Direzione Generale dell Industria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Generale dell Industria"

Transcript

1 PO R FESR A sse VI C om petitività- Linee di attività i) e a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle im prese attraverso l'acquisizione di capacità e conoscenza c FA Q 1. DOMANDA Il DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva) emesso a fine 2011 può essere ritenuto valido ai fini della presentazione della domanda di agevolazione? Un DURC aggiornato è già stato richiesto, ma non è stata ancora fornita una risposta ufficiale dagli Enti competenti. 1. RISPOSTA Si evidenzia che un DURC richiesto per una determinata finalità, indicata sullo stesso certificato, non può essere utilizzato in un ambito applicativo diverso da quello per cui è stato emesso. Si rileva altresì che a seguito di una recente modifica normativa riguardante l argomento, le PMI non potranno più richiedere il DURC per le finalità riguardanti la concessione di agevolazioni, finanziamenti e sovvenzioni pubbliche da parte di Enti e Pubbliche Amministrazioni, e conseguentemente non sarà più necessario allegare alla domanda di agevolazione, il DURC stesso. Considerato che sarà indispensabile acquisire il DURC prima dell eventuale emissione del provvedimento di concessione dei benefici e prima dell eventuale erogazione dei contributi, questo Servizio provvederà, all occorrenza, a richiedere agli Enti competenti il rilascio del DURC per conto dell impresa potenziale beneficiaria del contributo. A tal proposito la stessa impresa, dovrà mettere a disposizione dell Amministrazione i dati contributivi necessari per la richiesta del DURC stesso. 1/8

2 2. DOMANDA In relazione all Avviso POR FERS ASSE VI COMPETITIVITA può una PMI operante nel settore della produzione di mangimi presentare una richiesta di agevolazione sullo strumento denominato Interventi per favorire l innovazione del sistema delle imprese attraverso l acquisizione di capacità e conoscenza? 2. RISPOSTA Si evidenzia che le imprese beneficiarie dell intervento in argomento, devono operare in uno dei settori ATECO 2007 ammessi alle agevolazioni, e devono altresì operare in un cluster fra quelli indicati. Il settore dei mangimi, di cui alla sezione C del codice ATECO 2007, Attività manifatturiere, risulta essere ammesso e rientra altresì nella filiera del cluster dell'agroalimentare. 3. DOMANDA Cosa si intende per documentazione atta a comprovare l apporto di capitale attraverso risorse proprie o mediante finanziamento esterno in una forma priva di qualsiasi finanziamento pubblico, in grado di coprire il piano finanziario del programma? 3. RISPOSTA Per documentazione atta a comprovare l'apporto di capitale si intende qualsiasi documento, non una semplice autocertificazione, che metta in evidenzia la possibilità da parte del richiedente di poter sostenere l'iniziativa dal punto di vista finanziario (es: estratti conto, lettere di impegno al fine dell'ottenimento di un finanziamento ecc). 4. DOMANDA Come viene valutato il grado di efficacia rispetto all attuazione del principio di pari opportunità e di non discriminazione? 4. RISPOSTA Per quanto riguarda le pari opportunità, è utile, ai fini del punteggio,indicare nel progetto quanto personale femminile o maschile viene impiegato nello stesso. 5. DOMANDA 2/8

3 Sono ammesse ad agevolazione le aziende del settore lattiero caseario, del settore dei salumi e del settore delle carni? 5. RISPOSTA Le imprese indicate sembrano appartenere tutte al settore dell'agroalimentare. Affinché siano ammissibili ad agevolazione non devono svolgere attività connesse con la produzione primaria di prodotti agricoli, e devono operare in uno dei settori di attività ATECO 2007 previsti come ammissibili nelle Disposizioni per la presentazione delle domande di agevolazione. 6. DOMANDA Una azienda, codice ATECO Fabbricazione di altre macchine utensili (incluse parti e accessori) sta lavorando ad un progetto che interessa diversi settori produttivi, anche non riconducibili ai cluster individuati dalle Disposizioni per la presentazione delle domande di agevolazione. Tale premessa per chiedere se può essere soggetto beneficiario dello strumento di incentivazione denominato Interventi per favorire l'innovazione del sistema delle imprese attraverso l'acquisizione di capacità e conoscenza - POR FESR Asse VI competitività - Linee di attività i) e a). 6. RISPOSTA Si evidenzia che i beneficiari dello strumento in argomento devono possedere entrambi i requisiti di ammissibilità previsti all'art. 4 delle Disposizioni per la presentazione delle domande di agevolazione. In particolare, devono operare nel settore individuato con il codice ATECO 2007 ammesso, e devono altresì operare in un cluster fra quelli indicati. Inoltre, l'attività di Ricerca industriale e/o di Sviluppo sperimentale, nonché il programma di Servizi Avanzati, devono riguardare il settore di attività economica e uno dei cluster produttivi ammessi, in cui opera la proponente. Da quanto descritto nel quesito, sembra di capire che l'impresa in questione non possegga l'appartenenza ad uno dei cluster indicati nelle Disposizioni per la presentazione delle domande di agevolazione. 7. DOMANDA 3/8

4 Come vengono considerate le spese relative ai Servizi di consulenza in materia di innovazione, i Servizi di supporto all innovazione, e le Spese per il personale altamente qualificato? 7. RISPOSTA Le spese per Servizi di consulenza in materia di innovazione e i Servizi di supporto all innovazione, di cui all'art. 36 del Regolamento CE 800/2008, e le spese per il Personale altamente qualificato, di cui all'art. 37 dello stesso Regolamento, costituiscono delle categorie di spesa a se stanti, che vengono agevolate con un contributo pari al 50% dei costi considerati agevolabili. Affinché possano essere agevolabili, tali costi, devono essere direttamente collegati al programma di Ricerca industriale e/o di Sviluppo sperimentale proposto. 8. DOMANDA Un'associazione privata, pur non avendo come finalità principale lo svolgere attività di Ricerca, ma avendo comunque una storia documentata e documentabile di attività di Ricerca industriale e Sviluppo sperimentale ancora in essere, può essere considerata un Organismo di Ricerca ai fini della partecipazione al bando? 8. RISPOSTA Si evidenzia che la definizione di Organismo di Ricerca, prevede espressamente che la finalità principale dello stesso consista nello svolgere attività di Ricerca di base, industriale o di Sviluppo sperimentale. Dalla descrizione fornita, sembrerebbe che l Associazione indicata, non abbia come finalità principale l'attività di Ricerca stessa e pertanto sembrerebbe non possa partecipare allo strumento di incentivazione di cui trattasi. 9. DOMANDA L Organismo di Ricerca incaricato avrà la possibilità si partecipare ad altre Associazioni Temporanee di Impresa (ATI) sullo stesso bando? 9. RISPOSTA Si ritiene che non ci siano preclusioni alla partecipazione di un Organismo di ricerca a più di una Associazione Temporanea di Impresa (ATI). 10. DOMANDA 4/8

5 Le spese generali sono considerate ammissibili forfettariamente con una percentuale pari al 30% dei costi del personale? 10. RISPOSTA Le spese generali non sono forfettarie e pertanto dovranno essere rendicontate nel dettaglio ed individuate esplicitamente nel progetto. In particolare, si evidenzia che le spese generali devono afferire sia temporalmente che sostanzialmente al progetto di Ricerca industriale e/ Sviluppo sperimentale presentato, e dovranno pertanto essere individuate e giustificate adeguatamente al fine delle loro ammissibilità al progetto. Possono essere considerate ammissibili e poi rendicontate, fino al 30% di spese generali sul totale delle spese ammissibili di cui alla lettera a) dell'art. 5, lettera A, comma DOMANDA Cosa significa che l Organismo di ricerca non potrà avere una partecipazione all Associazione Temporanea di Impresa (ATI) superiore al 30%? 11. RISPOSTA L Organismo di ricerca potrà partecipare all ATI con una percentuale non superiore al 30% delle attività previste nel progetto, espresse in termini economici, e quindi sul totale dell'importo del progetto. Tale suddivisione deve riflettere la stessa suddivisione delle spese tra i soggetti componenti l ATI, e dovrà essere rispettata in fase di rendicontazione delle spese. Pertanto se l'organismo di ricerca partecipa all'associazione Temporanea di Impresa per il 30% delle spese, l'ati dovrà essere costituita attribuendo una quota di partecipazione all'organismo stesso del 30% e a fine progetto lo stesso Organismo dovrà rendicontare il 30% del totale delle spese del progetto. 12. DOMANDA In caso di Associazione Temporanea di Impresa (ATI), come verrà suddiviso il contributo tra i componenti? 12. RISPOSTA In caso di Associazione Temporanea d Impresa (ATI), il beneficiario del contributo pubblico è l'ati stessa. La costituzione dell'a.t.i. avviene mediante conferimento di un mandato con rappresentanza, anche processuale all impresa stessa, individuata quale capogruppo, che rappresenta l'aggregazione in tutti i rapporti necessari per lo svolgimento dell'attività. Pertanto, la 5/8

6 capogruppo dovrà gestire tutti i rapporti con la Regione e di seguito trasferire quanto dovuto all'organismo di ricerca. 13. DOMANDA Qual è l ammontare massimo dell agevolazione che può essere attribuita per un progetto di Ricerca industriale e/o di Sviluppo sperimentale? 13. RISPOSTA L'agevolazione può arrivare al massimo all'80%, nel caso di Piccola impresa, che svolge attività di Ricerca industriale in ATI con l'organismo di ricerca, che partecipa per almeno al 10% alle spese del progetto. Nel caso esposto, il restante 20% dovrà essere coperto attraverso risorse finanziarie prive di qualsiasi aiuto pubblico. 14. DOMANDA È previsto che possano essere acquisiti dei beni in leasing? 14. RISPOSTA Nelle Disposizioni per la presentazione delle domande di agevolazione non è previsto il leasing e pertanto lo stesso non è ammesso. 15. DOMANDA Gli strumenti e le attrezzature acquistati per il progetto di Ricerca industriale e/o di Sviluppo Sperimentale, possono essere usati? 15. RISPOSTA No, gli strumenti e le attrezzature devono essere nuovi di fabbrica, così come previsto all'art. 12 comma 5 delle Disposizioni per la presentazione delle domande di agevolazione. 16. DOMANDA Esiste un format predefinito per la predisposizione del progetto di Ricerca industriale e/o di Sviluppo sperimentale? 16. RISPOSTA Non è previsto un format per il progetto di Ricerca industriale e/o di Sviluppo sperimentale, il quale potrà essere redatto liberamente, al fine di meglio specificare le finalità e l originalità dello stesso 6/8

7 progetto. E'previsto che il progetto venga riassunto brevemente attraverso la predisposizione di una scheda sintetica, secondo il format predefinito all allegato II del Modulo di domanda. 17. DOMANDA Nel Documento - Allegato A (Catalogo dei Servizi avanzati), alla voce B.3 Servizi avanzati di supporto all'innovazione commerciale per il presidio strategico del mercato nazionale, si deduce che i Fornitori di servizi avanzati legati all area marketing debbano essere Centri servizi, Società di consulenza o eventualmente Dipartimenti Universitari. Si chiede se un soggetto appartenente alla categoria delle libere professioni (lavoratore autonomo), operante da più di tre anni nel campo della consulenza strategica d impresa e del marketing strategico, sia escluso dalla partecipazione allo strumento di agevolazione riguardante Interventi per favorire l innovazione del sistema delle imprese attraverso l acquisizione di capacità e conoscenza con fornitura diretta dei Servizi in catalogo. 17. RISPOSTA Si evidenzia che nella categoria "Centri servizi", non essendo prevista una specifica forma giuridica di riferimento, possano essere ricomprese anche le libere professioni, che abbiano i necessari requisiti di competenza e di esperienza richiesti all'art. 7 delle Disposizioni per la presentazione delle domande di agevolazione, nonché nel Catalogo dei Servizi Avanzati allegato alle stesse Disposizioni. 18. DOMANDA E necessario che il Fornitore di Servizi Avanzati sia iscritto ad un Albo e/o ad un Associazione di categoria professionale? 18. RISPOSTA Non è necessaria l'iscrizione ad un Albo professionale e/o ad un'associazione di categoria, per coloro che si propongono come Fornitori di Servizi Avanzati. 19. DOMANDA I fornitori dei Servizi Avanzati devono possedere il requisito dell'iscrizione al Repertorio Autoreferenziato della Regione Sardegna? 19. RISPOSTA 7/8

8 Non è previsto che i Fornitori di Servizi Avanzati debbano essere iscritti al Repertorio Autoreferenziato della Regione Sardegna. 20. DOMANDA In riferimento al programma dei Servizi Avanzati, si richiedono i seguenti chiarimenti: a. il consulente o professionista Fornitore dei Servizi Avanzati deve semplicemente certificare le comprovate competenze attraverso il proprio curriculum professionale e referenziato? b. Il Fornitore dei Servizi Avanzati in qualità di professionista deve essere in possesso di Partita IVA o potrà sottoscrivere con l'azienda promotrice, un contratto a progetto o un'altra forma di collaborazione prevista dall'ordinamento, per il tempo necessario all'adempimento dell'incarico? 20. RISPOSTA a. Il Fornitore dei Servizi deve essere in possesso di tutti i requisiti previsti all'art. 7 delle Disposizioni per la presentazione delle domande di agevolazione, nonché quelli previsti nel Catalogo dei Servizi Avanzati, in base alla categoria di Servizio prescelto (tipologia A o B); dovrà autocertificare l'esperienza maturata indicando, previa acquisizione di autorizzazione al trattamento dei dati personali, il nominativo di almeno tre clienti dell'ultimo triennio e la descrizione dell'attività svolta per gli stessi, che deve essere dello stesso tipo e/o similare a quella richiesta dal soggetto proponente. b. Deve essere un professionista in possesso di Partita Iva e deve, ai sensi del comma 2 dell'art. 7 utilizzare la propria struttura organizzativa; ad esso non è consentito esercitare forme di intermediazione dei servizi verso altre imprese di consulenza attraverso l affidamento della realizzazione di tutto o di parte del lavoro del quale è stato incaricato; pertanto non è possibile che lo stesso sottoscriva con l'azienda beneficiaria dei contributi, un contratto a progetto o altra forma di collaborazione. Il Direttore del Servizio f.f. Dott.ssa Michela Farina firm ato 8/8

LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE

LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE ALLEGATO E) LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI Il soggetto che beneficia di contributi pubblici deve realizzare gli investimenti oggetto di finanziamento

Dettagli

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Obiettivo DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Il Bando in attuazione della Legge Regionale 30 maggio 2014, n. 13 Disciplina dei distretti industriali,

Dettagli

BANDO SPORTELLO DELL INNOVAZIONE - PROGETTI CAMPANIA START-UP Data di pubblicazione 18 aprile 2014

BANDO SPORTELLO DELL INNOVAZIONE - PROGETTI CAMPANIA START-UP Data di pubblicazione 18 aprile 2014 BANDO SPORTELLO DELL INNOVAZIONE - FAQ PROGETTI CAMPANIA START-UP Data di pubblicazione 18 aprile 2014 Sommario SOGGETTI AMMISSIBILI E REQUISITI DI PARTECIPAZIONE (15)...2 CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI Programma Operativo Regionale F.E.S.R. 2007-2013 Competitività regionale e occupazione ASSE 1 Innovazione e transizione produttiva ATTIVITÀ I.1.3 Innovazione e PMI CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE

Dettagli

Bando per l'innovazione tecnologica delle PMI e delle reti di PMI. Asse 2 Attività II.1.2

Bando per l'innovazione tecnologica delle PMI e delle reti di PMI. Asse 2 Attività II.1.2 Bando per l'innovazione tecnologica delle PMI e delle reti di PMI Asse 2 Attività II.1.2 Obiettivi Supportare i processi di cambiamento tecnologico e organizzativo, attraverso il sostegno a progetti realizzati

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna POR SARDEGNA 2000/2006 MISURA 4.2 Direttive di Attuazione - Servizi reali Art. 1 Oggetto 1. Le presenti Direttive di Attuazione disciplinano l erogazione di aiuti per l acquisizione di servizi reali destinati

Dettagli

FAQ. Art. 2. Art. 2. Sì, tutti i componenti dell aggregazione devono possedere i requisiti previsti nell Avviso.

FAQ. Art. 2. Art. 2. Sì, tutti i componenti dell aggregazione devono possedere i requisiti previsti nell Avviso. FAQ N. Quesito Risposta Riferim. Avviso 1 PRESENZA FEMMINILE: a pag.2: Nelle società cooperative e società di persone non è specificato se anche gli organi di amministrazione (oltre alla composizione numerica

Dettagli

Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1. Bando per l accesso agli Innovation Voucher

Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1. Bando per l accesso agli Innovation Voucher Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1 Bando per l accesso agli Innovation Voucher DOMANDE FREQUENTI Modalità di presentazione delle domande 1. La marca da bollo ogni 4

Dettagli

POR FESR LAZIO 2007-2013. Horizon2020

POR FESR LAZIO 2007-2013. Horizon2020 POR FESR LAZIO 2007-2013 AVVISO PUBBLICO Horizon2020 Misure per favorire l accesso ai Programmi dell Unione per il finanziamento della Ricerca, dell Innovazione e della Competitività F.A.Q. (Domande frequenti)

Dettagli

GUIDA ALLA RICHIESTA DI EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI

GUIDA ALLA RICHIESTA DI EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI GUIDA ALLA RICHIESTA DI EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI Progetti di innovazione delle micro e piccole imprese La rendicontazione tecnica amministrativa finale del progetto di ricerca dovrà essere presentata

Dettagli

Società consortile Ass.For.SEO a r.l. Organismo Intermedio

Società consortile Ass.For.SEO a r.l. Organismo Intermedio Società consortile Ass.For.SEO a r.l. Organismo Intermedio per la gestione della Sovvenzione Globale finalizzata allo sviluppo e al consolidamento delle imprese cooperative del Lazio a valere sul P.O.R.

Dettagli

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA - SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE ALLEGATO A - CONTENUTI RICHIESTI NELL'ATTO FORMALIZZAZIONE DEL PARTNERIATO I sottoscritti: a) (Impresa proponente).

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI REGIONE TOSCANA - INCENTIVI ALLE PMI PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI BENEFICIARI PMI in forma singola o associata, aventi sede o unità locale destinataria

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015

Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015 Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015 Smart & Start: finanziamenti veloci per le spese incentivate Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che grazie alla convenzione tra Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Numero di protocollo (a cura della Regione) Bollo 14,62

Numero di protocollo (a cura della Regione) Bollo 14,62 MODELLO 1 - MODULO DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA Numero di protocollo (a cura della Regione) Bollo 14,62 Domanda di ammissione al contributo previsto per la Misura 2.1 Azione B Progetti per reti di imprese,

Dettagli

Consigliamo di prendere visione del bando integrale per la presentazione della domanda

Consigliamo di prendere visione del bando integrale per la presentazione della domanda Scheda esplicativa di cui all AVVISO PUBBLICO per la selezione e il finanziamento di nuove iniziative imprenditoriali promosse da Nuovi Giovani Imprenditori SCADENZA: 5 GENNAIO 2015 Consigliamo di prendere

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e PMI ASPETTI

Dettagli

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) Domande frequenti

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) Domande frequenti POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) 1. COME PRESENTARE DOMANDA Domande frequenti 1.1. Come si presenta una domanda?... 6 1.2. E previsto un termine

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

Dr.ssa Anna Maria Scuderi

Dr.ssa Anna Maria Scuderi D.M. MAP 593/2000 E SS.MM.II.: MODALITÀ PROCEDURALI PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL DECRETO LEGISLATIVO DEL 27 LUGLIO 1999, N. 297 (ARTT. DA 5 A 16) Tale decreto riunisce in un unico

Dettagli

Perugia 30 Novembre 2012. Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione

Perugia 30 Novembre 2012. Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione Perugia 30 Novembre 2012 Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione Direzione Regionale Programmazione, Innovazione e Competitività dell Umbria Coordinamento Area Imprese

Dettagli

Criteri per la rendicontazione

Criteri per la rendicontazione L.R.34/2004 Programma pluriennale per le Attività Produttive 2011/2015 Misura 1.7 Supporto per la Partecipazione dei giovani ai Processi di innovazione Piano Giovani 2011/2013 Misura 6 Giovani ambasciatori

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino con il presente

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

ASSE 1 Innovazione ed economia della conoscenza. LINEA DI INTERVENTO 1.1.2.1 Sostegno alla crescita della capacità competitiva delle imprese lombarde

ASSE 1 Innovazione ed economia della conoscenza. LINEA DI INTERVENTO 1.1.2.1 Sostegno alla crescita della capacità competitiva delle imprese lombarde REGIONE LOMBARDIA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2007-2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE (Cofinanziamento FESR - Approvato con decisione della Commissione europea n.2007it162po006) ASSE

Dettagli

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 Presentazione domande: a sportello dalle ore 10 del 1 marzo 2016 alle ore 17 del 30 settembre 2016 salvo esaurimento fondi TERRITORIO: Regione Emilia Romagna OBIETTIVI

Dettagli

Poi ENERGIA Bando Efficienza Energetica 2015

Poi ENERGIA Bando Efficienza Energetica 2015 Poi ENERGIA Bando Efficienza Energetica 2015 CHECK LIST per l'istruttoria della domanda A. Modalità di presentazione delle domande di agevolazione Le imprese sono tenute a presentare la seguente documentazione:

Dettagli

Risposte alle domande (FAQ)

Risposte alle domande (FAQ) ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE DIREZIONE CENTRALE PROGRAMMAZIONE INTEGRATA STRUTTURA UNIVERSITÀ E RICERCA Bando di invito

Dettagli

Bando PACCHETTI INTEGRATI di AGEVOLAZIONE (PIA) INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI (Annualità 2013 - approvato con DT n. 9425/778 del 18.12.

Bando PACCHETTI INTEGRATI di AGEVOLAZIONE (PIA) INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI (Annualità 2013 - approvato con DT n. 9425/778 del 18.12. UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE,

Dettagli

DIPARTIMENTO ORGANIZZAZIONE E PERSONALE POR CALABRIA FESR 2007-2013 ASSE I RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

DIPARTIMENTO ORGANIZZAZIONE E PERSONALE POR CALABRIA FESR 2007-2013 ASSE I RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA DIPARTIMENTO ORGANIZZAZIONE E PERSONALE POR CALABRIA FESR 2007-2013 ASSE I RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Linea

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO "AIUTI ALLE PMI PER L'ACQUISIZIONE DI SERVIZI QUALIFICATI"

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO AIUTI ALLE PMI PER L'ACQUISIZIONE DI SERVIZI QUALIFICATI BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO "AIUTI ALLE PMI PER L'ACQUISIZIONE DI SERVIZI QUALIFICATI" Soggetti beneficiari ammessi a presentare domanda: - Medie, piccole e micro imprese,in

Dettagli

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi (Micro e piccole imprese) Domande frequenti

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi (Micro e piccole imprese) Domande frequenti POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi (Micro e piccole imprese) Domande frequenti 1. COME PRESENTARE DOMANDA 1.1. Come si presenta una domanda?... 4 1.2. E previsto un termine per la presentazione

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

BANDO CREATIVITÀ: EVENTI E LUOGHI PER L INNOVAZIONE NELLA MODA E NEL DESIGN FAQ AGGIORNATE AL 22 DICEMBRE 2015

BANDO CREATIVITÀ: EVENTI E LUOGHI PER L INNOVAZIONE NELLA MODA E NEL DESIGN FAQ AGGIORNATE AL 22 DICEMBRE 2015 INDICE 1. A PARTIRE DA QUALE DATA SI DEVONO POSSEDERE I REQUISITI DI AMMISSIBILITA RELATIVI A SOGGETTI E ATTIVITA?...3 2. QUAL È L ARCO TEMPORALE DI VALIDITÀ DELLE FATTURE CHE COMPROVANO LE SPESE AMMISSIBILI?...3

Dettagli

F.A.Q. (Frequently Asked Questions) L.R. 34/2004 Asse 1 Misura Ri.3

F.A.Q. (Frequently Asked Questions) L.R. 34/2004 Asse 1 Misura Ri.3 F.A.Q. (Frequently Asked Questions) L.R. 34/2004 Asse 1 Misura Ri.3 A) REQUISITI DI LEGITTIMITA 1. Dov'è reperibile il Settore attività economica (Ufficio Italiano Cambi) dell'impresa richiesto in domanda?

Dettagli

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Torino, 20 novembre 2014 L.R. 1/09 - Artigianato 1 FINALITA E RISORSE Sostegno agli investimenti finalizzati allo sviluppo e alla qualificazione

Dettagli

Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali

Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali Comune di UTA Provincia di Cagliari Allegato A alla delibera C.C. n.31 del 04/10/2012 Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA Linee guida per la rendicontazione degli interventi a sostegno della pesca e dell'acquacoltura

Dettagli

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE P.O.R. Sardegna 2000 2006 Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Piano di sviluppo aziendale VRT 02/08-00

Dettagli

CONTRIBUTI ALLE PMI PER LA PARTECIPAZIONE A EXPO MILANO 2015

CONTRIBUTI ALLE PMI PER LA PARTECIPAZIONE A EXPO MILANO 2015 PO FESR SARDEGNA 2007-2013 CONTRIBUTI ALLE PMI PER LA PARTECIPAZIONE A EXPO MILANO 2015 Domanda di agevolazione Linea di attività 6.3.1.a Azioni di sistema e supporto all internazionalizzazione delle imprese

Dettagli

LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE

LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI Il soggetto che beneficia di contributi pubblici deve realizzare gli investimenti oggetto di finanziamento

Dettagli

REGIONE CAMPANIA Misura Internazionalizzazione Finanziamento a tasso agevolato per processi di internazionalizzazione.

REGIONE CAMPANIA Misura Internazionalizzazione Finanziamento a tasso agevolato per processi di internazionalizzazione. REGIONE CAMPANIA Misura Internazionalizzazione Finanziamento a tasso agevolato per processi di internazionalizzazione. BENEFICIARI Il programma d investimento, oggetto delle agevolazioni qui previste,

Dettagli

Regione Umbria DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 6638 DEL 16/09/2015

Regione Umbria DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 6638 DEL 16/09/2015 Regione Umbria Giunta Regionale DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA' DELL'UMBRIA Servizio Politiche per il credito e internazionalizzazione delle imprese DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI (Art. 12, legge 7 Agosto 1990, n. 241 e s.m.) Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

GUIDA ALLA RICHIESTA DI EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI. CO-RESEARCH Progetti di R&S in collaborazione, da parte delle PMI del Lazio

GUIDA ALLA RICHIESTA DI EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI. CO-RESEARCH Progetti di R&S in collaborazione, da parte delle PMI del Lazio GUIDA ALLA RICHIESTA DI EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI CO-RESEARCH Progetti di R&S in collaborazione, da parte delle PMI del Lazio La rendicontazione tecnica amministrativa finale del progetto di ricerca

Dettagli

RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI aggiornamento al 22 marzo 2013

RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI aggiornamento al 22 marzo 2013 AVVISO CONGIUNTO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI INTEGRATI PER LA SPERIMENTAZIONE DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE, SVILUPPO, VALORIZZAZIONE DEL CAPITALE UMANO DELLA RICERCA CON RICADUTA DIRETTA SUL TERRITORIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. 13) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 08 DI DATA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA. Art. 1 Oggetto

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA. Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l affidamento di incarichi a personale esterno all Ateneo così come previsto

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Legge Regionale 2007, n. 2 art. 24 comma 13 Interventi per favorire la promozione per la diffusione e valorizzazione del prodotto Sardegna nei mercati esteri Bando pubblico in attuazione della Deliberazione

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO O IL LEASING DI NUOVE MACCHINE UTENSILI O DI PRODUZIONE. Legge 28 novembre 1965, n. 1329 DIRETTIVE DI ATTUAZIONE 2007-2013

AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO O IL LEASING DI NUOVE MACCHINE UTENSILI O DI PRODUZIONE. Legge 28 novembre 1965, n. 1329 DIRETTIVE DI ATTUAZIONE 2007-2013 AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO O IL LEASING DI NUOVE MACCHINE UTENSILI O DI PRODUZIONE Legge 28 novembre 1965, n. 1329 DIRETTIVE DI ATTUAZIONE 2007-2013 ART. 1 OGGETTO E FINALITA 1. Le presenti Direttive

Dettagli

Bando 1.5.d POR Creo 2007-2013 Regione Toscana. Stefano Romagnoli Raffaele Mannelli Regione Toscana

Bando 1.5.d POR Creo 2007-2013 Regione Toscana. Stefano Romagnoli Raffaele Mannelli Regione Toscana Bando 1.5.d POR Creo 2007-2013 Regione Toscana Stefano Romagnoli Raffaele Mannelli Regione Toscana Linea di Attività 1.5 d del POR CREO Sostegno a programmi integrati di investimento per ricerca industriale

Dettagli

(Aggiornamento di lunedì 28 luglio 2014)

(Aggiornamento di lunedì 28 luglio 2014) Decreto Direttoriale n. 2216 del 1 luglio 2014 Regole e modalità per la presentazione delle domande finalizzate alla concessione dei contributi previsti dalla Legge 6/2000 per gli strumenti di intervento:

Dettagli

PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE

PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE ATTIVITÀ AMMISSIBILI Attività manifatturiere (sezione C Classificazione ATECO 2007) Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti (codice

Dettagli

AVVISO PUBBLICO INTERVENTI FINALIZZATI ALL AFFIANCAMENTO E AL REINSERIMENTO SOCIALE DI ADULTI EX DETENUTI. Codice Identificativo Gara n 37226392E2

AVVISO PUBBLICO INTERVENTI FINALIZZATI ALL AFFIANCAMENTO E AL REINSERIMENTO SOCIALE DI ADULTI EX DETENUTI. Codice Identificativo Gara n 37226392E2 AVVISO PUBBLICO ALLEGATO A Invito a presentare proposte, in esecuzione del Piano Finanziario 2010 nell'ambito della Legge 328/2000, per l'affidamento del progetto: INTERVENTI FINALIZZATI ALL AFFIANCAMENTO

Dettagli

MICROCREDITO PER LE DONNE

MICROCREDITO PER LE DONNE UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI BARI UNAGRACO BARI INCENTIVI PER LE IMPRESE: I RECENTI PROVVEDIMENTI NAZIONALI E REGIONALI BANDO PER INVESTIMENTI INNOVATIVI NELLE REGIONI CONVERGENZA MICROCREDITO

Dettagli

Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE

Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE Allegato A) Scheda di dettaglio Finalità generale Obiettivo operativo Territori interessati Soggetti beneficiari CREAZIONE D'IMPRESA Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE Consolidare lo sviluppo economico accrescendo

Dettagli

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA (approvato con deliberazione n. 18 del 10 aprile 2014) 1.

Dettagli

FONDO UNICO ANTICRISI

FONDO UNICO ANTICRISI ALLEGATO D Unione Europea Regione Molise Finmolise SpA FONDO UNICO ANTICRISI Regolamento di attuazione del Fondo per la concessione di garanzie dirette e cogaranzie su finanziamenti alle PMI finalizzati

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA DI AGEVOLAZIONI L.R. 51/93 PROCEDURA A SPORTELLO ANNUALITA 2008 Normativa

Dettagli

FAQ Frequently Asked Questions

FAQ Frequently Asked Questions FAQ Frequently Asked Questions risposte a quesiti frequenti sul bando 112/2010 1) Requisiti ammissibilità > 2) Iniziative finanziabili / spese ammissibili > 3) Collaborazioni 4) Modulistica > 5) Varie

Dettagli

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE SCHEDA SINTETICA BANDO 1. DESCRIZIONE Lo strumento intende

Dettagli

REGIONE SICILIANA P.O.R. 2000-2006

REGIONE SICILIANA P.O.R. 2000-2006 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLA COOPERAZIONE, DEL COMMERCIO, DELL'ARTIGIANATO E DELLA PESCA DIPARTIMENTO COOPERAZIONE COMMERCIO ARTIGIANATO P.O.R. 2000-2006 ASSE 4 - SISTEMI LOCALI DI SVILUPPO

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI UNIONE EUROPEA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REPUBBLICA ITALIANA P.O.R. Sardegna 2000-2006 Misura 3.13 RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO NELLE IMPRESE E TERRITORIO AZIONE 3.13.B INCENTIVAZIONE DIRETTA ALLE

Dettagli

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese ATTIVITÀ AMMISSIBILI - Attività manifatturiere (sezione C Classificazione ATECO 2007) - Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di consulenza nel campo della ricerca 2013/S 178-307480. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di consulenza nel campo della ricerca 2013/S 178-307480. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:307480-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di consulenza nel campo della ricerca 2013/S 178-307480 Bando di gara Servizi Direttiva

Dettagli

Allegato 6 - Vademecum per la determinazione e rendicontazione dei costi

Allegato 6 - Vademecum per la determinazione e rendicontazione dei costi INNOVA.RE INNOVAzione in REte C.U.P. J85G09000350002 Il presente Vademecum illustra le procedure a cui i soggetti attuatori dei progetti di sviluppo, finanziati a valere sull Avviso interno in intestazione

Dettagli

Italia-Roma: Servizi generali di consulenza gestionale 2015/S 149-275817. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi generali di consulenza gestionale 2015/S 149-275817. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:275817-2015:text:it:html Italia-Roma: Servizi generali di consulenza gestionale 2015/S 149-275817 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE

Dettagli

Nota informativa. REGIONE PUGLIA - Aiuti ai programmi di investimento promossi da Grandi Imprese attraverso Contratti di Programma Regionali

Nota informativa. REGIONE PUGLIA - Aiuti ai programmi di investimento promossi da Grandi Imprese attraverso Contratti di Programma Regionali Nota informativa REGIONE PUGLIA - Aiuti ai programmi di investimento promossi da Grandi Imprese attraverso Contratti di Programma Regionali BENEFICIARI a) Imprese di grandi dimensioni (imprese che occupano

Dettagli

Italia-Roma: Servizi generali di consulenza gestionale 2015/S 138-254819. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi generali di consulenza gestionale 2015/S 138-254819. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:254819-2015:text:it:html Italia-Roma: Servizi generali di consulenza gestionale 2015/S 138-254819 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE

Dettagli

DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015

DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015 DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015 Identificativo Atto n. 589 DIREZIONE GENERALE ATTIVITA' PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE Oggetto POR FESR 2007-2013. PROROGA DEL TERMINE PER LA CHIUSURA DELLO SPORTELLO

Dettagli

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA 8648 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 del 28-03-2011 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 24 marzo 2011, n. 4 Ulteriori modifiche al Regolamento Regionale n.

Dettagli

MISURA INCENTIVI ALLE IMPRESE PER IL RICORSO A GIOVANI PROFESSIONISTI

MISURA INCENTIVI ALLE IMPRESE PER IL RICORSO A GIOVANI PROFESSIONISTI MISURA INCENTIVI ALLE IMPRESE PER IL RICORSO A GIOVANI PROFESSIONISTI L AVVISO PUBBLICO INTENDE FAVORIRE IL RICORSO A GIOVANI PROFESSIONISTI DA PARTE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE CAMPANE CHE NECESSITANO

Dettagli

LINEE GUIDA AL MONITORAGGIO

LINEE GUIDA AL MONITORAGGIO Direzione Innovazione Ricerca e Università e Sviluppo Energetico Sostenibile Settore Sistemi informativi e Tecnologie della comunicazione POR-FESR - Programma Operativo Regionale Asse I Innovazione e transizione

Dettagli

INTESA PROGRAMMATICA D AREA (IPA) TERRE ALTE DELLA MARCA TREVIGIANA Riconosciuta dalla Regione Veneto con DGR 3323 del 04.11.2008

INTESA PROGRAMMATICA D AREA (IPA) TERRE ALTE DELLA MARCA TREVIGIANA Riconosciuta dalla Regione Veneto con DGR 3323 del 04.11.2008 Agli Enti Locali, alle Parti Economiche e Sociali aderenti all IPA Ai Comuni del GAL. Comunicazione a mezzo e-mail Solighetto, 16 marzo 2011 Oggetto: IPA- INFORMA N. 2 del 16 marzo 2011 Si trasmette il

Dettagli

Codici Regionali Regione: Umbria Materia: 3. sviluppo economico Capitolo: 3.1 interventi generali per l'economia Data: 23/03/1995 Numero: 12.

Codici Regionali Regione: Umbria Materia: 3. sviluppo economico Capitolo: 3.1 interventi generali per l'economia Data: 23/03/1995 Numero: 12. Codici Regionali Regione: Umbria Materia: 3. sviluppo economico Capitolo: 3.1 interventi generali per l'economia Data: 23/03/1995 Numero: 12 Sommario Art. 1. (Oggetto). 1. Con la presente legge la Regione

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP METTERSI IN PROPRIO A CREMONA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP Approvato con deliberazione n. 137 del 18/09/2014 Pubblicato in data 7 Ottobre 2014 1 Obiettivi, finalità e ambiti di

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. COMPetitività ASSI MISURA II.1 Innovation Voucher Misura di sostegno Innovation Voucher Categorie di destinatari Favorire la nascita di nuove

Dettagli

Regolamento Regionale

Regolamento Regionale Regolamento Regionale Ulteriori modifiche al Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione della Regione Puglia n. 1 del 19 gennaio 2009 come modificato dall art. 1 del Regolamento Regionale n.

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO Provincia di Chieti

COMUNE DI LANCIANO Provincia di Chieti COMUNE DI LANCIANO Provincia di Chieti Città Medaglia d oro al V.M. ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI MISURE DI SOSTEGNO ECONOMICO A NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.2 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS AGLI INVESTIMENTI DELLE PICCOLE IMPRESE COMMERCIALI S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione,

Dettagli

Opportunità del Credito Agevolato

Opportunità del Credito Agevolato Opportunità del Credito Agevolato Agenda delle opportunità 1. NVTALA: nuove imprese a tasso zero 2. Toscana: Sostegno all imprenditoria giovanile, femminile e dei lavoratori già destinatari di ammortizzatori

Dettagli

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione Allegato alla Delib. G.R. n. 9/13 del 8.3.2006 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive

Dettagli

PREPARAZIONE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI

PREPARAZIONE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI Programma Operativo Regionale parte FESR 2007 2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Azione 5.1.1 Cooperazione interregionale. DGR n. 2054 del 19/11/2013 PREPARAZIONE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI

Dettagli

BANDO PUBBLICO Programma di aiuti per nuove imprese innovative

BANDO PUBBLICO Programma di aiuti per nuove imprese innovative BANDO PUBBLICO Programma di aiuti per nuove imprese innovative FAQ 9 del 09 gennaio 2014 D. Si possiamo rendicontare spese pubblicitarie diverse da quelle connesse con la realizzazione di materiale pubblicitario,

Dettagli

REGIONE CALABRIA. 1) Il dott************chiede quanto segue:

REGIONE CALABRIA. 1) Il dott************chiede quanto segue: 1) Il dott************chiede quanto segue: a) tra le spese finanziabili sono ricomprese anche le opere murarie di ammodernamento (rifacimento bagni, camere ed esterni dell' albergo, residence e bungalow)?

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 BENEFICIARI

ART. 1 FINALITA ART. 2 BENEFICIARI BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI ROTAZIONE PER LA CAPITALIZZAZIONE O LA RICAPITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER GLI INVESTIMENTI E IL CONSOLIDAMENTO DELLE

Dettagli

Nota informativa. REGIONE PUGLIA -Aiuti ai Programmi Integrati di Agevolazione PIA promossi da Piccole Imprese

Nota informativa. REGIONE PUGLIA -Aiuti ai Programmi Integrati di Agevolazione PIA promossi da Piccole Imprese Nota informativa REGIONE PUGLIA -Aiuti ai Programmi Integrati di Agevolazione PIA promossi da Piccole Imprese BENEFICIARI a) Imprese di piccole dimensioni (imprese che occupano meno di 50 dipendenti e

Dettagli

FAQ Frequent Asked Question Avviso Start up

FAQ Frequent Asked Question Avviso Start up FAQ Frequent Asked Question Avviso Start up Decreto Direttoriale n. 436 del 13 marzo 2013 Sommario Soggetti ammissibili... 2 Caratteristiche dei Progetti... 22 Determinazione e ammissibilità dei costi...

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

UNIONE EUROPEA - REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013

UNIONE EUROPEA - REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013 Allegato A UNIONE EUROPEA - REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013 Disposizioni generali per l attivazione del bando condizionato Aiuti all avviamento

Dettagli

Incentivi INAIL Bando dicembre 2011

Incentivi INAIL Bando dicembre 2011 Incentivi INAIL Bando dicembre 2011 Ruolo dell INAIL ASSICURAZIONE RIABILITAZIONE PREVENZIONE DAL RUOLO ASSICURATIVO STORICO VERSO UN SISTEMA INTEGRATO DI TUTELA Sulla base dell evoluzione normativa l

Dettagli

Legge 215 (25 febbraio 1992)

Legge 215 (25 febbraio 1992) Legge 215 (25 febbraio 1992) Soggetti beneficiari: Imprese individuali, cooperative, società di persone e società di capitali aventi: a) dimensione di piccola impresa; b) gestione prevalentemente femminile:

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START

FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START DOTAZIONE BANDO SOGGETTI BENEFICIARI La dotazione finanziaria iniziale è pari ad 30.000.000,00, così suddivisa:

Dettagli