Sistemi e Servizi di TLC. Lezione N. 9

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi e Servizi di TLC. Lezione N. 9"

Transcript

1 Sstem e Servz d TLC Lezone N. 9 Multmeda Networkng 24 Novembre 2005 (2h)

2 Applcazon multmedal n rete Caratterstche fondamental Tpcamente sono partcolarmente sensbl al rtardo (delay senstve) Sono tollerant alle perdte (loss tolerant): perdte occasonal causano soltanto occasonal buch nella rproduzone dell audo e del vdeo che possono essere parzalmente o completamente mascherat. Requst molto dvers da quell delle applcazon elastche, tpcamente loss ntolerant ma delay tolerant. Le applcazon multmedal sono anche dette contnuous meda Class d applcazon multmedal Streamng d audo e vdeo stored Lve streamng d audo e vdeo Real-tme nteractve vdeo

3 Applcazon multmedal n rete (2) Streamng stored MM Il clent rchede un fle audo/vdeo al server. Il fle vene trasmesso attraverso la rete e vsualzzato dal clent. Interattvtà: l utente può controllare le operazon (smle al VCR: pause, resume, fast forward, rewnd, etc.) Rtardo: tra la rchesta del clent e l nzo della vsualzzazone possono passare da 1 a 10 second Applcazon Real-Tme undrezonal Sml al broadcastng TV e rado, ma la trasmssone avvene sulla rete Internet Non-nterattve, solo lsten/vew Applcazon Real-Tme nterattve Audo o vdeo conferenza Requst n termn d rtardo pù strngent rspetto alle applcazon d streamng undrezonal a causa della natura real-tme Vdeo: < 150 msec accettable Audo: < 150 msec buono, <400 msec accettable

4 Applcazon multmedal n rete (3) La sute d protocoll TCP/IP fornsce un servzo d tpo besteffort, senza garanze d servzo n termn d rtardo end-to-end o d varazone del rtardo (jtter). Le applcazon d tpo streamng con un rtardo nzale d 5-10 second sono molto comun, ma le prestazon s deterorano se lnk sono congestonat (transoceanc). Le applcazon Real-Tme Interattve hanno requst rgd n termn d rtardo e d jtter. Il Jtter è la varazone del rtardo de pacchett appartenent allo stesso stream. La progettazone d applcazon multmedal sarebbe pù semplce se esstessero class d servzo dverse. In Internet tutt pacchett rcevono lo stesso trattamento. I pacchett contenent audo e vdeo real-tme nterattvo stanno n fla, come tutt gl altr. Sono state proposte e mplementate archtetture d rete n grado d fornre servz dfferenzat.

5 Applcazon multmedal n rete (4) Per ottenere l meglo dal modello d servzo best-effort è possble: Utlzzare l UDP ed evtare l basso throughput del TCP quando entra nella fase d slow-start Bufferzzare pacchett e rtardare la rproduzone presso l rcevtore n modo da lmtare gl effett del jtter Etchettare pacchett con un contrassegno temporale (tmestamp) che corrsponde all stante d generazone n modo che l rcevtore sappa quando devono essere rprodott Per lo streamng d audo e vdeo n dfferta cercare d adattare l lvello d compressone allo stato della rete. Invare nformazon rdondant per mtgare gl effett della perdta de pacchett ndotta dalla rete

6 L evoluzone d Internet per l supporto d applcazon multmedal Flosofa Integrated servces Sono necessar profond cambament negl host e ne router per consentre alle applcazon d prenotare esplctamente la capactà trasmssva necessara end-to-end Occorre un protocollo per prenotare la capactà trasmssva E necessaro modfcare le poltche d schedulng ne router Le applcaton devono fornre alla rete una descrzone del traffco generato, La rete, prma d accettare nuove prenotazon deve verfcare se le rsorse dsponbl sono suffcent per soddsfare le rcheste. Flosofa Dfferentated servces Il numero de cambament rchest è nferore Fornsce un servzo d prma classe e un servzo d seconda classe. I datagramma sono etchettat. L utente paga d pù per utlzzare la prma classe d servzo. Gl ISPs pagano d pù per trasmettere e rcevere sulla backbone pacchett appartenent alla prma classe d servzo.

7 L evoluzone d Internet per l supporto d applcazon multmedal Lassez-fare phlosophy Non è necessara nessuna varazone al modello d servzo best-effort e al protocollo IP E suffcente: 1. l aumento della capactà trasmssva con l crescere della domanda 2. L utlzzo d cache n punt strategc della rete: ISP Forntor d contenut P2P: peer con l contenuto d nteresse pù vcn Vrtual prvate networks (VPNs) Rservare n modo permanente capactà trasmssva. I Router dstnguono l traffco delle VPN n base agl ndrzz IP I Router utlzzano poltche d schedulng partcolar per fornre la capactà trasmssva rchesta

8 Streamng Stored Audo & Vdeo Streamng stored meda Il fle Audo/vdeo rsede su un server d tpo web o d tpo streamng Gl utent rchedono l fle audo/vdeo on demand. La rproduzone del fle Audo/vdeo nza entro, per esempo, 10 s dalla rchesta E permessa l nterattvtà. (pause, re-postonng, etc.) Meda player: Decompressone Elmnazone del jtter Correzone degl error Trasmssone d pacchett rdondant Rtrasmssone d pacchett pers Interpolazone de pacchett mancant GUI (Graphcal User Interface) con comand d controllo Il meda player può essere nserto nella fnestra del browser, ma vene eseguto ndpendentemente da esso

9 Streamng Audo/Vdeo da Web server (1) I fle audo e vdeo rsedono su un Web server. Sono oggett normal come fle HTML e JPEG. Approcco naf Il browser stablsce una connessone TCP con l server e rchede l fle con un messaggo d tpo HTTP request Il server Web nva l fle al browser n un messaggo d tpo HTTP response La lnea dell ntestazone HTTP Content-type ndca che l contenuto è un fle audo/vdeo e la codfca utlzzata Il browser lanca l meda player, e passa l fle al meda player Il meda player rproduce l fle Prncpale nconvenente Poché l meda player nteragsce con l server attraverso un ntermedaro (l web browser) l rtardo con l quale nza la rproduzone potrebbe essere troppo elevato e qund non accettable

10 Streamng da un Web server (2) Alternatva: nstaurare la connessone fra l web server e l player 1. Il Web browser rchede l fle audo/vdeo clccando su un hyperlnk: n rsposta rceve un meta fle (un fle che descrve l oggetto: URL del fle audo/vdeo, specfca applcazone audo/vdeo) nvece del fle stesso 2. Il campo dell header Content-type del meta fle ndca la specfca applcazone audo/vdeo 3. Il Browser esamna la lnea dell header Content-type, lanca l meda player assocato, passandogl l ntero corpo (l meta fle) del messaggo d rsposta 4. Il Player nstaura una connessone TCP con l server e nva la rchesta HTTP. 5. Il fle audo/vdeo è nvato al medaplayer all nterno d un messaggo d rsposta HTTP. Il meda player estrae lo stream del fle audo/vdeo Problem Il Meda player comunca utlzzando l HTTP (e qund anche con l TCP) che non consente all utente d utlzzare comand pause, ff, rwnd S potrebbe voler effettuare lo streamng con l protocollo UDP

11 Streamng da uno streamng server a un meda player Questa archtettura permette l utlzzo d protocoll dvers dall HTTP fra l server e l meda player Il server d streamng può essere propretaro o d pubblco domno Il fle audo/vdeo può essere trasmesso utlzzando l UDP nvece del TCP

12 Streamng da uno streamng server: opzon dsponbl 1. Utlzzando l protocollo UDP, trasmettere l audo/vdeo con un bt/rate costante uguale alla veloctà d svuotamento del buffer del rcevtore (che è la veloctà dell audo/vdeo codfcato). 2. Per mtgare gl effett del jtter, s bufferzza e s rtarda la rproduzone d 2-5 s. La veloctà d rempmento (Fll rate) x(t) è uguale alla veloctà d svuotamento (Dran rate) d tranne che n presenza d perdte [x(t) < d]. 3. Utlzzare l TCP e trasmettere meda alla massma veloctà possble. C sono due buffer: l buffer del TCP e l buffer del clent (meda player). Il TCP effettua le rtrasmsson necessare quando s verfcano error; x(t), che è la veloctà de rempmento del buffer del TCP adesso fluttua e può dventare molto pù grande d d (veloctà d lettura dal buffer del player). Il Player può utlzzare un buffer molto pù grande per rendere pù regolare la veloctà d estrazone de dat dal buffer. Il corretto dmensonamento del buffer del clent è fondamentale per le prestazon del sstema.

13 RTSP (Real Tme Streamng Protocol) HTTP I progettst dell HTTP avevano n mente meda fss : pagne HTML, mmagn, applets, etc. HTTP non prevede la trasmssone d stored contnuous meda (.e. audo, vdeo, etc.) RTSP: RFC 2326 E un protocollo del lvello applcatvo conforme al paradgma Clent- Server. Consente al meda player d effettuare operazon d controllo sulla rproduzone de meda contnu (rewnd, fast forward, pause, resume, repostonng, etc.) Che cosa non fa Non defnsce gl schem d compressone per audo e vdeo Non defnsce l modo n cu l flusso audo/vdeo deve essere ncapsulato per la trasmssone sulla rete (RTP o protocollo propretaro) Non pone restrzon alla modaltà d trasporto de fluss audo/vdeo (UDP o TCP) Non specfca come l meda player bufferzza fluss audo/vdeo (la rproduzone può avere nzo con un rtardo d poch second, quando l fle è stato nteramente rcevuto, oppure appena l fle arrva al clent) RealNetworks Il server e l player usano l protocollo RTSP per scambars nformazon d controllo

14 RTSP: protocollo out of band I messagg RTSP sono nvat out-of-band I messagg d controllo RTSP utlzzano un numero d porta (554) dverso dal flusso del meda, e sono qund spedt out-of-band. La specfca dell RTSP consente a messagg RTSP d utlzzare, a lvello d trasporto, sa TCP che UDP Il flusso del meda, la cu struttura non è defnta dall RTSP, è consderato n-band. Se messagg RTSP utlzzassero gl stess numer d porta del flusso de dat (meda stream), s drebbe che messagg RTSP sono nterallaccat con l flusso de dat.

15 RTSP nza e controlla la trasmssone Il browser rchede al server Web un fle d descrzone della presentazone multmedale, che può essere composta da pù meda stream. Web browser meda player HTTP GET presentaton desc. SETUP PLAY meda stream PAUSE TEARDOWN Web server meda server Il browser nvoca l meda player (helper applcaton) n base al campo tpo d contenuto del messaggo, che contene una descrzone della presentazone. La descrzone della presentazone nclude rferment a meda stream, utlzzando l metodo delle URL (rtsp://) Il player nva una rchesta RTSP SETUP; l server rsponde con un messaggo RTSP SETUP. clent server Il player nva una rchesta d tpo RTSP PLAY; l server rsponde con un messaggo RTSP PLAY. Il meda server trasmette l meda stream. Il Player nva una rchesta RTSP PAUSE; l server rsponde con un messaggo RTSP PAUSE. Il Player nva una rchesta RTSP TEARDOWN; l server rsponde con RTSP TEARDOWN.

16 Meta fle: esempo <ttle>twster</ttle> <sesson> <group language=en lpsync> <swtch> <track type=audo e="pcmu/8000/1" src = "rtsp://audo.example.com/twster/audo.en/lof"> <track type=audo e="dvi4/16000/2" pt="90 DVI4/8000/1" src="rtsp://audo.example.com/twster/audo.en/hf"> </swtch> <track type="vdeo/jpeg" src="rtsp://vdeo.example.com/twster/vdeo"> </group> </sesson>

17 Una sessone RTSP Ogn sessone RTSP ha un dentfcatore d sessone, scelto dal server. Il clent nza una sessone con una rchesta d SETUP, e l server rsponde alla rchesta con un dentfcatore. Il clent rpete l dentfcatore della sessone per cascuna rchesta, fnché l clent chude la sessone con una rchesta d TEARDOWN RTSP ha numero d porta 554. RTSP può essere trasmesso utlzzando a lvello d trasporto sa l protocollo UDP che l TCP. Ogn messaggo RTSP può essere nvato su una connessone TCP separata.

18 RTSP: esempo C: SETUP rtsp://audo.example.com/twster/audo RTSP/1.0 Cseq: 1 Transport: rtp/udp; compresson; port=3056; mode=play S: RTSP/ OK Cseq: 1 Sesson 4231 C: PLAY rtsp://audo.example.com/twster/audo.en/lof RTSP/1.0 Cseq: 2 Sesson: 4231 Range: npt=0- S: RTSP/ OK Sesson 4231 Cseq: 2 C: PAUSE rtsp://audo.example.com/twster/audo.en/lof RTSP/1.0 Cseq: 3 Sesson: 4231 Range: npt=37 S: RTSP/ OK Cseq: 3 Sesson 4231 C: TEARDOWN rtsp://audo.example.com/twster/audo.en/lof RTSP/1.0 Cseq: 4 Sesson: 4231 S: RTSP/ OK Cseq: 4 Sesson 4231

19 RTSP: streamng cachng Il cachng de messagg RTSP ha poco senso. Però è desderable fare un cachng de fluss multmedal l pù vcno possble al clent. La maggor parte de meccansm d controllo della cache del protocollo HTTP/1.1 sono stat adottat dal protocollo RTSP. Le ntestazon necessare per l controllo della cache possono essere nserte nelle rcheste e nelle rsposte RTSP SETUP: If-modfed-snce:, Expres:, Va:, Cache-Control: La cache del Proxy può mantenere solo una parte de segment d un certo meda stream. La cache del Proxy può comncare a servre un clent dalla propra cache locale, e successvamente collegars al server d orgne e recuperare le part mancant, senza ntrodurre gap presso l clent. Quando l server d orgne trasmette un flusso verso un clent, e lo stream passa attraverso un proxy, l proxy può utlzzare l TCP per ottenere lo stream, ma l proxy manda ancora messagg d controllo RTSP al server d orgne.

20 Applcazon real-tme nterattve PC-2-PC phone PC-2-phone Dalpad Net2phone Vdeoconferenza Analzzeremo n dettaglo l funzonamento d un applcazone d telefona su IP (Internet Phone) fra due PC Webcams

21 Internet Phone over best-effort (1) Servzo Best effort Packet delay, loss e jtter Internet phone: esempo Esamnamo adesso come rtardo, perdte de pacchett e varabltà del rtardo sono gestt nel caso d un applcazone d telefona su IP (Internet Phone). Le applcazon d telefona su IP generano pacchett solo durante perod d parlato (talk spurts) Il bt rate è 64 kbps durante talk spurt Durante talk spurt, l applcazone genera un blocco d 160 byte ogn 20 msec (8 kbytes/sec * 20 msec) Ad ogn blocco l applcazone aggunge l ntestazone; po vene tutto (blocco+header) ncapsulato n un pacchetto UDP e spedto Alcun pacchett possono essere pers e l rtardo de pacchett può fluttuare. Il rcevtore deve determnare quando rprodurre un blocco e che cosa fare quando c sono blocch mancant.

22 Lmtazon d un servzo best-effort Perdta de pacchett Un segmento UDP è ncapsulato n un datagramma IP La coda de datagramma IP d un router può remprs fno a traboccare provocando lo scarto del datagramma Il TCP può elmnare le perdte, ma Le rtrasmsson ntroducono rtardo Il meccansmo d controllo della congestone del TCP lmta la veloctà d trasmssone La trasmssone d pacchett rdondant può essere d auto Rtardo end-to-end Accumulazone de rtard d trasmssone, propagazone e accodamento Un rtardo end-to-end superore a 400 msec dannegga n modo pesante l nterattvtà; pù pccolo è questo rtardo mglore è la Qualtà del Servzo Varabltà del rtardo (delay jtter) Consderamo due pacchett consecutv n un perodo d parlato L ntervallo d tempo nzale fra due pacchett è 20 msec, ma al rcevtore, a causa del rtardo d accodamento varable dovuto a router, l tempo d nterarrvo può essere maggore o mnore d 20 msec Audo: meccansm per rmozone del jtter al rcevtore Numer d sequenza: l trasmetttore ncrementa l numero d sequenza d un untà per ogn pacchetto che genera Tmestamp: l trasmetttore contrassegna cascun blocco con l tempo al quale l blocco è stato generato Rtardo d rproduzone (playout delay)

23 Internet Phone (3): playout delay fsso Il rcevtore cerca d rprodurre ogn blocco esattamente q msec dopo la sua generazone Se l tmestamp del blocco è t, l rcevtore lo rproduce all stante t+q. Se l blocco arrva dopo l stante t+q, l rcevtore lo scarta. I numer d sequenza non sono necessar. Può essere utlzzata una stratega d recupero opportuna per compensare le perdte. Compromesso per la scelta d q: q elevato: meno pacchett pers q pccolo: mglora l nterattvtà La scelta del valore d q deve essere effettuata tenendo conto dell ampezza del suo ntervallo d varazone La telefona Internet può tollerare rtard fno a 400 ms, sebbene valor nferor sano preferbl perché mglorano l nterattvtà

24 Internet phone (4): playout delay fsso Il trasmetttore genera pacchett ogn 20 msec durante talk spurt. Il prmo pacchetto vene rcevuto all stante temporale r La prma rproduzone è programmata con un rtardo nzale par a p-r La seconda rproduzone è programmata con un rtardo nzale par a p -r packets packets generated packets receved loss playout schedule p - r playout schedule p' - r tme r p p'

25 t r p r t d Adaptve playout delay (1) Stmare l rtardo ntrodotto dalla rete e aggustare l playout delay all nzo d ogn talk spurt. La regolazone adattva del rtardo d rproduzone provoca la compressone o l prolungamento de perod d slenzo d una pccola quanttà non rlevable I blocch sono rprodott ogn 20 msec durante talk spurt. = tmestamp of the th packet = the tme packet s receved by recever = the tme packet s played at recever = network delay for th packet = estmate of average network delay after recevng th packet Stma del valor medo del rtardo ntrodotto dalla rete nella rcezone dell esmo pachetto: d 1 u) d + u( r t ) dove u è una costante (.e., u = 0.01). = ( 1

26 Adaptve playout delay (2) S stma noltre la devazone meda del rtardo, v : v = ( 1 u) v 1 + u r t d Le stme d d e v sono aggornate per ogn pacchetto rcevuto, nonostante sano utlzzate solo all nzo d un talk spurt. Per l prmo pacchetto d un talk spurt, la rproduzone ha nzo all stante: p = t + d + Kv dove K è una costante con valore postvo. Il rtardo d rproduzone è: q = p t Per l j-esmo pacchetto dello stesso talk spurt, l pacchetto vene rprodotto all stante p = t + j j q

27 Adaptve playout delay (3) Come s determna se l pacchetto è l prmo n un talk spurt? Se non c fossero ma perdte, l rcevtore potrebbe semplcemente controllare tmestamp. Se la dfferenza fra successv tmestamp è maggore d 20 msec, un talk spurt ha nzo. Poché possono esserc perdte, l rcevtore deve controllare sa tmestamp che numer d sequenza. Se la dfferenza fra successv tmestamp è maggore d 20 msec e numer d sequenza sono prv d nterruzon, ha nzo un talkspurt

28 Recupero dalla perdta d pacchett (1) Perdta: l pacchetto non arrva o arrva oltre l stante d rproduzone programmato Forward Error Correcton (FEC): Per ogn gruppo d n blocch vene creato un chunk rdondante medante un operazone d XOR effettuata su blocch orgnal S trasmettono gl n+1 blocch, ncrementando la capactà trasmssva d un fattore 1/n Il Playout delay deve essere fssato n modo da consentre la rcezone d tutt gl n+1 pacchett Compromess ncrementando n: s spreca meno capactà trasmssva. Il rtardo d rproduzone è pù elevato La probabltà che 2 o pù blocch sano pers è maggore. E possble rcostrure gl n blocch orgnal se al pù vene perso 1 blocco fra gl n+1 blocch trasmess

29 Recupero dalla perdta d pacchett (2) Secondo schema d FEC Consstenell nvare uno stream audo a bassa rsoluzone come nformazone rdondante Per esempo, uno stream nomnale PCM a 64 kbps e uno stream rdondante GSM a 13 kbps. Il trasmetttorecreaun pacchetto prendendo l n-esmo chunk dallo stream nomnale e aggungendo ad esso l (n-1)-esmo chunk dallo stream rdondante. Quando le perdte non sono consecutve, l rcevtore può recuperare la perdta. La rproduzone può nzare dopo la rcezone d due pacchett Per superare l problema delle perdte consecutve s può aggungere l (n-1)-esmo e l (n-2)-esmo pacchetto

30 Recupero dalla perdta d pacchett (3) Cambo d sequenza (Interleavng) I chunk sono suddvs n untà pù pccole Per esempo, 4 untà d 5 msec per chunk Il mttente camba la sequenza delle untà d dat audo prma della trasmssone, n modo che le untà orgnaramente adacent sano separate da una certa dstanza nel flusso trasmesso I pacchett trasmess I chunk sono rassemblat al rcevtore Se un pacchetto vene perso, s rceve tuttava la maggor parte d ogn chunk contengono pccole untà provenent da dvers chunk

31 Recupero dalla perdta d pacchett (4) Recupero basato sul rcevtore d uno stream audo danneggato Tenta d sostture un pacchetto perso con uno smle all orgnale Garantsce buone prestazon nel caso d basse perdte e d pacchett pccol (4-40 msec) La tecnca pù semplce s basa sulla RIPETIZIONE Tecnche pù complcate utlzzano meccansm d INTERPOLAZIONE

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Voice Over IP NAT Traversal

Voice Over IP NAT Traversal Voice Over IP Traversal Giorgio Zoppi zoppi@cli.di.unipi.it Tecnologie di Convergenza su IP a.a.2005/2006 VoIP Traversal 1 57 Tecnologie di Convergenza su IP Che cosa è il (Network Address Translation?

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

Livello applicazione: Protocollo DNS

Livello applicazione: Protocollo DNS Livello applicazione: Protocollo DNS Gaia Maselli Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose and

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m w w w. a x o t a l a. c o m SISSIWEB AXIOS SIDI INVIO SMS INVIO EMAIL ACQUISIZIONE ASSENZE - DA SCANNER - DA PALMARE C/C POSTALE E BANCARIO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI GESTIONE ORARIA DEL PERSONALE PRIVACY

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp.

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. Symbolic Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. La nostra mission è di rendere disponibili soluzioni avanzate per la sicurezza

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo.

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo. In una rete di ampie dimensioni, ciascuna sottorete (es. LAN, WAN) è connessa ad altre sottoreti tramite router. Internet è un insieme di reti connesse tra loro. Essenzialmente, in una rete alcune macchine

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

Cisco SPA 122 ATA con router

Cisco SPA 122 ATA con router Data Sheet Cisco SPA 122 ATA con router Servizio VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio VoIP (Voice

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio.

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio. Guida Rapida Guida Rapida Progetto Telefoni N e x t Collegati ai sistemi Progetto 35 PROMELT Meglio comunicare meglio. Telefoni PROGETTO NEXT Telefono ntercomunicante PROGETTO NEXT l Vs. apparecchio ha

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it SmsMobile.it Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it Istruzioni Backoffice Post get http VERSION 2.1 Smsmobile by Cinevision srl Via Paisiello 15/ a 70015 Noci ( Bari ) tel.080 497 30 66

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Cosa è lo spoofing. Cosa è lo spoofing. Argomenti. Spoofing conosciuti. Introduzione. Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti

Cosa è lo spoofing. Cosa è lo spoofing. Argomenti. Spoofing conosciuti. Introduzione. Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti Introduzione Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti A.A. 2001/2002 Prof. A. De Santis A cura di: Angelo Celentano matr. 53/11544 Raffaele Pisapia matr. 53/10991 Mariangela Verrecchia matr.

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 30419 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte

Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte Data Sheet Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio

Dettagli