Aethina tumida: stato dell arte delle infestazioni in Italia e nel mondo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aethina tumida: stato dell arte delle infestazioni in Italia e nel mondo"

Transcript

1 Aethina tumida: stato dell arte delle infestazioni in Italia e nel mondo Paolo AUDISIO Dipartimento di Biologia e Biotecnologie C. Darwin, Università di Roma La Sapienza

2 Di cosa parleremo: Origini, ciclo biologico e storia naturale in Africa Diffusione nel mondo come specie infestante Tempistica e modalità di arrivo in Italia Danni attesi o potenziali in Italia con diversi scenari di diffusione Quadro potenziale di diffusione in Italia e in Europa e l influenza dei fattori bioclimatici Strategie di intervento per l eradicazione, il contenimento o il controllo e per proiezioni statisticamente supportate dell epidemia Prospettive di ricerca made in Italy: lotta integrata, lotta biologica, approfondimenti su ciclo biologico e feromoni, in uno scenario di apicoltura biologica

3 Origini, ciclo biologico e storia naturale in Africa Aethina è un genere di Coleotteri Nitidulidae Nitidulinae a diffusione paleotropicale, con un centinaio di specie distribuite prevalentemente in Asia tropicale, Australia e Africa subsahariana La maggior parte delle specie sono antofaghe, su fiori di diverse famiglie vegetali, e si nutrono di polline, antere e nettari, talora di frutta Un piccolo gruppo di specie africane di relativamente grandi dimensioni (4-7 mm; di Sud Africa, Tanzania, Mozambico) si è specializzato verso il commensalismo con Imenotteri Apoidei, sviluppandosi nei nidi di questi, nel terreno, o negli alberi cavi

4 Origini, ciclo biologico e storia naturale in Africa

5 Origini, ciclo biologico e storia naturale in Africa

6 Origini, ciclo biologico e storia naturale in Africa Le diverse specie di Aethina nelle aree di origine sono associate a diversi generi di Apoidei, tra cui Bombus, Xylocopa, Apis mellifera scutellata (Ape africana) e altri

7 Origini, ciclo biologico e storia naturale in Africa Gli adulti delle Aethina africane legate agli Apoidei sono attirate da una combinazione odour-based di sostanze associate ai favi (miele, soprattutto se parzialmente deteriorato da lieviti, polline, resti di adulti di Apoidei), ma anche da stimoli visual-based, quali in particolare la ricerca degli ingressi dei nidi nel terreno o nel cavo degli alberi, che risultano neri o scuri su un fondo più chiaro (questo è tipico anche di molti altri Nitidulidae saproxilici)

8 Diffusione nel mondo come specie infestante Aethina tumida dal 1996 è presente negli Stati Uniti, introdotta dal Sud Africa (tuttora sconosciute sono le modalità certe della sua introduzione accidentale) Circa 2 anni di ritardo negli USA tra la prima segnalazione (1996) e il primo allarme ufficiale (1998) Circa 1,5 anni di ritardo In Australia tra la prima segnalazione (2001) e il primo allarme ufficiale (2002)

9 Diffusione nel mondo come specie infestante Aethina tumida nel 2000 è comparsa (poi non acclimatata) in Egitto, dal 2001/2002 è giunta in Australia, dove si è diffusa rapidamente, e dal 2002 compare con andamenti ciclici in Canada (ma solo in alcuni siti dell Ontario pare effettivamente acclimatata) Nel 2004 è noto un episodio di introduzione con traffico illegale di regine dal Texas al Portogallo, prontamente eradicato

10 Tempistica e modalità di arrivo in Italia Aethina tumida viene segnalata ai primi di Settembre del 2014 nella Piana di Gioia Tauro (RC), attraverso l utilizzo di alveari esca collocati nell area dalle autorità di controllo; restano però diversi dubbi sulla dinamica e la tempistica reale dell introduzione 1. Ove l introduzione sia avvenuta, come probabile, con l ingresso illegale di regine di importazione, è verosimile che l ingresso sia avvenuto agli inizi della Primavera Ove l introduzione sia avvenuta, come possibile, con ingresso illegale di sciami di importazione, si potrebbe spostare di alcuni mesi l evento (Maggio/Giugno?) 3. L abbondanza di adulti a Settembre, quasi in assenza di larve, indica una fase dinamica di forte dispersione a partire da uno o pochi nuclei limitrofi in cui almeno alcune centinaia di larve e adulti si siano sviluppati nelle 8/12 settimane precedenti in qualche apiario della Piana di Gioia Tauro 4. E quindi pressoché certa la presenza di un primo nucleo riproduttivo sfuggito al tracciamento sanitario, la cui scoperta è rimasta sommersa, ad infestazione avvenuta

11 Tempistica e modalità di arrivo in Italia Ipotesi alternative sulle modalità di ingresso, in sintesi: 1. Introduzione attraverso commercio illegale di regine di importazione; Australia? USA? 2. Introduzione attraverso commercio illegale di sciami di importazione; Australia? USA? 3. Introduzione occasionale attraverso commercio di legname tropicale in tronchi; Africa occidentale? 4. Introduzione occasionale attraverso commercio di frutta tropicale?

12 Danni attesi o potenziali in Italia con diversi scenari di diffusione 1. La specie sia negli Usa, sia in Australia, produce danni alla produzione del comparto apistico valutabili in almeno il 25 % del prodotto nelle aree di endemismo secondario 2. Il prodotto complessivo del comparto apistico in Italia (inteso come Prodotto Lordo Vendibile, PLV) è valutabile al momento intorno ai 30 Milioni di Euro, con un calo marcato rispetto al passato ( 40/50 %), legato a congiunture già sfavorevoli, nel In uno scenario di mancata eradicazione e progressiva diffusione sull intero territorio nazionale, Aethina tumida potrebbe causare danni economici diretti di almeno 8 10 Milioni di Euro all anno, oltre ai danni, molto superiori, associati alla conseguente riduzione dei servizi ecosistemici associati all attività apistica (impollinazione di piante da frutto e di vegetali di interesse agronomico, circa l 80% di quelli coltivati in Italia); questi danni indiretti potrebbero essere valutati, con i modelli economici disponibili, nell ordine dei Milioni di Euro all anno

13 Quadro potenziale di diffusione in Italia e in Europa e l influenza dei fattori bioclimatici 1. Aethina tumida è caratterizzata da un optimum di sviluppo larvale in condizioni bioclimatiche di tipo subtropicale, con temperature superiori ai C e tassi di umidità relativa superiori al 70/80 % 1. La sua possibilità di colonizzare agevolmente nuovi siti è quindi in buona parte condizionata da la presenza di un bioclima di tipo caldo umido. In Italia ed in Europa solo una porzione abbastanza limitata del territorio nazionale e continentale è quindi particolarmente idonea per l insediamento della specie 3. Abbiamo in corso un progetto di modellizzazione della nicchia ecologica di Aethina (joint venture tra Università La Sapienza, Università Federico II di Napoli e CRA di Firenze), per determinare diversi scenari potenziali di diffusione della specie, in caso di fallimento dei tentativi di eradicazione in Calabria, utilizzando differenti metodi analitici (GARP, BIOCLIM, ecc.)

14 Arnia Trappola (BHIST) per Aethina tumida (BeeHIve Simulator Trap) 25 cm Tetto atermico 35 cm... 8 cm 20 cm.. 25 cm griglia di diffusione (fori 2 mm Ø) black window trap SHB pitfall trap (vassoio trappola estraibile) 25 cm esterno pomello di estrazione cassetto

15 Arnia Trappola (BHST) per Aethina tumida 25 cm 11 cm Ø piastra nera della black window trap.. griglia di diffusione (fori 2 mm Ø) piano inclinato della black window trap 25 cm posizione del vassoio trappola 25 cm Interno esclusa SHB pitfall trap (vassoio trappola)

16 griglia forata fori 3 x 6 mm Arnia Trappola per Aethina tumida SHB pitfall trap (vassoio trappola) Pomello estrazione cassetto 8 cm 20 cm strato di acqua e olio minerale contenitore porta esca con griglia 20cm esca miele, polline, aceto,lievito, resti di api

17 Contenitore porta esca griglia di diffusione (fori 2 mm Ø) Contenitore in vetro o in PVC 12 cm mistura di miele, polline, lievito, aceto, resti di api

18 Grazie per l attenzione!!

IL QUADRO ATTUALE DELLE IMPORTAZIONI UFFICIALI DI API REGINE PRESSO L AEROPORTO DI FIUMICINO DAL 2006 AL 2011

IL QUADRO ATTUALE DELLE IMPORTAZIONI UFFICIALI DI API REGINE PRESSO L AEROPORTO DI FIUMICINO DAL 2006 AL 2011 IL QUADRO ATTUALE DELLE IMPORTAZIONI UFFICIALI DI API REGINE PRESSO L AEROPORTO DI FIUMICINO DAL 2006 AL 2011 La aethiniosi e la tropilaelapsosi sono patologie esotiche, entrambe inserite nell elenco delle

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Progetto Api per la Biodiversità Bees for Biodiversity

Progetto Api per la Biodiversità Bees for Biodiversity Progetto Api per la Biodiversità Bees for Biodiversity Premessa L ape mellifera (Apis mellifera) è un insetto autoctono, suddiviso originariamente in numerose sottospecie, in Africa, gran parte dell Europa

Dettagli

IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015. PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico

IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015. PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015 PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico LA VARROA: Varroa destructor CICLO BIOLOGICO DI VARROA DESTRUCTOR

Dettagli

dossier Aethina tumida Il piccolo scarafaggio dell alveare

dossier Aethina tumida Il piccolo scarafaggio dell alveare dossier Aethina tumida Il piccolo scarafaggio dell alveare 2 Il Piccolo Scarafaggio dell Alveare Una nuova grave minaccia per l apicoltura europea Questo dossier si prefigge lo scopo di descrivere il piccolo

Dettagli

Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari

Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari Franco Mutinelli Centro di referenza nazionale per l apicoltura Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie 35020 Legnaro (PD)

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE

MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE DISPOSIZIONI

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

Non esiste un solo tipo di api, ma un universo variegato e complesso fatto di famiglie, sottofamiglie, migliaia di specie e tante razze, alcune più

Non esiste un solo tipo di api, ma un universo variegato e complesso fatto di famiglie, sottofamiglie, migliaia di specie e tante razze, alcune più Un mondo senza api? Un mondo senza api? Gli insetti impollinatori, mentre volano di fiore in fiore alla ricerca del cibo (ovvero il nettare), trasportano il polline da una pianta all altra, rendendo possibile

Dettagli

CONFRONTO TRA GLI EFFETTI DI

CONFRONTO TRA GLI EFFETTI DI Notiziario ERSA 3/2009 Apicoltura Franco Frilli Università degli Studi di Udine Dipartimento di Biologia e Protezione delle Piante Moreno Greatti, Giorgio Della Vedova Laboratorio Apistico Regionale Pier

Dettagli

Si stima che la produzione mondiale di P.R. sia di 1800 tonnellate annue.

Si stima che la produzione mondiale di P.R. sia di 1800 tonnellate annue. , Pur essendo il più pregiato prodotto dell'alveare per le sue notevoli proprietà, la Pappa Reale è stata per lungo tempo ignorata. 600: Il primo a citarla è lo scienziato SCHWAMMENDAN che ne descrive

Dettagli

1) Acquisto di arnie antivarroa con fondo a rete ( Bb3)

1) Acquisto di arnie antivarroa con fondo a rete ( Bb3) ALLEGATO 1 BANDO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DIARNIE, PRESIDI SANITARI SCIAMI E API REGINE AI SENSI DEL REG. CE 1234/07 EX 797/04. PROGRAMMA APISTICO 2012-2013 NORME GENERALI Nell ambito

Dettagli

4. Presentazione IBH Vetsuisse. 5. Presentazione CRA Liebefeld

4. Presentazione IBH Vetsuisse. 5. Presentazione CRA Liebefeld Varroa Sommario 1. Biologia della Varroa 2. Diagnosi 3. Lotta alternativa FFO 4. Presentazione IBH Vetsuisse 5. Presentazione CRA Liebefeld Sommario 1. Biologia della Varroa 2. Diagnosi 3. Lotta alternativa

Dettagli

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica GIORNATE DIVULGATIVE SULLA "NORMATIVA APISTICA" Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica dott. Vanni Floris PROGRAMMA APISTICO REGIONALE Reg. (CE) N. 1234/2008 - AZIONE A4 Argomenti Gli articoli

Dettagli

VARROA 2011.. CHE FARE???

VARROA 2011.. CHE FARE??? VARROA 2011.. CHE FARE??? Serena Rocchi- tecnico ALPA- Roma 6 aprile 2011 In mancanza della bacchetta VARROA rispolverando i libri di storia Acaro proveniente dall apis Cerana (Asia orientale), alla quale

Dettagli

CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA

CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA (Aprile-Giugno 2015) L Associazione Regionale Apicoltori Pugliesi (A.R.A.P.) organizza un Corso teorico e pratico di introduzione all Apicoltura della

Dettagli

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N..

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. Data... Servizio Veterinario dell USSL o ASL di. All IZS di Prelievo effettuato da Azienda apistica...in qualità di... codice aziendale sub codice Telefono Luogo del campionamento:

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Città e CAP Telefono Fax E-mail PEC P.IVA 02881870733 Dott. SILVESTRE FABIO Codice Fiscale SLVFBA80L15L049I Nazionalità Italiana Data

Dettagli

C.2 - ACQUISTO ATTREZZATURE PER IL NOMADISMO

C.2 - ACQUISTO ATTREZZATURE PER IL NOMADISMO Sintesi della delibera n. 3357 del 09.03.2015 - Approvazione dei criteri generali e delle modalità per la concessione di finanziamenti per il miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti

Dettagli

COME VALUTARE IL GRADO DI INFESTAZIONE DA VARROA NEGLI ALVEARI

COME VALUTARE IL GRADO DI INFESTAZIONE DA VARROA NEGLI ALVEARI IASMA Notizie Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige Stampato su carta certificata Ecolabel prodotta dalla cartiera

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Noitiziario n. 8 maggio 2015

Noitiziario n. 8 maggio 2015 Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino Associazione Apicoltori Fiemme e Fassa Associazione Apicoltori val di Sole Peio e Rabbi Associazione Apicoltori Valsugana Lagorai Apicoltori in Vallagarina

Dettagli

NOTIZIARIO N 1. (gennaio-marzo 2013)

NOTIZIARIO N 1. (gennaio-marzo 2013) Le Nostre Api Associazione Apicoltori Felsinei Sede Legale Via IV Novembre n 83 40056 Crespellano Bologna Cell 377 1802294-346 5790104 NOTIZIARIO N 1 (gennaio-marzo 2013) Gentilissime socie e gentilissimi

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA CORRENTE 2004. N. identificativo progetto: IZS LT 10/04 RC ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA

PROGETTO DI RICERCA CORRENTE 2004. N. identificativo progetto: IZS LT 10/04 RC ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA PROGETTO DI RICERCA CORRENTE 2004 N. identificativo progetto: IZS LT 10/04 RC Progetto presentato da: ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA Area tematica: Sanità animale Titolo

Dettagli

Tecniche di gestione dell alveare

Tecniche di gestione dell alveare Tecniche di gestione dell alveare Problematiche periodo postproduzione 2014 in FVG Scarsa o nulla produzione (trattamenti in ritardo) Pessimo andamento meteo 1. Poca efficacia evaporanti (timoli, formico)

Dettagli

L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG

L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG È una delle operazioni di tecnica apistica più importanti. Un buon invernamento

Dettagli

Legge 24 dicembre 2004, n. 313. "Disciplina dell'apicoltura"

Legge 24 dicembre 2004, n. 313. Disciplina dell'apicoltura Legge 24 dicembre 2004, n. 313 "Disciplina dell'apicoltura" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 306 del 31 dicembre 2004 ******************* ART. 1. (Finalità). 1. La presente legge riconosce l'apicoltura

Dettagli

La Varroa. 23/05/2007 dr. Luca Allais 1

La Varroa. 23/05/2007 dr. Luca Allais 1 La Varroa 23/05/2007 dr. Luca Allais 1 VARROA DESTRUCTOR: CARTA D IDENTITA - ACARO PARASSITA PROVENIENTE DALL ESTREMO ORIENTE DOVE VIVE A SPESE DELL APIS CERANA - SI E DIFFUSA IN EUROPA VERSO LA FINE DEGLI

Dettagli

Progetto pilota per la sorveglianza della mortalità delle colonie di api Italia 2012-2013 Protocollo di campionamento

Progetto pilota per la sorveglianza della mortalità delle colonie di api Italia 2012-2013 Protocollo di campionamento Progetto pilota per la sorveglianza della mortalità delle colonie di api Italia 2012-2013 Protocollo di campionamento Le buone pratiche di campionamento Il prelievo dei campioni: i campioni vengono effettuati

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Strategie alternative di lotta alla varroa

Strategie alternative di lotta alla varroa Strategie alternative di lotta alla varroa breve rassegna su alcuni dei metodi alternativi (o presunti tali) proposti per combattere la varroa - arnie e metodi di allevamento - selezione - nemici IZSLT

Dettagli

CURRICULUM VITAE TEDESCHI IRENE. Indirizzo: Macero 24/2 Argelato Bologna. Telefono Cellulare 328-4128617. E-mail: irene.tedeschi@gmail.

CURRICULUM VITAE TEDESCHI IRENE. Indirizzo: Macero 24/2 Argelato Bologna. Telefono Cellulare 328-4128617. E-mail: irene.tedeschi@gmail. CURRICULUM VITAE TEDESCHI IRENE Indirizzo: Macero 24/2 Argelato Bologna Telefono Cellulare 328-4128617 E-mail: irene.tedeschi@gmail.com Nazionalità Italiana Data di nascita: 25 marzo 1985 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI (vers. 1 del 03/05/2005) API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI Dio fece le api, il diavolo le vespe (Proverbio nordico) 1. GENERALITÀ Occorre premettere che è da ritenere del tutto naturale l occasionale

Dettagli

Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna

Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia Romagna U16 Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna Brisighella 13 settembre 2013 1 Diapositiva

Dettagli

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae 1 LA MOSCA DELLE OLIVE Principale parassita dell olivo Numerodigenerazionida2-3finoa4-7/anno Latitudine Altitudine Andamento climatico Permanenza di olive sulle piante

Dettagli

LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA- seconda parte

LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA- seconda parte Dr. Filippo Bosi AUSL Ravenna, ASPV - f.bosi@ausl.ra.it Filippo.bosi.bri@alice.it LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA- seconda parte CRAAPI, BOLOGNA 23.03.2012 1 COMBUSTIONE DELLE FAMIGLIE AMMALATE, sotto

Dettagli

MORIE E SPOPOLAMENTI DEGLI ALVEARI: COMPORTAMENTI ISPETTIVI E GESTIONE

MORIE E SPOPOLAMENTI DEGLI ALVEARI: COMPORTAMENTI ISPETTIVI E GESTIONE Dr. Filippo Bosi - Veterinario Dipendente (AUSL Ravenna) - f.bosi@ausl.ra.it - filippo.bosi.bri@alice.it MORIE E SPOPOLAMENTI DEGLI ALVEARI: COMPORTAMENTI ISPETTIVI E GESTIONE Nottola di Montepulciano,

Dettagli

N. identificativo progetto: IZS LT 08/05 RC ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA

N. identificativo progetto: IZS LT 08/05 RC ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA N. identificativo progetto: IZS LT 08/05 RC Progetto presentato da: ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA U.O.: 1/IZS LT Titolo del progetto: Predisposizione di linee guida

Dettagli

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO ---------------------------- Resoconto preliminare L importanza di una rete di monitoraggio Al fine di avere idee precise sulla natura e sull entità degli spopolamenti

Dettagli

Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I)

Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I) Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I) Dr. Giovanni Formato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Il nuovo approccio per garantire la salubrità

Dettagli

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste Origine La zanzara tigre è stata importata nel

Dettagli

Settore apistico: Attività /Azioni e relative spese ammesse a contributo anno 2008 Allegato 1

Settore apistico: Attività /Azioni e relative spese ammesse a contributo anno 2008 Allegato 1 Settore apistico: Attività /Azioni e relative spese ammesse a contributo anno 2008 Titolo Azione A Aiuti alle forme associative di livello nazionale e promozione della stipula di accordi professionali

Dettagli

MATERIALE APISTICO LISTINO PREZZI 2013 MAR. ARNIE ED ACCESSORI

MATERIALE APISTICO LISTINO PREZZI 2013 MAR. ARNIE ED ACCESSORI 2013 MAR. MATERIALE APISTICO LISTINO PREZZI ARNIE ED ACCESSORI ARTISTICA SETTEMPEDANA srl VIA LORENZO D ALESSANDRO,7 62027 SAN SEVERINO MARCHE (MC) COD. FISC. P.I. 00118580430 TEL. 0039 0733 634572 FAX:

Dettagli

PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA'

PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA' PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA' Dr. Franco Ravagnan Integrate dalla Dr.a Piroska Sabbion ASL 8 Montebelluna. Az.U.L.S.S.16 Padova Padova 16 dicembre 2012 p.p.l. Progetti

Dettagli

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto.

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto. PROMEMORIA Controllo della varroa in apicoltura biologica In breve Mantenere la varroa sotto controllo continua a essere la principale sfida degli apicoltori. Il promemoria presenta due metodi diversi

Dettagli

SUPPORTO DIAGNOSTICO IN APICOLTURA, INDAGINI DI LABORATORIO PER LA DIAGNOSI DI VIROSI E NOSEMA SPP. -(DATI PRC 2010002)-

SUPPORTO DIAGNOSTICO IN APICOLTURA, INDAGINI DI LABORATORIO PER LA DIAGNOSI DI VIROSI E NOSEMA SPP. -(DATI PRC 2010002)- SUPPORTO DIAGNOSTICO IN APICOLTURA, INDAGINI DI LABORATORIO PER LA DIAGNOSI DI VIROSI E NOSEMA SPP. -(DATI PRC 2010002)- Brisighella, 13 settembre 2013 Frasnelli Dr. Matteo IZSLER Sezione di Ravenna VIROSI

Dettagli

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5 L Africa è il terzo continente della terra per superficie. Ha una forma simile a un triangolo, le coste sono poco articolate. A ovest è bagnata dall Oceano Atlantico, a sud è bagnata dall Oceano Indiano

Dettagli

LA NUTRIZIONE LA NUTRIZIONE è differente da alveare ad alveare a seconda delle caratteristiche genetiche della regina, della zona e del modo di

LA NUTRIZIONE LA NUTRIZIONE è differente da alveare ad alveare a seconda delle caratteristiche genetiche della regina, della zona e del modo di LA NUTRIZIONE LA NUTRIZIONE è differente da alveare ad alveare a seconda delle caratteristiche genetiche della regina, della zona e del modo di conduzione dell apiario. Dopo il confinamento delle regina,

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN SCIENZE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: SCIENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. SCIENZE TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

Relatore: Caven Elger

Relatore: Caven Elger Relatore: Caven Elger 1. Parametri basali: temperatura, luce, concime ed acqua 2. Cura dopo la fioritura 3. Fioritura ripetuta 4. Danni da parassiti 5. Danni non da parassiti 6. Caduta dei boccioli 7.

Dettagli

VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE

VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE SERVIZIO DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE Sede Reggio Emilia 0522/297664 fax 0522/297675 e-mail: ddd.re@gruppoiren.it VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE 1. COME SI RICONOSCE LA ZANZARA TIGRE?

Dettagli

I quaderni dell apicoltore

I quaderni dell apicoltore PROGETTO DI INIZIATIVE DI ASSISTENZA TECNICA PER LA RAZIONALIZZAZIONE PRODUTTIVA NEL SETTORE APISTICO M.I.P.A.F. Ministero per le Politiche Agricole Forestali I quaderni dell apicoltore 3 ECONOMIA DELL

Dettagli

BOX 21. Cucinare con il sole.

BOX 21. Cucinare con il sole. Cucinare con il sole. Senza presa elettrica e senza pericolo d incendio Anche nell Europa centrale il fornello solare offre la possibilità di cucinare o cuocere al forno in modo ecologico, da 100 fino

Dettagli

Il moscerino dei piccoli frutti

Il moscerino dei piccoli frutti Regione Toscana Il moscerino dei piccoli frutti Drosophila suzukii Direzione generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze Sviluppo rurale - Servizio Fitosantario Regionale 2

Dettagli

I quaderni dell apicoltore

I quaderni dell apicoltore PROGETTO DI INIZIATIVE DI ASSISTENZA TECNICA PER LA RAZIONALIZZAZIONE PRODUTTIVA NEL SETTORE APISTICO M.I.P.A.F. Ministero per le Politiche Agricole Forestali I quaderni dell apicoltore 3 ECONOMIA DELL

Dettagli

A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile.

A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile. A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile. Maggio 2014 greenpeace.it 2 A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile - Maggio 2014 Sintesi del rapporto Plan bee living without pesticides.

Dettagli

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE ISTITUTO DI ENTOMOLOGIA AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STU DI DI MILAN O I - 20133 MILANO Via G. Celoria, 2 Tel. 02/50316754 Fax 02/50316748 E-mail: luciano.suss@unimi.it http://users.unimi.it/~agra/entol.html

Dettagli

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale Anopllophora spp Cerambiiciide o Tarllo asiiattiico Foto 1. Femmina di Anoplophora Gli

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

Modelli matematici per la Pest Risk Analysis

Modelli matematici per la Pest Risk Analysis Modelli matematici per la Pest Risk Analysis Vittorio Rossi Istituto di Entomologia e Patologia vegetale Università Cattolica S. Cuore - Piacenza Gianni Gilioli Dipartimento di Gestione dei sistemi Agrari

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE. della Regione Puglia. Leggi e Regolamenti regionali

REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE. della Regione Puglia. Leggi e Regolamenti regionali 2014.11.2 1 10:28:29 +01'00' REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Puglia ANNO XLV BARI, 21 NOVEMBRE 2014 Leggi e Regolamenti regionali n. 162 Il Bollettino Ufficiale della Regione Puglia

Dettagli

Prima apparizione della coccinella asiatica in fruttetti dell Alto Adige

Prima apparizione della coccinella asiatica in fruttetti dell Alto Adige 1 Prima apparizione della coccinella asiatica in fruttetti dell Alto Adige La coccinella asiatica Harmonia axyridis fa parte del gruppo di specie invasive che stanno colonizzando paesi delle zone climatiche

Dettagli

ALLEGATO A. fonte: http://burc.regione.campania.it

ALLEGATO A. fonte: http://burc.regione.campania.it REGIONE CAMPANIA Area Generale di Coordinamento Sviluppo Attività Settore Primario Settore Sperimentazione, Informazione, Ricerca e Consulenza in Agricoltura (SeSIRCA) Bando pubblico per il finanziamento

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco)

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco) SALICACEE Nella famiglia delle Salicacee fanno parte piante per lo più legnose distribuite nelle zone temperate dell'emisfero boreale. Nella flora italiana la famiglia è rappresentata da due generi, Populus

Dettagli

Corso UNAAPI: Apicoltura Biologica

Corso UNAAPI: Apicoltura Biologica Corso UNAAPI: Apicoltura Biologica a cura di Luca Allais Materiale didattico utilizzato per i moduli formativi organizzati dall UNAAPI. Ogni riproduzione ed uso è possibile solo se precedentemente concordata

Dettagli

Istruzioni per la registrazione dei dati del progetto API- NELLA via smartphone (tramite app BEE Traffic)

Istruzioni per la registrazione dei dati del progetto API- NELLA via smartphone (tramite app BEE Traffic) Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria USAV Istruzioni per la registrazione dei dati del progetto API- NELLA via smartphone (tramite app BEE

Dettagli

In sintesi, le attività di ricerca che si dovrebbero sviluppare possono essere così elencate:

In sintesi, le attività di ricerca che si dovrebbero sviluppare possono essere così elencate: RELAZIONE Premessa Zanzare e flebotomi rappresentano due importanti gruppi di insetti ematofagi appartenenti all'ordine dei Ditteri. Entrambi sono di estremo rilievo per la salute dell uomo, degli animali

Dettagli

Via Canizzano n. 104/a 31100 Treviso Tel. 0422 370060 c.f./p.i.94099150263 apimarca@interfree.it http://apimarca.blogspot.com

Via Canizzano n. 104/a 31100 Treviso Tel. 0422 370060 c.f./p.i.94099150263 apimarca@interfree.it http://apimarca.blogspot.com NEWS n. 03 del 23 febbraio 2013 APIMARCA Via Canizzano n. 104/a 31100 Treviso Tel. 0422 370060 c.f./p.i.94099150263 apimarca@interfree.it http://apimarca.blogspot.com Rispetta l'ambiente. Non stampare

Dettagli

Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino

Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino Associazione Apicoltori Fiemme e Fassa Associazione Apicoltori Valsugana Lagorai Associazione Apicoltori delle Valli di Sole, Pejo e Rabbi Apicoltori in

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO COMUNICAZIONE Viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.3838448 Fax 030.3838280 E-mail servizio.comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA STAMPA DEL 04/06/2010 MISURE

Dettagli

Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili

Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili Tra il 1990 e il 2008 le importazioni ed i consumi dell Europa hanno contribuito alla deforestazione di 9 milioni di ettari (una superficie

Dettagli

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria Possiamo considerare l architetto austriaco un pioniere dell architettura solare, avendo egli svolto da oltre venti anni attività di ricerca

Dettagli

Sondrio, Relazione perdita delle colonie produttive di api 2012

Sondrio, Relazione perdita delle colonie produttive di api 2012 Via Carlo Besta, 1 231 Sondrio (SO) Sondrio, Relazione perdita delle colonie produttive di api 212 Come ogni anno, la nostra Associazione ha eseguito un'indagine relativa alla mortalità degli alveari avvenuta

Dettagli

CORSO APICOLTURA 2014

CORSO APICOLTURA 2014 PAOLO CHIUSOLE & GABRIELE DEIMICHEI CORSO APICOLTURA 2014 COME INIZIARE SECONDA LEZIONE MORI - MARTEDÌ 11/03/2014 COME INIZIARE Definizioni e informazioni di base (da C.C.,C.P., leggi e regolamenti locali

Dettagli

TESTI APPROVATI. Unita nella diversità. nella seduta di. martedì 15 novembre 2011 PARLAMENTO EUROPEO 2011-2012

TESTI APPROVATI. Unita nella diversità. nella seduta di. martedì 15 novembre 2011 PARLAMENTO EUROPEO 2011-2012 PARLAMENTO EUROPEO 2011-2012 TESTI APPROVATI nella seduta di martedì 15 novembre 2011 P7_TA-PROV(2011)11-15 EDIZIONE PROVVISORIA PE 475.335 Unita nella diversità INDICE TESTI APPROVATI DAL PARLAMENTO P7_TA-PROV(2011)0493

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

La Voce dell'apicoltore

La Voce dell'apicoltore NEWS n.4 del 30/3/ 2015 La Voce dell'apicoltore Miele: l'unica cosa che si produrrà sempre Notiziario ARAL Top news n. 4 2015 A R A L Associazione regionale Apicoltori Lazio Sede operativa: Via Albidona,

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

ETICHETTATURA DEL MIELE

ETICHETTATURA DEL MIELE L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE VETERINARIA IN APICOLTURA 25 novembre 2011 ETICHETTATURA DEL MIELE Dott.ssa Giulia Stazzoni Decreto legislativo109/92 e decreto legislativo 181/03 L etichetta e le relative

Dettagli

Valutazioni economiche dell attività apicola in area montana

Valutazioni economiche dell attività apicola in area montana 86 SIMone blanc, FiliPPO brun, angela MOSSO Valutazioni economiche dell attività apicola in area montana Introduzione L apicoltura è un attività diffusa in quasi tutti i Paesi del mondo, seppure con caratteristiche

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE della Denominazione di Origine Protetta Miele delle Dolomiti Bellunesi. Art 1. Denominazione del prodotto

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE della Denominazione di Origine Protetta Miele delle Dolomiti Bellunesi. Art 1. Denominazione del prodotto DISCIPLINARE DI PRODUZIONE della Denominazione di Origine Protetta Miele delle Dolomiti Bellunesi Art 1. Denominazione del prodotto La denominazione di origine protetta Miele delle Dolomiti Bellunesi,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

Aspetti igienico-sanitari in apicoltura Terza edizione

Aspetti igienico-sanitari in apicoltura Terza edizione PROGRAMMA FINALIZZATO AL MIGLIORAMENTO DELLA PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DELL APICOLTURA Annualità 2009-2010 Aspetti igienico-sanitari in apicoltura Terza edizione (Foto di Massimo Palazzetti)

Dettagli

Perché un bollettino?

Perché un bollettino? Numero 00 M a r z o 2012 Anno 1 Perché un bollettino? Sommario: Il Pesce Rosso Carassius auratus 2 Arrivo a casa... 2 Pulizia 3 Terrari e Paludari 3 Attrezzatura indispensabile ed utile 3 Avete voglia

Dettagli

Città sostenibili. M. Bariselli

Città sostenibili. M. Bariselli I carabidi delle ombrellifere M. Bariselli La situazione in campagna Agricoltori Cittadini Il gestore del terreno nel quale sia accertata dai tecnici dell AUSL la presenza di colture collegabili all

Dettagli

Un amico in più nella lotta alle zanzare!!!!!!!!!!!!!

Un amico in più nella lotta alle zanzare!!!!!!!!!!!!! COMUNE DI PISA Ufficio Ambiente e-mail: ambiente@comune.pisa.it Tel.050 910551 Fax 050910416 sito internet: www.comune.pisa.it ~ orario di apertura: martedì: 9.00 13.00 giovedì: 15.00 17.00 Palazzo Pretorio

Dettagli

Protocollo per la valutazione della performance di colonie d api Guida per gli allevatori europei di api regine

Protocollo per la valutazione della performance di colonie d api Guida per gli allevatori europei di api regine SMARTBEES / FP7-KBBE.2013.1.3-02 / WP6 Sustainable Management of Resilient Bee Populations www.smartbees-fp7.eu Protocollo per la valutazione della performance di colonie d api Guida per gli allevatori

Dettagli

AGRI@TOUR: LA PAC VERSO IL 2020, L AGRICOLTURA IN MOVIMENTO

AGRI@TOUR: LA PAC VERSO IL 2020, L AGRICOLTURA IN MOVIMENTO p 15 16 17 novembre 2013 AGRI@TOUR: LA PAC VERSO IL 2020, L AGRICOLTURA IN MOVIMENTO con la multifunzionalità, in viaggio verso la sostenibilità economica ed ambientale VENERDI 15 orario luogo per chi

Dettagli

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013 1 www.entecra.it LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it Badoere di Morgano 20 settembre 2013 21/09/2013 CRA-Unità di Ricerca per l Orticoltura (Montanaso

Dettagli

Associazione BiodiverCity via Acri 6 40126 Bologna CF: 91330210377 Pagina 1

Associazione BiodiverCity via Acri 6 40126 Bologna CF: 91330210377 Pagina 1 Associazione BiodiverCity via Acri 6 40126 Bologna CF: 91330210377 Pagina 1 L Associazione BiodiverCity nasce alla fine del 2010 dall incontro tra ricercatori di Orticoltura e di Entomologia della Facoltà

Dettagli

Vespe api e calabroni Imenotteri aculeati. Relatore: Tettamanzi Elena (biologa) ASL Varese - Servizio di Igiene e Sanità Pubblica

Vespe api e calabroni Imenotteri aculeati. Relatore: Tettamanzi Elena (biologa) ASL Varese - Servizio di Igiene e Sanità Pubblica Vespe api e calabroni Imenotteri aculeati Relatore: Tettamanzi Elena (biologa) ASL Varese - Servizio di Igiene e Sanità Pubblica AMBITO TERRITORIALE Vespe api e calabroni Vespe api e calabroni LE FORZE

Dettagli

Corso Teorico-Pratico di Apicoltura Biologica

Corso Teorico-Pratico di Apicoltura Biologica in collaborazione con ARP - Agenzia Regionale per i Parchi Corso Teorico-Pratico di Apicoltura Biologica Api & Bio 2/2015 17, 18, 24, 25 Ottobre 2015 12 moduli in 2 week-end www.museolubriano.com Info

Dettagli

Più di 500 articoli di qualità per apicoltura. vi t à 2. N v EQUIPMENT. La 10 Quarti 2014 A75. La classica 6 Quarti A41. La nuova 6 Quarti A77

Più di 500 articoli di qualità per apicoltura. vi t à 2. N v EQUIPMENT. La 10 Quarti 2014 A75. La classica 6 Quarti A41. La nuova 6 Quarti A77 EQUIPMENT N ità 2014 v o No vi t à 2 5 01 La 10 Quarti 2014 A75 2015 La nuova 6 Quarti A77 tà vi No Allevamento api regine A43 La classica 6 Quarti A41 Più di 500 articoli di qualità per apicoltura M A

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELL INFESTAZIONE DA VARROA DESTRUCTOR PROPOSTE DI INTERVENTO PER IL 2013 PREMESSA

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELL INFESTAZIONE DA VARROA DESTRUCTOR PROPOSTE DI INTERVENTO PER IL 2013 PREMESSA LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELL INFESTAZIONE DA VARROA DESTRUCTOR NELLA REGIONE VENETO PROPOSTE DI INTERVENTO PER IL 2013 PREMESSA Le caratteristiche delle tecniche di lotta nei confronti di Varroa destructor

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

alloctone ctone aliene

alloctone ctone aliene SPECIE ESOTICHE Vengono definite anche alloctone o aliene. Sono quelle specie vegetali e animali che vengono trasportate in maniera accidentale al di fuori del loro areale originario di distribuzione.

Dettagli