DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^B MECCANICA S.P. (ART. 5 del Regol., D.P.R , n.323)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^B MECCANICA S.P. (ART. 5 del Regol., D.P.R. 23.7.98, n.323)"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO E. FERMI spec. MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA: TRASPORTI E LOGISTICA ELETTRONICA, ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI via capitano Di Castri, Francavilla Fontana (BR) Tel. e fax 0831/ (centr.) sito web: SEDE ASSOCIATA: via G. Deledda S. PANCRAZIO SALENTINO (BR) Tel. e fax 0831/ DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^B MECCANICA S.P. (ART. 5 del Regol., D.P.R , n.323) 1

2 A.S. 2013/ LA CLASSE 1.1 Elenco degli studenti COGNOME NOME 1 BATTISTONI GIOVANNI 2 CARRINO MIRKO 3 DE GIOIA ALESSIO 4 FORTUNATO DONATO 5 GINOSA ILENIA 6 MALDARELLA ANDREA DUILIO 7 MANDURINO LUCA 8 MICELLI GIUSEPPE 9 PANZANARO MIRKO 10 PICCIONE RINO 11 PINTO MIRKO 12 POLITI ANDREA ANTONIO 13 RIZZO FRANCESCO 14 SISTO GIUSEPPE 15 VALZANO VANESSA 2

3 1.2 Consiglio di classe e continuità didattica DISCIPLINA NUM. ORE SETTIMANALI DOCENTE ANNI DI CONTINUITÀ NEL TRIENNIO RELIGIONE 1 DE FILIPPIS don AMELIO 1 LINGUA E LETTERE ITALIANE 3 BALDARI MICHELINA 1 STORIA 2 BALDARI MICHELINA 1 LINGUA INGLESE 2 CARAGNULO GIUSEPPE 1 ECONOMIA INDUSTRIALE ED ELEMENTI DI DIRITTO 2 PASSARELLI NICOLA 1 MATEMATICA 3 PAGANO VINCENZO 3 MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO TECNOLOGIA MECCANICA ED ESERCITAZIONI DISEGNO, PROGETTAZIONE E ORGANIZ. INDUSTRIALE SISTEMI ED AUTOMAZIONE INDUSTRIALE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LABORATORIO DI TECNOLOGIA MECCANICA ED ESERCITAZIONI 4 CAVALLO VINCENZO 1 5 MARROCCO GIUSEPPE 1 5 GREGORI GIANLUCA 1 3 GREGORI GIANLUCA 1 2 TAFURI FABIO 1 5 MUSCOGIURI COSIMO 3 LABORATORIO DI DPOI 2 DE SIENA FERNANDO 1 LABORATORIO DI SISTEMI ED AUTOMAZIONE INDUSTRIALE 2 DE SIENA FERNANDO 1 3

4 1.3 Tratti identificativi e storia della classe La classe 5^ B Mecc S.P., è composta da 15 alunni, di cui 13 maschi e 2 femmine, l età dei discenti oscilla dai 18 ai 21anni per la presenza di alcuni ripetenti, gli studenti perciò si presentano con passati scolastici differenti ma con aspettative comuni. C è anche da evidenziare la presenza nella classe di un alunna diversamente abile, di cui si relazionerà approfonditamente in seguito. La classe risulta formata dalla divisione in due classi differenti della classe 4^ A dello scorso anno scolastico. La situazione di partenza della classe, osservata mediante i test d'ingresso, le esercitazioni svolte e la discussione dei problemi, ha rivelato in generale una preparazione di base mediamente sufficiente. Per quanto riguarda l andamento didattico si è rilevato che, un gruppo di studenti è apparso motivato all apprendimento, partecipando attivamente al dialogo educativo, alcuni invece sono stati meno interessati ed inoltre lo studio domestico limitato ne ha pregiudicato in parte il profitto. È doveroso evidenziare che un allievo risulta essere ripetente e questo elemento ha influito sulla preparazione di base, frammentaria o insufficiente, sia nelle discipline tecnico scientifiche che in quelle umanistiche, pregiudicando il rendimento complessivo. Per alcuni alunni è stato difficile poter affrontare la mole di lavoro delle singole discipline, ma il gruppo docente ha dato loro un supporto didattico adeguato. Nonostante il Consiglio di classe abbia insistito sulla frequenza, per alcuni alunni non è risultata sempre costante a causa di problemi di salute e/o familiari o per impegni sportivi mentre la maggior parte è stata assidua raggiungendo così l acquisizione delle competenze richieste e lo sviluppo anche di buone capacità di analisi, di critica e di sintesi. L'attività didattica, nel complesso, si è svolta rispettando mediamente la programmazione preventivata. Ciò detto, tutti i docenti hanno operato attività di rinforzo in itinere durante il corso dell anno scolastico. Trasversalmente ogni docente ha mirato a far acquisire quelle competenze sufficienti a scrivere un testo corretto sia dal punto di vista morfosintattico che logico, a preparare, organizzare e realizzare un esposizione orale adeguata ai temi proposti, anche dal punto di vista critico e di ricerca autonoma. Attenzione particolare è stata dedicata a far acquisire un atteggiamento positivo verso tutte le discipline e tematiche proposte non solo strettamente disciplinari, ma riguardanti, nel complesso, la vita della scuola e il rapporto dell istituzione scolastica con il territorio. Tutti gli alunni hanno acquisito il concetto di professionalità intesa come sinergica combinazione di conoscenze e competenze. In generale la classe è riuscita a conseguire gli obiettivi programmati, sia dal punto di vista formativo-educativo che strettamente didattico-cognitivo, in modi e gradi diversi, in rapporto alle capacità, alle particolari attitudini, all età e al desiderio di affermazione e di autorealizzazione. Il profitto pertanto risulta nel complesso discreto. 4

5 2. IL PROCESSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO 2.1 Obiettivi realizzati in termini di conoscenze, competenze, capacità RELIGIONE Lo studente: conosce l identità della religione cattolica; studia il rapporto della Chiesa con il mondo contemporaneo; interpreta la presenza della religione nella società. LINGUA E LETTERE ITALIANE Lo studente: Sa cogliere, attraverso la conoscenza di autori e di testi, i fondamenti della tradizione letteraria italiana, anche in prospettiva storica; Sa collocare un testo e il suo autore nel periodo storico culturale del tempo; Sa condurre una lettura diretta del testo preso in esame per coglierne il significato; Sa produrre un discorso in forma organica e grammaticalmente corretta; Conosce e utilizza tecniche compositive diverse; E in grado di riflettere su temi di attualità culturale, sociale e su esperienze personali. STORIA Lo studente: Conosce le sequenze cronologiche dei fatti storici studiati ; Sa indicare le cause e gli effetti di un determinato quadro storico; Conosce e utilizza termini e concetti storiografici; Sa utilizzare le conoscenze acquisite per orientarsi criticamente nel presente e per cogliere le differenze rispetto al passato ; LINGUA INGLESE Lo studente: conosce le funzioni della lingua e delle strutture; ha appreso a codificare, decodificare ed elaborare seppur in maniera semplice il messaggio linguistico; sa esporre i concetti utilizzando una terminologia tecnica appropriata; sa trasporre in lingua italiana testi di tipo generale e specifico. ECONOMIA INDUSTRIALE ED ELEMENTI DI DIRITTO Lo studente: conosce le funzioni della lingua e delle strutture; ha appreso a codificare, decodificare ed elaborare seppur in maniera semplice il messaggio linguistico; sa esporre i concetti utilizzando una terminologia tecnica appropriata; sa trasporre in lingua italiana testi di tipo generale e specifico. Calcola il Break-Even Point. 5

6 MATEMATICA Lo studente: è in grado di studiare le funzioni reali di variabile reale; conosce il concetto di derivata di una funzione reale e del suo significato geometrico; conosce i concetti di integrale indefinito, definito ed improprio di una funzione reale di variabile reale ed i principali metodi per il calcolo; è in grado di determinare aree di superfici e volumi di solidi di rotazione; ha la consapevolezza della logica in ambito matematico; ha la capacità di utilizzare le conoscenze e le competenze acquisite nell'ambito matematico per affrontare situazioni problematiche di varia natura. MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Lo studente: possiede una sufficiente conoscenza delle problematiche inerenti l equilibrio dei corpi vincolati, le leggi del moto, la dinamica dei corpi, la resistenza dei materiali, le resistenze passive, i meccanismi per la trasmissione del moto, la regolazione delle macchine; possiede quasi sufficiente abilità di schematizzazione dei problemi e impostazione dei calcoli di dimensionamento e verifica di semplici strutture, di organi di macchine e di meccanismi; sia pur superficialmente, è in grado di adoperare i manuali tecnici ed interpretare la documentazione tecnica del settore; possiede una mediocre conoscenza delle principali caratteristi che dei vari tipi di impianti motori e di macchine a fluido con particolare riguardo alle applicazioni industriali, ai criteri di scelta, ai problemi di installazione e funzionamento; possiede mediocri abilità operative di calcolo di potenze, rendimenti, bilanci energetici, consumi. TECNOLOGIA MECCANICA ED ESERCITAZIONI Lo studente: conosce il linguaggio specifico della disciplina e sa intervenire in maniera pertinente e costruttiva nelle problematiche che emergeranno nel suo futuro ruolo da tecnico; conosce e sa utilizzare i principali strumenti di misura e di laboratorio; conosce i principali processi di trasformazione dei materiali in prodotti finiti e i principi di funzionamento dei processi fisici innovativi; conosce le caratteristiche corrosive degli ambienti atmosferici e le modalità dei metodi cinetici e termodinamici di protezione; conosce i principi di funzionamento delle M. U. a C.N.C. e gli elementi di programmazione; sa interpretare le istruzioni in un programma; sa realizzare programmi di lavorazioni manuali con il linguaggio ISO; conosce la struttura dei sistemi integrati CAD-CAM. 6

7 DISEGNO PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Lo studente: conosce il disegno tecnico e l uso di software specifici ( ProgeCad); conosce i sistemi di organizzazione industriale e dei processi; conosce le problematiche relative al controllo e organizzazione aziendale; conosce le parti costitutive ed il principio di funzionamento delle aziende e dei costi; sa utilizzare software specifici di disegno e progettazione e di calcolo (ProgeCad ed EXCEL). SISTEMI ED AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Lo studente: conosce le caratteristiche costruttive e funzionali dei P.L.C; conosce i sistemi di controllo dei processi; conosce le problematiche relative all'automazione dei processi; conosce le parti costitutive ed il principio di funzionamento degli alternatori monofase, dei motori asincronitrifase e dei motori in cc; sa effettuare la programmazione dei P.L.C. tramite tastiera. SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Lo studente: conosce le caratteristiche tecnico-tattiche e metodologiche degli sport praticati; conosce le norme elementari di comportamento ai fini della prevenzione degli infortuni; sa organizzare le conoscenze acquisite per realizzare progetti motori autonomi e finalizzati; sa utilizzare le qualità fisiche e neuro-muscolari in modo adeguato alle diverse esperienze e ai vari contenuti tecnici; sa praticare almeno due discipline individuali e due sport di squadra. 2.2 Contenuti disciplinari, metodi e tempi DISCIPLINA: RELIGIONE CONTENUTI METODI DISCIPLINARI Sei veramente libero? Paure, tabù, passioni e pregiudizi. La dignità della persona umana. Il valore della vita. Si è utilizzato in modo preferenziale il metodo induttivo,per consentire una maggiore partecipazione alla lezione, coinvolgendo TEMPI Settembre Novembre Dicembre Gennaio 7

8 Il significato dell'amore umano, del lavoro, dell'impegno per una promozione dell'uomo nella giustizia e nella verità. Le premesse metodologiche per un corretto approccio al fenomeno religioso: realismo, ragionevolezza, incidenza della moralità sulla dinamica del conoscere. direttamente gli alunni. Febbraio Marzo Aprile mabbio L età del Vero Giovanni Verga La poesia tra Ottocento e Novecento DISCIPLINA: LINGUA E LETTERE ITALIANE CONTENUTI DISCIPLINARI METODI TEMPI Il quadro economico e sociale tra la fine dell 800 e l inizio del 900 Il Positivismo :diffusione e caratteristiche, Naturalismo francese: diffusione, Settembre caratteristiche ed esponenti principali Ottobre Il Verismo italiano: la poetica e gli esponenti principali 9 h Analisi dei testi: Osservazione e sperimentazione di Emile Zola. Questo romanzo è un romanzo vero dei fratelli de Goncourt. Giovanni Verga: la biografia,le opere preveriste, il pensiero e la poetica, l adesione al Verismo e il ciclo dei Vinti I Malavoglia: caratteristiche, trama, strategie narrative. Mastro don Gesualdo: temi, struttura, trama e caratteristiche. Novelle rusticane Vita dei campi Analisi dei testi: da Vita dei campi: La lupa Un documento umano (Pre-fazione a L amante di Gramigna) da I Malavoglia: La famiglia Malavoglia Una tempesta in mare da Mastro don Gesualdo : La morte di Gesualdo La Scapigliatura Il Simbolismo francese Il Decadentismo italiano Testo scolastico Lezione frontale Lezione dialogata Schemi Quadri riassuntivi Visione documentari Novembre 14 h Dicembre Gennaio 4 h 8

9 Giovanni Pascoli Gabriele D Annunzio Italo Svevo Luigi Pirandello Primo LEVI Il Crepuscolarismo Il futurismo e Filippo T. Martinetti Analisi dei testi: da Il manifesto del Futurismo Aggressività, audacia dinamismo (1909) G. Pascoli: la biografia, il pensiero e la poetica, le opere Myricae e Canti di Castelvecchio l autore e il 900, i temi. Analisi dei testi: da Il Fanciullino : E dentro di noi un fanciullino ; da Myricae : Novembre, X Agosto Lavandare ; da La grande proletaria si è mossa: Sempre vedendo in alto il nostro tricolore. Gabriele D Annunzio: biografia, il pensiero e la poetica,le opere Il Piacere: trama, genere, strategie narrative Le Laudi: struttura, temi e poetica Il Poema paradisiaco : struttura e temi Analisi dei testi: da Il Piacere Il verso è tutto da Alcyone La pioggia nel pineto Il romanzo nel 900: novità tematiche, strutturali e di stile Italo Svevo: la biografia, la poetica e le opere Una vita: trama, struttura, tecniche narrative Senilità: trama, struttura, tecniche narrative La Coscienza di Zeno: trama, struttura, tecniche narrative Analisi dei testi: da La coscienza di Zeno L ultima sigaretta Una catastrofe inaudita da Una vita L Insoddisfazione di Alfonso Luigi Pirandello: la biografia, il pensiero e la poetica, il relativismo e la crisi dei valori, le opere L umorismo Novelle per un anno: contenuti, struttura e temi Il fu Mattia Pascal: trama, struttura, temi, novità linguistiche Uno, nessuno e centomila: struttura, contenuti, lingua e stile La rivoluzione teatrale Analisi dei testi: Da L Umorismo: Il sentimento del contrario Da Novelle per un anno: Il treno ha fischiato Da Il fu Mattia Pascal Cambio treno Il Neorealismo Primo LEVI: la biografia, testimonianza di un Testo scolastico Lezione frontale Lezione dialogata Schemi Quadri riassuntivi Visione documentari Dicembre gennaio 5 h Febbraio 5 h Febbraio 6 h Marzo 7 h Marzo 9

10 La poesia tra le due guerre: Giuseppe UNGARETTI Eugenio MONTALE Dante Alighieri sopravvissuto L opera Se questo è un uomo : struttura, trama, tecniche narrative e temi Analisi dei testi: Da Se questo è un uomo: Considerate se questo è un uomo Sul fondo I sommersi e i salvati La lirica italiana. L Ermetismo. G. Ungaretti: la biografia, il pensiero e la poetica, le opere. Prima fase la sperimentazione: L Allegria. Seconda fase il recupero della tradizione: Il Sentimento del tempo. Terza fase la raccolta: Il dolore. Da L Allegria Veglia, San Martino del Carso, Mattina, Soldati, Fratelli Da Il dolore Non gridate più. E. Montale: la biografia, le opere, il pensiero e la poetica Le figure femminile Le scelte linguistiche ed espressive Ossi di seppia: poetica stile e metrica Le Occasioni: struttura, stile e metrica Analisi dei testi: Da Ossi di seppia Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato Non chiederci la parola La Divina Commedia: La struttura del Paradiso Lettura, parafrasi e commento dei canti: I (vv 1-70), canto III (vv ) canto VI (vv 1-90 e ) canto XI (vv 1-117) 4h Aprile Maggio 8 h Aprile Maggio Giugno 6h Le trasformazioni economichepolitiche - sociali dell età degli imperialismi. La grande guerra DISCIPLINA: STORIA CONTENUTI DISCIPLINARI METODI TEMPI La Belle Epoque: le trasformazioni culturali e sociali all inizio del nuovo secolo Francia e Gran Bretagna agli inizi del 900 Settembre L età Giolittiana: i provvedimenti sociali e il Ottobre decollo industriale, il fenomeno migratorio e 10 h la questione meridionale, la politica estera e la spedizione in Libia. La genesi del conflitto mondiale: la crisi degli equilibri politici e la situazione prebellica Lo scoppio del conflitto Testo scolastico Lezione frontale Lezione dialogata Schemi Quadri riassuntivi Visione Ottobre Novembre 9 h 10

11 Trasformazioni politiche e crisi economica tra le due guerre La Seconda guerra mondiale. Quarant anni di vita democratica. Il primo anno di guerra L Italia dalla neutralità all intervento La guerra di logoramento Nuove armi e strategie militari, la nota di Benedetto XV La svolta del 1917 La fine del conflitto, i trattati di pace e il nuovo assetto geopolitico europeo La Russia dai governi provvisori alla rivoluzione Il crollo del regime zarista I soviet Lenin e la rivoluzione di Ottobre La guerra civile La crisi del dopoguerra in Italia I fasci di combattimento La marcia su Roma Lo stato Fascista: scelte economiche, rapporti con la Chiesa, propaganda e dissenso La politica estera e le leggi razziali La fine della repubblica di Weimar e il nazismo in Germania L ideologia nazista La persecuzione degli ebrei e i campi di sterminio I bambini di Terezin La guerra civile in Spagna Il crollo di Wall Street e la crisi economica Il New Deal Lo scoppio del conflitto e le prime operazioni. La guerra lampo L attacco nazista all URSS e l intervento americano. I lager e lo sterminio degli ebrei La crisi delle forze del patto tripartito. Il crollo del regime fascista, l offensiva alleata in Italia e in Oriente, la Resistenza in Europa Le Conferenza di Yalta e di Potsdam e l assetto postbellico. I trattati di pace. L Italia la caduta del fascismo, la Resistenza, la liberazione. Il contesto internazionale. L Italia del dopoguerra documentari Testo scolastico Lezione frontale Lezione dialogata Schemi Quadri riassuntivi Visione documentari Da Dicembre a marzo 18 h Marzo Aprile Maggio 11 h Maggio Giugno 6 h (da completare) 11

12 PAST SIMPLE: CHEMICAL AND MECHANICAL PROPERTIES OF MATERIALS THE ENGINE AIR CONDITIONING DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CONTENUTI METODI DISCIPLINARI Forms and uses Lezione frontale Irregular verbs Lezione dialogata Mechanical technology and engineers Uso del testo Electricity Dispense Solar energy Thermal and electrical properties. Ferrous metals ( iron, steel, cast iron.) Nanotechnology Grammar: Past Progressive Past Continuous and Past progressive. The four-stroke combustion engine The four-stroke combustion cycle The diesel engine The carburetor Air conditioning TEMPI Settembre Ottobre 11 ore Novembre Dicembre 13 h Gennaio Febbraio 16 h CAD CAM Automation and Robotics CAD CAM Introduction What is a robot Degrees of freedom of a robot Robot applications Marzo Aprile 16 h Maggio Giugno 12

13 DISCIPLINA: ECONOMIA INDUSTRIALE ED ELEMENTI DI DIRITTO CONTENUTI DISCIPLINARI METODI TEMPI I rapporti impresa sistema finanziario Il sistema bancario italiano I mercati regolamentati Il sistema bancario e la Borsa Il sistema aziendale e la sua organizzazione Contabilità analitica e classificazione dei costi Il sistema aziendale e la sua organizzazione La gestione delle aziende Il bilancio d esercizio e la sua analisi Contabilità analitica, programmazione Economica Le analisi di bilancio Break-Even analysis Lezione frontale Induttivo Deduttivo Uso del testo Quadri riassuntivi Discussione Esercizi 18 h Da Settembre a Novembre 22 h Da Dicembre a Marzo 19 h Da Aprile a Giugno Richiami DISCIPLINA: MATEMATICA CONTENUTI METODI DISCIPLINARI Dominio e limiti di una funzione reale Derivata di una funzione reale: definizione, calcolo interpretazione geometrica Ricerca di asintoti verticali, orizzontali e obliqui Studio della crescenza e della decrescenza di una funzione reale Ricerca di massimi, minimi e flessi Studio della concavità di una funzione reale Rappresentazione grafica di funzioni reali di una variabile reale Teoremi sulle funzioni derivabili: T. di Lagrange, T. di Rolle, T. di Cauchy e T. de l'hôpital Lezione frontale Lezione dialogata Risoluzione guidata e autonoma di esercizi di diverso livello di difficoltà Uso della LIM Settembre Febbraio 45 h TEMPI 13

14 Integrali indefiniti e tecniche di integrazione Integrali definiti Integrali impropri Funzioni primitive Integrale indefinito e sue proprietà Integrali immediati Integrazione per decomposizione Integrazione delle funzioni razionali fratte Area di un rettangoloide Integrale definito Teorema della media e suo significato geometrico Formula fondamentale del calcolo integrale Calcolo di aree delimitate da una o più curve Calcolo del volume di un solido di rotazione Integrali impropri del primo e del secondo tipo Integrali di funzioni generalmente continue Aprile Maggio 10h Aprile Maggio 10 h Maggio Giugno 5 h Resistenza del mezzo DISCIPLINA: MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO CONTENUTI DISCIPLINARI METODI TEMPI Resistenze passive: Settembre Generalità. Attrito di strisciamento. Angolo di attrito. Attrito di rotolamento. Attrito di Lezione frontale avvolgimento. Resistenza del mezzo. Lezione dialogata Moto dei veicoli. Aula multimediale Rendimento di macchine e meccanismi. Uso del testo Rendimento di meccanismi in serie e in Manuali tecnici parallelo. Trasmissione del moto Ruote di frizione: la conservazione dell energia. Ruote di frizione per alberi paralleli. Calcolo Diagramma di Mollier Ottobre 14

15 delle ruote di frizione cilindriche. Ruote dentate: Generalità. Costanza del rapporto di trasmissione. Profilo ad evolvente. Minimo numero di denti. Ruote cilindriche a denti diritti. Forze scambiate tra i denti in presa. Dimensionamento delle ruote cilindriche col metodo di Lewis. Trasmissione con cinghie trapezoidali: generalità e dimensionamento. Generalità sugli alberi e sugli assi. Dimensionamento degli alberi e degli assi. Giunti ed innesti. Dimensionamento giunto a dischi. Dimensionamento frizione monodisco a secco. Manovellismi: Generalità. Manovellismo di spinta rotativo. Studio cinematico. Diagramma delle accelerazioni. Dimensionamento del manovellismo di spinta. Forze esterne agenti sul manovellismo. Forze d inerzia. Forze risultanti. Momento motore. Calcolo strutturale della biella. Alberi e manovelle: Manovella di estremità. Calcolo della manovella di estremità e dei suoi componenti albero e perno Supporti e perni: Perni portanti e di spinta e loro dimensionamento. Cuscinetti a rotolamento. Ottobre Novembre Novembre Dicembre Dicembre Gennaio Gennaio Marzo Marzo Aprile Aprile Maggio 15

16 Il vapore d acqua I cicli termodinamici Moto degli aeriformi Impianti a vapore Le turbine a vapore Calcolo di chiavette e linguette. Le molle: Generalità. Molle di flessione. Molle di torsione. Il vapore d acqua: le curve limiti, il vapore saturo, il vapore surriscaldato, energia interna del vapore d acqua. Il diagramma entropico. Il diagramma di Mollier Cicli termodinamici: Generalità. Ciclo di Rankine. Moto degli aeriformi: Equazione di continuità. Teorema di Bernoulli per gli aeriformi. Efflusso degli aeriformi. Pressione critica. Ugelli di efflusso: dimensionamento ugello De Laval Impianti a vapore: Ciclo teorico. L espansione reale. Rendimenti. La condensazione. Doppio surriscaldamento. Cicli a rigenerazione. Turbine ad azione: Classificazione delle turbine. Teoria elementare delle turbine. Turbina elementare ad azione. Turbina a gradini di velocità (CURTIS). Perdite e rendimenti. Potenza delle turbine. Ottobre Novembre Novembre Dicembre Gennaio Febbraio Marzo Maggio 16

17 Materiali e processi innovativi Elementi di corrosione e protezione superficiale DISCIPLINA: TECNOLOGIE MECCANICHE E LABORATORIO CONTENUTI DISCIPLINARI METODI TEMPI MATERIALI E Lezione frontale Settembre PROCESSI Ottobre Lezione dialogata INNOVATIVI Processi Fisici Uso del testo Innovativi: lavorazione con ultrasuoni, per elettroeresione, con laser, con fascio elettronico, con plasma, con taglio con getto d acqua, Difffusion Bonding Processi Chimici Innovativi: lavorazione elettrochimica, deposizione chimica in fase gassosa Nanotecnologie e materiali a memoria di forma: nanotecnologie; materiali a memoria di forma. Ambienti Corrosivi; atmosfera, acque dolci, acqua marina, soluzioni particolari,influenza PH Meccanismi Corrosivi: corrosione chimica, elettrochimica, per contatto galvanico, per areazione differenziale, interstiziale, intergranulare, per vaiolatura, tensocorrosione, per fatica Corrosione nel Terreno: metalli diversi interrati, correnti vaganti Corrosione nel Cemento Armato Metodi Cinetici di Protezione alla Corrosione: inibitori, rivestimenti, preparazione della superficie, zincatura, Lezione frontale Lezione dialogata Uso del testo Novembre Dicembre 17

18 Controlli non distruttivi difettologia metodi di prova Controllo Numerico applicato alle macchine utensili zincatura elettrolitica, a caldo, pitture, a spruzzo, sherardizzione, laminare a freddo, passivazione anodica Metodi Termodinamici di Protezione alla Corrosione: protezione catodica, a corrente impressa, ad anodi galvanici (sacrificali) Difetti e Discontinuità di Produzione: lingotti a getto di fonderia, lavorazioni plastiche, trattamenti termici, saldatura Difetti e Discontinuità di Esercizio: difetti dovuti all esercizio Metodi di Prova (PnD): liquidi penetranti, olografia, termografia, rilevazioni di fughe e prove di tenuta, raggi x Struttura della Macchina Utensile a C.N.: schema generale, struttura meccanica, assi di riferimento, assi di traslazione, assi di rotazione, organi di trasmissione del moto (guide, vite a ricircolo di sfere, chiocciola, servomotore, motori per azionamento assi, motori per mandrini), sistemi di misura e di controllo dell informazione (trasduttori, encoder, revolver) Programmazione: linguaggio per la programmazione manuale, unità di governo, struttura del controllo Programmi di Lavorazione: punti di riferimento per i centri di Lezione frontale Lezione dialogata Uso del testo Lezione frontale Lezione dialogata Uso del testo Dicembre Gennaio Maggio 18

19 Progettazione e produzione assistite da calcolatore (cad cam) Esercitazione laboratorio cnc e tecnologico lavoro, le fresalesatrici e torni. Zero macchina zero pezzo e punto di partenza dell utensile. Istruzione di base: blocchi, parole, indirizzi, funzioni preparatrici (G), le funzioni ausiliari (M), dati dimensionali,velocità di avanzamento, velocità del mandrino; sistemi di coordinate; blocchi di programma ripetitivi, cicli fissi. Sistemi CAD Sistemi integrati CAD/CAM Lavorazione di forme complesse tridimensionali Sistemi assistiti dal calcolatore Produzione integrata con il calcolatore Lavorazione al tornio Forte conicità e debole conicità Zigrinatura Filettatura Lezione frontale Lezione dialogata Uso del testo Applicazione pratica Maggio Giugno Settembre Giugno DISCIPLINA: DISEGNO PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Argomento Metodi/Mezzi Tempi Studio delle attrezzature per lavorazione e/o montaggio e posizionamento dei pezzi e loro rappresentazione grafica. Disegno esecutivo alla stazione grafica computerizzata. Trasformazione del disegno di progettazione in ciclo di fabbricazione. Criteri di impostazione di un ciclo di lavorazione e/o montaggio. Sviluppo di cicli di lavorazione. Stesura del cartellino di lavorazione - Classificazione dei sistemi produttivi: Produzione artigianale. Produzione di massa. Produzione snella. - Aspetti caratterizzanti dei sistemi produttivi. Aspetti commerciali. Aspetti tecnico-progettuali. Aspetti sociali. Aspetti economici. Aspetti qualitativi. Analisi economica di investimento - quadro Lezione dialogata Lezione dimostrativa Esercitazioni pratiche Settembre Ottobre Novembre da novembre ad Aprile 19

20 economico automatizzato con l uso di Excell Analisi costi/profitti. Differenze tra produzione per magazzino e produzione su commessa. - La gestione della produzione. Gestione della logistica. Gestione delle risorse umane. Gestione di clienti e forniture. - Layout di impianto. - Programmazione operativa, avanzamento e controllo ( Gant, Pert ). Lezione frontale Lezione dialogata Esercitazioni in classe Aprile Maggio -Controllo qualità e principi di analisi statistica curva di Gauss- media e varianza e scarto quadratico medio - Scelte del grado di automazione. - Lotto economico di produzione e di acquisto. - Norme antinfortunistiche Lezione frontale Testo scolastico Maggio DISCIPLINA: SISTEMI ED AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Argomento Tempi Metodi/Mezzi Sistemi di controllo e regolazione: generalità, componentistica: sensori, trasduttori e attuatori in genere. Automazioni di sistemi discreti mediante PLC Caratterizzazione dei PLC, schema funzionale a blocchi. Campi di applicazione dei PLC. Automazione di sistemi discreti mediante PLC Struttura del PLC Programmazione dei PLC: linguaggio ladder. Simulazioni di sistemi automatici comandati da PLC L automazione di un processo produttivo:dall acquisizione delle tecniche CAM all introduzione della robotizzazione Architettura funzionale di un robot Tipologie costruttive dei robot Classificazione dei robot: parte meccanica: basamento, bracci, organi di presa, gradi di libertà; parte elettronica: hardware e interfacciamento; organi di visione; Elementi fondamentali di programmazione dei robot, sistemi e tecnologie di autoapprendimento.sistemi sistemi ad anello aperto, ad anello chiuso, Settembre Ottobre da Ottobre ad Aprile Aprile Maggio Lezione dialogata Lezione dimostrativa Esercitazioni pratiche Lezione frontale Lezione dialogata Esercitazioni in classe Macchine elettriche: generalità, classificazione Alternatore monofase Motore in corrente continua Motore asincrono trifase Maggio Lezione frontale Testo scolastico 20

21 Sviluppo qualità fisiche e funzionalità neuromuscolare Sviluppo capacità operative, sportive e aspetto teorico-pratico DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CONTENUTI METODI DISCIPLINARI 1) Attività ed esercizi a Sul piano carico naturale metodologico si sono 2) Attività ed esercizi di operate scelte fondamentalmente motivate opposizione e resistenza 3) Attività ed esercizi con piccoli e grandi attrezzi adeguando le proposte codificati e non operati-ve al 4) Attività ed esercizi di particolare sviluppo rilassamento, per il psico-fisico degli controllo segmentario e allievi, improntando le per il controllo della esercitazioni ad una respirazione rigorosa gradualità. Si 5) Attività ed esercizi eseguiti in varietà di è partiti da una ampiezza, di ritmo, in situazione globale di situazioni spaziotemporali diversificate passare ad una fase apprendimento per 6) Attività ed esercizi di analitica a cui è equilibrio in situazioni seguito una nuova dinamiche ed in volo 7) Attività sportive esecuzione globale individuali: atletica (metodo misto). leggera e ginnastica I mezzi e gli strumenti artistica utilizzati sono stati la 8) Attività sportive di squadra: pallavolo, palestra coperta e pallacanestro, pallamano, scoperta con tutte le calcio 9) Organizzazione di attrezzature in esse attività di arbitraggio esistenti. Si sono 10) Esercitazioni di assistenza diretta e utilizzate in prevalenza indiretta relative alle lezioni frontali. attività svolte 11) Conoscenze essenziali delle norme di comportamento ai fini della prevenzione degli infortuni e in caso di incidente TEMPI da Ottobre a Febbraio ( 30 h ) da Marzo a Maggio ( 20 h) 21

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788805070800 CAMPOLEONI ALBERTO / CRIPPA LUCA ORIZZONTI / CON NULLA OSTA CEI

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788839511980 MANZONI A. / PERISSINOTTO PROMESSI SPOSI U PARAVIA 22,65 No Si No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788842443155 FERRALASCO ANNA / MOISO ANNA MARIA

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli