La posta elettronica aziendale: tra segretezza della corrispondenza e diritto d'accesso del datore di lavoro

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La posta elettronica aziendale: tra segretezza della corrispondenza e diritto d'accesso del datore di lavoro"

Transcript

1 La posta elettronica aziendale: tra segretezza della corrispondenza e diritto d'accesso del datore di lavoro di Giovanni Cucchiarato (*) ed Alessandro Rossini (**) SOMMARIO: 1. Introduzione: commento ad una sentenza della Corte d Appello della California. 2. L evoluzione giuridica del concetto di posta elettronica aziendale. 3. Il carattere personalistico dell aziendale. 4. Profili problematici. 5. Conclusioni. 1. Introduzione: commento ad una sentenza della Corte d Appello della California Il presente contributo prende spunto da una recente sentenza statunitense in materia di diritto di accesso del datore di lavoro alle comunicazioni inviate da un computer aziendale - e tramite un account aziendale - tra un dipendente ed il suo avvocato (sentenza Holmes v. Petrovich Development Company, LLC, et. al. del 13 gennaio 2011, Court of Appeal of the State of California, Third Appellate District, Sacramento 1 ). Con tale provvedimento, che ad onor del vero ha ricevuto scarsa attenzione da parte dei commentatori e dei mezzi di informazione italiani, i giudici statunitensi hanno sancito il carattere non confidenziale delle comunicazioni scambiate tra un lavoratore (*) Avvocato in Milano, specializzato in Diritto societario; Istituto Italiano per la Privacy. (**) Praticante legale in Milano, specializzato in Informatica giuridica e Compliance aziendale; Istituto Italiano per la Privacy. 1 Il provvedimento è reperibile in formato PDF ed in versione integrale in lingua inglese presso il sito internet delle Corti d Appello della California, all indirizzo: Ai fini del presente contributo sono rilevanti, in particolare, le pagg. 24 e ss. della pronuncia.

2 2 Giovanni Cucchiarato ed Alessandro Rossini dipendente ed il proprio avvocato utilizzando un computer ed un indirizzo di posta elettronica aziendali. Il caso riguardava una ex dipendente della società Petrovich Development Company, LLC, che aveva citato in giudizio tale società ed il titolare della stessa (del quale aveva ricoperto il ruolo di assistente) per molestie sessuali, ritorsioni, licenziamento illegittimo, violazione del diritto alla privacy e provocazione intenzionale di stress emotivo. In particolare, per quanto qui ci interessa, l attrice lamentava che nel corso del processo di primo grado (svoltosi avanti al Tribunale Superiore di Sacramento e conclusosi con esito a lei sfavorevole), i suoi ex datori di lavoro avevano prodotto quale prova in giudizio a suo carico uno scambio di - di carattere riservato e privilegiato - tra la stessa lavoratrice ed il suo avvocato. Nello specifico, con tale corrispondenza elettronica, che era stata inviata dal computer aziendale dell appellante ed effettuata tramite l utilizzo del suo account di posta elettronica aziendale, veniva prospettata da parte della stessa lavoratrice la possibilità di intentare una causa contro il proprio datore di lavoro. La Corte d Appello californiana ha considerato legittimo l utilizzo di tale scambio di quale prova a carico dell ex dipendente, ritenendo che non dovesse trovare applicazione la normativa statunitense che vieta la produzione in giudizio delle comunicazioni - per loro stessa natura riservate - tra cliente ed avvocato. E ciò in base all assunto che il datore di lavoro, nel caso di specie, avesse il diritto di accedere all account di posta elettronica aziendale della lavoratrice in quanto essa stessa: (1) era stata informata in merito alla policy aziendale, ai sensi della quale i computer della società dovevano essere utilizzati esclusivamente per scopi legati al business dell azienda ed era quindi vietato per i dipendenti il loro utilizzo al fine di inviare o ricevere a carattere personale; (2) era stata avvisata che la società avrebbe potuto monitorare i computer aziendali ai fini dell osservanza della propria policy e che quindi avrebbe potuto controllare in qualsiasi momento tutti i files ed i messaggi in essi contenuti; (3) era stata inoltre ammonita esplicitamente in merito al fatto che ai dipendenti che utilizzano computer aziendali per creare o mantenere informazioni o messaggi a carattere personale non veniva

3 La posta elettronica aziendale 3 riconosciuto il diritto alla privacy in riferimento a tali informazioni o messaggi 2. La Corte californiana si è spinta poi fino ad equiparare le inviate dalla lavoratrice al proprio legale per mezzo di un computer aziendale ad una consultazione avvenuta in una sala riunioni, ad alta voce e con la porta della stanza aperta, di modo che qualsiasi persona ragionevole potesse aspettarsi che le lamentele della lavoratrice in merito al suo datore di lavoro sarebbero state udite da quest ultimo 3. Alla luce di un tale ragionamento, la Corte concludeva quindi per l assenza, nel caso di specie, del carattere privilegiato e confidenziale della comunicazione tra cliente ed avvocato ai sensi della normativa statunitense in materia (ossia dell art. 952 del Evidence Code, Codice in materia di Prove). I passi richiamati della sentenza sopra citata, pur avendo portata più generale rispetto all oggetto del presente contributo (dal momento che si riferiscono a tutte le comunicazioni che avvengono per mezzo di un computer aziendale - abbiano esse luogo tramite un account di posta elettronica privato o aziendale) e pur riguardando un 2 Cfr. il testo originale della sentenza, a pag. 2 della stessa, nel quale la Corte d Appello californiana ha statuito: Among other things, we conclude that s sent by Holmes to her attorney regarding possible legal action against defendants did not constitute confidential communication between client and lawyer within the meaning of Evidence Code section 952. This is so because Holmes used a computer of defendant company to send the s even though (1) she had been told of the company s policy that its computers were to be used only for company business and that employees were prohibited from using them to send or receive personal , (2) she had been warned that the company would monitor its computers for compliance with this company policy and thus might inspect all files and messages at any time, and (3) she had been explicitly advised that employees using company computers to create or maintain personal information or messages have no right of privacy with respect to that information or message. 3 Cfr. il testo originale della sentenza, a pag. 3: the s sent via company computer under the circumstances of this case were akin to consulting her lawyer in her employer s conference room, in a loud voice, with the door open, so that any reasonable person would expect that their discussion of her complaints about her employer would be overheard by him, nonché a pag. 30 della stessa sentenza.

4 4 Giovanni Cucchiarato ed Alessandro Rossini caso sottoposto all attenzione di un tribunale straniero 4, possono sicuramente rappresentare l occasione per accendere (o riaccendere) il dibattito su alcune problematiche rimaste per lo più irrisolte nell ambito della Dottrina e della Giurisprudenza italiane. Nel presente contributo esamineremo in particolare la delicata e complessa problematica relativa all utilizzo degli indirizzi di posta elettronica aziendale ed il connesso difficile contemperamento tra il diritto del datore di lavoro di avere accesso alla posta elettronica aziendale di un proprio dipendente (in particolare nei casi di improrogabili necessità aziendali ) e l esigenza, profondamente sentita soprattutto in tempi recenti, di tutelare la legittima aspettativa di riservatezza sulla corrispondenza inviata tramite aziendale dal lavoratore dipendente. Ci soffermeremo poi su uno dei principali motivi che giustificano ed accentuano sempre più una tale aspettativa di riservatezza del lavoratore, ossia il fatto che l indirizzo aziendale è oggi, nella stragrande maggioranza dei casi, nominativo, dal momento che contiene il nome proprio del dipendente che lo utilizza, acquisendo così esso una forte connotazione personalistica. Al fine di meglio comprendere le problematiche sottese al presente contributo è ora opportuno fare un breve excursus sull evoluzione, dal punto di vista giuridico, del concetto di aziendale nella realtà legislativa, dottrinale e giurisprudenziale italiana. 4 Nella legislazione e nella giurisprudenza di merito italiane, nonché nelle pronunce e nei provvedimenti del Garante per la protezione dei dati personali, in casi come quello affrontato dalla sentenza della Corte californiana qui citata, la tutela del diritto alla privacy del lavoratore si interseca e si contempera molte volte con la normativa giuslavoristica, ed in particolare con il divieto di utilizzazione per il datore di lavoro di mezzi di controllo a distanza del lavoratore, sancito dall art. 4 della legge n. 300 del 1970 (cd. Statuto dei Lavoratori ). A tale proposito cfr., in materia di legittimità del controllo informatico del lavoratore in relazione alla navigazione su internet ed all invio di effettuati con strumenti aziendali ma per scopi personali, una recente sentenza della Cassazione Civile, sez. Lavoro, n del 23 febbraio 2010, in Giustizia Civile 2011, 4, Per un approfondita analisi sul tema cfr. il saggio di P. TULLINI, Comunicazione elettronica, potere di controllo e tutela del lavoratore, in Rivista Italiana del Diritto del lavoro, 2009, 3, 323.

5 La posta elettronica aziendale 5 2. L evoluzione giuridica del concetto di posta elettronica aziendale I messaggi di posta elettronica rientrano oramai pacificamente nel più ampio concetto di corrispondenza. Tuttavia, il percorso che ci consente oggi di poter giungere agevolmente a tale conclusione non è stato immediato. La Dottrina prima, il Legislatore e la Giurisprudenza poi, hanno saputo analizzare il fenomeno dell utilizzo e della proliferazione dei documenti digitali adattando a tale nuova tipologia di documenti i precedenti modelli normativi. La differente natura ontologica del documento informatico ha, infatti, creato non poche incertezze interpretative, incertezze superate dapprima dal Legislatore penale che, con la legge n. 547 del 23 dicembre 1993, ha introdotto nel nostro sistema normativo il concetto di documento informatico, un documento immateriale e, al contempo, estremamente reale 5. La medesima legge n. 547/1993, modificando l art. 616 del Codice Penale in materia di violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza, ha equiparato la corrispondenza telematica a quella epistolare, prevedendo all ultimo comma di tale norma che agli effetti delle disposizioni di questa sezione, per "corrispondenza" si intende quella epistolare, telegrafica, telefonica, informatica o telematica ovvero effettuata con ogni altra forma di comunicazione a distanza. 5 Cfr., in tema di falso informatico, M. PETRONE, Le recenti modifiche del codice penale in tema di documento informatico: problemi e prospettive, in Il diritto dell informazione e dell informatica, 1995, 259 ss.: Quando pensiamo al documento, perciò, dobbiamo pensare necessariamente a qualcosa di materiale e, ovviamente, tutelando questo supporto materiale, noi tuteliamo tutto ciò che in esso è rappresentato. Ed allora, non si poteva sfuggire all'alternativa, o di continuare a parlare di qualcosa di materiale, oppure di modificare addirittura le forme della condotta di falso. Non si sarebbe potuto parlare più, per il falso informatico, di falsità materiale, di falsità ideologica, di falso per soppressione, ma, per esempio, accettando la tesi del documento informatico come dato informatico - ossia come contenuto di pensiero, privo di materialità - di cancellazione del dato, di sostituzione del dato, di immissione di un dato falso, ecc..

6 6 Giovanni Cucchiarato ed Alessandro Rossini Da allora tale equiparazione tra la corrispondenza epistolare classica e quella informatica è stata interiorizzata dal sistema giuridico italiano. Con riferimento, poi, alla materia oggetto del presente contributo, è importante individuare fin d ora i punti nodali che ancora oggi non appaiono pacificamente risolti dal Legislatore e che - anche prendendo spunto dagli assunti posti a fondamento della pronuncia giurisprudenziale della Corte statunitense citata in introduzione - suscitano (o quantomeno dovrebbero suscitare) dibattiti non solo tra gli esperti del settore, ma altresì tra tutti quei lavoratori che quotidianamente utilizzano la posta elettronica aziendale anche per finalità non strettamente lavorative. L art. 15 della nostra Costituzione Repubblicana sancisce espressamente il principio di inviolabilità e segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione. Ai sensi di tale norma costituzionale, la limitazione di un tale diritto di inviolabilità e segretezza può avvenire solo in seguito ad un atto motivato dell autorità giudiziaria e con le garanzie stabilite dalla legge. Tale diritto fondamentale è rafforzato poi dalla previsione del già citato art. 616 del Codice Penale, che punisce con la reclusione fino a un anno o con la multa da Euro 30 ad Euro sempre che il fatto non sia previsto come reato da un altra disposizione di legge - chiunque prenda cognizione del contenuto di una corrispondenza chiusa a lui non diretta, ovvero sottragga o distrugga, al fine di prendere o di farne da altri prendere cognizione, una corrispondenza chiusa o aperta a lui non diretta, ovvero la distrugga o sopprima in tutto o in parte. Tuttavia, la problematica legata al principio dell inviolabilità e segretezza della corrispondenza e le relative questioni interpretative appaiono più sfumate quando si tratta di indirizzi di posta elettronica cosiddetti aziendali. Per posta elettronica aziendale si deve intendere il servizio di account pagato dal datore di lavoro che, nella maggior parte dei casi, è costituito dal nome della società dello stesso datore di lavoro posto di seguito al simbolo della cosiddetta Sulla natura dell indirizzo aziendale sono state avanzate, con alterne fortune, diverse e contrastanti teorie in seno alla Dottrina.

7 La posta elettronica aziendale 7 Appare tuttavia oggi dominante, anche a seguito delle diverse pronunce giurisprudenziali succedutesi in materia 6, la teoria che riconosce alla posta elettronica aziendale natura di strumento di lavoro. Sebbene la Giurisprudenza maggioritaria non riconoscesse - e tutt ora non riconosca - penalmente perseguibile ex art. 616 c.p. il datore di lavoro che acceda alla posta elettronica del proprio lavoratore dipendente, forti critiche venivano e vengono a tutt oggi avanzate da parte di coloro che vedono in tali condotte una lesione della privacy del lavoratore e chiedono a più voci un intervento teso a riconoscerne il diritto a mantenere segreta la corrispondenza elettronica scambiata mediante aziendale. Con delibera n. 13 dell 1 marzo , pubblicata sulla G.U. n. 58 del 10 marzo 2007, il Garante per la protezione dei dati personali si è espresso in merito a tale materia, emanando delle fondamentali linee 6 Ex pluribus, cfr.: Ordinanza di archiviazione del G.I.P. presso il Trib. di Milano del 10 maggio 2002, in Massimario della Giurisprudenza del Lavoro, 2002, II, 747: Le caselle di posta elettronica recanti quali estensioni nell'indirizzo seppur contraddistinte da diversi "username" di identificazione e password di accesso, sono da ritenersi equiparate ai normali strumenti di lavoro della società e quindi soltanto in uso ai singoli dipendenti per lo svolgimento dell'attività aziendale agli stessi demandata; considerando quindi che la titolarità di detti spazi di posta elettronica debba ritenersi riconducibile esclusivamente alla società [ ] ; Tribunale di Chivasso, sentenza del 20 giugno 2006, in Foro Italiano, 2007, 2, 132: Posto che l aziendale appartiene al datore di lavoro, non sussiste il reato di violazione di corrispondenza qualora il superiore gerarchico acceda alla posta elettronica professionale del dipendente, nonché: L aziendale appartiene al datore di lavoro. In relazione al reato di cui all'art. 616 c.p. il fatto non sussiste qualora, anche in presenza di adeguata policy aziendale, il datore di lavoro acceda alla casella personalizzata del dipendente, sentenza confermata dalla Cassazione Penale n del 19 dicembre 2007, in Guida al Lavoro - Il Sole 24 Ore, 4, 26; Tribunale di Torino, sentenza del 15 ottobre 2006, in Diritto dell Internet, 2007, 3, 275: Non è configurabile il reato di violazione di corrispondenza allorquando il datore di lavoro consulti i messaggi di posta elettronica recapitati sull indirizzo aziendale registrato a nome del dipendente, in quanto il datore di lavoro pone in essere solo un uso di beni aziendali affidati ai dipendenti esclusivamente per ragioni di servizio. 7 Delibera reperibile presso il sito del Garante per la protezione dei dati personali, all indirizzo internet:

8 8 Giovanni Cucchiarato ed Alessandro Rossini guida che hanno permesso di fissare degli standard minimi al fine poter garantire, da un lato, il rispetto della privacy del lavoratore e, dall altro lato, un adeguata informativa rivolta ai dipendenti in merito alla natura della posta elettronica aziendale quale strumento di lavoro. Con tale provvedimento del Garante vennero quindi fissati alcuni obblighi in capo alle aziende, che appare opportuno richiamare, seppur sommariamente, in questa sede. Il datore di lavoro deve innanzi tutto informare con chiarezza ed in modo dettagliato i dipendenti in merito alle modalità di utilizzo di internet e della posta elettronica aziendale, nonché alla possibilità che vengano effettuati controlli: (i) fornendo preventivamente ai dipendenti una chiara e particolareggiata informativa, ai sensi dell art. 13 del D. Lgs. n. 196/2003 (Codice della Privacy), relativa ai trattamenti di dati che possano riguardarli e (ii) adottando un disciplinare / codice interno in cui siano chiaramente indicate le modalità di utilizzo degli strumenti messi a disposizione del dipendente, nonché la possibilità di controlli da parte dell azienda sull utilizzo di tali strumenti. In aggiunta, il datore di lavoro deve implementare misure di sicurezza tali da: (iii) assicurare la disponibilità e l integrità dei sistemi informativi e dei dati e (iv) poter prevenire utilizzi indebiti che possano essere fonte di responsabilità. Inoltre, al fine di dare ulteriori indicazioni pratiche alle aziende, il Garante ha individuato delle misure organizzative e tecnologiche da adottare al fine di garantire il rispetto della privacy del lavoratore, quali l utilizzo di indirizzi di posta elettronica condivisi tra più lavoratori (in modo da rendere palese la natura non privata della corrispondenza), ovvero l inserimento nei messaggi di posta elettronica di un avvertimento ai destinatari nel quale venga dichiarata la natura non personale del messaggio e venga altresì specificato se le risposte potranno essere conosciute all interno dell organizzazione di appartenenza del mittente. Le altre misure organizzative e tecnologiche indicate dal Garante sono: l individuazione preventiva (anche per tipologie) dei lavoratori ai quali è accordato l utilizzo della posta elettronica e l accesso ad internet;

9 La posta elettronica aziendale 9 l individuazione di quale ubicazione debba essere riservata alle postazioni di lavoro, al fine di ridurre il rischio di impieghi abusivi; il trattamento dei dati in forma anonima o tale da precludere l immediata identificazione degli utenti, mediante loro opportune aggregazioni; la conservazione dei dati per il tempo strettamente limitato al perseguimento di finalità organizzative, produttive e di sicurezza. A tal fine i sistemi software aziendali devono essere programmati e configurati in modo da cancellare periodicamente ed automaticamente i dati personali relativi agli accessi ad internet ed al traffico telematico dei dipendenti, la cui conservazione non sia necessaria e/o giustificata da una finalità specifica e comprovata e limitata al tempo necessario - e predeterminato - a raggiungerla. Un eventuale prolungamento dei tempi di conservazione deve essere valutato come eccezionale e può avere luogo solo in relazione ad esigenze tecniche o di sicurezza del tutto particolari oppure all'indispensabilità del dato rispetto all esercizio o alla difesa di un diritto in sede giudiziale o, ancora, all obbligo di custodire o consegnare i dati per ottemperare ad una specifica richiesta dell autorità giudiziaria o della polizia giudiziaria; l attribuzione al dipendente di un indirizzo destinato ad uso personale (oltre a quello di lavoro); la previsione, in caso di assenza del dipendente, di un messaggio di risposta automatica con le coordinate di altri dipendenti a cui è possibile rivolgersi; in caso di assenza prolungata o non prevista del dipendente - e per improrogabili necessità legate all attività lavorativa - la previsione della possibilità per il dipendente di delegare ad un altro dipendente (fiduciario) la verifica del contenuto dei messaggi a lui destinati e l inoltro al titolare di quelli ritenuti rilevanti per l ufficio. 3. Il carattere personalistico dell aziendale Oggigiorno l utilizzo della posta elettronica appare imprescindibile per quasi tutte le attività lavorative, tanto da assurgere, come si è

10 10 Giovanni Cucchiarato ed Alessandro Rossini detto, a vero e proprio strumento di lavoro, uno strumento che il datore di lavoro tendenzialmente mette a disposizione del proprio dipendente o collaboratore a fini esclusivamente aziendali e che, pertanto, viene fornito al lavoratore unicamente per lo svolgimento delle mansioni cui esso è preposto. Tuttavia, la posta elettronica aziendale presenta un insuperabile natura ambivalente in quanto, da un lato, rimane uno strumento solo ad appannaggio del datore di lavoro, che la crea e ne rimane l unico proprietario e, dall altro lato, viene però utilizzata de facto da una persona fisica dipendente dell'azienda, un soggetto quindi diverso dal proprietario/datore di lavoro, che sovente la utilizza anche a titolo personale. Proprio tale dualità ed ambivalenza è alla base degli interrogativi che portano a chiedersi se questo carattere personalistico dell indirizzo possa considerarsi un concetto così slegato ed autonomo rispetto a quello di privatezza/riservatezza. Lo strumento dell aziendale è oggi sempre più spesso composto dal nome proprio della persona/lavoratore dipendente che in concreto utilizzerà la casella di posta elettronica, seguito dal nome della società, nella classica formula, cui oramai siamo abituati, Tale scelta risponde in primo luogo ad esigenze gestionali e di marketing delle aziende, le quali sono oramai consapevoli di come, nella corrispondenza con i clienti ed i fornitori, sia preferibile abbinare al nome della società il nome proprio di una persona fisica, che diventi un riferimento concreto ed ingeneri così un senso di maggiore attenzione nei confronti del cliente o fornitore. Tale esigenza di personalizzazione non sarebbe infatti adeguatamente raggiunta utilizzando esclusivamente indirizzi di posta elettronica generalisti, quali ad esempio o 8. 8 Cfr. sul punto M. Artusi, Internet marketing experience, I.M.E. Editore, 2008, 87 ss.: L marketing è una forma di direct marketing che utilizza la posta elettronica come canale di comunicazione con il cliente attuale e potenziale. I principali obiettivi dell marketing sono: - acquisire nuovi clienti; - fidelizzare la clientela esistente; - rafforzare l immagine aziendale.

11 La posta elettronica aziendale 11 Sebbene non si possa dubitare del carattere intrinsecamente personale dell indirizzo di posta elettronica aziendale 9, soprattutto in ragione del summenzionato carattere nominativo di questa tipologia di , la Giurisprudenza e la Dottrina dominante hanno tuttavia scisso da tale intrinseca caratteristica il concetto di riservatezza, il quale concetto, ad opinione di chi scrive, parrebbe invero anch esso potersi ritenere connaturato negli indirizzi di posta elettronica aziendale nominativi. Come si può facilmente desumere dalle pronunce richiamate in nota al paragrafo precedente, la Giurisprudenza prevalente ritiene infatti che non sia possibile configurare alcun diritto di esclusiva in capo al lavoratore dipendente sulla casella di posta elettronica aziendale, neanche nel caso essa assuma il carattere nominativo sopra evidenziato, essendo la titolarità di tale spazio di comunicazione da ricondursi unicamente alla società datrice di lavoro. 4. Profili problematici Ad opinione di chi scrive la problematica connessa alla tutela della privacy del lavoratore dipendente non può comunque considerarsi esaurita aderendo ciecamente all impostazione della Giurisprudenza descritta nei due paragrafi precedenti. La liquidità della materia ed il suo continuo evolversi permettono (ed impongono) di individuare nuovi scenari e valutare ulteriori profili di complessità della tematica qui affrontata, capaci di dare nuovi ed interessanti spunti di riflessione. Il provvedimento del 22 aprile 2010 del Garante per la protezione dei dati personali 10 può e deve essere letto in quest ottica. Affrontando la materia del diritto alla privacy dell ex dipendente di un azienda, il Garante ha infatti ricordato che anche l indirizzo di una persona fisica è da considerarsi un dato personale. Difatti, gli indirizzi e pur rappresentando un 9 Cfr. Ordinanza di archiviazione del G.I.P. presso il Trib. di Milano del 10 maggio 2002 cit. 10 Tale provvedimento è reperibile presso il sito del Garante, all indirizzo internet

12 12 Giovanni Cucchiarato ed Alessandro Rossini mezzo utilizzato dall impresa per raccogliere gli ordini della clientela, contengono il nome e cognome delle signore XY e YZ e sono ad esse comunque riferibili da oltre un decennio. E ancora: L indirizzo attribuito al singolo lavoratore per lo svolgimento delle sue mansioni determina quindi una legittima aspettativa di riservatezza sulla corrispondenza, ma non garantisce la confidenzialità dei messaggi inviati e ricevuti tramite lo stesso, poiché l account ad esso riferibile può essere eccezionalmente nella disponibilità di accesso da parte del datore di lavoro qualora ciò si renda necessario per improrogabili esigenze aziendali. Ad avviso di chi scrive la legittima aspettativa a cui si riferisce il Garante nel provvedimento sopra citato non va intesa limitatamente all aspettativa di riservatezza dello stesso lavoratore dipendente, ma può e deve essere letta anche con riferimento a quei soggetti terzi, i quali possono ragionevolmente ritenere che il destinatario dei messaggi da loro inviati ad un indirizzo nominativo, ancorché aziendale, sia solo ed esclusivamente quella determinata persona che utilizza quello specifico indirizzo di posta elettronica aziendale. A tale proposito si pensi, ad esempio, a quelle società che decidono di utilizzare nomi a dominio differenti, a volte anche profondamente, rispetto alla ragione sociale o ai marchi della società stessa. In tali casi il datore di lavoro dà al dipendente uno strumento lavorativo di proprietà della società che, tuttavia, non è palesemente riferibile all impresa. In che modo potranno i terzi essere consapevoli che la corrispondenza inviata a questi indirizzi potrebbe essere letta - sia pure nei soli casi di improrogabili esigenze aziendali - da persone diverse rispetto a quelle indicate nominativamente nell indirizzo di posta elettronica? Anche in merito alla tutela del terzo ignaro del carattere aziendale - e quindi controllabile - dell indirizzo nominativo, riteniamo che vada posto l accento sull importanza di una adeguata informativa nei confronti dei terzi. Così come previsto dal Garante per la protezione dei dati personali con le famose linee guida del 2007 in tema di tutela della privacy del lavoratore dipendente, anche i terzi destinatari e mittenti di messaggi di posta elettronica ricevuti da, o inviati a, indirizzi aziendali, infatti, debbono essere adeguatamente informati in merito al carattere non

13 La posta elettronica aziendale 13 privato e non personale di tali indirizzi . Ciò potrebbe avvenire, ad esempio, tramite l inserimento di un avviso rivolto ai terzi destinatari di messaggi di posta elettronica aziendale, nel quale venga chiaramente rivelata la natura non personale del messaggio, con l avvertimento che le informazioni contenute in eventuali messaggi di risposta potranno essere conosciute da altri soggetti diversi dalla persona a cui è riferibile nominativamente l indirizzo di posta elettronica in questione. 5. Conclusioni Come si ha avuto modo di illustrare in queste brevi note, la materia oggetto del presente contributo continua ad essere fluida ed a portare con sé non poche problematiche di carattere pratico, alle quali non è sempre facile trovare una soluzione che riesca a contemperare appieno i vari interessi in gioco. L interesse, in primo luogo, delle decine di milioni di lavoratori dipendenti che oggigiorno in Italia utilizzano, anche per scopi privati, un indirizzo di posta elettronica aziendale nominativo. L interesse, in secondo luogo, dei datori di lavoro, i quali altrettanto legittimamente hanno la necessità accedere, per la tutela della loro impresa ed in caso di improrogabili esigenze aziendali, alle informazioni contenute negli account di posta elettronica da loro stessi messi a disposizione - come qualsiasi altro strumento di lavoro - dei propri dipendenti. Nonché l interesse, infine, di quei soggetti terzi che, per le più disparate ragioni, vengono a contatto con un indirizzo di posta elettronica aziendale senza riuscire molte volte a rendersi conto del carattere non privato e non personale di tale indirizzo . Pur essendo pienamente consapevoli delle difficoltà a cui si va incontro nel cercare di trovare una soluzione di compromesso che riesca effettivamente a contemperare ed a tutelare tali interessi tra loro contrastanti, non vi è dubbio che argomentazioni quali quelle usate dalla Corte d Appello della California nella sentenza citata nell introduzione del presente contributo siano alquanto rischiose. Negare il carattere di confidenzialità e riservatezza delle comunicazioni tra cliente ed avvocato per il solo fatto di essere state scambiate tramite un computer o un indirizzo aziendali, e

14 14 Giovanni Cucchiarato ed Alessandro Rossini spingersi fino ad equiparare la corrispondenza scambiata con il proprio avvocato tramite un indirizzo di posta elettronica aziendale ad una conversazione avvenuta con lo stesso legale in una sala riunioni aziendale, ad alta voce e con la porta della stanza aperta, può infatti portare a conseguenze molto pericolose. Muovendosi in un ottica di salvaguardia dei diritti fondamentali dei lavoratori dipendenti e cercando, allo stesso tempo, di offrire comunque una forma di tutela alle legittime esigenze dei datori di lavoro, è quindi necessario, ad opinione di chi scrive, un tipo di approccio completamente diverso rispetto a quello dei giudici americani qui citati. Propulsori di un tale approccio innovativo devono essere in primo luogo il Legislatore, al quale compete la responsabilità di cercare una soluzione che contemperi nel miglior modo possibile tutti gli interessi in gioco, ed in secondo luogo la Giurisprudenza, che ha invece il compito, in attesa di un intervento legislativo, di trovare soluzioni adeguate, nell attuale contesto normativo, alla delicatezza e complessità della materia. Soluzioni che, partendo dalle linee guida e dalle equilibrate posizioni espresse nei provvedimenti del nostro Garante per la protezione dei dati personali, mettano in primo piano, ad esempio, l importanza degli obblighi di informativa e di formazione da parte dei datori di lavoro nei confronti dei loro lavoratori dipendenti. Senza quindi approdare a soluzioni semplicistiche e senza pensare che oggigiorno sia possibile vietare l utilizzo dell aziendale (anche) per scopi non strettamente lavorativi, ovvero che sia possibile precludere l utilizzo, tramite un computer aziendale e durante l orario di lavoro, (anche) ad un indirizzo di posta elettronica personale, dal momento che quello dell è diventato - quanto meno nel mondo industrializzato - di gran lunga lo strumento di comunicazione più utilizzato.

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy Sommario Introduzione La situazione italiana Il quadro europeo

Dettagli

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi PRIVACY ED INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2014 1 ART. 13 - L informativa all interessato L informativa deve contenere: - Finalità e modalità del trattamento; - Natura obbligatoria o meno;

Dettagli

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA La tutela della riservatezza nella gestione del rapporto di lavoro è una tematica particolarmente complessa e delicata

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Martino Longhi di VIGGIÙ Via Indipendenza 18, Loc. Baraggia 21059 VIGGIU (VA) Tel. 0332.486460 Fax 0332.488860 C.F.

Dettagli

LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI

LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI Premessa L uso improprio o l abuso da parte dei dipendenti degli strumenti informatici assegnati dall azienda

Dettagli

Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici

Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici Testo adottato con delibera del Consiglio

Dettagli

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (codice in materia di protezione dei dati personali) prevede la tutela delle

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Il trattamento dei dati e le misure minime di sicurezza nelle aziende

Il trattamento dei dati e le misure minime di sicurezza nelle aziende Il trattamento dei dati e le misure minime di sicurezza nelle aziende Le linee guida del Garante per l'utilizzo sul lavoro della posta elettronica e di internet. Provvedimento a carattere generale 1 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLA POSTA ELETTRONICA E DI INTERNET (POLICY AZIENDALE)

REGOLAMENTO SULL USO DELLA POSTA ELETTRONICA E DI INTERNET (POLICY AZIENDALE) REGOLAMENTO SULL USO DELLA POSTA ELETTRONICA E DI INTERNET (POLICY AZIENDALE) PREMESSA Il Garante per la protezione dei dati personali, con Provvedimento 1.03.2007 pubblicato sulla G. U. R.I. 10.03.2007,

Dettagli

Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca

Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca Area Professionale Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca Lo Statuto dei lavoratori Art. 4 La norma vieta l utilizzo di impianti audiovisivi per finalità

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore "LUDOVICO GEYMONAT" http://www.itisgeymonat.va.it - email: info@itisgeymonat.va.it Via Gramsci 1-21049 TRADATE (VA) Cod.Fisc. 95010660124 - Tel.0331/842371

Dettagli

PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI

PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI Premessa E possibile per l azienda controllare il corretto uso da parte dei propri dipendenti del personal

Dettagli

Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie

Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie GIUSEPPE MANTESE 14 gennaio 2009 Milano Argomenti trattati nell intervento: Utilizzo degli strumenti

Dettagli

2) PRIMO COMMENTO SULLA REVISIONE ART. 4 STATUTO SU CONTROLLI A DISTANZA (Modifiche all'art. 4, legge n. 300/1970 e all'art. 171 d.lgs. n.

2) PRIMO COMMENTO SULLA REVISIONE ART. 4 STATUTO SU CONTROLLI A DISTANZA (Modifiche all'art. 4, legge n. 300/1970 e all'art. 171 d.lgs. n. C O N FEDERAZIO NE G ENE RALE ITALIANA D EL LAVO RO Ufficio giuridico e vertenze Roma, 8 luglio 2015 2) PRIMO COMMENTO SULLA REVISIONE ART. 4 STATUTO SU CONTROLLI A DISTANZA (Modifiche all'art. 4, legge

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

CNIPA. "Codice privacy" Il Documento Programmatico di Sicurezza. 26 novembre 2007. Sicurezza dei dati

CNIPA. Codice privacy Il Documento Programmatico di Sicurezza. 26 novembre 2007. Sicurezza dei dati CNIPA "Codice privacy" 26 novembre 2007 Sicurezza dei dati Quando si parla di sicurezza delle informazioni, i parametri di riferimento da considerare sono: Integrità Riservatezza Disponibilità 1 I parametri

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

32 8.10.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 41 DELIBERAZIONE 22 settembre 2008, n. 721

32 8.10.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 41 DELIBERAZIONE 22 settembre 2008, n. 721 32 8.10.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 41 DELIBERAZIONE 22 settembre 2008, n. 721 Disciplinare per l utilizzo della posta elettronica e di Internet. LA GIUNTA REGIONALE Visto l

Dettagli

ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY.

ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY. ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY. Il presente documento ha lo scopo di illustrare gli adempimenti di natura legale e di natura tecnico-informatica

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

3. erogare cookie di profilazione propri e di terze parti, previo consenso dell utente;

3. erogare cookie di profilazione propri e di terze parti, previo consenso dell utente; PREMESSA Adfilia, ha voluto impegnarsi seriamente nel rispettare regole di comportamento in linea con il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali)

Dettagli

Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili

Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili Federico Vanetti In un precedente commento sulle disposizioni transitorie

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA.

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l articolo 87, quinto

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE. Di iniziativa dei Senatori DE PETRIS. "Riconoscimento degli animali nella Costituzione"

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE. Di iniziativa dei Senatori DE PETRIS. Riconoscimento degli animali nella Costituzione DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Di iniziativa dei Senatori DE PETRIS "Riconoscimento degli animali nella Costituzione" Onorevoli Senatori. - Perché gli animali in Costituzione? Stiamo assistendo ad un

Dettagli

I dati personali che ORO 24K SRL tratta per fornire i propri servizi online attraverso i siti di ORO 24K SRL riguardano quanto segue:

I dati personali che ORO 24K SRL tratta per fornire i propri servizi online attraverso i siti di ORO 24K SRL riguardano quanto segue: ORO 24K SRL NORME DI TUTELA PER LA PRIVACY Informativa ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/2003 -CODICE PRIVACY ( per consultare il testo completo consultare www.garanteprivacy.it. ) E' disponibile per

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE IX IL DOCUMENTO ELETTRONICO E LA FIRMA DIGITALE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 Il Documento Elettronico e La Firma Digitale ----------------------------------------------------------------------------

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO Approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. 309 in data 31/03/2011 SOMMARIO IL CONTESTO... 3 1. AMBITI DI RACCOLTA... 7 1.1 CONTACT

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY GENERALE (REDATTA AI SENSI DELL ART.13 D.LGS. 196/2003)

INFORMATIVA PRIVACY GENERALE (REDATTA AI SENSI DELL ART.13 D.LGS. 196/2003) INFORMATIVA PRIVACY GENERALE (REDATTA AI SENSI DELL ART.13 D.LGS. 196/2003) In ottemperanza agli obblighi previsti dal D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (con specifico riferimento all Art.13), con la presente

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

La Posta Elettronica Certificata

La Posta Elettronica Certificata La Posta Elettronica Certificata Cedacri S.p.A. Sede legale: Via del Conventino n. 1 43044 Collecchio (Parma) C.F./Partita IVA e Iscrizione al Registro delle Imprese di Parma: 00432960342 R.E.A.: 128475

Dettagli

Archiviazione e conservazione delle e-mail G.Pontevolpe

Archiviazione e conservazione delle e-mail G.Pontevolpe Archiviazione e conservazione delle e-mail Ing. Gianfranco Pontevolpe Responsabile Ufficio Dematerializzazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Le caratteristiche della

Dettagli

L ORGANISMO DI VIGILANZA

L ORGANISMO DI VIGILANZA PARTE GENERALE MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA DEI RISCHI AZIENDALI. SEZIONE TERZA L ORGANISMO DI VIGILANZA PREMESSA. DP&V affida il compito di vigilare sul Modello di Risk Management ad un Organismo di

Dettagli

Guardie Giurate. Art. 2 Statuto dei lavoratori.

Guardie Giurate. Art. 2 Statuto dei lavoratori. Guardie Giurate Art. 2 Statuto dei lavoratori. Il datore di lavoro può impiegare le guardie giurate, soltanto per scopi di tutela del patrimonio aziendale e non possono essere adibite alla vigilanza sull'attività

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Gentile cliente, le seguenti condizioni generali di vendita indicano, nel rispetto delle normative vigenti in materia a tutela del consumatore, condizioni e modalità

Dettagli

Privacy e lavoro. Le regole per il corretto trattamento dei dati personali dei lavoratori da parte di soggetti pubblici e privati

Privacy e lavoro. Le regole per il corretto trattamento dei dati personali dei lavoratori da parte di soggetti pubblici e privati Privacy e lavoro Le regole per il corretto trattamento dei dati personali dei lavoratori da parte di soggetti pubblici e privati A cura dell Unione Industriale Pisana 1 DISCIPLINA GENERALE INDICE 1. Cartellini

Dettagli

Dati e informazioni in azienda: sicurezza, vincoli legali e novità legislative. Gabriele Faggioli

Dati e informazioni in azienda: sicurezza, vincoli legali e novità legislative. Gabriele Faggioli Dati e informazioni in azienda: sicurezza, vincoli legali e novità legislative Gabriele Faggioli La Tutela dei dati personali: il D.lgs 196 del 2003 Concetti fondamentali: - Dati personali: Dati comuni

Dettagli

Provincia Autonoma di Bolzano Disciplinare organizzativo per l utilizzo dei servizi informatici, in particolare di internet e della posta

Provincia Autonoma di Bolzano Disciplinare organizzativo per l utilizzo dei servizi informatici, in particolare di internet e della posta Provincia Autonoma di Bolzano Disciplinare organizzativo per l utilizzo dei servizi informatici, in particolare di internet e della posta elettronica, da parte degli uffici provinciali e dell amministrazione

Dettagli

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti.

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Commento di Confindustria Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Con sentenza del 13 febbraio 2014, resa nella causa C-596/12, la Corte di Giustizia

Dettagli

*** Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate COMUNE DI

*** Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate COMUNE DI Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate *** COMUNE DI QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L approvazione della

Dettagli

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1921 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CASSINELLI Modifiche all articolo 1 della legge 7 marzo 2001, n. 62, in materia di definizioni

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 Premessa Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma

Dettagli

Le innovazioni introdotte dal decreto legislativo 3 agosto 2009, n. 106, in materia di valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato

Le innovazioni introdotte dal decreto legislativo 3 agosto 2009, n. 106, in materia di valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato Le innovazioni introdotte dal decreto legislativo 3 agosto 2009, n. 106, in materia di valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato di Lorenzo Fantini SOMMARIO: 1. La valutazione dei rischi come obbligo

Dettagli

CODICE PRIVACY & CAD:

CODICE PRIVACY & CAD: DR. ERIC FALZONE PADOVA 04 Dicembre 2006 CODICE PRIVACY & CAD: La Privacy nel Codice dell Amministrazione Digitale INDICE INTRODUZIONE I IL RUOLO DELLA DISCIPLINA PRIVACY NEL CAD II RICHIAMI E RIFERIMENTI

Dettagli

Rubrica legale - ICT Security Giugno 2004 Autore: Daniela Rocca (SG&A) SEPARAZIONE E CRIPTAZIONE DEI DATI IN AMBITO SANITARIO

Rubrica legale - ICT Security Giugno 2004 Autore: Daniela Rocca (SG&A) SEPARAZIONE E CRIPTAZIONE DEI DATI IN AMBITO SANITARIO SOMMARIO La criptazione e la separazione dei dati sensibili da quelli personali Va criptata la trasmissione dei dati tra client e server? Gli enti pubblici sono soggetti alla disposizione prescritta dall

Dettagli

SOCIETA PARMAZEROSEI S.P.A. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ANNO 2014-2016

SOCIETA PARMAZEROSEI S.P.A. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ANNO 2014-2016 SOCIETA PARMAZEROSEI S.P.A. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ANNO 2014-2016 PREMESSA A seguito dell entrata in vigore della Legge Anticorruzione n. 190/2012 recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY GENERALE (REDATTA AI SENSI DELL ART.13 D.LGS. 196/2003)

INFORMATIVA PRIVACY GENERALE (REDATTA AI SENSI DELL ART.13 D.LGS. 196/2003) INFORMATIVA PRIVACY GENERALE (REDATTA AI SENSI DELL ART.13 D.LGS. 196/2003) In ottemperanza agli obblighi previsti dal D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (con specifico riferimento all Art.13), con la presente

Dettagli

Le prospettive di tutela della privacy nello scenario tecnologico del Cloud e dei Big Data

Le prospettive di tutela della privacy nello scenario tecnologico del Cloud e dei Big Data E-privacy 2013 - Winter Edition BIG DATA 2.0 Accesso all informazione e privacy tra open data e Datagate Le prospettive di tutela della privacy nello scenario tecnologico del Cloud e dei Big Data Avv.

Dettagli

VERSO LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO DI SICUREZZA

VERSO LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO DI SICUREZZA LE MISURE MINIME DI SICUREZZA INFORMATICA VERSO LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO DI SICUREZZA di Marco Maglio Marketing e vendite >> Privacy Le nuove misure sono molto più stringenti di quelle

Dettagli

DIFFERENTE TUTELA PER ORFANI E INVALIDI IN CASO DI LICENZIAMENTO RIDUZIONE PERSONALE sente.cass. 30 ottobre 2012, n. 18645 commento e testo

DIFFERENTE TUTELA PER ORFANI E INVALIDI IN CASO DI LICENZIAMENTO RIDUZIONE PERSONALE sente.cass. 30 ottobre 2012, n. 18645 commento e testo DIFFERENTE TUTELA PER ORFANI E INVALIDI IN CASO DI LICENZIAMENTO RIDUZIONE PERSONALE sente.cass. 30 ottobre 2012, n. 18645 commento e testo Colaci.it Si richiama la sentenza della Corte di Cassazione sotto

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

PROFILI GIURIDICI DELL UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA e DI INTERNET NEL CONTESTO LAVORATIVO

PROFILI GIURIDICI DELL UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA e DI INTERNET NEL CONTESTO LAVORATIVO PROFILI GIURIDICI DELL UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA e DI INTERNET NEL CONTESTO LAVORATIVO Argomenti 1) Criticità nell utilizzo degli strumenti informatici nel contesto lavorativo 2) Segretezza della

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

POLITICA SULLA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI di Ultragas CM S.p.A.

POLITICA SULLA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI di Ultragas CM S.p.A. POLITICA SULLA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI di Ultragas CM S.p.A. La presente informativa viene resa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (di seguito: Codice privacy) a

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009*

Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009* Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009* PRIVACY E RAPPORTO DI LAVORO Il trattamento dei dati personali dei lavoratori per finalità di gestione del rapporto di lavoro costituisce una tematica molto complessa

Dettagli

CODICE DI DEONTOLOGIA E DI BUONA CONDOTTA PER AVVOCATI E INVESTIGATORI Mauro Alovisio, avvocato in Torino. In vigore da gennaio 2009

CODICE DI DEONTOLOGIA E DI BUONA CONDOTTA PER AVVOCATI E INVESTIGATORI Mauro Alovisio, avvocato in Torino. In vigore da gennaio 2009 CODICE DI DEONTOLOGIA E DI BUONA CONDOTTA PER AVVOCATI E INVESTIGATORI Mauro Alovisio, avvocato in Torino In vigore da gennaio 2009 Il codice di deontologia adatta i principi della normativa sulla protezione

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

NORMATIVA SULLA PRIVACY

NORMATIVA SULLA PRIVACY NORMATIVA SULLA PRIVACY Il presente codice si applica a tutti i siti internet della società YOUR SECRET GARDEN che abbiano un indirizzo URL. Il documento deve intendersi come espressione dei criteri e

Dettagli

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute CODICE ETICO Al fine di favorire la qualità e il prestigio dell attività svolta dalla Società Italiana delle scienze

Dettagli

LA BANCADATIPIÙ - PIANO DELL OPERA FONTI NORMATIVE

LA BANCADATIPIÙ - PIANO DELL OPERA FONTI NORMATIVE LA BANCADATIPIÙ - PIANO DELL OPERA FONTI NORMATIVE» Legislazione Nazionale Ampia raccolta legislativa di provvedimenti dello Stato Italiano in testo vigente dal 1861 ad oggi. I testi legislativi sono riportati

Dettagli

Deliberazione n. 1/2009/PAR

Deliberazione n. 1/2009/PAR Deliberazione n. 1/2009/PAR Repubblica italiana Corte dei Conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai Signori: dott. Mario Scano dott. Nicola Leone dott.ssa Maria Paola Marcia dott.

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

IL DIRITTO ALL OBLIO NELLA PROSPETTIVA EUROPEA

IL DIRITTO ALL OBLIO NELLA PROSPETTIVA EUROPEA IL DIRITTO ALL OBLIO NELLA PROSPETTIVA EUROPEA Ad uso di ricerca e studio - Non divulgabile - Tutti i diritti riservati RIGHT TO BE FORGOTTEN OVVERO IL DIRITTO ALL OBLIO NELLA PROSPETTIVA EUROPEA Il diritto

Dettagli

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 FAQ TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 IDENTIFICATIVO VERSIONE Ed. 1 Rev. 0/04-01-2013 RTI : HP Enterprise Services Italia S.r.l. Selex ES S.p.A.

Dettagli

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente L obbligo di fedeltà del prestatore di lavoro ha come fonte principale la norma contenuta nell art. 2105 c.c. che così recita: il prestatore di lavoro non

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS C.P.C.) ED IL TENTATIVO OBBLIGATORIO DI MEDIAZIONE (ART. 5 COMMA I D.LGS. 28/2010): NON SI INTERPELLI LA SIBILLA PER CAPIRE SE OCCORRE «MEDIARE

Dettagli

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 COMUNE DI TICINETO (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 Approvato con D.G.C. n. 10 del 31/01/2014 1. PREMESSA Il Decreto legislativo 14 marzo

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni IMMIGRAZIONE La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Campania Legge della Regione Campania 8 febbraio 2010, n. 6 recante Norme per l inclusione sociale, economica e culturale

Dettagli

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che:

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che: Spett.le. Via Oggetto: Designazione a Responsabile Esterno del trattamento dei Dati Personali ai sensi dell art. 29 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (di seguito Codice Privacy ) Egregi Signori, facciamo seguito

Dettagli

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 di Marco Giardetti* La tematica del silenzio della PA è di certo una delle più dibattute e problematiche del diritto amministrativo e questo non solo perché

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

PROCEDURA TUTELA DEL DIPENDENTE Che denuncia illeciti WHISTLEBLOWER- l informatore (NOVEMBRE 2014)

PROCEDURA TUTELA DEL DIPENDENTE Che denuncia illeciti WHISTLEBLOWER- l informatore (NOVEMBRE 2014) SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Dipartimento di Prevenzione S.C. Attività giuridico- amministrative del Dipartimento di Prevenzione e Trasparenza dei

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI TRA Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in persona del Suo Presidente Avv. Mario Napoli; e la PROCURA DELLA REPUBBLICA,

Dettagli

INFORMATIVA GENERALE

INFORMATIVA GENERALE UNIMEC S.R.L. Via Palazzo, 36 Albano S. Alessandro Bg Informazioni rese ai sensi dell art. 13 del D. Lgs.vo 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali e successive modifiche ed integrazioni.

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento La presente relazione dà conto delle modificazioni apportate al secondo decreto legislativo correttivo

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA PAG. 1 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Edizione n 0 1 rev. 0 approvata dall Amministratore Unico con delibera del Questo manuale è di proprietà

Dettagli

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi PRIVACY E SICUREZZA LA PRIVACY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Tale politica

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO SULL'UTILIZZO DI INTERNET E DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA ISTITUZIONALE SUL LUOGO DI LAVORO

REGOLAMENTO INTERNO SULL'UTILIZZO DI INTERNET E DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA ISTITUZIONALE SUL LUOGO DI LAVORO LICEO STATALE SANDRO PERTINI Liceo Linguistico - Liceo delle Scienze Umane (con Opzione Economico-Sociale) Liceo Musicale e Coreutico Sez. Musicale Via C. Battisti 5, 16145 Genova - Corso Magenta, 2 A.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI. Osservazioni e note sul

CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI. Osservazioni e note sul CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI Osservazioni e note sul D.L. 4 luglio 2006, n. 223 Disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per

Dettagli