IL GENITORE DIGITALE. Il Genitore Digitale. Un network di genitori per prevenire gli acting out degli adolescenti HAPPY SLAPPING NEKNOMINATION

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL GENITORE DIGITALE. Il Genitore Digitale. Un network di genitori per prevenire gli acting out degli adolescenti HAPPY SLAPPING NEKNOMINATION"

Transcript

1 IL GENITORE DIGITALE Un network di genitori per prevenire gli acting out degli adolescenti In collaborazione con DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE Ufficio Studi, Ricerche e Attività Internazionali Ministero della Giustizia Centro per la Giustizia Minorile Sardegna Ministero della Giustizia IMPERSONATION CYBERBULLISMO DENIGRATION SEXTING FLAMING CHAT VIOLENTE STALKING NEKNOMINATION SITI PRO ACAB HAPPY SLAPPING SITI PRO ANA E PRO MIA VIDEOGIOCHI VIOLENTI ADESCATORI ON LINE

2 INDICE IFOS in collaborazione con l Osservatorio Nazionale sul Cybercrime pp. 5 Direzione pp. 5 Responsabili di area pp Brevi Curricula degli Enti coinvolti nel progetto pp Ufficio Studi, Ricerche e Attività Internazionali pp. 8 Dipartimento Giustizia Minorile 1.2 Centro Giustizia Minorile per la Sardegna pp IFOS - sezione Cyberbullismo pp Le azioni dell IFOS a livello locale (Cagliari) pp Le azioni dell IFOS a livello nazionale pp Le azioni dell IFOS a livello europeo pp Analisi del problema pp Premessa pp Navigazione on line a rischio e nichilismo pp Il Cyberbullismo pp I videogiochi violenti pp La violazione del copyright nell ambito delle ricerche scolastiche pp La visione di materiale pornografico, il contatto con adulti pp. 32 cyberpredatori sessuali, l autoproduzione di materiale pornografico 2.7 I siti cerca persone e sesso senza impegno pp La frequentazione di comunità online che enfatizzano pp. 35 le condotte etero e auto aggressive 2.9. L evoluzione dei comportamenti in line a rischio pp. 35 IFOS 2

3 3. Obiettivi pp Azioni pp Selezione, formazione e supervisione dei Genitori Digitali pp Le azioni on line dei Genitori Digitali pp Le azioni off line dei Genitori Digitali pp Le azioni promosse dall IFOS pp La dimensione innovativa pp La valutazione dei rischi pp Controllo e Valutazione in itinere ed ex post pp Modalità di adesione al progetto pp Modulo A: Il Contratto pp La distribuzione dei proventi del progetto pp Il sostegno economico all Osservatorio Nazionale sul Cybercrime pp Copyright e norme penali pp Avviso legale pp. 63 IL GENITORE DIGITALE in collaborazione con DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE Ufficio Studi, Ricerche e Attività Internazionali Ministero della Giustizia IFOS 3

4 IFOS in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE SUL CYBERCRIME DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE Ufficio Studi, Ricerche e Attività Internazionali Ministero della Giustizia 4

5 DIREZIONE OSSERVATORIO NAZIONALE CYBERCRIME Isabella Mastropasqua, Direttore Direttore CGM Sardegna e Ufficio Studi, Ricerche e Attività Internazionali, Dipartimento Giustizia Minorile, Ministero della Giustizia Giovanna Allegri, Vice-direttore Funzionario, Assistente Sociale, CGM Sardegna Luca Pisano, Vice-direttore Psicologo psicoterapeuta, Direttore IFOS DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE Ufficio Studi, Ricerche e Attività Internazionali Ministero della Giustizia Via Damiano Chiesa, 24 - Roma Tel C.G.M SARDEGNA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Via Sassari Cagliari Tel CALL CENTER Via Sassari 3 - Cagliari Telefono:

6 RESPONSABILI DI AREA DEL PROGETTO Il GENITORE DIGITALE SEDE OPERATIVA Via Palomba Cagliari Tel./Fax: AREA PSICOLOGICA Luca Pisano psicologo psicoterapeuta Direttore Master in Criminologia IFOS AREA PEDAGOGICA Valeria Cadau, pedagogista e psicologa IFOS AREA LEGALE Massimo Simbula, Avvocato Studio Legale Simbula AREA SOCIALE Isabella Mastropasqua, Assistente Sociale, Direttore CGM Sardegna, Ministero della Giustizia AREA P2P: parent to parent Augusto Collini, genitore, parent peer educator Stefania Vacca, genitore, parent peer educator 6

7 BREVI CURRICULA DEGLI ENTI COINVOLTI 7

8 1.1 Dipartimento Giustizia Minorile, Ufficio Studi, Ricerche e Attività Internazionali, MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Direttore: dott.ssa Isabella Mastropasqua L Ufficio Studi, Ricerche e Attività Internazionale, Dipartimento Giustizia Minorile, Ministero della Giustizia, diretto dalla Dott.ssa Isabella Mastropasqua, ha realizzato numerosissime attività funzionali a prevenire e contrastare la criminalità minorile. Tra le più rilevanti, segnaliamo per brevità quelle attivate negli ultimi anni: A) STUDI E RICERCHE Progetto Gi.Gi. giovani e giustizia Progetto di ricerca "Stop the deviant careers of Juvenile Criminals (STOP-CAR) Struttura sociale, selettività del sistema penale e realtà carceraria: un osservatorio sulla popolazione detenuta in Italia Progetto di ricerca New Vision of Minority Rights Programma Europeo Youth In Action La variabile di genere all'interno della giustizia minorile La mediazione penale e R.J Policonsumo e nuove droghe I minori e la criminalità organizzata La condizione dei giovani adulti detenuti Il consumo di stupefacenti tra i minori stranieri e risposte dei servizi La devianza di gruppo Gli atteggiamenti dei ragazzi ristretti nei confronti dei valori proposti dal trattamento Gli osservatori locali sulla devianza minorile Indagine sulle buone prassi nella giustizia minorile La total quality negli interventi sulle tossicodipendenza in ambito penale minorile La tutela della salute del minore sottoposto a misura privativa della libertà Le problematiche psicopatologiche nei servizi penali minorili Minori droga e criminalità organizzata Prescrizioni e permanenza in casa - studio sull'applicazione degli articoli d.p.r. 448/88 OIM - I minori stranieri che delinquono, le misure giudiziarie e gli interventi di riabilitazione B) STUDI, RICERCHE E PROGETTI EUROPEI IN CORSO Progetto di ricerca Tools In Network (T.I.N.) - Programma Europeo Leonardo Progetto europeo "Family Roots" - Programma comunitario Prevention and Fight against Crime European Paths towards a culture of lawfulness for young offenders and young persons at risk of marginalisation Progetto di ricerca sui minori abusanti Progetto Juvcrime Analisi di causalità del reato minorile a livello micro e macro economico e valutazione dell impatto sul benessere individuale e sociale delle misure di intervento Restorative Justice and Crime Prevention 8

9 C) ATTIVITA INTERNAZIONALI Crime Prevention Network (E.U.C.P.N.) Rete Europea di prevenzione della Criminalità Cultural mediation Investigation of deviant behaviour by foreign minors in Italy and within the Juvenile Justice System Conference on assistance to cross-border victimsin the European Union Stockholm, 4-6 september 2003 European Crime Prevention Network - Sottogruppo Youth Crime - Vienna, 12 dicembre 2003 COUNCIL DECISION of 28 May 2001 setting up a European crime prevention network Rules of procedure for the European Crime Prevention Network The Haugue Programme Good pratiche methodology Tampere European Concil October 1999 Lussemburgo 2436 Council Linee Crime Prevention 2004 D) CENTRO EUROPEO DI STUDI - C.Eu.S. - DI NISIDA Il Centro Europeo di Studi di Nisida nasce come Servizio finalizzato alla ricerca, monitoraggio e approfondimento dei fenomeni di devianza giovanile in Europa. Le attività del Centro Studi mirano a costruire un sistema di conoscenza condivisa sul funzionamento della giustizia penale minorile in Europa di supporto alla programmazione delle politiche legislative e di prevenzione sociale della criminalità minorile. Il Centro Europeo di Studi di Nisida ha avviato il lavoro di comparazione dei sistemi legislativi, delle politiche sociali e di giustizia di contrasto alla criminalità minorile nei vari Stati. Tra gli obiettivi primari del Centro Studi vi è la realizzazione di un Osservatorio Europeo permanente sul fenomeno della devianza penale minorile. Aperto ai servizi e agli operatori sociali, l Osservatorio costituirà un laboratorio di studio e di approfondimento sulle legislazioni, sulle esperienze e sulle buone pratiche di intervento realizzate negli stati membri. 1.2 Centro Giustizia Minorile per la Sardegna, MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Direttore: dott.ssa Isabella Mastropasqua Il Centro per la Giustizia Minorile per la Sardegna è un ufficio del Dipartimento per la Giustizia Minorile con competenza sull intera Regione Sardegna. Inizialmente accorpato al Centro di Roma, trova la sua sede a Cagliari il 3 novembre Insieme ai suoi Servizi (Ufficio di Servizio Sociale Minorenni - Centro di Prima Accoglienza - Istituto Penale Minorenni ), dislocati nei territori di Cagliari, Sassari, Nuoro e Olbia, si occupa di giovani, appartenenti alla fascia d età anni, che vengono denunciati, dall' Autorità Giudiziaria, per un reato penale. I Servizi del Centro Giustizia Minorile accompagnano il giovane durante tutto il suo percorso giudiziario, sino alla sua fuoriuscita dal circuito penale o passaggio di competenza ad altri servizi; nel contempo gli offrono percorsi alternativi di crescita, formazione, etc. Il Centro per la Giustizia Minorile ha anche l importante compito di promuovere progetti, interventi e azioni utili alla prevenzione e al superamento del disagio giovanile. 9

10 IFOS 10

11 1.3 IFOS - Sezione Cyberbullismo L I.FO.S - SEZIONE FORMAZIONE - nasce giuridicamente nel 2000, ma lo staff di professionisti del sociale che lo compone opera nel settore dal Le numerose collaborazioni con i massimi esperti in ambito socio-sanitario e con le più importanti Università Italiane delle quali sin dalla sua nascita l I.FO.S si è avvalso, hanno dato lustro e accresciuto il prestigio delle iniziative effettuate, facendo diventare l ente in pochi anni una delle più note aziende nel settore della formazione professionale qualificata e dell intervento nel sociale. IFOS Negli anni, molti sono stati i riconoscimenti ottenuti dalle nostre attività di formazione. Oltre al consenso e l interesse conseguito nel 1998 da parte dell allora Assessorato dell Igiene, Sanità e dell Assistenza Sociale della Regione Autonoma Sardegna (Prot. n 3420/V del ), oggi siamo onorati di avvalerci dei seguenti patrocini: 1) Centri per la Giustizia Minorile di: Sardegna; Piemonte, Liguria e Valle D Aosta; Marche, Abruzzo, Molise, Ministero della Giustizia 2) Tribunale per i Minorenni di Cagliari 3) Ufficio Studi, Ricerche e Attività Internazionali, Dipartimento Giustizia Minorile, Ministero della Giustizia 4) Università del Salento, Dipartimento Storia, Società e Studi sull Uomo 5) FEDERMOT - Federazione Nazionale Magistrati Onorari di Tribunale. L IFOS ha infine avviato numerosi corsi di formazione rivolti agli operatori dei servizi socio-sanitari, nello specifico: Distretto sanitario di Macomer (2012); Comune di Solarussa (2013 e 2014); Comune di Napoli (2013), Distretto Sanitario di Sorgono, ASL di Nuoro (2014), ASL di Reggio Calabria (2014). Se l I.FO.S nasce come ente di formazione, prevalentemente in ambito criminologico e psicologico-giuridico, nel 2001, la 11

12 fondazione dell'associazione "I.FO.S. - Centro studi per la famiglia, l'infanzia, l adolescenza segna il passaggio all area dell'intervento che si concretizza operativamente nell apertura della SEZIONE CLINICA con sede a Cagliari, Via Palomba 70 e Roma, Via del Castro Pretorio 30. Il Centro svolge attività di consulenza (psicologica e pedagogica) e psicoterapia (individuale, di coppia e familiare). Dal 2008 l IFOS ha aperto la SEZIONE SPAZIO NEUTRO che collabora con il Tribunale per i Minorenni di Cagliari (dal 2008) e il Comune di Monastir (2013) e Quartu S. Elena (2014) per l organizzazione di incontri protetti e facilitanti. Nell ambito delle azioni promosse dal Centro studi per la famiglia, l'infanzia, l adolescenza rientrano le attività della SEZIONE SCUOLA. Da anni, lo staff dell I.FO.S si occupa, infatti, della strutturazione di interventi nelle scuole di ogni ordine e grado, con progetti mirati - bullismo, cyberbullismo, navigazione on line sicura, prevenzione degli abusi all infanzia, educazione alla salute, prevenzione delle tossicodipendenze - sia per gli studenti che per gli insegnanti, il personale ATA, i dirigenti scolastici e i genitori. Dal 2006 l IFOS ha iniziato una proficua collaborazione con l Ufficio Provinciale Scolastico di Cagliari, Ministero della Pubblica Istruzione (Area di supporto all autonomia), realizzando diversi seminari, sulla tematica del bullismo e dell abuso all infanzia, rivolti a tutti i docenti (scuola dell infanzia, primaria e secondaria) della provincia di Cagliari e, dal 2008, con l Ufficio Provinciale Scolastico di Biella. La SEZIONE BULLISMO E CYBERBULLISMO ha inoltre realizzato dal 2008 al 2014: un sito internet specializzato, in lingua italiana ed inglese: e un sito in lingua inglese sul fenomeno del bullismo, cyberbullismo e cyberpredatori sessuali: una ricerca nazionale citata nel 9 Rapporto Nazionale sull infanzia e sull adolescenza, EURISPES - Telefono Azzurro; il primo servizio Italiano di prevenzione e contrasto, gestito da operatori non professionisti (Peer to Peer), finanziato dal Comune di Cagliari, Assessorato delle Politiche Scolastiche (www.cyberbullismo.eu); e svolto le seguenti attività di ricerca-azione: partecipazione dal 2009 al 2013 al Progetto Europeo COST - Cyberbullying: coping with negative and enhancing positive uses of new technologies, in relationships in educational settings ; 12

13 partecipazione dal 2010 al 2012 al Progetto Europeo sul cyberbullismo Grundtivg - We Can in collaborazione con Lituania, Grecia e Polonia; partecipazione al progetto di ricerca sull identità virtuale, in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia, Università Salesiana e il Ministero della Giustizia, Dipartimento Giustizia Minorile (ricerca in fase di svolgimento) Le azioni dell IFOS a livello locale (Cagliari) Dal 2008 al 2011 l IFOS, con il finanziamento dell Assessorato alle Politiche Scolastiche del Comune di Cagliari, ha realizzato numerose azioni psico - socio educative finalizzate a prevenire e contrastare il fenomeno del cyberbullismo. Nello specifico: : 1) realizzazione, stampa e diffusione, nelle scuole del Comune di Cagliari di oltre depliant informativi sulla tematica del bullismo, del cyber bullismo e della navigazione on line a rischio (http://www.ifos-formazione.com/ifos/bullismo-ecyberbullismo/p2p-manuale); 2) formazione dei peer educator, docenti, genitori, studenti; 3) interventi di sensibilizzazione, condotti da peer educator formati (docenti, genitori, studenti), nelle scuole primarie e secondarie di primo grado del Comune di Cagliari; 4) interventi di sensibilizzazione, rivolti a docenti, genitori e studenti, condotti dall equipe degli operatori professionisti dell IFOS e dell Assessorato alle Politiche Scolastiche del Comune di Cagliari; 5) campagna informativa sul bullismo, on line ed off line, attraverso la realizzazione di trasmissioni televisive, interviste rilasciate agli organi di stampa dai responsabili del progetto e dai peer educator, affissione negli autobus del Comune di Cagliari di manifesti e depliant; 6) realizzazione di un sito internet dedicato - -, di un Forum e di un servizio di consulenza on line gestito dai peer educator; 7) apertura su Facebook di un profilo (Prevenzione Cyberbullismo) al quale si sono iscritti oltre 800 amici provenienti da tutto il mondo; 8) apertura, presso l ex Liceo Artistico di Cagliari, di uno Sportello di consulenza off line gestito dai peer educator, nella giornata del mercoledì; 9) indagine esplorativa finalizzata a misurare l efficacia delle attività progettuali realizzate; 10) presentazione e discussione dei dati elaborati al Convegno Internazionale sull adolescenza di Vilnius (Agosto 2009) ) Attività di sensibilizzazione I peer educators formati (genitori, studenti, insegnanti), con la supervisione degli operatori dell'ifos, hanno operato in numerose scuole elementari e medie della 13

14 città di Cagliari, offrendo percorsi di sensibilizzazione mirata, rivolti ad alunni, famiglie, docenti. 2) Sportello on line Ha continuato a essere attivo, come nello scorso anno, il canale di comunicazione on line (che offre agli utenti la possibilità di inviare mail e partecipare al Forum interattivo), nonostante ancora alta resti la soglia di accessibilità a questa tipologia di servizio, soprattutto per le famiglie, poco abituate al contatto quotidiano con la moderna tecnologia. 3) Linea telefonica dedicata e servizio di consulenza off line E' stata, inoltre, attivata una linea telefonica dedicata alle richieste di aiuto e segnalazioni, alla quale, nelle giornate del lunedì e martedì, hanno risposto gli operatori professionisti del servizio. Contestualmente si è mantenuto aperto, nella giornata del mercoledì, lo sportello di consulenza off line gestito dai peer educators. 4) Partnership con i principali competitor nazionali ed internazionali In collaborazione con Save the Children e Adiconsum, è stato organizzato un Seminario finalizzato a sensibilizzare l opinione pubblica sulle problematiche connesse all uso delle nuove tecnologie, tenutosi a Cagliari, in occasione della giornata Europea - Safer Internet Day - sulla sicurezza in rete, il 09 Febbraio ) La ricerca sperimentale Per la verifica dell'efficacia e dell'efficienza delle azioni intraprese, è stato progettato un apposito disegno di ricerca. 6) Partecipazione al Gruppo di ricerca internazionale COST - Cyberbullying COST Cyberbullying è un progetto di ricerca azione coordinato dal Prof. P. k. Smith dell Università di Londra, specializzato sulle problematiche delle prevaricazioni off line e on line ) Implementazione delle azioni di promozione del servizio Peer to Peer: a) affissione, nelle aree dedicate del comune di Cagliari e comunque nelle vicinanze delle scuole primarie e secondarie di primo grado, di manifesti pubblicitari - informativi che riportano, oltre ad uno slogan contro il fenomeno delle prepotenze, anche i dati necessari per contattare il Servizio Peer to Peer; b) affissione sulle pareti di ogni scuola coinvolta nel progetto di uno striscione pubblicitario ed informativo riguardante il progetto Peer to Peer; c) inserimento di un banner pubblicitario sui siti dell Unione Sarda, di Tiscali, dell Ufficio Regionale Scolastico della Sardegna, Ministero della Pubblica Istruzione e di altre aziende che si occupano di fornire servizi dedicati ai giovani; d) creazione di una migliore connessione tra le attività on ed off line; e) diffusione di materiale informativo su supporti digitali (DVD) consegnati ai docenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado del Comune di Cagliari; f) rafforzamento delle collaborazioni con i gruppi di ricerca internazionali e con i competitors nazionali come Save the Children e Adiconsum; 14

15 g) strutturazione di collaborazioni con Enti pubblici e/o privati regionali che conducono nel territorio sardo similari iniziative; h) organizzazione di un convegno nazionale ed internazionale sulla tematica. 2) Implementazione delle azioni di sensibilizzazione: a) realizzazione di interventi di sensibilizzazione, condotti da peer educator (docenti, genitori, studenti) e dagli operatori professionisti, nelle scuole primarie e secondarie di primo grado del Comune di Cagliari; b) intensificazione degli interventi di formazione rivolti agli studenti; c) formazione e supervisione dei peer educator. 3) Strutturazione di interventi di contrasto al fenomeno delle prepotenze: Istituzione in ogni scuola secondaria di primo grado di Cagliari (13) di un Centro di Educazione alla Legalità, aperto tre ore al mese, che ha il compito di coordinare i peer educator e i docenti coordinatori di classe nella realizzazione di interventi di prevenzione e contrasto al fenomeno delle prevaricazioni. Organizzazione, una volta ogni trenta giorni, di un EVENTO on line su Facebook che stimoli la partecipazione di docenti, genitori e studenti ai seminari off line denominati "Il Martedì della Prevenzione". Gli incontri sono tenuti dai peer educator e dai professionisti dell'equipe del progetto. Organizzazione di una GARA finalizzata a premiare i migliori slogans contro il bullismo, il cyberbullismo e la navigazione on line a rischio. Inserimento, quindi, nelle pagine di Facebook e nel sito internet dei lavori realizzati dagli studenti delle scuole secondarie di primo grado. Il premio è stato consegnato il giorno 20 Novembre 2010, in occasione della Giornata Internazionale dei Diritti del Fanciullo. Diffusione di materiale informativo su supporti digitali (DVD) consegnati ai docenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado del Comune di Cagliari - realizzazione e stampa nel mese di Ottobre 2010 di 28 DVD (uno per ogni scuola - scuola primaria e secondaria di primo grado del Comune di Cagliari) contenenti materiale didattico sul bullismo, cyberbullismo e navigazione on line a rischio: articoli, questionari per la rilevazione del fenomeno del bullismo, linee guida di intervento, schede di lavoro per il gruppo classe; - realizzazione e stampa nel mese di Dicembre 2010 di 28 DVD, contenenti video e cartoni animati utili per sensibilizzare gli studenti ed organizzare lavori di gruppo; - realizzazione e stampa nel mese di Febbraio 2011 di 28 DVD, contenenti 4 video - lezioni della durata di 5 minuti sulla tematica del bullismo, del cyberbullismo e della navigazione on line a rischio: aspetti epistemologici. - realizzazione e stampa nel mese di Giugno 2011 di 28 DVD, contenenti 4 video - lezioni della durata di 5 minuti sulla tematica del bullismo e del cyberbullismo e della navigazione on line a rischio: aspetti metodologici. 15

16 4) Il Centro di Educazione alla Legalità. 1) istituzione in ogni scuola secondaria di primo grado di Cagliari (13) di un Centro di Educazione alla Legalità, aperto tre ore al mese, che ha il compito di coordinare i peer educator e i docenti coordinatori di classe nella realizzazione di interventi di prevenzione e contrasto al fenomeno delle prevaricazioni. La dott.ssa Valeria Cadau, responsabile del Centro di Educazione alla Legalità ha infatti: a) informato, attraverso un breve percorso formativo della durata di tre ore, i coordinatori di classe di ogni scuola secondaria di prima grado coinvolta nel progetto, sulla tematica del bullismo, del cyberbullismo e della navigazione on line a rischio; b) proposto, una volta al mese, ai docenti coordinatori strumenti operativi finalizzati a prevenire e contrastare il fenomeno delle prevaricazioni tra studenti. Nello specifico: b1) questionari per la rilevazione del bullismo e delle dinamiche di gruppo tra studenti; b2) procedure per la realizzazione di giochi di ruolo diretti agli studenti; b3) video, film, libri da utilizzare nell ambito dell approccio curricolare; b4) consulenza psicopedagogica su alcuni casi portati dai docenti; b5) supervisione del regolamento di istituto; c) fornito ai docenti coordinatori strumenti operativi finalizzati a migliorare la comunicazione scuola - famiglia; d) svolto numerosi incontri con gli studenti per sensibilizzarli sulla tematica del bullismo, del cyberbullismo e della navigazione on line a rischio Promozione nella città di Cagliari di una campagna contro il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo. I volantini sono stati affissi alle fermate dei bus e dentro gli autobus. Con la partecipazione del CTM, della Provincia di Cagliari e del Comune di Cagliari. 16

17 Il Genitore Digitale 17

18 Il Genitore Digitale 18

19 I principali risultati conseguiti dal Progetto Peer to Peer nel corso dei primi tre anni di lavoro. 1) La ricerca sperimentale effettuata ha confermato un elevato livello di gradimento per la peer education, soprattutto rispetto alle attività svolte dai peer genitori e studenti 2) I docenti hanno, invece, apprezzato maggiormente le attività di sensibilizzazione sulla tematica del bullismo, del cyberbullismo e della navigazione on line a rischio, condotte dagli operatori professionisti dell IFOS e dell Assessorato alle Politiche Scolastiche del Comune di Cagliari 3) Il progetto Peer to Peer ha incontrato l attenzione e l interesse della comunità scientifica, nazionale ed internazionale. I Responsabili del Progetto hanno, infatti, discusso le principali azioni e i risultati ottenuti dal Servizio Peer to Peer con i referenti del Ministero della Pubblica Istruzione, dell Interno e con il gruppo di ricerca COST - Cyberbullying, coordinato dal Prof. Smith dell Università di Londra 4) La significatività dei risultati raggiunti, ha portato a importanti collaborazioni con i principali competitors nazionali ed internazionali impegnati sulla stessa tematica, come Save the Children ed Adiconsum; 5) Sono stati raggiunti solo nell ultimo anno: 111 docenti che sono stati formati e supervisionati mensilmente 524 studenti della scuola secondaria di primo grado 110 studenti della scuola elementare 200 genitori; 6) Numerosi studenti, raggiunti dalle attività di sensibilizzazione, hanno riferito di essere stati molestati on line da persone adulte e hanno chiesto aiuto ai componenti dell equipe; 7) Numerosi genitori, soddisfatti delle attività di sensibilizzazione, hanno riferito di essere diventati consapevoli, grazie ai seminari, dei rischi che i loro figli possono correre on line; 8) I docenti delle scuole coinvolte dalle attività prevista dal Centro di Educazione alla Legalità, hanno apprezzato gli interventi di sensibilizzazione, formazione e sostegno e richiesto la prosecuzione del progetto. 19

20 1.3.2 Le azioni dell IFOS a livello Nazionale Dal 2007 al 2014 ( Territorio Nazionale) IFOS con il finanziamento dell Ufficio Studi, Ricerche e Attività Internazionali, Dipartimento Giustizia Minorile - MINISTERO DELLA GIUSTIZIA e la collaborazione del: Istituto di Psicologia, UNIVERSITA PONTIFICIA SALESIANA. Attività di ricerca su: Identità virtuale: teoria e tecnica della ricerca sociale on line. ( Reggio Calabria) ASL - Reggio Calabria - Servizio Materno infantile Formazione (a cura di Luca Pisano) degli operatori socio sanitari in tema di metodologie di intervento nei casi di cyberbullismo e navigazione on line a rischio ( Napoli) Realizzazione del progetto WE CARE: A scuola di pace - finanziato dal Comune di Napoli. Progetto di intervento sulla devianza e criminalità minorile. Laboratori di peer education rivolti a studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado del Comune di Napoli - Quartiere Sanità. WE care - School of Peace Education. ( Territorio Nazionale) Realizzazione del sito internet, specializzato sul fenomeno del cyberbullismo. ( Territorio nazionale) Realizzazione di una ricerca quantitativa sul fenomeno del cyberbullismo, somministrando oltre 1000 questionari a studenti delle scuole secondarie, di primo (702 studenti) e secondo grado (345 studenti), ubicate in diverse regioni italiane tra le quali Sardegna, Lazio, Sicilia, Marche, Lombardia. La ricerca è stata citata nel 9 Rapporto Nazionale sull infanzia e sull adolescenza 2008, EURISPES, Telefono Azzurro. (2007) Organizzazione e gestione del Corso di Formazione: Il bullismo nelle scuole: tecniche di consulenza, peer education, mediazione scolastica presso la sede IFOS di Roma. Direttore Scientifico: dott. Luca Pisano con la partecipazione della Prof.ssa Anna Oliverio Ferraris, Università La Sapienza di Roma e del Prof. Alberto Oliverio, CNR Roma. Con il patrocinio del Tribunale per i Minori di Cagliari e del Centro per la Giustizia Minorile, Sardegna. 20

21 1.3.3 Le azioni dell IFOS a livello Europeo 2012 Rinnovo partecipazione, approvata dal MIUR, al COST Action IS0801 Cyberbullying: coping with negative and enhancing positive uses of new technologies, in relationships ineducational settings. Responsabile (the Chair of the Action): Prof. Peter K SMITH, Goldsmiths, University of London, Head, Unit for School and Family Studies. Dept of Psychology, Goldsmiths College New Cross London SE14 6NW, U.K. Rinnovo del Progetto GRUNDTIVG - WE CAN - nell'ambito del Lifelong Learning Programme - Comunità Europea, Miur, in collaborazione con Instytut Medyeyny Pracy (PL), Aristotle University of Thessaloniki (GR), Mykolo Romerio University, (LT). Tema: grooming e navigazione on line a rischio Rinnovo partecipazione, approvata dal MIUR, al COST Action IS0801 Cyberbullying: coping with negative and enhancing positive uses of new technologies, in relationships ineducational settings. Responsabile (the Chair of the Action): Prof. Peter K SMITH, Goldsmiths, University of London, Head, Unit for School and Family Studies. Dept of Psychology, Goldsmiths College New Cross London SE14 6NW, U.K. Rinnovo convenzione con il Comune di Cagliari - Assessorato alle Politiche Scolastiche - per la realizzazione di un Servizio di Consulenza PEER to PEER (gestito da studenti, docenti e genitori, peer educator, adeguatamente formati), finalizzato a prevenire e contrastare le prepotenze reali e digitali. Supervisore: Prof. Peter K. Smith, Università di Londra. Organizzazione del SAFER INTERNET DAY in collaborazione con il Comune di Cagliari, Save The Children Adiconsum, 09 Febbraio 2011, Liceo classico Siotto di Cagliari. 21

22 Rinnovo del Progetto GRUNDTIVG - WE CAN nell'ambito del Lifelong Learning Programme - Comunità Europea, Miur, in collaborazione con Instytut Medyeyny Pracy (PL), Aristotle University of Thessaloniki (GR), Mykolo Romerio University, (LT). Tema: grooming e navigazione on line a rischio Rinnovo partecipazione, approvata dal MIUR, al COST Action IS0801 Cyberbullying: coping with negative and enhancing positive uses of new technologies, in relationships ineducational settings. Responsabile (the Chair of the Action): Prof. Peter K SMITH, Goldsmiths, University of London, Head, Unit for School and Family Studies. Dept of Psychology, Goldsmiths College New Cross London SE14 6NW, U.K. Organizzazione del SAFER INTERNET DAY in collaborazione con il Comune di Cagliari, Save The Children Adiconsum, 09 Febbraio 2010, Il Lazzaretto di Cagliari. Realizzazione del Progetto GRUNDTIVG - WE CAN - nell'ambito del Lifelong Learning Programme - Comunità Europea, Miur, in collaborazione con Instytut Medyeyny Pracy (PL), Aristotle University of Thessaloniki (GR), Mykolo Romerio University, (LT). Tema: grooming e navigazione on line a rischio Partecipazione, approvata dal MIUR, al COST Action IS0801 Cyberbullying: coping with negative and enhancing positive uses of new technologies, in relationships ineducational settings. Responsabile (the Chair of the Action): Prof. Peter K SMITH, Goldsmiths, University of London, Head, Unit for School and Family Studies. Dept of Psychology, Goldsmiths CollegeNew CrossLondon SE14 6NW, U.K. Presentazione della ricerca sulla tematica Peer education and Cyberbullying al XIV European Conference on Developmental Psychology in Vilnius, on August, Presentazione della ricerca sulla tematica Peer education and Cyberbullying al Congresso Internazionale di Criminologia, Stoccolma, Dicembre

«CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA. Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it

«CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA. Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it «CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it Fermignano, 18/10/2013 DEFINIZIONE Con il termine cyberbullismo si identificano le azioni

Dettagli

Progetto Navigando nel web

Progetto Navigando nel web Istituto Scolastico Statale Comprensivo XX Settembre Via Signorelli,1-95128 Catania (CT) Tel/Fax 095434114 - Cod. Mecc CTIC89200C www.icxxsettembre.gov.it Progetto Navigando nel web Scuola Secondaria di

Dettagli

Si verifica quando qualcuno compie atti di

Si verifica quando qualcuno compie atti di CYBER BULLISMO E IL TERMINE USATO PER INDICARE IL BULLISMO ONLINE Si verifica quando qualcuno compie atti di vessazione, umiliazione, molestia, diffamazione, o azioni aggressive nei confronti di un altro,

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. Segreteria Direttore Generale Via Assarotti 40. Prot.n. 5598/B32 Genova, 29 dicembre 2006

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. Segreteria Direttore Generale Via Assarotti 40. Prot.n. 5598/B32 Genova, 29 dicembre 2006 16122 Genova MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LIGURIA Segreteria Direttore Generale Via Assarotti 40 Prot.n. 5598/B32 Genova, 29 dicembre 2006

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

EDUCAZIONE DIGITALE, UN EFFICACE ANTIVIRUS CONTRO IL CYBERBULLISMO

EDUCAZIONE DIGITALE, UN EFFICACE ANTIVIRUS CONTRO IL CYBERBULLISMO EDUCAZIONE DIGITALE, UN EFFICACE ANTIVIRUS CONTRO IL CYBERBULLISMO E-PRIVACY 2014 SPRING EDITION LA PRIVACY CHE VERRÀ Firenze, 4-5 aprile 2014 Avv. Valentina Longo Cyberbullismo 2 Cyberbullismo o cyber

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA OGGETTO: PERCORSI SULL USO RESPONSABILE DEI NUOVI MEDIA E LA CITTADINANZA DIGITALE PROPOSTA PER LE SCUOLE La Cooperativa

Dettagli

esafety Policy (Politica di Sicurezza Informatica)

esafety Policy (Politica di Sicurezza Informatica) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA TRIONFALE Via Trionfale n 7333-00135 ROMA (Distretto Scol. 27 ) 06/3054188 06/ 35059840 fax 06/35073104 rmic8gt00n@istruzione.it

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

di Delia Manferoce CONVEGNO NAZIONALE Servizi Sociali in rete: un click per favorire

di Delia Manferoce CONVEGNO NAZIONALE Servizi Sociali in rete: un click per favorire L 'esperienza del Centro Studi Iris Socialia nella promozione di ricerche innovative: nuovi linguaggi del web e nuovi strumenti per la prevenzione dei reati online su minori. di Delia Manferoce Ringrazio

Dettagli

QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI

QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI Definizione e Forme Di Cyber-Violenza Definizione di violenza (OMS 2002) L uso intenzionale della forza fisica o del potere,

Dettagli

INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web

INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web CONVEGNO ABUSO e MALTRATTAMENTO nell ETA EVOLUTIVA: IERI E OGGI EQUIPE ATTENTI AL LUPO 21 OTTOBRE 2014 INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web

Dettagli

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti Centro donna CGIL Cagliari - Ascolto e accoglienza per le donne in stato di disagio o con difficoltà di vario genere (personali, familiari, relative ad abusi, maltrattamenti e violenza fisica e psicologica)

Dettagli

Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori

Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori Marco Grollo Responsabile Nazionale Progetti, Associazione Media Educazione Comunità www.edumediacom.it

Dettagli

Un sms per dire NO al bullismo

Un sms per dire NO al bullismo MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MINISTERO DELL INTERNO UFFICIO SCOLASTICO REGIONE ABRUZZO BULLISMO e CYBERBULLISMO CHI FA COSA Con il Patrocinio dell Ordine degli Psicologi dell

Dettagli

Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy

Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy M. Claudia Buzzi, Marina Buzzi IIT-CNR, via Moruzzi 1, Pisa Marina.Buzzi@iit.cnr.it, Claudia.Buzzi@iit.cnr.it Nativi digitali: crescere nell'era di Internet

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 DON BOSCO MELLONI

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 DON BOSCO MELLONI ISTITUTO COMPRENSIVO 1 DON BOSCO MELLONI Presidenza Corso Garibaldi,142 Portici (NA)Tel.Fax081/475580 Via Roma, 32 -Portici (NA) Tel. 081/482463 Fax 081/471036 C.F. 95169940632 - Cod. Istituto NAIC8CA00L

Dettagli

Bullismo in rete tramite sms, video, mail o immagini offensive, caricate sui social network

Bullismo in rete tramite sms, video, mail o immagini offensive, caricate sui social network «Reiterarsi dei comportamenti e atteggiamenti diretti o indiretti volti a prevaricare un altro con l intenzione di nuocere, con l uso della forza fisica o della prevaricazione psicologica» Farrington,1993

Dettagli

Scheda progettuale DGR 1098 del 28/6/2013 (Ambito Provincia di Rovigo)

Scheda progettuale DGR 1098 del 28/6/2013 (Ambito Provincia di Rovigo) Allegato B SOS. Dpt Consultorio Familiare, Tutela Minori ed Adolescenza Tel. 0425/393752 Fax 0425/393739 La Responsabile: Dott.ssa Silvana Milanese fam.inf.ado@azisanrovigo.it Scheda progettuale DGR 1098

Dettagli

rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it

rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it 1 COSA SONO? piazze virtuali, luoghi in cui, via Internet, ci si ritrova portando con sé e condividendo

Dettagli

Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte

Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte Giammaria de Paulis Autore del libro Facebook: genitori alla riscossa Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte in una stanza dove sia accesa soltanto una candela, basta una mano

Dettagli

Il mondo dei social network

Il mondo dei social network Il mondo dei social network ( in particolare) Prof. Danilo Piazza Premessa Il presente documento è una sintesi dell incontro svolto in presenza. Come tale esso diventa significativamente fruibile avendo

Dettagli

Le prepotenze on line: il cyberbullismo. a cura di L. Pisano

Le prepotenze on line: il cyberbullismo. a cura di L. Pisano Le prepotenze on line: il cyberbullismo. a cura di L. Pisano Per denominare le azioni aggressive ed intenzionali, eseguite persistentemente attraverso strumenti elettronici (sms, mms, foto, video clip,

Dettagli

Progetto prevenzione bullismo Report finale

Progetto prevenzione bullismo Report finale Progetto prevenzione bullismo Report finale Faccio nuove esperienze 1 Faccio nuove esperienze 2 Faccio nuove esperienze 3 Patrocinio morale Ideato e suggerito dalla psicologa e psicoterapeuta dott.sa Enza

Dettagli

C O M U N E DI B E L L E GRA

C O M U N E DI B E L L E GRA C O M U N E DI B E L L E GRA PROVINCIA DI ROMA Piazza del Municipio, 6 C.A.P. 00030. C.F.02850300589- P.IVA 01125571008 TEL. 06/9561801 e- mail comunebellegra@gmail.com (scheda B ) PARTE SECONDA DATI DEL

Dettagli

MASTER in Criminologia clinica e Psicologia Giuridica

MASTER in Criminologia clinica e Psicologia Giuridica Scuola di Formazione in Criminologia clinica e Psicologia Giuridica dal 1997 in collaborazione con F.A.Q. Frequently Asked Question Risposte alle domande più frequenti MASTER in Criminologia clinica e

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO MINEO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Anno scolastico 2013/2014 Premessa Educare, sostenere e incrementare attività

Dettagli

Corso di formazione edizione 2012-13

Corso di formazione edizione 2012-13 CYBERBULLYING, CYBERSTALKING L USO INCORRETTO DELLA RETE FRA RAGAZZI E RAGAZZE Corso di formazione edizione 2012-13 CYBERBULLYING Cyberbullying cyberbullismo è l uso delle tecnologie informatiche per commettere

Dettagli

PROGETTO. A scuola di parità. Finanziato da: per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne

PROGETTO. A scuola di parità. Finanziato da: per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne PROGETTO A scuola di parità per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne Finanziato da: Premessa. Il Progetto A scuola di parità si rivolge ai bambini, alle bambine, ai ragazzi e alle ragazze

Dettagli

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 L implementazione della chat in Telefono Azzurro è partita il 7 dicembre 2010, allineando l Italia ai diversi servizi di consulenza

Dettagli

I pericoli di internet e della rete, per genitori e docenti

I pericoli di internet e della rete, per genitori e docenti I pericoli di internet e della rete, per genitori e docenti Oggi Purtroppo dobbiamo prendere atto che nella nostra società manca quasi totalmente una vera educazione ai pericoli della rete perché spesso

Dettagli

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email...

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email... Dott.ssa Vera Blasutti 1 FIGLI ALLE PRESE COI SOCIAL NETWORK: COME SENTIRSI AL SICURO Come i genitori possono educare i figli ad un utilizzo attento della rete COSA SONO I SOCIAL NETWORK Si tratta di siti

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

La tutela della privacy nei social network. I social network come Facebook, Twitter, My Space raggiungono oggi un livello di

La tutela della privacy nei social network. I social network come Facebook, Twitter, My Space raggiungono oggi un livello di La tutela della privacy nei social network di Stefano Santini I social network come Facebook, Twitter, My Space raggiungono oggi un livello di diffusione e di accesso pressoché illimitato, permettendo

Dettagli

Abuso sistematico di potere da parte di uno o più ragazzi/e che si rendono autori di prepotenze, ai danni di uno o più compagni di scuola.

Abuso sistematico di potere da parte di uno o più ragazzi/e che si rendono autori di prepotenze, ai danni di uno o più compagni di scuola. Abuso sistematico di potere da parte di uno o più ragazzi/e che si rendono autori di prepotenze, ai danni di uno o più compagni di scuola. Gli attori IL PREVARICATORE LA VITTIMA Caratteristica: prepotenza

Dettagli

SOS Telefono Azzurro Onlus

SOS Telefono Azzurro Onlus SOS Telefono Azzurro Onlus L Associazione Italiana che ascolta e aiuta bambini e adolescenti intervenendo con passione e competenza, anche in emergenza, per contrastare la violenza e riportare la serenità.

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI CALO VIALE M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI CALO VIALE M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI CALO VIALE M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA Tel.099/8290470 Fax 099/8290471 Codice meccanografico: TAIC82600L Codice fiscale: 90122060735 E-mail TAIC82600L@istruzione.it

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano 1. I tempi cambiano 2. I dati del questionario 3. Bisogni e rischi 4. Istruzioni per l uso? 5. Indicazioni

Dettagli

MODELLI DI PREVENZIONE E CONTRASTO IFOS 1

MODELLI DI PREVENZIONE E CONTRASTO IFOS 1 MODELLI DI PREVENZIONE E CONTRASTO 1 Approccio CURRICOLARE STORIA LETTERATURA GEOGRAFIA FILM/Attività teatrali 2 Approccio MORALE BULLO: lettera + scuse FAMIGLIA: avvertimento 3 Approccio LEGALE TRIBUNALE

Dettagli

IL CANTIERE DELLE RELAZIONI

IL CANTIERE DELLE RELAZIONI IL CANTIERE DELLE RELAZIONI Favorire le competenze relazionali per costruire relazioni sane e prevenire la discriminazione e la violenza di genere Progetto di intervento per le Scuole secondarie di secondo

Dettagli

I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet

I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet Dott. Marco Valerio Cervellini Sost. Commissario della Polizia di Stato Responsabile dei progetti di educazione alla legalità e navigazione sicura

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

PROGETTO PORCOSPINI PREMESSA

PROGETTO PORCOSPINI PREMESSA PROGETTO PORCOSPINI COORDINATE PSICO-PEDAGOGICHE- ORGANIZZATIVE PER L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALL ALFABETIZZAZIONE EMOTIVA COME PREVENZIONE AL DISAGIO E AL MALTRATTAMENTO PREMESSA Il Lions Club, associazione

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO Caratteristiche generali Bullismo = azioni di aggressione o di manipolazione sociale da parte di singoli o gruppi di pari perpetrati in maniera intenzionale e sistematica Diffuso

Dettagli

CAMPAGNA PER LA SICUREZZA IN INTERNET DEI MINORI E LOTTA AL BULLISMO

CAMPAGNA PER LA SICUREZZA IN INTERNET DEI MINORI E LOTTA AL BULLISMO SBULLO CAMPAGNA PER LA SICUREZZA IN INTERNET DEI MINORI E LOTTA AL BULLISMO La Polizia Comunale di Lugano e la Polizia Cantonale Gruppo Visione Giovani, si sono unite per realizzare una campagna di sensibilizzazione

Dettagli

Nuove tecnologie tra scuola e famiglia

Nuove tecnologie tra scuola e famiglia Nuove tecnologie tra scuola e famiglia Dalla connessione alla relazione e ritorno Per cominciare Hikikomori È un termine giapponese usato per riferirsi a chi sceglie di ritirarsi dalla vita sociale, spesso

Dettagli

Il bullismo: caratteristiche e strategie di prevenzione in ambito scolastico

Il bullismo: caratteristiche e strategie di prevenzione in ambito scolastico Il bullismo: caratteristiche e strategie di prevenzione in ambito scolastico Gianluca Gini Facoltà di Psicologia Università degli Studi di Padova Sommario della presentazione 1. Cosa sappiamo? 2. Cosa

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

PROGETTO SCIENZE UMANE La discriminazione tramite il web e le conseguenze giuridiche IL CYBERBULLISMO. A opera di: BEATRICE, LUCA, MARCO, NICOLA

PROGETTO SCIENZE UMANE La discriminazione tramite il web e le conseguenze giuridiche IL CYBERBULLISMO. A opera di: BEATRICE, LUCA, MARCO, NICOLA PROGETTO SCIENZE UMANE La discriminazione tramite il web e le conseguenze giuridiche IL CYBERBULLISMO A opera di: BEATRICE, LUCA, MARCO, NICOLA Il cyberbullismo o ciberbullismo (ossia BULLISMO" online)

Dettagli

MASTER IN PSICOLOGIA GIURIDICA MILANO - ROMA 50 CREDITI ECM - TIROCINIO E SUPERVISIONE

MASTER IN PSICOLOGIA GIURIDICA MILANO - ROMA 50 CREDITI ECM - TIROCINIO E SUPERVISIONE MASTER IN PSICOLOGIA GIURIDICA MILANO - ROMA 50 CREDITI ECM - TIROCINIO E SUPERVISIONE Edizione 2015 Premessa e Obiettivi La psicologia giuridica si occupa di analizzare e descrivere la personalità e i

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

AVIS NELLE SCUOLE: STRUMENTI EDUCATIVI DI PROMOZIONE AL DONO ED ALLA CITTADINANZA ATTIVA

AVIS NELLE SCUOLE: STRUMENTI EDUCATIVI DI PROMOZIONE AL DONO ED ALLA CITTADINANZA ATTIVA AVIS NELLE SCUOLE: STRUMENTI EDUCATIVI DI PROMOZIONE AL DONO ED ALLA CITTADINANZA ATTIVA RINA LATU Sabato 17 Ottobre 2015 PALERMO CHI SIAMO Principali attività svolte da AVIS su tutto il territorio nazionale

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI GUARDIAGRELE Modesto Della Porta a.s. 2010-20112011 IN VIAGGIO VERSO L ALTRO Laboratorio di educazione emotivo-affettiva e relazionale. MOTIVAZIONE Il bullismo è un azione di prepotenza,

Dettagli

La Famiglia nell era digitale

La Famiglia nell era digitale La Famiglia nell era digitale sabato 22 gennaio 2011 Firenze - Convitto della Calza Alcuni siti web che possono essere utilmente consultati per Navigare sicuri bambini e adulti Siti che possono essere

Dettagli

Progetto AHEAD Against Homophobia. European local Administration Devices.

Progetto AHEAD Against Homophobia. European local Administration Devices. Progetto AHEAD Against Homophobia. European local Administration Devices. Contro l Omofobia. Strumenti delle Amministrazioni Pubbliche locali dell'unione Europea. SITOGRAFIA SUL TEMA DEL CONTRASTO ALL

Dettagli

Genitori e figli al tempo di Internet. Dott.ssa Barbara Forresi Psicologa e Psicoterapeuta

Genitori e figli al tempo di Internet. Dott.ssa Barbara Forresi Psicologa e Psicoterapeuta Genitori e figli al tempo di Internet Dott.ssa Barbara Forresi Psicologa e Psicoterapeuta Di cosa parleremo stasera? I nativi digitali I bambini da 6 a 10 anni 38% usano smartphone o tablet 1 su 3 li usa

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

PROGETTO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA PROGETTO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Docente referente: Maria Antonietta Galati La parola non può cambiare le cose, ma almeno ci prova Roberto Saviano L Educazione alla Legalità rappresenta, nell attuale

Dettagli

www.smontailbullo.it www.dcsf.gov.uk/index.htm

www.smontailbullo.it www.dcsf.gov.uk/index.htm ww.stop-it.org www.cyberbullismo.eu www.noncaderenellarete.it www.cyberbullying.us www.goldsmiths.ac.uk www.dfes.gov.uk/bullying per la prevenzione del cyberbullismo e della navigazione on line a rischio

Dettagli

Proteggi la tua famiglia online

Proteggi la tua famiglia online con la collaborazione di Proteggi la tua famiglia online Pensi che il PHISHING sia solo un tipo di pesca? Pensi che i COOKIE siano solo biscotti? Pensi che un VIRUS sia solo un raffreddore? Proteggi la

Dettagli

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011 La rete siamo noi Uso della rete internet e dei social network Bologna, 19 maggio 2011 Il progetto La Rete Siamo Noi è un progetto nato dalla collaborazione tra il Difensore Civico e il CORECOM Emilia-Romagna.

Dettagli

(ISC) 2 Italy Chapter: Sicurezza in Internet per le Scuole

(ISC) 2 Italy Chapter: Sicurezza in Internet per le Scuole (ISC) 2 Italy Chapter: curezza in Internet per le Scuole Milano, 15/10/2015 Gentile Dott.ssa Righi, Preside Istituto Comprensivo Narcisi via Narcisi 2, Milano (ISC) 2 Italy Chapter è il capitolo italiano

Dettagli

PROGETTI IN RETE PROGETTO LA SCUOLA IN PIAZZA

PROGETTI IN RETE PROGETTO LA SCUOLA IN PIAZZA PROGETTI IN RETE PROGETTO LA SCUOLA IN PIAZZA Premessa: Il progetto La Scuola in Piazza, nasce dall esigenza di ricercare forme e momenti di incontro della scuola con il proprio territorio di appartenenza.

Dettagli

MASTER IN CRIMINOLOGIA SEDI DI ROMA, MILANO

MASTER IN CRIMINOLOGIA SEDI DI ROMA, MILANO MASTER IN CRIMINOLOGIA SEDI DI ROMA, MILANO 50 CREDITI ECM Edizione 2015 Premessa e Obiettivi La Criminologia sta assumendo un ruolo sempre più significativo nell ambito delle scienze sociali, riscuotendo

Dettagli

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche in collaborazione con LEGIONE CARABINIERI CAMPANIA Compagnia di Amalfi U.O. SERVIZIO TOSSICODIPENDENZE Asl Sa COMUNE DI AMALFI Politiche Sociali La

Dettagli

Programme "Prevention of and Fight against Crime" European Commission Directorate General Justice Freedom and Security

Programme Prevention of and Fight against Crime European Commission Directorate General Justice Freedom and Security Programme "Prevention of and Fight against Crime" European Commission Directorate General Justice Freedom and Security JUST. Juvenile Justice. Development of child rights based methods of intervention

Dettagli

Temiamo le novità? Times of London (1816)

Temiamo le novità? Times of London (1816) Temiamo le novità? Un indecente danza di origine straniera chiamata valzer è stata introdo4a [ ] alla Corte d Inghilterra lo scorso venerdì [ ]. E più che sufficiente ge4are un occhio sull intreccio volu4uoso

Dettagli

VITA DIGITALE VITA REALE IL RICORDO DEL FAR WEST

VITA DIGITALE VITA REALE IL RICORDO DEL FAR WEST AVVISI AI NAVIGANTI VITA DIGITALE VITA REALE Non esiste più una separazione tra la vita on-line e quella off-line. Quello che scrivi e le immagini che pubblichi sui social network hanno quasi sempre un

Dettagli

I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti

I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti Oggi purtroppo dobbiamo prendere atto che nella nostra società manca quasi totalmente una vera educazione ai pericoli della rete perché

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

Definizione e Forme Di Violenza

Definizione e Forme Di Violenza Definizione e Forme Di Violenza La violenza di genere è la violenza perpetrata contro donne e minori, basata sul genere, ed è ritenuta una violazione dei diritti umani, La violenza contro la donna (dentro

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

Navigare sicuri. conoscere la rete per un uso consapevole. 7 febbraio 2015

Navigare sicuri. conoscere la rete per un uso consapevole. 7 febbraio 2015 Navigare sicuri conoscere la rete per un uso consapevole 7 febbraio 2015 Qualche numero da un indagine del C.N.R. effettuata su un campione di 1.560 tra bambini e ragazzi 9 su 10 utilizzano internet L

Dettagli

Giovani: incontro, ascolto, comunicazione, protagonismo

Giovani: incontro, ascolto, comunicazione, protagonismo Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009 Scheda sintetica di Progetto/Programma Giovani: incontro, ascolto, comunicazione, protagonismo Tema programmatico [ ] A: competitività

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

ASSOCIAZIONE L AMICO CHARLY - ONLUS CYBERBULLING

ASSOCIAZIONE L AMICO CHARLY - ONLUS CYBERBULLING CYBERBULLING di Mariagrazia Zanaboni 1 Congresso Nazionale I MODERNI PREDATORI: IL BULLI SMO Milano, 23-24 ottobre 2009 1 Il bullo nel villaggio globale Costruiamo una cintura di salvataggio! 2 Cyberbulling

Dettagli

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE Dr.ssa Arianna Pomero Aspetto centrale dell essere essere

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

La funzione educativa

La funzione educativa La funzione educativa 1 Prima di entrare nel merito della materia, occorre evidenziare fin da subito l esistenza di una corresponsabilità educativo-formativa dei genitori e della scuola nel processo di

Dettagli

SPORTELLO PSICOPEDAGOGICO - ITI COBIANCHI - VERBANIA Dott.ssa Elisabetta Perelli Cippo

SPORTELLO PSICOPEDAGOGICO - ITI COBIANCHI - VERBANIA Dott.ssa Elisabetta Perelli Cippo SPORTELLO PSICOPEDAGOGICO - ITI COBIANCHI - VERBANIA Dott.ssa Elisabetta Perelli Cippo Lo Sportello Psicopedagogico nasce, con questo nome, nella metà degli anni 70 insieme all istituzione della maxi-sperimentazione

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Elena Buccoliero, sociologa Ufficio del Difensore civico

Dettagli

LA LOTTA ALLA PEDOPORNOGRAFIA IN RETE

LA LOTTA ALLA PEDOPORNOGRAFIA IN RETE LA LOTTA ALLA PEDOPORNOGRAFIA IN RETE Dott. Andrea Rossi Polizia postale e delle Comunicazioni Roma, 20 dicembre 2010 L ATTIVITA DI CONTRASTO DELLA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI attività di monitoraggio

Dettagli

ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro CENTRO PREVENZIONE DISAGIO GIOVANILE

ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro CENTRO PREVENZIONE DISAGIO GIOVANILE ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro 41 BENESSERE E COMPETENZE CORRELATE/ SALUTE SESSUALE/ AFFETTIVITÀ - DIPENDENZE Target: ü Giovani adulti ü Genitori ü Insegnanti della Scuola Secondaria

Dettagli

MANUALE ANTI-BULLISMO. Fonte = BULLISMO: LE AZIONI EFFICACI DELLA SCUOLA ( Manuale della Ricerca-Azione I.R.R.E.- VENETO )

MANUALE ANTI-BULLISMO. Fonte = BULLISMO: LE AZIONI EFFICACI DELLA SCUOLA ( Manuale della Ricerca-Azione I.R.R.E.- VENETO ) Valter Valter Sarro Sarro 2005 2005 MANUALE ANTI-BULLISMO Fonte = BULLISMO: LE AZIONI EFFICACI DELLA SCUOLA ( Manuale della Ricerca-Azione I.R.R.E.- VENETO ) Valter Valter Sarro Sarro 2004 2004 Il Manuale

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Rischi e sicurezza online fra i ragazzi europei. Giovanna Mascheroni, Università Ca3olica

Rischi e sicurezza online fra i ragazzi europei. Giovanna Mascheroni, Università Ca3olica Rischi e sicurezza online fra i ragazzi europei Giovanna Mascheroni, Università Ca3olica Una ricerca europea Campione stratificato casuale: ~ 1000 ragazzi di 9-16 in ogni paese Rilevazione in primavera/estate

Dettagli

LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Che cos è, quanto è diffusa, come si manifesta Che fare? Prevenzione e contrasto della violenza: le azioni realizzate e gli strumenti disponibili in Piemonte La violenza contro

Dettagli

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 6 3.1. INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

SCHERZO..LITIGIO...BULLISMO...?

SCHERZO..LITIGIO...BULLISMO...? IL BULLISMO SCHERZO..LITIGIO...BULLISMO...? M. è il più bravo della classe. Prende regolarmente in giro L. perché studia poco e rischia la bocciatura. Il primo giorno di scuola un ragazzo di quinta, nell

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Ufficio di Piano di Zona VT4 rif. L.328/00 DIECI ANNI DEL SERVIZIO CENTRO D ASCOLTO DAL 2004 AL 2014

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Ufficio di Piano di Zona VT4 rif. L.328/00 DIECI ANNI DEL SERVIZIO CENTRO D ASCOLTO DAL 2004 AL 2014 DIECI ANNI DEL SERVIZIO CENTRO D ASCOLTO DAL 2004 AL 2014 Il Centro d Ascolto trae le sue origini dalle Leggi 38/96 e successivamente dalla Legge 328/2000. Il Servizio opera nelle scuole secondarie di

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA CURRICULUM

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA CURRICULUM COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA CURRICULUM DATI GENERALI Ragione sociale Cooperativa Sociale EDI Onlus Presidente Direttore Esecutivo Sede legale Sedi

Dettagli