ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.I. L. DA VINCI E I.T.N. M. TORRE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.I. L. DA VINCI E I.T.N. M. TORRE"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.I. L. DA VINCI E I.T.N. M. TORRE I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E "Leonardo da Vinci" P.za XXI Aprile TRAPANI tel.0923/29498 fax 0923/23982 E I S T I T U T O T E C N I C O N A U T I C O "Marino Torre" Via R. Elena, TRAPANI tel.fax 0923/21787 A.S. 2013/2014 Docente/i Classe ITI - ITN Materia TRAMUTA SIMONE 1B ITI SCIENZE MOTORIE TESTO IN ADOZIONE AUTORE TITOLO CASA EDITRICE FIORINI CORETTI - BOCCHI IN MOVIMENTO MARIETTI SCUOLA n. MODULO ARGOMENTI Il corpo umano Educazione del Corpo Attività ed esercizi a carico naturale- Attività ed esercizi di opposizione e resistenza 1. Miglioramento delle capacità individuali iniziali 2. Adattamento fisiologico alla durata dello sforzo 1 3. Potenziamento fisiologico 4. Consolidamento e rielaborazione degli schemi motori di base. 2 Padronanza Motoria Il Movimento Attività di rilassamento- Controllo segmentario- Controllo della respirazione- Attività ed esercizi eseguiti in varietà di ampiezza, ritmo. Situazioni spazio-temporali Equilibrio in situazioni dinamiche Attività di sviluppo di capacità coordinative e condizionali 1. Esecuzioni di azioni semplici e complesse in situazioni di gioco 2. Miglioramento dei movimenti periarticolari 3.Controlli segmentari e Posturali

2 Pratica motoria sportiva e cultura del movimento Attitudini personali Transfert Educazione stradale I MOMENTI DI VERIFICA Attività sportive individuali - Specialità sportive di libera scelta 1. Conoscenza e pratica di almeno due discipline individuali e due sport di squadra 2. Promozione delle attività sportive e miglioramento della comunicazione interpersonale 3. Temi d attualità (agonismo,violenza, mass- media, sport spettacolo, bullismo, integrazione razziale nello sport e nella scuola) Ed.alla Salute Fumo e Alcool (cenni) alimentazione Torneo COCA COLA CUP Attività sportiva in ambiente naturale (sport all aria aperta) - Pratica sportiva come costume di vita - Educazione alla salute - Prevenzione dei traumi 1.Adattamento delle capacità e competenze motorie in realtà ambientali 2.Conoscenza delle norme elementari del comportamento ai fini della prevenzione degli infortuni ed in caso di incidenti L educazione stradale secondo le indicazioni ministeriali in attuazione dell art.230 del nuovo codice della strada. - A piedi - Bici - Moto - Auto -Norme di primo soccorso 1. Prevenzione degli infortuni in caso di incidente 2. Conoscenza delle regole di comportamento stradale Conoscenza delle norme igieniche I MOMENTI DI VERIFICA Domande Test Esercizi Attività sportive Autoverifiche Osservatorio:capacità motoria

3 7 PROGETTO UNESCO FAVORIRE L INTEGRAZIONE RAZZIALE Incontro con atleti extracomunitari Proiezione film The great debaters Incontro al CARA di Salina Grande Partita calcio studenti-extracomunitari interviste

4 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.I. L. DA VINCI E I.T.N. M. TORRE I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E "Leonardo da Vinci" P.za XXI Aprile TRAPANI tel.0923/29498 fax 0923/23982 E I S T I T U T O T E C N I C O N A U T I C O "Marino Torre" Via R. Elena, TRAPANI tel.fax 0923/21787 A.S. 2013/2014 Docenti Classi ITI - ITN Materia BASIRICO VENEZIANO VIRGILIO SECONDE ITI RELIGIONE TESTO IN ADOZIONE AUTORE TITOLO CASA EDITRICE SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA EDIZIONE BLU SEI n. MODULO ARGOMENTI 1 2 Crescere verso la maturità. Il mistero di Gesù: uomo-dio. -0 Autonomia, libertà e responsabilità nell adolescenza. -1 Le relazioni cardine dell adolescenza. -2 Maturità umana e religiosa. -3 Magia e superstizione a confronto con l esperienza religiosa. -4 Gesù di Nazareth: fonti storiche e Vangeli. -5 La predicazione del Maestro di Nazareth. -6 I gesti d amore e di salvezza nell opera di Gesù di Nazareth. 3 Gesù il Cristo: riferimento esistenziale. -7 Gesù rivela il progetto di Dio per l umanità. -8 La passione e la morte di Gesù. -9 La resurrezione di Gesù

5 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.I. L. DA VINCI E I.T.N. M. TORRE I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E "Leonardo da Vinci" P.za XXI Aprile TRAPANI tel.0923/29498 fax 0923/23982 E I S T I T U T O T E C N I C O N A U T I C O "Marino Torre" Via R. Elena, TRAPANI tel.fax 0923/21787 A.S. 2013/2014 Docente/i Classe ITI - ITN Materia Abate Gabriella IIB ITI Biologia TESTO IN ADOZIONE AUTORE TITOLO CASA EDITRICE Anelli-Gatti Vita-Lezioni di Biologia Linx n. MODULO ARGOMENTI Le basi della vita UNITA 1: La storia della Terra e la nascita della vita -L età delle rocce -I fossili -All inizio della storia: il Precambriano e l Era Paleozoica -Verso la Terra attuale: l Era Mesozoica e l Era Cenozoica 1 UNITA 2: La scienza della vita -Le caratteristiche dei viventi. -La classificazione dei viventi -La Biologia = Scienza della vita UNITA 3: Le molecole della vita -L atomo -Elementi e composti -La tavola periodica degli elementi. -I legami chimici -L acqua. -Le biomolecole: Carboidrati, Proteine, Lipidi, Acidi Nucleici.

6 La cellula: struttura e funzioni UNITA 1: Gli organismi sono fatti da cellule -La teoria cellulare. -Gli strumenti per osservare le cellule. UNITA 2: Cellule semplici e cellule complesse -La struttura della cellula procariote. - La struttura della cellula eucariote. 2 UNITA 3:Dentro la cellula eucariote -Gli organelli cellulari. -La membrana cellulare e la sua struttura. -La cellula animale e la cellula vegetale. -Le giunzioni cellulari. -Tessuti, organi, sistemi ed apparati. La cellula: struttura e funzioni UNITA 1:Energia per la vita -Organismi autotrofi ed eterotrofi. -Le forme di energia utilizzate dai viventi. -Struttura e funzioni dell ATP. 3 UNITA 2: Acceleratori chimici -Il metabolismo cellulare: Catabolismo ed anabolismo. -Gli enzimi. UNITA 3: Ricavare energia: la respirazione cellulare. -La respirazione aerobica e le sue fasi. -La respirazione anaerobica. UNITA 4: Produrre materia: la fotosintesi clorofilliana. -Le fasi della fotosintesi.

7 La riproduzione cellulare e la genetica UNITA 1: Il DNA: istruzioni per la vita. -Il DNA e la sua struttura. -La duplicazione semiconservativa del DNA. UNITA 2: Il codice genetico -Il codice genetico -La trascrizione e la traduzione. UNITA 3: Riproduzione delle cellule -Il ciclo cellulare. -La mitosi. -La meiosi. 4 UNITA 4: La riproduzione degli individui. - La riproduzione asessuata. - La riproduzione sessuata. - Apparato riproduttore maschile e femminile. - La fecondazione e lo sviluppo dell embrione. - La gestazione ed il parto. - La riproduzione nelle piante UNITA 5: La Genetica - Il DNA, la cromatina, i cromosomi ed i geni -Mendel e la nascita della genetica -Le leggi di Mendel. -Eccezioni alle leggi di Mendel: Dominanza incompleta,alleli multipli(i gruppi sanguigni),codominanza,eredità poligenica. -Teoria cromosomica dell ereditarietà -Mutazioni geniche,cromosomiche e genomiche. -Eredità di alcune malattie genetiche umane. -Eredità legata al sesso. L evoluzione degli organismi UNITA 1: Gli organismi cambiano nel tempo -Teorie fissiste ed evoluzioniste. -La teoria di Lamark. -La teoria di Darwin. -Il meccanismo di selezione naturale. UNITA 2: Come si evolvono gli organismi -La teoria sintetica dell evoluzione. -Il concetto biologico. 5 UNITA 3: Le origini della biodiversità -Il concetto biologico di specie. -La speciazione. UNITA 4: Le prove dell evoluzione -Prove dell evoluzione UNITA 5:Evoluzione della nostra specie -L evoluzione della specie umana(cenni) La diversità dei viventi UNITA 1:La classificazione dei viventi -I cinque regni dei viventi -Le categorie tassonomiche 6 Gli organismi nell ambiente (cenni) Gli organismi nell ambiente (cenni)

8 Il corpo umano PREREQUISITI: Organizzazione del corpo umano -La divisione dei compiti: dalle cellule agli apparati. -I tessuti e le loro funzioni: tessti epiteliali, tessuti connettivi, tessuti muscolari, tessuto nervoso. UNITA 1:Il trasporto - Le cellule necessitano di essere rifornite di acqua, ossigeno e nutrimento. - Il cuore. - I vasi sanguigni. - Il sangue. - Le malattie del sangue e del sistema circolatorio(cenni) 8 UNITA 2:L apparato respiratorio. -Struttura e funzioni dell apparato respiratorio UNITA 3 : La nutrizione -Nutrizione autotrofa ed eterotrofa -La dieta bilanciata -Anatomia e fisiologia dell apparato respiratorio -Disturbi dell alimentazione UNITA 4:Il sostegno e il movimento -Il sistema scheletrico. -Le articolazioni -Il sistema muscolare

9 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.I. L. DA VINCI E I.T.N. M. TORRE I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E "Leonardo da Vinci" P.za XXI Aprile TRAPANI tel.0923/29498 fax 0923/23982 E I S T I T U T O T E C N I C O N A U T I C O "Marino Torre" Via R. Elena, TRAPANI tel.fax 0923/21787 A.S. 2013/2014 Docente Classe ITI -ITN Materia ANTONIO SCALABRINO II B ITI MATEMATICA TESTO IN ADOZIONE AUTORE TITOLO CASA EDITRICE LEZIONI E. CASSINA DI MATEMATICA M. BONDONNO VOL. 2 PARAVIA n. MODULO ARGOMENTI 1 LA GEOMETRIA Il Teorema di Talete e le conseguenze Le isometrie: le simmetrie e le traslazioni. Il concetto di luogo geometrico Il cerchio e la circonferenza: principali proprietà,posizioni tra una retta e una circonferenza e tra due circonferenze. Misura della circonferenza e area del cerchio. Poligoni inscritti e circoscritti: definizioni e teoremi fondamentali. Il problema dell equivalenza delle figure piane: generalità,la equivalenza dei poligoni,i teoremi fondamentali, le formule delle aree di poligoni. Cenno sulla misura delle grandezze e le grandezze incommensurabili.i teoremi di Pitagora e di Euclide. I triangoli rettangoli con angoli particolari Cenni sulla similitudine dei triangoli. Risoluzione di problemi geometrici mediante equazioni e sistemi. Il metodo delle coordinate :il piano cartesiano,generalità. Il concetto di funzione,rappresentazione delle funzioni : a 2 y = y = ax + b y = ax 2 LE EQUAZIONI E I SISTEMI LINEARI,, x Le equazioni fratte e letterali di 1 grado: discussione. I sistemi lineari di due equazioni a due incognite :risoluzione con il metodo di sostituzione,cramer,riduzione e grafico e di tre equazioni in tre incognite: risoluzione con il metodo di sostituzione. 3 L INSIEME R E I RADICALI L insieme R : il concetto intuitivo di numero reale, i numeri irrazionali, rappresentazione. I radicali aritmetici:le proprietà fondamentali, il calcolo,cenno sui radicali algebrici e le potenze con esponente frazionario.

10 4 L EQUAZIONE E I SISTEMI DI 2 GRADO E DI GRADO SUPERIORFE Le equazioni di 2 grado:le equazioni complete e incomplete, la formula risolutiva, la formula ridotta, le relazioni fra i coefficienti e le radici. Le equazioni di grado superiore al 2 : equazioni abbassabili di grado, equazioni binomie, equazioni biquadratiche. I sistemi di 2 grado: risoluzione con il metodo di sostituzione. 5 LE DISEQUAZIONI Le disequazioni :generalità. Le disequazioni di 1 grado intere. Le disequazioni fratte, I sistemi di disequazioni di 1 grado. Le disequazioni di 2 grado. 6 PROBABILITA E STATISTICA 1 Probabilità: significato e valutazione,eventi, formula classica, probabilità e frequenza. 2 La Statistica descrittiva: la varianza e la deviazione standard.

11 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.I. L. DA VINCI E I.T.N. M. TORRE I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E "Leonardo da Vinci" P.za XXI Aprile TRAPANI tel.0923/29498 fax 0923/23982 E I S T I T U T O T E C N I C O N A U T I C O "Marino Torre" Via R. Elena, TRAPANI tel.fax 0923/21787 A.S. 2013/2014 Docente/i Classe ITI - ITN Materia Lucentini Maria Pia 2B ITI LINGUA E CIVILTA INGLESE TESTO IN ADOZIONE AUTORE TITOLO CASA EDITRICE Mark Bartram & Richard Walton Think English! Student s book 2 + workbook pre-intermediate (libro per lo studente ed eserciziario) Oxford / La Nuova Italia - n. MODULO ARGOMENTI 1 2 Learning unit 1: Friends UNIT 3A: WHO SMASHED THE WINDOW? UNIT 3B: HOW DOES IT LOOK? UNIT 4A: TRUTH IS STRANGER THAN FICTION UNIT 4B:THE FASTEST MACHINE IN THE WORLD Learning unit 2 Making plans UNIT 5A: WHAT ARE YOU GOING TO DO? UNIT 5B: HE S GOING TO BE MAD UNIT 6A: I M LEAVING SOON UNIT 6B: AT FIRST EVERYTHING WENT WELL UNIT 3 Subjects and objects questions Some, any, every, no compounds Too, (not) enough =================== Making apologies and responding Describing clothes and going shopping UNIT 4 Comparative adjectives (not) as as Superlative adjectives + in, of Less than, the least =================== Making comparisons Talking about films and giving opinions UNIT 5 Going to After, before, when, while, as soon as Was going to =================== Talking about future intentions Talking about plans and ambitions UNIT 6 Present continuous: future Present simple: future Going to, present continuous and present simple Adverbs Comparative adverbs =============== Talking about future arrangements Talking about timetables and schedules Talking about how things happen

12 3 4 5 Learning unit 3: Making plans MAKING PLANS UNIT 7A: I HAVE TO DO EVERYTHING! UNIT 7B: WE MUSTN T GET BACK LATE MAKING PLANS UNIT 8A: HAVE YOU EVER SUNG KARAOKE? UNIT 8B: I LL KEEP IN TOUCH Learning Unit 3: New Experiences UNIT 9A: HAVE YOU MET THE TEAM YET? UNIT 9B: WHAT S IT FOR? UNIT 10A: I VE BEEN HERE SINCE APRIL UNIT 1OB: HOW LONG DO YOU WANT TO STAY? Learning Unit 3: New Experiences UNIT 11A: NOTHING IS WASTED UNIT 11B: I GET MAD WHEN UNIT 12A: THE TEENAGER OF THE FUTURE UNIT 12B:IF YOU DON T TRY UNIT 7 have to, don't have to Modal verb must, mustn't must or have to? mustn't vs don't have to ========================= Talking about Obligation Talking about rules and laws UNIT 8 Present perfect simple (1) ever, never Past participles been vs gone Present perfect vs Past simple Modal verbs will, shall ========================== Talking about life Experiences UNIT 9 Talking about recent actions and events Explaining the purpose of things ==================================== Present perfect simple (2) already, just, still, yet Infinitive of purpose: to Purpose: for + -ing UNIT 10 Talking about unfinished actions and situations Making and responding to polite offers, requests and instructions Booking in to a campsite or hotel =================================== Present perfect simple (3) How long...?, for, since Present perfect vs Past simple: How long...? would like UNIT 11 Talking about processes and facts Talking about everyday activities ================================== Present simple passive Preposition by make vs do get UNIT 12 Talking about situations and results Talking about future possibilities ================================== Modal verbs will, may, might Modifying adverbs maybe, perhaps, probably, definitely, certainly Zero and First conditional if, when and unless

13 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.I. L. DA VINCI E I.T.N. M. TORRE I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E "Leonardo da Vinci" P.za XXI Aprile TRAPANI tel.0923/29498 fax 0923/23982 E I S T I T U T O T E C N I C O N A U T I C O "Marino Torre" Via R. Elena, TRAPANI tel.fax 0923/21787 A.S. 2013/2014 Docente/i Classe ITI - ITN Materia Flores Zarkone Michele Margiotta Antonino 2 B I T I FISICA E LABORATORIO TESTO IN ADOZIONE AUTORE TITOLO CASA EDITRICE Sergio Fabbri Phoenomena Mara Masini Edizione Rossa S E I n. MODULO ARGOMENTI 1 La conservazione dell energia Il lavoro dal punto di vista della fisica. Lavoro di una forza costante. Lavoro motore e lavoro resistente. Il lavoro come prodotto scalare del vettore forza e del vettore spostamento. Lavoro di una forza non costante e suo calcolo con il metodo grafico. La potenza e sua espressione in funzione della velocità. Concetto di macchina e suo rendimento. Il Kilowattora come unità di misura pratica del lavoro. Il concetto di energia. Lavoro e variazione di energia. Energia cinetica e teorema delle forze vive. Energia potenziale gravitazionale ed elastica. Forze conservative e forze dissipative. Dimostrazione della conservatività della forza peso. L'energia meccanica e la sua conservazione. Il principio della conservazione dell'energia totale.

14 2 Temperatura e calore La materia ed i suoi stati di aggregazione. Agitazione termica e temperatura. La misura della temperatura e il termometro. Le scale termometriche Celsius, Fahrenheit, Reaumur e Kelvin. Formule di conversione da una scala termometrica ad un'altra. La dilatazione termica lineare, superficiale e volumica dei solidi. La dilatazione volumica dei liquidi e il caso particolare dell'acqua. Il calore e sue unità di misura. Calore specifico e capacità termica. La legge fondamentale della termologia. L'equilibrio termico. I cambiamenti di stato della materia. La propagazione del calore. Le grandezze caratteristiche di un gas. Il concetto di gas perfetto. La legge di Boyle-Mariotte. La legge di Gay-Lussac. La legge di Charles. L'equazione di stato dei gas perfetti. La termodinamica e suo oggetto di studio. Il concetto di sistema di particelle e l'energia interna. Equivalenza tra lavoro e calore. Le trasformazioni termodinamiche. Il primo principio della termodinamica. Schema semplificato di una macchina termica e suo principio di funzionamento. Rendimento di una macchina termica. Differenza tra macchine termiche a combustione esterna e a combustione interna. Il secondo principio della termodinamica e gli enunciati di Kelvin e Clausius. Lo zero assoluto e il terzo principio della termodinamica.

15 3 Fenomeni elettrici La carica elettrica e la sua quantizzazione. Conduttori ed isolanti. La forza elettrica e la legge di Coulomb nel vuoto e nei dielettrici. Il principio di sovrapposizione degli effetti. Caso di cariche elettriche allineate. Caso di cariche elettriche disposte nei vertici di un triangolo rettangolo. Caso di cariche elettriche disposte nei vertici di un quadrato e nel suo centro. Il modello elementare dell'atomo e il fenomeno dell'elettrizzazione. Elettrizzazione per strofinio, contatto ed induzione. Elettroscopio e pendolino elettrico e loro impiego come strumenti di misura. Il generatore di Van Der Graaf e la gabbia di Faraday. Densità superficiale di carica elettrica e il potere delle punte. Il fenomeno del vento elettrico e l'arganetto elettrico. Il concetto di campo in fisica. Campo elettrico generato da una o più cariche puntiformi. Linee di forza del campo elettrico. Campo elettrico uniforme. Il lavoro del campo elettrico. Potenziale elettrico e differenza di potenziale. Il condensatore e la capacità elettrica. Il condensatore piano. Energia accumulata in un condensatore. Collegamento di condensatori in serie, in parallelo e di tipo misto. Circuiti elettrici puramente capacitivi in corrente continua e loro risoluzione. La corrente elettrica nei metalli. Circuito elettrico elementare. Amperometro e Voltmetro e loro inserimento in un circuito elettrico elementare come strumenti di misura. La potenza elettrica dissipata in un conduttore attraversato dalla corrente. L'energia elettrica e la sua espressione in Kilowattora. La resistenza elettrica e la prima legge di Ohm. Collegamento di resistenze in serie. La potenza elettrica nei conduttori in serie. Collegamento di resistenze in parallelo. La potenza elettrica nei conduttori in parallelo. Collegamento di tipo misto di più resistenze. La resistività e la seconda legge di Ohm. Reostato e potenziometro. L'effetto Joule ele sue applicazioni. Codice colori delle resistenze. Circuiti elettrici puramente resistivi in corrente continua e loro risoluzione. La forza elettromotrice. La resistenza interna di un generatore e la legge generalizzata di Ohm. ESERCITAZIONI PRATICHE DI LABORATORIO

16 Conservazione dell energia meccanica. Dilatazione termica lineare. Calore specifico di una sostanza. Legge di Boyle-Mariotte. Fenomeni elettrostatici. Prima legge di Ohm. Seconda legge di Ohm.

17 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.I. L. DA VINCI E I.T.N. M. TORRE I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E "Leonardo da Vinci" P.za XXI Aprile TRAPANI tel.0923/29498 fax 0923/23982 E I S T I T U T O T E C N I C O N A U T I C O "Marino Torre" Via R. Elena, TRAPANI tel.fax 0923/21787 A.S. 2013/2014 Docente/i Classe ITI - ITN Materia Siculiana Antonino 2B ITI SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE TESTO IN ADOZIONE AUTORE TITOLO CASA EDITRICE Autori vari Scienze e tecnologie applicate HOEPLI (Elettrotecnica ed elettronica Informatica e telecomunicazioni) n. MODULO ARGOMENTI Grandezze elettriche: Carica elettrica - Campo elettrico e potenziale - Corrente elettrica - Corrente c onvenzionale Strumenti di misura per Strumenti di misura: 1 grandezze elettriche Caratteristiche principali di uno strumento di misura delle grandezze elettriche - Multimetro - Misure di grandezze elettriche Oscilloscopio - Misura delle forme d onda A mperometri e galvanometri. Elementi attivi e passivi: Resistori - Circuiti elettrici 2 Misure su circuiti elettrici Misura di resistenze: la prima legge di Ohm - Misura di resistenza con voltmetro a valle - Misura di resistenza con voltmetro a monte.

18 3 Informatica: evoluzione e software 4 La codifica dei dati 5 Elettronica ed elettrotecnica L'evoluzione dell'informatica: Le macchine calcolatrici meccaniche - Le valvole - II transistor e i circuiti integrati - II microprocessore - I linguaggi informatici L'evoluzione dei linguaggi di programmazione - Le fasi di creazione di un programma - Gli ambienti di sviluppo - IDE, Framework, SDK - il ciclo di vita del software: Fasi di produzione del software - Sviluppo del software: il modello a cascata. Digitale e analogico: Codifica e codice - I codici pesati e non pesati. La codifica binaria La codifica ottale - La codifica esadecimale - La codifica delle immagini - La codifica delle immagini raster - La codifica delle immagini vettoriali - La codifica dei suoni - La codifica dei filmati. Le applicazioni dell'elettronica: La sensoristica -- il presente (MEMS) e il futuro (bioelettronica) - il microcontrollore - La domotica. Le figure professionali dell'elettronica: Manutentore meccatronico - Tecnico/Manutentore autronico dell'automobile, - Responsabile della manutenzione industriale - Progettista di software industriale - Collaudatore di sistemi elettromeccanici ed elettronici - Assemblatore di apparecchiature elettromeccaniche ed elettroniche La produzione dell'elettricità: Impianti di produzione dell'energia elettrica e fonti energetiche. Le macchine elettriche: Macchine elettriche statiche - Trasformatori - Macchine elettriche - Motori Impianti elettrici civili e industriali Le figure professionali dell'elettrotecnica - Montatore/lnstallatore di apparecchiature elettromeccaniche ed elettroniche - Assemblatore di apparecchiature elettromeccaniche ed elettroniche - Elettricista impiantista 6 Informatica e telecomunicazioni Le applicazioni dell'informatica: La filieraproduttiva informatica - Laproduzione dell'hardware - La produzione del software e le figure professionali coinvolte - Distribuzione e vendita Installazione e post vendita - Conclusioni Le telecomunicazioni. Generalità - Le figure professionali delle telecomunicazioni Conclusioni 7 Segnali e trasmissione La comunicazione e l'informazione Generalità - Le rivoluzioni della comunicazione - Informazione e trasmissione Segnali analogici e digitali - Differenza tra analogico e digitale - Trasmissione con sistema digitale - Digitalizzazione delle immagini

19 8 Trasmissione dei segnali Le onde e1ettromagnetiche - Caratteristiche delle onde elettromagnetiche La trasmissione dei segnali - La trasmissione di segnali e1ettrici - La trasmissione di segnali ottici - La trasmissione senza fili (wireless) - Modulazione delle onde. 9 Le reti di computer e Internet Le reti di computer - Topologie di rete - Il cablaggio - Le reti wireless - Il modello ISO/OSI e Internet - I dispositivi di rete - Gli indirizzi IP - La rete Internet - I servizi di Internet - DNS, domini e registrazione di siti. 10 Elementi di antinfortunistica Salute, sicurezza ed ergonomia Primo soccorso e pronto soccorso. 11 La legislazione antinfortunistica Segnaletica antinfortunistica - Sicurezza nell'attività lavorativa- Lavorazioni al banco con la lima Lavorazioni al banco di tracciatura e bulinatura - Lavorazioni al trapano - Lavorazioni alle macchine utensili - Lavorazioni della lamiera - Operazioni di saldatura Il rischio elettrico e il pericolo incendio - Norme di prevenzione incendi Il Decreto Legislativo 81/2008 e successive modifiche: Generalità-Obblighi del datore di lavoro, dei lavoratori e fonti di rischio - Valutazione dei rischi - Dispositivi di protezione individuale (DPI) - Informazione e formazione Uso di attrezzature munite di videoterminali(vdt) Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE.

20

21

22

23

24 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.I. L. DA VINCI E I.T.N. M. TORRE I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E "Leonardo da Vinci" P.za XXI Aprile TRAPANI tel.0923/29498 fax 0923/23982 E I S T I T U T O T E C N I C O N A U T I C O "Marino Torre" Via R. Elena, TRAPANI tel.fax 0923/21787 A.S. 2013/2014 Docente/i Classe ITI - ITN Materia LOPES CARMEN PIPITONE GIUSEPPE 2 B ITI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA TESTO IN ADOZIONE AUTORE TITOLO CASA EDITRICE SERGIO DELLAVECCHIA TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA SEI n. MODULO ARGOMENTI Solidi sezionati Sviluppo Intersezioni e Proiezioni ortogonali e assonometrie di solidi, gruppi di solidi e solidi sezionati. Compenetrazioni Solidi sezionati e determinazione della sezione in vera forma. Sviluppo di solidi e solidi sezionati. Intersezione e compenetrazione di solidi. 1 Esercitazioni grafiche relative al modulo. 2 Proiezioni assonometriche Restituzione in proiezioni ortogonali di rappresentazioni assonometriche Le proiezioni assonometriche: assonometria isometrica e cavaliera di cerchi e circonferenze. Assonometria isometrica, cavaliera e planimetrica di solidi, composizione di solidi e pezzi meccanici semplici. Assonometria esplosa. Restituzioni assonometriche di rappresentazioni in proiezioni ortogonali. Esercitazioni grafiche relative al modulo.

25 8 3 Disegno tecnico e rappresentazione in sezione Quotatura dei disegni tecnici La rappresentazione in sezione: sezioni di oggetti e pezzi meccanici semplici in proiezioni ortogonali e in assonometria. La quotatura dei disegni tecnici. La quotatura in serie, in parallelo, progressiva e in coordinate. Le quote nelle proiezioni ortogonali e nelle proiezioni assonometriche. Esercitazioni grafiche relative al modulo. 4 Storia dell Arte Collegamenti filettati - Argomenti di storia dell arte dei maggiori periodi storici (arte greca e arco romano). - Collegamenti filettati: vite a testa esagonale, dado esagonale, prigioniero; unione di due piastre forate con vite a testa esagonale passante, rosetta e dado; unione di due piastre con vite prigioniera, rosetta dado e controdado. - Elaborati grafici relativi al modulo. 5 - Strumenti di misura - AUTOCAD - Strumenti di misura: comparatore. - Autocad : snap assonometrico, disegno assonometrico in 2D di oggetti e pezzi meccanici semplici; altezza 3D e elevazione; modellazione 3D: solidi elementari, comandi estrudi e rivoluzione. Esercitazioni al computer. 6 - Materiali e macchine utensili - AUTOCAD - Strumenti di misura: goniometro. - Autocad : comandi di modifica solidi (unisci, sottrai e interseca); operazioni 3D (sposta, ruota, specchio e serie); spazio modello e spazio carta; messa in tavola di oggetti e pezzi meccanici semplici. Esercitazioni al computer. 7

26 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.I. "L. DA VINCI" E I.T.N. "M. TORRE" I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E "Leonardo da Vinci" P.za XXI Aprile TRAPANI tel.0923/29498 fax 0923/23982 E I S T I T U T O T E C N I C O N A U T I C O "Marino Torre" Via R. Elena, TRAPANI tel.fax 0923/21787 A.S. 2013/2014 Docente/i Classe ITI - ITN Materia Angileri Paola 2 A-B-C-F- G ITI DIRITTO-ECONOMIA TESTO IN ADOZIONE AUTORE TITOLO CASA EDITRICE Zagrebelsky-Trucco- Bacceli A SCUOLA DI DIRITTO ELE MONNIER DI ECONOMIA n. MODULO ARGOMENTI COSTITUZIONE DIRITTI E DEMOCRAZIA ITALIANA: PRINCIPI DEMOCRAZIA E PARTECIPAZIONE FONDAMENTALI 1 2 COSTITUZIONE I DIRITTI DEI CITTADINI ITALIANA: DIRITTI E I DIRITTI ECONOMICI DOVERI DEI CITTADINI

27 3 ORDINAMENTO DELLA REPUBBLICA LE LOCALI. L'UNIONE EUROPEA. IL PARLAMENTO COME NASCE UNA LEGGE IL GOVERNO AUTONOMIEIL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA LA MAGISTRATURA E LA CORTE COSTITUZIONALE L'UNIONE EUROPEA 4 LE GRANDEZZE ECONOMICHE AGGREGATE PRODOTTO E REDDITO LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO 5 SVILUPPO SOTTOSVILUPPO L'INTERVENTO DELLO STATO NELL'ECONOMIA EGLI INTERVENTI A SOSTEGNO DELL'ECONOMIA E IL BILANCIO DELLO STATO DOVE VA L'ECONOMIA IL MERCATO DELCOME ORIENTARSI NEL MONDO DEL LAVORO LAVORO 6 7

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

ALLA RICERCA DI UNA DIDATTICA ALTERNATIVA THE SQUARE VISUAL LEARNING PROGETTO VINCITORE LABEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMAZIONE

ALLA RICERCA DI UNA DIDATTICA ALTERNATIVA THE SQUARE VISUAL LEARNING PROGETTO VINCITORE LABEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMAZIONE LL RICERC DI UN DIDTTIC LTERNTIV THE SQURE VISUL LERNING PROGETTO VINCITORE LBEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMZIONE L utilizzo di: mappe concettuali intelligenti evita la frammentazione, gli incastri illogici

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica 1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica in corrente continua Si hanno a disposizione : 1 alimentatore di potenza in corrente continua PS 2 multimetri digitali 1

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A U SEI 17,75 No No Mo ITALIANO GRAMMATICA 9788842448839 GINI GIANNI / SINGUAROLI MASSIMILIANO GRAM.COM / EDIZIONE BLU - VOL. UNICO U B.MONDADORI 25,20 No Si No ITALIANO ANTOLOGIE 9788826814865

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A RELIGIONE 9788810614082 CIONI LUIGI / MASINI PAOLO / PANDOLFI BARBARA PAOLINI LUCA I-RELIGIONE+LIBRO DIGITALE+DVD / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 16,00 Si Si No ITALIANO ANTOLOGIE

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 S Corso: AGRARIA, AGROLIMENTARE AGROINDUSTRIA - BIENNIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 S Corso: AGRARIA, AGROLIMENTARE AGROINDUSTRIA - BIENNIO Classe: 1 S RELIGIONE 9788805070725 TRENTI ZELINDO / MAURIZIO LUCILLO / ROMIO ROBERTO OSPITE INATTESO (L') / CON NULLA OSTA CEI U SEI 15,00 Si Si No ITALIANO GRAMMATICA 9788805073542 DEGANI ANNA / MANDELLI

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Elementi di analisi delle reti elettriche a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario 1. Note sulla simbologia...4 2. Il generatore (e l utilizzatore)

Dettagli