FESTA SCIENZA FILOSOFIA 2015 sezione scienza tecnologia & innovazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FESTA SCIENZA FILOSOFIA 2015 sezione scienza tecnologia & innovazione"

Transcript

1 FESTA SCIENZA FILOSOFIA 2015 sezione scienza tecnologia & innovazione #comunitàdipratica #apprendimentocollettivo #intelligenzaconnettiva #abduzione #entrepreneurship #digitalfabrication #nuovimodelli #confine #linguaggiocondiviso #tradizioneinnovazione #sensingactuating #sincronizzazione #percezioneazione #approcciocreativo #tecnologiapensiero #progettualitànarrazione #integrazionedebolezze #lovelearning #coesione #scenari silvano tagliagambe +consiglionazionaleingegneri +associazione IC +sardegna2050 +sardex +icagliari2020 +scuolaformazioneingegnericagliari +terradipace +makeinnuoro +2+1officina architettura 1 9

2 1Siamo in presenza di uno di quei momenti magici caratterizzati dalla convergenza tra i risultati delle ricerche sul funzionamento del nostro apparato cognitivo e gli sviluppi della tecnologia applicata alla produzione. Questi sviluppi sono caratterizzati dalla Digital manufacturing, cioè da sistemi integrati, basati su computer e sulle ICT, che comprendono strumenti di simulazione, visualizzazione tridimensionale (3D), analisi e collaborazione, con la finalità di creare simultaneamente le definizioni del prodotto e del processo produttivo. In seguito a essi la progettazione degli artefatti viene ormai realizzata non più per fasi e suddividendo in maniera analitica un pezzo complesso qualunque in componenti da realizzare separatamente e assemblare successivamente, bensì attraverso una strategia complessiva basata sullo scambio di informazioni relative al prodotto e la stretta collaborazione fra i gruppi di progettazione e di produzione. Si hanno così sistemi che consentono agli ingegneri di sviluppare la definizione completa di un processo produttivo in un ambiente virtuale e di effettuare la simulazione dei processi produttivi allo scopo di riutilizzare le conoscenze disponibili e ottimizzare i processi prima che i prodotti vengano fabbricati. Per fare un esempio concreto, la General Electric produce turbine d aereo con le stampanti tridimensionali. Prima con queste stampanti si potevano stampare e produrre oggetti di polvere, adatti a fungere da modellini; poi oggetti di resina, che potevano essere adottati come prototipi. Oggi si è arrivati a stampare e a realizzare anche oggetti molto solidi, di metallo e di grandi dimensioni, come i motori dei jet. Si tratta di un mutamento di grande portata, che ha posto al centro dell interesse, come cuore ad esempio di una macchina da corsa, il sistema di telemetria, cioè un sistema di controllo che garantisce l ottimizzazione delle prestazioni della vettura, e schematicamente composto da: 1) Il sistema vero e proprio 2) sensori per capire cosa sta succedendo nel sistema e rilevare eventuali problemi e anomalie 3) attuatori per rispondere e per porre immediatamente riparo ai problemi rilevati. Il tutto, ed è questa la cosa importante, in tempo reale e sincronizzando queste attività che prima erano separate nel tempo e disposte in modo sequenziale. NEUROSCIENZE_ C è una evidente e sorprendente sintonia tra questi sviluppi tecnologici e quello che abbiamo imparato a conoscere dell organizzazione interna e del funzionamento del cervello che hanno messo radicalmente in crisi il classico schema percezione cognizione - movimento. Ormai sappiamo infatti che la percezione è immersa nella dinamica dell azione, e il sistema motorio non è isolato dal resto delle attività cerebrali. Le iniziali ricerche condotte negli anni 80 dal gruppo di G. Rizzolatti hanno condotto alla conclusione scientifica che il sistema motorio non è un semplice controllore di movimenti: alla base della sua organizzazione funzionale c è la nozione teleologica di scopo, per cui ciò che fa di un movimento un azione è il finalismo, vale a dire il progetto d azione e lo scopo che sono alla base del modo con cui il nostro sistema cervello-corpo-mente struttura e organizza la nostra interazione con il mondo. La percezione è cioè selezione dei tratti pertinenti in riferimento ad un determinato progetto di azione. POSSIBILE COLLABORAZIONE INDUSTRIA ARTIGIANATO_ La collaborazione tra funzioni tradizionalmente considerate alte, come la percezione e la conoscenza e funzioni spesso ritenute meno nobili, come l azione, significa anche l importanza di una sempre più stretta simbiosi tra lavoro della mente e lavoro delle mani, tra creatività e manualità, tra pensare e fare. A livello produttivo ciò prospetta la possibilità e anzi l esigenza, di una convergenza e di una collaborazione sempre più stretta tra l artigianato e l industria basata sulle tecnologie più innovative. Questa collaborazione è non solo agevolata ma in qualche modo stimolata dai sistemi di produzione basati sul già menzionato ricorso alle stampanti tridimensionali, che rendono obsoleto il ricorso ai tradizionali concetti di standardizzazione e di reiterazione. Come nel caso di una stampante tradizionale stampare 100 volte lo stesso foglio e 100 fogli diversi non comporta un aumento dei costi e neppure dell impegno e della fatica, se si dispone di una stampante sufficientemente evoluta e automatizzata, così nel caso delle stampanti tridimensionali è medesimo il costo della produzione di 100 pezzi uguali e di 100 pezzi tutti 2 9

3 diversi tra loro. Ciò consente l innesto nei sistemi di produzione industriale di una flessibilità e di una creatività fino a questo momento difficili da perseguire e assicurare a livello di produzione di massa. #TECNOLOGIA #PENSIERO #CREATIVITA _ Per calcolare la probabilità che un elettrone in una certa posizione iniziale A riappaia dopo un certo tempo in un altra posizione finale B bisogna considerare tutti i possibili percorsi da A a B, cioè tutte le possibili traiettorie che l elettrone può seguire [R.Feynman: somma sui cammini ]. E inevitabile che la tecnologia incida sugli stili di pensiero e sulle culture. L approccio multidisciplinare, la collaborazione tesa alla costruzione di uno sfondo condiviso tra discipline differenti diviene imprescindibile una volta che si riconosca che il progetto è elemento vincolante e presupposto ai fini della definizione del quadro percettivo. La creatività nasce dall opportunità di letture differenti sulla base di differenti progetti d azione che è possibile elaborare e sviluppare nei confronti di un medesimo oggetto. 2È tuttora attualissima una fulminante riflessione di Leonardo da Vinci: Arco non è che una fortezza causata da due debolezze, imperò che l arco negli edifizi è composto di due parti di circulo, i quali quarti circoli ciascuno debolissimo per sé desidera cadere e opponendosi alla ruina dell altro le due debolezze si convertono in un unica fortezza. Allorché dunque il pensiero tende a di esprimere un unica posizione di forza che si contrappone a posizioni di debolezza, fallisce! Allorché il pensiero assume più posizioni di debolezza e le integra (progetto), riesce a trasformarle in una posizione di forza. La sezione tecnologia e innovazione intende approfondire ciò che appartiene alle sovrapposizioni disciplinari all interno dei percorsi e programmi scolastici e il terreno di confronto tra scuola, professione e impresa, indagando il confine tra percezione e memoria, tra tradizione e innovazione, tra progettualità e narrazione, tra industria e artigianato, tra formazione e professione, tra semplicità e complessità. Il filo conduttore di tutti questi itinerari e processi che coinvolgono sistema scolastico (il percorso dalle scuole elementari all università), mondo del lavoro (l approccio all aggiornamento e alla formazione, la nuova alleanza industria-artigianato), modelli di partecipazione, narrazione e progettualità, è il passaggio da un approccio basato sull analisi, sulla scomposizione di un problema complesso nelle componenti semplici in cui si articola, sulla generalizzazione induttiva a un approccio imperniato sull analogia e sull abduzione e caratterizzato dall estensione analogica del concetto di telemetria alla governance del territorio, in modo da farlo diventare un territorio intelligente, in grado di svilupparsi e progredire grazie all intelligenza collettiva, capillarmente diffusa, di chi lo abita. Oggi i progetti complessi e innovativi richiedono l apporto e la collaborazione di specialisti provenienti da aree disciplinari differenti, che devono essere in grado di dialogare, di confrontarsi, di essere aperti ai contributi altrui, di trovare soluzioni comuni senza abbandonare i linguaggi e i quadri concettuali di provenienza, ma riuscendo a integrarli con i linguaggi di mediazione necessari per costruire uno sfondo condiviso di obiettivi e soluzioni. Ciò pone l esigenza di chiedersi dove e come possano emergere i processi di superamento dei modelli caratterizzati dalla segmentazione in discipline giustapposte e da invalicabili linee di demarcazione tra specialisti diversi. Non a caso oggi si parla sempre più di fablab, contaminationlab, coworking, nuova scuola, nuove professioni come precondizioni dell era creativa. Le nuove generazioni devono essere messe in condizioni non di subire questi processi, ma di esserne parte attiva e proattiva, per fornire il loro insostituibile contributo alla svolta in atto. Va a questo proposito sottolineato che il tratto che distingue la tanto sbandierata società della conoscenza è la crescente consapevolezza che il sapere debba essere non un fatto élitario, ma sempre più il risultato di un processo di costruzione collettivo, sociale. Ne consegue che l unica forma di apprendimento efficace è la partecipazione a tale processo e che la conoscenza cresce tanto meglio e tanto più, quanto più la si condivide. Si ha, pertanto, una sempre maggiore incidenza della condivisione, e quindi della comunicazione, sullo stesso processo di sviluppo della conoscenza. La possibilità, ormai disponibile a un livello che non ha precedenti nella storia, che un numero di persone straordinariamente 3 9

4 elevato (e che tende ad aumentare sempre più) ha di comunicare, interagire e collaborare su scala planetaria sta determinando il passaggio dal pensare in modo verticale, che significa chiedersi chi controlla un certo sistema e come si sviluppa, al pensare in modo orizzontale, per il quale prioritaria non è la questione del controllo e della gestione, ma la possibilità di connettere nel modo migliore e più efficace i nodi di una rete in modo da riuscire a ricavare il massimo di informazioni da tutte le fonti insieme. La caratteristica fondamentale della società della conoscenza è dunque quella di mettere quanto più possibile e nel modo più rapido ed efficiente in comunicazione persone o gruppi di persone e di considerare il know-how e le competenze tecniche come risultati che emergono e vengono sviluppati nell ambito di un processo di interazione e di condivisione all interno di sottogruppi e di reti di cooperazione intersoggettiva. Questa impostazione sta influenzando lo stesso modello di innovazione, che non viene più visto come processo lineare che procede attraverso passi ben definiti, bensì alla luce di un modello chain-link, secondo il quale le idee innovative possono provenire da diverse sorgenti e si affacciano con tanto maggiore facilità e ricchezza quanto più queste sorgenti ( ricerca scientifica, ovviamente, ma anche nuove tecniche di produzione, nuove esigenze di mercato ecc.) vengono poste in comunicazione reciproca. E questo processo di comunicazione, per essere significativo e foriero di risultati proficui, esige la capacità di identificare caratteristiche comuni in campi differenti e di portare alla luce analogie a priori impensabili, così che idee generali possano essere elaborate ed applicate a situazioni fra loro a prima vista assai differenti. Ecco perché < un simile risultato non si potrà mai pervenire senza la disponibilità di elementi aggreganti tra ricercatori operanti in campi disciplinari diversi e di linguaggi che consentano agli uni di farsi una qualche rappresentazione non banale dei punti di vista, delle impostazioni e degli approcci ai problemi degli altri. L aspetto interessante e la matrice comune di tutte le più riuscite esperienze di innovazione è che esse concordano e convergono nel rafforzare quell idea di intelligenza distribuita, chiamata da Derrick De Kerckhove intelligenza connettiva. Anche grazie allo sviluppo e all espansione capillare di questa che è l autentica forza propulsiva della società della conoscenza si sta profilando una sempre maggiore incidenza, sul piano economico, oltre che su quello sociale e culturale, non solo di organizzazioni formalmente costituite, ma anche di collettività non strutturate le quali riescono a proporre e realizzare molteplici alternative rispetto allo scenario economico tradizionale. Questo processo evidenzia le molteplici ricadute positive che si possono avere quando si riesce ad innescare la forza innovativa di una comunità, più o meno organizzata e non necessariamente concentrata all interno di uno spazio fisico delimitato. Come l industria, l artigianato, il mondo dell impresa possono oggi attivare l intelligenza connettiva e i nuovi modelli di sviluppo? Una nuova forma di cooperazione tra PA, mercato e terzo settore nella governance delle politiche di sviluppo può assumere forme molteplici e permettere di sperimentare nuovi canali di finanziamento. Per tanto tempo l ingegneria ha rappresentato semplicisticamente il mondo del fare, l opificio per eccellenza, mentre i narratori, popolo eterogeneo che lavora con le parole, sono stati sempre considerati la quintessenza del dire, della speculazione fantasiosa e ardita. Eppure, a dispetto del proverbio che in mezzo ci vorrebbe mettere il mare, tra questi due estremi c è (e non può non esserci) come interfaccia e strumento di raccordo proprio la narrazione, ovvero la capacità di inserire il pensiero e l azione, il dire e il fare, entro una trama comune che consenta agli interpreti dell una e dell altra vocazione di riconoscersi a vicenda come appartenenti allo stesso orizzonte civico. La mancanza di questa trama comune tra il mondo delle professioni e quello delle narrazioni è una delle cause tutt altro che remote e occasionali delle rovine e del clima di decadenza in cui viviamo ormai da molti anni. L episodio della torre di Babele ha qualcosa da insegnarci a questo riguardo. Com è che nella Genesi Dio punisce l orgogliosa pretesa dell uomo di elevarsi al cielo con le proprie forze? Lo fa mischiando le lingue e impedendo la comunicazione tra maestranze e mastri. La torre viene abbandonata e da quel momento diventa il simbolo dell incompiutezza dell umanità, della sua incapacità di autorappresentarsi. La metafora è chiara: il sogno di costruire qualcosa che guardi al cielo, ovvero che superi i limiti dello spazio e del tempo in cui siamo costretti, dipende dall esistenza di un linguaggio comune, di una narrazione condivisa. Senza un alfabeto civico collettivo non si costruisce nulla che non sia vagito, nella migliore delle ipotesi, o grido disperato nella maggior parte dei casi. 4 9

5 3 >> SCUOLE #telemetriaterritorio #progettocondiviso #comunitàdipratica #apprendimentocollettivo #intelligenzaconnettiva #abduzione #lovelearning Per costruire davvero una buona scuola servono una buona didattica, una metodologia innovativa, ambienti d apprendimento che trasformino lo spazio fisico dell aula in un contesto appositamente progettato e realizzato per conferire la massima efficacia ai processi d insegnamento, con contenuti e materiali studiati per formare una testa ben fatta. Occorre cioè pensare agli studenti e trasformare la classe in una comunità il più possibile coesa e solidale. Capitale relazionale e nuove forme di governance culturale sono elementi che devono essere necessariamente presi in considerazione. È necessaria l adozione di una nuova metodologia didattica (hardware e software) basata sull incrocio del learning by doing e tecnologia: è indispensabile valutarne, passo dopo passo, i risultati; ed è infine opportuno sperimentare, a supporto delle attività didattiche, nuove tipologie di rapporti sociali che favoriscano la trasformazione della classe in comunità coesa e solidale. INCONTRI PER LE SCUOLE sabato duemila15 h.9.30 scuola digitale per le scuole primarie e secondarie di I grado (nuovo apprendimento _rischi&opportunità patti vizzari sabato duemila15 h innovazione tecnologica _nuovi laboratori territoriali_ laboratori fai da te per le scuole secondarie di II lumini @massimiliano sabato duemila15 h Gli scenari dell ingegneria e dell innovazione e la loro ricaduta sui processi formativi e sui modelli dell istruzione dalla scuola dell infanzia alla scuola secondaria >> INCONTRI PUBBLICI #digitalfabrication #nuovimodelli #confine #linguaggiocondiviso #tradizioneinnovazione #sensingactuating #sincronizzazione #percezioneazione #tecnologiapensiero #progettualitànarrazione #integrazionedebolezze A partire dalla prima rivoluzione industriale ogni fase dello sviluppo umano che si è dispiegato nel tempo è sempre stato determinato e accompagnato dall uso di una determinata fonte energetica (carbone, petrolio, gas) e dalla civiltà delle macchine. Internet, robotica, intelligenza artificiale, calcolo parallelo massivo, convergenza CAD CAM CAE, ovvero tutte le attività riguardanti la progettazione e realizzazione di apparati e manufatti con l uso del computer hanno oggi condotto alla seconda età delle macchine, quella che vede in campo i makers, ovvero i nuovi produttori. Con la manifattura digitale la progettazione degli artefatti viene ormai realizzata non più per fasi e suddividendo in maniera analitica un pezzo complesso qualunque in componenti da realizzare separatamente e assemblare successivamente, bensì attraverso una strategia complessiva basata 5 9

6 sullo scambio di informazioni relative al prodotto e la stretta collaborazione fra i gruppi di progettazione e di produzione. Si hanno così sistemi che consentono agli ingegneri di sviluppare la definizione completa di un processo produttivo in un ambiente virtuale e di effettuare la simulazione dei processi produttivi allo scopo di riutilizzare le conoscenze disponibili e ottimizzare i processi prima che i prodotti vengano fabbricati. INCONTRI CON IL massa pirina sabato duemila15 h makeinnuoro_make space nella Sardegna centrale: l innovazione come leva strategica di sviluppo delle aree pirina cicalò sabato duemila15 h modelli innovazione_nuova alleanza solinas sabato duemila15 h reti coesione crespellani sabato duemila15 h social innovation _rete delle sabato duemila15 h A mo di conclusione provvisoria: progettualità_racconto_linguaggi catta _nasce a Cagliari il 26/10/1973, si laurea in ingegneria civile e consegue diverse specializzazioni in architettura. Da 15 anni dirige uno studio di progettazione orientato prevalentemente alle opere pubbliche; ha fatto parte della Commissione Edilizia in più Comuni della Provincia di Cagliari e ricoperto l incarico di Energy Manager per il Comune di Cagliari ed il Comune di Carloforte. È presidente della Fondazione Scuola di Formazione dell Ordine degli Ingegneri di cicalò _Classe 1963, nato a Nuoro. Laurea in Economia Aziendale. Sposato. Due figlie. Di recente anche un gatto (purtroppo). Imprenditore. Figlio di imprenditore. Nipote di imprenditore. Presidente Camera di Commercio di Nuoro. Presidente Confcommercio Sardegna. Socio ed amministratore di una importante catena di supermercati e discount in Sardegna per oltre 15 anni fino al Ha proseguito con investimenti nel comparto immobiliare, energie rinnovabili, ricettività e servizi. Appassionato di novità e sviluppo codonesu _laureato in Fisica e in Ingegneria elettronica. Ha insegnato a lungo sistemi e informatica negli istituti tecnici industriali e svolto attività di consulenza, aggiornamento e formazione professionali con numerosi enti, istituzioni e aziende. Da oltre 30 anni si occupa professionalmente di energia, ambiente e sviluppo _nato nel 1971 ed orgogliosamente sardo fin d allora, cagliaritano d adozione da oltre vent anni. Dopo il diploma di maturità scientifica si iscrive alla Facoltà di Ingegneria Ambientale dell Università di Cagliari. Di li a poco è catturato dalle enormi potenzialità offerte dai nuovi media, personal computer e di internet, che proprio in quegli anni iniziano la loro diffusione di massa; se ne appassiona ed avvia diverse collaborazioni professionali in campo informatico, portando il proprio contributo a svariati progetti, anche basati su brevetti proprietari. Da circa dieci anni lavora per la Federazione Ciclistica Italiana, presso la sede regionale di Cagliari. Il bambino impaziente di smontare qualsiasi giocattolo per capirne il funzionamento, passando per l adolescente che, con lo stesso spirito, truccava il motorino ed attraverso le diverse esperienze di studio, professionali ed hobbistiche, è oggi un 6 9

7 papà che nutre quella stessa curiosità, voglia di scoprire, imparare, costruire e realizzare coltivando nel proprio essere maker le passioni in campo informatico, elettronico e crespellaniporcella _Ingegnere dal 1982, libero professionista, si occupa di innovazione, formazione, comunicazione e processi partecipativi. Lavora a Milano per 20 anni in IBM ricoprendo diversi ruoli tecnici, di relazione e marketing e poi alla Fondazione IBM Italia come responsabile della comunicazione e formazione. Organizza corsi e convegni internazionali. Condirettore della rivista IF (tiratura copie). Diventa direttore Marketing e Comunicazione di una Digital Business TV per alcuni anni, Svolge progetti europei sull uso delle tecnologie digitali per la formazione. Docente per 5 anni all Università di Pavia in Tecnologie delle Reti e Telecomunicazioni per la laurea specialistica in Management e Tecnologia dell e-business. Rientrato in Sardegna assume responsabilità di coordinamento di progetti di formazione online, di dispersione scolastica, innovazione didattica, ambienti virtuali, con reti di scuole e Università. E autore di applicazioni multimediali, blog articoli e libri tra cui La comunicazione nell era di Internet (a cura di, con S Tagliagambe e G Usai) Etaslibri 2000, L interruttore di Kandinsky Il salto comunicativo tra linguaggio, visione e mondo digitale Ed. Guida 2001, Impariamo a Ragionare CUEC 2009 e Ragionare nel quotidiano Mimesis 2011 (con F.Paoli e _è fondatore e presidente di dpixel, società di venture capital tecnologico ed ha all attivo oltre venti investimenti nel settore Internet. Gianluca, 47 anni, si occupa di Internet da 20 anni e di startup e venture capital tecnologico da 15. Prima manager in Italia Online (Gruppo Olivetti) ha ricoperto la carica di marketing manager, direttore marketing e direttore commerciale, poi General Manager di Lycos Bertelsmann per l Italia, ha lanciato sul mercato nazionale il primo motore di ricerca online al mondo. Nel 1999 ha co-fondato Vitaminic, piattaforma per la distribuzione di musica digitale su web e mobile, ricoprendone la carica di Chief Executive Officer, gestendo un team di 150 persone su 8 mercati e portandola alla quotazione sul Nuovo Mercato di Borsa Italiana nel Gianluca ha raccolto oltre 50 milioni di euro per lo sviluppo della propria startup, da investitori strutturati di venture capital internazionali e mercati pubblici. Prima come angel investor (im3d, Sitonline, Urbissimo, Banzai, Liquida) e poi come partner di dpixel negli ultimi 10 anni ha seguito personalmente decine startup nel settore digitale e medicale, ricoprendo diverse cariche come non executive director. Scrive di Internet e Venture Capital su Wired, Nova de Il Sole 24 Ore e Chefuturo, oltre che sul suo blog _nato a Nuoro, risiede a Cagliari. Sposato, padre di due figlie. Laureato in Ingegneria Civile Trasporti e PhD. Ricercatore Universitario presso la facoltà di Ingegneria di Cagliari, dove insegna Trasporti Merci e Logistica e Valutazione dei progetti di Trasporto È direttore generale del Centralabs, Centro di Competenza della Sardegna sui Trasporti. E presidente dell Associazione Sardegna 2050 e del Centro Studi dell Ordine degli Ingegneri della prov.cagliari. Ha esperienza più che ventennale di ricerca e di consulenza per pubbliche amministrazioni nel settore dei trasporti e della mobilità, dove ha sviluppato numerosi progetti in qualità di coordinatore tecnico-scientifico. È autore di 4 libri e di circa 70 pubblicazioni a stampa su riviste e convegni nazionali ed _Cesenatico,FC, 28/12/1957, 1983 laurea in Architettura c/o Politecnico Milano; professore di ruolo Disegno e Storia dell arte presso il Liceo Scientifi co G.Asproni di Iglesias; collaborazione IED Istituto Europeo Design Cagliari come docente e assistente del Prof. Carmelo Di Bartolo per progetti didattici speciali di Design e Artigianato : Supervisore di tirocinio presso la SSIS ( Scuola di Specializzazione per Insegnanti della Scuola Superiore) dell Università degli Studi di Ca gliari, coordinatore di Dipartimento Arte e disegno e docente a contratto Morfologia e Teo ria della Figurazione, laboratori didattici sui temi della Storia dell arte, dell architettura e della didattica delle discipline artistiche, visuali e progettuali, dal 1996 fondazione BIONI KONLab, progetto di didattica sperimentale di Bionica e Morfologia naturale, applicata al design e all architettura, dal 2014 Direttore Artistico NAT14, spin-off culturale del progetto BIONIKONLab-I.I.S. G.Asproni con il quale attualmente sta sviluppando il progetto Fab NAT14 SharingLab. Siti di interesse _Nato a Tortona (AL) il 23/06/70 ma sardo del nuorese, sposato, ha tre figli e vive a Ottana. Dopo la Maturità scientifica conseguita nel 1990, corso di Formazione Professionale Regionale di Operatore Banche Dati nel 1991; corso di formazione professionale Regionale di Tecnico della gestione dei rifiuti da Bonifica industriale, conseguito nel Presso la Legler Ottana dal 1992, dal 2001 responsabile delle prove Sviluppo prodotto e della qualità sul tessuto Denim, Consigliere comunale per due mandati (1995/2000 e 2000/2005) ; Sindaco di Ottana dal Presidente della Giunta della Comunità Montana del Nuorese e componente del Consiglio di Amministrazione del Consorzio Industriale Provinciale di Nuoro. Impegnatissimo nel conseguire innovazione e semplificazione nel settore amministrativo, con le conseguenti ricadute nei processi di sviluppo massa _per tutti Dandy. Marito di Ale e papà di Giulia e Sofia. Architetto, ingegnere, progettista, centrocampista. Dopo la laurea in ingegneria si laurea in architettura con luigi snozzi. Fondatore di 2+1 Officina Architettura [www.duepiuuno.net], studio di sperimentazione progettuale rivolto alla ricerca, all avanguardia e alle sovrapposizioni ed interazioni culturali tra le differenti discipline che concorrono alla formazione del progetto e alla sua realizzazione. 2+1 OA è vincitore di numerosi concorsi internazionali e presente nel dibattito contemporaneo sulle sovrapposizioni disciplanari per la formazione del progetto. Tra il 2007 e il 2011 Presidente dell Ordine Ingegneri Cagliari e Presidente Federazione Ordini Ingegneri Sardegna. Dal 2011 vicepresidente del Consiglio Nazionale Ingegneri. E presidente dell associazione IC [Intelligenza Collettiva] e icagliari

8 @michela murgia _sono nata in Sardegna, e per quanti indirizzi abbia cambiato in questi anni, dentro non ho mai smesso di abitarla. Mi sono diplomata in una scuola tecnica e dopo ho fatto studi teologici, il che non fa di me una teologa, per quanto continuino a scriverlo. Non mi piace essere definita giovane: dopo i 25 anni essere chiamati adulti dovrebbe essere un diritto. Non fumo, non porto gioielli preziosi, detesto i graziosi cadaveri dei fiori recisi, i giornalisti che mi chiedono quanto c è di autobiografico e gli editori a pagamento. Sono vegetariana, ma so riconoscere le occasioni in cui si può fare uno strappo. Ho fatto l istituto Lorenzo Mossa di Oristano per gli studi tecnici. Ho fatto la cameriera per pagarmi gli studi superiori. Ho fatto l istituto di Scienze Religiose della Diocesi di Oristano per gli studi teologici. Ho insegnato religione per sei anni frastagliati tra Oristano (il liceo classico De Castro e l istituto professionale Galilei di Oristano) e le scuole medie di Ardauli, Gesturi, Barumini, Villanovafranca, con brevi supplenze anche a Siamaggiore, Villaurbana, Oristano n 4, Isili e qualcuna che sto sicuramente dimenticando. Nel 1998 ho scelto io di non fare più domanda di insegnamento. Ho avuto un contratto a progetto come messo per consegnare cartelle esattoriali, dove ho imparato a difendermi. Ho avuto un contratto da impiegata amministrativa alla C.W.F. Italia spa di Santa Giusta, dove ho imparato che a un certo punto bisogna essere capaci di dire no. Ho avuto un contratto da grafico web allo Studio ABC di Oristano, dove ho imparato che il contratto nazionale dei grafici ha un minimo sindacale che non ci paghi l affitto. Ho avuto un contratto alberghiero all hotel Perego di Bormio, dove ho imparato che stancarmi fisicamente mi piaceva molto. Ho avuto un contratto a progetto come telefonista nella filiale oristanese della Kirby Company, dove ho imparato a guardare oltre l apparenza. Ho pubblicato il primo libro. Ho avuto un contratto da portiere notturno all Hotel Villa Canu a Cabras, dove ho imparato che la notte è bella e aiuta a pensare. Ho scritto il secondo libro. Poi ho scritto il terzo, attilio nastasi _laureato in ingegneria nel 1994, socio fondatore di Artech studio srl nel 1998, si occupa da subito di energia, di gestione intelligente degli edifici e di risparmio energetico. Insegna per un decennio elettronica, automazione ed impianti elettrici negli istituti professionali ed industriali di stato, dal 2005 si dedica esclusivamente alla professione e svolge il ruolo di amministratore e direttore tecnico di Artech studio srl, società interdisciplinare di professionisti. Dal 2006 dedica il proprio impegno civile all attività _(nato nel 1975), tra i fondatori dello studio Carlo Ratti Associati, è architetto e svolge attività professionale a Torino. Laureatosi alla Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino con una tesi che ha ricevuto la Menzione d Onore al concorso Archiprix - World s Best Graduation Projects del 2003, conta diverse collaborazioni con Università ed Enti Culturali in qualità di visiting lecturer. Dal 2013 è professore a contratto presso il Dipartimento di Architettura dell Università di Ferrara. Walter Nicolino è membro consigliere dell associazione culturale OII+, che si occupa della promozione della qualità in architettura tramite eventi, pubblicazioni, conferenze e laboratori rivolti agli studenti. Lo studio torinese Carlo Ratti Associati si focalizza in particolare su come le tecnologie digitali influenzano l architettura. Tra i vari progetti, si segnalano l ampliamento del Trussardi cafè in Piazza della Scala a Milano e il Digital Water Pavilion nella città di Saragozza in Spagna, scelto da Time Magazine come una delle migliori invenzioni del 2007 e insignito del Secondo Premio in occasione della prima edizione del Premio Fondazione Renzo Piano nel Numerosi progetti sono stati esposti in mostre, tra cui le Biennali di Architettura di Venezia del 2004, 2006 e A Cavezzo (MO) è in via di completamento il Learning Garden, progetto risultato vincitore di un concorso organizzato dalla Fondazione Renzo Piano che riguarda l estensione di due scuole nel territorio colpito dal sisma del maggio patti _consegue nel 1994 la laurea in Pedagogia e nel 2001 quella in Psicologia del lavoro e delle organizzazioni. Master in Organizzazione e gestione delle risorse umane e perfezionamento in Neuopsicologia cognitiva. Dal 2007 è dirigente scolastico presso l Istituto Comprensivo di Sestu (Cagliari). Coordinatrice e supervisore dei progetti Sardegna Speaks English e Scuole Aperte. Formatrice di docenti e per conto di istituzioni pubbliche e private, consulente per lo sviluppo aziendale e definizione delle posizioni pau _(nato a Cagliari, è professore associato di Bioingegneria Meccanica presso la facoltà di Ingegneria dell Università di Cagliari, ateneo all interno del quale ricopre anche la carica di responsabile del Laboratorio di Biomeccanica ed Ergonomia Industriale. La sua attività di ricerca è focalizzata sull applicazione di tecniche quantitative per l analisi del movimento umano in ambito ergonomico, clinico e sportivo. E autore di oltre 60 pubblicazioni su riviste ed atti di convegni a diffusione _architetto, fonda la Medaarch, Accademia Mediterranea d Architettura che indaga temi inerenti la progettazione architettonica in era digitale, i nuovi processi di fabbricazione digitale, strategie urbane ecologiche, i sistemi complessi e la gestione dei dati, il futuro delle città in termini di sostenibilità energetica e sociale, le nuove strategie per una economia ecologica. Insieme ad una formazione diversicata ed altamente specializzata l accademia tenta di dare risposta a problemi reali di carattere globale con un recupero nelle speciche istanze locali. Docente di Gestione e manipolazione dei dati per il progetto d Architettura (Data Driven) e di Digital Fabrication all interno del Master Tecnologie Emergenti Istituto Nazionale d Architettura; Responsabile Mediterranean FABLAB; Direttore di Datamenaing, agenzia di infovisualizzazione. Libero professionista nello studio d architettura ed Ingegneria picernocerasolab Con lo studio associato vince concorsi d architettura in italia ed all estero. I suoi lavori sono premiati come progetti innovativi in ambito internazionale dal progetto Slowloloop WinP_07 and Lions città di Salerno, al WTsmartcityAward del 2014, fino ad essere stati presentati allo Smart City World Congress Expo 2012 di Barcellona. Fonda la webzine che dal 2004 propone articoli e realizza video che indagano il fare dell architettura contemporanea. Ha esposto i suoi lavori alla biennale d Architettura di Siviglia e a Beyond Media Vision. Autore teatrale, 8 9

9 televisivo e radiofonico, ha scritto per tv nazionali. Premiato al Film Festival di Gioni come autore per il miglio format tv innovativo nel pirina _innovation strategist. Senior advisor. Esperto di local development and innovation management per le economie territoriali. Profondo conoscitore delle problematiche, regionali, nazionali ed internazionali, legate al mondo delle imprese, della ricerca pubblica e privata, del trasferimento tecnologico, delle startup, della pianificazione socio-economica territoriale, del marketing territoriale, degli incubatori pubblici e privati, del mondo dei capitali di rischio vocati alla creazione di nuova impresa ad alta conoscenza, della specializzazione intelligente dei territori. Specialista nei processi di policy making, nella ideazione, progettazione e gestione di politiche pubbliche integrate, nella pianificazione territoriale ed in progetti innovativi applicati ai territori. Project leader con esperienza pluriennale su gestione di progetti complessi d innovazione a caratura nazionale ed internazionale. Ha avviato diverse startup. Scrive per passione, a volte lo pubblicano. Specie su solinas _si è laureato nel 1999 in Ingegneria Elettronica con una tesi redatta in collaborazione con Volkswagen, Università di Brauschweig e Cagliari. Fino a fine 2001 è stato Ufficiale del Genio dell Aeronautica Militare, come capo sez. avionica della DTL Eurofighter Dopo questa esperienza è stato impiegato in diverse aziende ICT dove ha maturato una esperienza riconosciuta a livello internazionale nella progettazione di sistemi elettronici per il mondo automotive, avionico e domotico in conformità agli standard di certificazione europei. E stato coordinatore di diversi progetti europei e nazionali (ARTEMIS DEMANES, SMILE-O, AUTUMN) e membro del comitato tecnico di molti altri (FP7 Touchmore, Artemis ASTUTE, p+nsafecer). E stato docente a contratto del corso di Sistemi In Tempo Reale per Applicazioni Multimediali per il corso di Ingegneria delle Telecomunicazioni dell Università degli Studi di Cagliari e membro del comitato tecnico dell IFAC International Federation of Automatic Control. Da Novembre 2013 è il Direttore Ricerca e Sviluppo di Abinsula e le sue principali attività sono quelle di trovare e identificare nuove aree tecnologiche di investimento e creare ed estendere il network con aziende, centri di ricerca e università. Inoltre è tra i founder di alcune startup in ambito sharing economy e Internet of Things, Clacsoon e Lifely e in ambito Internet of Things è tra gli esponenti più attivi a livello spano _Si laurea in Economia e Commercio all Università degli Studi di Cagliari. Dopo venticinque anni di esperienza maturata nella direzione di imprese industriali e di servizi, è tra i fondatori della società di consulenza Tecnai, con la quale ha svolto e svolge tuttora attività di consulenza di direzione, formazione su modelli di business e strategie economico-finanziarie. Da alcuni anni si occupa di reti, microcredito, modelli di credito reciproco, moneta complementare e sistemi di compensazione multilaterale. Attualmente ricopre in Sardex, circuito economico integrato progettato per facilitare le relazioni tra soggetti economici operanti in un dato territorio, il ruolo di amministratore rita vizzari _insegnante di Lettere nella Scuola Secondaria di 1 grado dell Istituto Comprensivo di Sestu, ha maturato esperienza nella didattica con le tecnologie (fra gli altri: 2.0, progetti europei itec e Living Schools Lab). È anche formatrice dei docenti, autrice di libri e kit multimediali di didattica per le Edizioni Erickson e talvolta docente a contratto (per Didattica dell Italiano) in Studi Umanistici all Università di Cagliari. tagliagambe _ è stato professore di Filosofia della Scienza presso le università di Cagliari, Pisa, Roma La Sapienza e Sassari. Attualmente è professore emerito di Epistemologia del progetto presso il Dipartimento di Architettura dell università di Sassari ed è membro del Collegio dei docenti del Máster en Comunicación Social dell Universidad Complutense de Madrid e del Consiglio Consultivo Centro de Investigacion en Ciencia Politica, Seguridad y Relaciones Internacionales dell Universidad Lusófona de Humanidades e Tecnologias, Lisboa e dell Universidad Lusófona de Porto. È direttore delle collane Filosofia della scienza dell Aracne editrice e Didattica del progetto dell editore Franco Angeli. Tra le sue oltre 250 pubblicazioni da segnalare: Il sogno di Dostoevskij. Come la mente emerge dal cervello (Raffaello Cortina, 2002); Come leggere Florenskij (Bompiani, 2006): Lo spazio intermedio (Università Bocconi Editore, 2008, ed. spagnola El espacio intermedio, Editorial Fragua, 2009); People and Space. New Forms of interaction in City Project (con G. Maciocco, Springer-Verlag, 2009); Identità personale e neuroscienze, in S. Rodotà, M. Tallacchini, Trattato di Biodiritto. Ambiti e fondi del Biodiritto, Giuffré, Milano, 2010, pp ; Pauli e Jung. Un confronto su materia e psiche (con A. Malinconico), Raffaello Cortina, Milano, 2011; La libertà, le lettere, il potere, (con D. Antiseri e P. Maninchedda), Rubbettino, Soveria Mannelli, 2011; Il cielo incarnato. L epistemologia del simbolo di Pavel Florenskij, Aracne, Roma, 2013; Jung e il Libro Rosso. Il Sé come sacrificio dell io (con A. Malinconico), Moretti&Vitali, Bergamo, rita vizzari _insegnante di Lettere nella Scuola Secondaria di 1 grado dell Istituto Comprensivo di Sestu, ha maturato esperienza nella didattica con le tecnologie (fra gli altri: 2.0, progetti europei itec e Living Schools Lab). È anche formatrice dei docenti, autrice di libri e kit multimediali di didattica per le Edizioni Erickson e talvolta docente a contratto (per Didattica dell Italiano) in Studi Umanistici all Università di Cagliari. zizi _51 anni, nato a Sassari, Lauree in Tecnologie Informatiche ed in Scienze dell Informazione, entrambe conseguite presso l Università di Pisa. Ingegnere Informatico Senior iscritto presso l Ordine degli Ingegneri di Pisa. Attualmente docente di ruolo di Informatica c/o ITIS GIUA di Cagliari. Ha svolto l incarico di Designer, project manager, analista capo progetto ed analista programmatore nel settore dell ICT per conto di diverse aziende in progetti di sviluppo e ricerca. Ha pubblicato 6 libri ed altri 4 sono in fase di pubblicazione conto di Calderini. E docente a contratto dell Università di Cagliari e svolge attività di insegnamento in corsi di formazione professionale. 9 9

10 all.a_ OLIMPIADI TECNOLOGIA draft Sperimentare un progetto che si prefigga di: 1. Trasformare la classe in una comunità di pratica che lavora in modo collettivo e cooperativo (OD - obiettivo didattico: intelligenza connettiva e strumenti collaborativi); 2. Scegliere un progetto che stimoli il coinvolgimento e la partecipazione degli studenti (OD: intelligenza emotiva e motivazione); 3. Selezionare l informazione pertinente rispetto all azione (OD: percezione come selezione); 4. Studiare i casi correlati e l euristica positiva e negativa, cioè gli aspetti di similarità e le differenze con problemi antecedentemente risolti (OD: analogia); 5. Individuare le ipotesi più adatte a comporre in un quadro armonico i diversi aspetti dei problemi da affrontare (OD: abduzione); 6. Controllare l affidabilità di ciascuna delle ipotesi sulla base delle osservazioni e degli esperimenti (OD: analisi e induzione); 7. Ricavare tutte le conseguenze dalle osservazioni/sperimentazioni effettuate (OD: deduzione e calcolo e strumenti per la valutazione); 8. Studiare la fattibilità del progetto in termini di realizzazione e applicazione tecnologica (OD: learning by doing); 9. Sottolineare l efficacia e la necessità della collaborazione tra strumenti per pensare - learning by thinking ( ), orientamento verso il fare - learning by doing (8) e intelligenza emotiva - learning by loving (1-2). Progettazione di una competizione per team tesa a stimolare la curiosità degli alunni verso aspetti e temi rilevanti già attualmente (si pensi all Expo 2015 o ai recenti accordi USA RPC in materia di clima, legati al mondo della tecnologia e dell innovazione). Scoperta del lavoro multi e interdisciplinare (alunni e docenti). Coinvolgimento di tutti gli istituti superiori, sia quelli dove già si sviluppano ricerche ad indirizzo tecnico, sia gli altri per il tramite di una gara che non è basata su test o altre prove scritte, ma per la capacità di risolvere un problema scelto all interno di temi prestabiliti. temi Alle scuole potrà essere proposto di partecipare sì in modo ludico ma anche e soprattutto come team di ricerca, con un proprio manager, propri ricercatori e divulgatori sulle seguenti macro aree: 10 9

11 1. energie alternative su piccola scala, rivolte a realtà standing alone e a quelle grid connected, realizzabili in località isolate e non, nei villaggi sperduti dei paesi in via di sviluppo così come nelle grandi metropoli del mondo occidentale ; 2. cibo, filiera alimentar, produzione e preparazione degli alimenti con tecnologie efficaci ma a basso impatto ambientale; 3. tecnologie del recupero: il nuovo attraverso il riciclo di componenti e dispositivi obsoleti e avviati altrimenti alle discariche; 4. il supporto tecnologico alla gestione razionale, ecologica ed intelligente della risorsa acqua ; 5. la tecnologia per il monitoraggio e il recupero dei siti con dissesto idrogeologico 6. i trasporti, i combustibili, le energie e i veicoli a bassa emissione di CO2. partecipanti I partecipanti potranno essere: singole classi; raggruppamenti di classi dello stesso istituto sia in verticale che in orizzontale; raggruppamenti di classi di istituti diversi; gruppi di istituti modalità I concorrenti potranno decidere di partecipare sviluppando un lavoro originale su un argomento pertinente ad una sola delle macro aree o ad uno che contenga in sé più macro aree funzionalmente e consequenzialmente collegate. Potranno essere sviluppati prototipi e modelli di quanto oggetto della ricerca sviluppata. Una sintesi del lavoro, elaborata come trial cinematografico di 60 secondi, dovrà essere inviata alla giuria che potrà, a proprio insindacabile giudizio, ammettere o meno il lavoro proposto alle successive fasi della competizione, Le scuole si confronteranno preliminarmente in sede regionale; le prime classificate per ogni regione parteciperanno alla finale nazionale, In sede di gara ogni squadra dovrà allestire uno stand nel quale illustrare il proprio lavoro tramite i seguenti mezzi utilizzabili in maniera sinergica: audiovisivi; modelli in scala; prototipi. Le sedi regionali potrebbero svolgersi nei relativi capoluoghi, mentre la sede della finale nazionale potrebbe essere Roma. Le squadre vincitrici a livello locale potrebbero ricevere un premio in denaro finalizzato all acquisto di attrezzature didattiche per incrementare il contenuto tecnologico della propria scuola ed un bonus per le spese di trasferta e permanenza nella sede della finale. Le prime tre classificate a livello nazionale potrebbero essere premiate con attrezzature tecnologiche, sia individuali per gli alunni, sia collettive per gli istituti. 11 9

Indirizzo Grafica e Comunicazione

Indirizzo Grafica e Comunicazione Istituti tecnici Settore tecnologico Indirizzo Grafica e Comunicazione L indirizzo Grafica e Comunicazione ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, le competenze

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Il concetto di Smart City sta assumendo rilevanza sempre crescente e diverse città, anche in Italia,

Dettagli

LINDBERGH Associazione Professionale Via Respighi, 13 45100 Rovigo www.abilidendi.it P.IVA 01115900290

LINDBERGH Associazione Professionale Via Respighi, 13 45100 Rovigo www.abilidendi.it P.IVA 01115900290 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DANIELE PAVARIN Indirizzo 13, Via Respighi, 45100, Rovigo Telefono 3280086845 Fax E-mail danielepavarin@alice.it

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE POLITICHE DEL LAVORO E DELL OCCUPAZIONE PROGRAMMA: Innovazione e capitale umano Responsabile Ing. Marco Lobina (Direttore

Dettagli

Economia delle Relazioni tra Arte, Imprese e Territorio

Economia delle Relazioni tra Arte, Imprese e Territorio Master Courses 2012/2013 Economia delle Relazioni tra Arte, Imprese e Territorio Istituto Europeo di Design Economia delle Relazioni tra Arte, Imprese e Territorio OBIETTIVI I profondi mutamenti sociali

Dettagli

mediterranean FabLab @ School

mediterranean FabLab @ School mediterranean FabLab @ School mediterranean FabLab @ School Il Mediterranean FabLab @ School, propone un offerta formativa che garantisce l incremento dell alternanza scuola-lavoro, in ottemperanza alla

Dettagli

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

HOUSING SOCIALE E COLLABORATIVO

HOUSING SOCIALE E COLLABORATIVO CORSO DI MASTER LEVEL IN: HOUSING SOCIALE E COLLABORATIVO Programmare, progettare e gestire l abitare contemporaneo. Il corso è organizzato dal Consorzio POLI.design del Politecnico di Milano ed è supportato

Dettagli

( Fondazione Pescarabruzzo)

( Fondazione Pescarabruzzo) ISIA ROMA DESIGN MASTER IN DESIGN DELL ACCOGLIENZA ( allegato C) Livello Primo livello AFAM, ( MIUR) Alta Formazione Artistica e Musicale Anno di attivazione Anno Accademico 2008/09 Istituzione ISIA ROMA

Dettagli

DESIGN PER L INNOVAZIONE

DESIGN PER L INNOVAZIONE DESIGN PER L INNOVAZIONE Corso di laurea triennale DISEGNO INDUSTRIALE_L4_A.A. 2016-2017 Dipartimento d Architettura Università G. d Annunzio di Chieti-Pescara SOMMARIO 0. motivazioni 1. ANALISI 2. PROPOSTA

Dettagli

TECNOLOGIA. limitazioni economiche Limitazioni strumentali Limitazioni conoscitive Limitazioni dimensionali Limitazioni temporali Limitazioni etiche

TECNOLOGIA. limitazioni economiche Limitazioni strumentali Limitazioni conoscitive Limitazioni dimensionali Limitazioni temporali Limitazioni etiche TECNOLOGIA Lo studio e l esercizio della tecnologia favoriscono e stimolano la generale attitudine umana a porre e a trattare problemi, facendo dialogare e collaborare abilità di tipo cognitivo, operativo,

Dettagli

@Architetti di Apprendimento The meeting point to learn, experience and share. www.archittettidiapprendimento.it

@Architetti di Apprendimento The meeting point to learn, experience and share. www.archittettidiapprendimento.it @Architetti di Apprendimento The meeting point to learn, experience and share www.archittettidiapprendimento.it FINALITÀ DESTINATARI ORGANIZZAZIONE L Hdemia@ArchitettidiApprendimento si colloca fra le

Dettagli

The invisible made audible

The invisible made audible The invisible made audible La tecnologia ci permetterà di vedere un futuro migliore Crediamo che la tecnologia di domani cambierà la nostra società e il modo in cui le persone vedono il proprio futuro.

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Progetto Manipolare e creare l arte Linguaggi, creatività, espressione

Progetto Manipolare e creare l arte Linguaggi, creatività, espressione LOGOS Didattica della Comunicazione Didattica Comunicazione e comunità hanno la stessa radice linguistica: le comunità esistono attraverso la condivisione di significati comuni e di forme comuni di comunicazione(j.

Dettagli

Linee guida Secondo ciclo di istruzione

Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Grafica e comunicazione Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Teoria della comunicazione 60 89 Progettazione multimediale 119

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Comunicazione visiva

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Comunicazione visiva Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Comunicazione visiva Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento

Dettagli

La presenza di questo strumento in classe modifica l ambiente di apprendimento. La possibilità di andare alla

La presenza di questo strumento in classe modifica l ambiente di apprendimento. La possibilità di andare alla IV edizione Anno Accademico 2009/2010 Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie

Dettagli

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza La scelta della scuola? Una decisione importante Ecco Il

Dettagli

ECOPOLO A Scuola di Energia

ECOPOLO A Scuola di Energia ECOPOLO A Scuola di Energia Istituzione presso l Istituto Rosselli di Aprilia di un polo didatticoinformativo sulle tematiche dell energia sostenibile. (Sintesi) Luglio 2013 Premessa L energia è un tema

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA D ISTITUTO

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA D ISTITUTO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale Via F.lli Cervi, 4 27011 Belgioioso (PV) Tel. 0382 969143 0382 960306-fax. 038 2972315 e-mail uffici : sms.adanegri.belg@libero.it

Dettagli

Industrial Design: sistemi, servizi, prodotto

Industrial Design: sistemi, servizi, prodotto Industrial Design: sistemi, servizi, prodotto master ISIA DI PRIMO LIVELLO - 2011 A PORDENONE Industrial Design: sistemi, servizi, prodotto MasteR DI PRIMO LIVELLO - 2011 Progetto Il Master si rivolge

Dettagli

Business Administration for Arts and Cultural Events

Business Administration for Arts and Cultural Events Master Courses 2012/2013 Business Administration for Arts and Cultural Events Istituto Europeo di Design Business Administration for Arts and Cultural Events OBIETTIVI Il mondo dell arte e i suoi mercati

Dettagli

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design 21 Bando pubblico di partecipazione per Giovani Architetti, Designer, Artigiani, Artisti, Scuole Scadenza

Dettagli

IL PROGETTO SCIENZA LUDICA

IL PROGETTO SCIENZA LUDICA IL PROGETTO SCIENZA LUDICA Il concorso FIRST LEGO LEAGUE si inserisce nell ambito del progetto SCIENZA LUDICA che nasce nel 2009, Anno Europeo della Creatività e Innovazione, in collaborazione con l Istituto

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E SIEMENS S.p.A. PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA (di seguito

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale P. Paleocapa

Istituto Tecnico Industriale P. Paleocapa ESPERIA Istituto Tecnico Industriale P. Paleocapa Prospetto informativo per l orientamento agli studi Tecnici Superiori Per informazioni via Gavazzeni 29, Bergamo tel. 035-319388 fax 035-318741 Sito internet:

Dettagli

CORSO DI LAUREA E DI LAUREA SPECIALISTICA. IN INGEGNERIA GESTIONALE (www.ingegneria.unical.it/cdl/ges) (www.ingegneria.unical.

CORSO DI LAUREA E DI LAUREA SPECIALISTICA. IN INGEGNERIA GESTIONALE (www.ingegneria.unical.it/cdl/ges) (www.ingegneria.unical. CORSO DI LAUREA E DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE (www.ingegneria.unical.it/cdl/ges) (www.ingegneria.unical.it/cdls/ges) 1. Informazioni Generali Presidente del Consiglio di Corso di Laurea:

Dettagli

II Facoltà di Ingegneria

II Facoltà di Ingegneria II Facoltà di Ingegneria La II Facoltà di Ingegneria è una Facoltà giovane come te, in continua evoluzione, dove le nuove idee sono di casa. Ti offre la possibilità di seguire, sin dal primo anno, un percorso

Dettagli

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO Anno Scolastico 2011-2012 DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO I rapidi cambiamenti sociali, culturali, economico-politici della società odierna impongono alla scuola un radicale mutamento della mentalità e della

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA corso triennale post diploma

SCEGLI CON IL CUORE. GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA corso triennale post diploma SCEGLI CON IL CUORE pag. 2 Il corso, di durata triennale, permette di conseguire un alta formazione nel campo del design della comunicazione visiva. Il percorso formativo è strutturato in modo da trasmettere

Dettagli

Comunicazione Musicale

Comunicazione Musicale ALTA SCUOLA IN MEDIA COMUNICAZIONE E SPETTACOLO Facoltà di Lettere e Filosofia Master Universitario di primo livello Comunicazione Musicale XV edizione Milano, novembre 2015 - ottobre 2016 Master 2015-2016

Dettagli

CORSI DI LAUREA DELL AREA DELL ARCHITETTURA

CORSI DI LAUREA DELL AREA DELL ARCHITETTURA CORSI DI LAUREA DELL AREA DELL ARCHITETTURA 39 Area di apprendimento STORIA E SCIENZE SOCIALI 1 anno 2 anno 3 anno 1 P.D. 2 P.D. 1 P.D. 2 P.D. 1 P.D. 2 P.D. Storia dell Architettura contemporanea Atelier

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Via Antonio Cei, 4 56123 Pisa ITALIA Telefono +39 050 555769; +39 348 5815210 Fax E-mail gviale@alice.it

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a N. V II/2 ffebb rra io i 2011 I N D I C E F O C U S Concluso il ciclo di formazione per imprenditori

Dettagli

L innovazione condivisa: l esperienza dei FabLab e dell alfabetizzazione digitale

L innovazione condivisa: l esperienza dei FabLab e dell alfabetizzazione digitale Seminario Nazionale L innovazione condivisa: l esperienza dei FabLab e dell alfabetizzazione digitale Firenze, mercoledì 8 luglio 2015 Indire, Salone Lombardo Radice 9:30-16:30 Programma Ore 9:30 Caffè

Dettagli

Liceo Scientifico. Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate

Liceo Scientifico. Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate Liceo Scientifico Sezione A. Maserati Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate Cos è il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate La recente riforma della scuola secondaria ha ripreso la

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

URBAN LIGHTSCAPE PAESAGGI DELLA CITTA CONTEMPORANEA: LA LUCE COME ELEMENTO DI CONNESSIONE TRA PASSATO, PRESENTE E FUTURO

URBAN LIGHTSCAPE PAESAGGI DELLA CITTA CONTEMPORANEA: LA LUCE COME ELEMENTO DI CONNESSIONE TRA PASSATO, PRESENTE E FUTURO URBAN LIGHTSCAPE PAESAGGI DELLA CITTA CONTEMPORANEA: LA LUCE COME ELEMENTO DI CONNESSIONE TRA PASSATO, PRESENTE E FUTURO concorso internazionale di idee maggio ottobre 2015 promosso da organizzato da DIPARTIMENTO

Dettagli

ANALISTA PROGRAMMATRICE e PROGRAMMATORE

ANALISTA PROGRAMMATRICE e PROGRAMMATORE Aggiornato il 9 luglio 2009 ANALISTA PROGRAMMATRICE e PROGRAMMATORE 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono

Dettagli

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) del Liceo Artistico G. de Chirico Torre Annunziata

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) del Liceo Artistico G. de Chirico Torre Annunziata Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) del Liceo Artistico G. de Chirico Torre Annunziata Il Progetto educativo e formativo del Liceo Artistico G. de Chirico è finalizzato alla crescita globale

Dettagli

innovazione PER del business IL business 15 e 16/06/2012 6 e 7/07/2012 20 e 21/07/2012 Polo Tecnologico di Pordenone Andrea Galvani Via Roveredo, 20/b

innovazione PER del business IL business 15 e 16/06/2012 6 e 7/07/2012 20 e 21/07/2012 Polo Tecnologico di Pordenone Andrea Galvani Via Roveredo, 20/b PER Polo Tecnologico di Andrea Galvani Via Roveredo, 0/b Innovazione, Innovazione per il business è un ciclo di incontri di formazione breve indirizzati ai decisori aziendali per stimolare le capacità

Dettagli

DIGITALMED SUMMER SCHOOL - V EDIZIONE Digital / Natural

DIGITALMED SUMMER SCHOOL - V EDIZIONE Digital / Natural L Accademia Mediterranea di Architettura e il Mediterranean FabLab, con la collaborazione di WASP e il patrocinio dell Ordine degli Architetti di Salerno, presentano: DIGITALMED SUMMER SCHOOL - V EDIZIONE

Dettagli

PRINCIPALI ATTIVITA IN CORSO E IN PROGRAMMA

PRINCIPALI ATTIVITA IN CORSO E IN PROGRAMMA PRINCIPALI ATTIVITA IN CORSO E IN PROGRAMMA 2015 1. L IN/ARCH PER LE ARCHITETTURE DEL MADE IN ITALY La mostra sulle Architetture del made in Italy è stata allestita per il Padiglione Italia alla 13. Mostra

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA UNIVERSITA TELEMATICA UNIPEGASO A.A. 2013/2014

OFFERTA FORMATIVA UNIVERSITA TELEMATICA UNIPEGASO A.A. 2013/2014 OFFERTA FORMATIVA UNIVERSITA TELEMATICA UNIPEGASO A.A. 2013/2014 Istituita con Decreto Ministeriale del 20 aprile 2006 (GU n. 118 del 23 5 2006 Suppl. Ordinario n. 125), l Università Telematica Pegaso

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design come elemento di user centered design Fondazione la Fornace di Asolo 21 aprile 2009 Asolo, 21 aprile 2009 1 Treviso Tecnologia: Innovazione come missione Treviso Tecnologia èl Azienda Speciale per l innovazione

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Oggetto: Concorso a premi ChimicaMente BASF Italia e Roma Makers. Smart Making: piccole idee per grandi soluzioni

Oggetto: Concorso a premi ChimicaMente BASF Italia e Roma Makers. Smart Making: piccole idee per grandi soluzioni Oggetto: Concorso a premi ChimicaMente BASF Italia e Roma Makers Smart Making: piccole idee per grandi soluzioni BASF: 150 anniversario BASF nel 2015 compie 150 anni. Oltre a festeggiare il passato, la

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PROGETTO INTELLIGENT FURNITURE A SCUOLA DI PROMOZIONE DEL MOBILE

COMUNICATO STAMPA PROGETTO INTELLIGENT FURNITURE A SCUOLA DI PROMOZIONE DEL MOBILE COMUNICATO STAMPA PROGETTO INTELLIGENT FURNITURE A SCUOLA DI PROMOZIONE DEL MOBILE Imprese e giovani a scuola di promozione del mobile. Intelligent Furniture, il progetto sul marketing mobile, dedicato

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

Crescita. Sostenibilità Ottimizzazione. Investimenti

Crescita. Sostenibilità Ottimizzazione. Investimenti Crescita Sostenibilità Ecologia Efficienza Ottimizzazione Sviluppo Competitività Investimenti Il futuro viaggia sulle strade dell efficienza energetica Efficienza: un obiettivo da raggiungere Parlare di

Dettagli

FACULTY CORSO. Service Design FOR BUSINESS ANDREA BOARETTO

FACULTY CORSO. Service Design FOR BUSINESS ANDREA BOARETTO ANDREA BOARETTO E docente di Marketing presso MIP Politecnico di Milano. Coordina i progetti di marketing della School of Management sui temi della Multicanalità, del Mobile Marketing, del Digital Signage

Dettagli

Torino Social Innovation.

Torino Social Innovation. Torino Social Innovation. Un programma di lavoro per la città e la giovane imprenditorialità. Le città e le comunità urbane sono al centro di un acceso dibattito politico-istituzionale europeo, che le

Dettagli

Catalogo FORMAZIONE BLENDED. Aula + Pillole Formative. Finanziabile con Fondi Interprofessionali

Catalogo FORMAZIONE BLENDED. Aula + Pillole Formative. Finanziabile con Fondi Interprofessionali Catalogo FORMAZIONE BLENDED Aula + Pillole Formative Finanziabile con Fondi Interprofessionali 2 Indice CORSO DI SVILUPPO MANAGERIALE Pag. 3 REVERSE MENTORING Pag. 5 STRUMENTI E METODI PER LA GESTIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo Lucca 2 Piazzale A. Moro, S. Concordio, 55100 Lucca. Tel. 0583 55497 e.mail: scuola@davincichelini.it

Istituto Comprensivo Lucca 2 Piazzale A. Moro, S. Concordio, 55100 Lucca. Tel. 0583 55497 e.mail: scuola@davincichelini.it Istituto Comprensivo Lucca 2 Piazzale A. Moro, S. Concordio, 55100 Lucca. Tel. 0583 55497 e.mail: scuola@davincichelini.it TECNOLOGIE INNOVATIVE Robotica in rete: ambienti di apprendimento orientati alla

Dettagli

MOA.TODAY. Interattività per menti curiose

MOA.TODAY. Interattività per menti curiose Interattività per menti curiose About Us Dove siamo Metodologia Servizi Space sharing Progetti 2 ABOUT US Design interattivo per menti curiose Siamo creatori appassionati dell arte multimediale, di idee

Dettagli

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino Carissimi alunni, gentili genitori, questo opuscolo è stato pensato per far conoscere l offerta formativa della nostra scuola a

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

FIRST LEGO LEAGUE ITALIA

FIRST LEGO LEAGUE ITALIA FIRST LEGO LEAGUE ITALIA 3 CONCORSO INTERNAZIONALE di SCIENZA e ROBOTICA QUALIFICAZIONE INTERREGIONALE PER IL CENTRO ITALIA I.T.T.S. FEDI-FERMI Pistoia 21 febbraio 2015 BREVE PROFILO DEI GIURATI E CAPO-ARBITRI

Dettagli

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design 21 Bando pubblico di partecipazione per Giovani Architetti, Designer, Artigiani, Artisti, Scuole Scadenza

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Scadenza del Bando: 10 Giugno 2016 Corso: dal 21 Giugno 2016 al 15 Luglio 2016. Promossa da: In collaborazione con:

Scadenza del Bando: 10 Giugno 2016 Corso: dal 21 Giugno 2016 al 15 Luglio 2016. Promossa da: In collaborazione con: Scadenza del Bando: 10 Giugno 2016 Corso: dal 21 Giugno 2016 al 15 Luglio 2016 Promossa da: In collaborazione con: PALESTRA DELLE PROFESSIONI DIGITALI I promotori del progetto formativo Palestra delle

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Energy Management. Corso executive

EDUCATION EXECUTIVE. Energy Management. Corso executive EXECUTIVE EDUCATION Energy Management Corso executive NOVEMBRE 2010 - APRILE 2011 Il sistema Jobleader: un metodo evoluto per potenziare le competenze delle figure chiave aziendali Jobleader è il nuovo

Dettagli

VISTO l art. 3, DPR 275/99, così come novellato dai commi 14-16, articolo unico L. 107/2015;

VISTO l art. 3, DPR 275/99, così come novellato dai commi 14-16, articolo unico L. 107/2015; Prot. N. 5438/A07 del 28/10/2015 Roma 28 ottobre 2015 Al Collegio dei Docenti Alla Commissione POF Al Consiglio d Istituto Oggetto: Indirizzi del DS per le attività e le scelte di gestione e di amministrazione

Dettagli

DM-BOT. Presentazione del progetto

DM-BOT. Presentazione del progetto DM-BOT Presentazione del progetto Nelle scuole dell IC Don Milani è presente da anni un filone progettuale che ha come finalità la valorizzazione ed il potenziamento dell'offerta formativa curricolare

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento

FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento,

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI E LAVORARE PER COMPETENZE

INDICAZIONI NAZIONALI E LAVORARE PER COMPETENZE IC Bagnolo sul PIano INDICAZIONI NAZIONALI E LAVORARE PER COMPETENZE Mario Castoldi settembre 2015 LA SFIDA DEL CURRICOLO DI ISTITUTO Nel rispetto e nella valorizzazione dell autonomia delle Istituzioni

Dettagli

Corsi di formazione. Ventidue srl - News & Events / corporate@nexthr.it

Corsi di formazione. Ventidue srl - News & Events / corporate@nexthr.it Corsi di formazione 2014 Ventidue srl - News & Events / corporate@nexthr.it 16 ore Social & Antonio INCORVAIA digital STRATEGIES 26-27/2 MI *18/6 MI 8-9/10 Mi *fast edition 38 anni, laureato in Architettura

Dettagli

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative.

Dettagli

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community Associazione per la Professionalità Docente formazione Educommunity Educational Community 2 OFFERTA SCUOLE 3 la nostra offerta Educational Community, grazie all esperienza maturata nel contesto scolastico

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

quality fashion shop

quality fashion shop quality fashion shop Introduzione quality fashion shop Il MADE IN ITALY è molto più di un marchio, è passione, lavoro, garanzia. Siamo noi, la nostra identità, la nostra cultura, la nostra storia. È l

Dettagli

MASTER BREVE EFFICIENTAMENTO ENERGETICO IN EDILIZIA STORICA E AREE D INTERESSE PAESAGGISTICO: progettazione tecnologie materiali

MASTER BREVE EFFICIENTAMENTO ENERGETICO IN EDILIZIA STORICA E AREE D INTERESSE PAESAGGISTICO: progettazione tecnologie materiali Buona parte degli interventi edilizi per i prossimi anni è destinata a riguardare edifi ci storici o collocati all interno di beni paesaggistici, con vincoli che scaturiscono da normative complesse. Sempre

Dettagli

The Learning Garden. Natura e leggerezza trasformano uno spazio scaturito dall emergenza studio carlorattiassociati walter nicolino & carlo ratti*

The Learning Garden. Natura e leggerezza trasformano uno spazio scaturito dall emergenza studio carlorattiassociati walter nicolino & carlo ratti* The Learning Garden Natura e leggerezza trasformano uno spazio scaturito dall emergenza studio carlorattiassociati walter nicolino & carlo ratti* a cura di Federica Maietti Uno spazio connettivo, uno tessuto

Dettagli

UNA STARTUP PUGLIESE CONQUISTA

UNA STARTUP PUGLIESE CONQUISTA Lecce, 15 giugno 2015 COMUNICATO STAMPA UNA STARTUP PUGLIESE CONQUISTA LA GRANDE DISTRIBUZIONE COOP CON PRODOTTI OPEN SOURCE E LANCIA UNA TRE GIORNI DEDICATA A INNOVAZIONE E STAMPA 3D. Un evento di tre

Dettagli

PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI

PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI P R O G E T T O D I C I R C O L O NOI A SCUOLA DI RACCONTERIA PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI PREMESSA Com è possibile riuscire a far sì che

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI

UNIVERSITA' DEGLI STUDI UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI ALLEGATO 2B CONVENZIONE TRIENNALE PER GLI ESERCIZI 2006-2008 LEGGE REGIONALE N. 26/1996 ART. 26 RAPPORTI TRA LA REGIONE E LE UNIVERSITA DELLA SARDEGNA PIANO DELL UNIVERSITÀ

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PROGETTO CLASSI in RETE curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PREMESSA Da sempre la conoscenza ha rappresentato l elemento fondamentale di discriminazione sociale, politica

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Antonietta Albanese*, Marcello Cesa-Bianchi**, *Segretaria Scientifica Aript, **Presidente Aript, Università degli Studi di Milano

Antonietta Albanese*, Marcello Cesa-Bianchi**, *Segretaria Scientifica Aript, **Presidente Aript, Università degli Studi di Milano Introduzione Antonietta Albanese*, Marcello Cesa-Bianchi**, *Segretaria Scientifica Aript, **Presidente Aript, Università degli Studi di Milano Il primo numero della Rivista di Psicologia del turismo richiede

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

Modena, 14 settembre 2015 AVVISO DI SELEZIONE

Modena, 14 settembre 2015 AVVISO DI SELEZIONE Modena, 14 settembre 2015 AVVISO DI SELEZIONE Democenter-Sipe gestisce e coordina il progetto denominato PROGRAMMA DI ACCELERAZIONE TERRITO- RIALE 2014-15, finanziato dalla Fondazione di Vignola, realizzato

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

Gli Ingegneri italiani, riuniti nel 60 Congresso Nazionale in Venezia PREMESSO PRESO ATTO RICONOSCIUTA CONSIDERATO

Gli Ingegneri italiani, riuniti nel 60 Congresso Nazionale in Venezia PREMESSO PRESO ATTO RICONOSCIUTA CONSIDERATO MOZIONE CONGRESSUALE 60 CONGRESSO NAZIONALE INGEGNERI VENEZIA 2 ottobre 2015 Gli Ingegneri italiani, riuniti nel 60 Congresso Nazionale in Venezia PREMESSO che il Paese deve ancora uscire dalla crisi economica

Dettagli

MASTER IN COMUNICAZIONE AMBIENTALE. Giornalismo divulgazione green economy

MASTER IN COMUNICAZIONE AMBIENTALE. Giornalismo divulgazione green economy MASTER IN COMUNICAZIONE AMBIENTALE Giornalismo divulgazione green economy Il Master in Comunicazione ambientale è ideato dal Centro Studi CTS e da Green Factor, società di consulenza sulle tematiche ambientali,

Dettagli

LA BOLLETTA ELETTRICA. OMBRE E LUCI

LA BOLLETTA ELETTRICA. OMBRE E LUCI LA BOLLETTA ELETTRICA. OMBRE E LUCI Sezione di Torino complessità, costi, opportunità. Politecnico di Torino: Aula Magna Roberto Napoli Professore Ordinario di Sistemi Elettrici Dipartimento Energia Politecnico

Dettagli

BRAND ED EVENTI. Tra queste in particolare

BRAND ED EVENTI. Tra queste in particolare 1 CHI SIAMO comevoi, nata nel 2011, è un'agenzia di comunicazione composta da un gruppo di soci che vantano esperienza decennale nel campo dell editoria e della comunicazione. MISSION La nostra missione

Dettagli

lii lii llll lii I I li I lii 1111111111111111111111111111111

lii lii llll lii I I li I lii 1111111111111111111111111111111 CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI presso il,l/ùtislero della Giustizia Circ. n. 580/XVlll Sess. CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI 07/08/2015 U-rsp/5220/2015 lii lii llll lii I I li I lii 1111111111111111111111111111111

Dettagli

Perché un Master in Direzione del Personale

Perché un Master in Direzione del Personale Perché un Master in Direzione del Personale di Luigi M. Sanlorenzo (*) Saper gestire le risorse umane significa essere in grado di comprendere come raggiungere livelli di efficacia e quali sono le competenze

Dettagli