Donne per la vita Riduzione della mortalità materno-infantile e contrasto alla diffusione dell AIDS, con il supporto dell associazione Kuplumussana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Donne per la vita Riduzione della mortalità materno-infantile e contrasto alla diffusione dell AIDS, con il supporto dell associazione Kuplumussana"

Transcript

1 Medici con l Africa Cuamm Donne per la vita Riduzione della mortalità materno-infantile e contrasto alla diffusione dell AIDS, con il supporto Kuplumussana Relazione attività 1 marzo - 30 settembre 2013

2 Indice Pagina 5 Contesto generale 5 Mozambico e provincia di Sofala 6 Emergenza HIV 6 Medici con l Africa Cuamm in Mozambico 7 Associazione Kuplumussana 8 Il progetto Pagina 9 1. Educazione, informazione e comunicazione nelle comunità e nei centri di salute 9 2. Acquisto di beni di prima necessità Ricerca di mamme e bambini HIV+ con difficoltà a seguire il trattamento 9 Stato di avanzamento delle attività

3 Pagina Presenza di personale esperto di attività comunitarie all interno Formazione del personale amministrativo e gestionale Pagina Visibilità e del progetto in Italia 12 Budget 2 3 Donne per la vita

4 In Mozambico e, in particolare, a Beira l AIDS è una doenca ( malattia ) che è ormai ovunque, in ogni casa, in ogni famiglia, ma che non si osa neppure nominare perché è simbolo di vergogna e di morte. Così, spesso, i malati, oltre alla sofferenza per la malattia, devono patire anche l abbandono da parte dei familiari. Maria Laura Mastrogiacomo pediatra di Medici con l Africa Cuamm Archivio Cuamm - La foto di questa pagina, come tutte quelle presenti nel resto del documento, ritraggono alcune attività Kuplumussana e sono state scattate dal dott. Arturo Silva, capo progetto di Medici con l Africa Cuamm

5 Contesto generale Mozambico e provincia di Sofala Il Mozambico, paese della regione sud est del continente africano, ha una superficie di kmq e conta una popolazione di quasi 17 milioni di abitanti. Di questi, il 23% vive nelle città e il 44,6% è al di sotto dei 15 anni. La seconda città del paese, con abitanti, è Beira, capitale della provincia di Sofala, nella quale viene realizzato il progetto. Anche in questa provincia, la maggior parte della popolazione vive nelle aree rurali (67%) e il 40% è al di sotto dei 15 anni d età (di questi, il 17% ha meno di 5 anni). L Indice di Sviluppo Umano, calcolato dall UNDP per il 2012, colloca il Mozambico al 184 posto, su 187 paesi totali. L evoluzione socio-economica che ha investito il paese negli ultimi anni non ha migliorato lo stato della salute maternoinfantile: i tassi di mortalità neonatale (54/1.000), infantile (146/1.000) e di mortalità nei primi 5 anni di vita (246/1.000), secondo i dati ufficiali del censimento del 1997, sono ancora elevati. I dati della mortalità materna, inoltre, rimangono fra i peggiori del mondo con un incidenza di più di donne che muoiono durante il parto, per ogni nati vivi. Nel complesso, il profilo epidemiologico è quello tipico dei paesi dell Africa Sub Sahariana, in cui soprattutto HIV/AIDS, malaria e tubercolosi sono tra le principali cause di malattia e di morte negli adulti. Tete Chimolo Dondo Homoine Inhambane Maputo Beira Quelimane Tete Alua Nampula Wolisso Pemba Moma Chimolo Dondo Beira Cidade de Nacala Homoine Inhambane Quelimane Nam Maputo Archivio Cuamm 4 5 Donne per la vita

6 Emergenza HIV In Africa meno del 45% delle donne riceve l assistenza necessaria per ridurre il rischio di trasmissione dell HIV da madre a figlio e i dati di mortalità per AIDS rimangono ancora molto elevati. In Mozambico i dati epidemiologici non sono confortanti, nonostante gli sforzi compiuti dal Ministero della Salute per implementare programmi per la prevenzione della trasmissione materna del virus (prevention of mother-tochild transmission, Pmtct) e l efficacia della terapia antiretrovirale (Arv). I dati relativi alla patologia AIDS registrano una sieroprevalenza nazionale del 16% degli adulti, con tassi più elevati in alcune zone, come nella regione centrale e in particolare nella provincia di Sofala in cui la prevalenza è superiore al 26%, con picchi sino al 30% per la città di Beira. Si stima che circa mozambicani vivano con l infezione da HIV, con una media di 440 nuove infezioni al giorno. I giovani con età compresa tra 15 e 24 anni sono i più colpiti e la disparità di genere è molto rilevante: nella classe di età anni le donne infette sono 4 volte di più rispetto agli uomini. Si stima inoltre che negli ospedali il 40% dei letti sia occupato da pazienti con AIDS. Nonostante la buona diffusione dei programmidi Pmtct, gli ostacoli che più frequentemente si incontrano sono di natura: logistica, nell assicurare la presenza costante di farmaci e di accesso ai posti di salute e ai principali ospedali, soprattutto per le comunità rurali; sociale: l HIV/AIDS costituisce ancora uno stigma sociale e un fattore di discriminazione. In questo contesto, molte donne evitano di fare il test e, se lo fanno, rifiutano il risultato o lo tengono segreto, non potendone parlare con il marito. In questo contesto diventa impossibile accedere in maniera appropriata e continuativa (continuum of care) ai programmi sanitari. L approccio esclusivamente clinico e farmacologico ai programmi di Pmtct non è pertanto sufficiente, ma richiede interventi più complessivi di sostegno ai gruppi di supporto per madri sieropositive, formati da altre madri che hanno avuto la medesima esperienza, con l obiettivo principale di ridurre l incidenza dell HIV pediatrico. Medici con l Africa Cuamm in Mozambico Medici con l Africa Cuamm avvia il proprio intervento nel 1978, con il lancio del primo programma-paese nato da un accordo bilaterale tra i governi di Italia e Mozambico. In tutto questo periodo, compresi i 16 anni di guerra civile conclusasi nel 1994 con le prime libere elezioni, il Cuamm è stato presente in 7 delle 10 province del Mozambico. Di seguito si riportano in sintesi i principali interventi realizzati: 1986: intervento presso l ospedale di Chokwe per fornire assistenza a decine di migliaia di profughi in fuga dalla guerra civile; 1997: rilancio dell intervento nella provincia di Sofala, avviato nel 1992, con l obiettivo di rafforzare il sistema sanitario; 2007: laurea dei primi 16 studenti di medicina dell Università Cattolica del Mozambico di Beira, sostenuti dal Cuamm; 2009: indicazione del Ministero della Sanità di trasferire i servizi di cura dell AIDS, sinora concentrati a livello di ospedale, in tutti i centri sanitari periferici della città di Beira.

7 Associazione Kuplumussana L associazione Kuplumussana (letteralmente, che si aiutano a vicenda ) nasce nel 2005 come gruppo informale peer-to-peer formato da madri sieropositive, con lo scopo di rafforzare le attività dell ospedale pediatrico della città di Beira. Il gruppo è arrivato a organizzarsi nel 2009 come vera e propria associazione, per poi espandere la propria azione nel 2010/2011 anche ai centri di salute della città, raggiungendo quindi comunità e famiglie. Le madri Kuplumussana, ad oggi 40, costituiscono infatti un vero e proprio collegamento tra il programma di Pmtct, i centri sanitari e le donne sieropositive, promuovendo anche l integrazione dei servizi di salute materno-infantile con quelli di controllo dell HIV. L associazione, collaborando con le unità sanitarie, ha come obiettivo l affiancamento delle donne sieropositive durante le cure cliniche per garantire il supporto psicologico e sociale, per aiutarle ad affrontare le barriere socioculturali e a seguire il trattamento antiretrovirale. Particolare attenzione, inoltre, è rivolta ai bambini più vulnerabili, di solito orfani, che presentano maggiori difficoltà a seguire la terapia a causa di condizioni familiari disagiate. La collaborazione tra Medici con l Africa Cuamm e Kuplumussana è stata avviata nel 2009 ed è stata rafforzata poi nell anno successivo, quando le attività sono state incluse nel programma realizzato nella provincia di Sofala per favorire il collegamento con la comunità. La collaborazione è stata suggellata inoltre il 4 giugno 2012 con la firma di un accordo che consente alle madri Kuplumussana di ricevere un sostegno economico e di rafforzare le proprie capacità di intervento, attraverso formazione, monitoraggio e valutazione. L accordo è stato firmato alla presenza di don Dante Carraro - direttore di Medici con l Africa Cuamm, della dr.ssa Donata Galloni - rappresentante Cuamm per il Mozambico, di Afua Assane e Teresa Januario - presidente e vice presidente. In tale occasione, è stata anche inaugurata la sede di Kuplumussana, realizzata grazie al Cuamm con finanziamenti di Unicef e di donatori privati. La firma dell accordo di collaborazione tra la presidente di Kuplumussana Afua Assane e il direttore del Cuamm don Dante Carraro 6 7 Donne per la vita

8 Il progetto Il progetto Donne per la vita, in partenariato con le Direzioni della Sanità della città di Beira, con la Provincia di Sofala e con l associazione Kuplumussana, intende contribuire a ridurre il numero di nuove infezioni, ad assicurare un trattamento ai malati e a ridurre la mortalità per AIDS nelle madri, nei bambini e negli adolescenti. All interno dell ampio programma di intervento di Medici con l Africa Cuamm nella provincia di Sofala, Donne per la vita si concentra sulla componente comunitaria e in particolare sul rafforzamento e lo sviluppo delle attività condotte dall associazione Kuplumussana per la prevenzione, l aderenza al trattamento e l appoggio psico-sociale a bambini, adolescenti e gravide. Gli obiettivi specifici sono quindi: 1. garantire attività socio-assistenziale a donne e bambini sieropositivi nella città di Beira; 2. promuovere la capacity building al fine di garantire autonomia e sostenibilità della stessa. Le attività previste sono: 1. sostenere le attività di educazione, informazione e comunicazione nelle comunità e nei centri di salute, con la preparazione e stampa di materiale specifico e l invio di rappresentanti nei quartieri della città e nei centri di salute; 2. acquistare beni di prima necessità per le mamme HIV+ in situazione di povertà, fornendo dove necessario supplementi alimentari, vestiti e materiale per l igiene; 3. ricercare le mamme e i bambini HIV+ che abbandonano il trattamento o non si presentano alle visite di controllo, assicurando i fondi necessari per le ricerche (es. trasporto urbano), chiamate telefoniche (cellulari e ricariche) e piccoli incentivi per i membri impegnati in quest attività; 4. garantire la presenza di personale esperto di attività comunitarie all interno al fine di identificare le modalità operative e gestionali ideali per migliorare i servizi ed evidenziare l impatto alle autorità locali della città di Beira, cercando il loro coinvolgimento e sostegno; 5. garantire risorse per la formazione del personale amministrativo e gestionale, inclusi gli aspetti burocratico-legislativi, la contabilità e la rendicontazione, la raccolta dati, la gestione delle statistiche delle mamme e bambini aiutati e la preparazione di report semestrali/annuali di attività; 6. assicurare visibilità all operato e del progetto in Italia, attraverso missioni della presidente e/o di donne appartenenti all associazione, al fine di condividere con gli italiani la loro storia, i loro successi e favorire l adesione di nuovi sostenitori. Archivio Cuamm

9 Stato di avanzamento delle attività Rispetto alle attività elencate nel precedente paragrafo, di seguito si riportano le azioni concluse in data 30 settembre Educazione, informazione e comunicazione nelle comunità e nei centri di salute Ogni giorno i membri Kuplumussana affrontano il delicato compito di approcciare donne che, provenendo da situazioni di povertà ed emarginazione, ignorano il proprio stato di salute o sono vittime di pregiudizi culturali e familiari. Molto spesso, infatti, una donna che scopre di essere sieropositiva non accetta il proprio stato perché teme lo stigma sociale e la reazione del proprio marito, anche quando lo stesso è già in trattamento antiretrovirale. Nel mese di aprile 2013 è stato realizzato un corso di cure domiciliari, per migliorare la capacità dei membri Kuplumussana di seguire le donne gravide e i bambini HIV+ direttamente a casa, per accompagnarli e supportarli anche nell accettazione della malattia. Le cure domiciliari hanno inoltre lo scopo di aumentare la comprensione dell importanza di assumere i farmaci in maniera regolare, di alimentarsi correttamente e di curare la propria igiene personale. Una formazione specifica sui temi legati alla nutrizione ha inoltre coinvolto nel mese di settembre 2013 i membri che all interno delle Unità Sanitarie si occupano di educazione alimentare. Le madri che si trovano nei centri di salute per accompagnare i figli alle visite di controllo vengono infatti coinvolte dalle donne Kuplumussana in vere e proprie lezioni dimostrative sul valore nutrizionale di alcuni alimenti e sull importanza di seguire un alimentazione sana e nutritiva. Le lezioni sono un occasione anche per preparare cibi sani ed economici, che poi vengono offerti ai bambini presenti. 2. Acquisto di beni di prima necessità Le madri di Kuplumussana e il personale dei centri di salute assicurano costantemente l identificazione delle donne e dei bambini in situazione di difficoltà, segnalando il rischio di abbandono della terapia, valutando la situazione familiare secondo parametri definiti dall associazione e fornendo supporto dove necessario. Cibi, vestiti e prodotti per l igiene personale vengono quindi distribuiti a seconda delle esigenze riscontrate. Uno dei problemi della scarsa adesione al trattamento antiretrovirale e dell abbandono della terapia da parte di donne e bambini sieropositivi è infatti la situazione di povertà, per cui diventa problematico raggiungere il centro di salute o alimentarsi in maniera sufficiente perché i farmaci non risultino troppo aggressivi per l organismo. Archivio Cuamm 8 9 Donne per la vita

10 3. Ricerca di mamme e bambini HIV+ con difficoltà a seguire il trattamento La mappatura e la ricerca attiva delle madri sieropositive e dei loro bambini è una delle principali attività svolta dai membri sin dall inizio del progetto: lo scopo è capire quali sono gli ostacoli che hanno portato all abbandono del trattamento antiretrovirale e rendere i malati consapevoli della necessità di rientrare. La ricerca può essere telefonica, nel caso in cui le donne abbiano lasciato un recapito durante la visita al centro di salute; in caso contrario, i membri Kuplumussana iniziano una ricerca attiva nelle diverse aree della città, fino a individuare la madre con il suo bambino e, in molti casi, seguirli nelle cure. A partire dall inizio del progetto sono state individuate e recuperate al trattamento circa 711 madri e bambini che avevano deciso di abbandonare le cure. 4. Presenza di personale esperto di attività comunitarie all interno Il rafforzamento della capacity building Kuplumussana rappresenta l elemento in grado di garantire la sostenibilità del progetto e di rendere evidenti le sue ricadute nel lungo periodo. A tale scopo, dal mese di agosto 2013 è stato assunto un esperto in attività comunitarie che affianca l associazione nel monitoraggio della qualità dei servizi prestati e del loro impatto sulla comunità e sui centri di salute. Il responsabile delle attività comunitarie valuta le azioni realizzate dai membri, attualmente composta da 28 donne e 10 uomini, attraverso delle schede preparate con lo scopo di sottolineare punti di forza ed elementi di debolezza di ciascuna delle azioni realizzate. Sulla scorta di queste valutazioni, l esperto propone azioni per migliorare la performance e impattare più efficacemente sui beneficiari. Archivio Cuamm

11 5. Formazione del personale amministrativo e gestionale Sempre nell ottica di rafforzamento della capacity building, in questi mesi il personale di Medici con l Africa Cuamm impiegato a Beira ha dedicato una parte del proprio lavoro ad un intervento di formazione on the job, affiancando i membri Kuplumussana per rafforzarne le competenze, soprattutto nell ambito della gestione organizzativa e amministrativa. Questo tipo di affiancamento, infatti, intende rafforzare la capacità di gestire autonomamente i fondi ottenuti attraverso progetti di cooperazione, così come le risorse generate dai servizi erogati dai propri membri ad altri gruppi (es. formazione di altri gruppi di donne, attività teatrali, ecc.). La formazione è realizzata da un assistente amministrativo e da un infermiera responsabile delle attività comunitarie e dell appoggio psico-sociale. In particolare: l assistente amministrativo di Medici con l Africa Cuamm si occupa dell appoggio alla preparazione dei report trimestrali e annuali dell organizzazione; l infermiera di Medici con l Africa Cuamm supporta la gestione delle statistiche relative alla ricerca attiva di pazienti che hanno abbandonato il trattamento. Nell ambito delle attività di formazione sopra descritte, ad aprile 2013 è stato realizzato un corso per la gestione di piccole attività generatrici di reddito, con lo scopo di aiutare i membri a migliorare la propria capacità di gestire fondi propri. 6. Visibilità e del progetto in Italia Allo stato di avanzamento attuale, non è stata effettuata alcuna missione da parte di membri Kuplumussana in Italia. In accordo con Athenaeum NAE stiamo valutando un possibile calendario, i cui costi sono a carico di Medici con l Africa Cuamm. Archivio Cuamm Donne per la vita

12 Budget Nella seguente tabella è indicato, per le singole attività svolte, l importo del budget annuale speso per la prima fase del progetto: Attività 1. Educazione, informazione e comunicazione nelle comunità e nei centri di salute Importo speso (euro) Budget annuale (euro) Residuo di budget (euro) 3.155, ,07 2. Acquisto di beni di prima necessità 6.090, ,34 3. Ricerca di mamme e bambini HIV+ con difficoltà a seguire il trattamento 3.220, ,93 4. Presenza di personale esperto di attività comunitarie all interno 5. Formazione del personale amministrativo e gestionale 756, , , ,7 Totali (euro) , ,04 Archivio Cuamm

13 Archivio Cuamm Archivio Cuamm Donne per la vita

14 Archivio Cuamm Archivio Cuamm

15 Ero incinta e feci il test per l HIV durante una visita prenatale: quando dissi a mio marito che ero positiva, poco dopo mi ritrovai da sola e fui costretta a tornare da mia madre. È stata lei a consigliarmi di parlare con un gruppo di donne, anche loro HIV+, che si stavano aiutando l un l altra. Da allora la mia vita ha avuto un nuovo inizio, quelle madri sono diventate mie amiche e una nuova speranza è nata in me. Sono positiva dal 2003 e in tutti questi anni ho sempre seguito il trattamento. Non è facile accettare l idea di prendere farmaci tutta la vita ma quando ho saputo che, proprio grazie al trattamento, la bambina che aspettavo è nata negativa ho ricevuto la notizia più bella della mia vita, che mi restituisce la forza per lottare per la mia vita e quella dei miei figli. Ora faccio parte Kuplumussana e mi occupo di diversi bambini sieropositivi, di cui sono diventata la madrina. Con loro la mia vita ha recuperato i colori di un tempo, e ho capito che i problemi si risolvono meglio se con le altre persone si condividono le stesse sofferenze e la medesima speranza. Amelia Beira, agosto Donne per la vita

16 Prima le mamme e i bambini al e Accesso gratuito parto sicuro cura del neonato Medici con l Africa Cuamm via San Francesco, Padova t f c/c postale

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

La speranza di vita alla nascita passerà da 51,5 a 47,1 anni nel 2010. Sarebbe invece salita a 61,4 anni in assenza della sindrome.

La speranza di vita alla nascita passerà da 51,5 a 47,1 anni nel 2010. Sarebbe invece salita a 61,4 anni in assenza della sindrome. Realizzazione di un Laboratorio di Diagnostica avanzata nella città di Nampula in Mozambico nel quadro di un Programma di prevenzione e lotta all AIDS PROGETTO - NOTIZIE - COME ADERIRE E RIFERIMENTI PER

Dettagli

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011 Mani Unite Unite Onlus Presentiamo anche quest anno, come doverosa consuetudine, la sintesi delle attività realizzate nel corso del 2011 a favore dei bambini che soffrono ingiustizie, fame e carenze non

Dettagli

La sfida del futuro. Il programma DREAM e la cura pediatrica. Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italy

La sfida del futuro. Il programma DREAM e la cura pediatrica. Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italy La sfida del futuro Il programma DREAM e la cura pediatrica Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italy Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italia Tel. +39.06.8992225 / Fax. +39.06.89922525

Dettagli

Progetto dell UNICEF Svizzera. «Il mio quarto bimbo è sopravvissuto: è venuto al mondo senza HIV» Marafelie Khechane, Lesotho

Progetto dell UNICEF Svizzera. «Il mio quarto bimbo è sopravvissuto: è venuto al mondo senza HIV» Marafelie Khechane, Lesotho Progetto dell UNICEF Svizzera «Il mio quarto bimbo è sopravvissuto: è venuto al mondo senza HIV» Marafelie Khechane, Lesotho Quasi ogni minuto nasce un bebè sieropositivo. Senza un oppo la metà di loro

Dettagli

Master Universitario di I livello in. Formazione di Infermieri Professionali specializzati in Neonatologia, Puericultura e Assistenza Materna

Master Universitario di I livello in. Formazione di Infermieri Professionali specializzati in Neonatologia, Puericultura e Assistenza Materna Master Universitario di I livello in Formazione di Infermieri Professionali specializzati in Neonatologia, Puericultura e Assistenza Materna Premessa Da alcuni anni, il Ministero dell Istruzione dell Università

Dettagli

Berçário, le culle dei bambini senza nome - Ospedale Centrale di Beira, Mozambico

Berçário, le culle dei bambini senza nome - Ospedale Centrale di Beira, Mozambico «Penso che il messaggio più forte che ho imparato qua è che non bisogna dare mai niente per scontato. Da noi i neonati sono continuamente monitorati ogni piccola cosa viene corretta Qui invece devono un

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della prevenzione e comunicazione Direzione Generale per i rapporti con l Unione Europea e per i rapporti internazionali UFFICIO III Strategia Globale per la salute

Dettagli

ST. CAMILLUS MISSION HOSPITAL KARUNGU PROGETTO PMTCT

ST. CAMILLUS MISSION HOSPITAL KARUNGU PROGETTO PMTCT ST. CAMILLUS MISSION HOSPITAL KARUNGU PROGETTO PMTCT Prevention of Mother To Child Transmission of HIV/AIDS Prevenzione della Trasmissione da Mamma a Bambino Periodo coperto: maggio 2008 aprile 2009 BACKGROUND

Dettagli

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI La tutela e la promozione dei diritti dei minori nel mondo sono la strada obbligata per la crescita dei Paesi in Via di Sviluppo e

Dettagli

Piano regionale di lotta alla diffusione delle infezioni sessualmente trasmesse e dell HIV/AIDS

Piano regionale di lotta alla diffusione delle infezioni sessualmente trasmesse e dell HIV/AIDS ALLEGATO A Piano regionale di lotta alla diffusione delle infezioni sessualmente trasmesse e dell HIV/AIDS LE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMESSE E L INFEZIONE DA HIV/AIDS IN PIEMONTE Con l introduzione dei

Dettagli

LUISA GUIDOTTI HOSPITAL

LUISA GUIDOTTI HOSPITAL LUISA GUIDOTTI HOSPITAL Proposta di progetto: HIV/AIDS Treatment Aid Presentato da: Dr Maria Elena Pesaresi (LGH - Medical Superintendent) (Luisa Guidotti Hospital) 29 Novembre 2012 Contribuire alla riduzione

Dettagli

LUISA GUIDOTTI HOSPITAL

LUISA GUIDOTTI HOSPITAL LUISA GUIDOTTI HOSPITAL Proposta di progetto: HIV/AIDS Treatment Aid Presentato da: Dr Massimo Migani (Direttore del LGH) 29 Novembre 2014 Contribuire alla riduzione della mortalità e morbosità causate

Dettagli

Programma di adozioni a distanza

Programma di adozioni a distanza Programma di adozioni a distanza Tutti noi siamo stati bambini, certamente più fortunati di molti altri perchè abbiamo avuto chi ci ha seguito e ci ha consentito di diventare adulti. Ma in tutto il mondo

Dettagli

1. Priorità regionali per la programmazione degli interventi di rilievo internazionale in Africa per l anno 2012

1. Priorità regionali per la programmazione degli interventi di rilievo internazionale in Africa per l anno 2012 ALLEGATO B ALLEGATO B3 Regione Toscana Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale - Settore Governo Clinico, Programmazione e Ricerca D.C.R. n. 26 del 04/04/2012 Piano Integrato delle

Dettagli

HIV/AIDS & BAMBINI. Restituire la speranza ad una generazione L aiuto alimentare contribuisce a dare un istruzione agli orfani e ai bambini a rischio

HIV/AIDS & BAMBINI. Restituire la speranza ad una generazione L aiuto alimentare contribuisce a dare un istruzione agli orfani e ai bambini a rischio HIV/AIDS & BAMBINI Restituire la speranza ad una generazione L aiuto alimentare contribuisce a dare un istruzione agli orfani e ai bambini a rischio L inarrestabile diffusione dell HIV/AIDS, lascia un

Dettagli

La Salute Materno-Infantile nel Mondo e gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio

La Salute Materno-Infantile nel Mondo e gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio Audizione presso la III Commissione Affari Esteri e Comunitari Parlamento Italiano (Roma, 1 Luglio 2010) La Salute Materno-Infantile nel Mondo e gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio Dr. Flavia Bustreo,

Dettagli

Audizione Commissione Igiene e Sanità Esame disegni di Legge n.1092 e 1495. Roma, 12 Novembre 2014

Audizione Commissione Igiene e Sanità Esame disegni di Legge n.1092 e 1495. Roma, 12 Novembre 2014 Audizione Commissione Igiene e Sanità Esame disegni di Legge n.1092 e 1495 Roma, 12 Novembre 2014 Dott. Don Dante Carraro, Direttore Dott. Giovanni Putoto, Responsabile Programmazione Medici con l Africa

Dettagli

Entra nella mia vita.

Entra nella mia vita. Entra nella mia vita. Cambiala. Il diritto di essere bambini. Perché tutti i bambini abbiano salute, istruzione e amore. Ogni giorno. Una campagna promossa da 2 Da quando siamo nati abbiamo imparato tante

Dettagli

Stime del bisogno di farmaci antiretrovirali (milioni di persone)

Stime del bisogno di farmaci antiretrovirali (milioni di persone) PROGETTI DELL ASSOCIAZIONE PER COMBATTERE L AIDS NELLA DIOCESI DI MONZE Franco Maggiolo Le Nazioni Unite, tramite la loro organizzazione per la lotta all AIDS (UNAIDS) hanno lanciato una campagna per la

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

Beira, Università Cattolica del Mozambico. Con noi per formare nuovi medici.

Beira, Università Cattolica del Mozambico. Con noi per formare nuovi medici. Beira, Università Cattolica del Mozambico. Con noi per formare nuovi medici. Beira/ Università Cattolica del Mozambico Con il tuo sostegno puoi aiutarci a realizzare il sogno di tanti giovani mozambicani

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA LA NUOVA FASE DEL PIANO STATALE PER PORRE FINE ALL EPIDEMIA DI AIDS NELLO STATO DI NEW YORK

IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA LA NUOVA FASE DEL PIANO STATALE PER PORRE FINE ALL EPIDEMIA DI AIDS NELLO STATO DI NEW YORK Per la diffusione immediata: 30/11/2015 IL GOVERNATORE ANDREW M. CUOMO Stato di New York Executive Chamber Andrew M. Cuomo Governatore IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA LA NUOVA FASE DEL PIANO STATALE PER

Dettagli

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO www.sositalia.it DIVENTA UN AMICO SOS. MOSTRA A QUESTI BAMBINI IL LATO MIGLIORE DEGLI ADULTI. In Italia circa 32.300 bambini sono allontanati

Dettagli

ADOZIONI A DISTANZA Burkina Faso

ADOZIONI A DISTANZA Burkina Faso ADOZIONI A DISTANZA Burkina Faso Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

PROGETTO MAMMA SICURA PER LA SALUTE MATERNO-INFANTILE. presso l OSPEDALE S. JOSEPH DI DATCHA -TOGO

PROGETTO MAMMA SICURA PER LA SALUTE MATERNO-INFANTILE. presso l OSPEDALE S. JOSEPH DI DATCHA -TOGO PROGETTO MAMMA SICURA PER LA SALUTE MATERNO-INFANTILE presso l OSPEDALE S. JOSEPH DI DATCHA -TOGO Introduzione al Progetto La salute materno infantile è un indicatore importante del livello di sviluppo

Dettagli

30 anni di HIV/AIDS. La parola delle persone con HIV. A cura di NPS Emilia Romagna Onlus

30 anni di HIV/AIDS. La parola delle persone con HIV. A cura di NPS Emilia Romagna Onlus 30 anni di HIV/AIDS La parola delle persone con HIV A cura di NPS Emilia Romagna Onlus Chi siamo NPS Emilia Romagna si è costituita come associazione Onlus il 13-03-2010 a Faenza, ma già da anni era attiva

Dettagli

L educazione è proprio prendere l altro e dire: Vieni con me, camminiamo insieme. Ma il valore non lo metto io, il valore ce l hai già.

L educazione è proprio prendere l altro e dire: Vieni con me, camminiamo insieme. Ma il valore non lo metto io, il valore ce l hai già. Campagna Tende 2012-2013 COSTRUENDO UN BENE PER TUTTI UGANDA Ultimazione della scuola secondaria Luigi Giussani a Kampala L educazione è proprio prendere l altro e dire: Vieni con me, camminiamo insieme.

Dettagli

PERU, HOGAR REBUSCHINI

PERU, HOGAR REBUSCHINI OTTOBRE MISSIONARIO 2014 PERU, HOGAR REBUSCHINI Mortalità infantile sotto i 5 anni per ogni 1000 nati vivi (2012) Persone affette da HIV (migliaia) (stima 2012) accesso all acqua potabile accesso ad impianti

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 3 Project Cycle Management DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 Perché il Project Cycle Management? Esperienze pregresse -Quadro

Dettagli

Formarsi per cooperare

Formarsi per cooperare Dr G.R.Peruzzi Medici con l Africa Cuamm Formarsi per cooperare Percorso formativo per personale sanitario Siena 14 marzo 2014 A che deve servire la Cooperazione Rafforzare le comunità locali e renderle

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

LA TUA AZIENDA NEL SUD DEL MONDO: UN VERO TESTIMONIAL DEI NOSTRI PROGETTI

LA TUA AZIENDA NEL SUD DEL MONDO: UN VERO TESTIMONIAL DEI NOSTRI PROGETTI LA TUA AZIENDA NEL SUD DEL MONDO UN VERO TESTIMONIAL DEI NOSTRI PROGETTI Una proposta aziendale a sostegno dei progetti di AMKA Onlus nella Rep. Dem. del Congo e della campagna volontari 2014: Non Saranno

Dettagli

Chi ha conosciuto Daniele non ha potuto far altro che amarlo.

Chi ha conosciuto Daniele non ha potuto far altro che amarlo. 1 LA STORIA DI DANIELE: TESTIMONE DELLA LOTTA CONTRO L AIDS La storia di un bambino speciale che ha lottato coraggiosamente contro la terribile malattia e che anche dopo la sua morte continua ad essere

Dettagli

La crisi morde la salute dei bambini

La crisi morde la salute dei bambini Intervista a Mario De Curtis, Ordinario di Pediatria dell' Università di Roma Sapienza La crisi morde la salute dei bambini I figli di madri straniere più a rischio di parto prematuro anche per carenza

Dettagli

Supporto ai servizi materno-infantili e prevenzione e cura dell infezione da HIV/AIDS nell Ospedale di Chiulo (Angola)

Supporto ai servizi materno-infantili e prevenzione e cura dell infezione da HIV/AIDS nell Ospedale di Chiulo (Angola) Supporto ai servizi materno-infantili e prevenzione e cura dell infezione da HIV/AIDS nell Ospedale di Chiulo (Angola) FEBBRAIO 2010 Sintesi del Progetto Conclusasi la fase avviata nel 2002 volta a ripristinare

Dettagli

Progetto per la costruzione e gestione di Farmacie sociali nelle zone periferiche della Provincia di Maputo Mozambico

Progetto per la costruzione e gestione di Farmacie sociali nelle zone periferiche della Provincia di Maputo Mozambico Progetto per la costruzione e gestione di Farmacie sociali nelle zone periferiche della Provincia di Maputo Mozambico Organizzazione proponente Africa ON onlus Viale Brigata Bisagno, 4/6 16129 Genova -

Dettagli

PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI

PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI Premessa L Uganda è il secondo Paese, in ordine cronologico, con cui Idee Migranti ha costruito rapporti di cooperazione.

Dettagli

Orfani e bambini a rischio in Zambia

Orfani e bambini a rischio in Zambia Orfani e bambini a rischio in Zambia Marco Astuti Associazione Amici di Mons. Emilio Patriarca - Onlus 1. Premessa I dati riportati in questo lavoro sono tratti dalla Second Situation Analysis of Zambia

Dettagli

Dott. Nadia Muscialini Via pio II 3, Milano

Dott. Nadia Muscialini Via pio II 3, Milano CURRICULUM VITAE Dr.ssa Nadia Muscialini Psicologa Clinica, Psicoterapeuta, Psicoanalista INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Dott. Nadia Muscialini Via pio II 3, Milano Telefono 02.405317 Fax 02\40222889

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

RELAZIONE FINALE per progetti di cooperazione decentrata finanziati dalla Regione Emilia Romagna Legge 12/2002

RELAZIONE FINALE per progetti di cooperazione decentrata finanziati dalla Regione Emilia Romagna Legge 12/2002 Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi Emergenti RELAZIONE FINALE per progetti di cooperazione decentrata finanziati dalla Regione Emilia Romagna Legge 12/2002 TITOLO PROGETTO: Sostegno alla salute riproduttiva

Dettagli

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Disposizioni attuative per l anno 2012 Il quadro di riferimento La Cooperazione

Dettagli

SOS VILLAGGI DEI BAMBINI ONLUS. Il calore di una casa per ogni bambino

SOS VILLAGGI DEI BAMBINI ONLUS. Il calore di una casa per ogni bambino SOS VILLAGGI DEI BAMBINI ONLUS Il calore di una casa per ogni bambino La nostra storia L Associazione SOS Villaggi dei Bambini fu fondata in Austria da Hermann Gmeiner nel 1949 al fine di aiutare i bambini

Dettagli

L A.I.D.S. vista da SUD

L A.I.D.S. vista da SUD L A.I.D.S. vista da SUD L esperienza dell Associazione Bhalobasa Alessandro Cipriano - Firenze 1 Dicembre 2011 Bhalobasa: le nostre radici I nostri progetti 1. Sostegno a Distanza 2. Micro/Macro Progetti

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE

PROGETTO DI FORMAZIONE Progetto formativo PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA Obesità e sue comorbilità: diagnosi, prevenzione e trattamento Dalle Raccomandazioni Internazionali alla Pratica Clinica in Italia Responsabile Scientifico

Dettagli

Costruiamo Casa Ninna Mamma

Costruiamo Casa Ninna Mamma Costruiamo Casa Ninna Mamma Il progetto Casa Ninna Mamma è finalizzato a realizzare strutture di accoglienza e cura per mamme e bambini in Mozambico, per fronteggiare la grave emergenza sanitaria che sta

Dettagli

a cura di Doriana Scocco e Giulia Linguanti - 2 -

a cura di Doriana Scocco e Giulia Linguanti - 2 - a cura di Doriana Scocco e Giulia Linguanti - 2 - CORRADO RACCONTA LA SUA STORIA In concomitanza con la giornata mondiale di lotta all AIDS nel dicembre 2008, abbiamo assistito alla testimonianza di Corrado,

Dettagli

Accesso e diritto alla salute per la popolazione migrante in Italia

Accesso e diritto alla salute per la popolazione migrante in Italia Accesso e diritto alla salute per la popolazione migrante in Italia ALESSANDRA DIODATI Croce Rossa Italiana Direttore Sanitario monitoraggio progetti assistenza migranti COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

La salute alle porte dell Europa da: 10 health questions about the new EU neighbours, Oms Europa

La salute alle porte dell Europa da: 10 health questions about the new EU neighbours, Oms Europa La salute alle porte dell Europa da: 10 health questions about the new EU neighbours, Oms Europa (traduzione, adattamento e sintesi a cura della redazione di EpiCentro) Dopo l allargamento a est dell Unione

Dettagli

impagi_3nov:layout 1 9-11-2010 9:41 Pagina 1 ILCANCRO NON FA DISCRIMINAZIONI

impagi_3nov:layout 1 9-11-2010 9:41 Pagina 1 ILCANCRO NON FA DISCRIMINAZIONI impagi_3nov:layout 1 9-11-2010 9:41 Pagina 1 ILCANCRO NON FA DISCRIMINAZIONI impagi_3nov:layout 1 9-11-2010 9:41 Pagina 2 Soci Fondatori Anna Ceribelli Pasquale Frascione Marcello Pozzi Antonella Savarese

Dettagli

Programma della Formazione A Distanza (FAD) "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute"

Programma della Formazione A Distanza (FAD) Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute Formazione A Distanza "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute" del Istituto Superiore di Sanità e verifica dei contenuti equivalenti nel corso OMS/UNICEF 20 ore. A

Dettagli

DATI DI SINTESI. Diocesi di Ngong RESPONSABILE LOCALE DEL PROGETTO BENEFICIARI DEL PROGETTO

DATI DI SINTESI. Diocesi di Ngong RESPONSABILE LOCALE DEL PROGETTO BENEFICIARI DEL PROGETTO DATI DI SINTESI TITOLO DEL PROGETTO Chi ben comincia.sostegno all infanzia prescolare di Kandisi (Kenya) LUOGO DEL PROGETTO Località di Kandisi Parrocchia Cattolica di Kandisi (Nairobi Kenya) COSTO DEL

Dettagli

La rete che contagia. Internet e HIV: com era e com è cambiato l impatto con la diagnosi di contagio grazie alle nuove tecnologie.

La rete che contagia. Internet e HIV: com era e com è cambiato l impatto con la diagnosi di contagio grazie alle nuove tecnologie. La rete che contagia Internet e HIV: com era e com è cambiato l impatto con la diagnosi di contagio grazie alle nuove tecnologie. Origini L origine di internet risale agli anni sessanta in particolare

Dettagli

L ADOZIONE A DISTANZA UNA SCELTA FATTA CON IL CUORE

L ADOZIONE A DISTANZA UNA SCELTA FATTA CON IL CUORE L ADOZIONE A DISTANZA UNA SCELTA FATTA CON IL CUORE ANCHE TU AVRAI UNA NUOVA FAMIGLIA. Se c è qualcosa di cui un bambino abbandonato o rimasto senza i genitori ha bisogno, questa è la famiglia. Non solo

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo

Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo IKEA Social Initiative è dalla parte dei bambini IKEA crede che la casa sia il luogo più importante del mondo e che i bambini siano le persone

Dettagli

Specializzato in Statistica Sanitaria con indirizzo in programmazione socio-sanitaria presso l Università dell Aquila con votazione 70/70 e lode.

Specializzato in Statistica Sanitaria con indirizzo in programmazione socio-sanitaria presso l Università dell Aquila con votazione 70/70 e lode. DOTT. IVAN TERSIGNI CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE STUDI Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'universita' Cattolica del Sacro Cuore di Roma il 21-7-1978, con votazione 110/110 e lode. Specializzato

Dettagli

"Emergenza Migranti"

Emergenza Migranti Via Giacomo Cusmano 24 90142 Palermo www.asppalermo.org Unità di Crisi Aziendale Piano Interno di Intervento "Emergenza Migranti" 1 Premessa Unità di Crisi Aziendale Piano Interno di Intervento "Emergenza

Dettagli

600 X 600 = Il mondo del lavoro: nuove sfide per i giovani disoccupati delle baraccopoli di Maputo Mozambico 2014 2015

600 X 600 = Il mondo del lavoro: nuove sfide per i giovani disoccupati delle baraccopoli di Maputo Mozambico 2014 2015 600 X 600 = Il mondo del lavoro: nuove sfide per i giovani disoccupati delle baraccopoli di Maputo Mozambico 2014 2015 Fondazione AVSI www.avsi.org 20158 Milano Via Legnone 4 Tel. +39.02.67.49.881 - milano@avsi.org

Dettagli

Prevenire e curare la malaria

Prevenire e curare la malaria Adottiamo un progetto Salute UNICEF/DRC/Martino/2012 Africa Prevenire e curare la malaria REPORT DI PROGETTO RISULTATI CONSEGUITI: 2009-2012 AFRICA: prevenire e curare la malaria REPORT DI PROGETTO: RISULTATI

Dettagli

Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - "Esclusi e invisibili"

Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - Esclusi e invisibili Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - "Esclusi e invisibili" Un'infanzia che non riceve aiuto: sono milioni i bambini invisibili Londra/Roma, 14 dicembre 2005 - Centinaia di milioni

Dettagli

MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione!

MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione! MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione! Il concetto di sottosviluppo è stato introdotto, al termine della seconda guerra mondiale, da H.S.Truman

Dettagli

Quadro di riferimento per promuovere la salute e ridurre le inequità

Quadro di riferimento per promuovere la salute e ridurre le inequità Quadro di riferimento per promuovere la salute e ridurre le inequità http://www.euro.who.int/en/health-topics/health-policy/health-2020-the-europeanpolicy-for-health-and-well-being 2 obiettivi strategici

Dettagli

MK ONLUS per i bambini del Burkina Faso

MK ONLUS per i bambini del Burkina Faso I lions italiani contro le malattie killer dei bambini - onlus MISSION Creare e promuovere tra tutti i popoli uno spirito di comprensione per i bisogni umanitari attraverso volontari servizi coinvolgenti

Dettagli

LE FORZE CHE CAMBIANO LA STORIA SONO LE STESSE CHE CAMBIANO IL CUORE DELL UOMO

LE FORZE CHE CAMBIANO LA STORIA SONO LE STESSE CHE CAMBIANO IL CUORE DELL UOMO LE FORZE CHE CAMBIANO LA STORIA SONO LE STESSE CHE CAMBIANO IL CUORE DELL UOMO AVSI nel mondo La Fondazione AVSI è una organizzazione non governativa, ONLUS, nata nel 1972, presente in 38 Paesi del mondo

Dettagli

L Associazione MWENDO Cammino insieme presenta il DOCUMENTO DI PROGETTO PROGRAMMA DI SOSTEGNO A DISTANZA NEL DISTRETTO DI WASA IRINGA, TANZANIA

L Associazione MWENDO Cammino insieme presenta il DOCUMENTO DI PROGETTO PROGRAMMA DI SOSTEGNO A DISTANZA NEL DISTRETTO DI WASA IRINGA, TANZANIA L Associazione MWENDO Cammino insieme presenta il DOCUMENTO DI PROGETTO PROGRAMMA DI SOSTEGNO A DISTANZA NEL DISTRETTO DI WASA IRINGA, TANZANIA Definizione del contesto paese Tanzania Popolazione: 42.746.620

Dettagli

Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study

Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study Dal 1988 lo Studio svizzero della coorte HIV è al servizio di persone affette da HIV/AIDS e in questo periodo ha accompagnato più di 18 500 persone.

Dettagli

Giornata Mondiale dei diritti dell Infanzia

Giornata Mondiale dei diritti dell Infanzia Foto Settimio Benedusi 2 a edizione giovedì 20 novembre 2014 Giornata Mondiale dei diritti dell Infanzia Iniziativa nazionale di sensibilizzazione sui diritti dei bambini e raccolta di farmaci da banco

Dettagli

HIV e infezioni tropicali concorrenti: uno studio caso-controllo

HIV e infezioni tropicali concorrenti: uno studio caso-controllo HIV e infezioni tropicali concorrenti: uno studio caso-controllo Declich S a, Francesconi P a, Okwey R b, Ouma J b, Ochakachon R b, Dente MG a and Fabiani M a a Reparto Malattie Infettive, Laboratorio

Dettagli

Newsletter di aggiornamento sui progetti di Amici dei Bambini in Kenya

Newsletter di aggiornamento sui progetti di Amici dei Bambini in Kenya Nr.6 Novembre/Dicembre2010 Newsletter di aggiornamento sui progetti di Amici dei Bambini in Kenya Karibuni è una parola della lingua ufficiale del Kenia, il kiswahili, che significa benvenuti e che viene

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Infermiere esperto Ds 2 Amministrazione Incarico attuale In servizio

Dettagli

Il ruolo del Telefono Verde AIDS nella prevenzione dell infezione da HIV e delle IST

Il ruolo del Telefono Verde AIDS nella prevenzione dell infezione da HIV e delle IST VENTICINQUE ANNI DI ATTIVITÀ DEL TELEFONO VERDE AIDS E IST DELL ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ: DAL COUNSELLING TELEFONICO ALL INTERVENTO IN RETE Il ruolo del Telefono Verde AIDS nella prevenzione dell infezione

Dettagli

RELAZIONE BILANCIO 2012

RELAZIONE BILANCIO 2012 RELAZIONE BILANCIO 2012 Come per gli anni precedenti e date le indicazioni del Consiglio Direttivo, l anno 2012 ha visto la nostra Associazione impegnata principalmente sul fronte della sensibilizzazione

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

L informazione ai pazienti

L informazione ai pazienti PREVENZIONE DELLE MALATTIE RARE: LO STATO DELL ARTE L informazione ai pazienti La Consulenza Genetica come strumento d informazione sulle malattie rare Dott. Danilo Deiana Servizio di Screening e Consulenza

Dettagli

Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012

Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012 Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012 SORVEGLIANZA DELL HIV IN TOSCANA: DATI EPIDEMIOLOGICI Monia Puglia Osservatorio di Epidemiologia, Agenzia Regionale

Dettagli

INDICE REPORT AFRICA FOCUS

INDICE REPORT AFRICA FOCUS INDICE REPORT AFRICA FOCUS 5 Editoriale 6 Parole chiave 8 Mission 10 Struttura 12 Storia 17 Angola 25 Etiopia 33 Kenya 37 Mozambico 45 Rwanda 49 Sud Sudan 53 Tanzania 59 Uganda 71 Ospedali 79 Personale

Dettagli

Allegato 1 Le strategie e le azioni di comunicazione dell Azienda USL 12 di Viareggio per l anno 2015

Allegato 1 Le strategie e le azioni di comunicazione dell Azienda USL 12 di Viareggio per l anno 2015 Allegato 1 Le strategie e le azioni di comunicazione dell Azienda USL 12 di Viareggio per l anno 2015 La programmazione della comunicazione per il 2015, anche a seguito della Valutazione del Piano precedente,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO Autori: Renato Frezzotti, Mauro Barni Approvata dalla Società Oftalmologica Italiana - 2006 CODICE DELLO STUDIO: TITOLO DELLO STUDIO: {{ Genetica

Dettagli

Scuole per. l Africa. Uniti per i bambini

Scuole per. l Africa. Uniti per i bambini Scuole per l Africa Uniti per i bambini Nell Africa Subsahariana un bambino su tre si vede negato il diritto fondamentale ad andare a scuola e rimane intrappolato in un circolo vizioso di povertà, discriminazione

Dettagli

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo Microcredito: una strategia per ridurre la povertà? Veronica Polin Università degli Studi di Verona 1 Esclusione finanziaria: dimensione 3

Dettagli

PROGETTO RISTRUTTURAZIONE ABER HOSPITAL

PROGETTO RISTRUTTURAZIONE ABER HOSPITAL PROGETTO DI H.H.P.P. ONLUS PROGETTO RISTRUTTURAZIONE ABER HOSPITAL UGANDA DESCRIZIONE PROGETTO 1.Premessa Humanitarian Help For Poor People Onlus opera in Uganda per garantire assistenza sanitaria di base

Dettagli

PATROCINATE un disabile

PATROCINATE un disabile un bambino PATROCINATE un disabile Offrite loro nuove prospettive di vita! www.morija.org Impegnatevi accanto a Morija! Da più di 30 anni, Morija attua con i suoi partner locali progetti a carattere strettamente

Dettagli

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare (ha ottenuto il patrocinio del Comune di Anguillara Sabazia per l alto valore formativo) Direttore del Corso: Dott.ssa Emanuela

Dettagli

PASSATO PRESENTE E FUTURO

PASSATO PRESENTE E FUTURO PASSATO PRESENTE E FUTURO AGENDA CHI SIAMO DOVE OPERIAMO COSA ABBIAMO REALIZZATO - 2005/2006-2006/2007 COSA STIAMO FACENDO CHI SIAMO DOVE OPERIAMO COSA ABBIAMO REALIZZATO - 2005/2006-2006/2007 COSA STIAMO

Dettagli

Comunità di Sant Egidio

Comunità di Sant Egidio Comunità di Sant Egidio Drug Resource Enhancement against AIDS and Malnutrition Report 4 Aprile 2007 http://www.dreamsantegidio.org http://www.santegidio.org tel. + 39 06 899 2225 fax + 39 06 899 22525

Dettagli

Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana

Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ROSARIA CACCO Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE

PROGETTO DI FORMAZIONE Progetto formativo PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA Obesità e sue comorbilità: diagnosi, prevenzione e trattamento Dalle Raccomandazioni Internazionali alla Pratica Clinica Italiana Responsabile Scientifico

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO Art. 1 - Premessa La Legge 328/00 e la Legge Regionale n. 3/2008 sono volte ad assicurare alle persone ed alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali, finalizzato alla promozione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO SIERRA LEONE

SCHEDA PROGETTO SIERRA LEONE SCHEDA PROGETTO SIERRA LEONE Titolo We de go school Progetto di sostegno educativo e sanitario per i minori dei quartieri poveri di Freetown e dei villaggi della Rural Western Area, in Sierra Leone. Budget

Dettagli

La Nave Ospedale San Raffaele. Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi con SMS solidale

La Nave Ospedale San Raffaele. Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi con SMS solidale La Nave Ospedale San Raffaele L eccellenza dell Ospedale San Raffaele al servizio della popolazione colombiana Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi con SMS solidale Milano, OTTOBRE 2010 1 Associazione

Dettagli

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S.

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S. L'avete fatto a me medici, infermieri, psicologi, fisioterapisti, educatori e amministrativi volontari per la Formazione del personale locale a Sud del Mondo. Anno 9, n. 2 Newsletter marzo-aprile 2012

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

Progetto Jamila Afghanistan. Report Gennaio Giugno 2015

Progetto Jamila Afghanistan. Report Gennaio Giugno 2015 Progetto Jamila Afghanistan Report Gennaio Giugno 2015 Sommario 3 Premessa 5 Programma di microcredito 5 Rimborso dei crediti 6 Attività imprenditoriali avviate 6 Raccolta dei risparmi settimanali 7 Corsi

Dettagli

RICERCA; OSSERVATORIO SANITÀ E SALUTE: SU AIDS OCCORRE MAGGIORE INFORMAZIONE

RICERCA; OSSERVATORIO SANITÀ E SALUTE: SU AIDS OCCORRE MAGGIORE INFORMAZIONE Roma Sociale RICERCA; OSSERVATORIO SANITÀ E SALUTE: SU AIDS OCCORRE MAGGIORE INFORMAZIONE 03/12/2013 A chiusura degli eventi programmati per la Giornata Mondiale contro l AIDS si è svolto presso la Camera

Dettagli