Non solo breve. Frammentazione e ricomposizione nella testualità dei nuovi media

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Non solo breve. Frammentazione e ricomposizione nella testualità dei nuovi media"

Transcript

1 51 Non solo breve. Frammentazione e ricomposizione nella testualità dei nuovi media Giulio LUGHI (Torino) Abstract This paper aims to examine the phenomenon of short forms not only in relation to their size but especially because they match with the technological characteristics of the new media textuality, and with the forms of transition from the old media to the new ones. Some examples of literature, films, music and art will be considered, responding to the criteria of granularity, modularity, programmability that are the foundation of the so-called database logic, or database culture, strictly connected to the structural essence of the ICT (Information and Communication Technologies). We also point out some aspects related to textuality in social networks and UGC (User Generated Contents) and consider new forms of interaction with screens and physical spaces that have been generated by the growth of mobile communication. Indice 1. Introduzione 2. Forme brevi della tradizione artistica e letteraria 2.1. Aspetti socio-culturali. Un esempio di persistenza 2.2. Una tecnologia particolare: l'oralità 3. Forme brevi nei mass-media 3.1. Aspetti socio-culturali 3.2. Aspetti tecnologici 4. Forme brevi nei nuovi media 4.1. Aspetti socio-culturali 4.2. Aspetti tecnologici 5. Conclusione 6. Bibliografia 1. Introduzione I testi brevi hanno una lunga tradizione che viene dal passato e persiste fino ad oggi: novelle, racconti, aforismi, sonetti, haiku, blasoni, motti e facezie, barzellette, sketch, ecc. rappresentano un territorio ben noto e studiato sotto diversi punti di vista. Nel contesto odierno questa lunga tradizione sembra acquistare dei caratteri particolari, legati soprattutto ad una sorta di iconizzazione complice in larga parte la pubblicità del testo breve, ad una sua riduzione o conversione ad immagine, ma senza che questo ne muti sostanzialmente l'identità e la tenuta

2 52 (Pezzini 2002). Di fatto i testi brevi proseguono fino ad oggi la loro corsa nel tempo finendo per essere ospitati, sostanzialmente immutati, all'interno dei nuovi media e in particolare nel World Wide Web, il nuovo medium caratterizzato dalle capacità onnivore che nell'epoca dei mass-media erano state esercitate dalla tv e che ora vengono progressivamente assunte dalla rete. È una linea di continuità grazie alla quale questa particolare forma testuale e culturale, già presente nell'antichità, e poi nel Rinascimento, e poi nella recente stagione della modernità industriale e dei mass-media, giunge fino a noi. Quali sono i motivi di questa continuità, per cui un autore decide di comporre un testo breve piuttosto che uno di dimensioni maggiori? La prima risposta ci porta naturalmente sul versante delle scelte stilistiche ed estetiche: l'autore di ogni tempo compone un testo breve in quanto ciò risponde in maniera primaria alle sue esigenze espressive. Questo contributo tuttavia non si pone da questo punto di vista, che è proprio della critica estetica e storica, a cui compete di indagare la figura del singolo autore, e/o la sua posizione all'interno di correnti o generi artistici, e/o ancora la sua posizione all'interno del più generale contesto storico e artistico. Ciò che ci interessa maggiormente in questa sede è individuare non tanto perché un autore è libero di comporre un testo breve rispetto ad uno di diversa misura, quanto esattamente il contrario: perché un autore è costretto o meglio spinto a collocarsi nella dimensione di comporre un testo breve? Più precisamente e per anticipare quelle che saranno le conclusioni di questo contributo è nostro obiettivo indagare in che modo la presenza sempre più determinante della tecnologia nei processi di comunicazione determini, anche al di là della volontà e del gusto del singolo autore, un orientamento del sistema complessivo della testualità verso una diffusione della forma breve. In particolare verranno esaminate due modalità di condizionamento: una dovuta alla situazione socio-culturale, dove i testi brevi appaiono rispondenti a forze e tendenze più generali presenti nella società e nell'organizzazione culturale del loro tempo; e una di matrice tecnologica, dove i testi brevi risultano invece derivare da precisi limiti e condizioni imposti dalle tecnologie comunicative. Le due modalità di condizionamento non agiscono ognuna per proprio conto, naturalmente, ma sono sempre variamente intrecciate, anche se indubbiamente più ci avviciniamo alla contemporaneità più la tecnologia assume un ruolo marcato: questo non significa che ci poniamo da un punto di vista di determinismo tecnologico, anzi volta per volta verranno evidenziati i complessi rapporti che regolano i due piani. In base a quest'ottica il contributo analizza tre diversi ambiti: il primo, cui sarà dedicato uno sguardo molto rapido, è quello della tradizione artistica e letteraria, che si estende dall'antichità ai giorni nostri e dove la presenza della tecnologia come fattore limitante è quasi inesistente, se non per un particolare aspetto che riguarda l'oralità; il secondo è quello dei mass-media, che coincide con l'età

3 53 industriale e dove la presenza della tecnologia comincia a farsi sentire; il terzo è quello dei nuovi media, dove il ruolo della tecnologia assume un ruolo molto importante ma molto spesso nascosto, diverso da quello percepito in genere dall'utente generalista o dalla pubblicistica meno attenta. Ancora una cosa: in questo contributo si metterà in luce come i processi di frammentazione e ricomposizione che nei nuovi media sono fisiologici, espliciti e legati al funzionamento della tecnologia sono spesso già presenti come elementi di anticipazione che percorrono come un flusso sotterraneo tutta la nostra storia culturale; a volte più evidenti, a volte più nascosti, a volte presenti solo come forze interne, mentali, ma comunque sempre elementi costitutivi di una sorta di sostrato dinamico di cui la testualità di superficie è solo il risultato finale. Estendendo a metafora il modello chomskiano, potremmo dire che frammentazione e ricomposizione sono in generale forze che agiscono a livello di struttura profonda per generare la struttura superficiale del testo, e che questa dinamica giunge a maturazione e a visibilità esplicita nella attuale stagione dei nuovi media. 2. Forme brevi della tradizione artistica e letteraria Come si è detto la microtestualità ha una lunga tradizione, che va dall'aforisma alla favola, all'apologo, alla novella, intrecciandosi con la tradizione pittorica di forme come l'idillio (che in greco significa piccola immagine ), e lo schizzo, forma solo abbozzata ma in grado di cogliere un'essenza iconica. Come punto terminale di questa lunga tradizione ci limiteremo qui a citare Italo Calvino, che nelle Lezioni Americane tesse l elogio della rapidità : ad esempio con le sue osservazioni sul riassunto, come operazione niente affatto banale ma anzi come strategia metalinguistica di selezione e organizzazione; o il Calvino che quasi si identifica nella brevità come caratteristica testuale: il mio temperamento mi porta a realizzarmi meglio in testi brevi: la mia opera è fatta in gran parte di short stories (Calvino 1995:671) Certo la lunghezza o la brevità del testo sono criteri esteriori, ma io parlo d'una particolare densità che, anche se può essere raggiunta pure in narrazioni di largo respiro, ha comunque la sua misura nella singola pagina. Io vorrei mettere insieme una collezione di racconti d'una sola frase, o d'una sola riga, se possibile. (Calvino 1995:673) Si tratta di una tensione stilistica che caratterizza molta scrittura moderna, da Borges a Barthes a Hemingway a Carver, uniti nella consapevolezza che la dimensione fluviale della narrativa ha ormai ceduto il passo a caratteristiche se-

4 54 mantiche e testuali destinate a svilupparsi sempre di più, e che di fatto poi ritroviamo nelle forme brevi audiovisive più attuali Aspetti socio-culturali. Un esempio di persistenza Come si diceva, uno degli assi portanti di questo contributo è la convinzione che al di sotto della testualità di superficie ci sia uno strato profondo costituito da processi di frammentazione e ricomposizione. Ne daremo qui una serie di esempi sul piano figurativo, da Hyeronimous Bosch fino agli esiti più recenti e pesantemente immersi nella dimensione commerciale; esempi che mostrano come anche in contesti storici e culturali molto diversi la realtà di superficie risulti composta da un brulicare di forme brevi sottostanti. Filo conduttore di questi esempi è una sorta di inquietudine, legata all'attrazione-repulsione per ciò che c'è sotto, che percorre tutta la storia europea e si basa soprattutto sulla tradizione magico-alchemica, vista come combinatoria di elementi nascosti, su cui si innestano poi sempre nuove componenti. Ecco ancora Calvino individuare lucidamente questa connessione fra forme brevi sottostanti e testualità di superficie, tra sostanza pulviscolare e potenza combinatoria:...il filo della scrittura come metafora della sostanza pulviscolare del mondo: già per Lucrezio le lettere erano atomi in continuo movimento che con le loro permutazioni creavano le parole e i suoni più diversi; idea che fu ripresa da una lunga tradizione di pensatori per cui i segreti del mondo erano contenuti nella combinatoria dei segni della scrittura: l'ars Magna di Ramón Llull, la Kabbala dei rabbini spagnoli e quella di Pico della Mirandola... Anche Galileo vedrà nell'alfabeto il modello d'ogni combinatoria d'unità minime (Calvino 1995: ) In Bosch (Giardino delle delizie terrene, 1510; fig. 1) ne vediamo la prospettiva medievale, legata agli archetipi virgiliani e danteschi dell'esplorazione dell'aldilà: Figura 1: Bosch Giardino delle delizie

5 55 mentre nell'arcimboldo (Estate, 1573; fig. 2) sono presenti le componenti prebarocche e praghesi che insistono sulla forma testuale come composizione alchemica di forme brevi sottostanti, totalmente indipendenti come significato: Figura 2: Arcimboldo - Estate o ancora in Otto Dix (Giocatori di carte, 1920; fig. 3) si rivela l'analisi spietata per gli interessi economici e finanziari che reggono gli intrecci tra politica, guerra e affari: Figura 3: Dix Giocatori di carte mentre in Mirò (Il carnevale di Arlecchino, 1924; fig. 4) emergono le inquietudini surrealiste nutrite dalla diffusione delle teorie psicoanalitiche:

6 56 Figura 4: Mirò Il carnevale di Arlecchino A conclusione di questo percorso rapidissimo ecco il lavoro di Takashi Murakami (fig. 5), artista giapponese contemporaneo che sulle orme della filosofia della Pop Art lavora sui rapporti fra dimensione artistica e dimensione commerciale, nonché sui meccanismi di banalizzazione e nobilitazione che regolano volta a volta le emergenze dell'una nell'altra, e soprattutto nutrono l'impressionante mercato di immaginette, pupazzi, sfondi, loghi, suonerie, che colonizzano abiti, borse e zainetti e rappresentano la frantumazione dell'identità adolescenziale, polverizzata in schegge di contenuto simbolico, moneta di scambio della riconoscibilità reciproca e dell'appartenenza al gruppo. Figura 5: opera di Murakami Punto terminale di questo percorso il videogioco Spore (www.spore.com), frutto della creatività dell'autore più geniale e intrigante in circolazione sul territorio videoludico, Will Wright (fig. 6), che si basa sulla simulazione dell'evoluzione di una civiltà dalle prime molecole fino alla conquista della galassia, e dove la creazione di creature su base combinatoria ed evolutiva non ha altro limite che la fantasia dei partecipanti:

7 57 Figura 6: Wright creature del videogioco Spore Versione aggiornata delle esplorazioni alchemiche del passato, erede della potenza immaginifica di una serie di figure forti del panorama mediale (il Golem, Frankenstein, ecc.) frutto delle inquietudini sulla dimensione cyborg che ormai si fa sempre più pressante nella nostra epoca (trapianti, protesi meccaniche, OGM, robotica, ecc.), Spore in quanto videogioco apre inoltre il nostro discorso alla dimensione tecnologica, che sarà ripresa nel paragrafo 4.2, dove la granularità e la componibilità verranno ricondotte alle specifiche relazioni tra funzionalità tecnologica e testualità videoludica Una tecnologia particolare: l'oralità Un altro esempio di persistenza è quello dell'oralità, terreno comunicativo dove i testi brevi naturalmente regnano sovrani. Dalle battute dei dialoghi conversazionali, a tutta una serie di forme più elaborate e ricche di contenuti simbolici (Jolles 1930), il territorio dell'oralità si rivela interessante dal nostro punto di vista se accettiamo di interpretare la relazione fra oralità e forme brevi come restrizione tecnologica. Pur con tutte le cautele necessarie nel voler proiettare la categoria del tecnologico sull'opposizione parlato-scritto, è indubbio che un interessante filone di studi, brillantemente riassunto nelle formulazioni di Walter Ong (1982), ha messo in luce lo stretto rapporto che esiste fra le forme anzi le formule brevi e le problematiche tecnologiche di conservazione della memoria. Formulazione paratattica del discorso, pensiero formulaico, agonismo dialogico, articolazione del sapere per esempi e non per sequenze logiche: sono tutte modalità riconducibili alle particolari limitazioni tecnologiche dell'oralità, alle condizioni contestuali e omeostatiche che regolano le manifestazioni comunicative pre-scrittura. In realtà e questo ci offre un altro esempio di persistenza sono modalità che durano anche oltre il limite cronologico dell'oralità primaria,

8 58 per estendersi nelle epoche successive a tutte le manifestazioni di comunicazione interpersonale, oltre i mass-media e fino ai nuovi media: dalle manifestazioni contraddistinte dalla cosiddetta oralità secondaria (conversazioni telefoniche, via radio amatoriale, o via Skype) fino alle manifestazioni che si basano sulla oralità scritta come gli scambi epistolari, le BBS, le mail, i forum, i blog, gli interventi sui social network come Facebook, e infine gli SMS e gli interventi su Twitter; in questi ultimi casi la brevità è limitata di fatto per imposizione (160 caratteri per gli SMS, 140 su Twitter), ma si tratta di una limitazione dovuta non a motivazioni tecnologiche (lo spazio di scrittura è praticamente infinito) bensì alle politiche commerciali dei gestori. Di fatto, tuttavia, pur nella loro apparente insensatezza, sono restrizioni che continuano a confermare il testo orale come testo breve, poggiando su una eredità che affonda le sue radici nella notte dei tempi e che evidentemente trova modo e nuove ragioni per continuare ad esistere: il pensiero veloce e il suo legame con situazioni spesso operative, la necessità di feedback e quindi di una regolazione in tempo reale e costante dei reciproci comportamenti, la disponibilità al cambiamento e l'adeguamento al pensiero dell'altro. 3. Forme brevi nei mass-media I mass-media sono un territorio di transizione, in cui convivono forme lunghe e forme brevi: lunghe nell'editoria libraria e nel cinema (il romanzo, il film), ma anche nella radio e nella televisione degli inizi, fin quando domina il concetto di palinsesto basato su una sequenza di programmi complessi e finiti, testi a pieno diritto; brevi nell'editoria discografica leggera, dove domina la forma-canzone; e soprattutto nella radio e nella tv della seconda fase, quella di flusso, quando i programmi testuali lasciano il posto ai programmi-contenitore e quindi alle strategie di accorpamento dei testi brevi. Ecco inoltre farsi avanti la tecnologia, che soprattutto grazie ai dispositivi casalinghi come il videoregistratore apre il campo alla pratica dello zapping (lo spezzettamento del testo lungo da parte dell'utente) con tutte le sue varianti sorelle, come lo zipping (forward della videocassetta per evitare la pubblicità), il flipping (seguire diversi programmi contemporaneamente) il grazing (pratica nevrotica di impazienza mediatica), e tanti altri.

9 Aspetti socio-culturali Come già accennato una delle caratteristiche dell'epoca industriale è una decisa avanzata dei testi iconici, in parte dovuta all'abbassamento dei costi di produzione e riproduzione dell'immagine grazie ai progressi tecnologici e soprattutto all'introduzione del digitale; in parte dovuta alla velocizzazione dei processi di fruizione e consumo introdotti dal ruolo sempre più determinante della pubblicità nel circolo complessivo dell'industria culturale. La forma breve trova un particolare sviluppo nei mass-media grazie alla destinazione pubblicitaria che impone alti costi per i passaggi in video e richiede nello stesso tempo alta efficacia e- spressiva: (...) i formati brevi di promozione assumono un ruolo sempre più marcato e caratteristico. Nati per vendere e per morire, quindi con una dichiarata finalità pragmatica, in realtà spesso rappresentano punti di intensità semiotica a vari e differenti livelli - per la loro fattura, per il modo in cui sanno rendere comunicativa un'idea o accendere un desiderio, per una qualche dose di sperimentazione e creatività. Icone dense apparentemente destinate a una funzione liminare di guida o di supporto sviluppano dinamiche testuali e di genere proprie, caratterizzate dalla sfida a trasformare i propri limiti... in occasione di ricerca e di espressione creativa. (Pezzini 2002:7) Senza dimenticare che queste potenti forme brevi (tra l'altro già ampiamente multimediali) come il trailer, lo spot pubblicitario televisivo e il videoclip, pur all'interno di una precisa costrizione temporale dovuta nel caso del videoclip al legame con la forma-canzone, nel caso dello spot e del trailer ai costi di passaggio sui canali televisivi hanno elaborato linguaggi formali di estrema raffinatezza fino a diventare, da forme che veicolano qualcos'altro (il prodotto, la canzone), vere e proprie forme autonome, fatte oggetto a loro volta di un interesse specifico (mostre, rassegne, premi, ecc.) che testimonia l'orientamento complessivo della mass culture verso la brevità e la velocità. Come notano Colombo e Eugeni (2001:20), con l'industria culturale cambia infatti anche la sintassi del prodotto, ad esempio nel cinema e nel fumetto, attraverso i processi collegati di frammentazione e ricomposizione: ( ) il mondo e le vicende narrate vengono segmentate in unità discrete (la vignetta, l'inquadratura) per essere poi nuovamente congiunte in un'apparente continuità che reca comunque i segni del precedente frazionamento (il passaggio tra le vignette e le strisce nel fumetto, il salto del montaggio nel cinema). Aspetti sintattico-estetici che trovano conferma e consolidamento nei processi industriali di produzione, nella parcellizzazione del lavoro anche creativo di autori, sceneggiatori, registi inseriti in una macchina produttiva basata sulla serialità, sulla ricerca della formula di successo, sul remake, sulla declinazione dei

10 60 grandi successi commerciali nella filiera del merchandising, e che puntualmente sono stati colti nei loro aspetti affascinanti ma anche contraddittori dagli esperimenti della Pop Art, come nel caso di Roy Liechtenstein (figura 7), il quale isola il frammento, il testo breve costituito da una sola vignetta senza poi procedere ad alcuna ricomposizione; o Andy Warhol (figura 8) che ricompone invece un'opera unitaria a partire da una singola, identica, ossessiva scheggia di immaginario: Figura 7: Roy Liechtenstein Figura 8: Andy Warhol Dal punto di vista cronologico, un momento decisivo per la transizione dei massmedia verso le forme brevi è rappresentato dal passaggio da quella che è stata definita la Paleotelevisione (basata sul palinsesto e su finalità civili e formative) alla Neotelevisione (basata sul flusso e rispondente alle esigenze di una impostazione commerciale). Impostazione commerciale vuol dire che nella organizzazione interna diventa determinante il meccanismo pubblicitario, il che significa frammentazione in funzione della distribuzione degli spot e riorganizzazione complessiva della testualità in modo da non perdere comunque il senso di funzionalità della trasmissione. Il tutto in un periodo, gli anni '80, in cui si affermava definitivamente in televisione la possibilità del montaggio, innovazione tecnologica che si era già rivelata decisiva per l'evoluzione del linguaggio cinematografico (vedi 3.2.) e che sganciava definitivamente anche il linguaggio televisivo dalle limitazioni della diretta o della registrazione lineare. Procedendo verso il futuro nella stessa direzione, anche la televisione mobile su dispositivi portatili è destinata a sviluppare sempre più il modello a flusso, adeguandosi al modello YouTube e alla cultura delle clip, che ha tratto origine dal modello MTV e dall estetica del videoclip musicale dove ritmo e soggettività dominano sull evoluzione narrativa dei contenuti: un modello discorsivo non lineare che riproduce il fluire delle im-

11 61 magini, delle emozioni e delle sensazioni secondo una causalità riconducibile per certi aspetti al flusso di coscienza joyceano (Semprini 1994:52-57) Aspetti tecnologici L'età dei mass-media è anche l'età della modernità industriale, dove quindi la tecnologia comincia a giocare un ruolo decisivo: un esempio dell'influenza e delle restrizioni che la tecnologia impone alle forme brevi viene dalla formacanzone. Introdotta nel salotto borghese insieme alla diffusione casalinga del pianoforte, e poi della pianola meccanica, la canzone trova il suo dimensionamento definitivo grazie alla tecnologia del fonografo prima, e del grammofono poi, che la legano a quella dimensione del disco e dei tre minuti che resterà poi la sua misura temporale-stilistica standard, anche quando l'evoluzione dei supporti di memorizzazione (dischi a 33 giri prima, CD poi) ne avrebbero consentito l'estensione a forme più lunghe e complesse. Da notare che il passaggio ai nuovi media non fa che confermare per lungo tempo la forma breve della canzone, in quanto anche dopo l'introduzione del formato di compressione MP3 i tempi di scaricamento dalla rete rimangono accettabili solo per la classica canzone da tre minuti, e non certo per testi musicali di maggiore lunghezza. Ma è nel campo del cinema che un'innovazione tecnologica come il montaggio è destinata ad incidere definitivamente sulla nostra percezione delle forme brevi, come pure sull'introiezione dei processi di frammentazione e ricomposizione, ad una profondità tale da generare una modifica epocale nella nostra percezione della sintassi discorsiva e narrativa. Non è il caso di soffermarsi qui su un tema fondamentale ma anche controverso, che ha impegnato la riflessione di grandi personalità del cinema come Ejzenstejn (1985), il quale insiste sull'importanza del montaggio come percezione per frammenti, una percezione che successivamente consente di cogliere la struttura del reale nella sua complessità, e che viene ricondotta al principio primo del cinema, la generazione del movimento a partire da una sequenza di figure statiche. Ma nella teoria del montaggio appare anche in tutta la sua forza l'idea, tipicamente novecentesca, di quella biplanarità che nel corso del secolo pervade diverse discipline e che costituisce anche il Leitmotiv di questo contributo: l'idea di uno strato sottostante, astratto, che regola quello superficiale, concreto. Questa idea domina la linguistica dalla distinzione saussuriana di langue e parole fino alle strutture chomskiane, è presente nella psicoanalisi come nella fisica teorica e nella sociologia, fino ad improntare di sé tutto lo strutturalismo (antropologico, filosofico, semiologico, narratologico). Uno strato sottostante ancora tutto mentale, culturale, interno alla mente umana, ma destinato alla fine del secolo, con lo sviluppo dell'informatica, a trovare un terreno di sperimentazione e

12 62 di sfida in una sorta di logica esterna, affidata alle macchine e proprio per questo diversa, a volte estranea, a tratti fallace, ma sicuramente già produttiva, come vedremo nella parte dedicata ai nuovi media. 4. Forme brevi nei nuovi media La presenza dei testi brevi nei nuovi media proviene quindi dal di dentro del sistema, da una delle sue caratteristiche intrinseche più marcate e peculiari, quella che possiamo definire una sorta di doppia articolazione: nei nuovi media la testualità si articola sempre su due piani, un testo superficiale e un testo profondo, connessi tra loro ma non coincidenti, anzi costruiti in base a linguaggi completamente diversi. Il fattore decisivo di innovazione dei nuovi media consiste nel fatto che il testo che vediamo non è il testo che è stato memorizzato, bensì il risultato di una serie di traduzioni in tempo reale che dalle profondità del Linguaggio Macchina, l'interminabile sequenza di simboli di uno e zero, salgono fino ai linguaggi più vicini all'utente. Uno e zero sono in questo senso le forme brevi per eccellenza, punto terminale e iniziale di quel processo di frammentazione e ricomposizione citato nel titolo di questo contributo. Qui cogliamo il senso primario della digitalizzazione, di quel processo di transcodifica semiotica che acquista senso e produttività solo se accoppiato alla velocità di trasmissione del segnale offerta dall'elettronica. Qui cogliamo anche il senso della differenza fra i Vecchi mass-media e i nuovi media: la differenza fra analogico e digitale. Anche nella maggior parte dei mass-media tradizionali (discografia, cinema, radio, tv) i dispositivi di memorizzazione o di produzione testuale sono diversi dai supporti di fruizione (disco/altoparlante; pellicola/schermo; microfono/amplificatore; telecamera/monitor), ma testo di partenza e testo di arrivo sono analogicamente uguali, non frammentati in unità altre e ricomposti in un secondo tempo come avviene nei linguaggi digitali e quindi nei nuovi media Aspetti socio-culturali In una società post-moderna decentralizzata, in cui il singolo si muove in un panorama mediatico invadente e allo stesso tempo dispersivo, le forme brevi rappresentano unità di informazione ad alto contenuto, in grado di captare al meglio l attenzione comunicativa. La rinuncia alla strutturazione gerarchica e alla sequenza logica, al rapporto di dipendenza dal centro, il gusto della citazione e dell'accostamento casuale o associativo che costituiscono i fondamenti del sentire postmoderno trovano evi-

13 63 dentemente nei nuovi media un ideale terreno di coltura. In questo senso Abruzzese definisce ad esempio estetica del corto quella in cui la brevità non è un ripiego, bensì un punto di forza per contribuire al progetto post-moderno di rielaborare la griglia delle intensità comunicative ; o ancora il formato corto non è più frammento, citazione, ma folgorante scoperta di uno spazio sino ad allora mai esistito (Abruzzese 2001:127). Una tipica forma in cui si attua la destrutturazione gerarchica, lasciando il campo a molteplici possibilità di percorso, di vagabondaggio fra un nodo e l'altro, è la forma scritturale dell'ipertesto, o dell'ipermedium, visto come una rete di cui le unità audiovisive, scritte o iconiche, costituiscono i nodi. Mentre nei libri e nel cinema, basati su supporti di memorizzazione lineari e sequenziali, ogni unità testuale è tenuta a rispettare un solo piano di coerenza quello che la collega agli episodi che la precedono e a quelli che la seguono il testo breve dell'ipermedium deve essere aperto a molteplici piani di coerenza, deve essere pronto a soddisfare i piani di coerenza di più trame, di più percorsi discorsivi. Questa modularità e molteplicità di piani coerenti è evidente nei videogiochi, dove la creatività è professionalizzata e parcellizzata proprio perché il lavoro del software consiste nell'individuare delle unità di forma e contenuto da ricomporre in forme diverse (come si vedrà meglio in 4.2.); ma questa modalità, apparentemente solo tecnica, di lavoro con il software coincide di fatto con le nuove strutture narrative, dove i nuclei di azione sono costituiti da elementi granulari che poi vengono sequenzializzati nella successione narrativa scelta volta per volta dal giocatore. Accanto ai videogiochi, sono i social network a rappresentare l'altro grande ambito socio-culturale dove assistiamo ad un uso intenso, di produzione e consumo, di testi brevi. Innazitutto playlist e suonerie, che rappresentano modi di fruizione socializzata tipici dell universo adolescenziale, e che consistono in contenuti granularizzati per diventare in seguito materiale di scambio comunicativo personalizzato tra utenti. La forma breve si presta proprio all'immissione di prodotti mediatici nel circuito interpersonale, esemplificando molto bene la sempre maggiore velocità dei cicli che legano la produzione mediatica alla sua fruizione da parte del pubblico. Le suonerie, ma anche i promo delle canzoni, i videoclip, le cartoline elettroniche di auguri, le varie forme di messaggistica, sono ormai ridotti a puro segno singolo, pura manifestazione di presenza e affermazione di esistenza. Sono forme di granularità estrema, che sempre più si nutrono di tutti i prodotti mediatici: se inizialmente i materiali che popolavano i social network erano i cosiddetti UGC (user generated content), ora sono sempre più canzoni, musiche da film, scene di film, di videogiochi, foto di ambienti naturali, di animali, di auto e moto, di scene sportive, foto di personaggi celebri, scene o personaggi di fumetti e di serie televisive che vengono usati come frammenti estrapolati dal loro contesto origi-

14 64 nario per dare vita ad una propria forma di testualità, composita, derivata, di seconda mano. In particolare è interessante osservare ciò che accade su YouTube, il servizio gratuito di conservazione e distribuzione di piccoli video: oltre il 50 % dei materiali ospitati su YouTube è prodotto non dagli utenti ma dalle grandi mayor di comunicazione che usano il sistema come spazio promozionale. Ma anche gran parte dei video prodotti dagli utenti sono in realtà rielaborazioni di testi mediatici precedenti: canzoni soprattutto, ma anche spezzoni di film rimontati, video musicali o artistici, frammenti di trasmissioni televisive, riprese artigianali di eventi live. L'aspetto interessante, dal nostro punto di vista, è che questo materiale viene spesso usato per avviare dei metadialoghi mediatici: ad un video pubblicato da un utente (ad esempio una canzone di Bob Dylan), un altro utente può rispondere con un altro video (un'altra canzone di Bob Dylan accompagnata da un breve commento), e così via, creando delle catene discorsive costruite assemblando testi brevi preesistenti: basta aprire una pagina a caso di YouTube per rendersi conto del fenomeno. Complessivamente si tratta di quella che viene definita snack culture, la cultura-merendina del mordi e fuggi basata sulla miniaturizzazione dei formati narrativi (racconti, corti video, animazioni flash, ecc.), sugli echi della cultura pop contemporanea e sui processi di costruzione dell'identità basati sul recupero (o meglio il bricolage) di elementi preesistenti Aspetti tecnologici Come abbiamo detto fin dall'inizio, nei nuovi media la forma breve deriva per molti aspetti dalle limitazioni tecnologiche. Bisogna considerare che il computer ha subìto una trasformazione epocale nel corso del trentennio passando progressivamente, da puro strumento di calcolo, prima a gestore di testi scritti; poi a gestore di immagini fisse; poi a gestore di audio e musica; infine a gestore di testi audiovisivi completi, prima di dimensioni ridotte, poi a pieno schermo in formato televisivo, e infine di formato cinematografico. In altri termini da strumento di calcolo il computer (o meglio tutto il sistema ICT - Information and Communication Technology) è diventato un sistema mediale a tutti gli effetti, in grado di competere sempre più con gli altri soggetti forti del sistema dei media. Questo passaggio è avvenuto grazie ad un intenso sforzo sul piano dello sviluppo tecnologico, che ha visto concorrere diversi fattori: un aumento decisivo della potenza hardware di elaborazione dei dati, il processing, senza il quale è impossibile ad esempio vedere il video a pieno schermo;

15 65 un raffinamento degli algoritmi di compressione, soprattutto nei file audiovideo, che va nella stessa direzione; un aumento estremamente rilevante di capacità unito ad una drastica riduzione dei prezzi delle memorie di massa, per cui oggi è possibile organizzare e mantenere corposi magazzini di testi multimediali; un aumento altrettanto rilevante della larghezza di banda trasmissiva, che consente al sistema ICT di competere con i tradizionali soggetti di emittenza e ditribuzione sia cinematografica sia televisiva. Durante tutto questo percorso, oggi spesso dimenticato, il sistema dei nuovi media si è in realtà dovuto pesantemente autolimitare, mantenendosi sistematicamente sul taglio basso, sulla forma breve, in quanto l'unica che garantiva all'utente un funzionamento e una visibilità abbastanza veloci e soddisfacenti in rapporto alle limitazioni del sistema. Una sorta di allenamento alla brevità che ha mantenuto come spesso accade alle forme culturali anche quando le limitazioni storiche hanno poi ceduto il passo a nuove possibilità di espansione. Tipico esempio il corto video-cinematografico, praticamente scomparso nell'epoca dei mass-media e del cinema adulto, riapparso invece agli albori della rete quando corto e piccolo era l'unico modo per fare cinema in rete, e mantenutosi poi come genere a sé, fiorente e in crescita, anche adesso che il sistema newmediatico consente di riallargare durata e dimensioni. La continuazione delle fortune del corto cinematografico è dovuta in realtà anche ad un altro motivo: il suo essere il potenziale dominatore di un mercato ricco ed in espansione, quello dei terminali mobili, destinato ad occupare lo scenario di consumo degli intervalli di tempo tra attese e trasferimenti, tra tempo libero e tempo di lavoro. I terminali mobili rappresentano lo sbocco ideale per contenuti microtestuali ad alta densità di significato simbolico, come videoclip, sfondi o suonerie. Si tratta di forme di granulità estrema che si nutrono di tutti i prodotti mediatici e che sono già spesso il frutto di un attività produttiva e professionale: come nel caso dello scrittore Quian Fuchang il quale ha ridotto a 60 capitoli di 70 caratteri il suo romanzo Fuori dalla fortezza assediata, per portarlo sui cellulari degli utenti cinesi (Lughi 2006:125). Ma è tempo di indagare più addentro il sistema di funzionamento dei nuovi media: più i testi sono frammentati e miniaturizzati, più necessitano di forme di gestione complesse e a loro volta tecnologicamente avanzate; e il magazzino ideale dal punto di vista informatico per conservare ordinatamente grandi quantità di dati è il cosiddetto database, una struttura logico-tecnologica che consente di recuperare l'informazione in base a degli indici di ordinamento che velocizzano e ottimizzano le operazioni di ricerca e visualizzazione dei dati. Si tratta della classica struttura profonda, nascosta agli occhi dell'utente non specialista, spesso indebitamente confusa con i motori di ricerca, ma talmente importante nella moderna organizzazione anzi architettura (Rosenfeld/Morville 2002) dell'informazione, che uno dei massimi esperti dei nuovi media, Lev Manovich (2001),

16 66 parla addirittura della nostra come di un'epoca segnata dalla logica, o meglio ancora dalla cultura del database. In effetti si tratta di strutture informative che ormai reggono tutte le grandi (e piccole) repository di dati: dalle biblioteche agli archivi, ai sistemi informativi del personale delle grandi organizzazioni, al funzionamento apparentemente così naturale, immediato, conversativo, di piattaforme sociali come Facebook. Senza entrare in dettagli tecnici, occorre qui almeno ricordare che i modelli di database vanno evolvendo da una dimensione gerarchica, legata ancora a forme riconducibili alla classificazione Dewey delle biblioteche fisiche, verso una sempre più spiccata modularità e reticolarità, e in particolare verso una organizzazione ad oggetti. Non oggetti fisici, ovviamente, ma oggetti logici dotati di proprietà e metodi di accesso che vengono assemblati e ricomposti secondo procedure definite appunto object-oriented, finalizzate a organizzare gli oggetti e i sistemi di oggetti esistenti e già conosciuti in sempre nuove sintesi. Come si vede un processo tecnologico che si accorda con le ipotesi di negazione della gerarchia, di testualità diffusa e di processi destrutturati che abbiamo visto essere alla base del pensiero postmoderno. Un esempio di questo processo è riscontrabile in un tipico prodotto dei nuovi media come Google news (fig. 9), un non-giornale, senza redazione e senza linea editoriale, dove la costruzione della pagina avviene in tempo reale, grazie all'assemblaggio automatico delle notizie (i testi brevi) pescate da tutti gli altri giornali presenti in rete, e in base al numero di lettori che ogni notizia raccoglie Figura 9: Google news homepage Ma il terreno dove l'organizzazione per oggetti è maggiormente potente e produttiva, benché invisibile all'utente, è ancora una volta quello dei videogiochi e delle

17 67 loro derivazioni. Derivazioni nel senso che ormai la produzione dei videogiochi è strettamente correlata con le produzioni cinematografiche, televisive e affini da dover essere necessariamente gestita su piattaforme complesse di database. La miniaturizzazione degli oggetti sottostanti a queste produzioni raggiunge ormai tali livelli di specializzazione e frammentazione da non poter essere controllata a mano, o da un soggetto umano con pratiche artigianali: Gollum/Sméagol, il mostriciattolo del Signore degli Anelli interpretato da un attore in carne ed ossa ma vestito con le tecnologie di animazione in grafica 3D, è stato costruito scomponendo e ricomponendo diecimila espressioni facciali in novecento combinazioni. Esitono aziende superspecializzate che producono ognuna degli oggetti figurativo-narrativi estremamente precisi, come il tremolio delle foglie al vento, il bagliore del sole sulle lame delle spade, il movimento dei capelli, le pieghe delle stoffe dei mantelli, le onde del mare contro la luce del tramonto; oggetti frammentati, forme brevi che l'autore-regista e i suoi staff di tecnicicreativi dovranno pazientemente ricomporre fino a generare una storia, fino a suscitare delle emozioni. Frammentazione e ricomposizione entrano così, attraverso la tecnica, nel cuore del processo creativo: le forme brevi codificate e disponibili nei database (che per una sorta di ironia storica i tecnici chiamano librerie ) ri-diventano finalmente le molecole di un processo genetico combinatorio di estrema complessità. 5. Conclusione Questo contributo ha tentato di illustrare le due diverse modalità in cui i testi brevi sono presenti nei nuovi media: il primo canale è quello della tradizione testuale che dall'antichità, attraverso i mass-media, giunge fino a noi; l'altro è determinato dalla particolare natura dei nuovi media, dipendente dalla digitalizzazione e dalla conseguente doppia articolazione dei nuovi media in strutture profonde e strutture superficiali. Ciò che abbiamo cercato di mostrare è che nei suoi strati sottostanti il testo dei nuovi media è costituzionalmente strutturato in testi brevi, o meglio forme brevi, tecnicamente chiamate oggetti, dotate di precise caratteristiche semiotiche che ne determinano i rapporti reciproci e con le testualità soprastanti, con il testo superficiale con cui il lettore entra in contatto e su cui esercita la sua esperienza cognitiva e interpretativa. Mentre nel passato anche recente, nella tradizione che giunge fino ai massmedia, le forme brevi esistevano comunque ma erano presenti solamente nella coscienza del lettore/spettatore, o nella sua esperienza percettiva, o nella sua consapevolezza mentale; oggi, nella strutturazione dei nuovi media, la frammentazione in forme brevi e le modalità della loro ricomposizione possono ancora

18 68 là dove i nuovi media replicano quelli precedenti o ne sono semplice veicolo più o meno neutro essere presenti e visibili all'utente; ma nella maggior parte dei casi si tratta di una frammentazione di cui l'utente generalista è inconsapevole. Questa differenza probabilmente ci obbligherà a rivedere alcune questioni legate alla fruizione dei testi, alla loro comprensione e interpretazione, come pure alla loro valutazione funzionale ed estetica. Accanto ad una semiotica (e/o linguistica) diciamo classica, monoplanare, che si esercita sugli strati superficiali del testo, dobbiamo ipotizzare una metasemiotica parallela che indaga le strutture profonde e soprattutto le interrelazioni fra i due livelli? Non si dimentichi che in questa nostra sommaria analisi abbiamo lasciato volutamente da parte l'ulteriore complessità che deriverebbe dal considerare i testi multimediali, con la relativa moltiplicazione di codici e discorsi che ne deriva; o ancora, abbiamo lasciato da parte le situazioni di post-oralità interattiva che già si profilano all'orizzonte con la comunicazione mobile, nel momento in cui il lettore e il suo dispositivo di fruizione testuale entrano in contatto dinamico con altri lettori alle prese con gli stessi testi, come accade nel pervasive gaming, o nelle situazioni comunicative condizionate da fattori di geoposizionamento. In un contesto in cui le modalità concrete di fruizione testuale diventano sempre più complesse, il compito per l'interprete, il critico, l'analista, l'osservatore professionale rischia di complicarsi in proporzioni geometriche. Forse allora conviene almeno per ora, in attesa di affilare meglio gli strumenti tornare a Calvino, alle sue forme brevi come granelli di sabbia ma in grado di costruire il grande spettacolo del mondo; conviene accettare la sua fiducia nella scrittura, intesa naturalmente nel senso più ampio possibile; e conviene accettare come grande lezione epistemologica il suo stupore ingenuo di fronte alle cose del mondo, mai disgiunto dal lavoro di critica e di interpretazione che su di esse va quotidianamente compiuto: Comunque, tutte le realtà e le fantasie possono prendere forma solo attraverso la scrittura, nella quale esteriorità e interiorità, mondo e io, esperienza e fantasia appaiono composte della stessa materia verbale; le visioni polimorfe degli occhi e dell'anima si trovano contenute in righe uniformi di caratteri minuscoli o maiuscoli, di punti, di virgole, di parentesi; pagine di segni allineati fitti fitti come granelli di sabbia rappresentano lo spettacolo variopinto del mondo in una superficie sempre uguale e sempre diversa, come le dune spinte dal vento del deserto. (Calvino 1995:714) 6. Bibliografia Abruzzese, Alberto (2001): Le estetiche del corto. Avanguardie di rete. In: Faes Belgrado, A./Bevilacqua, E. (eds.), I corti. I migliori film brevi da tutto il mondo. Torino, Einaudi, Calvino, Italo (1995): Lezioni americane. In: id. Saggi. Vol. I. Milano, Mondadori, I Meridiani.

19 69 Colombo, Fausto/Eugeni, Ruggero (2001): Il prodotto culturale. Teorie, tecniche di analisi, case histories. Roma, Carocci. Ejzenstejn, Sergej (1985): Teoria generale del montaggio. Venezia, Marsilio. Jolles, André (1930): Einfache Formen. Legende, Sage, Mythen, Rätsel, Spruch, Kasus, Memorabile, Märchen, Witz. Tübingen, Niemeyer (2006). Lughi, Giulio (2006): Cultura dei nuovi media. Milano, Guerini. Manovich, Lev (2001): The language of New Media. Cambridge (MA)/London, MIT Press. Ong, Walter J. (1982): Oralità e scrittura. Le tecnologie della parola. Bologna, Il Mulino. Pezzini, Isabella (2002): Forme brevi, a intelligenza del resto. In: Pezzini, I. (ed.), Trailer, spot, clip, siti, banner. Le forme brevi della comunicazione audiovisiva. Roma, Meltemi, Rosenfeld, Louis/Morville, Peter (2002): Architettura dell'informazione per il World Wide Web. Milano, Hops Libri. Semprini, Andrea (1994): Il flusso radiotelevisivo. Roma, Eri-Rai.

20 70

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

Definizioni di interattività

Definizioni di interattività Definizioni di interattività Secondo Jens Jensen, Interactivity, per interattività si può intendere la misura della potenziale capacità di un medium di lasciare che l utente eserciti un influenza sul contenuto

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

1.1 Opera multimediale come software

1.1 Opera multimediale come software Possibile qualificazione dell opera multimediale in base alle categorie di opere dell ingegno: software; opera cinematografica; banca di dati; opera letteraria Dopo aver affrontato un possibile inquadramento

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche.

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche. SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE TERZA COMPETENZE ABILITÁ CONOSCENZE A- Esprimersi,comunicare e sperimentare le tecniche e i codici propri del linguaggio visuale e audiovisivo. 1. Esplorare immagini,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE FINALITA' Sviluppare e potenziare la capacità di leggere e comprendere immagini e creazioni artistiche. Sapersi esprimere e comunicare in modo personale e creativo.

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 ARTE E IMMAGINE: CINQUE PISTE DI LETTURA * ARTE E IMMAGINE Walter

Dettagli

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare gli strumenti necessari ad un utilizzo dei linguaggi espressivi, artistici e visivi SCUOLA INFANZIA TRAGUARDI

Dettagli

Il testo digitale. Corso di Informatica umanistica. Corso di Informatica umanistica (2004/2005) dott. Isabella Chiari

Il testo digitale. Corso di Informatica umanistica. Corso di Informatica umanistica (2004/2005) dott. Isabella Chiari Il testo digitale dal testo cartaceo alla scrittura digitale Il testo ieri e oggi Testo: qualunque occorrenza comunicativa, scritta o parlata (Dressler e Beaugrande) Presentazione tradizionale di tipo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE QUARTA AREA LINGUISTICO ARTISTICO - ESPRESSIVA a. Ascoltare e parlare 1. Cogliere l argomento principale dei discorsi altrui 2. Prestare attenzione a situazioni comunicative

Dettagli

TEORIA E TECNICA DELLA COMUNICAZIONE

TEORIA E TECNICA DELLA COMUNICAZIONE TEORIA E TECNICA DELLA COMUNICAZIONE PREMESSA Teoria e tecnica della Comunicazione è presente nel percorso di studio denominato Liceo Classico con potenziamento della Comunicazione e studia i linguaggi

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria / Secondaria I grado TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA:

SCUOLA DELL INFANZIA: CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno elabora creativamente produzioni personali per esprimere sensazioni ed emozioni. Sperimenta strumenti e tecniche

Dettagli

Mappa delle attività e dei contenuti

Mappa delle attività e dei contenuti Prima Obiettivi di apprendimento ipotizzati Discipline Obiettivi di apprendimento * IT 1ᵃ - 2ᵃ 3ᵃ - 5ᵃ 6ᵃ - 7ᵃ 9ᵃ - 13ᵃ 14ᵃ - 15ᵃ 18ᵃ - 19ᵃ ING 1ᵃ - 3ᵃ 5ᵃ STO 3ᵃ - 4ᵃ 9ᵃ GEO 1ᵃ SC 1ᵃ - 4ᵃ 8ᵃ - 10ᵃ 10 b

Dettagli

INFORMATICA LE470 Editoria multimediale - Rivoluzione digitale

INFORMATICA LE470 Editoria multimediale - Rivoluzione digitale INFORMATICA LE470 Editoria multimediale - Rivoluzione digitale Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Editoria multimediale - Rivoluzione digitale Perchè lʼintroduzione

Dettagli

Indirizzo Grafica e Comunicazione

Indirizzo Grafica e Comunicazione Istituti tecnici Settore tecnologico Indirizzo Grafica e Comunicazione L indirizzo Grafica e Comunicazione ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, le competenze

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE La disciplina arte e immagine ha la finalità di sviluppare e potenziare nell alunno

Dettagli

Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione. 26 marzo e 12 aprile 2013 LE DISCIPLINE

Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione. 26 marzo e 12 aprile 2013 LE DISCIPLINE SEMINARIO Per i docenti e dirigenti scolastici delle scuole statali della provincia di Torino Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione Una bussola

Dettagli

SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE, INFORMAZIONE, MARKETING

SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE, INFORMAZIONE, MARKETING CORSO DI LAUREA TRIENNALE SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE, INFORMAZIONE, MARKETING Classe di Laurea L 20 DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE COMUNICAZIONE, FORMAZIONE, PSICOLOGIA PRESIDENTE DEL CORSO DI LAUREA Prof.

Dettagli

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed Educare al Riciclo Mavi Ferramosca, Valeria Rizzello, Antonella Natale Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE PROGETTO ANNUALE COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE ISTITUTO COMPRENSIVO SCIALOIA SCUOLE DELL INFANZIA SCIALOIA P. ROSSI ANNO SCOLASTICO 20115/2016 IL CURRICOLO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Il curricolo

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

CURRICOLO DI ISTITUTO

CURRICOLO DI ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Galileo Galilei Pieve a Nievole SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO DI ISTITUTO ADEGUAMENTO AI NUOVI TRAGUARDI DI SVILUPPO ALLINEAMENTO ALLE COMPETENZE CHIAVE E AGLI ASSI CULTURALI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) La disciplina arte e immagine ha la

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE CON PINOCCHIO PER IMPARARE A STARE INSIEME PRODOTTI LIBRICINO COMPETENZE CHIAVE/COMPETENZE CULTURALI EVIDENZE OSSERVABILI Italiano -Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI PROGETTO ACCOGLIENZA APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI IMMAGINI, SUONI E COLORI sviluppare il senso dell'identità personale consapevolezza delle differenze conoscere e rispettare le regole di convivenza Il bambino

Dettagli

Indice. Concetti chiave PARTE I. Introduzione

Indice. Concetti chiave PARTE I. Introduzione Introduzione XI PARTE I Concetti chiave I I significati e i media Gli approcci semiotici 3 Lo strutturalismo 6 Esempio: Titanic 7 La denotazione e la connotazione 8 Tipi diversi di segni 11 I codici e

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento classe Prima Primaria 1.PERCEZIONE VISIVA 1.1 Usare la linea grafica consapevolmente 1.2 Riconoscere i colori primari secondari 1.3 Riconoscere le diverse tonalità di colore 1.4 Usare materiale plastico.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA sviluppare il senso dell'identità personale è consapevole delle differenze e sa averne rispetto conoscere le regole di convivenza e saperle rispettare Il bambino vive positivamente

Dettagli

RE) CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA E MUSICALE

RE) CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA E MUSICALE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA con riferimento alle Competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 declinato nelle microabilità di ogni annualità (a cura di Franca DA RE) CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE

Dettagli

1.Premessa DIDAMATICA 2011 ISBN 9788890540622

1.Premessa DIDAMATICA 2011 ISBN 9788890540622 Over the rainbow : oltre l arcobaleno per scoprire, inventare, rappresentare, ed imparare attraverso la lingua italiana, le scienze, la lingua inglese e le nuove tecnologie Mavi Ferramosca, Scuola Primaria

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA Plesso CESARE BATTISTI ARNATE Plesso ALESSANDRO MANZONI MADONNA IN CAMPAGNA CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA CLASSE 4^ ITALIANO l allievo prende la parola negli scambi comunicativi dimostrando di aver colto l

Dettagli

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema Capitolo 6 Il montaggio: la grammatica del cinema Frammentazione dello spazio DÉCOUPAGE LA GRAMMATICA DEL CINEMA IL MONTAGGIO Operazione che consiste nell unire la fine di una inquadratura con l inizio

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

University Press. Morlacchi Editore

University Press. Morlacchi Editore University Press Morlacchi Editore Ornella Bovi - Enrico Bocciolesi Dall arte al cervello Profili di un percorso interpretativo fra sinestesie ed emozioni Morlacchi Editore Prima edizione: 2010 Ristampe

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMELLA. ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMELLA. ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqas dfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnm

Dettagli

Il moderno messaggio mediatico: l Ipertesto e l Ipermedia. Stefano Cagol

Il moderno messaggio mediatico: l Ipertesto e l Ipermedia. Stefano Cagol Il moderno messaggio mediatico: l Ipertesto e l Ipermedia Sommario Esercizio Creazione di un ipertesto o ipermedia Competenze Quali le capacità e le competenze? Elementi Caratteristiche peculiari dell

Dettagli

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO STRUMENTI BOMPIANI 2009 RCS Libri S.p.A. Via Mecenate 91-20138 Milano I edizione Strumenti Bompiani maggio 2009 ISBN 978-88-452-5929-6 INDICE

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA IMMAGINE

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA IMMAGINE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE - SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della

Dettagli

IC ENNIO QUIRINO VISCONTI - Roma SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - A.S. 2015/2016

IC ENNIO QUIRINO VISCONTI - Roma SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - A.S. 2015/2016 IC ENNIO QUIRINO VISCONTI - Roma SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - A.S. 2015/2016 DIPARTIMENTI DI : ARTE E IMMAGINE E MUSICA RIUNIONI DI DIPARTIMENTO 1-2 -3 settembre 2015 Docenti presenti: Angelini Laura,

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Osservare e descrivere immagini statiche ed in movimento, cogliendo emozioni e stati d animo prodotti dalla combinazione degli elementi strutturali. Produrre e rielaborare

Dettagli

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole Marina Cabrini Membro del gruppo di lavoro ECDL presso la ECDL Foundation Dublin mcabrini@sicef.ch l mondo dell informatica è in perenne movimento ed evoluzione,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA LINGUAGGI, CREATIVITA' ESPRESSIONE Gestualità, arte, musica, multimedialità Il bambino/la

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI Scuola Primaria - Arte ed immagine - Classe Prima COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Profilo dello studente al termine del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Scuola Primaria classe prima plesso Molinelli a.sc.2013/2014 PREMESSA Gli insegnanti della classe, tenendo conto dell analisi della situazione di partenza,

Dettagli

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015 Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO Anno Scolastico 2014-2015 in uscita da tutti gli ordini di scuola PREMESSA 1) Riteniamo la COMPRENSIONE trasversale

Dettagli

Video & 3D: un metalinguaggio per edutainment e marketing. Smau 2009 Cinzia Ligas e Fausto Crepaldi

Video & 3D: un metalinguaggio per edutainment e marketing. Smau 2009 Cinzia Ligas e Fausto Crepaldi Video & 3D: un metalinguaggio per edutainment e marketing Smau 2009 Cinzia Ligas e Fausto Crepaldi Nevio e Terenzio, autori latini, furono i più antichi sceneggiatori a utilizzare la tecnica della contaminatio.

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016 Campi di esperienza coinvolti Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Il sé e l altro Il corpo in movimento Linguaggi,creatività espressione-

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO PERCORSO VERTICALE Promuovere la pace per evitare la guerra SCUOLA DELL INFANZIA Terzo anno Competenza e abilità al termine

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA ARTE E IMMAGINE

IL CURRICOLO DI SCUOLA ARTE E IMMAGINE IL CURRICOLO DI SCUOLA ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CAMPI DI ESPERIENZA - IMMAGINI.SUONI, COLORI SCUOLAPRIMARIA DISCIPLINE: - ARTE E IMMAGINE SCUOLA SECONDARIA I GRADO DISCIPLINE: - ARTE E IMMAGINE

Dettagli

Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014

Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014 ITALIANO Ascolto e conversazione: l alunno comprende e organizza gli elementi principali della comunicazione orale Intervenire

Dettagli

FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI

FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI CdL Scienze del Comportamento e delle Relazioni Sociali Facoltà di Psicologia Elem. SOCIOLOGIA della COMUNICAZIONE FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI di Greta Brardinoni PREMESSA (pregiudizi) FORMAT = minori

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO English is fun Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo U. Ferrari di Castelverde

Dettagli

Semiotica a.a. 2004-05

Semiotica a.a. 2004-05 a.a. 2004-05 Semiotica (Palermo) Facoltà di Scienze della Formazione, Corsi di laurea Comunicazione pubblica, Discipline della Comunicazione, Giornalismo per uffici stampa,tecnica pubblicitaria, Comunicazione

Dettagli

(F. Brevini, Un cerino nel buio, Bollati Boringhieri, Torino 2008) Peculiarità della LIM come strumento di mediazione didattica

(F. Brevini, Un cerino nel buio, Bollati Boringhieri, Torino 2008) Peculiarità della LIM come strumento di mediazione didattica I corrispettivi odierni dello zappator e dell artigiano, che nell idillio leopardiano si affrettavano a terminare il loro lavoro settimanale, hanno a disposizione televisione, cinema, videocassette, CD

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto

Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto Progetto Educazione All'Immagine A.S. 2015-2016 Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto Introduzione Obiettivi Il progetto che propongo si rivolge

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA-SECONDA E TERZA SCUOLA PRIMARIA Traguardo per lo sviluppo delle competenze Conoscenze (indicazione sommaria dei L alunno utilizza le conoscenze e le

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF.SSA Claudia Zardini MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 Finalità della disciplina Nell ambito dell intero processo

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA SECONDA TERZA

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA SECONDA TERZA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi

Dettagli

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche Donatella Savio Università di Pavia Con il mio intervento intendo proporre alcune riflessioni su 3 opportunità pedagogiche per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria L alunno utilizza gli elementi grammaticali di base del linguaggio visuale per osservare, descrivere

Dettagli

Premessa. Il consumo come racconto

Premessa. Il consumo come racconto Premessa Il consumo come racconto Cosa succede quando un individuo ha il coraggio di mettersi a nudo? Quando un brand decide di diventare tanto reale da rinunciare alla retorica manageriale celebrativa?

Dettagli

Arte e immagine classe 1^ NUCLEO TEMATICO 1 Esprimere e comunicare. NUCLEO TEMATICO 2 Osservare e leggere le immagini

Arte e immagine classe 1^ NUCLEO TEMATICO 1 Esprimere e comunicare. NUCLEO TEMATICO 2 Osservare e leggere le immagini Arte e immagine classe 1^ NUCLEO TEMATICO 1 Esprimere e comunicare 1 L alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi visivi (espressivi,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria.

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria. AREE DISCIPLINARI E DISCIPLINE SCUOLA PRIMARIA AREA LINGUISTICO-ARTISTICO-ESPRESSIVA ITALIANO L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione, scambi epistolari

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI VENEZIA INDIRIZZO GRAFICA DISCIPLINE GRAFICHE. Secondo Biennio 3 e 4 anno (6 ore settimanali)

LICEO ARTISTICO STATALE DI VENEZIA INDIRIZZO GRAFICA DISCIPLINE GRAFICHE. Secondo Biennio 3 e 4 anno (6 ore settimanali) LICEO ARTISTICO STATALE DI VENEZIA INDIRIZZO GRAFICA DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio 3 e 4 anno (6 ore settimanali) La materia propone una formazione progettuale, nell ambito del communication design,

Dettagli

Laboratorio di educazione multimediale all'immagine. Luisa Bortolotti Università di Trento, novembre 2006 1

Laboratorio di educazione multimediale all'immagine. Luisa Bortolotti Università di Trento, novembre 2006 1 Laboratorio di educazione multimediale all'immagine Luisa Bortolotti Università di Trento, novembre 2006 1 1 incontro LE IMMAGINI E LE ARTI FIGURATIVE IN INTERNET Educazione Multimediale Sommario 1.1.

Dettagli

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 Occorre sapere...7 Conoscenze...8

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni ed insegnanti, attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Si esprime

Dettagli

PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA SU E GIÚ... CON CHIP Anno scolastico 2008-09 PREMESSA...Il bambino si confronta con i nuovi media e con i nuovi linguaggi della comunicazione,

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

CORSO DI COMUNICAZIONE E NUOVE FORME DI GIORNALISMO PER LA PALLAVOLO

CORSO DI COMUNICAZIONE E NUOVE FORME DI GIORNALISMO PER LA PALLAVOLO CORSO DI COMUNICAZIONE E NUOVE FORME DI GIORNALISMO PER LA PALLAVOLO BANDO DI INDIZIONE E PROGRAMMA PRELIMINARE È un Progetto di Formazione in partnership con Pag. 1 di 7 1. DESTINATARI Il corso è rivolto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli