La disciplina delle carte di credito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La disciplina delle carte di credito"

Transcript

1 9 La disciplina delle carte di credito SOMMARIO 1. L indebito utilizzo delle carte di credito. 2. Interessi tutelati. 3. Il momento consumativo. 4. Il rapporto con il delitto di ricettazione. 1. L indebito utilizzo delle carte di credito L art. 12, D.L. 3 maggio 1991, n. 143 prevede condotte differenziate e punisce Normativa «chiunque, al fine di trarne profitto, indebitamente utilizza, falsifica o altera, non essendone titolare, carte di credito o di pagamento, ovvero qualsiasi altro documento analogo che abiliti al prelievo di denaro contante o all acquisto di beni o alla prestazione di servizi». Analogamente, è punito colui che:

2 210 La disciplina dei reati informatici Normativa «possiede, cede o acquisisce tali carte e documenti di provenienza illecita, falsificati o alterati, nonché ordini di pagamento prodotti con essi». La necessità dell introduzione della disciplina speciale risiede nell inadeguatezza delle norme preesistenti, in quanto gli abusi nell utilizzo delle carte di credito o di pagamento possono essere commessi non solo da soggetti estranei (che utilizzano beni altrui), ma anche dal titolare qualora impieghi i documenti elettronici oltre i limiti consentitigli 1. La falsificazione della carta elettronica si verifica allorché se ne realizza abusivamente una nuova, in modo da far apparire al lettore magnetico che essa proviene dall emittente ed è utilizzata dal soggetto legittimato 2. I comportamenti sanzionati possono consistere sia nella creazione di un documento artefatto, sia nella manipolazione di una carta regolarmente rilasciata: l alterazione può riguardare la modificazione dell intestazione o il mutamento dei dati inseriti nella banda magnetica che consentono l accesso ai servizi abilitati dalla carta 3. Si ha alterazione allorché l agente, ferma la genuinità originaria della carta, ne modifica i codici per consentirne un uso diverso per qualità e quantità rispetto a quello previsto dall ente emittente (limiti di spesa o di prelievo). 1 Sul punto, R. RAZZANTE, La normativa antiriciclaggio in Italia, Torino, 1999; dello stesso A., La regolamentazione antiriciclaggio in Italia: normativa, prassi e giurisprudenza, Torino, In dottrina v. R. BORRUSO, Gli aspetti legali della sicurezza nell uso delle carte di credito e di pagamento, in Giust. civ., 1992, II, 217; B. INZITARI, Provvedimenti urgenti per limitare l uso del contante e dei titoli al portatore nelle transazioni e prevenire l utilizzazione del sistema finanziario a scopo di riciclaggio, in Nuove leggi civ., 1993, II, 965; A. LUINI, Il reato di indebito utilizzo di «carte di credito», in Riv. pen., 1991, M. CORRADINO, La tutela penale del sistema dei pagamenti nell abuso di carta di credito, in Banca, borsa, tit. cred., 2001, 2, 121.

3 La disciplina delle carte di credito 211 Le condotte di cessione o acquisizione ricomprendono tutte le possibili modalità di trasferimento delle carte e dei documenti, ivi comprese quelle a titolo gratuito o a titolo oneroso. Si tratta di una norma a più fattispecie, che esprime una molteplicità di atteggiamenti criminosi, aventi lo stesso oggetto materiale, che possono concorrere tra loro per l eterogeneità del momento dell acquisizione rispetto a quello dell illecito utilizzo 4. La norma punisce già la condotta di «utilizzazione» della carta, che significa carpire i codici di utenza, rendere utile, mettere a profitto, sfruttare e, nella comune accezione giuridica, indica l uso del documento corrispondente alla sua destinazione funzionale, a prescindere dal raggiungimento del risultato patrimoniale avuto di mira dall agente 5. «Integra il reato l effettuazione attraverso la rete internet di transazioni, previa immissione dei dati ricognitivi e operativi di una valida carta di credito altrui, acquisiti dall agente fraudolentemente con il sistema telematico, nulla rilevando che il documento non sia stato nel suo materiale possesso» Cass. pen., sez. I, 2 ottobre 2002, n , Debernardi, in CED Cassazione, 2002, Il reato di abuso di carte di credito e di pagamento è stato introdotto per prevenire l infiltrazione di capitali di origine illecita nei circuiti finanziari e per tutelare l affidabilità del sistema dei pagamenti, inteso come complesso degli strumenti, delle procedure e delle reti di collegamento deputati al trasferimento virtuale della moneta tra i soggetti operanti nel mercato 6. Sono carte di credito o di pagamento le speciali tessere mu- 4 Cass. pen., sez. I, 5 novembre 2003, n , in Cass. pen., 2005, 3, F. NUZZO, Alcune riflessioni sul reato di indebito utilizzo delle carte di credito, in Cass. pen., 1999, 3, Su questo aspetto, più diffusamente, R. RAZZANTE, opp. citt., con la bibliografia cui l A. rinvia.

4 212 La disciplina dei reati informatici nite di una banda magnetica e/o di microcircuiti sui quali sono impressi i dati di identificazione del titolare, i limiti e le modalità di utilizzo, nonché gli estremi del rapporto con l azienda o l ente che ha rilasciato il documento che abilita alla fruizione dei servizi. Accanto alle carte tradizionali (bancomat e carte di credito) hanno ricevuto notevole diffusione le carte prepagate che, a fronte di un versamento anticipato effettuato presso l intermediario finanziario emittente, consentono al titolare di effettuare acquisti di beni e servizi presso una molteplicità di esercizi commerciali. Nella definizione di carte di pagamento rientrano i borsellini elettronici, le carte di credito telefoniche, le carte commerciali e la tessera «viacard», che autorizzano il titolare a ricevere beni e servizi (chiamate telefoniche 7, pagamento di pedaggi o altro) con addebito della prestazione ricevuta 8. «È configurabile il reato di cui all art. 12, D.L. 3 maggio 1991, n. 143, nella condotta di chi si avvalga, per la ricarica del proprio telefono cellulare, di numeri di codice tratti da schede di illecita provenienza, all uopo manomesse» Cass. pen., sez. II, 23 settembre 2003, n , Moccia, in Riv. pen., 2004, 422. Si tratta di strumenti che, per facilità d uso e per capacità di trasferire elettronicamente fondi, possono incidere sulla stabilità e sulla trasparenza delle strutture deputate alle movimentazioni finanziarie. Il riferimento agli altri documenti con analoga funzione ha un significato di chiusura per comprendere nella disposizione 7 F. BALDI, Brevi note in tema di utilizzazione illecita del codice di una carta telefonica prepagata, in Cass. pen., 2004, 11, Per una più compiuta analisi dell istituto della c.d. «moneta elettronica» si veda, da ultimo, R. NANULA, Gli istituti di moneta elettronica, in R. RAZZANTE-L. LACAITA (a cura di), Il governo delle banche in Italia: commento al Testo Unico bancario ed alla normativa collegata, Torino, 2006.

5 La disciplina delle carte di credito 213 normativa ogni ulteriore supporto che presenta la medesima utilità economica. Devono essere escluse dalla categoria in esame tutte le carte che non costituiscono strumenti di pagamento con potere d acquisto generalizzato e che non incidono sul corretto funzionamento e sull integrità del sistema dei pagamenti (come ad esempio i traveller s cheque. «Il traveller s cheque non rientra fra i documenti che abilitano al prelievo di denaro contante o all acquisto di beni o alla prestazione di servizi, non esistendo alcuna analogia tra la sua natura giuridica di assegno, sia pur dotato di particolari caratteristiche atte a renderne più difficile la circolazione irregolare, e quella delle carte di credito o di pagamento» 9 Cass. pen., sez. II, 7 aprile 1999, n. 5279, Carrano, in Riv. trim. dir. pen. economia, 1999, 821. In genere non ricorrono gli artifizi e i raggiri che rappresentano un elemento costitutivo del reato di truffa, se si considera che il titolare non pone in essere condotte ingannatorie ulteriori rispetto alla mera esibizione della carta, poiché l operazione, intercorrente il più delle volte tra sconosciuti, si realizza grazie alla fiducia di cui gode l emittente del documento. «Il reato di truffa non è assorbito da quello di indebita utilizzazione di carte di credito o analoghi strumenti di prelievo o pagamento ogni qualvolta la condotta incriminata non si esaurisca nel mero utilizzo di essi, ma sia connotata da un quid pluris concretantesi in artifici e raggiri (fattispecie relativa all utilizzazione di una tessera Viacard illecitamente rimagnetizzata)» Cass. pen., sez. I, 23 aprile 2004, n , in CED Cassazione, 2004, I reati presentano requisiti costitutivi diversi, atteso che e- 9 In dottrina v. V. MILITELLO, La tutela penale dei nuovi strumenti di pagamento: il caso del «sistema eurocheque», in Foro it., 1992, II,

6 214 La disciplina dei reati informatici lemento oggettivo dell abuso di carte di credito è l utilizzo indebito senza coinvolgimento del soggetto passivo, indipendentemente da un pregiudizio patrimoniale, mentre nel reato di truffa si richiede l uso di artifizi e raggiri da parte dell agente con il conseguimento di un profitto con altrui danno 10. Tra le disposizioni relative all indebito utilizzo di carte di credito e alla truffa deve essere escluso il concorso di reati per la completa eterogeneità delle condotte materiali, ma è configurabile un rapporto di specialità, dal momento che l adozione di artifici o raggiri è uno dei possibili modi in cui si manifesta l utilizzo illecito di un documento elettronico. La tutela del patrimonio individuale, che costituisce l obiettività giuridica delle condotte ingannatorie, non è estranea al fondamento dell incriminazione dell art. 12, D.L. 3 maggio 1991, n «Tra le due norme sussiste un rapporto di genere a specie sussumibile all interno dell art. 15 c.p., tale per cui la condotta di indebito utilizzo di carte di credito può essere considerata speciale rispetto a quella prevista dall art. 640 c.p.» Cass. pen., sez. un., 28 marzo 2001, n , Tiezzi, in Foro it., 2002, II, 572. Il titolare ha titolo valido per l utilizzazione del documento, solo se perdura il rapporto contrattuale che ha dato luogo alla concessione della carta e ne ha autorizzato l uso. L utilizzo della carta diviene indebito quando manca il consenso del titolare o sono violate le prescrizioni e le modalità d impiego stabilite dall emittente o dall ente erogatore. È rilevante in tal senso la disfunzione del rapporto contrattuale che lega il titolare del documento al gestore del servizio, in 10 Cfr. Cass. pen., sez. V, 9 aprile 1999, n. 7192; in dottrina v. C. LAZZA- RI, Riciclaggio di carte di credito e truffa: concorso di reati o concorso di norme?, in Cass. pen., 2001, 9, 2463.

7 La disciplina delle carte di credito 215 modo da sanzionare anche la condotta dell agente che utilizza la carta elettronica pur nella consapevolezza della sospensione, della scadenza o dell avvenuta revoca da parte dell emittente. La titolarità che scrimina agli effetti di legge non è quella formale, derivante dall intestazione o dal mero possesso del documento, ma quella sostanziale ed attuale. Il reato è sempre ipotizzabile nei confronti dell apparente intestatario della carta di credito, che ha perso il diritto di servirsene, non essendo più beneficiario di alcun rapporto con l emittente, perché il contratto è estinto o è stato sospeso per qualsiasi causa. La fattispecie postula, sotto il profilo soggettivo, la consapevolezza del recesso e l avvenuta comunicazione all utente della revoca dell autorizzazione ad usare il documento elettronico 11. Un documento non più valido può costituire il mezzo adottato dall agente per violare l integrità del sistema dei pagamenti, introducendosi in un circuito di trasferimento di moneta al quale egli non è abilitato ad accedere. Può assumere valenza anche la violazione delle regole imposte dal contratto che disciplina i rapporti tra l istituto emittente e l utilizzatore, che non integra gli estremi dell illecito civile, giacché proprio la violazione delle prescrizioni che concorrono a disciplinare il rapporto fa venir meno la titolarità della carta, non più intesa in senso meramente formale come semplice intestazione del documento. Il ritrovamento di una carta smarrita, per il suo carattere nominativo e personale, acquisita in violazione dell art. 927 c.c., che impone l obbligo di restituzione al proprietario o di consegna al sindaco, ove venga usata, integra il reato in esame. Le tessere elettroniche esplicano la duplice funzione di strumento di prelievo di contante presso un distributore automati- 11 Cass. pen., sez. V, 28 novembre 1997, n. 1456, Rossi Modigliani, in Riv. pen., 1998, 245, e in Giust. pen., 1998, II, 485.

8 216 La disciplina dei reati informatici co e mezzo di pagamento attraverso gli appositi terminali attivati presso gli esercizi commerciali convenzionati. L indebito utilizzo della carta elettronica si traduce in un danno economico per il titolare ed in un illecito arricchimento patrimoniale per il possessore, che è posto in condizione di prelevare somme in contanti, ovvero di ottenere beni e servizi senza corrispondere il prezzo agli operatori commerciali convenzionati con l emittente. 2. Interessi tutelati La fattispecie in esame intende tutelare la fede pubblica, il patrimonio e l affidamento che discende dall impiego di mezzi di pagamento alternativi al denaro contante e, quindi, le carte di credito ed i documenti ad esse assimilabili, che devono presentare i requisiti della genuinità, sicurezza ed affidabilità. La previsione incriminatrice è diretta non tanto a sanzionare penalmente la disfunzione del rapporto contrattuale, quanto a garantire che l utilizzazione della carta avvenga, direttamente o indirettamente, solo da parte di colui che ne è titolare, senza che il documento subisca falsificazioni o alterazioni. Per la natura pubblicistica degli interessi protetti, il consenso dell avente diritto deve ritenersi irrilevante: la giurisprudenza ha offerto una interpretazione molto restrittiva della norma, che potrebbe conseguire l effetto di reprimere con la sanzione penale anche condotte molto diffuse e sostanzialmente prive di aspetti illeciti, come l uso della carta di prelievo da parte di un terzo con l autorizzazione del titolare. «L utilizzazione di una carta di credito da parte del terzo, pur autorizzato da parte del titolare, integra il reato di cui all art. 12, D.L. n. 143/1991, in quanto la

STUDIO LEGALE SALOMONE

STUDIO LEGALE SALOMONE STUDIO LEGALE SALOMONE I sistemi di pagamento elettronico e le fattispecie di reato. Relazione a cura dell avv. Riccardo SALOMONE (in collaborazione con l avv. Simone FERRARI) 1. Cenni introduttivi. L

Dettagli

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO FAMIGLIA DI REATI FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 25 bis disciplina le ipotesi in cui

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

LA TUTELA PENALE NEL FURTO D IDENTITÀ E NELLE FRODI ALLE CARTE DI PAGAMENTO

LA TUTELA PENALE NEL FURTO D IDENTITÀ E NELLE FRODI ALLE CARTE DI PAGAMENTO LA TUTELA PENALE NEL FURTO D IDENTITÀ E NELLE FRODI ALLE CARTE DI PAGAMENTO Cons. Adelchi d Ippolito V. Capo Ufficio Legislativo - Finanze LA NORMATIVA PENALE DI RIFERIMENTO IN TEMA DI FURTO D IDENTITÀ

Dettagli

L utilizzo indebito on line delle carte di credito: problematiche procedurali ed investigative. Dr. Cesare Parodi Procura della Repubblica di Torino

L utilizzo indebito on line delle carte di credito: problematiche procedurali ed investigative. Dr. Cesare Parodi Procura della Repubblica di Torino L utilizzo indebito on line delle carte di credito: problematiche procedurali ed investigative Dr. Cesare Parodi Procura della Repubblica di Torino Il fenomeno carte Italia 36 ml bancomat 34 ml carte 9

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA Adozione con delibera Consiglio

Dettagli

Corporate Law Alert AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001

Corporate Law Alert AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001 Corporate Law Alert SETTEMBRE 2013 AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001 Con l articolo 9 comma 2 del D.L. 14 agosto 2013, n. 93 recante Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project IL MANUALE È AD USO ESCLUSIVO DEI CORSISTI: NE È VIETATA LA RIPRODUZIONE 1 Il D.Lgs. 231/01 Il D.Lgs.

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 57 del 20 dicembre 2011 La manovra Monti (DL

Dettagli

CARTA PREPAGATA CartaSì Eura

CARTA PREPAGATA CartaSì Eura CARTA PREPAGATA CartaSì Eura Prodotto adatto a tutti i tipi di clientela INFORMAZIONI SULLA BANCA TESORIERA Denominazione e forma giuridica Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. Sede legale e sede amministrativa

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

CARTA PREPAGATA CartaSì Eura

CARTA PREPAGATA CartaSì Eura CARTA PREPAGATA CartaSì Eura Prodotto adatto a tutti i tipi di clientela INFORMAZIONI SULLA BANCA TESORIERA Denominazione e forma giuridica BIVERBANCA S.p.A Sede legale e sede amministrativa Via Carso,

Dettagli

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia (Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia VOLUNTARY DISCLOSURE (Legge n. 186 del 15 dicembre 2014) Procedura straordinaria di collaborazione volontaria tesa a consentire ai contribuenti

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI (parte seconda) 1 MISURE ULTERIORI: LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE FORMAZIONE 2 Il divieto (art. 49, co. 1, d.lgs. 231/2007) È vietato il

Dettagli

IL D.L. 93/2013: L IMPATTO IN AMBITO DI RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE PERSONE GIURIDICHE. (Avv. Andrea Milani)

IL D.L. 93/2013: L IMPATTO IN AMBITO DI RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE PERSONE GIURIDICHE. (Avv. Andrea Milani) IL D.L. 93/2013: L IMPATTO IN AMBITO DI RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE PERSONE GIURIDICHE (Avv. Andrea Milani) Il nostro prolifico legislatore, sempre particolarmente attivo in materia di dlgs. 231/01

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

L AUTORICICLAGGIO. A cura dell' Avv. Michele Cardenà 1

L AUTORICICLAGGIO. A cura dell' Avv. Michele Cardenà 1 L AUTORICICLAGGIO 1 INDICE Legge15 dicembre 2014, n. 186 3 Schema comparativo norme c.p. 5 Reato di autoriciclaggio: evoluzione storica 6 Freno all interpretazione generalizzata 7 Introduzione in Italia

Dettagli

Carte credito, vaglia postale veloce,carta

Carte credito, vaglia postale veloce,carta Carte di credito, vaglia postale veloce,carta di Pagamento,penale,pagamenti,internet,legalgeek Cassazione Feriale Penale del 15 settembre 12 dicembre 2011, n. 45946 testo Civile.it " I reati sono stati

Dettagli

fra questi in particolare sono da ricordare

fra questi in particolare sono da ricordare La responsabilità penale è quella in cui incorre un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio che compia uno dei reati contro la pubblica amministrazione previsti dal codice penale, fra questi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE il giudice per le indagini preliminari dr. Claudio Tranquillo, all'udienza del 24.10.2012 ha pronunciato mediante lettura

Dettagli

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA 1 PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ

Dettagli

CARTA POSTEPAY PREPAGATA

CARTA POSTEPAY PREPAGATA FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (Istruzioni di vigilanza della Banca d Italia) CARTA POSTEPAY PREPAGATA PARTE I: INFORMATIVA

Dettagli

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE INDICE 1 Premessa 2 Novità in materia di contanti 2.1 Valore oggetto di trasferimento ed operazioni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO ED UTILIZZO RECARD BUSINESS

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO ED UTILIZZO RECARD BUSINESS CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO ED UTILIZZO RECARD BUSINESS Art. 1 - PREMESSE 1.1. Le presenti condizioni generali regolano esclusivamente l acquisto e l utilizzo di uno strumento a spendibilità limitata,

Dettagli

LINEE DI CONDOTTA DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO

LINEE DI CONDOTTA DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO MONDADORI EDUCATION S.p.A. LINEE DI CONDOTTA DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO Rev. n. 5 del 5 ottobre 2015 INDICE 1.0 PREMESSA... 3 2.0 OBIETTIVI... 3 3.0 LINEE DI CONDOTTA... 3

Dettagli

MODULO DI RICHIESTA APERTURA RAPPORTO

MODULO DI RICHIESTA APERTURA RAPPORTO COPIA PER IL CLIENTE Pag. 1 di 6 MODULO DI RICHIESTA APERTURA RAPPORTO Spett.le MY UNIPOL BANCA corso Galileo Galilei, 12 10121 TORINO Con la compilazione e la sottoscrizione del presente modulo di richiesta

Dettagli

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO pag. ABBREVIAZIONI... XIX SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA......................... 15 CAPITOLO PRIMO I DELITTI IN MATERIA DI DICHIARAZIONE: ELEMENTI COMUNI 1. I

Dettagli

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001:

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001: MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 ADECCO ITALIA S.P.A. - ELENCO DEI REATI 231 - Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

REATI INFORMATICI Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico

REATI INFORMATICI Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico REATI INFORMATICI Le reti telematiche non sono spazi virtuali senza regole, sottoposti ad una sorta di extraterritorialità: le norme che ne regolamentano il funzionamento sono, infatti, sempre più numerose.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CARTE DI DEBITO ABI8000 INFORMAZIONI SULL'EMITTENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA COLLOCATRICE CHE COS'E' LA CARTA DI DEBITO

FOGLIO INFORMATIVO CARTE DI DEBITO ABI8000 INFORMAZIONI SULL'EMITTENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA COLLOCATRICE CHE COS'E' LA CARTA DI DEBITO INFORMAZIONI SULL'EMITTENTE Istituto Centrale del Credito Cooperativo ICCREA BANCA Spa Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25

Dettagli

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

Gli strumenti di pagamento e la MONETA BANCARIA. Prof. Carlo Aprile ITS Deledda - Lecce

Gli strumenti di pagamento e la MONETA BANCARIA. Prof. Carlo Aprile ITS Deledda - Lecce Gli strumenti di pagamento e la MONETA BANCARIA Prof. Carlo Aprile ITS Deledda - Lecce Il concetto di pagamento Il pagamento è l atto mediante il quale il compratore si libera dell obbligazione derivante

Dettagli

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE SCHEDA MONOGRAFICA TMG SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE Data aggiornamento scheda 15 novembre 2013 Redattore Ultimi interventi normativi Davide David D.L. 78/2010 (modifica dell art.

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 13 del 19 novembre 2012 Acquisti di carburante per autotrazione mediante carte elettroniche - Esonero dalla tenuta della scheda carburante - Chiarimenti dell

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

CARTA POSTEPAY PREPAGATA

CARTA POSTEPAY PREPAGATA FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (Istruzioni di vigilanza della Banca d Italia) CARTA POSTEPAY PREPAGATA PARTE I: INFORMATIVA

Dettagli

BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) SEZIONE 1.18 - CARTE DI DEBITO - AGGIORNAMENTO 29/12/2005

BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) SEZIONE 1.18 - CARTE DI DEBITO - AGGIORNAMENTO 29/12/2005 SEZ. I) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA (codice ABI 5387.6) Società cooperativa con sede legale e amministrativa in Modena, via San Carlo n. 8/20 Codice Fiscale, Partita Iva

Dettagli

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855. Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855. Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del MASSIME: PENALE Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855 Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del contribuente in assenza del difensore Utilizzo nelle indagini preliminari

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Reati di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Approvato con determinazione

Dettagli

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di LE OPERAZIONI SOGGETTIVAMENTE INESISTENTI L'intestazione fittizia della fattura o del documento, tale da far apparire che l'operazione si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di San Giovanni Rotondo Società Cooperativa a responsabilità limitata fondata nel 1918

Banca di Credito Cooperativo di San Giovanni Rotondo Società Cooperativa a responsabilità limitata fondata nel 1918 FOGLIO INFORMATIVO CARTA DI DEBITO ABI800 "UNIVERSITARI" INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di San Giovanni Rotondo Società Cooperativa a responsabilità limitata fondata nel 1918 Sede

Dettagli

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO 1 IL RISCHIO SPECIFICO DEI

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario

Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario 1 Definizione di riciclaggio di denaro Il riciclaggio di denaro è l'azione di re-immissione di profitti,

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it INTERFERENZE TRA DIRITTO PENALE E DIRITTO CIVILE: REATI CONTRATTO E REATI IN CONTRATTO. Sommario: 1. La violazione di norme imperative ex art. 1418 del Codice Civile e il contratto in contrasto con una

Dettagli

ZAMBON Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI

ZAMBON Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI ZAMBON Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI Riepilogo delle sanzioni penali e amministrative nella nuova normativa

Dettagli

Con il contratto di Carta di debito il cliente intestatario di un conto corrente può chiedere alla banca l attivazione dei seguenti servizi.

Con il contratto di Carta di debito il cliente intestatario di un conto corrente può chiedere alla banca l attivazione dei seguenti servizi. FOGLIO INFORMATIVO CARTA DI DEBITO INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Centrale Banca Credito Cooperativo del Nord Est S.p.A. Sede legale: Via Segantini, 5-38122 TRENTO (ITALIA) Tel.: +39 0461 313111 - Fax:

Dettagli

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Avv. Gian Piero Chieppa Foro di Torino Dott.ssa Lucia Starola Dottore Commercialista in Torino FATTI di riciclaggio e responsabilità

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

L ILLECITO TRIBUTARIO

L ILLECITO TRIBUTARIO L ILLECITO TRIBUTARIO Costituisce illecito tributario ogni inosservanza degli obblighi attinenti al rapporto giuridico d imposta. Trattasi di fatti giuridicamente rilevanti da cui l ordinamento tributario

Dettagli

Antiriciclaggio. Lucia Starola (Commercialista in Torino)

Antiriciclaggio. Lucia Starola (Commercialista in Torino) Lucia Starola (Commercialista in Torino) Antiriciclaggio 1 Antiriciclaggio Figura criminosa di 2 grado Ha per oggetto proventi di altre figure criminose (reato presupposto) Attività volta a dissimulare

Dettagli

Con il contratto di Carta di debito il cliente intestatario di un conto corrente può chiedere alla banca l attivazione dei seguenti servizi.

Con il contratto di Carta di debito il cliente intestatario di un conto corrente può chiedere alla banca l attivazione dei seguenti servizi. INFORMAZIONI SULLA BANCA BASSANO BANCA CREDITO COOPERATIVO DI ROMANO E SANTA CATERINA - S.C.p.A. FOGLIO INFORMATIVO CARTA BANCOMAT CON MICROCIRCUITO e CONTACTLESS Sede legale : Romano d Ezzelino (VI) Via

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO

DEPOSITO A RISPARMIO 1 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA (BT) Tel. 0883/683620

Dettagli

Art. 25-octies d.lgs. 231/2001 Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Art. 25-octies d.lgs. 231/2001 Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (documento realizzato da http://www.compliancenet.it/ il 1 agosto 2014, dettagli in http://www.compliancenet.it/confindustria-aree-a-rischio-econtrolli-preventivi-per-reato-riciclaggio-31-luglio-2014 )

Dettagli

PARTE SPECIALE Prima Sezione

PARTE SPECIALE Prima Sezione PARTE SPECIALE Prima Sezione Reati di indebita percezione di erogazioni, truffa in danno dello Stato o di un ente pubblico o per il conseguimento di erogazioni pubbliche e frode informatica in danno dello

Dettagli

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 Studio Legale avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via G. Verdi 14 Oggetto del Decreto 231/01 Il Decreto 231/01

Dettagli

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 IL DELITTO DI ABUSO DI UFFICIO: APPROFONDIMENTI PROF. FABIO FOGLIA MANZILLO Indice 1 LE CONDOTTE TIPICHE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CARTA BCC CASH.GRATUITO INFORMAZIONI SULL'EMITTENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA COLLOCATRICE

FOGLIO INFORMATIVO CARTA BCC CASH.GRATUITO INFORMAZIONI SULL'EMITTENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA COLLOCATRICE INFORMAZIONI SULL'EMITTENTE Istituto Centrale del Credito Cooperativo - ICCREA BANCA Spa Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Bancomat e Pagobancomat

FOGLIO INFORMATIVO. Bancomat e Pagobancomat FOGLIO INFORMATIVO Bancomat e Pagobancomat INFORMAZIONI SULLA BANCA SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Soc. Coop. p. a. Piazza Matteotti, 23-41038 San Felice sul Panaro (MO) Tel.: 0535/89811 Fax: 0535/83112

Dettagli

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs.

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS.

Dettagli

EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI

EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI I pareri di Assifero EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI Motivazioni del parere Accade che, benché l erogazione sia fatta a favore di un soggetto, per diverse ragioni, le fatture vengono

Dettagli

CARICAONE FOGLIO INFORMATIVO

CARICAONE FOGLIO INFORMATIVO CARICAONE FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del D.Lgs. 1 settembre 1993 n.385, della delibera del CICR del 4 marzo 2003 e del Titolo X delle Istruzioni di Vigilanza emanate dalla Banca d Italia. Il presente

Dettagli

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito Responsabilità degli amministratori in ambito penale tipologie di reati specifici per le società quotate in borsa REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA a cura di Margherita Gardi per il

Dettagli

LIBRETTI NOMINATIVI LIBRETTI AL PORTATORE. FOGLIO INFORMATIVO Libretto di deposito a risparmio INFORMAZIONI SULLA BANCA

LIBRETTI NOMINATIVI LIBRETTI AL PORTATORE. FOGLIO INFORMATIVO Libretto di deposito a risparmio INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Libretto di deposito a risparmio INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Capaccio Paestum Soc. Coop. Via Magna Graecia n. 345 84047 Capaccio (SA) Tel.: 0828 814111 -

Dettagli

Oltre alla forma LA SOSTANZA

Oltre alla forma LA SOSTANZA L ANTIRICICLAGGIO Oltre alla forma LA SOSTANZA AREZZO 30 MAGGIO 2012 1 1 Non e tollerabile che l obiettivo del profitto possa essere disgiunto dalla correttezza dei comportamenti È sempre in agguato il

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 settembre 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 settembre 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE I: REATI IN TEMA DI AMBIENTE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 1 1. PREMESSA Il presente documento costituisce il Modello di Organizzazione e di Gestione ex D.Lgs. n. 231/2001, che sarà adottato dal CORISA- CONSORZIO DI RICERCA

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Prot. n. 2006/7902/GIOCHI/UD Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Misure per la regolamentazione della raccolta a distanza delle scommesse del bingo e

Dettagli

Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato. Codice documento: MOG 231 - PSE

Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato. Codice documento: MOG 231 - PSE Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato Codice documento: MOG 231 - PSE COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 22/02/2012 1 REVISIONE 03/12/2013 2 3 4 5 Tutti i

Dettagli

INDICE - SOMMARIO PARTE PRIMA. di Caterina Coco CAPITOLO I LE SANZIONI TRIBUTARIE PENALI DALLA LEGGE N. 516 AL D.LGS. N. 74

INDICE - SOMMARIO PARTE PRIMA. di Caterina Coco CAPITOLO I LE SANZIONI TRIBUTARIE PENALI DALLA LEGGE N. 516 AL D.LGS. N. 74 INDICE - SOMMARIO PARTE PRIMA di Caterina Coco CAPITOLO I LE SANZIONI TRIBUTARIE PENALI DALLA LEGGE N. 516 AL D.LGS. N. 74 1. Le violazioni delle norme tributarie fra illeciti patrimoniali e inosservanza

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/8 OGGETTO NUOVI OBBLIGHI IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO: INNALZAMENTO DELLA SOGLIA PER L USO DEL CONTANTE CLASSIFICAZIONE CC - ANTIRICICLAGGIO RIFERIMENTI RMATIVI D. Lgs. 21.11.2007 n. 231 ART. 12 D.L.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO P.O.S. - POINT OF SALE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE

FOGLIO INFORMATIVO P.O.S. - POINT OF SALE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

OBBLIGAZIONI PECUNIARIE: SENZA IL CONSENSO DEL CREDITORE NON SI PUO PAGARE CON ASSEGNI CIRCOLARI

OBBLIGAZIONI PECUNIARIE: SENZA IL CONSENSO DEL CREDITORE NON SI PUO PAGARE CON ASSEGNI CIRCOLARI OBBLIGAZIONI PECUNIARIE: SENZA IL CONSENSO DEL CREDITORE NON SI PUO PAGARE CON ASSEGNI CIRCOLARI (nota a Cass. civile, III sez., sent. 29 aprile-10 giugno 2005, n. 12324) Con la sentenza n. 12324/2005

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CARTABCC V-PAY INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

FOGLIO INFORMATIVO CARTABCC V-PAY INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI ERCHIE Società Cooperativa Sede Legale ERCHIE (BR) Via Roma, 89 CAP 72020 Tel: 0831/767067 Fax: 0831/767591 Email: info.08537@bccerchie.it

Dettagli

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno,

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno, L'indebita utilizzazione a fini di profitto della carta di credito da parte di chi non ne sia titolare integra il reato di cui alla Legge n. 143 del 1991, articolo 12, indipendentemente dal conseguimento

Dettagli

Banca di Romano e S.Caterina Credito Cooperativo (VI) Società Cooperativa

Banca di Romano e S.Caterina Credito Cooperativo (VI) Società Cooperativa INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Banca di Romano e S.Caterina Credito Cooperativo (VI) Società Cooperativa Sede legale : Romano d Ezzelino (VI) Via Gen. Giardino n. 3 Sede amministrativa : Via

Dettagli

NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS. 385 del 1/9/1993 delibera CICR del 4/3/2003) FOGLIO INFORMATIVO

NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS. 385 del 1/9/1993 delibera CICR del 4/3/2003) FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS. 385 del 1/9/1993 delibera CICR del 4/3/2003) Data decorrenza 24/08/2009 FOGLIO INFORMATIVO CARTA DI DEBITO INTERNAZIONALE A BANDA

Dettagli

VISTA la direttiva del Ministro dell'economia e delle finanze in data 30 maggio 2002, che ha affidato al direttore generale dell'amministrazione

VISTA la direttiva del Ministro dell'economia e delle finanze in data 30 maggio 2002, che ha affidato al direttore generale dell'amministrazione VISTA la direttiva del Ministro dell'economia e delle finanze in data 30 maggio 2002, che ha affidato al direttore generale dell'amministrazione autonoma dei monopoli di Stato l autorizzazione alla raccolta

Dettagli

Parte speciale Reati informatici

Parte speciale Reati informatici Parte speciale Reati informatici Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 L Amministratore delegato APPROVAZIONE Il Presidente del CdA STATO DEL DOCUMENTO Redazione Revisione Modifica

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CARTE DI PAGAMENTO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

FOGLIO INFORMATIVO CARTE DI PAGAMENTO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Rurale ed Artigiana di Vestenanova Cred.Coop.S.c. Piazza Pieropan, 6 37030 VESTENANOVA (VR) Tel.: 045/6564011- Fax: 045/6564006 Email: cravestenanova@cravestenanova.it Sito

Dettagli

Data release 16/04/2014 N release 0018 Pagina 1 di 6 CARTE DI DEBITO. P.za Ferrari 15 47921 Rimini. www.bancacarim.it

Data release 16/04/2014 N release 0018 Pagina 1 di 6 CARTE DI DEBITO. P.za Ferrari 15 47921 Rimini. www.bancacarim.it Data release 16/04/2014 N release 0018 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Sede legale: P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Banca di Romano e S.Caterina Credito Cooperativo (VI) Società Cooperativa

Banca di Romano e S.Caterina Credito Cooperativo (VI) Società Cooperativa INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Banca di Romano e S.Caterina Credito Cooperativo (VI) Società Cooperativa Sede legale : Romano d Ezzelino (VI) Via Gen. Giardino n. 3 Sede amministrativa : Via

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N.1 GENNAIO 2014 CONTO DI PAGAMENTO

FOGLIO INFORMATIVO N.1 GENNAIO 2014 CONTO DI PAGAMENTO FOGLIO INFORMATIVO N.1 GENNAIO 2014 CONTO DI PAGAMENTO INFORMAZIONI SULL ISTITUTO DI PAGAMENTO Denominazione: CCN Servizi di Pagamento S.p.A. (l Istituto ). Iscrizione in albi/registri: l Istituto è iscritto

Dettagli

ELENCO DEI REATI RILEVANTI AI SENSI DEL D.LGS. N. 231/2001

ELENCO DEI REATI RILEVANTI AI SENSI DEL D.LGS. N. 231/2001 ELENCO DEI REATI RILEVANTI AI SENSI DEL D.LGS. N. 231/2001 Il presente documento costituisce parte integrante del Modello Organizzativo 231 adottato dalle Società del Gruppo Banco Desio ai sensi del D.Lgs

Dettagli

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA EMAK S.p.A. REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 7/08/2015 1 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti

Dettagli

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari PARTE SPECIALE 2 Reati Societari INDICE PARTE SPECIALE 2 Teksid S.p.A. 1. Le fattispecie dei reati societari (art. 23 ter del D.Lgs. 231/2001)...3 2. Funzione della Parte Speciale - 2 -...6 3. Processi

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE H: REATI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato PARTE SPECIALE Settima Sezione Reati di abuso di mercato INDICE PARTE SPECIALE - Settima Sezione Pag. 1. Le fattispecie dei reati di abuso di mercato...3 1.1 Art. 184 D.Lgs. 58/1998: Abuso di informazioni

Dettagli

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 121 Operativa OGGETTO: Circolazione stradale. Riforma C.d.S. Legge 15 luglio 2009, n. 94

Dettagli