ANALISI TRANSAZIONALE E LEADERSHIP. Urbino, 27/01/2012 Schede a cura di Mario Busacchi 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI TRANSAZIONALE E LEADERSHIP. Urbino, 27/01/2012 Schede a cura di Mario Busacchi 1"

Transcript

1 ANALISI TRANSAZIONALE E LEADERSHIP Io sono OK - Tu sei OK Io sono OK - Tu sei OK Urbino, 27/01/2012 Schede a cura di Mario Busacchi 1

2 Cenni storici L Analisi Transazionale nasce intorno agli anni per merito di Eric Berne (psichiatra nordamericano di origine tedesca) e della Scuola di S. Francisco. E. Berne ha rielaborato la teoria psicoanalitica di P. Federn<> e di E. Weiss - già orientata in senso fenomenologico - verso la costruzione di una teoria della personalità in cui l attenzione ai processi intrapsichici si accompagna all analisi del comportamento dell individuo nell ambito delle sue relazioni interpersonali 2

3 L A. T. costituisce un modello: della personalità della comunicazione interpersonale dello sviluppo psicologico psicopatologico operativo (in ambito clinico, educativo ed aziendale). 3

4 Campi di applicazione - Psicoterapia - Counseling - Mediazione familiare - Gestione dei processi educativi - Promozione del benessere relazionale e della comunicazione efficace nelle organizzazioni e nelle aziende. 4

5 Le 4 aree principali dell'a.t. L'Analisi Transazionale si divide in quattro aree principali: L'analisi strutturale, che si occupa dei processi intrapsichici dell'individuo. L'analisi delle transazioni, che si occupa delle modalità relazionali tra le persone. L'analisi dei giochi psicologici, che si occupa di quei sistemi particolari di comunicazione distorta che danno come risultato il rafforzamento della psicopatologia delle persone coinvolte. L'analisi del copione, che si occupa della comprensione e della descrizione di quelle convinzioni limitanti su di sé, sugli altri e sulla vita che un individuo ha, del piano di vita che egli su di esse costruisce e delle modalità operative 5 con cui lo mette in atto.

6 Gli stati dell IO Un insieme coerente di pensieri ed emozioni espressi in un determinato comportamento Modello strutturale degli stati dell Io (Processi e contenuti intrapsichici) Stato dell Io Genitore G Pensieri, emozioni e comportamenti copiati dai genitori o figure genitoriali. Stato dell Io Adulto A Pensieri, emozioni e comportamenti originali del soggetto stesso in interazione con la realtà del momento. Stato dell Io Bambino B Pensieri, emozioni e comportamenti emergenti dall'infanzia. 6

7 MODELLO FUNZIONALE DEGLI STATI DELL IO Modalità relazionali: FUNZIONI POSITIVE GN + GA + GN + : funzione normativa, controllo costruttivo. GA + : funzione protettiva, affettiva. A + A + : contatto con la realtà del qui ed ora, soluzione dei problemi, decisioni e scelte realistiche. BA + BL + BA + : adattamento funzionale alle regole. BL + : creatività, giocosità, intimità. GN = Genitore Normativo GA = Genitore Affettivo A = Adulto BA = Bambino Adattato BL = Bambino Libero 7

8 MODELLO FUNZIONALE DEGLI STATI DELL IO Modalità relazionali: FUNZIONI NEGATIVE GN GA A GN : ipercontrollo, giudizio, critica svalutante. GA : iperprotezione, affettività invasiva. A : eccesso di razionalizzazione e intellettualizzazione, svalutazione delle emozioni e dei sentimenti propri e/o altrui. BA BL BA :versione Bambino iperadattato: sottomissione, senso di colpa, conformismo passivo. BA :versione Bambino ribelle: ribellione oppositiva. BL : spericolatezza, violenza auto ed etero-distruttiva. 8

9 Esempio di egogramma GN - GA- GN+ GA+ A BL+ BA+ BL- BA- Iperadattato Ribelle NB: L egogramma può variare in base al contesto relazionale 9

10 Leadership efficace e autorevole secondo il modello dell'a.t. Occorre esercitare la leadership valorizzando lo stato dell'io Adulto che si estrinseca nel: Privilegiare la comunicazione assertiva (orientata più al senso di responsabilità (autorevolezza) che al bisogno di dominio (autoritarismo). Promuovere il senso di appartenenza (sentirsi squadra), più che il senso di dipendenza. Promuovere un senso del Noi in quanto persone autonome e responsabili. (Leadership 10 dialogica ).

11 TRANSAZIONI Definizione: Uno stimolo transazionale più una risposta transazionale S S R R COMPLEMENTARI (CORRISPONDENTI) INCROCIATE Ss Rp Sp Rs ULTERIORI 11

12 T r a n s a z i o n i c o m p l e m e n t a r i Una transazione è complementare quando lo stato dell'io che risponde è quello a cui è indirizzato lo stimolo e la risposta torna allo stesso stato dell Io da cui è partito lo stimolo. Capoufficio Collaboratore S R S: "A che ora arriverai?" :R "Con il treno delle sette S R S: Prendi un caffè? R: Volentieri! S R S: Rossi lei è sempre in ritardo! R: Mi scusi... Non succederà più! 1 Regola: Finché una transazione rimane complementare la comunicazione può proseguire per un tempo indefinito.

13 T R A N S A Z I O N I I N C R O C I A T E Una transazione è "incrociata" quando lo stato dell'io che risponde non è quello a cui viene indirizzato lo stimolo S R R S S: Che ore sono? R: Ma perché non ti porti l orologio? S: Non riesco proprio, mi aiuti? R: Che cosa trovi di difficile? 2 regola: quando una transazione è incrociata, nella comunicazione avviene una frattura ed una o entrambe le persone dovranno, cambiare stato dell Io affinché la comunicazione possa essere ristabilita.

14 TRANSAZIONI ULTERIORI Le transazioni ulteriori sono quelle transazioni in cui sono trasmessi contemporaneamente un messaggio manifesto ed uno implicito. Il messaggio manifesto il più delle volte è del tipo Adulto - Adulto mentre quello implicito è di solito di tipo Genitore - Bambino oppure Bambino - Genitore. Ss Rp Sp Rs Ss e Rs: Stimolo "sociale" e Risposta sociale (messaggio manifesto) Sp e Rp: Stimolo psicologico e Risposta psicologica (messaggio implicito) 1. (Ss) "Rossi, dove ha messo la pratica di X?" 2. (Rs) " L'ho messa nel cassetto della sua scrivania". 1. (Sp) "Tanto lo so che tieni sempre in gran disordine le cose". 2. (Rp) "Tanto lo so che quello che faccio non va mai bene". 3 Regola: L'esito in termini comportamentali delle transazioni ulteriori è determinato soprattutto dai messaggi a livello "psicologico"(implicito), non da quelli a livello "sociale (manifesto).

15 N.B. Di fatto i due livelli, sociale e psicologico, sono sempre presenti nella comunicazione umana. Il livello sociale, o pubblico, descrive il senso che un certo atto comunicativo ha per il gruppo o società in cui avviene; il livello psicologico, o privato, ne descrive il senso per la persona che lo compie. La differenza tra le transazioni semplici e quelle ulteriori sta in questo: nelle prime i due livelli coincidono mentre nelle seconde divergono. 15

16 Contaminazione dell'adulto dal Genitore (1), dal Bambino (2), doppia contaminazione (3) G G G A A A B B B 1 2 3

17 Adulto contaminato dal Genitore Il soggetto percepisce erroneamente come dati di fatto informazioni, pregiudizi e motti genitoriali. "Il mondo è un posto cattivo". "Non ci si può fidare della gente". Se io credo, stando nell Adulto, che affermazioni di questo tipo siano affermazioni di realtà, sono nella contaminazione. La realtà del hic et nunc si mescola con il pregiudizio.

18 Adulto contaminato dal Bambino Il soggetto non identifica vecchi vissuti come tali, ma piuttosto li usa per una inappropriata valutazione del "qui ed ora", scambia erroneamente una situazione infantile come dati di fatto della realtà attuale. Ad es., sto lasciando una festa e mentre esco sento alcuni che ridono. Dico a me stesso: "Mi ridono alle spalle". Sto riproponendo un momento della mia infanzia in cui decisi che c'era qualcosa in me che non andava e che mi sfuggiva, mentre gli altri se ne accorgevano benissimo. La realtà del hic et nunc si mescola con le emozioni e le illusioni infantili.

19 Adulto contaminato sia dal Genitore che dal Bambino. (Doppia contaminazione) Il soggetto ripropone uno stereotipo Genitoriale e vi si adegua con una credenza proveniente dal Bambino, confondendo entrambe queste cose per la realtà. Ad es: (G) "Non ci si può fidare della gente" insieme a: (B) "Non posso mai fidarmi di nessuno". (G) "I bambini bisogna vederli e non sentirli" insieme a:(b) "Per vivere bene nel mondo, devo starmene per conto mio". N.B. Quando c'è contaminazione dell'adulto si ha una percezione distorta della realtà. In A.T. si parla di ridefinizione della realtà che comporta processi di svalutazione.

20 SVALUTAZIONE E RIDEFINIZIONE Il processo di svalutazione è connesso con il processo di ridefinizione della realtà, cioè quel processo che preserva la componente difensiva del Sistema di riferimento del soggetto.

21 Sistema di riferimento IL SISTEMA DI RIFERIMENTO E' UN INSIEME PERCETTIVO, CONCETTUALE, AFFETTIVO E D'AZIONE CHE E' USATO PER DEFINIRE E MANTENERE CONVINZIONI SU SE STESSI, GLI ALTRI E IL MONDO. Cfr. I. Stewart, V. Joines, L'Analisi Transazionale, Garzanti, Milano, 1990, p. 242.

22 Il processo di ridefinizione La ridefinizione è un processo intrapsichico (fuori dalla consapevolezza Adulta) di distorsione percettiva della realtà, in modo da adeguarla con le componenti difensive del sistema interno di riferimento personale. La ridefinizione comporta, quindi, una cecità verso ciò che non collima con le componenti difensive del sistema di riferimento. Tale cecità in A.T. viene detta Svalutazione. Ciò rende, ad es., le situazioni conflittuali impermeabili ai dati di realtà che potrebbero aiutare a risolvere i problemi e che invece vengono difensivamente svalutati e quindi di fatto ignorati e non utilizzati.

23 COPIONE SISTEMA DI RIFERIMENTO IN CONDIZIONI DI DISTORSIONI MECCANISMI INTERNI DI RIDEFINIZIONE Svalutazione Grandiosità Filtro nello scambio di carezze... REAZIONI INTRAPSICHICHE Emergenza del vissuto controllato dal copione REAZIONI COMPORTAMENTALI Giochi Comportamenti passivi Transazioni di ridefinizione Scambio economico delle carezze Carezze negative... REALTÀ EVENTO-STIMOLO RISPOSTE DELL'AMBIENTE alle reazioni comportamentali che rinforzano il sistema di riferimento distorto

24 Segnali di svalutazione: Le transazioni di ridefinizione Transazioni tangenziali Nelle transazioni tangenziali, lo stimolo e la risposta si rivolgono verso aspetti differenti circa l'argomento oggetto dello scambio comunicativo. Ad es. S: Cosa provi? - R: Penso che... Oppure: S: Cosa provi? - R: Be', ieri quando l'ho visto ho provato rabbia. In questi casi è opportuno risvegliare la consapevolezza Adulta del qui ed ora dicendo: Ti ho chiesto cosa provi, non che cosa pensi. Ti ho chiesto cosa provi ora, non ieri.

25 Transazioni bloccanti Le transazioni bloccanti sono un altro tipo di transazione di ridefinizione, che, invece di ridefinire l'argomento spostando la risposta, e quindi l'attenzione, su aspetti differenti dell'argomento rispetto a quelli richiesti, evitano di affrontare l'argomento sollevando questioni che lo bloccano. Ad es. S: Cosa provi? - R: Intendi dire a livello emotivo o fisico? S: Mi ami? - R: Ma cos'è l'amore? A livello psicologico, lo scopo delle transazioni bloccanti è lo stesso di quello delle transazioni tangenziali: evitare di affrontare temi che potrebbero minacciare il sistema di riferimento difensivo di uno o di entrambi i soggetti in relazione.

26 REAZIONI COMPORTAMENTALI COMPORTAMENTI PASSIVI Astensione: si svaluta la propria capacità di fare qualsiasi cosa riguardo alla situazione. Iperadattamento: si svaluta la propria capacità di agire sulla base delle proprie opzioni, seguendo invece le opzioni che crede gli altri desiderino. Agitazione: si svaluta la propria capacità di agire per risolvere un problema. L'energia è diretta sull'attività agitata. Invece che nell'azione per risolvere il problema. Incapacitazione violenza: ci si rende incapaci per fare in modo che siano gli altri a risolvere il problema si lascia esplodere dell'energia distruttiva nel tentativo di costringere l'ambiente a risolvere il problema. 26

27 LE POSIZIONI DI VITA Le "posizioni di vita" sono costituite da convinzioni, formatesi nell infanzia, che riguardano il valore e la fiducia che una persona attribuisce a sé, agli altri e al mondo. Esse influenzano sentimenti, decisioni e comportamenti anche in età adulta. 27

28 Vi sono quattro fondamentali "posizioni di vita" Io sono OK - Tu sei OK = (Posizione di valore e di stima di sé e dell altro. Posizione di autonomia, Posizione c.d. "vincente"). Io non sono OK - Tu sei OK = (Posizione di dipendenza/sottomissione, di disistima di sé, c.d. "depressiva"). Io sono OK - Tu non sei OK = (Posizione di superiorità/dominio, di accusa. Posizione c.d. "paranoide"). Io non sono OK - Tu non sei OK = (Posizione di non valore e sfiducia verso sé e verso l'altro). Posizione c.d. di "inutilità, nichilismo). 28

29 A livello profondo ogni persona presenta una posizione di vita primaria, cioè quella posizione che si forma nella prima infanzia e che tende ad essere confermata nel tempo. A livello superficiale ogni persona può attivare e sperimentare diverse posizioni di vita, che possono variare, nel quotidiano, in base alle varie situazioni in cui la persona stessa viene a trovarsi e al suo stato emotivo e cognitivo. Benché queste variazioni superficiali non riflettano necessariamente cambiamenti della posizione di vita primaria, costituiscono tuttavia fattori importanti che influenzano in modo significativo i processi comunicativi e relazionali che la persona mette in atto. 29

30 IO SONO OK (Mi accetto per come sono) TU SEI OK (Ti accetto per come sei) POSIZIONE VINCENTE Permette una situazione cooperativa o competitiva leale e senza svalutazioni. Senso di appartenenza allo stesso gruppo: siamo della stessa parte, siamo alleati. Quadrante delle posizioni di vita IO NON SONO OK TU SEI OK POSIZIONE DIPENDENTE Nella ricerca di protezione e sicurezza, si baratta la propria Libertà.Implica svalutazioni di se stessi. IO SONO OK IO NON SONO OK TU NON SEI OK TU NON SEI OK POSIZIONE DI(PSEUDO)SUPERIORITA' POSIZIONE FATALISTA Implica svalutazioni dell'altro Non c'è speranza. con pericolo anche di non Non si può far nulla. vederne o sottostimare la sua Atteggiamento rinunciatario, superiorità effettiva. gravemente perdente e autolesivo. Lascia fare a me,(che tu non sei capace di fare) Spesso la svalutazione è implicita. La crescita personale può essere intesa come l evoluzione verso una maggiore quantità di tempo trascorso nella posizione vincente (Io sono OK - Tu sei OK) che è alla base della capacità di costruire relazioni 30 orientate al raggiungimento degli obiettivi.

31 Abilità che il manager deve acquisire per costruire relazioni vincenti Primo passo: saper individuare gli stati dell'io messi in atto dai colleghi e collaboratori nelle diverse circostanze. Secondo passo: riconoscerne l'adeguatezza e funzionalità in relazione alle circostanze specifiche. Terzo passo: auto-analisi dei propri stati dell'io. Quarto passo: sapere investire l'energia psichica per energizzare lo stato dell'io che si ritiene più idoneo in se stessi e negli altri. Uso sapiente delle transazioni. Quinto passo: comprensione delle Posizioni di vita (Basic Position) proprie e delle persone del proprio ambiente di lavoro. Cfr. Roberto Tassan, Leadership & Analisi Transazionale, FrancoAngeli, 31 Milano, 2004.

32 Bibliografia Benci A. Viviana, Analisi Transazionale e gestione dei conflitti, Xenia, Milano, 2009 Berne Eric, A che gioco giochiamo, Bompiani, Milano. James M. e Jongeward D., Nati per vincere, San Paolo, Milano. Magrograssi Giacomo, I giochi che giochiamo, Baldini Castoldi Dalai, Milano, Stewart I. e Joines V., L'analisi transazionale - Guida alla psicologia dei rapporti umani, Garzanti, Milano, Tassan Roberto, Leadership & Analisi Transazionale, FrancoAngeli, Milano,

ANALISI TRANSAZIONALE E LEADERSHIP. Urbino, 22/02/2013 Schede a cura di Mario Busacchi 1

ANALISI TRANSAZIONALE E LEADERSHIP. Urbino, 22/02/2013 Schede a cura di Mario Busacchi 1 ANALISI TRANSAZIONALE E LEADERSHIP Io sono OK - Tu sei OK Io sono OK - Tu sei OK Urbino, 22/02/2013 Schede a cura di Mario Busacchi 1 Cenni storici L Analisi Transazionale nasce intorno agli anni 50-60

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 INTERCULTURA PARITARIA: STRUMENTI E TECNICHE PSICOLOGICHE DI COMUNICAZIONE PER FAVORIRE L INCLUSIONE E LA RECIPROCITA mariellabianca psicoterapeuta analista transazionale

Dettagli

CIAO... E POI? di Eric Berne. Recensione a cura di Cristiano Brambilla

CIAO... E POI? di Eric Berne. Recensione a cura di Cristiano Brambilla CIAO... E POI? di Eric Berne Recensione a cura di Cristiano Brambilla Questo libro parte da un semplice saluto per interrogarsi su tutto ciò che avviene dopo. Salutare significa per Berne "vedere l'altra

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO In un percorso educativo, all'interno di una istituzione scolastica, la Pratica Psicomotoria diventa un'attività privilegiata per il bambino. Egli agisce

Dettagli

COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010. Antonella Scalognini A.A.2010/2011. www.mastercounselingurb.it

COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010. Antonella Scalognini A.A.2010/2011. www.mastercounselingurb.it COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010 Tipologie di rispecchiamento Il rispecchiamento può avvenire: -a livello non verbale, quando si riproducono la posizione, i gesti, i movimenti, la respirazione, l espressione

Dettagli

COMUNICARE EFFICACEMENTE

COMUNICARE EFFICACEMENTE CORSO MANAGER DIDATTICI COMUNICARE EFFICACEMENTE A cura di: Franco Tartaglia COMUNICAZIONE TRASMISSIONE TRA DUE O PIÙ PERSONE DI : IDEE/OPINIONI MESSAGGI FATTI SENTIMENTI COMANDI RICHIESTE PROPOSTE PRESENTAZIONI

Dettagli

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza.

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. Per definizione la Prosocialità è l insieme di quei comportamenti che, senza la ricerca di

Dettagli

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti Un po di teoria: cos è la motivazione L allenatore quale costruttore di un ambiente motivante Motivare la squadra e l atleta PER QUALE MOTIVO, QUESTA SERA,

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com

LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com www.centroaspen.it www.titania.ct.it www.benessere.com L assertività: dalle origini

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

Sessualità coniugale e metodi naturali

Sessualità coniugale e metodi naturali INER-Italia Istituto per l Educazione alla Sessualità e alla Fertilità Sessualità coniugale e metodi naturali Corso di preparazione per animatori di fidanzati e giovani coppie di sposi INER BS www.fecunditas.it

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE.

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. A cura di: Domenico Nigro. Direttore didattico e trainer della Scuola IN Counseling. Consulente aziendale. Life e Business Coach. INDICE Cap.1: Coaching &

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Pacchetto di lavoro N. 4 Prodotto N. 31 Data di consegna Luglio 2013 Versioni 1.0 Prima stesura Redatta da Ballymun Job Centre

Dettagli

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio -

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - Marzo 2016 LINEE GUIDA REGIONALI SULLA PREVENZIONE (DGR

Dettagli

Autorevolezza personale e leader nella professione

Autorevolezza personale e leader nella professione Autorevolezza personale e leader nella professione Adolfo Maria Comari Autorevolezza personale e leader nella professione Psicologia della leadership McGraw-Hill Milano New York San Francisco Washington

Dettagli

Super Memoria Copyright Oreste Maria Petrillo e Fabio Santoro www.successo3x.com

Super Memoria Copyright Oreste Maria Petrillo e Fabio Santoro www.successo3x.com Note legali Le strategie riportate in questo documento sono il frutto di anni di studi, quindi non è garantito il raggiungimento dei medesimi risultati. L autore si riserva il diritto di aggiornare o modificarne

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

PRIMA PARTE: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI NELL INTERAZIONE

PRIMA PARTE: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI NELL INTERAZIONE PRIMA PARTE: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI NELL INTERAZIONE Rientrano in questa categoria l'insieme di difficoltà comunicazionali e relazionali che spesso coinvolgono l'ansia e la scarsa autostima, ma anche

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

PROGETTO PORCOSPINI BABY: PERCORSO DI AFFETTIVITA PRINCIPI DI PREVENZIONE ALL ABUSO SESSUALE

PROGETTO PORCOSPINI BABY: PERCORSO DI AFFETTIVITA PRINCIPI DI PREVENZIONE ALL ABUSO SESSUALE In una fredda giornata d inverno un gruppo di porcospini si rifugia in una grotta e per proteggersi dal freddo si stringono vicini. Ben presto però sentono le spine reciproche e il dolore li costringe

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA

LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA Dott.ssa Alessandra Marsili Psichiatra, Psicoterapeuta Civitanova Marche L assertività è la capacità del soggetto di utilizzare in ogni contesto relazionale, modalità di comunicazione

Dettagli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli Ci sono due cose durature che possiamo lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali - W. Hodding Carter II

Dettagli

CENTRO BERNE I GIOCHI PSICOLOGICI

CENTRO BERNE I GIOCHI PSICOLOGICI CENTRO BERNE I GIOCHI PSICOLOGICI 0 DALLA FAME DI CAREZZE ALLA STRUTTURAZIONE DEL TEMPO BERNE HA MESSO A FUOCO LA FAME DI CAREZZE DELL ESSERE UMANO. ALL INIZIO DELLA VITA E IL BISOGNO DI CONTATTO E DI

Dettagli

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA Autostima = giudizio che ognuno dà del proprio valore ( dipende sia da fattori interni che esterni ) EricKson: la stima di sé deve venire da dentro, dal nocciolo di

Dettagli

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL 20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL DOTT. ANDREA TOSI Chi sono i miei interlocutori Quale è il mio ruolo Quale situazione devo affrontare Quale richiesta mi viene effettuata Cosa faccio io di fronte

Dettagli

SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA

SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA 01 del 12.11.2009 Pagina 1 di 18 SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA...2 2. GESTIONE DEL FRONT-OFFICE DEL SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA...4

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante. di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus

Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante. di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus PRINCIPI DELL INTERVENTO EFFICACE NEI CASI DI SOSPETTO ABUSO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RENZO GASPARINI" NOVI DI MODENA

ISTITUTO COMPRENSIVO RENZO GASPARINI NOVI DI MODENA ISTITUTO COMPRENSIVO RENZO GASPARINI" NOVI DI MODENA E UNIONE DELLE TERRE D ARGINE I FATTORI DI PROTEZIONE SAPER VALORIZZARE E CREDERE NEI PROPRI FIGLI AUMENTARE LA FIDUCIA NEI FIGLI FAVORIRE LO DI RESILIENZA

Dettagli

PRIMA DOPO. Quando si rompe

PRIMA DOPO. Quando si rompe AUTOSTIMA PRIMA DOPO Quando si rompe I segni rimangono Cos è l AUTOSTIMA AUTOSTIMA VALUTAZIONE DI SE SENTIMENTI Cos è l AUTOSTIMA Sé PERCEPITO FEEDBACK dalla realtà Abilità Caratteristiche Qualità Presenti

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

Differenze di genere e Assertività

Differenze di genere e Assertività Differenze di genere e Assertività 24 gennaio 2015, Portogruaro Maura Di Mauro Differenze di Genere e Assertività 2 Differenze di Genere e Assertività 3 Genere, o sesso? Differenze sessuali = differenze

Dettagli

DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA

DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA ASSERTIVITA ETIMOLOGIA: Assertività deriva dal latino assèrere. Il significato

Dettagli

Autostima Amica-Nemica

Autostima Amica-Nemica Autostima Amica-Nemica come influenza le nostre scelte Dott.ssa Gioia Negri Psicologa, Psicoterapeuta Dottore di Ricerca in Neuroscienze Cognitive cos è l Autostima? Definizione «psicologica» «il processo

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

CORSO FIDANZATI IL COPIONE DI VITA INCONTRI PER COPPIE. PRIMO PERCORSO settembre dicembre 2012

CORSO FIDANZATI IL COPIONE DI VITA INCONTRI PER COPPIE. PRIMO PERCORSO settembre dicembre 2012 INDICE PROPOSTE SPIRITUALI DELLA COMUNITÀ DI FRATTINA CELEBRAZIONE EUCARISTICA ore 8.00 (Domenica ore 7.30 e 10.00; Giovedì ore 20.00) ALCUNE INFORMAZIONI SUI CORSI IL COPIONE DI VITA L ARTE DI COMUNICARE

Dettagli

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui?

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui? A PROPOSITO DI COACHING Giovanna Combatti intervista Giacomo Mosca Abbiamo chiesto a Giacomo Mosca, Formatore e Coach, Counsellor in Analisi Transazionale associato al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi. Principi dell'auto aiuto.

Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi. Principi dell'auto aiuto. Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi Principi dell'auto aiuto. Un gruppo di auto-aiuto è un'alleanza tra persone che hanno problemi od obiettivi simili e che cercano di affrontare

Dettagli

Il pensiero positivo! www.skilla.com

Il pensiero positivo! www.skilla.com Il pensiero positivo! www. Come accrescere la propria autostima fronteggiando le situazioni difficili. Il pensiero positivo! L avvenire ci tormenta, il passato ci trattiene, il presente ci sfugge. Gustave

Dettagli

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli Alessandro Alessandro Ricci Ricci Psicologo Psicologo Psicoterapeuta Psicoterapeuta Università Università Salesiana

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

GLI ASPETTI PSICOLOGICI DELLA CELIACHIA

GLI ASPETTI PSICOLOGICI DELLA CELIACHIA GLI ASPETTI PSICOLOGICI DELLA CELIACHIA Mastering the coeliac condition: from medicine to social science and food technology Firenze, 29-30-31 marzo 2012 Sabato 31 marzo 2012 Irene G. Cimma Psicologa e

Dettagli

VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE

VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE neanche con un fiore!! VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE Tipologie di violenza e aspetti psicologici Ciriè 9 maggio 2012 Servizio di Psicologia Ospedaliera Area Consultori Familiari Direttore

Dettagli

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie CONVEGNO NAZIONALE SULL AUTISMO 20-21 maggio 2011 La necessità del sostegno territoriale alle famiglie Dr.ssa Alessandra Bianchi Psicoterapeuta A.G.S.A.T. CHE COS E IL DISTURBO AUTISTICO? L'Autismo è un

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

La comunicazione interpersonale. Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta

La comunicazione interpersonale. Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta La comunicazione interpersonale Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta Comunicazione interpersonale Quella che avviene tra due persone o all interno di un gruppo definito. E immediata e prevede la

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI?

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Carla Geuna - Jessica Lamanna MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Una storia per educare il cuore di chi sta crescendo ARMANDO EDITORE SOMMARIO Ringraziamenti 7 Introduzione di Fabio Veglia

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

GLI ASPETTI EMOTIVO- RELAZIONALI CARATTERISTICI DEL SOGGETTO BALBUZIENTE

GLI ASPETTI EMOTIVO- RELAZIONALI CARATTERISTICI DEL SOGGETTO BALBUZIENTE GLI ASPETTI EMOTIVO- RELAZIONALI CARATTERISTICI DEL SOGGETTO BALBUZIENTE dott. Michele Borghetto Psicologo e psicoterapeuta Ass. La Nostra Famiglia IRCCS E.Medea Conegliano (TV) Quali possono essere gli

Dettagli

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione Firenze 4/5 febbraio 2011 In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione L EDUCAZIONE PROSOCIALE IN ITALIA: INTERVENTI E PROSPETTIVE W W W. P R O S O C I A L I T A. I T I S T

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015 Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015 Segui sempre le 3 R : Rispetto per te stesso. Rispetto per gli altri. Responsabilità per le tue azioni. (Dalai Lama) Impara le regole,

Dettagli

IL COLORE DELLE EMOZIONI

IL COLORE DELLE EMOZIONI LABORATORIO ESPRESSIVO IL COLORE DELLE EMOZIONI I bambini lo dicono con il colore PREMESSA Il ruolo che ha l adulto nello sviluppo affettivo di un bambino è determinante; il suo atteggiamento, le sue aspettative,

Dettagli

Bambine e Bambini costruttori di pace

Bambine e Bambini costruttori di pace Istituto Comprensivo V. Tortoreto SCUOLA PRIMARIA Delia e Filippo Costantini Passo San Ginesio Bambine e Bambini costruttori di pace anno scolastico 2004-05 DATI IDENTIFICATIVI DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

Dettagli

Appunti di psicologia

Appunti di psicologia Appunti di psicologia Teorie della personalità TEORIE DELLA PERSONALITà Metodi analitici introspettivi : Freud Metodi cognitivo comportamentali : psicologia della Gestalt Metodi sistemici relazionali:

Dettagli

ANALISI TRANSAZIONALE

ANALISI TRANSAZIONALE ANALISI TRANSAZIONALE DOMENICO CORRERA S.J. Elementi Elementi essenziali: - le carezze - la struttura dell'io - le transazioni - i passatempi - il gioco - il copione LE CAREZZE Uno psicologo americano,

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

Centro Formazione Insegnanti Rovereto. Relatrice: Dr.ssa Serena Valorzi www.serenavalorzi.it

Centro Formazione Insegnanti Rovereto. Relatrice: Dr.ssa Serena Valorzi www.serenavalorzi.it Centro Formazione Insegnanti Rovereto Relatrice: Dr.ssa Serena Valorzi www.serenavalorzi.it Gli uomini non vengono angosciati dalle cose, bensì dalle opinioni che si fanno su di esse. Epitteto, filosofo

Dettagli

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO ASPETTI DA VALUTARE CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO LE PERSONE Gli interessi in gioco I vantaggi Introduzione agli aspetti comportamentali per la gestione dei negoziati e delle controversie

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

Associazione non profit La mela e il seme

Associazione non profit La mela e il seme Associazione non profit La mela e il seme per l educazione di bambini e ragazzi al ben-essere e per la prevenzione del disagio giovanile CRESCERE PER AIUTARE A CRESCERE Un percorso in sostegno alla genitorialità

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Educazione Emotiva. Dott.ssa Antonella De Luca Psicologa Psicoterapeuta - Ipnoterapeuta PhD Psicologia e Clinica dello Sviluppo Università di Roma TRE

Educazione Emotiva. Dott.ssa Antonella De Luca Psicologa Psicoterapeuta - Ipnoterapeuta PhD Psicologia e Clinica dello Sviluppo Università di Roma TRE Educazione Emotiva Dott.ssa Antonella De Luca Psicologa Psicoterapeuta - Ipnoterapeuta PhD Psicologia e Clinica dello Sviluppo Università di Roma TRE REBT = Rational Emotive Behavior Therapy Ideata da

Dettagli

Schizofrenia e metacognizione

Schizofrenia e metacognizione Dott.ssa Sibilla Giangreco Psicologa Centro Clinico ALETEIA sibillagiangreco@gmail.com Schizofrenia e metacognizione IL TRATTAMENTO IN GRUPPO DELLE ALLUCINAZIONI ACUSTICHE SECONDO IL PROTOCOLO ENTROPIA

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI TERZO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B TERZO INCONTRO Istituto: ITC

Dettagli

BUON LAVORO. Linee guida per la realizzazione della campagna Buon lavoro! nelle residenze per anziani dell Alto Adige INTRODUZIONE LA CAMPAGNA

BUON LAVORO. Linee guida per la realizzazione della campagna Buon lavoro! nelle residenze per anziani dell Alto Adige INTRODUZIONE LA CAMPAGNA BUON LAVORO Linee guida per la realizzazione della campagna Buon lavoro! nelle residenze per anziani dell Alto Adige INTRODUZIONE LA CAMPAGNA Problema e situazione iniziale: L immagine del lavoro con le

Dettagli

Scuola dell infanzia Istituto Comprensivo di via Fatima a Copertino (LE) Giovedì 10 Dicembre 2009 A cura di: Marianna Puglisi Psicologa Antonella De

Scuola dell infanzia Istituto Comprensivo di via Fatima a Copertino (LE) Giovedì 10 Dicembre 2009 A cura di: Marianna Puglisi Psicologa Antonella De Scuola dell infanzia Istituto Comprensivo di via Fatima a Copertino (LE) Giovedì 10 Dicembre 2009 A cura di: Marianna Puglisi Psicologa Antonella De Blasi Psicologa Per: Associazione Torre di Babele onlus

Dettagli

Strategie per il benessere: emozione e relazione. Il rapporto tra pari Dott. Federica Biassoni

Strategie per il benessere: emozione e relazione. Il rapporto tra pari Dott. Federica Biassoni Università Cattolica del Sacro Cuore Strategie per il benessere: emozione e relazione Il rapporto tra pari Dott. Federica Biassoni Restituzione esercitazioni! Lettura dell espressione: centralità degli

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Abilità e competenze Qual è il confine tra abilità e competenza? Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Conoscenze indicano il risultato dell assimilazione di informazioni (fatti,

Dettagli

CEREF - Centro Ricerca e Formazione Via Aspetti 38 35132 Padova - Italy e-mail: segreteria@ceref.it - sito: www.ceref.it

CEREF - Centro Ricerca e Formazione Via Aspetti 38 35132 Padova - Italy e-mail: segreteria@ceref.it - sito: www.ceref.it CEREF - Centro Ricerca e Formazione Via Aspetti 38 35132 Padova - Italy e-mail: segreteria@ceref.it - sito: www.ceref.it DAL CRITICHESE ALL ACCOGLIESE IMPARARE A PRENDERSI CURA DI SE PER MIGLIORARE L AUTOSTIMA

Dettagli

Formare i formatori con l Analisi Transazionale di Laura Pieralisi

Formare i formatori con l Analisi Transazionale di Laura Pieralisi 95 Formare i formatori con l Analisi Transazionale di Laura Pieralisi Introduzione Il formatore presidia due aspetti cruciali: contenuti e processi di apprendimento, sia in fase di progettazione, sia di

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

Corso di Formazione. Introduzione al counseling

Corso di Formazione. Introduzione al counseling Corso di Formazione L infermiere e la Psicologia dell Emergenza. Le reazioni dei soccorritori negli eventi critici: fattori di rischio e protezione Introduzione al counseling Dott.ssa Concetta Crisanti

Dettagli