CAMP2ACA. trettari. paesaggisp

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMP2ACA. trettari. paesaggisp"

Transcript

1 A trettari concorso di d idee per la riqualificazione paesaggisp stica ed urbanisticaa del d sistema dei parchi urbani RELAZIONE ILLUSTRATIVAA

2 PREMESSA L Area centrale del comune di Ciriè ed in particolare l area oggetto del concorso si connota oggi come spazio caratterizzato da una fortissima identità storica, rimanendo tuttavia privo di una precisa definizione funzionale e formale a causa della frammentazione dei diversi spazi sviluppatisi in epoche e contesti estremamente dissimili tra loro. Il contesto in cui si inserisce questo spazio è quello di un ambiente urbano consolidato, il cui tessuto è però determinato da singoli episodi nati da riflessioni alla sola scala architettonica, appartenenti ad epoche diverse, chiaramente riconoscibili dall impianto planimetrico di gestione territoriale che ha definito la forma degli isolati e la rete viaria attuale. Questa forte stratificazione, apparentemente priva di una logica di continuità, richiede oggi un approccio di intervento al contempo responsabile verso il valore storico e sociale ma deciso nella volontà di ricucire i diversi brani della città nel tentativo di conferire a questa porzione urbana una vera e propria identità formale. Per questo motivo solo l impulso di un progetto affrontato alla scala urbana può creare quel tessuto connettivo in grado di generare un sistema sinergico tra costruito, spazio pubblico, verde e vuoti urbani che diventa simbolo di una rinnovata identità del luogo. IL CONTESTO L analisi del territorio e della sua evoluzione storica denota tre passaggi storici fondamentali che hanno dato luogo ai tre differenti brani di città che, interscambiandosi, si sovrappongono proprio in corrispondenza dell area in oggetto. Il primo, costituito dal centro cittadino di origine medioevale, definisce il fronte nord dell ambito 1 (corso Martiri e piazza E. d Oria) il secondo, caratterizzato da un impianto con isolati a maglia quadrata derivante dall urbanizzazione dell ex parco del Palazzo d Oria, e l ultimo di carattere industriale condizionato dall assialità della ferrovia definito a partire dall edificazione industriale del cotonificio Remmert. Questi tre differenti contesti urbani così strettamente correlati, ma quasi formalmente indipendenti tra loro innescano una serie di problematiche che influenzano l accessibilità e la fruibilità dell intero contesto del centro cittadino. Agli interventi effettuati sino ad oggi, che hanno permesso la soluzione di molteplici criticità puntuali, se ne dovranno aggiungere numerosi altri per poter concludere la riorganizzazione complessiva del centro. È evidente dunque la necessità di una linea guida di trasformazione unitaria del nodo centrale urbano finalizzata alla creazione di un nuovo tessuto connettivo che permetta lo svolgersi fluido della vita urbana, l organizzazione di spazi pubblici coordinati tra loro e la valorizzazione delle potenzialità proprie del luogo. LE LINEE GUIDA LA CONTINUITA Il progetto propone la creazione di un unico ambiente urbano di continuità tra i tre ambiti individuati nel concorso traendo la propria matrice dal contesto storicizzato. Un tappeto definito dalla modularità costante e chiaramente leggibile che si ispira alla linearità delle porzioni di città limitrofe (l area industriale del cotonificio Remmert e la ferrovia da un lato, l impianto a maglia quadrata dell ex parco del Palazzo d Oria dall altra). Questo spazio è reso riconoscibile dalla presenza di uno sfondo ideale, esteso sui tre ettari, disegnato da fasce lineari, ad imitare la parcellizzazione agraria attraverso un linguaggio contemporaneo, che saranno di volta in volta prato, pavimentazione, trasformandosi in sedute, vasche per la raccolta delle acque piovane, chaise longues, vasi per alberature, vasche coltivate e tutto ciò che possa attrezzare e servire il parco incentivando la fruizione dell area da parte della comunità urbana. Le fasce lineari, matrice del progetto, sono interpretate allo stesso tempo come fili di una trama tessile, richiamando simbolicamente l attività del cotonificio Remmert che ha fortemente caratterizzato lo sviluppo della città, e che metaforicamente ricuciono quei brani di città che oggi appaiono indipendenti e frammentati. LE CENTRALITA Nel contesto urbano emergono poi una serie di episodi già presenti, quelli che definiremo come centralità, ossia i luoghi in cui si svolge la vita della città, quegli elementi che costituiscono l identità urbana. 1

3 Queste centralità urbane ovvero la stazione ferroviaria, Palazzo D Oria con il suo giardino storico, la chiesa di San Giovanni, piazza D oria, Villa Remmert, il suo parco polifunzionale e il centro anziani con l università della terza età hanno assunto nel tempo una riconoscibilità tale da influenzare la fruizione della città stessa. Dalla lettura di questo sistema le centralità si trasformano in un sistema di elementi realizzati in periodi storici diversi (come si desume dall iconografia storica: del Medioevo, del Theatrum Sabaudiae, dei catasti storici e delle prime fotografie giungendo fino ai giorni nostri), secondo i diversi criteri ordinatori dell impianto urbano che hanno denotato l apparente disordine complesso nel quale convivono contemporaneamente senza alcun legame fisico di connessione diretta. In questo sistema caotico di forte entropia generata dalle sovrapposizioni storiche, l idea progettuale vuole connettere le centralità presenti per mezzo di linee di forza di origine astratta, ma di presenza fisica. Ne risultano dei veri e propri tagli nel tessuto urbano che emergono creando nuovi spazi di sommatoria tra le forze del passato e le generatrici delle forze future. Questi nuovi spazi diventano luoghi, nuove centralità diffuse da distribuire in modo cinetico come singoli atomi che poggiano sul fondale della città e creano uno scenario di caos controllato in rapporto a questo momento storico. Queste nuove centralità compongono nel progetto il nuovo disordine urbano entropizzato creando un sistema di elementi connessi ed autorigenerabili al proprio interno e quindi riproponibili come metodo di approccio diffuso ed identitario. Due livelli compositivi configurano quindi un ambiente unico, la trama unitaria di fondo e le centralità emergenti connesse in modo astratto emblemi del continuo rinnovarsi della città. GLI ELEMENTI DEL PROGETTO LA TRAMA UNITARIA Come definito precedentemente sull intera area di Tre Ettari si estende il grande tappeto continuo che nella sua funzione di elemento di continuità si caratterizza per la modularità lineare secondo la quale vengono definiti non solo i materiali ma gli stessi spazi. La distinzione principale tra superfici pavimentate e superfici a verde individua le due categorie di interventi per definire l accessibilità e i percorsi all interno del sistema parco. Le aree pavimentate caratterizzate dall alternarsi striato di differenti materiali costituiscono i principali percorsi interni principalmente pedonali, ciclabili e solo in parte carrabili (come definito dagli schemi della viabilità e nei paragrafi successivi). In coerenza con la ricerca di continuità dello spazio del parco e di una fruibilità libera, il progetto propone una forte riduzione del traffico veicolare annullando in particolare l asse carrabile di corso Martiri che non sarà più una strada di attraversamento, ma si trasformerà in semplice viabilità di servizio dove l automobilista percepisca di essere ospite nell attraversamento di un ambito pedonale, ribaltando in questo modo le gerarchie di fruizione della viabilità. I percorsi carrabili risultano quindi perimetrali e di attraversamento sull asse di via Alfieri in direzione Sud. Queste aree carrabili risulteranno quindi pavimentate in un gioco compositivo che si lega fortemente alle linearità astratte di congiunzione tra le centralità, dando luogo a percorsi ben definiti e continui contemporaneamente a possibilità di attraversamento inaspettate e alternative. Allo stesso modo la gestione del verde sfrutta un alternanza di specie vegetali basse e aree a prato con porzioni di elementi floreali. Una grande libertà di interpretazione e di soluzioni che nel tempo possono rinnovare il parco con semplici e piccoli interventi. L area della villa Remmert in corrispondenza della serra didattica potrà ospitare, secondo lo stesso criterio, ampie porzioni lineari di coltivazioni gestite da associazioni e dalle scuole per attività didattiche e formative. Il criterio compositivo proposto risulta volutamente versatile e facilmente adattabile a situazioni differenti di altri ambiti cittadini dove sia necessaria una riqualificazione dello spazio pubblico. LE NUOVE CENTRALITA L origine degli elementi circolari scaturisce dalla reinterpretazione del cerchio presente nel giardino storico del Palazzo d Oria. Infatti esso rappresenta la centralità urbana per eccellenza, la manifestazione dell antropizzazione del territorio, anche con l impiego di materia viva, tramite una forma autoreferenziale finita in se stessa e ripetibile. Il cerchio diventa quindi l elemento di riconoscibilità degli episodi urbani, degli spazi costituiti e attrezzati per il benessere del fruitore. I nuovi elementi che caratterizzeranno lo spazio urbano affiancando le centralità storiche già esistenti costituiscono quindi gli elementi necessari allo svolgersi della vita urbana ospitando molteplici funzioni. Tra queste sono presenti su corso Martiri come dotazioni standard per la fruizione di un parco urbano: un area attrezzata per il gioco dei bambini, uno spazio chiuso adeguato ad ospitare eventi di vario genere e ad una ulteriore architettura che possa contenere un punto di ristoro/bar piuttosto che un punto 2

4 informativo di riferimento per i visitatori. Si prevede per questi piccoli edifici una dimensione formale di architetture effimere, costruite con materiali contemporanei, caratterizzate da forme geometriche molto sintetiche. Ma le nuove centralità saranno anche le aree di sosta con panchine, fruibili come veri e propri salotti urbani protetti da un bosco artificiale : questo elemento tecnologico permette di creare spazi ombreggiati per la sosta durante il periodo estivo e spazi coperti in caso di precipitazioni. Questi elementi si identificano funzionalmente e concettualmente come alberi artificiali a sostegno di piccole coperture, dotabili dove utile di pannelli fotovoltaici per bilanciare i consumi energetici del parco. L elemento circolare si tramuta inoltre in una serie di filtri vegetali, utili per la schermatura visiva o la barriera fisica nella fruizione del parco, in orti urbani gestiti da associazioni cittadine e dalle scuole per attività didattiche, in aree di floricoltura a disposizione di operatori privati che in convenzione con la municipalità possano contribuire con capitali propri alla manutenzione diretta della vegetazione e/o attraverso contributi con finalità pubblicitaria. Alcuni di questi elementi potranno anche essere messi a disposizione di attività che affacciano sul parco come bar e ristoranti convenzionandone l uso e la manutenzione con operatori privati. Sempre in forma circolare si definiscono nel giardino della villa Remmert gli spazi della serra didattica e una piattaforma per il pattinaggio sia invernale (con apposito impianto) che estivo, area disponibile anche per concerti ed eventi all aperto durante la stagione estiva. La scelta di impiegare un modulo che completato con diversi accessori genera possibilità infinite di dotazioni e di servizi risiede nella volontà del progetto di fornire un unico strumento di organizzazione dell area, evitando l inserimento di banali elementi di arredo urbano: un progetto integrato che coinvolge l arredo, la pavimentazione, la sosta, i percorsi, la vegetazione. Si prevede inoltre la possibilità di coinvolgere i cittadini di Ciriè nella progettazione di questi nuovi spazi, interpretando queste aree come risposta diretta e tangibile alle esigenze della comunità urbana. La descrizione funzionale del progetto segue lo schema per ambiti fornito dal bando anche se come definito precedentemente l obiettivo rimane quello di creare un unico ambito urbano, un parco dotato di centralità diffuse che riunisce le centralità storiche tramite percorsi che permettano la lettura del palinsesto storico della città. Ecco come si struttura funzionalmente lo spazio di tre ettari di parco. AMBITO 1 (CORSO MARTIRI DELLA LIBERTA E PIAZZA D ORIA) L asse del viale alberato costituisce da sempre l immagine dell ingresso al centro storico grazie al collegamento diretto tra l area pedonale e commerciale e la stazione dei trasporti pubblici (ferrovia e bus). L elemento urbano di connessione del viale si mantiene quindi geometricamente inalterato e così mantiene la sua funzione di accesso, trasformandosi però secondo criteri di fruibilità. Il progetto propone infatti di trasformare il semplice asse prospettico attuale da una promenade ad un susseguirsi di spazi funzionali che si articolano all interno dell ambiente formato dalle alberature storiche e dal porticato. Immaginando di percorrere corso Martiri giungendo dalla stazione ci si troverà prima nella piazza della stazione, il Movicentro di interscambio tra i diversi mezzi di trasporto. Un luogo brulicante di movimento, ma ora veramente organizzato allo scopo di connettere il parco e il centro con la stazione tramite una riorganizzazione dei percorsi. Il traffico veicolare scorre lungo l unico asse viario mantenuto in direzione Est-Ovest risolvendo la complicata intersezione e permettendo l attraversamento in sicurezza dei percorsi ciclopedonali. La stazione dei bus permette la fermata di più mezzi contemporaneamente e quindi fluidifica i flussi di persone e mezzi soprattutto nelle ore di punta di uscita ed entrata dalle scuole. La stazione dei taxi già presente e di piccole dimensione continua a funzionare con un suo spazio dedicato, così come la ferrovia continua a correre indipendente sul suo percorso. In aggiunta il sistema riorganizzato di parcheggi e il servizio di bike sharing completano il sistema del movimento in ingresso ed uscita dalla città. Imboccando il viale si incontra immediatamente l asse pedonale consolidato del portico che viene rafforzato ampliando gli spazi adiacenti verso l area del parco così da risolvere l attuale conflittualità di due percorsi lineari paralleli. Lungo tutto il tragitto si susseguono una serie di episodi urbani differenti e caratterizzanti lo spazio, dall asse ciclopedonale si può scegliere dove andare a sostare come se si accedesse a salotti dove leggere, dove giocare con i bimbi, riposarsi all ombra o ammirare una mostra etc. Infine si giunge alla piazza Emanuele d Oria dove si identifica il luogo dell aggregazione pubblica destinato allo svolgimento delle vita sociale e della memoria civica con il monumento ai caduti che mantiene la sua posizione originaria. L alberatura di tigli potrebbe essere alleggerita, se compatibile con i vincoli di tutela, allo scopo di migliorare le condizioni fitosanitarie e la fruizione dello spazio. 3

5 In tutto il tragitto si possono incontrare spazi organizzati per sostare, o percorsi alternativi di attraversamento e connessione tra i diversi ambiti, il tutto in sicurezza e con la coscienza di trovarsi in un grande parco da scoprire. AMBITO 2 (GIARDINO PALAZZO D ORIA) Il giardino storico di Palazzo d Oria soggetto a vincolo di tutela viene conservato nella sua integrità formale, ma nelle porzioni perimetrali è coinvolto nel ridisegno urbano. La trama orizzontale penetra all interno del perimetro dell ambito coinvolgendo lo spazio nel grande parco continuo pur mantenendo inalterata la conformazione della vegetazione storica. La geometria del cerchio manifesta la sua importanza nell immagine storicizzata della città e diventa generatrice di forma; esce dal suo recinto e ripetendosi nel parco rende visibile il palinsesto delle centralità urbane consolidate. Allo stesso modo la forma circolare coinvolge gli elementi nuovi del parco le aree attrezzate e le architetture. Il passaggio è completo, anche l ambito chiuso e vincolato del giardino storico da sempre un salotto chiuso e riservato mantenendo la sua natura e la sua immagine accoglie la continuità del parco e il parco accoglie la sua impronta formale indelebile. AMBITO 3 (GIARDINO DELLA VILLA REMMERT) I grandi spazi a disposizione nel giardino della villa Remmert hanno sempre manifestato le potenzialità per accogliere una serie di attività organizzate di rilevanza non solo comunale ma anche regionale e nazionale. Questo luogo di riferimento continuerà a mantenere la sua naturale vocazione ad ospitare eventi e attività di vario genere legate all attività culturale e allo svago di qualità. Si configurano allora molteplici spazi organizzati per diverse funzioni pubbliche e semi-pubbliche: Una serra didattica con le aree circostanti per orti urbani che rievocano l antica funzione del luogo e permettono di svolgere corsi di avvicinamento e sensibilizzazione alla cura del verde come meglio specificato nei paragrafi a seguire. La villa potrà ritornare ad essere un punto di riferimento per le attività culturali, e il centro anziani che mantiene la sua funzionalità si trovano ad essere integrati nel sistema del parco non più emarginati in un recinto nascosti alla vista di chi non li frequenta. Un architettura circolare con relativo dehor ospita un locale di ristorazione e bar integrata nel parco e legata agli eventi e manifestazioni che si svolgono al suo interno. Dove attualmente sorge lo spazio dedicato alle manifestazioni di spettacolo sotto alla struttura provvisionale si conforma una semplice piattaforma che permetta di svolgere attività sportive e di spettacolo all aperto nel periodo estivo e con l inserimento di un apposito impianto verrà mantenuto il pattinaggio invernale. Lo spazio per gli eventi di spettacolo non è cancellato, ma trova luogo in una nuova architettura che possa contenere il pubblico in inverno e nel periodo estivo aprendo la grande facciata verso il giardino si tramuta in un grande palco per concerti e teatro. La platea naturale si estende fino al limitare della villa storica. La posizione dell edificio permette di sfruttare la copertura per inserire pannelli fotovoltaici contribuendo alla sostenibilità energetica del progetto. Il parco può quindi essere vissuto in ogni momento dell anno, di giorno e di sera, da giovani e anziani, per eventi organizzati o per il semplice relax. Il parco per tutta la comunità ciriacese. PARCHEGGI E VIABILITA Nel complesso l idea progettuale descritta porta alla creazione di un parco pubblico urbano nel centro cittadino in cui privilegiare e far riemergere la fruizione degli spazi al ritmo andante del passeggio pedonale e ciclabile, rallentando e limitando di conseguenza anche la percorrenza veicolare (rif. planimetria schema della viabilità). Seppur gli ambiti costituiscano un tutt uno nell idea progettuale, si sintetizzano i principali elementi connessi con la mobilità in ciascuno di essi. Ambito 1 (Corso Martiri della Libertà e Piazza D Oria) Per potenziare e ottimizzare la fruizione dei portici di Corso Martiri della Libertà e dare un affaccio significativo verso il Viale salotto urbano e il restante parco pubblico, si propone una viabilità a senso unico zona 30 interconnessa con la viabilità di Via Dante provenendo dalla Stazione e con la via Roma dal fronte opposto. 4

6 La scelta forte di trasformazione della viabilità sul corso Martiri è stata pesata valutando le attuali criticità costituite da: - frequenti incolonnamenti di veicoli rumore ed emissioni inquinanti che si ripercuoto nel viale e soprattutto nei portici; - fascia parcheggio esistente limitata (solo per veicoli in uscita dal centro) e in parte sottosfruttata; - netta spaccatura tra il Viale e il Giardino di Palazzo D Oria; - scarso livello di sicurezza per i pedoni e i fruitori del complesso scolastico in attraversamento sulla Via Roma verso Piazza D Oria e in generale tra Corso Martiri della Libertà e il Viale. Il flusso viabile in uscita verso la Stazione soppresso sul Corso Martiri della Libertà è traslato sull asse di Via Alfieri potenziandolo con la possibilità di creare una doppia corsia in uscita nel tratto tra l intersezione con la Via Rosmini e la Via Mazzini. La zona viabile può al contempo svolgere la funzione fieristica/mercatale all aperto direttamente connessa alla zona al coperto dei portici e completata da ulteriori spazi e funzionalità accessorie architettonicamente ridisegnati nell ambito del Viale. Integrazione aree a parcheggio e/o compensazione parcheggi soppressi Vengono soppressi circa 45 posti auto a pagamento sul Corso Martiri della Libertà e circa 40 posti auto con sosta libera nel tratto di Via Alfieri di circa 120 m, compreso tra la Via Mazzini e la prima Via privata, per un totale di circa 85 posti auto soppressi. I parcheggi in integrazione /compensazione sono i seguenti: - 10 posti dall ampliamento area parcheggio tra Via V. Veneto e Via Mazzini; - 90 posti dal nuovo parcheggio interrato in corrispondenza dell ambito 3; - 30 posti nella porzione di area GTT a nord della Stazione, - per un totale di circa 130 nuovi posti auto. n.b.: a tal previsione seppur fuori ambito si potrebbe valutare l ipotesi di realizzazione di un parcheggio interrato nell ambito dell intervento con Piano di Recupero dell area ex Consorzio Agrario, insistente sulla Via Monte Grappa e facilmente collegabile anch essa con il Movicentro con il sottopasso pedonale previsto per la connessione diretta tra il polo scolastico di Via Don Bosco e la Stazione Ferroviaria. Ambito 2 (Giardino Palazzo D Oria) Volendo interconnettere l ambito del Giardino di Palazzo D Oria con il Viale si prevede l interruzione del Corso Martiri, non consentendovi l accesso se non ai mezzi di soccorso, nella fascia di fronte ai Giardini del Palazzo Comunale e con lo scopo di legare in maniera significativa i due ambiti e aumentarne il livello di sicurezza nella fruizione. La viabilità sulla Via Dante rimane inalterata. Ambito 3 (Giardino della Villa Remmert) Si mantengono inalterati i sensi di percorrenza sulla Via Rosmini e sulla Via D Oria ripavimentate per il tratto che rientra nell ambito di concorso, con la previsione di un percorso protetto di pista ciclabile lungo la Via D Oria e di un sottopasso ciclo pedonale di connessione con il Movicentro al limite del parco pubblico della Villa Remmert. IL MOVICENTRO - NUOVE FUNZIONALITÀ CONNESSE CON LA VIABILITÀ La Stazione Ferroviaria è stata considerata come Movicentro luogo di interscambio tra differenti vettori di comunicazione e in tal senso si è posta l attenzione sul tema della connessione tra tale struttura e il contesto cittadino attiguo. La Stazione non solo vista come punto di uscita verso Torino, ma soprattutto come ingresso funzionale ed efficiente alla Città. Da tali considerazioni sono emerse nuove funzionalità connesse con la viabilità e concentrate nei pressi del Movicentro: il parcheggio interrato di interscambio, i sottopassi pedonali e ciclabili, il bike sharing, l integrazione dei percorsi ciclabili, l area di sosta dei bus riorganizzata. La viabilità su Via Mazzini di fronte al Movicentro è organizzata a doppio senso ma sempre in ambito di zona 30 e con limitazioni di circolazione nell attuale tratto di collegamento con Via Remmert e Via Vittorio Veneto, semplificando l incrocio con la possibilità di eliminazione dell intersezione semaforica. Così facendo la Piazza della Stazione fruibile in sicurezza e tranquillità da parte degli utenti, più che il ristretto spazio disponibile prospiciente l edificio, diventa la prima parte del Viale di Corso Martiri così come ripensato con l idea del salotto urbano e le funzionalità connesse. 5

7 Il SISTEMA DELLE PAVIMENTAZIONI IPOTESI DI STUDIO SUI MATERIALI Per riprodurre anche negli spazi ciclopedonali e carrabili, l alternanza cromatico-tipologica, la facilità di manutenzione, la flessibilità di utilizzo e la riproducibilità in altri contesti comunali, pensata per il verde, si propone l utilizzo, in abbinamento anche composito, di pavimentazioni che possano coniugare facilità di posa, utilizzo di materie prime locali, lunga durabilità, adattabilità a differenti funzioni d utilizzo. Con l attenzione a non ridurre le zone permeabili, si propongono in prima analisi le seguenti tipologie di pavimentazione da utilizzare nei tre ambiti per ottenere un disegno architettonico coordinato. Spazi pedonali e/o ciclabili in generale: utilizzo di pavimentazioni lapidee tradizionali per evidenziare percorsi protetti e/o preferenziali con alternanza di materiali e tipologie di posa che riprendano il disegno progettuale a linee/fasce modulari interconnesse che caratterizza le zone pavimentate dei differenti ambiti. Zone con funzionalità specifiche e salottini urbani: si propone l utilizzo del calcestruzzo architettonico (disattivato neutro e/o colorato con ghiaie a vista gettate in opera e lavate in superficie, con la possibilità di ottenere effetti compositi e variabili a seconda del tipo di inerte locale di fiume e cromofibra impiegati) gettato a fasce con dimensione variabile + il calcestruzzo stampato in corrispondenza per esempio dei salottini urbani, dei gazebi e/o nell area destinata agli spettacoli all aperto dell ambito di Villa Remmert. A tratti tali tipologie materiche possono essere affiancate da pavimentazione lapidea di tipo più tradizionale sempre nell ottica di ricreare effetti cromatici distinti. Spazi viabili interni agli ambiti e/o connessi: nel Viale di Corso Martiri, nel tratto di Via D Oria compreso nell ambito 3 si ripropone l effetto composito del calcestruzzo architettonico anche per sottolineare lo sconfinamento e il superamento dei confini fisici tra il Viale stesso e i portici cosi come tra l ambito 3 e la restante zona verde del complesso Ciriè Un simile effetto vuol essere ricreato di fronte al Movicentro nella zona sulla Via Mazzini e in tutta l area di collegamento sino al limite del Viale di Corso Martiri, così come sul fronte opposto dell ambito 1 nel tratto della Via Roma di fronte al complesso scolastico.. Nelle restanti viabilità a margine del parco urbano ma comprese in zona 30, si propone l inserimento di pavimentazioni con massetti di cls che rimandino all effetto dei selciati, posati trasversalmente alla direzione di percorrenza con elementi di delimitazione e cordolatura lapidei. Le zone pavimentate permeabili possono essere del tipo grigliato erboso, con masselli a pasta drenante o con limitate zone in cui utilizzare ghiaie di diversa granulometria stabilizzate con resine poliuretaniche che sono leganti con funzioni decorative oltre che drenanti e traspiranti ANALISI SINTETICA DI COMPATIBILITÀ DELL IDEA PROGETTUALE RISPETTO ALLE NORME DEL NUOVO PRGC DI CIRIE Nel Titolo II Capo II delle Norme di Attuazione del Nuovo PRGC nell ambito della Città Storica Moderna sono state prese in considerazione le parti riguardanti il Tessuto di espansione novecentesca TCSm1 del centro urbano caratterizzato da Insiemi urbanistici da carattere storico-ambientale (art. 15 p.to 12) e gli Ambiti di Valorizzazione della Città Storica Moderna (art. 20 p.to 4 lett. b). Nel Titolo III Capo I delle Norme di Attuazione del Nuovo PRGC ci si è riferiti all art. 41 commi 4 e 5 rispettivamente per il verde pubblico e i parcheggi. L idea progettuale ha posto attenzione alla compatibilità rispetto alle indicazioni delle suddette Norme di Piano in merito ai seguenti aspetti: riqualificare il Viale alberato (Martiri della Libertà) attraverso la rimozione del parcheggio lineare esistente, l introduzione del viale stesso nella rete dei percorsi ciclabili della città, la conservazione il rinnovo delle alberature esistenti, la sostituzione progressiva degli ingressi carrai sul Viale con accessi dalle via o passaggi retrostanti o laterali. nelle aree a verde pubblico possono essere realizzate costruzioni funzionali alla fruizione del verde pubblico, quali chioschi, punti di ristoro, servizi igienici, attrezzature tecnologiche di servizio, nonché le piste ciclo pedonali e tratti di viabilità a servizio degli insediamenti. nelle aree a verde attrezzato per impianti sportivi coperti e scoperti la superficie a verde deve occupare almeno il 30% di quella complessiva. IL VERDE Relativamente alla riqualificazione delle aree a verde, importanti ed imponenti risultano gli elementi del verde verticale. Infatti la riqualificazione degli elementi architettonici è strettamente correlata alla manutenzione e riqualificazione delle strutture verdi. 6

8 La gestione degli impianti esistenti Relativamente al Giardino di Palazzo D Oria verranno mantenuti gli elementi del verde verticale di alberi ed arbusti con la possibilità di eliminare gli elementi arborei inseriti nel sistema centrale intorno alla fontana se compatibile con i vincoli di tutela insistenti sul giardino storico. Infatti il parterre centrale presenta inserimenti secondari quali aceri e crespino incoerenti rispetto al disegno originario e di dubbio effetto paesaggistico. La loro chioma interferisce con un punto di vista significativo quale l ingresso del giardino dal quale dovrebbe essere colta nella sua interezza la facciata del Palazzo senza interruzione di continuità. Il verde di Piazza D Oria consiste principalmente di un fitto doppio filare di tigli che quadruplica con il sistema di alberata storica dei platani di Corso Martiri. La scelta di un sesto d impianto ravvicinato e del doppio filare ha creato attualmente dei significativi problemi di gestione dell alberata. Infatti la presenza di afidi che periodicamente colpiscono l alberata rendono il sistema poco frequentato per la presenza delle colature di melata. Pertanto si propone l abbattimento di alcuni di questi alberi in ragione dell assetto finale e dei punti di vista da privilegiare. L abbattimento avrà soprattuto una funzione fitosanitaria in quanto l arieggiamento consentirà una migliore crescita dei soggetti prescelti e un ambiente gradevole e luminoso. In Corso Martiri della Libertà il doppio filare storico segna gli spazi liberi. L impianto originario con gli esemplari dal piede azzampato si alterna ai giovani alberi che hanno sostituito quelli ammalorati. Molti di questi giovani alberi hanno un basso valore estetico per il loro portamento poco sviluppato e per i fusti molto filati. Per questi ultimi alberi si valuterà un ulteriore sostituzione supportata da operazioni agronomiche di ausilio all impianto e in fase di manutenzione quali concimazioni e irrigazioni. Anche il giardino di Villa Remmert ha elementi significativi che caratterizzano il verde verticale. I Platani e i cedri secolari disegnano un giardino all inglese evocativo di un luogo romantico. Entrambi questi elementi saranno il fulcro del sistema di riqualificazione del verde orizzontale. La vegetazione arborea perimetrale prevalentemente a olmi rappresenta il segno dell antica siepe arbustiva di un tempo. Sarà valutata la possibilità di ripristino della siepe anche in relazione alla nuova funzione botanica dell area. I nuovi inserimenti Il nuovo disegno architettonico impone una riqualificazione in termini prevalentemente di verde orizzontale e di manutenzione dell esistente verde verticale. Data la maestosità degli esemplari che insistono sul territorio da riqualificare, la necessità è quella di accostare elementi di arredo a verde a tavola a supporto degli esemplari stessi. Il Giardino di Palazzo D Oria è uno spazio che ben accoglie le fioriture di erbacee perenni e di fioriture annuali, alternate a strisce di prato e tappezzanti. Potranno essere realizzate composizioni con le fioriture a tema. Diversamente e unitariamente sarà progettato il sistema del Verde Orizzontale di Corso Martiri e di Piazza Doria per il quale è opportuno alternare le zone a prato a quelle a arbusti fiorite. I plateaux di arbusti potranno essere costituiti da elementi preziosi come i roseti nelle zone più assolate e da giunchi, festuche o edere nelle aree meno assolate. Nella Villa Remmert le colture della nuova serra potranno trovare spazio anche all esterno in cui le strisce a verde potranno essere destinate al tema dell agricoltura e della biodiversità. Pertanto potranno annualmente essere sviluppati dei temi diversi legati alla valorizzazione delle antiche varietà. Alla coltivazione di antiche cultivar di ortaggi si potrà dare rotazione con antiche varietà di cereali o di foraggere. Al prato di fiori di aglio ad esempio potranno seguire plateaux di canapa, di antiche varietà di grano, o di officinali e aromatiche. La manutenzione dell assetto finale Per la realizzazione dei nuovi impianti saranno diversificate le diverse stratigrafie in relazione alle specie che andranno a essere messe a dimora. Inoltre verranno lasciate le superfici a maggiore permeabilità intorno agli esemplari arborei esistenti evitando scavi e sistemazioni che compromettano gli apparati radicali. Inoltre sarà necessario dotare tutte le aree a verde d impianto d irrigazione diversificato in relazione alla superficie da servire. Tale impianto risulterà maggiormente sostenibile tramite l integrazione del sistema di raccolta delle acque piovane dalle superfici impermeabili e dalle coperture degli edifici con l interramento di vasche di accumulo. L area in cui è prevista una maggiore manutenzione è quella di Palazzo D Oria in relazione alle fioriture annuali, circoscritte nella porzione centrale. Le manutenzione dell area di Villa Remmert appare impegnativa in quanto periodica, ma legata alle attività didattiche previste per la serra e pertanto legate alle attività delle associazioni che si occuperanno dell attività didattica. Per Piazza D Oria e Via Martiri invece il maggiore impegno è quello nelle aree in cui sarà realizzato il prato per il quale sarà necessario 7

9 effettuare tagli periodici, mentre la potatura degli arbusti potrà essere biennale, mentre la rimozione delle infestanti potrà essere contenuta con l utilizzo di sistemi efficaci di pacciamatura. Convenzionamento con affacci in cambio di spazio dehors e pubblicità LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA PER LOTTI FUNZIONALI E IL COIVOLGIMENTO DI CAPITALI PRIVATI Data la previsione del nuovo parcheggio di interscambio nell ambito 3 in corrispondenza dell edificio polifunzionale e della piattaforma pavimentata per utilizzo sportivo e di spettacolo, tale ambito viene suddiviso in due lotti funzionali, mentre un altro lotto funzionale è dedicato alla realizzazione del suddetto parcheggio. Nel complesso si prevedono 5 lotti come nel seguito: a) Interventi nell ambito 2) Giardini del Palazzo D Oria; b) interventi nell ambito 1) Viale e Piazza D Oria e viabilità connesse; c) interventi nell ambito 3) con sistemazione del giardino storico e realizzazione orti didattici con annessa viabilità; d) realizzazione parcheggio di interscambio, sottopasso pedonale di collegamento al Movicentro ed edificio polifunzionale; e) completamento sistemazione giardini di Villa Remmert con piattaforma pavimentata per uso sportivo e/o per intrattenimento, comprendente sistemazione area verde verso Ciriè 2000 e viabilità annessa (tratti di Via D Oria e di Via Rosmini. I lotti sono funzionalmente indipendenti ed in particolare: - il lotto d) che comprendente le strutture architettoniche e di servizio più complesse potrebbe essere associato al lotto e) prevedendo il coinvolgimento di capitali privati per la realizzazione e la gestione del polo multifunzionale che si viene così a creare (parcheggio + edificio polifunzionale per spettacoli + piattaforma per usi sportivi e di intrattenimento). Diversamente il lotto e) appare in sé indipendente e fattibile a prescindere dalla realizzazione del lotto d). - Gli interventi dei lotti a) e c) comprendenti aree maggiormente limitate potrebbero essere realizzati contestualmente e sono comunque interscambiabili dal punto di vista temporale. - Il lotto b) può essere suddiviso in due tranche: b1) comprendente la sistemazione di Corso Martiri della Libertà, Piazza D Oria e Via Alfieri; b2) legata agli interventi sull asse di Via Mazzini e nell area del Movicentro Stazione, in relazione alla fattibilità delle previsioni di ampliamento della zona a parcheggio tra Via Mazzini e Via Vittorio Veneto. La realizzazione del sottopasso pedonale dalla via Monte Grappa alla Stazione Ferroviaria seppur non compresa nell ambito del concorso costituisce un elemento di connessione significativo tra il Movicentro e i complessi scolastici oltre ferrovia e si pone quale naturale corollario alle opere previste per cui si fornisce una stima dei costi realizzativi a parte. Modalità di coinvolgimento dei capitali privati nella realizzazione e/o gestione e manutenzione del parco urbano - progettazione integrata con concessione di gestione delle strutture; - coinvolgimento di sponsorizzazioni per cicli di attività sportiva, spettacoli estivi, attività teatrale, attività espositiva anche connesse al possibile nuovo sfruttamento degli spazi dell edificio storico della Villa Remmert, quale contenitore culturale complementare in gestione privata. (es. lotto d) ed e)) - convenzioni con gestori degli esercizi commerciali e pubblici interessati per contribuire parzialmente a finanziare le opere di manutenzione del verde e dell arredo attraverso la concessione a pagamento di spazi pubblicitari e/o puntuali nuove zone dehor (regolamentate appositamente), (es. lotti a), b) e c)). - coinvolgimento di risorse umane in genere da associazioni, volontariato, attività didattiche e formative. 8

10 Valutazione economica preliminare per lotti funzionali lotto descrizione sintetica importo lavori A) ambito 2 - Giardini Palazzo D'Oria ,00 B) ambito 1 b1) Viale + Piazza D'Oria ,00 b2) Stazione - movicentro ,00 totb) ,00 C) ambito 3 - giardini storici e orti didattici ,00 D) realizzazione parcheggio di interscambio + struttura ,00 polifunzionale E) ambito 3 - completamento giardini di Villa Remmert ,00 TOTALE somme disp./ spese tecniche , , , , , , ,00 importo compl. di progetto % INCID ,00 3, ,00 17, ,00 8, ,00 26, ,00 6, ,00 59, ,00 4, ,00 100,0 Ipotesi di programmazione realizzativa degli interventi ipotesi 1 ipotesi 2 (*) t1 t2 t3 t4 t5 t1 t2 t3 t4 t5 lotto A lotto A lotto B1 lotto B1 lotto B2 lotto B2 lotto C lotto C lotto D lotto D(*) lotto E lotto E (*) senza previsione di parcheggio interrato, con sola previsione di sottopasso ciclo pedonale di collegamento al movicentro 9

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala SOMMARIO PREMESSA 1 OBIETTIVI DEL CONCORSO 2 INQUADRAMENTO URBANO 2.1 DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL AMBITO

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

CIPPS MASTERPLAN. Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo. www.pianscairolo.ch. Collina d Oro Grancia Lugano

CIPPS MASTERPLAN. Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo. www.pianscairolo.ch. Collina d Oro Grancia Lugano CIPPS Collina d Oro Grancia Lugano Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo www.pianscairolo.ch MASTERPLAN MASTE Pian Scairolo Polo di sviluppo strategico dell agglomerato del Luganese CIPPS Commissione

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Studio sul verde pubblico nel Comune di Roma

Studio sul verde pubblico nel Comune di Roma Studio sul verde pubblico nel Comune di Roma Roma, ottobre 2004 SOMMARIO 1. Premessa 3 2. Quadro di riferimento 4 2.1 Il sistema ambientale del Comune di Roma 4 2.2 Il verde previsto dal nuovo piano regolatore

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

doc. 8A2v Relazione Opere di Urbanizzazione

doc. 8A2v Relazione Opere di Urbanizzazione Gruppo Pasini S.p.a. Programma Integrato di Intervento Ex E.Marelli - Proposta di Variante Relazione Opere di Urbanizzazione Progettisti: Gruppo Pasini S.p.a. V.le Edison 50 2099 Sesto San Giovanni (MI)

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

OCCUPARE IL SUOLO PUBBLICO

OCCUPARE IL SUOLO PUBBLICO Ph. Città di Torino/Archivio Storico della Città di Torino OCCUPARE IL SUOLO PUBBLICO Lo spazio pubblico della città è il patrimonio collettivo di una comunità locale, luogo in cui interagiscono e si

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO Relatore Prof.ssa Maspoli Rossella Candidate Campagnolo Romina Panella Marta LA PERIFERIA E I SUOI SPAZI

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Impatti. Volu mi. Veloci tà

Impatti. Volu mi. Veloci tà I risultati conseguiti dagli interventi di moderazione del traffico Nella determinazione dei dati sull incidenza sulla velocità vanno tenuti presenti il luogo e il tempo del rilevamento: i conducenti rallentano

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

67NA5 BARICENTRALE CONCORSO INTERNAZIONALE DI IDEE PER LE AREE FERROVIARIE RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

67NA5 BARICENTRALE CONCORSO INTERNAZIONALE DI IDEE PER LE AREE FERROVIARIE RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA 67NA5 1 Introduzione: Il contesto storico, la conformazione urbana ed obiettivi generali. 2 Le Architetture del Master plan. 2.1 Criteri Generali. 2.2 La città della cultura ed il parco Rossani. 2.3 Il

Dettagli

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Adeguamento del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale alla LR 12/05 Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb.

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013 Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Valeria Polizzi CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche 24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche ü [.a. 2011-2012 : ultima revisione 1 maggio 2012] In questo capitolo si studiano strutture piane che presentano proprieta' di simmetria ed antisimmetria sia

Dettagli

FOTOVOLTAICO: PRONTUARIO PER LA VALUTAZIONE DEL SUO INSERIMENTO NEL PAESAGGIO E NEI CONTESTI ARCHITETTONICI

FOTOVOLTAICO: PRONTUARIO PER LA VALUTAZIONE DEL SUO INSERIMENTO NEL PAESAGGIO E NEI CONTESTI ARCHITETTONICI FOTOVOLTAICO: PRONTUARIO PER LA VALUTAZIONE DEL SUO INSERIMENTO NEL PAESAGGIO E NEI CONTESTI ARCHITETTONICI a cura di I. Baldescu / F. Barion Parco solare Eging am See, Baviera, Germania - fonte dati:

Dettagli