Giuseppe Maresca. Difesa della legalità nel settore finanziario Tor Vergata 17 aprile 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giuseppe Maresca. Difesa della legalità nel settore finanziario Tor Vergata 17 aprile 2014"

Transcript

1 Difesa della legalità nel settore finanziario Tor Vergata 17 aprile 2014 Giuseppe Maresca Direttore generale Prevenzione dei reati finanziari Ministero dell economia e delle finanze

2 Charles Ponzi Il setting è Boston, I soldi girano vorticosamente e la gente sogna di farcela. Ponzi è nato in Italia ed emigrato a vent anni. Ora ne ha 36, ha fatto molti lavori e ha tante idee. Tra le altre cose, ha ideato una pubblicazione da spedire in abbonamento che potesse raccogliere tutti gli avvisi pubblicitari una sorta di pagine gialle ma non è riuscito a trovare i capitali necessari a far partire l impresa.

3 Poi scopre che gli International Reply Coupons - i buoni di risposta postale - sono ancora venduti in Europa applicando un tasso di cambio pre-bellico, che non tiene conto della svalutazione delle divise europee. Acquista così i buoni in Europa e li redime in valuta americana, con forti guadagni: un arbitraggio. Può così dimostrare che si tratta di guadagni certi e comincia a raccogliere soldi per allargare l affare. La risposta è straordinaria, in pochi mesi raccoglie 10 milioni di dollari, e la speculazione sui buoni di risposta postale è troppo piccola per impiegarli tutti. Non rinuncia tuttavia a raccogliere nuovi capitali. Piramide

4 Esempio tipico di reato finanziario. Reato commesso utilizzando il denaro nelle sue varie forme che è sia il mezzo per commettere il reato, sia l oggetto del reato stesso. Il grado di inventiva, di innovazione è tale che spesso non è facile trovare la base legale per perseguire efficacemente i colpevoli. Ponzi fu condannato per frode postale!

5 Cosa c è di particolare in questa truffa? La credibilità: Ponzi prometteva ciò che la gente voleva credere. Parallelo con la medicina miracolistica, o anche con le promesse dei politici (oggi un po svalutate!). Per compiere questo reato (ma è un elemento che ricorre frequentemente nei reati finanziari) è necessaria la complicità della vittima. Questa si rende conto che sta prendendo parte a una situazione irregolare, o scorretta non vuole sapere (ma lo sospetta) che è illegale ma ritiene di avere buone ragioni per farlo.

6 Il caso moderno del finanziare Bernard Madoff. Cosa hanno in comune Madoff e Ponzi? Il primo è un finanziare colto e sofisticato, introdotto negli ambienti più esclusivi; il secondo è un immigrante che di finanza non sa niente. Vendono sogni: la voglia di arrivare in cima. Fare soldi, essere parte dell America che cresce, che ce la fa, il denaro come forma di democrazia, la gente comune di Ponzi; essere accettati nel club esclusivo, fare parte dei circoli che contano, i ricchi di Madoff. Ciascuno di loro promette quello che la gente vuole sentire.

7 Frequenti esempi anche in Italia (il Madoff dei Parioli): interessi elevati, poi la perdita del capitale. Questi naturalmente sono solo una parte dei reati finanziari, ovvero dell utilizzo degli strumenti finanziari del sistema finanziario per fini illeciti. Da un punto di vista tassonomico possiamo definire due grandi categorie: l approfittamento della parte debole (truffe, usura, condizioni di prestito) e i reati contro la collettività (riciclaggio, finanziamento del terrorismo).

8 Gli obbiettivi del credito al consumo 1. Agevolare l erogazione del credito alle famiglie (acquisto di un elettrodomestico, dell automobile, di un pacchetto turistico etc.) alle condizioni più favorevoli e trasparenti; 2. Sviluppo dell industria e del PIL, protezione del consumatore, evitare rischi sistemici; 3. Considerata la condizione di relativa debolezza contrattuale della parte consumatrice l industria è responsabile di valutare le condizioni finanziarie del cliente, evitando politiche commerciali aggressive.

9 Obbligo di verifica del merito creditizio del consumatore Prima della conclusione del contratto di credito, il creditore deve valutare il merito creditizio del consumatore sulla base di informazioni adeguate, se del caso fornite dal consumatore stesso e, ove necessario, ottenute consultando la banca dati pertinente. (Sovraindebitamento, incapacità di restituire, sofferenze, deterioramento del portafoglio, chiusura dell accesso al credito)

10 Informazioni da inserire nei contratti di credito a) il tipo di credito; b) la durata del contratto di credito; c) l'importo totale del credito; capitale, interessi, eventuali costi aggiuntivi; d) in caso di dilazione di pagamento il prezzo in contanti; e) il tasso annuo effettivo globale e l'importo totale che il consumatore è tenuto a pagare; f) l'importo, il numero e la periodicità dei pagamenti; g) il tasso degli interessi in caso di ritardi di pagamento; h) le garanzie e le assicurazioni richieste, se esistenti

11 Diritto di recesso Il consumatore dispone di un periodo di quattordici giorni di calendario per recedere dal contratto di credito senza dare alcuna motivazione. Rimborso anticipato Il consumatore ha il diritto di adempiere in qualsiasi momento, in tutto o in parte, agli obblighi che gli derivano dal contratto di credito.

12 AGENTI E MEDIATORI Situazione preesistente Agenti e mediatori non sottoposti a forme di vigilanza. Unico obbligo l iscrizione in un apposito registro tenuto dalla Banca d Italia. Vigilanza non serve perché non c è impatto sulla stabilità. È sufficiente l azione delle forze di polizia. Questa impostazione ha portato numerosi guasti: Un numero eccessivo di iscritti (oltre ), con molte duplicazioni e presenza di soggetti non più operativi Nessuna seria selezione all ingresso e mancanza di precise informazioni sugli operatori Nessuna distinzione pratica nell attività di agente e di mediatore. Le poche regole esistenti sono aggirate, eluse, disapplicate e apertamente violate Mancanza di: standard di professionalità, qualsiasi politica di formazione, obblighi di aggiornamento professionale.

13 AGENTI E MEDIATORI Problemi 1. Scarsa trasparenza; 2. insufficiente professionalità; 3. poca efficienza; 4. costi elevati a carico del consumatore. In breve: una rete non al servizio dell industria (intermediari e consumatori) ma totalmente autoreferenziale e capace di condizionare il mercato Inoltre: vulnerabilità a forme di illegalità Le garanzie prive di copertura. Possibilità di operare in ambito limitato con scarsi controlli, prestanome, indirizzo fittizio.

14 La nuova disciplina di agenti e mediatori TRE DIRETTRICI: 1. requisiti più elevati - di onorabilità, professionalità e patrimoniali per migliorare affidabilità, qualità dei servizi offerti e tutela dei clienti; 2. chiarezza nei rapporti con l intermediario finanziario; 3. separazione delle due figure professionali al fine di evitare sovrapposizioni che possano ingenerare confusione nel cliente. società di mediazione, indipendenti dalle banche, in grado di offrire al consumatore il prodotto finanziario che meglio si conforma alle sue necessità. agenti, adeguatamente qualificati, legati con un contratto a un intermediario finanziario.

15 Due problemi Sovraindebitamento il credito al consumo serve a distribuire il reddito atteso; non può sostituire il reddito che non c'è. la crescita lenta dell economia e la crisi economica hanno aumentato la fascia di popolazione finanziariamente fragile. Un qualsiasi shock, malattia, disoccupazione oppure cattiva valutazione del reddito atteso, fanno precipitare queste famiglie in un baratro senza uscita. Le associazioni di volontari contro l usura sono sole a fianco delle famiglie sovraindebitate. Credito eccessivo impatto sulle sofferenze impatto sui costi (elevati e poco differenziati per rischio cliente) in ogni caso il mediatore riceve sempre la sua commissione. I contratti che legano i mediatori agli intermediari basati sul volume di affari. Incentivi sbagliati.

16 Usura Sovraindebitamento e usura: due problemi diversi: il primo danneggia anche chi lo favorisce perché incaglia il consumatore. Il secondo è mirato a spogliare la vittima. Fenomeno economico, ancorché criminale. Si manifesta quando il soggetto non ha accesso al credito (per ragioni sistemiche o personali); ha a che vedere con il grado di concorrenza e dinamicità dell economia. Legata sempre di più alla criminalità organizzata e all economia sommersa. La legge 108: determinazione del tasso usura; sostegno economico all usurato che denuncia. Gli elementi psicologici dell usurato che rimane sempre un non bancabile. Logica dei tassi soglia: trasparenza, concorrenza.

17 Concezione oggettiva Concezione penale Concezione soggettiva Teoria economica Teoria medioevale del giusto prezzo Teoria delle imperfezioni della concorrenza Teoria dell economia parallela Causa dell usura Atto immorale Rendita del prestatore. Sopravalutazione della garanzia da parte dell usuraio Tipo di economia Economia medioevale non concorrenziale Concorrenza imperfetta Mercato nero del credito, problemi di escussione

18 Qual è la concezione italiana dell usura? La legge 108/1996 prevede tre tipi di usura: l usura pecuniaria in astratto per superamento del tasso limite: concezione oggettiva; l usura pecuniaria in concreto: concezione penale; l usura reale in concreto: concezione penale.

19 Il razionamento del credito: aspetti quantitativi

20 Il paradosso delle normative sull usura Giustificata dalla preoccupazione di proteggere i soggetti più deboli, può invece spingerli fuori dal sistema bancario formale, nelle mani degli usurai da cui dovevano essere protetti La normativa italiana con soglie evolutive sull usura non sembra un fattore determinante per spiegare le differenze di tassi d interesse nella zona euro

21 Il North Carolina Predatory Lending Act Liberalizzazione del tasso d interesse. Regolazione precisa delle prassi bancarie. Sono high cost home loans i mutui che hanno un tasso superiore di 8 punti al tasso dei Treasury Bond; o hanno dei costi (fee) superiori al 5% dell ammontare totale del mutuo; o hanno una penalità di rimborso anticipato che corrisponde a più di 30 mesi di rimborso. Per questi prestiti subprime: sono vietate alcune prassi: il balloon payment, certi tipi di rifinanziamento, certe assicurazioni, la negative amortization, è obbligatorio valutare la capacità di rimborso del debitore

22 Un North Carolina Act italiano per prevenire fenomeni di usura legale. Il mantenimento di una definizione oggettiva dell usura per i prestatori non abilitati ad esercitare professionalmente il credito. Il passaggio ad una definizione penale dell usura per le banche, accompagnata dal divieto di certe pratiche che possono condurre a fenomeni di usura legale.

23 GRANDEZZA DEL SOMMERSO Nel 2008 il valore del sommerso ha raggiunto 275 miliardi di euro, in crescita del 3,8% rispetto al Si tratta del primo aumento dal picco del La sua quota sul PIL è pari al 16,9%. Se si esclude il valore aggiunto generato da pubblica amministrazione e banche (la cui attività è interamente emersa), nel 2008 la quota del sommerso sul PIL è del 21,3%. Secondo stime della Confindustria il sommerso è cresciuto fortemente nel 2009, oltrepassando il 20% del PIL.

24 IL SOMMERSO NEL RESTO D EUROPA

25 CONTANTE E PLASTICA Tra i paesi europei, l Italia ha il più elevato utilizzo del contante. Le transazioni in contante rappresentano numericamente il 90% del totale, a fronte di un dato europeo (media dei principali Paesi europei - Francia, Germania, Gran Bretagna, Olanda e Belgio), intorno al 70%. Questo dato è specchiato nell utilizzo delle carte di credito e nella plastica più in generale. Per quanto il numero delle carte in Italia sia comparabile con quello degli altri paesi europei, il numero di operazioni, il tasso di utilizzo della carta, è ancora nettamente inferiore. Nel 2009 il numero di carte di credito e di debito in circolazione nel nostro Paese è rimasta stabile ma sono diminuite le carte di credito attive (- 5,7%) e si è ridotto il tasso di attività (45% del totale).

26 SOMMERSO E CONTANTE

27 Norme italiane 1. Sono permesse le transazioni in contanti o con strumenti al portatore per importi fino a euro. Transazioni di importo superiore devono essere fatte tramite un intermediario finanziario o con strumenti tracciabili. 2. È scoraggiato l uso di assegni trasferibili anche sotto la soglia di euro (richiesta scritta e imposta, divieto di circolazione per gli assegni a me medesimo ). 3. Transazioni in contanti con intermediari finanziari, insolitamente frequenti, di importo superiore a euro, possono essere oggetto di segnalazione di operazione sospetta. 4. I trasferimenti oltrefrontiera di contante e titoli al portatore per importi superiori a euro devono essere dichiarati.

28 IL PESO DELLE ATTIVITÀ ILLEGALI 1. Non si tratta di attività marginali. Non solo sono rilevanti in determinate aree ma creano anche importanti connessioni economiche inter-regionali. 2. Non si tratta di attività isolate. Essendo illegali si appoggiano sull economia sommersa esistente, rafforzandola. 3. In presenza di criminalità organizzata ogni attività economica informale diventa possibile preda della criminalità 4. La scelta dell operatore tra economia in chiaro e economia sommersa obbedisce a logiche non riconducibili a motivazioni esclusivamente economiche. 5. Una quota di sommerso legale è talmente connesso con attività illegali da essere influenzato dagli stessi fattori

29 LIMITI DEI VINCOLI AMMINISTRATIVI Gli interventi normativi in campo fiscale e quelli tesi a limitare l uso del contante hanno una lunga tradizione nel sistema italiano. D altra parte: 1. la disposizione normativa di per sé non garantisce l atteso comportamento del consumatore (anche in presenza delle necessarie sanzioni); 2. occorre ricordare che le misure sopra elencate avrebbero comunque un impatto estremamente limitato sull economia illegale e sul sommerso sul quale si innesta. Per converso, la lotta tenace e senza compromessi all economia illegale agevolerebbe l emersione di pezzi importanti di economia. Combattere il sommerso e combattere l illegalità sono due obbiettivi paralleli e perfettamente complementari

30 AZIONI POSITIVE Creare un sistema di incentivi che contribuisca a contenere e bilanciare i costi che la normativa impone a carico dei consumatori; questi incentivi servono anche a rendere più interessante e non solo obbligatorio il ricorso all intermediazione finanziaria. Tre aspetti: 1. nuovi prodotti e servizi bancari, a misura delle esigenze dei nuovi potenziali clienti; 2. maggiore semplicità e trasparenza nella struttura dei costi; 3. maggior rapidità e protezione del consumatore nella risoluzione delle controversie con la clientela. Miglioramento dei servizi amministrativi, sia da parte di soggetti pubblici si da parte di soggetti privati. L ampliamento e miglioramento qualitativo dei servizi di pagamento elettronico incide sulla domanda di contante, anche come fattore culturale.

31 SUBPRIME MORTGAGE CRISIS

32 SUBPRIME MORTGAGE CRISIS 1. Real estate crisis and financial crisis, triggered by mortgage delinquencies and foreclosures in the US, with major consequences for financial markets around the globe 2. The crisis, which has its roots in the closing years of the 20th century, became apparent in 2007 and has exposed pervasive weaknesses in financial industry regulation and the global financial system.

33 BACKGROUND AND TIMELINE OF EVENTS 1. Significant amounts of foreign money flowed into the U.S. from fastgrowing economies in Asia and oilproducing countries 2. Low U.S. interest rates from Housing and credit bubbles 4. Subprime borrowers (Loan incentives, long-term trend of rising housing prices) 5. Mortgage-backed securities MBS (institutions and investors around the world to invest in the U.S. housing market)

34 BACKGROUND AND TIMELINE OF EVENTS 6. Bursting of the US housing bubble which peaked in approximately Interest rates (ARM) began to rise and housing prices started to drop in (refinancing became more difficult) 8. Defaults and foreclosure increased dramatically (homes worth less than the mortgage loan) 9. Securities backed with subprime mortgages lost most of their value.

35 BACKGROUND AND TIMELINE OF EVENTS 10. Major global financial institutions (esp. investment banks and hedge funds, the shadow banking system ) that had borrowed and invested heavily in subprime MBS reported significant losses. 11. Large decline in the capital of many banks and U.S. government sponsored enterprises. 12. Credit tightening around the world.

36 CAUSES Inability of homeowners to make their mortgage payments: 1. adjustable-rate mortgages resetting 2. borrowers overextending 3. predatory lending 4. speculation and overbuilding during the boom period 5. risky mortgage products 6. high personal and corporate debt levels 7. financial products that distributed and perhaps concealed the risk of mortgage default 8. monetary policy 9. international trade imbalances 10. government regulation (or the lack thereof). Three important catalysts of the subprime crisis were: the influx of moneys from the private sector, the banks entering into the mortgage bond market and the predatory lending practices of mortgage brokers.

37 Cash Securities Payments Loans Cash Lender Broker Loan Borrower Step 1 The Borrower obtains a loan from a Lender. This may be done with the help from a Mortgage Broker. Step 2 The Lender sells the loan to the Issuer and the Borrower begin making payments to the Servicer Servicer Trustee Issuer Underwriter Rating Agency Credit Enhancement Provider Step 3 The Issuer sells securities to the Investors. The Underwriter assists in the sale, the Rating Agency rates the securities, and Credit Enhancement may be obtained Investor Step 4 The Servicer collects payments for the Issuer. The Servicer and the Trustee manage delinquent loans

38

39

40 THE SHADOW BANKING SYSTEM: A WAY ROUND REGULATION 1. Many financial institutions, investment banks in particular, issued large amounts of debt during , and invested the proceeds in MBS, betting that house prices would continue to rise. Financial leverage. 2. During 2008, Lehman Brothers went bankrupt and Bear Stearns and Merrill Lynch were sold to other banks. These failures augmented the instability in the global financial system. Morgan Stanley and Goldman Sachs were saved with public money and opted to become commercial banks, thereby subjecting themselves to more stringent regulation. 3. In the years leading up to the crisis, the top four U.S. depository banks moved an estimated $5.2 trillion in assets and liabilities off-balance sheet into special purpose vehicles or other entities in the shadow banking system. This enabled them to essentially bypass existing regulations regarding minimum capital ratios.

41 CREDIT DEFAULT SWAPS 1. Credit default swaps (CDS) are financial instruments used as a hedge and protection for debtholders, in particular MBS investors, from the risk of default. 2. The volume of CDS outstanding increased 100-fold from 1998 to 2008 (estimates of the debt covered by CDS contracts ranging from US$33 to $47 trillion). CDS are lightly regulated, no central clearing house, inadequate disclosure of CDS-related obligations. Insurance companies such as the American International Group (AIG) faced ratings downgrades because of their potential exposure to CDS losses. 3. With this complicated intertwining of bets of great magnitude, no one could be sure of the financial position of anyone else-or even of one's own position. Not surprisingly, the credit markets froze.

42 BOOM AND COLLAPSE OF THE SHADOW BANKING SYSTEM 1. In early 2007, asset-backed commercial paper conduits, in structured investment vehicles, in auction-rate preferred securities, tender option bonds and variable rate demand notes, had a combined asset size of roughly $2.2 trillion. Assets financed overnight in triparty repo grew to $2.5 trillion. Assets held in hedge funds grew to roughly $1.8 trillion. The combined balance sheets of the then five major investment banks totaled $4 trillion. In comparison, the total assets of the top five bank holding companies in the United States at that point were just over $6 trillion, and total assets of the entire banking system were about $10 trillion. 2.These entities were not subject to the same regulatory controls as depository banks and were vulnerable because they borrowed short-term in liquid markets to purchase long-term, illiquid and risky assets. Disruptions in credit markets made them subject to rapid deleveraging, selling their longterm assets at depressed prices. 3.The securitization markets supported by the shadow banking system started to close down in the spring of 2007 and nearly shut-down in the fall of More than a third of the private credit markets thus became unavailable as a source of funds. The traditional banking system does not have the capital to close this gap.

43 Grazie per l attenzione

L evoluzione della distribuzione nel credito al consumo e nei mutui casa. Roma, 22 novembre 2011

L evoluzione della distribuzione nel credito al consumo e nei mutui casa. Roma, 22 novembre 2011 L evoluzione della distribuzione nel credito al consumo e nei mutui casa Roma, 22 novembre 2011 Gli obbiettivi del credito al consumo sviluppo dell industria e del PIL, protezione del consumatore, evitare

Dettagli

OPZIONI REALI. Sergio Vergalli Università di Brescia

OPZIONI REALI. Sergio Vergalli Università di Brescia OPZIONI REALI Sergio Vergalli Università di Brescia Altre società How to Invest in Uncertain Times Di cosa parleremo Vendere allo scoperto Da non confondere.. Arbitraggio In economia e in finanza, un

Dettagli

Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche

Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche 1 / 22 Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche Marco Grazzi LEM, Scuola Superiore Sant Anna, Pisa Sant Anna Science Cafè Pisa 18 Giugno 2009 2 / 22 Crisi: le differenze di oggi rispetto al

Dettagli

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive MUTUI SUBPRIME Casus belli LA LEVA/LEVERAGE utilizzata dalle banche RISCHIO POTENZIALE > PATRIMONI DISPONIBILI (fonte R&S

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities. Lara Patrignani 16 Marzo 2004

Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities. Lara Patrignani 16 Marzo 2004 Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities Lara Patrignani 16 Marzo 2004 Agenda RMBS in Europa Metodologia di Analisi RMBS Portafoglio Immobiliare Struttura Mortgaged Covered Bonds Dimensione

Dettagli

La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre

La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti Contabili Bergamo, 11 febbraio 2011 PROF. MARIO COMANA Ordinario

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

Asset Management Bond per residenti in Italia

Asset Management Bond per residenti in Italia Asset Management Bond per residenti in Italia Agosto 2013 1 SEB Life International SEB Life International (SEB LI www.seb.ie) società irlandese interamente controllata da SEB Trygg Liv Holding AB, parte

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Economia Pubblica Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline I Richiami di Economia del Benessere Economia di mercato e Intervento pubblico

Dettagli

LINEE GUIDA IL CREDITO AL CONSUMO

LINEE GUIDA IL CREDITO AL CONSUMO Gennaio 2015 Cos è il credito al consumo? É un prestito finanziario destinato all acquisto di un bene, durevole o non durevole, concesso al cliente consumatore da una banca o da una società finanziaria

Dettagli

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 RISCHIO DI LIQUIDITA - DEFINIZIONE Per le istituzioni finanziarie: Si intende

Dettagli

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo 1 Premessa Le modifiche in materia di Credito al Consumo sono volte: ad ampliare l ambito di applicazione della disciplina contenuta nel Testo Unico Bancario

Dettagli

Osservazioni al Libro Verde Il credito ipotecario nell UE ; COM (2005) 327 definitivo, Bruxelles 19.7.2005.

Osservazioni al Libro Verde Il credito ipotecario nell UE ; COM (2005) 327 definitivo, Bruxelles 19.7.2005. Raffaele Volante Professore Associato di Diritto Comune Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Giurisprudenza Corso Ercole I d Este 37 Ferrara 44100 Tel. +39 0532 291672 Fax +39 0532 200188 vlr@unife.it

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria 3. L impatto della crisi del settore bancario

Dettagli

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio The Economics of Structured Finance Economia delle scelte di portafoglio La finanza strutturata è il pooling di attività (e.g. prestiti, obbligazioni, mutui) e la conseguente emissione di trance con differenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Tassi di interesse Per ciascuna divisa, sono regolarmente quotati diversi

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI

PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI IL SISTEMA FINANZIARIO E L'INTERMEDIAZIONE DEL CREDITO I soggetti operanti nell intermediazione creditizia: gli intermediari

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

La crisi dei mutui subprime: una panoramica. Annamaria Lusardi Professore di economia Dartmouth College USA

La crisi dei mutui subprime: una panoramica. Annamaria Lusardi Professore di economia Dartmouth College USA La crisi dei mutui subprime: una panoramica Annamaria Lusardi Professore di economia Dartmouth College USA Ringraziamenti Un grazie a chi ha contribuito alla realizzazione di questa presentazione con idee

Dettagli

Trasferimento del Rischio e Liberazione di Capitale

Trasferimento del Rischio e Liberazione di Capitale Trasferimento del Rischio e Liberazione di Capitale Giuliano Giovanne+ Arch MI Convegno ABI Basilea 3 17 Giugno 2014 1 Trasferire il rischio Perché è importante in questa crisi InfrastruFura bancaria già

Dettagli

MALTA. Sviluppo e Crescita: in pole position per fondi UCITS e fondi alternativi. Palazzo Mezzanotte, Milano Joseph Camilleri - Valletta Fund Services

MALTA. Sviluppo e Crescita: in pole position per fondi UCITS e fondi alternativi. Palazzo Mezzanotte, Milano Joseph Camilleri - Valletta Fund Services MALTA Sviluppo e Crescita: in pole position per fondi UCITS e fondi alternativi Palazzo Mezzanotte, Milano Joseph Camilleri - Valletta Fund Services giovedí 10 aprile 2014 Agenda Sezione 1 I servizi finanziari

Dettagli

L intervento degli investitori in capitale di rischio nelle aziende in crisi

L intervento degli investitori in capitale di rischio nelle aziende in crisi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO XI FORUM S.A.F.: Le operazioni sul capitale nell ambito degli attuali scenari economici L intervento degli investitori in capitale di rischio nelle aziende

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Presentazione Conference call Risultati 3Q 2010. Bologna, 11 Novembre 2010

Presentazione Conference call Risultati 3Q 2010. Bologna, 11 Novembre 2010 Presentazione Conference call Risultati 3Q 2010 Bologna, 11 Novembre 2010 2 Disclaimer This presentation contains forwards-looking information and statements about IGD SIIQ SPA and its Group. Forward-looking

Dettagli

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Tavolo di coordinamento fra Banca d Italia, Consob ed IVASS in materia di applicazione degli IAS/IFRS Trattamento contabile di operazioni di

Dettagli

Il credito bancario alle imprese e la crisi: un analisi dei divari territoriali

Il credito bancario alle imprese e la crisi: un analisi dei divari territoriali Il credito bancario alle imprese e la crisi: un analisi dei divari territoriali Alessio D Ignazio Banca d Italia, Dipartimento di Economia e Statistica Regioni e sistema creditizio, ISSiRFA - CNR Roma,

Dettagli

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna Regolamento del processo di controllo della rete di vendita esterna INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CONTROLLO DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3 1. PIANIFICAZIONE DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3

Dettagli

l presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e

l presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e l presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso

Dettagli

Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari

Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari POSITION PAPER 8 giugno 2007 1. Premessa L Associazione Bancaria Italiana (di seguito ABI), che con oltre 800 banche

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Argomenti Le operazioni di cartolarizzazione Le operazioni di cartolarizzazione nelle banche Evoluzioni recenti 2 Le operazioni

Dettagli

Le sofferenze del credito in Italia Convegno IPE La gestione delle sofferenze bancarie. Napoli, 10 Dicembre 2015

Le sofferenze del credito in Italia Convegno IPE La gestione delle sofferenze bancarie. Napoli, 10 Dicembre 2015 Le sofferenze del credito in Italia Convegno IPE La gestione delle sofferenze bancarie Napoli, 10 Dicembre 2015 Crescita delle sofferenze con importanti impatti su sistema bancario, investimenti e PIL

Dettagli

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 )

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. (Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) Contenuto del decreto Art. 1 Con il presente decreto

Dettagli

alla tempesta Sopravvivere Per il secondo

alla tempesta Sopravvivere Per il secondo Sopravvivere alla tempesta Quest anno, per la seconda volta consecutiva, JP Morgan ha sopravanzato tutti nel nostro sondaggio sui derivati. Tuttavia, la volatilità che ha recentemente investito i mercati

Dettagli

Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A.

Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A. Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A. Salerno, 18 giugno 2014 Palazzo di Città, Salone dei Marmi Domenico Gammaldi Banca d Italia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia 20 maggio 2015

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia 20 maggio 2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia 20 maggio 2015 COME PREVENIRE LE SOFFERENZE PER IL SISTEMA BANCARIO 1 LE FASI DI VITA DELLE IMPRESE DALL ANALISI SI POSSONO INDIVIDUARE PER UNA

Dettagli

Economia Finanziaria e Monetaria

Economia Finanziaria e Monetaria Economia Finanziaria e Monetaria Lezione 10 Dimensione internazionale: aree valutarie ottimali; tassi di cambio e squilibri esterni; aspetti macro delle crisi finanziarie (modelli di 1 a, 2 a e 3 a generazione)

Dettagli

Credito. famiglie. Mortgage Day Il futuro dei mutui casa in Italia BANCARIA. alle. Roma Palazzo Altieri DESIGN: GENTIL ASSOCIATES

Credito. famiglie. Mortgage Day Il futuro dei mutui casa in Italia BANCARIA. alle. Roma Palazzo Altieri DESIGN: GENTIL ASSOCIATES Credito alle famiglie Mortgage Day DESIGN: GENTIL ASSOCIATES 15 marzo 16 Roma Palazzo Altieri BANCARIA ABI: IN ITALIA I MUTUI CRESCONO AL RITMO DEL 22% Straordinario aumento dei mutui in Italia: a gennaio

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 27 Ottobre 2015 1 di 11 SOMMARIO 1 MOTIVAZIONE... 3 1.1 Consultazione... 4 1.2 Definizioni... 4 2 SCALA DI VALUTAZIONE... 7 2.1 Scala di Rating... 7 3 METODOLOGIA E RATING CRITERIA...

Dettagli

Banche e imprese italiane nel credit crunch

Banche e imprese italiane nel credit crunch Convegno Una finanza per la crescita in collaborazione con CO.MO.I Group 12 giugno 2013, Milano Banche e imprese italiane nel credit crunch Angelo Baglioni Università Cattolica e REF Ricerche www.refricerche.it

Dettagli

TROVA I RENDIMENTI OVUNQUE

TROVA I RENDIMENTI OVUNQUE DOCUMENTO PUBBLICITARIO TROVA I RENDIMENTI OVUNQUE CON BGF FIXED INCOME GLOBAL OPPORTUNITIES FUND (FIGO) È un nuovo mondo per i mercati obbligazionari. È quindi giunto il momento di considerare un approccio

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria

Dettagli

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management Fabio Arnaboldi - Francesco Saita Convegno IAS/IFRS e imprese bancarie Università Bocconi-FITD, 8 aprile 2005 Introduzione Il credit risk management

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

POLITICA MONETARIA. Andrea Terzi 11.3.2014

POLITICA MONETARIA. Andrea Terzi 11.3.2014 POLITICA MONETARIA Andrea Terzi 11.3.2014 1 If a Rip Van Winkle had gone to sleep in 2006 and awoke today Tassi a zero per il sesto anno consecutivo Uso di strumenti non convenzionali di politica monetaria

Dettagli

Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008

Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008 LA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008 1 I Titoli della CRISI 2 1 I titoli internazionali della Crisi 3 I titoli internazionali della Crisi 4 2 I Numeri della Crisi Perdite

Dettagli

Italian Derivatives Raffaele Mazzeo & Antonio Digiamma

Italian Derivatives Raffaele Mazzeo & Antonio Digiamma Www.ebitda.it Facebook:Ebitda Twitter: Ebitda Discussion Paper Italian Derivatives Raffaele Mazzeo & Antonio Digiamma Numero 10 Marzo 2014 Analysis methodology The fair value recognition of derivative

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012

Università degli Studi di Parma. Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012 Università degli Studi di Parma Corso di Risk management e creazione di valore Basilea 3 Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012 La crisi finanziaria del 2007- Prima della crisi Tassi di interesse

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0035-83-2015

Informazione Regolamentata n. 0035-83-2015 Informazione Regolamentata n. 0035-83-2015 Data/Ora Ricezione 12 Giugno 2015 21:11:57 MTA Societa' : BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA Identificativo Informazione Regolamentata : 59704 Nome utilizzatore

Dettagli

MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CARTA DI CREDITO BANCA SARA

MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CARTA DI CREDITO BANCA SARA Modulo n. MEUCF112 Agg. n. 002 Data aggiornamento 11.06.2011 MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CARTA DI CREDITO BANCA SARA Prodotto offerto da UniCredit S.p.A tramite la rete di Promotori Finanziari, Mediatori

Dettagli

Introduzione all attività bancaria

Introduzione all attività bancaria Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Introduzione all attività bancaria Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Organizzazione Lezioni nella fascia oraria 16,45-19,00 Ricevimenti

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Fasi della politica monetaria

Dettagli

Dalle idee alle azioni: lo scenario di mercato e le esperienze delle principali aziende di credito italiane

Dalle idee alle azioni: lo scenario di mercato e le esperienze delle principali aziende di credito italiane Dalle idee alle azioni: lo scenario di mercato e le esperienze delle principali aziende di credito italiane CRIF Channel Director Finance Corporate Offer Italy Western Europe Agenda Credit market outolook:

Dettagli

Meccanismo di trasmissione (seconda parte)

Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Bank of England

Dettagli

Dichiaro di aver preso nota del presente messaggio.

Dichiaro di aver preso nota del presente messaggio. NOT FOR PUBLICATION OR DISTRIBUTION IN OR INTO THE US, CANADA, JAPAN OR ANY OTHER JURISDICTION IN WHICH SUCH PUBLICATION OR DISTRIBUTION WOULD BE PROHIBITED BY APPLICABLE LAW. IL PRESENTE COMUNICATO NON

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI Aggiornamento numero 5 del 01/10/2014 Agos Ducato S.p.A. - Via Bernina, 7-20158 Milano - www.agosducato.it - Capitale Sociale Euro 638.655.160,00 I.V. Registro delle Imprese di Milano n. di C.F./P.IVA

Dettagli

Da dove viene e dove va questa crisi. Bernardo Bertoldi, PhD Docente Università di Torino Dipartimento di Management Co-fondatore 3H Partners

Da dove viene e dove va questa crisi. Bernardo Bertoldi, PhD Docente Università di Torino Dipartimento di Management Co-fondatore 3H Partners Da dove viene e dove va questa crisi Bernardo Bertoldi, PhD Docente Università di Torino Dipartimento di Management Co-fondatore 3H Partners 1 Indice Da dove viene questa crisi e dove va 2 Il 16/08/1971

Dettagli

Uberto Ventura Amministratore Delegato Aon S.p.A. Il punto di vista di Aon sul Credit Management in tempo di crisi

Uberto Ventura Amministratore Delegato Aon S.p.A. Il punto di vista di Aon sul Credit Management in tempo di crisi Uberto Ventura Amministratore Delegato Aon S.p.A. Il punto di vista di Aon sul Credit Management in tempo di crisi. Prospettive della crisi Conseguenze inevitabili? Profondo cambiamento della gestione

Dettagli

LE NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA DI AFFIDAMENTI E SCONFINAMENTI

LE NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA DI AFFIDAMENTI E SCONFINAMENTI LE NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA DI AFFIDAMENTI E SCONFINAMENTI Ambito di applicazione Il decreto si applica alle seguenti operazioni: Aperture di credito regolate in conto corrente, in base alle quali il

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Moltiplicatore monetario

Dettagli

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014 Francesca Mattassoglio La crisi economico finanziaria La crisi bancaria del 2007 - il contesto socio economico in cui matura; - la scintilla mutui americani

Dettagli

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012 La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo 17 Maggio 2012 DEFINIZIONE DELL UNIVERSO INVESTIBILE UNIVERSO INVESTIBILE AZIONARIO OBBLIGAZIONARIO L acquisto di una azione o simil strumento

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 13 La diffusione del contagio (cap 3) Le cause della crisi (cap.3) La diffusione del contagio - 1 Un fallimento di 250 miliardi di dollari (i mutui

Dettagli

Trend e cicli economici nell'economia mondiale: le opportunità per il 2016

Trend e cicli economici nell'economia mondiale: le opportunità per il 2016 Trend e cicli economici nell'economia mondiale: le opportunità per il 2016 Professor Lucrezia Reichlin London Business School Mondohedge Roma 26 novembre 2015 Disclaimer Previsioni FMI 10 GDP, constant

Dettagli

EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A.

EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Bologna, 2 Aprile 2012 FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI ACQUISTO DI CREDITI DI IMPRESA (Factoring) INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO denominazione: EMILIA ROMAGNA FACTOR

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CRISI FINANZIARIA: valutazione e controllo dei titoli in portafoglio La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli Raffaella

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

La crisi finanziaria: riflessione su cause, soluzioni e implicazioni. Leonardo Becchetti Università Tor Vergata Econometica

La crisi finanziaria: riflessione su cause, soluzioni e implicazioni. Leonardo Becchetti Università Tor Vergata Econometica La crisi finanziaria: riflessione su cause, soluzioni e implicazioni Leonardo Becchetti Università Tor Vergata Econometica Le cause della crisi Causa remotissima: riduzionismo antropologico e di forma

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013 Il rischio nei finanziamenti collateralizzati Convegno ABI BASILEA 3-2013 28 giugno 2013 Agenda 1. Il contesto 2. 3. Limiti e linee di sviluppo 2 Il contesto Cresce l utilizzo del collateral Il contesto

Dettagli

CONTRATTI DI CREDITO AL CONSUMO. Daniela Rossi

CONTRATTI DI CREDITO AL CONSUMO. Daniela Rossi CONTRATTI DI CREDITO AL CONSUMO Daniela Rossi Che cosa è il contatto di credito al consumo E quel contratto con cui un finanziatore concede o si impegna a concedere ad un consumatore un credito sotto forma

Dettagli

IL FINANZIAMENTO IMMOBILIARE

IL FINANZIAMENTO IMMOBILIARE 23.03.2010 IL FINANZIAMENTO IMMOBILIARE FABIO BANDIRALI EUROHYPO AG 2 18 23.03.2010 La storia della banca arisen from EVOLUTION THROUGH MERGERS, TAKE-OVERS AND NEW COMPANY NAMES 1862 Deutsche Hypothekenbank

Dettagli

6 - Credito Personale A Tasso Fisso - Breve Termine

6 - Credito Personale A Tasso Fisso - Breve Termine INFORMAZIONI EUROPEE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 6 - Credito Personale A Tasso Fisso - Breve Termine 1. Identità e contatti del finanziatore / intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI Attenzione! le condizioni riportate nel SECCI potranno comunque essere modificate, a seguito della valutazione del merito creditizio e della consultazione delle banche dati effettuabile solo dopo la sottoscrizione

Dettagli

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Indice o I rischi macroeconomici o I rischi settoriali: famiglie e imprese

Dettagli

Il decreto Antiriciclaggio

Il decreto Antiriciclaggio Il decreto Antiriciclaggio Gli aspetti principali per le banche della normativa antiriciclaggio 1 Sommario Struttura fondamentale della normativa antiriciclaggio Limite al trasferimento di contanti e titoli

Dettagli

L.R. 52/2009 Prestito sociale d onore - Aggiornamento al 12 gennaio 2015 1

L.R. 52/2009 Prestito sociale d onore - Aggiornamento al 12 gennaio 2015 1 PRESTITO SOCIALE D ONORE Legge Regione Valle d Aosta 23 dicembre 2009, n. 52 Interventi regionali per l'accesso al credito sociale INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Finanziaria Regionale Valle d Aosta -

Dettagli

LA CRISI FINANZIARIA MONDIALE: DAI DERIVATI AI SUBPRIME, I POSSIBILI SCENARI 7 aprile 2008 The Adam Smith Society. Domenico Santececca

LA CRISI FINANZIARIA MONDIALE: DAI DERIVATI AI SUBPRIME, I POSSIBILI SCENARI 7 aprile 2008 The Adam Smith Society. Domenico Santececca LA CRISI FINANZIARIA MONDIALE: DAI DERIVATI AI SUBPRIME, I POSSIBILI SCENARI 7 aprile 2008 The Adam Smith Society Domenico Santececca Direttore Centrale ABI 1 La crisi dei mutui subprime marzo 2002 marzo

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SCHULLIAN Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche

Dettagli

Principi Wolfsberg anti-riciclaggio di denaro per le relazioni con banche corrispondenti

Principi Wolfsberg anti-riciclaggio di denaro per le relazioni con banche corrispondenti Principi Wolfsberg anti-riciclaggio di denaro per le relazioni con banche corrispondenti 1 Preambolo Il Gruppo Wolfsberg d'istituti Finanziari Internazionali (1) ha stabilito che questi Principi costituiscono

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Credit spread products I credit spread products

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli