La guerra d Etiopia 1935/36 Un percorso nell archivio storico della Scuola Fontana di Torino COLONIALISMO, GUERRA, RAZZISMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La guerra d Etiopia 1935/36 Un percorso nell archivio storico della Scuola Fontana di Torino COLONIALISMO, GUERRA, RAZZISMO"

Transcript

1 La guerra d Etiopia 1935/36 Un percorso nell archivio storico della Scuola Fontana di Torino COLONIALISMO, GUERRA, RAZZISMO

2 INTRODUZIONE Nell ambito delle attività proposte dall archivio storico della scuola Fontana è stata offerta agli alunni delle quinte A e B un attività di laboratorio storico sul tema del colonialismo italiano in Africa durante il fascismo. L attività è stata richiesta dalle insegnanti di classe dopo che, nel corso di un intervento di un genitore sui temi della povertà in Africa, erano state individuate le responsabilità del colonialismo europeo e italiano. È stata fatta un indagine esplorativa nell archivio della nostra scuola, in particolare all interno delle cronache e i registri dell anno scolastico 1935/36. La ricerca è stata ampliata ad altre fonti presenti nell archivio storico della scuola, in archivi virtuali, in libri di testo unici del periodo dal 1935 al 1940.Il materiale a disposizione era vastissimo, molto interessante e complesso, troppo, se si considerano l età e le conoscenze storiche degli alunni e il tempo che era possibile dedicare alla ricerca. È stata quindi fatta una cernita dei materiali con l obiettivo di condurre una ricerca utilizzando dei documenti d archivio su un tema individuato con precisione: «Razzismo, colonialismo, la guerra di Etiopia»: non era possibile trattare il tema più generale del fascismo. Ai ragazzi sono stati proposti 6 documenti, per l analisi degli stessi è stata usata la scheda proposta dal gruppo di lavoro dell Istoreto sugli Archivi Storici. È stata predisposta una scheda per la valutazione finale dell attività da parte degli alunni..

3 Gli obiettivi che ci siamo posti sono legati all anno scolastico conclusivo del ciclo della scuola primaria e sono riepilogativi di competenze già in parte acquisite in particolare: Acquisire delle competenze di ricerca in archivio attraverso: l uso della scheda archivistica per descrivere il documento, gli scopi espliciti e impliciti; Saper confrontare documenti; Saper lavorare in gruppo; Imparare ad argomentare le proprie posizioni; Estrarre dai documenti informazioni coerenti con il titolo della ricerca; Acquisire informazioni sulla colonizzazione italiana. L attività è stata svolta nel piccolo gruppo dove i documenti sono stati letti ed analizzati e hanno stimolato interessanti discussioni. I risultati del lavoro sono stati raccolti in un cartellone e in questa presentazione. Torino, anno scolastico 2012/13

4 CARTELLONE RIASSUNTIVO DEL LAVORO

5 COPERTINA DEL QUADERNO «PANCETTA NERA»

6 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO N 1 Sulla copertina è raccontata una storia a fumetti, le didascalie sono in rima. 1. Nella prima vignetta è disegnata una capanna distrutta, dai resti incendiati emerge la testa di un «moretto». Sullo sfondo una palma e si vede fuggire un uomo coperto da una tunica, la filastrocca lo indentifica con uno scioano (un etiope abitante la regione della Scioa) responsabile del disastro. 2. Nella seconda vignetta vediamo un CAMICIA NERA (in stampato nel testo) salvare il moretto che si dispera per la presunta morte dei genitori. 3. Il moretto è consolato dal soldato che, dolcemente, lo informa che i suoi genitori sono fuggiti abbandonandolo. 4. Il moretto si consola in fretta e si controlla la «pancetta». 5. Il soldato gli chiede il nome ma il moretto non ne ha uno: il babbo lo chiamava con un fischio. Il soldato decide quindi di chiamarlo Pancetta Nera. 6. Il moretto portato all accampamento italiano è contento, mangia ed è allegro e si assume un compito. 7. Che sarà quello di andare a raccogliere banane, ne riempie un grosso sacco ma arriva una scimmietta. 8. Nell ottava vignetta la scimmia ruba il sacco di banane. 9. Pancetta Nera la raggiunge, la mette nel sacco e la porta con sé alla Legione. Il racconto si chiude con la promessa di future puntate

7 ANALISI DEL DOCUMENTO IL BAMBINO Il bambino, che viene identificato come moretto, è disegnato con le caratteristiche di una scimmia: grandi labbroni, un enorme pancia, appena coperto da un perizoma. Il testo ci informa che i suoi genitori sono scappati e lo hanno abbandonato. Il bambino non ha nome. Si occupa solo del mangiare. È animalesco e ridicolo. Nei disegni in cui compare anche la scimmia è difficile distinguerli. Raccoglie banane come la scimmia che è un suo competitore. Il nome che gli viene dato dal soldato è ridicolo e serve a mettere in rilievo la sua inferiorità.

8 IL SOLDATO Alto, magro, aitante Italiano bianco Gentile Civile: non abbandona il bambino, lo soccorre, gli dà un nome, gli fornisce cibo e riparo. È pacifico, chi ha distrutto il tugurio è un etiope come il bambino.

9 L AMBIENTE L ambiente è identificato attraverso alcuni particolari: le palme, i banani, la scimmia I soldati vivono in un accampamento, s intravvedono le tende.

10 SCOPI ESPLICITI Divertire, la filastrocca è facile quindi si fa leggere volentieri. Informare sul comportamento dei soldati italiani in Etiopia (sono compassionevoli, gentili, organizzati). Identificare i responsabili della guerra e delle distruzioni in Etiopia: gli stessi etiopi! Dare informazioni sul comportamento degli etiopi, sono molto simili a delle bestie: non si curano dei figli, non usano nomi propri e vestiti.

11 SCOPI NASCOSTI Rendere evidente che: Gli etiopi appartengono ad una razza inferiore. Gli italiani sono di una razza superiore. La guerra è utile agli etiopi perché li difende dalle tribù prepotenti, ad esempio gli scioani, e porta la civiltà. Il quaderno è usato dai ragazzi nelle scuole, quindi le informazioni esplicite ed implicite arrivano agli alunni e alle loro famiglie in tutta l Italia.

12 CIRCOLARE R. PROVVEDITORATO AGLI STUDI TORINO 30 APRILE XV

13 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO N 2 Si tratta di una circolare del R. Provveditorato agli studi di Torino inviata in data 30 aprile 1937 XV ai Direttori, presidi. Ispettori di tutte le scuole della provincia di Torino. All oggetto: Corrispondenza di alunni coi giovani indigeni dell A.O.I. Il testo della circolare riporta delle osservazioni del Ministro in merito all oggetto e si conclude con l ordine agli insegnanti, per il tramite dei direttori, affinché controllino detta corrispondenza.

14 ANALISI DEL DOCUMENTO Informazioni esplicite: I bambini italiani scrivono ai bambini dell A.O.I. e nelle loro lettere si rivolgono ai loro coetanei chiamandoli fratelli e sorelle. Questa cosa è stata riferita al Ministro. Il Ministro non è d accordo perché dice che i fratelli e le sorelle degli italiani sono solamente gli italiani. Il ministro ordina ai direttori di dire agli insegnanti di controllare quello che scrivono i bambini per consigliare i termini da usare Il direttore ha sottolineato in rosso le frasi: «usando l appellativo di fratello e sorella» e «sono solamente gli italiani» per dare importanza a quanto scritto. Il ministro usa parole gentili, ma poi ordina.

15 ANALISI DOCUMENTO Informazioni implicite: Vengono controllate le lettere quindi non c è libertà. I bambini dell A.O.I. non sono possono essere chiamati fratelli e sorelle perché non sono italiani, sono diversi, inferiori? Le lettere erano scritte a scuola o a casa ma la scuola doveva controllare, quindi non si poteva scrivere quello che si voleva ma quello che voleva il ministro. Il ministro dava ordine al provveditore che li passava ai direttori che li davano ai maestri che li davano ai loro alunni, era una catena di ordini a cui tutti dovevano obbedire. Questa circolare arrivava a tutte le scuole dell Italia, quindi l ordine arrivava a tutti i bambini, quindi a tutte le famiglie.

16 PAGELLA ANNO SCOLASTICO 1939/40. XVIII

17 DESCRIZIONE DOCUMENTO N 3 Fronte pagella Lo sfondo è una carta geografica che rappresenta il sud dell Europa e una parte dell Africa, sono colorate in blu: l Italia, l Albania, Rodi, la Libia e l Etiopia. Una grande M sembra unire la Libia all Etiopia. Sulla pagella compaiono delle scritte a grandezze diverse: A. A. XVIII, la scritta XVIII è in rosso alta cm. 2,7 B. P.N.F in rosso cm. 1,4 C. Gioventù Italiana del littorio in blu cm. 1,1 D. Ministero dell educazione nazionale in blu cm. 0,9 Retro pagella Lo sfondo è una carta geografica che rappresenta il sud dell Europa e una parte dell Africa, sono colorate in blu: l Italia, Rodi, la Tripolitania e la Cirenaica, l Eritrea e la Somalia Italiana. Sulla pagella compaiono le stesse scritte della pagina fronte, unica diversità la scritta A. I

18 ANALISI DEL DOCUMENTO Informazioni esplicite: Le due facciate della pagella evidenziano come durante i diciotto anni del fascismo il territorio italiano si sia ampliato a territori europei ed africani. La grande M che unisce i territori africani è l iniziale del nome di Mussolini il dittatore fascista. L altezza diversa delle scritte mette in evidenza alcune informazioni rispetto alle altre. L informazione che risulta meno importante è Ministero dell educazione nazionale. Questa pagella è molto diversa da quelle che usiamo adesso a scuola e sembra una pubblicità più che un documento scolastico.

19 ANALISI DEL DOCUMENTO Informazioni implicite Da quando c è il fascismo l Italia è diventata più importante. Il merito è di Mussolini. Le altezze diverse delle scritte ci dicono che la scuola era meno importante del partito fascista, della gioventù italiana del littorio. Voleva dare importanza al fascismo e a Mussolini. La pagella era per tutti i bambini delle scuole italiane, quindi questa pubblicità arrivava a tutte le famiglie.

20 CRONACA INSEGNANTE MARIA LETIZIA FRENCIA ANNO SCOLASTICO 1935/36 Estratto dalla cronaca dell insegnante Maria Letizia Frencia anno scolastico 1935/36, classe IB femminile Scuola Leone Fontana 18 febbraio 1936 Iscrizione nuova alunna. Ore 15,30 Adunanza di tutti gli insegnanti presieduta dalla Signora Direttrice. La signora Direttrice mise in grande risalto il valore della Vittoria riportata dall 11 al 15 febbraio dai nostri soldati e dalle Camicie Nere nell Endertà. Dai grandi avvenimenti nazionali trae vita e vigore tutta l opera educativa della scuola. Se il fanciullo riceve e vive attraverso ogni insegnamento l idea della Patria e della supremazia assoluta degl interessi nazionali su quelli individuali, egli sarà sostenitore di quell idea nella sua famiglia; vi porterà, ora con un compito, ora con un disegno, ora con una spiegazione, la luce e la fede che non potranno non imporsi ai familiari, anche se freddi o lontani da tale pura realtà. Un legame invisibile, ma sempre presente, deve raggruppare tutte le materie d insegnamento dal comporre alla geografia, alla storia, dalle scienze alla matematica, dal disegno alla bella scrittura. Mai tale filo deve spezzarsi né deve spegnersi la fiamma dell entusiasmo suscitato nei fanciulli da qualche avvenimento spiccatamente grande. Anche nelle ore di attesa per noi popolazione civile, ma d intenso lavoro di sistemazione logistica nelle terre faticosamente conquistate, mentre nessuna nuova vittoria si annuncia, devesi sostenere lo spirito degli alunni, e per essi quello delle famiglie, con lo stesso slancio e con la stessa ammirazione delle ore solenni. Fatta questa magnifica e calda prolusione la Signora Direttrice prosegue la sua conferenza che ha carattere prevalentemente didattico. Essa tratta: 1 Della compilazione del diario, temi, relazioni. 2 Correzione. 3 Aritmetica: lasciare i triti problemi vecchio stile a fare calcolare guadagni, profitti, perdite, ecc. sui dati reali che la vita della Nazione offre: soldati morti, feriti, munizioni, viveri, Km, percorsi, prezzi fissati dal C. I. P., dati dedotti da statistiche vive e attuali; ecco come l aritmetica trova posto a fianco, a integramento della geografia e della storia.

21 DESCRIZIONE DOCUMENTO N 4 Il documento è una trascrizione di una pagina della cronaca dell insegnante Maria Letizia Frencia. Con gli alunni abbiamo preso in esame la parte evidenziata in rosso, dove l insegnante fa un resoconto molto accurato di una riunione con la Direttrice avvenuta in data 18 febbraio All ordine del giorno l andamento della vita scolastica con consigli didattici. Il brano che abbiamo osservato riguarda l introduzione alla conferenza dove la Direttrice dà delle indicazioni di carattere generale, in particolare chiede agli insegnanti di rendere la vita della scuola collegata alla guerra in Etiopia in modo da raggiungere attraverso i bambini le famiglie. In un punto successivo la direttrice dà indicazioni didattiche sull insegnamento dell aritmetica.

22 ANALISI DEL DOCUMENTO La cronaca ci permette di capire con quanta attenzione veniva seguita nella scuola la guerra in Etiopia. La direttrice dice chiaramente ai maestri qual è il compito della scuola: mischiare quello che succede in quel momento, guerra d Etiopia, con le attività didattiche delle classi così i bambini potranno trasmettere quello che hanno imparato ai genitori creando un informazione univoca. Era importante fare pensare ai bambini che la colonizzazione e la guerra erano giuste. Tutto quello che si faceva a scuola doveva servire a fare un passa-parola a favore della guerra e del fascismo che così poteva raggiungere la maggior parte della popolazione italiana.

23 QUALCHE PROBLEMA

24

25 DESCRIZIONE DOCUMENTO N 5 I testi dei problemi sono tratti da libri di testo del periodo che ha interessato la nostra ricerca. Si occupano come richiesto dalla direttrice di temi riguardanti la guerra, le colonie, i morti i feriti. Alcuni sono particolarmente inquietanti, almeno per la nostra sensibilità.

26 ANALISI DEL DOCUMENTO I testi dei problemi ci fanno capire come la scuola era il luogo dove si voleva fare passare le idee del fascismo, in particolare: l idea della guerra quasi come un gioco che poteva divertire e interessare gli alunni; Ia guerra come qualcosa di cui non si può fare a meno che fa parte della vita quotidiana; la guerra riguarda i bambini, le bambine, è compito loro occuparsene; la guerra coloniale è giusta e inevitabile; i bambini interessano le famiglie nel loro lavoro e quindi tutti sono coinvolti dentro questi pensieri.

27 LIBRO DELLA TERZA ELEMENTARE 1936 XV

28 LA NECESSITÀ DI COLONIE ITALIANE

29

30 DESCRIZIONE DOCUMENTO N 6 Il testo è un capitolo della sezione di storia del libro di terza elementare. È l introduzione ad una serie di capitoli che raccontano la conquista delle colonie italiane in Africa e nel Mediterraneo. Viene spiegato cosa sono le colonie. Il testo spiega perché gli italiani ne avevano necessità e diritto. Viene raccontata brevemente la conquista dell Eritrea alla fine dell ottocento.

31 ANALISI DEL DOCUMENTO Nel testo viene detto esplicitamente che gli italiani, come tutti gli europei, hanno diritto alle colonie perché i popoli che abitano in Africa non sono in grado di gestire le loro ricchezze e se stessi. C è una continua sottolineatura della civiltà degli italiani e dell inciviltà degli eritrei. Questo avviene attraverso l uso delle parole. Raccontando la guerra gli italiani vengono descritti così: soldati, eroe, attendono a piè fermo, combattono senza indietreggiare d un passo, sono pochi, sacrificio, prode, magnifica tenacia, audaci, eroici, eroismo sfortunato. Gli eritrei così: bellicose tribù, orde, demoni urlanti, compiono un eccidio, guerrieri. Non vengono mai chiamati soldati.

32 SCHEDA ARCHIVISTICA UTILIZZATA Archivio storico Scuola Leone Fontana Tema della ricerca in archivio: Una colonia italiana in Africa: l Etiopia Scheda di analisi di un documento Collocazione:... Elementi identificativi del documento Titolo o Oggetto. Protocollo... Produttore (chi lo ha fatto) Destinatario Luogo e data [tipologia: circolare, manifesto, direttiva, lettera, pagella, libro ] Descrizione delle caratteristiche materiali Tipo: manoscritto [matita, penna], dattiloscritto, a stampa, stampa da computer, prestampato, registro. Supporto: Carta bollata, marca da bollo, timbri... Confezione: (fogli sciolti, fascicolo, registro ) N carte (e fogli). Contenuti del documento Elementi significativi per la ricerca ( quali informazioni sulle colonie italiane mi può dare questo documento?) Regesto ( breve riassunto dei contenuti del documento)

33 Annotazioni Caratteristiche della fonte Per esempio: Quali intenzionalità e finalità esplicite o implicite si possono ravvisare? Ha un legame con altri documenti sullo stesso argomento o con argomenti collegati? Lingua Note su: Lessico ( parole usate nel documento, sono simili a quelle che usiamo, sono comprensibili.) Stile (formale, discorsivo,.) Forma e modo della comunicazione Inferenze (cosa ci fa venire in mente?) Altre cose notevoli ( puoi indicare qualche particolare che ti ha colpito e che vuoi segnalare a chi dopo di te leggerà questo documento) (citazioni dal testo) commenti Compilatori / compilatrici.... Data.

34 SCHEDA AUTOVALUTAZIONE ATTIVITÀ Archivio Storico È finita l attività in archivio, ti propongo alcune domande a cui ti chiedo di rispondere con attenzione. Le tue risposte serviranno a me per fare funzionare meglio l archivio, a te per ripensare e riflettere alla tua esperienza come storico in archivio. Hai trovato l attività interessante? [SI] [NO] Perché?. Il lavoro che vi abbiamo proposto era facile, difficile, complesso, utile, Perché?. Qual è stata la cosa più interessante?.. Quella più noiosa? La più facile? La più difficile? Prova a spiegare perché Pensi che l archivio storico possa essere un luogo dove: imparare storia [SI] [NO] cercare informazioni [SI] [NO] imparare fare domande [SI] [NO] trovare delle risposte [SI] [NO] altro?. L archivio storico è. Cosa pensi di avere imparato durante questi incontri?. Cosa ti sarebbe piaciuto fare e non abbiamo fatto?.... Nome data.

35 CONCLUSIONI Con questo lavoro abbiamo capito che: La scuola elementare era molto importante durante quel periodo, attraverso i ragazzi venivano passate informazioni, immagini ed idee che erano utili al razzismo ed alla guerra; La guerra d Etiopia era una guerra razzista, gli italiani volevano conquistare quel territorio perché si ritenevano superiori agli etiopi e volevano sfruttarlo per arricchirsi; Gli italiani erano controllati e non c era libertà. In Italia c era una dittatura

36 COSA HO IMPARATO Raccolta delle risposte alla domanda: «Cosa ho imparato» del questionario di valutazione dell attività. Un modo di pensare come uno storico. Il modo di pensare di una volta, quando si pensava di essere superiori. Ho pensato a cose molto importanti a cui non avevo mai pensato. Ho imparato a capire, a pensare meglio, nuove parole, e in più a fare la storica. Che gli italiani pensavano di essere superiori agli africani. Tutto. Ho imparato che gli italiani credevano di essere superiori e che quindi gli etiopi dovevano essere colonizzati. Come fare lo storico. Gli italiani pensavano che fosse giusto fare la guerra perché pensavano di essere superiori. Che fare la guerra è una cosa sbagliata ma che gli italiani pensavano che era una cosa giusta. Che gli italiani pensavano di essere superiori agli etiopi e che la guerra fosse giusta. Ho capito come usavano i bambini per arrivare a far capire quanto era bella la guerra e come usavano la matematica. Ho imparato tante cose che non sapevo. Ho imparato che una maestra scriveva tanto e che gli uomini italiani raccontavano bugie. Ho imparato che la guerra è brutta. Ho imparato a cercare informazioni.

37 Ho imparato la mia storia, ciò che era l Italia prima. A non farmi «ipnotizzare», comandare, condividere idee sbagliate con gli altri. Ho imparato che non si deve colonizzare, invece allora gli italiani pensavano l incontrario. Ho imparato quello che dicevano ai ragazzi: che gli italiani erano più forti, coraggiosi e superiori ai neri. I bambini dovevano informare i loro genitori. Non avevo mai provato a fare la storica, ho imparato a capire le domande, trovare le risposte e a fare la storica! Ho imparato che un po di tempo fa si pensava che la guerra fosse bella e che per far pensare questo si raccontavano anche bugie. Ho imparato come erano i registri, le pagelle, i libri di testo di una volta e a cercare informazioni. Le ragazze e i ragazzi della VB Ho imparato come facevano a fare il lavaggio del cervello ai bambini. Ho imparato a viaggiare nel passato e come da dei documenti si possono ricavare molte informazioni. A capire le cose nascoste nei testi/documenti. Fare gli storici non è facile. Come si comportavano i bianchi con i neri. Ho imparato ad andare a fondo nei documenti anche se sono difficili. Ho impararto come gli italiani si credevano superiori e che, anni fa, non c era molta libertà.

38 Ho imparato cose nuove sul passato. Il lavoro era un po complesso. Ho imparato come si viveva un tempo. Ho imparato che gli italiani si sentivano superiori ai neri e che gli adulti italiani convincevano i bambini ad amare la guerra. Era difficile capire il lessico. Ho imparato molto sull argomento che abbiamo affrontato. È stato utile e complesso perché si doveva ragionare molto. Cosa succedeva quando c era la guerra in Etiopia. Ho trovato interessante cercare delle risposte. Ho imparato che è facile convincere la gente, in quel periodo gli italiani e altri stati si credevano superiori, questo succede ancora oggi. Ho imparato che il razzismo è una cosa stupida. Quando c era il fascismo erano tutti crudeli. Ho imparato a ragionare. Il lavoro ci ha aiutato a imparare e a capire la storia e le scelte di alcune persone, ho imparato molte cose interessanti sul fascismo. Ho imparato molte cose interessanti sulla guerra in Etiopia. A capire come cercare informazioni e imparare la storia. Le ragazze e i ragazzi della VA

39 NOTE ARCHIVISTICHE Copertina quaderno, Ente fornitore dell`immagine: INDIRE-Fondo Materiali Scolastici e Archivi storici. Sito web Circolare Provveditore, Archivio storico Scuola Fontana, armadio 2C, faldone Ferrante Aporti, Miscellanea. Pagella Damiano Teresa 1939/40, Computer Archivio Storico Scuola Fontana Cartella immagini Fondo Damiano, sottocartella Damiano Teresa. Cronaca insegnante Maria Letizia Frencia, Archivio Storico della Scuola Fontana, armadio n 387, cartella «Registri 1935/36» Problemi, i testi sono stati ricavati da «I Problemi del fascismo» a cura di Gianluca Gabrielli e Maria Guerrini Istituto Alcide Cervi, giugno Gli autori hanno ricavato i testi dei problemi da numerosi libri di testo in uso nelle scuole dal 1935 fino alla caduta del fascismo. Nell archivio della nostra scuola sono conservati alcuni dei libri da cui sono stati estratti i testi che proponiamo. Libro della terza elementare 1936 testo unico, cap. «La necessità di colonie italiane e la conquista dell Eritrea». Armadio libri, Archivio Storico Fontana.

40 AUTORI Hanno partecipato al laboratorio gli alunni: Davide, Youness, Brenda, Tommaso, Bianca, Veronica, Rocco, Zakaria, Giulia, Samuel, Daniele, Marcella, Samuele, Pavol, Ettore, Claudia, Enea, Elisa, Viola, Marco, Giorgia della classe VA. Matilde, Sofia, Oscar, Riccardo, Giulio, Elisa, Alice, Yossra, Nada, Giovanni, Roberta, Norberto, Lea, Lawrence, Karen, Marco, Alexandra, Yosef, Andrea, Marta, Gabriel, Eloise della classe VB. Hanno collaborato le insegnanti Maria Pia Grosso e Elena Regaldo. Margherita Marengo, responsabile dell Archivio Storico della scuola, ha organizzato e condotto l attività e realizzato questa presentazione. La nostra scuola fa parte della rete degli Archivi storici delle scuole; ha così potuto usufruire delle ricerche e delle competenze delle scuole della rete e della preziosa consulenza metodologica e storica del coordinatore Riccardo Marchis dell Istituto Storico della Resistenza.

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2004 2005 PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Codici. Scuola:... Classe:..

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2004 2005 PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Codici. Scuola:... Classe:.. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2004

Dettagli

I colori del mondo a Scuola

I colori del mondo a Scuola Progetto aree a rischio Polo Alto Polesine Gruppo Scuola Primaria I colori del mondo a Scuola Test d ingresso di lingua italiana come L2 livello A 2 Anno Scolastico 2007/2008 Premessa Il gruppo di lavoro

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTE

QUESTIONARIO STUDENTE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 QUESTIONARIO STUDENTE Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato

Dettagli

Costruisci il tuo mood grafico

Costruisci il tuo mood grafico Costruisci il tuo mood grafico Ciao! Magari hai un hobby creativo, oppure ti sei lanciata da poco in una nuova attività o semplicemente ti piace usare i social e vuoi crearti una tua immagine personale.

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

lettera raccomandata. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo.

lettera raccomandata. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo. Unità 12 Inviare una raccomandata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come inviare una raccomandata parole relative alle spedizioni postali e all invio di una

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori S C U O L A S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O Il mio Portfolio per l apprendimento dello spagnolo Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori Che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

Ins. Zanella Classe seconda. Problemi moltiplicativi

Ins. Zanella Classe seconda. Problemi moltiplicativi Ins. Zanella Classe seconda Problemi moltiplicativi FOGLI DI CARTA OGGI IN CLASSE SIAMO IN 23 ALUNNI. LA MAESTRA DA AD OGNI ALUNNO 3 FOGLI. DISEGNA QUESTA SITUAZIONE, IN MODO CHE SI CAPISCA QUANTI FOGLI

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Il problem solving in classe Scuola primaria. Primo incontro 4 dicembre 2015 Pietro Di Martino dimartin@dm.unipi.it

Il problem solving in classe Scuola primaria. Primo incontro 4 dicembre 2015 Pietro Di Martino dimartin@dm.unipi.it Il problem solving in classe Scuola primaria Primo incontro 4 dicembre 2015 Pietro Di Martino dimartin@dm.unipi.it PREMESSA I perché della scelta del percorso di quest anno Problem solving I giochi e le

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Scuola Primaria Pisani Dossi Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Autori: alunni 3^B Anno scolastico 2012-2013 Il 10 maggio abbiamo incominciato questa esperienza. Ci sono 4 materie: italiano,

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

informazioni che si può leggere bene, chiaro con caratteri di scrittura simile a quelli usati nella stampa, ma scritti a mano chi riceve una lettera

informazioni che si può leggere bene, chiaro con caratteri di scrittura simile a quelli usati nella stampa, ma scritti a mano chi riceve una lettera Unità 12 Inviare una raccomandata In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come inviare una raccomandata parole relative alle spedizioni postali e all invio di una raccomandata

Dettagli

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO Libretto di La Promessa

Dettagli

ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI...

ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI... ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI... 1 2 DENARO EURO ALTRE VALUTE CAMBIO CALCOLI BANCONOTE MONETE STORIA del denaro CONIO ALTRI

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo bambini

Livello CILS A1 Modulo bambini Livello CILS A1 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE ORIENTAMENTO PROGETTO

FUNZIONE STRUMENTALE ORIENTAMENTO PROGETTO Istituto Comprensivo Casale 1 Anna D Alençon Scuola Secondaria di 1 grado Andrea Trevigi Anno Scolastico 2014 / 2015 FUNZIONE STRUMENTALE ORIENTAMENTO PROGETTO FINALITA Nel corso degli ultimi anni il tema

Dettagli

Progetto m@t.abel DIARIO DI BORDO E ANALISI DIDATTICA. Silvia Porretti e Nicoletta Oreggia. I.T.C.G. Ruffini Imperia 11/03/08 06/05/2008

Progetto m@t.abel DIARIO DI BORDO E ANALISI DIDATTICA. Silvia Porretti e Nicoletta Oreggia. I.T.C.G. Ruffini Imperia 11/03/08 06/05/2008 Progetto m@t.abel DIARIO DI BORDO E ANALISI DIDATTICA Titolo attività Pivot è bello Docenti Silvia Porretti e Nicoletta Oreggia classe scuola II A IGEA I.T.C.G. Ruffini Imperia Data inizio esperienza Data

Dettagli

La democrazia moderna è nata in Grecia

La democrazia moderna è nata in Grecia 01 Democrazia significa potere del popolo La democrazia è un sistema politico (regole e istituzioni di uno stato) dove tutti i cittadini hanno gli stessi diritti. La democrazia ha queste caratteristiche:

Dettagli

Alla scuola dei nonni

Alla scuola dei nonni Alla scuola dei nonni L aula magna della nostra scuola ha ospitato in questi giorni la mostra SCUOLA DI IERI, SCUOLA DI OGGI allestita da insegnanti e alunni dell Istituto che aderiscono al progetto Comenius,

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

Riflessioni sul fare scienze a scuola

Riflessioni sul fare scienze a scuola I.C. Spinea1 Comune di Spinea (VE) Sguardi per conoscere il mondo Ricordando Daniela Furlan Riflessioni sul fare scienze a scuola 25-26 giugno 2014 Il valore delle cose Monica Bellin L economia a scuola

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

La misura. La misura di una grandezza varia al variare del campione scelto. Misurare una grandezza vuole dire stabilire quante volte la grandezza

La misura. La misura di una grandezza varia al variare del campione scelto. Misurare una grandezza vuole dire stabilire quante volte la grandezza 1 La misura Per misurare una grandezza si procede come segue: (1) Si sceglie una grandezza campione omogenea alla grandezza da misurare (2) Si vede quante volte la grandezza da misurare contiene la grandezza

Dettagli

Riflettere sulla lingua dalla scuola dell infanzia. Lilia Andrea Teruggi

Riflettere sulla lingua dalla scuola dell infanzia. Lilia Andrea Teruggi Riflettere sulla lingua dalla scuola dell infanzia Lilia Andrea Teruggi Grammatica, ma quale? Scuola di Port Royal nascita (1600) Ambiti diversi Linguistica: Grammatica Teorie della grammatica Livelli

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

(secondo le indicazioni di INValSI)

(secondo le indicazioni di INValSI) (secondo le indicazioni di INValSI) Prima della somministrazione COMPITI del Referente di Istituto per le prove INValSI Predisporre i materiali per la somministrazione Definire orario per il giorno stabilito

Dettagli

Esploriamo i social network insieme ai figli

Esploriamo i social network insieme ai figli Esploriamo i social network insieme ai figli Perché fare un viaggio sul pianeta anobii? Ci sono tre buone ragioni 1. Trasmetti la passione e la voglia di leggere ai bimbi! E l eredità più bella che puoi

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

UNA GRANDE EMOZIONE TANTE POESIE

UNA GRANDE EMOZIONE TANTE POESIE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A.COSTA Scuola dell infanzia G.B.Guarini Scuole primarie A.Costa G.B.Guarini A.Manzoni Scuola secondaria di 1 grado M.M.Boiardo Sezione Ospedaliera Sede: Via Previati, 31 44121

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CALUSCO D ADDA BGa.s.2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CALUSCO D ADDA BGa.s.2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO DI CALUSCO D ADDA BGa.s.2012-2013 LAVORO DELLA CLASSE 2^C coordinata dalla prof.ssa Sabrina Ambrogetti 1. Introduzione e programma di lavoro 2. Storia della statistica 3. Questionario

Dettagli

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il Noi abbiamo fatto un progetto con il computer che è durato tanto ma è stato bellissimo, perché abbiamo fatto i disegni di una favola. Abbiamo usato un nuovo programma e Luisanna ha creato un nuovo programma

Dettagli

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data...

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data... UNITÀ Vocabolario Scelte corrette.../0 Data... Completa il dialogo con le parole: dimmi, ci vediamo, ciao, pronto, ti ringrazio..., Pronto parlo con casa Marini? Sì Marco, sono Andrea che cosa vuoi?...,

Dettagli

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia.

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia. DISCUSSION STARTERS - Definisci a parole tue cosa è un avatar. - Quali sono le funzioni psicologiche dell avatar? - L avatar può essere sempre come tu lo vorresti? - Quanti tipi di avatar conosci? - In

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 PAOLO PAOLO Ieri ho avuto una bella sorpresa; ho ricevuto una lettera da Paolo.

Dettagli

Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali. Materiali di Orientamento Giugno 2014

Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali. Materiali di Orientamento Giugno 2014 Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali Materiali di Orientamento Giugno 2014 Il Network (rete personale) La mia RETE di conoscenze e relazioni con persone che possono interessarsi alla mia

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

GRUPPO FARFALLE SCUOLA INFANZIA E BAMBINI DELLA SCUOLA PRIMARIA DI CISTERNA D ASTI

GRUPPO FARFALLE SCUOLA INFANZIA E BAMBINI DELLA SCUOLA PRIMARIA DI CISTERNA D ASTI 23/02/2010 GRUPPO FARFALLE SCUOLA INFANZIA E BAMBINI DELLA SCUOLA PRIMARIA DI CISTERNA D ASTI Questa mattina sono venuti a trovarci i bambini della classe seconda, accompagnati dalla loro insegnante Giovanna,

Dettagli

ELENA, FEDERICO, GIANCARLO, GIORGIA, STEFANO

ELENA, FEDERICO, GIANCARLO, GIORGIA, STEFANO ELENA, FEDERICO, GIANCARLO, GIORGIA, STEFANO FRUTTO/ VERDURA POTENZIALE CORRENTE ELETTRICA (A) MELA 10 122 1220 ENERGIA= POTENZIALE X CORRENTE ELETTRICA PERA 10 126 1260 BANANA 10 65 650 KIWI 10 175 1750

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Il mago delle presentazioni: PowerPoint

Il mago delle presentazioni: PowerPoint Informatica 2 livello/2ªb 21-02-2006 10:46 Pagina 48 Il mago delle presentazioni: è un programma di Microsoft che ti permette di creare presentazioni multimediali per mostrare, a chi vuoi, un tuo lavoro,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino

In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino La nostra storia La nostra storia In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino a oggi. Imparerai a ricostruire

Dettagli

Indice. Imparare a imparare

Indice. Imparare a imparare Indice Imparare a imparare Perché fai una cosa? 8 Attività 1 Il termometro della motivazione 8 Attività 2 Quantità o qualità? 9 Attività 3 Tante motivazioni per una sola azione 10 Organizzare il tempo

Dettagli

Noi alunni di classe 1C ne abbiamo creato uno per ogni nostro insegnante e non solo! Sono poesie dal tono scherzoso, che non vanno prese troppo sul

Noi alunni di classe 1C ne abbiamo creato uno per ogni nostro insegnante e non solo! Sono poesie dal tono scherzoso, che non vanno prese troppo sul Noi alunni di classe 1C ne abbiamo creato uno per ogni nostro insegnante e non solo! Sono poesie dal tono scherzoso, che non vanno prese troppo sul serio! Vi auguriamo buona lettura! C'era un preside di

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Come scrivere una lettera di presentazione. micidiale! (Seconda edizione)

Come scrivere una lettera di presentazione. micidiale! (Seconda edizione) Come scrivere una lettera di presentazione micidiale! (Seconda edizione) INDICE Introduzione... 4 Le basi della lettera di vendita vincente... 6 Se vuoi fare business, devi sapere come vendere...6 Cosa

Dettagli

Curricolo di Inglese I.C. Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015

Curricolo di Inglese I.C. Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 Curricolo di Inglese Scuola secondaria di primo grado TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE CLASSE TERZA L alunno comprende oralmente

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

PALSO ESAMI DI LINGUA ITALIANA LIVELLO A2 MAGGIO 2006. Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI. Nome:... Cognome:...

PALSO ESAMI DI LINGUA ITALIANA LIVELLO A2 MAGGIO 2006. Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI. Nome:... Cognome:... Nome:... Cognome:... ESAMI DI LINGUA ITALIANA PALSO LIVELLO A2 Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI MAGGIO 2006 Scrivi il tuo nome e cognome (in questa pagina, in alto). Non aprire questo fascicolo

Dettagli

IL COLONIALISMO INDICAZIONI

IL COLONIALISMO INDICAZIONI IL COLONIALISMO DESTINATARI Il percorso proposto si rivolge ad alunni stranieri di almeno nove anni e può essere adattato anche per gli studenti dei corsi per adulti. PREREQUISITI Sapersi orientare con

Dettagli

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia. FRANCESE FINE CLASSE TERZA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi UN DISEGNO PER DIRE Terza tappa Il percorso Fiori per dire e raccontare prende avvio dal dono di un fiore che ogni bambino della

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

9 aprile 2012 - Progettare compiti significativi. Classe di riferimento: 3^ primaria ins. BRAIDOTTI. Competenze: Ricezione orale (ascolto)

9 aprile 2012 - Progettare compiti significativi. Classe di riferimento: 3^ primaria ins. BRAIDOTTI. Competenze: Ricezione orale (ascolto) 9 aprile 2012 - Progettare compiti significativi Classe di riferimento: 3^ primaria ins. BRAIDOTTI Competenze: Ricezione orale (ascolto) Aspetto/i di competenza (in questo caso il tipo di ascolto e i processi

Dettagli

Trasformiamo il cortile!

Trasformiamo il cortile! Trasformiamo il cortile! Laboratorio interdiscipinare per il miglioramento degli spazi esterni della Scuola Media Alessandro Antonelli di Torino Anno Scolastico 2014/2015 3. RIFLETTERE SULLE PROPRIE ESIGENZE

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

Questa non è una lezione

Questa non è una lezione Questa non è una lezione Sono appunti, idee su Internet tra rischi e opportunità. Che vuol dire non dobbiamo stare a guardare? È il Web 2.0... i cui attori siete voi Chi vi ha insegnato ad attraversare

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

TITOLO: Perché non basta saper contare? Il linguaggio matematico nella realtà

TITOLO: Perché non basta saper contare? Il linguaggio matematico nella realtà TITOLO: Perché non basta saper contare? Il linguaggio matematico nella realtà Liceo Classico- Linguistico ARISTOFANE Classe V Ginnasio Sez. F ( PNI) Classe V Ginnasio Sez. G Prof.ssa Oliva Bruziches olivabruz@tiscali.it

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

Nonni su Internet. VI edizione - a.s. 2007-2008. Progetto ideato e organizzato da Fondazione Mondo Digitale. Referenti:

Nonni su Internet. VI edizione - a.s. 2007-2008. Progetto ideato e organizzato da Fondazione Mondo Digitale. Referenti: VI edizione - a.s. 2007-2008 Progetto ideato e organizzato da Fondazione Mondo Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Per aderire al progetto contattare: dott.ssa Cecilia Stajano

Dettagli

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine, filastrocche narrazioni ed espressioni

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE ISTITUTO COMPRENSIVO DI RONCADE via Vivaldi 24-31056 Roncade (TV) PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE Traguardi di sviluppo delle competenze relative

Dettagli

2 VILLAGGIO 6 COLONIE

2 VILLAGGIO 6 COLONIE 3 5 4 2 VILLAGGIO 6 COLONIE 1 6C 2V 4P 5P 3P A 1B SCEGLI LA PAROLA GIUSTA E CANCELLA QUELLA ERRATA. LA RIVOLUZIONE AMERICANA Gli Inglesi si arricchiscono/ si impoveriscono con il lavoro dei coloni. I coloni

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 98

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 98 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 98 3.10 Creare in serie lettere ed etichette La Creazione guidata Stampa unione, presente nel menu Strumenti, consente di creare lettere tipo, etichette per indirizzi, buste...

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI INSEGNANTI DELLA SEZIONE 5 ANNI G. PASCOLI INSEGNANTI DELLE CLASSI 1ª E 5ª DELLA SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Prove d ingresso. Scuola primaria classi 1 a, 2 a e 3 a. Indicazioni per l insegnante. Ascoltare

Prove d ingresso. Scuola primaria classi 1 a, 2 a e 3 a. Indicazioni per l insegnante. Ascoltare 0 Giunti Scuola S.r.l., Firenze CLASSI A - A - A Prove d ingresso Scuola primaria classi a, a e a Ascoltare 6 Prova n. Consegne da dare Prova n. scheda p. 9 Frasi da leggere Indicazioni per l insegnante

Dettagli

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Oscar Davila Toro MATRIMONIO E BAMBINI PER LA COPPIA OMOSESSUALE www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato

Dettagli

Il mio laboratorio di storia 399. Anno maschi % femmine % Anno maschi % femmine %

Il mio laboratorio di storia 399. Anno maschi % femmine % Anno maschi % femmine % Il mio laboratorio di storia 399 LA SCUOLA ITALIANA DURANTE IL FASCISMO 1 La dura lotta all analfabetismo Alla fine della prima Guerra Mondiale, alla vigilia dell insediamento del fascismo, l Italia aveva

Dettagli

Religione cattolica per la scuola primaria Laboratorio

Religione cattolica per la scuola primaria Laboratorio PAOLA AMIGHETTI Paola Amighetti e primo biennio Religione cattolica per la scuola primaria Laboratorio IL GERMOGLIO LABORATORIO CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO Paola Amighetti e primo biennio Religione cattolica

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE Rete Scuola on the road ANNO SCOLASTICO 2014-2015

SCHEDA DI PROGETTAZIONE Rete Scuola on the road ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SCHEDA DI PROGETTAZIONE Rete Scuola on the road ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I^ PARTE UDA TITOLO (per alunni) TITOLO (per docenti) PERSONE E AMBITI COINVOLTI MOTIVAZIONE L acqua si trasforma? Gli Stati della

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli