UN TUFFO NEL GIOCO. Ludografie di un centro estivo. Cristina Bertocci. Antonio Di Pietro. Postfazione di Gianfranco Staccioli COOPERATIVA SOCIALE CAT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN TUFFO NEL GIOCO. Ludografie di un centro estivo. Cristina Bertocci. Antonio Di Pietro. Postfazione di Gianfranco Staccioli COOPERATIVA SOCIALE CAT"

Transcript

1 COOPERATIVA SOCIALE CAT COMUNE DI FIRENZE QUARTIERE 1 LUDOCEMEA UN TUFFO NEL GIOCO Ludografie di un centro estivo Cristina Bertocci Antonio Di Pietro Postfazione di Gianfranco Staccioli

2 A cura di: Cooperativa Sociale CAT (FI) Quartiere 1 Comune di Firenze LudoCemea Gruppo di Ricerca e Azione della Federazione Italiana dei CEMEA Vice-Presidente Coop. Soc. CAT: Sandro Meli Presidente Quartiere 1: Anna Laura Abbamondi Coordinatrici del Centro Estivo CAT-Vittorio Veneto : Francesca Mugnai e Serena Conti Fotografie: Natalia Bavar Un sentito ringraziamento a Cristina Bertocci, Barbara Carracini, Paolo Cattaneo, Antonio Di Pietro, Lucia Domenichelli, Sofien Douik, Luciano Franceschi, Matteo Frasca, Carlo Giabbanelli, Barbara Hoffmann, Luca Perrotta e Vittoria Piattelli, docenti LudoCemea che hanno progettato la formazione per educatori di centri estivi. Un grazie anche agli educatori e agli ausiliari che hanno operato al Centro Estivo CAT- Vittorio Veneto di Firenze, i quali, con la loro collaborazione e complicità, hanno reso possibile questo progetto di ricerca: Paola Baldassi, Natalia Bavar, Caterina Bencini, Ilenia Bini, Ilaria Calonaci, Aldo Cambi, Annunziata Carosone, Donatella Chiaramonti, Cecilia Chiarantini, Lorenzo Cinti, Antonella Curradi, Tiziana Fantini, Raffaella Fedi, Debora Ferrari, Vincenza Garzo, Alessandra Genuini, Eleonora Giuntini, Elena Manni, Rossella Masi, Muriel Mendez, Barbara Morozzo, Simona Norrito, Claudia Novelli, Guendalina Paccini, Gianluca Palmieri, Gianna Parrino, John Percival, Katia Pezzatini, Beatrice Raugei, Michela Sarti, Enrico Testi, Lapo Vannini, Carolina Zipolo. Un abbraccio a Gioia Bertolini, alle Coop. Soc. Cepiss e Barberi, alla cucina V. Veneto, agli autisti dell Autoparco comunale e a tutte le strutture del Comune di Firenze e del Q.1 coinvolte nel centro estivo. Stampa: Tipografia Coppini, Firenze 2003 Tiratura: 600 copie In copertina: disegno fatto da un bambino con l indicazione di creare una cartolina che riporti come immagine il ricordo più bello del Centro Estivo Cooperativa Sociale CAT: tel ; fax

3 Cristina Bertocci Antonio Di Pietro UN TUFFO NEL GIOCO Ludografie di un centro estivo Postfazione di Gianfranco Staccioli a Marta COOPERATIVA SOCIALE CAT COMUNE DI FIRENZE QUARTIERE 1 LUDOCEMEA

4 PER UN CENTRO ESTIVO Sandro Meli Vice Presidente Cooperativa Sociale CAT I soggiorni estivi in città sono un esperienza che impegna il comune e il privato sociale per offrire momenti di crescita educativo-ricreativa ai bambini delle fasce d età 3-14 anni (infanzia, elementari, media inferiore). Quando finisce la scuola si presenta l opportunità di dare una risposta all esigenza di svago che i ragazzi avanzano e alle necessità organizzative delle famiglie. Con questo servizio ci proponiamo di rispondere a una domanda sociale complessa, offrendo una situazione di vacanza organizzata secondo obiettivi pedagogici che permettano, in un clima comunitario, di esprimere se stessi nel rapporto con gli altri, siano essi adulti o ragazzi. All interno di un esperienza ludica ci si propone di riuscire ad attivare la comunicazione e la conseguente socializzazione dei ragazzi, fra loro e l ambiente sociale che li circonda. Tramite progetti sull educazione ambientale, il rispetto degli altri e della natura, di giochi collaborativi, l attività fisica e i laboratori d espressione e di costruzione creativa, le gite, le escursioni e i bagni in piscina e al mare in un contesto non valutativo e non competitivo viene offerto uno sviluppo pratico complessivo agli apprendimenti quotidiani fatti di sensazioni, relazioni, scambi e confronto. Attraverso una metodologia applicata al gioco si tende a favorire la socializzazione, potenziare l autonomia del ragazzo e facilitare l inserimento dei giovani disabili in un clima accettante e collaborativo, dove le esigenze e le possibilità di ciascuno contribuiscono a creare un ambiente favorevole all apprendimento (mediato dal divertimento) e alla socializzazione. Per questi motivi, soprattutto di carattere metodologico, la Cooperativa Sociale CAT ha offerto due weeck-end di formazione a tutti gli educatori dei propri centri estivi: uno specifico per i bambini dai tre ai sei anni ed uno dai sei anni in poi. Questa formazione, affidata ad un équipe LudoCemea (ente accreditato alla formazione dal Ministero dell Istruzione, Università, Ricerca e dal Ministero della Salute), ha affrontato la tematica Ritmi di vita e ritmi di gioco in un centro estivo. Una formazione pratico-riflessiva (metodologia caratteristica dell educazione attiva) che ha fortemente motivato, poi, le linee di programmazione dei centri estivi CAT e le pagine di questo libretto. 2

5 VACANZE IN LIBERTÀ Abbamondi Annalaura Presidente del Q1 di Firenze Un tuffo nel gioco. Ludografie di un centro estivo è un libretto che racconta e cerca di spiegare attraverso le immagini del gioco i percorsi educativi e le modalità di svolgimento dell esperienza dei centri estivi in città. È superfluo dire quale importanza abbia questo servizio per le famiglie. Ed è per questo che il nostro quartiere, come per altro tutti i quartieri della città, impegnano risorse economiche significative per il loro svolgimento. Ma l impegno economico sarebbe insufficiente se ad esso non si accompagnasse una qualità del servizio in grado di ottenere buoni risultati. Ogni anno un maggior numero di bambini frequentano i centri, segno questo certamente di un aumento della necessità, ma anche, altrettanto certamente, di un gradimento del servizio. La Cooperativa Sociale CAT (per proprio conto e in ATI con le Coop. sociali Cepiss e Barberi) che ha gestito i centri estivi del Quartiere 1 (Comune di Firenze), e il LudoCemea, gruppo di ricerca e azione della Federazione Italiana dei CEMEA, mettono in mostra una ricerca sul significato e il ruolo del gioco, anzi dei giochi, nello svolgimento dell esperienza quotidiana dei bambini che frequentano i centri estivi. Partendo dal presupposto, che ne è il fondamento, che il centro estivo non è la scuola, né una prosecuzione di essa, ma una esperienza diversa, un modo di trascorrere il tempo in spazi definiti, con una cadenza dei tempi altrettanto definiti, in altre parole in una cornice nella quale però il soggetto da rappresentare è libero e vario. Giocare in libertà, avere la possibilità di esprimersi con fantasia sono caratteristiche di un buon ricordo di un centro estivo per un bambino. Raccogliere dunque in un testo alcuni giochi che vengono proposti e che via via si creano anche spontaneamente a partire dagli spunti offerti dagli educatori, appare dunque da un lato una significativa testimonianza, dall altro un utile strumento di lavoro per quanti si apprestano a prestare la loro opera di educatori in un centro estivo. 3

6 UNA FINESTRA SULLA QUOTIDIANITÀ LUDICA Antonio Di Pietro Un progetto educativo che vuole lasciare un segno e un segnale, non prescinde da una documentazione. Una documentazione è un importante canale di comunicazione, perché ha il pregio di creare una finestra su di un quotidiano anche per chi non ha potuto viverlo, permette di ricordare e rielaborare le esperienze vissute. Infatti, una documentazione dà all esperienza educativa quel valore aggiunto e duraturo che possiamo individuare come ulteriori possibilità di confronto e di divulgazione, come un punto di partenza per avviare nuove progettazioni. Una documentazione, quindi, è uno spunto per continuare a riflettere e fare un approfondimento critico sulla propria azione educativa, per creare un filo diretto con il lettore (genitore, educatore ), per lasciare un album di ricordi (ai bambini ed educatori partecipanti), per sviluppare un particolare sguardo su di una quotidianità vissuta. Molteplici possono essere gli strumenti documentari: relazioni, foto, diari, video, interviste, mostre, ecc. La modalità che abbiamo scelto per caratterizzare i ritmi di vita e i ritmi di gioco del centro estivo della Cooperativa CAT presso la Scuola Vittorio Veneto di Firenze, possiamo definirla ludografica. Una documentazione ludografica intende mettere in luce istantanee di gioco, ovvero fotogrammi ludici relativi al soggettivo sguardo di chi osserva e prende spunto dalle tracce lasciate dal/nel giocatore. E se giocare significa rapportarsi con l altro, con l ambiente circostante, oltre che con il gioco stesso, attraverso la ludografia s intende comprendere una visione globale di questo rapporto. La grafia ludica riguarda il narrare, il narrarsi e, in un certo modo, riguarda anche varie forme di scrittura per riportare le osservazioni intorno ad accadimenti ludici. E una scrittura non è detto che possa essere fatta soltanto con una penna. La grafia è tutto ciò che lascia una traccia. Grafia, infatti, significa più cose: può essere scrittura e descrizione, comprende la riproduzione e il disegno; come secondo elemento di un termine, la grafia rimanda a parole come fotografia, radiografia, geografia E la ludografia è ciò che possiamo riconoscere come traccia lasciata nell esperienza di una persona, ma anche come un segno, una documentazione (non solo scritta) che prende spunto dall azione ludica. Con questa documentazione ludografica si vuole, perciò, descrivere un sintetico quadro organico sul significato del giocare nella quotidianità della vita di un bambino. Le presenti Ludografie di un centro estivo sono brevi flash per soffermarsi a riflettere sulle condizioni del gioco, cioè sul come, oggigiorno, il giocare si inserisce, e si può inserire, nella vita quotidiana di un bambino. Una ricerca in azione che vuole descrivere una sorta di ecologia della ludicità da attivare e scatenare con le modalità di un animazione a carattere educativo. Una metodologia, che si rifà ai principi dell educazione attiva, attraverso la quale valorizzare l ordinaria ludicità e, perché 4

7 no, in-segnare giochi di un certo tipo, con la convinzione che anche il gioco può essere una grafia, perché può lasciare tracce e produrre cambiamento. E quel lento processo di cambiamento è relativo alla crescita globale (motoria, affettiva e cognitiva) della persona. Quale contesto migliore, per iniziare a disegnare una mappa (in continua traformazione) del quotidiano senso del gioco attività principale (naturale) nella vita di un bambino se non a partire da un centro di vacanza? Essere in vacanza, del resto, significa essere liberi e disponibili, un concetto filosofico e un atteggiamento che ci riporta ad una delle più significative definizioni del gioco: il gioco è un azione libera: conscia di non essere presa sul «serio» e situata al di fuori della vita consueta (Huizinga J., in: Homo Ludens). In altre parole, se nel gioco esiste questa conditio sine qua non, ciascun giocatore deve sentirsi libero sia di mettersi in gioco come crede sia di cessare il proprio coinvolgimento ludico appena lo desideri. Caratteristica predominante che un adulto dovrà tenere sempre ben presente nel fare animazione, senza andare verso la deriva (spesso inconsapevole) della strumentalizzazione del gioco e/o del giocatore. Per questo può sembrare paradossale che il gioco (qualcosa che per definizione è un atto libero e inutile, cioè senza finalità ) si possa anche insegnare. E un educatore deve sapere bene che ci sono giochi che esasperano soltanto alcuni aspetti della comunicazione ludica (per fare solo qualche esempio: l agonismo, come in quei giochi da villaggio turistico; l individualismo, come in quei giochi creati dall industria del divertimento) e ci sono giochi (detti tradizionali ) che muovono con leggerezza una gamma di relazioni ed emozioni che aiutano a crescere. La motivazione ad in-segnare (dal latino insignare imprimere nella mente e nella memoria dei segni ) il gioco e il giocare, non si distacca da quella di educare. Insegnare è fare in modo che nelle persone con le quali l educatore viene a contatto rimanga un qualcosa di stabile, di permanente e che, al tempo stesso, crei un cambiamento nella direzione della crescita personale. E la grafia di questo cambiamento, come si è soliti dire, varia al variare dell ambiente di gioco, dalle dinamiche che innesca il giocare, dalle storie di vita di un giocatore, ma anche nel caso in cui il gioco viene insegnato/animato dalle scelte (quale gioco, in quale momento e in che contesto) e dallo stile di un educatore. Un mestiere difficile e assai complesso è quello di un educatore che vuole porre attenzione alle proprie modalità, che sa di dover essere conduttore, osservatore e partecipante al tempo stesso, che muove cambiamenti a partire dalla propria messa in gioco. 5

8 SPAZI PER L AUTONOMIA Cristina Bertocci I bambini sono persone ricche di potenzialità originali e di capacità creative, sono ideatori di progetti, riescono ad inventare giochi sempre differenti, hanno una potenziale ricchezza che ha bisogno di essere valorizzata e ascoltata per essere realizzata. Nel periodo che va dai tre ai sei anni vivono un progressivo sviluppo delle competenze relazionali, emotive, intellettive, motorie. Sono persone che hanno una loro peculiare concezione del mondo, diversa dagli adulti, una loro autonomia e un loro tempo individuale. Incontrare l altro, fare i conti con le inevitabili differenze di abitudini, di competenze sociali e di ritmi di vita, adeguarsi alle diverse situazioni, può significare accedere ad un terreno di esperienze assai varie, importanti e per certi aspetti faticose. I servizi educativi per l infanzia dovrebbero essere luoghi in cui ogni bambino può esprimere, in prima persona e al proprio livello, ciò che è, ciò che predilige. Questo lo può fare in un clima di accoglienza, di ascolto e di fiducia, in cui il bambino è sostenuto e incoraggiato. Anche un centro estivo che vuole integrarsi in un progetto educativo finalizzato al benessere del bambino non può prescindere da queste prerogative. Il lavoro di un educatore, in un ambiente che vuole essere accogliente, è molto delicato. Un educatore ha il compito di allestire gli ambienti, di osservare, di prevedere e di programmare le attività che ritiene possano sollecitare le curiosità dei bambini. Al tempo stesso egli ha il compito di dar valore alle esperienze del bambino, aspettando che la curiosità si traduca in iniziative. Per stimolare ed offrire esperienze significative un ambiente dovrebbe essere a misura del bambino, in funzione della sua autonomia. Questo richiede attenzione nell arredo, cura nei luoghi di vita, vuol dire offrire la possibilità al bambino di abitare uno spazio, ossia fargli conoscere dove riporre l abito. L ambiente è un luogo per agire, creare, giocare, anche da soli, è uno spazio da esplorare che consente sicurezza, affettività e stimolo. È un luogo che rispetta l identità delle persone che lo vivono, favorendone l autonomia. Abitare significa accogliere le diversità, ascoltare l altro e i diversi tempi individuali. Mangiare, fare la merenda, andare in bagno sono delle scansioni temporali di una giornata che per i bambini rappresentano delle vere e proprie esperienze di vita, così come giocare con l acqua o giocare con il cibo sono occasioni d apprendimento per conoscere e comprendere la realtà. La dilatazione dei tempi, la lunghezza dell attenzione permette al bambino la costruzione del pensiero. Per garantire questa lunghezza è necessario un habitat protetto, organizzato e rassicurante dove i tempi individuali e gli spazi abitabili vengono organizzati dagli educatori che rappresentano la liason fra mondo del bambino e realtà, in un centro estivo che voglia definirsi educativo. 6

9 I primi giorni dei centri estivi sono carichi di emozioni dovute alla separazione dall adulto. Ogni bambino ha una propria reazione di ansia, di felicità, di paura: ci sono quelli che si ambientano subito, altri, invece, che hanno bisogno di rassicurazioni e di coccole per sentirsi più tranquilli. L educatore, in un momento così delicato, può ascoltare, consolare, dialogare e magari, giocare con il bambino e i suoi oggetti (affettivi) portati da casa, che rappresentano un legame fra il bambino, la propria quotidianità e il nuovo ambiente. Al mattino «Vieni tu a prendermi?» «A che ora vieni?» «Vieni tu o il babbo?» Quando il genitore accompagna il figlio al Centro Estivo e se ne va, l educatore è pronto ad accogliere il bambino con un abbraccio rassicurante, oppure 7 a iniziare un gioco «Si fa che te eri la mamma, e lui era il nostro bambino?»

10 Uno dei compiti principali dell educatore è quello di predisporre con cura l ambiente, mettendo a disposizione materiali semplici e sicuri, ricercando il materiale più adatto al gioco in rapporto all età dei bambini. Questo tipo di occasione ludica si definisce gioco euristico. Per gioco euristico (dal greco heurìskein trovare ), si intende un attività di esplorazione spontanea che i bambini compiono con semplici oggetti, come per esempio: tappi, tubi, mollette per i panni Il tubo può diventare il canocchiale o un mezzo per comunicare con gli altri. «Hei, guardami! No, da dentro il canocchiale» Lo spruzzino diventa uno strumento di misurazione. «Ce ne entra molta di più nel mio, invece che nel tuo» 8

11 In questi casi la presenza dell adulto è interessata ad osservare i comportamenti dei bambini costruendo con loro una relazione empatica. A differenza dei bambini di due o tre anni, i bambini un po più grandi riscoprono le cose di uso quotidiano con una nuova funzionalità, infatti, con un oggetto si può avere una rappresentazione della realtà. Il progetto di crescita si costruisce in un contesto collettivo e permette di condividere l atto di esplorare per conoscere, che è un emozione e un piacere che stimola la creatività e l intelligenza dei bambini. Il pennello è la bacchetta magica, l acqua una pozione misteriosa. «Vieni a vedere!» «Oh, non c è più, ma l avevo fatto qui?» «Allora lo rifaccio» Con degli oggetti e con l acqua si possono fare infinite sperimentazioni. Con il pennello e l acqua i bambini possono colorare d invisibile ciò che li circonda. 9

12 Nei giochi di gruppo l educatore accompagna il bambino nel gioco, predisponendo e sistemando il materiale. Proporre a bambini dai tre ai sei anni attività di gruppo significa accogliere i loro tempi individuali e le loro capacità cognitive, adottando modalità educative che siano da stimolo all apprendimento di nuovi comportamenti. Lo sviluppo non è uguale per tutti e l educatore deve, quindi, sostenerlo valorizzando le capacità individuali in atto. Alcuni giochi cantati «È morto Sansone chi lo seppellirà la compagnia di Giove farà la carità. Tocchiamogli (ogni volta si indica una parte del corpo) Vediam che effetto avrà» «Come è bella la lungatella, la lungatella così sottile, se si scioglie faremo un nodo, e poi dopo passiam di sotto, otto, otto...» 10

13 È importante che l adulto sia consapevole dei giochi da proporre ai bambini nelle diverse fasce d età. I giochi di gruppo aiutano la crescita e le regole costituiscono un forte incentivo per lo sviluppo, ma sta agli adulti usare le modalità adatte, senza forzature, senza aspettative e senza adottare i tempi mentali degli adulti. L educatore dovrebbe offrire strumenti ludici che favoriscano l autonomia individuale e collettiva, per far sì che questi giochi possono essere giocati anche spontaneamente fra soli bambini. Alcuni giochi espressivi Passando sotto il lenzuolo i bambini si trasformano in? 11

14 Il gioco spontaneo, spesso, richiama alla mente un attività caotica, un riempitivo tra momenti programmati, un momento in cui il bambino possa sfogarsi. Sembra paradossale, ma un adulto può progettare anche momenti di gioco spontaneo. Può creare occasioni stimolanti, agire indirettamente, proporre un opportunità di gioco già conosciuta dai bambini. «Un formicaio, ma dove vivono le formiche? Cosa mangiano? L erba, le foglie? Facciamogli una piscina» «Attenzione!! Le formiche non sanno nuotare. Salvataggio! Facciamogli un ponte» «Guarda io qui ho fatto il ponte per le formiche» «Te vai a prendere le bricioline di pane così gli si fa anche la mensa!» 12

15 Le relazioni di gioco spontaneo sono interessanti per l adulto: osservare come i bambini giocano, cosa si dicono, sono elementi importanti per instaurare una relazione d ascolto. Gli adulti possono sostenere, valorizzare le fatiche intellettuali dei bambini. Si ha in questo modo, la possibilità di godersi, di stupirsi dei bambini e delle loro trovate, di divertirsi nell osservarli, nell ascoltarli, nell assecondarli. «Questo è un misto magico, ci si è messo terra, acqua e delle erbe del bosco lo possono mangiare degli animali, però fa un po schifo» «Noi siamo dei cavalieri» «Noi siamo degli animali» Dopo aver insegnato un gioco, i bambini lo rifanno senza l educatore: «Lupo che fai?» 13

16 Per un bambino ascoltare una storia, una fiaba o un racconto significa vivere in prima persona i drammi e le gioie dei personaggi. Gustarla, comprenderla e goderne comporta un operazione di decontestualizzazione. Per i bambini, infatti, il racconto è un mondo reale nel quale cercano di intervenirvi per modificare il corso degli eventi. Quando la narrazione significa anche interazione il clima è carico di magia, un momento di grande intensità e complicità emozionale fra il bambino e l adulto. Una semplice scatola da scarpe con dentro la storia. Arredi semplici, recuperati e inventati che evocano nella fantasia del bambino le reali ambientazioni della storia. Non può mancare la farina, il miele e il lupo cattivo. Una scatola narrativa che ricrea la magia del bosco. «Grr! Fa paura» «Ci rifai vedere il lupo?» «Non è cattivo il miele del lupo» «Dove è andato il capretto?» «Si è messo dentro un armadio, il lupo non l ha mangiato» 14

17 Quando i bambini chiedono di ascoltare ancora una volta la stessa storia è importante soddisfare questo loro bisogno perché li aiuta alla comprensione di un concetto, a rafforzare le proprie sicurezze e a ricavare dalla storia un significato personale. E quando l adulto diventa ascoltatore delle storie dei bambini, suscitando e sostenendo la narrazione, possono emergere elementi interessanti, sulla interpretazione e rielaborazione della storia. Il Lupo e i sette capretti così un bambino di quattro anni l ha ri-raccontata: «La mamma capra era andata a comprare la spesa nel bosco, perché lì non c erano i supermercati. Il lupo poi mangia i tre capretti, ma ne rimane uno perché se ne è dimenticato. La mamma apre con lo spago la pancia e lui se ne accorge perché non li ha ingoiati, ma la sua pancia è piena di sassi perché non sa bere» 15

18 GIOCARE IL TEMPO Antonio Di Pietro Ci sono ormai molti studi sulla condizione dell infanzia di oggigiorno e gran parte di questi prendono spunto dal continuo mutare della vita quotidiana, dal ridimensionamento delle responsabilità familiari, dalla frammentazione delle relazioni umane, dalle ridotte possibilità di fare esperienze socializzanti. Si è solito dire, infatti, che sempre più i bambini sono irrequieti, instabili, distratti, bulli e fanno vita da adulti, si preoccupano di cose da adulti e lavorano quanto gli adulti. Certo, nella nostra società i bambini non lavorano in fabbrica a cucire palloni da calcio, ma c è chi già alle sette del mattino è a fare un attività (come pre-scuola) prima di affrontare le otto ore di vita scolastica, per poi andare (se non c è un post-scuola) al corso di nuoto, di karate, di basket... Senza entrare nei motivi, cause e conseguenze, è accertato che lo stile di vita dei bambini è profondamente cambiato da quello dell infanzia dei propri genitori. Ma almeno due osservazioni conviene comunque fare: il ritmo di vita degli adulti di oggigiorno influenza quello di crescita del bambino; il tempo extra-familiare tende verso il dominio della scuola, dei corsi di ogni tipo, della televisione, i quali sono investiti di un carico educativo e socio-affettivo che fino a una generazione fa era impensabile. E ciò che vogliamo offrire con il presente contributo sono spunti di riflessione che prendono avvio dal modo dei bambini di giocare il proprio tempo. Giocare è un modo attraverso il quale si esprime una cultura, il relazionarsi con gli altri, la gestione degli spazi e l uso del tempo (anche interiore). Il gioco, infatti, è un azione che richiede un particolare habitat ludicus, condizione che ci piace considerare come propria e caratterizzante di un centro estivo. In un centro estivo, particolare luogo di vacanza per i bambini, è possibile far emergere con una certa calma e lentezza i bisogni di esperienza personale (favorendo l esplorazione del nuovo, del non conosciuto e del non praticato), di socializzazione (con proposte che consentono diverse dinamiche relazionali), d intimità (del resto è faticoso trascorrere un intera giornata in gruppo), di responsabilizzazione (facendo intervenire i bambini nella gestione delle cose che possono essere fatte), d espressione, di creatività Il tutto cercando di seguire il ritmo individuale dei bambini, per far vivere una vacanza su misura, senza le rigidità degli orari e delle norme che solitamente s incontrano durante tutto l anno, e valorizzando il piacere del giusto per fare (senza, cioè, una finalizzazione mirata al rendimento e alla performance) e del divertimento (nel senso di divertere, che dal latino significa volgere altrove, andare in una direzione altra ). Interrogarsi sulla quotidianità, differenziare i momenti di una giornata, agire in modo che il bambino possa ri-appropriarsi di un proprio ritmo di vita, sono alcune delle maggiori, e più impegnative, sfide che un educatore può mettere in campo per l or- 16

19 ganizzazione di un centro estivo. Riporteremo, infatti, nelle prossime pagine alcuni attimi ludenti dove si evidenziano situazioni che emergono da un certo fare dell educatore, basato sul disporre e attivare, proporre e accogliere, condurre e lasciar andare. Tutto questo senza preoccuparsi di perdere tempo nell affidare l iniziativa al bambino o di fare un qualcosa che può sembrare un niente di speciale. Troppo spesso, infatti, presi dalla voracità del fare, consumare e produrre, si tende a pensare che una proposta riuscita sia quella che rapidamente raggiunga un buon prodotto. Invece, porre l attenzione alle cose più semplici e quotidiane presuppone che un educatore abbia già riflettuto sul proprio gruppo di riferimento, sul senso di proporre un attività anziché un altra, sulle condizioni necessarie per far sì che i bambini si possano attivare in azioni autonome e spontanee. E quest ultime, inoltre, nulla tolgono alle proposte ed alla conduzione di un educatore, anzi confermano quanto sia fondamentale osservare un gruppo per comprenderlo e offrirgli proposte mirate attraverso giochi dove s innescano diversi modi di relazionarsi e attraverso laboratori che affinano la manualità e l espressività di ciascuno. Promuovere uno stile attivo nel fare educazione (informale) non può prescindere dal continuo confronto con i bisogni reali del bambino. L educatore, come possiamo vedere dagli spunti delle pagine seguenti, oltre a mettere in pratica il proprio repertorio di cose da fare, può organizzare un ambiente accogliente, disporre i materiali per garantire un autonomia d iniziativa, prevedere momenti occasionali di gioco per offrire diversi modi di stare insieme, progettare un non-momento per osservare il proprio gruppo di riferimento, programmare un avventura, creare le condizioni per far sì che i bambini possano appropriarsi del proprio spazio. E pensare in tale modo un centro estivo, può far assumere a un periodo di vita collettiva un sapore di leggerezza, di forti emozioni, di invenzione collettiva e individuale, sapori che fanno provare il gusto della lentezza. A tal proposito Kundera scrive: Prendiamo una delle situazioni più banali: un uomo cammina per la strada. A un tratto cerca di ricordare qualcosa che però gli sfugge. Allora, istintivamente, rallenta il passo. Chi invece vuole dimenticare un evento penoso appena vissuto accelera inconsapevolmente la sua andatura, come per allontanarsi da un qualcosa che sente ancora troppo vicino a sé nel tempo (Kundera M., in: La lentezza). Una particolare qualità di vita attraverso la quale è possibile far emergere una poetica del tempo che si sviluppa con un andamento ludico proporzionale ai ritmi individuali, può far vivere al bambino esperienze da ricordare, da custodire e da portare con sé anche senza un educatore, anche quando finiscono le vacanze. 17

20 Il primo incontro, le prime parole, le prime sensazioni, insomma, tutte le prime volte rivestono un importanza fondamentale nella vita di una persona. Si provi a pensare, solamente, a quali emozioni c investono quando arriviamo per la prima volta in una casa che non conosciamo. Ecco, allora, che un primo pensiero, un oggetto, una certa predispozione dell ambiente può far sentire al nuovo arrivato già un senso di appartenenza e testimonia che qualcuno si è dedicato alla sua presenza. «Dov è il mio gruppo?», chiedono alcuni bambini appena arrivati, tenendosi forte alle mani del genitore. Mani che vengono accompagnate a prendere un filo da seguire. Anche così può iniziare una giornata di vacanza mentre i genitori cominciano ad andare via. 18

21 Questo predisporre un qualcosa per chi deve arrivare, trasforma l arrivo in accoglienza. La pre-occupazione di accogliere ciò che viene dall esterno è un po come accogliere il mondo interno della persona che si avvicina per la prima volta a qualcuno o qualcosa. Questo tentativo di pre-vedere alcune aspettative e desideri ci portano a progettare percorsi educativi a partire dalla vita reale, dal quotidiano, dal qui e ora e ad adottare un atteggiamento basato sulla fiducia e l ascolto reciproco. Un filo del colore del proprio gruppo per iniziare a giocare per incontrare e conoscere il gruppo di appartenenza per cominciare a fare. 19

22 Durante una giornata ci sono diversi momenti che creano quel giusto clima di serenità dove poter raccontare qualcosa di sé. Un particolare momento lo possiamo riconoscere durante un laboratorio di attività manuali ed espressive. In un laboratorio con condizioni particolari e favorevoli per far sì che ogni partecipante trovi uno spazio adeguato con materiali pronti all uso, con strumenti di lavoro da utilizzare autonomamente, dove le indicazioni di un adulto diventano una possibilità per acquisire nuove «Lo sai che ti chiami come mio papà? «Gigio, Gigetto, cade dal letto» «Qualcuno mi può dare il verde, il verde?» «I miei nonni hanno una casa in campagna» «Vieni con me, che mi devo lavare le mani?» 20

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli