Svolgere un ruolo guida in una società in cambiamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Svolgere un ruolo guida in una società in cambiamento"

Transcript

1 Svolgere un ruolo guida in una società in cambiamento Monica Gather Thurler Nella maggior parte dei sistemi scolastici, il ruolo della conduzione è affidato ai quadri scolastici (responsabili politici, collaboratori delle direzioni generali, responsabili degli istituti, direttori delle istituzioni di formazione dei docenti), che hanno il compito di esercitare una leadership determinante nello sviluppo di questi sistemi. Parallelamente, l analisi del ruolo e della funzione da svolgere resta ancora troppo spesso limitata a qualche principio generale, legato alla posizione in una struttura gerarchica e al lavoro prescritto dai mansionari (quando ne esistono), invece di basarsi su un analisi approfondita del lavoro reale. Ma, da un Paese all altro, o anche da una regione all altra nei Paesi federalisti, questo cambia, a seconda della legislazione e degli orientamenti politici, ma anche a seconda della cultura professionale preponderante. Di fatto, la loro leadership assumerà funzionamenti e forme molto diversi: i leader si troveranno nella posizione di dirigenti solitari, in quella di membro di un équipe di direzione o piuttosto in quella di un primus inter pares in seno ad un équipe pedagogica. A queste variazioni si aggiungono aspetti di cui non sempre si riesce a misurare le implicazioni: la maggior parte di coloro che fanno parte dei quadri, in precedenza sono stati impegnati come insegnanti, fatto che implica una certa «complicità» con chi si trovano ora a guidare. I quadri succedono sempre a qualcuno e ad un certo momento cedono il posto a qualcun altro. Questo fatto implica il sentirsi in obbligo di garantire una certa continuità dimostrando però la propria capacità a lasciare una propria «traccia» durante la propria permanenza. Inoltre, i quadri rappresentano l autorità, che loro delega potere. Essi si sentono quindi in dovere di mostrarsi impeccabili, di sottomettersi a una cultura istituzionale, alla concezione di questo ruolo che ha il Dipartimento competente, alle autorità politiche locali e regionali, istituzioni il cui ruolo e l influenza variano da un Paese e da un sistema scolastico all altro. Al fine di aprire il dibattito relativo alla problematica della leadership - tema al centro del Congresso della SSRE metterò in relazione la funzione dei quadri scolastici sia al funzionamento dato dal sistema educativo sia al continuo processo di modernizzazione. In virtù dello scarto sempre meno accettabile che vi è fra gli obiettivi dichiarati della scuola e i risultati ottenuti, tenterò di mostrare che l innovazione sembra in questo caso prioritaria. In questa prospettiva, dirigere in una società in cambiamento, significa condurre trasformazioni incessanti, che possono nascere sull onda dell evoluzione della domanda sociale, degli orientamenti della politica dell educazione, del rinnovamento delle conoscenze, delle esigenze del nuovo pubblico scolastico, culturale ed economico. Concetti di leadership John MacBeath Sembra che il mondo si sia accorto dell importanza della leadership. La crescente consapevolezza intorno alla tematica trae origine da più situazioni: l attenzione centrata sui leader mondiali, un corpus sempre più consistente di letteratura in materia

2 che circola nel mondo delle imprese, e l enfasi posta sulla formazione dei futuri capi d istituto a ruoli di leadership, distinti da ruoli di management. Nel settore sono presenti molta ambiguità e confusione terminologica e di significato. Inoltre, non mancano ambiguità e confusione sulla natura e il ruolo della leadership nelle istituzioni educative, viste a confronto con le imprese, e in relazione all'essenza individualistica oppure condivisa della stessa. In primo luogo, l intervento esaminerà la "zuppa" delle definizioni del termine leadership per soffermarsi successivamente su: - quanto stiamo imparando sulla natura della leadership grazie alla ricerca internazionale - i modi in cui la leadership è formata e plasmata dal contesto e dalla cultura di cui fa parte - le sfide per i leader degli istituti scolastici, in considerazione del fatto che ora hanno la responsabilità pubblica (accountability) del loro operato e di quello dei loro istituti Luci e ombre (inconsce) della leadership Gian Piero Quaglino La sfida della leadership si riassume nell'arte della guida degli uomini. In questo consiste la sua ambizione e il suo successo. I lati oscuri coincidono invece con l'equivoco per cui la leadership è intesa come l'arte del comando. Questo equivoco, come è evidente, si centra sul nodo della questione del potere che ogni leadership, appunto, "adombra". L'esercizio del comando diviene così il modo migliore (in fantasia e non sempre in modo consapevole) per non affrontare la possibile perdita del potere, ovvero la sua cessione, il suo "passaggio" ad altri. L'arte della leadership è dunque l'arte di perdere il potere a vantaggio degli altri, ovvero di esercitarlo "con" anziché "su", e, in qualche misura, anche "per" e "tra". Il rischio principale nell'esercizio inconsapevole del potere (cioè della leadership come comando) è, d'altra parte, di lasciarsi impadronire dalle forze "negative" che animano la vita inconscia: la rimozione e la proiezione anzitutto. Così si attiva un mondo di relazioni segnate dalla sfiducia e dall'ostilità. Solo la scelta consapevole di destinare il potere a vantaggio degli altri può dissipare le ombre della sfiducia e dell'ostilità e consentire alla leadership di costruire una relazione "matura" in cui tutti siano protagonisti e si possano riconoscere.

3 La leadership attraverso il cambiamento Michael Schratz Diventare direttore/trice di una scuola è una questione e dirigere bene un istituto scolastico è una questione ben diversa. Nel corso della propria carriera un/a direttore/trice scolastico/a viene continuamente confontato/a con nuove sfide. Per questo motivo l evoluzione della scuola necessita di leadership. Direttori/trici scolastici competenti desiderano raggiungere obiettivi che mirano al cambiamento, che motivano alla partecipazione e che hanno effetti duraturi. Tramite gli operatori con funzione dirigente la leadership mira ad un incremento di qualità del sistema di formazione e si concentra sul compito principale delle scuole, ovvero quello di garantire processi educativi e di formazione eccellenti. L obiettivo è quello di un scuola con un profilo ben delineato e di alta qualità. È compito delle direzioni prendere l iniziativa e proporre stimoli per migliorare la qualità del lavoro educativo. Questa presentazione mostra come, per sviluppare la scuola del futuro, i direttori e le direttrici di istituti scolastici debbano acquisire le competenze proprie della leadership: la capacità dello sviluppo di obiettivi orientati ai risultati, della partecipazione collegiale, della guida cooperativa, del cambio sistematico di prospettiva, della ricerca di consenso e della presentazione entusiasmante di idee e risultati. Sette principi a favore di una leadership sostenibile Andy Hargreaves La sostenibilità nella leadership e nel miglioramento va ben oltre la questione della durabilità nel tempo. In linea con quanto emerge in campo ambientale, definiamo la leadership sostenibile come segue: La leadership sostenibile è di sostanza, si diffonde e permane nel tempo. E'una responsabilità condivisa con altri, che non consuma smodatamente le risorse finanziarie o umane, ma si interessa della comunità e dell'ambiente educativo circostante, evitando di recarvi un'influenza dannosa. La leadership sostenibile è "attivista" nei confronti delle forze che agiscono su di essa. Promuovendo la reciproca "fecondazione" delle buone idee e pratiche all interno di comunità di apprendimento e sviluppo diffusi e condivisi, essa costruisce un ambiente educativo caratterizzato dalla diversità organizzativa. Tale definizione ci suggerisce sette principi per una leadership sostenibile: 1. La leadership sostenibile crea e salvaguarda un apprendimento di sostanza. 2. La leadership sostenibile assicura la permanenza nel tempo dei buoni risultati.

4 3. La leadership sostenibile sostiene la leadership degli altri. 4. La leadership sostenibile si impegna in questioni di giustizia sociale. 5. La leadership sostenibile è tesa a sviluppare, anziché consumare, le risorse umane e materiali. 6. La leadership sostenibile potenzia la diversità ambientale e la sua capacità di miglioramento. 7. La leadership sostenibile è "attivista" nel suo impegno verso l'ambiente. Piccolo manuale di base sulla leadership di sistema David Hopkins Se lo scopo principale delle riforme nei sistemi educativi dei paesi economicamente avanzati mira ad un elevato grado di equità sociale coniugata con il perseguimento dell'eccellenza, allora la politica e l'azione devono focalizzare l'attenzione sul miglioramento del sistema. Questo significa che un capo d'istituto si deve preoccupare del buon esito degli altri istituti scolastici tanto quanto del suo: un miglioramento durevole e costante delle singole scuole non è fattibile senza un movimento in avanti da parte di tutto il sistema. Risulta evidente il successo del programma di riforma del sistema educativo inglese a partire dal Ciononostante, gli standard non stanno crescendo come sarebbe necessario, il divario nel rendimento scolastico è ancora troppo ampio, alcuni istituti continuano a respingere gli alunni in difficoltà ed il sistema è tenacemente caratterizzato da prestazioni inferiori alle attese o potenzialità. Tale programma, voluto e guidato "dal centro", ha costituito un primo passo importante e necessario nell'impegno riformistico, a lungo termine ed ad ampio raggio, su scala nazionale. Lo stesso programma, però, produce anche effetti negativi. Gli insegnanti percepiscono i cambiamenti come imposizioni esterne e si chiedono fino a che punto i materiali disposti dal governo possano essere adattati ai loro obiettivi. Vi è anche la preoccupazione che i cambiamenti non siano pienamente condivisi e "fatti propri" dagli operatori scolastici, sempre a causa della provenienza esterna. Se guardiamo la cosa da una prospettiva più ampia di riforma di un servizio pubblico, in un sistema vasto, complesso e in costante, rapido movimento, è di vitale importanza che la fiducia, l'innovazione e la creatività risiedano proprio laddove il servizio incontra l'utenza. Per quanto meritevoli possano essere, le politiche centralizzate non hanno queste caratteristiche basilari. Non è nella loro natura. L'intervento sarà centrato sulle strategie attualmente esplorate nel sistema educativo inglese, che hanno l'obiettivo di creare un numero sufficiente di leader negli istituti scolastici per farli risultare il perno del cambiamento a livello di sistema. Sulla base di quest'analisi, verranno proposti, inoltre, i mutamenti necessari nello stile della leadership per trasformare il sistema nel suo insieme, mutamenti atti a generare e sostenere un impegno verso i più alti livelli di apprendimento e rendimento per tutti gli alunni in ogni ordine e genere di scuola.

5 Management e educazione: gli insegnamenti del Master in Gestione della Formazione dell'usi Edo Poglia Efficacia, efficienza, leadership, valutazione della qualità ed altri concetti e pratiche a colorazione manageriale sono stati a lungo considerati estranei al mondo della scuola, incentrato idealmente invece su valori umanistici, sociali e di sviluppo personale. Le difficoltà finanziarie che hanno marcato la scuola pubblica durante il decennio scorso, ma anche l'evoluzione dell'atteggiamento delle autorità, l'hanno però confrontata con la necessità di entrare almeno in parte nelle logiche manageriali. Se le cose stessero solo così, avrebbero forse ragione coloro che vedono in questa tendenza una sconfitta della scuola costretta ad accettare principi e funzionamenti non suoi. Esiste invece un altra faccia della medaglia nota da anni ai ricercatori interessati a tematiche quali quelle dell effetto-istituto, del progetto d istituto, della scuola efficace : una buona pedagogia è tributaria anche del contesto nel quale si situa: in primo luogo quello dell istituto scolastico. Questo va perciò gestito nel modo più - pedagogicamente- efficace possibile. La domanda che si pone è però quella di capire se i metodi manageriali, condivisi da gran parte delle aziende e sempre più anche delle istituzioni pubbliche, possono veramente essere adottati, piegandoli, alle realtà e agli obiettivi educativi. L esperienza del Master in Gestione della Formazione dell USI, indirizzato essenzialmente ai direttori di istituti scolastici, offre spunti interessanti per rispondere a questo interrogativo. Un leader scolastico come attivatore di leadership educativa Ivana Summa Ancora oggi, nella scuola autonoma, abbiamo tra i capi d istituto molti bravi burocrati, improbabili manager, ma troppi pochi leader educativi. C è un grande bisogno, invece, di dirigenti scolastici che sappiano attivare una leadership in grado di coagulare le energie e le risorse umane presenti nelle nostre scuole ma non adeguatamente utilizzate in tutte le dimensioni e nei diversi livelli del processo educativo. Per rendere le scuole veramente efficaci, infatti, è necessario un capo d istituto che, da leader, sappia mettere saldamente al centro, oltre le sue personali competenze, le competenze degli studenti e delle loro famiglie e quelle del corpo professionale degli insegnanti, in una direzione dove sono gli stessi valori democratici a sostenere una estensione della leadership stessa di tipo partecipato e condiviso. La natura stessa dell organizzazione scolastica, il suo essere contemporaneamente servizio ed istituzione, comunità e burocrazia, luogo di vita e luogo di lavoro, esige

6 una leadership del tipo sopra tratteggiato, che emerge soltanto se il leader istituzionale capitalizza il proprio potere estendendolo agli altri. La leadership scolastica sulla via del successo? Fattori di successo e di rischio per l operato delle direzioni degli istituti scolastici. Katharina Maag Merki Attualmente, dal punto di vista internazionale, la creazione di istituti autonomi rappresenta uno dei trend più importanti nell evoluzione della scuola (Burkard & Eikenbusch, 2002). Le direzioni scolastiche vi assumono un ruolo chiave. Sebbene diverse indagini abbiano loro attestato una notevole efficacia per lo sviluppo di aspetti importanti per le pratiche scolastiche, i risultati dell indagine PISA 2003 (Zahner Rossier et al., 2004) mostrano che in Svizzera non sono constatabili correlazioni significative tra l autonomia degli istituti e le competenze in matematica raggiunte dagli allievi. Ci si chiede dunque quali ragioni ci siano. Nell ambito di questa presentazione viene sostenuta la tesi che a causa dell alta eterogenità nell implementazione di istituti autonomi nella Svizzera tedesca non esista il modello di autonomia scolastica, e neppure il concetto di leadership. Non sono dunque in prima linea caratteristiche strutturali quali una maggiore libertà d azione ad influire sulle prestazioni degli allievi, bensì piuttosto la qualità e il grado di implemetazione dell autonomia scolastica nei singoli istituti. I fattori di importanza cruciale sono di consequenza identificabili al livello processuale dei singoli istituti, mentre gli aspetti strutturali rappresentano le condizioni quadro necessarie, ma non sufficienti, per un implementazione produttiva nelle singole scuole. Si rivela perciò necessaria un analisi sistematica dell efficacia di vari modelli d implementazione, così come una discussione dei fattori di successo e di rischio in essi presenti. I risultati di analisi empiriche di questo tipo vengono tematizzati in questa presentazione, che presta inoltre particolare attenzione al ruolo delle direzioni scolastiche. Burkard, C., & Eikenbusch, G. (2002). Schulentwicklung international - eine Bilanz. Was können wir von den Erfahrungen anderer Länder lernen? Pädagogik, 54(11), Zahner Rossier, C., Berweger, S., Brühwiler, C., Holzer, T., Mariotta, M., Moser, U., et al. (2004). PISA 2003: Kompetenzen für die Zukunft. Erster nationaler Bericht. Neuchâtel, Bern: BFS/EDK

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership La leadership www.daca.it Il concetto e gli stili di leadership Lo studio della leadership, nell ambito specifico della letteratura sui comportamenti organizzativi, nasce e si fonda su un filone di ricerca

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

AUTONOMIA DI RICERCA, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO

AUTONOMIA DI RICERCA, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO AUTONOMIA DI RICERCA, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO Ivana Summa, 2003 Il quadro giuridico L art. 21, comma 10 della Legge 15 marzo 1997 n. 59 attribuisce alle singole istituzioni scolastiche autonome anche

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Riflessioni di fondo sulla promozione della qualità nella scuola

Riflessioni di fondo sulla promozione della qualità nella scuola Riflessioni di fondo sulla promozione della qualità nella scuola Tendenze internazionali e nazionali Modulo A Ispettorato scolastico dei Grigioni, luglio 2013 Quando una società affronta il tema della

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

Master universitario di II livello per la Dirigenza degli Istituti Scolastici MUNDIS

Master universitario di II livello per la Dirigenza degli Istituti Scolastici MUNDIS UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE SCHEDA DI PRESENTAZIONE Parte integrante del Bando di attivazione dei Master universitari a.a. 2009/2010 Master universitario di II livello per la Dirigenza degli Istituti

Dettagli

Perché una nuova UNI EN ISO 9001?

Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Le regole della normazione tecnica prevedono che le norme vengano sottoposte a un processo di revisione periodica quinquennale per garantire

Dettagli

Le nuove tecnologie nelle attività di insegnamento-apprendimento della matematica 1. Quale uso delle nuove tecnologie?

Le nuove tecnologie nelle attività di insegnamento-apprendimento della matematica 1. Quale uso delle nuove tecnologie? Le nuove tecnologie nelle attività di insegnamento-apprendimento della matematica 1. Quale uso delle nuove tecnologie? Vi sono due aspetti legati all'uso delle nuove tecnologie che sono importanti per

Dettagli

M.U.N.D.I.S. Master Universitario Nazionale per la Dirigenza delle Istituzioni Scolastiche II livello

M.U.N.D.I.S. Master Universitario Nazionale per la Dirigenza delle Istituzioni Scolastiche II livello M.U.N.D.I.S. Master Universitario Nazionale per la Dirigenza delle Istituzioni Scolastiche II livello Il Master MUNDIS è un titolo preferenziale per l accesso ai prossimi concorsi per la dirigenza delle

Dettagli

Il dirigente scolastico e la leadership educativa (Ivana Summa)

Il dirigente scolastico e la leadership educativa (Ivana Summa) 1 Il dirigente scolastico e la leadership educativa (Ivana Summa) Sommario Premessa.... 1 Non c è leader senza leadership?... 2 Il leader e l organizzazione.... 3 Leadership e management: un binomio essenziale....

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

FORUM REGIONALE PER L EDUCAZIONE E LA SCUOLA PIEMONTE

FORUM REGIONALE PER L EDUCAZIONE E LA SCUOLA PIEMONTE FORUM REGIONALE PER L EDUCAZIONE E LA SCUOLA PIEMONTE Progetto Riprendiamoci la scuola promosso con le associazioni professionali: AIMC (Associazione Italiana Maestri Cattolici) AEDE (Associazione Europea

Dettagli

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori:

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori: 1 INTRODUZIONE Prima di predisporre il Bilancio delle Competenze, sento la necessità di ripercorrere brevemente il mio percorso lavorativo, che non si è svolto solo in ambito scolastico. Dalla prima metà

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri del Consiglio internazionale degli infermieri Il codice internazionale di deontologia per la professione infermieristica

Dettagli

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU Prof. Mario Mazzoleni mario.mazzoleni@mmsolutions.eu 18 Novembre 2013 1 STAKEHOLDER Finanziator i Personal e Collettività Soci

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado CHI SIAMO La SSF Rebaudengo di Torino è un istituzione universitaria affiliata alla Facoltà di Scienze

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

Linee Guida per l elaborazione di una Unità di Apprendimento. Napoli 02-03 Settembre 2015 Prof. Alberto Lordi

Linee Guida per l elaborazione di una Unità di Apprendimento. Napoli 02-03 Settembre 2015 Prof. Alberto Lordi Linee Guida per l elaborazione di una Unità di Apprendimento Napoli 02-03 Settembre 2015 Prof. Alberto Lordi 1 Le presenti slides sono tratte dal corso Certificazione delle Competenze tenuto dai docenti

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Tesi: Ruolo e funzioni del Dirigente scolastico. MASTER Dirigenza Scolastica Università della Calabria Lucia Scuteri

Tesi: Ruolo e funzioni del Dirigente scolastico. MASTER Dirigenza Scolastica Università della Calabria Lucia Scuteri Tesi: Ruolo e funzioni del Dirigente scolastico MASTER Dirigenza Scolastica Università della Calabria Lucia Scuteri The object of education is to prepare the young,to educate themselves throughout their

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER DIRETTORE SANITARIO ED AMMINISTRATIVO DI AZIENDA SANITARIA ai sensi del D.D.G. n. 3245/09 e s.m.i.

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER DIRETTORE SANITARIO ED AMMINISTRATIVO DI AZIENDA SANITARIA ai sensi del D.D.G. n. 3245/09 e s.m.i. Via Padre Rosario da Partanna, 22 90146 PALERMO Tel. 0916710220 Fax. 0916710401 www.cfssicilia.it email: segreteria@cfssicilia.it CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER DIRETTORE SANITARIO ED AMMINISTRATIVO

Dettagli

Lavorare dove inizia il futuro.

Lavorare dove inizia il futuro. Lavorare dove inizia il futuro. Volete una carriera con un futuro? Allora unitevi al team di Swiss Life. 2 Lavorare dove inizia il futuro. Swiss Life investe nel futuro dei suoi collaboratori. E voi? Chi

Dettagli

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO Anno Scolastico 2011-2012 DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO I rapidi cambiamenti sociali, culturali, economico-politici della società odierna impongono alla scuola un radicale mutamento della mentalità e della

Dettagli

shapes competency development report

shapes competency development report shapes competency development report candidato/a: Max Mustermann amministrazione: 29.07.2005 rapporto creato: 19.02.2007 cut-e gmbh e-mail: info@cut-e.com große bleichen 12 tel: +49-40-3250.3890 20354

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Roma, 5-7 dicembre 2013. Workshop 2 Leadership, organizzazione e sviluppo professionale

Roma, 5-7 dicembre 2013. Workshop 2 Leadership, organizzazione e sviluppo professionale La leadership educativa nei paesi dell Europa latina: autonomie, identità, responsabilità Università Roma Tre - Dipartimento di Scienze della Formazione Piazza della Repubblica 10 Roma, 5-7 dicembre 2013

Dettagli

Prot. n. 6908 Sassari, lì 28.10.2015

Prot. n. 6908 Sassari, lì 28.10.2015 Prot. n. 6908 Sassari, lì 28.10.2015 Al Collegio dei Docenti E p.c. al Consiglio di Circolo, ai Genitori e al Personale ATA Atti Albo Oggetto: Atto di indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ?

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? L'attuale complessità sociale e l'affermazione di nuovi modelli socio-economici e culturali hanno portato dei notevoli cambiamenti nella scuola e nella famiglia.

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Dottorato di ricerca in Pedagogia (Education) Ciclo XXIV S.S.D. M-PED/01 CRESCITA UMANA E BENESSERE ORGANIZZATIVO NUOVE PROSPETTIVE DI PEDAGOGIA DEL LAVORO Coordinatore:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

MERCATO E FORMAZIONE DEI PREZZI Commento per il docente

MERCATO E FORMAZIONE DEI PREZZI Commento per il docente MERCATO E FORMAZIONE DEI PREZZI 1 Aspetti generali 1.1 Tematica e contenuto Il presente modulo ha per tema la formazione dei prezzi nei mercati in generale e, più in particolare, nei mercati trasparenti

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CentroStudi 30 Capitolo 2 Francesco Muzzarelli è esperto di formazione e corporate training consulting, autore di numerosi saggi sulle tematiche della formazione rivolta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 2 DAMIANI

ISTITUTO COMPRENSIVO 2 DAMIANI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO 2 DAMIANI di MORBEGNO Via Prati Grassi, 76 23017 MORBEGNO Tel. 0342/610837 Fax 342/600315 e-mail: soic823003@istruzione.it

Dettagli

Progetto Conoscere le indicazioni per il curricolo

Progetto Conoscere le indicazioni per il curricolo DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progetto Conoscere le indicazioni per il curricolo Sintesi dei lavori di gruppo L AMBIENTE DI APPRENDIMENTO: DAR SENSO ALLO STARE A SCUOLA Nelle Indicazioni per il

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

Perché un Master in Direzione del Personale

Perché un Master in Direzione del Personale Perché un Master in Direzione del Personale di Luigi M. Sanlorenzo (*) Saper gestire le risorse umane significa essere in grado di comprendere come raggiungere livelli di efficacia e quali sono le competenze

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE L elaborazione di un curricolo trasversale relativo alla cittadinanza e costituzione nasce dall esigenza

Dettagli

Una formazione per lo sviluppo. sostenibile

Una formazione per lo sviluppo. sostenibile sostenibile Una formazione per lo sviluppo adottata dalle organizzazioni non governative (ONG) svizzere che si occupano di ambiente, gioventù e sviluppo Una formazione per lo sviluppo sostenibile Una formazione

Dettagli

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi fondamentali sono quelli che definiscono il senso

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Indice Premessa..pag. 3 1. Verso l e-government.pag. 4 2. Inadeguatezza della dotazione tecnologica...pag. 6 3. Frequenza

Dettagli

OGGETTO: Progetto Scacchi a scuola in Italia

OGGETTO: Progetto Scacchi a scuola in Italia OGGETTO: Progetto Scacchi a scuola in Italia Premessa Negli ultimi anni le attività di diffusione scacchistica nelle Istituzioni scolastiche si sono moltiplicate in molte regioni italiane, Dirigenti Scolastici

Dettagli

IL RUOLO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA PREDISPOSIZIONE DEL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO. Vanna Monducci 6 settembre 2013

IL RUOLO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA PREDISPOSIZIONE DEL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO. Vanna Monducci 6 settembre 2013 IL RUOLO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA PREDISPOSIZIONE DEL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO Vanna Monducci 6 settembre 2013 IL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO: GLI ELEMENTI PRIORITARI valutazione esterna degli apprendimenti

Dettagli

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute Adelaide (Australia), 5-9 aprile 1988 Conferenza Internazionale Le Raccomandazioni di Adelaide The Adelaide Recommendations 2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute L adozione della Dichiarazione

Dettagli

Metodologie del lavoro di gruppo

Metodologie del lavoro di gruppo Metodologie del lavoro di gruppo Dal lavoro in gruppo al lavoro di gruppo Federica Zanetti Facoltà di Scienze della Formazione Università di Bologna f.zanetti@unibo.it Per iniziare Metodologie del lavoro

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI

PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI VINCENZO ACQUAVIVA FEDERMANAGERQUADRI A SOSTEGNO DELLA

Dettagli

Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare

Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare Il vantaggio di negoziare Indice Introduzione: Saper negoziare: indispensabile per avere successo nel dinamico mondo degli affari Perchè Negotiate.it?

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e del Governo TESI DI LAUREA in Management Pubblico FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEI

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare Obiettivi e metodologia Presentazione e premessa Breve presentazione personale Il tema Curricolo per competenze e didattica disciplinare sarà trattato

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GOFFREDO PARISE Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di I grado Sede associata CPIA (VI) - Centro Provinciale Istruzione Adulti Via IV Martiri, 71-36071 ARZIGNANO (VI)

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO.

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. Appunti incontro di giovedì 11 nov. 2002 Italo Fiorin STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. E ormai convinzione consolidata che, nell insegnamento, non si possa parlare di un metodo capace

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

VI. Il settore educazione fisica e sportiva

VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva 263 1. Obiettivi del settore Le ricerche effettuate in questi ultimi decenni hanno permesso all educazione fisica

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

Maria Antonietta CREA MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Maria Antonietta CREA MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 1 MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Ci sono diversi modelli di mangement che differiscono per: Obiettivi Struttura organizzativa Strategie di leadership 2 TRA I MODELLI DI MANAGEMENT PIÙ IMPORTANTI

Dettagli

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani 4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - Il ruolo delle organizzazioni di persone con disabilità nei

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Premessa Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Giovanna Baldini e Cristiana Vettori Libera Scuola Pisa Creare comunità consapevoli,

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Un'indagine conoscitiva

Un'indagine conoscitiva Un'indagine conoscitiva Annalisa Santini* - Marcello Pedone** 1. Premessa Il confronto con gli altri paesi dell area Europea e mondiale ci ha portato a riconoscere il valore universale della cultura matematica

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE La 4 a Conferenza Europea sulle Scuole che promuovono salute: Equità, Istruzione e Salute 7-9 Ottobre 2013 IL NOSTRO ABC PER EQUITÀ, ISTRUZIONE E SALUTE LA DICHIARAZIONE DI ODENSE: IL NOSTRO ABC PER EQUITÀ,

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

Presuppone una serie di passaggi metodologici:

Presuppone una serie di passaggi metodologici: Modello Trentino Nasce da un'esigenza di superamento sia della esplorazione dell'istituzione scolastica con i soli linguaggi della teoria dell'organizzazione, sia della riflessione eccessivamente autoreferenziale

Dettagli

Autovalutazione d'istituto

Autovalutazione d'istituto ASSOCIAZIONE MAGISTRALE NICCOLÒ TOMMASEO Autovalutazione d'istituto Insegnanti: professionisti riflessivi Scheda di riflessione sulla professione insegnante Copyright 2007 2013Associazione Magistrale Niccolò

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

LEADERSHIP Teorie della leadership

LEADERSHIP Teorie della leadership 1 LEADERSHIP Teorie della leadership L immagine del leader nella nostra società è stata sinteticamente delineata dai fratelli Johnson (2005), attraverso tre diverse fasi: Da essere leader, a fare il leader,

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come:

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come: Disciplina, inciampo felice, responsabilità: i tre contributi che fanno da prefazione a questo mio testo colgono ciascuno una componente rilevante del tema dell improvvisazione. Punti di vista peculiari

Dettagli