà.

3 LA RAPPRESENTAZIONE DELL AFRICA NEL CINEMA OCCIDENTALE Sono numerosi i film che nel corso della storia del cinema si sono in qualche modo occupati d Africa, hanno puntato l obiettivo su questo continente sia come realtà geografica, teatro delle più svariate avventure, sia come realtà antropologica. La visione dunque di una serie di sequenze cinematografiche (non sempre è necessario vedere tutto il film, a volte è sufficiente analizzarne una parte funzionale al discorso che si intende sviluppare) tratte da film della produzione occidentale può offrire lo spunto per analizzare le modalità di messa in scena dell Africa come luogo geografico (tipo di inquadrature: in esterni, in interni, diurne, notturne, campi ravvicinati, campi lunghi, elementi spaziali che ricorrono, presenza o meno di figure umane ); degli africani (caratteristiche fisiche, abbigliamento, ruolo nel film, modalità attraverso cui la macchina da presa li inquadra) e degli occidentali (caratteristiche fisiche, abbigliamento, ruolo nel film, modalità attraverso cui la macchina da presa li inquadra) come modelli antropologici e per riflettere sulla funzione e sul significato di dialoghi, commenti, voci fuori campo, musica e sull uso di particolari strategie linguistiche (grandezza piani e campi, angolazione di ripresa, movimenti di macchina, uso di soggettive, rapporto fra campofuoricampo-controcampo). A partire infatti da certo cinema coloniale degli anni Venti-Trenta fino a giungere ai film più commerciali degli anni Ottanta-Novanta non sarà difficile individuare tanti prodotti dai quali emerge un Africa illustrata attraverso categorie che spesso non le appartengono e mostrata negli aspetti che contano di meno. E sarà facile individuare numerosi stereotipi rafforzati da questo tipo di cinema. Attraverso una serie di domande si potrà guidare l analisi delle sequenze: quanto anche il cinema (ma non solo, anche la pubblicità, la fotografia ) nella messa in scena dell «altro» ha seguito delle rappresentazioni funzionali di volta in volta all Occidente? Quanto in certi film ritroviamo l immagine del selvaggio, dell indigeno, del sottosviluppato? Per consentire un analisi comparata di alcuni testi filmici, potrebbe essere opportuno, come mostrerò di seguito, raggruppare gli stessi in macrocategorie, seguendo, magari, anche un criterio cronologico. Il cinema italiano di regime: il cinema coloniale «Il mito africano, la follia di un impero complessato sul viale del tramonto della politica coloniale mondiale sono tutti elementi che hanno dato un carattere originale all immaginario africano del cinema italiano. L Africa da prima del fascismo a oggi rimane sullo schermo come il luogo del sogno, della fuga dalla realtà. Nel vasto panorama della cinematografia italiana, a eccezione del filone esotico/erotico, le immagini dell Africa sono piuttosto rare, a parte qualche film degli anni Sessanta sull onda delle rivoluzioni per l indipendenza o dei film appunto dell epoca coloniale anni Venti-Trenta. ( ) Il cinema italiano si rivolge per esempio all Africa quando il fascismo, nella seconda metà degli anni Venti, inizia a comprendere il grande potere dei media e a utilizzare lo schermo cinematografico come transfert delle proprie ambizioni nazionalistiche. I film "africani" d Italia nascono così come dirette appendici dell ideologia imperialista. I film del filone africano degli anni Trenta sono tutti ambientati in Etiopia o Libia e condividono l obiettivo di celebrare e rendere popolare l ideologia di regime. Strumenti diretti di trasmissione dello spirito imperialista del fascismo sono inoltre, ancor più dei film di fiction, i cinegiornali e i documentari.

4 L immenso patrimonio dell Istituto Luce in Africa, immagini di una storia atroce, è finito nel dimenticatoio degli archivi. Rarissime purtroppo le occasioni in cui si è potuto visionare». 1 In questo filone si inseriscono comunque a pieno titolo anche film ancora reperibili, seppur con qualche difficoltà (attenzione alla programmazione televisiva notturna!!), come: Lo squadrone bianco di Augusto Genina, 1936; Scipione l africano di Carmine Gallone, 1937; Luciano Serra pilota di Goffredo Alessandrini, 1938; Abuna Messias di Goffredo Alessandrini, 1939; Bengasi di Augusto Genina, In questo genere di film l italiano, il conquistatore, è essenzialmente buono, leale, comprensivo e in grado di liberare l africano dalle barbarie delle pratiche tradizionali: le case in muratura contrapposte ai miseri tukul, le strade asfaltate alle mulattiere e così via. Gli stereotipi maggiormente rafforzati in questo genere di film sono indubbiamente quelli richiamati da Ivan Illich nel 6 grado di rappresentazione dell altro: il bianco colonizzatore buono, intraprendente, coraggioso, altruista, disponibile, civilizzato e l africano sottosviluppato, pigro, indolente, passivo, sottomesso, ma acquiescente, riconoscente nei confronti dell italiano portatore di cultura e civiltà. Il cinema d avventura: la sindrome di Tarzan A questo genere di film possiamo poi aggiungere tutti i classici del genere avventuroso, fra cui la saga di Tarzan che può essere considerata a pieno titolo capostipite dell avventura esotica. In essi l Africa come luogo geografico è caratterizzata ovviamente da natura incontaminata, selvaggia, misteriosa, pericolosa, labirintica nella quale l esploratore-conquistatore bianco deve mettere alla prova il proprio coraggio e la propria abilità. Superare ostacoli, impedimenti, trappole di ogni tipo è il modo ancora una volta per decretare la superiorità implicita nell essere bianco e occidentale. E i protagonisti dei vari film ci riescono sempre, anche quando sembrano in pericolo estremo, sanno cavarsela e alla fine vincono, decretando una volta per tutte il loro ruolo di eroi. E agli africani quali ruoli spettano in questo genere di film? Sostanzialmente quattro: quello di aiutanti-guide indispensabili all esploratore per orientarsi nella natura labirintica (anche in questo caso sono comunque figure subalterne a cui non è mai data possibilità di vera azione); quello dei selvaggi cannibali e pericolosi che assumono dunque il ruolo di antagonisti, costituiscono un grave pericolo per l incolumità del bianco e sono perciò da uccidere appena compaiono all orizzonte; o ancora quello di gruppi di malvagi e ribelli che vogliono liberarsi dei bianchi e dunque sono da sconfiggere (questo terzo caso è tipico anche nei film d avventura ambientati in India nel periodo coloniale); o infine quello del buon selvaggio molto più simile in tutto e per tutto agli animali che agli uomini. Nel caso per esempio del primo film sonoro della serie di Tarzan, intitolato Tartan, l uomo scimmia di W.S. Dyke (1932 Usa), siamo di fronte a un esempio emblematico di messa in scena degli africani che va in questa direzione. È sufficiente, per averne chiara dimostrazione, prendere in esame la sequenza del film in cui le diverse tribù si incontrano con gli occidentali per commerciare. Si tratta di una sequenza emblematica che racchiude in sé tutta la forte connotazione ideologica che si nascondeva dietro a questi film apparentemente «innocui e adatti ai ragazzi». Si noti, fra l altro, che in questo caso specifico la messa in scena degli africani è «finta»; per girare la scena sono cioè stati utilizzati dei fondali trasparenti. Si tratta di immagini del repertorio documentaristico, usati come fondali dell azione. Gli africani appaiono così piatti, senza «spessore» e in netto contrasto con la «corporeità» degli occidentali. Nella sequenza vediamo inoltre Jane che osserva tutti i componenti delle tribù e noi spettatori guardiamo «con i suoi occhi»: le riprese sono infatti girate in soggettiva proprio per rafforzare il processo di identificazione dello spettatore con il bianco. Nessuna soggettiva, mai, è consentita a un africano su un occidentale. 1 AA.VV., Catalogo del festival del Cinema Africano - V edizione 1995, cit., pp

5 Il cinema commerciale dagli anni Ottanta in poi Da Tarzan in poi il mito del «buon selvaggio» o, al contrario, il pericolo «dell indigeno bestiale» si è andato via via rafforzando e gli stereotipi nella messa in scena dell Africa e degli africani sono risultati sempre più frequenti e marcati, soprattutto in quel genere di cinema commerciale destinato al grande pubblico. È interessante a questo proposito prendere in considerazione alcuni film molto recenti perché tra l altro questi sono oggi i più visti dai ragazzi e dunque quelli che necessitano maggiormente di operazioni di analisi e smontaggio critico. Proprio quei film tanto conosciuti, amati e consumati dai ragazzi, quanto aborriti dagli educatori, sono infatti molto spesso i primi responsabili della produzione di rappresentazioni mentali. Ed è solo lavorando su tali preconoscenze che si può cercare di erodere pregiudizi e provare a far intraprendere strade di conoscenza nuove. Alcuni titoli per svolgere un lavoro di analisi comparativa: Ace Ventura Missione Africa di S. Oedekeek, 1995 Usa; Cacciatore bianco, cuore nero di C. Eastwood, 1990 Usa; Il gioiello del Nilo di L. Teague, 1985 Usa. In generale si tratta di film che, pur nelle loro ovvie diversità narrative, presentano per quanto riguarda la rappresentazione dell Africa e degli africani dei denominatori comuni molto evidenti. - L Africa oggetto del desiderio per viaggi esotici, erotici, avventurosi è caratterizzata ancora una volta da una natura incontaminata, spazi immensi, deserti sconfinati, spiagge bianche, mare cristallino. Lo spazio è caratterizzato inoltre dall assoluta assenza di qualsiasi essere umano. Non esistono città in questa rappresentazione dell Africa, né abitazioni che non siano capanne di fango e di paglia. - Gli africani messi in scena sono generalmente tutti «molto neri». Gli uomini sono grandi, grossi, forti, muscolosi, possenti, «abili con il corpo, ma non con la mente». Le donne invece sono generalmente belle, seducenti, con una forte carica erotica e, ovviamente, vestite il minimo indispensabile. Tutti emettono «suoni gutturali» incomprensibili o parlano un italiano scorretto e approssimato (uso dei verbi all infinito, inversione lettere P/B). In ogni momento si mostrano con visi e corpi dipinti in modo caricaturale e assolutamente distante dalle loro reali tradizioni ornamentali. Sono generalmente vestiti con «poche cose» dai colori sgargianti e sono spesso scalzi. Rivestono sempre un ruolo secondario, non sono mai protagonisti dell azione, ma semplici comparse private di una storia, una identità, di pensieri e voce propri. La macchina da presa non dedica loro mai troppo spazio né troppo tempo: sono spesso inquadrati in gruppo, in campo totale, a parte quando va evidenziato qualche aspetto negativo del loro comportamento o del folklore. Interpretano spesso la parte dei servi: sono camerieri in livrea bianca (di coloniale memoria), aiutanti, portatori, autisti, guide turistiche. Le donne sono anche seducenti danzatrici e, di queste, vengono messi in evidenza, con mirati primi piani e dettagli, gli «attributi fisici» capaci di suscitare desideri e fantasie erotiche. Sono spesso rappresentati nella veste di antropofagi, cannibali, selvaggi, tribali o di guitti ridicoli e capaci solo di fare molto rumore e di ballare. Lavorando per contrasto si sottolineano spesso l arretratezza, la confusione, gli aspetti «incivili» del folklore, in contrapposizione con il lindore e la modernità della civiltà occidentale. La messa in scena degli occidentali invece si muove su un piano completamente diverso: gli uomini sembrano, in generale, tutti usciti da musei etnografici con le loro sahariane sempre linde, gli stivali neri, il caschetto da esploratore o il panama accuratamente bianco. Le donne, quasi tutte rigorosamente bionde e con la pelle diafana, indossano anch esse abiti eleganti dalle tinte sabbia.

6 Hanno sempre i ruoli primari: sono i protagonisti dell azione, interpretano le parti di persone importanti, di successo: registi, scrittori, esploratori, avventurieri, ricchi capitalisti spinti in Africa da interessi economici o da desideri di avventure «fuori dal comune». La macchina da presa riserva loro sempre spazi e tempi privilegiati: molti primi piani, molte inquadrature frontali o oblique dal basso (a sottolinearne importanza e potere), molte soggettive. Le loro voci, i loro pensieri funzionano spesso da «io narrante» e, quando sono fuori campo, guidano lo spettatore nell evolversi delle vicende. Nella relazione con i nativi del luogo viene sottolineata spesso la loro superiorità culturale, un maggior grado di evoluzione, un maggior livello d intelligenza, di furbizia, di arguzia e vengono inoltre sottolineate la bontà e l altruismo occidentale. - Le strategie di ripresa e gli artifici del linguaggio cinematografico più utilizzati in questo genere di film tendono a mettere in scena un Africa spesso «vista dal finestrino». Lo sguardo dell occidentale sul luogo è cioè frequentemente mediato da vari generi di «cornici»: finestrini d auto appunto, finestre d abitazioni, porte o altri oggetti-simbolo di separazione. L uso poi di veloci carrellate, panoramiche o camera car su luoghi e situazioni simboleggiano lo sguardo dell occidentale: veloce, disattento, sfuggente, che accarezza sempre la superficie delle cose, senza riuscire mai ad andare in profondità. Anche l uso frequente del campo/controcampo (quest ultimo diventa spesso anche fuoricampo) per inquadrare le due culture (africana e occidentale) separatamente, è una scelta volta quasi a marcarne, sottolinearne il confine, la separazione o a decretare addirittura un impossibilità di relazione/comunicazione. La scelta infine di un certo tipo di frasi-dialoghi-battute dense di luoghi comuni definisce con immediatezza il punto di vista che si vuol far condividere allo spettatore. Il cinema d autore o dei «buoni sentimenti» Un altra tendenza che si è andata diffondendo nel corso degli ultimi anni, soprattutto in certo cinema «d autore», è quella della rappresentazione dell Africa come luogo-metafora di fuga, ricerca, deriva esistenziale. Protagonisti, in questo caso, sono assolutamente e unicamente i bianchi. Gli africani non ci sono o se ci sono hanno valore di puro contorno decorativo: l obiettivo della macchina da presa non si occupa di loro né per raccontarne la storia, né per rafforzare immagini stereotipate o, se lo fa, è solo in funzione strumentale alla narrazione delle vicende del bianco. Ciò che conta in questi film è il rapporto fra i protagonisti e lo spazio. L Africa ignota e aliena diventa luogo ideale di fuga e/o ricerca di una nuova identità. Il deserto africano, spazio vuoto per eccellenza, diventa territorio privilegiato di perdita, deriva, è metafora spesso del vuoto dell animo umano, di cadute interiori, di smarrimenti, di ricerca delle proprie radici. Titoli emblematici di questo filone sono La mia Africa di S. Pollack (Usa 1985) e Il tè nel deserto di B. Bertolucci (Italia 1990), ma anche Gorilla nella nebbia, Il paziente inglese, Marrakech Express... Anche film di questa categoria o quanto meno alcune sequenze rappresentative della filosofia che muove il racconto possono essere presi in considerazione e analizzati, soprattutto per una riflessione intorno al rapporto che intercorre fra l uomo occidentale e la ricerca di «un altrove diverso» dove poter reinventare la propria esistenza. Il cinema «impegnato» e di denuncia L ultima categoria del cinema occidentale che propone uno «sguardo altro» sull Africa e/o sugli africani è infine quella in cui si possono inserire tutti quei film sicuramente più onesti e corretti sul piano della rappresentazione dell altro e dell altrove che in diverso modo hanno raccontato storie di conflitti etnici, di interessi di potere del Nord del mondo sul Sud del mondo o che hanno messo in scena altre problematiche socio-politiche.

7 In questo filone cinematografico ci sono a pieno titolo quei film che hanno posto un attenzione particolare al problema dell apartheid in Sud Africa, come Grido di libertà di R. Attenborough (Gb 1987), Un mondo a parte di C. Menges (Usa/Gb 1988), Un arida stagione bianca di Euzhan Palcy (Usa 1988), Sarafina di J. Roodt; film come Tempo di uccidere di G. Montaldo (Italia 1989) che invece porta sullo schermo i paradossi dell epoca della conquista dell Etiopia o La battaglia di Algeri di Gillo Pontecorvo (Italia 1966) che mette in scena il sanguinoso scontro tra i parà francesi e i ribelli del Fronte di liberazione nazionale. O, ancora, i film che affrontano la questione degli immigrati nordafricani in Italia e in Europa, evidenziando i problemi di integrazione-accettazione degli extracomunitari, come L articolo 2 di M. Zaccaro (Italia 1993) o Pummarò di M. Placido (Italia 1990) o il recente e particolarmente significativo La promesse di Luc e Jean-Pierre Dardenne (Belgio 1997): film che sa affrontare in modo toccante il tema dell immigrazione clandestina, dello sfruttamento della manodopera, dello scontro fra due culture, ma anche del confronto/scontro fra due generazioni: quella del padre e quella del figlio. Inoltre il film La promesse può comparato con un altro film Le cri du coeur di Idrissa Ouedraogo (Burkina Faso/Francia) che affronta il medesimo tema dell immigrazione, narrato però dal punto di vista dell africano costretto a lasciare il proprio paese. I film di questa categoria si prestano a essere visti e analizzati e consentono un graduale passaggio verso una visione più articolata e complessa dell «altrove». Dal cinema d Occidente al cinema africano L analisi della rappresentazione dell Africa nel cinema occidentale può aiutarci a capire dove stanno le radici delle nostre immagini mentali e può consentirci l individuazione degli stereotipi più ricorrenti; può essere un buono stimolo per incrinare certezze e per far nascere dubbi e nuove domande, ma certamente, se ci si fermasse a questo punto, non si potrebbe dire di aver compiuto un percorso di educazione interculturale in quanto non avremmo aggiunto altre rappresentazioni a quelle già in nostro possesso. Cinema occidentale dunque come punto di partenza dal quale muoversi per avvicinarsi poi a quei prodotti filmici in cui il Sud del mondo acquista voce propria, parla di sé con parole, suoni e immagini che gli appartengono. Il passaggio a quelle narrazioni che si muovono partendo da altri punti di vista e propongono altre visioni del mondo è cioè da considerarsi obbligato se vogliamo «nutrire» il nostro immaginario non sempre e non solo con visioni etnocentriche del mondo. Per esempio, il giovane cinema africano (purtroppo ancora misconosciuto da molti) rappresenta senza dubbio una grande opportunità per dar voce a culture «altre», ma soprattutto per indurci ad aprire occhi e orecchie ad un altra visione che dell Africa ci aiuti a cogliere la complessità e anche le contraddizioni, ma a partire da condizioni di dignità e da rappresentazioni che non siano solo quelle dei depliant turistici o degli annunci pubblicitari. Uno sguardo alla storia del cinema africano Una descrizione della cinematografia africana può essere effettuata dividendo il continente in grandi aree e scegliendo come criterio il fattore linguistico, non quello delle lingue africane estremamente numerose, ma quello delle lingue introdotte in Africa dalle potenze coloniali. Si può parlare così di Africa francofona, anglofona, lusofona, settentrionale dei paesi islamizzati e Africa australe che, pur appartenendo all Africa anglofoba, presenta caratteristiche peculiari. Ci soffermeremo ora in particolare sull Africa francofona subsahariana, area geografica in cui si colloca il Burkina Faso. Area francofona I paesi di area francofona sono stati i primi ad affacciarsi sulla scena cinematografica e anche quelli che hanno prodotto opere fra le più significative. È un cinema nato sulla scia delle indipendenze nazionali e quindi all indomani del La prima nascita del cinema africano vero e proprio viene da registi africani che si trovano a vario livello in Europa, soprattutto a Parigi. Mali e Burkina Faso,

8 i due paesi alla ribalta nella produzione cinematografica, sono paradossalmente fra i più poveri del continente africano. Senegal Il Senegal è indubbiamente la culla del cinema africano e il paese che forse ha offerto le migliori opere. La sua produzione illustra bene le tendenze e i dilemmi tipici dei registi africani, soprattutto quelli della prima generazione: - relazioni fra africanità e cultura europea; - reperimento nella cultura africana degli aspetti da conservare e degli aspetti da abbandonare: - individuazione degli antichi nemici (potenze coloniali) e dei nuovi nemici (borghesia autoctona, corrotta e legata mani e piedi al neocapitalismo); - ripresa dell antico patrimonio culturale orale e dei più recenti testi letterari; - tendenza a risolvere o aggirare il problema della molteplicità di lingue africane, realizzando film «visivi» nei quali si riduce al minimo il linguaggio parlato e si dà ampio uso del linguaggio non parlato: gesti, sguardi, ambienti, contesti; - ricerca di un linguaggio semplice e di una trama da cui far scaturire una lezione morale e delle prospettive di possibili strade verso il futuro; - prospettiva etnologica, ma anche una lettura marxisteggiante della realtà politica e sociale. Il regista più rappresentativo del Senegal è incontestabilmente Sembène Ousmane ( ), regista e scrittore di fama internazionale, considerato a pieno titolo il padre della cinematografia africana. Egli ha prodotto in media un film ogni due anni. Nell insieme della sua produzione traspare una decisa rivolta contro le varie borghesie africane e contro i loro asservimenti neocoloniali. La noire de (1966) è considerato il primo lungometraggio africano e racconta la storia del tragico destino (suicidio) di una domestica senegalese in Francia. Un film molto importante di Sembène è sicuramente Campo Thiaroye (1987) in cui si denuncia il colonialismo e il comportamento delle truppe francesi nei confronti degli africani arruolati tra le loro truppe nel corso della seconda guerra mondiale. Altra regista molto importante è Safi Faye, unica donna dell Africa nera autrice di lungometraggi. Regista di fama internazionale, prematuramente scomparso, è Djibril Diop Mambety regista di film quali: Contras City cm, Touki Bouki (Il viaggio della iena) lm, Parlons Grand-Mère (Parliamo nonna) lm, Hyènes (Iene), Le franc (Il franco) mm, La petite vendeuse de soleil (La piccola venditrice di sole) mm. Mali Il Mali è uno dei pochi paesi africani che possiede già da diversi anni un industria cinematografica diretta e sovvenzionata dallo stato. Il regista degli anni Ottanta più rilevante, maturo e coinvolto nelle realtà politiche e sociali del paese è stato senza dubbio Souleymane Cissé (1940). Anch egli si è formato come Sembène soprattutto a Mosca. La produzione di Cissé è molto ricca e rappresenta una felice contaminazione fra le lezioni tipiche del cinema europeo e la cultura orale autoctona. Fra i suoi principali film: Den Muso (La ragazza) 1975, Baara (Il portatore) 1978, Finyé (Il vento) 1982 e Yeelen (La luce) 1987 premio della giuria a Cannes, uno splendido inno plastico sul percorso iniziatico di un ragazzo alla ricerca dei poteri magici di suo padre. Un altro regista maliano importante è Cheikh Oumar Sissoko, artista che passa dal burlesco alla denuncia violenta con film come Nyamanton, lezione dell immondizia (1986), Finzan (1989), Nijugu Guimba (Il tiranno 1991). Altro regista da segnalare è Adama Drabo con film come Ta Dona (Al fuoco)e Taafe Fanga con il quale ha ricevuto il premio speciale della giuria al Fespaco Il film affronta il tema spinoso e difficile dell uguaglianza fra uomini e donne e del necessario rispetto delle differenze fra i sessi. Drabo per parlare di ciò ricorre a una leggenda dogon

9 che narra come le donne presero il potere e costrinsero gli uomini ad assumere ruoli femminili e a sperimentare la durezza della vita quotidiana vissuta al femminile. NOTE * I testi di questo pdf fanno riferimento agli interventi di Patrizia Canova contenuti nel «Quaderno Ismu 7/1996: Oltre il mosaico di culture» (pp ) e nel catalogo «Arrivano i film 1998/99», Regione Lombardia Direzione Generale Cultura (pp. 7-13).

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

incontro e condivisione la strada: un luogo non solo un percorso

incontro e condivisione la strada: un luogo non solo un percorso incontro e condivisione la strada: un luogo non solo un percorso AGESCI ROUTE NAZIONALE 2014 Inventare la strada è un rischio, è il rischio: ma il rischio è la condizione della libertà, è l ambito della

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Liceo Mazzini - La Spezia a. s. 2010/11. classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione

Liceo Mazzini - La Spezia a. s. 2010/11. classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione Liceo Mazzini - La Spezia a. s. /11 classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione Nell ambito della programmazione di Laboratorio della Comunicazione, la nostra classe ha svolto

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli