Basirico Eleonora; Basirico Letizia ; Bianchi Matteo; Bonaventura Gabriele; Bonzani Elia; Calcagno Alessandra ; Catellani Laura ; Corsentino Devin;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Basirico Eleonora; Basirico Letizia ; Bianchi Matteo; Bonaventura Gabriele; Bonzani Elia; Calcagno Alessandra ; Catellani Laura ; Corsentino Devin;"

Transcript

1 Basirico Eleonora; Basirico Letizia ; Bianchi Matteo; Bonaventura Gabriele; Bonzani Elia; Calcagno Alessandra ; Catellani Laura ; Corsentino Devin; Coscelli Giada; Di Nardo Maurizio; Ferrari Bedini Davide ; Gambarelli Gabriele; Gasparini Elisa; Grisendi Cassandra ; Guzzardi Rosy ; Kaur Ramandeep ; Kouki Amri Achraf ; Lamberti Silvia ; Magnanini Alex ; Oliveto Chiara ; Pattini Filippo ; Pirozzi Pamela ; Raccardi Giovanni ; Spagnuolo Rebecca ; Storchi Tommaso ; Stucci Serena.

2 LA STORIA DEL MULTIPLO LO... Alla scoperta del MULTIPLO,un luogo unico e ricco di proposte. Nella prima settimana dall inaugurazione il Multiplo è stato visitato da oltre persone. Vi si può leggere, studiare, guardare un film, frequentare vari tipi di corsi, giocare, suonare uno strumento,navigare su internet, incontrare amici, partecipare, condividere esperienze,conoscere la storia di Cavriago e godersi il nuovo parco. Che Cos è..?? Il Multiplo è il nuovo centro culturale del Comune di Cavriago. E molto più di una biblioteca o di un centro culturale...e IL MULTIPLO!! Nel Multiplo sono state realizzate zone WiFi dove l accesso a Internet è libero e gratuito.

3

4 INTERVISTA AI BIBLIOTECARI.. -DA CHI È NATA L IDEA..? L idea è nata prima di tutto dal sindaco e dagli assessori. Una scelta coraggiosa - dice Roberta - che ha visto l ampliarsi degli spazi e dei servizi. -QUANTO CI È VOLUTO PER PROGETTARLO E PER COSTRUIRLO..? Per progettarlo ci sono voluti due anni e mezzo e per costruirlo sei. -QUALI PROGETTI AVETE IN MENTE..? Progetti relativi alla promozione della lettura, della musica, dell arte e del gioco. Girando per le classi della nostra scuola su un campione di alunni delle prime e seconde abbiamo scoperto che Il genere letterario più amato è: avventura:36 giallo:29 saggi (documentari):13 horror:28 cartoni animati:13 riviste:6 nessuno:1 romanzi:7 fantasy:18 comico:24 diario:13

5 -Il genere musicale più ascoltato è: jazz: 10 jamaicana:21 rock: 21 pop: 37 classica: 2 tecno:19 hip hop: 33 electro:14 rap: 39 tecktonik:18 musica leggera:9 altri:5 -Il gioco più utilizzato: xbox360:29 calcio da combattimento:7 computer:47 play station3: 26 giochi da tavolo:17 altri:6 wii:1 MINI INDAGINE PERCHE VAI AL MULTIPLO?? Girando per la nostra classe, la 2 A, abbiamo scoperto che le motivazioni per andare al Multiplo sono diverse: -Per giocare (Elia,Giada,Pamela,Raman,Alex,Achraf). -Fare ricerche (Pamela,Raman). -per studiare (Raman). - Prendere libri (Rebecca, Letizia). -Per incontrarsi con gli amici (Elia,Elisa,Devin,Eleonora,Letizia,Rosy,Laura,Serena) GRAZIE PER LA COLLABORAZIONE ALLE CLASSI: 2^D 2^E 1^C 2^B 1^D By : LETY,ELE, LALLA

6 TELEFILM E DINTORNI! Come ben sappiamo i telefilm sono quei programmi televisivi, molto seguiti, che ci deliziano durante la cena, il pranzo e ci fanno vivere momenti spensierati o di intensa avventura. Abbiamo voluto ricordarne alcuni che possiamo annoverare ormai fra i classici fino ad arrivare a quelli contemporanei. TELEFILM ANNI 90 : X FILES Titolo: X-Files Genere: Mistero / Fantascienza Anno: Stagioni: 9 Ideatore: Chris Carter Produttori: Chris Carter Musiche: Mar Snow Una serie di misteriosi rapimenti, di corpi smembrati ritrovati in mezzo al ghiaccio e un prete chiaroveggente, per un caso che sembrerebbe da X-Files, se non fosse che l Fbi ha da anni chiuso le investigazioni paranormali. Solo due persone possono riuscire a risolvere il mistero, due persone che da anni hanno chiuso con il passato, ma che son pronte a riaffrontarlo. SIA IO CHE IL MIO FEDELE COLLEGA NON LO ABBIAMO MAI VISTO,MA SAPPIAMO CHE E' MOLTO FAMOSO. (MATTEO) Willy, il principe di Bel Air Titolo: Willy, il principe di Bel Air Titolo originale: The Fresh Prince of Bel-Air Genere: Sitcom Anno: Stagioni: 6 Ideatori: Andy Borowitz, Susan Borowitz Produttori: Quincy Jones, Werner Walian Musiche: Quincy Jones III Willy, il protagonista, è un ragazzo di colore sui 20 anni che per punizione va a vivere a Bel Air con i suoi zii e cugini. Questo telefilm è molto divertente. La sigla è un simpatico RAP cantato dallo stesso Smith e, se vi capita di vederlo, passerete sicuramente una mezz'oretta divertente.il vero nome del protagonista è Willard Christopher Smith Jr. (Philadelphia, 25 settembre 1968) è un rapper e produttore cinematografico statunitense.

7 Continueremo a scrivere sempre più sui telefilm anni 90 nei prossimi articoli. Ora dai successi più vecchi ai più recenti con la rubrica: TELEFILM DI OGGI FLASHFORWARD Titolo: Flashforward Genere: Fantascienza Anno: Stagioni: 1 Ideatore: Robert J. Sawyer Produttori: Brannon Braga, David S. Goyer Musiche: Ramin Djawadi FlashForward racconta di come un misterioso e inspiegabile fenomeno globale causi a tutti gli abitanti del pianeta una sorta di blackout: per 2 minuti e 17 secondi, infatti, chiunque nel mondo, cade svenuto. Durante questa specie di trance, ogni persona riesce a vedere un piccolo pezzo della propria vita futura (i prossimi 6 mesi). Durante il blackout succede inoltre che molte persone muoiano a causa di vari incidenti. Chi sopravvive non riesce invece più a condurre una vita normale: il futuro che tutti hanno visto ormai condiziona il presente irrimediabilmente. Sarà compito di Mark Benford agente dell FBI (interpretato da Joseph Fiennes) indagare su ciò che è incredibilmente accaduto Il telefilm è stato prodotto, dagli stessi autori di "Lost" adattando un romanzo di Robert J. Sawyer "Flashforward" si presenta in realtà come un prodotto interessante, forse con premesse migliori di quelle dello stesso "Lost". LOST Titolo: Lost Genere: Avventura - Fantascienza - Mistero Anno: Stagioni: 6 Ideatore: J.J. Abrams, Jeffrey Lieber e Damon Lindelof Produttori: J.J. Abrams, Bryan Burk e Damon Lindelof Musiche: Michael Giacchino Lost è una serie televisiva statunitense creata da J.J. Abrams, Damon Lindelof e Jeffrey Lieber. Prodotta da ABC, Bad Robot Productions e Grass Skirt Productions, la serie è stata trasmessa negli Stati Uniti dal 2004 al La sceneggiatura è stata scritta da Abrams, Lindelof e Lieber, mentre la colonna sonora è stata composta da Michael Giacchino. Le riprese di Lost si sono svolte

8 principalmente sull'isola di Oahu (Hawaii), e la serie è considerata una delle produzioni più costose della storia della televisione. Nelle primissime stagioni, l'infittirsi e l'intrecciarsi dei vari misteri, una componente fantastica discreta e non troppo preponderante e l'uso sapiente dei flashback e dei flashforward, contribuiscono a creare una atmosfera intrigante che cattura lo spettatore e lo fidelizza generando quasi una sorta di assuefazione. Poi, con il susseguirsi delle stagioni, questo meccanismo apparentemente perfetto, si incrina... DOCTOR HOUSE Titolo originale House, M.D. Paese Stati Uniti d'america Anno 2004 in produzione Formato serie TV Genere medical drama Stagioni 8 Episodi 177 Durata 45 min (episodio) Lingua originale inglese Dr. House - Medical Division (House, M.D.) è una serie televisiva statunitense ideata da David Shore e Paul Attanasio e trasmessa da Fox a partire dal 2004; l'emittente televisiva ha ufficialmente accreditato Shore come creatore. La serie è incentrata attorno al ruolo del un medico poco convenzionale, ma dotato di grande capacità ed esperienza che si trova a capo di una squadra di medicina diagnostica presso un ospedale universitario Princeton-Plainsboro Teaching Hospital, nel New Jersey.

9 Il il telefilm Doctor House è il nostro preferito(soprattutto di Matteo). Ci piace molto House di cui ammiriamo il coraggio, la tenacia, le capacità e a volte il suo comportamento cinico. La dottoressa Caddy è fortemente attratta da lui tanto è vero che diventerà sua amante. Matteo & Gabriele

10 - Ciao a tutti, come va? - State bene? - OK non c è bisogno di fare altre domande perché nessuno ci può rispondere - Va bene. Ma qual è il libro di questo numero??? - Eh, eh, sapessi - Ho già capito si tratta di un tomo alto come l Empire State Buildings e largo come - Ehi, ehi, frena e stai calmo. Il libro di oggi è PERCY JACKSON E GLI DEI DELL OLIMPO. Più precisamente Percy Jackson e gli dei dell Olimpo il ladro di fulmini. Uff, non potevano dargli un nome più lungo - Ehi io ho visto il film! È troppo bello, hai visto quella parte dove prende la penna a scatto che si trasforma in una spad? - MA VUOI STARE ZITTO!?! Gli rovini la sorpresa e poi, onestamente, è molto, ma molto più bello il libro del film, ci sono un sacco di cose diverse e la trama è più complessa e avvincente. La storia è quella di un dodicenne senza padre che scopre di essere figlio di una divinità dell antica Grecia - Pos - ZITTOOO!!! Scoprirà che la civiltà Greca non è scomparsa, ma si è spostata in America e tutti gli dei, eroi, mostri adesso sono lì. Percy non sarà solo, avrà amici e compagni semidei proprio come lui e nelle sue avventure potrete incontrare Ermes con un I-poad cadduceo, Ares con tanto di Ray Ban, motocicletta nera con fiamme sui lati, un Minotauro con un fisico da wrestler, Circe che trasforma i passanti in porcellini d india, Medusa è una vecchia signora omicida che vende sculture e le professoresse di matematica che si trasformano in Furie. Il Monte Olimpo è sull Empire State Buildings, mentre l ingresso agli Inferi è a Hollywood. Solo leggendo Percy Jackson potrete falciare Dracene, combattere a fianco di una mandria di centauri ubriachi fradici, provare il lusso e la dipendenza del Casinò Lotus e maneggiare la folgore di Zeus, capire se siete dei mezzosangue e conoscere il vostro divino genitore. - Beh, sembra convincente ma posso vedere qualche immagine? - Immagino di sì.

11 - Benissimo grazie a tutti e alla prossima. - Ciao ci vediamo Elia B. Elia B.

12 Galaxy Game Per questa uscita vi proponiamo 4 nuovissimi giochi per XBOX 360, Playstation e Nintendo e una piccola ricerca sulla dipendenza da videogiochi, fenomeno che sta interessando un numero sempre più consistente di giovani. LE ULTIME NOVITA' fifa 12 Da quando David Rutter ha preso il comando della serie fifa, assumendo il ruolo di line producer, il franchiese calcistico di eletronic arts ha guadagnato uscita dopo numeri consensi, convincendo allo stesso tempo sia critica specializzata che gli appassionati del genere sportivo. La novità più grande che contraddistingue questo Nuovo capitolo è sicuramente il player Impact engine, un innovativo motore Grafico che sostituisce le classiche Animazioni preimpostate con collisioni In tempo reale. Per dirla in parole povere, ogni contrasto di gioco, ogni scivolata ed ogni spinta da vita a movimenti unici e decisamente reali, che variano a seconda della situazione, dalla violenza dell urto o dalla posizione del giocatore. Anche i dribbling hanno subito un sensibile miglioramento grazie all introduzione del precision control, una meccanica che permette un maggiore controllo di palla, favorendo i cambi di direzione e a copertura della sfera (soprattutto per i giocatori dotati di una maggiore tecnica). La vera rivoluzione, però, riguarda la gestione Della difesa; al contrario dell impostazione Classica dei giochi calcistici, dove per contrastare un Avversario in possesso di palla basta tenere permuto il tasto del passaggio, in fifa 12 ogni intervento deve essere effettuato manualmente premendo il tasto del tiro. Tenendo premuto il tasto del tiro, infatti, il difensore si limita ad avvicinarsi all attaccante, mantenendo la posizione senza però intervenire sul pallone; l efficacia dell intervento dipende quindi solo da tempismo con cui il giocatore decide di effettuare un contrasto. Ho particolarmente apprezzato questa nuova impostazione,in quanto perla prima volta nella storia dei giochi calcistici l abilità dell utente ha un ruolo centrale per quanto riguarda la difesa premiando così i giocatori più capaci. Certo per padroneggiare questa nuova meccanica occorre molta pratica (e una certa pazienza), ma una volta metabolizzata la sensazione che riesci a fornire è quella di un controllo totale sul gioco. Oltre alle

13 rivoluzioni in ambito di gameplay, fifa 12 presenta una serie di piccole aggiunte alle modalità di gioco che sicuramente fanno felici i fan del genere. In particolare, la carriera, oltre ad aver subito un generale restyling nella presentazione, e stata aggiornata con l aggiunta di ulteriori forme di contratto (come gli ormai famosissimi prestiti con diritto di riscatto) e, ancora più importante, con l introduzione degli osservatori. Questi scopritori di talenti possono essere ingaggiati e inviati in una determinata zona del globo alla ricerca di giovani talenti, così da potersi aggiudicare il nuovo kakà o l erede di messi. Nonostante il sigle-player di fifa 12 sia in grado di fornire numerose ore di divertimento, il vero punto di forza del gioco rimane il multi-player. Battefield 3 XBOX 360 Le caratteristiche di questo gioco sono la pulizia delle immagini e il realismo della storia. La breve campagna,5 ore al livello normale, è pura fantapolitica sullo sfondo della (probabile) terza guerra mondiale e narra, impegnata su un gioco di incastri e flashback, le vicende del marine Blackburn, che da semplice soldato si troverà a fare i conti con decisioni che decideranno il di destino di milioni di persone. Dice, invece di scegliere una impostazione lineare nel mettere in scena il campo di battaglia, ha deciso di mischiare le carte in tavola,partendo dagli ultimi istanti del gioco e tornando indietro raccontando l azione da molteplici punti di vista. La campagna ha pochi punti di grandi esaltazione e naviga stancamente fino alle fine senza realmente emozionare il giocatore. Non ci sono stati, insomma, grandi passi avanti a quanto giocato in Bad Company 2: linearità e scripting sono la cifra stilistica del gioco. Il ritmo è blando, insomma, realismo e spettacolarità non sembrano aver trovato un buon punto d incontro. Ci sono da aggiungere sezione su veicoli decisamente sottotono con il vertice negativo delle missioni di bombardamento che non si fa altro di tenere puntati dei bersagli a terra o in aria, senza nemmeno aver pilotato l aereo vioto che si è nei panni di un armiere di un + 18 super hornet. Buona invece la seconda parte della missione su un carro armato n21 abrhams, in cui Dice ci fa vivere l entrata Teheran rimettendo in gioco la Cattura americana di Baghdad nel 2003, tra imboscate e autobombe da disinnescare a suon di piombo. Impossibile non menzionare magagne dall

14 intelligenza artificiale, spesso guidata da direttive invisibili a non scorgerci nemmeno se gli si passa accanto a non tentare di evitare una granata oppure a passare sempre sullo stesso punto. Per fortuna in alcuni frangenti, il fuoco nemico incrociato può essere davvero letale ma sono troppo pochi i momenti costruiti con cura e troppi quelli che mettono a nudo i difetti della routine comportamentale che svelano Script fin troppo palesi. La grafica ndi BF3 è molto avanzata e realistica,soprattutto grazie al nuovo motore grafico, frosbite 2, che aumenta la distruttibilità delle ambientazioni. ARRIVA LA CAVALLERIA In ottica online, vero cuore del progetto Dice, le novità sono molte e si limitano all inclusione degli aerei presenti si in Battelfield 2, ma non in Bad Company 2.Paragona più diretto, almeno in ottica strettamente temporale. Il primo cambiamento sono le classi, diverse o meglio ripensate a quelle di Bad Company 2. Basta dire che l assaltatore avrà compiti da medico,rilasciando medikit o rianimando i compagni a terra. Chi curerà la propria squadra, insomma, di ritroverà sempre al centro dell attenzione. Molto interessante anche il treppiede del mitragliatore di supporto, utile per fare fuoco di soppressione sul nemico, o il cecchino, con i suoi gadget altamente tecnologici per segnalare l avanzare o la posizione dei nemici sulla mappa. In questo ambito il deathmatch perde definitivamente importanza rispetto alla modalità di gioco corsa e conquista, rimanendo soltanto una modalità per affinare le proprie abilità. Parlando dei mezzi a disposizione Dice, sono davvero tanti e tutti fa sviluppare come se fossero semplici armi da fuoco. Aerei inclusi,vera e propria punta di diamante del gioco. Accanto ad elicotteri d assalto e da trasporto, possiamo sederci nello stretto cockpit dell F-19 e il quello dell A-10 e ovviamente nelle loro controparti russe, ovvero il flange e il frogfout, per cercare supremazia aerea con il primo e lanciare temibili missili per attacco al suolo con il secondo. Pilotare, jet risulta molto difficile, per poterli pilotare occorre fare molta pratica. Durante il gioco multiplayer si fa quasi fatica a non guardare ossessivamente in cielo temendo o sperando il frastuono dei cannoni di bordo dei velivoli. Va ricordato anche il vasto numero di oggetti e upgrade sbloccabili, dalle ottiche alle nuove armi, passando a specializzazioni avanzate.

15 Dead space MODALITÀ DI GIOCO Dead Space è ambientato in un futuro distante nel quale i terrestri hanno colonizzato alcuni pianeti e attingono risorse minerarie da essi. Il giocatore è chiamato a prendere il controllo di Isaac Clarke (così chiamato per ricordare gli scrittori di fantascienza Isaac Asimov e Arthur C. Clarke), ingegnere minerario intrappolato suo malgrado in un'astronave infestata da creature ostili. Lo stile di gioco è simile a quello di Resident Evil 5, e gode di una certa versatilità, mentre la posizione della "telecamera" (non centrata rispetto al protagonista) ricorda quella di Gears of War. Le creature, chiamate necromorfi, sono piuttosto resistenti ai colpi inferti, a meno che non vengano mutilate delle loro membra o altre appendici. Se vengono solamente ferite, esse continuano tenacemente ad attaccare o, in alcuni casi, a rigenerarsi. Durante l'esplorazione degli ambienti di gioco è possibile acquistare, in appositi distributori, diversi tipi di armi (in genere mutuate da attrezzi minerari, e dotate di due attacchi) e altri tipi di oggetti; inoltre, spendendo dei power-up chiamati "nodi energetici", è possibile potenziare il proprio equipaggiamento (tuta compresa) tramite delle apposite stazioni. Oltre alle normali armi, il protagonista è dotato di altre due peculiarità, entrambe integrate nella propria tuta (chiamata RIG): una è la stasi, che è in grado di rallentare per un breve periodo oggetti in movimento o le stesse creature; la seconda è il modulo cinetico, che ha il potere di attrarre, lanciare o spostare oggetti a distanza. Una delle maggiori peculiarità di Dead Space è la totale mancanza di un HUD, o interfaccia grafica. Infatti tutte le informazioni del gioco vengono presentate all'interno del contesto, sotto forma di ologrammi o simili. Ad esempio, la vita è rappresentata da delle linee illuminate poste sul retro della tuta; le munizioni delle armi si possono vedere sopra l'arma stessa. Anche a causa di questa totale mancanza di HUD, aprendo l'inventario o la mappa il gioco non si ferma, ma continua, come se si osservasse in tempo reale. Un altro aspetto caratteristico del gioco sono le ambientazioni a gravità zero, dove il sopra e il sotto si confondono: il nostro personaggio potrà camminare su pareti e soffitti e lanciarsi facendo dei tuffi. Le ambientazioni sono molto simili a quelle di Alien: spazi stretti, squadrati e molto ripetitivi. Perdersi tra gli innumerevoli corridoi e condotti della nave è molto facile, ma un ologramma apposito, indica la direzione da seguire, illuminando la strada verso l'obiettivo. Il gioco di luci intermittenti, la colonna sonora incalzante e le improvvise apparizioni di nemici contribuiscono ad aumentare il livello adrenalinico del gioco.

16 TRAMA Le vicende di Dead Space si svolgono durante il XXVI secolo. Il protagonista è un ingegnere minerario che lavora per la Concordance Extraction Corporation (C.E.C.), una compagnia che manda enormi astronavi minerarie attraverso la galassia. Quando la C.E.C. riceve una chiamata dalla USG Ishimura (una nave di classe Planet Cracker - che distrugge pianeti per ricavare minerali), Isaac e quattro impiegati della C.E.C. salgono sulla USG Kellion per dirigersi verso di essa. La Ishimura è in orbita attorno ad Aegis VII, apparentemente ferma a causa di un guasto meccanico. Durante l'atterraggio, un malfunzionamento del faro gravitazionale causerà un grave danno alla Kellion, che dovrà essere riparata per essere in grado di ripartire. Subito dopo lo schianto sul ponte di volo, l'equipaggio della USG Kellion viene attaccato da delle strane creature antropomorfe; i due piloti rimarranno uccisi, mentre Isaac fuggirà attraverso un montacarichi, rimanendo separato dal resto della squadra. A questo punto Isaac, Kendra Daniels, e Zach Hammond sono gli unici membri sopravvissuti della USG Kellion. Hammond rivela che la maggior parte dei sistemi vitali di supporto della Ishimura stanno cedendo, e chiederà ad Isaac di aggiustarli. Durante l'esplorazione della nave, quest'ultimo scoprirà, tramite diversi messaggi audio e video, che cosa è successo prima del suo arrivo. Verrà a conoscenza che il capitano della nave era un membro della "Chiesa di Unitology", ed era stato assegnato ad essa non tanto per estrarre minerali da Aegis VII, bensì per recuperare "Il Marchio", un misterioso manufatto alieno estremamente importante per questo diffuso e influente culto religioso. Dopo che la reliquia è stata estratta e portata a bordo della Ishimura, i membri della colonia hanno cominciato a soffrire di attacchi isterici ed allucinazioni, che hanno portato ad una lunga sequela di omicidi senza motivo. Le creature che infestano la nave, chiamate necromorfi, sono il frutto di un organismo alieno che ha infestato i cadaveri e che li ha resuscitati; nati sulla colonia, sono arrivati sulla Ishimura tramite uno shuttle che si è schiantato sul ponte di atterraggio. Isaac incontrerà, anche se non direttamente, la fidanzata Nicole, medico che lavorava a bordo della Ishimura e che è apparentemente rimasta in buona salute. Nel caos derivato dall'infezione, il capitano della Ishimura, Benjamin Mathius, resterà ucciso durante una lite con l'ufficiale scientifico, il dottor Kyne. Nel disperato tentativo di impedire alla nave infetta di lasciare il sistema Aegis, Kyne saboterà i motori e distruggerà le navette, impedendo a chiunque di lasciare la nave. Inoltre, lancerà le capsule di salvataggio e metterà fuori uso il sistema di comunicazione della nave. Isaac, Kendra, e Hammond riescono a lanciare un segnale di S.O.S, che viene raccolto dalla nave militare USM Valor. Sfortunatamente, la Valor raccoglie una capsula di salvataggio in cui Hammond aveva intrappolato un necromorfo, che infetta gli impreparati soldati a bordo, mandando la nave in collisione con la USG Ishimura e rendendola inutilizzabile. Hammond, precedentemente scomparso, contatta Isaac, annunciando di aver trovato una navetta utilizzabile per abbandonare la nave. Tuttavia, il nucleo energetico della navetta è stato rimosso, questo costringe Isaac ad andare alla ricerca di un nuovo nucleo nel relitto della Valor. Mentre Isaac è alla ricerca del nucleo, Hammond trova il registro armamenti della Valor, scoprendo che essa si stava avvicinando alla Ishimura per attaccarla e distruggerla. Hammond fa in tempo a rivelare ad Isaac questo fatto, prima di morire attaccato da un necromorfo corazzato. Intanto il Dr. Kyne, anch'esso sopravvissuto, contatta Isaac e lo convince a riportare il Marchio su Aegis VII, in modo da calmare (o almeno così pensa) l'"unica Mente", una enorme creatura che controlla i necromorfi. Dopo avere messo in funzione la navetta e avere caricato il Marchio al suo interno, Kyne viene assassinato dalla Daniels, che dichiara di essere in realtà un agente del governo, in missione segreta per recuperare il Marchio. Rivela inoltre che in realtà quello non è il Marchio originale, bensì una copia di quello trovato 200 anni prima sulla Terra e che era stato portato su Aegis VII per verificarne il funzionamento. Dopo la partenza di Kendra, Isaac riceve una chiamata da Nicole; con lei richiama la navetta grazie ad un segnale di emergenza, sebbene Kendra riesca a fuggire con una capsula prima che lo shuttle approdi di nuovo sulla Ishimura. Nicole e Isaac partono per la colonia, poi rimettono il Marchio nel

17 luogo dove è stato prelevato. Nicole inizia a fare strani discorsi, dicendo in diverse occasioni ad Isaac: "rendici di nuovo uno". Appena Isaac riporta il marchio sul piedistallo, esso si attiva, e Nicole si mostra e lui, ringraziandolo e scomparendo nel nulla. Questo sembra fermare l'"unica Mente", ma allo stesso tempo un enorme pezzo di roccia che era collegata alla Ishimura, e mantenuto in orbita dai legami gravitazionali della colonia, si stacca e comincia a precipitare verso il pianeta, rischiando di distruggerlo. Isaac cerca di scappare, ma appare di nuovo Kendra, che prende così di nuovo il Marchio; inoltre mostra a Isaac un video registrato qualche giorno prima, dove Nicole sembra togliersi la vita, dimostrandogli così che ha portato il Marchio sul pianeta da solo perché controllato dalla creatura. Quest'ultima, improvvisamente risvegliatasi, uccide Kendra con un tentacolo, quindi attacca Isaac che però riesce a sconfiggerla, per poi scappare con la navetta pochi secondi prima che la colonia venga distrutta. Mentre configura il computer di bordo per impostare la rotta e pensa a Nicole, all'improvviso viene attaccato da quello che sembra un Necromorfo con l'aspetto di Nicole, ma la scena viene improvvisamente interrotta. Se questa sia un'altra allucinazione o un vero necromorfo non viene rivelato, come il destino di Isaac stesso.

18 MARIO KART DA SEMPRE, TURBO E... BANANA?!! Da sempre Mario Kart è sinonimo di divertimento allo stato puro. Difficile trovare un singolo videogiocatore che riesca a resistere alla tentazione di afferrare il joypad per una spericolata gara in compagnia. L elemento multiplayer è la vere anima di Mario Kart e con questa edizione per Wii, il coinvolgimento in merito ha raggiunto dei livelli davvero sensazionali. L obbiettivo principale in Mario Kart, come in ogni gioco che si rispetti, è quello di arrivare primi al traguardo. Si gareggia su dei Kart per l appunto, impersonando la personalità più in vista del famigerato Regno dei Funghi. La grande differenza, di cui si parlava sopra, risiede nella presenza di una serie di oggetti che vi sarranno molit utili, anzi fondamentali, per raggiungere il vostro obbiettivo. Immaginate un buffo dinosauro verde a cavallo di una vespa modificata che si appresta a lanciare un temibile guscio di tartaruga contro un avversario. Beh, non fate quelle espressione perplesse questo è semplicemente Mario Kart, come lo conosciamo tutti o quasi. UNA SFIDA ANCORA PIU' GRANDE In questa nuova incarnazione per Wii non assistiamo però ad una rivoluzione vera e propria, quanto più ad una naturale e spontanea evoluzione del concept alla base del titolo. Ci troviamo di fronte ad una grande varietà di piste, suddivise tra quelle più famose ripescate dal passato e le new entry, tanti mezzi diversi con cui gareggiare oltre ai normali veicoli standard (come ad esempio moto da cross e auto sportive, tutte sempre in linea con lo stile del gioco) e oltre alle vecchie risorse, tre nuovi oggetti da scagliare al momento giusto. Un fungo gigante dalle intuibili proprietà, che vi permetterà ad esempio di diventare quattro volte puù grandi del normale per investire gli altri concorrenti, una nuvola che nasconde un tremendo fulmine miniaturizzante, oppure un cubo Pow direttamente da Mario Bros jn grado di far tremare per qualche istante la terra sotto le vostre ruote. Torna anche il saltino da eseguire prima di una derapata in curva, che ha il ritrovato compito di introdurci a quel magnifico miniturbo che tutti dovremmo saper utilizzare a dovere, come del resto la nuova particolarità delle acrobazie, che ciascun personaggio può effettuare il salto da una rampa. In Mario Kart sono presenti anche i ben noti gran premi, per sbloccare altro gustoso materiale, le gare a tempo e l immancabile modalità battaglia, in cui cimentarsi con la cpa o con degli amici in competizioni ai limiti della correttezza, tra bombe a palloncini da far esplodere per eliminare il contendente. COINVOLGE IL MONDO INTERO! Eccoci alle prima delle due vere novità di questo episodio. Da oggi le frenetiche corse di Mario Kart sono online anche su Wii (dopo il capitolo su DS che aveva lanciato l esperienza in rete di Nintendo) e quella di cui ora vi parleremo è attualmente, senza alcun dubbio, la migliore modalità online presente su Wii. Per l occasione disponiamo di un intero Canale dedicato alle nostre statistiche e ai ai dati che possiamo ricevere da ogni giocatore sperso per il globo, come ad esempio i suoi record e la possibilità di sfidare il primato tramite la gara con suo fantasma. Si possono cerare avversari su scala mondiale oppure continentale, e gareggiare con loro nelle modalità

19 presenti in, single player citato poco sopra, ma allo stesso tempo creare stanze private per i nostri amici. E inoltre possibile andare online assieme ad un amico dalla stessa console e quindi tuffarsi in gara di squadra davvero entusiasmanti. UN NUOVO MODO DI GUIDARE Questa come potrete aver intuito è la secondo grande novità. Sul piano dell importanza possiamo dire con certezza che la modalità online è l introduzione che non poteva affatto mancare, ma sul piano dell immagine 4 della giocabilità pura, la prima cosa che salta all occhio di questo Mario Kart, è il nuovo accessorio con cui è uscito in bundle nei negozi. Stiamo parlando del Wii Wheel, un bianco volantino in plastica in cui inserire il Wii Remote in posizione orizzontale. Grazie a questo grazioso oggetto di design sarà possibile sfruttare i sensori di movimento per una guida più coinvolgente. Sia chiaro che è decisamente divertente utilizzare Il Wii Wheel per calersi ancora di più nei panni di un provetto pilota. E infine vi proponiamo una piccola ricerca sulla dipendenza sui videogiochi. LA DIPENDENZA DA VIDEOGIOCHI Il fenomeno della diffusione e utilizzo dei videogiochi ha raggiunto dimensioni notevoli a livello planetario. Purtroppo oggigiorno il gioco è sempre più sostituito dal videogioco che non ha le stesse caratteristiche educative e di socializzazione. Il videogioco, alcune volte, diventa un passatempo sempre più invadente fino a generare uno stato di abuso ed una successiva, vera e proprio dipendenza. Nella dipendenza da videogiochi il tempo impiegato a giocare virtualmente sale in modo esponenziale e, in poco tempo, invade spazi e momenti prima dedicati ad attività reali, alla scuola, al tempo libero e agli amici. L ossessione verso l utilizzo del videogiochi può indurre uno stato di agitazione quando non vi è la possibilità di giocare e disturbi del sonno e isolamento sociale legati all eccessivo uso del gioco virtuale. Dallo studio del Centro Studi Minori e Medio è emerso che 58,5% degli studenti gioca con i videogames una volta al giorno, il 20,5 due volte al giorno. Il tempo medio di gioco è inferiore a un ora per il 57% degli studenti, mentre uno studente su quattro gioca da una a tre ore. I generi preferiti sono l avventura (29%) e lo sport (21,5%), anche se gli studenti che giocano per più di tre ore al giorno prediligono i giochi di combattimento. E interessante notare che il 40,5% dei giocatori si identifica qualche volta nelle storie dei videogiochi, anche se il 43,5% dei ragazzi si dice non condizionato nell umore dall esito della partita. Infine, tre minori su quattro ritengono che possono scattare problemi di dipendenza da videogioco solo per chi gioca più di sei ore al giorno. Ma il videogioco allora, è buono o cattivo? Dipende dall uso che se ne fa. E probabilmente sbagliato criminalizzare il videogioco, ma l abuso può essere pericoloso. In quanto evoluzione tecnologica delle diverse forme di gioco, il videogame è potenzialmente portatore di numerosi

20 effetti positivi: rappresenta uno stimolo per le abilità manuali e di percezione, stimola la comprensione dei compiti da svolgere, abitua a gestire gli obiettivi, favorisce l allenamento alla gestione delle emozioni e lo sviluppo dell abilità di prendere rapidamente delle decisioni. Il rovescio della medaglia è costituito dai rischi relativi all uso protratto nel tempo dei videogiochi, ossia la videomania (o videoabuso) e la video fissazione, cioè la prolungata esposizione ad un videogame, senza pause e completamente assorbiti dal gioco. Spesso l abuso di videogiochi è seguito da altre condotte disturbate, come la sedentarietà (con conseguente rischio di sviluppo di sovrappeso corporeo), il togliere spazio alle attività connesse all apprendimento scolastico (spesso praticate frettolosamente e con scarsa concentrazione), nonché la sostituzione del videogioco ad ogni altra forma di relazione sociale (favorendo uno stato di isolamento ed una tendenza all introversione).

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli