Sistemi e Servizi di TLC. Lezione N. 9

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi e Servizi di TLC. Lezione N. 9"

Transcript

1 Sstem e Servz d TLC Lezone N. 9 Multmeda Networkng 24 Novembre 2005 (2h)

2 Applcazon multmedal n rete Caratterstche fondamental Tpcamente sono partcolarmente sensbl al rtardo (delay senstve) Sono tollerant alle perdte (loss tolerant): perdte occasonal causano soltanto occasonal buch nella rproduzone dell audo e del vdeo che possono essere parzalmente o completamente mascherat. Requst molto dvers da quell delle applcazon elastche, tpcamente loss ntolerant ma delay tolerant. Le applcazon multmedal sono anche dette contnuous meda Class d applcazon multmedal Streamng d audo e vdeo stored Lve streamng d audo e vdeo Real-tme nteractve vdeo

3 Applcazon multmedal n rete (2) Streamng stored MM Il clent rchede un fle audo/vdeo al server. Il fle vene trasmesso attraverso la rete e vsualzzato dal clent. Interattvtà: l utente può controllare le operazon (smle al VCR: pause, resume, fast forward, rewnd, etc.) Rtardo: tra la rchesta del clent e l nzo della vsualzzazone possono passare da 1 a 10 second Applcazon Real-Tme undrezonal Sml al broadcastng TV e rado, ma la trasmssone avvene sulla rete Internet Non-nterattve, solo lsten/vew Applcazon Real-Tme nterattve Audo o vdeo conferenza Requst n termn d rtardo pù strngent rspetto alle applcazon d streamng undrezonal a causa della natura real-tme Vdeo: < 150 msec accettable Audo: < 150 msec buono, <400 msec accettable

4 Applcazon multmedal n rete (3) La sute d protocoll TCP/IP fornsce un servzo d tpo besteffort, senza garanze d servzo n termn d rtardo end-to-end o d varazone del rtardo (jtter). Le applcazon d tpo streamng con un rtardo nzale d 5-10 second sono molto comun, ma le prestazon s deterorano se lnk sono congestonat (transoceanc). Le applcazon Real-Tme Interattve hanno requst rgd n termn d rtardo e d jtter. Il Jtter è la varazone del rtardo de pacchett appartenent allo stesso stream. La progettazone d applcazon multmedal sarebbe pù semplce se esstessero class d servzo dverse. In Internet tutt pacchett rcevono lo stesso trattamento. I pacchett contenent audo e vdeo real-tme nterattvo stanno n fla, come tutt gl altr. Sono state proposte e mplementate archtetture d rete n grado d fornre servz dfferenzat.

5 Applcazon multmedal n rete (4) Per ottenere l meglo dal modello d servzo best-effort è possble: Utlzzare l UDP ed evtare l basso throughput del TCP quando entra nella fase d slow-start Bufferzzare pacchett e rtardare la rproduzone presso l rcevtore n modo da lmtare gl effett del jtter Etchettare pacchett con un contrassegno temporale (tmestamp) che corrsponde all stante d generazone n modo che l rcevtore sappa quando devono essere rprodott Per lo streamng d audo e vdeo n dfferta cercare d adattare l lvello d compressone allo stato della rete. Invare nformazon rdondant per mtgare gl effett della perdta de pacchett ndotta dalla rete

6 L evoluzone d Internet per l supporto d applcazon multmedal Flosofa Integrated servces Sono necessar profond cambament negl host e ne router per consentre alle applcazon d prenotare esplctamente la capactà trasmssva necessara end-to-end Occorre un protocollo per prenotare la capactà trasmssva E necessaro modfcare le poltche d schedulng ne router Le applcaton devono fornre alla rete una descrzone del traffco generato, La rete, prma d accettare nuove prenotazon deve verfcare se le rsorse dsponbl sono suffcent per soddsfare le rcheste. Flosofa Dfferentated servces Il numero de cambament rchest è nferore Fornsce un servzo d prma classe e un servzo d seconda classe. I datagramma sono etchettat. L utente paga d pù per utlzzare la prma classe d servzo. Gl ISPs pagano d pù per trasmettere e rcevere sulla backbone pacchett appartenent alla prma classe d servzo.

7 L evoluzone d Internet per l supporto d applcazon multmedal Lassez-fare phlosophy Non è necessara nessuna varazone al modello d servzo best-effort e al protocollo IP E suffcente: 1. l aumento della capactà trasmssva con l crescere della domanda 2. L utlzzo d cache n punt strategc della rete: ISP Forntor d contenut P2P: peer con l contenuto d nteresse pù vcn Vrtual prvate networks (VPNs) Rservare n modo permanente capactà trasmssva. I Router dstnguono l traffco delle VPN n base agl ndrzz IP I Router utlzzano poltche d schedulng partcolar per fornre la capactà trasmssva rchesta

8 Streamng Stored Audo & Vdeo Streamng stored meda Il fle Audo/vdeo rsede su un server d tpo web o d tpo streamng Gl utent rchedono l fle audo/vdeo on demand. La rproduzone del fle Audo/vdeo nza entro, per esempo, 10 s dalla rchesta E permessa l nterattvtà. (pause, re-postonng, etc.) Meda player: Decompressone Elmnazone del jtter Correzone degl error Trasmssone d pacchett rdondant Rtrasmssone d pacchett pers Interpolazone de pacchett mancant GUI (Graphcal User Interface) con comand d controllo Il meda player può essere nserto nella fnestra del browser, ma vene eseguto ndpendentemente da esso

9 Streamng Audo/Vdeo da Web server (1) I fle audo e vdeo rsedono su un Web server. Sono oggett normal come fle HTML e JPEG. Approcco naf Il browser stablsce una connessone TCP con l server e rchede l fle con un messaggo d tpo HTTP request Il server Web nva l fle al browser n un messaggo d tpo HTTP response La lnea dell ntestazone HTTP Content-type ndca che l contenuto è un fle audo/vdeo e la codfca utlzzata Il browser lanca l meda player, e passa l fle al meda player Il meda player rproduce l fle Prncpale nconvenente Poché l meda player nteragsce con l server attraverso un ntermedaro (l web browser) l rtardo con l quale nza la rproduzone potrebbe essere troppo elevato e qund non accettable

10 Streamng da un Web server (2) Alternatva: nstaurare la connessone fra l web server e l player 1. Il Web browser rchede l fle audo/vdeo clccando su un hyperlnk: n rsposta rceve un meta fle (un fle che descrve l oggetto: URL del fle audo/vdeo, specfca applcazone audo/vdeo) nvece del fle stesso 2. Il campo dell header Content-type del meta fle ndca la specfca applcazone audo/vdeo 3. Il Browser esamna la lnea dell header Content-type, lanca l meda player assocato, passandogl l ntero corpo (l meta fle) del messaggo d rsposta 4. Il Player nstaura una connessone TCP con l server e nva la rchesta HTTP. 5. Il fle audo/vdeo è nvato al medaplayer all nterno d un messaggo d rsposta HTTP. Il meda player estrae lo stream del fle audo/vdeo Problem Il Meda player comunca utlzzando l HTTP (e qund anche con l TCP) che non consente all utente d utlzzare comand pause, ff, rwnd S potrebbe voler effettuare lo streamng con l protocollo UDP

11 Streamng da uno streamng server a un meda player Questa archtettura permette l utlzzo d protocoll dvers dall HTTP fra l server e l meda player Il server d streamng può essere propretaro o d pubblco domno Il fle audo/vdeo può essere trasmesso utlzzando l UDP nvece del TCP

12 Streamng da uno streamng server: opzon dsponbl 1. Utlzzando l protocollo UDP, trasmettere l audo/vdeo con un bt/rate costante uguale alla veloctà d svuotamento del buffer del rcevtore (che è la veloctà dell audo/vdeo codfcato). 2. Per mtgare gl effett del jtter, s bufferzza e s rtarda la rproduzone d 2-5 s. La veloctà d rempmento (Fll rate) x(t) è uguale alla veloctà d svuotamento (Dran rate) d tranne che n presenza d perdte [x(t) < d]. 3. Utlzzare l TCP e trasmettere meda alla massma veloctà possble. C sono due buffer: l buffer del TCP e l buffer del clent (meda player). Il TCP effettua le rtrasmsson necessare quando s verfcano error; x(t), che è la veloctà de rempmento del buffer del TCP adesso fluttua e può dventare molto pù grande d d (veloctà d lettura dal buffer del player). Il Player può utlzzare un buffer molto pù grande per rendere pù regolare la veloctà d estrazone de dat dal buffer. Il corretto dmensonamento del buffer del clent è fondamentale per le prestazon del sstema.

13 RTSP (Real Tme Streamng Protocol) HTTP I progettst dell HTTP avevano n mente meda fss : pagne HTML, mmagn, applets, etc. HTTP non prevede la trasmssone d stored contnuous meda (.e. audo, vdeo, etc.) RTSP: RFC 2326 E un protocollo del lvello applcatvo conforme al paradgma Clent- Server. Consente al meda player d effettuare operazon d controllo sulla rproduzone de meda contnu (rewnd, fast forward, pause, resume, repostonng, etc.) Che cosa non fa Non defnsce gl schem d compressone per audo e vdeo Non defnsce l modo n cu l flusso audo/vdeo deve essere ncapsulato per la trasmssone sulla rete (RTP o protocollo propretaro) Non pone restrzon alla modaltà d trasporto de fluss audo/vdeo (UDP o TCP) Non specfca come l meda player bufferzza fluss audo/vdeo (la rproduzone può avere nzo con un rtardo d poch second, quando l fle è stato nteramente rcevuto, oppure appena l fle arrva al clent) RealNetworks Il server e l player usano l protocollo RTSP per scambars nformazon d controllo

14 RTSP: protocollo out of band I messagg RTSP sono nvat out-of-band I messagg d controllo RTSP utlzzano un numero d porta (554) dverso dal flusso del meda, e sono qund spedt out-of-band. La specfca dell RTSP consente a messagg RTSP d utlzzare, a lvello d trasporto, sa TCP che UDP Il flusso del meda, la cu struttura non è defnta dall RTSP, è consderato n-band. Se messagg RTSP utlzzassero gl stess numer d porta del flusso de dat (meda stream), s drebbe che messagg RTSP sono nterallaccat con l flusso de dat.

15 RTSP nza e controlla la trasmssone Il browser rchede al server Web un fle d descrzone della presentazone multmedale, che può essere composta da pù meda stream. Web browser meda player HTTP GET presentaton desc. SETUP PLAY meda stream PAUSE TEARDOWN Web server meda server Il browser nvoca l meda player (helper applcaton) n base al campo tpo d contenuto del messaggo, che contene una descrzone della presentazone. La descrzone della presentazone nclude rferment a meda stream, utlzzando l metodo delle URL (rtsp://) Il player nva una rchesta RTSP SETUP; l server rsponde con un messaggo RTSP SETUP. clent server Il player nva una rchesta d tpo RTSP PLAY; l server rsponde con un messaggo RTSP PLAY. Il meda server trasmette l meda stream. Il Player nva una rchesta RTSP PAUSE; l server rsponde con un messaggo RTSP PAUSE. Il Player nva una rchesta RTSP TEARDOWN; l server rsponde con RTSP TEARDOWN.

16 Meta fle: esempo <ttle>twster</ttle> <sesson> <group language=en lpsync> <swtch> <track type=audo e="pcmu/8000/1" src = "rtsp://audo.example.com/twster/audo.en/lof"> <track type=audo e="dvi4/16000/2" pt="90 DVI4/8000/1" src="rtsp://audo.example.com/twster/audo.en/hf"> </swtch> <track type="vdeo/jpeg" src="rtsp://vdeo.example.com/twster/vdeo"> </group> </sesson>

17 Una sessone RTSP Ogn sessone RTSP ha un dentfcatore d sessone, scelto dal server. Il clent nza una sessone con una rchesta d SETUP, e l server rsponde alla rchesta con un dentfcatore. Il clent rpete l dentfcatore della sessone per cascuna rchesta, fnché l clent chude la sessone con una rchesta d TEARDOWN RTSP ha numero d porta 554. RTSP può essere trasmesso utlzzando a lvello d trasporto sa l protocollo UDP che l TCP. Ogn messaggo RTSP può essere nvato su una connessone TCP separata.

18 RTSP: esempo C: SETUP rtsp://audo.example.com/twster/audo RTSP/1.0 Cseq: 1 Transport: rtp/udp; compresson; port=3056; mode=play S: RTSP/ OK Cseq: 1 Sesson 4231 C: PLAY rtsp://audo.example.com/twster/audo.en/lof RTSP/1.0 Cseq: 2 Sesson: 4231 Range: npt=0- S: RTSP/ OK Sesson 4231 Cseq: 2 C: PAUSE rtsp://audo.example.com/twster/audo.en/lof RTSP/1.0 Cseq: 3 Sesson: 4231 Range: npt=37 S: RTSP/ OK Cseq: 3 Sesson 4231 C: TEARDOWN rtsp://audo.example.com/twster/audo.en/lof RTSP/1.0 Cseq: 4 Sesson: 4231 S: RTSP/ OK Cseq: 4 Sesson 4231

19 RTSP: streamng cachng Il cachng de messagg RTSP ha poco senso. Però è desderable fare un cachng de fluss multmedal l pù vcno possble al clent. La maggor parte de meccansm d controllo della cache del protocollo HTTP/1.1 sono stat adottat dal protocollo RTSP. Le ntestazon necessare per l controllo della cache possono essere nserte nelle rcheste e nelle rsposte RTSP SETUP: If-modfed-snce:, Expres:, Va:, Cache-Control: La cache del Proxy può mantenere solo una parte de segment d un certo meda stream. La cache del Proxy può comncare a servre un clent dalla propra cache locale, e successvamente collegars al server d orgne e recuperare le part mancant, senza ntrodurre gap presso l clent. Quando l server d orgne trasmette un flusso verso un clent, e lo stream passa attraverso un proxy, l proxy può utlzzare l TCP per ottenere lo stream, ma l proxy manda ancora messagg d controllo RTSP al server d orgne.

20 Applcazon real-tme nterattve PC-2-PC phone PC-2-phone Dalpad Net2phone Vdeoconferenza Analzzeremo n dettaglo l funzonamento d un applcazone d telefona su IP (Internet Phone) fra due PC Webcams

21 Internet Phone over best-effort (1) Servzo Best effort Packet delay, loss e jtter Internet phone: esempo Esamnamo adesso come rtardo, perdte de pacchett e varabltà del rtardo sono gestt nel caso d un applcazone d telefona su IP (Internet Phone). Le applcazon d telefona su IP generano pacchett solo durante perod d parlato (talk spurts) Il bt rate è 64 kbps durante talk spurt Durante talk spurt, l applcazone genera un blocco d 160 byte ogn 20 msec (8 kbytes/sec * 20 msec) Ad ogn blocco l applcazone aggunge l ntestazone; po vene tutto (blocco+header) ncapsulato n un pacchetto UDP e spedto Alcun pacchett possono essere pers e l rtardo de pacchett può fluttuare. Il rcevtore deve determnare quando rprodurre un blocco e che cosa fare quando c sono blocch mancant.

22 Lmtazon d un servzo best-effort Perdta de pacchett Un segmento UDP è ncapsulato n un datagramma IP La coda de datagramma IP d un router può remprs fno a traboccare provocando lo scarto del datagramma Il TCP può elmnare le perdte, ma Le rtrasmsson ntroducono rtardo Il meccansmo d controllo della congestone del TCP lmta la veloctà d trasmssone La trasmssone d pacchett rdondant può essere d auto Rtardo end-to-end Accumulazone de rtard d trasmssone, propagazone e accodamento Un rtardo end-to-end superore a 400 msec dannegga n modo pesante l nterattvtà; pù pccolo è questo rtardo mglore è la Qualtà del Servzo Varabltà del rtardo (delay jtter) Consderamo due pacchett consecutv n un perodo d parlato L ntervallo d tempo nzale fra due pacchett è 20 msec, ma al rcevtore, a causa del rtardo d accodamento varable dovuto a router, l tempo d nterarrvo può essere maggore o mnore d 20 msec Audo: meccansm per rmozone del jtter al rcevtore Numer d sequenza: l trasmetttore ncrementa l numero d sequenza d un untà per ogn pacchetto che genera Tmestamp: l trasmetttore contrassegna cascun blocco con l tempo al quale l blocco è stato generato Rtardo d rproduzone (playout delay)

23 Internet Phone (3): playout delay fsso Il rcevtore cerca d rprodurre ogn blocco esattamente q msec dopo la sua generazone Se l tmestamp del blocco è t, l rcevtore lo rproduce all stante t+q. Se l blocco arrva dopo l stante t+q, l rcevtore lo scarta. I numer d sequenza non sono necessar. Può essere utlzzata una stratega d recupero opportuna per compensare le perdte. Compromesso per la scelta d q: q elevato: meno pacchett pers q pccolo: mglora l nterattvtà La scelta del valore d q deve essere effettuata tenendo conto dell ampezza del suo ntervallo d varazone La telefona Internet può tollerare rtard fno a 400 ms, sebbene valor nferor sano preferbl perché mglorano l nterattvtà

24 Internet phone (4): playout delay fsso Il trasmetttore genera pacchett ogn 20 msec durante talk spurt. Il prmo pacchetto vene rcevuto all stante temporale r La prma rproduzone è programmata con un rtardo nzale par a p-r La seconda rproduzone è programmata con un rtardo nzale par a p -r packets packets generated packets receved loss playout schedule p - r playout schedule p' - r tme r p p'

25 t r p r t d Adaptve playout delay (1) Stmare l rtardo ntrodotto dalla rete e aggustare l playout delay all nzo d ogn talk spurt. La regolazone adattva del rtardo d rproduzone provoca la compressone o l prolungamento de perod d slenzo d una pccola quanttà non rlevable I blocch sono rprodott ogn 20 msec durante talk spurt. = tmestamp of the th packet = the tme packet s receved by recever = the tme packet s played at recever = network delay for th packet = estmate of average network delay after recevng th packet Stma del valor medo del rtardo ntrodotto dalla rete nella rcezone dell esmo pachetto: d 1 u) d + u( r t ) dove u è una costante (.e., u = 0.01). = ( 1

26 Adaptve playout delay (2) S stma noltre la devazone meda del rtardo, v : v = ( 1 u) v 1 + u r t d Le stme d d e v sono aggornate per ogn pacchetto rcevuto, nonostante sano utlzzate solo all nzo d un talk spurt. Per l prmo pacchetto d un talk spurt, la rproduzone ha nzo all stante: p = t + d + Kv dove K è una costante con valore postvo. Il rtardo d rproduzone è: q = p t Per l j-esmo pacchetto dello stesso talk spurt, l pacchetto vene rprodotto all stante p = t + j j q

27 Adaptve playout delay (3) Come s determna se l pacchetto è l prmo n un talk spurt? Se non c fossero ma perdte, l rcevtore potrebbe semplcemente controllare tmestamp. Se la dfferenza fra successv tmestamp è maggore d 20 msec, un talk spurt ha nzo. Poché possono esserc perdte, l rcevtore deve controllare sa tmestamp che numer d sequenza. Se la dfferenza fra successv tmestamp è maggore d 20 msec e numer d sequenza sono prv d nterruzon, ha nzo un talkspurt

28 Recupero dalla perdta d pacchett (1) Perdta: l pacchetto non arrva o arrva oltre l stante d rproduzone programmato Forward Error Correcton (FEC): Per ogn gruppo d n blocch vene creato un chunk rdondante medante un operazone d XOR effettuata su blocch orgnal S trasmettono gl n+1 blocch, ncrementando la capactà trasmssva d un fattore 1/n Il Playout delay deve essere fssato n modo da consentre la rcezone d tutt gl n+1 pacchett Compromess ncrementando n: s spreca meno capactà trasmssva. Il rtardo d rproduzone è pù elevato La probabltà che 2 o pù blocch sano pers è maggore. E possble rcostrure gl n blocch orgnal se al pù vene perso 1 blocco fra gl n+1 blocch trasmess

29 Recupero dalla perdta d pacchett (2) Secondo schema d FEC Consstenell nvare uno stream audo a bassa rsoluzone come nformazone rdondante Per esempo, uno stream nomnale PCM a 64 kbps e uno stream rdondante GSM a 13 kbps. Il trasmetttorecreaun pacchetto prendendo l n-esmo chunk dallo stream nomnale e aggungendo ad esso l (n-1)-esmo chunk dallo stream rdondante. Quando le perdte non sono consecutve, l rcevtore può recuperare la perdta. La rproduzone può nzare dopo la rcezone d due pacchett Per superare l problema delle perdte consecutve s può aggungere l (n-1)-esmo e l (n-2)-esmo pacchetto

30 Recupero dalla perdta d pacchett (3) Cambo d sequenza (Interleavng) I chunk sono suddvs n untà pù pccole Per esempo, 4 untà d 5 msec per chunk Il mttente camba la sequenza delle untà d dat audo prma della trasmssone, n modo che le untà orgnaramente adacent sano separate da una certa dstanza nel flusso trasmesso I pacchett trasmess I chunk sono rassemblat al rcevtore Se un pacchetto vene perso, s rceve tuttava la maggor parte d ogn chunk contengono pccole untà provenent da dvers chunk

31 Recupero dalla perdta d pacchett (4) Recupero basato sul rcevtore d uno stream audo danneggato Tenta d sostture un pacchetto perso con uno smle all orgnale Garantsce buone prestazon nel caso d basse perdte e d pacchett pccol (4-40 msec) La tecnca pù semplce s basa sulla RIPETIZIONE Tecnche pù complcate utlzzano meccansm d INTERPOLAZIONE

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

Dati di tipo video. Indicizzazione e ricerca video

Dati di tipo video. Indicizzazione e ricerca video Corso d Laurea n Informatca Applcata Unverstà d Urbno Dat d tpo vdeo I dat vdeo sono generalmente rcch dal punto d vsta nformatvo. Sottottol (testo) Colonna sonora (audo parlato e/o musca) Frame (mmagn

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 -

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 - PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE (Metodo delle Osservazon Indrette) - - SPECIFICHE DI CALCOLO Procedura software per la compensazone d una rete d lvellazone collegata

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VII

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VII Prof. Guseppe F. Ross E-mal: guseppe.ross@unpv.t Homepage: http://www.unpv.t/retcal/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà d Ingegnera A.A. 2011/12 - I Semestre - Sede PV RETI TELEMATICHE Lucd

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

Capitolo 7 Reti multimediali

Capitolo 7 Reti multimediali Capitolo 7 Reti multimediali Reti di calcolatori e Internet: Un approccio top-down 3 a edizione Jim Kurose, Keith Ross Pearson Education Italia 2005 7-1 Multimedia - Qualità del servizio: di cosa si tratta?

Dettagli

DBMS multimediali A L B E R T O B E L U S S I B A S I D I D A T I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2

DBMS multimediali A L B E R T O B E L U S S I B A S I D I D A T I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2 DBMS multmedal A L B E R T O B E L U S S I B A S I D I D A T I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2 DBMS multmedal Def: Sono DBMS che consentono d memorzzare e recuperare dat d natura multmedale:

Dettagli

Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica Università di Bologna. Sistemi radiomobili cellulari

Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica Università di Bologna. Sistemi radiomobili cellulari Dpartmento d Elettronca Unverstà d Bologna Sstem radomobl cellular Le comuncazon radomobl Satellte Zona 4: Globale Zona 3: Suburbana Zona 2: Urbana Zona 1: In-Buldng Macro-Cell Mcro-Cell Pco-Cell Telefono

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia Unverstà degl Stud d Urbno Facoltà d Economa Lezon d Statstca Descrttva svolte durante la prma parte del corso d corso d Statstca / Statstca I A.A. 004/05 a cura d: F. Bartolucc Lez. 8/0/04 Statstca descrttva

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

Fondamenti di Fisica Acustica

Fondamenti di Fisica Acustica Fondament d Fsca Acustca Pro. Paolo Zazzn - DSSARR Archtettura Pescara Anals n requenza de segnal sonor, bande d ottava e terz d ottava. Rumore banco e rumore rosa. Lvello equvalente. Fsologa dell apparato

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

Controllo e scheduling delle operazioni. Paolo Detti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena

Controllo e scheduling delle operazioni. Paolo Detti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Controllo e schedulng delle operazon Paolo Dett Dpartmento d Ingegnera dell Informazone Unverstà d Sena Organzzazone della produzone PRODOTTO che cosa ch ORGANIZZAZIONE PROCESSO come FLUSSO DI PRODUZIONE

Dettagli

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26 CAPITOLO 3 Incertezza d msura Pagna 6 CAPITOLO 3 INCERTEZZA DI MISURA Le operazon d msurazone sono tutte nevtablmente affette da ncertezza e coè da un grado d ndetermnazone con l quale l processo d msurazone

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL Corso d CPS - II parte: Statstca Laurea n Informatca Sstem e Ret 2004-2005 1 Obettv della lezone Introduzone all uso d EXCEL Statstca descrttva Utlzzo dello strumento:

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Concetti principale della lezione precedente

Concetti principale della lezione precedente Corso d Statstca medca e applcata 6 a Lezone Dott.ssa Donatella Cocca Concett prncpale della lezone precedente I concett prncpal che sono stat presentat sono: I fenomen probablstc RR OR ROC-curve Varabl

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

Manuale di istruzioni Manual de Instruções Millimar C1208 /C 1216

Manuale di istruzioni Manual de Instruções Millimar C1208 /C 1216 Manuale d struzon Manual de Instruções Mllmar C1208 /C 1216 Mahr GmbH Carl-Mahr-Str. 1 D-37073 Göttngen Telefon +49 551 7073-0 Fax +49 551 Cod. ord. Ultmo aggornamento Versone 3757474 15.02.2007 Valda

Dettagli

Analisi ammortizzata. Illustriamo il metodo con due esempi. operazioni su di una pila Sia P una pila di interi con le solite operazioni:

Analisi ammortizzata. Illustriamo il metodo con due esempi. operazioni su di una pila Sia P una pila di interi con le solite operazioni: Anals ammortzzata Anals ammortzzata S consdera l tempo rchesto per esegure, nel caso pessmo, una ntera sequenza d operazon. Se le operazon costose sono relatvamente meno frequent allora l costo rchesto

Dettagli

Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 6 Project Scheduling con vincoli sulle risorse CARLO MANNINO

Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 6 Project Scheduling con vincoli sulle risorse CARLO MANNINO Ottmzzazone nella gtone de progett Captolo 6 Project Schedulng con vncol sulle rsorse CARLO MANNINO Unverstà d Roma La Sapenza Dpartmento d Informatca e Sstemstca 1 Rsorse Ogn attvtà rchede rsorse per

Dettagli

Protocolli a supporto delle applicazioni multimediali distribuite in Internet Corso di Applicazioni Telematiche

Protocolli a supporto delle applicazioni multimediali distribuite in Internet Corso di Applicazioni Telematiche Protocolli a supporto delle applicazioni multimediali distribuite in Internet Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.3 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico

Dettagli

Distribuzione di contenuti multimediali

Distribuzione di contenuti multimediali PARTE 13 Distribuzione di contenuti multimediali Parte 13 Modulo 1: Introduzione Contenuti multimediali La definizione di multimediale è molto arbitraria Tipicamente, si intende la combinazione di più

Dettagli

Gigaset SX353isdn/SX303isdn

Gigaset SX353isdn/SX303isdn s Semens Aktengesellschaft, ssued by Semens Communcatons Hadenauplatz 1 D-81667 Munch Semens AG 2005 All rghts reserved. Subject to avalablty. Rghts of modfcaton reserved. Semens Aktengesellschaft www.semens.com/ggaset

Dettagli

Questo è il secondo di una serie di articoli, di

Questo è il secondo di una serie di articoli, di DENTRO LA SCATOLA Rubrca a cura d Fabo A. Schreber Il Consglo Scentfco della rvsta ha pensato d attuare un nzatva culturalmente utle presentando n ogn numero d Mondo Dgtale un argomento fondante per l

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2008-09 Lezione n.4 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Trasferimento di informazioni multimediali in Internet

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dpartmento d Economa Azendale e Stud Gusprvatstc Unverstà degl Stud d Bar Aldo Moro Corso d Macroeconoma 2014 1.Consderate l seguente grafco: LM Partà de tass d nteresse LM B A IS IS Y E E E Immagnate

Dettagli

Calibrazione. Lo strumento idealizzato

Calibrazione. Lo strumento idealizzato Calbrazone Come possamo fdarc d uno strumento? Abbamo bsogno d dentfcare l suo funzonamento n condzon controllate. L dentfcazone deve essere razonalmente organzzata e condvsa n termn procedural: s tratta

Dettagli

Newsletter "Lean Production" Autore: Dott. Silvio Marzo

Newsletter Lean Production Autore: Dott. Silvio Marzo Il concetto d "Produzone Snella" (Lean Producton) s sta rapdamente mponendo come uno degl strument pù modern ed effcac per garantre alle azende la flessbltà e la compettvtà che l moderno mercato rchede.

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

Generatori di Numeri Pseudocasuali

Generatori di Numeri Pseudocasuali CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA DELLE TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE E DELL INFORMAZIONE Generator d Numer Pseudocasual Dego Belvedere, Alessandro Brugnola, Alessa Vennarn Prof. Francesca Merola

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Facoltà d Economa Valutazone de prodott e dell mpresa d asscurazone I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Clauda Colucc Letza Monno Gordano Caporal Martna Ragg I Modell Multstato sono un

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzone elettromagnetca L esperenza d Faraday L'effetto d produzone d corrente elettrca n un crcuto prvo d generatore d tensone fu scoperto dal fsco nglese Mchael Faraday nel 83. Egl studò la relazone

Dettagli

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart Kt d conversone gas CELSIUS/Hydrosmart IT (04.06) SM Indce 2 Indcazon per la scurezza 3 Legenda de smbol 3 1 Regolazone del gas - Celsus/Hydrosmart 4 1.1 Trasformazone gas 4 1.2 Impostazon d fabbrca 4

Dettagli

Normativa sismica Ponti pagina 1/33 1 CAMPO DI APPLICAZIONE...3 2 OBIETTIVI DEL PROGETTO...3 3 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE...

Normativa sismica Ponti pagina 1/33 1 CAMPO DI APPLICAZIONE...3 2 OBIETTIVI DEL PROGETTO...3 3 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE... Normatva ssmca Pont pagna 1/33 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO SISMICO DEI PONTI 1 CAMPO DI APPLICAZIONE...3 OBIETTIVI DEL PROGETTO...3 3 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE...3 4 LIVELLI DI PROTEZIONE ANTISISMICA...3

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing Unverstà degl Stud d RomaTre - Facoltà d Economa Corso d Rcerche d Marketng Il patrmono nformatvo azendale come supporto alle attvtà d marketng ng. Stefano Cazzella stefano.cazzella@datamat.t Agenda La

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Variabili statistiche - Sommario

Variabili statistiche - Sommario Varabl statstche - Sommaro Defnzon prelmnar Statstca descrttva Msure della tendenza centrale e della dspersone d un campone Introduzone La varable statstca rappresenta rsultat d un anals effettuata su

Dettagli

Capitolo 7 Reti multimediali

Capitolo 7 Reti multimediali Capitolo 7 Reti multimediali Reti di calcolatori e Internet: Un approccio topdown 4 a edizione Jim Kurose, Keith Ross All material copyright 1996 2007 J.F Kurose and K.W. Ross, All Rights Reserved Pearson

Dettagli

Corso di formazione per il conseguimento della Patente Europea del Computer. Tool Book 4ECDL. Modulo n. 7 Reti Informatiche

Corso di formazione per il conseguimento della Patente Europea del Computer. Tool Book 4ECDL. Modulo n. 7 Reti Informatiche Corso d formazone per l consegumento della Patente Europea del Computer Tool Book 4ECDL Modulo n. 7 Ret Informatche Lnk Campus Unversty of Malta Centro Stud per le Alte Tecnologe Prefazone Copyrght Accredtament

Dettagli

Apprendimento Automatico e IR: introduzione al Machine Learning

Apprendimento Automatico e IR: introduzione al Machine Learning Apprendmento Automatco e IR: ntroduzone al Machne Learnng MGRI a.a. 2007/8 A. Moschtt, R. Basl Dpartmento d Informatca Sstem e produzone Unverstà d Roma Tor Vergata mal: {moschtt,basl}@nfo.unroma2.t 1

Dettagli

Regressione Multipla e Regressione Logistica: concetti introduttivi ed esempi

Regressione Multipla e Regressione Logistica: concetti introduttivi ed esempi Regressone Multpla e Regressone Logstca: concett ntroduttv ed esemp I Edzone ottobre 014 Vncenzo Paolo Senese vncenzopaolo.senese@unna.t Indce Note prelmnar alla I edzone 1 Regressone semplce e multpla

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

Rilevatore di fumo radio fumonic 3 radio net. Infomazioni per locatari e proprietari

Rilevatore di fumo radio fumonic 3 radio net. Infomazioni per locatari e proprietari Rlevatore d fumo rado fumonc 3 rado net Infomazon per locatar e propretar Congratulazon! Nella vostra abtazone sono stat nstallat rlevator d fumo ntellgent fumonc 3 rado net. In questo modo l locatore

Dettagli

GLI ERRORI SPERIMENTALI NELLE MISURE DI LABORATORIO

GLI ERRORI SPERIMENTALI NELLE MISURE DI LABORATORIO GLI ERRORI SPERIMETALI ELLE MISURE DI LABORATORIO MISURA DI UA GRADEZZA FISICA S defnsce grandezza fsca una propretà de corp sulla quale possa essere eseguta un operazone d msura. Msurare una grandezza

Dettagli

INOSTRISPORTELLIASCOLTO: OSSEREVATORIO ON-LINE

INOSTRISPORTELLIASCOLTO: OSSEREVATORIO ON-LINE Assoc az one A N G E LI CENTROANTI VI OLENZA, ANTI STALKI NG EANTI STUPRO Pr oget t o:rete ANGELI BandoPer c or s nret e2013 A N G E LI Cent r oant v ol enz a, Ant s t al k ngeant s t upr o Gu da al l

Dettagli

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007 Fondament d Vsone Artfcale (Seconda Parte PhD. Ing. Mchele Folgherater Corso d Robotca Prof.ssa Guseppna Gn Anno Acc.. 006/007 Caso Bdmensonale el caso bdmensonale, per ndvduare punt d contorno degl oggett

Dettagli

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale Calcolo della caduta d tensone con l metodo vettorale Esempo d rete squlbrata ed effett del neutro nel calcolo. In Ampère le cadute d tensone sono calcolate vettoralmente. Per ogn utenza s calcola la caduta

Dettagli

Grafico di una serie di dati sperimentali in EXCEL

Grafico di una serie di dati sperimentali in EXCEL Grafco d una sere d dat spermental n EXCEL 1. Inseramo sulla prma rga l ttolo che defnsce l contenuto del foglo. Po nseramo su un altra rga valor spermental della x e su quella successva valor della y.

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità alcolo delle Probabltà Quanto è possble un esto? La verosmglanza d un esto è quantfcata da un numero compreso tra 0 e. n partcolare, 0 ndca che l esto non s verfca e ndca che l esto s verfca senza dubbo.

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

DATA MINING E CLUSTERING

DATA MINING E CLUSTERING Captolo 4 DATA MINING E CLUSTERING 4. Che cos'è l Data Mnng Per Data Mnng s'ntende quel processo d estrazone d conoscenza da banche dat, tramte l'applcazone d algortm che ndvduano le assocazon non mmedatamente

Dettagli

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA:

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA: Economa del Settore Pubblco Laura Vc laura.vc@unbo.t www.dse.unbo.t/lvc/edsp_.htm LEZIONE 4 Rmn, 9 aprle 008 Economa del Settore Pubblco 96 I prncpal ndc d dseguaglanza: ndc d entropa generalzzata Isprata

Dettagli

Reti Radio Cellulari L. Giugno, M. Luise 15/11/2006 2. INTRODUZIONE AI SISTEMI DI COMUNICAZIONE CON MEZZI MOBILI: I SISTEMI CELLULARI

Reti Radio Cellulari L. Giugno, M. Luise 15/11/2006 2. INTRODUZIONE AI SISTEMI DI COMUNICAZIONE CON MEZZI MOBILI: I SISTEMI CELLULARI Ret Rado Cellular L. Gugno, M. Luse 15/11/2006 1. OBIETTIVO In questa documento s dscutono le caratterstche prncpal delle ret cellular per radocomuncazone con mezz mobl (brevemente, sstem radomobl). In

Dettagli

Trasporto traffico multimediale in Internet

Trasporto traffico multimediale in Internet Trasporto traffico multimediale in Internet Andrea BIANCO Andrea.Bianco@polito.it http://www.telematica.polito.it/ MULTIMEDIA IN INTERNET - 1 Tassonomia delle applicazioni Due classi (dal punto di vista

Dettagli

MATERIALE PER IL CORSO DI INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO NON DIFFONDERE DA PERCORSI DI RICERCA SOCIALE (a cura di L.

MATERIALE PER IL CORSO DI INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO NON DIFFONDERE DA PERCORSI DI RICERCA SOCIALE (a cura di L. MATERIALE PER IL CORSO DI INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO NON DIFFONDERE DA PERCORSI DI RICERCA SOCIALE (a cura d L.Bernard) 3.3. Dsegn d camponamento d Lorenzo Bernard 3.3.1. Una defnzone per ntrodurre

Dettagli

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A.

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A. Bonus Cap Certfcates con sottostante Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Dal 7 febbrao fno al 1 marzo solo su ISIN: DE000HV8AKJ8 Sottostante: Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Scadenza:

Dettagli

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegnera Gestonale http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/controllautomatcgestonale.htm MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI Ing. Federca Gross Tel. 059 2056333 e-mal: federca.gross@unmore.t

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE, L UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DEL REGOLATORE GENIUS POWER SIN VERSIONE PRELIMINARE

MANUALE DI ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE, L UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DEL REGOLATORE GENIUS POWER SIN VERSIONE PRELIMINARE MANUALE D STRUZON PER L NSTALLAZONE, L UTLZZO E LA MANUTENZONE DEL REGOLATORE GENUS POWER SN VERSONE PRELMNARE CONDZON D GARANZA L appareccho è garantto per 24 mes dalla data d acqusto contro dfett d fabbrcazone

Dettagli

AMPLIFICAZIONI. LS500B A sub. manuale

AMPLIFICAZIONI. LS500B A sub. manuale AMPLIFICAZIONI manuale AMPLIFICAZIONI ATTENZIONE! rferment del manuale Possono essere provocate stuazon potenzalmente percolose che possono arrecare leson personal. Possono essere provocate stuazon potenzalmente

Dettagli

Economia del Lavoro. Argomenti del corso

Economia del Lavoro. Argomenti del corso Economa del Lavoro Argoment del corso Studo del funzonamento del mercato del lavoro. In partcolare, l anals economca nerente l comportamento d: a) lavorator, b) mprese, c) sttuzon nel processo d determnazone

Dettagli

PREVEDERE IL CHURN: UN APPROCCIO LONGITUDINALE

PREVEDERE IL CHURN: UN APPROCCIO LONGITUDINALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE STATISTICHE, ECONOMICHE, FINANZIARIE E AZIENDALI PREVEDERE IL CHURN: UN APPROCCIO LONGITUDINALE

Dettagli

Corso AFFIDABILITÀ DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE. Prof. Dario Amodio d.amodio@univpm.it. Ing. Gianluca Chiappini g.chiappini@univpm.

Corso AFFIDABILITÀ DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE. Prof. Dario Amodio d.amodio@univpm.it. Ing. Gianluca Chiappini g.chiappini@univpm. Corso AFFIDABILITÀ DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE Prof. Daro Amodo d.amodo@unvpm.t Ing. Ganluca Chappn g.chappn@unvpm.t http://www.dpmec.unvpm.t/costruzone/home.htm (Ddattca/Dspense) Testo d rfermento: Stefano

Dettagli

16. BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO

16. BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 20122013 16. BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO 16.1 INTRODUZIONE La legslazone talana prevede la certfcazone energetca degl edfc [1,2,3,4]. Gl edfc, o meglo

Dettagli

Misura di frequenza di segnali periodici in condizioni critiche di rumore

Misura di frequenza di segnali periodici in condizioni critiche di rumore UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II POLO DELLE SCIENZE E DELLE TECNOLOGIE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dpartmento d Ingegnera Elettrca Msura d frequenza d segnal perodc n condzon crtche d rumore DOMENICANTONIO

Dettagli

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard Corso d Statstca (canale P-Z) A.A. 2009/0 Prof.ssa P. Vcard VALORI MEDI Introduzone Con le dstrbuzon e le rappresentazon grafche abbamo effettuato le prme sntes de dat. E propro osservando degl stogramm

Dettagli

IMMAGINE RICONOSCIMENTO. 6.1 La densità di vegetazione: l indice NDVI DELLA VEGETAZIONE SULL I

IMMAGINE RICONOSCIMENTO. 6.1 La densità di vegetazione: l indice NDVI DELLA VEGETAZIONE SULL I CAPITOLO SESTO RICONOSCIMENTO DELLA VEGETAZIONE SULL I IMMAGINE QUICKBIRDIRD 6.1 La denstà d vegetazone: l ndce NDVI Allo scopo d caratterzzare la dstrbuzone della vegetazone sulle superfc d barena s è

Dettagli

Sistemi Real-Time per il Controllo Automatico: Problemi e Nuove Soluzioni

Sistemi Real-Time per il Controllo Automatico: Problemi e Nuove Soluzioni Automazone e Strumentazone, Anno XLVIII, N. 5, pp. 107-116, Maggo 2000. Sstem Real-Tme per l ontrollo Automatco: Problem e Nuove Soluzon Gorgo Buttazzo Unverstà d Pava Untà d rcerca INFM - Pava E-mal:

Dettagli

Istruzioni d uso Durometro portatile per metalli

Istruzioni d uso Durometro portatile per metalli Istruzon d uso Durometro portatle per metall Fabbrcato Fabbrcato n Svzzera n Svzzera... pù d 50 ann d esperenze msurabl! Indce 1. Scurezza e responsabltà 4 1.1. Precauzon d scurezza e d utlzzo 4 1.2. Responsabltà

Dettagli

HOTEL PRICING AND YIELD MANAGEMENT. 1 Yield management e processo decisionale: le variabili di scelta.

HOTEL PRICING AND YIELD MANAGEMENT. 1 Yield management e processo decisionale: le variabili di scelta. HOTEL PRICING AND YIELD MANAGEMENT Yeld management e processo decsonale: le varabl d scelta.. Introduzone;.2 Il processo d yeld management e le sue orgn;.3 Segmentazone d mercato;.4 Prevsone della domanda;.5

Dettagli

10.2 Come stimare l amaro di una birra: le unita IBU 1

10.2 Come stimare l amaro di una birra: le unita IBU 1 10.2 Come stmare l amaro d una brra: le unta IBU 1 Il prncpale contrbuto al sapore amaro della brra provene dagl alfa-acd (abbrevato n AA) del luppolo che durante l processo d bolltura vengono trasformat

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2012-2013 Esercitazione: 4 aprile 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2012-2013 Esercitazione: 4 aprile 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca Fnanzara aa 2012-2013 Eserctazone: 4 aprle 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/41? Aula "Ranzan B" 255 post 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Dettagli

Modello idraulico - Rapporto tecnico. (Rev. 0b)

Modello idraulico - Rapporto tecnico. (Rev. 0b) ASAP LIFE06/ENV/IT/000255 ASAP_D4-3_ModelloIdraulcoRappTecnco_IT_0b 1/20 LIFE06/ENV/IT/255 A.S.A.P. Actons for Systemc Aqufer Protecton The ASAP proect s partally funded by the European Unon LIFE Programme

Dettagli

PROGETTO SCUOLA POPOLARE

PROGETTO SCUOLA POPOLARE SPIN TIME LABS & ICBIE Europa Onlus PROGETTO SCUOLA POPOLARE 1 P a g e 1. Introduzone 2. Obettv e fnaltà 3. I tutor del progetto 4. Modulo I. Sostegno scolastco. 5. Modulo II.- Corso d lngua talana 6.

Dettagli

Prof. Giulio Cainelli. appunti di Giovanni Gentile

Prof. Giulio Cainelli. appunti di Giovanni Gentile ECONOMIA POLITICA Macroeconoma Prof. Gulo Canell LA CONTABILITA NAZIONALE E LE VARIABILI MACROECONOMICHE La macroeconoma s occupa del comportamento aggregato del sstema economco, de meccansm d funzonamento

Dettagli

Istruzioni per l uso Durometro portatile per metalli Software Piccolink (solo per Piccolo 2)

Istruzioni per l uso Durometro portatile per metalli Software Piccolink (solo per Piccolo 2) Istruzon per l uso Durometro portatle per metall Software Pccolnk (solo per Pccolo 2) U.S. Patent No. 8,074,496 Fabbrcato n Svzzera Fabbrcato n... pù d 50 ann d esperenze msurabl! Indce Equotp Pccolo 2

Dettagli

Adattamento di una relazione funzionale ai dati sperimentali

Adattamento di una relazione funzionale ai dati sperimentali Adattamento d una relazone 1 funzonale a dat spermental Sno ad ora abbamo vsto come può essere stmato, con un certo lvello d confdenza, l valore vero d una grandezza fsca (dretta o dervata) con l suo ntervallo

Dettagli

Power Ethernet USB DSL. Internet. Thomson ST530v5/v6 Guida all installazione e alla configurazione

Power Ethernet USB DSL. Internet. Thomson ST530v5/v6 Guida all installazione e alla configurazione DSL Power Ethernet USB Internet Thomson ST530v5/v6 Guda all nstallazone e alla confgurazone Thomson ST530v5/v6 Guda all nstallazone e alla confgurazone Copyrght Copyrght 1999-2007 Thomson. Tutt drtt rservat.

Dettagli

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP,

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, VoIP Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, SIP, H.323, ENUM Parte delle slide sono riadattate da : Reti di calcolatori

Dettagli