PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. Tiraboschi Passaggio Rodari, Paladina (Bg) Cod. Fisc. n.: pec: PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO TRIENNALE ( , , )

2 Principi ispiratori Il nostro POF si ispira ai seguenti articoli della Costituzione: art.3 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di lingua, di religione, di opinioni, di condizioni personali e sociali art.33 L arte e la scienza sono libere e libero ne è l insegnamento art.34 La scuola è aperta a tutti 2

3 IL NOSTRO ISTITUTO La Riforma è stata contestualizzata nel nostro Istituto tenendo conto delle normative vigenti, cercando tuttavia di mantenere una continuità educativa/didattica con le esperienze positive sviluppate negli anni precedenti. Pertanto il Collegio dei Docenti ha iniziato una revisione delle modalità di progettazione delle attività formative, valorizzando progetti e buone pratiche già in atto nelle scuole dell Istituto Comprensivo. Sottolinea che la scuola è il luogo di relazione e condivisione di esperienze, vissuti e conoscenze, di acquisizione di competenze e di un metodo di studio in un quadro unitario che aiuti il bambino ad attribuire senso alle esperienze e significatività agli apprendimenti. 1) L IDENTITA E L AUTONOMIA: OPERARE SCELTE PERSONALI E ASSUMERSI RESPONSABILITA - prendere coscienza della dinamica che porta all affermazione della propria identità (le preferenze di ieri e di oggi; le trasformazioni del proprio corpo e delle proprie reazioni emotive nel tempo e nello spazio; come ci vediamo noi e come ci vedono gli altri) - conferire senso all insieme delle esperienze e dei problemi di cui si è protagonisti - ampliare il punto di vista su di sé e sulla propria collocazione nel mondo - porsi in modo attivo e critico di fronte alla crescente quantità di informazioni e sollecitazioni 2) L ORIENTAMENTO: FARE PIANI PER IL FUTURO E ADEGUARE IL PROPRIO PROGETTO DI VITA - elaborare ipotesi progettuali circa il proprio futuro esistenziale, sociale, formativo e professionale - collaborare responsabilmente e intenzionalmente con la scuola e la famiglia, nella preparazione del portfolio - verificare l adeguatezza delle proprie decisioni circa il futuro scolastico e professionale ed operare cambiamenti di percorso più rispondenti alle capacità, attitudini e scelte di vita maturate 3) LA CONVIVENZA CIVILE: COESISTERE, CONDIVIDERE, ESSERE CORRESPONSABILI - Porsi affrontare i problemi esistenziali, morali, politici, sociali,coglierne la complessità e formulare risposte personali - mettersi in relazione con soggetti diversi da sé e dimostrarsi disponibili all ascolto delle ragioni altrui, al rispetto, alla tolleranza, alla cooperazione, alla solidarietà, valorizzando le diversità - interloquire con pertinenza e costruttività nelle situazioni comunitarie - controllare gli impulsi alla contrapposizione verbale e fisica 4) LA PADRONANZA DEGLI STRUMENTI CULTURALI NECESSARI PER LEGGERE E GOVERNARE L ESPERIENZA 3

4 - Padroneggiare le conoscenze e le abilità che consentono le attività motorioespressiva, il gioco organizzato e la pratica sportiva - Conoscere e utilizzare tecniche differenziate di lettura silenziosa dei testi - Leggere correttamente ad alta voce testi noti e non noti - Possedere un vocabolario attivo e passivo adeguato agli scambi sociali - Conoscere ed utilizzare in modo funzionalmente la lingua inglese almeno a livello di base A2 e, da principianti, una seconda lingua comunitaria - Utilizzare per l espressione di sé e per la comunicazione interpersonale anche codici diversi dalla parola, tra loro integrati (fotografia, cinema, web, teatro,..) - Conoscere, leggere, comprendere e soprattutto gustare sul piano estetico il linguaggio espressivo e musicale - Essere consapevoli delle radici storico-giuridiche, linguistico-letterarie e artistiche che ci legano al mondo classico e giudaico-cristiano, e dell identità spirituale dell Italia e dell Europa - Orientarsi nello spazio e nel tempo operando confronti costruttivi tra realtà geografiche e storiche diverse - Adoperare il linguaggio e i simboli della matematica per indagare con metodo le cause di fenomeni problematici, per spiegarli e rappresentarli - Sviluppare atteggiamenti di curiosità, di attenzione e di rispetto della realtà naturale, di riflessione sulle proprie esperienze, di interesse per l indagine scientifica - Utilizzare gli strumenti informatici per ottenere documentazioni, elaborare grafici e tabelle comparative, riprodurre immagini e realizzarle, scrivere ed archiviare - Analizzare, rappresentare processi ricorrendo a strumenti tipo grafi, tabelle, mappe oppure a modelli logici tipo formule, regole, algoritmi, strutture di dati - Mettere in relazione la tecnologia con i contesti socio-ambientali e con i processi storico-culturali che hanno contribuito a determinarla. Innovazioni significative della riforma Come previsto dal D.P.R. 275/99 1 l Istituzione Scolastica nell esercizio dell autonomia didattica e organizzativa progetta attività educative e didattiche unitarie che promuovano la trasformazione degli obiettivi generali del processo formativo e gli obiettivi specifici di apprendimento nelle competenze di ciascun allievo. Elementi significativi del processo di formazione e di apprendimento diventano: Le educazioni L orientamento Il docente tutor Le unità di apprendimento I piani di studio personalizzati Ruolo della famiglia LE EDUCAZIONI Sono uno stimolo a riflettere sui comportamenti quotidiani e sono comprese nell area più vasta dell Educazione alla Convivenza Civile: coesistere, condividere, essere corresponsabili Educazione alla Cittadinanza Educazione Ambientale Educazione Stradale 4

5 Educazione alla Salute Educazione Alimentare Educazione all Affettività L ORIENTAMENTO Il percorso orientativo consiste nel promuovere l autonomia, far maturare l identità, sviluppare le competenze di ciascun alunno; comincia dalla scuola dell infanzia e continua nei successivi gradi. La scuola crea le condizioni favorevoli allo sviluppo di un personale progetto di vita per ciascun alunno, stimolandolo a diventare protagonista e costruttore del proprio sapere. Ogni alunno deve sviluppare un personale progetto di vita: definire e conquistare la propria identità di fronte agli altri, il proprio ruolo nella realtà sociale, culturale e professionale. A tale fine devono collaborare unitariamente la famiglia, la scuola, le varie agenzie educative, nonché il grado di scuola successivo. Il carattere orientativo è intrinseco allo studio delle discipline e alle attività interdisciplinari. Per operare scelte realistiche, nell immediato e nel futuro, si sviluppano e si potenziano le capacità decisionali, gli interessi, le attitudini, le aspirazioni di ogni alunno, mediante un percorso graduale e progressivo, documentato anche nel portfolio. LE UNITA DI APPRENDIMENTO I PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI Le unità di apprendimento esplicano la progettazione curriculare, extracurriculare, educativa, organizzativa del P.O.F. e comprendono attività, metodi, soluzioni organizzative, modalità di verifica, per la realizzazione di uno o più obiettivi formativi, da trasformare in competenze. Più unità di apprendimento formano i Piani di Studio Personalizzati per alunni, per gruppi di alunni, per gruppi di livello. Nonché, con l aggiornamento della L 170/2010, per tutti gli alunni con certificazione DSA è previsto uno specifico percorso di analisi dei bisogni, semplificazioni e compensazioni dentro il tessuto della didattica in classe e per la gestione dei compiti. POF (Piano dell Offerta Formativa) E Il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale dell Istituto Comprensivo ELABORATO Dal Collegio Docenti con la partecipazione di tutte le sue componenti, sulla base degli indirizzi generali per le attività della scuola e delle scelte generali di gestione e di amministrazione definiti dal Consiglio d Istituto TIENE CONTO Delle proposte e dei pareri formulati dagli organismi e dalle associazioni anche di fatto dei genitori ESPLICITA La progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa dell Istituto Comprensivo CONTIENE 5

6 Le proposte educative, gli aspetti organizzativi e i criteri di utilizzo delle risorse, dei tempi e degli spazi INTRODUCE Il concetto di Programmazione retroattiva/gestione scolastica orientata ai risultati. Ci si basa sull uso di informazioni tratte da valutazioni relative al funzionamento dell organizzazione della scuola, che diventano punto di partenza per intraprendere modifiche che portino ad un miglioramento è finalizzato al miglioramento del processo di apprendimento dell alunno. PERTANTO Costituisce un impegno, un vincolo per l intera comunità scolastica e uno stimolo per anticipare creativamente il futuro 6

7 L Istituto Comprensivo di Paladina comprende 2 scuole Primarie, 2 scuole dell Infanzia statali e 1 scuola Secondaria di 1 grado dislocate nei due comuni di Paladina e di Valbrembo. SCUOLA Scuola primaria Giovanni XXIII Scuola primaria Anna Frank INDIRIZZO Via M. Grappa,10 Paladina tel. e fax: Via Roma, 20 Valbrembo tel.: POPOLAZIONE SCOLASTICA a.s. 2012/

8 Scuola dell infanzia Arcobaleno Scuola dell infanzia Madre Teresa di Calcutta Scuola secondaria di 1 grado A. Tiraboschi Via Libertà Paladina tel. e fax: Via Polo Civico, 6 Valbrembo tel. e fax Passaggio G. Rodari, 1 Paladina tel. e fax totale 718 CONFIGURAZIONE GEOGRAFICO URBANISTICO, SOCIO ECONOMICA E CULTURALE I due comuni presentano un tessuto sociale in situazione economica discreta, derivante da una diffusa attività di medio- piccole industrie. PALADINA POPOLAZIONE SCUOLE PRESENTI ISTITUZIONI CULTURALI CENTRI RICREATIVI GRUPPI SPORTIVI E ASSOCIAZIONI ASSOCIAZIONI DISTRETTO SANITARIO RISORSE ECONOMICHE Il paese si estende per 2,04 Kmq, su un territorio compreso tra le pendici dei Colli di Bergamo e la riva sinistra del fiume Brembo. Si trova a 232 metri sul livello del mare. E attraversato dal fiume Brembo, dal torrente Quisa e dal torrente Legler. Dista 9 Km dal capoluogo di provincia ed è collegato ad esso in linea diretta con i mezzi dell ATB; è collegato con altri paesi per mezzo dei pullman della ditta SAB. L economia del paese è legata, quasi equamente, al mondo dell industria, dell artigianato e del commercio, garantendo un discreto grado di benessere. Residenti: 3448 (Maggio 2003), (Nel 1951 contava abitanti) Residenti 2012 (febbraio): 4026 Scuola dell infanzia statale Arcobaleno Scuola primaria statale Giovanni XXIII Scuola secondaria di 1 grado statale in consorzio con Valbrembo A. Tiraboschi Oratorio Campi da calcio Campi da tennis Parco-giochi G.S. Calcio Paladina U.S.O Paladina U.S.O. Sombreno Gruppo Ciclistico Paladina Gruppo Caccia e Pesca Paladina Gruppo M.T.B. F. Gimondi Sombreno Gruppo A.V.U.L.S.S. ( associazione volontari per anziani e famiglie bisognose) Paladina Gruppo A.I.D.O. Sombrero Gruppo ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo) Sombrero Gruppo FIDAS (donatori di sangue unito al gruppo di Valbrembo) Gruppi di volontariato Associazione A.N.A. Paladina Distretto di Bonate Sopra Banche: B.P.B., Credito Bergamasco 8

9 RILIEVO PAESAGGISTICO ARTE E CULTURA Un agenzia assicurativa Laboratori artigianali Piccole industrie Un supermercato Vari esercizi commerciali Parco dei Colli Villa Agliardi- Sombreno Santuario di Sombreno VALBREMBO POPOLAZIONE SCUOLE PRESENTI ISTITUZIONI CULTURALI CENTRI RICREATIVI GRUPPI SPORTIVI ASSOCIAZIONI DISTRETTO SANITARIO RISORSE ECONOMICHE Valbrembo, comune della provincia di Bergamo, si trova a 200 metri circa sul livello del mare e dista 7 Km dal capoluogo di provincia. Il territorio del comune è in parte pianeggiante e in parte collinare. I paesi confinanti sono: Paladina a nord, Mozzo e Ponte S.Pietro a sud, la frazione Fontana del comune di Bergamo a est e Brembate Sopra a ovest. Valbrembo si estende sulla sinistra del fiume Brembo ed è formato da 2 grossi nuclei, che fino al 1928 costituivano comuni autonomi: Scano e Ossanesga. Residenti: 3588(al 31 maggio2002), di cui 55stranieri (tra questi, 19 minori (Nel 1951 contava abitanti) scuola dell infanzia parrocchiale di Ossanesga scuola dell infanzia statale Madre Teresa di Calcutta scuola elementare statale Anna Frank scuola media apostolica dei Padri Giuseppini di San Leonardo Murialdo Biblioteca civica: presenti volumi Oratorio parrocchiale di Scano Oratorio parrocchiale di Ossanesga palestra polivalente Valpala campo sportivo due campi comunali da football Unione sportiva e calcistica Gruppo sportivo Valpala Polisportiva Valbrembo: sezioni calcio-volley Centro giovanile oratorio Ossanesga Compagnia dialettale di Ossanesga Associazione Nazionale Alpini Scano-Ossanesga Associazione Combattenti e Reduci Associazione Bergamasca Donatori di Sangue Gruppo A.I.D.O. Lega Pensionati Gruppo U.N.I.T.A.L.S.I. Schola Chantorum A.N.M.I.L. (Associazione Nazionale Mutilati Italiani Lavoratori) Associazione SEMEIA Gruppo AUSER (cuore amico) Associazione portatori handicap Gruppo ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo) Gruppo FIDAS (donatori di sangue) Gruppo fotografico Valbrembo Distretto di Bonate Sopra 3 banche un azienda agrituristica aziende agricole vivai varie piccole industrie (bottonificio, ind. metallurgiche) laboratori artigianali 9

10 RILIEVO PAESAGGISTICO Parco dei Colli di Bergamo Parco Faunistico delle Cornelle, che ospita svariate specie di animali Aeroporto per il Volo a Vela, che costituisce un forte centro di attrazione turistica Zone verdi attrezzate, come i parchi-gioco: uno a Scano ed uno a Ossanesga; al centro di quest ultimo si può ammirare la scultura pubblica Alberi-luce-terra-acqua-aria, dal nome decisamente ecologico, realizzata dall artista Cesare Benaglia A Scano: * Il Castello detto anche Stalù, complesso rusticomedioevale con elementi fortificati, articolato all interno con più corti, il lavatoio centrale e la torre posta sull androne dell ingresso risalente alla metà del XV secolo ARTE E CULTURA * Villa Berizzi, costruzione di rilevanza storico-artistica * Villa neoclassica Benaglio-Fenili, con edifici rustici annessi ed un piccolo parco all inglese Ad Ossanesga: * Torre della Cascina Frera del XII secolo * Due ville già Morandi-Lupi * Villa Bertrand Bertramelli, che appartiene ancora alla famiglia che la fece costruire nel XVII secolo * Torre Vacis, di origine cinquecentesca, forse legata anticamente alla funzione di vedetta verso il fiume Brembo e il ponte di Briolo RISORSE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI PALADINA Docenti in servizio 76 SCUOLA DELL INFANZIA ARCOBALENO DI PALADINA N sezioni N alunni Media alunni per sezione N insegnanti Insegnanti IRC ,75 9 SCUOLA DELL INFANZIA MADRE TERESA DI CALCUTTA DI VALBREMBO N sezioni N alunni Media alunni per sezione N insegnanti Insegnanti di sostegno Insegnanti IRC ,

11 SCUOLA PRIMARIA GIOVANNI XIII DI PALADINA N Classi N alunni Media alunni per classe N insegnanti Insegnanti specialisti Insegnanti IRC Insegnanti di sostegno , SCUOLA PRIMARIA ANNA FRANK DI VALBREMBO N Classi N alunni in totale Media alunni per classe N Insegnanti Insegnanti specialisti Insegnanti IRC Insegnanti di sostegno , SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO A. TIRABOSCHI Media alunni N N classi N alunni per classe insegnanti Insegnanti IRC Insegnanti di sostegno , Organico di segreteria 1 D.S.G.A. 4 assistenti amministrativi Personale non docente 13 collaboratori scolastici di cui 2 part time SITUAZIONE EDILIZIA E DOTAZIONI PER L ATTIVITÀ DIDATTICA: LABORATORI, SPAZI E ATTREZZATURE Scuole primarie Un attenzione particolare è dedicata allo sviluppo e potenziamento dei laboratori di psicomotricità, scienze, informatica, lingua straniera e alle biblioteche. Nel plesso di Valbrembo sono attivati, a cura dell amministrazione comunale i servizi di mensa, i servizi di trasporto e di prolungamento dell orario con l attivazione della ludoteca sia nella scuola dell infanzia, sia in quella primaria. Sempre a cura dell amministrazione comunale, è stato attivato il micro-nido e ciò costituisce un ottimo elemento di continuità con le scuole dell infanzia. SPAZI SCUOLA PRIMARIA DI PALADINA ATTREZZATURE Aule LIM n.3 Laboratorio di Armadi contenenti materiale specifico; immagine/manip Forno per la cottura della creta posizionato nel seminterrato. olazione Aula multimediale 12 computer in rete fra loro, 2 stampanti a colori, 1 stampante laser b/n, 1 masterizzatore, 1 lettore DVD, 1 scanner, modem per 11

12 polifunzionale collegamento ad internet, video proiettore e fotocamera digitale; un armadio contenente materiale informatico specifico. 2 televisori, 1 lettore CD. Un armadio contenente materiale specifico di musica: strumentario/didattico, 1 impianto stereo, una tastiera e materiale audiovisivo. Un armadio contenente carte geografiche e materiale didattico di scienze relativo allo studio del corpo umano. Un armadio contenente materiale didattico di lingua inglese (audiocassette, videocassette, giochi didattici, libri operativi, ). 1armadio contenente i libri della biblioteca per gli alunni. SPAZI Palestra, giardino, 2 atri SCUOLA PRIMARIA DI VALBREMBO SPAZI Laboratorio di immagine/ manipolazione Psicomotricità Musicaaudiovisivi Scienze Multimediale Lingua straniera ATTREZZATURE Armadi contenenti materiale specifico. Forno per la cottura della creta, con gabbiotto di riparo Mobiletto per il deposito delle scarpe, pannelli in legno, lavagna, scaffali, armadio, materiale specifico lì contenuto, materassi, canestro piccolo Due armadi contenenti materiale specifico Armadi contenenti materiale specifico, due lavandini (acqua fredda), lavagna e scaffali 13 computer, 3 stampanti a colori, a getto d inchiostro ed una laser (bianco e nero), 1 masterizzatore, 1 fotocamera digitale, 1 scanner Sedie e tavoli rotondi per lavori di gruppo, scaffali, lavagna, giochi didattici e oggetti vari, armadi con materiale specifico, cartelloni prodotti dai bambini in lingua inglese, biblioteca di classe, pannelli per esposizione lavori SPAZI Palestra, palestrina giardino, 2 atri, aula mensa Scuola dell infanzia I due plessi della scuola dell infanzia sono dotati di ampi atri e di uno spazio laboratorio, di una postazione multimediale, di materiale didattico e ludico e attrezzature esterne; in quello di Valbrembo esiste anche una grande aula di psicomotricità. La scuola di Valbrembo, ha una sede nuova da gennaio 2009, arricchendosi di numerosi spazi, con la predisposizione all apertura di due possibili nuove sezioni, mancano ancora diversi complementi d arredo e materiali strutturati per il giardino. Obiettivo continuo per le scuole dell infanzia di Paladina e Valbrembo è quello di rendere gli spazi polifunzionali e rispondenti alle esigenze dei bambini piccoli e allo sviluppo dell offerta formativa. SPAZI - salone per attività di gioco - refezione - dormitorio ( per i 3 anni) - giardino SCUOLA DELL INFANZIA DI PALADINA 12 ATTREZZATURE - materiale specifico per l attività psicomotoria; - materiale specifico per laboratori pittorici, manipolativi sensoriali;

13 - aula polifunzionale - aula dei cinque sensi - materiali mirati per l ed, musicale; - strutture da interno e da esterno per giuochi motori; - sabbionaia; - materiale ludico di vario genere; - materiale multimediale; - sussidi didattici mirati allo sviluppo di diverse competenze. SCUOLA DELL INFANZIA DI VALBREMBO SPAZI - salone per attività di gioco - refezione - giardino - aula dei cinque sensi - laboratorio di cucina - laboratorio multimediale - laboratorio psicomotorio/musicale - laboratorio attività grafica laboratorio verde (orti) ATTREZZATURE - materiale specifico per l attività psicomotoria; - materiale specifico per laboratori pittorici, manipolativi sensoriali; - materiali mirati per l ed, musicale; - strutture da interno e da esterno per giuochi motori; - sabbionaia; - materiale ludico di vario genere; - materiale multimediale; - sussidi didattici mirati allo sviluppo di diverse competenze. SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO DI PALADINA All edificio della scuola sec. di 1 grado sono stati attuati consistenti interventi di adeguamento (rinnovo impianto elettrico/allarme, interfono e insonorizzazione aula musica; cablaggio su tre piani; ampliamento degli spazi per la segreteria, compresi gli archivi, e di alcuni laboratori; predisposizione servizi mensa). LABORATORI ED ATTIVITA POMERIDIANE ATTREZZATURE SPAZI - laboratorio storico - fumetto - prevenzione e fumo - scrittura creativa - viaggio nella storia - teatro - latino - lettura espressiva - Laboratorio multimediale - Informatica multimediale 1 aula: 9 postazioni in rete, 2 stampanti (colori, laser) 2 scanner, modem per collegamento ad internet, armadi contenenti materiale informatico specifico 2 aula: 8 postazioni Aula 3 Aule multimediali di cui 2 funzionanti, la 3 aula è in allestimento 13

14 - Creare con la creta - Il fare creativo (decoupage) Video corso inglese e giornalino Armadi e scaffali contenenti materiale specifico, lavandini, tavoli con sedie, pannelli in legno per l esposizione dei lavori, lavagna 24 postazioni, 1 televisore, 1 videoregistratore, 1 armadio contenente materiale specifico Aula di arte Laboratorio linguistico Laboratorio scientifico Strumento musicale Cineforum Modellismo Fotolaboratorio Nuoto 24 postazioni di lavoro, 1 televisore, 1 videoregistratore, armadi contenenti materiali didattici per semplici fenomeni fisici e chimici 7 pianole, 10 leggii, materiale ORFF (legnetti, tamburelli, cembali, 3 tamburi grandi, maracas ecc.), 2 impianti stereo, 1 pianoforte elettronico 1 televisore schermo grande, 1 videoregistratore, 1 telecamera, 1 armadio contenente materiale specifico Banchi da disegno più relativi sgabelli, utensili per tagliare il compensato, 2 armadi e 1 scaffalatura contenenti materiale di facile consumo 2 ingranditori 1 macchina fotografica reflex con obbiettivo e zoom 1 macchina fotografica automatica 1 macchina fotografica digitale materiale vario per sviluppo e stampa Laboratorio scientifico Aula di ed. musicale è insonorizzata attraverso pannelli speciali migliorando notevolmente l acustica Aula video Aula di ed. tecnica Laboratorio di fotografia Piscina comunale di Dalmine Giochi sportivi Attrezzi e materiali specifici Palestra ( presso scuola primaria di Valbrembo) 1 registratore, 2 armadi (contenenti materiale vario e di facile consumo), 2 tavoli Aula sostegno Giardino - Atrio Aula mensa GLI UFFICI l ufficio del Dirigente Scolastico l ufficio del Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi due uffici per gli assistenti amministrativi (comparto gestione generale, e comparto alunni) Tutti gli uffici sono dotati di computer collegati in rete, di una rete telefonica telematica e di arredi funzionali alle attività complesse dell Istituto Comprensivo. 14

15 Si intende sviluppare le dotazioni multimediali nelle 5 scuole, arricchire le dotazioni delle biblioteche dei docenti e degli alunni. PERCORSI DI VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE DELLA SCUOLA Durante l anno sono possibili le somministrazioni dei seguenti test: - scuola dell infanzia (screening, da parte di esperti esterni, abilità linguistiche e psicomotorie per bambini di anni 4; osservazione e valutazione delle abilita logicomatematica, sviluppo psicomotorio e simbolizzazione per i bambini di anni 5, con eventuale utilizzo de: SR 4-5 School Readnees e IPDA per l identificazione precoce delle difficoltà di apprendimento) - classe seconda, classe quarta scuola primaria e classe prima scuola secondaria di 1 15

16 grado (prove INVALSI per lingua, matematica e scienze); - classe terza secondaria di 1 grado (prove INVALSI esame di Stato). La scuola italiana si è dotata di un sistema nazionale di valutazione, mirato a fornire alle scuole elementi utili a promuovere, nell ambito della loro autonomia, il miglioramento continuo del servizio reso. Progetto di valutazione Nazionale INVALSI. Esso interessa: - Le classi seconda e quarta scuola primaria, la classe prima scuola secondaria di 1 grado e la classe terza per l esame di Stato (prove INVALSI di lingua italiana, matematica e scienze). MISSION FAVORIRE LA CRESCITA SOCIALE, CULTURALE E FORMATIVA DEGLI ALUNNI SVILUPPANDONE TUTTE LE POTENZIALITA E LE CAPACITA DI ORIENTARSI NEL MONDO. POTENZIARE LO STAR BENE A SCUOLA E SVILUPPARE LE CAPACITA RELAZIONALI TENENDO PRESENTE LA DIMENSIONE EMOTIVA. FAVORIRE L INTEGRAZIONE INTERCULTURALE NEL RISPETTO E NELLA VALORIZZAZIONE DELLE DIVERSITA. SVILUPPARE E POTENZIARE LA CAPACITA DI COMUNCARE CON I LINGUAGGI. VERBALI E ANCHE NON VERBALI DELL ESPRESSIONE CORPOREA, ARTISTICA. MUSICALE E PROMUOVERE LE NUOVE TECNOLOGIE DIDATTICHE. POTENZIARE LA COMUNICAZIONE SCUOLA/FAMIGLIA/TERRITORIO. DOCUMENTARE GLI OBIETTIVI E GLI ESITI DEL PROCESSO FORMAT. LINEE DI SVILUPPO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Area della formazione - Un idea di bambino che condividiamo - Le scelte culturali e psicopedagogiche - Curricolo e obiettivi trasversali - Promuovere benessere e sicurezza nell esperienza scolastica PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Area dei saperi 16

17 - Discipline ed attività fondamentali Un curricolo per orientare - Revisione dei curricoli: sperimentazione di un nuovo curricolo di storia lingua italiana : incentivazione del piacere alla lettura - Multimedialità e tecnologie didattiche - Dai saperi dichiarativi ai saperi processuali - La valutazione ORGANIZZAZIONE Area delle opportunità (Ampliamento dell offerta formativa) - Risorse finanziarie statali - Progetti e iniziative finanziati con i fondi dell Autonomia - Progetti e iniziative finanziati con i fondi dei Comuni e dei Comitati / Associazioni Genitori - La qualità della scuola - I principi organizzatori - I servizi: la carta della scuola spazi per la partecipazione spazi e strumenti per la comunicazione PROGETTI Area delle potenzialità - Utilizzo della flessibilità organizzativa AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE Piano di sviluppo e di miglioramento Sviluppo professionale e ricerca - Iniziative di formazione VALUTAZIONE E AUTOANALISI D ISTITUTO Verifica e valutazione dei risultati - Profilo di scuola: interventi di miglioramento e azioni correttive. 17

18 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA UN IDEA DI BAMBINO/RAGAZZO CHE CONDIVIDIAMO Il bambino non è una tabula rasa, ma un soggetto storico con una propria cultura, un proprio linguaggio, un proprio modo di vivere e di concepire la vita. Ecco perché diventa necessario esaminarlo attraverso l osservazione sistematica e la redazione di un profilo dinamico funzionale per accertare il suo livello di autostima, le sue conoscenze culturali ed esperienziali pregresse, le lacune contenutistiche e relazionali e per costruire adeguate risposte formative sia educative che istituzionali. 18

19 L alunno porta a scuola i suoi modi personali di interpretare il mondo. Elabora nuove informazioni sulla base di quelle già possedute, che agiscono da filtro. Nel ragazzo di oggi tende a prevalere un linguaggio emozionale, fantastico, analogico, televisivo. La dimensione socio - affettiva prevale sulla razionalità concettuale e sulla criticità. Spesso ci lamentiamo dell impoverimento della forma espressiva dei nostri alunni che usano poche parole e che comunicano prevalentemente attraverso l immagine il suono; c è una resistenza davanti alla concentrazione e allo studio. Prevalgono oggi linguaggi e codici espressivi non verbali. Il linguaggio scritto e parlato è un veicolo però indispensabile per la formazione dell uomo e del cittadino. Infatti esso rende il soggetto capace di orientare la propria vita responsabilizzandolo, consente di rielaborare conoscenze, esperienze. La scuola, come ambiente di apprendimento, promuove SAPERE SAPER FARE SAPER ESSERE SAPER SENTIRE Riteniamo che un azione educativa efficace possa avere come riferimento le modalità educativo/relazionali sintetizzate nella tabella sotto riportata. CONOSCENZA (di sé, degli altri, delle cose) RICONOSCIMENTO E RISPETTO DEGLI ALTRI RISPETTO DELLE REGOLE Modalità educativo/relazionali DELLA SCUOLA - pone attenzione all interezza del bambino-ragazzo valorizzando gli aspetti cognitivo/affettivo/emotivo/relazio nali - valorizza quanto di positivo c è in ogni bambino/ragazzo - valorizza differenze/uguaglianze nell essere maschio e nell essere femmina - favorisce attività ludiche e psicomotorie come momento di conoscenza e di apprendimento - facilita e sollecita il dialogo dedicando spazi e tempi all ascolto - valorizza la storia e il bagaglio culturale di ogni bambino/a attraverso momenti della giornata scolastica dedicati alla conversazione e/o alla discussione - considera la diversità come risorsa - coinvolge gli alunni nella definizione e gestione delle regole 19 Risposte ed atteggiamenti DELL ALUNNO - percepisce in modo armonico sé e gli altri - costruisce un immagine positiva di sé - accetta il proprio corpo e rispetta quello degli altri - ha consapevolezza dei propri sentimenti ed emozioni e li esprime adeguatamente attraverso il linguaggio verbale e non verbale - esprime i propri vissuti - acquisisce consapevolezza della necessità di limiti e confini entro cui stare

20 IMPEGNO E AUTONOMIA - coinvolge gli alunni nella pianificazione dei propri impegni e li rende autonomi nel loro adempimento - esplicita agli alunni le valutazioni sul loro lavoro - gratifica gli sforzi anche se minimi - impara ad assumersi gradualmente delle responsabilità - inizia ad autovalutarsi - vive l errore come momento costruttivo per apprendere MOTIVAZIONE AD APPRENDERE PENSIERO CRITICO E CREATIVO - esplicita agli alunni quello che si fa, come lo si fa, perché lo si fa e in quali tempi - riflette con gli alunni sul percorso - processo che stanno facendo per giungere ad un determinato traguardo - incentiva la curiosità verso gli apprendimenti favorendo la ricerca di risoluzioni ai problemi ( i perché ) - sollecita il dialogo, aiutando il bambino a tener conto, nel suo intervento, di ciò che gli altri hanno detto - acquisisce gradualmente consapevolezza del proprio percorso d apprendimento - rivela curiosità verso le proposte scolastiche - tende a cercare percorsi personali - esprime senza inibizioni le proprie opinioni e sa sostenerle - dimostra interesse verso l opinione di ognuno ATTEGGIAMENTI SCIENTIFICI DI LOGICA E DI RICERCA - incoraggia soluzioni diverse ai vari problemi - valorizza i bisogni cognitivi di ogni bambino tenendo conto degli stili di apprendimento - attiva un insegnamento di tipo non trasmissivo - direttivo rendendo il bambino/ragazzo compartecipe - incentiva il contributo degli alunni nella costruzione delle 20 - esprime il proprio dissenso in modo accettabile - utilizza la propria fantasia/immaginazione anche nella vita quotidiana - coglie tra una pluralità di proposte quella più consona al proprio modo di apprendere - si pone in modo attivo nei confronti dell apprendimento - ricerca informazioni, riformula con le proprie

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli