IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI"

Transcript

1 Position Paper ASVI IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI a cura di R. Randazzo e M. Crescenzi, 11 luglio Indice 1. Alcune domande d impatto sociale, M. Crescenzi, R. Randazzo p Abstract e note scenario, M. Crescenzi p L Impact Finance in Italia e all estero, R. Randazzo p Proposte, R. Randazzo p Conclusioni: verso le nuove opportunità, M. Crescenzi, R. Randazzo p. 7 1

2 1. ALCUNE DOMANDE D IMPATTO SOCIALE, di M. Crescenzi e R. Randazzo Quali fonti di finanziamento alternative e innovative sono e saranno disponibili per gli enti del terzo settore e l innovazione sociale? Quali potrebbero essere i possibili ostacoli alla realizzazione di investimenti nel capitale sociale (Equity) degli enti non profit tradizionali? In che modo si può trarre ispirazione anche dalle tecniche di venture capital, per sperimentare forme di finanziamento alternative o quantomeno complementari al grant? E soprattutto, perché e come i nuovi investitori (impact investors) sceglieranno chi e quali progetti finanziare? 2. ABSTRACT E NOTE SCENARIO, di M. Crescenzi Il presente documento parte da alcune premesse e bisogni quali: la crisi occidentale del welfare e i connessi limiti d intervento sociale dello Stato; l emergere di nuovi soggetti privati o istituzionali con elevati potenziali di erogazione interessati all intervento sociale; il diffuso malcontento sull efficacia ed efficienza degli interventi gestiti dalle organizzazioni tradizionali di terzo settore. Il position paper si colloca in una linea consolidata ASVI di attenzione alla qualità operativa e all impatto sociale prodotto dalle organizzazioni di terzo settore 1 ed ha l obiettivo di delineare le più probabili linee d azione per lo sviluppo dell Impact Finance, ovvero quel comparto della finanza sociale che stressa l investimento in via prioritaria sulla produzione di cambiamenti sociali duraturi, e in tal senso sopravanza la finanza più genericamente responsabile e/o etica. Da qualche tempo, anche all interno del contesto italiano, si comincia a parlare di impact investing, ossia di quella particolare strategia d investimento che mira alla creazione di risultati non solo di carattere economico-finanziario, ma anche sociale e ambientale. Si registra, infatti, una presenza sempre maggiore di investitori responsabili, che non accettano l idea che sia necessario scegliere tra investire per massimizzare i rendimenti o effettuare erogazioni liberali per scopi puramente filantropici. 1 Vedi ad es. il volume Valutare la qualità del non profit e dell impresa sociale: guida operativa alla valutazione per gli operatori ed i soggetti grant making (a cura di M. Crescenzi, ASVI, 2007), un primo momento significativo, seguito da numerosi convegni e pubblicazioni che hanno direttamente o indirettamente affrontato il tema della performance sociale, peraltro già oggetto delle attività formative e di consulenza. 2

3 Della Impact Investing considereremo, in particolare, le potenzialità per le organizzazioni tradizionali di terzo settore, per quelle di più recente generazione (imprese sociali anche non cooperative) e per quelle di futura generazione (low profit o Community Interest Company, secondo la legge Inglese, di cui si auspica l adozione legislativa anche in Italia). In particolare ASVI ritiene che lo sviluppo della finanza etica in genere in Italia sia in gran parte funzione: 1. della discesa in campo sociale dei fondi pensione, con possibilità di centinaia di miliardi di euro d investimento. In tal senso, si veda l esperienza del fondo Cometa, che gestisce i fondi pensione di metalmeccanici. Una discesa volta a beneficiare non solo le aziende for profit in un ottica di finanza responsabile, ma anche le imprese sociali in una logica di Impact Investing. 2. dello sviluppo di business partnership con grandi grant makers privati (fondazioni internazionali quali Melinda e Gate Foundation) e fondi di investimento sociale già ampiamente attivi all estero (Akumen Fund, Ashoka). 3. dell engagement dei soggetti investitori con le imprese sociali ed il loro management. Un aspetto, questo, pienamente in linea con il supporto e la formazione del settore da noi attuato in Italia e nel mondo da 15 anni. Chiaramente, anche se da un punto di vista giuridico le forme e le modalità d intervento potranno variare secondo le caratteristiche dei target e dei settori di riferimento, l obiettivo rimane il medesimo: supportare il lavoro di enti che realizzano un attività di interesse collettivo, consentendo all investitore di ottenere un ritorno, moderato e/o paziente, sull investimento. Saranno riportate alcune riflessioni in ordine alla possibilità di supportarne le attività tramite strumenti finanziari innovativi e modalità di finanziamento alternative, che permettano da una parte alle imprese sociali di reperire nuove fonti di finanziamento, dall altra ai potenziali investitori di indirizzare le proprie risorse in modo coerente e responsabile. Per rispondere ora alla domanda chiave : Perché e come i nuovi investitori (impact investors) sceglieranno chi e quali progetti finanziare? ritenngo che i nuovi investitori si muoveranno su progetti socialmente innovativi proposti da ONG qualificate o imprese sociali professionali, in grado di garantire una doppia performance (risultati di impatto a medio lungo termine) ed economico/finanziaria (recupero del capitale e restituizione di eventuali interessi) dotate di un management imprenditoriale, meglio se con un background for profit per maggiore facilità di dialogo; radicate nei territori e con una forte conoscenza dei bisogni sociali e delle soluzioni più adeguate, fortemente posizionate sul tema-ambito di intervento, in grado di rendicontare validamente i risultati raggiunti, di coinvolgere seriamente gli stakeholders e di creare partenariati qualificati con soggetti di diversa natura. 3

4 3 L IMPACT FINANCE IN ITALIA E ALL ESTERO, R. Randazzo L attuale crisi del sistema socio-economico ha generato degli effetti negativi anche nell ambito del terzo settore. L aumento dei bisogni da un lato e la mancanza di risorse dall altro impongono una riflessione volta a individuare delle fonti di finanziamento alternative a quelle tradizionali. L utilizzo di strumenti mutuati dal mondo finanziario rappresenta sicuramente un idea interessante, ma è necessario superare le criticità che spesso si presentano al filtro dell applicazione pratica. Nel Regno Unito, negli ultimi dieci anni, sono cresciute rapidamente diverse forme d investimento sociale che mirano a sostenere l attività di organizzazioni senza scopo di lucro o di società che svolgono comunque un attività di interesse generale. Solo a titolo d esempio, si cita Bridges Venture, una società di gestione di patrimoni privati specializzata nel lancio di fondi d investimento sociale che annovera tra i propri clienti istituzioni bancarie, fondi pensione, trust, fondazioni e soggetti privati. Sono degne di nota anche le esperienze di Future Builders, un investitore sociale che ha l obiettivo di supportare finanziariamente le organizzazioni del terzo settore, e di Acumen Fund, definito come un non profit global venture fund. Trascinando questi ragionamenti al contesto italiano, è evidente come occorra avviare una riflessione riguardo alla possibilità di ideare veicoli che permettano agli investitori sia istituzionali (per es. le fondazioni di origine bancaria, i fondi pensione, etc.) che privati di investire nel capitale sociale di organizzazioni non profit o di imprese socialmente orientate, a fronte di un - contenuto - ritorno sugli investimenti. Si tratta di una riflessione quanto mia necessaria, poiché uno degli elementi che limita l operato di tali enti riguarda sicuramente la difficoltà di reperire nuove fonti di finanziamento alternative, o almeno complementari, a quelle utilizzate fino ad oggi. Com è noto, gli enti non commerciali per lo svolgimento delle proprie attività fanno ricorso a erogazioni liberali provenienti da enti pubblici e privati e, anche se in percentuale inferiore, al capitale di debito (cioè a varie forme di prestito ). La nascita di banche e di prodotti dedicati ha l indubbio merito di fornire nuove fonti per il reperimento di capitali, ma riteniamo che si tratti di strumenti non ancora sufficienti. Oltre alle erogazioni liberali e al capitale di debito, un altro elemento che occorre considerare a questo punto è la possibilità che questi soggetti facciano ricorso a capitale di rischio. A questo riguardo, la difficoltà principale nasce dalla struttura giuridica di molti enti non profit che, anche a causa dei propri limiti intrinseci (il divieto di distribuire utili e l indivisibilità del capitale, ad esempio), non consente al potenziale investitore di ottenere un ritorno sugli investimenti e, per questo motivo, è quasi impossibile immaginare una strategia di exit in relazione all investimento effettuato. Un discorso diverso andrebbe fatto per quegli enti quali l impresa sociale ex lege e le cooperative sociali che potrebbero consentire, se non il recupero dei capitali investiti, almeno un - seppur limitato - ritorno sugli investimenti effettuati. 4

5 Volendo estendere ulteriormente il nostro ragionamento, si può ipotizzare la realizzazione d investimenti - attraverso forme e modalità che varieranno di volta in volta secondo la natura giuridica, la mission e il soggetto finanziato - anche nel capitale sociale di imprese profit a finalità sociale (low profit), basati sul modello inglese delle Community Interest Companies. Fra gli strumenti funzionali all implementazione di modalità di finanziamento alternative nell ambito dell innovazione sociale, è interessante citare i Social Impact Bond, un prodotto - già sperimentato nel Regno Unito - assimilabile ai titoli obbligazionari, che può essere sfruttato per lo sviluppo di iniziative d interesse generale. Il meccanismo utilizzato nell esperienza britannica è il seguente: un ente pubblico s impegna a supportare economicamente la realizzazione di un progetto di interesse generale, a fronte del raggiungimento di un risultato. Per il finanziamento dell iniziativa saranno emessi dei bond, sottoscritti dai soggetti interessati a supportarne la realizzazione, e, una volta raggiunto il risultato stabilito - e conclusasi quindi con successo l iniziativa, l ente pubblico erogherà le risorse necessarie a ripagare gli investitori, che deriveranno principalmente dal risparmio economico ottenuto dalla realizzazione del progetto. Il meccanismo è particolarmente interessante sotto due aspetti: da un lato i sottoscrittori dei bond avranno accesso a un beneficio sia di carattere economico sia sociale - a seguito della positiva conclusione del progetto -, dall altro l ente pubblico realizzerà un risparmio consistente sulla spesa pubblica. È evidente che, nonostante si tratti di soluzioni molto diverse tra loro, l obiettivo è comune: permettere alle imprese sociali di reperire nuove fonti di finanziamento e agli investitori privati di effettuare un investimento responsabile, che generi anche un impatto sulla collettività diffusa. Esistono anche in Italia esperienze, seppur diverse, di bond sociali, come quelli erogati dalle BCC di Cherasco, e altre: una quota degli interessi dell emissione (per un valore di euro sui 14 mln del valore complessivo del Bond) è destinata alla costruzione di un reparto di terapia intensiva cardiologica per l ospedale di Bra-Alba, viste le difficoltà del sistema di welfare pubblico. È necessario sviluppare ulteriormente i ragionamenti fin qui svolti, considerando la possibilità di realizzare dei veri e propri investimenti, sia in forma di equity sia di debito, in modo da permettere all investitore, alla stregua di un tradizionale operatore di venture capital, di entrare nel capitale sociale e di apportare un contributo non solo in termini economici, accettando un rendimento inferiore sui propri investimenti. È ormai chiaro che l impresa oggetto dell investimento debba essere in grado di garantire la remunerazione del capitale investito; questo, infatti, rappresenta un elemento necessario e imprescindibile. Riguardo all impresa sociale, poiché non sono ancora chiari i confini all interno dei quali è possibile ipotizzare delle soluzioni alternative che possano in qualche modo attenuare il vincolo della non distribution constraint, imposto dalla norma, al momento sembrerebbe difficile ipotizzare una partecipazione in forma di equity. Occorre quindi sostenere le attività di imprenditori sociali particolarmente lungimiranti coinvolgendo investitori interessati, che possano contribuire a sviluppare un movimento dove si rilevi la presenza non di una beneficenza che usa le nuove 5

6 tecniche del venture capital, ma di venture capitalist del sociale che intravedono nel comparto non profit nuove prospettive di azione e di guadagno mitigato o paziente (Patient capitalism). Ciò sui cui si vuole focalizzare l attenzione riguarda principalmente la necessità di trovare nuovi strumenti che possano sostenere il privato sociale, applicando degli schemi alternativi, o quantomeno complementari, al grant. 4. PROPOSTE, R. Randazzo La direzione in cui intendiamo muoverci va verso la creazione di un mercato di investitori professionali, chiedendo eventualmente modifiche sulla normativa di settore, che possano raccogliere professionalità e competenze da mettere a disposizione degli imprenditori sociali per promuovere e realizzare progetti innovativi e sostenibili. A tal fine, sarebbe necessario supportare e stimolare l attrazione dei c.d. capitali pazienti, disciplinando non solo le modalità/regole d investimento, ma anche i vantaggi e gli incentivi a favore degli investitori. Inoltre, lavoreremo per creare piattaforme di finanziamento all interno delle quali: 1. le imprese sociali possano proporre i propri progetti; 2. i soggetti privati possano scegliere quali progetti finanziare, con un supporto alla valutazione degli stessi. Dovrebbe trattarsi, quindi, non di erogazioni liberali o di finanziamenti a fondo perduto ma di un attività di social lending - con tassi particolarmente agevolati - dedicata a queste nuove realtà. Per far ciò occorre trarre ispirazione anche da esperienze realizzate con successo in altri paesi europei, quali i fondi di investimento sociale, attivi da diversi anni nel Regno Unito, i social impact bond o la realtà delle community interest company. Fondamentale sarà a nostro avviso l attività cosiddetta di engagement con il management dell impresa sociale, al fine di supportare: la qualità del progetto in termini di impatto sociale, sostenibilità e potenzialità di remunerazione degli investimenti; l ottimizzazione della governance e dell efficienza dei processi; la ricerca di modelli giuridico-istituzionali ottimali (forme di srl a scelta tra non profit, società low profit, community interest company); lo sviluppo delle competenze manageriali e professionali occorrenti per l accesso alla finanza sociale e alla gestione professionale del rapporto con gli investitori e gli stakeholders. 6

7 5. CONCLUSIONI: verso le nuove opportunità, M. Crescenzi, R. Randazzo Siamo di fronte ad una nuova fase, che sta portando alla nascita di operatori specializzati che adattano in modi professionali, le tecniche e i criteri di selezione tipici dell economia di mercato al settore sociale e mirano a ottenere una chiara e solida doppia performance. Occorre favorire la realizzazione di investimenti in imprese sociali e imprese a finalità sociale tramite strumenti di intervento che potranno variare in base alle caratteristiche dell ente finanziato. È ormai chiaro come non debba trattarsi di un puro e semplice apporto di capitali, ma di un operazione di engagement che veda un coinvolgimento attivo dell investitore, non solo nella fase di erogazione del finanziamento, ma anche in quelle successive, così da fornire un supporto non solo dal punto di vista capitalistico, ma anche strategico e organizzativo. Ciò soprattutto per lo sviluppo di una nuova imprenditoria sociale più attenta ad una pluralità di mercati e di stakeholeders, e di un approccio più legato al social business alla Yunus. Inoltre, si rileva come occorra uscire da un ottica solo ed esclusivamente non profit e considerare anche le imprese commerciali a finalità sociale e/o low profit quali soggetti meritevoli di attenzione. Un sapiente utilizzo di tecniche e di strumenti, mutuati anche dal mondo finanziario, non può che rappresentare una grande opportunità per le organizzazioni del terzo settore e le imprese socialmente orientate. La ricaduta in termini di nuova cultura organizzativa, strategie differenziate e nuove competenze per gli operatori del settore è abbastanza evidente. Una nuova cultura organizzativa che comprenderà competenze di business partnership con i nuovi attori, capacità di stare sui territori e trovare senso per gli investitori anche da questo radicamento, approcci progettuali meno burocratici e più imprenditoriali, maggiore centratura sui risultati di impatto attraverso metodologie result based management, maggiore capacità di comunicazione e coinvolgimento degli stakeholder e delle comunità di riferimento. Un decentramento cognitivo non solo dal pubblico (che continuerà ad essere presidiato) ma anche da una logica esclusivamente grant o, peggio, filantropica. 7

INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE

INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 6 2. SINTESI... 8 3. QUADRO DI RIFERIMENTO... 10 3.1 Influenzatori del contesto... 11 3.2 Attori sociali...

Dettagli

La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale

La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INNOVAZIONE NEL TERZO SETTORE, UNA SFIDA POSSIBILE La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale Davide Dal Maso Milano, 10 aprile 2014

Dettagli

SII Task Force. In Italia

SII Task Force. In Italia In Italia Nel silenzio generale anche l Italia ha cominciato a occuparsi di Social Impact Investing, anche se con un processo dall alto, entrando a far parte della Task Force promossa dal Governo inglese

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Financial Community Hub www.fchub.it info@fchub.it. La Commissione europea preferisce i project bond

Financial Community Hub www.fchub.it info@fchub.it. La Commissione europea preferisce i project bond La Commissione europea preferisce i project bond Gli investimenti infrastrutturali possono stimolare crescita e occupazione. Come sostenuto dal neo presidente della Commissione europea Junker. Ma i lavori

Dettagli

Codice europeo per la trasparenza degli investimenti sostenibili e responsabili - Eurosif

Codice europeo per la trasparenza degli investimenti sostenibili e responsabili - Eurosif Codice europeo per la trasparenza degli investimenti sostenibili e responsabili - Eurosif Prospetto di adesione dei fondi immobiliari Aristotele ed Erasmo gestiti da Fabrica Immobiliare SGR SpA Dati al

Dettagli

News > Italia > Economia - Martedì 05 Marzo 2013, 17:00

News > Italia > Economia - Martedì 05 Marzo 2013, 17:00 " Social bond UBI..." Ubi Banca punta sul social bond con Cesvi Obbligazioni a sostegno del progetto Cesvi per la sicurezza alimentare in Uganda da Ubi" Barbara Conti In Italia arriva il prestito obbligazionario

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme

IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme Fondazione ISTUD IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme SVILUPPARE E GESTIRE IN MANIERA VINCENTE LA TUA IDEA DI BUSINESS In collaborazione con: I soci della Fondazione ISTUD sono: AMIAT - AZIENDA MULTISERVIZI

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Supply demand gap analysis. Cinzia Pollio - Koinon

Supply demand gap analysis. Cinzia Pollio - Koinon Supply demand gap analysis Cinzia Pollio - Koinon Presentazione dei risultati del progetto Attracting communities towards social enterprise investment - ACT SOCIAL 23 giugno 2015 - Università degli Studi

Dettagli

ABSTRACT. V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione "L impegno sociale delle aziende in Italia"- 2012

ABSTRACT. V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione L impegno sociale delle aziende in Italia- 2012 ABSTRACT V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione "L impegno sociale delle aziende in Italia"- 2012 INDICE Con il contributo di Dompé Farmaceutici, Novartis e Pfizer

Dettagli

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing Dall edilizia residenziale pubblica al social housing **** Fondi Immobiliari e Housing Sociale FORUM PA 2010 Roma, 20 maggio 2010 1 Premessa Per Social Housing, si intende l insieme delle iniziative e

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Chi siamo Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso

Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso Damiano Carrara 1 dicembre 2015 1 Posizionamento di UBI Banca Forte posizionamento competitivo 3 Gruppo bancario commerciale italiano per capitalizzazione Circa

Dettagli

POLITICA DI INVESTIMENTO

POLITICA DI INVESTIMENTO POLITICA DI INVESTIMENTO Il presente documento è stato predisposto in osservanza al disposto di cui all'art. 8 del Regolamento Emittenti AIM / Mercato Alternativo del Capitale approvato da Borsa Italiana

Dettagli

AICCON Short Paper n. 3 2013. Imprese sociali: verso la creazione di un ecosistema finanziario. di Paolo Venturi e Sara Rago

AICCON Short Paper n. 3 2013. Imprese sociali: verso la creazione di un ecosistema finanziario. di Paolo Venturi e Sara Rago AICCON Short Paper n. 3 2013 Imprese sociali: verso la creazione di un ecosistema finanziario di Paolo Venturi e Sara Rago Imprese sociali: verso la creazione di un ecosistema finanziario di Paolo Venturi

Dettagli

Impact Investing Una grande opportunità di cambiamento?

Impact Investing Una grande opportunità di cambiamento? Impact Investing Una grande opportunità di cambiamento? NID III Edizione Manuela Brusoni Milano, 12.11.2014 Le opportunità dell Impact Investing 1 Sostenere lo sviluppo economico e sociale dell Italia

Dettagli

BANDO PER LA RACCOLTA DI IDEE IN FORMA DI PROGETTO AD ALTO IMPATTO SOCIALE ED ECONOMICO PER LA REALIZZAZIONE DI UN SOCIAL IMPACT BOND ITALIANO

BANDO PER LA RACCOLTA DI IDEE IN FORMA DI PROGETTO AD ALTO IMPATTO SOCIALE ED ECONOMICO PER LA REALIZZAZIONE DI UN SOCIAL IMPACT BOND ITALIANO CALL FOR IDEAS BANDO PER LA RACCOLTA DI IDEE IN FORMA DI PROGETTO AD ALTO IMPATTO SOCIALE ED ECONOMICO PER LA REALIZZAZIONE DI UN SOCIAL IMPACT BOND ITALIANO ENTE NAZIONALE di PREVIDENZA e ASSISTENZA per

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

UBI Comunità al servizio del non profit. 23 ottobre 2014

UBI Comunità al servizio del non profit. 23 ottobre 2014 UBI Comunità al servizio del non profit 23 ottobre 2014 1 Posizionamento di UBI Banca Forte posizionamento competitivo 1 Gruppo bancario cooperativo italiano per capitalizzazione Circa 3,7 mln di clienti:

Dettagli

RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 2013. Abstract

RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 2013. Abstract RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 203 Abstract Il 203 è stato un anno ancora pesantemente influenzato da una profonda crisi economica e finanziaria, i cui effetti hanno minato la stabilità di molte famiglie e

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

SINOPSIS LAB. FASE srl - Alzano Lombardo 24 ottobre 2014. Renato Turbati Sinopsis Lab

SINOPSIS LAB. FASE srl - Alzano Lombardo 24 ottobre 2014. Renato Turbati Sinopsis Lab 1 SINOPSIS LAB Ripensare politiche e programmi in ambito di Sostenibilità. Monitoraggio e valutazione per nuove strategie di investimento comune in ottica UE 2020. Metodi e strumenti innovativi. FASE srl

Dettagli

Davide Dal Maso, Forum per la Finanza Sostenibile Milano, 26 marzo 2014

Davide Dal Maso, Forum per la Finanza Sostenibile Milano, 26 marzo 2014 Fondazione Giordano Dell Amore - Impact investing: come coniugare ritorno economico ed impatto positivo Dagli investimenti socialmente responsabili all impact investing: l evoluzione del settore Davide

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. CAPITOLO I DALL ISTITUTO AZIENDA NON PROFIT ALL IMPRESA SOCIALE di Federica Bandini

INDICE - SOMMARIO. CAPITOLO I DALL ISTITUTO AZIENDA NON PROFIT ALL IMPRESA SOCIALE di Federica Bandini Prefazione di Elio Borgonovi... pag. XIII CAPITOLO I DALL ISTITUTO AZIENDA NON PROFIT ALL IMPRESA SOCIALE di Federica Bandini 1. Introduzione... pag. 1 2. Definizioni a confronto...» 2 3. Dall istituto

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AUDIZIONE SUL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE 2012, N. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese 10ª Commissione Industria, commercio, turismo Senato della Repubblica Roma, 30 ottobre 2012 AUDIZIONE

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato dei Fondi immobiliari per l edilizia privata Sociale FONDI IMMOBILIARI E HOUSING SOCIALE Roberto Brustia CBA Studio Legale e Tributario febbraio 2011 Premessa Per Social Housing si

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

Date Modulo Docenti Programma

Date Modulo Docenti Programma Master Universitario in Management dell Strategica Calendario didattico a.a. 2014/ Aggiornato al 28 maggio Date Modulo Docenti Programma 19-21 febbraio Strategica Carlo Bagnoli Matteo Demartini - Dalla

Dettagli

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC Franco Bertoletti, Dottore

Dettagli

Il finanziamento delle infrastrutture e le opportunità offerte dalle politiche di cattura del valore

Il finanziamento delle infrastrutture e le opportunità offerte dalle politiche di cattura del valore Il finanziamento delle infrastrutture e le opportunità offerte dalle politiche di cattura del valore di Franco Bassanini Prefazione al volume di Chiara Sumiraschi, Ripensare il finanziamento delle infrastrutture:

Dettagli

6 a edizione. Bando Premio Impresa Ambiente 6 edizione anno 2012 1 di 13

6 a edizione. Bando Premio Impresa Ambiente 6 edizione anno 2012 1 di 13 6 a edizione Bando di concorso 2012 Bando Premio Impresa Ambiente 6 edizione anno 2012 1 di 13 Art.1 Finalità, soggetti promotori e obiettivi Il Premio Impresa Ambiente è un iniziativa promossa dal Ministero

Dettagli

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*)

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*) Strumenti di P&C Pianificazione Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE di Pietro Dalena (*) L attività di comunicazione dello stato di salute gestionale si deve strutturare

Dettagli

AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni

AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma, 11 luglio 2014 Il contesto

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Sviluppare la previdenza complementare in un contesto di PMI Il caso del Fondo Pensione Regionale del Friuli Venezia Giulia

Sviluppare la previdenza complementare in un contesto di PMI Il caso del Fondo Pensione Regionale del Friuli Venezia Giulia Sviluppare la previdenza complementare in un contesto di PMI Il caso del Fondo Pensione Regionale del Friuli Venezia Giulia Seminario Assoprevidenza, Novembre 2010 P.Marizza Agenda Il progetto lo stato

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

APPROVATI IL BILANCIO 2014 E PROTOCOLLO MEF CRESCE L IMPEGNO FILANTROPICO

APPROVATI IL BILANCIO 2014 E PROTOCOLLO MEF CRESCE L IMPEGNO FILANTROPICO APPROVATI IL BILANCIO 2014 E PROTOCOLLO MEF CRESCE L IMPEGNO FILANTROPICO Approvati il Bilancio 2014 di Fondazione Cariplo e il protocollo di autoriforma delle fondazioni di origine bancaria. L attività

Dettagli

Sfide e prospettive nella risposta ai nuovi bisogni sociali: lavoro, sviluppo e secondo welfare

Sfide e prospettive nella risposta ai nuovi bisogni sociali: lavoro, sviluppo e secondo welfare Sfide e prospettive nella risposta ai nuovi bisogni sociali: lavoro, sviluppo e secondo welfare Franca Maino Dipartimento di Studi del Lavoro e del Welfare Università degli Studi di Milano Laboratorio

Dettagli

Il network per la finanza d impresa

Il network per la finanza d impresa Il network per la finanza d impresa La nostra mission é affiancare la famiglia imprenditoriale nell attività gestionale (ottimizzazione organizzativa, finanziaria, amministrativa, legale, fiscale) e nelle

Dettagli

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Finanza agevolata, bandi, credito d'imposta INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Castellanza, LIUC - Università Cattaneo 2 ottobre 2014 INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO PRINCIPI:

Dettagli

Imprenditorialità e innovazione sociale I modelli

Imprenditorialità e innovazione sociale I modelli Imprenditorialità e innovazione sociale I modelli Le aziende non profit intervengono sulle aziende profit in crisi di GIORGIO FIORENTINI UNIVERSITA BOCCONI Come rispondere alla crisi occupazionale 1 IMPRESE

Dettagli

Professione Welfare. Gestione e sviluppo del welfare in azienda CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Milano - II edizione

Professione Welfare. Gestione e sviluppo del welfare in azienda CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Milano - II edizione CORSO DI ALTA FORMAZIONE Professione Welfare Gestione e sviluppo del welfare in azienda Milano - II edizione Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS - Alta Scuola Impresa e Società 6 giornate di lezione

Dettagli

Fattori critici di successo delle PMI italiane e rafforzamento del capitale proprio

Fattori critici di successo delle PMI italiane e rafforzamento del capitale proprio In collaborazione con Fattori critici di successo delle PMI italiane e rafforzamento del capitale proprio Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting. 1. Il

Dettagli

Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa

Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa presentazione a Roma, 15 Dicembre 2010 I. L Industria del Private Equity Totale Fondi raccolti worldwide Nonostante i fondi raccolti

Dettagli

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Per un allocazione efficiente del risparmio in Italia Progetto Federazione ABI-ANIA e Assogestioni Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Giuseppe Lusignani Università di Bologna

Dettagli

ROBERTO RANDAZZO. DATI PERSONALI Data di nascita: 8 Luglio 1968 Luogo di nascita:

ROBERTO RANDAZZO. DATI PERSONALI Data di nascita: 8 Luglio 1968 Luogo di nascita: ROBERTO RANDAZZO DATI PERSONALI Data di nascita: 8 Luglio 1968 Luogo di nascita: Messina Nazionalità: Italiana Residenza: Via Ugo Bassi, n.23-20159 Milano (Italy) Mobile: +39 338 7601313 Ufficio: Piazzale

Dettagli

Enti Pubblici e Imprese Sociali Un modello alternativo per la gestione dei servizi di interesse generale(*) Roberto Randazzo

Enti Pubblici e Imprese Sociali Un modello alternativo per la gestione dei servizi di interesse generale(*) Roberto Randazzo Enti Pubblici e Imprese Sociali Un modello alternativo per la gestione dei servizi di interesse generale(*) Roberto Randazzo 1. Premesse - 2. Il modello - 3. La mission - 4. Un caso concreto: il settore

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

SCHEMA DELLE SESSIONI

SCHEMA DELLE SESSIONI SCHEMA DELLE SESSIONI I GIORNATA MERCOLEDÌ 24 NOVEMBRE MODULO PERSONE SESSIONE A1 MATTINA SESSIONE B1 MATTINA SESSIONE C1 MATTINA Le prospettive del Mercato del Credito Immobiliare Credito ai consumatori:

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Codice Europeo per la Trasparenza degli Investimenti Sostenibili e Responsabili

Codice Europeo per la Trasparenza degli Investimenti Sostenibili e Responsabili Codice Europeo per la Trasparenza degli Investimenti Sostenibili e Responsabili Dichiarazione di impegno L Investimento Sostenibile e Responsabile è una parte essenziale del posizionamento e comportamento

Dettagli

Venture Capital: esperienze dal fronte

Venture Capital: esperienze dal fronte Venture Capital: esperienze dal fronte 3 6 0 CAPITAL PARTNERS Investing in Innovation, full scale Massimiliano D Amico, 360 Capital Partners Cos è il Venture Capital? Il Venture Capital é strutturato con

Dettagli

Un Direttore Finanziario per la tua Impresa

Un Direttore Finanziario per la tua Impresa Un Direttore Finanziario per la tua Impresa Nelle imprese italiane la Direzione Finanza è gestita personalmente dall imprenditore e solo poche realtà hanno la possibilità di permettersi un Direttore Finanziario.

Dettagli

GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ

GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ Contributo allo sviluppo sostenibile Finmeccanica interpreta il concetto di sostenibilità come capacità di un organizzazione di generare valore nel tempo. Il

Dettagli

Time for growth. Favorire la quotazione in borsa

Time for growth. Favorire la quotazione in borsa Time for growth. Favorire la quotazione in borsa Executive Summary con 20 proposte elaborate dalle fondazioni Astrid e ResPublica. Ricerca realizzata con il patrocinio della Commissione Consob 10 dicembre

Dettagli

Il mondo del Private Equity

Il mondo del Private Equity Pietro Busnardo Il mondo del Private Equity Obiettivi e modalità di intervento Reggio Emilia, 11 marzo 2014 Cosa si intende per Private Equity Finanza Debito Equity Mercati Corporate Il Private Equity

Dettagli

ISVAP. Premesse. Milano, 29/9/2009

ISVAP. Premesse. Milano, 29/9/2009 ISVAP Parere sul regolamento in consultazione relativo alla disciplina degli obblighi di informazione e della pubblicità dei prodotti assicurativi Milano, 29/9/2009 Premesse La sostenibilità dello sviluppo

Dettagli

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Gabriele Casati Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Antares AZ I è un fondo d investimento mobiliare chiuso riservato a Investitori Qualificati

Dettagli

TAVOLA ROTONDA C2 Il mercato dei Corporate Bond. Relatore Ermanno Mantova Segretario Generale OIMB

TAVOLA ROTONDA C2 Il mercato dei Corporate Bond. Relatore Ermanno Mantova Segretario Generale OIMB TAVOLA ROTONDA C2 Il mercato dei Corporate Bond Relatore Ermanno Mantova Segretario Generale 1.A Il mercato italiano dei Mini-Bond CONTESTO Contesto di mercato: Bancocentricità Le PMI italiane ricorrono

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La strutturazione di un fondo di private equity e l attività di fund raising I veicoli azionisti sottoscrittori SGR Fondo Struttura italiana gestore fondo General Partner

Dettagli

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI 10 marzo 2014 UNIVERSITA NICCOLO CUSANO La strumentalità del business plan nella valutazione dei progetti Dott. Thomas Kraicsovits Studio De Vito

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

L EQUITY CROWDFUNDING PER LE RINNOVABILI

L EQUITY CROWDFUNDING PER LE RINNOVABILI L EQUITY CROWDFUNDING PER LE RINNOVABILI Dott.ssa Chiara Candelise Ecostarter s.r.l. www.ecostarter.it Milano 9 Maggio 2014 COSA E IL CROWDFUNDING? Forma innovativa di finanziamento che permette ad un

Dettagli

Bottega del Terzo Settore

Bottega del Terzo Settore Bottega del Terzo Settore 1 Finalità del progetto La Bottega del Terzo Settore (in sintesi BTS) deve essere un luogo ed un progetto di contaminazione tra Terzo Settore e Comunità, e prima ancora tra Terzo

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Roberto Del Giudice Firenze, 10 febbraio 2014 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo

I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo Briefing I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo Una nuova era per l accesso al capitale in Italia? Sintesi L articolo 32 del Decreto Sviluppo introduce una nuova disciplina

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014 COMUNICARE LA SOSTENIBILITÀ STRUMENTI, STANDARD E MODELLI PER RENDICONTARE E VALORIZZARE L IMPEGNO DI UN ORGANIZZAZIONE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE, SOCIALE ED ECONOMICA. GENOVA, 16 SETTEMBRE

Dettagli

ITINERARI PREVIDENZIALI CONVEGNO SU INVESTIMENTI PREVIDENZIALI E MERCATI FINANZIARI: RISCHI E OPPORTUNITA. Contributi per la tavola rotonda

ITINERARI PREVIDENZIALI CONVEGNO SU INVESTIMENTI PREVIDENZIALI E MERCATI FINANZIARI: RISCHI E OPPORTUNITA. Contributi per la tavola rotonda ITINERARI PREVIDENZIALI CONVEGNO SU INVESTIMENTI PREVIDENZIALI E MERCATI FINANZIARI: RISCHI E OPPORTUNITA Contributi per la tavola rotonda Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Roma, 30 novembre 2011

Dettagli

Il Bilancio Sociale: funzioni e valenza per le piccole e medie imprese

Il Bilancio Sociale: funzioni e valenza per le piccole e medie imprese Ordine Dottori Commercialisti di Milano Scuola di Alta Formazione Il bilancio sociale nelle piccole e medie imprese Milano, 25 ottobre 2007 Il Bilancio Sociale: funzioni e valenza per le piccole e medie

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015

OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015 OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015 pag.1di12 Indice del Corso sul FUNDRAISING CALENDARIO FUNDRAISING 2015...3 MODULO BASE FARE FUNDRAISING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE...4 MODULO BASE FARE FUNDRAISING

Dettagli

Esperti in consulenza direzionale pag. 1. Crescita continua e consolidamento nel mercato assicurativo-finanziario pag. 2. La storia pag.

Esperti in consulenza direzionale pag. 1. Crescita continua e consolidamento nel mercato assicurativo-finanziario pag. 2. La storia pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA STAMPA Esperti in consulenza direzionale pag. 1 Crescita continua e consolidamento nel mercato assicurativo-finanziario pag. 2 La storia pag. 3 Il Management pag.

Dettagli

dall idea alla startup

dall idea alla startup dall idea alla startup Vademecum sul mondo del Venture Capital IL VENTURE CAPITAL Il venture capital è l attività di investimento in capitale di rischio effettuata da operatori professionali e finalizzata

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Impact Investing. Veronica Vecchi

Impact Investing. Veronica Vecchi Impact Investing Veronica Vecchi Impact Investing: che cos è Caratteri stiche dell Impact Investing 1 2 3 Intenzionalità dell impatto sociale e ambientale Addizionalità di valore sociale generato rispetto

Dettagli

Voucher per la costituzione di startup. Formazione di base. Incontri con venture capitalist. Formazione specialistica

Voucher per la costituzione di startup. Formazione di base. Incontri con venture capitalist. Formazione specialistica Formazione di base Voucher per la costituzione di startup Formazione specialistica Incontri con venture capitalist 1. FINALITÀ DELL INTERVENTO L Asips, nell intento di stimolare l autoimprenditorialità,

Dettagli

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Modulo 2 Principi e Tecniche di Fund Raising d.ssa Marta Buzzatti Fonte: Manuale di fund raising F. Ambrogetti, M.Coen Cagli, R. Milano FUND

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA U.E. LA PROPOSTA DEL SISTEMA FEDART

TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA U.E. LA PROPOSTA DEL SISTEMA FEDART Convention Fedart Fidi TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA U.E. LA PROPOSTA DEL SISTEMA FEDART Leonardo Nafissi Castiglione della Pescaia (GR), 25 settembre 2015 ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO

Dettagli

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making Raccolta fondi IDEE E STRUMENTI L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making di Valerio Melandri* e Francesco Santini** Fund raising e grant making sono due facce della stessa medaglia.

Dettagli

Introduzione. di Daniel Pittino, Riccardo Vigan, Alessandro Zattoni. Introduzione

Introduzione. di Daniel Pittino, Riccardo Vigan, Alessandro Zattoni. Introduzione di Daniel Pittino, Riccardo Vigan, Alessandro Zattoni Introduzione I compensi dei top manager costituiscono da tempo oggetto di dibattito da parte di addetti ai lavori e opinione pubblica, sia in Europa

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

TESINA DI COTOLONI CLAUDIA VELINI CHIARA. Percorso formativo Università del volontariato. Anno 2014-2015

TESINA DI COTOLONI CLAUDIA VELINI CHIARA. Percorso formativo Università del volontariato. Anno 2014-2015 TESINA DI COTOLONI CLAUDIA VELINI CHIARA Percorso formativo Università del volontariato Anno 2014-2015 Fundraising e crowdfunding: due banche a confronto Relatore Dr. Andrea Piccin 2 3 COTOLONI CLAUDIA

Dettagli

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità 6 Il Valore della Sostenibilità Il valore della sostenibilità Il Valore della Sostenibilità 7 Strategia e approccio GRI - G4: 1 In Snam sostenibilità e creazione di valore sono concetti fortemente legati.

Dettagli

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Sommario Con un tasso di crescita di nuove imprese intorno al 50%, l Italia delle biotecnologie sta progressivamente recuperando il ritardo maturato

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

ROBERTO RANDAZZO. Diritto degli enti non profit, CLEACC

ROBERTO RANDAZZO. Diritto degli enti non profit, CLEACC ROBERTO RANDAZZO DATI PERSONALI Data di nascita: Luogo di nascita: Nazionalità: Italiana ESPERIENZE LAVORATIVE Dal 1998 al 2000 Studio Legale Casati e Iudica, pratica legale assistenza all attività giudiziale

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AUDIZIONE SU: GLI STRUMENTI FISCALI E FINANZIARI A SOSTEGNO DELLA CRESCITA, ANCHE ALLA LUCE DELLE PIÙ RECENTI ESPERIENZE INTERNAZIONALI 6ª Commissione Finanze Professor Innocenzo Cipolletta Presidente

Dettagli