Giuseppe Maresca. Difesa della legalità nel settore finanziario Tor Vergata 17 aprile 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giuseppe Maresca. Difesa della legalità nel settore finanziario Tor Vergata 17 aprile 2014"

Transcript

1 Difesa della legalità nel settore finanziario Tor Vergata 17 aprile 2014 Giuseppe Maresca Direttore generale Prevenzione dei reati finanziari Ministero dell economia e delle finanze

2 Charles Ponzi Il setting è Boston, I soldi girano vorticosamente e la gente sogna di farcela. Ponzi è nato in Italia ed emigrato a vent anni. Ora ne ha 36, ha fatto molti lavori e ha tante idee. Tra le altre cose, ha ideato una pubblicazione da spedire in abbonamento che potesse raccogliere tutti gli avvisi pubblicitari una sorta di pagine gialle ma non è riuscito a trovare i capitali necessari a far partire l impresa.

3 Poi scopre che gli International Reply Coupons - i buoni di risposta postale - sono ancora venduti in Europa applicando un tasso di cambio pre-bellico, che non tiene conto della svalutazione delle divise europee. Acquista così i buoni in Europa e li redime in valuta americana, con forti guadagni: un arbitraggio. Può così dimostrare che si tratta di guadagni certi e comincia a raccogliere soldi per allargare l affare. La risposta è straordinaria, in pochi mesi raccoglie 10 milioni di dollari, e la speculazione sui buoni di risposta postale è troppo piccola per impiegarli tutti. Non rinuncia tuttavia a raccogliere nuovi capitali. Piramide

4 Esempio tipico di reato finanziario. Reato commesso utilizzando il denaro nelle sue varie forme che è sia il mezzo per commettere il reato, sia l oggetto del reato stesso. Il grado di inventiva, di innovazione è tale che spesso non è facile trovare la base legale per perseguire efficacemente i colpevoli. Ponzi fu condannato per frode postale!

5 Cosa c è di particolare in questa truffa? La credibilità: Ponzi prometteva ciò che la gente voleva credere. Parallelo con la medicina miracolistica, o anche con le promesse dei politici (oggi un po svalutate!). Per compiere questo reato (ma è un elemento che ricorre frequentemente nei reati finanziari) è necessaria la complicità della vittima. Questa si rende conto che sta prendendo parte a una situazione irregolare, o scorretta non vuole sapere (ma lo sospetta) che è illegale ma ritiene di avere buone ragioni per farlo.

6 Il caso moderno del finanziare Bernard Madoff. Cosa hanno in comune Madoff e Ponzi? Il primo è un finanziare colto e sofisticato, introdotto negli ambienti più esclusivi; il secondo è un immigrante che di finanza non sa niente. Vendono sogni: la voglia di arrivare in cima. Fare soldi, essere parte dell America che cresce, che ce la fa, il denaro come forma di democrazia, la gente comune di Ponzi; essere accettati nel club esclusivo, fare parte dei circoli che contano, i ricchi di Madoff. Ciascuno di loro promette quello che la gente vuole sentire.

7 Frequenti esempi anche in Italia (il Madoff dei Parioli): interessi elevati, poi la perdita del capitale. Questi naturalmente sono solo una parte dei reati finanziari, ovvero dell utilizzo degli strumenti finanziari del sistema finanziario per fini illeciti. Da un punto di vista tassonomico possiamo definire due grandi categorie: l approfittamento della parte debole (truffe, usura, condizioni di prestito) e i reati contro la collettività (riciclaggio, finanziamento del terrorismo).

8 Gli obbiettivi del credito al consumo 1. Agevolare l erogazione del credito alle famiglie (acquisto di un elettrodomestico, dell automobile, di un pacchetto turistico etc.) alle condizioni più favorevoli e trasparenti; 2. Sviluppo dell industria e del PIL, protezione del consumatore, evitare rischi sistemici; 3. Considerata la condizione di relativa debolezza contrattuale della parte consumatrice l industria è responsabile di valutare le condizioni finanziarie del cliente, evitando politiche commerciali aggressive.

9 Obbligo di verifica del merito creditizio del consumatore Prima della conclusione del contratto di credito, il creditore deve valutare il merito creditizio del consumatore sulla base di informazioni adeguate, se del caso fornite dal consumatore stesso e, ove necessario, ottenute consultando la banca dati pertinente. (Sovraindebitamento, incapacità di restituire, sofferenze, deterioramento del portafoglio, chiusura dell accesso al credito)

10 Informazioni da inserire nei contratti di credito a) il tipo di credito; b) la durata del contratto di credito; c) l'importo totale del credito; capitale, interessi, eventuali costi aggiuntivi; d) in caso di dilazione di pagamento il prezzo in contanti; e) il tasso annuo effettivo globale e l'importo totale che il consumatore è tenuto a pagare; f) l'importo, il numero e la periodicità dei pagamenti; g) il tasso degli interessi in caso di ritardi di pagamento; h) le garanzie e le assicurazioni richieste, se esistenti

11 Diritto di recesso Il consumatore dispone di un periodo di quattordici giorni di calendario per recedere dal contratto di credito senza dare alcuna motivazione. Rimborso anticipato Il consumatore ha il diritto di adempiere in qualsiasi momento, in tutto o in parte, agli obblighi che gli derivano dal contratto di credito.

12 AGENTI E MEDIATORI Situazione preesistente Agenti e mediatori non sottoposti a forme di vigilanza. Unico obbligo l iscrizione in un apposito registro tenuto dalla Banca d Italia. Vigilanza non serve perché non c è impatto sulla stabilità. È sufficiente l azione delle forze di polizia. Questa impostazione ha portato numerosi guasti: Un numero eccessivo di iscritti (oltre ), con molte duplicazioni e presenza di soggetti non più operativi Nessuna seria selezione all ingresso e mancanza di precise informazioni sugli operatori Nessuna distinzione pratica nell attività di agente e di mediatore. Le poche regole esistenti sono aggirate, eluse, disapplicate e apertamente violate Mancanza di: standard di professionalità, qualsiasi politica di formazione, obblighi di aggiornamento professionale.

13 AGENTI E MEDIATORI Problemi 1. Scarsa trasparenza; 2. insufficiente professionalità; 3. poca efficienza; 4. costi elevati a carico del consumatore. In breve: una rete non al servizio dell industria (intermediari e consumatori) ma totalmente autoreferenziale e capace di condizionare il mercato Inoltre: vulnerabilità a forme di illegalità Le garanzie prive di copertura. Possibilità di operare in ambito limitato con scarsi controlli, prestanome, indirizzo fittizio.

14 La nuova disciplina di agenti e mediatori TRE DIRETTRICI: 1. requisiti più elevati - di onorabilità, professionalità e patrimoniali per migliorare affidabilità, qualità dei servizi offerti e tutela dei clienti; 2. chiarezza nei rapporti con l intermediario finanziario; 3. separazione delle due figure professionali al fine di evitare sovrapposizioni che possano ingenerare confusione nel cliente. società di mediazione, indipendenti dalle banche, in grado di offrire al consumatore il prodotto finanziario che meglio si conforma alle sue necessità. agenti, adeguatamente qualificati, legati con un contratto a un intermediario finanziario.

15 Due problemi Sovraindebitamento il credito al consumo serve a distribuire il reddito atteso; non può sostituire il reddito che non c'è. la crescita lenta dell economia e la crisi economica hanno aumentato la fascia di popolazione finanziariamente fragile. Un qualsiasi shock, malattia, disoccupazione oppure cattiva valutazione del reddito atteso, fanno precipitare queste famiglie in un baratro senza uscita. Le associazioni di volontari contro l usura sono sole a fianco delle famiglie sovraindebitate. Credito eccessivo impatto sulle sofferenze impatto sui costi (elevati e poco differenziati per rischio cliente) in ogni caso il mediatore riceve sempre la sua commissione. I contratti che legano i mediatori agli intermediari basati sul volume di affari. Incentivi sbagliati.

16 Usura Sovraindebitamento e usura: due problemi diversi: il primo danneggia anche chi lo favorisce perché incaglia il consumatore. Il secondo è mirato a spogliare la vittima. Fenomeno economico, ancorché criminale. Si manifesta quando il soggetto non ha accesso al credito (per ragioni sistemiche o personali); ha a che vedere con il grado di concorrenza e dinamicità dell economia. Legata sempre di più alla criminalità organizzata e all economia sommersa. La legge 108: determinazione del tasso usura; sostegno economico all usurato che denuncia. Gli elementi psicologici dell usurato che rimane sempre un non bancabile. Logica dei tassi soglia: trasparenza, concorrenza.

17 Concezione oggettiva Concezione penale Concezione soggettiva Teoria economica Teoria medioevale del giusto prezzo Teoria delle imperfezioni della concorrenza Teoria dell economia parallela Causa dell usura Atto immorale Rendita del prestatore. Sopravalutazione della garanzia da parte dell usuraio Tipo di economia Economia medioevale non concorrenziale Concorrenza imperfetta Mercato nero del credito, problemi di escussione

18 Qual è la concezione italiana dell usura? La legge 108/1996 prevede tre tipi di usura: l usura pecuniaria in astratto per superamento del tasso limite: concezione oggettiva; l usura pecuniaria in concreto: concezione penale; l usura reale in concreto: concezione penale.

19 Il razionamento del credito: aspetti quantitativi

20 Il paradosso delle normative sull usura Giustificata dalla preoccupazione di proteggere i soggetti più deboli, può invece spingerli fuori dal sistema bancario formale, nelle mani degli usurai da cui dovevano essere protetti La normativa italiana con soglie evolutive sull usura non sembra un fattore determinante per spiegare le differenze di tassi d interesse nella zona euro

21 Il North Carolina Predatory Lending Act Liberalizzazione del tasso d interesse. Regolazione precisa delle prassi bancarie. Sono high cost home loans i mutui che hanno un tasso superiore di 8 punti al tasso dei Treasury Bond; o hanno dei costi (fee) superiori al 5% dell ammontare totale del mutuo; o hanno una penalità di rimborso anticipato che corrisponde a più di 30 mesi di rimborso. Per questi prestiti subprime: sono vietate alcune prassi: il balloon payment, certi tipi di rifinanziamento, certe assicurazioni, la negative amortization, è obbligatorio valutare la capacità di rimborso del debitore

22 Un North Carolina Act italiano per prevenire fenomeni di usura legale. Il mantenimento di una definizione oggettiva dell usura per i prestatori non abilitati ad esercitare professionalmente il credito. Il passaggio ad una definizione penale dell usura per le banche, accompagnata dal divieto di certe pratiche che possono condurre a fenomeni di usura legale.

23 GRANDEZZA DEL SOMMERSO Nel 2008 il valore del sommerso ha raggiunto 275 miliardi di euro, in crescita del 3,8% rispetto al Si tratta del primo aumento dal picco del La sua quota sul PIL è pari al 16,9%. Se si esclude il valore aggiunto generato da pubblica amministrazione e banche (la cui attività è interamente emersa), nel 2008 la quota del sommerso sul PIL è del 21,3%. Secondo stime della Confindustria il sommerso è cresciuto fortemente nel 2009, oltrepassando il 20% del PIL.

24 IL SOMMERSO NEL RESTO D EUROPA

25 CONTANTE E PLASTICA Tra i paesi europei, l Italia ha il più elevato utilizzo del contante. Le transazioni in contante rappresentano numericamente il 90% del totale, a fronte di un dato europeo (media dei principali Paesi europei - Francia, Germania, Gran Bretagna, Olanda e Belgio), intorno al 70%. Questo dato è specchiato nell utilizzo delle carte di credito e nella plastica più in generale. Per quanto il numero delle carte in Italia sia comparabile con quello degli altri paesi europei, il numero di operazioni, il tasso di utilizzo della carta, è ancora nettamente inferiore. Nel 2009 il numero di carte di credito e di debito in circolazione nel nostro Paese è rimasta stabile ma sono diminuite le carte di credito attive (- 5,7%) e si è ridotto il tasso di attività (45% del totale).

26 SOMMERSO E CONTANTE

27 Norme italiane 1. Sono permesse le transazioni in contanti o con strumenti al portatore per importi fino a euro. Transazioni di importo superiore devono essere fatte tramite un intermediario finanziario o con strumenti tracciabili. 2. È scoraggiato l uso di assegni trasferibili anche sotto la soglia di euro (richiesta scritta e imposta, divieto di circolazione per gli assegni a me medesimo ). 3. Transazioni in contanti con intermediari finanziari, insolitamente frequenti, di importo superiore a euro, possono essere oggetto di segnalazione di operazione sospetta. 4. I trasferimenti oltrefrontiera di contante e titoli al portatore per importi superiori a euro devono essere dichiarati.

28 IL PESO DELLE ATTIVITÀ ILLEGALI 1. Non si tratta di attività marginali. Non solo sono rilevanti in determinate aree ma creano anche importanti connessioni economiche inter-regionali. 2. Non si tratta di attività isolate. Essendo illegali si appoggiano sull economia sommersa esistente, rafforzandola. 3. In presenza di criminalità organizzata ogni attività economica informale diventa possibile preda della criminalità 4. La scelta dell operatore tra economia in chiaro e economia sommersa obbedisce a logiche non riconducibili a motivazioni esclusivamente economiche. 5. Una quota di sommerso legale è talmente connesso con attività illegali da essere influenzato dagli stessi fattori

29 LIMITI DEI VINCOLI AMMINISTRATIVI Gli interventi normativi in campo fiscale e quelli tesi a limitare l uso del contante hanno una lunga tradizione nel sistema italiano. D altra parte: 1. la disposizione normativa di per sé non garantisce l atteso comportamento del consumatore (anche in presenza delle necessarie sanzioni); 2. occorre ricordare che le misure sopra elencate avrebbero comunque un impatto estremamente limitato sull economia illegale e sul sommerso sul quale si innesta. Per converso, la lotta tenace e senza compromessi all economia illegale agevolerebbe l emersione di pezzi importanti di economia. Combattere il sommerso e combattere l illegalità sono due obbiettivi paralleli e perfettamente complementari

30 AZIONI POSITIVE Creare un sistema di incentivi che contribuisca a contenere e bilanciare i costi che la normativa impone a carico dei consumatori; questi incentivi servono anche a rendere più interessante e non solo obbligatorio il ricorso all intermediazione finanziaria. Tre aspetti: 1. nuovi prodotti e servizi bancari, a misura delle esigenze dei nuovi potenziali clienti; 2. maggiore semplicità e trasparenza nella struttura dei costi; 3. maggior rapidità e protezione del consumatore nella risoluzione delle controversie con la clientela. Miglioramento dei servizi amministrativi, sia da parte di soggetti pubblici si da parte di soggetti privati. L ampliamento e miglioramento qualitativo dei servizi di pagamento elettronico incide sulla domanda di contante, anche come fattore culturale.

31 SUBPRIME MORTGAGE CRISIS

32 SUBPRIME MORTGAGE CRISIS 1. Real estate crisis and financial crisis, triggered by mortgage delinquencies and foreclosures in the US, with major consequences for financial markets around the globe 2. The crisis, which has its roots in the closing years of the 20th century, became apparent in 2007 and has exposed pervasive weaknesses in financial industry regulation and the global financial system.

33 BACKGROUND AND TIMELINE OF EVENTS 1. Significant amounts of foreign money flowed into the U.S. from fastgrowing economies in Asia and oilproducing countries 2. Low U.S. interest rates from Housing and credit bubbles 4. Subprime borrowers (Loan incentives, long-term trend of rising housing prices) 5. Mortgage-backed securities MBS (institutions and investors around the world to invest in the U.S. housing market)

34 BACKGROUND AND TIMELINE OF EVENTS 6. Bursting of the US housing bubble which peaked in approximately Interest rates (ARM) began to rise and housing prices started to drop in (refinancing became more difficult) 8. Defaults and foreclosure increased dramatically (homes worth less than the mortgage loan) 9. Securities backed with subprime mortgages lost most of their value.

35 BACKGROUND AND TIMELINE OF EVENTS 10. Major global financial institutions (esp. investment banks and hedge funds, the shadow banking system ) that had borrowed and invested heavily in subprime MBS reported significant losses. 11. Large decline in the capital of many banks and U.S. government sponsored enterprises. 12. Credit tightening around the world.

36 CAUSES Inability of homeowners to make their mortgage payments: 1. adjustable-rate mortgages resetting 2. borrowers overextending 3. predatory lending 4. speculation and overbuilding during the boom period 5. risky mortgage products 6. high personal and corporate debt levels 7. financial products that distributed and perhaps concealed the risk of mortgage default 8. monetary policy 9. international trade imbalances 10. government regulation (or the lack thereof). Three important catalysts of the subprime crisis were: the influx of moneys from the private sector, the banks entering into the mortgage bond market and the predatory lending practices of mortgage brokers.

37 Cash Securities Payments Loans Cash Lender Broker Loan Borrower Step 1 The Borrower obtains a loan from a Lender. This may be done with the help from a Mortgage Broker. Step 2 The Lender sells the loan to the Issuer and the Borrower begin making payments to the Servicer Servicer Trustee Issuer Underwriter Rating Agency Credit Enhancement Provider Step 3 The Issuer sells securities to the Investors. The Underwriter assists in the sale, the Rating Agency rates the securities, and Credit Enhancement may be obtained Investor Step 4 The Servicer collects payments for the Issuer. The Servicer and the Trustee manage delinquent loans

38

39

40 THE SHADOW BANKING SYSTEM: A WAY ROUND REGULATION 1. Many financial institutions, investment banks in particular, issued large amounts of debt during , and invested the proceeds in MBS, betting that house prices would continue to rise. Financial leverage. 2. During 2008, Lehman Brothers went bankrupt and Bear Stearns and Merrill Lynch were sold to other banks. These failures augmented the instability in the global financial system. Morgan Stanley and Goldman Sachs were saved with public money and opted to become commercial banks, thereby subjecting themselves to more stringent regulation. 3. In the years leading up to the crisis, the top four U.S. depository banks moved an estimated $5.2 trillion in assets and liabilities off-balance sheet into special purpose vehicles or other entities in the shadow banking system. This enabled them to essentially bypass existing regulations regarding minimum capital ratios.

41 CREDIT DEFAULT SWAPS 1. Credit default swaps (CDS) are financial instruments used as a hedge and protection for debtholders, in particular MBS investors, from the risk of default. 2. The volume of CDS outstanding increased 100-fold from 1998 to 2008 (estimates of the debt covered by CDS contracts ranging from US$33 to $47 trillion). CDS are lightly regulated, no central clearing house, inadequate disclosure of CDS-related obligations. Insurance companies such as the American International Group (AIG) faced ratings downgrades because of their potential exposure to CDS losses. 3. With this complicated intertwining of bets of great magnitude, no one could be sure of the financial position of anyone else-or even of one's own position. Not surprisingly, the credit markets froze.

42 BOOM AND COLLAPSE OF THE SHADOW BANKING SYSTEM 1. In early 2007, asset-backed commercial paper conduits, in structured investment vehicles, in auction-rate preferred securities, tender option bonds and variable rate demand notes, had a combined asset size of roughly $2.2 trillion. Assets financed overnight in triparty repo grew to $2.5 trillion. Assets held in hedge funds grew to roughly $1.8 trillion. The combined balance sheets of the then five major investment banks totaled $4 trillion. In comparison, the total assets of the top five bank holding companies in the United States at that point were just over $6 trillion, and total assets of the entire banking system were about $10 trillion. 2.These entities were not subject to the same regulatory controls as depository banks and were vulnerable because they borrowed short-term in liquid markets to purchase long-term, illiquid and risky assets. Disruptions in credit markets made them subject to rapid deleveraging, selling their longterm assets at depressed prices. 3.The securitization markets supported by the shadow banking system started to close down in the spring of 2007 and nearly shut-down in the fall of More than a third of the private credit markets thus became unavailable as a source of funds. The traditional banking system does not have the capital to close this gap.

43 Grazie per l attenzione

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria CAPIRE LA FINANZA La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria Indice I. Il sistema di cartolarizzazione dei crediti I.1. Chi ha inventato il sistema di cartolarizzazione? II. La genesi

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic XVI Convention IBAN Dall Entrepreneurship al Capitale di Rischio dei Business Angels Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic Guido Ferrarini

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 COMUNICATO STAMPA Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 Il Consiglio di Amministrazione di IVS Group S.A.

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Definizione di investment banking e commercial banking e finalità delle presenti FAQ

Definizione di investment banking e commercial banking e finalità delle presenti FAQ Domande frequenti (Frequently Asked Questions - FAQ) su argomenti selezionati in materia di antiriciclaggio di denaro nel contesto dell'investment banking e del commercial banking Preambolo Il Gruppo Wolfsberg

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Aspetti critici e rimedi Avv. Giovanni Indirli Senior attorney +32 2 5515961 gindirli@mayerbrown.com 21 Maggio 2010 Mayer Brown is a

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

I regolamenti europei EMIR e REMIT

I regolamenti europei EMIR e REMIT I regolamenti europei EMIR e REMIT Implementazione pratica per un azienda NFC- Sommario I. L EMIR ed i suoi obblighi II. REMIT e i suoi obblighi III. EMIR: l implementazione pratica in azienda Che cos

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE Moderatore: Giuliano Bidoli Head of Tax, Experta Corporate and Trust Services S.A. Relatori: Massimo Contini Senior Relationship

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di rischio:

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Da Mary Poppins a Northern Rock. Spunti sulle corse agli sportelli moderne

Da Mary Poppins a Northern Rock. Spunti sulle corse agli sportelli moderne storie 81 Da Mary Poppins a Northern Rock. Spunti sulle corse agli sportelli moderne di Bernardo Bortolotti e Hyun Song Shin So m m a r i o: La corsa agli sportelli di Northern Rock, avvenuta nel settembre

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure.

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. TRADUZIONE A CURA DI ASSUNTA ARTE E ROCCO CAIVANO Prima versione dell IFLA 1954 Revisioni principali

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità Cristiana Brocchetti Milano, 17 dicembre 2012 1 Tradizionale o Alternativo? Due le principali aree che caratterizzano le tipologie di investimento: Tradizionali

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli