anna casella paltrinieri * Lavoro femminile in Africa: il dono, la reciprocità e il sacrificio. Riflessioni di antropologia dello sviluppo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "anna casella paltrinieri * Lavoro femminile in Africa: il dono, la reciprocità e il sacrificio. Riflessioni di antropologia dello sviluppo."

Transcript

1 anna casella paltrinieri * Lavoro femminile in Africa: il dono, la reciprocità e il sacrificio. Riflessioni di antropologia dello sviluppo. A vederle curve nei campi, coi neonati legati sul dorso, accompagnate dai ragazzetti più grandi, non si può certo indulgere in considerazioni romantiche. Il lavoro, per le donne africane, è prima di tutto fatica. Ma non si tratta solo della fatica della coltivazione. In qualsiasi mercato, rurale o urbano, si incontrano donne impegnate a vendere ogni cosa: dai prodotti della terra (i pomodori, le cipolle ) alle medicine, alla conserva di pomodoro, ai tessuti, alle pentole di alluminio 1. Nel corso di una recente visita in Bénin ho potuto aggiornare la mappa delle attività che competono alle donne africane: spaziano dalla agricoltura, all allevamento, alla manutenzione della casa, alla produzione di tessuti ed utensili, al commercio (di alimenti, di oggetti artigianali e dell industria), all insegnamento, all'accompagnamento e alla cura. Se ci concentriamo sopratutto sulla fascia più povera della popolazione, il mondo rurale, dobbiamo osservare come il lavoro per le donne africane sia una modalità di vita. Anzitutto perchè si realizza entro gli spazi della quotidianità familiare, poi per l enorme dispendio di tempo che richiede e, infine, perché non si limita ad una funzione ripetuta e nella quale le donne divengono specialiste, ma raggruppa una lunga serie di attività tra loro eterogenee, in gran parte riferite alla sussistenza e alla cura. La donna contadina, che dispone sostanzialmente di un solo strumento, una zappa dal manico corto, sa padroneggiare l intero ciclo della coltivazione, della raccolta, della trasformazione e distribuzione di cibo 2. Lo si vede molto bene nella produzione del garì, la farina di mandioca che ha grande utilizzo nella cucina beninese e che si ricava appunto, da una varietà di mandioca (manihot esculenta). Pur non richiedendo, come la mandioca brasiliana utilizzata dagli indigeni, * Docente di antropologia culturale - Università Cattolica del Sacro Cuore. 1 Ho già trattato questo argomento in un volume dal titolo Mercati del Mozambico (Vita e Pensiero, Milano, 2005) frutto di una ricerca sul campo nelle regioni mozambicane di Sofala e Cabo Delgado. 2Kaag M., Usage foncier et dynamique sociale au Sénégal rural, Rozenberg, Leyden, 2005, pp. 116 ss.

2 l eliminazione del principio velenoso, la trasformazione in fecola e, in seguito, in garì impone una lavorazione piuttosto lunga, poiché il tubero deve essere dapprima tagliato in pezzi, lasciato macerare, spremuto, tostato e, finalmente, ridotto in farina. Non si spreca nulla perché ciò che si ricava dalla spremitura viene utilizzato per produrre tapioca. Dunque, le donne del Bénin (ma la considerazione può essere estesa a tutte le donne africane che vivono in campagna) sono specialiste nella produzione di cibo per l'alimentazione o per la vendita nei mercati. Esse conoscono, coltivano e trasformano molti prodotti come i pomodori, le cipolle o le arachidi che vendono sia fresche sia tostate, l igname (varie piante del genere dioscorea), il pesce che viene affumicato per essere meglio conservato, ecc. Sono anche capaci di utilizzare alimenti non tradizionali, ad esempio la soia con la quale producono un formaggio, mediante un procedimento artigianale. E la loro attività non si esaurisce nella lavorazione agricola e nella commercializzazione: presso il centro di accoglienza per giovani sfuggite ai matrimoni forzati, nella città di Bohicon (nei pressi della antica capitale del Dahomey, Abomey), ci è capitato di osservare la produzione delle pentole di alluminio realizzata da ragazzine la cui età andava dai nove ai diciotto anni. Come ai primordi della metallurgia, esse utilizzavano un rudimentale forno incassato nella terra (la cui ventilazione era garantita dal movimento della ruota di una bicicletta) nel quale facevano fondere l'alluminio che poi collocavano in stampi d'argilla preparati al momento 3. Questi brevi esempi possono suggerire riflessioni relative sia alla metodologia con la quale studiare il lavoro femminile in contesti non occidentali, sia a temi oggi molto dibattuti come la differenza tra sistemi economici e la loro qualità, sia infine, alla relazione tra lavoro femminile e sviluppo. Lavoro è un termine sintetico e non permette bene di capire quale sia l esperienza delle donne che vivono nelle campagne dell Africa (o dei paesi poveri). In generale si definisce come lavoro una attività remunerata e formalizzata, un insieme di mansioni specifiche che strutturano relazioni entro un preciso sistema giuridico di diritti e doveri 4. Questa descrizione, che fa riferimento ad un sistema economico complesso, orientato secondo uno schema liberista e alle profonde 3 Sia la produzione di formaggio di soia, sia la realizzazione delle pentole di alluminio sono state da me osservate nella città di Bohicon nel giugno Del resto, come ben si vede in questi ultimi tempi, anche in Occidente il lavoro ha subito tante e tali trasformazioni da risultare spesso irriconoscibile. Nicoli D., Il lavoratore coinvolto. Professionalità e formazione nella società della conoscenza, Vita e Pensiero, Milano, 2009.

3 trasformazioni culturali legate ai movimenti di difesa e tutela dei lavoratori, come quelle che si sono verificate in Europa nel Novecento, mostra tutti i suoi limiti etnocentrici se applica alla condizione delle donne africane delle campagne. Anzitutto, la loro attività va collocata entro la sfera privata, domestica: una famiglia allargata che può essere molto numerosa, strutturata in forma gerarchica e nella quale, tradizionalmente, vige la divisione di genere in relazione al lavoro e all'esercizio del potere 5. Entro questa comunità è richiesto alle donne di assumere il ruolo di produttrici di beni e dispensatrici di servizi. È, dunque, un lavoro che si realizza sulle due dimensioni del rapporto con la terra (l'agricoltura per la sussistenza) e del rapporto di servizio con le persone alle quali si è legati da parentela o affinità 6. Come già ricordato, non è una attività ben distinta e definita: diventa piuttosto una condizione di vita che, peraltro, non si è scelta ma è collegata in maniera automatica alla propria condizione o acquisita con lo status di donna sposata 7. Non si configura neppure come iniziativa individuale, condotta per avere remunerazione economica, mentre diviene, piuttosto, il modo col quale si contribuisce alla sussistenza del gruppo familiare. Per questi motivi il lavoro femminile viene inquadrato entro uno schema di doveri comunitari, mentre non garantisce, se non incidentalmente, diritti economici individuali. Il lavoro agricolo delle donne, ad esempio, produce reddito solo se la donna dispone di eccedenze da vendere al mercato, ma non è finalizzato principalmente a questo. Gli studi di antropologia economica sulle società non industrializzate hanno sottolineato spesso, da Malinowsky in avanti, la stretta relazione tra sistema sociale, sistema giuridico e attività lavorativa. L'antropologia sostantivista ha mostrato come l'economia sia funzione della vita sociale e poggi sulle relazioni interpersonali configurandosi, appunto, come una economia della parentela 8. Oggi, in particolare 5Intervista a Blaise Akpoli, Bohicon, giugno Anche: Schön B., Madre, in Wulf C. (a cura), Vom Menschen. Hanbuch Historische Anthropologie, Beltz Verlag-Weinheim und Basel, 1997 (tr. it., Le idee dell'antropologia, Mondadori, Milano, 2002 pp. 324 ss). 6In questo senso costituisce, secondo la visione della Arendt, una sorta di attività obbligata per far fronte alle necessità della vita e dunque, è diverso dalla espressione della creatività umana. Arendt H., Vita activa, La condizione umana, Bompiani, Milano, 1988, pp Busoni M., Il valore delle spose. Beni e persone in antropologia economica, Meltemi, Roma, 2001, pp. 30 ss. 8Wilk R.R., Economies and Cultures, West View Press, Boulder, 1996 (tr. it., Economie e culture. Introduzione alla antropologia economica, Bruno Mondadori, Milano, 2007). Anche, Gosselin G., Pour une anthropologie du travail rural en Afrique noire, in Cahiers d'études africaines, Vol. 3 N pp , doi: /cea ,url:http://www.persee.fr/web/revues/home/prescript/article/cea_ _1963_num_3_12_3712, Consultato il 31 luglio 2012.

4 l'orientamento sociologico antiutilitarista, per definire esperienze economiche fondate su criteri diversi da quelli del sistema liberista, usa il termine di lavoro informale o anche di economia informale 9. Latouche, ad esempio, riferendosi all Africa e alla sua capacità di esprimere una economia non individualista e non fondata sul profitto individuale, ritiene che il lavoro capitalista (lavoro alle dipendenze, imprenditoria personale ) non abbia affatto scalzato le antiche modalità che si reggono sul dono e sulla reciprocità, con tutte le implicazioni sociali che ciò comporta. La società africana funziona dunque, con una commistione di fattori, vale a dire con un certo grado di mercato internazionale, di mercato locale e di dono. Dare, ricevere, ricambiare costituiscono lo schema entro il quale si sviluppano le relazioni sociali che in Africa permettono la sopravvivenza. Nella visione di Latouche, infine, il modello socio-economico africano sarebbe capace di resistere alla propagazione dello schema neoliberista e anche alle innumerevoli proposte di sviluppo delle agenzie internazionali. Questa economia di reciprocità, non orientata al consumo, viene presa ad esempio per mostrare l'opportunità della uscita dallo schema costrittivo della economia produttivistica e la necessità della decrescita soprattutto per i paesi occidentali, ormai soffocati dall'esagerato consumismo 10. È una visione sicuramente suggestiva e significativa, che tuttavvia, presenta almeno due aspetti deboli: il primo (abbondantemente messo in risalto da vari studiosi) sta in una opzione ideologica che raggruppa sotto il concetto di dono pratiche profondamente diverse tra di loro e, spesso, ambigue 11 ; il secondo, nello specifico, sta invece nella sottovalutazione (a mio parere, drammatica) del ruolo imposto alla donna in quelle economie della parentela che, appunto, si sostengono sul suo lavoro. Detto altrimenti: il lavoro femminile, nelle economie parentali, non viene considerato come attività produttrice di reddito, quanto piuttosto come servizio ai membri della famiglia, dono entro lo schema della relazione e della reciprocità. Ma ciò comporta, come effetto sociale, che a questa attività non vengano associati diritti se non quelli che comunque derivano dalla appartenenza al nucleo familiare. Inoltre, poichè l'ambito del lavoro domestico è enormemente ampio (come si è visto, 9Caillé A., Don, intérêt et désintéressement, La Découverte, Mauss, 1994 (tr. it., Il terzo paradigma: antropologia filosofica del dono, Bollati Boringhieri, Torino, 1998). 10 Latouche S., L autre Afrique. Entre don e marché, 1997 (tr. it., L altra Africa: tra dono e mercato, Bollati Boringhieri, Torino, 2000, pp ). 11Dei F., Tra le maglie della rete: il dono come pratica di cultura popolare, in Dei F. (a cura), Culture del dono, Meltemi, Roma, 2008, pp

5 comprende la produzione dei beni e la loro commercializzazione, il lavoro di cura e di assistenza...) ciò si traduce in un carico molto pesante per le donne africane. Più che un dono il lavoro femminile sembra configurarsi come un sacrificio e, in quanto tale, ricollegarsi piuttosto ad uno schema di potere e di controllo già visto da autori classici, quali Goody e Meillassoux. Si apre, allora, una importante riflessione relativa al rapporto tra lavoro femminile, emancipazione e sviluppo (inteso sia come sviluppo sociale, sia come sviluppo delle capacità e della consapevolezza individuale) 12. È chiara, a livello teorico e fenomenologico, l'ambiguità del lavoro. Questi può sicuramente essere una modalità di umanizzazione, un elemento per rendere più significativa e sociale l esperienza umana; ma può anche risolversi un una maniera alienante di relazione nel momento in cui non permette a colui che produce di disporre del frutto del proprio lavoro (secondo l'analisi marxista), oppure lo inserisce entro relazioni sociali che non lo favoriscono o che, in alcuni drammatici casi, lo rendono addirittura sottomesso. Se è vero, infatti, che il lavoro è costitutivo all umanità, è altrettanto vero che molta parte delle problematiche che affliggono la vita dell uomo originano o derivano dal lavoro: dalla sua mancanza, dal suo eccesso, dal fatto che esso sia inadeguato, realizzato senza le opportune risorse o tutele, alienato, costretto, schiavo. E si tratta di una ambiguità connaturata alla condizione umana perchè il lavoro può prodursi sia come necessità per la sopravvivenza, dunque, forma di dipendenza dalla propria materialità e dalla socialità così come si è venuta strutturando storicamente, sia, invece, nelle sue espressioni migliori, come azione creativa, che trasforma e dà senso e diventa esperienza spirituale 13. Torniamo, dunque, al lavoro femminile in Africa. Esso è, come già ricordato, anzitutto fatica. Al pari dei lavori antichi della civiltà contadina che abbiamo conosciuto (il carbonaio, il mugnaio, l agricoltore ) anche le donne africane sperimentano l essere soggetti ad una natura che resiste e non si fa addomesticare. Lavorando anzitutto col corpo (torna l'immagine delle donne curve sui campi) esse sembrano l'icona di quella maledizione biblica che condanna l'umanità a guadagnare il pane col sudore della fronte, vale a dire con fatica eccessiva. E a questo riguardo si può tentare un primo confronto: se l'occidente 12Sull'antropologia economica e l'antropologia dello sviluppo, vedi L. Rami Ceci, Sviluppo dell'antropologia economica nella modernità, in T. Tentori, Elementi di antropologia economica, Armando, Roma, 2009, pp Mi riferisco a questo riguardo, alla visione di H. Arendt.

6 sperimenta oggi una tirannia della tecnica e una trasformazione (o una diminuzione sostanziale) della possibilità di interagire col mondo e con le cose, il che si traduce in una mancanza totale di autonomia 14, per le donne africane, poter disporre di strumenti più adeguati, di diritti e di tutele significa anzitutto emanciparsi da una condizione di pura servitù. Altri aspetti debbono essere rilevati. L'analisi sulle modalità con le quali si realizza il lavoro femminile in Africa non può essere disgiunta da quella sulla condizione delle donne, il che significa (anche) sulle condizioni di estrema difficoltà e sperequazione che esse sperimentano e sui loro tentativi creativi e originali di modificarle. Il fatto che il lavoro sia in larga parte realizzato entro la cornice familiare porta come conseguenza, mi pare, la difficoltà ad essere realmente elemento di sviluppo e di emancipazione per le donne (ci si potrebbe domandare, forse, se ciò non possa essere allargato a tutta la questione del lavoro domestico, nella misura in cui questo rimane legato ad una divisione di genere e concepito solo entro lo schema della reciprocità non misurabile in termini economici) 15. Configurandosi come una funzione della complessa vita domestica, il lavoro delle donne africane è orientato al mantenimento della istituzione e fatica ad assumere significati di promozione della persona 16. Ad esempio non permette di acquisire capacità per migliorare economicamente; essendo pensato come un servizio non viene associato ai diritti individuali di partecipazione e democrazia, che costituiscono conquiste del pensiero sociale, mentre contribuisce, al contrario, a mantenere le donne entro una cornice di subalternità. Lo dimostra, osservando un altro aspetto della condizione femminile, la dispersione scolastica, più alta per le donne che per i maschi, e dovuta in parte al fatto che le famiglie preferiscono occupare le figlie nella attività domestica 17. Trattare del lavoro femminile in Africa, mi pare, significa trattare di diritti individuali e di democrazia. Allora, poiché la condizione femminile, specie per le 14Benasayag M, Abécédaire de l'engagement, Bayard, 2004 (tr. it., Contro il niente. Abc dell'impegno, Feltrinelli, Milano, 2005). 15Picchio A., Visibilidad analíca y Política del trabajo de reproducción social, in Carrasco C. (a cura), Muyeres y Economía: Nuevas perspectivas para viejos y nuevos problemas, Icaria, Barcelona, 2003, pp Cabanes R., L anthropologie du travail au 21 siecle, in Anthropologie et Société, vol. 24, n 1, 2000, pp , htpp://id.erudite.org/iderudit/015637ar; consultato il 1 luglio Commissione Economica per l'africa, Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, Valutazione reciproca dell'efficacia dello sviluppo in Africa: promesse e risultati, OECD, 2009, p. 43.

7 donne povere, è inscindibilmente legata al lavoro e poiché questo si configura entro degli schemi troppo costrittivi e troppo privati, obiettivo della emancipazione può essere quello di liberare almeno in parte il tempo delle donne perché possano occuparsi di se stesse, della propria educazione, della propria salute 18. In questo senso, progetti che hanno lo scopo di razionalizzare l attività femminile (ad esempio, con l introduzione di sistemi tecnologici migliorativi, come la realizzazione di forni di argilla che mantengono il calore più a lungo e che quindi garantiscono risparmio di tempo e di combustibile) sono sicuramente importanti ma, almeno a mio parere, non colgono il cuore del problema che è quello di permettere alla donna di non essere sempre legata al lavoro come necessità e di scegliersi il ruolo che meglio la esprime. Allo stesso modo le considerazioni attuali sulla preponderanza della razionalità strumentale di weberiana memoria sono sicuramente fondamentali in un contesto occidentale, nel quale l'estrema burocratizzazione imposta al lavoro e al sistema sociale in generale opera per inaridire le relazioni personali 19. Al contrario, nel contesto socio-lavorativo africano rurale (e delle società non industralizzate) il problema sembra piuttosto quello di temperare la dominanza della logica familiare. Non perché questa logica non funzioni (al contrario pare funzionare ancora benissimo) ma proprio perchè il suo reggersi sul sacrificio delle donne e, in certa parte, anche dei bambini (un ambito di ricerca a mio parere importante e urgente è quello relativo alla diffusione del lavoro minorile, che spesso si configura come servitù, o vera e propria schiavitù) la trasforma in logica familistica che vorrebbe imporsi come unica fonte di moralità e di legittimità. Se in Occidente è lo squilibrio dell'eccesso di mercato e di contrattualità a dover essere rivisto, in Africa, mi pare, è la visione più attenta ai diritti delle varie parti (le donne, i bambini, l'ambiente) ad orientare l'azione creativa di molte donne. Si pensi, ad esempio, alla vicenda di Wangari Maathai, ambientalista e politica keniota, impegnata nella promozione della donna e nella tutela dell'ambiente per la quale davvero si può riproporre l'idea del lavoro come possibilità per l'uomo di essere corresponsabile nella conservazione del 18Arendt H., Vita activa..., op. cit., pp. 127 ss. 19Naturalmente, ciò non svaluta un dibattito importante che trova, oggi, le sue ragioni nella profonda crisi di fiducia che si sta verificando nel nostro mondo. Girardo M., Riscopriamo Caffè e l'economia degli affetti, in Avvenire, , p. 24.

8 creato (Genesi 2-2 e anche Genesi 38-41) 20. Interpreto nel senso di uno sviluppo della coscienza dei diritti individuali anche le trasformazioni della stessa famiglia allargata beninese nella quale assume via via più importanza l economia domestica delle famiglie nucleari di contro alle famiglie estese, un tempo titolari di diritti economici e di potere sui singoli 21. Un ultimo aspetto riveste particolare importanza e riguarda la cornice macroeconomica nella quale le donne del Bénin realizzano la loro attività. Se si passa per un villaggio nel tardo pomeriggio, quando i mercati si stanno concludendo (in città, invece, essi continuano fino a tarda notte, alle luci delle lampade ad olio) si notano lunghe teorie di automobili che si allontanano stracolme di ceste di pomodori. Nei mercati rurali del Bénin (come in quelli di tutta l'africa, del resto) approdano i raccolti della agricoltura domestica e, dunque (poichè nessuno diversifica la produzione) si ha sempre, a seconda della stagione, un eccesso di beni, tutti dello stesso tipo, come pomodori, cipolle, tuberi... Si comprende perciò il comportamento economico delle donne che stanziano al mercato, le quali possono essere obbligate, alla fine della giornata, a vendere i loro prodotti molto deperibili ad acquirenti che, evidentemente, non se ne serviranno per uso familiare e li trasporteranno altrove. Ma il cerchio si chiude quando, osservando di cosa dispongono le famiglie a basso reddito per la preparazione del loro cibo quotidiano, si nota che la sauce (che accompagna la maggior parte dei piatti della cucina beninese) viene preparata utilizzando lattine di salsa di pomodoro prodotta in Cina. Difficile credere, ovviamente, che si tratti degli stessi pomodori prelevati dai grossisti ma la parabola dei pomodori che passano dal mercato rurale alle imprese di trasformazione e tornano sulle tavole della popolazione beninese sotto forma di concentrato, la dice lunga sulla cornice entro la quale è collocata l'attività agricola: anche le donne africane, pur da una posizione molto marginale, stanno dentro uno schema globalizzato. Se non è globalizzato il loro lavoro lo è comunque il frutto della loro fatica. In questo schema le donne africane produttrici di pomodori sostengono (loro malgrado) l'industria di trasformazione degli alimenti e diventano (sempre loro malgrado) consumatrici di prodotti stranieri (o di soia, come nel caso ricordato in 20É dunque, il riferimento ai valori fondamentali, non economici, a diventare discriminante. Paltrinieri G., L'enciclica Caritas in Veritate ed il pensiero della decrescita, Tracce di riflessione per un'economia più giusta, Esercitazione per il Baccalaureato Quinquennale in Sacra Teologia, Facoltà teologica dell Emilia Romagna, a.a , p Intervista a P. Matias, anziano Fon, Bohicon, giugno 2012.

9 apertura di questo articolo, del formaggio che esse producono, o di medicine che vengono dall'india e compaiono, di contrabbando sui mercati e via dicendo...). È dunque, il sistema economico ad asservire al mercato e al consumo anche collettività che potrebbero avere una loro autonomia. Come ricorda Zamagni, l'economia schiavizza, tramite la produzione e il consumo, anzitutto distinguendo tra consumatori e produttori, poi assoggettando, in veste di lavoratore, alla techné, infine imponendo un tempo sempre maggiore per il consumo 22. Dobbiamo ancora una volta verificare come questo processo, impersonale e imposto, non aiuterà in alcun modo le donne ad uscire dalla loro povertà. Lo sviluppo, inteso come sviluppo integrale, assume caratteri metaeconomici, giuridici, e si àncora ad una visione antropologicamente più corretta e, sopratutto, a criteri etici 23. Istanza ecologica, reale emancipazione della donna, diritti dei bambini, economia limitata al suo compito parziale, a vantaggio di una migliore vita relazionale e politica: queste sembrerebbero essere le priorità sulle quali lavorare. Bibliografia 1. Arendt H., The Uman condition, The University of Chicago, Chicago 1958 (tr. it. Vita activa, La condizione umana, Bompiani, Milano, 1988). 2. Benasayag M, Abécédaire de l'engagement, Bayard, 2004 (tr. it., Contro il niente. Abc dell'impegno, Feltrinelli, Milano, 2005). 3. Busoni M., Il valore delle spose. Beni e persone in antropologia economica, Meltemi, Roma, Cabanes R., L anthropologie du travail au 21 siecle, in Anthropologie et Société, vol. 24, n 1, 2000, pp , htpp://id.erudite.org/iderudit/015637ar; consultato il 1 luglio Caillé A., Don, intérêt et désintéressement, La Découverte, Mauss, 1994 (tr. it., Il terzo paradigma: antropologia filosofica del dono, Bollati Boringhieri, Torino, 1998). 6. Carrasco C. (a cura), Muyeres y Economía: Nuevas perspectivas para viejos y nuevos problemas, Icaria, Barcelona, Casella Paltrinieri A., Mercati del Mozambico. Persone, beni e cultura nei mercati di Sofala e Cabo Delgado, Vita e Pensiero, Milano, Commissione Economica per l'africa, Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, Valutazione reciproca dell'efficacia dello sviluppo in Africa: promesse e risultati, 22Zamagni S., Globalization and the new migratory question, in Globalization. Ethical and Institutional Concerns. The proocedings of the Seventh Plenary Session of the Pontifical Accademy of Social Scienzes, aprile 2001, cit. in Paltrinieri G., L'enciclica Caritas in Veritate ed il pensiero della decrescita, op. cit., p Paltrinieri G., L'enciclica Caritas in Veritate ed il pensiero della decrescita, op. cit., pp

10 OECD, alleo review - anna casella paltrinieri 9. Dei F. (a cura), Culture del dono, Meltemi, Roma, Girardo M., Riscopriamo Caffè e l'economia degli affetti, in Avvenire, , p Gosselin G., Pour une anthropologie du travail rural en Afrique noire, in Cahiers d'études africaines. Vol. 3 N pp ,doi: /cea ,url:http://www.persee.fr/web/revues/home/prescript/article/cea_ _1963_num_3_12_3712, Consultato il 31 luglio Latouche S., L autre Afrique. Entre don e marché, 1997 (tr. it., L altra Africa: tra dono e mercato, Bollati Boringhieri, Torino, 2000). 13. Olivier de Sardan J.P., «De la nouvelle anthropologie du développement à la socio-anthropologie des espaces publics africains», in Revue Tiers Monde 3/2007 (n 191), pp , URL : DOI : /rtm Kaag M., Usage foncier et dynamique sociale au Sénégal rural, Rozenberg, Leyden, Melandri L., Un'altra economia o un altro rapporto tra uomini e donne? in Gli Altri, settimanale, , p Nicoli D., Il lavoratore coinvolto. Professionalità e formazione nella società della conoscenza, Vita e Pensiero, Milano, Paltrinieri Giambattista, L'enciclica Caritas in Veritate ed il pensiero della decrescita, Tracce di riflessione per un'economia più giusta, Esercitazione per il Baccalaureato Quinquennale in Sacra Teologia, Facoltà teologica dell Emilia Romagna, a.a T. Tentori, Elementi di antropologia economica, Armando, Roma, Wilk R.R., Economies and Cultures, West View Press, Boulder, 1996 (tr. it., Economie e culture. Introduzione alla antropologia economica, Bruno Mondadori, Milano, 2007) 20. Wulf C. (a cura), Vom Menschen. Hanbuch Historische Anthropologie, Beltz Verlag-Weinheim und Basel, 1997 (tr. it., Le idee dell'antropologia, Mondadori, Milano, 2002).

Mille orti in Africa. Paola Viesi

Mille orti in Africa. Paola Viesi Mille orti in Africa Stiamo coltivando un piccolo grande sogno: realizzare orti in tutte le comunità africane di Terra Madre. Al nostro impegno potrà unirsi quello di chi, insieme a noi, crede in questa

Dettagli

Cosa sono e come utilizzare le reti solidali

Cosa sono e come utilizzare le reti solidali Freebook è un progetto di libro libero. L Edup dona ai suoi lettori dei veri e propri libri, prodotti editoriali completi rispetto all opera da cui sono tratti. Possono essere letti, stampati, citati,

Dettagli

ECONOMIA DI COMUNIONE: UNA NUOVA FORMA DI IMPRESA Ivan Vitali

ECONOMIA DI COMUNIONE: UNA NUOVA FORMA DI IMPRESA Ivan Vitali ECONOMIA DI COMUNIONE: UNA NUOVA FORMA DI IMPRESA Ivan Vitali Cremona, 23 febbraio 2013 Agenda-1 Introduzione e presentazione Impresa e imprenditore Imprenditore e innovazione Competizione vs cooperazione?

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo Orti comunitari di N Ganon e Nangounkaha, Costa d Avorio Foto Archivio Slow Food Progetto Slow Food

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Dottorato di ricerca in Pedagogia (Education) Ciclo XXIV S.S.D. M-PED/01 CRESCITA UMANA E BENESSERE ORGANIZZATIVO NUOVE PROSPETTIVE DI PEDAGOGIA DEL LAVORO Coordinatore:

Dettagli

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare.

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. CALL FOR PAPERS Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. 18-19 settembre 2008 Università di Milano-Bicocca L analisi del dono risulta sempre più presente nel dibattito

Dettagli

L'Economia della Buona Vita

L'Economia della Buona Vita L'Economia della Buona Vita Un'intervista con il filosofo brasiliano Euclides André Mance di Anna Chiesura Dalla filosofia della liberazione all'elaborazione di un progetto alternativo alla società capitalistica

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO LEGALITÀ riflessione critica sull importanza e la motivazione delle regole; scelta consapevole di rispettarle MEMORIA storia e storie riflessione critica e interazione tra

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PREVENTIVA Codice Mod. RQ 10.3

PROGRAMMAZIONE PREVENTIVA Codice Mod. RQ 10.3 I.T.C.S. ERASMO DA ROTTERDAM Liceo Artistico indirizzo Grafica - Liceo delle Scienze Umane opz. Economico sociale ITI Informatica e telecomunicazioni - ITI Costruzioni, ambiente e territorio Via Varalli,

Dettagli

Con le donne per vincere la fame

Con le donne per vincere la fame Con le donne per vincere la fame CAMPAGNA DI RACCOLTA FONDI dal 1 maggio al 1 giugno 2014 Chi è Oxfam Italia Oxfam Italia è parte della confederazione globale Oxfam, presente in oltre 90 paesi del mondo

Dettagli

Circolo Politico Culturale Don Luigi Sturzo Via Reich, 14 Torre Boldone Bg. circolodonsturzotb@gmail.com DOCUMENTI

Circolo Politico Culturale Don Luigi Sturzo Via Reich, 14 Torre Boldone Bg. circolodonsturzotb@gmail.com DOCUMENTI Circolo Politico Culturale Don Luigi Sturzo Via Reich, 14 Torre Boldone Bg. circolodonsturzotb@gmail.com DOCUMENTI Serata culturale organizzata dal Circolo Politico Culturale Don Luigi Sturzo Venerdì 29

Dettagli

Settore di appartenenza

Settore di appartenenza Impresa e filantropia III^ edizione curata da Osservatorio IID di Sostegno al Non Profit Sociale settembre 2009 1 Anche per il 2009 l Istituto ha ripetuto la sua indagine sull universo di Aziende Socie

Dettagli

Un passo in avanti d Autorità. Convegno Nazionale Città Vicine gg. 29 e 30 marzo 2014 a cura di Loredana Aldegheri di Mag Verona

Un passo in avanti d Autorità. Convegno Nazionale Città Vicine gg. 29 e 30 marzo 2014 a cura di Loredana Aldegheri di Mag Verona Un passo in avanti d Autorità Convegno Nazionale Città Vicine gg. 29 e 30 marzo 2014 a cura di Loredana Aldegheri di Mag Verona Con piacere prendo parola a questo nuovo appuntamento nazionale di Città

Dettagli

Evoluzione della comunicazione pubblica

Evoluzione della comunicazione pubblica INTERVENTO DELLA PROF.SSA ELENA ESPOSITO DOCENTE DI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE UNIVERSITA DI MO.RE Evoluzione della comunicazione pubblica RELAZIONE PRESENTATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO, PROMOSSO DALLA

Dettagli

Impresa e non profit: necessaria collaborazione

Impresa e non profit: necessaria collaborazione Impresa e non profit: necessaria collaborazione Tre interrogativi Vorrei sviluppare il tema del rapporto tra impresa ed enti non profit a partire da tre interrogativi, cui tentare di dare risposta per

Dettagli

PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALL ISTRUZIONE DI DONNE E RAGAZZE IN SOMALIA. Galkayo, gennaio 2003

PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALL ISTRUZIONE DI DONNE E RAGAZZE IN SOMALIA. Galkayo, gennaio 2003 PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALL ISTRUZIONE DI DONNE E RAGAZZE IN SOMALIA Galkayo, gennaio 2003 commissione internazionale nord-est milano associazione di cultura e solidarietà PROPOSTA DI SOSTEGNO FINALIZZATO

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune REGIONANDO 2001 Parte 1: Anagrafica REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune Titolo del Progetto: Aspetti di qualità della vita nel Comune Amministrazione

Dettagli

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET NELLE SCUOLE GUARDIAMOCI ATTORNO PRIMAVERA MULTIMEDIALE A ciascuno il suo punto di vista Alla scuola nel suo complesso con la varietà di ruoli Alla società

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ Convegno sull inserimento lavorativo delle persone con disabilità: iniziative, servizi, esperienze e riflessioni Esperienze aziendali tratte dal video prodotto

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia Obiettivi della serata Presentazione del contesto in cui si inserisce il percorso «Famiglie

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

Quanto vale la cooperazione agricola italiana?

Quanto vale la cooperazione agricola italiana? Eddi Fontanari *, Carlo Borzaga ** Quanto vale la cooperazione agricola italiana? * Euricse, University of Missouri - visiting scholar. **Università degli Studi di Trento, Euricse. Negli ultimi anni l

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra Progetto rivolto alle classi della scuola primaria dell Emilia Romagna per l anno scolastico 2010-2011 COLDIRETTI Coldiretti, con un milione

Dettagli

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 «Partendo dalla critica del capitalismo, si arriva dunque immancabilmente all ecologia politica, che, con la sua indispensabile

Dettagli

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Le nuove sfide della scuola Walter Moro Il mio contributo in questo

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

REPUBBLICA indipendente dal 1961 ESTENSIONE: 72.000 Km 2. PENULTIMA nella scala di sviluppo RISORSE: agricoltura, pesca, minerali preziosi

REPUBBLICA indipendente dal 1961 ESTENSIONE: 72.000 Km 2. PENULTIMA nella scala di sviluppo RISORSE: agricoltura, pesca, minerali preziosi Nella Parrocchia del Beato CONFORTI di Padre Antonio Guiotto 9L1GA MAKENI Sierra Leone - West Africa SIERRA LEONE in AFRICA REPUBBLICA indipendente dal 1961 ESTENSIONE: 72.000 Km 2 POPOLAZIONE: 6 milioni

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Progetto Laboratorio VERSO IL FUTURO

Progetto Laboratorio VERSO IL FUTURO Progetto Laboratorio VERSO IL FUTURO PREMESSA L Associazione Gli Amici di Zaccheo da alcuni anni opera all interno ed all esterno delle carceri genovesi attraverso contatti con detenuti e loro parenti,

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

L ENERGIA DELLA TERRA IL PICCOLO ORTOLANO STORIE DALLA TERRA LA VITA DELLA CERAMICA

L ENERGIA DELLA TERRA IL PICCOLO ORTOLANO STORIE DALLA TERRA LA VITA DELLA CERAMICA La Cooperativa Solidarietà Onlus di Treviso ha alle spalle una storia di 38 anni basata sull obiettivo dell inclusione sociale, con una particolare attenzione nei confronti della disabilità. È radicata

Dettagli

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd Pienezza dei valori spirituali in Africa Innocent Hakizimana Ndimubanzi Edizioni ocd Edizioni ocd Percorsi di Teologia spirituale Innocent Hakizimana Ndimubanzi Gesù Cristo Pienezza dei valori spirituali

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO I dati che seguono intendono dare un indicazione di massima della situazione minorile esistente oggi in Mozambico e provengono dall Istituto Nazionale di Statistica del

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Newsletter n.2 La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Presentazione In questa seconda newsletter che accompagna il percorso formativo della nostra Comunità montana sulle opportunità offerte

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in Servizio Sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Elisabetta Donati Lezione 2 La famiglia: aspetti concettuali e metodologici Diversità storiche, culturali

Dettagli

DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO. nanni.unisal.it

DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO. nanni.unisal.it DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO nanni.unisal.it I giovani = sostanza della vita di don Bosco= =«da mihi animas» La relazione educativa = il modo di Bosco di vivere insieme con i Giovani don Bosco: UN idea

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

L Orto dei Bambini. Per trasmettere l amore e il rispetto della terra.

L Orto dei Bambini. Per trasmettere l amore e il rispetto della terra. L Orto dei Bambini Per trasmettere l amore e il rispetto della terra. Premessa L idea dell orto didattico nasce dal desiderio di attivare iniziative socio-culturalieducative che comprendessero l area naturalistica.

Dettagli

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA FINALITA EDUCATIVE La tecnica è la struttura razionale del lavoro, cioè l uso consapevole e finalizzato di mezzi, materiali e procedimenti operativi

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO DISCIPLINE GIURIDICHE ECONOMICHE COMPETENZE PER LE CLASSI PRIME *

GRUPPO DI LAVORO DISCIPLINE GIURIDICHE ECONOMICHE COMPETENZE PER LE CLASSI PRIME * COMPETENZE PER LE CLASSI PRIME * MACRO-COMPETENZA: collocare l'esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della

Dettagli

Le donne nel mondo della pesca di Ancona e in Italia

Le donne nel mondo della pesca di Ancona e in Italia Le donne nel mondo della pesca di Ancona e in Italia Buongiorno a tutti, grazie per aver permesso di presentare in un assise così importante la situazione delle donne della pesca associate in Penelope

Dettagli

Survey Internazionale sull Ecologia Risultati italiani

Survey Internazionale sull Ecologia Risultati italiani Survey Internazionale sull Ecologia Risultati italiani L indagine Obiettivo Indagare il rapporto delle utenti di alfemminile con l ambiente, l ecologia e i prodotti di origine biologica. Date 16 29 agosto

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Diritti umani versus diritti culturali. Ivana Padoan Università Cà Foscari

Diritti umani versus diritti culturali. Ivana Padoan Università Cà Foscari Diritti umani versus diritti culturali Ivana Padoan Università Cà Foscari Diritti culturali I diritti culturali, rappresentano il diritto di accesso alle risorse culturali appropriate, e in questo, designano

Dettagli

Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia

Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia Vedano Olona 20 3 2012 "Quando una persona viene al mondo è un albero di possibilità, di tante possibili vite; tanti rami, tanti bivi: di questo

Dettagli

Comunicare lo sviluppo rurale: il progetto tra Fattorie Didattiche, scuola e territorio

Comunicare lo sviluppo rurale: il progetto tra Fattorie Didattiche, scuola e territorio L EDUCAZIONE ALIMENTARE A SCUOLA E IN FATTORIA Dal Programma di Sviluppo Rurale alla sperimentazione: primi risultati di un percorso di co-progettazione Martedì 19 giugno 2012 Provincia di Torino Sala

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico ALLEGATO1 Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico e storico-sociale. L asse dei linguaggi ha l obiettivo di far acquisire allo studente la padronanza

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Giornalismo investigativo strumento di verità

Giornalismo investigativo strumento di verità colophon editore delos store Ordinaria Follia a cura di ARIANNA E SELENA MANNELLA Giornalismo investigativo strumento di verità di ARIANNA E SELENA MANNELLA Oggi il problema non è la mancanza di informazione

Dettagli

Corso base per Tutor del programma Teen STAR Programma di Educazione Affettiva e Sessuale

Corso base per Tutor del programma Teen STAR Programma di Educazione Affettiva e Sessuale Corso base per Tutor del programma Teen STAR Programma di Educazione Affettiva e Sessuale Corso di formazione Formazione Permanente Centro d Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia 27 febbraio - 3 marzo

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 IC 41 CONSOLE: LA SCUOLA DELL INFANZIA PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 DESCRIZIONE DELLA SCUOLA La scuola dell infanzia dell IC 41 Console e situata nel quartiere Bagnoli in

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE E OBIETTIVI DEL MILLENNIO

ALFABETIZZAZIONE E OBIETTIVI DEL MILLENNIO ORIENTAMENTI INTERNAZIONALI NELL EDUCAZIONE DEGLI ADULTI IL CONTESTO DELLE INIZIATIVE PROF. BARBARA DE CANALE Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni

L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni AIC Contro le povertà, agire insieme L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni Ottobre 2008 Quaderno n 12 Sommario Introduzione Utilità del metodo sistemico per risolvere un problema ricorrente

Dettagli

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale WORLD FOOD DAY 2014 Roma - 29 Ottobre Palazzetto Mattei in Villa Celimontana Il ruolo

Dettagli

Due idee di base per cominciare

Due idee di base per cominciare FAMIGLIE INDEBITATE: VIENE DAL SOCIALE UNA PROPOSTA DI AIUTO Hanno superato il milione i nuclei che non riescono a far fronte ai debiti. Dall associazione Pro.seguo viene la proposta di una gestione concordata.

Dettagli

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA *

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA * Intergenerational Solidarity, Welfare and Human Ecology Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 10, Vatican City 2004 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta10/acta10-conclusioni.pdf CONCLUSIONI

Dettagli

Vediamone una alla volta.

Vediamone una alla volta. SESSUALITÀ: SI APRE UN MONDO! Non lasciarti ingannare anche tu. SESSUALITÀ È TUTTA LA PERSONA UMANA. Secondo il modello proposto da Fabio Veglia 1, l esperienza della sessualità umana si organizza intorno

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISIS Carducci-Dante Trieste INDIRIZZI NUOVO ORDINAMENTO Liceo delle scienze umane Liceo delle scienze umane opzione economico-sociale Liceo classico Liceo linguistico Liceo musicale

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma Il mondo delle professioni sta affrontando un periodo di profondi cambiamenti dovuti all evoluzione culturale che l attuale crisi economica richiede. E in atto un vero e proprio cambio di paradigma, che

Dettagli

BES come BEN-ESSERE a Scuola I problemi degli allievi e i loro bisogni

BES come BEN-ESSERE a Scuola I problemi degli allievi e i loro bisogni BES come BEN-ESSERE a Scuola I problemi degli allievi e i loro bisogni Il Ben-essere a Scuola: il contributo della famiglia Milano, 31 Ottobre 2014 Università Cattolica - Università di Bologna L inclusive

Dettagli

Novembre 2011: Mese del Creato Una terra ospitale educhiamo all accoglienza

Novembre 2011: Mese del Creato Una terra ospitale educhiamo all accoglienza Commissione Nuovi stili di vita Diocesi di Padova Novembre 2011: Mese del Creato Una terra ospitale educhiamo all accoglienza Dal mese della Missione al Mese del Creato C È POSTO PER TUTTI L ospitalità

Dettagli

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA PRIMO BIENNIO COMUNE INDIRIZZI AFM e TURISMO collocare

Dettagli

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9 INDICE Introduzione pag. I PRIMA PARTE Capitolo 1 Uno sguardo al passato: coordinate di lettura dei processi migratori 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1 1.2. La nostra memoria pag. 9 1.2.1. Ancor

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale A conclusione dei percorsi degli istituti professionali,

Dettagli

5 L AZIENDA DI PRODUZIONE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

5 L AZIENDA DI PRODUZIONE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 5 L AZIENDA DI PRODUZIONE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 Due principali tipologie di aziende Tutte le aziende esercitano attività di acquisizione, produzione ed uso dei beni economici

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Macroaree e moduli formativi. 1 Valori e identità del SCN. 1.1 L identità del gruppo in formazione e patto formativo

FORMAZIONE GENERALE. Macroaree e moduli formativi. 1 Valori e identità del SCN. 1.1 L identità del gruppo in formazione e patto formativo FORMAZIONE GENERALE Il percorso formativo è costituito da una serie di moduli raggruppati all interno di macroaree tematiche: una sorta di percorso logico e di viaggio nel mondo del servizio civile. La

Dettagli

Stereotipi di genere e libri per l infanzia. Una ricerca nelle scuole e nelle biblioteche di Torino

Stereotipi di genere e libri per l infanzia. Una ricerca nelle scuole e nelle biblioteche di Torino Stereotipi di genere e libri per l infanzia Una ricerca nelle scuole e nelle biblioteche di Torino Quante donne puoi diventare? Nuovi modelli per bambini e bambine nelle scuole di Torino Relazione di Ferdinanda

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA

IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA Ottobre 2009 Sono passati dieci anni dall avvio del progetto regionale Fattorie Didattiche che ha creato nel periodo un apertura di dialogo

Dettagli

L educatore in equipe Prevenire il disagio, lavorando in gruppo di Claudio di Perna

L educatore in equipe Prevenire il disagio, lavorando in gruppo di Claudio di Perna L educatore in equipe Prevenire il disagio, lavorando in gruppo di Claudio di Perna Troppo spesso si è associata la figura dell educatore ad un uomo solo, che cammina per le strade di una città, spesso

Dettagli