CAMP2ACA. trettari. paesaggisp

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMP2ACA. trettari. paesaggisp"

Transcript

1 A trettari concorso di d idee per la riqualificazione paesaggisp stica ed urbanisticaa del d sistema dei parchi urbani RELAZIONE ILLUSTRATIVAA

2 PREMESSA L Area centrale del comune di Ciriè ed in particolare l area oggetto del concorso si connota oggi come spazio caratterizzato da una fortissima identità storica, rimanendo tuttavia privo di una precisa definizione funzionale e formale a causa della frammentazione dei diversi spazi sviluppatisi in epoche e contesti estremamente dissimili tra loro. Il contesto in cui si inserisce questo spazio è quello di un ambiente urbano consolidato, il cui tessuto è però determinato da singoli episodi nati da riflessioni alla sola scala architettonica, appartenenti ad epoche diverse, chiaramente riconoscibili dall impianto planimetrico di gestione territoriale che ha definito la forma degli isolati e la rete viaria attuale. Questa forte stratificazione, apparentemente priva di una logica di continuità, richiede oggi un approccio di intervento al contempo responsabile verso il valore storico e sociale ma deciso nella volontà di ricucire i diversi brani della città nel tentativo di conferire a questa porzione urbana una vera e propria identità formale. Per questo motivo solo l impulso di un progetto affrontato alla scala urbana può creare quel tessuto connettivo in grado di generare un sistema sinergico tra costruito, spazio pubblico, verde e vuoti urbani che diventa simbolo di una rinnovata identità del luogo. IL CONTESTO L analisi del territorio e della sua evoluzione storica denota tre passaggi storici fondamentali che hanno dato luogo ai tre differenti brani di città che, interscambiandosi, si sovrappongono proprio in corrispondenza dell area in oggetto. Il primo, costituito dal centro cittadino di origine medioevale, definisce il fronte nord dell ambito 1 (corso Martiri e piazza E. d Oria) il secondo, caratterizzato da un impianto con isolati a maglia quadrata derivante dall urbanizzazione dell ex parco del Palazzo d Oria, e l ultimo di carattere industriale condizionato dall assialità della ferrovia definito a partire dall edificazione industriale del cotonificio Remmert. Questi tre differenti contesti urbani così strettamente correlati, ma quasi formalmente indipendenti tra loro innescano una serie di problematiche che influenzano l accessibilità e la fruibilità dell intero contesto del centro cittadino. Agli interventi effettuati sino ad oggi, che hanno permesso la soluzione di molteplici criticità puntuali, se ne dovranno aggiungere numerosi altri per poter concludere la riorganizzazione complessiva del centro. È evidente dunque la necessità di una linea guida di trasformazione unitaria del nodo centrale urbano finalizzata alla creazione di un nuovo tessuto connettivo che permetta lo svolgersi fluido della vita urbana, l organizzazione di spazi pubblici coordinati tra loro e la valorizzazione delle potenzialità proprie del luogo. LE LINEE GUIDA LA CONTINUITA Il progetto propone la creazione di un unico ambiente urbano di continuità tra i tre ambiti individuati nel concorso traendo la propria matrice dal contesto storicizzato. Un tappeto definito dalla modularità costante e chiaramente leggibile che si ispira alla linearità delle porzioni di città limitrofe (l area industriale del cotonificio Remmert e la ferrovia da un lato, l impianto a maglia quadrata dell ex parco del Palazzo d Oria dall altra). Questo spazio è reso riconoscibile dalla presenza di uno sfondo ideale, esteso sui tre ettari, disegnato da fasce lineari, ad imitare la parcellizzazione agraria attraverso un linguaggio contemporaneo, che saranno di volta in volta prato, pavimentazione, trasformandosi in sedute, vasche per la raccolta delle acque piovane, chaise longues, vasi per alberature, vasche coltivate e tutto ciò che possa attrezzare e servire il parco incentivando la fruizione dell area da parte della comunità urbana. Le fasce lineari, matrice del progetto, sono interpretate allo stesso tempo come fili di una trama tessile, richiamando simbolicamente l attività del cotonificio Remmert che ha fortemente caratterizzato lo sviluppo della città, e che metaforicamente ricuciono quei brani di città che oggi appaiono indipendenti e frammentati. LE CENTRALITA Nel contesto urbano emergono poi una serie di episodi già presenti, quelli che definiremo come centralità, ossia i luoghi in cui si svolge la vita della città, quegli elementi che costituiscono l identità urbana. 1

3 Queste centralità urbane ovvero la stazione ferroviaria, Palazzo D Oria con il suo giardino storico, la chiesa di San Giovanni, piazza D oria, Villa Remmert, il suo parco polifunzionale e il centro anziani con l università della terza età hanno assunto nel tempo una riconoscibilità tale da influenzare la fruizione della città stessa. Dalla lettura di questo sistema le centralità si trasformano in un sistema di elementi realizzati in periodi storici diversi (come si desume dall iconografia storica: del Medioevo, del Theatrum Sabaudiae, dei catasti storici e delle prime fotografie giungendo fino ai giorni nostri), secondo i diversi criteri ordinatori dell impianto urbano che hanno denotato l apparente disordine complesso nel quale convivono contemporaneamente senza alcun legame fisico di connessione diretta. In questo sistema caotico di forte entropia generata dalle sovrapposizioni storiche, l idea progettuale vuole connettere le centralità presenti per mezzo di linee di forza di origine astratta, ma di presenza fisica. Ne risultano dei veri e propri tagli nel tessuto urbano che emergono creando nuovi spazi di sommatoria tra le forze del passato e le generatrici delle forze future. Questi nuovi spazi diventano luoghi, nuove centralità diffuse da distribuire in modo cinetico come singoli atomi che poggiano sul fondale della città e creano uno scenario di caos controllato in rapporto a questo momento storico. Queste nuove centralità compongono nel progetto il nuovo disordine urbano entropizzato creando un sistema di elementi connessi ed autorigenerabili al proprio interno e quindi riproponibili come metodo di approccio diffuso ed identitario. Due livelli compositivi configurano quindi un ambiente unico, la trama unitaria di fondo e le centralità emergenti connesse in modo astratto emblemi del continuo rinnovarsi della città. GLI ELEMENTI DEL PROGETTO LA TRAMA UNITARIA Come definito precedentemente sull intera area di Tre Ettari si estende il grande tappeto continuo che nella sua funzione di elemento di continuità si caratterizza per la modularità lineare secondo la quale vengono definiti non solo i materiali ma gli stessi spazi. La distinzione principale tra superfici pavimentate e superfici a verde individua le due categorie di interventi per definire l accessibilità e i percorsi all interno del sistema parco. Le aree pavimentate caratterizzate dall alternarsi striato di differenti materiali costituiscono i principali percorsi interni principalmente pedonali, ciclabili e solo in parte carrabili (come definito dagli schemi della viabilità e nei paragrafi successivi). In coerenza con la ricerca di continuità dello spazio del parco e di una fruibilità libera, il progetto propone una forte riduzione del traffico veicolare annullando in particolare l asse carrabile di corso Martiri che non sarà più una strada di attraversamento, ma si trasformerà in semplice viabilità di servizio dove l automobilista percepisca di essere ospite nell attraversamento di un ambito pedonale, ribaltando in questo modo le gerarchie di fruizione della viabilità. I percorsi carrabili risultano quindi perimetrali e di attraversamento sull asse di via Alfieri in direzione Sud. Queste aree carrabili risulteranno quindi pavimentate in un gioco compositivo che si lega fortemente alle linearità astratte di congiunzione tra le centralità, dando luogo a percorsi ben definiti e continui contemporaneamente a possibilità di attraversamento inaspettate e alternative. Allo stesso modo la gestione del verde sfrutta un alternanza di specie vegetali basse e aree a prato con porzioni di elementi floreali. Una grande libertà di interpretazione e di soluzioni che nel tempo possono rinnovare il parco con semplici e piccoli interventi. L area della villa Remmert in corrispondenza della serra didattica potrà ospitare, secondo lo stesso criterio, ampie porzioni lineari di coltivazioni gestite da associazioni e dalle scuole per attività didattiche e formative. Il criterio compositivo proposto risulta volutamente versatile e facilmente adattabile a situazioni differenti di altri ambiti cittadini dove sia necessaria una riqualificazione dello spazio pubblico. LE NUOVE CENTRALITA L origine degli elementi circolari scaturisce dalla reinterpretazione del cerchio presente nel giardino storico del Palazzo d Oria. Infatti esso rappresenta la centralità urbana per eccellenza, la manifestazione dell antropizzazione del territorio, anche con l impiego di materia viva, tramite una forma autoreferenziale finita in se stessa e ripetibile. Il cerchio diventa quindi l elemento di riconoscibilità degli episodi urbani, degli spazi costituiti e attrezzati per il benessere del fruitore. I nuovi elementi che caratterizzeranno lo spazio urbano affiancando le centralità storiche già esistenti costituiscono quindi gli elementi necessari allo svolgersi della vita urbana ospitando molteplici funzioni. Tra queste sono presenti su corso Martiri come dotazioni standard per la fruizione di un parco urbano: un area attrezzata per il gioco dei bambini, uno spazio chiuso adeguato ad ospitare eventi di vario genere e ad una ulteriore architettura che possa contenere un punto di ristoro/bar piuttosto che un punto 2

4 informativo di riferimento per i visitatori. Si prevede per questi piccoli edifici una dimensione formale di architetture effimere, costruite con materiali contemporanei, caratterizzate da forme geometriche molto sintetiche. Ma le nuove centralità saranno anche le aree di sosta con panchine, fruibili come veri e propri salotti urbani protetti da un bosco artificiale : questo elemento tecnologico permette di creare spazi ombreggiati per la sosta durante il periodo estivo e spazi coperti in caso di precipitazioni. Questi elementi si identificano funzionalmente e concettualmente come alberi artificiali a sostegno di piccole coperture, dotabili dove utile di pannelli fotovoltaici per bilanciare i consumi energetici del parco. L elemento circolare si tramuta inoltre in una serie di filtri vegetali, utili per la schermatura visiva o la barriera fisica nella fruizione del parco, in orti urbani gestiti da associazioni cittadine e dalle scuole per attività didattiche, in aree di floricoltura a disposizione di operatori privati che in convenzione con la municipalità possano contribuire con capitali propri alla manutenzione diretta della vegetazione e/o attraverso contributi con finalità pubblicitaria. Alcuni di questi elementi potranno anche essere messi a disposizione di attività che affacciano sul parco come bar e ristoranti convenzionandone l uso e la manutenzione con operatori privati. Sempre in forma circolare si definiscono nel giardino della villa Remmert gli spazi della serra didattica e una piattaforma per il pattinaggio sia invernale (con apposito impianto) che estivo, area disponibile anche per concerti ed eventi all aperto durante la stagione estiva. La scelta di impiegare un modulo che completato con diversi accessori genera possibilità infinite di dotazioni e di servizi risiede nella volontà del progetto di fornire un unico strumento di organizzazione dell area, evitando l inserimento di banali elementi di arredo urbano: un progetto integrato che coinvolge l arredo, la pavimentazione, la sosta, i percorsi, la vegetazione. Si prevede inoltre la possibilità di coinvolgere i cittadini di Ciriè nella progettazione di questi nuovi spazi, interpretando queste aree come risposta diretta e tangibile alle esigenze della comunità urbana. La descrizione funzionale del progetto segue lo schema per ambiti fornito dal bando anche se come definito precedentemente l obiettivo rimane quello di creare un unico ambito urbano, un parco dotato di centralità diffuse che riunisce le centralità storiche tramite percorsi che permettano la lettura del palinsesto storico della città. Ecco come si struttura funzionalmente lo spazio di tre ettari di parco. AMBITO 1 (CORSO MARTIRI DELLA LIBERTA E PIAZZA D ORIA) L asse del viale alberato costituisce da sempre l immagine dell ingresso al centro storico grazie al collegamento diretto tra l area pedonale e commerciale e la stazione dei trasporti pubblici (ferrovia e bus). L elemento urbano di connessione del viale si mantiene quindi geometricamente inalterato e così mantiene la sua funzione di accesso, trasformandosi però secondo criteri di fruibilità. Il progetto propone infatti di trasformare il semplice asse prospettico attuale da una promenade ad un susseguirsi di spazi funzionali che si articolano all interno dell ambiente formato dalle alberature storiche e dal porticato. Immaginando di percorrere corso Martiri giungendo dalla stazione ci si troverà prima nella piazza della stazione, il Movicentro di interscambio tra i diversi mezzi di trasporto. Un luogo brulicante di movimento, ma ora veramente organizzato allo scopo di connettere il parco e il centro con la stazione tramite una riorganizzazione dei percorsi. Il traffico veicolare scorre lungo l unico asse viario mantenuto in direzione Est-Ovest risolvendo la complicata intersezione e permettendo l attraversamento in sicurezza dei percorsi ciclopedonali. La stazione dei bus permette la fermata di più mezzi contemporaneamente e quindi fluidifica i flussi di persone e mezzi soprattutto nelle ore di punta di uscita ed entrata dalle scuole. La stazione dei taxi già presente e di piccole dimensione continua a funzionare con un suo spazio dedicato, così come la ferrovia continua a correre indipendente sul suo percorso. In aggiunta il sistema riorganizzato di parcheggi e il servizio di bike sharing completano il sistema del movimento in ingresso ed uscita dalla città. Imboccando il viale si incontra immediatamente l asse pedonale consolidato del portico che viene rafforzato ampliando gli spazi adiacenti verso l area del parco così da risolvere l attuale conflittualità di due percorsi lineari paralleli. Lungo tutto il tragitto si susseguono una serie di episodi urbani differenti e caratterizzanti lo spazio, dall asse ciclopedonale si può scegliere dove andare a sostare come se si accedesse a salotti dove leggere, dove giocare con i bimbi, riposarsi all ombra o ammirare una mostra etc. Infine si giunge alla piazza Emanuele d Oria dove si identifica il luogo dell aggregazione pubblica destinato allo svolgimento delle vita sociale e della memoria civica con il monumento ai caduti che mantiene la sua posizione originaria. L alberatura di tigli potrebbe essere alleggerita, se compatibile con i vincoli di tutela, allo scopo di migliorare le condizioni fitosanitarie e la fruizione dello spazio. 3

5 In tutto il tragitto si possono incontrare spazi organizzati per sostare, o percorsi alternativi di attraversamento e connessione tra i diversi ambiti, il tutto in sicurezza e con la coscienza di trovarsi in un grande parco da scoprire. AMBITO 2 (GIARDINO PALAZZO D ORIA) Il giardino storico di Palazzo d Oria soggetto a vincolo di tutela viene conservato nella sua integrità formale, ma nelle porzioni perimetrali è coinvolto nel ridisegno urbano. La trama orizzontale penetra all interno del perimetro dell ambito coinvolgendo lo spazio nel grande parco continuo pur mantenendo inalterata la conformazione della vegetazione storica. La geometria del cerchio manifesta la sua importanza nell immagine storicizzata della città e diventa generatrice di forma; esce dal suo recinto e ripetendosi nel parco rende visibile il palinsesto delle centralità urbane consolidate. Allo stesso modo la forma circolare coinvolge gli elementi nuovi del parco le aree attrezzate e le architetture. Il passaggio è completo, anche l ambito chiuso e vincolato del giardino storico da sempre un salotto chiuso e riservato mantenendo la sua natura e la sua immagine accoglie la continuità del parco e il parco accoglie la sua impronta formale indelebile. AMBITO 3 (GIARDINO DELLA VILLA REMMERT) I grandi spazi a disposizione nel giardino della villa Remmert hanno sempre manifestato le potenzialità per accogliere una serie di attività organizzate di rilevanza non solo comunale ma anche regionale e nazionale. Questo luogo di riferimento continuerà a mantenere la sua naturale vocazione ad ospitare eventi e attività di vario genere legate all attività culturale e allo svago di qualità. Si configurano allora molteplici spazi organizzati per diverse funzioni pubbliche e semi-pubbliche: Una serra didattica con le aree circostanti per orti urbani che rievocano l antica funzione del luogo e permettono di svolgere corsi di avvicinamento e sensibilizzazione alla cura del verde come meglio specificato nei paragrafi a seguire. La villa potrà ritornare ad essere un punto di riferimento per le attività culturali, e il centro anziani che mantiene la sua funzionalità si trovano ad essere integrati nel sistema del parco non più emarginati in un recinto nascosti alla vista di chi non li frequenta. Un architettura circolare con relativo dehor ospita un locale di ristorazione e bar integrata nel parco e legata agli eventi e manifestazioni che si svolgono al suo interno. Dove attualmente sorge lo spazio dedicato alle manifestazioni di spettacolo sotto alla struttura provvisionale si conforma una semplice piattaforma che permetta di svolgere attività sportive e di spettacolo all aperto nel periodo estivo e con l inserimento di un apposito impianto verrà mantenuto il pattinaggio invernale. Lo spazio per gli eventi di spettacolo non è cancellato, ma trova luogo in una nuova architettura che possa contenere il pubblico in inverno e nel periodo estivo aprendo la grande facciata verso il giardino si tramuta in un grande palco per concerti e teatro. La platea naturale si estende fino al limitare della villa storica. La posizione dell edificio permette di sfruttare la copertura per inserire pannelli fotovoltaici contribuendo alla sostenibilità energetica del progetto. Il parco può quindi essere vissuto in ogni momento dell anno, di giorno e di sera, da giovani e anziani, per eventi organizzati o per il semplice relax. Il parco per tutta la comunità ciriacese. PARCHEGGI E VIABILITA Nel complesso l idea progettuale descritta porta alla creazione di un parco pubblico urbano nel centro cittadino in cui privilegiare e far riemergere la fruizione degli spazi al ritmo andante del passeggio pedonale e ciclabile, rallentando e limitando di conseguenza anche la percorrenza veicolare (rif. planimetria schema della viabilità). Seppur gli ambiti costituiscano un tutt uno nell idea progettuale, si sintetizzano i principali elementi connessi con la mobilità in ciascuno di essi. Ambito 1 (Corso Martiri della Libertà e Piazza D Oria) Per potenziare e ottimizzare la fruizione dei portici di Corso Martiri della Libertà e dare un affaccio significativo verso il Viale salotto urbano e il restante parco pubblico, si propone una viabilità a senso unico zona 30 interconnessa con la viabilità di Via Dante provenendo dalla Stazione e con la via Roma dal fronte opposto. 4

6 La scelta forte di trasformazione della viabilità sul corso Martiri è stata pesata valutando le attuali criticità costituite da: - frequenti incolonnamenti di veicoli rumore ed emissioni inquinanti che si ripercuoto nel viale e soprattutto nei portici; - fascia parcheggio esistente limitata (solo per veicoli in uscita dal centro) e in parte sottosfruttata; - netta spaccatura tra il Viale e il Giardino di Palazzo D Oria; - scarso livello di sicurezza per i pedoni e i fruitori del complesso scolastico in attraversamento sulla Via Roma verso Piazza D Oria e in generale tra Corso Martiri della Libertà e il Viale. Il flusso viabile in uscita verso la Stazione soppresso sul Corso Martiri della Libertà è traslato sull asse di Via Alfieri potenziandolo con la possibilità di creare una doppia corsia in uscita nel tratto tra l intersezione con la Via Rosmini e la Via Mazzini. La zona viabile può al contempo svolgere la funzione fieristica/mercatale all aperto direttamente connessa alla zona al coperto dei portici e completata da ulteriori spazi e funzionalità accessorie architettonicamente ridisegnati nell ambito del Viale. Integrazione aree a parcheggio e/o compensazione parcheggi soppressi Vengono soppressi circa 45 posti auto a pagamento sul Corso Martiri della Libertà e circa 40 posti auto con sosta libera nel tratto di Via Alfieri di circa 120 m, compreso tra la Via Mazzini e la prima Via privata, per un totale di circa 85 posti auto soppressi. I parcheggi in integrazione /compensazione sono i seguenti: - 10 posti dall ampliamento area parcheggio tra Via V. Veneto e Via Mazzini; - 90 posti dal nuovo parcheggio interrato in corrispondenza dell ambito 3; - 30 posti nella porzione di area GTT a nord della Stazione, - per un totale di circa 130 nuovi posti auto. n.b.: a tal previsione seppur fuori ambito si potrebbe valutare l ipotesi di realizzazione di un parcheggio interrato nell ambito dell intervento con Piano di Recupero dell area ex Consorzio Agrario, insistente sulla Via Monte Grappa e facilmente collegabile anch essa con il Movicentro con il sottopasso pedonale previsto per la connessione diretta tra il polo scolastico di Via Don Bosco e la Stazione Ferroviaria. Ambito 2 (Giardino Palazzo D Oria) Volendo interconnettere l ambito del Giardino di Palazzo D Oria con il Viale si prevede l interruzione del Corso Martiri, non consentendovi l accesso se non ai mezzi di soccorso, nella fascia di fronte ai Giardini del Palazzo Comunale e con lo scopo di legare in maniera significativa i due ambiti e aumentarne il livello di sicurezza nella fruizione. La viabilità sulla Via Dante rimane inalterata. Ambito 3 (Giardino della Villa Remmert) Si mantengono inalterati i sensi di percorrenza sulla Via Rosmini e sulla Via D Oria ripavimentate per il tratto che rientra nell ambito di concorso, con la previsione di un percorso protetto di pista ciclabile lungo la Via D Oria e di un sottopasso ciclo pedonale di connessione con il Movicentro al limite del parco pubblico della Villa Remmert. IL MOVICENTRO - NUOVE FUNZIONALITÀ CONNESSE CON LA VIABILITÀ La Stazione Ferroviaria è stata considerata come Movicentro luogo di interscambio tra differenti vettori di comunicazione e in tal senso si è posta l attenzione sul tema della connessione tra tale struttura e il contesto cittadino attiguo. La Stazione non solo vista come punto di uscita verso Torino, ma soprattutto come ingresso funzionale ed efficiente alla Città. Da tali considerazioni sono emerse nuove funzionalità connesse con la viabilità e concentrate nei pressi del Movicentro: il parcheggio interrato di interscambio, i sottopassi pedonali e ciclabili, il bike sharing, l integrazione dei percorsi ciclabili, l area di sosta dei bus riorganizzata. La viabilità su Via Mazzini di fronte al Movicentro è organizzata a doppio senso ma sempre in ambito di zona 30 e con limitazioni di circolazione nell attuale tratto di collegamento con Via Remmert e Via Vittorio Veneto, semplificando l incrocio con la possibilità di eliminazione dell intersezione semaforica. Così facendo la Piazza della Stazione fruibile in sicurezza e tranquillità da parte degli utenti, più che il ristretto spazio disponibile prospiciente l edificio, diventa la prima parte del Viale di Corso Martiri così come ripensato con l idea del salotto urbano e le funzionalità connesse. 5

7 Il SISTEMA DELLE PAVIMENTAZIONI IPOTESI DI STUDIO SUI MATERIALI Per riprodurre anche negli spazi ciclopedonali e carrabili, l alternanza cromatico-tipologica, la facilità di manutenzione, la flessibilità di utilizzo e la riproducibilità in altri contesti comunali, pensata per il verde, si propone l utilizzo, in abbinamento anche composito, di pavimentazioni che possano coniugare facilità di posa, utilizzo di materie prime locali, lunga durabilità, adattabilità a differenti funzioni d utilizzo. Con l attenzione a non ridurre le zone permeabili, si propongono in prima analisi le seguenti tipologie di pavimentazione da utilizzare nei tre ambiti per ottenere un disegno architettonico coordinato. Spazi pedonali e/o ciclabili in generale: utilizzo di pavimentazioni lapidee tradizionali per evidenziare percorsi protetti e/o preferenziali con alternanza di materiali e tipologie di posa che riprendano il disegno progettuale a linee/fasce modulari interconnesse che caratterizza le zone pavimentate dei differenti ambiti. Zone con funzionalità specifiche e salottini urbani: si propone l utilizzo del calcestruzzo architettonico (disattivato neutro e/o colorato con ghiaie a vista gettate in opera e lavate in superficie, con la possibilità di ottenere effetti compositi e variabili a seconda del tipo di inerte locale di fiume e cromofibra impiegati) gettato a fasce con dimensione variabile + il calcestruzzo stampato in corrispondenza per esempio dei salottini urbani, dei gazebi e/o nell area destinata agli spettacoli all aperto dell ambito di Villa Remmert. A tratti tali tipologie materiche possono essere affiancate da pavimentazione lapidea di tipo più tradizionale sempre nell ottica di ricreare effetti cromatici distinti. Spazi viabili interni agli ambiti e/o connessi: nel Viale di Corso Martiri, nel tratto di Via D Oria compreso nell ambito 3 si ripropone l effetto composito del calcestruzzo architettonico anche per sottolineare lo sconfinamento e il superamento dei confini fisici tra il Viale stesso e i portici cosi come tra l ambito 3 e la restante zona verde del complesso Ciriè Un simile effetto vuol essere ricreato di fronte al Movicentro nella zona sulla Via Mazzini e in tutta l area di collegamento sino al limite del Viale di Corso Martiri, così come sul fronte opposto dell ambito 1 nel tratto della Via Roma di fronte al complesso scolastico.. Nelle restanti viabilità a margine del parco urbano ma comprese in zona 30, si propone l inserimento di pavimentazioni con massetti di cls che rimandino all effetto dei selciati, posati trasversalmente alla direzione di percorrenza con elementi di delimitazione e cordolatura lapidei. Le zone pavimentate permeabili possono essere del tipo grigliato erboso, con masselli a pasta drenante o con limitate zone in cui utilizzare ghiaie di diversa granulometria stabilizzate con resine poliuretaniche che sono leganti con funzioni decorative oltre che drenanti e traspiranti ANALISI SINTETICA DI COMPATIBILITÀ DELL IDEA PROGETTUALE RISPETTO ALLE NORME DEL NUOVO PRGC DI CIRIE Nel Titolo II Capo II delle Norme di Attuazione del Nuovo PRGC nell ambito della Città Storica Moderna sono state prese in considerazione le parti riguardanti il Tessuto di espansione novecentesca TCSm1 del centro urbano caratterizzato da Insiemi urbanistici da carattere storico-ambientale (art. 15 p.to 12) e gli Ambiti di Valorizzazione della Città Storica Moderna (art. 20 p.to 4 lett. b). Nel Titolo III Capo I delle Norme di Attuazione del Nuovo PRGC ci si è riferiti all art. 41 commi 4 e 5 rispettivamente per il verde pubblico e i parcheggi. L idea progettuale ha posto attenzione alla compatibilità rispetto alle indicazioni delle suddette Norme di Piano in merito ai seguenti aspetti: riqualificare il Viale alberato (Martiri della Libertà) attraverso la rimozione del parcheggio lineare esistente, l introduzione del viale stesso nella rete dei percorsi ciclabili della città, la conservazione il rinnovo delle alberature esistenti, la sostituzione progressiva degli ingressi carrai sul Viale con accessi dalle via o passaggi retrostanti o laterali. nelle aree a verde pubblico possono essere realizzate costruzioni funzionali alla fruizione del verde pubblico, quali chioschi, punti di ristoro, servizi igienici, attrezzature tecnologiche di servizio, nonché le piste ciclo pedonali e tratti di viabilità a servizio degli insediamenti. nelle aree a verde attrezzato per impianti sportivi coperti e scoperti la superficie a verde deve occupare almeno il 30% di quella complessiva. IL VERDE Relativamente alla riqualificazione delle aree a verde, importanti ed imponenti risultano gli elementi del verde verticale. Infatti la riqualificazione degli elementi architettonici è strettamente correlata alla manutenzione e riqualificazione delle strutture verdi. 6

8 La gestione degli impianti esistenti Relativamente al Giardino di Palazzo D Oria verranno mantenuti gli elementi del verde verticale di alberi ed arbusti con la possibilità di eliminare gli elementi arborei inseriti nel sistema centrale intorno alla fontana se compatibile con i vincoli di tutela insistenti sul giardino storico. Infatti il parterre centrale presenta inserimenti secondari quali aceri e crespino incoerenti rispetto al disegno originario e di dubbio effetto paesaggistico. La loro chioma interferisce con un punto di vista significativo quale l ingresso del giardino dal quale dovrebbe essere colta nella sua interezza la facciata del Palazzo senza interruzione di continuità. Il verde di Piazza D Oria consiste principalmente di un fitto doppio filare di tigli che quadruplica con il sistema di alberata storica dei platani di Corso Martiri. La scelta di un sesto d impianto ravvicinato e del doppio filare ha creato attualmente dei significativi problemi di gestione dell alberata. Infatti la presenza di afidi che periodicamente colpiscono l alberata rendono il sistema poco frequentato per la presenza delle colature di melata. Pertanto si propone l abbattimento di alcuni di questi alberi in ragione dell assetto finale e dei punti di vista da privilegiare. L abbattimento avrà soprattuto una funzione fitosanitaria in quanto l arieggiamento consentirà una migliore crescita dei soggetti prescelti e un ambiente gradevole e luminoso. In Corso Martiri della Libertà il doppio filare storico segna gli spazi liberi. L impianto originario con gli esemplari dal piede azzampato si alterna ai giovani alberi che hanno sostituito quelli ammalorati. Molti di questi giovani alberi hanno un basso valore estetico per il loro portamento poco sviluppato e per i fusti molto filati. Per questi ultimi alberi si valuterà un ulteriore sostituzione supportata da operazioni agronomiche di ausilio all impianto e in fase di manutenzione quali concimazioni e irrigazioni. Anche il giardino di Villa Remmert ha elementi significativi che caratterizzano il verde verticale. I Platani e i cedri secolari disegnano un giardino all inglese evocativo di un luogo romantico. Entrambi questi elementi saranno il fulcro del sistema di riqualificazione del verde orizzontale. La vegetazione arborea perimetrale prevalentemente a olmi rappresenta il segno dell antica siepe arbustiva di un tempo. Sarà valutata la possibilità di ripristino della siepe anche in relazione alla nuova funzione botanica dell area. I nuovi inserimenti Il nuovo disegno architettonico impone una riqualificazione in termini prevalentemente di verde orizzontale e di manutenzione dell esistente verde verticale. Data la maestosità degli esemplari che insistono sul territorio da riqualificare, la necessità è quella di accostare elementi di arredo a verde a tavola a supporto degli esemplari stessi. Il Giardino di Palazzo D Oria è uno spazio che ben accoglie le fioriture di erbacee perenni e di fioriture annuali, alternate a strisce di prato e tappezzanti. Potranno essere realizzate composizioni con le fioriture a tema. Diversamente e unitariamente sarà progettato il sistema del Verde Orizzontale di Corso Martiri e di Piazza Doria per il quale è opportuno alternare le zone a prato a quelle a arbusti fiorite. I plateaux di arbusti potranno essere costituiti da elementi preziosi come i roseti nelle zone più assolate e da giunchi, festuche o edere nelle aree meno assolate. Nella Villa Remmert le colture della nuova serra potranno trovare spazio anche all esterno in cui le strisce a verde potranno essere destinate al tema dell agricoltura e della biodiversità. Pertanto potranno annualmente essere sviluppati dei temi diversi legati alla valorizzazione delle antiche varietà. Alla coltivazione di antiche cultivar di ortaggi si potrà dare rotazione con antiche varietà di cereali o di foraggere. Al prato di fiori di aglio ad esempio potranno seguire plateaux di canapa, di antiche varietà di grano, o di officinali e aromatiche. La manutenzione dell assetto finale Per la realizzazione dei nuovi impianti saranno diversificate le diverse stratigrafie in relazione alle specie che andranno a essere messe a dimora. Inoltre verranno lasciate le superfici a maggiore permeabilità intorno agli esemplari arborei esistenti evitando scavi e sistemazioni che compromettano gli apparati radicali. Inoltre sarà necessario dotare tutte le aree a verde d impianto d irrigazione diversificato in relazione alla superficie da servire. Tale impianto risulterà maggiormente sostenibile tramite l integrazione del sistema di raccolta delle acque piovane dalle superfici impermeabili e dalle coperture degli edifici con l interramento di vasche di accumulo. L area in cui è prevista una maggiore manutenzione è quella di Palazzo D Oria in relazione alle fioriture annuali, circoscritte nella porzione centrale. Le manutenzione dell area di Villa Remmert appare impegnativa in quanto periodica, ma legata alle attività didattiche previste per la serra e pertanto legate alle attività delle associazioni che si occuperanno dell attività didattica. Per Piazza D Oria e Via Martiri invece il maggiore impegno è quello nelle aree in cui sarà realizzato il prato per il quale sarà necessario 7

9 effettuare tagli periodici, mentre la potatura degli arbusti potrà essere biennale, mentre la rimozione delle infestanti potrà essere contenuta con l utilizzo di sistemi efficaci di pacciamatura. Convenzionamento con affacci in cambio di spazio dehors e pubblicità LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA PER LOTTI FUNZIONALI E IL COIVOLGIMENTO DI CAPITALI PRIVATI Data la previsione del nuovo parcheggio di interscambio nell ambito 3 in corrispondenza dell edificio polifunzionale e della piattaforma pavimentata per utilizzo sportivo e di spettacolo, tale ambito viene suddiviso in due lotti funzionali, mentre un altro lotto funzionale è dedicato alla realizzazione del suddetto parcheggio. Nel complesso si prevedono 5 lotti come nel seguito: a) Interventi nell ambito 2) Giardini del Palazzo D Oria; b) interventi nell ambito 1) Viale e Piazza D Oria e viabilità connesse; c) interventi nell ambito 3) con sistemazione del giardino storico e realizzazione orti didattici con annessa viabilità; d) realizzazione parcheggio di interscambio, sottopasso pedonale di collegamento al Movicentro ed edificio polifunzionale; e) completamento sistemazione giardini di Villa Remmert con piattaforma pavimentata per uso sportivo e/o per intrattenimento, comprendente sistemazione area verde verso Ciriè 2000 e viabilità annessa (tratti di Via D Oria e di Via Rosmini. I lotti sono funzionalmente indipendenti ed in particolare: - il lotto d) che comprendente le strutture architettoniche e di servizio più complesse potrebbe essere associato al lotto e) prevedendo il coinvolgimento di capitali privati per la realizzazione e la gestione del polo multifunzionale che si viene così a creare (parcheggio + edificio polifunzionale per spettacoli + piattaforma per usi sportivi e di intrattenimento). Diversamente il lotto e) appare in sé indipendente e fattibile a prescindere dalla realizzazione del lotto d). - Gli interventi dei lotti a) e c) comprendenti aree maggiormente limitate potrebbero essere realizzati contestualmente e sono comunque interscambiabili dal punto di vista temporale. - Il lotto b) può essere suddiviso in due tranche: b1) comprendente la sistemazione di Corso Martiri della Libertà, Piazza D Oria e Via Alfieri; b2) legata agli interventi sull asse di Via Mazzini e nell area del Movicentro Stazione, in relazione alla fattibilità delle previsioni di ampliamento della zona a parcheggio tra Via Mazzini e Via Vittorio Veneto. La realizzazione del sottopasso pedonale dalla via Monte Grappa alla Stazione Ferroviaria seppur non compresa nell ambito del concorso costituisce un elemento di connessione significativo tra il Movicentro e i complessi scolastici oltre ferrovia e si pone quale naturale corollario alle opere previste per cui si fornisce una stima dei costi realizzativi a parte. Modalità di coinvolgimento dei capitali privati nella realizzazione e/o gestione e manutenzione del parco urbano - progettazione integrata con concessione di gestione delle strutture; - coinvolgimento di sponsorizzazioni per cicli di attività sportiva, spettacoli estivi, attività teatrale, attività espositiva anche connesse al possibile nuovo sfruttamento degli spazi dell edificio storico della Villa Remmert, quale contenitore culturale complementare in gestione privata. (es. lotto d) ed e)) - convenzioni con gestori degli esercizi commerciali e pubblici interessati per contribuire parzialmente a finanziare le opere di manutenzione del verde e dell arredo attraverso la concessione a pagamento di spazi pubblicitari e/o puntuali nuove zone dehor (regolamentate appositamente), (es. lotti a), b) e c)). - coinvolgimento di risorse umane in genere da associazioni, volontariato, attività didattiche e formative. 8

10 Valutazione economica preliminare per lotti funzionali lotto descrizione sintetica importo lavori A) ambito 2 - Giardini Palazzo D'Oria ,00 B) ambito 1 b1) Viale + Piazza D'Oria ,00 b2) Stazione - movicentro ,00 totb) ,00 C) ambito 3 - giardini storici e orti didattici ,00 D) realizzazione parcheggio di interscambio + struttura ,00 polifunzionale E) ambito 3 - completamento giardini di Villa Remmert ,00 TOTALE somme disp./ spese tecniche , , , , , , ,00 importo compl. di progetto % INCID ,00 3, ,00 17, ,00 8, ,00 26, ,00 6, ,00 59, ,00 4, ,00 100,0 Ipotesi di programmazione realizzativa degli interventi ipotesi 1 ipotesi 2 (*) t1 t2 t3 t4 t5 t1 t2 t3 t4 t5 lotto A lotto A lotto B1 lotto B1 lotto B2 lotto B2 lotto C lotto C lotto D lotto D(*) lotto E lotto E (*) senza previsione di parcheggio interrato, con sola previsione di sottopasso ciclo pedonale di collegamento al movicentro 9

CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA ED URBANISTICA DEL SISTEMA DEI PARCHI URBANI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ( 33684495 )

CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA ED URBANISTICA DEL SISTEMA DEI PARCHI URBANI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ( 33684495 ) CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA ED URBANISTICA DEL SISTEMA DEI PARCHI URBANI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ( 33684495 ) Comune di Ciriè TRE ETTARI concorso di idee 2 SPIEGAZIONI DELLE SCELTE

Dettagli

Concorso d idee per la riqualificazione paesaggistica ed urbanistica del sistema dei parchi urbani

Concorso d idee per la riqualificazione paesaggistica ed urbanistica del sistema dei parchi urbani Concorso d idee per la riqualificazione paesaggistica ed urbanistica del sistema dei parchi urbani RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA GGMEC11N 0 La città di Ciriè è costituita da un complesso di insediamenti,

Dettagli

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO GENERALE Il progetto nasce dalla volontà di riqualificare Piazza Carmelitani attraverso un insieme sistematico di interventi

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani ALLEGATO B Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani Questa parte è dedicata alla presentazione della fase analitica e valutativa della qualità degli spazi verdi

Dettagli

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale 08LUALAN RELAZIONE 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale La principale caratteristica dell area oggetto di intervento è la forte presenza dell area boscata, è l essere quasi estranea rispetto

Dettagli

IL CANNOCCHIALE VERDE

IL CANNOCCHIALE VERDE RELAZIONE DI APPROFONDIMENTO TEMATICO IL CANNOCCHIALE VERDE Codice: GOUDRON8 PERCORSO PROGETTUALE Il CANNOCCHIALE VERDE In questa sintetica metafora crediamo di aver racchiuso l intento, gli obiettivi

Dettagli

TrEttari Concorso di idee per la riqualificazione paesaggistica ed urbanistica del sistema dei parchi urbani Ciriè ACGSTSCG Lo sviluppo del progetto proposto prende le mosse dallo studio del territorio

Dettagli

Situazione attuale degli accessi

Situazione attuale degli accessi Situazione attuale degli accessi Attualmente gli accessi al quartiere fieristico si rivolgono prevalentemente verso la città per il naturale effetto delle dinamiche di traffico fino ad ora esistite nel

Dettagli

Ambito 1 Corso Martiri della Libertà e Piazza D Oria

Ambito 1 Corso Martiri della Libertà e Piazza D Oria L area urbana oggetto di intervento è scandita in tre diversi ambiti slegati tra loro, sia per caratteristiche intrinseche che per morfologia del territorio; appare però evidente, che ciascun ambito è

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Laboratorio sulla riqualificazione urbana: La città edificata Laboratorio su orti urbani e spazi verdi: coltiviamo la città

Laboratorio sulla riqualificazione urbana: La città edificata Laboratorio su orti urbani e spazi verdi: coltiviamo la città Ascoltare il Territorio Fase 3 Sintesi dei Laboratori del P.O.C. 28 Gennaio 2014 6 Febbraio 2014 Laboratorio sulla riqualificazione urbana: La città edificata Laboratorio su orti urbani e spazi verdi:

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO EX DIREZIONALE PUBBLICO DI VIA BEETHOVEN INDIVIDUAZIONE PLANIMETRICA DELL ORGANIZZAZIONE TIPOLOGICA DEGLI SPAZI APERTI

PIANO PARTICOLAREGGIATO EX DIREZIONALE PUBBLICO DI VIA BEETHOVEN INDIVIDUAZIONE PLANIMETRICA DELL ORGANIZZAZIONE TIPOLOGICA DEGLI SPAZI APERTI INDIVIDUAZIONE PLANIMETRICA DELL ORGANIZZAZIONE TIPOLOGICA DEGLI SPAZI APERTI N.B.: Le aree che rientrano nella tipologia denominata Verde pertinenziale pubblico, rappresentano spazi urbani che sono strettamente

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

Elaborati del Project Work

Elaborati del Project Work Elaborati del Elaborato 6 - Strategie ed indirizzi progettuali L elaborato definisce gli indirizzi e le grandi scelte progettuali per l intero quartiere in relazione al proprio contesto territoriale, oltre

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA 1. CERRETUM : l idea investita dall etimologia di un Nome L idea progettuale nasce dall intenzione di vestire lo spazio oggetto di intervento di un volto nuovo, unico e intero. L

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il progetto per la riqualificazione di Piazza dei Martiri e Piazza Vittorio Emanuele II si sviluppa intorno all idea centrale di realizzare un grande spazio urbano con continuità

Dettagli

LA «PROMENADE» DI CIRCONVALLAZIONE A MONTE

LA «PROMENADE» DI CIRCONVALLAZIONE A MONTE Proposta per la valorizzazione di Circonvallazione a Monte e la sua trasformazione in nuova «promenade» genovese, con l'eliminazione dei posti auto lato mare, l'allargamento del marciapiede esistente e

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali Introduzione Liston è una parola utilizzata in varie città del Veneto per indicare un particolare luogo della città, generalmente una piazza o parte di essa. Il termine liston indica le lunghe lastre di

Dettagli

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA PROPOSTE DI RIQUALIFICAZIONE VIABILISTICA rapporto finale luglio 2009 Ing. Ivan Genovese ig@mobiliter.it CONTENUTI A. INQUADRAMENTO

Dettagli

Il quartiere solare di Linz

Il quartiere solare di Linz Il quartiere solare di Linz di Giordana Castelli La città solare di Linz è un caso di eccellenza dal punto di vista della sostenibilità sociale ed ambientale ed è il risultato della volontà dell amministrazione

Dettagli

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase 1 Il DI 1444/68 stabilisce che la quantità minima inderogabile di spazi da destinare a parcheggio è pari a 2.50 mq/ab (in

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO Premessa La presente relazione paesaggistica è redatta secondo le indicazioni della Deliberazione Giunta Regionale 15 marzo 2006 n. 8/2121: Criteri

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

1. La costruzione delle linee guida

1. La costruzione delle linee guida 1. La costruzione delle linee guida La costruzione delle linee guida per la qualità paesaggistica e ambientale delle infrastrutture segue il riconoscimento, all interno del PPTR, di due macro sistemi di

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE. La presente relazione è descrittiva delle opere necessarie per la sistemazione di un area a verde

RELAZIONE TECNICA GENERALE. La presente relazione è descrittiva delle opere necessarie per la sistemazione di un area a verde RELAZIONE TECNICA GENERALE Premessa e finalità dell intervento La presente relazione è descrittiva delle opere necessarie per la sistemazione di un area a verde sita in Via Corelli Fraz. Valcanneto nel

Dettagli

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA 1 Obiettivo Restituire agli abitanti di Prà l accesso alla Fascia di Rispetto. A questo si legano le esigenze di alleviare il peso di un traffico eccessivo

Dettagli

Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b

Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b Regolamento ai sensi dell art. 9.2 delle Disposizioni di attuazione del Piano dei Servizi Comune di Cernusco sul Naviglio Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b

Dettagli

1. Attrezzature scolastiche DATI GENERALI PLANIMETRIA FOTOGRAFIE DATI URBANISTICI DATI UTENZA E ATTREZZATURE ATTREZZATURE E SICUREZZA VINCOLI

1. Attrezzature scolastiche DATI GENERALI PLANIMETRIA FOTOGRAFIE DATI URBANISTICI DATI UTENZA E ATTREZZATURE ATTREZZATURE E SICUREZZA VINCOLI 1. Attrezzature scolastiche N SCHEDA 84 DATI GENERALI TIPOLOGIA 1.1 asilo nido PROPRIETA' pubblica SPECIFICA PROP comunale LOCALITA' PONTECCHIO GESTIONE mista INDIRIZZO via Porrettana 197 DENOMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI FERNO (Va) Realizzazione di una struttura polifunzionale culturale all interno del parco di Ferno (Va) PROGETTO ESECUTIVO

COMUNE DI FERNO (Va) Realizzazione di una struttura polifunzionale culturale all interno del parco di Ferno (Va) PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI FERNO (Va) Realizzazione di una struttura polifunzionale culturale all interno del parco di Ferno (Va) PROGETTO ESECUTIVO Luglio 2011 1 Premesse Il progetto riguarda la realizzazione di una struttura

Dettagli

Primo Incontro di ascolto in Zona 2

Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Cascina Cattabrega,via Trasimeno 49 20 luglio 2015 All incontro hanno preso parte 36 persone. I partecipanti sono stati 25

Dettagli

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11. (Aggiornamento 31.03.2004) 1 Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 NORME REGOLAMENTARI 1. AMBITI DI

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO Committente: Fondazione Fiera Milano Progettisti: Massimiliano Fuksas -Studio Altieri, Lombardi & Associati e altri Soggetto attuatore: Fondazione Fiera Milano Inizio attività: Anno 2002 Ultimazione lavori:

Dettagli

La Valletta di San Nicola

La Valletta di San Nicola La Valletta di San Nicola (Genova Castelletto) Progetto di tutela, riqualificazione e valorizzazione COMITATO LE SERRE Di Castelletto 1 La Valletta come Bene Comune 2 La Valletta di San Nicola è ancora

Dettagli

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 2.1 PARCHEGGIO PUBBLICO 3 2.2 IL PROGETTO DEL VERDE E LE SISTEMAZIONI ESTERNE 5 2.3 RETI INFRASTRUTTURALI 6 File PT_OO.UU.G.2_RELAZIONE DESCRITTIVA.docx

Dettagli

Genova Sestri Pon, li 20/01/16

Genova Sestri Pon, li 20/01/16 Genova Sestri Pon, li 20/01/16 Con la presente, l Associazione Amici del Chiaravagna ONLUS invia il proprio contributo di idee relative al percorso partecipativo attivato da questo Municipio circa i lavori

Dettagli

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL UNITÀ IMMOBILIARE 2.1 Caratteristiche estrinseche dell edificio in cui è ubicata l unità immobiliare L

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 Comune di Rivanazzano Terme SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 DdP - Norme Tecniche di Attuazione: comparazione fra il testo adottato e quello definitivo conseguente

Dettagli

Comune di Ceggia. Parco della MEMORIA. Analisi dei siti proposti. Dott. Stefano Roman - Paesaggista Società Terra

Comune di Ceggia. Parco della MEMORIA. Analisi dei siti proposti. Dott. Stefano Roman - Paesaggista Società Terra Comune di Ceggia arco della MEMORIA Analisi dei siti proposti Dott. Stefano Roman - aesaggista Società Terra 05 ottobre 2012 Simbologia Come spesso si è avuto modo di sottolineare, il progetto arco della

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

!!!!! ! " # $!! %! $! & "! '! %! $ % $ #

!!!!! !  # $!! %! $! & ! '! %! $ % $ # " # $ % $ & " ' % $ % $ # ( ) $ * + ( 1 La definizione di tipo richiama a: possesso di caratteri qualitativi che consentono di accomunare ad un modello. Nel caso dell applicazione della definizione al

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

Messinscena: relazione programmatica.

Messinscena: relazione programmatica. Messinscena: relazione programmatica. L intervento per la ristrutturazione del Teatro Vittorio Emanuele di Messina si articola seguendo un piano programmatico che, rispettoso della preesistenza, mira a

Dettagli

Il Piano urbanistico esecutivo

Il Piano urbanistico esecutivo Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Firenze Il Piano urbanistico esecutivo Le scelte effettuate all interno del Piano urbanistico esecutivo (Pue), si focalizzano intorno alla rivitalizzazione

Dettagli

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005 Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi Incontro plenario 14 giugno 2005 Il percorso partecipativo di questo secondo ciclo del Forum di Agenda 21 locale è stato articolato in tre differenti

Dettagli

Protocollo di valutazione a scala urbana

Protocollo di valutazione a scala urbana Protocollo di valutazione a scala urbana Andrea Moro CONTESTO DI RIFERIMENTO Enti pubblici attori fondamentali nella promozione dell edilizia sostenibile Necessità di strumenti di valutazione/rating a

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI 1.4. Commercio e attività produttive 1.4 ANALISI E DATI Lo spazio attualmente occupato dal commercio e delle attività produttive è l 11% del territorio, pari 1.707.968 mq.

Dettagli

IL PARCO DI CINTURA TAV.1 IL PARCO DI CINTURA PARCO DELLE COLLINE BRIANTEE PARCO DI MONZA PARCO DELLA CAVALLERA PARCO DI CINTURA

IL PARCO DI CINTURA TAV.1 IL PARCO DI CINTURA PARCO DELLE COLLINE BRIANTEE PARCO DI MONZA PARCO DELLA CAVALLERA PARCO DI CINTURA PARCHI REGIONALI PLIS IL PARCO DI CINTURA TAV.1 IL PARCO DI CINTURA PARCO DELLA VALLE DEL LAMBRO PARCO DELL ADDA PARCO DELLE COLLINE BRIANTEE PARCO DELLE GROANE PARCO DELLA BRIANZA CENTRALE PARCO DI MONZA

Dettagli

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Principali obbiettivi: - creare nell area metropolitana un sistema di trasporto pubblico integrato; - migliorare la

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO AREA EX AMGA INDIVIDUAZIONE PLANIMETRICA DELL ORGANIZZAZIONE TIPOLOGICA DEGLI SPAZI APERTI

PIANO PARTICOLAREGGIATO AREA EX AMGA INDIVIDUAZIONE PLANIMETRICA DELL ORGANIZZAZIONE TIPOLOGICA DEGLI SPAZI APERTI INDIVIDUAZIONE PLANIMETRICA DELL ORGANIZZAZIONE TIPOLOGICA DEGLI SPAZI APERTI scala 1:2500 1 - SPAZI PERTINENZIALI, PUBBLICI E PRIVATI Nome tipologia Spazi di relazione tra sazio pubblico e privato Localizzazione

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 2. Tra le esigenze raccolte relativamente alla Zona nella sua totalità si

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 2. Tra le esigenze raccolte relativamente alla Zona nella sua totalità si Sintesi degli incontri di ascolto di Zona 2 Tra le esigenze raccolte relativamente alla Zona nella sua totalità si segnala la richiesta di: Recuperare edifici ed aree di proprietà comunale in stato di

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA PROGETTO INTEGRATO SAMPIERDARENA I Progetti Integrati nel

Dettagli

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE IL PROGETTO PILOTA DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA RISOLUZIONE URBANISTICA DELLA MAGLIA 21 ESPANSIONE C2 SCOPRIAMO BARI: STRUMENTI

Dettagli

pag. 5 pag. 6 pag. 8

pag. 5 pag. 6 pag. 8 01 pag. 5 02 pag. 6 03 pag. 8 01 IL PROGETTO Il progetto prende le mosse da alcune riflessioni sulla fabbrica dal punto di vista concettuale e formale. La fabbrica viene interpretata come una somma di

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda Comune di Cassano d Adda Parco Adda Nord Comune di Pozzuolo Martesana Comune di Trezzo d Adda Comuni interessati dal progetto Inzago, Vaprio d Adda, Truccazzano Pozzo d Adda Busnago Grezzago Trezzano Rosa

Dettagli

Antonio Marrazzo. Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI

Antonio Marrazzo. Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI Antonio Marrazzo Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano Attività dei diversi settori PROGETTI - N 101 - EDILIZIA SCOLASTICA tot 21.000.402,38 24% STRADE tot 12.155.500 23% ALLOGGI COMUNALI

Dettagli

Indici e parametri urbanistici

Indici e parametri urbanistici Collegamento con ciclopedonali esistenti Ambito 14.000 mq Collegamento con via Pertini e la rotonda Indici e parametri urbanistici sup. territoriale 14.158 mq sup. fondiaria totale 6240 mq sup. fondiaria

Dettagli

Progettazione di percorsi ecoturistici e valorizzazione urbanistica del Fiume Piave

Progettazione di percorsi ecoturistici e valorizzazione urbanistica del Fiume Piave Progetto Drava Piave Fiumi e Architetture nr.3241 del 25/11/08 Concorso di Idee Progettazione di percorsi ecoturistici e valorizzazione urbanistica del Fiume Piave Relazione Descrittiva Descrizione generale

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

VARIANTE AL PRG VIGENTE

VARIANTE AL PRG VIGENTE Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA IN VARIANTE AL PRG VIGENTE PER LA TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E IN DISMISSIONE E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO MILANESE.

Dettagli

a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n

a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n PLEOSINVEST SAS DI BARBIERO MARIO BOSELLO LILIANA A VARIANTE AMBITO E DEL PDL DI VIA TREVISO APPROVATO CON DELIBERA G.C. 17/2012 E 64/2012 RELAZIONE DICHIARAZIONI

Dettagli

f o green ro so o lar EcoroofEc

f o green ro so o lar EcoroofEc Ecoroof solar green La copertura di un edificio rappresenta uno degli elementi piu significativi della sua configurazione e funzionamento. Inoltre circa il 25% delle dispersioni totale di energia di un

Dettagli

Per l organizzazione delle zone comprese nei 9 mq/ab esistono diverse possibilità

Per l organizzazione delle zone comprese nei 9 mq/ab esistono diverse possibilità Scheda A VERDE PUBBLICO ATTREZZATO 1 DI 1444/68: 9 mq/ab per spazi pubblici attrezzati a gioco e sport 15 mq/ab per parchi pubblici urbani e territoriali Per l organizzazione delle zone comprese nei 9

Dettagli

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi.

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi. Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico Piazza verdi Progetto degli arredi Relazione PIAZZA VERDI: UTILIZZAZIONE, TUTELA E ARREDO Descrizione tecnica

Dettagli

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello DEEPER UNDERGROUND RELAZIONE GENERALE Criteri Progettuali L idea progettuale di base, per la realizzazione

Dettagli

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA ADOTTATO NEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/07/15 IL PIANO ATTUATIVO DELL AREA AT1 (EX MEDASPAN), ADESSO IL PIANO PASSA ALLA FASE DI ANALISI DELLA REGIONE FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

LARGO D ACQUISTO COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI

LARGO D ACQUISTO COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI LARGO D ACQUISTO COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI R relazione tecnica e stima sommaria dei costi concorso microgiardini 2010 arch. alessandro pavan arg. elisa frappi designer valeria ciabò ANALISI DEL LUOGO

Dettagli

Il Parco Scientifico e Tecnologico (PST) di Genova. Scienza, Tecnologia e MARKETING

Il Parco Scientifico e Tecnologico (PST) di Genova. Scienza, Tecnologia e MARKETING Il Parco Scientifico e Tecnologico (PST) di Genova Scienza, Tecnologia e MARKETING COS E Il Parco Scientifico Tecnologico di Genova (PST) è il più grande finora concepito in Italia ed è nato per iniziativa

Dettagli

Concorso di idee per la Riqualificazione ambientale e urbana del Mercato Coperto. Forte dei Marmi (LU)

Concorso di idee per la Riqualificazione ambientale e urbana del Mercato Coperto. Forte dei Marmi (LU) 2012 Concorso di idee per la Riqualificazione ambientale e urbana del Mercato Coperto Forte dei Marmi (LU) 1 - Premessa. Il territorio comunale è in generale interamente pianeggiante, caratterizzato da

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli

Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone

Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone RELAZIONE TECNICA Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone PO FESR SICILIA 2007-2013 DELL OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3 LINEA D'INTERVENTO 3.1.3.3 PROGETTO BIENNALE

Dettagli

STUDI E AZIONI DI SUPPORTO ALLE POLITICHE DI SOSTENIBILITA

STUDI E AZIONI DI SUPPORTO ALLE POLITICHE DI SOSTENIBILITA Convenzione tra Comune Spinea e Università IUAV STUDI E AZIONI DI SUPPORTO ALLE POLITICHE DI SOSTENIBILITA PRIMO RAPPORTO Responsabilità scientifica : Professoressa Maria Rosa Vittadini PREMESSA Il Comune

Dettagli

Analisi modellistiche SIMULAZIONE DELLO STATO ATTUALE

Analisi modellistiche SIMULAZIONE DELLO STATO ATTUALE Analisi modellistiche SIMULAZIONE DELLO STATO ATTUALE Assetto attuale della circolazione Configurazione della rete stradale allo stato di fatto (dettaglio Via Martiri della Resistenza) Configurazione della

Dettagli

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.2 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 78 Art.27 Progetto Strategico Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto Il Progetto

Dettagli

Il Piano Regolatore Cimiteriale

Il Piano Regolatore Cimiteriale Il Piano Regolatore Cimiteriale Pianificazione e riqualificazione dei cimiteri di Parma Silvia Ombellini Committente Comune di Parma Coordinamento generale dott. Gabriele Righi Progetto Università di Parma

Dettagli

UBICAZIONE Il Comune di Legnano

UBICAZIONE Il Comune di Legnano Ex Fonderia LEGNANO UBICAZIONE Il Comune di Legnano Il Comune di Legnano ha 60.000 abitanti ed è situato a circa 20 km a nord ovest di Milano. L area della Ex Fonderia, inserita in un contesto prettamente

Dettagli

Relazione di fattibilità

Relazione di fattibilità Facoltà degli Studi di Sassari Sede di Alghero Corso di laurea PTUA Anno accademico 2004-2005 II anno Relazione di fattibilità Progetto area ex-saica Alghero Blocco didattico: Tecniche di valutazione ambientale

Dettagli

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14 Piazzetta Cardo Nord Est mag. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI AREE EVENTI CLUSTER

Dettagli

PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MERCATO VECCHIO

PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MERCATO VECCHIO PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MERCATO VECCHIO PRESIDENTE Nell analizzare le criticità e le potenzialità per una riqualificazione del centro antico di Fasano, l associazione ha fatto emergere

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno Sintesi degli incontri di ascolto di Zona 4 Molise Calvairate, Ortomercato Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno spazio di aggregazione, di promozione culturale e di documentazione,

Dettagli

Impatto sul paesaggio e sulla componente ecologica Attualmente l area si presenta di tipo agricolo e a forte pendenza in prossimità di Viale della

Impatto sul paesaggio e sulla componente ecologica Attualmente l area si presenta di tipo agricolo e a forte pendenza in prossimità di Viale della Impatto sul paesaggio e sulla componente ecologica Attualmente l area si presenta di tipo agricolo e a forte pendenza in prossimità di Viale della Resistenza. Nel sito di intervento non sono presenti elementi

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli