Riti d iniziazione e di passaggio; ordalie antiche e moderne

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riti d iniziazione e di passaggio; ordalie antiche e moderne"

Transcript

1 Riti d iniziazione e di passaggio; ordalie antiche e moderne Olmo Cerri Supsi DSAS TP1 Laboratorio di Pratica Professionale 1 Prof. Eleonora Gambardella Maggio 2005

2 Riti d iniziazione e di passaggio; ordalie antiche e moderne Indice: 1) Introduzione Che senso ha questo lavoro? 2) Riti di passaggio e di iniziazione La classificazione dei riti - Riti di passaggio e di iniziazione - Cut off: la separazione - Morte e rinascita 3) Moderni riti di passaggio Rituali negati - La società del rischio: in conquistatori dell inutile - L ordalia - Ordalia oggi: suicidio come appuntamento settimanale dei giovani ticinesi - Una società ordalica? Una roulette russa collettiva e coatta 4) Bibliografia Libri e altri supporti cartacei - Pagine web ed altri supporti elettronici 2

3 1) Introduzione Che senso ha questo lavoro? Durante lo svolgimento di questo lavoro mi sono chiesto più volte che senso avrebbe potuto avere. Il principale testo di riferimento (Van Gennep) tratta l argomento con un occhio antropologico ed etnologico. I riti di passaggio paiono una questione distante dalla nostra realtà, senza evidenti rimandi al quotidiano. Quasi riguardassero esclusivamente tribù primitive in territori lontani da noi. Eppure nessuno di noi può ritenersi escluso da questo argomento. Anche cercando di evitarlo non ci è possibile farne a meno: la parte più ancestrale di noi ha ancora bisogno di riti e di magia. I cambiamenti ci spaventano e mandano in crisi la nostra razionalità. Non riusciamo a spiegare tutto quello che ci accade attorno e, men che meno, quello che accade dentro di noi. La nostra società scientifica non può più spiegare con la magia o con la religione tutto quello che ancora non capisce, ma non ha però ancora trovato una valida e applicabile teoria che le supplisca efficacemente. Marc Augé 1, ci propone una nuova chiave di interpretazione dell antropologia, una chiave che ci permette di applicarla facilmente anche alla nostra realtà quotidiana. Siamo abituati a pensare l'antropologo come uno studioso del Lontano, colui che si occupa di tribù di indigeni nell'africa (una volta coloniale, oggi sottosviluppata), oppure di popolazione tribali di un isola della nuova Guinea, eppure l'antropologo si occupa sono ed esclusivamente del qui ed ora. Un antropologo mentre sta operando si trova sempre qui (nel suo personale qui momentaneo) e ci racconta quello che vede, sente e percepisce in quel momento (ora). Si tratta della testimonianza diretta di un istante più o meno lungo. Inevitabile quindi che gli antropologi iniziassero ad osservare con l'occhio professionale anche la realtà sociologica più vicina, la nostra, quella nella cui siamo abituati a vivere e a muoverci. E questo non certo perché il campo di studio esotico sia stato completamente eviscerato, ma perché l'osservazione antropologica vicina non è meno interessante di qualsiasi altra. Il metodo antropologico è quindi applicabile alla nostra società, il problema sta nella vasta complessità dell'oggetto di studio, dalla mole immensa di materiali che la contemporaneità offre. Ragionare sui riti di passaggio con occhio antropologico, permette quindi di capire un po meglio aspetti della quotidianità che altrimenti sarebbero ancora più oscuri. I giornali e la televisione, continuano a parlare di violenza giovanile, di giovani deviati, di criminalità. Ne parlano molto, ma in fondo senza dire niente. Sarebbe interessante conoscere il parere di un antropologo su questi avvenimenti. Cercherò in questo lavoro di privilegiare i rimandi teorici con concetti più facilmente applicabili alla nostra realtà, decidendo di tralasciare (anche e soprattutto per circoscrivere il campo di ricerca) quegli aspetti più immediatamente ricollegabili e trasferibili nella realtà pratica e professionale. Durante il mio stage mi troverò spesso confrontato con la quotidianità di giovani e adolescenti, capire alcuni meccanismi più interni e intimi mi permetterà forse di rapportarmi in maniera più utile ed efficace con loro. Non da ultimo mi auguro che questo lavoro mi possa aiutare ad interpretare alcuni miei sentimenti e modi di fare, comprendere alcuni stati d animo e modi di essere. Questa parte non sarà esplicitamente parte integrante del lavoro ma si tratterà di un lavoro a margine, del tutto personale e introspettivo, ma di indubbia utilità per la mia crescita. 1 Marc Augé, africanista, nel suo Nonluoghi, introduzione a una antropologia della surmodernità, Eleuthera, 1997, tratta in maniera brillante ed accattivante, la questione dell antropologia vicina 3

4 2) Riti di passaggio e di iniziazione La classificazione dei riti 2 Nella nostra società occidentale contemporanea vi è una netta separazione fra mondo sacro e mondo profano, in altri gruppi societari più primitivi (così come anche alle nostre latitudini in tempi addietro), la separazione era meno netta e definita. Nulla era svicolato dal sacro: la nascita, il parto, la caccia, le malattie, i cicli della natura, le intemperie, la morte, eccetera. Secondo Van Gennep (professore di Etologia all'università di Neuchatel, ) la vita degli individui componenti di ogni società, consiste nel passaggio successivo da un'età all'altra e da un'occupazione alla seguente. Se questi passaggi avvengono fra gruppi tenuti separati occorre che la transizione sia accompagnata da degli atti particolari. In una società legata alla sacralità occorre, tramite questi atti, regolamentare e controllare le azioni e le reazioni fra sacro e profano che ne potrebbero conseguire, in modo da salvaguardare la società stessa da danni e disagi. La vita di un individuo, è quindi composta un'inarrestabile serie di tappe: la nascita, la pubertà sociale, il matrimonio, la paternità, la progressione di classe, la specializzazione di occupazione, e la morte. Ad ognuno di questi insiemi viene fatto corrispondere delle cerimonie, che hanno tutte il medesimo fine: far transitare la persona da una situazione determinata ad un'altra situazione anch'essa determinata. Il fine è quindi identico, i mezzi per ottenerlo non saranno medesimi ma avranno delle analogie, in quanto la tappa superiore conterrà dentro di se tutte quelle che la hanno preceduta. Ne l'individuo ne la società umana sono indipendenti dalla natura e dall'universo, i ritmi della natura hanno evidenti ripercussioni sulla vita degli esseri umani. È proprio per questo che è necessario accompagnare anche i mutamenti cosmici (equinozi e solstizi, plenilunio, capodanno, ecc) con dei riti, proprio come si fa con i cambiamenti umani. Diversi ricercatori hanno affrontato la tematica, e sono stati proposti diversi tentativi di codifica di questa moltitudine di rituali tramite diversi schemi. Tutti sono comunque concordi nell'affermare che si è ancora lontani da una perfetta sistematizzazione di questi fenomeni. Un primo tentativo è stato quello di suddividere i riti simpatici ovvero quelli che agiscono con il simile sul simile, oppure del contrario sul contrario o ancora della parte sul tutto dai riti contagiosi ovvero quelli che agiscono sulla materialità e sulla trasmissibilità di qualità naturali acquisite. È stata pure avanzata l'idea di suddividere i riti fra diretti quelli che hanno un potere efficace immediato (come l'imprecazione o un sortilegio) e quelli indiretti che mettono in modo un processo secondario (come l'invocazione di un'entità superiore). Solamente raramente questi schemi (a cui si aggiungono molte altre teorie) risultano un aiuto accettabile per una schematizzazione valida dei fenomeni osservati. L'autore preferisce quindi concentrarsi invece che sulla suddivisione, sulla comprensione e lo studio di un'intera sequenza cerimoniale, ovvero il percorso completo necessario per transitare da una situazione all'altra che è stato definito come rito di passaggio e che raggruppa al suo interno riti di separazione (perliminari), di margine (liminari) e di aggregazione (postliminari). I riti di passaggio oltre al loro scopo di transizione hanno anche un ulteriore fine che molto spesso è quello dichiarato. Per esempio, la cerimonia del matrimonio (rito di passaggio fra l'età puberale e l'età riproduttiva) comporta anche un rito di fecondazione, la nascita comporta riti di protezione, l'iniziazione comporta riti propiziatori e così via. Insomma un intricato intreccio di riti che diventa spesso difficile (e forse inutile) riconoscere e scomporre nelle sue unità costitutive. 2 Cfr. Van Gennep Arnold, I riti di passaggio, Universale Bollati Boringhieri, Torino, 1981, capitolo 1 4

5 I riti di passaggio e di iniziazione 3 Anche se in genere vi è una grande confusione e a volte i riti di passaggio e di iniziazione sono congruenti, per comprendere l'essenza di questi ultimi, occorre distinguere le tappe fisico-biologica dalle tappe sociali. Per comprendere questo concetto, prendiamo ad esempio la pubertà: in alcune zone dell'europa il menarca avviene mediamente attorno ai quattordici anni, mentre la possibilità giuridica di sposarsi sopraggiunge già ai dodici anni. In questo caso la pubertà sociale non coincide con la pubertà biologica. 4 Nei maschi la pubertà biologica è ancora meno definita e difficile da individuare chiaramente, i loro riti di iniziazione saranno quindi più facilmente legati alla professione che il giovane intenderà intraprendere. La pubertà sociale potrà quindi prolungarsi fino a quando tutti i requisiti necessari per l'accettazione nel nuovo gruppo non potranno essere soddisfatti. Da questo si può dedurre che i riti di iniziazione siano si un modo per diventare uomini o donne, ma restino comunque anche un rito di transizione dall'insieme del mondo asessuato, all'insieme del mondo sessuato. Dal mondo dei bambini al mondo degli uomini e le donne, da fanciullo a lavoratore e così via. Cut off: la separazione I riti di iniziazione devono quindi essere un brusco ed irreversibile mutamento nella vita dell individuo, occorre che siano una divisione netta con il passato. Nell esempio riportato da Howit 5, a proposto della tribù australiana dei Kurnai appare evidente l irreversibilità del rito di iniziazione: L obbiettivo di tutti i momenti di questa cerimonia è di introdurre un mutamento brusco nella vita del novizio; il passato deve essere separato da lui (cut off) con un intervallo che non potrà mai più riattraversare. La parentela con la madre, nel ruolo di bambino, viene bruscamente spezzata e, a partire da questo momento, egli resta legato agli uomini. Deve abbandonare tutti i giochi e gli svaghi dell infanzia nello stesso momento in cui si spezzano i vecchi legami domestici con la madre o le sorelle. Egli diventa così un uomo preparato, consapevole dei doveri che gli competono in qualità di membro della comunità Murring. Elemento comune a molte culture, provenienti anche da parti diverse e molto distanti del globo, è quella riferita a tutte quelle pratiche di modificazione corporea permanente, attraverso mutilazioni, ablazioni e resezioni in qualunque parte del corpo, al fine di modificare in maniera evidente a tutti i membri della comunità, la personalità di un individuo. La circoncisione, l estrazione di un incisivo (Australia), la recisione di una falange della mano (Sud Africa), i tatuaggi e le scarnificazioni, la perforazione del setto nasale, il taglio del lobo dell orecchio o la sua perforazione, sono tutti riti di separazione (separazione esplicitata dal ferimento della corporeità) che permettono all individuo di aggregarsi ad un gruppo determinato. Il rito lascia segni indelebili, l aggregazione risulta quindi definitiva e permanente. Nei riti di iniziazione spesso vengono utilizzati anche differenziazioni meno definitive come costumi particolari, maschere, pitture, la differenziazione che imprimono è soltanto temporanea. 3 Cfr. Van Gennep, (op. cit.), capitolo 6 4 Questo esempio, citato a p. 58, riguarda la città di Roma ma non riporta le fonti di tali dati e neppure l'epoca in cui questi dati erano attuali. A prescindere da queste mancanze rimane comunque un esempio esplicativo del divario fra pubertà sociale e biologica. 5 A.E. Howitt, The native Tribes of South and Aouth-East Australia, Londra 1904, p. 532, citato dal Van Gennep 5

6 Morte e rinascita La morte iniziatica rende possibile la tabula rasa su cui si inscriveranno le rivelazioni successive, destinate a formare un uomo nuovo 6. Un altro punto in comune in riti di iniziazione di civiltà anche molto distanti è quella del passaggio da una pantomima di morte-rinascita nel corso del rito. Per un periodo più o meno lungo il novizio viene considerato come morto o morente. Tramite pratiche diverse si ottiene un progressivo indebolimento oppure una momentaneo stato di confusione, delle caratteristiche fisiche e psichiche. Al momento in cui il soggetto è morto (simbolicamente), gli è finalmente permesso rinascere, il gruppo degli adulti gli insegna a vivere in modo del tutto diverso rispetto all infanzia, viene reintegrato a tutti gli effetti grazie al suo nuovo ruolo. Può accedere alla sfera della sessualità, deve assumersi in maniera indipendente scelte e responsabilità (è finito il tempo dell ignoranza infantile), entra a far parte del mondo sacro. Prende conoscenza della storia sacra della sua cultura, che dovrà essere custodita e ritrasmessa intatta alle future generazioni perché essa contiene le fondamenta della società, la storia della creazione del mondo e della nascita dell uomo. Il rituale di rinascita plasma l uomo nuovo su un modello arcaico, divino e mitico. L individuo entra a far parte di una storia collettiva (ontologica) condivisa con tutti i membri adulti della sua comunità. In questo modo si ottengono due importanti risultati, a livello personale si ha la possibilità di incanalare energie e pulsioni verso degli obbiettivi ritenuti socialmente positivi: a livello collettivo ottiene risultati normativi (il rispetto della legge), rigenerativi (forze nuove all interno della società) e coesiva (il sentimento di far parte tutti dello stesso gruppo). A volte con il nuovo ruolo, il soggetto assume anche un nuovo nome che ne esplicita il cambiamento e la nuova identità. Esistono poi, come contropartita ai riti di iniziazione, i riti di espulsione, di messa al bando e di scomunica. Essi sono meno studiati e meno frequenti (tutti passano da un rito di iniziazione ma solo un numero nettamente più esiguo deve affrontare un rito di scomunica). Si tratta di riti di desacralizazione che hanno la funzione di distanziare un individuo deviante dalla comunità. È un tentativo di ridurre al minimo le possibilità di destabilizzazione di una società da parte dei suoi componenti. 6 Eliade M., La nascita mistica. Riti e simboli d iniziazione, Brescia, Morcelliana, 1980, p. 10 6

7 3) Moderni riti di passaggio Rituali negati I bambini che crescono in città, [ ] dove possono trovare i loro miti? Se li fabbricano da soli. Ecco perché le città si riempiono di graffiti. Questi ragazzi hanno le loro bande, con tanto di iniziazioni e codice morale, e fanno quello che possono. 7 L esigenza di rituali d iniziazione non è estranea alla nostra cultura occidentale ma, negata dalla cultura ufficiale, si ripropone in termini occulti e inconsapevoli. Le istituzioni moderne, lasciando al singolo individuo il problema del suo sviluppo interiore, ed è del tutto assente una presa a carico collettiva dei mutamenti personali. La scuola, i gruppi giovanili e le famiglie si occupano solo in maniera limitata e improvvisata di questo tema. La chiesa ha perso molta credibilità in questo campo (la cresima per esempio ha perso gran parte del significato che un tempo gli era attribuito). Gli individui al termine della loro fase profana infantile sentono il bisogno di accedere al mondo sacro adulto, ma non ricevono il supporto sociale necessario. Ogni individuo necessità di una morte simbolica per permettere una nuova nascita, i tentativi messi in atto dai giovani adulti spesso hanno esiti distruttivi (invece che costruttivi) proprio per la mancanza di una modalità chiara e socialmente condivisa e definita. La ritualità è un modo di canalizzare le emozioni, un modo di controllarle e di contenerle entro dei limiti in modo che non siano eccessivamente distruttive e prorompenti. Quando essa viene a mancare crea degli squilibri che devono venir compensati in altro modo. Interessante l esempio, citato 8 dallo scrittore E. Bourguignon, di un confronto particolareggiato (svoltosi nel 1959) tra le reazioni degli Indiani dell'america del nord, che assumono il peyote 9 nell'ambito di rituali religiosi, e i soggetti bianchi, che lo assumono nell'ambito di un esperimento clinico. Sono state riscontrate differenze sorprendenti sia dal punto di vista comportamentale che da quello delle esperienze soggettive. Gli Indiani sperimentavano sentimenti di riverenza e spesso anche di sollievo da qualche malattia fisica. I Bianchi invece si trovavano senza alcuna preparazione culturale che impartisse un particolare significato alla cosa. Le modificazioni della percezione del sé e degli altri terrorizzavano i Bianchi, mentre per gli Indiani coincidevano con le loro aspettative rituali e religiose. Allo stesso modo i Bianchi avevano allucinazioni che variavano da un individuo all altro (erano prive di un modello culturale comune) mentre quelle degli indiani corrispondevano alle loro credenze e al loro schema culturale. Le conclusioni tratte dai risultati del test furono che la droga non ha di per se un suo "contenuto", si limita a modificare per un certo tempo la coscienza e la percezione umana. I differenti risultati ottenuti sono da mettere in relazione con le differenze culturali dei due gruppi: il contesto del gruppo, il significato simbolico dell'evento e la formazione mentale con cui hanno affrontato l'esperienza. 7 J. Campbell., Il potere del mito, Milano, Editori Associati, 1994, pp Sull iniziazione e la fine delle iniziazioni: 9 Il peyote (Lophophora Williamsii) è un piccolo cactus di cm. di diametro, di colore blu-verde scuro, bianco o rosato e di forma globulare, che cresce nelle regioni semi-desertiche del nord e del centro del Messico, e nel sud degli Stati Uniti (es. deserto del Chihuahuàn). Il peyote rappresenta una delle droghe allucinogene più popolari e considerate fra le popolazioni indigene del Messico, al punto che per gli indios messicani era a tutti gli effetti un Dio. Il suo uso fra queste popolazioni risale a prima della storia scritta, e le caratteristiche religioso-rituali del consumo si traducevano in complesse cerimonie, con peregrinazioni di intere tribù nel deserto. Con l'arrivo dei Conquistadores spagnoli, e con l'introduzione forzata del cattolicesimo, l'uso del peyote fu considerato peccaminoso e diabolico. Ma i tentativi protratti, ed estremamente violenti, di estirparne il consumo fallirono, al punto che il suo uso finì per estendersi dal sud del Messico, attraverso il nord America, alle pianure centro-occidentali del continente fino al Canada. Adattamento da: pagine enciclopediche 7

8 La società del rischio: i conquistatori dell'inutile 10 Spingersi oltre, dare fondo alle proprie forze, incontrare finalmente un muro d arresto dopo aver speso generosamente la propria energia, a quel punto, in maniera provvisoria o durevole, trovare la propria collocazione, sentirsi esistere, sentire d essere contenuti. Il paradosso dell estremo è di porsi come contenitore, e di raccogliere infine un identità frammentaria. 11 Nel periodo in cui viviamo il fattore rischio ha assunto un ruolo sempre più preponderante. Sono sempre di più le persone (non solo adolescenti) autori di prodezze rischiose. Gli esempi si possono trovare negli ambiti più diversi: da quello sportivo a quello economico. Scoprire i propri limiti ed eventualmente riuscire superarli, è proprio quello che la folla di conquistatori dell'inutile stanno cercando. Un bisogno di limite che da la sicurezza di esistere, trovare un limite fisico per supplire alla mancanza di un limite simbolico. Affrontare un rischio permette di dominare la morte, permette di renderne visibile ed accessibile la minaccia e prendere le dovute precauzioni per poterla evitare. Da questa sfida se ne esce rafforzati, con un significato nuovo (ma spesso poco durevole) per affrontare l'esistenza. L'ordalia 12 L ordalia è dunque un rituale di conciliazione sociale che favorisce la risoluzione di una tensione durevole tra il soggetto e il gruppo, attraverso il procedimento sommario ma efficace del tutto o niente. L ordalia è un rito giudiziario, il giudizio di un dio (può trattarsi di una personalissima concezione di dio, divinità o quant'altro abbia potere di governare gli eventi) nei confronti dell uomo. È un rito che ha un suo senso di esistere in quelle società in cui tutto è collegato, in cui non esiste il caso e in cui la storia confonde le relazioni fra uomini e dei. Chiamare una divinità a pronunciarsi, in maniera inequivocabile sulla colpevolezza o meno di un individuo, è una soluzione incontestabile ad una crisi che è sorta fra un individuo e il suo gruppo sociale. Il responso divino, in caso sia negativo, è dato dalla morte. Così come il rito di iniziazione anche l ordalia è un sistema che provoca un effetto distensivo sul gruppo sociale, sono ambedue dei metodi per evitare crisi interne, per risolvere in maniera relativamente indolore periodi drammatici. Grazie all ordalia una comunità riesce a superare periodi di stasi causata dall indecisione, è un procedimento che pacifica determinate tensioni interne in un gruppo. Con la razionalità che contraddistingue 13 la nostra società, diventa difficile accettare questo metodo di risoluzione dei problemi. Nessuno tribunale sarebbe più disposto ad accettare per esempio la prova del fuoco, ovvero l inserimento della mano in acqua bollente e la seguente valutazione dell ustione o rituali ordalici di questo tipo. Eppure l ordalia, pur modificata radicalmente nella sua sostanza continua ad esistere. L individualismo che contraddistingue la società postmoderna si è trasferito anche nell ordalia, non più un rito collettivo ma un intimo, solitario, imprevedibile e personale bisogno di conferma. Anche l ordalia individuale rompe il sentimento di indecisione e di stasi, è una reale via d uscita ad una situazione apparentemente bloccata. Maggiore è il rischio da cui si è usciti indenni, maggiori sono le possibilità di salvezza, un meccanismo che si collega direttamente con il rituale di morte-rinascita tipico dei riti di passaggio. La propria personalissima visione del sacro riempie almeno in parte il vuoto lasciato dall assenza di 10 Cfr. Le Breton Davis, Passione del Rischio, Edizioni gruppo Abele, Torino 1995, capitolo 1 11 Cfr. Le Breton (op. cit.), capitolo 3, p Cfr. Le Breton (op. cit.), capitolo 2, da cui è tratta anche la citazione sottostante 13 o forse meglio dovrebbe contraddistinguere 8

9 una comunità a cui far riferimento per le questioni di primaria importanza. La visibile brutalità dell atto ordalico permette di creare reazioni anche all esterno, la brutalità di questo atto provoca il gruppo sociale e aiuta a rinsaldare i legami di attenzione e cura attorno al soggetto 14. Ordalia oggi: suicidio come appuntamento settimanale dei giovani ticinesi Io, se fossi Dio. E potrei anche esserlo. Se no non vedo chi. 15 Sono molti, difficili da riconoscere ed impossibili da quantificare i comportamenti ordalici dei giovani. Abuso di sostanze stupefacenti, guida spericolata, sesso non protetto, abuso di cibo, astinenza dal cibo, comportamenti rischiosi, violenza, delinquenza, giochi pericolosi, suicidi e tentati suicidi. Dove si situa esattamente il limite fra comportamento rischioso o normalmente patologico e vera e propria ordalia? In Ticino, come nel resto del mondo non esistono delle statistiche precise su questo argomento, se ne parla molto poco, il tema è ancora un tabù. Si teme che parlando di suicidio per imitazione esso venga messo in pratica da altre persone 16. Eppure a volte, è proprio la solitudine, l impossibilità di verbalizzare il proprio malessere che spinge a questo gesto estremo. In Svizzera il suicidio è la prima causa di morte fra i giovani fino a 24 anni, muoiono più persone per questo motivo che per incidente stradale 17. In Ticino mediamente si suicida una persona alla settimana, nel mondo una ogni quaranta secondi 18. Queste statistiche non provengono mai da istituzioni che si preoccupano di sanità o socialità ma direttamente dagli archivi di polizia. Ulteriore segnale del fatto che la tematica è marginalizzata e nascosta, sicuramente non affrontata con la dovizia che invece meriterebbe. È difficile diventare adulti nella società del libero mercato globalizzato 19. Forse più difficile di un tempo in cui non c era altra scelta se non diventare adulti molto in fretta, per poter collaborare alle necessità di sussistenza della famiglia. Oggi per diventare adulti è necessario apparire adeguati rincorrendo quindi tutti quegli oggetti status senza di cui pare impossibile relazionare e riuscendo a indossare i panni che la società impone. La formazione mercificata poi, indispensabile per entrare nel mercato del lavoro senza la quale si rischi di essere un peso per la società. Formazione che inizia già a discriminare con i livelli alle 14 È possibile notare questo in alcuni casi di tentato suicidio, grazie al superamento del rito ordalico è possibile riallacciare rapporti con parenti amici che, forse per la prima volta, si rendono conto dell esistenza della loro individualità. 15 Gaber Giorgio, Io se fossi Dio, LP Canzone che per il suo contenuto politico non ha trovato un editore, è stata quindi stampata e diffusa in proprio da Gaber in semiclandestinità. È possibile scaricare il file mp3 (altrimenti difficile da reprerire) dal sito: 16 È proprio questo il tema su cui verte l interessante documentario «Senza di me» di Danilo Catti (RTSI 2004), Presentato in anteprima a Castellinaria (Festival del Cinema Giovane). Il regista propone una soluzione in controtendenza: parlare apertamente di suicidio per poterlo prevenire. 17 In Svizzera, come in generale negli altri paesi europei, vi sono più morti per suicidio che per incidenti della circolazione stradale. I suicidi in Svizzera sono mediamente circa 1400 all anno, per un tasso di 20.3 ogni 100'000 abitanti. Nel 1999, i morti per incidenti della circolazione stradale sono stati 583. In Ticino, rispetto alle morti per incidenti stradali, si constatano mediamente all anno suicidi, ossia un tasso del Dal foglio statistico della polizia cantonale (2002): 18 Dati forniti dall'organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) e ripresi dal dossier di indymedia.ch sul tema del suicidio 19 Cfr: Gioventù e liberomercato globalizzate, di Graziano Pestoni, da I diritti del Lavoro organo della VPOD (Gennaio 2005) 9

10 scuole medie, ricca di competività e alla ricerca dei massimi profitti formativi. Diventa difficile vedere un futuro in queste condizioni, soprattutto quando si è lasciati ad affrontare questo importante cambiamento in maniera solitaria. Senza le strutture sociali e relazionali necessarie per affrontare questo cambiamento. Ognuno deve cavarsela da se, armato di carta di credito e telefonino, farsi strada nella giungla neoliberista. Era forse più facile quando la giungla non era metaforica ma reale, quando nei riti di iniziazione si era sostenuti dalla collettività e quando la privazione del cibo faceva parte di un rituale codificato e non si trattava di un anoressica e solitaria necessita di sopravvivenza. In questo panorama precario ed incerto l ordalia torna ad avere una sua attualità, un modo per sbloccare una crisi statica, per andare oltre. Un mezzo di autodifesa e di sopravvivenza. La conferma dell esistenza stessa in una società in cui significati e valori collettivi sono sconnessi e confusi. Non una ribellione contro la comunità di appartenenza ma un sentimento di abbandono e di impotenza. Non più la morte metaforica e simbolica mediata dei riti di iniziazione, ma la morte affrontata in maniera diretta e concreta in una solitaria ed improvvisata ricerca identitaria che confermi in modo brutale la propria esistenza. Una società ordalica? 20 : una roulette russa collettiva e coatta Siamo tutti degli ostaggi, serviamo ormai tutti da argomento di dissuasione. Ostaggi obbiettivi: rispondiamo collettivamente di qualcosa, ma che cosa? Una sorta di predestinazione truccata, di cui non siamo nemmeno più in grado di individuare chi l ha manomessa, ma noi sappiamo che la bilancia della morte non è più nelle nostre mani, e che siamo ormai in uno stato di suspense e di emergenza permanente, del quale il nucleare è il simbolo. Ostaggi oggettivi di una divinità terrificante, non sappiamo nemmeno da quale evento, da quale accidente, dipenderà la manipolazione definitiva 21 È possibile trovare un corrispettivo dell ordalia individuale a livello collettivo e societaria. Il progresso scientifico e tecnologico, la strenua lotta contro il caso che stiamo portando avanti viene ribaltata nel suo contrario. Il progresso porta con se, forse per la prima volta, la reale possibilità per l umanità intera di autodistruggersi. La scienza e la tecnica procedono in maniera completamente ordalica e aleatoria proprio in quei campi più potenzialmente rischiosi e distruttivi. Gli incidenti nucleari di immensa gravità (come quello di Cernobyl), la distruzione dello strato d ozono, lo stoccaggio irresponsabile di scorie ad elevato potenziale distruttivo in zone non sicure paiono proprio una richiesta specifica ad una qualche divinità di decidere per noi. Un terremoto sottomarino che provoca una fuoriuscita di materiale tossico (evento assolutamente aleatorio e imprevedibile) potrebbe contaminare e distruggere l intero ecosistema marino e di conseguenza minare l intera catena alimentare e quindi sterminarci. Questa possibilità e reale e concreta e potrebbe capitare da un momento all altro è completamente affidata a fattori che non possiamo assolutamente controllare. Proprio come l adolescente ordalico che si sdraia sulla linea bianca che separa le corsie di una autostrada, e lascia a qualcun altro la responsabilità di decidere in merito della sua sopravvivenza. Non conosciamo con sicurezza gli effetti dannosi di tecnologie quali l ingegneria genetica e le radiazioni dei telefonini, eppure non ci scomponiamo. Affrontiamo il rischio, e accettiamo di mettere in gioco tutto quanto abbiamo per avere la conferma della nostra esistenza. I comportamenti rischiosi e ordalici individuali sono quindi specchio di quelli che caratterizzano la società contemporanea collettiva. L individuo e la collettività ancora una volta legati da un filo indissolubile come nelle tribù dette primitive, ma questa volta il legame è perverso ed autodistruttivo. Ufficialmente si vanta il possesso di sicurezza, razionalità e controllo ma basta scavare un po per far emergere proprio il contrario, la sopravvivenza dell intera specie umana è vincolata ad una serie fortuita di coincidenze. 20 Cfr. Le Breton (op. cit.), capitolo 2, da p Baudrillard J., Le strategie fatali, Feltrinelli, Milano, 1984, p

11 4) Bibliografia: Libri e altri supporti cartace Augé M., Nonluoghi, introduzione a una antropologia della surmodernità, Eleuthera, Milano, 1997 Baudrillard J., Le strategie fatali, Feltrinelli, Milano, 1984 Campbell J., Il potere del mito, Editori Associati, Milano, 1994 Eliade M., La nascita mistica. Riti e simboli d iniziazione, Morcelliana, Brescia, 1980 Le Breton D., Passione del Rischio, Edizioni gruppo Abele, Torino, 1995 Pestoni G., Gioventù e liberomercato globalizzate, da I diritti del Lavoro organo della VPOD (Numero 1, gennaio 2005) (presente anche online qui: Van Gennep A., I riti di passaggio, Universale Bollati Boringhieri, Torino, 1981 Pagine Web e altri supporti elettronici Senza di me, di Danilo Catti (RTSI 2004), VHS o DVD: Associazione Treno dei Sogni, Una nuova specie di uomo si aggira nella società: tra antropologia e psicologia... di Giancarlo Bergonzini ed Emanuele Passanante (2 maggio 05) La scomparsa dell iniziazione (Scarano): (3 maggio 05) Trascrizione della trasmissione televisiva Il Grillo, del 28 aprile 1998 (Rai Educational) Di Alessandro Dal Lago: Sacralità e ritualità (5 maggio 05) Sull iniziazione e la fine delle iniziazioni: (5 maggio 05) Suicidi: la strage nascosta, dossier a cura di indymedia.ch: (10 maggio 05) Foglio statistico Suicidi della Polizia Cantonale (2002): (13 maggio 05) Gaber Giorgio, Io se fossi Dio, LP 1980 (testo e Mp3): (12 maggio 05) Il Diogene, pagine enciclopedia sul Peiote: (8 maggio 05) 11

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

La Sieropositività come condizione cronica

La Sieropositività come condizione cronica La Sieropositività come condizione cronica Alcune parti sono state tratte da: Vivere con HIV: malattia e terapia, nuove speranze e nuove difficoltà Di Maria Bolgiani Centro psicoanalitico di studio dei

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

MANIFESTO DELLA VITA

MANIFESTO DELLA VITA Leonardo da Vinci L annunciazione MANIFESTO DELLA VITA Dedicato a Sua Santità Giovanni Paolo II Dove si deduce come non sia intelligenza della realtà e sia negazione di un Dio creatore e del bene dell

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALLA CONSAPEVOLEZZA GLOBALE Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Villaggio Globale, 25 Maggio 2015 Ai Docenti della Scuola dell Infanzia e del

Dettagli

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente! Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!, in un ottica di prevenzione della salute, si è proposto di offrire ai ragazzi del secondo anno un occasione di discussione e di riflessione all interno

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati.

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 1 ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 2 Indice generale Abstract...3 Integrare: perché?...3 Le soluzioni attuali...4 Cos'è un ESB...5 GreenVulcano ESB...6 3 Abstract L'integrazione

Dettagli

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007 Modalità Relazionali Formazione 01/12/2007 R. Magritte Le Therapeute Modalità di resistenza al contatto Introiezione Proiezione Retroflessione Deflessione Confluenza Polster E. Polster M. Psicologia della

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

Macchine e capitale (prima parte)

Macchine e capitale (prima parte) Macchine e capitale (prima parte) 4 Febbraio 2015 1 Nascita del macchinario Connessione tra divisione del lavoro e macchine (Ch.Babbage) è di rilievo analizzare la proporzione che esiste tra lavoratori

Dettagli

Segnaletica Stradale e Sicurezza:

Segnaletica Stradale e Sicurezza: Laboratorio di Sistemi Cognitivi Segnaletica Stradale e Sicurezza: Il problema della comprensione dei segnali dal punto di vista cognitivo Danilo Fum Dipartimento di Psicologia Università di Trieste Laboratorio

Dettagli

Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a

Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a come debba andare il mondo. In continuità con quel che

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi.

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. 1. C'è in primo luogo una sofferenza INDISPENSABILE: per crescere bisogna che i bambini imparino ad affrontare e a superare le sofferenze legate

Dettagli

Emile Durkheim La prima ricerca sociologica

Emile Durkheim La prima ricerca sociologica Emile Durkheim La prima ricerca sociologica Il suicidio (1898) di Émile Durkheim (1858-1917) Esamina delle statistiche senza fare ricerche dirette Prima classificazione: psicologica 1. Maniacale allucinazioni

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA Accompagnare i nostri figli nel cammino dell amore di Rosangela Carù QUALE EDUCAZIONE IN FAMIGLIA? Adolescenti Genitori- Educatori Educazione 1. CHI E L ADOLESCENTE?

Dettagli

INTERVENTO DI LAURA AROSIO

INTERVENTO DI LAURA AROSIO INTERVENTO DI LAURA AROSIO Ricercatrice in Sociologia presso l Università di Milano Bicocca L aumento delle separazioni legali e dei divorzi in Italia BIOGRAFIA Laura Arosio è ricercatrice in Sociologia

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques)

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) Il metodo delle Costellazioni Familiari e Sistemiche nasce a metà degli anni '70 grazie al lavoro di Bert Hellinger, uno psicoterapeuta

Dettagli

Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica

Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica Si rifà alla concezione ciclica della storia, formata da fasi alterne che si ripetono

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO In un percorso educativo, all'interno di una istituzione scolastica, la Pratica Psicomotoria diventa un'attività privilegiata per il bambino. Egli agisce

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva

Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva ANNO ACCADEMICO 2007-2008 ROBERTO BAIOCCO Università degli Studi di Roma Sapienza Il corso offre una panoramica delle principali

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti:

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1b (Rg) TEST D INGRESSO Data Nome Cognome Matr.: Risultato della prova: PROVA DI COMPRENSIONE

Dettagli

LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO

LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO Come Attuare il Cambiamento Attraverso la PNQ e il Modellamento della Realtà 2 Titolo LA FISICA DEL CAMBIAMENTO Autore Luca Clun Editore Bruno Editore Sito internet

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

IL SACRO TRA SIMBOLI E RITI

IL SACRO TRA SIMBOLI E RITI IL SACRO TRA SIMBOLI E RITI SENSO DEL SACRO FONDAMENTO ANTROPOLOGICO COMUNE A TUTTE LE RELIGIONI NATURA AMBIVALENTE QUALCOSA DEGNO DI VENERAZIONE MA ANCHE TREMENDO INTERPRETAZIONI DEL SACRO SOCIOLOGICA

Dettagli

TUTELA DEI BAMBINI PRIVI DI CURA PATERNA. ASTA DERVINYTĖ BONGARZONI MD, PhD

TUTELA DEI BAMBINI PRIVI DI CURA PATERNA. ASTA DERVINYTĖ BONGARZONI MD, PhD TUTELA DEI BAMBINI PRIVI DI CURA PATERNA ASTA DERVINYTĖ BONGARZONI MD, PhD Cariati, il 6 ottobre 2012 OSSERVAZIONI SUL PROGETTO Accoglienza temporanea nelle famiglie italiane TUTELA DEI DIRITTI DEI MINORI

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

Sessualità coniugale e metodi naturali

Sessualità coniugale e metodi naturali INER-Italia Istituto per l Educazione alla Sessualità e alla Fertilità Sessualità coniugale e metodi naturali Corso di preparazione per animatori di fidanzati e giovani coppie di sposi INER BS www.fecunditas.it

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Giornalismo investigativo strumento di verità

Giornalismo investigativo strumento di verità colophon editore delos store Ordinaria Follia a cura di ARIANNA E SELENA MANNELLA Giornalismo investigativo strumento di verità di ARIANNA E SELENA MANNELLA Oggi il problema non è la mancanza di informazione

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM Sex: the Teen App! IL NOSTRO TEAM Sono una psicologa di 33 anni, lavoro nel campo della formazione sia con adulti che con minori. Mi interesso inoltre di benessere sessuale, lavorando in questo ambito

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA iuseppeolivotti giuseppeolivo LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA Venire al mondo è come essere gettati in un libro in cui ci sono già altri personaggi ed altre storie, e entrare

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI I I figli crescono Primo incontro 25.11.06 La scuola superiore: l adolescente l tra scuola e famiglia Secondo incontro17.02.07 La relazione tra genitori e figli adolescenti:

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste La violenza sui minori Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste DEFINIZIONE OMS 1999 L abuso o il maltrattamento sull infanzia è rappresentato da

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi

Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi 1 MAPPA CONCETTUALE TRIBÙ insieme di CLAN insieme di FAMIGLIE GRUPPO organizzato variabile nel TEMPO SPAZIO generato da BISOGNO di

Dettagli

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione Corso di scrittura creativa Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici Prima Lezione Come nasce una storia Il materiale necessario ad uno scrittore Il corso che viene presentato, di

Dettagli

Confronto su alcune domande:

Confronto su alcune domande: Confronto su alcune domande: Possono esistere più madri? Possono esistere più padri? Nella nostra società è veramente cambiato il compito dei genitori? Fabrizia Alliora 8 Novembre 2013 Cosa significa essere

Dettagli

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO?

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? Il Lavoro di cura fisica e psichica necessaria al benessere e alla crescita del bambino è parte integrante del Progetto Educativo

Dettagli

Ragazzi siamo facoltativi!?

Ragazzi siamo facoltativi!? Siena Ragazzi siamo facoltativi!? Corso di sopravvivenza nel mare della procreazione assistita e dintorni A cura di Carlo Bellieni Clicca qui per iniziare!!! Il DNA di una persona esiste prima della sua

Dettagli

La disuguaglianza sociale: Genere, età, etnia. Roberto Pedersini

La disuguaglianza sociale: Genere, età, etnia. Roberto Pedersini La disuguaglianza sociale: Genere, età, etnia Roberto Pedersini Differenze di genere: Essenzialismo e costruzionismo Dualismo assoluto dei due sessi, differenze naturali, universali, immodificabili Somiglianza

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

Progetto educativo per bambini 2014 I NUOVI MEZZI EDUCATIVI I MASS-MEDIA: CONOSCIAMO BENE IL LORO OPERARE NELLA NOSTRA SOCIETA?

Progetto educativo per bambini 2014 I NUOVI MEZZI EDUCATIVI I MASS-MEDIA: CONOSCIAMO BENE IL LORO OPERARE NELLA NOSTRA SOCIETA? Progetto educativo per bambini 2014 I NUOVI MEZZI EDUCATIVI I MASS-MEDIA: CONOSCIAMO BENE IL LORO OPERARE NELLA NOSTRA SOCIETA? Sac. Don Magloire Nkounga Dott. D Ambrosio Giuseppina 1 Quando ci possono

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

i diritti dei bambini in parole semplici

i diritti dei bambini in parole semplici i diritti dei bambini in parole semplici Questa è la traduzione di un opuscolo pubblicato in Inghilterra dall'unicef. È il frutto del lavoro di un gruppo di bambini che hanno riscritto alcuni articoli

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

24-NOV-2015 da pag. 37 foglio 1

24-NOV-2015 da pag. 37 foglio 1 Tiratura 09/2015: 391.681 Diffusione 09/2015: 270.207 Lettori Ed. II 2015: 2.458.000 Quotidiano - Ed. nazionale Dir. Resp.: Ezio Mauro da pag. 37 24/11/2015 Responsabilità professionale. Intervista a Trojano

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

Marino Dr. Ducci GIOVANI, SVEGLIATEVI

Marino Dr. Ducci GIOVANI, SVEGLIATEVI Marino Dr. Ducci GIOVANI, SVEGLIATEVI Bergamo 2003 Ai miei nipoti perché scoprano la super-civiltà del Cristianesimo e la godano per l'eternità Indice Introduzione pag. 009 I. Cristo è Dio incarnato

Dettagli

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr Verona Innovazione Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr 19/06/2015 Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi La parola ai nostri protagonisti Diario descrittivo

Dettagli