Aethina tumida: stato dell arte delle infestazioni in Italia e nel mondo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aethina tumida: stato dell arte delle infestazioni in Italia e nel mondo"

Transcript

1 Aethina tumida: stato dell arte delle infestazioni in Italia e nel mondo Paolo AUDISIO Dipartimento di Biologia e Biotecnologie C. Darwin, Università di Roma La Sapienza

2 Di cosa parleremo: Origini, ciclo biologico e storia naturale in Africa Diffusione nel mondo come specie infestante Tempistica e modalità di arrivo in Italia Danni attesi o potenziali in Italia con diversi scenari di diffusione Quadro potenziale di diffusione in Italia e in Europa e l influenza dei fattori bioclimatici Strategie di intervento per l eradicazione, il contenimento o il controllo e per proiezioni statisticamente supportate dell epidemia Prospettive di ricerca made in Italy: lotta integrata, lotta biologica, approfondimenti su ciclo biologico e feromoni, in uno scenario di apicoltura biologica

3 Origini, ciclo biologico e storia naturale in Africa Aethina è un genere di Coleotteri Nitidulidae Nitidulinae a diffusione paleotropicale, con un centinaio di specie distribuite prevalentemente in Asia tropicale, Australia e Africa subsahariana La maggior parte delle specie sono antofaghe, su fiori di diverse famiglie vegetali, e si nutrono di polline, antere e nettari, talora di frutta Un piccolo gruppo di specie africane di relativamente grandi dimensioni (4-7 mm; di Sud Africa, Tanzania, Mozambico) si è specializzato verso il commensalismo con Imenotteri Apoidei, sviluppandosi nei nidi di questi, nel terreno, o negli alberi cavi

4 Origini, ciclo biologico e storia naturale in Africa

5 Origini, ciclo biologico e storia naturale in Africa

6 Origini, ciclo biologico e storia naturale in Africa Le diverse specie di Aethina nelle aree di origine sono associate a diversi generi di Apoidei, tra cui Bombus, Xylocopa, Apis mellifera scutellata (Ape africana) e altri

7 Origini, ciclo biologico e storia naturale in Africa Gli adulti delle Aethina africane legate agli Apoidei sono attirate da una combinazione odour-based di sostanze associate ai favi (miele, soprattutto se parzialmente deteriorato da lieviti, polline, resti di adulti di Apoidei), ma anche da stimoli visual-based, quali in particolare la ricerca degli ingressi dei nidi nel terreno o nel cavo degli alberi, che risultano neri o scuri su un fondo più chiaro (questo è tipico anche di molti altri Nitidulidae saproxilici)

8 Diffusione nel mondo come specie infestante Aethina tumida dal 1996 è presente negli Stati Uniti, introdotta dal Sud Africa (tuttora sconosciute sono le modalità certe della sua introduzione accidentale) Circa 2 anni di ritardo negli USA tra la prima segnalazione (1996) e il primo allarme ufficiale (1998) Circa 1,5 anni di ritardo In Australia tra la prima segnalazione (2001) e il primo allarme ufficiale (2002)

9 Diffusione nel mondo come specie infestante Aethina tumida nel 2000 è comparsa (poi non acclimatata) in Egitto, dal 2001/2002 è giunta in Australia, dove si è diffusa rapidamente, e dal 2002 compare con andamenti ciclici in Canada (ma solo in alcuni siti dell Ontario pare effettivamente acclimatata) Nel 2004 è noto un episodio di introduzione con traffico illegale di regine dal Texas al Portogallo, prontamente eradicato

10 Tempistica e modalità di arrivo in Italia Aethina tumida viene segnalata ai primi di Settembre del 2014 nella Piana di Gioia Tauro (RC), attraverso l utilizzo di alveari esca collocati nell area dalle autorità di controllo; restano però diversi dubbi sulla dinamica e la tempistica reale dell introduzione 1. Ove l introduzione sia avvenuta, come probabile, con l ingresso illegale di regine di importazione, è verosimile che l ingresso sia avvenuto agli inizi della Primavera Ove l introduzione sia avvenuta, come possibile, con ingresso illegale di sciami di importazione, si potrebbe spostare di alcuni mesi l evento (Maggio/Giugno?) 3. L abbondanza di adulti a Settembre, quasi in assenza di larve, indica una fase dinamica di forte dispersione a partire da uno o pochi nuclei limitrofi in cui almeno alcune centinaia di larve e adulti si siano sviluppati nelle 8/12 settimane precedenti in qualche apiario della Piana di Gioia Tauro 4. E quindi pressoché certa la presenza di un primo nucleo riproduttivo sfuggito al tracciamento sanitario, la cui scoperta è rimasta sommersa, ad infestazione avvenuta

11 Tempistica e modalità di arrivo in Italia Ipotesi alternative sulle modalità di ingresso, in sintesi: 1. Introduzione attraverso commercio illegale di regine di importazione; Australia? USA? 2. Introduzione attraverso commercio illegale di sciami di importazione; Australia? USA? 3. Introduzione occasionale attraverso commercio di legname tropicale in tronchi; Africa occidentale? 4. Introduzione occasionale attraverso commercio di frutta tropicale?

12 Danni attesi o potenziali in Italia con diversi scenari di diffusione 1. La specie sia negli Usa, sia in Australia, produce danni alla produzione del comparto apistico valutabili in almeno il 25 % del prodotto nelle aree di endemismo secondario 2. Il prodotto complessivo del comparto apistico in Italia (inteso come Prodotto Lordo Vendibile, PLV) è valutabile al momento intorno ai 30 Milioni di Euro, con un calo marcato rispetto al passato ( 40/50 %), legato a congiunture già sfavorevoli, nel In uno scenario di mancata eradicazione e progressiva diffusione sull intero territorio nazionale, Aethina tumida potrebbe causare danni economici diretti di almeno 8 10 Milioni di Euro all anno, oltre ai danni, molto superiori, associati alla conseguente riduzione dei servizi ecosistemici associati all attività apistica (impollinazione di piante da frutto e di vegetali di interesse agronomico, circa l 80% di quelli coltivati in Italia); questi danni indiretti potrebbero essere valutati, con i modelli economici disponibili, nell ordine dei Milioni di Euro all anno

13 Quadro potenziale di diffusione in Italia e in Europa e l influenza dei fattori bioclimatici 1. Aethina tumida è caratterizzata da un optimum di sviluppo larvale in condizioni bioclimatiche di tipo subtropicale, con temperature superiori ai C e tassi di umidità relativa superiori al 70/80 % 1. La sua possibilità di colonizzare agevolmente nuovi siti è quindi in buona parte condizionata da la presenza di un bioclima di tipo caldo umido. In Italia ed in Europa solo una porzione abbastanza limitata del territorio nazionale e continentale è quindi particolarmente idonea per l insediamento della specie 3. Abbiamo in corso un progetto di modellizzazione della nicchia ecologica di Aethina (joint venture tra Università La Sapienza, Università Federico II di Napoli e CRA di Firenze), per determinare diversi scenari potenziali di diffusione della specie, in caso di fallimento dei tentativi di eradicazione in Calabria, utilizzando differenti metodi analitici (GARP, BIOCLIM, ecc.)

14 Arnia Trappola (BHIST) per Aethina tumida (BeeHIve Simulator Trap) 25 cm Tetto atermico 35 cm... 8 cm 20 cm.. 25 cm griglia di diffusione (fori 2 mm Ø) black window trap SHB pitfall trap (vassoio trappola estraibile) 25 cm esterno pomello di estrazione cassetto

15 Arnia Trappola (BHST) per Aethina tumida 25 cm 11 cm Ø piastra nera della black window trap.. griglia di diffusione (fori 2 mm Ø) piano inclinato della black window trap 25 cm posizione del vassoio trappola 25 cm Interno esclusa SHB pitfall trap (vassoio trappola)

16 griglia forata fori 3 x 6 mm Arnia Trappola per Aethina tumida SHB pitfall trap (vassoio trappola) Pomello estrazione cassetto 8 cm 20 cm strato di acqua e olio minerale contenitore porta esca con griglia 20cm esca miele, polline, aceto,lievito, resti di api

17 Contenitore porta esca griglia di diffusione (fori 2 mm Ø) Contenitore in vetro o in PVC 12 cm mistura di miele, polline, lievito, aceto, resti di api

18 Grazie per l attenzione!!

AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare

AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare Aethina tumida Murray (1867) (piccolo coleottero dell alveare) Phylum Arthropoda Classe Exapoda Ordine Coleoptera, Famiglia Nitidulidae

Dettagli

Aethina tumida. Il piccolo coleottero dell'alveare o Small hive beetle (SHB)

Aethina tumida. Il piccolo coleottero dell'alveare o Small hive beetle (SHB) Aethina tumida Il piccolo coleottero dell'alveare o Small hive beetle (SHB) U.O. Apicoltura Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e Toscana Aethina tumida Murray (1867) Classificazione Phylum:

Dettagli

Malattie esotiche delle api e controlli all importazione

Malattie esotiche delle api e controlli all importazione Corso di Aggiornamento per Medici Veterinari: RICONOSCERE E GESTIRE LE PATOLOGIE DELLE API NEL RISPETTO DELLA SICUREZZA DEI PRODOTTI DELL ALVEARE Malattie esotiche delle api e controlli all importazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0020069-01/10/2014-DGSAF-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio II ex DGSA Sanità animale ed anagrafi: Viale Giorgio Ribotta, 5-00144 Roma

Dettagli

1953-2014: da oltre 60 anni al servizio dell Apicoltura italiana. Audizione presso la Commissione Agricoltura del Senato Roma, 21 Ottobre 2014

1953-2014: da oltre 60 anni al servizio dell Apicoltura italiana. Audizione presso la Commissione Agricoltura del Senato Roma, 21 Ottobre 2014 1953-2014: da oltre 60 anni al servizio dell Apicoltura italiana CRT- Centro di Riferimento Tecnico per l Apicoltura - A.4 Salvaguardia dell Ape Italiana Servizio di assistenza tecnica attivato con il

Dettagli

IL QUADRO ATTUALE DELLE IMPORTAZIONI UFFICIALI DI API REGINE PRESSO L AEROPORTO DI FIUMICINO DAL 2006 AL 2011

IL QUADRO ATTUALE DELLE IMPORTAZIONI UFFICIALI DI API REGINE PRESSO L AEROPORTO DI FIUMICINO DAL 2006 AL 2011 IL QUADRO ATTUALE DELLE IMPORTAZIONI UFFICIALI DI API REGINE PRESSO L AEROPORTO DI FIUMICINO DAL 2006 AL 2011 La aethiniosi e la tropilaelapsosi sono patologie esotiche, entrambe inserite nell elenco delle

Dettagli

Aethina tumida, questo nuovo sconosciuto (e poco studiato) nemico delle api

Aethina tumida, questo nuovo sconosciuto (e poco studiato) nemico delle api Aethina tumida, questo nuovo sconosciuto (e poco studiato) nemico delle api Il piccolo scarabeo dell alveare Aethina tumida (SHB 1 ) è un parassita invasivo degli alveari originario del sud del Sahara

Dettagli

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Introduzione Anche per gli apiari, come per tutte le aziende zootecniche, la corretta gestione dell allevamento

Dettagli

L apicoltura in Trentino

L apicoltura in Trentino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari L apicoltura in Trentino Caldonazzo 9 febbraio 2010 l apicoltura in Trentino I numeri L organizzazione I supporti normativi Le problematiche sanitarie Azienda

Dettagli

Progetto Api per la Biodiversità Bees for Biodiversity

Progetto Api per la Biodiversità Bees for Biodiversity Progetto Api per la Biodiversità Bees for Biodiversity Premessa L ape mellifera (Apis mellifera) è un insetto autoctono, suddiviso originariamente in numerose sottospecie, in Africa, gran parte dell Europa

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2825 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice DE PETRIS COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 MARZO 2004 Norme per la tutela dell apicoltura TIPOGRAFIA DEL SENATO

Dettagli

NORME DIRETTIVE APICOLTURA E PRODOTTI APISTICI

NORME DIRETTIVE APICOLTURA E PRODOTTI APISTICI NORME DIRETTIVE APICOLTURA E PRODOTTI APISTICI Giugno 2007 - da applicarsi in ogni stato membro entro il 31.12. 2007-1 I N D I C E 1. Limiti di validità e principi di base 2. Collocazione delle famiglie

Dettagli

SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA.

SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA. SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA. OBIETTIVI DEL CORSO: Intervento di formazione per la certificazione di competenza

Dettagli

IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015. PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico

IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015. PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015 PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico LA VARROA: Varroa destructor CICLO BIOLOGICO DI VARROA DESTRUCTOR

Dettagli

Analisi dell impatto sull entomofauna delle trappole selettive impiegate contro Vespa velutina. Premessa del traduttore:

Analisi dell impatto sull entomofauna delle trappole selettive impiegate contro Vespa velutina. Premessa del traduttore: Analisi dell impatto sull entomofauna delle trappole selettive impiegate contro Vespa velutina Premessa del traduttore: Con la presente traduzione abbiamo voluto portare all attenzione del lettore italiano

Dettagli

Incidenza della profilassi e controllo della varroasi sul costo di produzione del miele

Incidenza della profilassi e controllo della varroasi sul costo di produzione del miele Incidenza della profilassi e controllo della varroasi sul costo di produzione del miele Belletti PierAntonio, Università degli Studi di Udine Franco Rosa, Università Studi di Udine Andrea Chicco, Tecnico

Dettagli

Si stima che la produzione mondiale di P.R. sia di 1800 tonnellate annue.

Si stima che la produzione mondiale di P.R. sia di 1800 tonnellate annue. , Pur essendo il più pregiato prodotto dell'alveare per le sue notevoli proprietà, la Pappa Reale è stata per lungo tempo ignorata. 600: Il primo a citarla è lo scienziato SCHWAMMENDAN che ne descrive

Dettagli

dossier Aethina tumida Il piccolo scarafaggio dell alveare

dossier Aethina tumida Il piccolo scarafaggio dell alveare dossier Aethina tumida Il piccolo scarafaggio dell alveare 2 Il Piccolo Scarafaggio dell Alveare Una nuova grave minaccia per l apicoltura europea Questo dossier si prefigge lo scopo di descrivere il piccolo

Dettagli

Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari

Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari Franco Mutinelli Centro di referenza nazionale per l apicoltura Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie 35020 Legnaro (PD)

Dettagli

CONFRONTO TRA GLI EFFETTI DI

CONFRONTO TRA GLI EFFETTI DI Notiziario ERSA 3/2009 Apicoltura Franco Frilli Università degli Studi di Udine Dipartimento di Biologia e Protezione delle Piante Moreno Greatti, Giorgio Della Vedova Laboratorio Apistico Regionale Pier

Dettagli

Considerazioni all approccio veterinario sulla genetica delle api

Considerazioni all approccio veterinario sulla genetica delle api III Convegno del Centro Apistico Regionale UN ISTANTANEA SANITARIA DEL SETTORE APISTICO Asti, 23 ottobre 2012 Considerazioni all approccio veterinario sulla genetica delle api Dott.ssa Alessandra Giacomelli

Dettagli

MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE

MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE DISPOSIZIONI

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

LA PESTE EUROPEA Dr. Giovanni Formato UO Apicoltura - IZSLT

LA PESTE EUROPEA Dr. Giovanni Formato UO Apicoltura - IZSLT LA PESTE EUROPEA Dr. Giovanni Formato UO Apicoltura - IZSLT La società delle api è matriarcale: c è un unica madre che è l Ape Regina e che depone ogni giorno le uova dalle quali nasceranno soprattutto

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

Consiglio Regionale della Puglia

Consiglio Regionale della Puglia LEGGE REGIONALE 14 NOVEMBRE 2014, N. 45 Norme per la tutela, la valorizzazione e lo sviluppo sostenibile dell'apicoltura" 2 LEGGE REGIONALE Norme per la tutela, la valorizzazione e lo sviluppo sostenibile

Dettagli

1) Acquisto di arnie antivarroa con fondo a rete ( Bb3)

1) Acquisto di arnie antivarroa con fondo a rete ( Bb3) ALLEGATO 1 BANDO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DIARNIE, PRESIDI SANITARI SCIAMI E API REGINE AI SENSI DEL REG. CE 1234/07 EX 797/04. PROGRAMMA APISTICO 2012-2013 NORME GENERALI Nell ambito

Dettagli

VARROA. Caratteristiche della patologia

VARROA. Caratteristiche della patologia VARROA Caratteristiche della patologia Informazioni E.1 Malattia E.1.1 Nome patologia Varroasi (Varroatosi) E.1.2 Agente/i eziologico/i Varroa destructor Anderson & Trueman. Acaro appartenente alla famiglia

Dettagli

Non esiste un solo tipo di api, ma un universo variegato e complesso fatto di famiglie, sottofamiglie, migliaia di specie e tante razze, alcune più

Non esiste un solo tipo di api, ma un universo variegato e complesso fatto di famiglie, sottofamiglie, migliaia di specie e tante razze, alcune più Un mondo senza api? Un mondo senza api? Gli insetti impollinatori, mentre volano di fiore in fiore alla ricerca del cibo (ovvero il nettare), trasportano il polline da una pianta all altra, rendendo possibile

Dettagli

4. Presentazione IBH Vetsuisse. 5. Presentazione CRA Liebefeld

4. Presentazione IBH Vetsuisse. 5. Presentazione CRA Liebefeld Varroa Sommario 1. Biologia della Varroa 2. Diagnosi 3. Lotta alternativa FFO 4. Presentazione IBH Vetsuisse 5. Presentazione CRA Liebefeld Sommario 1. Biologia della Varroa 2. Diagnosi 3. Lotta alternativa

Dettagli

1953-2014: da oltre 60 anni al servizio dell Apicoltura italiana

1953-2014: da oltre 60 anni al servizio dell Apicoltura italiana 1953-2014: da oltre 60 anni al servizio dell Apicoltura italiana CRT- Centro di Riferimento Tecnico per l Apicoltura - A.4 Salvaguardia dell Ape Italiana Servizio di assistenza tecnica attivato con il

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Il campo delle api - Progetto di educazione ambientale

Il campo delle api - Progetto di educazione ambientale Il campo delle api - Progetto di educazione ambientale MESE DI AVVIO DEL PROGETTO: OTTOBRE 2009 MESE DI CONCLUSIONE: GIUGNO 2010 DENOMINAZIONE DEL PROGETTO PROGETTO APICOLTURA IL CAMPO DELLE API TIPOLOGIA

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Città e CAP Telefono Fax E-mail PEC P.IVA 02881870733 Dott. SILVESTRE FABIO Codice Fiscale SLVFBA80L15L049I Nazionalità Italiana Data

Dettagli

LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA prima parte

LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA prima parte Dr. Filippo Bosi AUSL Ravenna, ASPV - f.bosi@ausl.ra.it Filippo.bosi.bri@alice.it LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA prima parte CRAAPI, BOLOGNA 23.03.2012 1 L apicoltura è una attività zootecnica minore,

Dettagli

Ricerca a cura della 3ª C

Ricerca a cura della 3ª C Ricerca a cura della 3ª C Insegnante Donatella Marra Anno scolastico 2009-2010 L'ape: come vive, com'è fatta Fra gli insetti che pungono le api sono le più temute dall'uomo. Le femmine hanno un pungiglione

Dettagli

C.2 - ACQUISTO ATTREZZATURE PER IL NOMADISMO

C.2 - ACQUISTO ATTREZZATURE PER IL NOMADISMO Sintesi della delibera n. 3357 del 09.03.2015 - Approvazione dei criteri generali e delle modalità per la concessione di finanziamenti per il miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti

Dettagli

Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae

Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae Esperienze realizzate presso l azienda sperimentale di Veneto Agricoltura Vallevecchia - Caorle (VE) anni 2010-2011 Mauro

Dettagli

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N..

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. Data... Servizio Veterinario dell USSL o ASL di. All IZS di Prelievo effettuato da Azienda apistica...in qualità di... codice aziendale sub codice Telefono Luogo del campionamento:

Dettagli

PATOLOGIE DELLE API SCHEDA TECNICA SUL NOSEMA

PATOLOGIE DELLE API SCHEDA TECNICA SUL NOSEMA PATOLOGIE DELLE API SCHEDA TECNICA SUL NOSEMA Considerazioni preliminari Se c è in apicoltura una patologia dai tratti confusi, indefiniti, in una parola, sconosciuti ai più, è proprio il nosema. Fino

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

VARROA 2011.. CHE FARE???

VARROA 2011.. CHE FARE??? VARROA 2011.. CHE FARE??? Serena Rocchi- tecnico ALPA- Roma 6 aprile 2011 In mancanza della bacchetta VARROA rispolverando i libri di storia Acaro proveniente dall apis Cerana (Asia orientale), alla quale

Dettagli

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica GIORNATE DIVULGATIVE SULLA "NORMATIVA APISTICA" Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica dott. Vanni Floris PROGRAMMA APISTICO REGIONALE Reg. (CE) N. 1234/2008 - AZIONE A4 Argomenti Gli articoli

Dettagli

La lotta biologica alle zanzare

La lotta biologica alle zanzare Ente Parco Naturale Laghi di Avigliana 1 Workshop di progettazione partecipata verso il Contratto di Lago del bacino dei laghi di Avigliana La lotta biologica alle zanzare Premessa La lotta biologica integrata

Dettagli

Api che vanno, bombi che vengono

Api che vanno, bombi che vengono Unità didattica 7 Piante e Alimentazione Api che vanno, bombi che vengono Durata 1 ora più osservazioni all aperto Materiali - schede di lavoro F24 (se possibile stampata a colori), F25 e F26 - schede

Dettagli

COME VALUTARE IL GRADO DI INFESTAZIONE DA VARROA NEGLI ALVEARI

COME VALUTARE IL GRADO DI INFESTAZIONE DA VARROA NEGLI ALVEARI IASMA Notizie Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige Stampato su carta certificata Ecolabel prodotta dalla cartiera

Dettagli

CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA

CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA (Aprile-Giugno 2015) L Associazione Regionale Apicoltori Pugliesi (A.R.A.P.) organizza un Corso teorico e pratico di introduzione all Apicoltura della

Dettagli

NOTIZIARIO N 1. (gennaio-marzo 2013)

NOTIZIARIO N 1. (gennaio-marzo 2013) Le Nostre Api Associazione Apicoltori Felsinei Sede Legale Via IV Novembre n 83 40056 Crespellano Bologna Cell 377 1802294-346 5790104 NOTIZIARIO N 1 (gennaio-marzo 2013) Gentilissime socie e gentilissimi

Dettagli

IL CALABRONE ASIATICO (VESPA VELUTINA): CONOSCERLO E COMBATTERLO

IL CALABRONE ASIATICO (VESPA VELUTINA): CONOSCERLO E COMBATTERLO IL CALABRONE ASIATICO (VESPA VELUTINA): CONOSCERLO E COMBATTERLO di Marco Porporato, Aulo Manino, Daniela Laurino, Stefano Demichelis Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DISAFA) Università

Dettagli

Risultati del primo semestre di attività dell indagine sul fenomeno della moria delle api all interno delle aree naturali protette

Risultati del primo semestre di attività dell indagine sul fenomeno della moria delle api all interno delle aree naturali protette Risultati del primo semestre di attività dell indagine sul fenomeno della moria delle api all interno delle aree naturali protette Valter Bellucci 1, Stefano Lucci 1, Francesco Campanelli 1, Roberto Sannino

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA CORRENTE 2004. N. identificativo progetto: IZS LT 10/04 RC ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA

PROGETTO DI RICERCA CORRENTE 2004. N. identificativo progetto: IZS LT 10/04 RC ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA PROGETTO DI RICERCA CORRENTE 2004 N. identificativo progetto: IZS LT 10/04 RC Progetto presentato da: ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA Area tematica: Sanità animale Titolo

Dettagli

Attenzione al Punteruolo rosso della palma

Attenzione al Punteruolo rosso della palma Attenzione al Punteruolo rosso della palma Punteruolo rosso della palma Il punteruolo rosso della palma, Rhynchophorus ferrugineus (Olivier), è un coleottero curculionide originario dell Asia meridionale

Dettagli

QUESTIONARIO (Da compilare in caso di mortalità anomali o spopolamento di alveari) Cognome... Nome... Via...Cap... Località... Tel...

QUESTIONARIO (Da compilare in caso di mortalità anomali o spopolamento di alveari) Cognome... Nome... Via...Cap... Località... Tel... Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) (Area di Entomologia) Università degli Studi di Bologna Viale Giuseppe Fanin, 42 40127 BOLOGNA Istituto Nazionale di Apicoltura Via di Saliceto,

Dettagli

MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI?

MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI? MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI? LE API VOLANDO DA UN FIORE ALL ALTRO RACCOLGONO IL NETTARE PRODOTTO DAI FIORI E LO UTILIZZANO PER FARE IL MIELE CHE SARA UNA PREZIOSA SCORTA DI CIBO PER

Dettagli

Attenzione al Punteruolo Rosso della Palma

Attenzione al Punteruolo Rosso della Palma COMUNE DI SCALEA PROVINCIA DI COSENZA UFFICIO TECNICO SERVIZIO SALVAGUARDIA AMBIENTALE Via Plinio il Vecchio,1 C.F. e P.I. 00401460787 tel. 0985/282251 fax 0985/282226 Attenzione al Punteruolo Rosso della

Dettagli

MAQS 68,2 g Strisce per alveare per api mellifere. Dott.ssa Ulrike Lampe 26 Settembre 2014

MAQS 68,2 g Strisce per alveare per api mellifere. Dott.ssa Ulrike Lampe 26 Settembre 2014 MAQS 68,2 g Strisce per alveare per api mellifere Dott.ssa Ulrike Lampe 26 Settembre 2014 Programma MAQS Strisce per Alveare NOD profilo aziendale Cos è MAQS? Come MAQS ferma la Varroatosi? Ricerca su

Dettagli

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI (vers. 1 del 03/05/2005) API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI Dio fece le api, il diavolo le vespe (Proverbio nordico) 1. GENERALITÀ Occorre premettere che è da ritenere del tutto naturale l occasionale

Dettagli

LAVORI DI STAGIONE VISTI ATTRAVERSO L ASSISTENZA TECNICA (parte seconda)

LAVORI DI STAGIONE VISTI ATTRAVERSO L ASSISTENZA TECNICA (parte seconda) LAVORI DI STAGIONE VISTI ATTRAVERSO L ASSISTENZA TECNICA (parte seconda) I casi della seconda metà di aprile Caso 1B: La fucaiola Riferimenti teorici: Pillole di genetica Un giovane apicoltore mi aveva

Dettagli

COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API

COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API ProBee è una associazione di microrganismi la cui attività metabolica produce sostanze che inducono un effetto positivo sulle condizioni

Dettagli

Apicoltura Biologica

Apicoltura Biologica Apicoltura Biologica Malattie delle Api e Cure Per APICOLTURA BIOLOGICA si intende l allevamento di famiglie d api, secondo regole ben precise, stabilite dalle normative emesse dalla Comunità Europea in

Dettagli

L analisi sensoriale applicata al miele

L analisi sensoriale applicata al miele L analisi sensoriale applicata al miele 1. Generalità sull analisi sensoriale L analisi sensoriale è un metodo per determinare le caratteristiche organolettiche dei prodotti alimentari attraverso il ricorso

Dettagli

Tecniche di gestione dell alveare

Tecniche di gestione dell alveare Tecniche di gestione dell alveare Problematiche periodo postproduzione 2014 in FVG Scarsa o nulla produzione (trattamenti in ritardo) Pessimo andamento meteo 1. Poca efficacia evaporanti (timoli, formico)

Dettagli

L'ape fa il miele... L'ape. Lo sapevi che...? Unità 1:

L'ape fa il miele... L'ape. Lo sapevi che...? Unità 1: Unità 1: L'ape fa il miele... L'ape L ape è un insetto molto speciale, vola di fiore in fiore raccogliendo nettare che poi trasformerà in miele. Il nettare è il nutrimento dell ape adulta. Il miele è il

Dettagli

Corso di Laurea Interdipartimentale in Produzioni Animali

Corso di Laurea Interdipartimentale in Produzioni Animali Corso di Laurea Interdipartimentale in Produzioni Animali CFU disponibili: 12 CFU al 3 anno (6 CFU: I semestre; 6 CFU: II semestre); Ulteriori informazioni; Vedi allegato D del Regolamento Didattico del

Dettagli

Progetto pilota per la sorveglianza della mortalità delle colonie di api Italia 2012-2013 Protocollo di campionamento

Progetto pilota per la sorveglianza della mortalità delle colonie di api Italia 2012-2013 Protocollo di campionamento Progetto pilota per la sorveglianza della mortalità delle colonie di api Italia 2012-2013 Protocollo di campionamento Le buone pratiche di campionamento Il prelievo dei campioni: i campioni vengono effettuati

Dettagli

L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG

L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG È una delle operazioni di tecnica apistica più importanti. Un buon invernamento

Dettagli

La Varroa. 23/05/2007 dr. Luca Allais 1

La Varroa. 23/05/2007 dr. Luca Allais 1 La Varroa 23/05/2007 dr. Luca Allais 1 VARROA DESTRUCTOR: CARTA D IDENTITA - ACARO PARASSITA PROVENIENTE DALL ESTREMO ORIENTE DOVE VIVE A SPESE DELL APIS CERANA - SI E DIFFUSA IN EUROPA VERSO LA FINE DEGLI

Dettagli

Tutela delle sottospecie autoctone Risultati delle attività della UO Apicoltura IZSLT

Tutela delle sottospecie autoctone Risultati delle attività della UO Apicoltura IZSLT Corso per la rimonta aziendale riproduttori di api mellifere ligustiche autoctone IZSLT- Roma, 8 giugno 2012 PROGRAMMA FINALIZZATO AL MIGIORAMENTO DELLA PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEL MIELE Annualità

Dettagli

Corso Teorico - Pratico di Apicoltura Biologica

Corso Teorico - Pratico di Apicoltura Biologica www.museolubriano.com Corso Teorico - Pratico di Apicoltura Biologica Api & Bio 1/2014 15,16 e 22,23 MARZO 12 moduli in 2 week-end! Partnership tecnico-scientifica E-mail: direzione@museolubriano.com -

Dettagli

Roma, 18 ottobre 2011 Classificazione e biologia di Apis mellifera

Roma, 18 ottobre 2011 Classificazione e biologia di Apis mellifera Roma, 18 ottobre 2011 Classificazione e biologia di Apis mellifera Dott.ssa Alessandra Giacomelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Gli Apoidei (Apoidea Latreille, 1802)

Dettagli

I PANNELLI FOTOVOLTAICI E LE PIANTE ENTRANO IN COMPETIZIONE PER LA MEDESIMA FONTE DI ENERGIA

I PANNELLI FOTOVOLTAICI E LE PIANTE ENTRANO IN COMPETIZIONE PER LA MEDESIMA FONTE DI ENERGIA I PANNELLI FOTOVOLTAICI E LE PIANTE ENTRANO IN COMPETIZIONE PER LA MEDESIMA FONTE DI ENERGIA LA LUCE E IL FATTORE FONDAMENTALE PER IL SUCCESSO DELLA COLTURA La normativa in vigore (IV Conto Energia) impone

Dettagli

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.)

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) una componente biotica (esseri viventi) - (batteri, funghi, piante, animali, ecc.) ECOLOGIA (Häckel 1866) Scienza

Dettagli

Allevamento apistico sostenibile

Allevamento apistico sostenibile Api e territorio di Giuseppe Morosin Allevamento apistico sostenibile Il futuro dell Apicoltura è legato alla professionalità dell apicoltore e alla sperimentazione tecnica dell Allevamento Apistico Sostenibile,

Dettagli

Origine e Composizione Cristallizzazione Difetti Produzione smielatura e confezionamento Analisi Sensoriale Assaggi

Origine e Composizione Cristallizzazione Difetti Produzione smielatura e confezionamento Analisi Sensoriale Assaggi Prodotti dell alveare. Produzione e loro caratteristiche. Miele, cera,polline,propoli,pappa reale, Riconoscimento di alcuni mieli con l analisi sensoriale. ROVERETO 2015 Graziano Comper Miele: Origine

Dettagli

QUESTO DOSSIER E STATO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA LEGGE REGIONALE DEL PIEMONTE 20/98 VESPA VELUTINA CALABRONE ASIATICO

QUESTO DOSSIER E STATO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA LEGGE REGIONALE DEL PIEMONTE 20/98 VESPA VELUTINA CALABRONE ASIATICO QUESTO DOSSIER E STATO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA LEGGE REGIONALE DEL PIEMONTE 20/98 VESPA VELUTINA CALABRONE ASIATICO Un nuovo nemico delle api si sta velocemente avvicinando ai nostri confini.

Dettagli

Noitiziario n. 8 maggio 2015

Noitiziario n. 8 maggio 2015 Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino Associazione Apicoltori Fiemme e Fassa Associazione Apicoltori val di Sole Peio e Rabbi Associazione Apicoltori Valsugana Lagorai Apicoltori in Vallagarina

Dettagli

AGGIORNAMENTO SULLA DIFFUSIONE DEL CINIPIDE IN EUROPA E SULLA LOTTA BIOLOGICA IN ITALIA

AGGIORNAMENTO SULLA DIFFUSIONE DEL CINIPIDE IN EUROPA E SULLA LOTTA BIOLOGICA IN ITALIA DISAFA DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI AGGIORNAMENTO SULLA DIFFUSIONE DEL CINIPIDE IN EUROPA E SULLA LOTTA BIOLOGICA IN ITALIA IV Incontro Europeo della Castagna Bologna, Italia

Dettagli

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto.

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto. PROMEMORIA Controllo della varroa in apicoltura biologica In breve Mantenere la varroa sotto controllo continua a essere la principale sfida degli apicoltori. Il promemoria presenta due metodi diversi

Dettagli

Strategie alternative di lotta alla varroa

Strategie alternative di lotta alla varroa Strategie alternative di lotta alla varroa breve rassegna su alcuni dei metodi alternativi (o presunti tali) proposti per combattere la varroa - arnie e metodi di allevamento - selezione - nemici IZSLT

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI. Standard tecnico ai sensi dell art. 49 comma 2 lettera c) del D.

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI. Standard tecnico ai sensi dell art. 49 comma 2 lettera c) del D. MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI Standard tecnico ai sensi dell art. 49 comma 2 lettera c) del D.lgs 214/2005 Criteri di monitoraggio e di gestione delle infestazioni dell organismo

Dettagli

CURRICULUM VITAE TEDESCHI IRENE. Indirizzo: Macero 24/2 Argelato Bologna. Telefono Cellulare 328-4128617. E-mail: irene.tedeschi@gmail.

CURRICULUM VITAE TEDESCHI IRENE. Indirizzo: Macero 24/2 Argelato Bologna. Telefono Cellulare 328-4128617. E-mail: irene.tedeschi@gmail. CURRICULUM VITAE TEDESCHI IRENE Indirizzo: Macero 24/2 Argelato Bologna Telefono Cellulare 328-4128617 E-mail: irene.tedeschi@gmail.com Nazionalità Italiana Data di nascita: 25 marzo 1985 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

L E A D E R I T A L I A N O P E R L A F O R N I T U R A DI M A T E R I A L E A P I S T I C O P R O F E S S I O N A L E. Nicotplast

L E A D E R I T A L I A N O P E R L A F O R N I T U R A DI M A T E R I A L E A P I S T I C O P R O F E S S I O N A L E. Nicotplast H O B B Y F A R M S.A. S. L E A D E R I T A L I A N O P E R L A F O R N I T U R A DI M A T E R I A L E A P I S T I C O P R O F E S S I O N A L E Nicotplast COSTRUTTORE FRANCESE DI MATERIALE IN PLASTICA

Dettagli

Le specie aliene invasive: problemi e possibili soluzioni

Le specie aliene invasive: problemi e possibili soluzioni Le specie aliene invasive: problemi e possibili soluzioni ALIENO =?? NO! ALIENO = Elena Tricarico Dipartimento di Biologia, Università di Firenze elena.tricarico@unifi.it Le specie aliene invasive Un problema

Dettagli

Bursaphelenchus Xylophilus

Bursaphelenchus Xylophilus Regione Toscana Il Nematode dei pini Bursaphelenchus Xylophilus Direzione generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze Sviluppo rurale - Servizio Fitosantario Regionale 2 Bursaphelenchus

Dettagli

Assistenza tecnica in apicoltura nel Lazio

Assistenza tecnica in apicoltura nel Lazio gli speciali di apitalia gli speciali di apitalia gli speciali di apitalia gli spec Assistenza tecnica in apicoltura nel Lazio (I Parte) Nella Regione Lazio, per l anno 2010, l Assistenza tecnica in apicoltura

Dettagli

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae 1 LA MOSCA DELLE OLIVE Principale parassita dell olivo Numerodigenerazionida2-3finoa4-7/anno Latitudine Altitudine Andamento climatico Permanenza di olive sulle piante

Dettagli

N. identificativo progetto: IZS LT 08/05 RC ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA

N. identificativo progetto: IZS LT 08/05 RC ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA N. identificativo progetto: IZS LT 08/05 RC Progetto presentato da: ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA U.O.: 1/IZS LT Titolo del progetto: Predisposizione di linee guida

Dettagli

SANGUE ricerca anticorpi/antigeni su siero (immunofluorescenza indiretta/ sieroagglutinazione/sieroneutralizzazione/ tecniche immunoenzimatiche)

SANGUE ricerca anticorpi/antigeni su siero (immunofluorescenza indiretta/ sieroagglutinazione/sieroneutralizzazione/ tecniche immunoenzimatiche) PG ACC 003/2 rev. 11 pag. 1 di 5 INDICAZIONI PER IL PRELIEVO ED IL CONFERIMENTO DEI CAMPIONI SANITÀ ANIMALE Esame SANGUE ricerca anticorpi/antigeni su siero (immunofluorescenza indiretta/ sieroagglutinazione/sieroneutralizzazione/

Dettagli

Classe Magnoliopsida (dicotiledoni) Classe Liliopsida (monocotiledoni)

Classe Magnoliopsida (dicotiledoni) Classe Liliopsida (monocotiledoni) Classe Magnoliopsida (dicotiledoni) Classe Liliopsida (monocotiledoni) Angiosperme sono piante con semi contenuti in un carpello a sua volta portato da un fiore. Il più grande e più eterogeneo phylum del

Dettagli

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale A G E A Agenzia per le erogazioni in agricoltura Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale Associazione Produttori Olivicoli C.N.O. aderente al Finanziato

Dettagli

MATERIALE APISTICO LISTINO PREZZI 2013 MAR. ARNIE ED ACCESSORI

MATERIALE APISTICO LISTINO PREZZI 2013 MAR. ARNIE ED ACCESSORI 2013 MAR. MATERIALE APISTICO LISTINO PREZZI ARNIE ED ACCESSORI ARTISTICA SETTEMPEDANA srl VIA LORENZO D ALESSANDRO,7 62027 SAN SEVERINO MARCHE (MC) COD. FISC. P.I. 00118580430 TEL. 0039 0733 634572 FAX:

Dettagli

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste Origine La zanzara tigre è stata importata nel

Dettagli

PASSEGGIANDO PER LA PIAZZA E IL PARCO COMUNALE DI PIAMONTE POTETE TROVARE E GODERE DI QUESTI ALBERI, FACCIAMO UNA GITA INSIEME?

PASSEGGIANDO PER LA PIAZZA E IL PARCO COMUNALE DI PIAMONTE POTETE TROVARE E GODERE DI QUESTI ALBERI, FACCIAMO UNA GITA INSIEME? PASSEGGIANDO PER LA PIAZZA E IL PARCO COMUNALE DI PIAMONTE POTETE TROVARE E GODERE DI QUESTI ALBERI, FACCIAMO UNA GITA INSIEME? PALO BORRACHO Nome volgare: Palo borracho, yuchán Nome scientifico: Chorisia

Dettagli

Lavori di stagione in apiario: marzo - aprile

Lavori di stagione in apiario: marzo - aprile Lavori di stagione in apiario: marzo - aprile L importanza di registrare dei dati nelle prime visite In condizioni stagionali normali ai primi di marzo l apicoltore ha già effettuato almeno una visita

Dettagli

Nematode del legno di pino agente del deperimento dei pini (Bursaphelenchus xylophilus)

Nematode del legno di pino agente del deperimento dei pini (Bursaphelenchus xylophilus) REGIONE LAZIO Servizio Fitosanitario Regionale Nematode del legno di pino agente del deperimento dei pini (Bursaphelenchus xylophilus) PIANTE OSPITI Le piante ospiti appartengono alle conifere, in modo

Dettagli

Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna

Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia Romagna U16 Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna Brisighella 13 settembre 2013 1 Diapositiva

Dettagli

PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA'

PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA' PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA' Dr. Franco Ravagnan Integrate dalla Dr.a Piroska Sabbion ASL 8 Montebelluna. Az.U.L.S.S.16 Padova Padova 16 dicembre 2012 p.p.l. Progetti

Dettagli

PREVENZIONE SANITARIA IN APICOLTURA conoscere le malattie dell alveare

PREVENZIONE SANITARIA IN APICOLTURA conoscere le malattie dell alveare - Azienda Sanitaria Trento - PREVENZIONE SANITARIA IN APICOLTURA conoscere le malattie dell alveare - dott. Franco Gatti - MORI 25 MARZO 2014 I fattori che causano direttamente le malattie delle api o

Dettagli