PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. Tiraboschi Passaggio Rodari, Paladina (Bg) Cod. Fisc. n.: pec: PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO TRIENNALE ( , , )

2 Principi ispiratori Il nostro POF si ispira ai seguenti articoli della Costituzione: art.3 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di lingua, di religione, di opinioni, di condizioni personali e sociali art.33 L arte e la scienza sono libere e libero ne è l insegnamento art.34 La scuola è aperta a tutti 2

3 IL NOSTRO ISTITUTO La Riforma è stata contestualizzata nel nostro Istituto tenendo conto delle normative vigenti, cercando tuttavia di mantenere una continuità educativa/didattica con le esperienze positive sviluppate negli anni precedenti. Pertanto il Collegio dei Docenti ha iniziato una revisione delle modalità di progettazione delle attività formative, valorizzando progetti e buone pratiche già in atto nelle scuole dell Istituto Comprensivo. Sottolinea che la scuola è il luogo di relazione e condivisione di esperienze, vissuti e conoscenze, di acquisizione di competenze e di un metodo di studio in un quadro unitario che aiuti il bambino ad attribuire senso alle esperienze e significatività agli apprendimenti. 1) L IDENTITA E L AUTONOMIA: OPERARE SCELTE PERSONALI E ASSUMERSI RESPONSABILITA - prendere coscienza della dinamica che porta all affermazione della propria identità (le preferenze di ieri e di oggi; le trasformazioni del proprio corpo e delle proprie reazioni emotive nel tempo e nello spazio; come ci vediamo noi e come ci vedono gli altri) - conferire senso all insieme delle esperienze e dei problemi di cui si è protagonisti - ampliare il punto di vista su di sé e sulla propria collocazione nel mondo - porsi in modo attivo e critico di fronte alla crescente quantità di informazioni e sollecitazioni 2) L ORIENTAMENTO: FARE PIANI PER IL FUTURO E ADEGUARE IL PROPRIO PROGETTO DI VITA - elaborare ipotesi progettuali circa il proprio futuro esistenziale, sociale, formativo e professionale - collaborare responsabilmente e intenzionalmente con la scuola e la famiglia, nella preparazione del portfolio - verificare l adeguatezza delle proprie decisioni circa il futuro scolastico e professionale ed operare cambiamenti di percorso più rispondenti alle capacità, attitudini e scelte di vita maturate 3) LA CONVIVENZA CIVILE: COESISTERE, CONDIVIDERE, ESSERE CORRESPONSABILI - Porsi affrontare i problemi esistenziali, morali, politici, sociali,coglierne la complessità e formulare risposte personali - mettersi in relazione con soggetti diversi da sé e dimostrarsi disponibili all ascolto delle ragioni altrui, al rispetto, alla tolleranza, alla cooperazione, alla solidarietà, valorizzando le diversità - interloquire con pertinenza e costruttività nelle situazioni comunitarie - controllare gli impulsi alla contrapposizione verbale e fisica 4) LA PADRONANZA DEGLI STRUMENTI CULTURALI NECESSARI PER LEGGERE E GOVERNARE L ESPERIENZA 3

4 - Padroneggiare le conoscenze e le abilità che consentono le attività motorioespressiva, il gioco organizzato e la pratica sportiva - Conoscere e utilizzare tecniche differenziate di lettura silenziosa dei testi - Leggere correttamente ad alta voce testi noti e non noti - Possedere un vocabolario attivo e passivo adeguato agli scambi sociali - Conoscere ed utilizzare in modo funzionalmente la lingua inglese almeno a livello di base A2 e, da principianti, una seconda lingua comunitaria - Utilizzare per l espressione di sé e per la comunicazione interpersonale anche codici diversi dalla parola, tra loro integrati (fotografia, cinema, web, teatro,..) - Conoscere, leggere, comprendere e soprattutto gustare sul piano estetico il linguaggio espressivo e musicale - Essere consapevoli delle radici storico-giuridiche, linguistico-letterarie e artistiche che ci legano al mondo classico e giudaico-cristiano, e dell identità spirituale dell Italia e dell Europa - Orientarsi nello spazio e nel tempo operando confronti costruttivi tra realtà geografiche e storiche diverse - Adoperare il linguaggio e i simboli della matematica per indagare con metodo le cause di fenomeni problematici, per spiegarli e rappresentarli - Sviluppare atteggiamenti di curiosità, di attenzione e di rispetto della realtà naturale, di riflessione sulle proprie esperienze, di interesse per l indagine scientifica - Utilizzare gli strumenti informatici per ottenere documentazioni, elaborare grafici e tabelle comparative, riprodurre immagini e realizzarle, scrivere ed archiviare - Analizzare, rappresentare processi ricorrendo a strumenti tipo grafi, tabelle, mappe oppure a modelli logici tipo formule, regole, algoritmi, strutture di dati - Mettere in relazione la tecnologia con i contesti socio-ambientali e con i processi storico-culturali che hanno contribuito a determinarla. Innovazioni significative della riforma Come previsto dal D.P.R. 275/99 1 l Istituzione Scolastica nell esercizio dell autonomia didattica e organizzativa progetta attività educative e didattiche unitarie che promuovano la trasformazione degli obiettivi generali del processo formativo e gli obiettivi specifici di apprendimento nelle competenze di ciascun allievo. Elementi significativi del processo di formazione e di apprendimento diventano: Le educazioni L orientamento Il docente tutor Le unità di apprendimento I piani di studio personalizzati Ruolo della famiglia LE EDUCAZIONI Sono uno stimolo a riflettere sui comportamenti quotidiani e sono comprese nell area più vasta dell Educazione alla Convivenza Civile: coesistere, condividere, essere corresponsabili Educazione alla Cittadinanza Educazione Ambientale Educazione Stradale 4

5 Educazione alla Salute Educazione Alimentare Educazione all Affettività L ORIENTAMENTO Il percorso orientativo consiste nel promuovere l autonomia, far maturare l identità, sviluppare le competenze di ciascun alunno; comincia dalla scuola dell infanzia e continua nei successivi gradi. La scuola crea le condizioni favorevoli allo sviluppo di un personale progetto di vita per ciascun alunno, stimolandolo a diventare protagonista e costruttore del proprio sapere. Ogni alunno deve sviluppare un personale progetto di vita: definire e conquistare la propria identità di fronte agli altri, il proprio ruolo nella realtà sociale, culturale e professionale. A tale fine devono collaborare unitariamente la famiglia, la scuola, le varie agenzie educative, nonché il grado di scuola successivo. Il carattere orientativo è intrinseco allo studio delle discipline e alle attività interdisciplinari. Per operare scelte realistiche, nell immediato e nel futuro, si sviluppano e si potenziano le capacità decisionali, gli interessi, le attitudini, le aspirazioni di ogni alunno, mediante un percorso graduale e progressivo, documentato anche nel portfolio. LE UNITA DI APPRENDIMENTO I PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI Le unità di apprendimento esplicano la progettazione curriculare, extracurriculare, educativa, organizzativa del P.O.F. e comprendono attività, metodi, soluzioni organizzative, modalità di verifica, per la realizzazione di uno o più obiettivi formativi, da trasformare in competenze. Più unità di apprendimento formano i Piani di Studio Personalizzati per alunni, per gruppi di alunni, per gruppi di livello. Nonché, con l aggiornamento della L 170/2010, per tutti gli alunni con certificazione DSA è previsto uno specifico percorso di analisi dei bisogni, semplificazioni e compensazioni dentro il tessuto della didattica in classe e per la gestione dei compiti. POF (Piano dell Offerta Formativa) E Il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale dell Istituto Comprensivo ELABORATO Dal Collegio Docenti con la partecipazione di tutte le sue componenti, sulla base degli indirizzi generali per le attività della scuola e delle scelte generali di gestione e di amministrazione definiti dal Consiglio d Istituto TIENE CONTO Delle proposte e dei pareri formulati dagli organismi e dalle associazioni anche di fatto dei genitori ESPLICITA La progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa dell Istituto Comprensivo CONTIENE 5

6 Le proposte educative, gli aspetti organizzativi e i criteri di utilizzo delle risorse, dei tempi e degli spazi INTRODUCE Il concetto di Programmazione retroattiva/gestione scolastica orientata ai risultati. Ci si basa sull uso di informazioni tratte da valutazioni relative al funzionamento dell organizzazione della scuola, che diventano punto di partenza per intraprendere modifiche che portino ad un miglioramento è finalizzato al miglioramento del processo di apprendimento dell alunno. PERTANTO Costituisce un impegno, un vincolo per l intera comunità scolastica e uno stimolo per anticipare creativamente il futuro 6

7 L Istituto Comprensivo di Paladina comprende 2 scuole Primarie, 2 scuole dell Infanzia statali e 1 scuola Secondaria di 1 grado dislocate nei due comuni di Paladina e di Valbrembo. SCUOLA Scuola primaria Giovanni XXIII Scuola primaria Anna Frank INDIRIZZO Via M. Grappa,10 Paladina tel. e fax: Via Roma, 20 Valbrembo tel.: POPOLAZIONE SCOLASTICA a.s. 2012/

8 Scuola dell infanzia Arcobaleno Scuola dell infanzia Madre Teresa di Calcutta Scuola secondaria di 1 grado A. Tiraboschi Via Libertà Paladina tel. e fax: Via Polo Civico, 6 Valbrembo tel. e fax Passaggio G. Rodari, 1 Paladina tel. e fax totale 718 CONFIGURAZIONE GEOGRAFICO URBANISTICO, SOCIO ECONOMICA E CULTURALE I due comuni presentano un tessuto sociale in situazione economica discreta, derivante da una diffusa attività di medio- piccole industrie. PALADINA POPOLAZIONE SCUOLE PRESENTI ISTITUZIONI CULTURALI CENTRI RICREATIVI GRUPPI SPORTIVI E ASSOCIAZIONI ASSOCIAZIONI DISTRETTO SANITARIO RISORSE ECONOMICHE Il paese si estende per 2,04 Kmq, su un territorio compreso tra le pendici dei Colli di Bergamo e la riva sinistra del fiume Brembo. Si trova a 232 metri sul livello del mare. E attraversato dal fiume Brembo, dal torrente Quisa e dal torrente Legler. Dista 9 Km dal capoluogo di provincia ed è collegato ad esso in linea diretta con i mezzi dell ATB; è collegato con altri paesi per mezzo dei pullman della ditta SAB. L economia del paese è legata, quasi equamente, al mondo dell industria, dell artigianato e del commercio, garantendo un discreto grado di benessere. Residenti: 3448 (Maggio 2003), (Nel 1951 contava abitanti) Residenti 2012 (febbraio): 4026 Scuola dell infanzia statale Arcobaleno Scuola primaria statale Giovanni XXIII Scuola secondaria di 1 grado statale in consorzio con Valbrembo A. Tiraboschi Oratorio Campi da calcio Campi da tennis Parco-giochi G.S. Calcio Paladina U.S.O Paladina U.S.O. Sombreno Gruppo Ciclistico Paladina Gruppo Caccia e Pesca Paladina Gruppo M.T.B. F. Gimondi Sombreno Gruppo A.V.U.L.S.S. ( associazione volontari per anziani e famiglie bisognose) Paladina Gruppo A.I.D.O. Sombrero Gruppo ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo) Sombrero Gruppo FIDAS (donatori di sangue unito al gruppo di Valbrembo) Gruppi di volontariato Associazione A.N.A. Paladina Distretto di Bonate Sopra Banche: B.P.B., Credito Bergamasco 8

9 RILIEVO PAESAGGISTICO ARTE E CULTURA Un agenzia assicurativa Laboratori artigianali Piccole industrie Un supermercato Vari esercizi commerciali Parco dei Colli Villa Agliardi- Sombreno Santuario di Sombreno VALBREMBO POPOLAZIONE SCUOLE PRESENTI ISTITUZIONI CULTURALI CENTRI RICREATIVI GRUPPI SPORTIVI ASSOCIAZIONI DISTRETTO SANITARIO RISORSE ECONOMICHE Valbrembo, comune della provincia di Bergamo, si trova a 200 metri circa sul livello del mare e dista 7 Km dal capoluogo di provincia. Il territorio del comune è in parte pianeggiante e in parte collinare. I paesi confinanti sono: Paladina a nord, Mozzo e Ponte S.Pietro a sud, la frazione Fontana del comune di Bergamo a est e Brembate Sopra a ovest. Valbrembo si estende sulla sinistra del fiume Brembo ed è formato da 2 grossi nuclei, che fino al 1928 costituivano comuni autonomi: Scano e Ossanesga. Residenti: 3588(al 31 maggio2002), di cui 55stranieri (tra questi, 19 minori (Nel 1951 contava abitanti) scuola dell infanzia parrocchiale di Ossanesga scuola dell infanzia statale Madre Teresa di Calcutta scuola elementare statale Anna Frank scuola media apostolica dei Padri Giuseppini di San Leonardo Murialdo Biblioteca civica: presenti volumi Oratorio parrocchiale di Scano Oratorio parrocchiale di Ossanesga palestra polivalente Valpala campo sportivo due campi comunali da football Unione sportiva e calcistica Gruppo sportivo Valpala Polisportiva Valbrembo: sezioni calcio-volley Centro giovanile oratorio Ossanesga Compagnia dialettale di Ossanesga Associazione Nazionale Alpini Scano-Ossanesga Associazione Combattenti e Reduci Associazione Bergamasca Donatori di Sangue Gruppo A.I.D.O. Lega Pensionati Gruppo U.N.I.T.A.L.S.I. Schola Chantorum A.N.M.I.L. (Associazione Nazionale Mutilati Italiani Lavoratori) Associazione SEMEIA Gruppo AUSER (cuore amico) Associazione portatori handicap Gruppo ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo) Gruppo FIDAS (donatori di sangue) Gruppo fotografico Valbrembo Distretto di Bonate Sopra 3 banche un azienda agrituristica aziende agricole vivai varie piccole industrie (bottonificio, ind. metallurgiche) laboratori artigianali 9

10 RILIEVO PAESAGGISTICO Parco dei Colli di Bergamo Parco Faunistico delle Cornelle, che ospita svariate specie di animali Aeroporto per il Volo a Vela, che costituisce un forte centro di attrazione turistica Zone verdi attrezzate, come i parchi-gioco: uno a Scano ed uno a Ossanesga; al centro di quest ultimo si può ammirare la scultura pubblica Alberi-luce-terra-acqua-aria, dal nome decisamente ecologico, realizzata dall artista Cesare Benaglia A Scano: * Il Castello detto anche Stalù, complesso rusticomedioevale con elementi fortificati, articolato all interno con più corti, il lavatoio centrale e la torre posta sull androne dell ingresso risalente alla metà del XV secolo ARTE E CULTURA * Villa Berizzi, costruzione di rilevanza storico-artistica * Villa neoclassica Benaglio-Fenili, con edifici rustici annessi ed un piccolo parco all inglese Ad Ossanesga: * Torre della Cascina Frera del XII secolo * Due ville già Morandi-Lupi * Villa Bertrand Bertramelli, che appartiene ancora alla famiglia che la fece costruire nel XVII secolo * Torre Vacis, di origine cinquecentesca, forse legata anticamente alla funzione di vedetta verso il fiume Brembo e il ponte di Briolo RISORSE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI PALADINA Docenti in servizio 76 SCUOLA DELL INFANZIA ARCOBALENO DI PALADINA N sezioni N alunni Media alunni per sezione N insegnanti Insegnanti IRC ,75 9 SCUOLA DELL INFANZIA MADRE TERESA DI CALCUTTA DI VALBREMBO N sezioni N alunni Media alunni per sezione N insegnanti Insegnanti di sostegno Insegnanti IRC ,

11 SCUOLA PRIMARIA GIOVANNI XIII DI PALADINA N Classi N alunni Media alunni per classe N insegnanti Insegnanti specialisti Insegnanti IRC Insegnanti di sostegno , SCUOLA PRIMARIA ANNA FRANK DI VALBREMBO N Classi N alunni in totale Media alunni per classe N Insegnanti Insegnanti specialisti Insegnanti IRC Insegnanti di sostegno , SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO A. TIRABOSCHI Media alunni N N classi N alunni per classe insegnanti Insegnanti IRC Insegnanti di sostegno , Organico di segreteria 1 D.S.G.A. 4 assistenti amministrativi Personale non docente 13 collaboratori scolastici di cui 2 part time SITUAZIONE EDILIZIA E DOTAZIONI PER L ATTIVITÀ DIDATTICA: LABORATORI, SPAZI E ATTREZZATURE Scuole primarie Un attenzione particolare è dedicata allo sviluppo e potenziamento dei laboratori di psicomotricità, scienze, informatica, lingua straniera e alle biblioteche. Nel plesso di Valbrembo sono attivati, a cura dell amministrazione comunale i servizi di mensa, i servizi di trasporto e di prolungamento dell orario con l attivazione della ludoteca sia nella scuola dell infanzia, sia in quella primaria. Sempre a cura dell amministrazione comunale, è stato attivato il micro-nido e ciò costituisce un ottimo elemento di continuità con le scuole dell infanzia. SPAZI SCUOLA PRIMARIA DI PALADINA ATTREZZATURE Aule LIM n.3 Laboratorio di Armadi contenenti materiale specifico; immagine/manip Forno per la cottura della creta posizionato nel seminterrato. olazione Aula multimediale 12 computer in rete fra loro, 2 stampanti a colori, 1 stampante laser b/n, 1 masterizzatore, 1 lettore DVD, 1 scanner, modem per 11

12 polifunzionale collegamento ad internet, video proiettore e fotocamera digitale; un armadio contenente materiale informatico specifico. 2 televisori, 1 lettore CD. Un armadio contenente materiale specifico di musica: strumentario/didattico, 1 impianto stereo, una tastiera e materiale audiovisivo. Un armadio contenente carte geografiche e materiale didattico di scienze relativo allo studio del corpo umano. Un armadio contenente materiale didattico di lingua inglese (audiocassette, videocassette, giochi didattici, libri operativi, ). 1armadio contenente i libri della biblioteca per gli alunni. SPAZI Palestra, giardino, 2 atri SCUOLA PRIMARIA DI VALBREMBO SPAZI Laboratorio di immagine/ manipolazione Psicomotricità Musicaaudiovisivi Scienze Multimediale Lingua straniera ATTREZZATURE Armadi contenenti materiale specifico. Forno per la cottura della creta, con gabbiotto di riparo Mobiletto per il deposito delle scarpe, pannelli in legno, lavagna, scaffali, armadio, materiale specifico lì contenuto, materassi, canestro piccolo Due armadi contenenti materiale specifico Armadi contenenti materiale specifico, due lavandini (acqua fredda), lavagna e scaffali 13 computer, 3 stampanti a colori, a getto d inchiostro ed una laser (bianco e nero), 1 masterizzatore, 1 fotocamera digitale, 1 scanner Sedie e tavoli rotondi per lavori di gruppo, scaffali, lavagna, giochi didattici e oggetti vari, armadi con materiale specifico, cartelloni prodotti dai bambini in lingua inglese, biblioteca di classe, pannelli per esposizione lavori SPAZI Palestra, palestrina giardino, 2 atri, aula mensa Scuola dell infanzia I due plessi della scuola dell infanzia sono dotati di ampi atri e di uno spazio laboratorio, di una postazione multimediale, di materiale didattico e ludico e attrezzature esterne; in quello di Valbrembo esiste anche una grande aula di psicomotricità. La scuola di Valbrembo, ha una sede nuova da gennaio 2009, arricchendosi di numerosi spazi, con la predisposizione all apertura di due possibili nuove sezioni, mancano ancora diversi complementi d arredo e materiali strutturati per il giardino. Obiettivo continuo per le scuole dell infanzia di Paladina e Valbrembo è quello di rendere gli spazi polifunzionali e rispondenti alle esigenze dei bambini piccoli e allo sviluppo dell offerta formativa. SPAZI - salone per attività di gioco - refezione - dormitorio ( per i 3 anni) - giardino SCUOLA DELL INFANZIA DI PALADINA 12 ATTREZZATURE - materiale specifico per l attività psicomotoria; - materiale specifico per laboratori pittorici, manipolativi sensoriali;

13 - aula polifunzionale - aula dei cinque sensi - materiali mirati per l ed, musicale; - strutture da interno e da esterno per giuochi motori; - sabbionaia; - materiale ludico di vario genere; - materiale multimediale; - sussidi didattici mirati allo sviluppo di diverse competenze. SCUOLA DELL INFANZIA DI VALBREMBO SPAZI - salone per attività di gioco - refezione - giardino - aula dei cinque sensi - laboratorio di cucina - laboratorio multimediale - laboratorio psicomotorio/musicale - laboratorio attività grafica laboratorio verde (orti) ATTREZZATURE - materiale specifico per l attività psicomotoria; - materiale specifico per laboratori pittorici, manipolativi sensoriali; - materiali mirati per l ed, musicale; - strutture da interno e da esterno per giuochi motori; - sabbionaia; - materiale ludico di vario genere; - materiale multimediale; - sussidi didattici mirati allo sviluppo di diverse competenze. SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO DI PALADINA All edificio della scuola sec. di 1 grado sono stati attuati consistenti interventi di adeguamento (rinnovo impianto elettrico/allarme, interfono e insonorizzazione aula musica; cablaggio su tre piani; ampliamento degli spazi per la segreteria, compresi gli archivi, e di alcuni laboratori; predisposizione servizi mensa). LABORATORI ED ATTIVITA POMERIDIANE ATTREZZATURE SPAZI - laboratorio storico - fumetto - prevenzione e fumo - scrittura creativa - viaggio nella storia - teatro - latino - lettura espressiva - Laboratorio multimediale - Informatica multimediale 1 aula: 9 postazioni in rete, 2 stampanti (colori, laser) 2 scanner, modem per collegamento ad internet, armadi contenenti materiale informatico specifico 2 aula: 8 postazioni Aula 3 Aule multimediali di cui 2 funzionanti, la 3 aula è in allestimento 13

14 - Creare con la creta - Il fare creativo (decoupage) Video corso inglese e giornalino Armadi e scaffali contenenti materiale specifico, lavandini, tavoli con sedie, pannelli in legno per l esposizione dei lavori, lavagna 24 postazioni, 1 televisore, 1 videoregistratore, 1 armadio contenente materiale specifico Aula di arte Laboratorio linguistico Laboratorio scientifico Strumento musicale Cineforum Modellismo Fotolaboratorio Nuoto 24 postazioni di lavoro, 1 televisore, 1 videoregistratore, armadi contenenti materiali didattici per semplici fenomeni fisici e chimici 7 pianole, 10 leggii, materiale ORFF (legnetti, tamburelli, cembali, 3 tamburi grandi, maracas ecc.), 2 impianti stereo, 1 pianoforte elettronico 1 televisore schermo grande, 1 videoregistratore, 1 telecamera, 1 armadio contenente materiale specifico Banchi da disegno più relativi sgabelli, utensili per tagliare il compensato, 2 armadi e 1 scaffalatura contenenti materiale di facile consumo 2 ingranditori 1 macchina fotografica reflex con obbiettivo e zoom 1 macchina fotografica automatica 1 macchina fotografica digitale materiale vario per sviluppo e stampa Laboratorio scientifico Aula di ed. musicale è insonorizzata attraverso pannelli speciali migliorando notevolmente l acustica Aula video Aula di ed. tecnica Laboratorio di fotografia Piscina comunale di Dalmine Giochi sportivi Attrezzi e materiali specifici Palestra ( presso scuola primaria di Valbrembo) 1 registratore, 2 armadi (contenenti materiale vario e di facile consumo), 2 tavoli Aula sostegno Giardino - Atrio Aula mensa GLI UFFICI l ufficio del Dirigente Scolastico l ufficio del Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi due uffici per gli assistenti amministrativi (comparto gestione generale, e comparto alunni) Tutti gli uffici sono dotati di computer collegati in rete, di una rete telefonica telematica e di arredi funzionali alle attività complesse dell Istituto Comprensivo. 14

15 Si intende sviluppare le dotazioni multimediali nelle 5 scuole, arricchire le dotazioni delle biblioteche dei docenti e degli alunni. PERCORSI DI VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE DELLA SCUOLA Durante l anno sono possibili le somministrazioni dei seguenti test: - scuola dell infanzia (screening, da parte di esperti esterni, abilità linguistiche e psicomotorie per bambini di anni 4; osservazione e valutazione delle abilita logicomatematica, sviluppo psicomotorio e simbolizzazione per i bambini di anni 5, con eventuale utilizzo de: SR 4-5 School Readnees e IPDA per l identificazione precoce delle difficoltà di apprendimento) - classe seconda, classe quarta scuola primaria e classe prima scuola secondaria di 1 15

16 grado (prove INVALSI per lingua, matematica e scienze); - classe terza secondaria di 1 grado (prove INVALSI esame di Stato). La scuola italiana si è dotata di un sistema nazionale di valutazione, mirato a fornire alle scuole elementi utili a promuovere, nell ambito della loro autonomia, il miglioramento continuo del servizio reso. Progetto di valutazione Nazionale INVALSI. Esso interessa: - Le classi seconda e quarta scuola primaria, la classe prima scuola secondaria di 1 grado e la classe terza per l esame di Stato (prove INVALSI di lingua italiana, matematica e scienze). MISSION FAVORIRE LA CRESCITA SOCIALE, CULTURALE E FORMATIVA DEGLI ALUNNI SVILUPPANDONE TUTTE LE POTENZIALITA E LE CAPACITA DI ORIENTARSI NEL MONDO. POTENZIARE LO STAR BENE A SCUOLA E SVILUPPARE LE CAPACITA RELAZIONALI TENENDO PRESENTE LA DIMENSIONE EMOTIVA. FAVORIRE L INTEGRAZIONE INTERCULTURALE NEL RISPETTO E NELLA VALORIZZAZIONE DELLE DIVERSITA. SVILUPPARE E POTENZIARE LA CAPACITA DI COMUNCARE CON I LINGUAGGI. VERBALI E ANCHE NON VERBALI DELL ESPRESSIONE CORPOREA, ARTISTICA. MUSICALE E PROMUOVERE LE NUOVE TECNOLOGIE DIDATTICHE. POTENZIARE LA COMUNICAZIONE SCUOLA/FAMIGLIA/TERRITORIO. DOCUMENTARE GLI OBIETTIVI E GLI ESITI DEL PROCESSO FORMAT. LINEE DI SVILUPPO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Area della formazione - Un idea di bambino che condividiamo - Le scelte culturali e psicopedagogiche - Curricolo e obiettivi trasversali - Promuovere benessere e sicurezza nell esperienza scolastica PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Area dei saperi 16

17 - Discipline ed attività fondamentali Un curricolo per orientare - Revisione dei curricoli: sperimentazione di un nuovo curricolo di storia lingua italiana : incentivazione del piacere alla lettura - Multimedialità e tecnologie didattiche - Dai saperi dichiarativi ai saperi processuali - La valutazione ORGANIZZAZIONE Area delle opportunità (Ampliamento dell offerta formativa) - Risorse finanziarie statali - Progetti e iniziative finanziati con i fondi dell Autonomia - Progetti e iniziative finanziati con i fondi dei Comuni e dei Comitati / Associazioni Genitori - La qualità della scuola - I principi organizzatori - I servizi: la carta della scuola spazi per la partecipazione spazi e strumenti per la comunicazione PROGETTI Area delle potenzialità - Utilizzo della flessibilità organizzativa AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE Piano di sviluppo e di miglioramento Sviluppo professionale e ricerca - Iniziative di formazione VALUTAZIONE E AUTOANALISI D ISTITUTO Verifica e valutazione dei risultati - Profilo di scuola: interventi di miglioramento e azioni correttive. 17

18 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA UN IDEA DI BAMBINO/RAGAZZO CHE CONDIVIDIAMO Il bambino non è una tabula rasa, ma un soggetto storico con una propria cultura, un proprio linguaggio, un proprio modo di vivere e di concepire la vita. Ecco perché diventa necessario esaminarlo attraverso l osservazione sistematica e la redazione di un profilo dinamico funzionale per accertare il suo livello di autostima, le sue conoscenze culturali ed esperienziali pregresse, le lacune contenutistiche e relazionali e per costruire adeguate risposte formative sia educative che istituzionali. 18

19 L alunno porta a scuola i suoi modi personali di interpretare il mondo. Elabora nuove informazioni sulla base di quelle già possedute, che agiscono da filtro. Nel ragazzo di oggi tende a prevalere un linguaggio emozionale, fantastico, analogico, televisivo. La dimensione socio - affettiva prevale sulla razionalità concettuale e sulla criticità. Spesso ci lamentiamo dell impoverimento della forma espressiva dei nostri alunni che usano poche parole e che comunicano prevalentemente attraverso l immagine il suono; c è una resistenza davanti alla concentrazione e allo studio. Prevalgono oggi linguaggi e codici espressivi non verbali. Il linguaggio scritto e parlato è un veicolo però indispensabile per la formazione dell uomo e del cittadino. Infatti esso rende il soggetto capace di orientare la propria vita responsabilizzandolo, consente di rielaborare conoscenze, esperienze. La scuola, come ambiente di apprendimento, promuove SAPERE SAPER FARE SAPER ESSERE SAPER SENTIRE Riteniamo che un azione educativa efficace possa avere come riferimento le modalità educativo/relazionali sintetizzate nella tabella sotto riportata. CONOSCENZA (di sé, degli altri, delle cose) RICONOSCIMENTO E RISPETTO DEGLI ALTRI RISPETTO DELLE REGOLE Modalità educativo/relazionali DELLA SCUOLA - pone attenzione all interezza del bambino-ragazzo valorizzando gli aspetti cognitivo/affettivo/emotivo/relazio nali - valorizza quanto di positivo c è in ogni bambino/ragazzo - valorizza differenze/uguaglianze nell essere maschio e nell essere femmina - favorisce attività ludiche e psicomotorie come momento di conoscenza e di apprendimento - facilita e sollecita il dialogo dedicando spazi e tempi all ascolto - valorizza la storia e il bagaglio culturale di ogni bambino/a attraverso momenti della giornata scolastica dedicati alla conversazione e/o alla discussione - considera la diversità come risorsa - coinvolge gli alunni nella definizione e gestione delle regole 19 Risposte ed atteggiamenti DELL ALUNNO - percepisce in modo armonico sé e gli altri - costruisce un immagine positiva di sé - accetta il proprio corpo e rispetta quello degli altri - ha consapevolezza dei propri sentimenti ed emozioni e li esprime adeguatamente attraverso il linguaggio verbale e non verbale - esprime i propri vissuti - acquisisce consapevolezza della necessità di limiti e confini entro cui stare

20 IMPEGNO E AUTONOMIA - coinvolge gli alunni nella pianificazione dei propri impegni e li rende autonomi nel loro adempimento - esplicita agli alunni le valutazioni sul loro lavoro - gratifica gli sforzi anche se minimi - impara ad assumersi gradualmente delle responsabilità - inizia ad autovalutarsi - vive l errore come momento costruttivo per apprendere MOTIVAZIONE AD APPRENDERE PENSIERO CRITICO E CREATIVO - esplicita agli alunni quello che si fa, come lo si fa, perché lo si fa e in quali tempi - riflette con gli alunni sul percorso - processo che stanno facendo per giungere ad un determinato traguardo - incentiva la curiosità verso gli apprendimenti favorendo la ricerca di risoluzioni ai problemi ( i perché ) - sollecita il dialogo, aiutando il bambino a tener conto, nel suo intervento, di ciò che gli altri hanno detto - acquisisce gradualmente consapevolezza del proprio percorso d apprendimento - rivela curiosità verso le proposte scolastiche - tende a cercare percorsi personali - esprime senza inibizioni le proprie opinioni e sa sostenerle - dimostra interesse verso l opinione di ognuno ATTEGGIAMENTI SCIENTIFICI DI LOGICA E DI RICERCA - incoraggia soluzioni diverse ai vari problemi - valorizza i bisogni cognitivi di ogni bambino tenendo conto degli stili di apprendimento - attiva un insegnamento di tipo non trasmissivo - direttivo rendendo il bambino/ragazzo compartecipe - incentiva il contributo degli alunni nella costruzione delle 20 - esprime il proprio dissenso in modo accettabile - utilizza la propria fantasia/immaginazione anche nella vita quotidiana - coglie tra una pluralità di proposte quella più consona al proprio modo di apprendere - si pone in modo attivo nei confronti dell apprendimento - ricerca informazioni, riformula con le proprie

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE L elaborazione di un curricolo trasversale relativo alla cittadinanza e costituzione nasce dall esigenza

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME Disciplina Indicatori Descrittori Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente Esprimere oralmente le proprie emozioni ed esperienze mediante linguaggi diversi verbali

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE 1 Cittadinanza e Costituzione COMPETENZE CHIAVE: Competenze sociali e civiche NUCLEO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA Estratto del POF La scuola, come ambiente educativo di apprendimento, luogo di convivenza democratica, deve offrire un clima sociale positivo ed essere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI QUILIANO VIA VALLEGGIA SUPERIORE 17047 QUILIANO (SV) TEL. 019/880169 FAX 019/2165283 E-MAIL SVIC809005@PEC.ISTRUZIONE.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI QUILIANO VIA VALLEGGIA SUPERIORE 17047 QUILIANO (SV) TEL. 019/880169 FAX 019/2165283 E-MAIL SVIC809005@PEC.ISTRUZIONE. ARTI IN.. MOVIMENTO Il progetto Ragnatele sonore viene attivato all interno della Scuola materna dell Istituto comprensivo e interesserà tutti gli allievi del plesso e punterà a facilitare uno sviluppo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE Titolo: LOGICAMENTE Destinatari : alunni dell ultimo anno di scuola dell Infanzia e alunni della classe prima di scuola primaria. Risorse professionali:

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado Istituto Comprensivo "San Giovanni Bosco" Naro ISTITUTO COMPRENSIVO "SAN GIOVANNI BOSCO" NARO Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado A.S.2015-16

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELLUSCO E MEZZAGO SCUOLA DELL INFANZIA DI MEZZAGO ANNO SCOLASTICO 2013-2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELLUSCO E MEZZAGO SCUOLA DELL INFANZIA DI MEZZAGO ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELLUSCO E MEZZAGO SCUOLA DELL INFANZIA DI MEZZAGO ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PREMESSA Nello stendere la programmazione educativo-didattica per il corrente anno scolastico il team

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO FREZZOTTI-CORRADINI SCUOLA DELL INFANZIA DI VIA QUARTO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni PRINCIPI EDUCATIVI E LINEE GUIDA Rispetto dell unità psico-fisica del bambino; centralità educativa del fare

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 IC 41 CONSOLE: LA SCUOLA DELL INFANZIA PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 DESCRIZIONE DELLA SCUOLA La scuola dell infanzia dell IC 41 Console e situata nel quartiere Bagnoli in

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre ITALIANO (Voto numerico espresso in decimi e riportato in lettere) Prestare attenzione, comprendere e riferire i contenuti di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INSEGNANTI CURRICOLARI: DI BONAVENTURA LAURA MARAINI

Dettagli

Istituto Comprensivo M. Anzi di Bormio Scuola Primaria di S. Antonio Valfurva

Istituto Comprensivo M. Anzi di Bormio Scuola Primaria di S. Antonio Valfurva Istituto Comprensivo M. Anzi di Bormio Scuola Primaria di S. Antonio Valfurva DI TUTTE LE CLASSI DEL PLESSO DI S. ANTONIO a. s. 2014/2015 Le insegnanti del Plesso già nel mese di giugno avevano verificato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

ISCRIZIONI a.s. 2014/15

ISCRIZIONI a.s. 2014/15 - 0652209322 ISCRIZIONI a.s. 2014/15 27/01/2014 ISCRIZIONI entro il 28 febbraio SCUOLA SECONDARIA I grado: on line 27/01/2014 Adempimenti delle famiglie - individuare la scuola d interesse (anche attraverso

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

Scuola dell infanzia G. Siani - Marano

Scuola dell infanzia G. Siani - Marano Scuola dell infanzia G. Siani - Marano a.s. 2015/16..Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono la curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento per favorire

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. CINEFORUM LABORATORIO DI CERAMICA LABORATORIO DI SCIENZE MOTORIE

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO, ATTUATO IN TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA, IN COLLABORAZIONE CON GLI ENTI LOCALI

PROGETTO D ISTITUTO, ATTUATO IN TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA, IN COLLABORAZIONE CON GLI ENTI LOCALI ISTITUTO COMPRENSIVO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I I. O. Griselli Via Roma, 55-56040 MONTESCUDAIO(PI) Tel. 0586/650053 - Fax 0586/650488 e-mail: istcomp.griselli@tiscali.it Web: www.istitutogriselli.it

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ FRA SCUOLA E FAMIGLIA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ FRA SCUOLA E FAMIGLIA Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Landriano Via B. Brecht, 1 27015 Landriano (PV) Tel. 038264103 Fax 038264143 - sito web: www.iclandriano.gov.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Tiriolo Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di primo grado

Istituto Comprensivo Tiriolo Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Istituto Comprensivo Tiriolo Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Piazza della Libertà, 14 88056 TIRIOLO (Cz) Tel. 0961.991018 Fax 0961.024807 Cod. Mecc: CZIC86500R Cod. Fisc. 80004080794

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva ETA : 4 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione Ascoltare brani musicali Mimare testi ascoltati grafica, corporea

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA AMBIENTE SCOLASTICO La scuola dell infanzia di Montebello è situata nell omonimo quartiere della città di Perugia. Dispone di un piccolo giardino che confina con una grande area verde attrezzata ed un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA VILLETTA

SCUOLA DELL INFANZIA VILLETTA SCUOLA DELL INFANZIA VILLETTA PROGETTO DI PLESSO 2011/12 PROGETTO: La macchina del tempo MOTIVAZIONE La scuola dell infanzia è uno degli ambienti fondamentali in cui il bambino sviluppa le proprie esperienze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni /cittadinanza I DIRITTI DEI BAMBINI IL QUADERNO REALIZZATO DAI RAGAZZI E/O LO SLOGAN PUBBLICITARIO

Dettagli

Indicazioni nazionali per il curricolo

Indicazioni nazionali per il curricolo Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione a cura di Valentina Urgu per l I.C. Monastir L ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO Indicazioni quadro di riferimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA CLASSE II A ANNO SCOLASTICO 2013/2014 La programmazione del

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Situazione diagnostica A scuola SerenaMente Il primo giorno di scuola non è lo stesso per tutti i bambini. Per alcuni, si tratta di ritornare in un posto lasciato solo

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ;

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; 1. Orario 24 ore settimanali 2. Orario 27 ore settimanali 3. Orario

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA - IMMAGINI, SUONI, COLORI SCUOLA PRIMARIA - MUSICA SCUOLA SECONDARIA I GRADO - MUSICA SCUOLA INFANZIA Nell ambito dell educazione musicale trovano attuazione

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI E DELLE COMPETENZE

OBIETTIVI FORMATIVI E DELLE COMPETENZE E DELLE MONOENNIO ITALIANO monoennio 1. saper ascoltare interlocutori in contesti diversi 2. saper comunicare oralmente 3. acquisire la tecnica della lettura 4. acquisire la tecnica della scrittura a)

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOTTICINO Via Udine, 6 25080 Botticino Mattina - CF 80064290176 - Tel. 030 2693113 Fax: 030 2191205 email: ddbottic@provincia.brescia.it

Dettagli

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico I. C. I. NIEVO CAPRI Scuola secondaria di I grado Classe Coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO: Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Cognome e nome Data e luogo di nascita

Dettagli

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia Paola di Rosa Scuola Primaria San Giuseppe La vera educazione è apertura alla realtà nella sua ricchezza la scuola è

Dettagli

P.T.O.F. 2 0 1 6 / 2 0 1 9 PROGETTI SCUOLA INFANZIA. plesso Polo

P.T.O.F. 2 0 1 6 / 2 0 1 9 PROGETTI SCUOLA INFANZIA. plesso Polo P.T.O.F. 2 0 1 6 / 2 0 1 9 PROGETTI SCUOLA INFANZIA plesso Polo 1 ACCOGLIENZA Docente referente: Colomba Maristella Docenti coinvolti: Le docenti di sezione della scuola dell'infanzia. Alunni coinvolti:

Dettagli

ALLEGATO D: UNITA DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

ALLEGATO D: UNITA DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALLEGATO D: SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE PRIMA Classe prima ACQUISIRE O MIGLIORARE IL SENSO DI RESPONSABILITA 1. Periodo nel corso dell intero anno, ma soprattutto durante il primo quadrimestre

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso FORMAT PROFILO DI COMPETENZA competenza chiave IMPARARE A IMPARARE Specifico formativo della competenza chiave Imparare a imparare designa la capacità di organizzare il proprio apprendimento mediante una

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI Anno scolastico 2014/2015 1 PROGETTO INTERISTITUZIONALE ( SCUOLA-ENTE LOCALE-ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO) PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI 1. Premessa La Scuola

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli