La Gazzetta del Fair Play

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Gazzetta del Fair Play"

Transcript

1 La Gazzetta del Fair Play L editoriale Quando vince lo sport pulito Il vero Fair Play, l'essenza stessa dello sport, è accettare quanto avviene in campo o su una pista, accettare anche l'errore, l'imponderabile e talvolta persino l'ingiustizia. Il concetto di Fair Play è nato insieme allo sport moderno, ma poi, con il cambiare della società e con l avvento del professionismo sempre più spinto e sempre più legato a premi in denaro e a sponsor, ha cominciato a contare sempre meno, a vantaggio di successi e vittorie a tutti i costi. Da qualche anno però finalmente si è tornati a parlare di fair play, sottolineando la sportività pura. Il Fair Play è una regola non scritta, ma dettata da un codice d' onore presente nello sport; la locuzione Fair Play si può così tradurre: play con gioco e fair con leale, aggettivo scelto tra equo, giusto, imparziale, corretto. Ciò significa rispetto delle regole e dell avversario, accettazione dei propri limiti e della realtà, correlazione risultati sportivi - impegno, capacità di accettazione della sconfitta. Il Fair Play non è collegato solamente alla tematica sportiva ma anche in generale come etica da rispettare nella propria vita. Mantenere la lealtà con chi ci circonda è un dovere, anzi, un obbligo. La mancanza di correttezza e di onestà nel gioco non solo lo altera, ma addirittura lo distrugge. Il nostro paese dispone di un ottimo comitato nazionale Fair Play che si impegna a diffondere le principali idee anche nelle scuole e nei centri sportivi più importanti. Il principio fondamentale è: Fare di ogni incontro sportivo, indipendentemente dalla posta e dall importanza della competizione, un momento privilegiato, una specie di festa. Ciò credo sia uno dei principi fondamentali per fare sport sano, divertente e utile per il corpo. Francesca Schiavone, campionessa di tennis da anni ai primi posti della classifica mondiale, prima italiana a trionfare sulla terra rossa del Roland Garros, è la testimonal del nuovo spot <Sport e fair play> realizzato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e in onda sulle reti Rai. La campagna si rivolge a tutta la popolazione più o meno sportiva e vede protagonisti due bambini che, affrontatisi in una finale di tennis, dopo una stretta Ciclismo Bartali e Coppi cari nemici Bob La leggenda del Rosso Volante di mano, vanno a subito a giocare dimenticando l uno la sconfitta e l altro la vittoria. Il gesto è accompagnato dalla voce della Schiavone, che ha prestato gratuitamene la sua immagine: Chi ama lo sport rispetta le regole e l avversario sottolineando il fatto che la pratica sportiva rappresenti un momento di aggregazione e di socializzazione. Lo spot termina lo sport unisce, non divide... sul campo e fuori. Atletica Panetta un capitano da leggenda a pagina 4 a pagina 8 a pagina 9

2 La Gazzetta del Fair Play 2 Piccolo Arturo, sei un grande L italiano Merzario salva il ferrarista Lauda nel Gp di Germania Agosto Sul difficilissimo e lunghissimo circuito del Nurburing, Niki Lauda parte in prima fila al fianco di James Hunt, grazie al secondo tempo ottenuto nelle prove. Lauda non effettua una buona partenza: fa pattinare troppo le ruote sulla pista bagnata e si ritrova al nono posto. A questo punto, poiché la pista si sta progressivamente asciugando, decide di fermarsi ai box per cambiare le gomme. Al rientro in pista è scivolato agli ultimi posti per cui si lancia a testa bassa, deciso a recuperare il terreno perduto. Nel corso del terzo giro, il dramma. L austriaco perde il controllo in una veloce curva a sinistra, più o meno a metà pista, compie un testa coda, sbatte violentemente contro una roccia con la fiancata sinistra, rimbalza al centro della pista e, dopo aver sfondato le reti di protezione, prende immediatamente fuoco. Dopo Guy Edwards, che riesce ad evitare la carcassa infiammata della Ferrari, arriva la Surtees di Brett Lunger che non riesce ad evitarla e la urta violentemente. I piloti giunti sul posto scendono dalle loro macchine e si prodigano a soccorrere lo sfortunato pilota. In particolare è da ammirare il coraggioso Merzario, che non esita, rischiando la propria vita, a gettarsi in mezzo alle fiamme riuscendo ad Il comasco Arturo Merzario estrarre Lauda dall abitacolo, salvandogli così la vita. All'ospedale di Adenau, dove Lauda è stato trasportato, la situazione appare gravissima al punto tale che i medici si vedono costretti ad affermare che il pilota è in pericolo di vita; fortunatamente le sue condizioni, lentamente, cominciano a migliorare e dopo vari giorni viene dichiarato fuori pericolo. Nonostante la bella notizia Lauda sarà obbligato ad affrontare la cruda realtà: rimarrà sfigurato al volto. La domanda resta una. Quanti piloti dei nostri giorni sarebbero in grado di compiere un atto simile? Poche sono le persone che sarebbero disposte a salvare un compagno rischiando di perdere la propria vita. Merzario con il gesto di quell agosto ha dimostrato che spesso la concorrenza e le varie discordie possono essere dimenticate o semplicemente poste in un secondo piano. Questo è il più bell esempio di fair play in quanto si è disposti a perdere una gara per salvare un altra vita, quella dell avversario.

3 La Gazzetta del Fair Play 3 Sport, un ottima palestra di vita Un percorso condiviso e consigliato per grandi e piccini: all insegna del benessere Age quod agis, fa quello che fai, cioè mettici tutto te stesso, mettici la testa, il cuore, le mani, i sentimenti Mettici tutto quello che hai. Questo proverbio latino molto significativo, ma soprattutto emblematico, può essere attribuito sì allo sport, ma è soprattutto una frase maestra di vita. L accostamento tra sport e vita è essenziale in quanto sono uno il completamento dell altra. Lo sport è uno strumento di vita attraverso il quale emergono una serie di valori, ma purtroppo anche scorrettezze. Proprio come succede nella vita quotidiana. Per quanto riguarda i valori, sicuramente possiamo citare il coraggio di affrontare con serenità le competizioni (lo sforzo di trovare la serenità nei momenti difficili della vita), la solidarietà di supportarsi l un l altro, l incoraggiarsi reciprocamente, il rispetto degli avversari e delle norme che regolamentano lo sport ma anche la vita di tutti i giorni. Un punto che mi colpisce particolarmente è la gioia di vivere. Infatti, attraverso lo sport si riesce a capire Per poter raggiungere gli obiettivi prefissati bisogna lavorare con fatica e onestà veramente il valore della vita e quanto essa sia da apprezzare. La gioia è trasmessa dagli occhi di un bambino che taglia per primo il traguardo, ma anche dal sorriso amaro di un perdente o dalla fatica di entrambi. Grazie all esperienza positiva si è in grado di arricchire il proprio patrimonio di esperienze, si cresce anche fisicamente e ci si mantiene sani ed in forma. Lo sport va considerato gioco di vita, un lungo cammino che porterà alla maturazione di un individuo. Se si gioca bene, se si agisce in modo leale, si cresce; se ci si comporta in modo scorretto ci si sminuisce. Anche la sconfitta è, in molti casi, elemento di crescita; il riconoscere i propri errori e i propri limiti deve fare di noi delle persone decise a migliorarsi. Saper resistere alle negatività della vita non è una condizione in cui si nasce, quindi soggettiva, ma piuttosto un processo che ognuno di noi può costruire. Uno degli strumenti per farlo è proprio lo sport: per poter raggiungere gli obiettivi prefissati, bisogna lavorare con fatica e onestà. Purtroppo non sempre nello sport come nella vita per raggiungere gli obiettivi si usano mezzi morali leciti, comportamento tipico di chi crede di poter ottenere, in tutti campi, i massimi risultati con il minimo sforzo. Credo, per concludere, che l attività sia di aiuto a tutti, anche ai ragazzi in difficoltà, con problemi di inserimento sociale e con destino probabilmente segnato dal disadattamento. Molti di loro, proprio avvicinandosi allo sport, hanno l opportunità di scoprire l importanza ed il valore delle regole, imparano che esiste un altro modello di vita che forse non sarebbero mai stati in grado di scoprire. In questo sta la magica funzione formativa dello sport.

4 La Gazzetta del Fair Play 4 Fausto e Gino, gemelli separati Coppi e Bartali rivali nello sport, ma uomini corretti e altruisti in gara Faust o Coppi Coppi e Bartali. Bartali e Coppi. Due acerrimi nemici, in bicicletta: Bartali come campione di un epoca al tramonto, Coppi come il nuovo che avanza a grandi passi. Ma, dove smette il corridore, rimane l uomo, con i suoi desideri, le sue paure, la sua commedia umana. La rivalità tra Coppi e Bartali è stata nel secondo dopoguerra uno degli argomenti, sportivi e non, più dibattuti d Italia e ha riempito per oltre un decennio le cronache sportive, contribuendo in modo fondamentale a rendere il ciclismo uno sport di massa al centro dell attenzione dei mass media: l importante, per l uno e per l altro, era che non vincesse l amiconemico. Durante una durissima salita al Tour de France, un fotografo scattò una fotografia in cui si vede il passaggio di una borraccia tra due amici. Ma sicuramente tanti saranno stati gli scambi, nella miriade di corse in cui i due ciclisti si affrontarono battagliando sui pedali. La foto divenne un simbolo della rivalità cavalleresca, della sfida tra gentiluomini e del fair play che ha caratterizzato il rapporto tra i due campioni. L antagonismo tra i due fu sempre di altissimo livello, ma improntato al rispetto reciproco. Nonostante questa fiera rivalità, passare la borraccia al compagno assetato era la cosa più naturale del mondo. Gino Bartali

5 La Gazzetta del Fair Play 5 Meglio vincere o partecipare? L agonismo come sfida personale e non come lotta contro l avversario Kiira Kor pi L importante è partecipare. Con questa famosa frase si viene spesso consolati quando non si arriva primi in una competizione, ma l amarezza della sconfitta spesso perdura. Perché? Semplice: quando ci si mette alla prova e si partecipa a una gara è naturale che si voglia superare gli altri e arrivare al traguardo vincitori. Se ciò non accade, si resta ovviamente delusi. Tuttavia, i veri atleti non sono coloro che sono pieni di rancore nei confronti dei propri avversari, bensì coloro che ne riconoscono la superiorità e si congratulano con loro per la vittoria. L importante è partecipare, non vincere? Non proprio: l importante è mettercela tutta e accettare anche la sconfitta se altri sono meglio di noi. L importante è cercare di fare sempre meglio, non tanto per sentirsi superiori agli altri, quanto per essere degni di combattere lealmente e sportivamente. Infatti gareggiare solo per partecipare porta a una sorta di pigrizia che non ci permette di dare il massimo. Una gara è un banco di prova che richiede impegno, non solo una tiepida partecipazione. Per queste ragioni la frase Ciò che conta è partecipare, non vincere, non corrisponde esattamente a quello che un vero sportivo vorrebbe sentire alla fine di una gara. Il segreto sta in una semplice regola secondo cui dobbiamo pensare ogni volta che affrontiamo una prova (non solo nello sport): la competizione serve per dare il meglio di noi stessi e gli altri non sono avversari da battere, ma punti di riferimento. Carolina Kostner

6 La Gazzetta del Fair Play 6 Fair Play e calcio: separati in casa Troppe violenze in campo e negli fuori dagli stadi. Una passione tradita Il Fair Play è un codice d onore nato nel gioco del calcio, preso come impegno ufficiale dalla FIFA. Non è solo il rispetto delle regole, ma un modo di pensare che si basa sui concetti d'amicizia, di non violenza e di lealtà sia in campo sportivo che nella vita quotidiana. Infatti la FIFA e la UEFA hanno in più occasioni premiato coloro che hanno dimostrato di seguire attentamente i fondamenti del Fair Play. Dall anno 2007 in Italia è stato inserito nelle partite di serie A il cosiddetto terzo tempo, in cui i giocatori stringono le mani dei direttori di gara. Questi gesti servono a diffondere il più possibile l ideale del Fair Play. Si va dal Fair Play finanziario, proposto per evitare spese folli della società, a quello che dovrebbe essere osservato sul terreno gioco. La FIFA ha emanato delle regole sul Fair Play che riguardano differenti aspetti come la condotta per il calcio, il concetto di osservare le regole del gioco, il rispetto nei confronti degli avversari, degli arbitri, dei funzionari, degli spettatori, il fatto di accettare la sconfitta con dignità, il rifiuto della corruzione, della droga, del razzismo e della violenza. Nella storia del calcio sono avvenuti innumerevoli eventi di violazione del Fair Play. Un eclatante esempio di violazione del Fair Play è il caso accaduto durante i mondiali del 2006, che vide protagonisti, Marco Materazzi (giocatore dell Italia) e Zinadine Zidane ( giocatore della Francia) durante la finale dei Mondiali tenutasi il 9 luglio Il tutto è partito da alcune parole offensive rivolte durante tale partita da Materazzi al capitano francese, che ha reagito con una violenta testata sul petto del giocatore italiano. Ciò ha provocato l espulsione di Zidane e suscitato scalpore e critiche, causando molte polemiche in campo calcistico e morale. Un altro esempio di violazione del Fair Play è lo scandalo del calcio italiano, avvenuto nel 2006, definito ironicamente Calciopoli o anche Moggiopoli. Tale episodio si dipanò tra il 2004 e il 2006 ed emerse a seguito di alcune intercettazioni telefoniche operate da diversi tribunali nei confronti delle dirigenze di quattro club italiani: Juventus, Fiorentina, Lazio e Milan. L accusa principale era di illecito sportivo verificato nel voler aggiustare le decisioni arbitrali e determinare risultati di incontri di campionato. Un ulteriore esempio è il caso avvenuto recentemente durante le qualificazioni ai mondiali di calcio del 2010 in Sudafrica. In tale evento il giocatore francese Thierry Henry ha favorito il pareggio del compagno di squadra affiancando il pallone con la mano sinistra, prima di servire l assist decisivo. A fine partita Trapattoni, allenatore dell Irlanda, la squadra avversaria, ha reagito così : «La FIFA parla spesso di Fair Play, ma è inutile parlare di fair play se poi non si rispettano le regole. Sarà compito dei mezzi di informazione far capire cosa è successo prima del gol francese. Tutto il mondo ha visto cosa è successo. La Francia ha giocato bene a Dublino. Ma noi meritavamo di andare in Sudafrica».

7 La Gazzetta del Fair Play 7 La regola? Giocare con onestà Fattore decisivo per il Fair Play è impegnarsi onorando l avversario Siamo disposti ad aiutare gli altri, anche se questo significa rinunciare ai nostri obiettivi o alla vittoria? Nello sport ci sono delle regole a cui ogni giocatore si dovrebbe attenere; purtroppo spesso non è così. Infatti ormai l unica cosa che conta per uno sportivo è vincere anche a discapito degli altri concorrenti. Il rispetto delle regole è imprescindibile sia nello sport che nella vita. In ambito sportivo si dovrebbe partecipare a competizioni senza voler ottenere la vittoria a tutti i costi; così come nella vita bisogna accettare i propri limiti e le sconfitte, trovando la forza di migliorarsi. Il Fair Play si basa anche sulla capacità di rifiutare qualunque tipo di azione che possa arrecare danno ai nostri avversari, o alle persone che ci vengono poste al fianco. Si deve cercare la vittoria nell onestà e nei nostri valori, non in quello che ci viene proposto come giusto, ma che può avere gravi conseguenze in futuro. Quando ci si rende conto che qualcuno sta sbagliando, glielo si deve far notare, non per accusarlo, ma per conferirgli la consapevolezza delle sue azioni in modo che possa rimediare ai suoi errori. Nello sport, come nella vita, non è sempre facile decidere di fare la cosa giusta, ma saperla riconoscere è già un passo importante. Tutti dovremmo impegnarci ad onorare la vita e tutto ciò che essa ci offre. Quello che si chiede, non è di fare sempre la cosa più opportuna, anche perché altrimenti sarebbe facile; l importante è semplicemente vivere e giocare rispettando tutto quello che ci circonda e che è stato fatto per noi. In fondo non sarebbe un impresa così ardua, se solo capissimo quello che conta davvero: non la vittoria, ma la partecipazione con impegno, non l essere i primi in tutto, ma avere il coraggio di ammettere che si può di arrivare secondi. Nello sport come nella vita, non è sempre facile decidere di fare la cosa giusta, ma saperla riconoscere è già un passo importante. Tutti dovr emmo impegnarci ad onorare la vita e tutto ciò che essa ci offre

8 La Gazzetta del Fair Play 8 Eugenio Monti e quel bullone Il Rosso Volante prima medaglia de Coubertin della storia dello sport Eugenio Monti, soprannominato da Gianni Brera il rosso volante per il colore dei suoi capelli e per il coraggio che dimostrava in ogni gara alla quale partecipava, alle Olimpiadi di Innsbruck vinse due medaglie di bronzo, e in questa edizione dei Giochi si rese protagonista di uno dei più grandi gesti di fair play della storia dello sport. La lotta per l oro olimpico era tra l azzurro e il giovane britannico Tony Nash. Dopo la prima discesa la situazione vedeva al comando Monti davanti al team britannico e all altro equipaggio azzurro. Poco prima della partenza della seconda manche, Nash si accorse della rottura di un bullone che controllava i pattini di guida: un guasto che avrebbe costretto a rinunciare a continuare la gara, poiché aveva terminato i pezzi di ricambio. Monti, venuto a conoscenza del guasto tecnico occorso all avversario, prese la cassetta degli attrezzi e, senza esitare, diede all atleta britannico il pezzo mancante; grazie a questo gesto il team inglese poté terminare la gara. Il risultato finale vide Nash alla conquista della medaglia d oro, mentre Monti terzo dietro anche all altro equipaggio azzurro. L unico commento che Monti rilasciò alla stampa e che divenne simbolo del fair play fu: Nash non ha vinto perché gli ho dato il bullone. Ha vinto perché è andato più veloce. A Innsbruck Monti non vinse l oro olimpico, ma, primo atleta in assoluto nella storia dello sport, ricevette la medaglia Pierre de Coubertin, assegnata solo a pochissime persone come celebrazione di gesti di grande lealtà sportiva. La delusione per il mancato titolo olimpico lo portò anche al pensiero di ritirarsi dalle competizioni agonistiche, ma continuò a gareggiare per realizzare il suo sogno a cinque cerchi. L appuntamento con l oro olimpico era solo rimandato di un quadriennio, infatti Monti all Olimpiade di Grenoble riuscì a vincere l unico titolo che mancava al suo palmares. Nash non ha vinto perché gli ho dato il bullone. Ha vinto perché è andato più veloce

9 La Gazzetta del Fair Play 9 Francesco, un vero Capitano Panetta rinuncia alla vittoria per aiutare Lambruschini in difficoltà Agosto 1994, Helsinki, 16 edizione dei Campionati europei di atletica leggera, finale dei 3000 metri siepi. Partecipano ben tre atleti azzurri: Francesco Panetta, campione mondiale della specialità nel 1987, ormai a fine carriera e anche capitano della squadra nazionale italiana, vista la sua prolungata presenza in maglia azzurra; Angelo Carosi ormai non più giovane; Alessandro Lambruschini, il grande talento emergente, il vincitore designato, il favorito di tutti gli esperti. Parte la finale e Alessandro dopo 650 metri inciampa clamorosamente in una barriera, cade rovinosamente e rimane a terra dolorante. La sua gara è finita in quel momento sfortunato... ma mentre guarda gli avversari allontanarsi, Francesco, anche lui in lizza per una medaglia, da vero capitano, si ferma per rialzare il compagno. E non si limita a questo, ma lo aiuta, lo incita finchè non riesce a rientrare nel gruppo dei primi. Lambruschini, così rinfrancato, riprende il comando della gara e vince un meritatissimo titolo europeo. Carosi finisce secondo, mentre Panetta, stremato per il gesto, chiude in 8 posizione. Il bel gesto di Panetta rimane nell obiettivo dei fotografi e nella memoria di tutti gli appassionati presenti e di tutti i telespettatori. L azzurro, anche lui in lizza per una medaglia negli Europei di Helsinki, si ferma per rialzare il giovane corridore

10 La Gazzetta del Fair Play 10 Doping, morte in presa diretta Gli atleti bombati gettano via la propria vita per un mucchio di soldi Che cos è il doping? Costituiscono doping l assunzione o la somministrazione di farmaci o di sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e l adozione o la sottoposizione a pratiche mediche non giustificate da condizioni patologiche e idonee a modificare le condizioni psicofisiche o biologiche dell organismo al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti. Così è citato nell articolo 1 della legge 14 dicembre 2000, numero 376 del Ministero della Salute. La suddetta legge tutela la salute nell ambito dello sport e dichiara il doping un reato penale. Il doping è legale solamente in presenza di documentazioni e certificazioni mediche che dichiarano le particolari condizioni patologiche dell atleta e che non danneggiano la salute. Si può quindi considerare un esempio non coerente alle dinamiche del Fair Play. Oltre ad essere un danno alla salute degli sportivi, è anche un modo per non avere stima di se stessi e rispetto per gli altri compagni e gli avversari. Perché atleti motivati e consapevoli della propria scelta di vita dovrebbero distruggere il proprio corpo e la propria carriera dando un pessimo esempio ai giovani talenti e rovinando un rapporto onesto come il Fair Play? Siamo solo quindicenni che amano lo sport leale, ma vogliamo esprimere una nostra opinione a riguardo, nonostante siano ancora molte le esperienze che dobbiamo fare. Secondo il nostro parere, gli sportivi che abusano di sostanze illegali sono persone che soffrono di complessi di inferiorità, che vogliono arrivare al successo velocemente, saltando le tappe e senza alcuna fatica. Spesso gli atleti tendono a seguire la massa e pur di arrivare in cima al podio e battere gli avversari fanno un uso inappropriato di droghe. E quando gli altri chiedono perché l hai fatto?, i dopati rispondono lo facevano tutti e se non lo facevo anch io era impossibile vincere. Gli atleti, dopandosi, si comportano da egoisti e da ipocriti, perché vogliono solo soddisfare la loro sete di gloria e la voglia di brillare agli occhi degli altri. Li definiamo egoisti e ipocriti in quanto sleali nei confronti dei loro avversari. Non si possono nemmeno definire atleti, perché sono l onestà e il rispetto dell avversario che fanno di un uomo uno sportivo. Un altra motivazione su cui abbiamo riflettuto sono i soldi. In alcuni casi gli atleti sono obbligati al dopaggio dai loro manager sportivi per guadagnare di più, anche se sono soldi sporchi, altre volte sono ingannati: assumono sostanze apparentemente innocue e benefiche per la salute, che in realtà sono droghe. Non troviamo parole per concludere questo discorso, se non: ne vale veramente la pena?.

11 La Gazzetta del Fair Play 11 Natalia e Nino, centro perfetto Paderina e Salukvadze, quando vince l amicizia sui venti di guerra Agosto Olimpiadi Pechino, gara della pistola da 10 metri. Un particolare come un semplice abbraccio oggi può significare molto di più. Eccole, sul podio, le atlete: la russa Natalia Paderina e la georgiana Nino Salukvadze. La Paderina ha vinto l'argento e la georgiana il bronzo. Ma che cosa c è di così emozionante in questo gesto? Nella notte, la squadra georgiana ha deciso di non ritirarsi nonostante il gravissimo conflitto in corso con Mosca. Dopo la decisione, la Salukvadze è andata a gareggiare ed è risalita dal quarto al terzo posto nella competizione vinta dalla cinese Guo. Infine l'abbraccio sul podio con la "nemica": "'E' stato molto bello da parte sua venire da me dopo la finale per stringermi la mano"- dice la Salukvadze. In un momento drammatico per via della guerra in Ossezia, questo gesto distensivo ci fa apprezzare ancora di più lo sport con i suoi valori, che va ben oltre l ennesima vergognosa guerra! L immagine di questo abbraccio resterà per sempre la commovente icona di questi Giochi olimpici. La rivincita dei sogni sull egoismo della realtà, il trionfo dello sport inteso come tale e non come strumento di propaganda. Il paradosso ancor più struggente è che le due sparavano per vincere, ma non si sparavano addosso; nella loro mente c era la voglia di gridare al mondo: vogliamo la pace, abbasso la guerra! In un momento drammatico per via della guerra in Ossezia, questo gesto distensivo ci fa apprezzare ancora di più lo sport con i suoi valori, che va ben oltr e l ennesima ver gognosa guer ra

12 La Gazzetta del Fair Play 12 Divertimento primo per distacco Sacrificio relegato nelle ultimi posizioni. Fair Play, questo sconosciuto Per conoscere se il significato di Fair Play è presente nei giovani di oggi, abbiamo distribuito, nella zona di Monza e dintorni, diverse interviste a ragazzi dagli 11 ai 25 anni. Le domande proposte erano tutte inerenti il tema dello sport in senso lato e del Fair Play. Alla domanda Se dico sport a che cosa pensi?, accanto a coloro che hanno associato a tale sostantivo l attività da loro praticata, la voce più gettonata, il 30%, è stata divertimento, seguita da sacrificio, sforzo e fatica, al 18%. Lo sport, per il 44% dei ragazzi intervistati, è attività indispensabile per la salute; per il 32% è un modo per rilassarsi e sfogarsi; per una piccola minoranza un modo per realizzarsi, per esprimersi, uno stile di vita. Il motore di tutto questo resta sempre la volontà di divertirsi e la passione, seguita dalla voglia di fare, di scoprire e di scoprirsi. Fortunatamente solo il 33% ritiene che nella nostra società non si può arrivare secondi nello sport, perché per apparire bisogna essere i primi, i migliori; un buon 66% sostiene che è fondamentale il modo con cui si affronta la gara, il fatto di dare il proprio meglio, il trovare un giusto equilibrio, il riconoscere le proprie potenzialità, il vincere contro se stessi, l accettare i limiti personali; un intervistato scrive addirittura citando Rudolf Nureyev: Ognuno vorrebbe essere il più grande, ma Dio non può accordare questo onore a tutti. Parlando di Fair Play solo una persona non sa di cosa si stia parlando; il 45% sostiene siano regole indispensabili per la riuscita del gioco, il 39% il vero significato dello sport. Quello che noi speriamo è che effettivamente i giovani di oggi siano stati sinceri e abbiano fatto del Fair Play uno stile di vita, come emerge da questa intervista, in modo che possano vivere bene lo sport anche da adulti. Il motore principale resta sempre la volontà di rilassarsi

13 La Gazzetta del Fair Play 13 Dare a Cesare quel ch è di Cesare Il canoista Zilioni perde il Mondiale dopo aver aiutato l ungherese Fabian Campionati del mondo di canoa 1963 Jaice K metri Ad un giro di boa, alcuni equipaggi si trovarono molto vicini. In uno dei mucchi formatisi per conquistare la posizione migliore, al canoista ungherese Fabian, sfuggì di mano la pagaia. Il compagno non se ne accorse; lo notò invece l italiano Cesare Zilioli, che interruppe momentaneamente la competizione per raccogliere la pagaia di Fabian dall acqua e porgergliela, permettendogli di ripartire. La coppia ungherese vinse il titolo mondiale grazie al nobile gesto degli italiani, che si posizionarono solamente settimi. Al momento della premiazione, Fabian scese dal podio e corse verso l azzuro Zilioli, al quale donò la sua medaglia d oro in segno di riconoscenza. L italiano fu premiato anche dalla Federazione Internazionale della canoa e dal Panathlon Internazionale. Giornata dello sport Quasi... decathlon al Bianconi Il 20 ottobre scorso la nostra scuola, il Collegio Bianconi ha organizzat o la giornata dello sport per gli alunni di 5^ elementare e 1^ media. Il percorso era strutturato in diversi giochi e gare. La cosa che più ci ha colpito non è stata solo la bravura nello sv olger e gli eser cizi, ma la lealtà e la voglia di partecipare, il fair play, un valore che si impara fin da piccoli, una parte fondamentale, soprattutto uno stile di vita. Purtroppo ci sono atleti che, pur di vincere, giocano in modo scorretto, mentre lo sport deve essere una palestra di vita e di valori. Il f air play sugg erisc e di gio car e lealm ent e; è un a reg ola non scritta ma dettata dall etica morale dell atleta, individuata nei gesti di lealtà, di rispetto e di onore nei confront i dell avversario. Quest o si è verificato anch e nel Quasi decathlon : dei bambini che, con grande rispetto e voglia di fare, si sono aiutati l un l altro e si sono divertiti. In un mondo dove è molto importante vincere ed apparire ad ogni costo, il fair play rappresenta la pura essenza dello sport, ovvero la voglia di vincere solo con la propria forza senza danneggiare l avversario.

14 La Gazzetta del Fair Play 14 Israele e Palestina, prove di dialogo Una lezione di vita: i piccoli indicano la strada della pace ai grandi Firenze, 4 gennaio In campo ragazzi di tredici anni che giocano a basket. Questa non è una partita come tante altre; questo è un match che si trasforma in un grande evento per le nazionalità in campo. Infatti sono presenti nazioni politicamente contrapposte: Israele contro Palestina. Non è una mattina di solo basket. C è una guerra che insegue tutti. Sulla panchina sono stesi quattro quotidiani. Titoli che raccontano una tragedia. Uno di questi reca: Gaza, la notte dell inferno. Un altro Gli israeliani entrano a Gaza. Ma la cosa che fa più rabbrividire è che sono presenti più poliziotti che tifosi. Gli organizzatori cercano di creare un clima amichevole; da qui potrebbe partire un meraviglioso messaggio di pace. La competizione si conclude con la vittoria degli israeliani per 37 a 31 sui palestinesi. Però in campo si è gareggiato con lealtà e rispetto. Tutto finisce per il meglio. Al fischio finale i protagonisti di questo eclatante match si danno il cinque. Qualcuno addirittura arriva a stringersi la mano. Questo è uno dei più importanti messaggi che è stato rivolto alle due nazioni: nessuno di loro vuole la guerra, questi ragazzi hanno giocato solo per fare sport. Nuoto L amicizia vale più di un oro Estate del 2005, Giochi Olimpici di Atene, finale 200 metri dorso m aschile: vince l americano Aaron Peirsol, secondo l austriaco Markus Rogan. I due sono grandi amici, si sono conosciuti in occasione di alcune competizioni negli Stati Uniti, dove Markus si è recato per studio. Durante questa gara, Peirsol ha commesso un fallo, un falso battito di gambe, ma Rogan non protesta e non richiede la squalifica dell amico, perché la distanza con lui è troppo grande a confronto di una sc orr ett ezza così piccola. Rogan dichiara, infatti: L amic izia con Aaron è molto più importante della medaglia d oro. Rogan ha avuto sicuramente un comportamento da vero sportivo. Markus Rogan si è fatto molti amici con questa reazione insolita n ello sport, dove ciascuno vuole v incere e ciascuno guarda solamente i propri vantaggi Per noi tutti un grande modello: non sono solo la gloria e il denaro che contano; sono il comportamento umano e il Fair Play che ci rendono più felici.

15 La Gazzetta del Fair Play 15 Quidditch, il valore aggiunto In controtendenza: non tutta la tv di oggi è da definire televisione spazzatura Il Quidditch è un immaginario gioco magico con la palla che si pratica a cavallo di manici di scopa volanti. Esso presenta elementi in comune con sport non magici come calcio, pallacanestro e polo. È stato creato da Joanne Kathleen Rowling per la collana di libri di Harry Potter, diventati poi film Mi raccomando ragazzi, voglio un gioco pulito, da tutti voi! Queste le parole pronunciate proprio nel primo capitolo di questa saga, all inizio di una partita, dalla professoressa e arbitro del gioco. Probabilmente a 8 anni, questa frase non ha particolare importanza, tuttavia inconsciamente ci trasmette il valore della lealtà nel gioco: infatti, proprio in questa partita, una delle due squadre non rispetta le regole, ma alla fine sono gli avversari, onesti, ad essere premiati con la vittoria. Come possiamo notare, nel mondo della magia (il mondo dei bambini), così come nel mondo reale, ci sono delle regole da rispettare, ed anche questo è un chiaro segnale della voglia di trasmettere alle generazioni future importanti valori. Ecco riportati alcuni esempi di falli: Afferrare la coda della scopa di un avversario. (nel gioco del polo è vietato afferrare la mazza dell avversario) Lanciare una Palla verso il pubblico. Il gioco trasmette impor tanti valori per le generaz ioni futur e (nel gioco del calcio e della pallacanestro è vietato lanciare volontariamente una pallonata al pubblico per ferire i tifosi avversari) Eccessivo uso di spinte e gomitate contro gli avversari. (nel calcio e nella pallacanestro sono ciò che viene definito fallo) Manomettere la Palla allo scopo di modificarne la traiettoria. (truccare la partita) Inserire una parte del corpo negli anelli per evitare che la Palla entri. (nel gioco del calcio il difensore che devia la palla fuori dalla porta utilizzando le mani) Questo articolo non vuole essere solo di intrattenimento, ma anche di dimostrazione che non tutta la televisione (e la letteratura) di oggi è da definire televisione spazzatura, poiché sono ancora presenti i principi di una volta, occorre solo essere disposti a trovarli.

16 La Gazzetta del Fair Play 16 Pelè e Moore, stato di grazia Messico 70: le bandiere di Brasile e Inghilterra inaugurano il terzo tempo E ormai scena comune sui campi di calcio. Scatta il novantesimo ed ecco il classico scambio di maglie. Così come riporta il sito della FIFA, uno dei primi momenti se non addirittura il primo in assoluto in cui i giocatori si sono scambiati le maglie risale al 1931 con i giocatori della nazionale francese che vollero commemorare la storica vittoria per 5 a 2. Poi, col passare del tempo tante altre occasioni resero celebre questo momento, come per esempio lo scambio di maglie tra Pelè e Moore nel mondiale 1970, al termine di Brasile Inghilterra. Ma perché si scambia la maglia a fine partita? Non è un modo perverso di mettersi al servizio dell avversario o una riconoscenza verso questo o quel giocatore, è semplicemente una forma di rispetto. Dopo una battaglia di un ora e mezza, la maglia scambiata è un rendere omaggio all avversario, riconoscerlo degno antagonista, è un segno di rispetto e cameratismo tra combattenti. Non è un modo di mettersi al servizio dell avversario, è semplicemente una forma di rispetto

17 La Gazzetta del Fair Play 17 Il Fair Play * Tenere un atteggiamento dignitoso ed equilibrato nella vittoria come nella sconfitta. *Accogliere le decisioni dell'arbitro, sapendo che come i giocatori ha diritto all'errore anche se fa di tutto per non commetterlo. * Evitare la cattiveria, le aggressioni nelle azioni di gioco e nelle parole. * Non usare artifizi ed inganni per ottenere il successo. * Prestare soccorso ad ogni giocatore ferito o comunque aiutarlo.

18 La Gazzetta del Fair Play 18 La Gazzetta del Fair Play a cura della 2 LM del Collegio Bianconi di Monza A.s. 2010/2011 Articoli di: Elisa Asnaghi, Edoardo Banfi, Alice Beretta, Beatrice Bergna, Caterina Boldoni, Arianna Castelluccio, Giulia Corbetta, Martina Dal Molin, Beatrice Dalola, Laura Fondrini, Simona Gizzi, Giulia Maiocchi, Giulia Marrone, Christian Musso, Greta Pasini, Ornella Pensato, Clara Radaelli, Chiara Scipione, Clara Tripodi, Giorgia Tronconi, Francesca Ulano, Alessandra Villa, Alice Villa, Alice Zorzan. Realizzazione e grafica della Professoressa ELENA BONATI

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice?

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice? INTRODUZIONE Perché abbiamo stilato questo Codice? Con questo insieme di regole la società GSD MontecatiniMurialdo vuole avvicinarsi ai propri giovani calciatori, cercando di insegnare loro le fondamentali

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

Codice di Comportamento Sportivo del TREVIGLIO RUGBY

Codice di Comportamento Sportivo del TREVIGLIO RUGBY PREMESSA TREVIGLIO A.S.D. la quale opera, in conformità al relativo Statuto, nel settoro sportivo, ricreativo e culturale, con lo scopo di sviluppare e diffondere il rugby inteso come mezzo di formazione

Dettagli

Il fair play non è una regola scritta, bensì un codice d onore presente nel gioco del calcio e in molti altri sport. infatti la parola fair play si

Il fair play non è una regola scritta, bensì un codice d onore presente nel gioco del calcio e in molti altri sport. infatti la parola fair play si Il fair play non è una regola scritta, bensì un codice d onore presente nel gioco del calcio e in molti altri sport. infatti la parola fair play si può tradurre con lealtà. La parola fair play è stata

Dettagli

Questo opuscolo è rivolto a voi che con il vostro

Questo opuscolo è rivolto a voi che con il vostro Stralci da Cari Genitori 1990 Si ringraziano: Carlo Tranquilli, Vincenzo Prunelli, Barbara Benedetti, Federazione Giorgio Castelli, Associazione Alessandro Bini madvertising.it Cari Genitori... Questo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PROGETTO NON UNO DI MENO

PROGETTO NON UNO DI MENO Provincia di Milano Assessorato all Istruzione Centro COME Cooperativa Farsi Prossimo PROGETTO NON UNO DI MENO Laboratori ELLEDUE Materiali didattici prodotti nel corso della sperimentazione 2007/2008

Dettagli

Codice Etico e Comportamentale Stagione Sportiva 2015-2016

Codice Etico e Comportamentale Stagione Sportiva 2015-2016 Codice Etico e Comportamentale Stagione Sportiva 2015-2016 Pag. 1 di 10 CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE Piacenza Calcio 1919 Premessa Il Codice Etico della Società reca norme sostanziali e comportamentali

Dettagli

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato della Maestra Mery Anesa Mery Anesa Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato Giugno 2011 Osservazioni e commenti

Dettagli

PROMOZIONE SPONSOR 2014 Scuola Ciclismo DESTRO PROMOZIONE SPONSOR 2014 Scuola Ciclismo DESTRO NOI, VOI. STESSA STRADA, STESSO SUCCESSO Pubblicità o sponsorizzazioni? Ti stai chiedendo cosa dovresti guadagnarci

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Siamo un cambiamento in cammino

Siamo un cambiamento in cammino Scuola Primaria Paritaria Sacra Famiglia PROGETTO EDUCATIVO ANNUALE 2013 2014 Siamo un cambiamento in cammino Uno di fianco all altro, uno di fronte all altro Il percorso educativo di quest anno ci mette

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

A.S.D. PRO CALCIO ITALIA

A.S.D. PRO CALCIO ITALIA A.S.D. PRO CALCIO ITALIA Gioca a testa alta Stagione 2015-2016 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) PREMESSA L attività calcistica giovanile è regolata sulla base dei principi dalla Carta dei diritti dei

Dettagli

"Il Ciclismo tra percezione e comunicazione"

Il Ciclismo tra percezione e comunicazione "Il Ciclismo tra percezione e comunicazione" Ricerca realizzata dall Università Link Campus University in collaborazione con: Federazione Ciclistica Italiana, Lega del Ciclismo Professionistico e Rcs La

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO COSA E L insieme di attività avviate dall allenatore per formare il ragazzo, attraverso lo sport, ai valori umani e cristiani PARTI COINVOLTE - ALLENATORE RESP. ANNATA

Dettagli

L associazione segue l'osservanza delle direttive del Comitato Italiano Paraolimpico

L associazione segue l'osservanza delle direttive del Comitato Italiano Paraolimpico PICCOLI DIAVOLI 3 RUOTE Associazione Sportiva Disabili, riconosciuta O.N.L.U.S. Monza, 18 Ottobre 2007 Nel Marzo 2006 nasce a Monza la prima Associazione Sportiva Dilettantistica per disabili ONLUS chetrovailsuofinenellapromozionee

Dettagli

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI Documento riservato non riproducibile CHI SIAMO La XXL PALLACANESTRO è un associazione sportiva dilettantistica, nata ufficialmente nel 1989, che opera sul territorio

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA 1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA PROGETTO GIOCO SPORT FINALITA Il Progetto Gioco-Sport intende rendere evidente e far comprendere il valore altamente educativo delle attività sportive, individuali e collettive

Dettagli

NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007

NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007 NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007 E..STATE A CANTALUPA - Bilancio favorevole per la «Tre Denti Bike» del 15 Luglio - Ferragosto cantalupese - 2 Settembre: «Di nuovo in volo per la vita»:festa del Freidour,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

ANDREA DEVICENZI IL TRIATHLON

ANDREA DEVICENZI IL TRIATHLON ANDREA DEVICENZI ANDREA DEVICENZI: QUALCOSA PIÙ DI UN ATLETA All età di 17 anni per un incidente motociclistico il suo cuore si è fermato tre tentativi di rianimazione i primi due falliti al terzo tentativo

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Io tifo positivo nel segno di Candido

Io tifo positivo nel segno di Candido BRUGHERIO Io tifo positivo nel segno di Candido La PROPOSTA parte da un lavoro che ha visto in questi anni coinvolti circa 10000 ragazzi delle scuole primarie e secondarie di molti comuni della provincia

Dettagli

U.S. VIRTUS BINASCO. Stagione Sportiva

U.S. VIRTUS BINASCO. Stagione Sportiva U.S. VIRTUS BINASCO Stagione Sportiva 2014-2015 CONSIGLIO DIRETTIVO Presidente 1.PACCALINI MASSIMO Vice Presidente 2.MALATERRA DAVIDE 3.CARENINI STEFANO Consiglieri 4.ARIOLI LUIGI 5.CICERONE SERGIO 6.CARERA

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare.

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare. articolo N.37 GENNAIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi gli

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Codice di Comportamento 2015

Codice di Comportamento 2015 Codice di Comportamento 2015 Raccolta di modi di agire ai quali tendere, frutto di una ricerca e del confronto con altre società sportive, non solo nel settore pallavolo. Polisportiva D. Borgo Virgilio

Dettagli

CODICE ETICO A.S.D. DON BOSCO RIVOLI

CODICE ETICO A.S.D. DON BOSCO RIVOLI CODICE ETICO A.S.D. DON BOSCO RIVOLI Premessa Il presente Codice etico specifica i doveri fondamentali, inderogabili e obbligatori, di lealtà, correttezza e probità nonché le norme sostanziali e comportamentali

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

PROGETTO SCUOLA CALCIO A.S.D. TERME VIGLIATORE

PROGETTO SCUOLA CALCIO A.S.D. TERME VIGLIATORE Premessa Prima di parlare di un progetto concreto di scuola calcio, riteniamo opportuno analizzare alcuni comportamenti fondamentali che ci vengono propinati dalla società. I bambini d oggi non hanno a

Dettagli

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono:

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono: SOLIDARIETA La nostra scuola pone come elemento fondante della sua azione formativa lo sviluppo di condizioni di esercizio attivo del diritto-dovere di cittadinanza, coinvolgendo, in questo, tutte le componenti

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Art.1 : Ogni gara è giocata da due squadre formate ciascuna da 5 giocatori (di cui un portiere); Art.2 : Ogni gara non può iniziare, o proseguire,se una squadra

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e il tifo calcistico.

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e il tifo calcistico. OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e il tifo calcistico Il Gazzettino, 24052011 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino Il sondaggio è stato condotto nei giorni

Dettagli

Fiscal News N. 129. La circolare di aggiornamento professionale. 15.03.2012 Decreto 231 per le società di calcio. Premessa

Fiscal News N. 129. La circolare di aggiornamento professionale. 15.03.2012 Decreto 231 per le società di calcio. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 129 15.03.2012 Decreto 231 per le società di calcio Categoria: Società Sottocategoria: Responsabilità amministrativa A cura di Carlo De Luca Il

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

UNA GIORNATA DI SPORT E INCLUSIONE

UNA GIORNATA DI SPORT E INCLUSIONE 16 maggio 2015 Milano, Arena Civica RECORD FOR ALL UNA GIORNATA DI SPORT E INCLUSIONE RASSEGNA STAMPA COMUNICAZIONE comunicazione@labilita.org Associazione l abilità Onlus Via Pastrengo 16/18 20159 Milano

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 TEMA DELLA MANIFESTAZIONE CALCIARE PER SEGNARE INDICAZIONI GENERALI Si ricorda che la manifestazione è una festa regionale/provinciale

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_ Gli avversari_ (leggi la prima parte) Dopo un po che si allenavano, Zio Champion disse loro di fermarsi e di bere qualcosa, sgridandoli, quando scoprì che non avevano portato nulla da bere! - È importante

Dettagli

Insegnare il Basket - versione e book

Insegnare il Basket - versione e book Lezione n. 1 Metodologia d insegnamento: spiegazione, dimostrazione, correzione Introduzione La metodologia dell insegnamento è la base di una corretta crescita tecnica tattica e psicologica degli atleti.

Dettagli

Palasport di Monza 22 23-24 ottobre 2010

Palasport di Monza 22 23-24 ottobre 2010 Palasport di Monza 22 23-24 ottobre 2010 Numerose sono state le competizioni, per le varie discipline e per numerose classi. Mi limito qui ad uno scorcio che ho ritenuto di osservare con maggior interesse

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco La città di Olimpia La corsa La lotta La corsa dei carri Olimpia Le Olimpiadi nel mondo Greco Il pugilato Il giavellotto Il salto Il disco Le origini dei Giochi sono circondate da miti e leggende, ma la

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

TORNEO ESTIVO CALCIO A 5 2015 Regolamento Tornei

TORNEO ESTIVO CALCIO A 5 2015 Regolamento Tornei TORNEO ESTIVO CALCIO A 5 2015 Regolamento Tornei Data emissione: 23/05/2015 Versione: 1.0 Sommario Art.1 Costo e Iscrizione Torneo... 2 Art.2 Limiti di categorie sui tesseramenti... 2 Art.3 Campi di gioco...

Dettagli

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA OFFBALL UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA Il 16 Febbraio 2013 è stata fondata la Federazione Offball al fine di divulgare questo nuovo sport di squadra nato dalla collaborazione di Nelly Vasta e Giuseppe Raiti.

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

STRANGE MUSIC HERO COME AVERE SUCCESSO SUONANDO UNO STRUMENTO STRANO DI PIETRO FESTA

STRANGE MUSIC HERO COME AVERE SUCCESSO SUONANDO UNO STRUMENTO STRANO DI PIETRO FESTA STRANGE MUSIC HERO COME AVERE SUCCESSO SUONANDO UNO STRUMENTO STRANO DI PIETRO FESTA PREFAZIONE DI MAURO VENTOLA Ci troviamo in un particolare momento storico, in cui dobbiamo affrontare una nuova grande

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

NEWS 26 APRILE 2015 PARTITA CAMPIONATO PULCINI 2004 REAL 2000 ROZZANO-ROZZANO CALCIO. Articolo di Enrico Carlotti (Direttore Sportivo)

NEWS 26 APRILE 2015 PARTITA CAMPIONATO PULCINI 2004 REAL 2000 ROZZANO-ROZZANO CALCIO. Articolo di Enrico Carlotti (Direttore Sportivo) NEWS 26 APRILE 2015 PARTITA CAMPIONATO PULCINI 2004 REAL 2000 ROZZANO-ROZZANO CALCIO Articolo di Enrico Carlotti (Direttore Sportivo) Siamo così giunti all ultima partita di campionato e, i nostri ragazzi

Dettagli

CAVALLO DI BASTONI FERRARA

CAVALLO DI BASTONI FERRARA CUS FERRARA RUGBY OLD CAVALLO DI BASTONI FERRARA 2 TORNEO RUGBY OLD MEMORIAL ISIDORO QUAGLIO 1 GIUGNO 2014 FERRARA IMPIANTI CUS FERRARA RUGBY VIA GRAMICIA, 41 FERRARA Ritrovo ore 12 Calcio d inizio ore

Dettagli

Conosciamoci giocando

Conosciamoci giocando Primi incontri GIANNI FRIGERIO Conosciamoci giocando Alla ripresa del catechismo il primo obiettivo è quello di favorire nei ragazzi la reciproca conoscenza e di aiutarli a fare gruppo. Vi presentiamo

Dettagli

Inserto settimanale di scommesse sportive. il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli. www.pianetazzurro.it QUOTE

Inserto settimanale di scommesse sportive. il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli. www.pianetazzurro.it QUOTE Inserto settimanale di scommesse sportive www.pianetazzurro.it il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli QUOTE IL PRONOSTICO L ex centrocampista azzurro si augura però che la squadra di Mazzarri

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte)

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) 1 QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) (ALLEGATO N 2) Sono pervenuti 90 questionari compilati ma non tutti completi. Non è stata prevista una differenziazione per categorie

Dettagli

Goriziana Campionato romagnolo a squadre serie A / B Anno 2014-2015

Goriziana Campionato romagnolo a squadre serie A / B Anno 2014-2015 F.I.Bi.S. ROMAGNA ASD Piazza Tre Martiri 17/18 Castiglione di Cervia (RA) www.fibisromagna.it - infomail: fibis@fibisromagna.it - telefax 0544 952423 Goriziana Campionato romagnolo a squadre serie A /

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere!

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! Luca d Alessandro COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO L INVESTIMENTO IMMOBILIARE ----------- O ----------- Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! 2 Titolo COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO

Dettagli

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il ruolo dell istruttore nel Minibasket è di fondamentale importanza in quanto deve migliorare

Dettagli

Mauro. Simone. Mamy Jara

Mauro. Simone. Mamy Jara Trebisonda è un programma per ragazzi su RAI 3, dove si fanno dei giochi educativi a cui partecipano ragazzi di una scuola. Stavolta è toccato alla mia classe, la 2^A, e a una di Coldirodi. Noleggiato

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport PREAMBOLO Le emittenti televisive e radiofoniche e i fornitori di contenuti firmatari o aderenti alle associazioni

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Alla ricerca di se stessi Federica Cortina 2 Titolo Alla ricerca di se stessi Autore Federica Cortina Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono

Dettagli

LEADER INCAMPO. Copertina

LEADER INCAMPO. Copertina Copertina LEADER INCAMPO Ex giocatore di calcio a 5, manager d azienda, dirigente sportivo. Giovanni Malagò è dallo scorso febbraio il nuovo presidente del Coni. Con un sogno: che la parola sport entri

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

un nuovo modo di fare calcio

un nuovo modo di fare calcio un nuovo modo di fare calcio I Piccoli Amici Si parte da qui! E l inizio del percorso calcistico, un inizio che di anno in anno viene sempre più anticipato. Un momento in cui è essenziale gettare le basi

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

Victoria MELBOURNE. Capitolo 3 E LO SPORT CON IL MIO AMICO GIANNI

Victoria MELBOURNE. Capitolo 3 E LO SPORT CON IL MIO AMICO GIANNI Victoria Capitolo 3 E MELBOURNE LO SPORT CON IL MIO AMICO GIANNI Nel mese di gennaio a Melbourne ci sono numerose manifestazioni sportive cui abbiamo assistito. La prima è stata una corsa ciclistica che

Dettagli

2. Nelle Olimpiadi dell antichità potevano gareggiare: A gli uomini greci e stranieri C gli uomini e le donne della Grecia

2. Nelle Olimpiadi dell antichità potevano gareggiare: A gli uomini greci e stranieri C gli uomini e le donne della Grecia 1 ognome... Nome... lasse... ata... LE OLIMPII OLIMPII NTIHE 1. Le Olimpiadi dell antichità si disputarono per: circa 100 anni circa 1000 anni circa 500 anni circa 10 000 anni 2. Nelle Olimpiadi dell antichità

Dettagli

campionato serie D FEMMINILE : GRUPPO FASSINA C5 - FENICE C5 7-1

campionato serie D FEMMINILE : GRUPPO FASSINA C5 - FENICE C5 7-1 Stagione 2013-2014 campionato serie D FEMMINILE : GRUPPO FASSINA C5 - FENICE C5 7-1 26-01-2014 13:46 - serie D Femminile - campionato FENICE C5 - COMPAGNIA MONTE DI MALO 0-1 19-01-2014 11:26 - serie D

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Societa affiliata alla Fipav e all MSP Manofuori Cup Non è necessario essere Campioni per divertirsi giocando a pallavolo L Associazione Culturale

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

1 Campionato Lega A HAPPINESS

1 Campionato Lega A HAPPINESS 1 Campionato Lega A HAPPINESS 2012-2013 Regolamento Il Centro sportivo HAPPINESS organizza una manifestazione a carattere amatoriale che si svolgerà a Nardò ( Le) in Via Penta 1 Campionato Lega A Calcio

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

REGOLAMENTO MINIVOLLEY TOUR PROVINCIALE MANTOVA

REGOLAMENTO MINIVOLLEY TOUR PROVINCIALE MANTOVA REGOLAMENTO MINIVOLLEY TOUR PROVINCIALE MANTOVA CI IMPEGNAMO PER Orientare l attività a tutela dei diritti del bambino atleta. Attraverso le sue esperienze e le opportunità che gli verranno offerte potrà

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

ATLETICA LEGGERA. Un po di storia

ATLETICA LEGGERA. Un po di storia ATLETICA LEGGERA Un po di storia L atletica leggera è nata insieme all uomo, il quale, per muoversi, per procurarsi il cibo e per ogni necessità era costretto a correre, a saltare, a lanciare un sasso,

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

A.S. ACQUACHIARA Mercoledì, 25 febbraio 2015

A.S. ACQUACHIARA Mercoledì, 25 febbraio 2015 Mercoledì, 25 febbraio 2015 Mercoledì, 25 febbraio 2015 25/02/2015 La Gazzetta dello Sport Gianluca Scarlata La carica di Vittorioso «Lazio, ora non fallire» 1 25/02/2015 La Gazzetta dello Sport Pagina

Dettagli

Torneodelvenerdì CUP 2015 REGOLAMENTO

Torneodelvenerdì CUP 2015 REGOLAMENTO Torneodelvenerdì CUP 2015 REGOLAMENTO GENERALITA' Il Torneodelvenerdì nasce nel 2009 per iniziativa di alcuni ragazzi desiderosi di creare un appuntamento calcistico settimanale per la propria squadra

Dettagli

UISP Challenge CUP. Campionato di pallavolo

UISP Challenge CUP. Campionato di pallavolo UISP Challenge CUP Campionato di pallavolo CAMPIONATO DI PALLAVOLO UISP Challenge CUP Il Coordinamento Pallavolo UISP Bari indice e organizza il Campionato "UISP Challenge CUP" per la stagione sportiva

Dettagli

Numero 4 Giugno 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 4 Giugno 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 4 Giugno 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Un bovolonese di serie A Matteo Gianello nazionalità: Italia nato a: Bovolone (VR) il: 7 Maggio 1976 ruolo: Portiere altezza: 189 cm peso: 85 kg Società

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO STAGIONE 2012/2013 FINALE REGIONALE 2 GIUGNO 2013 LENO (BS)

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO STAGIONE 2012/2013 FINALE REGIONALE 2 GIUGNO 2013 LENO (BS) SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO STAGIONE 2012/2013 FINALE REGIONALE 2 GIUGNO 2013 LENO (BS) TEMA DELLA MANIFESTAZIONE CALCIARE PER SEGNARE PREMESSA Si ricorda che la manifestazione è una festa a carattere

Dettagli