V. Buone pratiche di impact investing raccolte dall Advisory Board italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "V. Buone pratiche di impact investing raccolte dall Advisory Board italiano"

Transcript

1 LA FINANZA CHE INCLUDE: GLI INVESTIMENTI AD IMPATTO SOCIALE PER UNA NUOVA ECONOMIA Rapporto Italiano della Social Impact Investment Task Force istituita in ambito G8 Cliccando sulle singole voci, vai alla Buona Pratica scelta. Cliccando su alla fine di ogni pagina interna, torni all. V. Buone pratiche di impact investing raccolte dall Advisory Board italiano MICROCREDITO/MICROFINANZA Microcredito per l Italia / ETIMOS FOUNDATION Microfinanza per lo sviluppo / CONSORZIO ETIMOS Microfinanza post- emergenza / ETIMOS FOUNDATION Microcredito BCC / BCC - FEDERCASSE Microfinanza campesina del credito cooperativo / BCC - FEDERCASSE Permicro / FONDAZIONE CARIPLO Crescita / FP BNL BNP PARIBAS ITALIA E MEFOP Prestito della speranza / CEI E ABI Microcredito assistenziale / BANCA ETICA Microcredito imprenditoriale / BANCA ETICA San patrignano / FONDAZIONE SAN PATRIGNANO - BANCA PROSSIMA STUMENTI TRADIZIONALI CON LINEE DI FINANZIAMENTO DEDICATE Programma per l efficienza energetica del Terzo Settore / BANCA PROSSIMA PAN / BANCA PROSSIMA SPIN / BANCA PROSSIMA Fondo di investimento Jeremie FSE / UBI BANCA Autocostruzione / BANCA ETICA Mutuo Ad 8 / BCC - FEDERCASSE CREDITO MUTUALISTICO Convenzione Federcasse Legambiente per la diffusione delle fonti di energia rinnovabili / BCC - FEDERCASSE Buona impresa / BCC - FEDERCASSE Metrica mutualistica del credito cooperativo / BCC - FEDERCASSE Dal bene confiscato al bene comune / BCC - FEDERCASSE SOCIAL LENDING Ethical banking / BCC - FEDERCASSE Smartika / SMARTIKA

2 LENDING CROWDFUNDING Terzo valore / BANCA PROSSIMA SOCIAL BOND (GRANT & LOAN BASED) Social bond - Obbligazioni ad Impatto Sociale delle BCC / BCC - FEDERCASSE Obbligazione serie speciale / BANCA PROSSIMA Social bond UBI Comunità / UBI BANCA Social private capital / BANCA ETICA Prestiti obbligazionari dedicati / BANCA ETICA Budget di salute / BANCA PROSSIMA - FONDAZIONE SAN PATRIGNANO Social bond UBI Comunità per CESVI / UBI BANCA SOCIAL STOCK Social Stock / BANCA ETICA VENTURE PHILANTROPY Ipo solidale / FONDAZIONE CARIPLO Fondo MF1 / FONDAZIONE CARIPLO Fondo FIL / FONDAZIONE CARIPLO SOCIAL VENTURE INCUBATORS Incubatori d impresa / BCC - FEDERCASSE Osservatorio / MAKE A CHANGE Più bel lavoro del mondo / MAKE A CHANGE Buone idee elevate a impresa / MAKE A CHANGE SOCIAL VENTURE CAPITAL Fondo TTV / FONDAZIONE CARIPLO Sharing / OLTRE VENTURE Gastameco / OLTRE VENTURE Microfinanza post- emergenza / ETIMOS FOUNDATION Opes fund / FONDAZIONE OPES SOCIAL PRIVATE EQUITY Cooperazione finanza impresa / ALLEANZA COOPERATIVE ITALIANE: CONFCOOPERATIVE, LEGACOOP E AGCI Social private capital / BANCA ETICA - FONDAZIONE CON IL SUD - COOPERFIDI ITALIA FONDI DI GARANZIA Cooperfidi italia / ALLEANZA COOPERATIVE ITALIANE: CONFCOOPERATIVE, LEGACOOP E AGCI Costruire l impresa per il sociale / FONDAZIONE VODAFONE ITALIA - BANCA PROSSIMA FONDI MUTUALISTICI Coopfond / COOPFOND - LEGACOOP

3 MICROCREDITO - MICROFINANZA Microcredito per l Italia / ETIMOS FOUNDATION Microcredito per l Italia Etimos Foundation Nome progetto Ente promotore Ente attuatore Descrizione attuatore Altri stakeholder coinvolti (elenco) e ruoli Microcredito per l Italia Etimos Foundation Microcredito per l Italia Microcredito per l'italia è un'impresa sociale. Il suo obiettivo è di permettere l'accesso al credito a chi ha bisogno di un finanziamento ma è escluso o respinto dai circuiti bancari tradizionali. Microcredito per l'italia è iscritta all'elenco generale degli Intermediari Finanziari (art D.Lgs. 385/1993) e opera sotto la vigilanza di Banca d Italia. - Banche partner: Banca Popolare dell Emilia Romagna BCC Emil Banca BCC Centro Emilia BCC Castenaso BCC Banco Emiliano UnipolBanca Banca Popolare di Ravenna Banca popolare Etica Bcc Abruzzese Bcc di Basciano Banca Popolare dell Emilia Romagna Caripe Tercas Bcc di Roma - Beneficiari: Persone Fisiche, micro e piccole imprese, imprese sociali, cooperative e associazioni residenti in Abruzzo, Emilia, Lombardia e Veneto - Associazioni e partner operativi: Associazione Farebene, Confcooperative Reggio, Cooperativa Sociale Il Mantello, Associazione RicostruiReggiolo, Progetto Insieme onlus, LAPAM, Fondazione Comunità Mantovana, Comune di Quingentole, Caritas Diocesana Coppitto. Ambito territoriale di impatto Valore economico dell iniziativa Descrizione Italia Ca di euro Microcredito per l'italia è specializzata in attività di microcredito e inclusione finanziaria. Accanto al credito, offre servizi di ascolto, supporto e accompagnamento durante tutto il percorso di finanziamento,

4 MICROCREDITO - MICROFINANZA Microcredito per l Italia / ETIMOS FOUNDATION prima dell'erogazione e successivamente in fase di rimborso. Quello che contraddistingue il microcredito da un contributo economico a fondo perduto è la possibilità, per il beneficiario, di "ricevere restituendo", con una modalità che valorizza l incontro di responsabilità, di diritti e di doveri. Descrizione beneficiari (tipologia, numero destinatari diretti) Definizione obiettivi specifici Elenco risultati raggiunti Stato di avanzamento/durata Elementi, modelli qualificanti e/o innovativi Il suo sostegno si rivolge a: piccole e microimprese, attività professionali e forme di autoimpiego (già avviate o in fase di costituzione) che abbiano una prospettiva di sostenibilità e una capacità di rimborsare nel tempo il finanziamento ricevuto imprese sociali, cooperative e associazioni famiglie e persone fisiche in difficoltà rispetto al pagamento di piccole spese legate a bisogni primari, come la casa, la salute o l istruzione. Microcredito per l'italia crede nel microcredito come strumento di sviluppo economico e al tempo stesso di welfare. Una forma di aiuto non assistenziale, sostenibile nel tempo e rispettosa della dignità delle persone. Capace di offrire risposta al bisogno di sostegno finanziario delle micro e piccole imprese, di dare fiducia alla realizzazione di nuove idee imprenditoriali, di guardare con fiducia a forme di economia di prossimità legate al territorio e alla comunità, di contrastare fenomeni sempre più diffusi di impoverimento ed esclusione sociale. 874 prestiti erogati Ammontare finanziamenti erogati Microimprese finanziate 586 Famiglie finanziate 288 Start- up finanziate 150 Tasso di insolvenza 1% Ad esaurimento plafond Unica attività in Italia di microcredito e inclusione finanziaria gestita da un impresa sociale. Specializzazione negli interventi di inclusione finanziaria e sviluppo locale in contesti post- emergenza

5 MICROCREDITO - MICROFINANZA Microfinanza per lo sviluppo / CONSORZIO ETIMOS Microfinanza per lo Sviluppo - Consorzio Etimos Nome progetto Ente promotore Ente attuatore Descrizione attuatore Microfinanza per lo Sviluppo Consorzio Etimos Consorzio Etimos Etimos è un consorzio cooperativo internazionale. E specializzato nel sostegno alle istituzioni di microfinanza e alle organizzazioni di produttori e nella promozione della microimpresa. In questi ambiti offre agli investitori opportunità d'investimento caratterizzate da un duplice ritorno, economico e sociale, servizi di gestione professionale dei fondi e di valutazione dei rischi; alle istituzioni di microfinanza e alle organizzazioni di piccoli produttori nei Paesi in via di sviluppo fornisce capitali sotto forma di finanziamenti ed equity. Etimos opera con strumenti diversi: con fondi propri, in forma mutualistica, attraverso la raccolta diretta di capitali e il finanziamento, all'interno dei propri soci come gestore e promotore di fondi d'investimento tematici o regionali, come Etimos Fund e Fefisol (lanciati nel 2011 e destinati a investitori istituzionali) e Aveti (un fondo per lo sviluppo dell'economia sociale in Argentina, lanciato nel 2012) come advisor di fondi pubblici, come Plasepri in Senegal attraverso una società di venture capital, denominata Etimos Venture Altri stakeholder coinvolti (elenco) e ruoli Ambito territoriale di impatto Valore economico dell iniziativa Descrizione Descrizione beneficiari (tipologia, numero destinatari diretti) Etimos è un consorzio cooperativo internazionale, ha la propria sede in Italia, quattro uffici regionali in Sri Lanka, Senegal, Perù ed Ecuador. Etimos fa parte di un network più ampio, che comprende, oltre al Consorzio, le società regionali e le società controllate: Etimos Venture e Coop- Id. Etimos garantisce una presenza diffusa in oltre 40 paesi, tra Europa, Asia, Africa e America Latina, attraverso una rete di oltre 280 organizzazioni socie di euro Etimos è insieme strumento di investimento e di sviluppo. In Italia ed Europa raccoglie capitale e risparmio che indirizza verso i paesi più poveri, dove garantisce l accesso al credito, sotto forma di mutui, linee di credito, prefinanziamenti e capitale di rischio a più di un centinaio di organizzazioni, che altrimenti ne rimarrebbero escluse. Queste organizzazioni, a loro volta, offrono credito e sostegno a migliaia di persone appartenenti alle fasce più deboli della popolazione. Gli investimenti di Etimos nei Paesi in via di sviluppo hanno individuato due grandi settori di intervento: le istituzioni di microfinanza e le cooperative di produttori.

6 MICROCREDITO - MICROFINANZA Microfinanza per lo sviluppo / CONSORZIO ETIMOS Definizione obiettivi specifici Elenco risultati raggiunti Stato di avanzamento/durata Elementi, modelli qualificanti e/o innovativi Sostenere lo sviluppo delle organizzazioni socie 20 anni di esperienza, erogati finanziamenti in 44 paesi, a 280 organizzazioni, raggiungendo beneficiari, per un valore di Ca di euro Attività in corso Risparmio socialmente orientato e autogestito per sostenere lo sviluppo del commercio equo e dell economia sociale diventa investimento nei Paesi in via di sviluppo a sostegno di programmi di microcredito, cooperative di produttori, iniziative microimprenditoriali e organizzazioni di promozione sociale.

7 MICROCREDITO - MICROFINANZA Microfinanza post-emergenza / ETIMOS FOUNDATION Microfinanza post emergenza - Etimos Foundation Nome progetto Ente promotore Ente attuatore Descrizione attuatore Altri stakeholder coinvolti (elenco) e ruoli Ambito territoriale di impatto Valore economico dell iniziativa Descrizione Descrizione beneficiari (tipologia, numero destinatari diretti) Definizione obiettivi specifici Elenco risultati raggiunti Microfinanza post - emergenza Avvio di linee di intervento finalizzate al sostegno di attività di Microfinanza in Sri Lanka. Etimos Foundation Consorzio Etimos Etimos è un consorzio cooperativo internazionale. E specializzato nel sostegno alle istituzioni di microfinanza e alle organizzazioni di produttori e nella promozione della microimpresa. In questi ambiti offre agli investitori opportunità d'investimento caratterizzate da un duplice ritorno, economico e sociale, servizi di gestione professionale dei fondi e di valutazione dei rischi; alle istituzioni di microfinanza e alle organizzazioni di piccoli produttori nei Paesi in via di sviluppo fornisce capitali sotto forma di finanziamenti ed equity. Protezione Civile Italiana Sri Lanka Distretti di Galle, Matara, Hamabantota, Tricomalee ed Ampara euro Interventi mirati al ripristino delle condizioni preesistenti allo tsunami ed al sostegno nel medio e lungo periodo di Istituzioni di microfinanza, banche di Sviluppo e cooperative locali le cui attività sono state danneggiate direttamente ed indirettamente dal terremoto ed i cui clienti siano stati colpiti sia direttamente che indirettamente dallo Tsunami. Organizzazioni di microfinanza 11 Organizzazioni di produttori 6 Supporto attraverso: strumenti finanziari! linee di capitalizzazione in una prima fase per ristabilire gli asset pre- tsunami e in una seconda fase per consolidare la struttura patrimoniale delle organizzazioni.! linee di finanziamento a supporto di organizzazioni per il supporto di attività micro- imprenditoriali o di start- up di nuovi business. programmi di assistenza tecnica! per rafforzare le capacità manageriali delle organizzazioni e per potenziale le competenze imprenditoriali dei beneficiari per le loro attività di business 17 organizzazioni finanziate beneficiari raggiunti Il fondo inziale ha prodotto finanziamenti per più di 10 milioni di euro. Il fondo iniziale è intatto. Il sistema del credito ha generato nei beneficiari un meccanismo di autostima, permettendo loro il reintegro nel sistema

8 MICROCREDITO - MICROFINANZA Microfinanza post-emergenza / ETIMOS FOUNDATION Stato di avanzamento/durata Elementi, modelli qualificanti e/o innovativi produttivo tradizionale. I risultati di analisi econometriche (Tor_Vergata 2007/2012) hanno dimostrato che le attività di microfinanza delle organizzazioni locali hanno contribuito alla sopravvivenza e al ripristino delle attività economiche locali. I clienti danneggiati sono tornati al livello di benessere di quelli non danneggiati solo due anni e mezzo dopo lo tsunami. L intervento di Etimos non si è concluso nell immediato post- emergenza ma ha gradatamente generato risorse nel medio e lungo termine. Dopo nove anni dallo tsunami Etimos è ancora in Sri Lanka supportando l economia locale. Investimenti in organizzazioni di produttori e la partecipazione alla creazione di una società di produttori biologici (Coop- Id).

9 MICROCREDITO - MICROFINANZA Microcredito BCC / BCC - FEDERCASSE MICROCREDITO BCC FEDERAZIONE ITALIANA BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO E CASSE RURALI NOME BP - PROGETTO ENTE/ATTORE PROMOTORE ENTE/ATTORE ATTUATORE DESCRIZIONE ATTUATORE ALTRI STAKEHOLDER COINVOLTI (elenco) E RUOLI AMBITO TERRITORIALE DI IMPATTO VALORE ECONOMICO DELL INIZIATIVA DESCRIZIONE BP/PROGETTO DESCRIZIONE BENEFICIARI (tipologia, numero destinatari diretti) DEFINIZIONE OBIETTIVI SPECIFICI ELENCO RISULTATI RAGGIUNTI STATO DI AVANZAMENTO /DURATA ELEMENTI, MODELLI QUALIFICANTI e/o INNOVATIVI DELLA BP MICROCREDITO BCC FEDERCASSE - FEDERAZIONE ITALIANA BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO E CASSE RURALI Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali (BCC) BCC e Casse Rurali Diversi, in funzione dei territori e delle scelte organizzative delle singole BCC- CR: Caritas diocesane, associazioni e fondazioni antiusura, enti di sviluppo locale, operatori specializzati (PerMicro), ecc. Nazionale. Erogati 37 milioni di euro nel corso del Si tratta di interventi di sostegno all avvio o allo sviluppo di microimprese, con finanziamenti singoli di importo inferiore a 5 mila euro, o di interventi per le persone, con finanziamenti singoli di importo inferiore a 10 mila euro, ai sensi dell art. 111 del Testo Unico Bancario. La partnership su indicata è solitamente relativa all erogazione di servizi di tutoring e affiancamento. Micro imprese, persone. Inclusione finanziaria, avvio iniziative imprenditoriali o autoimpiego, creazione di nuova occupazione. Accompagnamento del finanziamento con servizi integrati di consulenza e tutoraggio (micro imprese) o consulenza su debito ed educazione finanziaria (per le persone) soggetti finanziati nel 2013, per 37 mln di euro di crediti erogati. Il 39% giovani, il 33% disoccupati o persone in mobilità/cig, il 22% migranti, 5% famiglie, 1% disabili. Operatività continua nel tempo, con affinamenti progressivi e azioni di sistema (interno al Credito Cooperativo) di accompagnamento. Progressivo spostamento da approccio filantropico a visione di sostenibilità del microcredito. Tassi di decadimento non superiori alle media generale del portafoglio.

10 MICROCREDITO - MICROFINANZA Microfinanza Campesina del Credito Cooperativo / BCC - FEDERCASSE MICROFINANZA CAMPESINA DEL CREDITO COOPERATIVO - FEDERAZIONE ITALIANA BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO E CASSE RURALI NOME BP - PROGETTO ENTE/ATTORE PROMOTORE ENTE/ATTORE ATTUATORE DESCRIZIONE ATTUATORE ALTRI STAKEHOLDER COINVOLTI (elenco) E RUOLI AMBITO TERRITORIALE DI IMPATTO VALORE ECONOMICO DELL INIZIATIVA DESCRIZIONE BP/PROGETTO DESCRIZIONE BENEFICIARI (tipologia, numero destinatari diretti) DEFINIZIONE OBIETTIVI SPECIFICI ELENCO RISULTATI RAGGIUNTI STATO DI AVANZAMENTO /DURATA ELEMENTI, MODELLI QUALIFICANTI e/o INNOVATIVI DELLA BP MICROFINANZA CAMPESINA DEL CREDITO COOPERATIVO FEDERAZIONE ITALIANA BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO E CASSE RURALI FEDERCASSE, SINGOLE BCC, FEDERAZIONI TERRITORIALI BCC, GRUPPO BANCARIO ICCREA SISTEMA ASSOCIATIVO E IMPRESA DEL CREDITO COOPERATIVO ITALIANO FONDAZIONE TERTIO MILLENNIO ONLUS, BANCODESARROLLO SA, ESTRUCTURAS FINANCIERAS LOCALES IN ECUADOR (EFL), FONDO ECUADORIANO POPOLORUM PROGRESSIO (FEPP). REPUBBLICA DELL ECUADOR FASCIA ANDINA (SIERRA) OLTRE 40 MILIONI DI DOLLARI USA (PER CREDITI A TASSO AGEVOLATO). A QUESTA CIFRA SI AGGIUNGONO OLTRE 2 MILIONI DI DOLLARI A FONDO PERDUTO (CAPITALIZZAZIONE EFL/BANCODESARROLLO ED ATTIVITA FORMATIVE, PROGETTI AGRICOLI, APPARECCHIATURE TECNICHE, AMMODERNAMENTO SEDI ED IMPIANTI, ECC). PROMOZIONE RETI EFL (BANCHE DI VILLAGGIO) NELLA FASCIA ANDINA (SIERRA). PLAFOND PER MICROCREDITO A FAMIGLIE DI CAMPESINOS E STRUTTURE COOPERATIVE LOCALI. PROMOZIONE CULTURA COOPERATIVA E DI TUTELA AMBIENTALE (PROGETTI AGRICOLI), SOSTEGNO ATTIVITA FORMATIVA PER DIRIGENTI EFL, ASSISTENZA TECNICA E BANCARIA. FAMIGLIE CAMPESINE E COMUNITA CONTADINE, STRUTTURE DI IMPRESA COOPERATIVA LOCALI, CONSORZI DI COOPERATIVE, SINGOLE EFL. AUTOSUFFICIENZA ALIMENTARE COMUNITA CAMPESINE; PLAFOND MICROCREDITO; SVILUPPO CULTURA COOPERATIVA; CONSOLIDAMENTO PATRIMONIALE EFL E BANCODESARROLLO (ISTITUTO CENTRALE DI CATEGORIA), AMMODERNAMENTO STRUTTURE TECNICHE IN LOCO (ACCOMPAGNAMENTO SU STANDARD DI QUALITA INTERNAZIONALE). AFFRANCAMENTO DI OLTRE 150 MILA FAMIGLIE DA FASCIA POVERTA. INVERSIONE FLUSSI MIGRATORI. DIFFUSIONE CULTURA COOPERATIVA. CRESCITA SOSTENIBILE TERRITORI. LEGALIZZAZIONE (ACQUISTO) DI ETTARI DI TERRA IN FORMA COMUNITARIA, COSTRUZIONE DI 22 MILA NUOVE CASE IN MURATURA, 110 MILIONI DI DOLLARI DI MICROCREDITI. IL PROGETTO E STATO ATTIVATO NEL 2002 CON UN ACCORDO DI COOPERAZIONE CULTURALE E FINANZIARIA TRA FEDERCASSE E CODESARROLLO (ORA BANCODESARROLLO)/FEPP. RINNOVATO NEL TUTTORA IN CORSO. IL PROGETTO MICROFINANZA CAMPESINA E OGGI IL MAGGIORE PROGETTO DI SOSTEGNO IN ECUADOR SOSTENUTO DA FONDI PRIVATI. ELEMENTI QUALIFICANTI L ATTIVAZIONE DI RAPPORTI DI RECIPROCITA TRA EFL E BCC (GEMELLAGGI), AMPIEZZA DEL SOSTEGNO (ECONOMICO, SOCIALE, CULTURALE, VALORIALE) GRAZIE AL RICONOSCIMENTO COMUNE NEI VALORI DELLA COOPERAZIONE.

11 MICROCREDITO - MICROFINANZA Permicro / FONDAZIONE CARIPLO Permicro Fondazione Cariplo NOME DEL PROGETTO (BP) SOGGETTO PROMOTORE PERMICRO FONDAZIONE CARIPLO SOGGETTO ATTUATORE FONDAZIONE GIORDANO DELL AMORE (FONDATA DA FONDAZIONE CARIPLO) BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO SOCIETÀ DI MICRO CREDITO IN ITALIA ED OPERA SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE. NASCE NEL 2007 A TORINO GRAZIE AL SOSTEGNO DEI DUE SOCI FONDATORI : OLTRE VENTURE E FONDAZIONE PAIDEIA ALTRI STAKEHOLDER COINVOLTI (elenco con indicazione del ruolo) ALTRI AZIONISTI: BNL SPA DIREZIONE FINANZIARIA, EUROPEAN INVESTIMENT FUND, FONDAZIONE CRT, OLTRE, FONDAZIONE PAIDEIA ONLUS, ETC. AMBITO TERRITORIALE DI IMPATTO ITALIA VALORE ECONOMICO DELL INIZIATIVA LA FONDAZIONE CARIPLO HA DELIBERATO UN AMMONTARE PARI A EURO A FAVORE DI FONDAZIONE GIORDANO DELL AMORE, PER IL RAFFORZAMENTO DELLA PROPRIA PARTECIPAZIONE (SOTTOSCRIZIONE AUMENTO DI CAPITALE E SOTTOSCRIZIONE PRESTITO OBBLIGAZIONARIO) IN PERMICRO. PRIMA DI TALE APPORTO FONDAZIONE GIORDANO DELL AMORE DETENEVA L 8,10% DEL CAPITALE SOCIALE (VALORE NOMINALE:CIRCA EURO). DESCRIZIONE BENEFICIARI (tipologia, FAMIGLIE, INDIVIDUI, ASSOCIAZIONI ED IMPRESE numero destinatari) OBIETTIVI E FINALITA DEL PROGETTO CREARE OCCUPAZIONE ED INCLUSIONE SOCIALE ATTRAVERSO L'EROGAZIONE PROFESSIONALE DI MICRO CREDITI, L'EDUCAZIONE FINANZIARIA E L OFFERTA DI SERVIZI DI AVVIAMENTO E ACCOMPAGNAMENTO ALL IMPRESA. PERMICRO SI RIVOLGE INOTRE A PERSONE CON ESIGENZE FINANZIARIE PRIMARIE (CASA, SALUTE, FORMAZIONE), ESCLUSE DAI TRADIZIONALI CANALI DEL CREDITO PER INSUFFICIENTE STORIA CREDITIZIA O PRECARIA POSIZIONE LAVORATIVA RISULTATI RAGGIUNTI DAL 2007 AD OGGI, PERMICRO SPA HA EROGATO CIRCA MICRO CREDITI PER UN CONTROVALORE COMPLESSIVO DI CIRCA 29 MILIONI DI EURO. STATO DI AVANZAMENTO /DURATA DISALLINEAMENTO RISPETTO AL BUSINESS PLAN INIZIALE. PAREGGIO DI BILANCIO IPOTIZZATO ENTRO IL ELEMENTI, MODELLI QUALIFICANTI e/o INNOVATIVI DELLA BP PERMICRO RAPPRESENTA UNA REALTÀ DI SOCIETÀ DI MICROCREDITO A LIVELLO NAZIONALE.

12 MICROCREDITO - MICROFINANZA Crescita / FP BNL BNP PARIBAS ITALIA E MEFOP GRUPPO (5) BUONE PRATICHE ITALIANE E PROGETTI PILOTA Nome progetto Enti promotori Crescita FP BNL BNP PARIBAS ITALIA & MEFOP Descrizione promotori FP BNL BNP PARIBAS ITALIA è un Fondo Pensioni Complementare, al quale possono aderire i dipendenti della Banca Nazionale del Lavoro e delle società del Gruppi BNL e BNP Paripas in Italia e i loro familiari a carico. MEFOP SpA (società per lo sviluppo del mercato dei fondi pensione) la cui maggioranza è detenuta dal MEF e partecipata per ca il 49% dai Fondi Pensione, è la società creata con l obiettivo di studiare, interpretare e comunicare la previdenza complementare per favorirne lo sviluppo. Enti attuatori Oltre agli enti promotori di cui sopra, gli altri Fondi Pensione nonché le Casse Professionali di Previdenza. Società di gestione del risparmio Ambito territoriale di impatto Valore economico dell iniziativa Italia Potenziale di ca15 MLD di euro (10% delle risorse gestite). Beneficiari Stato Amministrazioni pubbliche locali (Regioni, Comuni) Distretti industriali Micro, piccole e medie imprese Soggetti svantaggiati. Obiettivi specifici Assicurare il finanziamento di opere pubbliche e delle infrastrutture senza aumento del debito pubblico. Assicurare la capitalizzazione delle pmi Assicurare l erogazione di Microcredito alle microimprese, alle imprese in start up, alle imprese giovanili, all imprenditoria femminile, ecc. attraverso la creazione di una SGR cui far confluire risorse dei Fondi pensione anche ai fini della inclusione sociale di soggetti svantaggiati. Risultati da raggiungere Ci si propone di perseguire l adeguatezza e la stabilizzazione dei rendimenti dei Fondi pensione e nel contempo favorire investimenti pubblici produttivi (opere pubbliche e/o infrastrutture) e/o finanziare/capitalizzare le micro, piccole e medie imprese al fine di generare effetti positivi sulle macrovariabili economiche e sociali (protezione e recupero ambientale, innovazione e ricerca, produttività, occupazione, nascita e sviluppo di nuove microimprese e pmi) anche ai fini della inclusione sociale di soggetti svantaggiati.

13 MICROCREDITO - MICROFINANZA Crescita / FP BNL BNP PARIBAS ITALIA E MEFOP Elementi abilitanti la realizzazione del progetto Stato di avanzamento/durata Utilizzo del Fondo per le Infrastrutture e del Fondo Centrale di Garanzia per il credito alle PMI allo scopo di garantire i Fondi Pensione fino al 75% del capitale investito e degli interessi pattuiti, ovvero, partecipazione dello Stato all investimento con accollo di una quota maggioritaria del rischio rispetto ai Fondi Pensione. Agevolazioni fiscali degli investimenti in questione. Il progetto concepito è da avviare. La durata è indeterminata. Si potrà considerare concluso quando sarà rientrata una adeguata quota dei capitali attualmente investiti all estero, oltre a poter utilizzare gli ulteriori flussi contributivi in entrata. NB: Allo scopo di fornire la visione completa del progetto si allegano la nota descrittiva e la Scheda integrale del Progetto stesso.

14 MICROCREDITO - MICROFINANZA Prestito della Speranza / CEI E ABI Prestito della Speranza CEI e ABI Nome progetto Ente promotore Ente attuatore Descrizione attuatore Altri stakeholder coinvolti (elenco) e ruoli Ambito territoriale di impatto Valore economico dell iniziativa Descrizione Descrizione beneficiari (tipologia, numero destinatari diretti) Definizione obiettivi specifici Elenco risultati raggiunti Stato di avanzamento/durata Elementi, modelli qualificanti e/o innovativi Prestito della Speranza CEI e ABI Banche convenzionate all accordo, soprattutto Intesa Sanpaolo Gruppi bancari Ufficio diocesano Caritas Associazione Vobis Nazionale n.d. Progetti di microcredito Linea di credito a rilascio graduale per un importo massimo di euro alle famiglie in difficoltà che rispondono a determinati requisiti. Il Prestito della Speranza beneficia della garanzia parziale di uno specifico fondo istituito dalla CEI gestito da Banca Prossima Famiglie in momentanea difficoltà economica Accesso al credito a famiglie, affiancate da operatori Caritas 1650 famiglie finanziate per 9,5mln Anche un filone ( invece di 6.000) per la microimpresa famigliare: 64 microimprese finanziate per ulteriori 1,2mln Avviato nel 2009 Rinnovo nel 2011 Prossimo rinnovo: 2014 Accompagnamento Vobis Piattaforma WEB

15 MICROCREDITO - MICROFINANZA Microcredito assistenziale / BANCA ETICA Microcredito assistenziale Banca Etica NOME BP - PROGETTO ENTE/ATTORE PROMOTORE ENTE/ATTORE ATTUATORE DESCRIZIONE ATTUATORE ALTRI STAKEHOLDER COINVOLTI (elenco) E RUOLI AMBITO TERRITORIALE DI IMPATTO Convenzioni per il microcredito socio- assistenziale Vari enti Banca Etica Banca cooperativa che opera in maniera trasparente 80% nel settore no- profit e cooperativo Vari soggetti convenzionati (Diocesi, Fondazioni private, Enti Pubblici) Tutto il territorio nazionale VALORE ECONOMICO DELL INIZIATIVA Dal 2001 ad oggi si registrano i seguenti dati: Importo deliberato euro Debito residuo euro Importo escusso euro rapporti aperti DESCRIZIONE BP/PROGETTO Microfinanziamenti finalizzati a fornire un supporto finanziario a soggetti caratterizzati da basso reddito e/o sulla soglia della povertà, per metterli in grado di far fronte a situazioni di emergenza dalle quali dipende il miglioramento (o il non peggioramento) della loro qualità di vita. DESCRIZIONE BENEFICIARI (tipologia, numero Persone fisiche in situazione di difficoltà economica destinatari diretti) DEFINIZIONE OBIETTIVI SPECIFICI ELENCO RISULTATI RAGGIUNTI STATO DI AVANZAMENTO /DURATA ELEMENTI, MODELLI QUALIFICANTI e/o INNOVATIVI DELLA BP Favorire l accesso al credito dei beneficiari e ridurne la fragilità economica Aperti 1132 rapporti nell ambito di 47 rapporti convenzionali nazionali e locali instaurati Attività in essere Favorire l accesso al credito dei beneficiari e ridurne la fragilità economica, sfruttare reti sociali locali per forme di garanzia relazionale rispetto ai finanziati

16 MICROCREDITO - MICROFINANZA Microcredito imprenditoriale / BANCA ETICA Microcredito imprenditoriale Banca etica NOME BP - PROGETTO ENTE/ATTORE PROMOTORE ENTE/ATTORE ATTUATORE DESCRIZIONE ATTUATORE ALTRI STAKEHOLDER COINVOLTI (elenco) E RUOLI AMBITO TERRITORIALE DI IMPATTO Convenzioni per il microcredito imprenditoriale (assistenza, capitalizzazione) Vari enti Banca Etica Banca cooperativa che opera in maniera trasparente 80% nel settore no- profit e cooperativo Vari soggetti convenzionati (Diocesi, Fondazioni private, Enti Pubblici) Tutto il territorio nazionale VALORE ECONOMICO DELL INIZIATIVA Dal 2001 ad oggi si registrano i seguenti dati: Importo deliberato euro Debito residuo euro Importo escusso euro rapporti aperti DESCRIZIONE BP/PROGETTO Microfinanziamenti finalizzati a promuovere lo sviluppo economico e sociale dei vari territori sostenendo la creazione di microimprese DESCRIZIONE BENEFICIARI (tipologia, numero Persone giuridiche e start up di impresa destinatari diretti) DEFINIZIONE OBIETTIVI SPECIFICI ELENCO RISULTATI RAGGIUNTI STATO DI AVANZAMENTO /DURATA ELEMENTI, MODELLI QUALIFICANTI e/o INNOVATIVI DELLA BP Favorire l accesso al credito dei beneficiari, riducendone la fragilità economica e favorive lo sviluppo economico e sociale del territorio Aperti 332 rapporti nell ambito di 26 rapporti convenzionali nazionali e locali instaurati Attività in essere Favorire l accesso al credito dei beneficiari, riducendone la fragilità economica e favorive lo sviluppo economico e sociale del territorio

17 MICROCREDITO - MICROFINANZA San Patrignano / FONDAZIONE SAN PATRIGNANO - BANCA PROSSIMA San Patrignano - Banca Prossima e Fondazione San Patrignano Nome progetto Ente promotore Ente attuatore Descrizione attuatore Altri stakeholder coinvolti (elenco) e ruoli Ambito territoriale di impatto Valore economico dell iniziativa Descrizione Descrizione beneficiari (tipologia, numero destinatari diretti) Progetto microcredito Comunità San Patrignano Fondazione San Patrignano e Banca Prossima Gruppo Intesa Sanpaolo Gruppo bancario Associazione Vobis (fase istruttoria); Associazione Alumni Accenture (fase istruttoria); Università Bocconi (formazione); Banca CARIM (erogazione finanziamento provincia di Rimini); Fondazione Marche (compartecipazione al Fondo di Garanzia). Nazionale Euro Destinato ad aumentare con l'incremento del fondo di garanzia e con la restituzione dei primi finanziamenti (si tratta di un fondo rotativo) La Comunità di San Patrignano, Banca Prossima, Intesa San Paolo, Banca CARIM e Fondazione Marche hanno siglato un accordo per la realizzazione di un progetto di microcredito grazie ad un fondo di Garanzia di 250 mila di Euro costituito dalla Fondazione San Patrignano e da Fondazione Marche che permette a Intesa Sanpaolo di erogare sino a 750 mila euro di finanziamenti a favore degli ospiti della Comunità che, terminato il loro percorso, intendono impegnarsi come neo imprenditori. Il fondo di garanzia verrà implementato con il crescere delle pratiche avviate a finanziamento. L accesso al fondo di garanzia dei richiedenti è subordinato al parere favorevole della Fondazione San Patrignano e alla valutazione dell Associazione Vobis. Imprese individuali, società di persone, società SRL semplificata o società cooperative promosse da ospiti della Comunità di San Patrignano, promotori di un progetto per l avvio o il rilancio di un attività economica Definizione obiettivi specifici Erogazione di Elenco risultati raggiunti Finanziate le prime sei imprese per euro Stato di avanzamento/durata Elementi, modelli qualificanti e innovativi Avviato nel Attualmente altre 4 pratiche in istruttoria. In fase di raccolta nuove idee imprenditoriali Attività di formazione e pieno coinvolgimento dei microimprenditori in fase di studio e sviluppo del business plan

18 STUMENTI TRADIZIONALI CON LINEE DI FINANZIAMENTO DEDICATE Programma per l efficienza energetica del Terzo Settore / BANCA PROSSIMA Programma per l efficienza energetica del Terzo Settore Banca Prossima Nome progetto Ente promotore Ente attuatore Descrizione attuatore Altri stakeholder coinvolti (elenco) e ruoli Ambito territoriale di impatto Valore economico dell iniziativa Descrizione Descrizione beneficiari (tipologia, numero destinatari diretti) Programma per l efficienza energetica del Terzo Settore Banca Prossima Banca Prossima Banca dedicata esclusivamente al mondo nonprofit laico e religioso, pensata per rispondere meglio alle necessità e ai bisogni delle imprese del terzo settore, per migliorare la qualità dei servizi bancari e per partecipare alla crescita dell'economia del bene comune Energy service company (ESCo): Bosch, Federesco, Manutencoop, PVB come partner tecnici dell iniziativa: - audit energetico - interventi di efficientamento Territorio italiano n.d. Il progetto, attraverso l accordo con le grandi ESCo, offre alle ONP la possibilità di richiedere un audit energetico a prezzi contenuti, e decidere il corretto intervento - Audit - Investimenti in interventi di riqualificazione energetica Organizzazioni nonprofit che intendano risparmiare costi e consumi energetici Definizione obiettivi specifici - Risparmio di consumi - Risparmio di costo (fino al 40% annuo) Elenco risultati raggiunti 160 proposte dai clienti, 60 incontri effettuati con una ESCo, 2 audit effettuati Stato di avanzamento/durata Avviato a luglio 2013 Elementi, modelli qualificanti e/o innovativi Investimento in energie rinnovabili con cash flow positivo (la rata del mutuo è inferiore al beneficio in bolletta). Effetto immediato sul rating dell impresa sociale

19 STUMENTI TRADIZIONALI CON LINEE DI FINANZIAMENTO DEDICATE PAN / BANCA PROSSIMA PAN Banca Prossima Nome progetto Ente promotore Ente attuatore Descrizione attuatore Altri stakeholder coinvolti (elenco) e ruoli Ambito territoriale di impatto Valore economico dell iniziativa Descrizione Descrizione beneficiari (tipologia, numero destinatari diretti) Definizione obiettivi specifici PAN Banca Prossima Intesa Sanpaolo Gruppo bancario Gruppo cooperativo CGM; Consorzio Con.Opera di CDO opere sociali; Consorzio DROM di Legacoop sociali; FISM Federazione Italiana Scuole Materne Nazionale A seconda dei finanziamenti richiesti Sviluppare e promuovere asili nido e servizi per l infanzia a qualità elevata e standardizzata. Organizzazioni del Privato Sociale affiliate al Consorzio PAN Creare asili nido e strutture per l'infanzia sul territorio nazionale, garantendo ai bambini e alle famiglie servizi di qualità garantita Creare un marchio di qualità dei servizi Diffondere una cultura della qualità dei servizi per l infanzia e tutela dei diritti del bambino e della famiglia ad utilizzare servizi di qualità Rendere sostenibile e accessibile la retta mensile per i servizi all infanzia da parte delle famiglie Elenco risultati raggiunti Stato di avanzamento/durata Elementi, modelli qualificanti e/o innovativi Finanziamenti per 6,6mln Oltre 400 asili affiliati Consorzio Qualità certificata Partner del settore

20 STUMENTI TRADIZIONALI CON LINEE DI FINANZIAMENTO DEDICATE SPIN / BANCA PROSSIMA SPIN Banca Prossima Nome progetto Ente promotore Ente attuatore Descrizione attuatore Altri stakeholder coinvolti (elenco) e ruoli Ambito territoriale di impatto Valore economico dell iniziativa Descrizione Descrizione beneficiari (tipologia, numero destinatari diretti) Definizione obiettivi specifici Elenco risultati raggiunti Stato di avanzamento/durata Elementi, modelli qualificanti e/o innovativi Consorzio SPIN, Sport Insieme Intesa Sanpaolo e Banca Prossima + 8 Enti di Promozione Sportiva Intesa Sanpaolo Gruppo bancario Enti di Promozione Sportiva nazionali: ACSI, AICS, ASI, CSI, Endas, Libertas, UISP e US ACLI Nazionale Stima di potenziali 500 mln Valutazione e asseverazione dei progetti sportivi (intesi come investimenti in opere di riqualificazione, messa a norma, costruzione ex novo, etc.). Il documento asseverativo favorisce l accesso al credito degli operatori sportivi, favorendo quindi l offerta sportiva nazionale. Associazioni Sportive Dilettantistiche, ASD, Società Sportive Dilettantistiche, SSD, altri soggetti operatori (ad es. Soc. Coop. Sportiva Dilettantistica), Federazioni Sportive Comunali, Enti Religiosi, PPAA. Favorire l offerta sportiva di base e di partecipazione attraverso la riqualificazione dell impiantistica sportiva nazionale 50 asseverazioni, 30 mln Progetto attivo dal 2011 Diversamente dalla prassi del credito allo sport, non si inizia dal patrimonio del proponente ma dalla sostenibilità economico- finanziaria dell investimento. Modello: favorire la gestione professionale dell impiantistica sportiva, condividere il rischio con il proponente, ottenere investimento congruo rispetto agli obiettivi. Utilizzo di una piattaforma on line.

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE Guida ragionata delle disposizioni normative Commissione Attività

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES Addì, 9 giugno 2004 Tra CONFINDUSTRIA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI,

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Inclusione Finanziaria e Mercato del Migrant Banking

Inclusione Finanziaria e Mercato del Migrant Banking Inclusione Finanziaria e Mercato del Migrant Banking Aspetti e criticità del mercato, esperienze nazionali e internazionali, proposte di sviluppo In collaborazione con: PREFAZIONE... 3 INTRODUZIONE...

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Una novità nel sostegno del non profit in Italia Dr. Corrado Colombo 1 Situazione precedente Agevolazioni per le ONLUS; Limitate nell importo

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 20 febbraio 2015. Regolamento recante disposizioni operative del Fondo di garanzia per le agevolazioni

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi migranti CITTADINANZA ECONOMICA SECONDO REPORT (2013) Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli