anna casella paltrinieri * Lavoro femminile in Africa: il dono, la reciprocità e il sacrificio. Riflessioni di antropologia dello sviluppo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "anna casella paltrinieri * Lavoro femminile in Africa: il dono, la reciprocità e il sacrificio. Riflessioni di antropologia dello sviluppo."

Transcript

1 anna casella paltrinieri * Lavoro femminile in Africa: il dono, la reciprocità e il sacrificio. Riflessioni di antropologia dello sviluppo. A vederle curve nei campi, coi neonati legati sul dorso, accompagnate dai ragazzetti più grandi, non si può certo indulgere in considerazioni romantiche. Il lavoro, per le donne africane, è prima di tutto fatica. Ma non si tratta solo della fatica della coltivazione. In qualsiasi mercato, rurale o urbano, si incontrano donne impegnate a vendere ogni cosa: dai prodotti della terra (i pomodori, le cipolle ) alle medicine, alla conserva di pomodoro, ai tessuti, alle pentole di alluminio 1. Nel corso di una recente visita in Bénin ho potuto aggiornare la mappa delle attività che competono alle donne africane: spaziano dalla agricoltura, all allevamento, alla manutenzione della casa, alla produzione di tessuti ed utensili, al commercio (di alimenti, di oggetti artigianali e dell industria), all insegnamento, all'accompagnamento e alla cura. Se ci concentriamo sopratutto sulla fascia più povera della popolazione, il mondo rurale, dobbiamo osservare come il lavoro per le donne africane sia una modalità di vita. Anzitutto perchè si realizza entro gli spazi della quotidianità familiare, poi per l enorme dispendio di tempo che richiede e, infine, perché non si limita ad una funzione ripetuta e nella quale le donne divengono specialiste, ma raggruppa una lunga serie di attività tra loro eterogenee, in gran parte riferite alla sussistenza e alla cura. La donna contadina, che dispone sostanzialmente di un solo strumento, una zappa dal manico corto, sa padroneggiare l intero ciclo della coltivazione, della raccolta, della trasformazione e distribuzione di cibo 2. Lo si vede molto bene nella produzione del garì, la farina di mandioca che ha grande utilizzo nella cucina beninese e che si ricava appunto, da una varietà di mandioca (manihot esculenta). Pur non richiedendo, come la mandioca brasiliana utilizzata dagli indigeni, * Docente di antropologia culturale - Università Cattolica del Sacro Cuore. 1 Ho già trattato questo argomento in un volume dal titolo Mercati del Mozambico (Vita e Pensiero, Milano, 2005) frutto di una ricerca sul campo nelle regioni mozambicane di Sofala e Cabo Delgado. 2Kaag M., Usage foncier et dynamique sociale au Sénégal rural, Rozenberg, Leyden, 2005, pp. 116 ss.

2 l eliminazione del principio velenoso, la trasformazione in fecola e, in seguito, in garì impone una lavorazione piuttosto lunga, poiché il tubero deve essere dapprima tagliato in pezzi, lasciato macerare, spremuto, tostato e, finalmente, ridotto in farina. Non si spreca nulla perché ciò che si ricava dalla spremitura viene utilizzato per produrre tapioca. Dunque, le donne del Bénin (ma la considerazione può essere estesa a tutte le donne africane che vivono in campagna) sono specialiste nella produzione di cibo per l'alimentazione o per la vendita nei mercati. Esse conoscono, coltivano e trasformano molti prodotti come i pomodori, le cipolle o le arachidi che vendono sia fresche sia tostate, l igname (varie piante del genere dioscorea), il pesce che viene affumicato per essere meglio conservato, ecc. Sono anche capaci di utilizzare alimenti non tradizionali, ad esempio la soia con la quale producono un formaggio, mediante un procedimento artigianale. E la loro attività non si esaurisce nella lavorazione agricola e nella commercializzazione: presso il centro di accoglienza per giovani sfuggite ai matrimoni forzati, nella città di Bohicon (nei pressi della antica capitale del Dahomey, Abomey), ci è capitato di osservare la produzione delle pentole di alluminio realizzata da ragazzine la cui età andava dai nove ai diciotto anni. Come ai primordi della metallurgia, esse utilizzavano un rudimentale forno incassato nella terra (la cui ventilazione era garantita dal movimento della ruota di una bicicletta) nel quale facevano fondere l'alluminio che poi collocavano in stampi d'argilla preparati al momento 3. Questi brevi esempi possono suggerire riflessioni relative sia alla metodologia con la quale studiare il lavoro femminile in contesti non occidentali, sia a temi oggi molto dibattuti come la differenza tra sistemi economici e la loro qualità, sia infine, alla relazione tra lavoro femminile e sviluppo. Lavoro è un termine sintetico e non permette bene di capire quale sia l esperienza delle donne che vivono nelle campagne dell Africa (o dei paesi poveri). In generale si definisce come lavoro una attività remunerata e formalizzata, un insieme di mansioni specifiche che strutturano relazioni entro un preciso sistema giuridico di diritti e doveri 4. Questa descrizione, che fa riferimento ad un sistema economico complesso, orientato secondo uno schema liberista e alle profonde 3 Sia la produzione di formaggio di soia, sia la realizzazione delle pentole di alluminio sono state da me osservate nella città di Bohicon nel giugno Del resto, come ben si vede in questi ultimi tempi, anche in Occidente il lavoro ha subito tante e tali trasformazioni da risultare spesso irriconoscibile. Nicoli D., Il lavoratore coinvolto. Professionalità e formazione nella società della conoscenza, Vita e Pensiero, Milano, 2009.

3 trasformazioni culturali legate ai movimenti di difesa e tutela dei lavoratori, come quelle che si sono verificate in Europa nel Novecento, mostra tutti i suoi limiti etnocentrici se applica alla condizione delle donne africane delle campagne. Anzitutto, la loro attività va collocata entro la sfera privata, domestica: una famiglia allargata che può essere molto numerosa, strutturata in forma gerarchica e nella quale, tradizionalmente, vige la divisione di genere in relazione al lavoro e all'esercizio del potere 5. Entro questa comunità è richiesto alle donne di assumere il ruolo di produttrici di beni e dispensatrici di servizi. È, dunque, un lavoro che si realizza sulle due dimensioni del rapporto con la terra (l'agricoltura per la sussistenza) e del rapporto di servizio con le persone alle quali si è legati da parentela o affinità 6. Come già ricordato, non è una attività ben distinta e definita: diventa piuttosto una condizione di vita che, peraltro, non si è scelta ma è collegata in maniera automatica alla propria condizione o acquisita con lo status di donna sposata 7. Non si configura neppure come iniziativa individuale, condotta per avere remunerazione economica, mentre diviene, piuttosto, il modo col quale si contribuisce alla sussistenza del gruppo familiare. Per questi motivi il lavoro femminile viene inquadrato entro uno schema di doveri comunitari, mentre non garantisce, se non incidentalmente, diritti economici individuali. Il lavoro agricolo delle donne, ad esempio, produce reddito solo se la donna dispone di eccedenze da vendere al mercato, ma non è finalizzato principalmente a questo. Gli studi di antropologia economica sulle società non industrializzate hanno sottolineato spesso, da Malinowsky in avanti, la stretta relazione tra sistema sociale, sistema giuridico e attività lavorativa. L'antropologia sostantivista ha mostrato come l'economia sia funzione della vita sociale e poggi sulle relazioni interpersonali configurandosi, appunto, come una economia della parentela 8. Oggi, in particolare 5Intervista a Blaise Akpoli, Bohicon, giugno Anche: Schön B., Madre, in Wulf C. (a cura), Vom Menschen. Hanbuch Historische Anthropologie, Beltz Verlag-Weinheim und Basel, 1997 (tr. it., Le idee dell'antropologia, Mondadori, Milano, 2002 pp. 324 ss). 6In questo senso costituisce, secondo la visione della Arendt, una sorta di attività obbligata per far fronte alle necessità della vita e dunque, è diverso dalla espressione della creatività umana. Arendt H., Vita activa, La condizione umana, Bompiani, Milano, 1988, pp Busoni M., Il valore delle spose. Beni e persone in antropologia economica, Meltemi, Roma, 2001, pp. 30 ss. 8Wilk R.R., Economies and Cultures, West View Press, Boulder, 1996 (tr. it., Economie e culture. Introduzione alla antropologia economica, Bruno Mondadori, Milano, 2007). Anche, Gosselin G., Pour une anthropologie du travail rural en Afrique noire, in Cahiers d'études africaines, Vol. 3 N pp , doi: /cea ,url:http://www.persee.fr/web/revues/home/prescript/article/cea_ _1963_num_3_12_3712, Consultato il 31 luglio 2012.

4 l'orientamento sociologico antiutilitarista, per definire esperienze economiche fondate su criteri diversi da quelli del sistema liberista, usa il termine di lavoro informale o anche di economia informale 9. Latouche, ad esempio, riferendosi all Africa e alla sua capacità di esprimere una economia non individualista e non fondata sul profitto individuale, ritiene che il lavoro capitalista (lavoro alle dipendenze, imprenditoria personale ) non abbia affatto scalzato le antiche modalità che si reggono sul dono e sulla reciprocità, con tutte le implicazioni sociali che ciò comporta. La società africana funziona dunque, con una commistione di fattori, vale a dire con un certo grado di mercato internazionale, di mercato locale e di dono. Dare, ricevere, ricambiare costituiscono lo schema entro il quale si sviluppano le relazioni sociali che in Africa permettono la sopravvivenza. Nella visione di Latouche, infine, il modello socio-economico africano sarebbe capace di resistere alla propagazione dello schema neoliberista e anche alle innumerevoli proposte di sviluppo delle agenzie internazionali. Questa economia di reciprocità, non orientata al consumo, viene presa ad esempio per mostrare l'opportunità della uscita dallo schema costrittivo della economia produttivistica e la necessità della decrescita soprattutto per i paesi occidentali, ormai soffocati dall'esagerato consumismo 10. È una visione sicuramente suggestiva e significativa, che tuttavvia, presenta almeno due aspetti deboli: il primo (abbondantemente messo in risalto da vari studiosi) sta in una opzione ideologica che raggruppa sotto il concetto di dono pratiche profondamente diverse tra di loro e, spesso, ambigue 11 ; il secondo, nello specifico, sta invece nella sottovalutazione (a mio parere, drammatica) del ruolo imposto alla donna in quelle economie della parentela che, appunto, si sostengono sul suo lavoro. Detto altrimenti: il lavoro femminile, nelle economie parentali, non viene considerato come attività produttrice di reddito, quanto piuttosto come servizio ai membri della famiglia, dono entro lo schema della relazione e della reciprocità. Ma ciò comporta, come effetto sociale, che a questa attività non vengano associati diritti se non quelli che comunque derivano dalla appartenenza al nucleo familiare. Inoltre, poichè l'ambito del lavoro domestico è enormemente ampio (come si è visto, 9Caillé A., Don, intérêt et désintéressement, La Découverte, Mauss, 1994 (tr. it., Il terzo paradigma: antropologia filosofica del dono, Bollati Boringhieri, Torino, 1998). 10 Latouche S., L autre Afrique. Entre don e marché, 1997 (tr. it., L altra Africa: tra dono e mercato, Bollati Boringhieri, Torino, 2000, pp ). 11Dei F., Tra le maglie della rete: il dono come pratica di cultura popolare, in Dei F. (a cura), Culture del dono, Meltemi, Roma, 2008, pp

5 comprende la produzione dei beni e la loro commercializzazione, il lavoro di cura e di assistenza...) ciò si traduce in un carico molto pesante per le donne africane. Più che un dono il lavoro femminile sembra configurarsi come un sacrificio e, in quanto tale, ricollegarsi piuttosto ad uno schema di potere e di controllo già visto da autori classici, quali Goody e Meillassoux. Si apre, allora, una importante riflessione relativa al rapporto tra lavoro femminile, emancipazione e sviluppo (inteso sia come sviluppo sociale, sia come sviluppo delle capacità e della consapevolezza individuale) 12. È chiara, a livello teorico e fenomenologico, l'ambiguità del lavoro. Questi può sicuramente essere una modalità di umanizzazione, un elemento per rendere più significativa e sociale l esperienza umana; ma può anche risolversi un una maniera alienante di relazione nel momento in cui non permette a colui che produce di disporre del frutto del proprio lavoro (secondo l'analisi marxista), oppure lo inserisce entro relazioni sociali che non lo favoriscono o che, in alcuni drammatici casi, lo rendono addirittura sottomesso. Se è vero, infatti, che il lavoro è costitutivo all umanità, è altrettanto vero che molta parte delle problematiche che affliggono la vita dell uomo originano o derivano dal lavoro: dalla sua mancanza, dal suo eccesso, dal fatto che esso sia inadeguato, realizzato senza le opportune risorse o tutele, alienato, costretto, schiavo. E si tratta di una ambiguità connaturata alla condizione umana perchè il lavoro può prodursi sia come necessità per la sopravvivenza, dunque, forma di dipendenza dalla propria materialità e dalla socialità così come si è venuta strutturando storicamente, sia, invece, nelle sue espressioni migliori, come azione creativa, che trasforma e dà senso e diventa esperienza spirituale 13. Torniamo, dunque, al lavoro femminile in Africa. Esso è, come già ricordato, anzitutto fatica. Al pari dei lavori antichi della civiltà contadina che abbiamo conosciuto (il carbonaio, il mugnaio, l agricoltore ) anche le donne africane sperimentano l essere soggetti ad una natura che resiste e non si fa addomesticare. Lavorando anzitutto col corpo (torna l'immagine delle donne curve sui campi) esse sembrano l'icona di quella maledizione biblica che condanna l'umanità a guadagnare il pane col sudore della fronte, vale a dire con fatica eccessiva. E a questo riguardo si può tentare un primo confronto: se l'occidente 12Sull'antropologia economica e l'antropologia dello sviluppo, vedi L. Rami Ceci, Sviluppo dell'antropologia economica nella modernità, in T. Tentori, Elementi di antropologia economica, Armando, Roma, 2009, pp Mi riferisco a questo riguardo, alla visione di H. Arendt.

6 sperimenta oggi una tirannia della tecnica e una trasformazione (o una diminuzione sostanziale) della possibilità di interagire col mondo e con le cose, il che si traduce in una mancanza totale di autonomia 14, per le donne africane, poter disporre di strumenti più adeguati, di diritti e di tutele significa anzitutto emanciparsi da una condizione di pura servitù. Altri aspetti debbono essere rilevati. L'analisi sulle modalità con le quali si realizza il lavoro femminile in Africa non può essere disgiunta da quella sulla condizione delle donne, il che significa (anche) sulle condizioni di estrema difficoltà e sperequazione che esse sperimentano e sui loro tentativi creativi e originali di modificarle. Il fatto che il lavoro sia in larga parte realizzato entro la cornice familiare porta come conseguenza, mi pare, la difficoltà ad essere realmente elemento di sviluppo e di emancipazione per le donne (ci si potrebbe domandare, forse, se ciò non possa essere allargato a tutta la questione del lavoro domestico, nella misura in cui questo rimane legato ad una divisione di genere e concepito solo entro lo schema della reciprocità non misurabile in termini economici) 15. Configurandosi come una funzione della complessa vita domestica, il lavoro delle donne africane è orientato al mantenimento della istituzione e fatica ad assumere significati di promozione della persona 16. Ad esempio non permette di acquisire capacità per migliorare economicamente; essendo pensato come un servizio non viene associato ai diritti individuali di partecipazione e democrazia, che costituiscono conquiste del pensiero sociale, mentre contribuisce, al contrario, a mantenere le donne entro una cornice di subalternità. Lo dimostra, osservando un altro aspetto della condizione femminile, la dispersione scolastica, più alta per le donne che per i maschi, e dovuta in parte al fatto che le famiglie preferiscono occupare le figlie nella attività domestica 17. Trattare del lavoro femminile in Africa, mi pare, significa trattare di diritti individuali e di democrazia. Allora, poiché la condizione femminile, specie per le 14Benasayag M, Abécédaire de l'engagement, Bayard, 2004 (tr. it., Contro il niente. Abc dell'impegno, Feltrinelli, Milano, 2005). 15Picchio A., Visibilidad analíca y Política del trabajo de reproducción social, in Carrasco C. (a cura), Muyeres y Economía: Nuevas perspectivas para viejos y nuevos problemas, Icaria, Barcelona, 2003, pp Cabanes R., L anthropologie du travail au 21 siecle, in Anthropologie et Société, vol. 24, n 1, 2000, pp , htpp://id.erudite.org/iderudit/015637ar; consultato il 1 luglio Commissione Economica per l'africa, Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, Valutazione reciproca dell'efficacia dello sviluppo in Africa: promesse e risultati, OECD, 2009, p. 43.

7 donne povere, è inscindibilmente legata al lavoro e poiché questo si configura entro degli schemi troppo costrittivi e troppo privati, obiettivo della emancipazione può essere quello di liberare almeno in parte il tempo delle donne perché possano occuparsi di se stesse, della propria educazione, della propria salute 18. In questo senso, progetti che hanno lo scopo di razionalizzare l attività femminile (ad esempio, con l introduzione di sistemi tecnologici migliorativi, come la realizzazione di forni di argilla che mantengono il calore più a lungo e che quindi garantiscono risparmio di tempo e di combustibile) sono sicuramente importanti ma, almeno a mio parere, non colgono il cuore del problema che è quello di permettere alla donna di non essere sempre legata al lavoro come necessità e di scegliersi il ruolo che meglio la esprime. Allo stesso modo le considerazioni attuali sulla preponderanza della razionalità strumentale di weberiana memoria sono sicuramente fondamentali in un contesto occidentale, nel quale l'estrema burocratizzazione imposta al lavoro e al sistema sociale in generale opera per inaridire le relazioni personali 19. Al contrario, nel contesto socio-lavorativo africano rurale (e delle società non industralizzate) il problema sembra piuttosto quello di temperare la dominanza della logica familiare. Non perché questa logica non funzioni (al contrario pare funzionare ancora benissimo) ma proprio perchè il suo reggersi sul sacrificio delle donne e, in certa parte, anche dei bambini (un ambito di ricerca a mio parere importante e urgente è quello relativo alla diffusione del lavoro minorile, che spesso si configura come servitù, o vera e propria schiavitù) la trasforma in logica familistica che vorrebbe imporsi come unica fonte di moralità e di legittimità. Se in Occidente è lo squilibrio dell'eccesso di mercato e di contrattualità a dover essere rivisto, in Africa, mi pare, è la visione più attenta ai diritti delle varie parti (le donne, i bambini, l'ambiente) ad orientare l'azione creativa di molte donne. Si pensi, ad esempio, alla vicenda di Wangari Maathai, ambientalista e politica keniota, impegnata nella promozione della donna e nella tutela dell'ambiente per la quale davvero si può riproporre l'idea del lavoro come possibilità per l'uomo di essere corresponsabile nella conservazione del 18Arendt H., Vita activa..., op. cit., pp. 127 ss. 19Naturalmente, ciò non svaluta un dibattito importante che trova, oggi, le sue ragioni nella profonda crisi di fiducia che si sta verificando nel nostro mondo. Girardo M., Riscopriamo Caffè e l'economia degli affetti, in Avvenire, , p. 24.

8 creato (Genesi 2-2 e anche Genesi 38-41) 20. Interpreto nel senso di uno sviluppo della coscienza dei diritti individuali anche le trasformazioni della stessa famiglia allargata beninese nella quale assume via via più importanza l economia domestica delle famiglie nucleari di contro alle famiglie estese, un tempo titolari di diritti economici e di potere sui singoli 21. Un ultimo aspetto riveste particolare importanza e riguarda la cornice macroeconomica nella quale le donne del Bénin realizzano la loro attività. Se si passa per un villaggio nel tardo pomeriggio, quando i mercati si stanno concludendo (in città, invece, essi continuano fino a tarda notte, alle luci delle lampade ad olio) si notano lunghe teorie di automobili che si allontanano stracolme di ceste di pomodori. Nei mercati rurali del Bénin (come in quelli di tutta l'africa, del resto) approdano i raccolti della agricoltura domestica e, dunque (poichè nessuno diversifica la produzione) si ha sempre, a seconda della stagione, un eccesso di beni, tutti dello stesso tipo, come pomodori, cipolle, tuberi... Si comprende perciò il comportamento economico delle donne che stanziano al mercato, le quali possono essere obbligate, alla fine della giornata, a vendere i loro prodotti molto deperibili ad acquirenti che, evidentemente, non se ne serviranno per uso familiare e li trasporteranno altrove. Ma il cerchio si chiude quando, osservando di cosa dispongono le famiglie a basso reddito per la preparazione del loro cibo quotidiano, si nota che la sauce (che accompagna la maggior parte dei piatti della cucina beninese) viene preparata utilizzando lattine di salsa di pomodoro prodotta in Cina. Difficile credere, ovviamente, che si tratti degli stessi pomodori prelevati dai grossisti ma la parabola dei pomodori che passano dal mercato rurale alle imprese di trasformazione e tornano sulle tavole della popolazione beninese sotto forma di concentrato, la dice lunga sulla cornice entro la quale è collocata l'attività agricola: anche le donne africane, pur da una posizione molto marginale, stanno dentro uno schema globalizzato. Se non è globalizzato il loro lavoro lo è comunque il frutto della loro fatica. In questo schema le donne africane produttrici di pomodori sostengono (loro malgrado) l'industria di trasformazione degli alimenti e diventano (sempre loro malgrado) consumatrici di prodotti stranieri (o di soia, come nel caso ricordato in 20É dunque, il riferimento ai valori fondamentali, non economici, a diventare discriminante. Paltrinieri G., L'enciclica Caritas in Veritate ed il pensiero della decrescita, Tracce di riflessione per un'economia più giusta, Esercitazione per il Baccalaureato Quinquennale in Sacra Teologia, Facoltà teologica dell Emilia Romagna, a.a , p Intervista a P. Matias, anziano Fon, Bohicon, giugno 2012.

9 apertura di questo articolo, del formaggio che esse producono, o di medicine che vengono dall'india e compaiono, di contrabbando sui mercati e via dicendo...). È dunque, il sistema economico ad asservire al mercato e al consumo anche collettività che potrebbero avere una loro autonomia. Come ricorda Zamagni, l'economia schiavizza, tramite la produzione e il consumo, anzitutto distinguendo tra consumatori e produttori, poi assoggettando, in veste di lavoratore, alla techné, infine imponendo un tempo sempre maggiore per il consumo 22. Dobbiamo ancora una volta verificare come questo processo, impersonale e imposto, non aiuterà in alcun modo le donne ad uscire dalla loro povertà. Lo sviluppo, inteso come sviluppo integrale, assume caratteri metaeconomici, giuridici, e si àncora ad una visione antropologicamente più corretta e, sopratutto, a criteri etici 23. Istanza ecologica, reale emancipazione della donna, diritti dei bambini, economia limitata al suo compito parziale, a vantaggio di una migliore vita relazionale e politica: queste sembrerebbero essere le priorità sulle quali lavorare. Bibliografia 1. Arendt H., The Uman condition, The University of Chicago, Chicago 1958 (tr. it. Vita activa, La condizione umana, Bompiani, Milano, 1988). 2. Benasayag M, Abécédaire de l'engagement, Bayard, 2004 (tr. it., Contro il niente. Abc dell'impegno, Feltrinelli, Milano, 2005). 3. Busoni M., Il valore delle spose. Beni e persone in antropologia economica, Meltemi, Roma, Cabanes R., L anthropologie du travail au 21 siecle, in Anthropologie et Société, vol. 24, n 1, 2000, pp , htpp://id.erudite.org/iderudit/015637ar; consultato il 1 luglio Caillé A., Don, intérêt et désintéressement, La Découverte, Mauss, 1994 (tr. it., Il terzo paradigma: antropologia filosofica del dono, Bollati Boringhieri, Torino, 1998). 6. Carrasco C. (a cura), Muyeres y Economía: Nuevas perspectivas para viejos y nuevos problemas, Icaria, Barcelona, Casella Paltrinieri A., Mercati del Mozambico. Persone, beni e cultura nei mercati di Sofala e Cabo Delgado, Vita e Pensiero, Milano, Commissione Economica per l'africa, Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, Valutazione reciproca dell'efficacia dello sviluppo in Africa: promesse e risultati, 22Zamagni S., Globalization and the new migratory question, in Globalization. Ethical and Institutional Concerns. The proocedings of the Seventh Plenary Session of the Pontifical Accademy of Social Scienzes, aprile 2001, cit. in Paltrinieri G., L'enciclica Caritas in Veritate ed il pensiero della decrescita, op. cit., p Paltrinieri G., L'enciclica Caritas in Veritate ed il pensiero della decrescita, op. cit., pp

10 OECD, alleo review - anna casella paltrinieri 9. Dei F. (a cura), Culture del dono, Meltemi, Roma, Girardo M., Riscopriamo Caffè e l'economia degli affetti, in Avvenire, , p Gosselin G., Pour une anthropologie du travail rural en Afrique noire, in Cahiers d'études africaines. Vol. 3 N pp ,doi: /cea ,url:http://www.persee.fr/web/revues/home/prescript/article/cea_ _1963_num_3_12_3712, Consultato il 31 luglio Latouche S., L autre Afrique. Entre don e marché, 1997 (tr. it., L altra Africa: tra dono e mercato, Bollati Boringhieri, Torino, 2000). 13. Olivier de Sardan J.P., «De la nouvelle anthropologie du développement à la socio-anthropologie des espaces publics africains», in Revue Tiers Monde 3/2007 (n 191), pp , URL : DOI : /rtm Kaag M., Usage foncier et dynamique sociale au Sénégal rural, Rozenberg, Leyden, Melandri L., Un'altra economia o un altro rapporto tra uomini e donne? in Gli Altri, settimanale, , p Nicoli D., Il lavoratore coinvolto. Professionalità e formazione nella società della conoscenza, Vita e Pensiero, Milano, Paltrinieri Giambattista, L'enciclica Caritas in Veritate ed il pensiero della decrescita, Tracce di riflessione per un'economia più giusta, Esercitazione per il Baccalaureato Quinquennale in Sacra Teologia, Facoltà teologica dell Emilia Romagna, a.a T. Tentori, Elementi di antropologia economica, Armando, Roma, Wilk R.R., Economies and Cultures, West View Press, Boulder, 1996 (tr. it., Economie e culture. Introduzione alla antropologia economica, Bruno Mondadori, Milano, 2007) 20. Wulf C. (a cura), Vom Menschen. Hanbuch Historische Anthropologie, Beltz Verlag-Weinheim und Basel, 1997 (tr. it., Le idee dell'antropologia, Mondadori, Milano, 2002).

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare.

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. CALL FOR PAPERS Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. 18-19 settembre 2008 Università di Milano-Bicocca L analisi del dono risulta sempre più presente nel dibattito

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Hegel: La nascita dello spirito.

Hegel: La nascita dello spirito. Hegel: La nascita dello spirito. dalla Fenomenologia dello Spirito Il testo seguente, tratto dalla sezione Autocoscienza della Fenomenologia dello spirito, è uno dei più celebri dell'opera e di tutta la

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua

Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua Un progetto della Rete dei Comuni Solidali: 290 piccoli comuni italiani per la solidarietà e lo sviluppo Sahel: fra le terre

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Il Vangelo della famiglia in un mondo globalizzato

Il Vangelo della famiglia in un mondo globalizzato Il Vangelo della famiglia in un mondo globalizzato Mons. Vincenzo Paglia Presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia Tra pochi mesi si riunirà a Roma il Sinodo Ordinario dei Vescovi su La Vocazione

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Famiglia e lavoro, cercasi equilibrio 15

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Famiglia e lavoro, cercasi equilibrio 15 ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Famiglia e lavoro, cercasi equilibrio 15 "Quanto vale una vita? Il suo valore dovrebbe essere inestimabile, lui non la pensava più così, una morte del genere

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972)

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite alla Conferenza su L'Ambiente Umano tenutasi a Stoccolma da 5 a 16 giugno 1972, che ha considerato

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Altri modelli possibili

Altri modelli possibili Altri modelli possibili In collaborazione con: Associazione Rete Radié Resch di Udine Oikos fvg Organization for International Kooperation and Solidarity Associazione Città Ecosolidale Scuola Friulana

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015

INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015 INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015 Il mese di gennaio da sempre rappresenta il cuore dell Iniziativa di Carità nel percorso formativo dell Acr, una traduzione concreta - a misura dei bambini e ragazzi attraverso

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Agricoltura sociale: se l agricoltura batte il

Agricoltura sociale: se l agricoltura batte il Agricoltura sociale: se l agricoltura batte il 5 Federazione Italiana Gruppi Coltivatori Sviluppo FEDERSVILUPPO ASSOCIAZIONE REGIONALE DEL PIEMONTE FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale L

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro Uno sguardo sull ILO Organizzazione Internazionale del Lavoro La pace universale e duratura può essere fondata soltanto sulla giustizia sociale Costituzione dell OIL, 1919 Uno sguardo su ll I LO L Organizzazione

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli