in grado di influenzare quel determinato di individui che si rivolge a quel determinato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "in grado di influenzare quel determinato di individui che si rivolge a quel determinato"

Transcript

1 7 P E R I O D I C O D I I N F O R M A Z I O N E D E L C E N T R O D I A G N O S T I C O I T A L I A N O S E T T E M B R E 2005 Periodico quadrimestrale - Pubblicazione registrata c/o Tribunale di Milano n. 41 del Poste Italiane SpA - Spedizione in abbonamento postale - 70% -DCB Milano. UNO STUDIO COMPIUTO DA UN TEAM DI RICERCA DEL CDI SU INDIVIDUI, CHE HANNO DATO ORIGINE A OLTRE 15 MILIONI DI DATI, PUBBLICATO ORA SU CLINICAL CHEMISTRY L ATTIVITÀ QUOTIDIANA DEL LABORATORIO DEL CENTRO DIAGNOSTICO ITALIANO. Il progetto REALAB F ino a qualche anno fa la base teorica su cui poggiava l interpretazione del dato di laboratorio, ottenuto in un determinato soggetto, era costituita dalla convinzione dell esistenza di valori normali. Si riteneva, cioé, che i parametri biologici dovessero essere valutati facendo riferimento alla determinazione degli stessi in soggetti sani. Tale impostazione, seguita ancora in parte, presenta però come difficoltà di fondo la necessità della postulazione del soggetto sano. In realtà oggi nella maggioranza dei laboratori si usano intervalli di riferimento la cui origine deriva dai fornitori dei kits. Spesso questi intervalli provengono da campioni di ampiezza limitata che includono studenti di medicina, dipendenti ospedalieri, donatori di sangue o volontari. O ancora, da pazienti ospedalizzati per ragioni diverse da quelle ritenute come calcolarli. A partire dal 2000, un in grado di influenzare quel determinato esame. È ovvio che tutti questi Dr. Colombo, Dr. Grossi, Dr. Cavuto e team di ricerca del CDI, composto dal gruppi non rispecchiano la tipologia Prof. Franzini, ha iniziato a lavorare di individui che si rivolge a quel determinato laboratorio per sottoporsi a tata da tutti gli esami di laboratorio su una cospicua base dati, rappresen- degli esami. In questo contesto si inserisce il progetto REALAB, che ri- Si tratta di circa 15 milioni di dati ap- effettuati in tre anni presso il CDI. guarda la definizione degli intervalli partenenti a circa soggetti di di riferimento degli esami di laboratorio nella popolazione reale afferente al questo arco di tempo ad esami di con- tutte le età che si sono sottoposti in CDI. Si tratta di un tema di grande trollo. È stato ideato un sistema matematico originale, basato su un algorit- attualità, in quanto l uso di intervalli di riferimento derivati dalle case produttrici dei kits è considerato non più ognuno degli esami di laboratorio mo recursivo in grado di definire per adeguato. Secondo le recenti linee guida internazionali ogni grande labora- potesse essere considerato normale. principali se un determinato valore torio dovrebbe stabilire i propri range Questo sistema, associato ad altri criteri epidemiologici, quale ad esempio di normalità, meglio definiti come intervalli di riferimento, partendo l essersi presentato, in tre anni, una dalle statistiche della propria popolazione. Nessuno, però, sa esattamente tificare una popolazione di sola volta al CDI, ha permesso di iden- riferimento di individui definibili come non malati e da questa popolazione si sono quindi ricavati i famosi intervalli di riferimento. Questa complessa fase di analisi statistica è durata due anni. Poi, dal 2003, è iniziata la stesura scientifica, che ha richiesto altri due anni. Il lavoro è stato ora accettato e pubblicato sulla rivista di medicina di laboratorio numero uno mondiale, vale a dire Clinical Chemistry, organo ufficiale della American Association for Clinical Chemistry. Si tratta indubbiamente di un risultato prestigioso per il CDI, che potrà avere ricadute molto importanti sull intera comunità scientifica. Al Progetto Realab sarà al più presto dedicato uno speciale CDI Informa. Dr. Enzo Grossi Direttore Medico Bracco S.p.A. S O M M A R I O DAY SURGERY CHIRURGIA DELLE ERNIE Soluzioni tecniche differenziate, rare recidive e ridotto discomfort caratterizzano questa branca della chirurgia. S ERVIZI SPECIALISTICI LA CAPSULA ENDOSCOPICA M EDICINA ESTETICA IL THERMAGE R ADIOCHIRURGIA IL CYBERKNIFE Le patologie del piccolo intestino indagate con una nuova metodica diagnostica non invasiva. 2 3Un innovativo trattamen to non invasivo per contrastare l invecchiamento cutaneo. N OVITÁ IL NUOVO CENTRO PER L ATTIVITÀ SPORTIVA La collaborazione e l interazione tra CDI e Università degli Studi di Milano per promuovere l attività sportiva a scopi preventivi. Lo stato dell arte del Cyberknife quindici mesi dopo la sua introduzione al CDI.

2 2 DAY SURGERY Chirurgia delle ernie Chirurgia ambulatoriale delle ernie: i materiali protesici SOLUZIONI TECNICHE DIFFERENZIATE, RARE RECIDIVE E RIDOTTO DISCOMFORT L e ernie della parete addominale sono una patologia molto frequente, con incidenza variabile in base al sesso e alla razza. Tra queste, l ernia inguinale rappresenta il 75%, mentre la crurale e l ombelicale rispettivamente il 6% e l 3%. La nascita della chirurgia delle ernie risale alla fine dell 800, grazie al chirurgo Edoardo Bassini, che riconobbe la fondamentale funzione della parete posteriore del canale inguinale, la fascia trasversalis, ma è solo nei primi anni `80 che si assiste a una vera rivoluzione con la comparsa delle protesi. Oggigiorno poche branche della chirurgia vantano soluzioni tecniche così differenziate come quelle offerte dall uso delle reti protesiche nella cura delle ernie, che a pieno titolo può definirsi tension-free e ambulatoriale. I motivi del successo delle protesi risiedono nel provvedere efficacemente al trattamento del difetto di parete, e, al contempo, nello scongiurare tensioni tissutali, inevitabili in caso di sutura plastica dei tessuti muscolo-aponevrotici. Dal raggiungimento di questi obiettivi derivano le principali caratteristiche dell ernioplastica protesica: la pressoché completa scomparsa delle recidive e un assai ridotto discomfort postoperatorio, cui è conseguita dapprima la possibilità, e poi la necessità, sotto il profilo sociosanitario, di effettuare tali procedure in regime di Day Surgery. Ecco perché l uso di tali protesi ha conosciuto una diffusione enorme, specie in Italia, ove vengono impiantate nell 80% dei ripari primari e nel 100% degli interventi per recidiva. I MATERIALI PROTESICI I biomateriali più utilizzati nelle protesi sono prodotti non riassorbibili: poliestere, polietilene, politetrafluoroetilene espanso e il polipropilene, quest ultimo considerato il Gold standard. La caratteristica determinante è la porosità: infatti quando i pori presentano dimensioni superiori a 70 micron determinano una valida migrazione all interno della protesi stessa di macrofagi, fibroblasti, fibre collagene e vasi neoformati. Ciò minimizza il rischio di infezione postoperatoria e migliora le capacità di impianto e di integrazione tissutale. Affinché si possano ottenere risultati soddisfacenti, la protesi deve essere più ampia del difetto parietale che va a ricoprire e deve adattarsi ad esso e alla superficie della parete addominale operata. È stato infatti dimostrato come, almeno per le reti di polipropilene, nel corso del primo anno dopo l impianto si assista a una contrazione superiore al 20% rispetto alle dimensioni originarie. Egualmente un adeguata distensione della rete garantisce lo stretto accollamento dei tessuti operati, evitando la formazione di spazi morti, sede di pericolose raccolte sieroematiche, fonti di possibili infezioni. Lo spazio anatomico di impianto e le pressioni tissutali parimenti condizionano il posizionamento della protesi, influenzato anche da rigidità, adesività e frequente tendenza dei margini a ripiegarsi su se stessi. È quindi opportuno fissare le reti di polipropilene quando esse siano di grandi dimensioni. Il poliestere, al contrario, si adatta meglio alle superfici curve e aderisce bene ai tessuti grazie alla fine rugosità della sua superficie, non necessitando di punti di sutura, mentre il politetrafluoroetilene espanso richiede di essere suturato scrupolosamente, per la sua scarsa tendenza all inglobamento. La resistenza delle protesi alle infezioni varia molto a seconda della loro struttura chimica e soprattutto fisica, determinata dalla presenza di monofilamenti, unici o multipli, dall architettura dell intreccio e dal diametro dei pori. Anche la risposta immunitaria dell ospite riveste grande importanza e può essere alterata dall età e dal coesistere di diabete e condizioni di immunodepressione. Il più rigoroso rispetto dei principi dell antisepsi è sempre mandatario, trattandosi evidentemente di corpi estranei, per cui si raccomanda l antibioticoprofilassi, unitamente a una accurata pulizia della ferita e della protesi stessa con povidone-iodio. Una tecnica scorretta, un utilizzo improprio dei materiali o un loro malposizionamento danno luogo a complicanze quali raccolte sierose od ematiche, infezioni, dolore postoperatorio persistente, e, in alcuni casi, migrazione della protesi. È comunque rara la necessità di rimuovere una protesi per tali compli- POST OPERATORIO CARATTERIZZANO QUESTA BRANCA DELLA CHIRURGIA canze, se non quando esse compaiano tardivamente. Il dolore postoperatorio infine, a tipo nevralgie, parestesie, ipoestesie, si manifesta sin nel 15% dei pazienti operati, fino a 6 mesi dall intervento. Le recidive si attestano all 1%, anche se non sono rari casi con valori sensibilmente inferiori. CONCLUSIONI La ricerca biotecnologica aggiunge ogni anno nuovi materiali a quelli già esistenti, ma le tecniche chirurgiche devono sempre prendere in considerazione la tipologia dell ernia e le caratteristiche del paziente. Al fine dell ottimizzazione dei risultati, il fattore determinante sarà l esperienza maturata dal chirurgo, ma, aldilà delle singole esperienze, è opportuno avviarsi verso una standardizzazione di termini e tecniche applicate, affinché i dati raccolti possano essere espressi e confrontati tra loro con un linguaggio comune. Dr. Federico Callioni, Specialista in Chirurgia delle ernie N OVITÀ I L ABORATORIO Cosa potrà cambiare a seguito del progetto REALAB Albumina: intervalli diversi tra maschi e femmine; limite inferiore aumentato del 16% nei maschi e del 8% nelle femmine; range più stretto. Proteina C-reattiva: limite superiore nei maschi più elevato del 84% rispetto alle femmine. Entrambi i limiti superiori più alti dei precedenti. Saturazione transferrinica: ridu- zione in entrambi i sessi del limite inferiore. Ferritina: aumento notevole (74%) nel limite superiore dei valori. Ferro: riduzione del 26% nel limite inferiore nei maschi. PSA: negli uomini di età superiore a 45 anni, il limite superiore si è ridotto da 4.00 mg/l a 3.70 mg/l. GGT: limite superiore aumentato del 17% nei maschi; inalterato nelle femmine. GPT: limite superiore aumentato del 32% nei maschi, inalterato nelle femmine. TSH: diminuzione dei limiti inferiori e superiori sia nel maschio che nella femmina.

3 3 Gastroenterologia La capsula SERVIZI SPECIALISTICI LE PATOLOGIE DEL PICCOLO INTESTINO INDAGATE CON UNA NUOVA METODICA DIAGNOSTICA NON INVASIVA endoscopica L a Video Capsula Endoscopica (VCE) è una nuova metodica diagnostica non invasiva per la valutazione delle patologie del piccolo intestino, che consente un eccellente visualizzazione della mucosa ileale. L intestino tenue è infatti per gran parte inaccessibile alla valutazione endoscopica tradizionale e l indagine radiografica è talvolta inadeguata per la diagnosi di piccole lesioni del tenue (ad es. angiodisplasie, piccoli polipi, erosioni ed ulcere superficiali). CARATTERISTICHE DELLA VIDEO CAPSULA ENDOSCOPICA Il sistema diagnostico della VCE è composto da: a) una capsula endoscopica monouso che acquisisce e trasmette immagini multiple a colori durante il passaggio nel piccolo intestino, sospinta sino al cieco dalla peristalsi; la capsula contiene una videocamera miniaturizzata, una lente, quattro piccole sorgenti luminose, due batterie, un trasmettitore. Fornisce 2 immagini/sec, con angolo di visibilità pari a 140, con amplificazione di 8 volte e profondità di visione compresa tra 1 e 30 mm. b) un recorder che riceve e registra le immagini trasmesse dalla capsula attraverso un sistema di sensori precedentemente posizionati sull addome del paziente; c) un computer con software per la visualizzazione e valutazione delle immagini delle lesioni con la possibilità di ingrandire le immagini e evidenziare la sospetta presenza di sangue nel lume intestinale. MODALITÀ DI ESECUZIONE DELL INDAGINE L indagine viene effettuata dopo una notte di digiuno, senza preparazione dell intestino. Dopo l ingestione, la capsula spinta dalla peristalsi attraversa l intestino tenue in circa 4-6 ore. I segnali sono rilevati da 8 elettrodi applicati sull addome e trasmessi al registratore. Durante la procedura il paziente può muoversi, dopo almeno 4 ore può consumare un leggero pasto e bere. L esame dura circa 7 ore e al termine i dati contenuti nel registratore INDICAZIONI Le indicazioni all utilizzazione della VCE sono: sanguinamento occulto, malassorbimento, diarrea cronica, celiachia refrattaria, sospetto linfoma, digiuno-ileite ulcerativa, malformazioni vascolari, colite indeterminata, IBD del piccolo intestino, enteropatia da FANS, monitoraggio dei pazienti affetti da sindromi poliposiche ereditarie, trapianto dell intestino tenue. L impiego della VCE è utile per la dia- NORMALE ASPETTO VIDEOCAPSULARE DEI VILLI A LIVELLO DIGIUNALE sono trasferiti in un computer. gnosi iniziale della malattia di Crohn La capsula viene eliminata per via naturale e non è riutilizzabile. gli esami diagnostici tradizionali (en- in un contesto clinico sospetto laddove doscopici e radiologici) non sono conclusivi, come evidenziato da alcuni recenti studi clinici. La VCE sarà inoltre utile per valutare l efficacia dei farmaci sulle lesioni mucose. In presenza di sanguinamento occulto la VCE ha riportato successo diagnostico del 47% nell identificazione della causa e della natura del sanguinamento. In uno studio condotto su 100 pazienti con sanguinamento occulto la VCE ha permesso di rilevare nel 45% dei casi angiodisplasie e nel 13% una malattia di Crohn. RITENZIONE DELLA VIDEO CAPSULA ENDOSCOPICA La ritenzione della VCE nel piccolo intestino per un ostruzione è un evento raro (<0.75%) ma in genere svela una patologia non sospettata e non diagnosticata da altre indagini. Per tale motivo non può essere considerata una effettiva complicanza della metodica, ma piuttosto un risvolto diagnostico. CONTROINDICAZIONI Controindicazioni assolute all esecuzione della VCE sono l occlusione intestinale e la pseudoostruzione intestinale. Controindicazioni relative sono: presenza di pace-maker o defibrillatori; alterazioni della motilità (ad es. severa gastroparesi); presenza di stenosi del tratto gastroenterico; pregressi interventi chirurgici (presenza di aderenze); ampi diverticoli del tratto gastroenterico. Dr. Salvatore Greco, Dr. Giovanni Maconi, Prof. Gabriele Bianchi Porro Cattedra di Gastroenterologia - Polo Universitario L. Sacco - CDI Amilasi: lieve aumento nei limiti superiori sia nel maschio che nella femmina. Folato: intervalli di riferimento diversi tra maschio e femmina; nuovi limiti superiori inferiori degli attuali. Acido urico: aumenti marginali dei limiti superiori sia nel maschio che nella femmina. Elettroliti: minime variazioni. CPK: aumento del limite superiore, particolarmente evidente nel maschio (circa 20 %). IgA, IgG, IgM: intervalli più ampi. Azotemia: intervalli di riferimento diversi tra maschio e femmina. Colesterolo totale: allargamento degli intervalli dovuto a un marcato aumento del limite superiore sia nel maschio che nella femmina. HDL colesterolo: aumento del limite inferiore nella femmina e riduzione nel maschio. LDH: lieve aumento dei limiti superiori. Trigliceridi: aumento del limite superiore solo nella femmina.

4 4 SERVIZI SPECIALISTICI Medicina estetica UNA NUOVA TECNICA NON CHIRURGICA E NON INVASIVA, PROVENENTE DAGLI U.S.A. CHE PERMETTE DI EFFETTUARE INTERVENTI MIGLIORATIVI E DI RINGIOVANIMENTO DELLA CUTE I l trattamento Thermage utilizza una tecnologia brevettata e approvata dalla FDA (organismo che garantisce la sicurezza e l efficacia delle apparecchiature immesse nel mercato statunitense) denominata ThermaCool. Il suo principio si basa sulla radiofrequen- Il Thermage un successivo rimodellamento e neosintesi di collagene fino a sei mesi di distanza, come risposta di un processo di riparazione al danno termico. La radiofrequenza viene da tempo utilizzata per l elettrocoagulazione ed elettrodissezione in ambito chirurgico, ma questa nuova apparecchiatura differisce dalle precedenti poiché è dotata di sistema di raffreddamento (gas Questo sofisticato sistema determina un danno termico controllato ed efficace: una temperatura troppo bassa infatti non sarebbe in grado di produrre alcun effetto, mentre un riscaldamento eccessivo potrebbe provocare una importante denaturazione proteica e quindi portare alla formazione di cicatrici. L effetto del calore sul collagene non dipende solo dalla delle guance e della linea mandibolare, l interno delle braccia e delle cosce, nonché l addome. Tra le ulteriori possibili applicazioni terapeutiche vi è anche il trattamento dell acne attiva. I pazienti che rispondono meglio al trattamento hanno un età compresa tra i 30 e 60 anni poiché possiedono un collagene più termolabile rispetto al collagene senile. Sono esclusi i portatori di pace-makers, i diabetici, i pazienti affetti da collagenopatie. I VANTAGGI Il paziente è in grado di riprendere subito la propria attività quotidiana grazie alla non invasività e alla velocità del trattamento. Le cure post operatorie si limitano alla semplice applicazione domiciliare giornaliera di creme e maschere ad effetto idratante. Il Thermage si adatta a tutti i tipi di pelle e non vi sono controindicazioni ad ulteriori trattamenti, siano essi di natura non invasiva che chirurgica. Studi scientifici recentemente pubblicati attestano che i miglioramenti: - sono visibili gradualmente da due a sei mesi, dopo una sola sessione di trattamento; - durano per almeno due anni circa. GLI EFFETTI COLLATERALI LA PROCEDURA Gli unici effetti collaterali di rilievo Il paziente viene sottoposto a una do- possono essere eritema ed edema cumentazione fotografica prima, im- transitori che si risolvono, nella gran- mediatamente dopo e a distanza di 3 e de maggioranza dei casi, nelle due ore 6 mesi dal trattamento. Un ora prima successive al trattamento. del trattamento viene applicata una La procedura del Thermage ha, alla pomata anestetica, e, a secondo delle luce dei dati acquisiti, un eccellente PRIMA DEL TRATTAMENTO I MIGLIORAMENTI DELLA CUTE DOPO DUE MESI DI TRATTAMENTO circostanze, si possono effettuare grado di sicurezza e di efficacia. za: il passaggio dell energia elettro- criogeno), che protegge l epidermide temperatura raggiunta e dal tempo di blocchi selettivi associati o meno a È particolarmente indicato per tutti i magnetica attraverso la cute determi- dai raggi di calore. L efficacia del esposizione, ma anche dalle condizio- una blanda sedazione. La durata del soggetti che non intendono e/o non na il movimento degli elettroni cellu- trattamento nel contrastare l invec- ni della cute: età, grado di idratazio- trattamento dipende dall ampiezza possono essere sottoposti ad interven- lari e la naturale impedenza dei tessu- chiamento cutaneo è stata provata da ne, area trattata, PH, concentrazione dell area interessata e dal numero dei ti chirurgici. ti a questo movimento genera calore numerosi studi clinici, ecografici ed ed orientamento delle fibre collagene. passaggi da effettuare: indicativamen- nel derma. Il calore prodotto è tra- istologici. Il trasporto del calore av- te può variare da un minimo di 15 mi- smesso attraverso la cute in modo viene mediante un manipolo collegato LE INDICAZIONI nuti a un massimo di un ora. uniforme fino ai piani più profondi, determinando una denaturazione di tutte le fibre collagene ottenendo così una contrazione immediata della molecola stessa di circa il 50%. Si avrà a un calcolatore. La punta del manipolo è costituita da una serie di sensori in continuo dialogo con il computer che elabora i dati acquisiti e regola i parametri del trattamento. Lassità cutanea del viso e del collo costituiscono il principale trattamento del thermage, efficace nel rimodellare e tendere la pelle delle zone perioculari, le rughe nasolabiali, il contorno Nella maggior parte dei casi è sufficiente una sola seduta, con eventuali passaggi multipli nelle aree dove si presenta, a giudizio dell operatore, una maggior lassità cutanea. Dr. Franz Baruffaldi Preis, Dr. Maurizio Cavallini, Dr. Sheila Fassi, Servizio di Chirurgia Plastica e Medicina Estetica CDI C ONVEGNI I R ECENSIONI In Assolombarda, il CDI come esempio di elevata prassi qualitativa Mercoledì 25 maggio, nel corso del convegno sul tema Indicatori per la Qualità=Indicatori per competere, tenutosi nella sede dell Auditorium di Assolombarda a Milano, le autrici Maria Gisella Conca e Antonella Pamploni Scarpa hanno presentato il nuovo volume edito da Consorzio Qualità Risultati aziendali e indicatori per competere. L obiettivo del libro è quello di assistere, nelle decisioni importanti, le piccole e medie imprese italiane che abbiano già ottenuto la certificazione ISO 9000 o che abbiano intenzione di conseguirla, al fine di migliorare l efficienza e l efficacia delle attività svolte. Come modelli di riferimento sono state pertanto segnalate aziende che abbiano già ottenuto eccellenti standard di qualità, partendo da un approccio metodologico e strategico per rispondere alle esigenze concrete: gli indicatori di qualità per raggiungere il successo. Tra le aziende prese ad esempio di elevata prassi qualitativa la scelta è ricaduta anche sul CDI Centro Diagnostico Italiano a cui è stato dedicato il capitolo Il caso di un azienda sanitaria privata, curato, insieme alle autrici, dal Direttore Risorse Umane, Qualità e Sviluppo del CDI, dottoressa Cinzia Arsini che è intervenuta tra i relatori del convegno, insieme a Paolo Angeletti, Presidente Piccola Impresa Assolombarda, Marzio Dal Cin, Presidente Consorzio Qualità, Seàn Conlan, Past President EOQ (European Organization for Qualità), Michele De Martini, amministratore unico di Osra Lombardia.

5 5 Centro per la salute e il benessere SERVIZI SPECIALISTICI LA COLLABORAZIONE EL INTERAZIONE TRA CDI E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO PER PROMUOVERE L ATTIVITÀ SPORTIVA A SCOPI PREVENTIVI I l nostro corredo genico attuale è praticamente identico a quello dell Homo Erectus, immediato predecessore dell Homo Sapiens che popolava la Terra circa anni fa. Lo stile di vita del nostro predecessore (al quale, come detto, siamo geneticamente identici) era radicalmente diverso dallo stile di vita delle popolazioni dei paesi industrializzati. L alimentazione era basata su proteine e grassi animali ed era molto scarsa di carboidrati, raffinati o complessi. Soprattutto l Homo Erectus si era evoluto sviluppando la predisposizione a coprire lunghe distanze camminando o correndo per procacciarsi il cibo (e per sfuggire ai predatori). Pertanto, noi siamo geneticamente predisposti ad eseguire attività fisica ad intensità medio-alta per numerose ore nell arco della giornata. È altresì oggi dimostrato che l incapacità ad eseguire tale attività fisica causa lo sviluppo di varie patologie tra cui le principali sono: obesità, diabete, sindrome metabolica, malattie cardiovascolari e anche alcune forme di cancro. L attività fisica ha una rilevanza sia a scopo preventivo, evitando o ritardando l insorgenza delle suddette patologie, sia a scopo curativo, costituendo Attività sportiva per la salute e il benessere l intervento iniziale nella terapia del diabete e delle altre malattie metaboliche citate. Per tale ragione, spinta da questa stringente necessità scientifica, la Facoltà di Scienze Motorie dell Università degli Studi di Milano, in collaborazione con il CDI Centro Diagnostico Italiano, da sempre impegnato a fornire modelli di medicina preventiva, ha sviluppato il presente centro di ricerca che sta studiando protocolli rivolti a: individuare le fasce di popolazione a rischio di sviluppo di particolari patologie associate alla sedentarietà; identificare la tipologia più adeguata di attività fisica volta prevenire e/o a curare le patologie associate alla sedentarietà nelle diverse fasce di età della popolazione sana e nelle varie patologie citate; definire protocolli specifici di intervento mediante l esercizio fisico nelle fasce a rischio e nei soggetti affetti da patologie connesse alla sedentarietà, nonché valutarne gli effetti funzionali e metabolici a medio e lungo termine; diffondere nella popolazione la cultura e il know-how sull importanza di dedicare, nell arco della giornata, un tempo sufficiente all esercizio fisico. Il Centro è ospitato presso i locali del CDI di via Saint Bon ed è costituito da una palestra attrezzata con apparecchi, volti a misurare ed allenare la forza muscolare, la capacità aerobica e la capacità anaerobica secondo le indicazioni specifiche per ogni condizione fisiologica o patologica (Cyclette, Tread-mills, settore pesistica, settore corpo libero). Inoltre, il Centro dispone di altri locali dove sono collocate attrezzature quali la calorimetria indiretta per la misurazione del metabolismo basale e della capacità dell organismo di bruciare i grassi, l impedenziometria e la DEXA per la misurazione della composizione corporea. Il personale del Centro è costituito da docenti e dottorandi della facoltà di Scienze Motorie dell Università degli Studi di Milano e da studenti della stessa facoltà che stanno ultimando la tesi di laurea. Fondamentale per il successo scientifico del Centro è l embricazione nella realtà clinica e di pre- venzione del Centro Diagnostico Italiano. Infatti personale medico e paramedico del CDI partecipa all attività di ricerca e, collateralmente, docenti del Centro coadiuvano nella stesura ed esecuzione di protocolli clinici di prevenzione e di intervento sul- la popolazione di pazienti, afferente il CDI. Prof. Livio Luzi Direttore Scientifico Centro di Ricerca Attività Sportiva per la Salute e il Benessere dell Università degli Studi di Milano A RTE I R ECENSIONI La mostra di Laura Panno al CDI Il 7 aprile scorso il CDI ha aperto le porte all arte contemporanea inaugurando la mostra di Laura Panno Percorsi - Opere lavori dell artista milanese, presentati da Philippe Daverio, sono stati esposti negli spazi rinnovati del Centro Diagnostico Italiano di Saint Bon che, per la prima volta, ha ospitato una mostra di tele e sculture. Accogliendo le opere d arte di un importante artista contemporaneo, quale Laura Panno ha esordito il Direttore Generale del CDI, Dr. Maurizio Guizzardi, abbiamo voluto sottolineare e rafforzare il legame con la vita, rimarcando la volontà del CDI di fare quanto possibile per contribuire a migliorarne la qualità. Arte non solo fine a se stessa, quindi, ma soprattutto interpretata come beneficio psicologico che deriva dalla contemplazione di un opera, quanto mai importante in un luogo dove la salute è il fulcro di ogni attività e dove l utente affronta quotidianamente il dolore. La scelta di Laura Panno che, ricordiamo, è stata selezionata per partecipare con alcuni suoi lavori all esposizione mondiale di Aichi in Giappone non è stata casuale: l opera proposta al pubblico non si impone con la sua presenza, ma, in un itinerario libero, lascia all utente la scelta di relazionarsi con il quadro, avvicinandosi perché spinto da curiosità o semplicemente come fugace visione durante il passaggio nei corridoi del Centro. Un percorso metafisico e surreale, anche nel suo allestimento: l esuberante fisicità dei corpi rappresentati si fonde con l architettura dai rimandi dechirichiani delle tele esposte sulle pareti, mentre fascino e mistero si coniugano con la leggiadria e le trasparenze di opere quali la Rosa, scultura realizzata interamente con rete metallica che dà il benvenuto all ingresso della struttura. Le opere di Laura Panno rimarranno esposti nelle sale del Centro Diagnostico Italiano fino alla fine dell anno.

6 6 SERVIZI SPECIALISTICI Cyberknife LO STATO DELL ARTE DEL CYBERKNIFE OLTRE UN ANNO DOPO LA SUA INTRODUZIONE AL CDI I l Cyberknife utilizza un sistema radiochirurgico di tecnologia avanzatissima per il trattamento non invasivo delle patologie tumorali dell encefalo, della colonna vertebrale, della regione toracica e addominale e patologie non tumorali (malformazioni vascolari e angiomi). È costituito da un acceleratore lineare miniaturizzato montato su un braccio mobile robotizzato e da un sofisticato software che governa il sistema di guida, consentendo di localizzare la lesione patologica, pianificare l intervento ed eseguirlo colpendo i tessuti malati. Ideato e sviluppato negli USA, in Europa il Cyberknife è presente solo a Milano, a Vicenza, a Monaco, a Rotterdam e a Istanbul. A Milano, il progetto è partito dalla Regione Lombardia che ha dato l'avvio alla sperimentazione clinico-gestionale tra il CDI, l'istituto Nazionale Neurologico Besta e l'azienda Ospedaliera S.Carlo. Vediamo, con la dottoressa Anna Merlotti e con la dottoressa Livia Corinna Bianchi, Medici Specialisti in Radioterapia del CDI, che cosa è emerso in questo breve arco di tempo. Quali sono le lesioni che cura il Cyberknife? Le metastasi di piccole-medie dimen- Il Cyberknife, quindici mesi dopo sioni, non superiori a 5 cm. La radiochirurgia, infatti, rappresenta una valida alternativa rispetto alla chirurgia a cielo aperto; allo stesso tempo, focalizzandosi su lesioni di piccole dimensioni, le dosi di radiazioni possono essere maggiori rispetto a quelle a cui ricorre la radioterapia, che è indicata per la cura di lesioni più grandi e che solitamente richiede un numero elevato di sedute. Grazie alla precisione submillimetrica del Cyberknife il trattamento può richiedere una sola seduta; oppure, se occorre, può essere frazionato. Qual è il disagio del paziente? Quasi nullo. Per due motivi: il primo perché il paziente, che non riceve alcuna anestesia o somministrazione di farmaci, dopo la seduta può tornare tranquillamente a casa. Nessuna spesa extra, quindi, per il ricovero. Il secondo motivo risiede nella preparazione del paziente: a differenza degli altri sistemi di radiochirurgia, il Cyberknife non utilizza il casco stereotassico, applicato in anestesia locale alla testa tramite viti (quindi invasivo), ma una maschera termoplastica individuale a struttura flessibile. Esiste un limite di età oltre il quale non è possibile sottoporsi a sedute di Cyberknife? Nessun limite: il nostro paziente più giovane è stata una ragazza di 18 anni; il più anziano, un uomo di 90 anni. Per il momento non ci occupiamo di casi pediatrici: abbiamo infatti bisogno della collaborazione del paziente, che, durante l intervento, deve rimanere fermo. La precisione del Cyberknife è data dal fatto di compensare i movimenti anche millimetrici e impercettibili del paziente, ma le reazioni dei bambini più piccoli non sono prevedibili. Quanti casi avete trattato finora? Solitamente sottoponiamo a terapia almeno cinque pazienti a giorno. Tenga conto che una seduta può durare da mezz ora a due ore. Finora quindi ci siamo occupati di oltre 300 casi. Quali sono le aree che sono state maggiormente trattate? Soprattutto l encefalo, anche se abbiamo curato diverse lesioni extracraniche. Il Cyberknife, infatti, viene utilizzato soprattutto su quelle aree in cui la massa tumorale è posizionata in zone critiche, quali il cervello e la colonna vertebrale, spesso inoperabili perché difficili da raggiungere senza danneggiare i tessuti vicini. Abbiamo trattato 23 neurinomi, con un follow up positivo dato che non si è riscontrata alcuna progressione della malattia. Le nevralgie del trigemino invece non hanno per il momento dato grandi risultati. Per quanto riguarda i meningiomi non è possibile ancora parlare di risultati, in quanto il follow up è di cinque anni. Tra le patologie extracraniche, una trentina nel complesso, ci siamo occupati di neoplasie polmonari e di tumori pancreatici: si è ottenuto un buon controllo della parte lesa, anche se la malattia non scompare del tutto. Dato l esiguo periodo trascorso dall introduzione del Cyberknife e visto che, per molte patologie, il follow up è di qualche anno, non possiamo però fare un ampia valutazione: possiamo per il momento dire che ne è stato convalidato l utilizzo per le patologie cerebrali e della colonna, mentre è ancora in fase sperimentale nella patologia toracica (neoplasie polmonari) e in quelle addominali (tumori epatici, surrenali e pancreatici) di cui abbiamo soltanto risultati preliminari. Elena Gavardi in collaborazione con dr. Anna Merlotti e dr. Livia Corinna Bianchi, Medici Specialisti in Radioterapia del CDI A NTICIPAZIONI I C ONVEGNI A giugno 2006 il Convegno Diagnostic Surgical Pathology Si terrà dal 6 al 10 giugno 2006, nelle sale dello splendido Convitto della Calza di Firenze, il convegno sul tema Diagnostic Surgical Pathology, sponsorizzato dal Dipartimento di Patologia del Massachussets General Hospital, dal dipartimento di Educazione Continua dell Harvard Medical School e dal CDI Centro Diagnostico Italiano. Scopo del convegno, per il quale verrà richiesto l accreditamento ECM, è quello di offrire un ampio spettro degli organi che comportano, in patologia chirurgica, molteplici problemi di diagnosi e più facilmente bersagli di errate interpretazioni nelle valutazioni al microscopio: si parlerà quindi di patologia delle ossa, dell intestino, del torace, dei reni, del fegato, delle ovaie, del pancreas, della prostata, dei tessuti molli, dello stomaco, della vescica urinaria e del corpo uterino. Importanza primaria verrà data all'interpretazione fornita dal microscopio ottico convenzionale, senza tralasciare i casi di applicazione all istochimica, all immunoistochimica e alla patologia molecolare. Obiettivo finale è quello di potenziare le capacità del patologo ad interpretare entità sia comuni che rare, alcune delle quali di recente scoperta, e di presentare un approccio equilibrato alla valutazione al microscopio, fornendo una guida per un uso corretto delle nuove tecnologie affinché siano di aiuto alla diagnosi. Per il Massachussets General Hospital Harvard Medical School di Boston interverranno il Dr. Frederick C. Koerner, Dr. Gregory Y. Lauwers, Dr. Melinda F. Lerwill, Dr. Andrew E. Rosenmberg e Dr. Robert H. Young; per il Centro Diagnostico Italiano il Prof. Juan Rosai; per il Memorial Sloan-Kettering Cancer Center New York, Dr. David S. Klimstra e Dr. Victor E. Reuter; per l University of Porto and Molecular Pathology of the University of Porto Dr. Fátima Carneiro; per il National Institutes of Health di Bethesda Dr. Maria J. Merino.

7 7 Tac e Risonanza magnetica IMAGING Lo stato dell arte L EVOLUZIONE TECNOLOGICA E I PROGRESSI DELLA TAC E DELLA RISONANZA MAGNETICA NELLE METODICHE ARTROGRAFICHE di TAC e RM del ginocchio SCANSIONE T2 FFE SUL PIANO CORONALE. IPERINTENSITÀ DI SEGNALE PERI-LEGAMENTOSA CON DISOMOGENEITÀ DELL INSERZIONE DEL LEGAMENTO COLLATERALE MEDIALE IN QUADRO DI LESIONE DISTRATTIVA DI GRADO INTERMEDIO. L articolazione del ginocchio è una delle più liana ma anche europea, si è dedicato allo studio a strato sottile del ginoc- era caduta la TC, è ultimamente terminato, con l introduzione dei nuovi importanti diartrosi del corpo umano chio, evidenziando così per primi la apparecchi TC multidetettore, che e, insieme all articolazione scapolo- fibrocartilagine meniscale in condi- implicano una maggior velocità di SCANSIONE T1 SE SUL PIANO SAGITTALE. IPOINTENSITÀ DI SEGNALE DI TIPO LIQUIDO A omerale, una delle più studiate. La diagnostica per immagini ha com- zioni di base. Dopo pochi anni, due ricercatori inglesi Paul C. Lanterbur acquisizione delle immagini, riducono la dose di radiazioni al paziente e LIVELLO DELLA GOLA INTERCONDILOIDEA SENZA VISUALIZZAZIONE DELLA NORMALE IPOINTENSITÀ DI SEGNALE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE PER SUA LESIONE. piuto molti passi avanti e, dal norma- e Sir Peter Mansfield, insigniti del in breve tempo permettono ricostru- le e insostituibile utilizzo della radio- premio Nobel per la medicina nel zioni su tutti i piani dello spazio ed condrale e soprattutto, nei trapianti Pertanto oggi, alla luce dell evoluzio- logia tradizionale, per vedere sempre 2003, hanno messo a punto la Riso- eventuali ricostruzioni 3D. osteocondrali, si può definire l inte- ne tecnologica, entrambe le metodi- di più si è passati all utilizzo di me- nanza Magnetica Nucleare (RM), che Recentemente si è riscontrato anche grazione della pasticca osteo-condrale. che di imaging non appaiono più in todiche più invasive, come l artrogra- ha rivoluzionato completamente l i- un incremento dell utilizzo delle me- L evoluzione tecnologica, legata ai competizione, ma sono senza dubbio fia, che prevedevano la somministra- maging non soltanto dell apparato todiche artrografiche sia con TC, ma nuovi software di elaborazione dispo- sinergiche, in quanto entrambe per- zione intra-articolare di mezzo di muscolo-scheletrico. soprattutto con RM, dove il ricorso a nibili, permette inoltre ricostruzioni mettono ormai di determinare in mo- contrasto, permettendo così di evi- Questa metodica infatti non ricorren- una soluzione di mezzo di contrasto che consentono all operatore di navi- do completo e con estrema precisione denziare le strutture capsulo-lega- do all uso di radiazioni ionizzanti paramagnetico, opportunamente di- gare virtualmente all interno dell ar- le varie componenti articolari. mentose e i menischi. consente una visione panoramica e luito con soluzione fisiologica, deter- ticolazione, ottenendo immagini si- L avvento della tomografia assiale multiplanare delle articolazioni, po- mina meno problemi di sinoviti reat- mil-artroscopiche. computerizzata (TC) ha dato la possi- nendo in luce tutte le strutture sia tive o di ipersensibilità rispetto all u- Nella patologia tumorale primitiva bilità in un primo tempo, sempre con capsulo-legamentose, che meniscali e tilizzo di mezzi di contrasto iodati, dell osso, la TC riveste ancora un ruo- l utilizzo di mezzo di contrasto intra- soprattutto le cartilagini articolari. dando facoltà così di unire la già con- lo fondamentale nel definire l esten- articolare, di valutare i legamenti e le La metodica ha avuto una grande dif- solidata semeiotica RM dell esame sione loco-regionale della lesione e i alterazioni della sinovia, ma solamen- fusione nel territorio, anche grazie al- basale con la nuova semeiotica ar- vari pattern semiologici caratteristici te nel 1982 il gruppo romano del l avvento di macchine dedicate a basso trografica. In tal modo è possibile va- dei vari tipi di neoplasia. La RM svol- Prof. Passariello, coadiuvato dal Prof. De Paulis e da alcuni giovani come Carlo Masciocchi, oggi una delle figure di primo piano non solo della radiologia muscolo-scheletrica ita- campo (0.2T e 0.5T) che hanno soppiantato in parte la TC, utilizzata nei pazienti claustrofobici e nei portatori di pacemaker o clip metalliche. Il periodo di oscurantismo, in cui lutare sia la presenza di nuove fratture delle fibrocartilagini meniscali operate, che l esame RM basale non riesce a distinguere dagli esiti dell intervento, sia la reale entità del danno ge invece un ruolo fondamentale e insostituibile nella valutazione delle metastasi intramidollari o skip metastasis che invece nessuna altra metodica di imaging è in grado di individuare. Alberto Magenta Biasina, Gian Paolo Cornalba, Istituto di Scienze Radiologiche dell Università di Milano, Azienda Ospedaliera S.Paolo Milano, Unità di Radiologia CDI G IORNATA DELLA PREVENZIONE A S ETTIMO M ILANESE C ORSI ECM La prevenzione e il CDI Domenica 19 giugno, il CDI ha partecipato alla Prima Giornata della Prevenzione di Settimo Milanese, organizzata dall Associazione Villaggio dei Fiori. Per otto ore tre medici del Centro Diagnostico Italiano, un otorino e due cardiologi, sono rimasti a disposizione di tutti coloro che desiderassero sottoporsi a un esame audiometrico, un controllo della pressione o, ancora, a un elettrocardiogramma. Nonostante il caldo, sono state molte le persone che si sono avvicinate all Unità Mobile del CDI per usufruire dei servizi offerti. Il ricavato della giornata è stato poi devoluto all acquisto di un apparecchiatura da collocare all interno dell autoambulanza di Settimo Milanese. Sabato 1 ottobre: Corso di aggiornamento polispecialistico in pediatria. Si parlerà di screening oftalmoscopico, nistagmo congenito, ambliopia, ipertensione arteriosa in età pediatrica, fotoesposizione, bullismo, piede piatto, trattamento ortodontico intercettivo. La partecipazione dà diritto a 5 crediti formativi. Sabato 3 dicembre: La cefalea nella pratica clinica del medico di medicina di generale: dalla diagnosi alla terapia. Verterà sulle cefalee: diagnosi, disturbi della colonna cervicale, trattamento e profilassi delle cefalee, cefalee in età pediatrica. La partecipazione dà diritto a 3 crediti formativi. Sabato 14 gennaio 2006: La stipsi: vecchio problema, nuove prospettive. Gli argomenti saranno i seguenti: fisiopatologia della defecazione, manometria anorettale, cistocolpodefecografia, ecografia transanale con sonda rotante, terapia medica chirurgica e riabilitativa. In fase di accreditamento. I corsi si svolgeranno nella sede del CDI in Via Saint Bon 20. Per informazioni, si prega di telefonare al numero

8 Dodici centri avanzati per la diagnosi, la cura e la prevenzione. Il CDI al servizio della salute. 7 I NOSTRI S ERVIZI L E NOSTRE S EDI Direttore Responsabile Maurizio Guizzardi Comitato di redazione Daniela Carriero; Andrea Casasco; Roberto Colombo; Elena Gavardi; Enzo Grossi; Sergio Papa; Bruno Restelli; Hanno collaborato inoltre Franz Baruffaldi Preis, Gabriele Bianchi Porro, Livia Corinna Bianchi, Federico Callioni, Maurizio Cavallini, Roberto Colombo, Gian Paolo Cornalba, Sheila Fassi, Salvatore Greco, Enzo Grossi, Livio Luzi, Giovanni Maconi, Anna Merlotti, Alberto Magenta Biasina. Redazione Via Saint Bon, 20 - Milano Editore CDI - Centro Diagnostico Italiano, Via Saint Bon 20, Milano Progetto grafico e impaginazione OLTRE srl - Milano Stampa Impronta Grafica, Vighizzolo di Cantù (CO) Direttore Sanitario CDI Prof. Andrea Casasco Visite ed Esami Specialistici Analisi Cliniche di Laboratorio Diagnostica per immagini (TAC multistrato, MOC, Ecotomografia, Risonanza magnetica) Medicina Preventiva e CDI-Check (check-up personalizzato) Chirurgia Ambulatoriale Diagnostica Domiciliare Ambulatori Multidisciplinari Odontoiatria Medicina del Lavoro PET, Medicina Nucleare Radiochirurgia Cyberknife Sede Centrale Milano, Via Saint Bon 20 - Tel Altre Sedi Milano, Largo Cairoli 2 - Tel Milano, Viale Monza 270- Tel Milano, Viale Abruzzi 14- Tel Milano, Via P. Rossi 24 - Tel Milano, Via Teuliè 2 - Tel Milano, C.so Italia 8 - Tel Centro prenotazioni: (con il SSN) Costo delle telefonate per i numeri 199: Fascia di punta cent/min. 11,88 (Lun.-Ven. 8.00/ Sab. 8.00/13.00). Fascia ridotta cent/min. 4,65 (Lun.-Ven / Sab /8.00 Festivi tutto il giorno) Milano, Via delle Primule 6 - Tel Milano, Via Ripamonti 190/D - Tel Milano, C.so XXII Marzo 57 - Tel Rho (MI), Via Magenta 41 - Tel Corsico (MI), Via Vigevanese 4 - Tel

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica RADIAZIONI PERICOLOSE PER LA SALUTE: VERO O FALSO? 1. Le radiazioni ionizzanti possono danneggiare l organismo dell uomo. Vero. Il danno provocato dalle radiazioni ionizzanti dipende da molti fattori,

Dettagli

Endoscopia nell anno successivo

Endoscopia nell anno successivo COLON FOLLOW-UP 01 Endoscopia nell anno successivo DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti sottoposti a endoscopia nei 12 mesi successivi all intervento 0-20 DISTRIBUZIONE SPAZIALE 21-40 41-60 61-80

Dettagli

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica: l alternativa alla chirurgia Negli ultimi venti anni la Radiologia Interventistica si è guadagnato il prezioso ruolo

Dettagli

SEZIONE RADIODIAGNOSTICA. casa di cura san rossore

SEZIONE RADIODIAGNOSTICA. casa di cura san rossore SEZIONE RADIODIAGNOSTICA casa di cura san rossore casa di cura san rossore apparecchiature: - ECOGRAFIA, ECOCOLORDOPPLER - RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE - RISON MAGN ARTICOLARE - TAC MULTISLIDE 64 - DIAGNOSTICA

Dettagli

COLONSCOPIA VIRTUALE - stato dell arte - Dr. P. QUADRI Dip. Diagnostica per Immagini Ospedale S.Paolo - SV -

COLONSCOPIA VIRTUALE - stato dell arte - Dr. P. QUADRI Dip. Diagnostica per Immagini Ospedale S.Paolo - SV - COLONSCOPIA VIRTUALE - stato dell arte - Dr. P. QUADRI Dip. Diagnostica per Immagini Ospedale S.Paolo - SV - La TC spirale multistrato consente di ottenere un volume di dati dell intero addome in una unica

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono Cos è la stenosi carotidea La stenosi carotidea è il restringimento del lume dell arteria carotide uno dei vasi principali che porta il sangue al cervello dovuto alla presenza di una placca ateromasica.

Dettagli

SEZIONE RADIODIAGNOSTICA. casa di cura san rossore

SEZIONE RADIODIAGNOSTICA. casa di cura san rossore SEZIONE RADIODIAGNOSTICA casa di cura san rossore casa di cura san rossore risonanza magnetica La nuova apparecchiatura consente lo studio delle strutture vascolari e l esecuzione di indagini funzionali

Dettagli

Le tecnologie: schede tecniche

Le tecnologie: schede tecniche Le tecnologie: schede tecniche Il nuovo reparto di Radioterapia del Polo Oncologico Businco e Microcitemico di Cagliari si configura come un sistema altamente integrato per l implementazione di tecniche

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Prevenire il tumore del colon retto

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Prevenire il tumore del colon retto Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Prevenire il tumore del colon retto INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 21-0 05/09/2012 INDICE Prevenire il tumore del colon. 4 Come si esegue

Dettagli

MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012

MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012 MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012 a member of GLI ELEMENTI FONDAMENTALI PER TROVARE LA PACE INTERIORE Armonia Bellezza MEDICINA ESTETICA Forza Equilibrio Negli anni è cresciuta per gli uomini

Dettagli

Guida per il paziente

Guida per il paziente Il presente foglio illustrativo è stato elaborato da Sirtex Medical Limited (Sirtex) ed è destinato a fornire al paziente e ai suoi familiari una panoramica della Radioterapia Interna Selettiva con microsfere

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

La carcinosi peritoneale

La carcinosi peritoneale La carcinosi peritoneale cos è e come si cura Il peritoneo Il peritoneo è una membrana sottile e trasparente che ricopre la parete interna della cavità addominale e pelvica, e tutti i visceri che vi sono

Dettagli

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH:

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: I t a l b i o f o r m a in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: corso teorico-pratico sull osteoporosi postmenopausale Monza (MI) 26/05/2007

Dettagli

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO Combattere i tumori è possibile. Prima di tutto prevenendone la comparsa attraverso la riduzione dei fattori di rischio, adottando stili di vita sani come evitare il

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di VARICOCELECTOMIA per la cura del VARICOCELE

Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di VARICOCELECTOMIA per la cura del VARICOCELE PROF. FRANCESCO MONTORSI PROFESSORE ORDINARIO DI UROLOGIA UNIVERSITA VITA SALUTE SAN RAFFAELE MILANO Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di VARICOCELECTOMIA per la cura del VARICOCELE

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360. Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360. Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BIANCHI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 6 MAGGIO 2008 Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Il SERVIZIO DI DIETOLOGIA AIED offre: Visite mediche specialistiche Elaborazione diete computerizzate personalizzate

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Riva del Garda. www.studiodentisticogiovannimanfrini.it

CARTA DEI SERVIZI. Riva del Garda. www.studiodentisticogiovannimanfrini.it CARTA DEI SERVIZI Riva del Garda www.studiodentisticogiovannimanfrini.it Lo Studio Lo Studio, all interno del quale operano solo medici specialisti del settore, odontoiatri e igienisti dentali, è specializzato

Dettagli

EUROMEDICA ISTITUTO SCIENTIFICO

EUROMEDICA ISTITUTO SCIENTIFICO EUROMEDICA Istituto Scientifico Maggio 2010 EUROMEDICA ISTITUTO SCIENTIFICO Convenzione Sanitaria per Aziende Associate Assolombarda 1 La consulenza EUROMEDICA Una attenta e approfondita analisi delle

Dettagli

Biorevital RF. www.biositalia.it info@biositalia.it

Biorevital RF. www.biositalia.it info@biositalia.it Biorevital RF www.biositalia.it info@biositalia.it PRINCIPI DELLA RADIOFREQUENZA Generazione di onde Elettromagnetiche da 300 khz a 10 GHz Profondità di penetrazione inversamente proporzionale alla frequenza

Dettagli

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione Il ruolo del chirurgo generale in chirurgia oncologica dell'adolescente

Dettagli

RADIESSE IMPIANTO INIETTABILE

RADIESSE IMPIANTO INIETTABILE RADIESSE IMPIANTO INIETTABILE Radiesse e un impianto iniettabile costituito da idrossiapatite, fornito dalla casa produttrice gia sterile e apirogeno, preconfezionato in siringa sterile adeguata per una

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

In media si sono osservati i seguenti risultati:

In media si sono osservati i seguenti risultati: Le Onde d UrtO Vengono applicati impulsi meccanici di pressione ricchi di energia sui tessuti superficiali e profondi. Anche in medicina e fisioterapia le onde d urto sono caratterizzate da impulsi di

Dettagli

IL CHECK UP TREVISO SAN DONÀ DI PIAVE. www.centrodimedicina.com

IL CHECK UP TREVISO SAN DONÀ DI PIAVE. www.centrodimedicina.com IL CHECK UP TREVISO SAN DONÀ DI PIAVE www.centrodimedicina.com PRESENTAZIONE GENERALE Il Centro di Medicina è una rete di strutture sanitarie private e convenzionate che opera nel Veneto Nord Orientale,

Dettagli

Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA.

Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA. Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA. La Scuola di specializzazione in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica afferisce all Area Chirurgica Classe delle Chirurgie

Dettagli

scheda 04.08 Chirurgia Chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica

scheda 04.08 Chirurgia Chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica scheda 04.08 Chirurgia Chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica Cos è Grazie all impegno della comunità scientifica internazionale, negli ultimi anni la Chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica

Dettagli

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale)

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale) Scuola di specializzazione in Oncologia Medica Denominazione (denominazione in inglese) Area Sotto-area (solo per l area dei servizi clinici) Classe Obiettivi formativi e descrizione (da indicare quelli

Dettagli

VISITE, PRELIEVI. ed ESAMI GUIDA PER L UTENTE. www.istituto-besta.it

VISITE, PRELIEVI. ed ESAMI GUIDA PER L UTENTE. www.istituto-besta.it VISITE, PRELIEVI ed ESAMI GUIDA PER L UTENTE www.istituto-besta.it LA FONDAZIONE CARLO BESTA La Fondazione I.R.C.C.S. Istituto Neurologico Carlo Besta è un polo sanitario e di ricerca di rilevanza nazionale

Dettagli

MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012

MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012 MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012 a member of Trattamento VISO-CORPO CRIOLIPOSCULTURA (Criolipolisi selettiva) È un nuovo tipo di trattamento, non invasivo, per eliminare il grasso in eccesso

Dettagli

Cosa è il cancro colorettale

Cosa è il cancro colorettale Cosa è il cancro colorettale La maggioranza dei cancri colorettali si sviluppa da un ingrossamento non-maligno nel grosso intestino conosciuta come adenoma. Nelle prime fasi, gli adenomi assomigliano a

Dettagli

Casa di Cura Karol Wojtyla Hospital 1

Casa di Cura Karol Wojtyla Hospital 1 Casa di Cura Karol Wojtyla Hospital 1 Finito di stampare nel mese di Maggio 2014 dalla Tipografia Elle Commerciale Progettazione grafica per CAIA Foto Officina Fotografica 2 Casa di Cura Karol Wojtyla

Dettagli

Collaborazioni Internazionali Offerta Assistenziale

Collaborazioni Internazionali Offerta Assistenziale Unità operativa: Neurochirurgia Clinica Tipologia di attività svolta: Le più importanti attività neurochirurgiche sono svolte da 3 squadre estremamente dedicate. Brevemente, 1. Neuro oncologia, tra cui

Dettagli

Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della tipizzazione HLA.

Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della tipizzazione HLA. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Tesi di laurea Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

Le aree di specializzazione del Centro:

Le aree di specializzazione del Centro: Benvenuto nel Il Centro Polispecialistico Partenopeo nasce dall idea di mettere a servizio del territorio una struttura all avanguardia in ambito medico diagnostico con l obiettivo di offrire al paziente

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD) FINALITÀ DELL INTERVENTO Il defibrillatore (Internal Cardioverter-Defibrillator - ICD) è in grado di trattare

Dettagli

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM)

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM) F. Paolo Gentile Canale Monterano (RM) FISICA MEDICA Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina 1 Chi è il Fisico medico? Il Fisico medico è una figura professionale che applica

Dettagli

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo).

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). COS'È IL TUMORE ALLA TIROIDE La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). Ha la forma di una farfalla con le due ali poste ai lati della

Dettagli

Risonanza Magnetica (=RM) INFORMAZIONI

Risonanza Magnetica (=RM) INFORMAZIONI Risonanza Magnetica (=RM) INFORMAZIONI Che cos'è? La Risonanza Magnetica è una moderna tecnica diagnostica usata in medicina che fornisce immagini dettagliate del corpo umano. Con questa tecnica molte

Dettagli

Che cosa è Cam più. A chi si rivolge. Quali benefici apporta. Cam più

Che cosa è Cam più. A chi si rivolge. Quali benefici apporta. Cam più Che cosa è Cam più CAM PIU è un servizio sanitario polispecialistico finalizzato all incremento della qualità di vita in soggetti sani: di chi cioè sta bene, ma vorrebbe stare meglio e ritardare gli effetti

Dettagli

Versione breve del documento informativo sullo studio per paziente ADOLESCENTE (14-17 anni) CON CAPACITA DI DISCERNIMENTO

Versione breve del documento informativo sullo studio per paziente ADOLESCENTE (14-17 anni) CON CAPACITA DI DISCERNIMENTO Versione breve del documento informativo sullo studio per paziente ADOLESCENTE (14-17 anni) CON CAPACITA DI DISCERNIMENTO Per una migliore leggibilità viene utilizzata solo la forma maschile. Confronto

Dettagli

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Cos è la Crioterapia La crioterapia, o terapia del freddo, è una metodologia terapeutica conosciuta da moltissimo tempo. Essa utilizza

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

Medicina Estetica. scheda 03.08 Poliambulatorio specialistico

Medicina Estetica. scheda 03.08 Poliambulatorio specialistico Medicina Estetica scheda 03.08 Poliambulatorio specialistico Cos è L approccio al paziente presso l ambulatorio di Medicina Estetica si avvale della definizione di salute stabilita dall OMS (Organizzazione

Dettagli

EXILIS. Rimodella il corpo

EXILIS. Rimodella il corpo EXILIS Rimodella il corpo BTL Italia Srl Via San Leonardo, 120-84131 Salerno Italia Tel. 089 9954450 Fax 089 9954451 www.exilis.it www.btlitalia.com info@btlitalia.com Tutti i diritti riservati. Sebbene

Dettagli

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta LA RADIOTERAPIA E un metodo di cura conosciuto da più di 100 anni che prevede l utilizzo di radiazioni

Dettagli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli Ricercatore presso l Università di Pisa U.O. di Urologia Universitaria Generalità Neoplasia non cutanea più frequente nel maschio Malattia a lenta

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

Le guide alla chirurgia estetica del Dott. Eugenio Gandolfi. www.eugeniogandolfi.com. Fraxel

Le guide alla chirurgia estetica del Dott. Eugenio Gandolfi. www.eugeniogandolfi.com. Fraxel Fraxel Perchè fare il trattamento Fraxel da chi l'ha portato in Italia, lavora con i suoi inventori, ha pubblicato lo studio con più casi al mondo e lo insegna ad altri medici. Dott. Eugenio GandolfiTutti

Dettagli

Medicina preventiva Check-up. La salute è l arte della vita

Medicina preventiva Check-up. La salute è l arte della vita Medicina preventiva Check-up La salute è l arte della vita Prevenire è meglio che curare Perché adottare le necessarie precauzioni? Le malattie cardiovascolari e le neoplasie maligne costituiscono le cause

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

INDICE. Premessa... Pag. 3. Cardiologia... Pag. 5. Pag. 15. Risonanza magnetica nucleare... Pag. 19. Tac... Pag. 25 - 2 - ...

INDICE. Premessa... Pag. 3. Cardiologia... Pag. 5. Pag. 15. Risonanza magnetica nucleare... Pag. 19. Tac... Pag. 25 - 2 - ... INDICE Premessa... Pag. 3 Cardiologia... Pag. 5 Risonanza magnetica nucleare... Pag. 15... Pag. 19 Tac... Pag. 25-2 - Premessa Con la D.G.R. n. 907 del 19/6/2006 è stato approvato il Piano Attuativo Regionale

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Ecocolordoppler. scheda 01.03 Diagnostica per immagini

Ecocolordoppler. scheda 01.03 Diagnostica per immagini scheda 01.03 Diagnostica per immagini Cos è L ecocolordoppler è l esame di prima scelta per la diagnosi di patologie dei vasi sanguigni arteriosi e venosi. I vantaggi di questa metodica sono rappresentati

Dettagli

In letteratura scientifica la prevalenza degli incidentalomi varia seconda del tipo di studio.

In letteratura scientifica la prevalenza degli incidentalomi varia seconda del tipo di studio. LESIONE NODULARE DEL SURRENE: RISCONTRO SPESSO CASUALE Stefano Folzani Direttore f.f. Servizio di Radiologia Ospedale di Suzzara Lucrezia Emanuela Guerra, Luisella Orru, Massimo Mase Dari Servizio di Radiologia

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O.

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

Neurologia. Applicazioni della Risonanza Magnetica. dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG)

Neurologia. Applicazioni della Risonanza Magnetica. dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG) Applicazioni della Risonanza Magnetica dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG) Neurologia La risonanza magnetica (RM) è oggi l'esame d elezione per l imaging del sistema nervoso centrale e periferico. L alta

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA L uso della bilancia impedenziometrica è consigliato ad adulti di età compresa tra 18 e 99 anni. Bambini tra 5 e 17 anni possono utilizzare la bilancia

Dettagli

Versione breve del documento informativo sullo studio per il PAZIENTE ADULTO CHE HA RIACQUISTATO CAPACITA DI DISCERNIMENTO

Versione breve del documento informativo sullo studio per il PAZIENTE ADULTO CHE HA RIACQUISTATO CAPACITA DI DISCERNIMENTO Versione breve del documento informativo sullo studio per il PAZIENTE ADULTO CHE HA RIACQUISTATO CAPACITA DI DISCERNIMENTO Per una migliore leggibilità viene utilizzata solo la forma maschile. Confronto

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA PAZIENTE

CAPSULITE ADESIVA PAZIENTE DOTT. MICHELE A. VERDANO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA CAPSULITE ADESIVA PAZIENTE 1 CHE COSA È LA CAPSULITE ADESIVA? La capsulite adesiva, nota anche come Spalla congelata o Frozen Shoulder

Dettagli

LE ERNIE. nomenclatura. Tipi di ernia. Fisiopatologia dell ernia. Il canale inguinale ERNIE INGUINALI

LE ERNIE. nomenclatura. Tipi di ernia. Fisiopatologia dell ernia. Il canale inguinale ERNIE INGUINALI LE ERNIE Il termine ernia deriva dal greco Hernios (gemma, germoglio). ERNIA = fuoriuscita di viscere o di una parte di esso dalla cavità naturale che normalmente lo contiene. Porta erniaria Sacco erniario

Dettagli

ECOGRAFIA OMBELICALE. Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano

ECOGRAFIA OMBELICALE. Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano ECOGRAFIA OMBELICALE Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano PATOLOGIE OMBELICALI Le patologie della regione ombelicale sono relativamente diffuse nelle prime quattro settimane di vita. Non sempre

Dettagli

Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care

Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care 1 Sessione: Prevenzione e valutazione delle L.D.D: studi ed esperienze a confronto 8.30-8.45 Introduzione: Maddalena Galizio (B)

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

Dipartimento Area Radiologica Struttura Complessa Radioterapia

Dipartimento Area Radiologica Struttura Complessa Radioterapia OSPEDALI GALLIERA GENOVA Fondo terapia tumori Clotilde Rubiola ONLUS Dipartimento Area Radiologica Struttura Complessa Radioterapia a cura di Filippo Grillo Ruggieri Direttore Struttura Complessa Radioterapia

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

D NE N E E E DI D SPA

D NE N E E E DI D SPA S.C. Recupero e Rieducazione Funzionale Ospedaliera Aziendale S.S. Polo Riabilitativo Levante Dr.ssa Monica Santangelo Genova 27 Novembre 2014 LE PATOLOGIE MUSCOLO- TENDINEE DI SPALLA NELLO SPORT La terapia

Dettagli

Tumori della vescica e della via urinaria.

Tumori della vescica e della via urinaria. Tumori della vescica e della via urinaria. Il quadro clinico delle neoplasie dell urotelio è in genere dominato dall ematuria macroscopica (presenza nelle urine di sangue visibile ad occhio nudo) nel 75%

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Dipartimento di Scienze Chirurgiche Istituto di Patologia Chirurgica

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Dipartimento di Scienze Chirurgiche Istituto di Patologia Chirurgica UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Dipartimento di Scienze Chirurgiche Istituto di Patologia Chirurgica MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN CHIRURGIA

Dettagli

NOTE INFORMATIVE AD USO DEL CHIRURGO UTILIZZATORE PER OTTENERE DAL PAZIENTE IL CONSENSO INFORMATO

NOTE INFORMATIVE AD USO DEL CHIRURGO UTILIZZATORE PER OTTENERE DAL PAZIENTE IL CONSENSO INFORMATO NOTE INFORMATIVE AD USO DEL CHIRURGO UTILIZZATORE PER OTTENERE DAL PAZIENTE IL CONSENSO INFORMATO 1. CHE COSA VUOL DIRE TESSUTI DONATI A FINE DI TRAPIANTO? Le persone possono donare al momento della propria

Dettagli

Risonanza Quantica Molecolare : la nostra esperienza clinica nella sua applicazione in Medicina Antalgico-Riabilitativa ed Estetica

Risonanza Quantica Molecolare : la nostra esperienza clinica nella sua applicazione in Medicina Antalgico-Riabilitativa ed Estetica Risonanza Quantica Molecolare : la nostra esperienza clinica nella sua applicazione in Medicina Antalgico-Riabilitativa ed Estetica Il Rexon-age è un apparecchiatura elettromedicale che ha nel cuore il

Dettagli

La complicanza del trasporto ordinario

La complicanza del trasporto ordinario La complicanza del trasporto ordinario Obiettivo della lezione I trasporti ordinari più frequenti Le possibili complicanze Come intervenire in modo corretto I trasporti ordinari più frequenti I trasporti

Dettagli

TEMPI ATTESA 2011 - ATTIVITA' AMBULATORIALE RICOVERI

TEMPI ATTESA 2011 - ATTIVITA' AMBULATORIALE RICOVERI TEMPI ATTESA 2011 - ATTIVITA' AMBULATORIALE RICOVERI decreto 654 del 20 luglio 2011 RILEVATI AL 7/9/2011 T max in Area Oncolo gica Area cardio- OSPEDALE vascola- PRESTAZIONI Breno Prestazioni Ambulatoriali

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

DERMOSMILE. Completa il tuo sorriso con un trattamento antiage per il tuo viso. Radiofrequenza, Peeling, Veicolazione transdermica. Il ringiovanimento

DERMOSMILE. Completa il tuo sorriso con un trattamento antiage per il tuo viso. Radiofrequenza, Peeling, Veicolazione transdermica. Il ringiovanimento Radiofrequenza, Peeling, Veicolazione transdermica. Il ringiovanimento del viso nello studio dentistico. Trattamenti effettuati Completa il tuo sorriso con un trattamento antiage per il tuo viso da medici

Dettagli

LASIK X-tra. Bilaterale Simultanea. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

LASIK X-tra. Bilaterale Simultanea. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch LASIK X-tra Bilaterale Simultanea Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Se siamo in grado di vedere è perché i nostri occhi colgono

Dettagli

Nota Informativa PER IL TRATTAMENTO CON LASER

Nota Informativa PER IL TRATTAMENTO CON LASER Nota Informativa PER IL TRATTAMENTO CON LASER Lo scopo di questo documento è di fornire ai pazienti informazioni sul trattamento laser e riguardo ai possibili effetti indesiderati o complicanze. PRIMA

Dettagli

Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini

Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Apparecchiature radiologiche medicali In medicina le apparecchiature radiografiche vengono utilizzate per: diagnosi dentale

Dettagli

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 La celiachia è un intolleranza permanente al glutine presente negli alimenti. Il glutine è un complesso proteico presente in alcuni

Dettagli

La TC. e il mezzo di. contrasto

La TC. e il mezzo di. contrasto Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 La TC e il mezzo di contrasto INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV AL6-0 03/10/2011 INDICE Che cosa è la TAC o meglio la TC? 4 Tutti possono essere

Dettagli

Dipartimento di Scienze Radiologiche, Oncologiche ed Anatomopatologiche - Policlinico Umberto I

Dipartimento di Scienze Radiologiche, Oncologiche ed Anatomopatologiche - Policlinico Umberto I Università di Roma Sapienza Dipartimento di Scienze Radiologiche, Oncologiche ed Anatomopatologiche - Policlinico Umberto I Il convegno del 21 ottobre tratta le problematiche dell età ossea ed ha lo scopo

Dettagli

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Introdotta circa tre decadi fa da Phelps e Hoffman la Tomografia ad Emissione di Positroni (PET) solo recentemente è divenuta lo strumento

Dettagli

SANAVIR S.R.L. CENTRO POLISPECIALISTICO DI DIAGNOSI E TERAPIA. Data ultima revisione: marzo 2011 0

SANAVIR S.R.L. CENTRO POLISPECIALISTICO DI DIAGNOSI E TERAPIA. Data ultima revisione: marzo 2011 0 SANAVIR S.R.L. CENTRO POLISPECIALISTICO DI DIAGNOSI E TERAPIA CARTA DEI SERVIZI Data ultima revisione: marzo 2011 0 PREMESSA Gentile Signora, gentile Signore, la Carta dei Servizi è un mezzo che Le permetterà

Dettagli

BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE

BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE Con Il Patrocinio BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE PRESIDENTI DEL CONVEGNO: Prof. Vito Pansadoro Dott. Vittorio Grazioli ROMA 12 aprile 2013

Dettagli

Il miglioramento delle cure urgenti

Il miglioramento delle cure urgenti Ogni anno più di 1 milione e 700 mila cittadini in Emilia-Romagna si rivolgono al pronto soccorso quando hanno un problema sanitario. È un numero che tende a crescere costantemente determinando spesso

Dettagli

TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI

TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI UNIVERSITA DI ROMA LA SAPIENZA CATTEDRA DI CHIRURGIA MAXILLO-FACCIALE Prof. Giorgio Iannetti TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI ANATOMIA

Dettagli