Comune di ALBUZZANO. il omune. informa. informa. numero 3 ottobre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di ALBUZZANO. il omune. informa. informa. numero 3 ottobre 2012"

Transcript

1 Comune di C numero 3 ottobre 2012

2 Cari Cittadini, in queste pagine troverete, come di consueto, un riassunto delle nostre attività e del nostro impegno, la motivazione delle nostre scelte ed alcune indicazioni utili per il vivere quotidiano. Mi preme sottolineare come, nonostante normative sempre più restrittive in materia di spesa pubblica, che si sono tradotti più di recente in un sistematico e strutturale "taglio" ai trasferimenti da parte dello Stato, siamo stati comunque capaci di mantenere la pressione fiscale e le tariffe dei servizi erogati dal Comune nei limiti degli adeguamenti previsti dagli obiettivi di bilancio fissati dallo Stato senza ulteriori aggravi. Questa Amministrazione è stata pertanto capace di non procedere ad alcuna iniziativa che portasse ad indebitare l Ente e di alleggerire ulteriormente gli oneri finanziari, avendo complessivamente ceduto tutti i prodotti correlati al proprio indebitamento pregresso, ottenendo così un perfetto equilibrio di bilancio. A questa virtuosa opera di gestione economica, abbiamo accompagnato obiettivi prioritari, tra i quali vanno richiamati: il mantenimento dei servizi consolidati ed il contenimento dei costi a carico delle famiglie e, nel contempo, la programmazione e realizzazione di opere di miglioramento nel territorio e di adeguamento delle strutture pubbliche alle nuove esigenze ricettive e normative. In particolare, per questi ultimi aspetti, abbiamo eseguito lavori di ampliamento della scuola primaria, di ristrutturazione dell ex edificio scuola elementare destinato ad asilo nido (in Frazione Barona) ed alla biblioteca comunale, ed abbiamo avviato una prima fase di lavori manutentivi e di nuova edificazione nel Cimitero del Capoluogo, realizzando nel contempo la stesura del Piano Cimiteriale e del nuovo Regolamento Comunale. Infine, è in corso la procedura di variante al PGT (Piano di Governo del Territorio,) per adeguare il nostro strumento urbanistico sia alle istanze pervenute da alcuni Cittadini, sia alle esigenze di trasformazioni che si stanno affacciando sul piano dello sviluppo socio-economico del nostro territorio. Il Sindaco Margherita Canini il Comune Registrazione n. 6/2010 del ; Editore: Comune di Albuzzano Direzione e redazione: Comune di Albuzzano- piazza Venco 1 Albuzzano PV Direttore Responsabile: Fabio Carera Progetto grafico, impaginazione e stampa: marcovitidesign si ringrazia per il contributo Autoservizi BOTTI

3 5 COMPRENSORIO SCOLASTICO Manutenzione Straordinaria delle coperture della Scuola dell Infanzia Pollicino. Le coperture sono state completamente manutenute attraverso la sostituzione delle lastre in fibrocemento, una ricorsa generale del manto di copertura e la sistemazione del sistema di allontanamento delle acque pluviali. I lavori sono terminati e sono stati consegnati alla fine del mese di agosto in tempo per la riapertura delle attività scolastiche. Costo complessivo Ristrutturazione della scuola primaria Come programmato, l avvio del nuovo anno scolastico vede la nostra scuola primaria con tre nuove aule, un nuovo refettorio, ulteriori servizi igienici ed un collegamento diretto con la palestra comunale. Questo è infatti il più recente dei diversi interventi che l Amministrazione comunale ha voluto realizzare nel corso degli ultimi anni sia per adeguare la scuola alla sempre più forte richiesta di spazi sia per renderla più vivibile ed adeguata (nel 2002 necessitavano solamente 5 aule, nel addirittura 4 aule, mentre oggi si rende necessario una seconda sezione per tutte le classi - 10 aule). Ripercorrendo la storia nella nostra scuola, infatti, vediamo dapprima una serie di manutenzioni/interventi effettuati sullo stabile nell anno scolastico , consistenti nella realizzazione di nuova aula, di vespaio aerato e rifacimento/consolidamento solaio, ampliamento refettorio esistente, nella manutenzione di impianti elettrici ed altre opere finalizzate al superamento delle barriere architettoniche (compresa la posa di un ascensore). Al termine dell anno scolastico è stato poi effettuato un ulteriore intervento consistente nel completo rifacimento del tetto del corpo di fabbrica più antico, nella realizzazione di una scala antincendio nella parte nuova del fabbricato per collegare la mensa al piano cortile, nella realizzazione dell impianto antincendio, nella sistemazione delle facciate e nel rifacimento dei serramenti esterni (finestre e persiane) sempre del fabbricato più antico. Negli anni successivi si è inoltre provveduto a dotare la scuola di hardware ed in particolare di una lavagna magnetica interattiva, oltre all acquisto di nuovi arredi. I nostri 158 studenti (solo alla primaria) possono così avere uno spazio adeguato, allegro e soprattutto sicuro in cui trascorrere le loro giornate. Inoltre è stato messa a norma, ai sensi delle nuove disposizioni vigenti, l impianto termico. La vecchia centrale termica è stata sostituita da una nuova centrale a servizio sia dell edificio scolastico sia della palestra. La centrale è dotata di un sistema di telecontrollo, per ottimizzare costi e temperature, affidato alla gestione di ASM Pavia, che ha provveduto anche alla messa a norma del sistema di evacuazione fumi. La nuova centrale termica è stata inoltre oggetto di una revisione del sistema di protezione antincendio con acquisizione di aggiornato nulla osta antincendio da parte dei Vigili del Fuoco. I lavori, terminati alla fine di luglio, sono stati finanziati in parte con fondi propri dell Amministrazione, in parte con contributo regionale per la manutenzione degli edifici scolastici. L amministrazione Comunale, inoltre, sta provvedendo alla messa in sicurezza degli spazi esterni della Scuola Primaria, che saranno oggetto di prossimi interventi puntuali sulle murature delle recinzioni, sulle pavimentazioni e sul sistema di illuminazione esterno. L inaugurazione della nuova ala della scuola si terrà domenica 14 ottobre alle ore 14,30 in occasione della giornata dell albero. Impianto fotovoltaico Sulle coperture della scuola primaria è stato installato un impianto fotovoltaico di potenza pari a KW 3,7. L Amministrazione ha provveduto all affidamento dell incarico per la consulenza nella gestione della pratica di attivazione presso il GSE all Ing. Roberto Ghisetti di Tortona. L'impianto, a regime, garantirà buona parte della copertura energetica del fabbisogno di elettricità della scuola diminuendo in questo modo i costi per i consumi elettrici. SERVIZI SCOLASTICI Sia per la scuola primaria che per la scuola dell infanzia sono disponibili i servizi di PRE-SCUOLA (dalle 7.30 alle 8.30) e POST-SCUOLA (dalle alle 17.30), con un costo mensile per le famiglie per ciascuno di questi di 15,00. Attualmente al servizio di pre-scuola aderiscono 23 bambini per la primaria e 22 per la scuola dell infanzia, mentre al servizio di post-scuola hanno aderito 7 bambini per la primaria e 13 per la scuola dell infanzia. Anche quest anno il servizio di RISTORAZIONE SCOLASTICA è affidato a Sodexo Italia, che eroga i pasti con costo giornaliero di 3,80, seguendo un menù approvato da Asl Pavia e verificato da una commissione mensa di cui fanno parte anche rappresentanti dei genitori e del corpo docente. Il servizio di TRASPORTO SCUOLABUS per gli alunni delle frazioni è stato affidato a Autoservizi Botti ed è gratuito per le famiglie. E inoltre disponibile il servizio di trasporto alunni da e per la scuola secondaria di primo grado di Belgioioso effettuato da Autoservizi Botti e tramite lo scuolabus comunale condotto da dipendente interno. A questo servizio aderiscono n. 60 alunni ad un costo mensile per le famiglie di 40,00. Il costo mensile sostenuto dal Comune per l erogazione di questo servizio, per la parte che riguarda Autoservizi Botti, è di 4.900,50 pari a di ,00 per l intero anno scolastico. L ACQUA È IL NOSTRO FUTURO IL SUO FUTURO DIPENDE DA NOI a scuola... CAP Holding azienda a capitale pubblico, partecipata dagli Enti Locali e che gestisce il Servizio Idrico Integrato in Lombardia, aveva promosso un concorso dal titolo L acqua è il nostro futuro, il suo futuro dipende da noi al quale potevano partecipare tutte le scuole del territorio. La scuola primaria di Albuzzano, nell anno scolastico 2011/2012, ha partecipato ottenendo il 2 PREMIO con i tre racconti delle classi IV A (Maghelle Acquina) IV B (L acqua pasticciona) e la classe V (Il viaggio delle gocce Argentea e Azzurra) Complimenti ai nostri ragazzi per l importante riconoscimento e per l attenzione riservata ad un argomento oggi sempre più attuale e delicato e un ringraziamento alle insegnanti che affrontano quotidianamente argomenti relativi alla salvaguardia dell ambiente, sia con progetti innovativi sia facendo adottare comportamenti corretti durante la quotidianità ed in particolare promuovendo la raccolta differenziata nella refezione scolastica.

4 7 LAVORI IN CORSO ED IN VIA DI COMPLETAMENTO DA PARTE DELL AMMINISTRAZIONE Settore Ambiente e territorio Alla data del lo stato dell arte dei lavori promossi dall Amministrazione è la seguente: Recupero dell edificio ex scuola elementare, in Frazione Barona, da adibire ad asilo nido. I lavori iniziati il hanno avuto corso regolare e prevedevano la risistemazione interna ed esterna del fabbricato, con creazione di nuovi spazi ludici, di riposo, ristoro ed i necessari servizi a corredo, all interno, per realizzare le aree funzionali necessarie all insediamento del nuovo asilo nido, come previsto della normativa di accreditamento del settore. All esterno il progetto prevede la sistemazione degli spazi aperti a giardino piantumato, un nuovo accesso alla struttura sul fronte posteriore e nuove aree ludiche attrezzate. Durante i lavori, tuttavia, sono emerse carenze, dal punto di vista strutturale, del manufatto: questo ha indirizzato l Amministrazione a promuovere una perizia di variante, per la quale è già stato predisposto l affidamento d incarico all Ing. Nicola Vitali, già Direttore dei lavori in corso di realizzazione. La variante prevede la messa a norma dal punto di vista statico e sismico del fabbricato e, contemporaneamente, l aggiornamento del sistema impiantistico previsto nel progetto esecutivo originario. Strutturalmente è previsto il rinforzo dei solai dell edificio e la messa in sicurezza antisismica delle parti portanti dell edificio (pilastri, travi in cemento armato e murature), attraverso la realizzazione di gabbie in acciaio intorno alle pilastrature e la connessione degli orizzontamenti e delle partiture verticali con tiranti in acciaio. Avendo il progetto esecutivo previsto l installazione di una nuova caldaia a condensazione, come previsto della normativa sul risparmio energetico vigente, si è promossa la realizzazione di un sistema di riscaldamento degli ambienti più efficiente: verrà infatti installato un impianto di emissione del calore a pannelli radianti a pavimento. Tale impianto garantirà una riduzione dei consumi energetici ed una diffusione del calore maggiormente uniforme e quindi maggiormente adatto alle attività di asilo nido, che verranno svolte all interno dell edificio. Il cronoprogramma dei lavori prevede che questi dovranno essere terminati entro l anno in corso. La gestione dell attività dell asilo nido dovrà in seguito essere affidata a società esterna convenzionata con il comune di Albuzzano. I lavori sono finanziati in parte con fondi propri dell Amministrazione, in parte con contributo Regionale per la realizzazione degli asili nido. Costo complessivo circa La Biblioteca cambia casa Domenica 21 ottobre alle ore 12.00, verrà inaugurata la nuova sede della biblioteca comunale Cesare Angelini. Sono infatti stati completati i lavori di ristrutturazione dei locali di via Garibaldi, 4 (i vecchi ambulatori dei medici di base) avviati lo scorso anno. La Nuova Biblioteca sarà dotata di spazi per la lettura e di collegamento internet per le consultazioni online, di una sala dedicata alla lettura, al gioco e al disegno per i più piccoli. I lavori di recupero architettonico ed impiantistico si sono conclusi agli inizi di settembre e l Ufficio Tecnico comunale si sta occupando dell allestimento dei nuovi locali, con nuovi arredi ed il necessario corredo tico. Costo complessivo per la ristrutturazione dell immobile per gli arredi. La vecchia sede della biblioteca verrà adibita ad archivio comunale. Cimitero Capoluogo L Amministrazione ha promosso, nell anno trascorso, la stesura del progetto per il recupero complessivo dell area cimiteriale del capoluogo, affidandone la redazione agli Architetti Gianfranco Bianchi e Rosanna Palomba di Pavia. Il progetto preliminare, che ha ottenuto parere favorevole dalla Soprintendenza ai Beni Architettonici e per il Paesaggio di Milano, si attuerà attraverso più lotti funzionali. Si è reso necessario contemporaneamente provvedere all incarico per la redazione del Piano Cimiteriale Comunale in ottemperanza alla normativa vigente. Il Piano Cimiteriale è uno strumento a valenza igienico sanitaria che permette una gestione razionale di tutte le strutture cimiteriali. Per redigerlo, è stato necessario verificare e censire la globale situazione delle sepolture, delle esumazioni ecc. nonché ricostruire tutto il percorso edificatorio e concessorio avvenuto negli anni. Questa ricerca negli archivi storici comunali è stata affiancata anche da un analisi dell andamento demografico della popolazione. In questo modo sulla base di dati statistici sarà possibile prevedere il futuro fabbisogno per le varie tipologie di sepoltura e quindi programmare ulteriori interventi edificatori. Lavori di manutenzione del Cimitero Comunale Ai primi di ottobre sono stati avviati i lavori di manutenzione straordinaria presso il Cimitero Comunale del Capoluogo. La gara di appalto ha avuto luogo nel mese di agosto ed ha visto come vincitrice la ditta Impresa Forestiere Massimo di Cerro al Lambro (MI). I lavori riguarderanno la messa in sicurezza dell ala nord, ove verrà realizzata la ricorsa delle coperture, la sistemazione dei rivestimenti murari e degli intonaci del porticato, ad oggi fortemente compromessi da umidità di risalita e precipitazioni metereologiche, e la manutenzione generale Cimitero Comunale delle pavimentazioni, fortemente sconnesse. Altri interventi riguarderanno il rifacimento del servizio igienico già presente nell ala est e la sistemazione delle relative coperture per ciò che concerne gli spazi comuni. Costo complessivo dei lavori Progetto di recupero della facciata principale e demolizione della camera mortuaria Gli architetti incaricati hanno presentato alla fine di agosto il progetto definitivo ed esecutivo relativo al recupero della facciata principale e demolizione della camera mortuaria. E necessario demolire la struttura esistente (che verrà ricostruita nel secondo campo) prima di procedere al progetto delle nuove cappelle gentilizie (nel primo campo), in quanto devono essere effettuate indagini geologiche preliminari. Il progetto è stato approvato con Delibera Comunale nei primi giorni di settembre e a breve si darà corso all affidamento dei lavori. Costo complessivo previsto CENSIMENTO AMIANTO La Provincia di Pavia con provvedimento N del 7/12/2010 ha disposto un censimento per individuare e quantificare la presenza di materiali contenenti amianto quali: lastre di copertura (eternit), camini, canne fumarie, serbatoi per acqua, pavimenti in vinil-amianto, coibentazioni ecc. La modulistica per il censimento può essere ritirata presso l Ufficio Tecnico comunale negli orari di apertura al pubblico o scaricata dal sito web comunale. La documentazione dovrà pervenire entro il

5 C 9 la nostra estate NUOVE PROCEDURE PER IL COMMERCIO La stagione estiva appena trascorsa è stata animata da diversi eventi, grazie al lavoro della rinnovata Proloco, dei Carabinieri in congedo, degli impiegati e operatori comunali e di vari volontari. L'avvio è stato dato nel mese di luglio con la Cena tra le stelle, una serata all'insegna di musica ed allegria con la competizione di dilettanti, e Pizza pazza in piazza in collaborazione con Bella Napoli 6. Nel mese di agosto ha avuto luogo E state in compagnia, con quattro serate di musica e non solo: a ferragosto il revival anni 60 con la Cabrini band, il 25 agosto uno spettacolo in tributo ai Deep Purple con il gruppo musicale Bad Boys. Il 26 agosto l'elezione della finalista lombarda de La più bella del mondo, presentata da Leo Bosi. Per contribuire alla buona riuscita della serata sono state inserite la sfilata di abiti da sposa e la sfilata delle acconciature a cura delle parrucchiere locali: Roberta, Valentina, Monica e Maddalena l esibizione di un giovanissimo complesso i Backward tre ragazzi dai 13 ai 16 anni, l esibizione di allievi del corso di portamento maschile della scuola Idea Latina di Pavia, la presentazione dell ASD calcio e ASD tennis tavolo entrambi di Albuzzano. Il 2 settembre c'è stata l'esibizione della Nevada Music Band. Si ringraziano in particolar modo tutte le nostre Signore che hanno messo a disposizione i propri abiti da sposa per la sfilata, le ragazze ed i ragazzi che hanno sfilato, le parrucchiere che si sono occupate delle acconciature e la fiorista Alice per i fiori. RESIDENZA IN TEMPO REALE Come previsto dalla circolare n. 9 del Ministero dell'interno, dal i Cittadini possono presentare le dichiarazioni di iscrizione anagrafica con provenienza da altro comune e dall'estero, cambio di abitazione all'interno del comune, emigrazione all'estero, utilizzando l apposita modulistica, sia direttamente all'ufficio anagrafe sia mediante raccomandata, fax, posta elettronica o posta certificata, utilizzando l'apposita modulistica (disponibile sul sito web comunale nella sezione demografici insieme all'elenco della documentazione da allegare). L'ufficiale di anagrafe al ricevimento della dichiarazione (indipendentemente dalle modalità di trasmissione della stessa) rilascerà un'apposita comunicazione di avvio del procedimento, e quindi procederà alla variazione anagrafica, riservandosi i successivi 45 giorni per accertare la sussistenza dei requisiti previsti. ASD calcio sfilata abiti da sposa lancio del bouquet RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI A T ra S ave m i E r F di p ASD tennis tavolo sfilata acconciature Nel mese di giugno il Comune di Albuzzano ha stipulato una convenzione con la Camera di Commercio di Pavia, che prevede il ritiro della delega per la trasmissione telematica delle pratiche in cambio di utilizzo gratuito della piattaforma camerale per due anni ed assistenza tecnica. Ricordiamo che tutte le pratiche relative al commercio devono essere inviate esclusivamente per via telematica attraverso lo sportello i bin i bam r e p abili gonfi Si ricorda che dal mese di maggio i bicchieri e i piatti di plastica (sciacquati e depurati da residui di cibo) devono essere inseriti nei sacchi dedicati alla raccolta differenziata della plastica, così come i rifiuti in polistirolo e tetrapak. Ricordiamo inoltre che per la raccolta degli olii vegetali è necessario dotarsi dell apposto contenitore ed imbuto, disponibili presso gli uffici comunali. Si raccomanda pertanto alle famiglie che non abbiano ancora provveduto, di recarsi presso la sede comunale per il ritiro degli stessi e si ricorda quanto gli olii esausti siano nocivi ed inquinanti se versati negli scarichi domestici. Onde evitare spiacevoli disservizi, si ribadisce inoltre di prestare la massima attenzione ai rifiuti vegetali, che possono essere ritirati solo se di modesto peso e posti in contenitori tipo cesto (non sacchi di plastica neri né trasparenti). Le potature vanno legate in fascine, anche queste di modesta lunghezza e peso. Si ricorda, inoltre, che la raccolta dei rifiuti ingombranti avviene solo su prenotazione al n. verde Una piccola ma efficace meditazione: chi abbandona i rifiuti, oltre ad essere incivile, è tre volte poco furbo: uno, perché potrebbe comodamente depositare i rifiuti all uscita di casa, in secondo luogo perché paga comunque la tassa sui rifiuti (per cui è un ulteriore spreco), ed infine perché, per quel che gli resta da vivere, potrebbe godersi un ambiente più salutare e dignitoso.

6 C 11 Il Decreto Legislativo 59/2011 e un nuovo disegno di legge cambieranno in modo sostanziale il Codice della Strada. Con il Decreto Legislativo 59/2011, il governo italiano ha recepito due direttive europee (la 2006/126 e la 2009/113) che modificano il Codice della Strada. Il testo di legge modifica ben 21 articoli della normativa precedente, disposizioni che entreranno in vigore il 19 gennaio Tra i punti salienti della riforma si possono segnalare l obbligo per i conducenti di ciclomotori e microcar di conseguire una vera e propria patente, la cosiddetta patente AM; la soppressione della patente di categoria E, che verrà sostituita da sottocategorie delle patenti C e D (la nuova classificazione, in ogni caso, non dovrebbe incidere sull età minima per la conduzione dei mezzi pesanti); l inasprimento delle sanzioni pecuniarie per chi non è in possesso delle abilitazioni professionali richieste per la guida di mezzi specifici, cui si aggiunge la sanzione accessoria del fermo amministrativo del mezzo per 60 giorni. La normativa modifica anche le conseguenze nei confronti degli stranieri che commettono un infrazione: in caso di sospensione della patente, se lo straniero dichiarerà di lasciare l Italia potrà riavere il documento; in caso di revoca, invece, il Prefetto disporrà l inibizione alla guida per due anni, che saliranno a tre nel caso di guida in stato di ebbrezza o dopo aver assunto sostanze stupefacenti. Gli stranieri giunti in Italia con una patente rilasciata da uno stato extracomunitario, infine, potranno guidare in Italia i veicoli per i quali la patente stessa li abilita per un anno dalla residenza nel nostro stato a condizione che, insieme alla patente di guida, abbiano un permesso internazionale. Ma le novità relative al Codice della Strada potrebbero continuare: il Disegno di legge AC-4662/2011, infatti, mira a creare un nuovo codice breve in materia di circolazione stradale, in sostituzione del codice adottato nel Tra gli interventi proposti si possono citare l introduzione del reato di omicidio stradale, che si configura in diversi casi: quando il conducente commette un omicidio guidando con un tasso alcolemico superiore a 1,5% g/l, oppure alterato per l assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope, o ancora quando la morte derivi per omesso soccorso. Sul fronte delle sanzioni, tra l altro, è previsto l inasprimento di quelle penali, amministrative e pecuniarie sia in caso di omicidio colposo, sia di lesioni gravi, così come un aggravio delle sanzioni accessorie amministrative di sospensione o revoca della patente. Il disegno di legge, infine, prevede che i veicoli atipici e i veicoli adibiti al trasporto di invalidi possano parcheggiare gratuitamente negli spazi di sosta a pagamento nel caso in cui quelli riservati siano occupati. giornata dell Albero Anche quest anno l Amministrazione Comunale, con la collaborazione della Biblioteca Comunale C. Angelini, della Proloco e dei Carabinieri in Congedo organizza la Giornata dell albero che si svolgerà domenica 14 ottobre dalle ore 15,00 presso il parco Torre della Rocchetta in Frazione Vigalfo. Nel corso del pomeriggio i ragazzi parteciperanno ad un laboratorio con il rinvaso di piantine in un contenitore ottenuto con l'impiego di bottiglie di plastica reciclate e personalizzato dai bambini, che verrà poi loro regalato. Durante la manifestazione verranno posate nel parco nuove piante. La manifestazione sarà preceduta alle ore 14,30 dall inaugurazione della nuova ala della scuola primaria dove verranno esposti i lavori realizzati dai ragazzi inerenti la giornata dell albero e la salvaguardia dell ambiente. fest a d autunno...gh era u na volta Comune di venerdì 19 ottobre ore LA SPIAGGIA - compagnia dialettale le BARONESI sabato 20 e domenica 21ottobre ore GH ERA ÜNA VOLTA - compagnia dialettale Albuzzano preti gi e inter Personag GOBBI SERGIO PRETI buzzurro BEATRICE Principe la GUANI SILVANA RPA Cenerento ilde MASCHE VALERIA Strega Grim A CARLA PEZZ IERI Matrigna BARB LLI CLAUDIO Genoveffa MARTINE ORNELLA Anastasia BOSELLI ina ANGELO CO MANENTI Fata Turch orina GIANFRAN Fata Smem nte Grillo parla BI Paola GOB e Suggeritric marcovitidesign A PARTIRE DAL 19 GENNAIO 2013 con l'importante collaborazione del gruppo "i maltrainsema" Regia GIANFRANCO MANENTI Coordinamento MARGHERITA CANINI Coreografa dei balletti LORENA PANSINI compagia diale ale di Albuzzano domenica 21 ottobre dalle ore 9.00 alle UNA PIAZZA DI CIOCCOLATO i veri artigiani del cioccolato domenica 21 ottobre alle ore INAUGURAZIONE MOSTRA COMUNALE SOLDATINI DI CARTA a cura di Giovanni Pastura sabato 20 e domenica 21 ottobre alle ore presso la palestra comunale in via Cairoli, 2 CIOCCOLATO una piazza di Domenica 21 ottobre 2012 ore 9.00 "I veri artigiani del cioccolato" apertura degli stand ore Comune di 1 dimostrazione Maitre Chocolatier ore a cura della Ditta Caput Villa di Rivanazzano Terme domenica 21 ottobre alle ore INAUGURAZIONE NUOVA SEDE BIBLIOTECA COMUNALE CESARE ANGELINI in Via Garibaldi, 4 - seguirà aperitivo 2 dimostrazione Maitre Chocolatier ore a cura della Ditta Gigi Dolciaria di S.Martino Siccomario dimostrazione di Cake Design ore a cura di Gruppo 3 ABD - Pavia spettacolo di magia con il mago StarMan Nel pomeriggio la creatività con il cioccolato specializzato marcovitidesign NOVITA CODICE DELLA STRADA laboratori ludico/gastronomico per bambini con assistenza personale specializzato Nel corso della giornata saranno presenti un TRUCCA BAMBINI e la cartomante KIRA che svelerà il futuro a coloro che lo desiderano domenica 21 ottobre alle ore SLAM POETRY "Cioccolato in versi" I poeti si sfidano sul cioccolato! a cura della Biblioteca comunale con Tiziana Cera Rosco, Stefano Raimondi, Francesca Genti, Andrea De Alberti Coordina Mirko Volpi Scrittore vi aspettiamo tutti in piazza!!! zioni: Comune di Albuzzano P.zza Venco 1 - centralino info / ottobre ^ Mostra comunale Comune di Biblioteca Comunale ottobre 2012 presso la sala polifunzionale del Comune 1^ Mostra comunale di Giovanni Pastura presso gli oratori di Barona e Albuzzano sono allestite le pesche di beneficenza GIOVANNI PASTURA di carta soldatini soldatini di carta un romantico ritorno alla gioventù marcovitidesign romantico gioventù unun romantico ritornoritorno ai piacerialla di una volta un romantico ritorno un mondo nostalgia un romantico ritorno ai apiaceri didiuna volta un romantico ritorno a un mondo di nostalgia Federico Federico Barbarossa Barbarossa Sacro Romano Impero Sacro Romano Impero

7 13 NUOVA TABELLA GIOCHI NON PERMESSI A seguito delle modifiche apportate all art. 110 del T.U. delle Leggi di P.S. dal D.L. 6 Luglio 2011, n. 98 convertito con modificazioni dalle Legge 15 Luglio 2011 n. 11, la Questura di Pavia ha predisposto una nuova tabella dei giochi proibiti ai sensi del citato art. 110 del T.U.L.P.S. Tale tabella deve essere esposta in modo visibile dai titolari di autorizzazioni di cui all art. 86 del T.U.L.P.S. e dell art. 88 del T.U.L.P.S. per l esercizio di sala giochi, previa vidimazione. Per quanto sopra, ai sensi del citato art. 110 e successive modificazioni nonché dall art. 195 del regolamento di Esecuzione del T.U.L.P.S., modificato dall art. 2 lettera h) del D.P.R. 28/05/2001 n. 311 nelle sale da bigliardo o da gioco e negli altri esercizi (compresi i circoli privati autorizzati alla pratica del gioco o alla installazione di apparecchi da gioco della città e provincia di Pavia), a tutela del pubblico interesse sono vietati i seguenti giochi: CARTE Baccarat, Bassetta, Bazzica, Bestia, Chemin de fer, Concincina, Conchen, Domino con le carte, Ecartè o, Erbette o punto del marinaio, Faraone, Fante di Picche, Goffo o Goffetto, Lanzichenecco o Lanzinetto, Macao, Mazzetti, Mercante, Nove, Piattello, Pitocchetto, Poker, Primiera, Punto, Quindici, Ramino, Sette e mezzo,tonchino o conchino, Toppa,Tre Carte,Trentacinque o mercante, Undici e mezzo, Ventuno, Zecchinetta. BILIARDO Battifondo, Baccarat con birilli, Biliardino a trottola, Biliardino a martelletto, Buchette, Carrettella, Giardinetto, Gioco del tre e del nove, Macao con birilli, Nove parigina, Rosso e bianco, Rosso e nero. ALTRI GIOCHI Bianca o Bella bianca, Biliardino inglese o francese, Carosello, Cavallini, Dadi, Gibellino ossia testa o croce, Morra, Passatella o tocco, Pistola ad aria compressa con disco girevole, Roulette di qualsiasi specie, Scommesse, Tre carte o tre tavolette. APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI, SEMIAUTOMATICI, ELETTRONICI ED ELETTROMECCANICI DA TRATTENIMENTO E DA GIOCO Gli apparecchi automatici, semiautomatici ed elettronici da gioco sono soggetti esclusivamente alla disciplina legislativa e ammnistrativa di cui all art. 110 T.U.L.P.S. Il Decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze del 27/07/2011 impone le prescrizioni relative all installazione e indica i parametri numerici quantitativi per l installabilità di apparecchi di cui all art. 110 comma 6/A del T.U.L.P.S. e all art. 110 comma 6/B T.U.L.P.S. in relazione alle tipologia di vendita presso i quali è consentita la raccolta di gioco. Nelle sale da gioco del Bingo gli apparecchi da intrattenimento devono essere collocati in locali separati da quella in cui si svolge il gioco. Nel caso in cui in un esercizio siano installati sia apparecchi di cui all art. 110, comma 6/a T.U.L.P.S., che gli apparecchi di tipologie diverse, gli stessi sono collocati in aree separate, specificatamente dedicate. In ogni sala pubblica da gioco autorizzata ai sensi art. 86 T.U.L.P.S. è installabile un apparecchio di cui all art. 110 comma 6/a T.U.L.P.S. ogni 5 mq dell area di vendita. Il numero di apparecchi di intrattenimento di cui all art. 110 comma 6/a T.U.L.P.S. installati per la raccolta di gioco non può comunque superare il doppio del numero di apparecchi di intrattenimento di altre tipologie installati presso lo stesso punto di vendita. E vietata l installazione di videogiochi a contenuto osceno o violento, o che comunque possa creare forme imitative nei minori che partecipano al gioco. Gli apparecchi e congegni di cui all art. 110 comma 6/a T.U.L.P.S. devono essere corredati dal numero di conformità di distribuzione e dal numero di messa in esercizio, del Codice identificativo; i congegni di cui all art. 110 comma comma 7 del T.u.l.p.s. devono essere corredati dal numero di distribuzione e messa in esercizio e della targhetta riportante il numero di matricola, il tipo, la marca e il nominativo del costruttore. L utilizzo degli apparecchi e congegni meccanici, semiautomatici ed elettronici da trattenimento o da gioco di abilità e degli apparecchi e dei congegni di cui ai comma 6/a e 6/b dell rt. 110 del T.u.l.p.s. è vietato ai minori di anni 18. E VIETATATA LA PARTECIPAZIONE DI MINORI DI ANNI 18 AI GIOCHI PUBBLICI CON VINCITE IN DENARO. NEI GIORNI IN CUI VENGONO TENUTE LEZIONI SCOLASTICHE, E FATTO OBBLIGO AGLI ESERCENTI DI NON CON- SENTIRE AI MINORI DI ANNI 16 L USO DI TUTTI I TIPI DI GIOCO, NONCHE IMPEDIRE L ACCESSO ALLA SALA GIO- CHI, FINO ALLE ORE SONO VIETATI TUTTI I GIOCHI D AZZARDO NON COMPRESI NELLA PRESENTE TABELLA. E VIETATO ORGANIZZARE E GESTIRE SCOMMESSE. LE VIOLAZIONI ALLE DISPOSIZIONI DELLA TABELLA DEI GIOCHI SONO SANZIONATE AI SENSI DEGLI ARTT. 9,17 E 110 DEL T.U. LEGGI DI P.S. APPROVATO DO R.D. 18/09/1931 N. 773 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI. I.M.U. IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA L'Imposta Municipale Propria (IMU) nasce come Imposta da applicare sulla componente immobiliare, atta ad accorpare in un'unica tassa, l'imposta sul reddito delle persone fisiche e le relative addizionali dovute in relazione ai redditi fondiari relativi ai beni non locati, e l I.C.I. - Originariamente doveva essere applicata solo agli immobili diversi dall'abitazione principale. Il Governo Monti con il Decreto Legge n. 201 del 6 dicembre 2011, noto come "manovra Salva Italia" ha profondamente modificato la natura dell'imposta rendendola di fatto una nuova ICI da applicare anche alle abitazioni principali ed anticipandone l'introduzione, in via sperimentale, a partire dal Come è ormai noto, l IMU prevede che sui terreni agricoli, sui fabbricati (diversi dalle abitazioni principali e loro pertinenze e dai fabbricati rurali ad uso strumentale) e sulle aree edificabili, lo Stato incassi lo 0,38% dell imposta versata dai cittadini. Sulla base di file contenenti i versamenti dei cittadini, messi a disposizione sul sito dell Agenzia delle Entrate per i singoli Comuni Italiani, forniamo qui di seguito alcuni dati sugli incassi IMU - 1 RATA - Comune di Abuzzano: COMUNE Aliquote di base Incassato (aliq.0,40%) Abitazione principale e relative pertinenze ,73 Incassato (aliq.0,20%) Fabbricati rurali ad uso strumentale ,00 (acconto al 30%) Incassato (aliq.0,38%) Terreni , Aree fabbricabili , Altri fabbricati ,44 TOTALE ,33 STATO Incassato (aliq.0,38%) Imposta Municipale propria per i terreni STATO , Imposta Municipale propria per le aree fabbricabili STATO , Imposta Municipale propria per gli altri fabbricati STATO ,53 TOTALE ,09 TOTALE GENERALE INCASSATO ,42 La rata a saldo IMU andrà versata entro il a conguaglio con le aliquote deliberate dal Comune (atto del Consiglio Comunale n. 5 del 28/04/2012): ABITAZIONE PRINCIPALE E RELATIVE PERTINENZE (queste ultime classificate nelle categorie catastali C/2 C/6 C/7 sono considerate nella misura massima di una unità per ciascuna delle categorie): 0,45% * FABBRICATI RURALI AD USO STRUMENTALE: 0,20% * ALIQUOTA ORDINARIA: 0,85% * *salvo eventuali ulteriori modifiche effettuate dallo Stato. Infatti la Legge prevede che lo Stato - entro il 10 dicembre possa intervenire e modificare le aliquote e le detrazioni d imposta. Per tale motivo, prima del versamento a saldo, si invitano i contribuenti a prendere contatto con il Servizio Tributi per gli opportuni aggiornamenti e chiarimenti

8 COMUNE VIRTUOSO Per l anno 2012 è stato istituito il Patto Regionale Verticale Incentivato che prevede la cessione di spazi finanziari da parte delle Regioni, nei limiti degli importi previsti per ciascuna di esse, e l utilizzo degli stessi da parte dei comuni ai sensi di quanto disposto dal comma 138 dell articolo 1 della Legge 220/2010. La distribuzione del plafond si è basata come previsto nell accordo con ANCI e UPL, sullo stock di residui passivi al e sull indice di virtuosità. In particolare per la Regione Lombardia la suddivisione tra i Comuni di questo plafond è stata fatta per il 90% proporzionalmente ai residui passivi denunciati dal singolo Comune e per il 10% in base all'indice Sintetico di virtuosità. Questo indice, elaborato sulla base dei criteri individuati nel 2011 ed aggiornati in alcuni aspetti metodologici e con i dati relativi ai bilanci , è composto da quattro macro-aree di analisi: flessibilità di bilancio, ovvero la capacità di liberare risorse debito e sviluppo, ovvero l'analisi del livello di indebitamento che permette di verificare la sostenibilità del bilancio dell Ente capacità programmatoria: cioè di effettuare una corretta programmazione finanziaria e di realizzare i progetti e le previsioni, misurata in termini di competenza e di cassa, sia sul versante delle entrate che sul versante delle spese autonomia finanziaria e capacità di riscossione L indice di virtuosità del Comune di Albuzzano è risultato pari a 78,34 punti percentuali (con un notevole incremento rispetto ai 68,11 dello scorso anno) e colloca il nostro Comune ai primissimi posti nella Provincia di Pavia e secondo tra i 25 comuni del Basso Pavese preceduto solo dal Comune di Corteolona con un indice pari a 80,46. PGT L Amministrazione Comunale di Albuzzano - prendendo atto delle osservazioni al PGT (approvato nel 2009) presentate da alcuni cittadini - con Delibera di G.C. n. 96 del ha ritenuto di avviare la procedura di Variante e relativi provvedimenti tra cui la Valutazione Ambientale Strategica (VAS). Dell avvio di procedura di Variante è stata data zione alla Cittadinanza tramite affissione di opportuno avviso pubblicato sul sito web del comune, all albo pretorio on line, ed affisso in luoghi pubblici e bacheche comunali, indicando sullo stesso le modalità e le tempistiche per la presentazione di eventuali osservazioni. Al fine di proseguire con la procedura di Variante, è stato affidato all Arch. Luigi Moriggi di Milano (già estensore del vigente PGT) l'incarico per la redazione degli elaborati relativi alla variante di PGT, ed alla Società N.Q.A. Nuova Qualità Ambientale Srl di Pavia l incarico per la redazione degli elaborati di Valutazione Ambientale Strategica e lo Studio di Incidenza per la Variante al PGT vigente. Gli elaborati del PGT che verranno revisionati nella suddetta variante, unicamente per quanto riguarda il tessuto urbanistico esistente di completamento e le norme di attuazione per correzione di errori materiali, semplificazioni, integrazioni e chiarimenti, sono il Documento di Piano, il Piano delle Regole ed il Piano dei Servizi. SCUOLA DELL INFANZIA NELLA FRAZ. BARONA Anche quest anno si è proceduto alla stipula di convenzione con la Cooperativa Sociale Arcobaleno A.R.L. Onlus di Pavia che ormai da decenni opera nella Frazione Barona gestendo una scuola dell Infanzia presso un edificio di proprietà della parrocchia. La presenza di questa struttura consente la frequenza a quella parte di potenziali richiedenti, che attualmente non potrebbero essere accolti nelle tre sezioni statali allocate nel Capoluogo, in quanto sature. La convenzione, oltre a disciplinare i reciproci obblighi e diritti, stabilisce una quota di contributo pari a 4.600,00 da versare da parte dell Amministrazione Comunale al fine di calmierare i costi previsti per il funzionamento, che diversamente rimarrebbero totalmente a carico delle famiglie dei 23 bambini residenti ad Albuzzano.Inoltre viene garantito il servizio di trasporto comunale per i residenti per raggiungere la Frazione Barona. BILANCIO Nella seduta del il Consiglio Comunale con atto n. 6 ha approvato il bilancio di previsione 2012 che costituisce il fondamentale documento economico del Comune che, ai sensi di legge e come del resto avviene per tutte le società private, ha l obbligo di redigere un bilancio di previsione; quest ultimo è costituito da una parte di spese correnti (ossia destinate allo svolgimento delle attività ordinarie dell Ente e finanziate con contributi statali, proventi/tariffe dei servizi erogati dal Comune ed imposte/tasse comunali pagate direttamente dai cittadini) e di spese di investimento, ossia inerenti i lavori pubblici e l acquisto di beni durevoli e non di stretto consumo, finanziate principalmente dagli oneri di urbanizzazione riscossi, da contributi straordinari e da mutui. Anche quest anno, il bilancio, predisposto dall Amministrazione, ha confermato le linee che hanno caratterizzato gli anni precedenti: attenzione ad una politica a favore delle famiglie e dei servizi sociali. Cogliamo l occasione del Comune/ per dare alcune zioni. QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO 2011 Descrizione EURO Entrate tributarie ,00 Entrate dai contributi e trasferimenti ,00 Entrate extratributarie ,00 Entrate da alienazioni, trasferimenti ,00 Entrate accensioni di prestiti 5.150,00 Entrate servizi per conto terzi ,00 Avanzo di amministrazione ,00 TOTALE ,00 Spese correnti ,00 Spese in conto capitale ,00 Spese per rimborso prestiti ,00 Spese servizi per conto terzi ,00 TOTALE ,00 ENTRATE in euro TRIBUTARIE I.C.I. quote pregresse ,00 I.M.U ,00 Imposta comunale sulla pubblicità 3.800,00 Addizionale IRPEF ,00 TOTALE ,00 TASSE Tassa acc.spazi 4.400,00 Tassa per lo smaltimento rifiuti solidi urbani + add ,00 Altre tasse 0,00 TOTALE ,00 Fondo sperimentale riequilibrio ,00 TRASFERIMENTO STATO/REGIONE/PROVINCIA Stato ,00 Regione ,00 Provincia - Altri Enti Pubblici ,00 TOTALE ,00 EXTRATRIBUTARIE Proventi servizi pubblici ,00 Proventi beni dell Ente ,00 Proventi diversi ,00 Interessi attivi sulle giacenze di cassa 750,00 Dividendo da Società pubbliche - TOTALE ,00 ALIENAZIONI, TRASFERIMENTI E CREDITI Alienazione beni ,00 Trasferimenti capitali dallo Stato 0,00 Trasferimenti capitali dalla Regione ,00 Trasferimenti capitali da altri ,00 TOTALE ,00 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE CORRENTI Descrizione EURO Personale ,00 Acquisto di beni di consumo ,00 Prestazioni di servizi ,00 Trasferimenti ,00 Interessi passivi e oneri finanziari ,00 Imposte e tasse ,00 Oneri straordinari per la gestione corrente 1.000,00 Fondo svalutazione crediti 1.855,00 Fondo di riserva ,00 TOTALE ,00 USCITE in euro Descrizione Funzioni generali di amministrazione ,00 Funzioni di polizia locale ,00 Funzioni di istruzione pubblica ,00 Funzioni relative alla cultura 6.450,00 Funzioni settore sportivo ,00 Viabilità, circolazione e servizi connessi ,00 Servizio idrico integrato ,00 Servizio smaltimento rifiuti ,00 Parchi, tutela ambientale e territorio ,00 Funzioni nel settore sociale ,00 Funzioni relative a servizi produttivi 45,00 RENDICONTO Il Consiglio Comunale nella seduta del , con atto n. 8 ha approvato il rendiconto di gestione dell esercizio finanziario Per l analisi del risultato vanno ribadite alcune fondamentali considerazioni: la costante riduzione dei trasferimenti statali agli Enti locali e ciò a fronte di sempre maggiori competenze ed attribuzioni poste in capo agli stessi; l assoluto sottodimensionamento della dotazione organica attuale, composta da 10 dipendenti in servizio (non per scelta dell Amministrazione ma per precisi vincoli di legge), oltre al Segretario comunale in convenzione con altri 3 Comuni, pone Albuzzano ben al di sotto del rapporto dipendenti/popolazione normativamente consentiti per Comuni di tali dimensioni; il notevole impegno di questa Amministrazione, in modo singolo o associato, nel ricercare fonti di finanziamento presso gli Enti pubblici; la costante attenzione a conseguire economie di spesa ed il continuo monitoraggio sui flussi di spesa e l impegno alla riscossione dei crediti vantati dal Comune con l attivazione, se del caso, dei relativi provvedimenti di riscossione coattiva. A fronte di tutto ciò il rendiconto si è chiuso con il risultato positivo di ,10.= che è stato riutilizzato nel corso dell anno 2012 per un importo complessivo di ,00.= (destinato per la gran parte a opere pubbliche: lavori asilo nido di F.ne Barona, arredo nuova biblioteca, lavori manutenzione straordinaria al cimitero Capoluogo e relativi incarichi professionali, manutenzione straordinaria verde pubblico, arredo urbano e segnaletica, sistemazione area retrostante il Municipio).

9 ORARI AMBULATORIO MEDICO Dr. Italo TURCONI Lunedì - mercoledì - giovedì - venerdì dalle ore 10,00 alle ore 11,30 Lunedì - martedì - venerdì dalle ore 17,00 alle ore 19,00 Mercoledì - giovedì dalle ore 16,00 alle ore 18,00 Dr. Pietro Massimo SOLDATI Lunedì dalle ore 11,00 alle ore 13,00 Mercoledì dalle ore 17,00 alle ore 19,00 Giovedì dalle ore 11,30 alle ore 12,30 Venerdì dalle ore 17,00 alle ore 19,00 POLIAMBULATORIO CENTRO CLINICO MINERVA via Roma 27 chirurgo vascolare - ecografista - nutrizionista - ginecologo - urologo per appuntamento tel INFORMAZIONI COMUNE DI Piazza Venco 1 orari aperto al pubblico Demografico-Stato Civile: lunedì-mercoledì-giovedì-venerdì martedì sabato Tributi-Sociale: lunedì-giovedì martedì sabato Istruzione-Servizi al Cittadino: lunedì-giovedì-venerdì martedì sabato Numeri telefonici Centralino Istruzione Fax Sala assessori Demografico - Stato Civile /30 Tributi - Sociale Ragioneria Polizia Locale Segretario Comunale Messo Comunale Edilizia Privata Geom. Chiara Anfossi tel Riceve il martedì dalle alle venerdì dalle 9.30 alle sabato dalle 8.30 alle 12.00su appuntamento Lavori Publici - Ambiente - Servizi Cimiteriali Arch. Monica Beltrame Tel fax Ing. Francesca Pasquale tel fax Ricevono il martedì dalle alle ed il sabato dalle 8.30 alle su appuntamento

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE Il decreto legge 69/2013 ha introdotto significativi cambiamenti nel settore dell edilizia: nel presente dossier analizziamo le più importanti

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli